COMUNE DI GENGA PROVINCIA DI ANCONA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GENGA PROVINCIA DI ANCONA"

Transcript

1 COMUNE DI GENGA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con atto di C.C. n. 16 del 13/03/2010 1

2 SOMMARIO CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Ambito di applicazione e classificazione del Comune Art. 3 Impianti per le affissioni pubbliche e private Categorie delle località Art. 4 - Piano generale degli impianti Art. 5 - Provvedimento per l'installazione dei mezzi pubblicitari Art. 6 - Limitazioni e divieti Art. 7 - Pubblicità effettuata su spazi ed aree comunali CAPO II - IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBLICITA' Art. 8 - Oggetto Art. 9 - Soggetto passivo Art Modalità di applicazione dell'imposta Art Tariffe Art Dichiarazione Art Pagamento dell'imposta Art Rimborsi Art Accertamento d'ufficio e riscossione coattiva dell'imposta Art Riduzione dell'imposta Art Esenzioni dall'imposta Art. 17 bis Non applicabilità imposta ai soggetti di cui all art. 20 D.Lgs 507/93. CAPO III - SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Art Oggetto Art Superficie degli impianti Art Diritto sulle pubbliche affissioni Art Modalità delle pubbliche affissioni Art Riduzione del diritto Art Esenzione dal diritto Art Pagamento del diritto CAPO IV - DISPOSIZIONI COMUNI Art Sanzioni tributarie e interessi - Sanzioni Amministrative Art Gestione del servizio Art Rinvio ad altre disposizioni 2

3 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni, a norma degli artt del Decreto legislativo , n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni. Art. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEL COMUNE 1. La pubblicità esterna e le pubbliche affissioni effettuate nel Comune di Genga sono soggette rispettivamente ad una imposta ovvero ad un diritto secondo le disposizioni del presente regolamento e del D.Lgs. 507/ Ai sensi dell'art. 2 del D.Lgs 507/1993, questo Comune, con popolazione residente di n abitanti al , é classificato nella classe V. Art. 3 IMPIANTI PER LE AFFISSIONI PUBBLICHE E PRIVATE CATEGORIE DELLE LOCALITA 1 L'Amministrazione comunale, visto quanto disposto dal terzo comma dell'art. 18 del D.Lgs 507/93 tenuto conto della popolazione residente stabilisce che la superficie degli impianti da adibire alle affissioni pubbliche e private è attualmente di complessivi mq 186,50, modificabile con adozione di specifico Piano generale degli impianti così` ripartiti: a) 11% della superficie complessiva destinata alle affissioni di natura istituzionale, sociale e comunque priva di rilevanza economica, effettuate del servizio comunale; b) 74% della superficie complessiva destinata alle affissioni di natura commerciale e comunque di rilevanza economica effettuate dal servizio comunale; c) 5% della superficie complessiva` destinata alle affissioni di natura commerciale effettuata direttamente da soggetti privati, comunque diversi dal Concessionario del servizio, ove lo stesso sia affidato in concessione; d) 10% della superficie complessiva` destinata alle affissioni dei manifesti dei soggetti di cui all'art. 20 del D.lgs. 507/93, specificando che ogni singola richiesta di affissione, effettuata con le modalità previste dalla legge, non può avere durata superiore a quindici giorni e non può occupare una superficie superiore al 10% della superficie destinata allo scopo. L'affissione negli spazi riservati e` esente dal diritto sulle pubbliche affissioni. 2. In attesa della attuazione del Piano generale degli impianti gli ulteriori spazi da destinare all'occorrenza alle pubbliche affissioni sono steccati, impalcature, ponteggi e simili, per qualsiasi scopo costruiti, sui quali il Comune (direttamente o tramite il proprio Concessionario) ha diritto ad effettuare le affissioni e la pubblicità nel modo che riterrà più opportuno, senza che possano essere pretese, nei suoi confronti, indennità e compensi di sorta. 3. Gli impianti non possono essere collocati nei luoghi nei quali e` vietata la installazione dei mezzi pubblicitari a norma di legge e dei regolamenti vigenti in materia". 4. Le località` del territorio del Comune, sono suddivise in due categorie: speciale ed ordinaria, in relazione alla loro importanza, agli effetti dell'applicazione dell'imposta sulla pubblicità` e del diritto sulle pubbliche affissioni, limitatamente alle affissioni commerciali. 3

4 5. Nella categoria speciale e` applicata alla tariffa normale dell'imposta e del diritto una maggiorazione non superiore al 150% da stabilirsi annualmente in sede di determinazione delle tariffe. 6. La superficie complessiva delle località comprese nella categoria speciale non può superare il 35% di quella del centro abitato, in ogni caso la superficie degli impianti per pubbliche affissioni installati in categoria speciale non potrà essere superiore alla metà` di quella complessiva anche nel caso di future modifiche del piano generale degli impianti. 7. La località in categoria speciale e` individuata nella zona "LA CUNA" "Nel rispetto delle norme contenute nel Piano generale degli impianti". Art. 4 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI 1. In esecuzione del disposto del terzo comma dell'art. 3 del D. Lgs. 507/1993 per la realizzazione del piano generale degli impianti sono fissati i seguenti criteri: - localizzazione degli impianti in ubicazioni ottimali al fine di non generare confusione con la segnaletica stradale già posizionata; - rispetto delle norme del codice della strada; - installazione degli impianti in ubicazioni atte a garantire il pieno rispetto delle cose di interesse artistico o storico anche al fine della protezione delle bellezze naturali e della tutela del paesaggio; - salvaguardia dell'estetica e del decoro dell'abitato; - rimozione di eventuali impianti ubicati in posizione contrastanti con le norme del codice della strada o altre norme di legge. Art. 5 PROVVEDIMENTO PER L'INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI 1. Chiunque intenda installare nel territorio comunale, anche temporaneamente, impianti pubblicitari, deve farne apposita domanda al Comune con le modalità stabilite con il Piano generale degli impianti" Art. 6 LIMITAZIONI E DIVIETI 1. E' consentito esercitare pubblicità sonora nei centri abitati dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17,30 alle ore 19 da parte di soggetti autorizzati. 2. E' vietata in modo permanente la pubblicità sonora limitatamente alle ore di lezione nei pressi degli istituti scolastici. 3. E' altresì vietata in modo permanente la pubblicità sonora, nelle zone turistico - ricettive utilizzate a luogo di sosta, transito e permanenza dei turisti visitatori (V.le Giovanni Marinelli - S.Vittore - Gola di Frasassi- La Cuna). 4. Il Consorzio Frasassi, per finalità istituzionali, può comunicare messaggi sonori e diffondere immagini nell'ambito delle strutture turistico - ricettive di cui al precedente 3' comma. 5. La pubblicità effettuata mediante distribuzione e/o getto, anche con veicoli, di manifestini o di altro materiale pubblicitario, che ha anche come conseguenza l'abbandono in luoghi all'aperto del volantino in assenza di persona (ad esempio i volantini che sono messi sulle auto in sosta o casi analoghi) oppure mediante persone circolanti con cartelli o altri mezzi pubblicitari, definita anche "pubblicità in forma ambulante" è vietata su tutto il territorio comunale. 6. Nell' area "La Cuna" (individuata dalla allegata planimetria che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto) la distribuzione e consegna a mano di manifestini, volantini, opuscoli e biglietti da visita ecc. che reclamizzino attività commerciali è consentita nell' area indicata come zona B esclusivamente dalle ore 10,30 alle ore 14,00 mentre è assolutamente vietata nell'area indicata come zona A comprendente il mercato, i servizi igienici, le zone di transito e l'area di salita - discesa Bus navetta. La distribuzione è altresì vietata assolutamente all'interno dello stesso Bus navetta, lungo 4

5 la direttrice stradale compresa fra lo svincolo di Camponocecchio S.S 76 e l'abitato di Pianello sino al ponte sul fiume Sentino, compresi gli abitati di Camponocecchio, Genga Stazione e San Vittore e la rampa di accesso al complesso ipogeo delle Grotte di Frasassi. 7. La pubblicità luminosa su veicoli, purché non intermittente e non realizzata mediante messaggi variabili, é ammessa unicamente sui veicoli adibiti al servizio di taxi quando circolano entro i centri aditati, alle condizioni indicate nell'art. 57 del regolamento al Codice della strada approvato con D.P.R. 495/ La pubblicità effettuata mediante striscioni posti trasversalmente alle vie o piazze é consentita secondo le modalità stabilite dal Piano generale degli impianti" Art. 7 PUBBLICITA' EFFETTUATA SU SPAZI ED AREE COMUNALI 1. Qualora la pubblicità sia effettuata su beni di proprietà comunali o dati in godimento dal Comune, o appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile comunale, la corresponsione dell'imposta non esclude il pagamento di eventuali canoni di affitto o di concessione, nonché della tassa per l'occupazione degli spazi ed aree pubbliche ove applicabile. CAPO II 5

6 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' Art. 8 OGGETTO 1. L'imposta sulla pubblicità si applica alla diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive o acustiche, diverse da quelle assoggettate al diritto sulle pubbliche affissioni, effettuate in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che sia da tali luoghi percepibile. 2. Ai fini dell'imposizione si considerano rilevanti i messaggi diffusi nell'esercizio di una attività economica allo scopo di rimuovere la domanda di beni o servizi, ovvero finalizzati a migliorare l'immagine del soggetto pubblicizzato. 3.Si definisce insegna di esercizio la scritta in caratteri alfanumerici, realizzata o supportata con materiali di qualsiasi natura, completata eventualmente da un simbolo o da un marchio, che sia posta nella sede o nelle pertinenze accessorie alla stessa e che abbia la funzione di indicare al pubblico e di contraddistinguere il luogo di svolgimento delle attività economiche, intendendosi le stesse, ai fini della esclusione dal tributo, quelle commerciali e di produzione di beni o servizi. 4. L'insegna per come definita per essere esclusa dal tributo deve limitarsi alla indicazione dell'attività generica esercitata, della titolarità e del marchio o simbolo, dell'esercizio e può essere posta all'interno, sulle vetrine e negli ingressi, sulle pareti soprastanti e laterali e se bifacciale o a più facce, anche infissa sulle medesime. 5. Le insegne poste su spazi ed aree pubbliche, o di terzi, in prossimità, o a distanza della sede dell'esercizio e comunque ubicate al di fuori della stessa, o delle eventuali pertinenze accessorie, sono soggette ad imposta di pubblicità. 6. L'imposta e` dovuta parimenti sulle insegne di esercizio che superano, singolarmente o complessivamente, la superficie di 5 metri quadrati. La detta superficie e` da calcolare secondo i criteri di cui all'art. 7 del D.Lgs 507/93 per ogni sede nel caso di pluralità di sedi nello stesso comune. Art. 9 SOGGETTO PASSIVO 1. E' tenuto al pagamento dell'imposta sulla pubblicità colui che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale il messaggio pubblicitario viene diffuso. 2. E' solidalmente obbligato al pagamento dell'imposta colui che produce o vende la merce o fornisce i servizi oggetto della pubblicità. Art. 10 MODALITA' DI APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA 1. L' imposta si determina in base alla superficie della minima figura piana geometrica nella quale é circoscritto il mezzo pubblicitario, indipendentemente dal numero dei messaggi in esso contenuti. 2. Le superfici inferiori a un metro quadrato si arrotondano per eccesso al metro quadrato e le frazioni di esso, oltre il primo, a mezzo metro quadrato; non si applica l'imposta per superfici inferiori a trecento centimetri quadrati. 3. Per i mezzi pubblicitari polifacciali l'imposta é calcolata in base alla superficie complessiva adibita alla pubblicità. 4. Per i mezzi di dimensione volumetrica l'imposta é calcolata sulla base della superficie complessiva risultante dallo sviluppo del minimo solido geometrico in cui può essere circoscritto il mezzo stesso. 5. I festoni di bandierine e simili nonché i mezzi di identico contenuto, ovvero riferibili al medesimo soggetto passivo, collocati in connessione tra loro si considerano, agli effetti del calcolo della superficie imponibile, come unico mezzo pubblicitario. Art. 11 6

7 TARIFFE 1. Le tariffe dell'imposta sulla pubblicità sono applicate nella misura stabilita dalla legge e con deliberazione comunale. 2. Le maggiorazioni d'imposta a qualunque titolo previste sono cumulabili e devono essere applicate alla tariffa base; le riduzioni non sono cumulabili. Art. 12 DICHIARAZIONE 1. Il soggetto passivo di cui al punto 9 che intenda installare, ripristinare o modificare insegne, cartelli ed altri mezzi pubblicitari, deve richiedere ed ottenere apposita autorizzazione, da parte del Comune con le modalità stabilite nel Piano generale degli impianti" 2. In caso di variazione della pubblicità, che comporti la modificazione della superficie esposta o del tipo di pubblicità effettuata, con conseguente nuova imposizione, deve essere presentata nuova dichiarazione; il comune procede al conguaglio tra l'importo dovuto in seguito alla nuova dichiarazione e quello pagato per lo stesso periodo. 3. In assenza di variazioni la dichiarazione ha effetto anche negli anni successivi; tale pubblicità si intende prorogata con il pagamento della relativa imposta effettuato entro il 31 gennaio dell'anno di riferimento, sempre che non venga presentata denuncia di cessazione entro il medesimo termine. 4. Qualora venga omessa la presentazione della dichiarazione, la pubblicità di cui agli art. 12, 13 e 14, commi 1,2 e 3, del D.Lgs. 507/1993, si presume effettuata in ogni caso dal primo gennaio dell'anno in cui é stata accertata; per le altre fattispecie la presunzione opera dal primo giorno del mese in cui é stato effettuato l'accertamento. Art. 13 PAGAMENTO DELL'IMPOSTA 1. L'imposta é dovuta per la fattispecie di cui all'art. 12, commi 1 e 3, all'art. 13 e all'art. 14, commi 1 e 3, del D.Lgs. 507/1993, per anno solare di riferimento cui corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria; per le altre fattispecie il periodo di imposta é quello specificato nelle relative disposizioni. 2. Il pagamento deve essere effettuato a mezzo di conto corrente postale intestato al comune o al suo concessionario in caso di affidamento in concessione, su apposito modello conforme a disposizione ministeriale. 3. Per la pubblicità relativa a periodi inferiori all'anno solare l'imposta deve essere corrisposta in unica soluzione; per la pubblicità annuale l'imposta può essere corrisposta in rate trimestrali anticipate qualora sia di importo superiore. Art. 14 RIMBORSI 1. Il contribuente può chiedere il rimborso di somme versate e non dovute, mediante apposita istanza, entro il termine stabilito dalla normativa vigente. Art. 15 ACCERTAMENTO D'UFFICIO E RISCOSSIONE COATTIVA DELL'IMPOSTA 1. Per gli accertamenti d'ufficio da parte del Comune e per la riscossione coattiva dell'imposta dovuta e non pagata, si applicano le disposizioni dell'art. 9 del D.Lgs 507/1993 e le disposizioni normative vigenti in materia di rettifica delle dichiarazioni e accertamento d'ufficio" Art. 16 RIDUZIONI D'IMPOSTA 1. Per le riduzioni dell'imposta si osservano le disposizioni previste dall'art. 16 del D.Lgs. 507/

8 Art. 17 ESENZIONI D'IMPOSTA 1. Per le esenzioni dell'imposta si osservano le disposizioni previste dall'art. 17 del D.Lgs 507/1993. Art.17bis NON APPLICABILITA IMPOSTA AI SOGGETTI DI CUI ALL ART. 20 D-LGS 507/93 1. Per i soggetti di cui all'art. 20 del D.Lgs 507/93 non trova applicazione l'imposta sulla pubblicità`. 8

9 CAPO III SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Art. 18 OGGETTO 1. Il servizio delle pubbliche affissioni é di esclusiva competenza comunale; esso é inteso a garantire specificatamente l'affissione, a cura del Comune, in appositi impianti a ciò destinati, di manifesti di qualunque materiale costituiti. Art. 19 SUPERFICIE DEGLI IMPIANTI 1. Il Comune di Genga con popolazione al di n abitanti é tenuto all'installazione di impianti per la superficie complessiva di almeno metri quadrati 24 (mq. 12 per ogni abitanti). A tale proposito la superficie complessiva degli impianti installati risulta di metri quadrati 186,50 (24 cartelli per mq. 60,10 e 11 murale per mq 126,50) pari a circa 266 manifesti delle dimensioni di cm 70x100. Tale superficie può essere modificata a seguito di approvazione del Piano generale degli impianti. Fino a quando non risulterà operativo il nuovo piano, si ritengono confermati gli impianti esistenti. Art. 20 DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI 1. Per l'effettuazione delle pubbliche affissioni é dovuto al Comune, in solido da chi richiede il servizio e da colui nell'interesse del quale il servizio stesso é richiesto, un diritto comprensivo dell'imposta sulla pubblicità. 2. La tariffa del diritto é applicata nelle misure previste dalla legge e con deliberazione comunale. Art. 21 MODALITA' DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI 1. Le pubbliche affissioni sono effettuate secondo l'ordine di precedenza risultante dal ricevimento della commissione, che viene annotata in apposito registro cronologico. 2. La durata dell'affissione decorre dal giorno in cui é stata eseguita al completo; nello stesso giorno, su richiesta del committente, il Comune mette a sua disposizione l'elenco delle posizioni utilizzate e con l'indicazione dei quantitativi affissi. 3. Il ritardo nelle effettuazioni delle affissioni causato dalle avverse condizioni atmosferiche si considera caso di forza maggiore. In ogni caso, qualora il ritardo sia superiore a dieci giorni dalla data richiesta, il Comune ne dà tempestiva comunicazione per iscritto al committente. 4. La mancanza di spazi disponibili viene comunicata al committente per iscritto entro dieci giorni dalla richiesta di affissione. 5. Nel caso di ritardo nella effettuazione dell'affissione causato da avverse condizioni atmosferiche, o di mancanza di spazi disponibili, il committente può annullare la commissione senza alcun onere a suo carico, ed il Comune rimborsa le somme versate entro 90 giorni. 6. Il committente può annullare la richiesta di affissione prima che venga eseguita; in tal caso deve comunque corrispondere la metà del diritto dovuto. 7. Il comune sostituisce gratuitamente i manifesti strappati o comunque deteriorati e, qualora non disponga di altri esemplari dei manifesti da sostituire, ne dà tempestiva comunicazione al richiedente mantenendo, nel frattempo, a sua disposizione i relativi spazi. 8. Per le affissioni richieste per il giorno cui é stato consegnato il materiale da affiggere od entro i due 9

10 giorni successivi se trattasi di affissioni di contenuto commerciale, ovvero per le ore notturne dalle 20 alle 7 o nei giorni festivi, é dovuta la maggiorazione del 10 per cento del diritto, con il minimo stabilito per legge per ciascuna commissione. 9. Nell'ufficio del servizio delle pubbliche affissioni sono esposti, per la pubblica consultazione, le tariffe del servizio, l'elenco degli spazi destinati alle pubbliche affissioni ed il registro cronologico delle commissioni. Art. 22 RIDUZIONI DEL DIRITTO 1. Per le riduzioni del diritto si osservano le disposizioni previste dall'art. 20 del D.Lgs. 507/1993. Art. 23 ESENZIONI DAL DIRITTO 1. Per le esenzioni dal diritto si osservano le disposizioni previste dall'art. 21 del D.Lgs. 507/1993. Art. 24 PAGAMENTO DEL DIRITTO 1. Il pagamento del diritto sulle pubbliche affissioni deve essere effettuato contestualmente alla richiesta del servizio, con le modalità previste all'art. 13 per il pagamento dell'imposta sulla pubblicità. 2. E' consentito il pagamento diretto del diritto relativo ad affissioni non aventi carattere commerciale. 10

11 CAPO IV DISPOSIZIONI COMUNI Art 25 SANZIONI TRIBUTARIE ED INTERESSI - SANZIONI AMMINISTRATIVE 1. Per le violazioni concernenti l'applicazione della imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, si applicano le sanzioni di cui all'art. 23 e 24 del D.Lgs. 507/1993. Art. 26 GESTIONE DEL SERVIZIO 1.La gestione del servizio di accertamento e riscossione dell'imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni e` effettuata dal comune normalmente in forma diretta. 2. Qualora il Comune lo ritenga più conveniente sotto il profilo economico e funzionale, esso può essere affidato in concessione a soggetto iscritto nell'albo di cui al D.M n. 289 dell'11/09/2000, in applicazione degli artt. 52, 1' e 5' comma e 53 del D.lgs. 446/ Nell'espletamento del servizio il concessionario subentra al Comune e al Funzionario responsabile in tutti i diritti, privilegi ed obblighi. 4. La gestione del servizio può essere estesa, in applicazione del comma 2 dell'art. 10 della L. 448/01, ad altre entrate comunali e relative attività propedeutiche, connesse, o complementari, a condizioni economiche da convenire. La estensione può avvenire per evidenti ragioni di opportunità e di convenienza con la stessa rinegoziazione del rinnovo della concessione in corso e per la stessa durata. 5. Il concessionario durante il corso del rapporto della concessione provvede alla manutenzione periodica delle attrezzature affissionistiche esistenti e, qualora le stesse siano insufficienti, all'installazione di nuovi impianti, con anticipazione della relativa spesa. Il concessionario alla scadenza della concessione ha diritto all'indennizzo dell'importo corrispondente alle quote non ammortizzate del costo delle attrezzature o, a discrezione di questo comune, del valore delle medesime nello stato di uso al momento della cessazione del rapporto, tenuto conto delle date di installazione e del periodo usuale di ammortamento. 6. E' fatto divieto al concessionario di notificare atti di accertamento o rettifica dopo la scadenza della concessione, salvo che intervenga atto di affidamento della gestione stralcio. 7. Il concessionario cessato resta obbligato a presentare assistenza al Comune anche dopo la scadenza contrattuale, in caso di contenzioso amministrativo e civile riferito alle imposte e tasse accertate durante il periodo della sua gestione e in ogni stato e grado di giudizio. 8. Il concessionario cessato ha in ogni caso il diritto di percepire successivamente alla scadenza contrattuale, e con liquidazione trimestrale da parte del Comune, l'aggio di competenza sulle somme accertate nel periodo di propria gestione ed eventualmente introitate direttamente dal comune stesso o da terzo subentrante nella gestione, o in sede di riscossione coattiva, per imposta, sanzioni ed interessi, nonché il rimborso delle spese di notifica ed accessorie. 9. Il concessionario cessato ha l'obbligo di versare al Comune, al netto dell'aggio spettante ed entro venti giorni dal ricevimento, le somme che dovessero pervenirgli in dipendenza delle notifiche effettuate entro il termine di scadenza del contratto. 10. Le condizioni economiche dell'aggio e del minimo garantito devono essere rivedute a favore dell'una o dell'altra parte nel caso di variazione tariffarie o disposizioni regolamentari che incidano sulle entrate in misura superiore al 10%, tenuto conto degli aumenti dei costi di gestione rilevabili dai dati ISTAT. 11

12 E' prevista la rinegoziazione delle condizioni economiche a seguito di disposizioni legislative che escludano la imposta di pubblicità su determinati mezzi pubblicitari ivi compresa la eventuale estensione della esclusione già prevista dal comma 1 bis dell'art. 17 del D.lgs.507/93 introdotta dall'art. 10 comma 1 lettera c) della L. 448/01 così come modificato dalla L. n. 296/06.. La rinegoziazione avente lo scopo di ristabilire l'equilibrio fra prestazioni e corrispettivo potrà avvenire mediante l'affidamento di altre entrate secondo quanto previsto dal 2' comma dello stesso art. 10 della L. 448 del 28/12/01 e, in mancanza, mediante rideterminazione della misura dell'aggio e del minimo garantito. E' consentito al concessionario di effettuare alle singole scadenze trimestrali e fino a che non sarà rideterminata la nuova misura dell'aggio, in luogo delle competenze non ancora definibili, il versamento del rateo del minimo garantito annuo rapportato alle minori entrate che deve essere accompagnato dal rendiconto delle entrate lorde. Art. 27 RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI 1. Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento si applicano, in materia di imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni, le disposizioni del capo I del Decreto legislativo , n. 507, e successive modificazioni ed integrazioni. 12

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ITIRID arebiled led led Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con CC. N 57 del 30/06/94 (CRC 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Allegato A) COMUNE DI LIZZANO IN BELVEDERE ( Provincia di Bologna ) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 dell 8 marzo

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine approvato con deliberazione CC. n. 36 dd.09.11.2002 (aggiornato con emendamenti) S O M M A R I O CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art.

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto NUOVO REGOLAMENTO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto NUOVO REGOLAMENTO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE Di C.C. N 76 DEL 24/11/1994. NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007

TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007 Milano Comune di Milano Settore Pubblicità TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007 Trattazione di Massima della Giunta Comunale n. 13623.055/2002 del 17 settembre 2002 SERVIZIO DELLE

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni COMUNE DI MORTEGLIANO PROVINCIA DI UDINE C.A.P.: 33050 PIAZZA G. VERDI, 10 FAX 0432/761778 TEL. 0432/826842 C.F. 80006650305 P.IVA 00677260309 Email: tributi@com-mortegliano.regione.fvg.it Internet: http://www.comune.mortegliano.ud.it/

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Città di Trevi Provincia di Perugia Imposta comunale sulla pubblicità PG TRIB 006 Rev 00 11-04-13 UFFICIO TRIBUTI Dove rivolgersi Ufficio Tributi- Piazza Mazzini 21 Tel. 0742/332233 Fax 0742332237 Orario

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 OGGETTO DELL IMPOSTA È oggetto dell imposta la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata con forme di comunicazione visive e acustiche

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con D.C.C. n 8

Dettagli

COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE

COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia)

CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia) CITTÀ DI TORREMAGGIORE (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ALLEGATO alla delibera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 33 DEL 13.05.1994

Dettagli

COMUNE DI TURSI. - Provincia di Matera - SOMMARIO

COMUNE DI TURSI. - Provincia di Matera - SOMMARIO COMUNE DI TURSI - Provincia di Matera - REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI SOMMARIO Art. D E S C R I Z I O N E Art. D E S C R I Z I O N E CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERRAVECCHIA Provincia COSENZA R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato alla delibera

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni Allegato alla Delibera C.C. n. 125 del 15.12.1994 NOTE: Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento APPLICAZIONE dell'imposta COMUNALE sulla PUBBLICITÀ e per l'effettuazione del SERVIZIO delle PUBBLICHE AFFISSIONI S O M M A R I O

Dettagli

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 133 del

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BASTIA UMBRA. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BASTIA UMBRA Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera del C.C. n. 53 del 27.06.1994 Modificato

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI (Provincia di Livorno) Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.

Dettagli

REGOLAMENTO AFFISSIONI

REGOLAMENTO AFFISSIONI Pagina 1 di 6 Documento PER L APPLICAZIONE DEL DIRITTO SULLE AFFISSIONI PUBBLICHE Rev. Data Oggetto della revisione 1 2 3 25.08.1994 13.02.2006 22.09.2012 1a emissione - Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni REGOLAMENTO PER L APPLIICAZIIONE DELL IIMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLIICIITA E DEII DIIRIITTII SULLE PUBBLIICHE AFFIISSIIONII ((Delliiberra dii C..C.. n..20//103471//06 dell 12//03//2007)) 1 Numero articolo

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 30 marzo 1999 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 DEL 28/6/94 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA CAPO I -DISPOSIZIONI GENERALI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale 16.10.1994,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CAPURSO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino / COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino CLASSE V REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ( Decreto

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO

COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO COS È L IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ ESTRATTO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 507 DEL 15.11.1993 L Imposta

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti Che cos è l imposta sulla pubblicità? Come l occupazione di suolo pubblico, l ICI o la tassa sui

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Ponte San Nicolò Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con atto di C.C. n. 87 del 22.12.1995

Dettagli

(ALLEGATO ALLA DELIBERA CONSILIARE n. 34 DEL 13/11/2015) NUOVO REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE

(ALLEGATO ALLA DELIBERA CONSILIARE n. 34 DEL 13/11/2015) NUOVO REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE (ALLEGATO ALLA DELIBERA CONSILIARE n. 34 DEL 13/11/2015) NUOVO REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI NEL TERRITORIO COMUNALE TITOLO I -DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA'

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' Allegato A) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' Approvato con deliberazione CC N. 7 del 28.02.1994 Modificato con deliberazione CC N. 23 del 06.05.1994 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI VILLIMPENTA (Provincia di Mantova)

COMUNE DI VILLIMPENTA (Provincia di Mantova) ---------------- OMISSIS ------------------ PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 1. PUBBLICITA' ORDINARIA (artt.12 c. 2 e art. 7, c. 6 e 7) 1.1 Pubblicità ordinaria effettuata mediante

Dettagli

**************************

************************** COMUNE DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ************************** S

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI FORMIGNANA Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO. per l applicazione della

COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO. per l applicazione della COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO per l applicazione della IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art.

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art. Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 14/03/2014 PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA'

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 14/03/2014 PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 14/03/2014 PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' IN VIGORE NELL'ANNO 2014 1.PUBBLICITA' ORDINARIA ( artt. 12 e 7, c.2,6 e

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia)

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (delibera C.C. n. 17 del 5 maggio 2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina la sola applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità così come previsto

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93

VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93 COMUNE DI CRESCENTINO VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93 Presupposto dell imposta ( art. 5 D.Lgs. 507/93 ) 1. La diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso

Dettagli

approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 65 del 3 novembre 1995 decreto legislativo 15 novembre 1993

approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 65 del 3 novembre 1995 decreto legislativo 15 novembre 1993 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA E DELLE AFFISSIONI E PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con deliberazione di consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL'IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL'IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE SULL'IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - REGOLAMENTO: OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE. ART. 2 - CLASSIFICAZIONE DEL

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Gli annunci immobiliari, anche se esposti sulla vetrina dell agenzia, scontano l imposta sulla pubblicita Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Testo definitivo approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.19 del 25/02/2002 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione consiliare n. 53 del 18.12.2003.

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO SULL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO SULL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 9 del 5 marzo 2007 COMUNE DI CASAVATORE ( PROVINCIA DI NAPOLI) REGOLAMENTO SULL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ COMUNE DI LINGUAGLOSSA Provincia di Catania REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 11.04.1996. Integrazioni agli

Dettagli

Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507

Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 L'imposta comunale sulla pubblicità ed il diritto sulle pubbliche affissioni

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Oggetto dell imposta L imposta sulla pubblicità si applica alla diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO TRIBUTI Vedi D. Giuntale n. 252/2001 COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO TRIBUTI TARIFFE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI P.zza del Comune, 1-07020 Palau Tel 0789770801 Fax 0789770810 www.palau.it - info@palau.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO

Dettagli

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni

Comune di Pisa. Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Comune di Pisa Regolamento per la disciplina delle pubbliche affissioni e per l applicazione del Diritto sulle pubbliche affissioni Approvato con Deliberazione del C.C. n. 19 del 29.04.2010 1 Indice Capo

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ADOZIONE: Deliberazione consiliare N. 22 del 26.03.2007 1 INDICE GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SESTU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 15 del 17/03/2008 INDICE TITOLO I DISCIPLINA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA, INSEGNE D ESERCIZIO E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del 1 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it

COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. n. 507/93 Approvato

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Oggetto dell'imposta e soggetti passivi Presupposto per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità è la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL RELATIVO SERVIZIO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 116

Dettagli

COMUNE DI GUASTALLA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI GUASTALLA Provincia di Reggio Emilia TARIFFE DELL'IMPOSTA DI PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI PER I COMUNI DI CLASSE IV in vigore dal 01.01.2007 PARTE I - TARIFFA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBB LICITÀ 1 PUBBLICITÀ ORDINARIA

Dettagli

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE - a cura Federico Gavioli - Prima di inoltrarsi nell analisi relativa alle esenzioni dal pagamento

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del Regolamento e ambito di applicazione. Art. 2 - Norme generali

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del Regolamento e ambito di applicazione. Art. 2 - Norme generali TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento e ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina le pubbliche affissioni nell ambito del territorio comunale e determina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 27.2.2006

Dettagli

COMUNE DI ROVOLON REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ

COMUNE DI ROVOLON REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ COMUNE DI ROVOLON REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina la sola applicazione dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI GABICCE MARE

COMUNE DI GABICCE MARE COMUNE DI GABICCE MARE REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1: Ambito e scopo del regolamento 1.

Dettagli

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi. Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.it IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Prima di iniziare

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Ultima modifica atto di consiglio nr.35 del 26.5.2011 TITOLO I -

Dettagli

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA CITTA DI SAMARATE Provincia di Varese INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

INDICE. CAPO IV - SANZIONI TRIBUTARIE ED AMMINISTRATIVE Articolo 28 Sanzioni tributarie Articolo 29 Sanzioni amministrative

INDICE. CAPO IV - SANZIONI TRIBUTARIE ED AMMINISTRATIVE Articolo 28 Sanzioni tributarie Articolo 29 Sanzioni amministrative COMUNE DI FABRIANO Provincia di Ancona Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissi INDICE CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 30 marzo 1999 Modificato con

Dettagli

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI NOTA INFORMATIVA

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI NOTA INFORMATIVA IL SOGGETTO PASSIVO Il soggetto passivo dell imposta sulla pubblicità, ovvero colui che è tenuto al pagamento, è la persona fisica o giuridica che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA diritto sulle pubbliche affissioni

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA diritto sulle pubbliche affissioni COMUNE DI CASSANO D'ADDA Provincia di Milano IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA diritto sulle pubbliche affissioni Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 Classificazione dei comuni Tariffe Classificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI.

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. COMUNE DI GALLIERA 1 Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. (testo in vigore dal 1 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE ART. 1 - Oggetto del Regolamento ART. 2 - Ambito

Dettagli

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ' PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera del Consiglio n.

Dettagli

CITTA' DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA

CITTA' DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA CITTA' DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA REGOLAMENTO PUBBLICITA' E DIRITTI PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 113 DEL 28.11.1994 CAPO I - NORME GENERALI ART. 1 OGGETTO DEL

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI NONANTOLA Ufficio Tributi NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTIANO PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA

COMUNE DI MONTIANO PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA COMUNE DI MONTIANO PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con Delibera di C.C. n. 37

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Delibera del Commissario Prefettizio n.36 del 28/02/1994) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI RUBIERA Provincia di Reggio Emilia Settore Tributi REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI INDICE CAPO I...4 DISPOSIZIONI GENERALI...4 ART. 1...4 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Provincia di Crotone)

COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Provincia di Crotone) INDICE DEGLI ARTICOLI: COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO (Provincia di Crotone) Riapprovato con Delibera di C.C. n. 24 del 29.04.2013 Articolo 1 Istituzione e presupposto dell imposta Articolo 2 Soggetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/DF. Roma, 24 aprile 2009 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE. prot. 4678/2009

RISOLUZIONE N. 2/DF. Roma, 24 aprile 2009 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE. prot. 4678/2009 RISOLUZIONE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 24 aprile 2009 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE prot. 4678/2009 OGGETTO: Imposta comunale sulla pubblicità e diritto

Dettagli

COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza

COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato dal

Dettagli