Ivan Meo e Marta Jerovante. IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ivan Meo e Marta Jerovante. IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte"

Transcript

1 Ivan Meo e Marta Jerovante IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte

2 Ivan Meo e Marta Jerovante IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte

3 Autori: Ivan Meo e Marta Jerovante Copyright GRUPPO CONDOMINIOWEB S.R.L. Sito Web: Per un contatto diretto con gli autori scrivi a Servizio quesiti: tutti i diritti riservati Questo Ebook è protetto da Copyright. Contiene un codice personale criptato al fine di un riconoscimento dell acquirente in caso di pirateria, distribuzione online, p2p. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun mezzo senza l autorizzazione scritta. È espressamente vietato trasmettere ad altri il presente testo, né in formato cartaceo né elettronico, né per denaro né a titolo gratuito. L elaborazione dei testi contenuti in questo e-book, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità, nei confronti degli Autori e dell Editore, per eventuali errori ed inesattezze. È vietata qualsiasi forma di riproduzione o di distribuzione.

4 INDICE Capitolo 1 L amministratore di condominio ed il contratto di mandato... 6 La figura dell amministratore di condominio: brevi aspetti generali. Il rapporto di mandato... 6 Il contenuto del contratto di mandato... 9 Capitolo 2 La determinazione del compenso Il compenso dell amministratore: onerosità o gratuità? Come si determina la misura del compenso alla luce del nuovo articolo 1129 cod.civ.?14 A chi spetta deliberare sul compenso dell amministratore? Il compenso dell amministratore di nomina giudiziaria La determinazione del compenso in caso di amministratore anticipatamente revocato17 Amministratore dimissionario e gratuità delle incombenze Individuazione delle attività comprese rientranti tra le prestazioni ordinarie Capitolo 3 La determinazione del compensi aggiuntivi...21 La distinzione tra le prestazioni ordinarie e straordinarie...21 Cosa si intende per compensi aggiuntivi?...22 L Individuazione delle prestazioni straordinarie Il caso dell esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria Il caso dell assistenza fiscale extra Capitolo 4 La casistica Quando l amministratore può richiedere compensi per attività di natura straordinaria? Si può riconoscere all amministratore un compenso extra rispetto all onorario annuale pattuito per l esecuzione di lavori straordinari? L amministratore può pretendere compensi extra per la convocazione e partecipazione alle assemblee straordinarie? Anche l amministratore scaduto ha diritto al compenso? A chi spetta versare il compenso dell amministratore di un condominio al proprietario oppure dall inquilino? Unità immobiliare disabitata e compenso dell amministratore: posso non pagarle? Il costo della polizza assicurativa incide sul compenso complessivo dell amministratore? La riforma prevede la determinazione del compenso dell amministratore via forfettaria? L amministratore revocato ha diritto al compenso integrale? Si può aggirare l art comma 8, il quale prevede che l amministratore deve effetuare il passaggio delle consegne senza diritto ad ulteriori compensi

5 connesse alla complessità degli atti da rimettere e alla necessità di loro preventiva sistemazione e organizzazione, ma spesso risultano prive di concreta e condivisibile giustificazione. È frequente, da parte de! condominio, il ricorso allo strumento cautelare della procedura d urgenza ex art 700 c.p.c.. Individuazione delle attività comprese rientranti tra le prestazioni ordinarie Generalmente possono farsi rientrare tra le prestazioni di ordinaria amministrazione le seguenti attività 1 : 1. Attività correlata al ruolo di legale rappresentante del condominio (ricevere/inviare corrispondenza ed atti indirizzati al condominio e per il condominio); 2. gestione e custodia del registro dei verbali delle assemblee; 3. gestione dei dati confluiti nell anagrafe condominiale e relativo aggiornamento in caso di variazione comunicate dai relativi condomini; 4. compilazione, gestione e custodia di tutti i documenti contabili, amministrativi e fiscali intestati al condominio amministrato; 5. cura dell osservanza del regolamento di condominio; 6. esecuzione delle delibere assembleari; 7. apertura e gestione del c/c bancario o postale del condominio; 8. gestione ed aggiornamento del sito web condominiale (ove previsto); 9. redazione del rendiconto annuale e del preventivo dell anno successivo ed invio di copia degli stessi ai condòmini; 10. convocazione dell assemblea annuale e presenza alla medesima nonché, se richie sto, redazione del processo verbale; 11. convocazione della riunione annuale del consiglio di condominio (se esistente); 12. invio tempestivo, e comunque entro dieci giorni dall assemblea, di copia del verbale della stessa a tutti i condòmini, assenti e presenti; 13. messa a disposizione dei condòmini che lo richiedano, previo appuntamento, dei documenti relativi al condominio e, prima dell assemblea, dei documenti giustificativi delle spese non-ché dell estratto conto bancario o postale, con rilascio, se richiesto, di copia dei documenti anzidetti a spese dei singoli richiedenti; 14. predisposizione della disciplina dell uso delle cose comuni e cura della prestazione dei servizi nell interesse comune, in modo da assicurarne il miglior godimento a tutti i condòmini, nel rispetto delle norme vigenti, nonché svolgimento delle attività volte a conservare nel tempo il valore patrimoniale delle parti comuni degli immobili; 15. gestione dei rapporti tra il condominio e la Pubblica Amministrazione; 16. cura dei rapporti con i fornitori, eventuali dipendenti e collaboratori, gli eventuali professionisti esterni e di terzi in genere; 1 L elenco riportato è frutto di una analisi comparata di alcuni preventivi rilasciati da amministratori di condominio. Condominioweb.com 19

6 Capitolo 3 La determinazione dei compensi aggiuntivi La distinzione tra le prestazioni ordinarie e straordinarie Ai sensi dell art del codice civile, la rappresentanza legale del condominio è riconducibile ad un rapporto di mandato conferito all amministratore mediante una volontà assembleare. Nell ambito dell esplicazione del suo mandato, l amministratore può svolgere differenti tipologie di prestazioni: Prestazioni ordinarie In questa categoria rientrano tutte le attività che vengono ricomprese nel mandato conferito all amministratore ed incluse nel compenso concordato, preventivamente, per tale mandato in quanto sono corrispondenti, necessarie e strutturali alla normale amministrazione del condominio. Prestazioni straordinarie In questa categoria rientrano una serie di attività supplementari che possono eventualmente verificarsi durante il corso del mandato, ma che non sono prevedibili a priori. Tutte le prestazioni straordinarie non possono per la loro natura essere inserite e ricondotte nel conteggio del compenso annuale in quanto, a causa del loro carattere straordinario e non ripetitivo, non possono essere predeterminate al momento della stipula del mandato. Per tali ragioni il compenso relativo a tali prestazioni potrà essere determinato specificatamente dall assemblea all atto delle deliberazione delle stesse. In tal caso lo stesso amministratore formalizzerà, contestualmente, l accettazione del compenso fissato. Cosa si intende per compensi aggiuntivi? La questione pare complicarsi quando si prova a fare una distinzione tra quanto viene riconosciuto all amministratore per le prestazioni cosiddette ordinarie e quello che dovrebbe spettargli per le prestazioni extra o straordinarie. Potrebbe infatti accadere che, in sede di assemblea, l amministratore tenda a distinguere tra quelle che sono le sue mansioni ordinarie e quelle di natura straordinaria, agganciando a queste ultime maggiori richieste economiche; tuttavia, la norma del codice civile di riferimento, ossia l art che, si rammenta, per effetto della legge di riforma ha accresciuto le attribuzioni dell amministratore in materia di esecuzione degli adempimenti fiscali e tenuta di due nuovi registri obbligatori, il registro dell anagrafe condominiale e il registro di contabilità, elenca quelle che sono le attribuzioni dell amministratore e non fa distinzione o riferimento ad altri o diversi compiti; di conseguenza, non è semplice operare una distinzione tra attribuzioni ordinarie e straordinarie dell amministratore in linea teorica, ossia prescindendo da specifici incarichi o poteri che il regolamento o l assemblea gli possono attribuire. Specificamente, in materia di compensi cd. aggiuntivi, si è osservato che se le attribuzioni dell amministratore sono quelle elencate nell art c.c., allora il compenso del profes- Condominioweb.com 21

7 L amministratore non ha mai diritto, in generale, ad onorari aggiuntivi L attività connessa e indispensabile allo svolgimento dei suoi compiti istituzionali e non esorbitante dal mandato con rappresentanza: deve ritenersi compresa nel corrispettivo stabilito al momento del conferimento dell incarico per tutta l attività amministrativa di durata annuale non deve essere retribuita a parte (Cass. civ., , n ) L assemblea può, però, decidere diversamente Tuttavia, per alcune prestazioni dell amministratore può esservi il dubbio se esse rientrino o meno tra i compiti e le funzioni naturali nel suo mandato. In questi casi, spetta all assemblea chiarire se e quando vanno previsti compensi extra, preferibilmente al momento del conferimento dell incarico. Il caso dell esecuzione dei lavori di manutenzione straordinaria Si è così affermato che l esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria occupi l amministratore oltre misura, con riguardo ad attività che per legge non gli competerebbero e con un impegno proiettato ben oltre la fase della sola rappresentanza sostanziale dei condomini. Pertanto, di fronte a lavori che esulano dall ordinaria amministrazione sarebbe dovuto all amministratore un compenso extra rispetto all onorario annuale pattuito (Pret. Perugia, 6 febbraio 1998). In realtà, come vedremo meglio in seguito, la Cassazione ha superato questo orientamento di merito, negando il diritto al compenso straordinario dell amministratore in mancanza di una delibera ad hoc. Il caso dell assistenza fiscale extra Anche l assistenza fiscale dovrebbe essere considerata come attività che esula dalle funzioni proprie dell amministratore, anche perché è il condominio e non l amministratore Condominioweb.com 24

8 sionista non può che essere riferito ad esse: detto compenso dovrà ritenersi onnicomprensivo e l amministratore non avrà diritto ad altro. Sulla base di tali considerazioni, la giurisprudenza ha così escluso che la convocazione e la partecipazione alle assemblee straordinarie siano attività idonee a determinare, in capo all amministratore, il diritto ad un maggior compenso; né si potrà configurare analogo diritto per tutte quelle altre prestazioni inerenti al mandato e che rientrano tra le attribuzioni tipiche dell incarico dell amministratore condominiale, quali sono, in via esemplificativa: la consegna della documentazione condominiale nelle mani del nuovo amministratore, in quanto atto dovuto da espletare alla cessazione dell incarico; la preparazione necessaria al professionista incaricato per la redazione del modello fiscale; l invio delle lettere raccomandate di sollecito ai condomini in ritardo nel pagamento dei contributi condominiali; l invio della comunicazione al fisco in occasione di lavori di manutenzione che consentano ai condomini di usufruire delle detrazioni fiscali. Salvo diverso accordo contrattuale, tali prestazioni dovranno farsi rientrare nel compenso determinato dall assemblea dei condomini; in altri termini, in assenza di una diversa ed esplicita approvazione da parte dell assemblea al momento della nomina, la retribuzione dell amministratore deve ritenersi globale e comprensiva di tutte le prestazioni inerenti al mandato. L Individuazione delle prestazioni straordinarie Partecipazione a determinati tipi di assemblee e riunioni particolari Partecipazione all assemblea per la parte eccedente il limite di durata di.. ore (*) Partecipazione alla riunione del Consiglio di condominio per la parte eccedente il limite delle ore (*)per attività diverse dall ordinario se richieste dai condomini o consiglieri e con riferimento ad interventi di manutenzione straordinaria Convocazione e partecipazione a riunioni di Commissioni speciali indette dalla assemblea Partecipazione ad assemblee straordinarie con contestuale redazione di processi verbali Convocazione e partecipazione ad assemblee tenute al sabato, festivi o in orario serale se richieste espressamente dai condomini (*) in questo caso, il compenso supplementare, eventualmente pattuito, potrà essere applicato solo per la parte di attività che ecceda la normalità La tabella è stata realizzata grazie ad una analisi comparata della documentazione pubblicata e messa a disposizione da diverse associazioni di categoria Condominioweb.com 22

9

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

TARIFFARIO AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI 2015

TARIFFARIO AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI 2015 TARIFFARIO AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI 2015 APPLICATO PER LA GESTIONE E AMMINISTRAZIONE IMMOBILIARE PARTE INTEGRANTE DELLA LETTERA DI DISPONIBILITA ALL ASSUNZIONE DELLA GESTIONE O AMMINISTRAZIONE Vignola,

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

IL RENDICONTO condominiale

IL RENDICONTO condominiale Fabrizio Visca IL RENDICONTO condominiale Manuale pratico sui principi di redazione del rendiconto condominiale con esempi concreti e un caso reale. Autori: Fabrizio Visca Copyright 2014 - GESTIONE IMMOBILIARE

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO

ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO TARIFFARIO APPLICATO PER L AMMINISTRAZIONE IMMOBILIARE LA GESTIONE DEI CONTRATTI DI AFFITTO LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE CONDOMINIALI LA REDAZIONE DEI REGOLAMENTI DI CONDOMINIO ART.1 OGGETTO DEL TARIFFARIO

Dettagli

AMMINISTRAZIONE STABILI

AMMINISTRAZIONE STABILI AMMINISTRAZIONE STABILI WWW.OPPORTUNITYSRL.COM CHI SIAMO Nata dalla fusione di due studi professionali lodigiani con esperienza ventennale nel campo dell'amministrazione e gestione stabili, OPPORTUNITY

Dettagli

N. 01/2013. 13 Aprile 2013

N. 01/2013. 13 Aprile 2013 N. 01/2013 13 Aprile 2013 Il bilancio condominiale Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di bilancio condominiale, termine non proprio del condominio ma delle società. In maniera estremamente

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 19 ore)

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 19 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER AMMINISTRATORI DEL

Dettagli

CORSO PER REVISORI DELLA CONTABILITA' CONDOMINIALE (art. 1130 - bis Codice Civile) PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 25 GIUGNO 2015 (Durata 15 ore)

CORSO PER REVISORI DELLA CONTABILITA' CONDOMINIALE (art. 1130 - bis Codice Civile) PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 25 GIUGNO 2015 (Durata 15 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER REVISORI DELLA CONTABILITA'

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 15 OTTOBRE 2015 AL 26 NOVEMBRE 2015 (Durata 20 ore)

CORSO PER AMMINISTRATORI DEL PROPRIO CONDOMINIO. PROGRAMMA DAL 15 OTTOBRE 2015 AL 26 NOVEMBRE 2015 (Durata 20 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO PER AMMINISTRATORI DEL

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili.

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili. A Tutti i sigg. Condomini Loro sedi OGGETTO: la Riforma del condominio. Un cambiamento sostanziale. Gentile Condòmino, con la stesura del presente documento informativo intendo metterla a conoscenza che

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

La revisione del condominio

La revisione del condominio 1 La revisione del condominio Art. 1130-bis. (Rendiconto condominiale). L assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi

Dettagli

COMUNE DI LACCHIARELLA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LACCHIARELLA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI LACCHIARELLA PROVINCIA DI MILANO DISCIPLINARE D INCARICO DI CONSULENZA LEGALE EXTRA GIUDIZIALE (DI CUI ALL ART. 7, COMMA 6, DEL D.LGS. 165/2001, COME INTRODOTTO DALL ART. 32 DEL D.L. 223/2006,

Dettagli

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna.

Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. Protocollo d intesa per l individuazione delle prestazioni dell amministratore condominiale esercente l attività nella provincia di Ravenna. ART. 1 OGGETTO DELL ARTICOLATO L articolato individua la natura

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO E RELATIVO TARIFFARIO DI AMMINISTRATORE

DISCIPLINARE D INCARICO E RELATIVO TARIFFARIO DI AMMINISTRATORE Via Roma 190 98029 Scaletta Zanclea Messina Tel. 0909596001 cell. 347 7559048 E-mail geom.nacci@alice.it E-mail studiotecnico@geometra-giuseppe-nacci.it Pec. Giuseppe.nacci@geopec.it Sito http://www.geometra-giuseppe-nacci.it

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

O P E R A R O M A N I

O P E R A R O M A N I O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 4

Dettagli

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 A cura di Marina Leogrande Manca ormai circa un mese al 18 giugno 2013, data di entrata in vigore della Legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA ASSEMBLEA

SOMMARIO PARTE PRIMA ASSEMBLEA SOMMARIO PARTE PRIMA ASSEMBLEA Premessa pag. 3 F1. Convocazione di assemblea condominiale in prima convocazione pag. 8 F2. Convocazione di assemblea condominiale in seconda convocazione pag. 12 F3. Convocazione

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:.

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO Associazione di Promozione Sociale:. Al fine di chiarire l applicazione amministrativa dello Statuto vigente ed in ossequio allo stesso ed alle norme vigenti, nella seduta del

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

Categoria: Contratti Sottocategoria: Domiciliazione A cura di Carla De Luca

Categoria: Contratti Sottocategoria: Domiciliazione A cura di Carla De Luca Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 51 17.02.2014 Il contratto di domiciliazione tra lo studio professionale e il cliente Categoria: Contratti Sottocategoria: Domiciliazione A cura

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AI SENSI DELLA LEGGE 220/2012 Percorso formativo L obiettivo del corso Condominiale è quello di formare professionisti nella consulenza condominiale in relazione alla gestione

Dettagli

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ****** ****** TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Costituzione) Ai sensi dell art.18 del Decreto Legislativo

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO

L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO ANACI VERONA presenta L AMMINISTRATORE NELLA RIFORMA DEL CONDOMINIO A cura del Centro Studi Via Virgilio Zavarise n.1 37125 - Verona - Tel: 045.8303295 - email info@anaci-verona.net http://www.anaci-verona.net

Dettagli

STUDIO E.P.&D. AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI DI BALESTRI P.I. CLAUDIO E C. S.A.S

STUDIO E.P.&D. AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI DI BALESTRI P.I. CLAUDIO E C. S.A.S STUDIO E.P.&D. AMMINISTRAZIONI IMMOBILIARI DI BALESTRI P.I. CLAUDIO E C. S.A.S Via M. Pellegrini n 2/9-41058 - Vignola (Modena) P.Iva e C.F. 03563810369 Telefono: 059776971 Email: eped@eped.it TARIFFARIO

Dettagli

Informativa privacy. Data: 01/01/2010 Versione: 2.0

Informativa privacy. Data: 01/01/2010 Versione: 2.0 Versione: 2.0 NKE S.p.A. / NKE Automation S.r.l. S.S. 24 km 16,2 10091 ALPIGNANO (Torino) Italy Tel. +39.011.9784411 Fax +39.011.9785250 www.nke.it Informativa privacy NKE Automation Srl e NKE Spa ai sensi

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE

RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE RIFORMA DEL CONDOMINIO E GESTIONE CONTABILE Marco Castioni Corso Anaci 2013 2014 BUONA GESTIONE E TRASPARENZA minaccia esonero su richiesta anche di un solo condomino. Considerati casi di gravi irregolarità

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE Denominazione e scopi Art. 1 In data 10 agosto 2002 è costituito in Lucca,

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE

1 - OGGETTO DELL ASSICURAZIONE OGGETTO E DELIMITAZIONE DELL' ASSICURAZIONE PROFESSIONAL Amministratore di stabili condominiali SCHEDA DI COPERTURA 005 Le condizioni che seguono integrano le Condizioni di Assicurazione previste dal mod.

Dettagli

CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI

CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI CITTA DI MELEGNANO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO FOGLIO PATTI E CONDIZIONI PER AFFIDAMENTO INCARICO DI GESTIONE DI SINGOLE UNITA IMMOBILIARI NONCHE AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE,

Dettagli

PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 21 ore)

PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 21 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO DI FORMAZIONE PERIODICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA Rossana De Angelis ARTICOLO 1129 CODICE DEL 1942 CODICE DAL GIUGNO 2013 Nomina e revoca dell amministratore. Quando i condomini sono più di quattro,

Dettagli

Spett.le Condominio. Genova:. Oggetto: Curriculum Studio Barna

Spett.le Condominio. Genova:. Oggetto: Curriculum Studio Barna Spett.le Condominio Genova:. Oggetto: Curriculum Studio Barna Premesso che il sottoscritto è Titolare dello studio omonimo, esercita la Professione di Amministratore dal 1993, in modo esclusivo, organizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE Con la presente scrittura privata tra :, nato a ( ) il e residente in, alla Via, cod. fisc., (identificato con valido documento di riconoscimento, la cui

Dettagli

euronet Soluzio ni ICT per Enti ed Aziende

euronet Soluzio ni ICT per Enti ed Aziende CONTRATTO DI ASSISTENZA SOFTWARE S.A.P. e S.A.T. Servizio Aggiornamento Programmi N 01/ARFAN ANNO 2012 Con la seguente scrittura privata si elencano le: Condizioni Per La Fornitura Dei Servizi Di Aggiornamento

Dettagli

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A.

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. All. D) ART. 1 RESPONSABILITÀ SEZIONALE L amministrazione delle sezioni è demandata al Presidente, il quale vi provvede di concerto con il Consiglio Direttivo

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

BIALETTI INDUSTRIE SPA. sul punto 4. All ordine del giorno relativo a: BIALETTI INDUSTRIE SPA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 29 30 GIUGNO 2011 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI E PROPOSTA MOTIVATA DEL COLLEGIO SINDACALE sul punto 4. All ordine del giorno relativo a:

Dettagli

Il sequestro giudiziario di beni, il sequestro conservativo e la tutela cautelare urgente

Il sequestro giudiziario di beni, il sequestro conservativo e la tutela cautelare urgente Evento formativo Il sequestro giudiziario di beni, il sequestro conservativo e la tutela cautelare urgente ORARIO 14.30 18.30 Bergamo, 21 febbraio 2014 Sesto San Giovanni (MI), 28 febbraio 2014 Brescia,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia Costo del corso 350 massimo 35 partecipanti Corso di Abilitazione alla Professione di Amministratore di Condominio Corso di abilitazione alla professione di Amministratore di Condominio aggiornato alle

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Associazione Universitaria Studentesca DISMI_cREw COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Reggio Emilia, via Amendola

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art.1 Oggetto Il presente regolamento è emanato in attuazione dell art. 3-bis, comma 5, D. Lgs. 13/08/2011,

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014

DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014 Azienda Pubblica di servizi alla persona Montedomini Sant Ambrogio Fuligno Bigallo A.S.P. Firenze Montedomini Via de Malcontenti, 6 50122 FIRENZE DETERMINAZIONE N. 72 DEL 8 APRILE 2014 Oggetto: INCARICO

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE AUTOGRILL SPA GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE Novembre 2012 Indice 1. Oggetto della procedura... 3 2. Revisore principale

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Denominazione Oggetto Sede Art. 1 1. E costituita, ai sensi dell art. 36 c.c., l Associazione culturale denominata Cinaforum. La denominazione

Dettagli

Art. 1 ORGANIZZAZIONE

Art. 1 ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI SEZIONE CROCE AZZURRA TICINIA ONLUS Art. 1 ORGANIZZAZIONE L'Associazione CROCE AZZURRA TICINIA ONLUS per il perseguimento degli scopi e finalità di cui all'art. 3 dello statuto, è strutturata

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE DESIGNATO AI SENSI DELL ART. 135-UNDECIES DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE DESIGNATO AI SENSI DELL ART. 135-UNDECIES DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA Lo STUDIO SEGRE S.r.l. con sede in via Valeggio, 41, Torino, in qualità di Rappresentante Designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (TUF) dalla società GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.p.A.

Dettagli

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI COORDINAMENTO PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE D ESECUZIONE DI CUI AL DLGS 81/2008 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI PER Con la presente

Dettagli

Lez. 2 Riferimenti normativi [documento 2A]

Lez. 2 Riferimenti normativi [documento 2A] Lez. 2 Riferimenti normativi [documento 2A] Compila il disciplinare d incarico ipotizzando un intervento di manutenzione straordinaria, comprensivo di progetto e direzione lavori e coordinamento della

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE

AREA PROFESSIONALIZZANTE LOMBARDIA Viale Monza 59 20127 Milano tel. 02.26119251 lombardia@enforma.biz VENETO via Lamarmora 12/2 30173 Mestre VE tel. 041.610918 veneto@enforma.biz www.enforma.biz Regione Lombardia Accreditamento

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE DESIGNATO AI SENSI DELL ART. 135-UNDECIES DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

MODULO PER IL CONFERIMENTO DELLA DELEGA AL RAPPRESENTANTE DESIGNATO AI SENSI DELL ART. 135-UNDECIES DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA Lo STUDIO SEGRE S.r.l. con sede in via Valeggio, 41, Torino, in qualità di Rappresentante Designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. Lgs. 58/98 (TUF) dalla società RENO DE MEDICI S.p.A. (RDM S.p.A.)

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D.

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. COMUNE DI CARUGATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. DEL COMUNE DI CARUGATE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 62 DEL 25/07/2007 ART. 1 Il Comune di Carugate ha attivato,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO N 68 /III Sett. Affidamento incarico professionale per adempimenti fiscali del Data 31.12.2014 Comune di

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE VIENI A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI 1 Degli Associati (approvato con delibera n. 1 del 29/03/2013) 1.1 Domanda di iscrizione del nuovo associato. L'aspirante

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE Art. 1 Costituzione 1. E costituita un Associazione Sportiva Tennistica Dilettantistica, sotto la denominazione Associazione Sportiva

Dettagli

Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 Funzioni Art. 3 Luogo della celebrazione Art. 4 Orario di celebrazione Art.

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n.

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n. Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 Scadenza presentazione domande: ore 12,00 del 09/01/2012 A.S.P. CITTA DI SIENA Via Campansi n. 18 - SIENA AVVISO

Dettagli

La Libera Professione Guida sintetica

La Libera Professione Guida sintetica INSERTO SPECIALE I.R. Giugno 2007 - N. 35 COLLEGIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROVINCIA DI COMO Ist. ai sensi Legge 29-10-54 n. 1049 La Libera Professione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI CONSULENZA ED ASSISTENZA LEGALE STRAGIUDIZIALE DEL SITO A.D.R. LAWYERS

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI CONSULENZA ED ASSISTENZA LEGALE STRAGIUDIZIALE DEL SITO A.D.R. LAWYERS CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI CONSULENZA ED ASSISTENZA LEGALE STRAGIUDIZIALE DEL SITO A.D.R. LAWYERS ART.1. OGGETTO Il contratto ha per oggetto la prestazione di consulenza e/o assistenza

Dettagli