Dal tutolo nel digestore rese in metano molto buone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal tutolo nel digestore rese in metano molto buone"

Transcript

1 RILIEVI EFFETTUATI IN DUE IMPIANTI DI BIOGAS NEL TORINESE Dal nel digestore rese in metano molto buone di C. Fabbri, M. Soldano, C. Vanzetti, A. Oddenino La Cooperativa agricola Speranza di Candiolo (Torino) è composta da cinque aziende agricole (Barale e Bertola, Dabbene e Oddenino, Oddenino Fratelli, Vanzetti di Candiolo, Sandrone fratelli di Vinovo) che lavorano 450 ha, ed è compartecipata da Capac come fornitore di parte dell alimentazione degli impianti di biogas, su cui la Cooperativa Speranza ha deciso di investire nel 2006 diversificando l attività di allevamento di bovini da latte (1.300 capi). L azienda dispone di due impianti di digestione anaerobica da kwe ciascuno (Speranza 1 e Speranza 2), totalmente autonomi in tutti gli elementi strutturali (foto 1): il primo impianto è stato attivato nel mese di aprile del 2008, il secondo è entrato in produzione a dicembre 2010, entrambi godono della tariffa omnicomprensiva di 280 euro/mwh elettrico immesso in rete. Per produrre il biogas gli impianti utilizzano liquami e letame bovini, scarti di prodotti vegetali, scarti della pulitura e lavorazione dei cereali e trinciati di cereali insilati (mais, triticale e sorgo). Gli impianti sono stati scelti per monitorare gli effetti dell utilizzo del di mais, oggetto della sperimentazione del progetto Enercob, finanziato dalla Regione Piemonte, sia nella forma fresca, ovvero non, sia nella forma insilata secondo diverse modalità (co con trinciato di mais, in purezza, imballato fasciato). Descrizione impianti L impianto di Speranza 1. È formato da un primo digestore a doppia vasca concentrica e da due vasche secondarie, la seconda delle quali funge da stoccaggio finale del digestato. La biomassa viene carica- 16 supplemento a L Informatore Agrario 43/2013 Dalle prove è emerso come 1 tonnellata di fresco produce il 36% in più di metano (143 m 3 /t di tal quale) rispetto a 1 tonnellata di di mais, consentendo così di ridurre il terreno agricolo utilizzato a colture dedicate. Anche la resa in metano del è stata buona, intorno a 170 m 3 /t di tal quale Foto 1 Vista dei due impianti di biogas della Cooperativa agricola Speranza ta, con l ausilio di un carro dosatore a punto fisso (60 m 3 ) nella prima vasca esterna, connessa con la parte centrale attraverso un collettore a vaso comunicante. La prima vasca è interamente solettata, mentre la seconda vasca e la vasca di stoccaggio del digestato sono coperte con cupola gasometrica. TABELLA 1 - Parametri dimensionali dei due impianti di biogas monitorati Parametro Speranza 1 (impianto di riferimento) Speranza 2 (impianto con tutoli) Totale volume riscaldato (m 3 ) Tempo di ritenzione idraulico medio (*) (giorni) Stoccaggio coperto (m 3 ) Miscelazione (W/m 3 ) Volume tramoggia carico (m 3 ) Potenza elettrica installata (kw) (*) Due delle 4 vasche di ogni impianto hanno anche funzione di stoccaggio e pertanto non sempre sono piene. Speranza 1 Speranza 2 L impianto di Speranza 2. Differisce per il fatto che sono state costruite solo due vasche, entrambe divise in due sezioni concentriche: la sezione interna di entrambe è coperta da gasometro. La volumetria, il tempo di ritenzione idraulico e la volumetria del gasometro sono praticamente identiche. In totale sono presenti 11 miscelatori per impianto, con potenza specifica di miscelazione pari a circa W/m 3 (tabella 1). Entrambi i cogeneratori installati sono dotati di scambiatori per il recupero di energia termica che viene utilizzata per termostatare i digestori e, dal 2011, per teleriscaldare il vicino Istituto di ricerca sul cancro di Candiolo (Ircc): nel corso del 2012 l azienda Speranza ha fornito all Ircc circa MWh termici (equivalente a circa 650 t di gasolio equivalente).

2 TABELLA 3 - Prodotti utilizzati nell impianto di riferimento per il periodo di monitoraggio con utilizzo di tutoli freschi (Speranza 1) TABELLA 2 - Rese in metano delle biomasse utilizzate per la verifica delle performace degli impianti Matrice Resa in metano (m 3 /t s.v.) Liquame 220 Letame 220 pulitura cereali 360 Insilato di triticale 320 Insilato di loietto e sorgo 280 Insilato di mais 330 lavorazione frutta 300 Monitoraggio del processo produttivo Per verificare l utilizzo dei tutoli e le eventuali problematiche connesse, gli impianti sono stati monitorati per circa 10 mesi (da agosto 2012 fino a maggio 2013): Speranza 1 è stato scelto come impianto di riferimento, Speranza 2 come impianto alimentato a tutoli. Tale periodo è stato suddiviso nelle seguenti fasi: fase 1, periodo di osservazione preliminare (circa 50 giorni) di entrambi gli impianti con la stessa dieta al fine di verificarne l effettiva similarità produttiva; fase 2, utilizzo tutoli freschi: 72 giorni di alimentazione a tutoli freschi + 40 giorni di riallineamento della dieta. Complessivamente sono state caricate 534 t di fresco, corrispondenti a una quota giornaliera media nel periodo di carico di 7,4 t/giorno. Il secondo periodo ha una lunghezza pari al tempo necessario per monitorare la produzione residuale del ; fase 3, utilizzo tutoli insilati: 67 giorni di alimentazione a tutoli insilati + 32 giorni di riallineamento dieta. Nell impianto Speranza 2 sono state caricate complessivamente 273 t di in rotoballe fasciate in purezza e 300 t di co con altri cereali, per un totale di 572 t di prodotto (8,5 t/giorno). Durante tutto il periodo di monitoraggio non sono stati evidenziati problemi di alcun tipo, sia relativamente alla miscelazione, sia alla produzione di biogas, sia alla movimentazione del prodotto nella tramoggia. L unica nota a margine è legata al fatto che il ha una massa volumica inferiore all di mais e pertanto lo spazio Letame Liquame pulitura cereali frutta Triticale Loietto e sorgo Insilato mais S.t. (g/kg) 218,7 82,2 905,4 103,1 251,0 250,0 334,4 S.v. (g/kg) 181,8 66,5 888,9 98,7 230,2 230,0 319,0 Totale caricato (t) 1.051, ,3 107, ,2 177, , Totale caricato (t/giorno) 8,76 41,83 5,53 0,90 16,34 1,48 13,77 88,61 S.t. (t) 229,9 412,8 600,6 11,1 491,9 44,4 552, S.v. (t) 191,2 334,0 589,6 10,6 451,3 40,8 527, ,9% 15,6% 27,5% 0,5% 21,0% 1,9% 24,6% 100% S.v./s.t. (%) 83,2 80,9 98,2 95,8 91,7 92,0 95,4 91,5 Metano (m 3 /t s.v.) Metano (m 3 ) ,4% 11,1% 32,1% 0,5% 21,9% 1,7% 26,4% 100% Biogas (m 3 ) Silomais equivalente (t/t) 0,38 0,14 3,04 0,28 0,70 0,61 1,00 0,59 TABELLA 4 - Prodotti utilizzati nell impianto con tutoli per il periodo di monitoraggio con utilizzo di tutoli freschi (Speranza 2) Letame Liquame pulitura cereali frutta Triticale Loietto e sorgo Insilato mais fresco S.t. (g/kg) 218,7 82,2 905,4 103,1 251,0 250,0 334,4 579,6 S.v. (g/kg) 181,8 66,5 888,9 98,8 230,2 230,0 319,0 562,6 Totale caricato (t) 1.058, ,6 107, , ,5 533, ,1 Totale caricato (t/giorno) 8,8 42,1 5,4 0,9 15,9 1,2 8,5 4,5 87,3 S.t. (t) 231,5 415,3 588,2 11,1 478,3 35,2 341,3 309, ,0 S.v. (t) 192, ,4 10,6 438,8 32,4 325,5 300, ,0 8,7% 15,2% 26,1% 0,5% 19,8% 1,5% 14,7% 13,6% 100,0% S.v./s.t. (%) 83,2 80,9 98,2 95,8 91,7 92,0 95,4 97,1 91,8 Metano (m 3 /t s.v.) Metano (m 3 ) ,4% 11,2% 31,5% 0,5% 21,3% 1,4% 16,3% 11,6% Biogas (m 3 ) Silomais equivalente (t/t) 0,38 0,14 3,04 0,28 0,7 0,61 1 1,36 0,6 occupato nella tramoggia a parità di peso è maggiore. Scopo del programma di monitoraggio è stato di verificare l efficienza di conversione delle biomasse utilizzate nei due impianti, misurando: quantità di biomasse solide e liquide caricate (t/giorno); caratteristiche chimiche delle biomasse caricate (solidi totali e volatili, azoto totale); qualità del biogas prodotto; volume di biogas prodotto (Nm 3 /ora): attraverso calcolo induttivo partendo Totale Totale dalla produzione elettrica e considerando un rendimento elettrico dei cogeneratori del 41%. Tutti i parametri rilevati sono stati processati per calcolare i tipici indici di efficienza degli impianti di biogas: potenza elettrica media a pieno carico (kwe), carico organico volumetrico (kg s.v./m 3 /giorno), tempo di ritenzione idraulica (giorni), produzione volumetrica (m 3 biogas/m 3 reattore), resa in metano (Nm 3 /t s.v.), produzione specifica di energia elettrica (kwh/kg s.v.). 43/2013 supplemento a L Informatore Agrario 17

3 Risultati La produzione elettrica dei due impianti è stata costantemente a 1 MW per tutto il periodo di monitoraggio, fatta eccezione per le brevi soste dovute alla normale manutenzione ordinaria. Il carico organico volumetrico della prima fase, è risultato mediamente pari a 1,66 kg s.v./m 3 /giorno in entrambi gli impianti e il metano prodotto, utilizzando le rese assegnate ai prodotti caricati riportate in tabella 2, è risultato pari a m 3 in Speranza 1 e m 3 in Speranza 2. Dall analisi dei dati del periodo si è potuto dedurre, di conseguenza, che le performances produttive dei due impianti sono risultate praticamente identiche e pertanto tutte le differenze che sono state ricavate negli altri periodi possono essere imputate esclusivamente alla differente composizione della dieta. Nella seconda fase i tutoli freschi sono stati utilizzati per 72 giorni, e successivamente l impianto è stato monitorato per altri 40 giorni, ovvero fino al termine dell effetto di produzione prolungata nel tempo del residuo. In tabella 3 e tabella 4 sono riportati i prodotti utilizzati nel secondo periodo, suddivisi per quantità, solidi totali e solidi volatili: complessivamente sono state caricate t e t di matrici organiche nei due impianti, equivalenti a t e t di solidi volatili (tabella 5). La resa in metano del fresco caricato nel periodo monitorato, ricavata per differenza dalla produzione totale e tale da garantire la quantità di metano necessaria al cogeneratore per produrre tutta l energia elettrica generata, è risultata pari a 255 m 3 /t s.v., ovvero 143 m 3 /t t.q. Rapportando la resa in metano alla resa del silomais utilizzato in impianto è emerso un coefficiente di sostituzione (SMeq, Silomais equivalente) pari a 1,36 t/t, ovvero 1 tonnellata di fresco produce il 36% in più di 1 tonnellata di di mais. La degradabilità dei solidi volatili dei due impianti è stata pari al 76,9% in Speranza 1 e al 76,3% in Speranza 2. Al termine del periodo di utilizzo del fresco è stata osservata una produzione marginale del che si è protratta per circa 40 giorni. In tabella 6 sono riportati gli indici di efficienza medi del periodo di monitoraggio. Considerando le percentuali di approvvigionamento da colture dedicate riscontrate nei due impianti e suppo- TABELLA 5 - Valori medi e deviazione standard delle principali caratteristiche delle biomasse usate nella 1ª e 2ª fase Solidi totali Solidi volatili Azoto totale NTK g/kg t.q. % t.q. g/kg t.q. % s.t. mg/kg t.q. % s.t. Letame bovino media 218,7 21,87 181,8 83, ,53 (n. = 5) dev. st. 63,3 6,33 49,3 2, ,0 0,13 Liquame bovino media 82,2 8,22 66,5 80, ,97 (n. = 4) dev. st. 13,2 1,32 11,4 2, ,1 0,55 pulitura media 905,4 90,54 888,9 98,17 905,4 90,54 cereali (n. = 1) dev. st. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. frutta media 103,1 10,31 98,7 95, ,35 (n. = 2) dev. st. 3,2 5,65 5,0 52,48 10,0 0,74 Insilato di triticale media 251,0 25,10 230,2 91, ,42 (n. = 6) dev. st. 3,5 0,35 4,0 0,71 55,7 0,01 Insilato di mais media 334,4 33,44 319,0 95, ,44 (n. = 4) dev. st. 23,5 17,37 23,2 49,25 242,9 0,75 fresco media 588,4 58,84 574,1 97, ,6 0,79 (n. = 82) dev. st. 60,5 6,05 59,1 0,29 372,0 0,01 media 610,0 61,0 607,0 97, ,6 0,79 (n. = 18) dev. st. 74,6 7,46 84,5 0,6 734,0 0,02 n. = numero campioni. n.d. = non disponibile. TABELLA 6 - Principali parametri di monitoraggio e indici di efficienza dei due periodi con utilizzo di fresco e Speranza 1 - Testimone Speranza 2-1 fase fresco 2 fase 1 fase fresco 2 fase Carico organico volumetrico (kg s.v./m 3 /giorno): 1,74 1,58 1,80 1,65 da colture dedicate (%) 47,5 58, ,4 da (%) ,6 19,3 da effluenti (%) 24,5 23,8 23,9 22,7 da altri sottoprodotti (%) 28,0 17,4 26,5 10,6 Tempo di ritenzione idraulico (giorni) Resa media di metano (Nm 3 /t s.v.) Resa metano del (Nm 3 /t s.v.) Resa metano del (Nm 3 /t t.q.) Produzione volumetrica (Nm 3 /m 3 digestore) 0,54 0,50 0,51 0,49 Silomais equivalente (t/t) 1,36 1,56 Produzione elettrica (kwh/giorno) Potenza elettrica media (kw) Efficienza di sistema (kwhe/kg s.v.) 1,26 1,36 1,26 1,35 La resa in metano del fresco caricato nel periodo monitorato nell impianto Speranza 2 è risultata pari a 255 m 3 /t s.v., ovvero 143 m 3 /t t.q. nendo che il fresco possa essere utilizzato per tutta l annualità, l introduzione di questo sottoprodotto potrebbe consentire di ridurre il terreno agricolo utilizzato a colture dedicate da 164 ha per Speranza 1 a 128 haper Speranza 2, con una differenza del 22,1%. Al pari di quanto visto per il periodo di utilizzo del fresco, anche per la terza fase relativa all utilizzo del, sia nella forma di imballato sia co con trinciato di mais (circa 65 giorni a e 35 giorni per verificare l effetto di produzione ritardata), i due impianti sono stati monitorati con la stessa metodologia. In questa fase, la resa in metano del, ricavata per differenza dalla produzione totale, è risultata pari a 285 m 3 /t s.v., ovvero circa m 3 /t. La percentuale di degradazione dei solidi volatili di Speranza 1 è risultata pari al 75,1% (1.373 t di s.v. convertiti in biogas), mentre in Speranza 2 (tesi con tu- 18 supplemento a L Informatore Agrario 43/2013

4 tolo) è risultata pari al 77,4% (1.441 t s.v. convertiti in biogas). L utilizzo di 8,5 t/giorno di (17,7% del COV, carico organico volumetrico, dell impianto) permette di ridurre, nel caso questa dieta fosse estesa all intero anno, la superficie a colture dedicate da 177 ha per Speranza 1 a 149 ha per Speranza 2, con una differenza del 16%. Produzione di biogas L utilizzo in digestione anaerobica del di mais è favorito dalla bassa presenza nella composizione fibrosa di lignina che determina un elevata degradabilità del prodotto, ma con alcune caratteristiche che ne rendono peculiare il suo utilizzo. La velocità di degradazione del dipende in buona sostanza sia dalla pezzatura del prodotto (tanto minore è la pezzatura tanto migliore è la sua degradazione) sia dal tempo di ritenzione idraulico disponibile. Il confronto effettuato all interno del progetto Enercob ha messo in evidenza che un tempo di ritenzione di almeno 90 giorni e una percentuale nel carico organico da fino al 15-20% non comporta problemi di ordine idraulico. La produzione di metano è caratterizzata da un iniziale latenza dovuta principalmente alle esigenze idrolitiche della componente fibrosa caratterizzante il prodotto (circa l 85% della sostanza secca è formata da fibra) e, di contro, da una prolungata produzione al termine del carico: la produzione residuale di metano da è stata osservata fino a circa 30 giorni dal termine del carico del. Le rese in metano sono risultate mediamente pari a Nm 3 /t s.v., ovvero Nm 3 /t di prodotto tal quale. Claudio Fabbri, Mariangela Soldano Crpa, Reggio Emilia Carlo Vanzetti, Angelo Oddenino Cooperativa agricola Speranza Candiolo (Torino) CONFRONTO ECONOMICO TRA 4 POSSIBILITÀ GESTIONALI Dal di mais reddito per la filiera del biogas Il recupero dei tutoli di mais della produzione di granella migliora la produttività della filiera cerealicolo-energetica: aumenta la plv al campo poiché migliora la redditività della coltura e riduce i costi di approvvigionamento di materia prima per il digestore di Claudio Fabbri, Laura Valli, Stefano Pignedoli Il progetto Enercob, i cui risultati tecnici sono stati esposti negli articoli precedenti, ha messo in evidenza la possibilità di utilizzare il di mais come biomassa per la produzione di biogas. Per una quantificazione dell entità del potenziale beneficio derivante dall utilizzazione del di mais occorre un approccio che consideri con attenzione tutta la filiera di produzione energetica, per non rischiare di sottovalutare il contributo alle emissioni di gas serra che possono derivare dalla fase a monte e a valle del processo. In questo lavoro il confronto fra le diverse ipotesi di utilizzazione del è improntato considerando esclusivamente le fasi strettamente attinenti alla produzione-gestione della biomassa, quali: produzione e conservazione della biomassa, gestione del digestato (emissioni in atmosfera dirette e indirette di N 2 O calcolate secondo la metodologia Ipcc (Intergovernmental panel on climate change) La maggior parte dei fattori emissivi e di consumo energetico sono presi utilizzando il modello di calcolo SimaPro e la banca dati Ecoinvent. Sono pertanto escluse dall analisi di impatto, in quanto non comportano differenze fra le diverse filiere, le seguenti fasi: costi di costruzione dell impianto di digestione anaerobica (contenuto energetico delle opere edili e macchine utilizzate per la conversione in biogas); perdite in atmosfera di metano dalle strutture dell impianto di digestione Progetto di ricerca Enercob - Iniziativa svolta e finanziata nell ambito del Programma di sviluppo rurale FEASR 2007/2013 Sfide «Health Check» della Regione Piemonte. Per commenti all articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: Per consultare gli approfondimenti e/o la bibliografi a: 13ia43_7234_web Momento di scarico del dal mezzo impiegato per il trasporto interaziendale: le modalità di movimentazione del prodotto sono importanti per controllare i costi e l impatto ambientale della filiera di sfruttamento del 43/2013 supplemento a L Informatore Agrario 19

5 anaerobica e dalla gestione del digestato in stoccaggio. È stato infine calcolato il ritorno energetico sull investimento energetico, più comunemente noto come EROEI (o EROI), acronimo inglese di Energy returned on energy invested (o Energy return on investment). Matematicamente è il rapporto tra l energia ricavata e tutta l energia spesa per arrivare al suo ottenimento: una fonte energetica con un EROEI inferiore a 1 è energeticamente in perdita. Sono state confrontate 4 distinte filiere di produzione di biogas: solo trinciato di mais (sistema di riferimento); solo fresco; co con trinciato di mais; in rotoballe fasciate. In particolare sono stati utilizzati 3 parametri di valutazione: quantificazione e risparmio di energia primaria: energia fossile per costruire e usare il bene necessario a compiere la relativa operazione; quantificazione e risparmio della CO 2 equivalente: emissione in atmosfera della quantità di CO 2 equivalente all effetto serra dei diversi composti gassosi emessi (CO 2 e N 2 O) e derivante dalla costruzione e dall utilizzo dei diversi beni connessi alle singole filiere; costi di produzione: analisi di dettaglio dei costi di produzione e gestione delle singole biomasse utilizzate per generare l energia elettrica. COSTI DI PRODUZIONE I principali parametri utilizzati per l elaborazione economica sono stati i seguenti: tutti i valori sono considerati utilizzando valori medi di costo di mercato al 2013; tutte le macchine utilizzate sono state analizzate considerando la vita utile (minimo di 8, massimo 15 anni), l operatività massima annuale (da 250 a ore/anno), il valore di recupero (mediamente 15% del valore a nuovo), un coefficiente di riparazione medio del 35% del valore di acquisto a nuovo delle attrezzature ripartito lungo tutto il periodo di vita utile, ore lavoro per manutenzione pari al 5% delle ore lavorate; costo del carburante di 1,05 euro/kg Scenario a di mais Questo scenario fa riferimento ad un impianto di biogas abbinato a un cogeneratore da kwe che viene alimentato utilizzando esclusivamente di mais coltivato su terreni aziendali (rese colturali pari a 52,5 t di trinciato di mais standard: 33% di solidi totali, 4% di ceneri sul secco e BMP (Potenziale biochimico di metanazione) pari a 350 Nm 3 CH 4 /t s.v., ovvero 110 Nm 3 CH 4 /t di tal quale), pari a circa e costo lubrificanti 8 euro/kg; interessi passivi sull investimento per l acquisto dell attrezzatura del 5%; costi di concimi e altri mezzi tecnici a valori medi di mercato 2013; manodopera per tutte le operazioni di lavorazione: 25 euro/ora; oneri accessori per la gestione agricola dei terreni: 100 euro/ha nel caso del silomais, 10 euro/ha con la gestione della filiera di raccolta del ; costo trasporto interaziendale con automezzi attrezzati con «walking floor»: 10 euro/t; affitto/rendita terreno: è stato considerato un costo medio di 800 euro/ha. Tale valore ovviamente può essere molto variabile da zona a zona t/anno di prodotto ( m 3 CH 4 /anno). Sono previste operazioni di aratura, erpicatura, sarchiatura, irrigazione per scorrimento, concimazione azotata con tutto il digestato (efficienza dell azoto applicato pari al 60%), oltre a una concimazione minerale per altri 177 kg N/ha/anno. Scenario a fresco In questo caso l ipotesi è di produrre il 20% del metano con tutoli freschi nei 60 giorni autunnali in cui viene raccolto il TABELLA 1 - Riepilogo del bilancio energetico e delle emissioni di CO 2 equivalente dei 4 scenari analizzati per l utilizzo del di mais a biogas Consumo energetico Emissione CO2 eq mais fresco mais fresco mais fresco kj/m 3 CH 4 g CO 2 eq./m 3 CH 4 g CO 2 eq./kwh netto Macchine per raccolta e trasporti, incluso utilizzo del digestato ,3 39,2 47,1 47,9 Concimi ,0 0,0 0, ,0 0,0 0,0 51,6 0,0 0,0 0,0 Antiparassitari-erbicidi 260,5 0,0 0,0 0,0 14,4 0,0 0,0 0,0 3,9 0,0 0,0 0,0 Sementi 42,9 0,0 0,0 0,0 7,5 0,0 0,0 0,0 2,0 0,0 0,0 0,0 Emissioni in atmosfera da N 2 O + CO 2 da fertilizzanti e digestato 406,8 122,1 115,4 115,4 110,4 33,1 31,3 31,3 Conservazione prodotto 83,5 0,0 87,8 1,874,1 10,0 0,0 10,5 59,7 2,7 0,0 2,9 16,2 Totale ,6 266,6 299,4 351,6 203,9 72,3 81,2 95,4 Differenza rispetto a SR (%) 44,1 30,4 11,1 64,5 60,2 53,2 64,5 60,2 53,2 EROEI 8,1 14,4 11,6 7,3 Nel bilancio sono esclusi i contributi della costruzione dell impianto e delle emissioni fuggitive di metano. In termini di bilancio energetico lo scenario maggiormente conveniente è quello relativo al consumo del fresco ( 44% rispetto al sistema di riferimento), tale utilizzo tuttavia è molto limitato nel tempo. co imballato co imballato co imballato 20 supplemento a L Informatore Agrario 43/2013

6 TABELLA 2 - Riepilogo dei costi di produzione per m3 di metano delle diverse filiere Costo unitario produzione (euro/1.000 m 3 CH 4 ) La differenza più grande tra i costi unitari di produzione di metano rispetto alla filiera che impiega solo di mais è quella della filiera che usa solo imballato: 35,8%. BIOGAS mais fresco co- imballato Macchine per raccolta e trasporti 188,64 362,44 385,40 468,33 Concimi 34,70 Antiparassitarierbicidi 17,81 Sementi 11,21 Rendita o affitto terreno 137,43 Oneri accessori 17,18 42,67 40,30 40,30 Stoccaggio prodotto 6,01 6,32 52,40 Totale 412,98 405,11 432,02 561,03 Differenza rispetto al solo uso dell di mais (%) 1,9 4,6 35,8 TABELLA 3 - Riepilogo dei costi di produzione per ettaro delle diverse filiere Costo unitario produzione (euro/ha) mais (SR) fresco co- imballato (TF) (TI) (TR) Macchine per raccolta e trasporti Concimi 202 Antiparassitarierbicidi 104 Sementi 65 Rendita o affitto terreno 800 Oneri accessori Stoccaggio prodotto Totale 2.404,02 94,94 107,20 139,22 I costi di produzione per ettaro per il trinciato di mais arrivano a euro, considerato anche un costo di affitto di 800 euro, mentre per la raccolta e gestione di 1 ha di i costi di produzione vanno da 95 a 130 euro/ha. mais in granella. Con un BMP di 255 m 3 CH 4 /t s.v. e una produzione per ettaro di 1,57 t di al 60% di sostanza secca, la quantità di fresco necessaria è pari a 451 t/anno, l equivalente della produzione di circa 287 ha a granella di mais. Non vi sono costi colturali e fabbisogni energetici a eccezione di quelli legati alla raccolta e conservazione. Scenario a co Lo scenario ipotizza di sostituire una parte dell alimentazione con co in miscela con trinciato di mais di 2 raccolto. In questo caso l ipotesi è di sostituire il 15% della produzione di metano nei 305 giorni di tempo in cui non è possibile fruire del fresco. La quantità di necessaria è pari a t/anno, l equivalente della produzione di circa ha a granella di mais. Scenario a imballato In questo caso l ipotesi è di sostituire il 20% della produzione di metano nei 305 giorni di tempo in cui non è possibile fruire del fresco. Con questa dose (2.164 t/anno, l equivalente della produzione di circa ha a granella di mais) verrebbe ridotto l utilizzo di silomais per circa t/anno, equivalente a un impegno di superficie di 59 ha. La differenza più significativa valutata per questo scenario è legata alle operazioni meccaniche di imballatura del prodotto, all utilizzo di film di polietilene (circa 2 kg/ballone) necessario alla conservazione e alla struttura per lo stoccaggio. Valutazione del bilancio energetico e della CO 2 equivalente L analisi delle 4 possibili filiere di gestione del di mais per la produzione di biogas, rispetto alla filiera di riferimento a di mais, ha messo in evidenze alcune peculiarità molto importanti (tabella 1): in termini di bilancio energetico lo scenario maggiormente conveniente è quello relativo al consumo del fresco ( 44% rispetto al sistema di riferimento), tale utilizzo tuttavia è molto limitato nel tempo e richiede pertanto l individuazione di soluzioni alternative per la conservazione; nel caso dello scenario con insilamento in rotoballe fasciate, il consumo energetico è il più elevato di tutte le filiere, a causa sia delle operazioni di imballatura vera e propria, ma soprattutto per il consumo relativo alla produzione del film di polietilene necessario; con la soluzione del coinsilamento si sono ottenute ottime performance energetiche grazie all elevata efficacia della pratica e alla predisposizio- ne del a essere acidificato rapidamente. Tale soluzione, tuttavia, è strettamente vincolata dalla compresenza nel periodo di raccolta del mais da granella con mais da trinciare di secondo raccolto; sebbene tutte le filiere analizzate abbiano un indice EROEI positivo (da 7,3 a 14,4), la filiera relativa al imballato è quella a minore efficienza; le emissioni di CO 2 eq dipendono molto dal tipo di filiera, ma sono comunque sempre fortemente influenzate dalle emissioni di protossido di azoto: il fatto che con il silomais la quantità di azoto equivalente da gestire con la distribuzione del digestato sia pari a circa 37 g/m 3 di metano prodotto e che con il sia variabile fra 21 e 23 g/m 3 di metano, congiuntamente al fatto che nelle filiere a non viene imputata l emissione derivante dall utilizzazione dei concimi di integrazione, determina una forte differenziazione nel bilancio globale. Le emissioni di CO 2 eq relative al protossido di azoto passano da 406 g CO 2 eq/m 3 di CH 4 per il sistema di riferimento a 115 g CO 2 eq/m 3 di CH 4 nel caso del ; le emissioni di CO 2 eq rapportate al kwhe netto immesso in rete, infine, passano da 203,9 g CO 2 eq/kwhe del sistema di riferimento a 72,3 g CO 2 eq/kwhe nel caso del fresco, a 81,2 g CO 2 eq/kwhe nel caso del co- e a 95,4 g CO 2 eq/kwhe nel caso del imballato fasciato. 43/2013 supplemento a L Informatore Agrario 21

7 Impatto economico della filiera La possibilità di recuperare i tutoli di mais della produzione di granella consente di migliorare la produttività di tutta la filiera cerealicolo-energetica. Dal lato produttore cerealicolo, questa possibilità consente, con un piccolo intervento sulla meccanizzazione e sui costi energetici, di aumentare la plv al campo migliorando la redditività della coltura. Dal lato trasformatore (produttore di biogas) consente di ridurre i costi di approvvigionamento o limitare la propria pressione sul settore agricolo per gli approvvigionamenti. Per quanto concerne il costo di produzione del metano da silomais (vedi approfondimento) (tabella 2) sono stati individuati valori di circa 412 euro/1.000 m 3, contro 405 euro/1.000 m 3 della filiera a fresco, 432 euro/1.000 m 3 della filiera a co e 561 euro/1.000 m 3 della filiera a imballato. Sui costi di produzione incidono, ovviamente, in modo importante le operazioni di raccolta che sono quasi il doppio di quelle relative al silomais. Le motivazioni sono legate al fatto che la produzione per ettaro di sostanza secca rispetto al trinciato di mais è notevolmente inferiore e pari mediamente a circa 1 t/ha contro le t/ha da trinciato di mais, inoltre la bassa densità volumetrica comporta maggiori costi di trasporto. L utilizzo del fresco, in ogni caso, seppur considerato proveniente da appezzamenti distanti mediamente km dal centro aziendale, ha costi di produzione paragonabili a quelli del trinciato di mais. I costi di produzione per ettaro (tabella 3) mostrano valori dell ordine di euro, considerato anche un costo di affitto di 800 euro, per il trinciato di mais, mentre per la raccolta e gestione di 1 ha di sono stati individuati costi di produzione che vanno da 95 a 130 euro/ha. I costi di trasporto sono l ago della bilancia In definitiva, la filiera di recupero del di mais, analizzata nel progetto di ricerca, ha messo in evidenza ottime performance produttive sia sotto l aspetto del recupero di sostanza organica sia di riduzione dell utilizzazione di terreni agricoli, garantendo al contempo una possibile integrazione di reddito per i cerealicoltori. Le diverse alternative di utilizzazione del e i costi di trasporto hanno impatti ambientali e costi energetico-economici non sempre migliorative rispetto al sistema di riferimento (solo mais), come ad esempio la filiera con imballato, e pertanto il modello organizzativo è fondamentale per garantire il successo della filiera. Claudio Fabbri Laura Valli Stefano Pignedoli Crpa, Reggio Emilia Progetto di ricerca Enercob - Iniziativa svolta e finanziata nell ambito del Programma di sviluppo rurale FEASR Sfide «Health Check» della Regione Piemonte. Per commenti all articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: 22 supplemento a L Informatore Agrario 43/2013

8 ARTICOLO PUBBLICATO SUL SUPPLEMENTO A L INFORMATORE AGRARIO N. 43/2013 A PAG. 16 Dal nel digestore rese in metano molto buone GRAFICO A - Ripartizione del carico organico volumetrico e percentuale di produzione di metano dalle diverse matrici utilizzate nei due impianti durante la 2 a fase di monitoraggio ( fresco) Carico organico volumetrico (% sul totale) Carico organico volumetrico (% sul totale) LetameLiquame pulitura cereali COV Speranza 1 Produzione (%) in Speranza frutta Triticale Loietto e sorgo Insilato mais fresco Produzione di metano dalle diverse matrici (% sul totale) COV Speranza 2 Produzione (%) in metano in Speranza Riepilogo 2 GRAFICO B - Ripartizione del carico organico volumetrico e percentuale di produzione di metano dalle diverse matrici utilizzate nei due impianti durante la 3 a fase di monitoraggio ( ) LetameLiquame pulitura cereali COV Speranza 1 Produzione (%) in Speranza 1 frutta Triticale Loietto e sorgo Insilato mais Produzione di metano dalle diverse matrici (% sul totale) COV Speranza 2 Produzione (%) in metano in Speranza Riepilogo 2

Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità

Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità CORSO SULLE FILIERE AGRI-ENERGETICHE FILIERA BIOGAS C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità Mariangela Soldano Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità

Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità CORSO SULLE FILIERE AGRI-ENERGETICHE FILIERA BIOGAS C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Biogas: i parametri tecnico economici per lo studio di fattibilità Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Qualità delle biomasse di sorgo e triticale e rese in biogas

Qualità delle biomasse di sorgo e triticale e rese in biogas Incontro tecnico Sorgo e triticale da biomassa Qualità e rese energetiche Mercoledì 18 marzo 2015 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 Reggio Emilia di sorgo e triticale e rese in biogas Claudio

Dettagli

Il test BMP applicato ai sottoprodotti: risultati e applicazioni pratiche

Il test BMP applicato ai sottoprodotti: risultati e applicazioni pratiche Il test BMP applicato ai sottoprodotti: risultati e applicazioni pratiche Piacenza 8 marzo 2012 Claudio Fabbri, Mariangela Soldano Centro Ricerche Produzioni Animali Digestione anaerobica: tecnologia di

Dettagli

dr. Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - RE

dr. Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - RE Progetto Equizoo per il riequilibrio dei carichi azotati in provincia di Cremona C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Le frazioni solide separate come valido substrato per la produzione di biogas Cremona, 17

Dettagli

Giornata dimostrativa La fertirrigazione con il digestato Azienda Sperimentale Tadini, Gariga di Podenzano (PC), 27 luglio 2010

Giornata dimostrativa La fertirrigazione con il digestato Azienda Sperimentale Tadini, Gariga di Podenzano (PC), 27 luglio 2010 Giornata dimostrativa La fertirrigazione con il digestato Azienda Sperimentale Tadini, Gariga di Podenzano (PC), 27 luglio 2010 IL DIGESTATO Caratteristiche e norme per l'uso agronomico Lorella Rossi Centro

Dettagli

Liquami e letami suini e produzione di biogas: come ottimizzare l approccio

Liquami e letami suini e produzione di biogas: come ottimizzare l approccio Liquami e letami suini e produzione di biogas: come ottimizzare l approccio Seminario tecnico Suini su lettiera e produzione di biogas Novellara (RE), 11 dicembre 2014 Lorella Rossi, Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Biogas in Italia: situazione e prospettive per il Biometano

Biogas in Italia: situazione e prospettive per il Biometano BIOMETANO per il trasporto Prospettive ed esperienze Biogas in Italia: situazione e prospettive per il Biometano C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Settore

Dettagli

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità per impianti di biogas

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità per impianti di biogas Corso sulle filiere agro-energetiche Sala Auditorium del Comune di Medicina (BO) 9-10 giugno 2010 Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità per impianti di biogas Claudio Fabbri I parametri

Dettagli

Emissioni di gas e odori e produzione di biogas da letame suino

Emissioni di gas e odori e produzione di biogas da letame suino Convegno Opportunità economica per una suinicoltura innovativa e sostenibile Tecnopolo di Reggio Emilia (RE), 25 novembre 2015 Laura Valli, Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA, Reggio Emilia Centro

Dettagli

I parametri tecnico-economici per lo studio di fattibilità

I parametri tecnico-economici per lo studio di fattibilità 1 incontro tavoli di filiera Bologna, 06 dicembre 2007 Il biogas: modello di calcolo a supporto della fattibilità tecnico-economica I parametri tecnico-economici per lo studio di fattibilità Claudio Fabbri

Dettagli

LO STUDIO DI FATTIBILITA' PER IMPIANTI BIOGAS NEL SETTORE AGRO-ZOOTECNICO. Claudio Fabbri

LO STUDIO DI FATTIBILITA' PER IMPIANTI BIOGAS NEL SETTORE AGRO-ZOOTECNICO. Claudio Fabbri Impianti di digestione anaerobica per la produzione di biogas a fini energetici. Applicazione nel settore agricolo e agro-industriale. LO STUDIO DI FATTIBILITA' PER IMPIANTI BIOGAS NEL SETTORE AGRO-ZOOTECNICO

Dettagli

Un mix di qualità garantisce la resa

Un mix di qualità garantisce la resa n. 8/2014 [ SPECIALE BIOGAS ] Terra e Vita 25 Un mix di qualità garantisce la resa [ DI NICOLA LABARTINO*, CLAUDIO FABBRI*, MASSIMO ZAGHI**, SERGIO PICCININI* ] Negli ultimi anni la produzione di biogas

Dettagli

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA. Impianto di codigestione anaerobica di biomasse di origine agricola

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA. Impianto di codigestione anaerobica di biomasse di origine agricola COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA Impianto di codigestione anaerobica di biomasse di origine agricola ALLEGATO 2 Scenario 1 Variante 2 L'ANALISI DI QUESTA VARIANTE PREVEDE LA VENDITA DELL'ENERGIA

Dettagli

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA. Impianto di codigestione anaerobica di biomasse di origine agricola

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA. Impianto di codigestione anaerobica di biomasse di origine agricola COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA Impianto di codigestione anaerobica di biomasse di origine agricola ALLEGATO 4 Scenario 2 Variante 1 L'ANALISI DI QUESTA VARIANTE PREVEDE LA VENDITA DELL'ENERGIA

Dettagli

La valorizzazione del biometano in ambito agricolo: sviluppi e prospettive LE BIOMASSE PER IL

La valorizzazione del biometano in ambito agricolo: sviluppi e prospettive LE BIOMASSE PER IL La valorizzazione del biometano in ambito agricolo: sviluppi e prospettive 7 Novembre 2018 LE BIOMASSE PER IL BIOMETANO E GLI ASPETTI TECNICI DI PROGETTAZIONE E GESTIONE Claudio Fabbri Centro Ricerche

Dettagli

LA PRODUZIONE DI BIOGAS DAGLI SCARTI DELLA GDO: PRIME VALUTAZIONI RIFERITE ALLA REALTÀ PIEMONTESE. P. Balsari D. Cuk

LA PRODUZIONE DI BIOGAS DAGLI SCARTI DELLA GDO: PRIME VALUTAZIONI RIFERITE ALLA REALTÀ PIEMONTESE. P. Balsari D. Cuk LA PRODUZIONE DI BIOGAS DAGLI SCARTI DELLA GDO: PRIME VALUTAZIONI RIFERITE ALLA REALTÀ PIEMONTESE P. Balsari D. Cuk paolo.balsari@unito.it LA POLITICA AMBIENTALE ED ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Direttiva

Dettagli

PARTE PRIMA. Elementi e caratteristiche dei piccoli impianti

PARTE PRIMA. Elementi e caratteristiche dei piccoli impianti Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Marco Arruzza Alessandro Ragazzoni Convenienza economica e fattibilità tecnica di piccoli impianti: alcuni casi di studio PARTE PRIMA Elementi e caratteristiche

Dettagli

Analisi economica degli impianti per la produzione di biogas Opportunità e limiti alla luce dei nuovi incentivi dopo il 2013

Analisi economica degli impianti per la produzione di biogas Opportunità e limiti alla luce dei nuovi incentivi dopo il 2013 Martedì 13 Novembre 2012 Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi economica degli impianti per la produzione di biogas Opportunità e limiti alla luce

Dettagli

LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso

LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso Allevamento suinicolo sostenibile Seminario tecnico LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso Laura Valli, Stefano Pignedoli (CRPA Spa) LCA Tipologia di allevamenti Azienda

Dettagli

Sostenibilità ambientale ed economica nella gestione degli effluenti negli allevamenti di suini Milano, 9 ottobre 2014

Sostenibilità ambientale ed economica nella gestione degli effluenti negli allevamenti di suini Milano, 9 ottobre 2014 Sostenibilità ambientale ed economica nella gestione degli effluenti negli allevamenti di suini Incrementare la produzione di biogas recuperando la frazione solida separata Fabrizio Gioelli (*), Elio Dinuccio,

Dettagli

Gino Magni Bracchitta Mirko Pioneer hi-bred Italia. Le buone conoscenze agronomiche per un biogas fatto bene

Gino Magni Bracchitta Mirko Pioneer hi-bred Italia. Le buone conoscenze agronomiche per un biogas fatto bene Gino Magni Bracchitta Mirko Pioneer hi-bred Italia Le buone conoscenze agronomiche per un biogas fatto bene Biogas in Italia: un settore ancora in crescita 700 600 500 400 300 200 100 0 Numero impianti

Dettagli

Produrre biogas da impianti di piccola e media taglia

Produrre biogas da impianti di piccola e media taglia Produrre biogas da impianti di piccola e media taglia La sostenibilità economica: soli liquami e integrazione con biomasse C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Co-digestione anaerobica di forsu e altre biomasse di scarto: test in continuo in impianto sperimentale

Co-digestione anaerobica di forsu e altre biomasse di scarto: test in continuo in impianto sperimentale Co-digestione anaerobica di forsu e altre biomasse di scarto: impianto sperimentale ECOMONDO 2010 Energia e Ambiente La Ricerca Industriale della Piattaforma regionale alla luce dei futuri Tecnopoli S.

Dettagli

Biogas, potenziale energetico dei cereali autunno-vernini

Biogas, potenziale energetico dei cereali autunno-vernini TESTATE DAL CRPA 19 VARIETÀ DI TRITICALE, 5 DI FRUMENTO E 5 DI ORZO IBRIDO Biogas, potenziale energetico dei cereali autunno-vernini NELLE PROVE, condotte nel 2013 e 2014, l orzo ibrido raccolto nello

Dettagli

Ottimizzare l uso del Digestato in Campo: l approccio integrato utilizzando le analisi del terreno

Ottimizzare l uso del Digestato in Campo: l approccio integrato utilizzando le analisi del terreno Mirko Bracchitta PIONEER HI-BRED ITALIA Key Energy - Rimini 7 Novembre 2013 Ottimizzare l uso del Digestato in Campo: l approccio integrato utilizzando le analisi del terreno Digestato: una risorsa rinnovabile

Dettagli

LE BIOMASSE UTILI ALLA PRODUZIONE DI BIOMETANO

LE BIOMASSE UTILI ALLA PRODUZIONE DI BIOMETANO LE BIOMASSE UTILI ALLA PRODUZIONE DI BIOMETANO Giovanni Fecondo, Paola Tano, Sabina Bucciarelli, Donato Civitella, Elvio Di Paolo Co.T.Ir (Consorzio Tecniche Irrigue) Pescara 26 Giugno 2012 BIOMETANO Il

Dettagli

Biogas/Biometano in Italia: situazione e prospettive

Biogas/Biometano in Italia: situazione e prospettive WORKSHOP IL BIOGAS: SITUAZIONE E PROSPETTIVE IN ITALIA Biogas/Biometano in Italia: situazione e prospettive Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia Lodi 21 giugno 2011 Centro

Dettagli

Valutazione della sostenibilità ambientale delle filiere agricole attraverso l'impronta del carbonio

Valutazione della sostenibilità ambientale delle filiere agricole attraverso l'impronta del carbonio Convegno Impatto ambientale e rese energetiche di filiere zootecniche sostenibili: integrazione tra allevamenti ed agricoltura agro-energetica sostenibilità ambientale delle filiere agricole Laura Valli

Dettagli

Pretrattare la biomassa migliora la digestione

Pretrattare la biomassa migliora la digestione BIOGAS I VANTAGGI DELLA CAVITAZIONE CONTROLLATA Pretrattare la biomassa migliora la digestione di Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Il processo di digestione anaerobica consiste, come noto, in primo luogo

Dettagli

Biogas, l analisi del digestato svela l efficienza dell impianto

Biogas, l analisi del digestato svela l efficienza dell impianto MONITORAGGIO DEL CRPA SU 30 IMPIANTI BIOGAS PER 3 ANNI Biogas, l analisi del digestato svela l efficienza dell impianto di C. Fabbri, M. Garuti, M. Soldano, S. Piccinini La valutazione dell efficienza

Dettagli

Opportunità economiche per una suinicoltura innovative e sostenibile

Opportunità economiche per una suinicoltura innovative e sostenibile Opportunità economiche per una suinicoltura innovative e sostenibile LCA (Life Cycle Assessment) Stefano Pignedoli, Laura Valli (CRPA Spa) LCA Tipologia di allevamenti Azienda convenzionale (liquame) senza

Dettagli

Analisi sulla fattibilità tecnico-economica di impianti di biogas interaziendali

Analisi sulla fattibilità tecnico-economica di impianti di biogas interaziendali Analisi sulla fattibilità tecnico-economica di impianti di biogas interaziendali Nicola Labartino; Fabio Verzellesi; Claudio Fabbri; Sergio Piccinini CRPA, Reggio Emilia Efficienza energetica e rinnovabili

Dettagli

Il ruolo del settore agricolo e agroalimentare italiano nella produzione del biogas-biometano

Il ruolo del settore agricolo e agroalimentare italiano nella produzione del biogas-biometano Il ruolo del settore agricolo e agroalimentare italiano nella produzione del biogas-biometano Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia SEBE : Sustainable and Innovative European

Dettagli

Biogas da sanse e pastazzo d agrumi: risultati di un test in continuo

Biogas da sanse e pastazzo d agrumi: risultati di un test in continuo Biogas da sanse e pastazzo d agrumi: risultati di un test in continuo XV Conferenza Nazionale sul Compostaggio e Digestione Anaerobica Sessione Tecnica Lorella Rossi C.R.P.A. S.p.A. Reggio Emilia Ecomondo

Dettagli

Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - CRPA SpA

Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - CRPA SpA Milano 21 giugno 2012 Sezione AMBIENTE ed ENERGIA il CRPA per le imprese Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali - CRPA SpA CCRPA Lab in sintesi Un ramo aziendale di CRPA dedicato alle imprese

Dettagli

DIGESTIONE ANAEROBICA (BIOGAS) Assistenza tecnica alle imprese. AD-EcoTec DSS

DIGESTIONE ANAEROBICA (BIOGAS) Assistenza tecnica alle imprese. AD-EcoTec DSS DIGESTIONE ANAEROBICA (BIOGAS) Assistenza tecnica alle imprese AD-EcoTec DSS Modello di calcolo a supporto della fattibilità tecnico-economica di impianti per la produzione di biogas Presentazione e finalità

Dettagli

LA VALORIZZAZIONE DEL SOLIDO SEPARATO DI LIQUAMI BOVINI NELLA DIGESTIONE ANAEROBICA

LA VALORIZZAZIONE DEL SOLIDO SEPARATO DI LIQUAMI BOVINI NELLA DIGESTIONE ANAEROBICA LA VALORIZZAZIONE DEL SOLIDO SEPARATO DI LIQUAMI BOVINI NELLA DIGESTIONE ANAEROBICA L ESPERIENZA DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA PO DI LOMBARDIA Flavio Sommariva Specialista SATA ARAL Settore Agronomia

Dettagli

Biogas e sostenibilità: situazione e prospettive

Biogas e sostenibilità: situazione e prospettive Impossibile visualizzare l'immagine. Biogas e sostenibilità: situazione e prospettive CONVEGNO Impianti a biogas da effluenti zootecnici e colture dedicate San Pietro in Casale 8 Febbraio 2013 Sergio Piccinini

Dettagli

Caratteristiche agronomiche delle deiezioni zootecniche sottoposte a digestione anaerobica

Caratteristiche agronomiche delle deiezioni zootecniche sottoposte a digestione anaerobica Corso IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 dicembre 2011 Caratteristiche agronomiche delle deiezioni zootecniche sottoposte a digestione anaerobica Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Biogas/biometano in Italia: situazione e prospettive

Biogas/biometano in Italia: situazione e prospettive Digestione anaerobica e Biogas: Integrazione del reddito o investimento finanziario? Rimini, 11 novembre 2011 Biogas/biometano in Italia: situazione e prospettive Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

L impronta carbonica del latte e della carne bovina: uno studio per le filiere dell Emilia-Romagna

L impronta carbonica del latte e della carne bovina: uno studio per le filiere dell Emilia-Romagna CONVEGNO ambientale dei prodotti: stato dell arte e prospettive 6 Novembre 2015 Sala Tiglio 1 latte e della : uno studio per le filiere dell Emilia-Romagna Laura Valli, Aldo Dal Prà, Teresa Pacchioli,

Dettagli

LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO

LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO LA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO COME COLTURA DEDICATA PER IL BIOGAS M. Caliceti G. Ciuffreda L. Rossi G. Bellettato Attualità della ricerca nel settore delle energie rinnovabili Ancona 17 dicembre 2010 Chi

Dettagli

Reflui, insilati e sottoprodotti, il mix per alte rese in biogas

Reflui, insilati e sottoprodotti, il mix per alte rese in biogas RISULTATI DEL MONITORAGGIO DI DUE IMPIANTI DI BIOGAS Reflui, insilati e sottoprodotti, il mix per alte rese in biogas di Nicola Labartino, Claudio Fabbri, Sergio Piccinini Quella del biogas è stata negli

Dettagli

BIOdry: Analisi e valutazione di dati tratti dall impianto di essiccazione Andretta

BIOdry: Analisi e valutazione di dati tratti dall impianto di essiccazione Andretta Università degli Studi di Udine Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali Info Biogas Montichiari 28/01/2011 BIOdry: Analisi e valutazione di dati tratti dall impianto di essiccazione Andretta proff.

Dettagli

Aspetti di sostenibilità economica e ambientale della filiera del biogas Quale futuro per gli impianti dopo il 2012. economica

Aspetti di sostenibilità economica e ambientale della filiera del biogas Quale futuro per gli impianti dopo il 2012. economica Alessandra Castellini Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Gli Impianti a biogas Valutazioni, impatti esperienze e proposte per il territorio Venerdì 21

Dettagli

LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Mirko Morini, Ph.D.

LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI SISTEMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Mirko Morini, Ph.D. Biomasse: prospettive di uso energetico in Emilia-Romagna e sistemi di calcolo e monitoraggio su GIS 25 Novembre 2010, Bologna LA FILIERA AGRO-ENERGETICA DA COLTURE DEDICATE: ANALISI TERMO-ECONOMICA DI

Dettagli

Tecniche di verifica di efficienza dei trattamenti su biomasse e digestato

Tecniche di verifica di efficienza dei trattamenti su biomasse e digestato L ottimizzazione degli impianti biogas: tecnologie per massimizzare sostenibilità economica e ambientale degli impianti Tecniche di verifica di efficienza dei trattamenti su biomasse e digestato Claudio

Dettagli

USO DI FARINE CONTAMINATE A FINI ENERGETICI (BIOGAS): RISULTATI DI TEST IN CONTINUO IN IMPIANTO PILOTA.

USO DI FARINE CONTAMINATE A FINI ENERGETICI (BIOGAS): RISULTATI DI TEST IN CONTINUO IN IMPIANTO PILOTA. V Congresso Nazionale USO DI FARINE CONTAMINATE A FINI ENERGETICI (BIOGAS): RISULTATI DI TEST IN CONTINUO IN IMPIANTO PILOTA. «LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE» Istituto Superiore di Sanità,

Dettagli

La potenzialità del biometano in Italia

La potenzialità del biometano in Italia La potenzialità del biometano in Italia Convegno Presentazione Progetto Europeo GreenGasGrids Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Comitato Tecnico-Scientifico CIB Rimini 10 Novembre 2011

Dettagli

Impianti di Digestione Anaerobica per produzione di biogas. Studi di fattibilità e sviluppo preliminare dei vostri progetti

Impianti di Digestione Anaerobica per produzione di biogas. Studi di fattibilità e sviluppo preliminare dei vostri progetti Energia ed Ambiente Perché Grazie alla sua esperienza LABOREX può fornire Impianti di Digestione Anaerobica per produzione di biogas Potenza elettrica installata da 100kW a 2MW Studi di fattibilità e sviluppo

Dettagli

il sorgo da biomassa e la barbabietola metanigena: il loro impiego nella digestione anaerobica

il sorgo da biomassa e la barbabietola metanigena: il loro impiego nella digestione anaerobica il sorgo da biomassa e la barbabietola metanigena: il loro impiego nella digestione anaerobica Prof. R. Giovanardi Dott. M. Sandonà Conselve (PD) 9 ottobre 2012 PREMESSA La veloce evoluzione del comparto

Dettagli

La digestione anaerobica del liquame riduce l emissione degli odori e dei gas serra

La digestione anaerobica del liquame riduce l emissione degli odori e dei gas serra Corso IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 dicembre 2011 La digestione anaerobica del liquame riduce l emissione degli odori e dei gas serra Laura Valli Centro Ricerche Produzioni Animali

Dettagli

Analisi economica di impianti per il biogas per potenze crescenti e diete di alimentazione diversificate

Analisi economica di impianti per il biogas per potenze crescenti e diete di alimentazione diversificate Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Alessandro Ragazzoni Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Analisi economica di impianti per il biogas per potenze crescenti e diete di alimentazione diversificate

Dettagli

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas

Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Bologna 13 Novembre 2010 Elementi di valutazione per lo studio di fattibilità di impianti di biogas Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia I parametri di calcolo: caratteristiche

Dettagli

Polo Territoriale di Cremona Attività e risultati dell Osservatorio della Fabbrica della Bioenergia

Polo Territoriale di Cremona Attività e risultati dell Osservatorio della Fabbrica della Bioenergia Polo Territoriale di Cremona Attività e risultati dell Osservatorio della Fabbrica della Bioenergia L Osservatorio di Fabbrica 2 Le linee di attività di Fabbrica sono tre: Ricerca Servizi Osservatorio

Dettagli

Meccanizzazione e tecnologie per il controllo e la sostenibilità dei sistemi agricoli e forestali Alghero 29 maggio 1 giugno 2016 http://www.disaa.unimi.it/ http://sites.unimi.it/agrifood_lcalab/ DIPT.

Dettagli

1000+ Il Biogas.

1000+ Il Biogas. Il Biogas www.biogas.it Cosa sono le biomasse? Per biomasse si intende un insieme di materiali d'origine vegetale, scarti da attività agricole, allevamento o industria del legno riutilizzati in apposite

Dettagli

Opportunità di sviluppo per i piccoli impianti di biogas. Claudio Fabbri. BIOGAS E BIOMETANO: una filiera bioenergetica sostenibile

Opportunità di sviluppo per i piccoli impianti di biogas. Claudio Fabbri. BIOGAS E BIOMETANO: una filiera bioenergetica sostenibile per i piccoli impianti BIOGAS E BIOMETANO: una filiera bioenergetica sostenibile Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 9,30 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

Mercato Italiano del Biogas: stato e prospettive

Mercato Italiano del Biogas: stato e prospettive incontro tavoli di filiera Bologna, 06 dicembre 2007 Mercato Italiano del Biogas: stato e prospettive Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it Biogas in Italia EurObserv

Dettagli

La gestione innovativa e consortile degli effluenti: La realtà di Caraverde Energia

La gestione innovativa e consortile degli effluenti: La realtà di Caraverde Energia La gestione innovativa e consortile degli effluenti: La realtà di Caraverde Energia dr. agr. Giambattista Merigo dr. agr. Giacomo Ruffini Fiera Agricola Zootecnica Italiana - Montichiari (BS) - 2 febbraio

Dettagli

L Arundo donax per la produzione di biogas/biometano. Luca Corno Landriano 27 Giugno 2017

L Arundo donax per la produzione di biogas/biometano. Luca Corno Landriano 27 Giugno 2017 L Arundo donax per la produzione di biogas/biometano Luca Corno Landriano 27 Giugno 2017 GRUPPO RICICLA Arundo donax e digestione anaerobica 3 STEPS 1 prova in batch INPUT 2 prova in CSTR ( V=3 l ) ARUNDO

Dettagli

La valutazione della convenienza a produrre biometano

La valutazione della convenienza a produrre biometano Le tecnologie per il biometano Verona, 3 febbraio 2012 La valutazione della convenienza a produrre biometano Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali www.crpa.it - Reggio Emilia Layout possibile

Dettagli

INNOVAZIONI NELL EFFICIENTAMENTO

INNOVAZIONI NELL EFFICIENTAMENTO POR-FESR 2014-2020 ASSE 1 Ricerca e innovazione Progetto GoBioM Ottimizzazione tecnologica filiera biometano INNOVAZIONI NELL EFFICIENTAMENTO DEL PROCESSO BIOLOGICO Claudio Fabbri, Mirco Garuti, Sergio

Dettagli

Tutolo, sottoprodotto del mais per uso energetico

Tutolo, sottoprodotto del mais per uso energetico CARATTERISTICHE QUALI-QUANTITATIVE DAL CAMPO ALLA TRINCEA Tutolo, sottoprodotto del mais per uso energetico di M. Blandino, M. Calcagno, C. Ferrero, C. Fabbri, C. Vanzetti, A. Reyneri Il mais è la coltura

Dettagli

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB. IL CIB Come rete di diffusione dell innovazione tecnologica

Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB. IL CIB Come rete di diffusione dell innovazione tecnologica Dr. Agr. Guido Bezzi Resp. Area Agronomia CIB IL CIB Come rete di diffusione dell innovazione tecnologica Innovazione Tecnologica al Servizio del Biogas Fatto Bene Fiera Rimini - 12 Febbraio 2015 Il Consorzio

Dettagli

Il biogas: situazione e prospettive in Italia

Il biogas: situazione e prospettive in Italia Impossibile visualizzare l'immagine. Il biogas: situazione e prospettive in Italia INCONTRO Sala Riunioni dell Accademia in Archiginnasio Bologna 7 Maggio 2012 Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

La sostenibilità ambientale dell energia da reflui

La sostenibilità ambientale dell energia da reflui 14 Terra e Vita [ SPECIALE BIOGAS ] n. 43/2013 La sostenibilità ambientale dell energia da reflui [ DI JACOPO BACENETTI, ALESSANDRA FUSI, RICCARDO GUIDETTI, MARCO FIALA ] Rispetto a quella presente nella

Dettagli

La gestione circolare degli effluenti: La realtà di Caraverde

La gestione circolare degli effluenti: La realtà di Caraverde Padenghe sul Garda (BS) 25 gennaio 2019 21 Seminario SATA Bovini La gestione circolare degli effluenti: La realtà di Caraverde dr. agr. Giambattista Merigo - dr. agr. Giacomo Ruffini L agricoltura verso

Dettagli

LA DIGESTIONE ANAEROBICA NEL TRATTAMENTO DELLA FORSU

LA DIGESTIONE ANAEROBICA NEL TRATTAMENTO DELLA FORSU LA DIGESTIONE ANAEROBICA NEL TRATTAMENTO DELLA FORSU Ing. Vita Tedesco Area tecnica ATO-R Torino, 27 aprile 2010 COS E LA DIGESTIONE ANAEROBICA È un processo biologico attraverso il quale in assenza di

Dettagli

Impianti di Digestione Anaerobica per produzione di biogas. Studi di fattibilità e sviluppo preliminare dei vostri progetti

Impianti di Digestione Anaerobica per produzione di biogas. Studi di fattibilità e sviluppo preliminare dei vostri progetti Energia ed Ambiente Perché Grazie alla sua esperienza LABOREX può fornire Impianti di Digestione Anaerobica per produzione di biogas Potenza elettrica installata da 100kW a 2MW Studi di fattibilità e sviluppo

Dettagli

Technical infomation

Technical infomation Technical infomation D4.5 E.G.Facci, S.Drigo, I Bientinesi. Digestione anaerobica: basi Cos è la digestione anaerobica? Fermentazione batterica in assenza di ossigeno di materiali organici Cosa produce?

Dettagli

LO STATO DELL ARTE E LE PROSPETTIVE DEL BIOMETANO. Sergio Piccinini CRPA Lab

LO STATO DELL ARTE E LE PROSPETTIVE DEL BIOMETANO. Sergio Piccinini CRPA Lab 14 MAGGIO 2012 REGGIO GREEN REGGIO GREEN: IL DISTRETTO DEL METANO E DELL EFFICIENZA ENERGETICA Auditorium «Marco Gerra», Reggio Emilia LO STATO DELL ARTE E LE PROSPETTIVE DEL BIOMETANO Sergio Piccinini

Dettagli

Il progetto SEBE e il trend di crescita del biogas in Italia

Il progetto SEBE e il trend di crescita del biogas in Italia CORSO LA FILIERA BIOGAS IL DIGESTATO: caratteristiche, trattamenti e utilizzo agronomico Ferrara, 20 Maggio 2011 Il progetto SEBE e il trend di crescita del biogas in Italia Sergio Piccinini, Nicola labartino

Dettagli

Nelle aree agricole a elevata vocazione

Nelle aree agricole a elevata vocazione TECNICA T IL CRPA MONITORA UN IMPIANTO DI BIOGAS PER 15 MESI Colture dedicate e sottoprodotti per un efficiente codigestione L impianto di codigestione alimentato a colture dedicate e sottoprodotti agroindustriali

Dettagli

INTRODUZIONE. i) Copertura delle vasche di stoccaggio del digestato ii) Valorizzazione del calore

INTRODUZIONE. i) Copertura delle vasche di stoccaggio del digestato ii) Valorizzazione del calore INTRODUZIONE INTRO Nel 2014, circa 1796 impianti di biogas in funzione. EE da biogas fortemente incentivata anche per questo è importante verificare che sia ambientalmente sostenibile. SCOPO i) Valutare

Dettagli

Area Ambiente e Territorio. Avv. Maria Adele Prosperoni

Area Ambiente e Territorio. Avv. Maria Adele Prosperoni Area Ambiente e Territorio Avv. Maria Adele Prosperoni I PROBLEMI DI INQUADRAMENTO GIURIDICO Residui sottoprodotti RIFIUTO PRODOTTO BIOGAS SUBSTRATO DIGESTIONE ANAEROBICA DIGESTATO SCARICO RIFIUTO Utilizzazione

Dettagli

In una fase di particolare crisi dell agricoltura

In una fase di particolare crisi dell agricoltura T PROVE DI LABORATORIO DEL CRPA SULLA SEPARAZIONE SOLIDO/LIQUIDO La separazione del digestato aumenta il potere fertilizzante La digestione anaerobica, modificando le caratteristiche degli effluenti, riduce

Dettagli

INTRODUZIONE. STRATEGIE DI MITIGAZIONE i) Copertura delle vasche di stoccaggio del digestato ii) Valorizzazione del calore

INTRODUZIONE. STRATEGIE DI MITIGAZIONE i) Copertura delle vasche di stoccaggio del digestato ii) Valorizzazione del calore INTRODUZIONE INTRO Nel 2014, circa 1796 impianti di biogas in funzione. EE da biogas fortemente incentivata anche per questo è importante verificare che sia ambientalmente sostenibile. SCOPO i) Valutare

Dettagli

Quando l energia vie dagli effluenti bovini

Quando l energia vie dagli effluenti bovini Quando l energia vie dagli effluenti bovini Le deiezioni prodotte da 160 bovini in produzione, calcola il Crpa, permetterebbero di installare quasi 0,30 kwe per capo e di dare un fatturato annuo di circa

Dettagli

Life CONCLUSIONI. Cycle Analisys per la valutazione economica della sostenibilità ambientale della filiera del biogas in Lombardia

Life CONCLUSIONI. Cycle Analisys per la valutazione economica della sostenibilità ambientale della filiera del biogas in Lombardia Life Cycle Analisys per la valutazione economica della sostenibilità ambientale della filiera del biogas in Lombardia COSA impatto dell intero ciclo di produzione di biogas COME quantificazione della emissioni

Dettagli

Premesse. 1. Trattamenti degli effluenti di allevamento

Premesse. 1. Trattamenti degli effluenti di allevamento Trattamento degli effluenti di allevamento: Perdite di azoto volatile e contenuto residuo nelle frazioni palabile e non palabile dei materiali trattati Premesse Il presente documento tecnico ha lo scopo

Dettagli

L USO DI FARINE NON CONFORMI NEGLI IMPIANTI DI BIOGAS

L USO DI FARINE NON CONFORMI NEGLI IMPIANTI DI BIOGAS Convegno L USO DI FARINE NON CONFORMI NEGLI IMPIANTI DI BIOGAS «Emergenza aflatossine. La filiera del mais, dal controllo alla prevenzione» Zanhotel Europa Bologna, 24 novembre 2015 Rossi L. a, Soldano

Dettagli

Il biometano per l agricoltura toscana: potenzialità, criticità, prospettive. Giorgio Ragaglini, Federico Dragoni

Il biometano per l agricoltura toscana: potenzialità, criticità, prospettive. Giorgio Ragaglini, Federico Dragoni Il biometano per l agricoltura toscana: potenzialità, criticità, prospettive Giorgio Ragaglini, Federico Dragoni LA DIGESTIONE ANAEROBICA IN EUROPA LA DIGESTIONE ANAEROBICA IN EUROPA LA DIGESTIONE ANAEROBICA

Dettagli

Labartino N., Soldano M., Fabbri C. Rossi L., Piccinini S.

Labartino N., Soldano M., Fabbri C. Rossi L., Piccinini S. CONVEGNO XVIII Edizione della Conferenza Nazionale sul Compostaggio e Digestione Anaerobica: Sessione Tecnica 9 novembre 2016 Sala Ravezzi 2, Hall Sud Valutazione di substrati di interesse per la filiera

Dettagli

Naltre matrici: azoto contenuto nelle altre matrici caricate al digestore. per tenere conto delle emissioni in atmosfera nella fase di stoccaggio.

Naltre matrici: azoto contenuto nelle altre matrici caricate al digestore. per tenere conto delle emissioni in atmosfera nella fase di stoccaggio. A LLEGATO IX CARATTERISTICHE DEI DIGESTATI DISCIPLINATI DAL PRESENTE DECRETO E CONDIZIONI PER IL LORO UTILIZZO Il digestato disciplinato dal presente decreto può essere oggetto di utilizzo agronomico rispettando

Dettagli

BIOGAS DA COPRODOTTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO E DA BIETOLA METANIGENA

BIOGAS DA COPRODOTTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO E DA BIETOLA METANIGENA BIOGAS DA COPRODOTTI DELLA BARBABIETOLA DA ZUCCHERO E DA BIETOLA METANIGENA Giuseppe Ciuffreda Sviluppo ed evoluzione della filiera del biogas/biometano La valorizzazione dei energetica di sottoprodotti

Dettagli

IL DIGESTATO E IL SUO VALORE AGRONOMICO

IL DIGESTATO E IL SUO VALORE AGRONOMICO Bondeno e agroenergia: opportunità a confronto Bondeno, 10 ottobre 2009 Un progetto per lo sviluppo delle filiere agro-energetiche aziendali in Emilia-Romagna IL DIGESTATO E IL SUO VALORE AGRONOMICO Paolo

Dettagli

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti a biogas

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti a biogas BIOSONATOR La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti a biogas Principio di funzionamento Il BIOSONATOR è un sistema di trattamento ad ultrasuoni in grado di produrre onde acustiche a bassa frequenza

Dettagli

Le tecnologie per il biometano. Le potenzialità del biometano in Italia

Le tecnologie per il biometano. Le potenzialità del biometano in Italia Le tecnologie per il biometano Fieragricola, Verona, 3 febbraio 2012 Le potenzialità del biometano in Italia Sergio Piccinini Centro Ricerche Produzioni Animali www.crpa.it - Reggio Emilia Produzione di

Dettagli

Separare i solidi dai liquidi migliora la qualità dei liquami

Separare i solidi dai liquidi migliora la qualità dei liquami SPERIMENTAZIONE FACOLTÀ DI AGRARIA DI TORINO - CRPA SU EFFLUENTI ZOOTECNICI Separare i solidi dai liquidi migliora la qualità dei liquami Il trattamento di separazione dei liquami tal quali o post digestione

Dettagli

Filiere agro-energetiche aziendali: casi concreti e indirizzi progettuali

Filiere agro-energetiche aziendali: casi concreti e indirizzi progettuali Filiere agro-energetiche aziendali: casi concreti e indirizzi progettuali Impianto a Biomassa Impianto a Biomassa Si intende per biomassa "la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di

Dettagli

AB GRUPPO INDUSTRIALE

AB GRUPPO INDUSTRIALE AB GRUPPO INDUSTRIALE COGENERAZIONE DA BIOGAS DA DIGESTIONE ANAEROBICA Milano 29 GIUGNO 2010 Ing. Gianluca Airoldi AB ENERGY SPA GRUPPO AB da oltre 25 anni nel settore della cogenerazione. 250 persone

Dettagli

Agrobioenergie: la filiera biogas-biometano G. Ragaglini, F. Dragoni, E. Corneli, E. Bonari

Agrobioenergie: la filiera biogas-biometano G. Ragaglini, F. Dragoni, E. Corneli, E. Bonari Agrobioenergie: la filiera biogas-biometano G. Ragaglini, F. Dragoni, E. Corneli, E. Bonari QUANTO PIACE IL BIOGAS? Biogas in europa: nel 2012 +18% energia elettrica +16% energia termica rispetto al 2011

Dettagli

Prove di produzione di biogas con separato solido di liquami

Prove di produzione di biogas con separato solido di liquami ESPERIENZA REALIZZATA DA COOPERATIVA SAN LORENZO, SOCIETÀ AGRIENERGIA E CRPA Prove di produzione di biogas con separato solido di liquami La separazione solido-liquido dei liquami bovini con delocalizzazione

Dettagli

Biogas: i parametri tecnico economici per la progettazione e l'approvvigionamento

Biogas: i parametri tecnico economici per la progettazione e l'approvvigionamento C.R.P.A. S.p.A. - Reggio Emilia Expo Business Forum Internazionale Termotecnica, Energia, Ambiente. Biogas: i parametri tecnico economici per la progettazione e l'approvvigionamento Claudio Fabbri Centro

Dettagli

Ricerca applicata e innovazione italiana per l ottimizzazione degli impianti biogas

Ricerca applicata e innovazione italiana per l ottimizzazione degli impianti biogas Ricerca applicata e innovazione italiana per l ottimizzazione degli impianti biogas David Bolzonella Dipartimento di Biotecnologie, Università degli Studi di Verona 1 La crescita degli impianti a biogas

Dettagli

Risultati e Buone Pratiche nel settore animale

Risultati e Buone Pratiche nel settore animale Progetto Life Climate ChangER Risultati e Buone Pratiche nel settore animale Maria Teresa Pacchioli, Laura Valli, Aldo Dal Prà Centro Ricerche Produzioni Animali Buone Pratiche per il PSR 15 aprile 2016

Dettagli

Trattamenti del digestato finalizzati all utilizzo agronomico

Trattamenti del digestato finalizzati all utilizzo agronomico CORSO LA FILIERA BIOGAS IL DIGESTATO: caratteristiche, trattamenti e utilizzo agronomico Ferrara, 20 Maggio 2011 Trattamenti del digestato finalizzati all utilizzo agronomico Claudio Fabbri, Sergio Piccinini

Dettagli

Una delle operazioni legate alla

Una delle operazioni legate alla REFLUI, PIÙ RISPARMI COL SISTEMA OMBELICALE L Università di Milano ha messo a confronto questa tecnica con il classico uso del carro-botte spandiliquame di Giorgio Provolo* Una delle operazioni legate

Dettagli