Scheda Dati di Sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda Dati di Sicurezza"

Transcript

1 Pagina : 1/6 ETICHETTA DEL PRODOTTO ETICHETTATURA (CE): Interessato Frasi R : Frasi S : ETICHETTATURA SUL TRASPORTO: Xn Dannoso R-65 Nocivo: puo causare danni ai polmoni in caso di ingestione. S-62 In caso di ingestione non provocare il vomito: consultare immediatamente il medico e mostrargli il contenitore o l etichetta. non applicabile 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome del prodotto : Utilizzazione del prodotto : Fornitore : CITROLE Olio coadiuvante, olio insetticida - acaricida (usi agricoli) TOTAL ITALIA S.p.A. Via Arconati Milano ITALIA Tel: Fax: Numeri di telefono d'emergenza : TOTAL ITALIA S.p.A. / Tel Vedi dati locali a fine scheda : Fabbricante : TOTAL FLUIDES 51, Esplanade du Général de Gaulle Paris La Défense Cédex 2. COMPOSIZIONE/INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Preparato Composizione chimica : Prodotto a base di olio minerale paraffinico raffinato, di origine petrolifera. Sostanze pericolose per la salute N. EC N. CAS Contenuto Simbolo(i) Frasi R Distillati (petrolio) frazione intermedia di "hydrotreating" >50 Xn R-65 Polyoxyethylene tridecyl ether phosphate <5 Xi,N R-38, 41, 51/53 C12-14 alcohols ethoxylated <5 Xi,N R-41, 50 Vedi sezione 16 per le spiegazioni delle Frasi R : 3. INDICAZIONE DEI PERICOLI Rischi per la salute : Se ingerito accidentalmente, il prodotto può provocare serie lesioni polmonari a causa della sua bassa viscosità (consultare un medico entro 48 h)

2 Pagina : 2/6 Impatto ambientale : Rischi fisico-chimici : Classificazione del prodotto : Alcuni componenti possono avere un effetto dannoso sull'ambiente acquatico. Non esistono rischi particolari d'infiammazione o d'esplosione Nocivo: può causare danni ai polmoni in caso di ingestione 4. INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO IN CASO DI DISTURBI GRAVI, CHIAMARE UN MEDICO O CHIEDERE L'INTERVENTO SANITARIO URGENTE Inalazione : Ingestione : Contatto con la pelle : Contatto con gli occhi : Aspirazione : Spostare la vittima all'aperto, tenendola a riposo e al caldo In quel caso si puó constatare un'irritazione della bocca e dell'apparato gastro-intestinale. Sintomi : Irritazione delle vie respiratorie. A concentrazioni più importanti: Irritazione del sistema respiratorio; narcosi. Non provocare il vomito per evitare il rischio di aspirazione nelle vie repiratorie. Chiamare immediatamente un medico! Sintomi : nausea, vomito, dolori addominali In caso di ingestione con inalazione bronchiale : pneumopatia con difficoltà respiratorie In caso di contatto cutaneo verificatosi per un getto sotto pressione c'è il rischio di introduzione nell'organismo; l'infortunato deve essere trasportato all'ospedale anche in assenza di ferite evidenti Lavare abbondantemente la parte contaminata con acqua e sapone. In caso di contatto con la pelle ripetuto e prolungato: Secchezza Screpolature Irritazione alla pelle. Lavare immediatamente e abbondantemente con acqua, sollevando le palpebre, per almeno 15 minuti e consultare uno specialista. In caso di schizzi negli occhi: sensazione di bruciore e temporaneo rossore Se si sospetta che si sia verificata aspirazione (per esempio in caso di vomito spontaneo a seguito di ingestione) trasportare d'urgenza in ospedale. 5. MISURE ANTINCENDIO Punto d'infiammabilità vedere la rubrica 9 - "Proprieta fisiche e chimiche" Mezzi di spegnimento : Appropriati : Schiuma, CO2, polvere Mezzi sconsigliati : Acqua. Metodi particolari di intervento : Rischi specifici : Misure di protezione per il fuoco : Raffreddare i serbatoi e le superfici esposte alle fiamme con abbondante acqua nebulizzata. La combustione incompleta e la termolisi producono gas più o meno tossici quali CO, CO2, idrocarburi vari, aldeidi, ecc, nonché fuliggini. La loro inalazione è molto pericolosa Indossare un apparecchio respiratorio in ambienti confinati a causa del livello dei fumi e dei gas prodotti Abiti protettivi adeguati.

3 Pagina : 3/6 6. PROVVEDIMENTI IN CASO DI DISPERSIONE ACCIDENTALE Protezione personale : In caso di perdita o spandimento : Sistemi di pulizia in caso di fuoriuscita : Prevenzione dei rischi collaterali : Guanti impermeabili agli idrocarburi, occhiali di protezione, calzature antifortunistiche ed indumenti protettivi dovrebbero essere indossati in relazione al rischio di esposizione. Il prodotto versato puó rendere le superfici sdrucciolevoli. Progettare gli impianti e prendere ogni provvedimento necessario onde evitare l'inquinamento delle acque e del suolo Proteggere le fogne da ogni possibile scarico del prodotto al fine di limitare i rischi d'inquinamento Proteggere le zone sensibili in materia d'ambiente nonché le risorse d'acqua.recupero Contenere e recuperare con l'aiuto di mezzi fisici. Utilizzare materiale ignifugo ed anti-esplosione..smaltimento Consegnare il materiale impregnato ad un'azienda autorizzata a raccoglierlo. Eliminare possibili fonti di accensione. 7. MANIPOLAZIONE E IMMAGAZZINAMENTO MANIPOLAZIONE : Prevenzione dell'esposizione dei lavoratori : Prevenzione contro incendi ed esplosioni : Precauzioni : Assicurare una ventilazione sufficiente in caso di rischi di formazione di vapori, nebbie o aerosol Prevedere dei sifoni nella rete idrica per evitare ogni possibile propagazione di fiamma. Prevenire l'accumulo di elettricità statica. Il contatto prolungato e ripetuto con l'épidermide puo' provocare lesioni cutanee che psosono essere favorite da piccole ferite o dallo sfregamento con abiti impregnati Non aspirare vapori, fumi o nebbie. Non utilizzare con uno spruzzatore ad alta pressione (> 3 bar). Evitare di mangiare, bere e fumare durante l'uso. STOCCAGGIO : Misure tecniche : Precauzioni per lo stoccaggio : Materiali d'imballaggio : Prevenire ogni fonte di elettricità statica.. raccomandate Conservare lontano da fonti di calore. I recipienti e gli impianti devono avere la messa a terra per prevenire scintille dovute all'elettricità statica. Utilizzare solo recipienti, giunture e tubature resistenti agli idrocarburi. Conservare il recipiente ben chiuso.. raccomandate Acciaio rivestito Materie plastiche Non devono essere usati: acciaio. 8. PROTEZIONE PERSONALE/CONTROLLO DELL'ESPOSIZIONE Misure tecniche : Utilizzare il prodotto in un'atmosfera ben ventilata e con del materiale anti-deflagrante. Valori limite di esposizione : Nel caso di esposizione alle nebbie d'olio, raccomandiamo l'utilizzo dei VME : 5 mg/m3 (TLV-TWA) Protezione respiratoria : Protezione delle mani : In caso di rischio di esposizione eccedente i valori medi di esposizione, ogni individuo deve mettere un apparecchio respiratorio adatto. Guanti impermeabili e resistenti agli idrocarburi

4 Pagina : 4/6 Protezione degli occhi : Protezione della pelle e del corpo (a parte le mani) : Lavoro igienico di routine : In caso di possibilità di contatto con gli occhi, usare occhiali antispruzzo o altri mezzi di protezione. Abiti protettivi adeguati. Evitare il contatto prolungato e ripetuto con la pelle Non mangiare, né bere, né fumare nei locali di lavoro Non asciugarsi le mani con stracci sporchi 9. PROPRIETÁ FISICHE E CHIMICHE Stato fisico : Colore : Odore : Peso specifico : Liquido a 20 C Da giallo ad ambra. Caratteristica di solvente petrolifero 823 kg/m3 Temperatura ( C) 15 Temp. di infiammabilità : > 150 C (ISO 2719) Osservazioni sul punto d'infiammabilità : (Pensky/Martens Vaso Chiuso) Temp. di autoinfiammabilità : > 250 º C (ASTM E 659) Osservazioni sulla temperatura d'autocombustione : Osservazioni sull'esplosività : Temperature specifiche di cambio di stato : Solubilità : Questo valore può essere notevomente abbassato in condizioni particolari (ossidazione lenta in ambienti divisi) Il limite inferiore di infiammabilità per nebbie d'olio viene raggiunto a concentrazioni vicine a 45 g/m³. Punto di scorrimento: 0 C (ISO 3016) - in acqua Forma un'emulsione Viscosità : 6-7 mm2/s (NF EN ISO 3104) Temperatura ( C) STABILITÀ E REATTIVITÀ Stabilità : Condizioni da evitare : Materiali da evitare : Prodotti di decomposizione pericolosi : Prodotto stabile alle temperature di stoccaggio, manipolazione e impiego Evitare il calore, fiamme ed altre fonti di ignizione Forti agenti ossidanti ed acidi forti. La combustione incompleta o la termolisi producono dei gas più o meno tossici quali CO, CO2, idrocarburi vari, aldeidi ecc., e dei nerofumi 11. INFORMAZIONI TOSSICOLOGICHE Tossicità acuta / Effetti locali : Inalazione, osservazioni: Contatto con gli occhi, osservazioni: non classificato Forti concentrazioni di vapore o di aerosol possono essere irritanti per la vie respiratorie Non classificato come irritante, ma può causare una sensazione di bruciore e un temporaneo arrossamento. Ingestione : DL50(Ratto) > 5000 mg/kg (CAS )

5 Pagina : 5/6 Ingestione, osservazioni: Nocivo:se ingerito accidentalmente il prodotto può entrare nei polmoni a causa della sua bassa viscosità e provocare il rapido sviluppo di gravi lesioni polmonari (consultare il medico entro 48 ore) Tossicità cronica o a lungo termine : Contatto con la pelle : Lesioni tipiche della pelle (acne da olio) possono verificarsi in seguito a contatti ripetuti e prolungati con abiti contaminati 12. INFORMAZIONI ECOLOGICHE Osservazioni sull'ecotossicità : Mobilitá : Persistenza e degradabilità : Il prodotto nuovo non è considerato pericoloso per per le piante terrestri. È considerato poco pericoloso per gli organismi acquatici. Tuttavia Alcuni costituenti possono avere un effetto dannoso sull'ambiente acquatico. - Suolo Tenuto conto delle caratteristiche chimico-fisiche, il prodotto è poco mobile al suolo - Acqua : Forma un'emulsione Tuttavia, la frazione "olio minerale" del prodotto nuovo è intrensicamente biodegradabile 13. OSSERVAZIONI SULLO SMALTIMENTO Smaltimento dei rifiuti : Smaltimento dei contenitori contaminati : Classificazione nazionale : Non scaricare in fogna o in luoghi non autorizzati. - Metodi di smaltimento rilevanti: L'unico metodo consentito è la raccolta degli scarti mediante un'impresa autorizzata che effettui la rigenerazione o l'incenerimento in una stuttura adeguata. - Metodi di smaltimento: Consegnare ad una ditta autorizzata ad effettuare l'eliminazione delle scorie Per lo smaltimento attenersi al D. Lgs. 22/97 e normativa collegata. 14. INFORMAZIONI SUL TRASPORTO Non soggetto a regolamentazione per il trasporto. Via strada (ADR) / via ferrovia (RID) : Trasporto fluviale (ADNR) : Via mare (IMO-IMDG) : Aria (OACI/IATA) : 15. INFORMAZIONI SULLA NORMATIVA Frasi R : Xn Dannoso R-65 Nocivo: puo causare danni ai polmoni in caso di ingestione.

6 Pagina : 6/6 Frasi S : S-62 In caso di ingestione non provocare il vomito: consultare immediatamente il medico e mostrargli il contenitore o l etichetta. 16. ALTRE INFORMAZIONI Spiegazioni fino alle frasi R nella sezione 2 : R-65 Nocivo: puo causare danni ai polmoni in caso di ingestione. R-38 Irritante per la pelle. R-41 Rischio di gravi lesioni oculari. R-51/53 Tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per l ambiente acquatico. R-50 Altamente tossico per gli organismi acquatici. USI CONSIGLIATI E RESTRIZIONI RELATIVE ALL'IMPIEGO DEL PRODOTTO : Utilizzi raccomandati e restrizioni d'impiego: Vedere sezione 1 * Informazioni modificate dalla precedente versione della scheda di sicurezza : Telefono in caso di emergenza : TOTAL ITALIA S.p.A. / Tel Questa scheda completa le notizie tecniche d'impiego ma non le sostituisce. Le informazioni relative al prodotto qui contenute, sono basate sullo stato attuale delle nostre conoscenze alla data di complilazione riportata. Sono date in buona fede. L'attenzione degli utilizzatori è inoltre rivolta ai rischi eventualmente riscontrati quando un prodotto e utilizzato in usi diversi da quelli per i quali è stato concepito. La scheda non dispensa in alcun caso l'utilizzatore di conoscere e di applicare l'insieme delle regolamentazioni pertinenti alla sua attività. L'insieme delle prescrizioni menzionate ha semplicemente come scopo quello di aiutare il destinatario ad assolvere alle obbligazioni che incombono su di lui. Questa enumerazione non può essere considerata come esauriente. Il destinatario deve assicurarsi che non gli derivano altre obbligazioni in ordine a disposizioni diverse da quelle citate riguardanti la detenzione e la manipolazione del prodotto verso le quali egli solo è responsabile

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio Data di emissione: 30/11/2008 Revisione 0 del 30/11/2008 1 Identificazione del prodotto e della società Nome del prodotto : GASOLIO Numero CAS: 68334-30-5 Impiego: carburante per motori a combustione interna,

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No.: 515 9152, 515 90, 515 927, 515 94, 515 96, 515 941, 515 958, 515 959, 515 965,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

DIVERS XYLAC 20 KG EWKA

DIVERS XYLAC 20 KG EWKA 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Informazioni sul prodotto Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART A Codice prodotto :

Dettagli

: perma High temp. grease SF03

: perma High temp. grease SF03 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/5 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm 07/30/2014 Kit Components Product code V3951 Components: V395 Description IPTG IPTG, Dioxane Free, 5gm IPTG Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA . SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del Prodotto: Foglio numero: 777200 1. 0. 0 Codice del Prodotto: 777200

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 203086 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Kemno S.a.s Viale Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (MB) Tel.0362/62 44 75 Fax.0362/63 22 32 P.I.04628150965 e-mail: office@kemno.

Kemno S.a.s Viale Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (MB) Tel.0362/62 44 75 Fax.0362/63 22 32 P.I.04628150965 e-mail: office@kemno. - Identificazione preparato e società produttrice 1.1 - Denominazione Commerciale: KEM SOL C 1.2 - Ditta Produttrice: KEMNO S.A.S. Via Lavoratori Autobianchi, 1 20033 DESIO (MB) 1.3 - Numero telefonico:

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No 590 285, 590 2842, 590 2859, 590 290, 590 20 Utilizzazione della sostanza/preparato

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500 Data ultima revisione June 2014 1 / 7 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500 SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1.

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza ANTARLO COMPLET Presidio Medico Chirurgico n 18563 Pagina n. 23 45 67 1 / 07 Scheda Dati di Sicurezza 5.2. 10.5. PROTEZIONE Marine 8. Pericoli Handling Materiali Contiene: Pollutant. speciali Chemical

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 26.10.2009 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 9006.0137 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 Ref:sd14_EnamelPlusTempPolvere GDF.pdf 1 dentificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Dati del prodotto Articolo numero: TEMP.. Utilizzazione della Sostanza / del Preparato

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI SILICONEML140

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI SILICONEML140 Scheda di sicurezza del 12/9/2014, revisione 2 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale:

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA Scheda di sicurezza Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela:

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Conforme a Reg. (CE) 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA Conforme a Reg. (CE) 453/2010 2/09 18.10.2011 4 RLAB DG RLAB 1 di 7 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Identificazione del preparato: Nome commerciale ALCOOL ETILICO DENATURATO 90 AMACASA / Prim / LINDOR

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno Luca Spinelli Theolab spa Milano, 15 aprile 2015 Le novità dall Europa I 2 nuovi provvedimenti UE «Regolamento (UE) n. 1357/2014

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 56Z011898, 56P011820 Numero CAS: 7681-11-0 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda di Dati di Sicurezza

Scheda di Dati di Sicurezza Pagina n. 1/10 Scheda di Dati di Sicurezza SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto Denominazione commerciale: ADOFX 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A.

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Sede Operativa di Crema (CR) CENTRALE STOCCAGGIO GAS DI CORTEMAGGIORE (PC) SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Art. 66 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81: Lavori in ambienti sospetti di inquinamento

GUIDA OPERATIVA. Art. 66 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81: Lavori in ambienti sospetti di inquinamento GUIDA OPERATIVA Rischi specifici nell accesso a silos, vasche e fosse biologiche, collettori fognari, depuratori e serbatoi utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto di sostanze pericolose Art. 66 del

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1.1 Identificatore del prodotto SCHEDA DATI DI SICUREZZA id Quant Pesticide Standard B1 SEZIONE 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Nome prodotto id Quant Pesticide

Dettagli

Il rischio chimico nel settore edile. Se lo conosci... lo eviti...

Il rischio chimico nel settore edile. Se lo conosci... lo eviti... Il rischio chimico nel settore edile Se lo conosci... lo eviti... Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Processi Organizzativi nell ambito

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia.

HARMONY 50 SX Granuli idrosolubili Erbicida selettivo per il diserbo in post-emergenza di mais e soia. (S20/21). Non gettare i residui nelle fognature (S29). Non disfarsi è un erbicida selettivo per il diserbo in postemergenza viene assorbito dalle foglie delle piante trattate e, con sintomi visibili (ingiallimento,

Dettagli

SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Art.-No. 505 0196, 505 407, 505 4051, 505 9010, 505 9018, 505 9025, 505 902, 505 906,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 4.0.2 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Categoria

Dettagli

CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8

CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8 Tel. 041.56.76.041 Fax. 041.89.44.178 mistretta-delorenzi@libero.ti www.mistrettasrl.com SCHEDA TECNICA DESCRIZIONE CANDEGGINA PRIM ML.2000 CONFEZIONE DA PZ.8 Tipo confezione: Tappo: Codice di Vendita:

Dettagli

DRY PERC - SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA - secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 DRY PERC

DRY PERC - SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA - secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 DRY PERC DRY PERC - Nome del prodotto : DRY PERC - Nome Chimico : Tetracloroetilene - Sinonimi : Tetracloroetene, PERCLOROETILENE - Formula bruta : C2Cl4 - Formula di struttura : CCl2=CCl2 - Numero di registrazione

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Conforme a 91/155/CEE, modifica 2001/58/CE Italia 1. SCHEDA DATI DI SICUREZZA 2X HiRPM Hybridization Buffer, 25 ml. Agilent Part Number 51900403 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli