L elaboratore elettronico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L elaboratore elettronico"

Transcript

1 L elaboratore elettronico input (dati) output (risultati) (elaborazione) Hardware: l insieme delle apparecchiature (elettroniche, meccaniche, ecc.) che costituiscono fisicamente il sistema di elaborazione. Software: l insieme dei programmi e dei dati che permettono lo svolgimento delle funzioni di elaborazione I dati V = π r I dati numerici sono quelli più usati Tutti gli altri tipi di dato sono trasformati in dati numerici Rappresentazione dei dati: il sistema binario base: 2 cifre: { 0, 1 } Esempio: = = Alcuni numeri binari = 5 10

2 Terminologia BIT (BInary digit) 0 1 BYTE = otto bit WORD = n byte Terminologia MSB Most Significant Bit LSB Least Significant Bit Multipli binari Si usano le potenze di due invece di quelle di dieci: chilo K 2 10 ~ un migliaio mega M 2 20 ~ un milione giga G 2 30 ~ un miliardo tera T 2 40 ~ mille miliardi Architettura degli elaboratori Struttura a blocchi MEM Struttura a bus Problema: collegamento completo tra N unità richiede N (N-1)/2 collegamenti Esempi: 4U:6C, 10U:45C, 20U:190C OUT UO INP A B UC C D

3 Struttura a bus Soluzione: segnali omologhi raggruppati in un bus, usato a turno dalle varie unità Tipi fondamentali di bus bus dati ( DBus ) bus degli indirizzi ( ABus ) bus di controllo ( CBus ) A B C D M 1 M 2 I O DBus ABus CBus Architettura di un Calcolatore Il ciclo base di un elaboratore ROM RAM I I I O Reset Preleva una istruzione dalla memoria RAM Fetch DBus ABus CBus Interpreta l istruzione Esegue l istruzione Decode Execute CPU Il clock Elemento di temporizzazione che genera un riferimento temporale comune per tutti gli elementi costituenti il sistema di elaborazione. T T = periodo di clock f = frequenza di clock ( = 1 / T ) t Velocità di elaborazione MIPS ( Million Instructions Per Second ) f = frequenza di clock [ Hz = cicli/s ] T = periodo di clock = 1 / f [ s ] C = cicli macchina / istruzione IPS = f / C = 1 / ( T C ) MIPS = IPS / 10 6

4 Memoria Memoria centrale Memorizza i dati e le istruzioni necessarie all elaboratore per operare. Caratteristiche: indirizzamento parallelismo accesso (sequenziale o casuale) tipo (volatile-non volatile, letturalettura/scrittura, etc.) Indirizzamento Ad ogni cella di memoria è associato un indirizzo (numerico) per identificarla univocamente Parallelismo Ogni cella di memoria contiene una quantità fissa di bit: identica per tutte le celle accessibile con un unica istruzione è un multiplo del byte minimo un byte Memoria ad accesso casuale il tempo di accesso è costante (indipendente dalla cella scelta) T a = costante anche detta RAM (Random Access Memory) Memoria ad accesso sequenziale il tempo di accesso dipende dalla cella a cui si accede spesso la dipendenza è lineare T a = K indirizzo

5 Memoria interna all interno dell elaboratore è allo stato solido (chip) solitamente è volatile veloce (nanosecondi, 10-9 s) quantità limitata (decina MB) non rimovibile costosa (5000 Lit / MB) Memoria esterna all esterno dell elaboratore talvolta rimovibile non elettronica (es. magnetica) permanente lenta (millisecondi, 10-3 s) grande quantità (qualche GB) economica (500 Lit / MB) Tecnologia: Memoria RAM: memorie a lettura e scrittura (Random Access Memory) ROM: memorie a sola lettura (Read Only Memory) Memorie di massa Memorie di massa Tecnologie magnetiche S N CD-ROM NASTRI HARD DISK FLOPPY ottiche

6 Memorie magnetiche Dischi magnetici N S S N = 0 = 1 N S N settore traccia Testine di lettura/scrittura DISCHI RIGIDI (Hard Disk) Parametri tipici Capacità (MByte) Tempo di accesso (msec) Velocità di trasferimento (MB/s) Parametri tipici Capacità = #Facce * #Tracce * #Settori * #Byte T accesso = T posizionamento + T latenza Nastri Magnetici: Sistemi di Backup DAT Digital Audio Tape DDS Digital Data System Capacità: GB DLT Digital Linear Tape T totale = T accesso + Dimensione Dati / V trasferimento

7 Dischi OTTICI Le caratteristiche principali: elevata capacità di memorizzazione dati (0.5-5 GByte) costo abbastanza contenuto (< 10 L/MByte) dischi removibili affidabilità molto alta (> 10 anni) Esistono tre classi di dischi ottici (tecnologie differenti) READ-ONLY (CD-ROM) WRITE-ONCE (WORM) REWRITABLE (WMRA) fonte luminosa pellicola di plastica opaca piatto metallico riflettente CD audio Capacità: 650 MB = 70 minuti Capacità: 650 MB CD dati Velocità di trasferimento: 150KBps Suoni rappresentati da campioni digitali Velocità di trasferimento: x1 = 150KBps x2 = 2 x 150KBps x24 = 24 x 150KBps = 3.6Mbps CD-ROM, CD-WRITE DVD Digital Video (Versatile) Disk 1 DVD 4,7 Gbyte Dispositivi di visualizzazione 1 DVD = 10 CD

8 Schema funzionale di una VDU ( Video Display Unit ) Parametri di confronto memoria video RAM CPU processore grafico capacità grafiche risoluzione colori dimensione scheda grafica schermo VDU alfanumerica: solo caratteri righe colonne tipicamente VDU grafica: pixel (picture element) pixel H pixel V da , , , etc. monocromatica: fondo nero, pixel colorato, reverse video colori: N colori simultaneamente La memoria video Serve a memorizzare l immagine (perchè deve essere continuamente riscritta sullo schermo = refresh): caratteri e loro attributi pixel e loro colore Stampanti Parametri caratterizzanti Stampanti risoluzione (qualità) velocità di stampa (produttività) tipo di stampa (grafica, carattere) tecnologia di stampa standard di collegamento codifica dell informazione

9 Risoluzione Produttività - velocità di stampa Quanti d.p.i. ho? caratteri al secondo linee al minuto pagine al minuto - cps - lpm - ppm Abc Abc Abc Abc Abc d.p.i. = dot per inch (punti per pollice) Le stampanti Le tecnologie: a impatto a getto d inchiostro laser termiche Scanner Risoluzione dpi Scanner Scanner Quanta memoria occupa una immagine 5``x3`` acquisita tramite uno scanner a 300 DPI, 256 colori? C i a o! 300 DPIx5`` = 1500 D 300 DPIx3`` = 900 D 1500x900 = pixel 256 colori 8 bit/pixel = 1 byte/pixel byte = 1.3 MB

10 La tastiera ( keyboard ) Dispositivi di Input caratteri alfanumerici tasti funzione e caratteri di controllo numero e disposizione dei tasti ( layout ) variabilì Il mouse dispositivo di puntamento (rileva movimento relativo e per analogia fa muovere il cursore video) due o tre tasti (per selezioni) modelli meccanici (più robusti, meno precisi) modelli ottici (più precisi, meno robusti) Software Classificazione del software software applicativo middleware Sistema operativo hardware Scopo del Sistema Operativo Gestione delle risorse del sistema di elaborazione Rendere AGEVOLE l interfaccia tra l uomo e la macchina.

11 Attività svolte dal Sistema Operativo Gestione della memoria di massa (file system); Gestione della memoria RAM; Gestione dei processi; Attività svolte dal Sistema Operativo (Cont.) Gestione dell interfaccia utente; Accesso simultaneo di più utenti alla stessa macchina; Esecuzione simultaneamente di più processi sulla stessa macchina. Struttura del Sistema Operativo I SO sono generalmente costituiti da un insieme di moduli, ciascuno dedicato a svolgere una determinata funzione; I vari moduli del SO interagiscono tra di loro secondo regole precise al fine di realizzare le funzionalità di base dalla macchina. Struttura del Sistema Operativo (cont.) Gestore degli I/O Gestore dei Processi Interfaccia utente Gestore del File System Gestore della Memoria Centrale KERNEL Gestore dei processi Gestore dei Processi E il modulo che si occupa di controllare la sincronizzazione, interruzione e riattivazione dei programmi in esecuzione cui viene assegnato un processore; La gestione dei processi viene compiuta in vari modi, in funzione del tipo di utilizzo cui il sistema è rivolto.

12 Gestore dei Processi (Cont.) Il programma che si occupa della distribuzione del tempo di CPU tra i vari processi attivi, decidendone l avvicendamento, è comunemente chiamato Scheduler. Nel caso di elaboratori multi-processore si occupa anche di gestire la cooperazione tra le varie CPU presenti nel sistema. running termine Schedulazione top tempo scaduto attesa (es. I/O) ready wait evento Sistemi Mono-Tasking I SO che gestiscono l esecuzione di un solo programma per volta sono catalogati come mono-tasking; Non è possibile sospendere l esecuzione di un programma per assegnare la CPU a un altro Sono storicamente i primi SO (es MS- DOS). C B A Sistema Mono-Tasking Tempo di utilizzo della CPU. Tempo di attesa di eventi esterni. T t Sistemi Multi-Tasking I SO che permettono l esecuzione contemporanea di più programmi sono definiti multi-tasking (Windows-NT, Linux); Un programma può essere interrotto e la CPU passata a un altro programma C B Sistema Multi-Tasking Tempo di utilizzo della CPU. Tempo di attesa di eventi esterni. A t Tmulti-tasking Tmono-tasking

13 Sistemi Time-Sharing Un evoluzione dei sistemi multi-tasking sono i sistemi time sharing. Ogni programma in esecuzione viene eseguito ciclicamente per piccoli quanti di tempo. Se la velocità del processore è sufficientemente elevata si ha l impressione di un evoluzione parallela dei processi. Time-sharing: schema Ipotesi: 1 MIPS, 4 processi, 0.25 s/utente Conseguenze: MIPS/utente D T ELA = 4 T CPU 0.75 A 0.25 C 0.50 B D C B A Time-sharing: diagramma temporale t I Sistemi Operativi presenti in commerciali In commercio sono presenti una grande quantità di diversi Sistemi Operativi; In passato la tendenza delle case costruttrici di sistemi di elaborazione era di sviluppare sistemi operativi proprietari per le loro architetture; La tendenza attuale è quella di sistemi operativi eseguibili su diverse piattaforme. MS-DOS CPU Intel 80x86 (16 bit) monotask monoutente file-system gerarchico memoria limitata (1 MB / 640 KB) nessuna protezione PC- / IBM- / DR-DOS MS-Windows CPU Intel 80386/486/Pentium multitask imperfetto monoutente stesso file system del MS-DOS interfaccia grafica a finestre e menù sistema a 16 bit!!!

14 Windows-NT CPU Intel 80386/486/Pentium/Sparc/Alfa multitask monoutente NTFS (NT File System) microkernel, thread non solo per Intel 80x86 (DEC-AXP, MIPS-R4000,...) sistema a 32 bit UNIX/Linux nato negli anni 60 (AT&T Bell Labs) rimasto all avanguardia perchè sviluppato nelle università (UCB) multitask multiutente ottima integrazione in rete portabilità dei programmi Reti di Calcolatori Organizzazione dei Sistemi Informativi I Sistemi Informativi possono essere catalogati in due grandi categorie: Sistemi Centralizzati Sistemi Distribuiti Sistemi Centralizzati Concentratore terminali Sistemi Centralizzati (Cont.) Filosofia: Elaborazione e dati su grossi sistemi centralizzati (mainframe) Terminali scarsamente intelligenti (video + tastiera) Svantaggi: Costo elevato Scarsa scalabilità

15 Sistemi Distribuiti Sistemi Distribuiti (Cont.) Filosofia: Postazioni di lavoro intelligenti (workstation) con CPU, RAM e grafica per svolgere la maggior parte delle elaborazioni localmente Rete di comunicazione ad alta velocità Servizi condivisi in rete (dischi, stampa,...) Sistemi Distribuiti (Cont.) Vantaggi: Condivisione delle risorse hardware Minor costo rispetto ai sistemi centralizzati Ridondanza (miglior affidabilità) Scalabilità (crescita graduale) Sistemi Distribuiti (Cont.) Svantaggi: Complessità di gestione Criticità dei server Criticità dei sistemi di comunicazione La realizzazione di sistemi distribuiti complessi è stata resa possibile grazie all introduzione delle Reti di Calcolatori. Rete di Calcolatori Una Rete di Calcolatori è un insieme di risorse hardware e software che consentono all utente di un sistema di elaborazione di svolgere un lavoro (es. comunicare, calcolare, ricercare dati) anche su altri sistemi fisicamente distanti. Rete di Calcolatori (Cont.) Le reti di calcolatori permettono di implementare sistemi di elaborazione distribuiti che comprendono: Mainframes PC, Minicomputer, Workstation Strumentazione intelligente File servers, Periferiche..

16 Reti di calcolatori: funzionalità Condivisione di periferici (dischi, nastri, stampanti,...) Bootstrap remoto Terminale remoto Trasferimento file Posta elettronica Condivisione di periferici server C: D: LPT1: LPT1: C: C: Condivisione di dischi Disco virtuale (locale) Tutte le richieste di lettura e scrittura per il disco virtuale vengono intercettate ed inviate via rete al server del disco Problema: le autorizzazioni Condivisione di stampanti Stampante virtuale (locale) Le richieste di stampa sulla stampante virtuale vengono intercettate ed inviate via rete al server di stampa Stampanti di rete Terminale Remoto Trasferimento File Si usa la rete più l intelligenza locale per emulare un terminale attaccato direttamente ad un calcolatore remoto Internet: telnet Copia e manipolazione diretta di file tra sistemi di elaborazione collegati in rete Internet: FTP

17 Posta elettronica Trasmissione e ricezione di dati digitali direttamente in modo digitale dati solo ASCII (dati binari vanno codificati opportunamente) Indirizzo elettronico Comunicazione uno-a-uno Comunicazione uno-a-molti = mailing list Classificazione delle reti LAN (Local Area Network) Mbit/s, 1 Km MAN (Metropolitan Area Network) 100 Mbit/s, 10 Km Di scarso interesse, tendono ad essere inglobate dalle reti mondiali (WAN) WAN (Wide Area Network) 1 Mbit/s, 100 Km 1 Gbit/s (ATM, GigabitEthernet) Reti Locali Reti Locali (Local Area Network=LAN) Sono utilizzate ogni volta che è necessario connettere tra loro calcolatori o dispositivi con capacità di elaborazione locali Sono particolarmente utili quando si hanno: Quantità considerevoli di informazioni da trasmettere Natura sporadica dei messaggi. Caratterizzazione di una LAN Topologia : definisce l organizzazione logica del sistema di elaborazione: Organizzazione Punto-Punto Organizzazione a stella Organizzazione ad anello Organizzazione a BUS Canali: definisce le caratteristiche dei collegamenti fisici (es. cavi) tra gli elementi del sistema di elaborazione Topologia punto-a-punto A collegamento completo di N nodi richiede N (N-1) / 2 linee scarsa tolleranza ai guasti B C E D

18 Topologia a stella A D Topologia ad anello A C D B B E C il centro stella è l elemento critico sia per la tolleranza ai guasti sia per le prestazioni globali del sistema criticità di tutti gli elementi se l anello è unidirezionale Topologia a bus A B C D il bus è l elemento critico I canali fisici di trasmissione Two-wires open lines: la più semplice; i fili sono isolati uno dall altro. Si hanno problemi di crosstalk dovuto all accoppiamento tra fili (rate ~ Kbps) Twisted pair: maggior immunità al rumore; rate di ~ 1Mbps su distanze inferiori a 100m Cavo coassiale: ~ 10 Mbps su poche centinaia di metri Fibre ottiche: ~ 100 Mbps Ethernet Standard IEEE Cablaggio: cavo coassiale o doppino telefonico Topologia logica: bus Utilizza un protocollo di tipo CSMA- CD (Carrier Sense Multiple Access Collision Detection) CSMA-CD? Libero Occupato A B C D A vuole B vuole trasmettere a D trasmettere a C

19 CSMA-CD Collisione CSMA-CD? Libero? Libero Attendi Attendi A B C D A B C D B vuole trasmettere a D C vuole trasmettere a A CSMA-CD? Libero Attendi Reti Geografiche (Wide Area Network=WAN) A B C D Reti Geografiche Sono reti basate su linee pubbliche del tipo: Commutate (Switched) Dedicate (Leased) Sono anche disponibili linee ISDN (Integrated Services Digital Networks) che integrano su un unica rete digitale la trasmissione di voce e dati Collegamenti fisici (WAN) linea dedicata (CDN) 2 Mbps linea commutata (=modem) 9, K bps tariffazione a tempo commutazione di circuito rete a pacchetto (X.25) ITAPAC

20 Evoluzione dei collegamenti WAN ISDN (Integrated Services and Data Network) 2 canali dati a 64 Kbps 1 canale fonico a 16 Kbps videotelefono, dati digitali,... ATM Asynchronous Transfer Mode Mbps Modem Per poter accedere alle reti mondiali è necessario utilizzare speciali apparecchiature denominate modem. Un modem è in grado di trasformare i dati digitali in segnali elettrici adatti al canale trasmissivo usato e viceversa. Modem (modulatore - demodulatore) Internet modem modem Internet è la più estesa rete di calcolatori interconnessi fra loro nel mondo (Rete di reti) Organizzazione della rete Università Salute Enti privati Media Finanza Internet Computers Amministrazione Governo Business Organizzazione della rete (Cont.) Backbone Regional access provider Regional access provider Regional access provider Utente Local access provider Local access provider Local access provider Host Client Server

21 Organizzazione della rete (Cont.) Ogni rete locale e ogni nodo di Internet ha un suo indirizzo IP unico Gli indirizzi sono distribuiti da un ente centrale InternNIC (Network Information Center) Gli indirizzi IP sono numeri a 32 bit, scritti come 4 gruppi di numeri separati da., Es: I primi due numeri definiscono l organizzazione, gli altri la sottorete e la macchina Organizzazione della rete (Cont.) Ogni macchina ha un proprio domain name che è gerarchico Es:giunone.polito.it Il nome diventa più specifico muovendosi da destra verso sinistra fino ad identificare il nome della macchina E più facile ricordare un nome che un indirizzo IP Organizzazione della rete (Cont.) Suffissi americani....comper le organizzazioni commerciali.orgper le organizzazioni senza scopo di lucro.gove.mil per le agenzie governative e militari.netper le aziende e le organizzazioni che possiedono dei grandi network. Gli altri....ititalia.uk Inghilterra.zaSud Africa.br Brasile

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA INFORMATICA La parola INFORMATICA indica l insieme delle discipline e delle tecniche che permettono la trattazione automatica delle informazioni che sono alla base delle nostre conoscenze e delle loro

Dettagli

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni.

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Corso di 35 ore: Struttura del

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

Paolo Franciosa paolo.franciosa@uniroma1.it

Paolo Franciosa paolo.franciosa@uniroma1.it Informatica propedeutica (a.a. 2004-05) 05) Paolo Franciosa paolo.franciosa@uniroma1.it Pasquale Carotenuto Dip.. di Statistica, Prob.. e Stat. Appl. Fac.. Scienze Stat., 4 4 piano, stanza 32 http://www.dis.uniroma1.it/pgf/didattica.html

Dettagli

Metodi per la rappresentazione delle informazioni Metodi per la rappresentazione delle soluzioni Linguaggi di programmazione Architettura dei

Metodi per la rappresentazione delle informazioni Metodi per la rappresentazione delle soluzioni Linguaggi di programmazione Architettura dei Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte 1. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nella trasmissione a commutazione di pacchetto: Sulla stessa linea

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti 22 domande, 7 pagine Cognome e nome Matricola Turno di Laboratorio Domande con risposta multipla 1 Quanti byte occupa

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Cosa è l informatica

Cosa è l informatica Cosa è l informatica Informazione + automatica Scienza del trattamento automatico delle informazioni Insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile Elaborare (trasformare) l informazione

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori Informatica per l Ingegneria Industriale Introduzione ai calcolatori Gualtiero Volpe gualtiero.volpe@unige.it 1. Struttura del calcolatore 1 Che cosa è un computer? A prescindere dalle dimensioni e dal

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 2 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it LE MEMORIE - 1 MEMORIA CENTRALE (O PRINCIPALE) Da questa memoria l unità centrale estrae i dati che servono per eseguire i programmi

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento o Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. o Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

INFORMATICA. By CONVERTINI Francesco

INFORMATICA. By CONVERTINI Francesco INFORMATICA By CONVERTINI Francesco Informatica = informazione automatica È una scienza preesistente all elaboratore e consiste nella ricerca di METODI per elaborare automaticamente le informazioni ed

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

I dispositivi di Input e Output

I dispositivi di Input e Output Input - Output I dispositivi di Input e Output La comunicazione tra il calcolatore e l ambiente in cui esso è immerso avviene attraverso dispositivi che traducono i dati digitali in segnali compatibili

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT)

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati nella

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN MODULO 1 Testo 1.03 1. In una istruzione, un operando è: % Il dato su cui operare % L indirizzo di memoria di un dato su cui operare % Il tipo di operazione da eseguire % Il risultato di una istruzione

Dettagli

Reti di accesso e mezzi trasmissivi

Reti di accesso e mezzi trasmissivi Reti di accesso e mezzi trasmissivi Domanda: come si connettono gli host agli edge router? Reti di accesso residenziale (da casa) Reti di accesso istituzionali (scuole, università, aziende) Reti di accesso

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Parte II.2 Elaboratore

Parte II.2 Elaboratore Parte II.2 Elaboratore Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Elisabetta Elisabetta Ronchieri II Software Argomenti

Dettagli

Corso di Informatica Generale Esempi di domande.

Corso di Informatica Generale Esempi di domande. Il materiale contenuto in questo documento è utilizzabile unicamente per la preparazione dell esame di Informatica. Non ne può essere fatto altro uso. Corso di Informatica Generale Esempi di domande. 1.

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

Funzionalità di un calcolatore

Funzionalità di un calcolatore Funzionalità di un calcolatore Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione 3. Comunicazione (interfaccia) Architettura di un computer componenti per elaborare

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Informatica. Modulo 1: Hardware

Informatica. Modulo 1: Hardware Informatica l'insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile la creazione, raccolta, elaborazione, immagazzinamento e la diffusione delle informazioni 4 Società dell Informazione La società

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

Lez. 2 L elaborazione

Lez. 2 L elaborazione Lez. 2 L elaborazione Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale

MODULO 1. Testo 1.02. 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale MODULO 1 Testo 1.02 1. Quale tra le seguenti è una unità di output? % Touchpad % Track ball % Scanner % Sintetizzatore vocale 2. Come possono essere classificati in modo corretto i componenti fisici e

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli