4 EDIZIONE - Novembre 2013 LARIUS RIVISTA DEL CIRCOLO NAUTICO GABBIANO AZZURRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4 EDIZIONE - Novembre 2013 LARIUS RIVISTA DEL CIRCOLO NAUTICO GABBIANO AZZURRO"

Transcript

1 4 EDIZIONE - Novembre 2013 LARIUS RIVISTA DEL CIRCOLO NAUTICO GABBIANO AZZURRO 101

2 CIRCOLO NAUTICO GABBIANO AZZURRO INCARICHI SOCIALI_ CONSIGLIO DIRETTIVO: - Presidente Sangalli Luigi Dario - Segretario -Vice presidente Rivolta Giancarlo - Tesoriere Marazzi Marino Luigi - Consigliere manutenzione Campo boe e spiaggia Mariani Leonardo - Consigliere Comunicazione/Immagine Boffino Francesco - Consigliere Organizzazione Eventi Fossati Domenico - Consigliere Organizzazione Regate/comitato regata La Scala Massimiliano Collegio Probiviri/Revisori dei Conti: - Presidente Colombo Roberto - Probiviro Beretta Giampietro - Probiviro Tramarin Roberto EDITORIALE Vela o Motore due mondi, la stessa passione Giancarlo Rivolta ASSOCIAZIONI Ariel La casa di Ariel Dario Sangalli Pianeta Canoa Dario Sangalli /Michele Gandola Il GEOL: ieri oggi e...domani Michele Gilardoni Embolina un mito del sub Claudio Silva Abbigliamento sociale IL PERSONAGGIO Io, Lariana adottiva Antonia Migliaresi Un grande personaggio e la gondola lariana Dario Sangalli DIARIO DI BORDO La Rosina Dario Sangalli SOMMARIO OLIVETO LARIO Limonta e il lupo attraverso la storia Claudio Rivolta La regata del marrone Fiorenzo Mussi Il Primo Palio delle frazioni Andrea Vigevano EVENTI Coppa Oliveto Lario Roberto Colombo Una giornata in barca...un po special Micaela Racchini 34 VITA DI CLUB Limonta terra di cardinali Francesco Boffino 36 TECNICA Manutenzione del motore entrobordo diesel Domenico Fossati SOCI: STORIE DI GABBIANI Gruppo musicale Binario 440 Fiorenzo Mussi The best of Pescallo Francesco Boffino IL LARIO E LA SUA STORIA Il Poggio di San Martino Giancarlo Rivolta Il Falco della rupe pirata del lago di Como Giancarlo Rivolta TESSILMARE - la storia Margherita Rezzonico CRANCHI - la storia Paola Cranchi Una suggestiva immagine del campo boe di Limonta sotto la neve invernale. 53 GABBIANO POESIA 1

3 Giancarlo Rivolta VELA O MOTORE due mondi, la stessa passione Il mondo della nautica è decisamente diviso in due: vela o motore. Tra le due fazioni, vela e motore appunto, notoriamente non corre buon sangue; si dice che gli uni non sopportino gli altri che ripagano con la stessa moneta. Il velista ama il silenzio, il fruscio del vento sulle vele, le scotte e le manovre per sfruttare l elemento naturale, odia il rumore e le onde fatte dai motoscafi. Il motoscafista d altro canto non capisce come il velista faccia a stare ore sotto il sole in attesa del vento senza potersi muovere; e poi queste barche a vela lente alle quali dare la precedenza costringendo i motoscafi ad impossibili slalom per evitarle, ma soprattutto come fanno ad andare il giro con la barca inclinata di trenta gradi che pare debbano capovolgersi da un momento all altro! C è anche una terza sezione che sono quelli che comprano la barca a vela super attrezzata e poi vanno sempre a motore, ma questa è una storia a parte. Comunque, questa disputa tra vela e motore, io personalmente, ma anche tutto il nostro circolo nautico, l ha risolta. Velisti e motoristi convivono naturalmente, anzi si integrano e si amano. Parlando della mia esperienza personale, chi mi conosce sa che di base sono un velista. Avevo poco più di vent anni quando ho scoperto il lago di Como e la Nautica grazie ad un carissimo amico che oggi è il degno presidente del nostro circolo. Da lì ho sperimentato ogni tipo di imbarcazione giungendo alla vela che è stata mia compagna per decenni. Sono però un ammiratore anche delle barche a motore perché, oltre ai difetti, hanno anche i loro pregi. Se la scelta dovesse essere solo tra le barche a motore mi farei una bella barca dislocante, più lenta ma più comoda e parca nei consumi. Ma i supermotoscafi sono spettacolari. Basta avere il pieno assicurato e loro ti portano ovunque in pochissimo tempo. Immaginiamo di essere a Limonta con poco tempo da dedicare al nostro motoscafo! Bene, possiamo, in poco più di mezz ora andare a prendere l aperitivo con gli amici di Como, poi via per il pranzo a Piona con picnic in barca, un gelato a Menaggio (dove c è un bellissimo pontile di attracco) e ritorno verso casa dove si arriva in tempo per il caffè. Il velista invece parte al mattino con un pò di Tivano, all ora di pranzo cazzeggia senza vento sotto il sole a birra e panini aspettando la Breva che non si sa se arriva e specialmente quando arriva. Arrivata la Breva si sfoga: mano di terzaroli, spy, genoa, fiocco e chi più ne ha più ne metta. Quando torna è sera, dopo avere girato in tondo tutto il pomeriggio, stanco ma soddisfatto. Mia moglie, dopo avere sopportato per anni le mie angherie costringendola a spostarsi continuamente da una parte all altra della barca a vela per le inevitabili virate (sul lago di Como succede ogni dieci minuti), ha sempre sognato una barca su cui prendere il sole senza cazzare, lascare, issare o ammainare nulla. Il giorno che casualmente ha provato un motoscafo ha scoperto la sua vera passione per la nautica, fatta di prendisole, velocità, confort ecc. ecc., ed ha deciso di convertire anche me...e si sa chi comanda normalmente in famiglia! Al Gabbiano Azzurro si può fare, si può essere velisti, motonauti o binautici perché la nostra prima passione è il Lario, e la barca, di qualsiasi tipo sia, è solo il mezzo che ci permette di goderne appieno tutte le bellezze fatte di natura, di paesaggi spettacolari, di paesini che si specchiano nel lago o che, appollaiati a mezza montagna regalano viste da togliere il fiato. Ma la vera passione dei nostri soci, velisti o motonauti che siano è un altra: quella di stare insieme, tra Gabbiani, magari con uscite di flotta sia a vela che a motore, a fare un picnic al tramonto o a fare il bagno. E allora qual è la parola d ordine di noi Gabbiani? Vela? Motore? Vento? Velocità? Niente di tutto ciò. La nostra parola d ordine è Amicizia con la A maiuscola. La nostra passione si sfoga in compagnia, naturalmente in barca, la nostra o ospiti su quella dell amico gabbiano, ma anche in sede o al ristorante, parlando di barche, di gite, di programmi davanti ad un piatto di Missultit o di riso con il persico. Così sono nate le migliori idee, così è nato Larius, che ormai consideriamo una rivista grazie alla passione dei soci che vi si dedicano con estremo interesse per migliorarlo continuamente. In questo numero, oltre alle numerose attività del Circolo, parliamo come al solito anche di soci, di Oliveto Lario ed in particolare di Limonta che è la cittadina che ci ospita e che per noi è il posto più bello del mondo, ma parliamo anche del Lario e della sua affascinante storia. Un ringraziamento particolare al socio Fiorenzo Mussi che ha regalato a Larius la sua veste grafica, rubando tempo al suo lavoro. Grazie anche a tutti i soci che hanno voluto partecipare proponendo articoli da inserire nella nostra bella rivista, ed a quelli che leggono soddisfatti le pagine di Larius. Un grazie a tutti i sostenitori, in primo luogo la Comunità Limontina, che ci confortano con i loro apprezzamenti e ci spronano a continuare. Ed un ringraziamento anche agli sponsor che troverete all interno della rivista come novità di questa edizione, che ci hanno consentito di raddoppiare la tiratura di Larius a costo zero. Per finire buona navigazione a tutti, sia a vela che a motore, in mare, sul lago o nella vita, e che i venti (o i pistoni) vi siano favorevoli. EDITORIALE 2 3

4 Dario Sangalli A.R.I.E.L. La casa di Ariel Alcuni dei nostri lettori sanno già chi è o meglio cos è Ariel. Ariel è una associazione che fa parte del nostro circolo e che si interessa del recupero di barche in legno e che appartengono alla storia ed alle tradizioni del nostro lago, ma capita, talvolta di imbattersi in imbarcazioni che pur non essendo tipiche lariane hanno le stesse caratteristiche e non possono esere abbandonate ad un destino il più delle volte nefasto; pertanto vengono recuperate ed accolte nella casa di Ariel dove vengono custodite e restituite, quando è possibile, alla loro dignità. Abbiamo pertanto deciso di andare a curiosare in casa di Ariel per vedere i furestè (i forestieri) che vi abitano. canottieri di Bellagio (Bellagina), fucina di grandi campioni del remo e della quale,da ragazzo,ho avuto l onore di far parte vogando sul quattro con timoniere; ora queste barche sono state sostituite da quelle più competitive in fibra di carbonio. Proseguendo il nostro giro si incontra,accanto ad una barca lariana, una lancia costruita dai cantieri Archetti di Mont Isola sul lago d Iseo avente le stesse caratteristiche di costruzione delle nostre imbarcazioni in fasciame sovrapposto o klincher, l unica differenza è la ruota di prua più pronunciata e leggermente più larga al baglio. Associazione Recupero Imbarcazione d Epoca Lariana san Francesco dedicata appunto all acqua, che così recita: Laudato si, mi Signore, per sor Acqua, la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta. In fondo al capannone posto tra una lancia lariana, che negli anni 50/60 trasportava i turisti da Sala Comacina all isola ed un motoscafo sempre in legno dei cantieri Giacomo Colombo di Menaggio, (del quale parleremo in un altra occasione),vi è un motoscafo dei cantieri Riva di Sarnico, si tratta di un Riva junior e conserva tutto il fascino dei motoscafi costruiti interamente in mogano negli anni sessanta con tutta l eleganza che Carlo Riva sapeva imprimere a tutte le sue creature; questo modello infatti è del 1962 ed è contrassegnato, così come da tradizione Riva, con il numero 162 (il numero 164 fu acquistato dal re del Pakistan sempre nel 1962). Di Carlo Riva bisogna ricordare che il bisnonno Pietro, maestro d ascia comacino, si trasferì dal lago di Como a Sarnico sul lago d Iseo esportando colà l arte del costruire barche. Per il momento la visita è finita perché non ci sono più ospiti da conoscere ma il bello è anche la gioia della ricerca e della scoperta di nuove barche da ospitare a casa di Ariel e quindi forza ragazzi diamoci da fare. ASSOCIAZIONI All ingresso a darci il benvenuto troviamo la Lena il Dinghi 12 piedi dei cantieri Colombo di Grandate, una lariana che già conosciamo (giornalino dell anno scorso); appena entrati vediamo appese al soffitto due barche da canottaggio costruite dalla ditta SALANI di Firenze, si tratta di un singolo (un solo rematore) e di un doppio (due rematori),lo scafo è costruito in cedro del Libano che le rende molto leggere, appartenevano alla flotta della leggendaria Accanto, sempre dei cantieri Archetti e quindi con le stesse caratteristiche ma con misure maggiori(mt.6,00 di lunghezza x mt 2,20 di larghezza) vi è una grossa lancia a vela con armo tradizionale con randa e fiocco (sloop) e albero in legno abbattibile, alla base del quale una targhetta in ottone riporta la bella preghiera di Il motoscafo Riva junior del Pietro Riva, maestro comacino, si trasferì nel 1842 dal lago di Como a Sarnico sul lago d Iseo. 4 5

5 Dario Sangalli Michele Gandola Pianeta Canoa U na buona alternativa per chi vuole navigare sul lago senza problemi di varo, rimessaggio spese di gestione tutt altro che economiche, è la canoa o il kayak. Un modo più di altri di navigare a contatto con la natura a pelo d acqua e con la possibilità di navigare sotto costa per meglio assaporare i segreti di anfratti e paesaggi sulle rive. Bisogna probabilmente essere un cultore di questa disciplina per meglio esprimere le sensazioni che si provano solcando le acque del nostro Lario da questa prospettiva. Vi invito a questo proposito a leggere o rileggere la poesia pubblicata sul nostro giornalino dell anno scorso dal titolo il segreto degli aironi dove l autrice con grande sensibilità e bravura ci rende partecipi di una affascinate navigazione su un tratto di lago tra San Giovanni e Lezzeno. Da questo racconto traspare un amore da noi condiviso per questo nostro lago che l autrice manifesta anche sul suo blog una terrazza sul Lario che vi invito a visitare. (vedi articolo pagina 14) Scuola di canoa nella baia di Pescallo. Due cuori e...una canoa. BELLAGIO WATER SPORTS Enjoy the Lake from the best possible place,the lake itself... In questa frase si identifica Bellagio Water Sports L obbiettivo di Bellagio Water Sports è di dare la possibilità a tutti coloro che amano la natura, la cultura e lo sport di godere delle bellezze del nostro Meraviglioso Lago di Como in totale relax e sicurezza. L attività in canoa che offriamo è un buon compromesso tra una leggera attività fisica e la possibilità di esplorare le bellezze della nostra area da un punto di vista unico (a circa 10 centimetri dall acqua) e nel pieno rispetto della natura. Quindi un alternativa green adatta a tutti. Diverse tipologie di tour con il costante controllo di un assistente o il semplice noleggio per il canoista più esperto. La forma strutturale dei nostri kayak è studiata per offrire la massima sicurezza ed affidabilità, disponiamo di kayak tipo sit-on-top singoli e doppi corredati da pagaia in fibra di vetro, giubbetto di aiuto al galleggiamento e sacca paraspruzzi per piccoli oggetti. Dal 2013 Bellagio Water Sports ha introdotto il servizio S.U.P. Board (Esclusiva per il Lago di Como). Il S.U.P. (stand up paddle board) è uno sport d acqua di superficie, una variante del surf dove l atleta utilizza una pagaia per muoversi stando in piedi su una tavola di derivazione surfistica. Vi aspettiamo per una pagaiata con i nostri kayak o per una passeggiata sul Lago con le nostre S.U.P. da Marzo ad Ottobre. Per andare in canoa sul lago di Como, o si parte con la canoa sul tetto della macchina, oppure si va a Pescallo, piccola frazione di Bellagio, dove c è la sede del Bellagio Water Sports, associazione che offre la possibilità di noleggiare la canoa, di avere dei road book per sapere dove andare, oppure di avere accompagnatori ed istruttori. Abbiamo chiesto a Michele Gandola, fondatore del Bellagio Water Sports di spiegare come funziona la sua associazione per promuovere il Lago di Como in canoa. ASSOCIAZIONI Let s go paddle&suping Lake Como!!! Tutta la famiglia in gita sulla canoa in totale sicurezza. WEB: PHONE: Follow Bellagio Water Sports on: Facebook; Linkedin;Tripfilms YouTube;Tripadvisored istruttori. Abbiamo chiesto a Michele Gandola, fondatore del La novità 2013: stand up paddle board ovvero passeggiare sul lago con la tavola da surf. 6 7

6 Michele Gilardoni Il GEOL: ieri oggi e...domani P er il G.E.O.L. sembra ieri che l avventura è iniziata, in verità sono passati più di 27 anni da quando alcuni consiglieri della Pro Loco, del gruppo Sportivo e della Comunità San Rocco diedero vita al gruppo Escursionisti Oliveto Lario. Compito principale del gruppo fu mettere assieme ragazzi e adulti delle frazioni per portarli in montagna, con uno spirito di reciproco impegno che ha dato tanto ai ragazzi di allora quanto ha sicuramente gratificato i meno giovani. Dopo anni di lavoro ed alcuni problemi, nel 2003 il gruppo si è costituito come autonomo chiamandosi G.E.O.L. Gruppo Escursionisti Oliveto Lario. Ancor oggi, ogni lunedì nella sede delle associazioni a Limonta il G.E.O.L. cerca sempre di portare avanti la sua missione cioè far vivere le montagne con escursioni e momenti di condivisione che uniscono tutta la popolazione di Oliveto Lario e non solo. Nel 2010, in occasione del 25 anniversario di fondazione (1986), il G.E.O.L. ha deciso di dare alla luce un libro con i 61 migliori itinerari percorsi sulle montagne del nostro lago e di avviare la mostra fotografica. Il libro, realizzato anche grazie al contributo di soci e simpatizzanti, vede le descrizioni delle camminate divise per aree ed ogni escursione è catalogata come TURISTICA (più facile) od ESCURSIONISTICA (più impegnativa). Inoltre sono riportate le altre caratteristiche (partenza, dislivello ) per informare compiutamente il lettore. Il libro (interamente a colori e con cartine ed immagini), è disponibile con un contributo di 12 contattando il gruppo all indirizzo La mostra fotografica è stata allestita nel 2012 presso il Municipio di Oliveto Lario con le migliori immagini tratte dalle escursioni svolte nei 26 anni di attività. L iniziativa, molto faticosa per un gruppo che si basa solo sull impegno di volontari, ha riscontrato comunque la soddisfazione del pubblico tra chi ha riscoperto posti ormai dimenticati nella propria memoria e chi nelle foto si è riscoperto con qualche anno in meno. Il G.E.O.L. inoltre sta portando avanti, da ormai 3 anni, il recupero dei sentieri di Oliveto Lario con la loro pulizia e sistemazione di idonee tabelle segnavia: si è iniziato con i sentieri di Limonta, tanto che lo sforzo ha portato ad avere una cartina aggiornata sui percorsi che si possono seguire nei monti dietro la frazione. Dietro Limonta i principali interventi hanno interessato: la mulattiera che sale a Limontasca e Civenna 2 in un punto dove lo scivolamento a valle di massi e piante rendeva insicuro il passaggio: grazie all intervento di personale qualificato il tratto è stato bonificato il ripristino di alcuni tratti di sentieri non più frequentati da anni per il fastidio dei proprietari dei terreni al passaggio delle persone la ricerca dell antico sentiero di confine tra il feudo di Sant Ambrogio (Limonta) e Bellagio: il sentiero 27, scomparso in un tratto boschivo a causa dell incuria, è stato riportato alla luce, tanto che ora il sentiero permette di fare delle belle passeggiate da Visgnola fino a Civenna ed oltre. Su questo sentiero sono visibili importanti testimonianze come i cippi di confine datati 1763 che segnalavano, appunto, con la lettera B il territorio bellagino e con la L la giurisdizione autonoma di Limonta. Questo progetto, che necessita continuamente dell impegno del G.E.O.L. e di altri amici, si è poi sviluppato anche a Vassena dove, in collaborazione con la squadra antincendio, si sta procedendo a sistemare i tratti di sentiero più devastati. L obiettivo della riscoperta dei nostri sentieri si scontra anche con altri gravi questioni: il bisogno di trovare altri volontari da alternare per la pulizia e sistemazione dei sentieri (almeno 3 volte all anno) la necessità che vengano rifatti interi tratti di mulattiera distrutti (impegno che la nostra associazione non può prendere in autonomia) le acque bianche non canalizzate che, scendendo a valle, rovinano le nostre bellissime mulattiere (anche questo intervento non può essere portato avanti da noi) controversie con i privati sul passaggio dei sentieri, sull impianto delle tabelle segnavia. Insomma, tra problemi e varie difficoltà, il nostro Gruppo continua ad impegnarsi in varie direzioni Per restare aggiornati sulle attività del Gruppo: seguiteci anche su Facebook oppure contattateci al nostro indirizzo di posta elettronica. Ringraziamo il Circolo Nautico Gabbiano Azzurro per l attenzione e lo spazio dedicatoci. Copertina del libro pubblicato nel 2010 da G.E.O.L. - Gruppo Escursionisti Oliveto Lario in occasione del 25 anniversario di fondazione. ASSOCIAZIONI 8 9

7 Claudio Silva EMBOLINA Un mito del sub I l club nacque molti anni fa. Una sera in pizzeria tra una birra e l altra si cominciò a parlare per gioco di fondare un club subacqueo alla buona senza tante pretese con l unico scopo di stare assieme e condividere la nostra grande passione per il lago e le immersioni con altre persone. Il nome embolo una sfida alla paura di tutti i sub: l embolia appunto. Ostruzione di un arteria o di una vena, causata da un corpo estraneo al normale flusso sanguigno, che è denominato embolo. Così dice Wikipedia. Il nostro amico Juan un socio fondatore e grafico di professione realizzò il logo; una bolla d azoto con tanto di maschera, bello e divertente. Non poteva mancare a questo punto un motto altisonante, importante: Usque Ad Finem Et Ultra. Fino Alla Fine e Oltre, preso da una nave militare italiana della seconda guerra. Ora mancava la registrazione del nome per formalizzare la nascita del circolo subacqueo presso un notaio di Como. Dove andare a prendere i soldi per le spese notarili? Aprire il portafoglio forse? Troppo facile a nostro avviso. Andiamo a prenderli in fondo al lago allora! Dopo alcune immersioni non semplici recuperammo i cerchi in lega di un fuoristrada Toyota a 55 metri di profondità. L auto però era su un fianco, due cerchi furono recuperati, per gli altri dovemmo spostare a quote meno impegnative l auto, quasi due tonnellate e mezzo, un lavoraccio credetemi. La vendita ci fruttò Lire , giusto per pagare le spese notarili e una serata con gli amici per festeggiare la nascita dell Embolo Deep Divers Club. Correva l anno 1990, dicembre. Il passo successivo fu l acquisto della barca, indispensabile per scoprire zone nuove non accessibili da riva. Tutto cominciò nell autunno inoltrato del 1991 quando un nostro amico sfogliando Secondamano, settimanale dell usato, si imbatté in una inserzione dove si vendeva a modico prezzo (l acquisto se non ricordo male di Lire ma poi...) una barca di quasi dieci metri di lunghezza predisposta alle immersioni in ottimo stato, pronta all uso e visibile a Legnano. Dopo pochi giorni ci recammo a guardare l oggetto del desiderio, sarà stato l entusiasmo o che altro in breve terminammo l affare. Nel volgere di pochi giorni organizzammo il trasporto non facile date le dimensioni e cosa ancora più importante cercammo un luogo dove depositarla per i lavori di manutenzione. Subito ci rendemmo conto che sarebbe stato lungo, snervante, e... costoso. L entusiasmo era alle stelle quindi partimmo a bomba per completare il lavoro entro primavera, per iniziare la nuova stagione subacquea alla grande. Il tempo passava, ogni giorno qualche nuova sorpresa accoglieva gli indefessi lavoratori, si lavorava con qualsiasi tempo, le ore dopo il lavoro e i fine settimana erano dedicate interamente a lei... Embolina. Chiama il fabbro, chiama il meccanico per il motore, chiama l elettricista per l impianto elettrico, poi il notaio per il costosissimo trapasso di proprietà. Alla fine stremati nel corpo per la fatica ma non domi la barca fu messa in acqua. Altre sorprese ci attendevano poco dopo; una fra tutte il motore, smontato e sostituito tutti i pezzi Embolina, all arrivo in cantiere per le fasi di restauro. - in origine un motore Fiat della Campagnola marinizzato - alla prova in acqua si rivelò un vero chiodo, non c era verso di tenerlo acceso per alcuni minuti senza provocare surriscaldamenti mostruosi, anche il gruppo riduttore/invertitore non scherzava, andava in ebollizione e per raffreddarlo secchiate d acqua per cercare di fermare l inevitabile fusione del tutto. Mettemmo un altra pezza a tutto questo mettendo mano al portafoglio ormai prossimo al collasso sostituendo il motore presso un cantiere di Lezzeno. Il 23 GIUGNO1992, martedì, potemmo compiere la sospirata prima uscita in barca con successivi bagordi a bordo per festeggiare in degno modo il ciclopico lavoro svolto. Ridendo e scherzando sono passati tanti anni, Embolina solca ancora le acque del lago rimanendo sempre la stessa: mi piego ma non mi spezzo potrebbe essere il suo motto. Tante persone sono salite a bordo, con alcune è nata una bella amicizia che dura nel tempo altre ci hanno lasciato per seguire strade diverse. Questa però è un altra storia. Negli anni sono capitati molti fatti simpatici a bordo di Embolina, è bello ricordarli ora a distanza di tempo, uno su tutti. Una sera capitò al rientro da un immersione notturna un problema serio, eravamo in estate per fortuna. È tardi sono già le ventitré, attracchiamo al pontile di Limonta per scaricare le attrezzature. Fatto. Marcia avanti inserita, si porta la barca all ormeggio finalmente. Cavolo il motore gira ma Embolina non vuole muoversi perché mai accidenti? Va be apriamo il cofano motore e sorpresa delle sorprese l asse dell elica è rotto, tranciato in due - il meccanico del cantiere ce l aveva pur detto dei possibili problemi che avrebbe potuto causare quest asse balengo, storto. Naturalmente in questi casi tutti devono andare a casa - è cosa risaputa che gli amici si vedono nel momento del bisogno - e così ci ritroviamo in due poi dopo una telefonata giunge al pontile un terzo amico con ogni genere di attrezzi. Ben presto ci rendiamo conto che c è poco da fare dovremmo lasciare Embolina al pontile e il giorno successivo dopo aver procurato una barca trainare il mostro ferito a Uccio. A questo punto ecco l idea; usiamo i remi perché lasciare Embolina abbandonata per tutta notte non ci piace per niente. Avanti con i remi allora, è stata dura e faticosa Embolina nel campo boe Gabbiano Azzurro. La mitica imbarcazione dell associazione di sub è presente nella baia di Limonta da oltre un ventennio, forse una delle prime imbarcazioni ormeggiate alla boa. la remata ma alle tre del mattino la barca era al sicuro. Il lago ci è stato amico, se si fosse alzato il vento anche uno sbuffo, non l avremmo mai spuntata. Se il guasto fosse capitato quando eravamo sull altra sponda? Non voglio nemmeno pensarci. Alla mattina qualcuno di noi non si è presentato al lavoro, troppo stanco! Ora basta però, ho scritto troppo. Lascio la parola a Giorgio, nostro buon amico e grande subacqueo, anche lui ha qualcosa da raccontare: Incontrai Embolo Deep Divers Club per la prima volta nel web. Ero in caccia di punti d immersioni nuovi nel mio amato Lario e per l appunto il primo passo fu di cercarli in rete. Quello che subito mi piacque del loro sito fu la netta sensazione che le pagine e gli articoli presenti non fossero stati postati per sfoggio, bensì per il gusto della vera condivisione. Il sito di Embolodeepdiversclub è uno scrigno semplice, eppure contiene moltissime informazioni: scoprii che nel caso in cui si trovasse un reperto di pelle, questo può essere trattato con una miscela di olio di ricino e alcool, avendo cura di impregnarlo bene... e che il Coregone ha abitudini gregarie e si mantiene tra la superficie e poche decine di metri di profondità. ASSOCIAZIONI 10 11

8 Tuttavia la parte che lessi senza perdermi manco una virgola fu quella descrittiva delle immersioni: chiara, semplice e sempre pervasa dal medesimo spirito di condivisione. Poi cliccai il classico chi siamo e per tutta risposta ecco apparire un compendio sul perché il lago. È come se incontrando una persona sconosciuta questa, per presentarsi, iniziasse a parlare del perché gli piace il profitterol. Pensai; questi li devo proprio conoscere. E così feci. Ricordo le parole semplici con cui fui accolto sia al telefono sia di persona, i brevissimi convenevoli e soprattutto sul come incominciammo ad annusarci. I sub si muovono in branco e bastano pochi vocaboli per capirsi. Quando poi vidi che anche le loro bombole avevano il fondello tirai un sospiro di sollievo; non ero un reietto. Le sensazioni rimasero buone per tutta la giornata. Quello che più mi rapì e tutt ora mi estasia, fu l arrivo di Embolina 1 al pontile di Limonta. Il borbottio del motore e l incedere lento ma sapiente mi disse tutto. Salirci su questo vascello lacustre mi rimanda a un idea di affetto per il proprio territorio e al desiderio di goderne in modo lento le bellezze. Bellezze che rimangono nonostante tutto l impegno che noi umani profondiamo nel metter mano al creato. Il sito d immersione scelto fu il Lupetto, un camioncino che sembra uscito da un film di De Sica; finì dritto a una curva e ora giace a una cinquantina di metri di profondità in una posizione tale che sembra che stia cercando di voler tornare sulla strada. In acqua il trio di sub era così composto: Claudio, Pier ed io nuovo arrivato. Claudio rimase quasi in silenzio durante lo scarno briefing, in acqua poi Pier disse chiaramente: Claudio apre, Giorgio nel mezzo ed io chiudo. Scendemmo dritti filati ed io fui tenuto sott occhio durante tutta l immersione. Ricordo una grossa carpa in deco seminascosta nelle piante acquatiche, ma soprattutto la sensazione che avevo superato l esame. Ora potevo immergermi con loro. Più tardi scoprii che Claudio si era immerso sull Andrea Doria e Pier sperimentava il trimix come un alchimista d altri tempi. Avevo trovato pane per i miei denti domenicali. A proposito, quando ci torniamo al Lupetto benedetto che non ci siamo più tornati? Abbigliamento sociale Nuovo Abbigliamento sociale giubbetto tecnico con e senza maniche - polo grigia a manica lunga ASSOCIAZIONI Abbigliamento sociale realizzato negli anni precedenti

9 Antonia Migliaresi Io, Lariana adottiva S Sono di origine partenopea ed abito a Silvi Marina in Abruzzo, approdai per la prima volta sul Lario nell estate 2002 non so se casualmente o per destino, certo è che ci sono tornata ogni anno trascorrendovi periodi sempre più lunghi esplorando ogni suo angolo e restandone incantata. Ora, a distanza di undici anni, mi sento più lariana che napoletana. Presa dalla malia del Lario, nel 2004 pensai di aprire un blog dove poter esprimere tutto il mio amore per il magico lago e dove poter invitare i frequentatori a visitare i luoghi che mi erano entrati nel cuore. Non ero esperta d informatica, ma per amore tutto si fa, e m impegnai ad apprenderne i primi rudimenti. Nel giro di poco tempo fui in grado di inaugurare Una terrazza sul Lario all indirizzo: Fui felicemente sorpresa nel ricevere numerosi visitatori tra cui i miei amici di sempre e abitanti del lago che in seguito ho avuto il piacere di conoscere personalmente. Dopo qualche anno iniziai a trascorrere l intera estate sulle rive del lago e feci l abbonamento alla navigazione lariana il cui equipaggio mi accolse a bordo con affetto facendomi sentire in famiglia, lo stesso avvenne a San Giovanni di Bellagio, frazione dove alloggio. Esplorai anche le splendide ed imponenti montagne per poter godere dall alto del panorama. Estate dopo estate mi resi conto che il blog non era sufficiente ad esprimere la mia passione per il lago di Como. E così ebbi l idea di annotare, giorno dopo giorno, le mie escursioni nel territorio, i racconti che gli abitanti mi facevano su come si viveva un tempo, e tracciare il profilo di gente comune che per me rappresentava dei personaggi e, soprattutto, di raccontare la mia passione per questi luoghi. Nacque il mio primo libro Siamo tutti capitani che pubblicai sul sito: Da allora, scrivere ogni estate il libro-diario è diventata una necessaria e piacevole abitudine, il blog di Antonia Migliaresi all indirizzo intitolato Una terrazza sul Lario. soprattutto per l entusiasmo con cui viene accolto dai lettori lariani che divengono sempre più numerosi. Dopo la pubblicazione di Quando il soo el torna indree, Parte-nopea partelaghèe, Da onda a sponda il lago si racconta e Da lago, chiese e monti si allargano orizzonti, sono giunta al sesto diario dal titolo Se le gru fossero solo uccelli che racconta la mia estate 2012 ed è già in programmazione il settimo che racconterà la stagione Sono grata a questo splendido lago che mi ha adottata come sua figlia e dove tornerò ogni estate - lo scorso anno ho fatto anche una scappata d inverno per vedere le montagne innevate - finche avrò un soffio di vita. Vi presento AMOILLARIO, duecento pagine Alcuni libri/diario frutto dell amore di Antonia per il lago di Como. d amore per il lago di Como L ultimo libro di Antonia Migliaresi La copertina dell ultimo libro pubblicato da Anotnia Migliaresi AMOILLARIO raccolta di antiche cartoline e di scritti di diversi personaggi amanti del lago. Fra i numerosi amici di Antonia che hanno partecipato con i loro scritti alla formazione del libro anche il segretario del nostro Circolo Giancarlo Rivolta. Da anni raccolgo cartoline del lago di Como e posso dire di averne una discreta collezione. Sono fermamente convinta che possedere qualcosa che ci appassiona e piace, assuma maggior valore quando si condivide con altre persone che hanno la nostra stessa passione. Ho quindi pensato di condividere la mia raccolta di antiche cartoline del Lario concependo un libro i cui scritti fossero opera di laghèe amanti del proprio territorio o di persone come me, che sul lago non sono nate, ma sono attratte dal suo territorio cui sono indissolubilmente legate. Ho contattato così scrittori ed amici che avessero ricordi, racconti, leggende ed emozioni da raccontare o anche che conoscessero approfonditamente il territorio e la sua storia. In molti mi hanno risposto affermativamente e sono riuscita a pubblicare circa 200 pagine di immagini e scritti che celebrano il lago sotto molteplici aspetti. La lettura, grazie alle persone che hanno collaborato, è quindi varia e spazia per argomenti diversi, in ogni capitolo coinvolge l emozione con cui è stato scritto e la passione per il magnifico lago. Il libro si trova sul sito IL PERSONAGGIO 14 15

10 Dario Sangalli Un grande personaggio e la gondola Lariana Non esiste pubblicazione, guida turistica, sito web o quant altro del lago di Como dove non si parli della ROSINA DI BELLAGIO, ultima rappresentante di una gloriosa flotta di gondole lariane adibite al trasporto nei rimpianti (da molti) anni passati, quando il movimento delle merci sul Lario era affidato alla breva ed al Tivano. Esistono molte pubblicazioni scritte da autorevoli e bravi scrittori (spiccano tra tutti quelli di Lucia Sala, Bellagina doc, che narra la vita quotidiana vissuta nei nostri paesi negli anni che furono) ma anch io, pur non avendone titolo, se non il grande amore per il nostro lago e tutto ciò che lo riguarda, voglio dire qualche cosa. Ho il grande onore di conoscere ed il piacere di rientrare nella schiera dei suoi innumerevoli amici, Gianbattista Barindelli (Giona), ultimo proprietario e capitano della Rosina, uno degli ultimi discendenti dei Barindelli di Loppia dai tempi in cui da ogni parte d Italia bastava appunto scrivere su ogni spedizione barca Barindelli, Como, lago per essere sicuri dell arrivo a destinazione delle merci. Giona vive con la sua bella famiglia in una splendida casa rivolta come la prua di una barca verso il centro lago con una vista spettacolare e arredata con innumerevoli e stupendi quanto unici oggetti che erano parte delle tante gondole appartenute ai Barindelli. Alle pareti fotografie inedite che tutto ti raccontano del lavoro delle gondole, tra tutte spiccano le fotografie di Lorenzo Barindelli (Lorenzin), il papà di Gianni. Da lui Gianni ha appreso l arte del navigare e la passione per le gondole nonché la sua disponibilità nel partecipare alle innumerevoli manifestazioni e sagre popolari organizzate in ogni parte del lago in tutte le stagioni. Ma la cosa più bella è quando Gianni, con il suo solito entusiasmo, narra gli innumerevoli e coinvolgenti avvenimenti che hanno ruotato intorno alla vita delle gondole, iniziando dal nonno Lorenzo, (di cui il padre prese il nome). Del nonno racconta il viaggio a Venezia per recuperare la Rosina, requisita dai Tedeschi durante la guerra, e come la riportò, con varie ed avventurose peripezie, a Loppia trainandola da Venezia lungo il fiume Po con un rimorchiatore, o quando con grande perizia suo padre Lorenzino ha saputo riportare più di una volta la Rosina in porto attraverso le improvvise tempeste che malauguratamente ogni tanto investono in maniera veramente cruenta il lago, oppure ancora ti racconta gli aneddoti dei vari personaggi più o meno importanti, che ha ospitato sulle sue barche. Di Lorenzino va detto che era benvoluto da tutti, così come lo è oggi Gianni, conosceva tutti e ovunque aveva amici, quando c era da uscire con la Rosina non lo fermava nessuno, l amico Gini, del circolo vela di Pescallo ricorda ancora con nostalgia le veleggiate con la Rosina spinta dal Tivano o dalla breva e di come Il Lorenzino manifestava la gioia di stare sulla sua barca e sul suo lago. Gianbattista Barindelli, quando fu insignito della targa di socio onorario del Circolo Nautico Gabbiano Azzurro per il suo gravoso impegno nel mantenimento della Rosina, autentico gioiello storico del Lago di Como. Di Lorenzo Barindelli vi invito a leggere poi qui di seguito le vicende di un suo amico fedele, tra i tanti che ha avuto di amici, sicuramente il più grande, il suo nome era Germano. Sono molti gli aneddoti che si potrebbero raccontare tanti da riempire un infinità di pagine, ma temo di non avere sufficiente capacità per farlo e voglio concludere con un ringraziamento a Gianni Barindelli prima di tutto per l amicizia che mi concede e per la disponibilità che ha avuto anche nei confronti del nostro circolo, ma soprattutto per l impegno notevole sia sotto il profilo economico che per il tempo dedicato a mantenere in vita una fetta importante e insostituibile della nostra storia e che aiuta a far rivivere le nostre tradizioni affinché non vengano dimenticate dalle nuove generazioni. GRAZIE GIONA Germano: per anni sulla tomba del padrone dal quotidiano La Provincia di Lecco Il capitano Giona Barindelli al timone della sua ROSINA. BELLAGIO Germano è un cane anomalo, non scodinzola più di tanto, mantiene un certo distacco e difficilmente fa le feste. Ti guarda con quegli occhi larghi e lucidi, si ferma qualche passo lontano e aspetta sia tu ad avvicinarti per accarezzarlo. Quando chiamano la sua padrona abbaia per avvertirla, e per entrare in casa non si fa problemi ad aprire la porta, sempre accostata per lui. Germano ha quasi diciotto anni, è un cane anziano, e da undici ha perso un amico. Fino a poco tempo fa lo andava a trovare al cimitero, poi a qualcuno la cosa ha dato fastidio, ora non ci va più, gira per il suo regno: la frazione di Loppia a Bellagio. L amico di Germano si chiamava Lorenzino Barindelli, tra le sue braccia era praticamente nato, mangiava con lui al tavolo da pranzo, girava con lui in barca e in camion. Poi il padrone è morto, Germano l ha capito ed ha iniziato ad accompagnare la moglie al cimitero: si fermava davanti alla lapide composto, quasi non volesse sfigurare in quel luogo sacro. Imparata la strada il piccolo Germano ha iniziato a passare, quando capitava, a trovare l amico. Un giorno, un anno fa o poco più, Germano sta male, non riesce a muoversi. Qualcuno lo ha avvelenato con del topicida. Il cane lotta per settimane, a Loppia inizia una processione di parenti e amici che lo vogliono salutare, alla fine si riprende. Però da allora perde parte della vista e l udito, non si muove più dalle strade di Loppia, neppure per andare a trovare l amico sulla tomba. IL PERSONAGGIO 16 17

11 Dario Sangalli La Rosina L unica ancora esistente delle vecchie barche del nonno Lorenzo, la fece costruire nel 1903 nei cantieri Galli di Lecco e le diede il nome di sua figlia Rosa. In origine era senza motore e navigava con la sola vela ed in mancanza di vento ci si aiutava con i lunghi remi ancora visibili sulla Rosina che è stata sempre la preferita dai Barindelli e da sempre soprannominata la negra per il rivestimento protettivo con il carboligno (tintura a base di pece) dello scafo. Nel 1923 fu portata nei cantieri Galli per motorizzarla con un motore Weber Zurich a nafta, durante la guerra, scarseggiando il carburante si usò la nafta dei forni dei prestinai, troppo pesante ed il motore ne risentì, venne cambiato ed ora si trova al Museo della Barca Lariana a Pianello. Nel 1984 lo scafo fu fatto resinare dai cantieri Mostes di Lezzeno. Sul libretto di navigazione della Rosina è indicata una portata di 350 quintali ma ne porta molte di più. Finita la sua carriera di trasporti è rimasta l invitato speciale delle feste padronali e dei principali avvenimenti sul lago. LA GONDOLA LARIANA La gondola Lariana è un imbarcazione storica a vela tipica del lago di Como. Ha forme aggraziate con fiancate tonde e prua slanciata. Si ipotizza una discendenza dalla Liburnica, una nave d epoca romana; avevano in comune la manovrabilità (data dal fondo piatto) e due false chiglie (una a prua e una a poppa) che permettevano di navigare a vela senza scarrocciare troppo. Le dimensioni di progetto dipendevano dal peso che doveva portare e potevano arrivare anche ai 30 metri. In genere i nomi delle imbarcazioni portavano nomi di donna, solo quelle di dimensioni maggiori avevano aggiunto il nome del paese di appartenenza. Queste maestose imbarcazioni servivano al trasporto merci sul lago ma anche, nei periodi di transumanza, allo spostamento di mucche, cavalli, asini ed altri animali da spostare su pendii nell altra sponda del lago. Il trasporto su gondole durò fino verso la metà del 1900, superato poi dal trasporto via terra su autocarri o ferrovia. Uniche due gondole ancora galleggianti sono la Giulia e la Rosina ormeggiate al molo di Loppia (Bellagio) di cui l unica ancora navigante è proprio la Rosina. Giona Barindelli, attuale proprietario e curatore della Rosina, attualmente socio onorario del Circolo Nautico Gabbiano Azzurro, è sempre disponibile ed entusiasta di usare il suo gioiello per manifestazioni culturali, sociali e/o religiose, in quel del lago di Como. L equipaggio della Rosina con il presidente del Circolo Gabbiano Azzurro, Dario Sangalli. La Rosina alla giornata promossa dal Circolo Nautico Gabbiano Azzurro a favore di ragazzi diversamente abili. CLUB AMICI DELLA ROSINA Nel grembo di ariel nasce il club Amici Della Rosina con lo scopo di far conoscere ed aiutare le ultime gondole lariane esistenti sul lago di Como, ed in particolare la ROSINA, unica gondola ancora in attività. Chi volesse dare un contributo di qualsiasi tipo può contattare: DIARIO DI BORDO La Rosina, con la sorella Giulia, all ormeggio nella darsena di Loppia. La Rosina con il suo carico di limontini e prelati alla via del Santuario. La Rosina alla messa del 14 agosto al Santuario del Moletto

12 Claudio Rivolta Limonta e il lupo attraverso la storia Limonta è una terricciuola presso che ascosa fra i castagni al guardo di chi, spiccatosi dalla punta di Bellagio, per navigar verso Lecco, la cerca a mezza costa, in faccia a Lierna. Cominciando dall ottavo secolo, fino agli ultimi tempi che fur tolti i feudi in Lombardia, essa fu sempre soggetta al monastero di S. Ambrogio di Milano; e l Abate fra gli altri titoli avea quello di conte di Limonta. Questo è l incipit del meraviglioso romanzo storico scritto da Tommaso Grossi e pubblicato nel 1834 a Milano, nel quale si narrano gli eventi e le vicissitudini legate a Marco Visconti, signore di Milano. Situata nel 1329, la vicenda si svolge tra Limonta, Milano e il castello di Rosate. Marco Visconti, signore di Milano, ama Bice, la figlia del conte Oldrado del Balzo, che è invece innamorata del cugino di Marco, Ottorino Visconti. La trama delle vicissitudini private si innesta sulle vicende storiche del tempo (la lotta tra Niccolò V e Giovanni XXII, la calata di Ludovico il Bavaro, l assedio di Milano ecc.), ricostruite dall autore sulla scorta delle cronache coeve. Nel racconto emergono, tra gli altri, alcuni personaggi minori tra i quali spiccano per originalità e caratterizzazione, il Lupo, scudiero di Ottorino originario di Limonta ed il Tremacoldo prete-giullare che con la sua satira irriverente e un po blasfema rappresenta la ribellione all ordine costituito fungendo un pochino da anima critica delle vicende e degli intrighi del tempo. Interessante e colorato il ritratto del popolo limontino, largamente descritto nel romanzo dal quale emerge la particolare devozione a S. Ambrogio ed alla chiesa ambrosiana che Oliveto Lario prosegue tutt ora con la tradizione che vuole il Sindaco di Oliveto Lario (dopo l unificazione delle tre frazioni Limonta Vassena ed Onno) alla Santa Messa annuale che si tiene nella Basilica di S. Ambrogio, durante la quale viene rinnovata la cerimonia della consegna dei doni, di solito rappresentati da Olio e castagne per le quali Limonta era ed è rinomata, in memoria delle decime riconosciute al proprio feudatario durante il medio evo e sino alla annessione del feudo di Limonta alla Repubblica Cisalpina avvenuta nel Giova a tal fine ricordare le vicissitudini storiche che fanno di Limonta un singolare esempio di storia medioevale, ricca di eventi che la rendono certamente unica tra le terre lariane; tra l altro va ricordata la donazione di Civenna, Limonta e Campione fatta dall imperatore Lotario nell 835 e confermata da Carlo il Grosso nell anno 880, per cui gli abati del monastero esercitarono in quei luoghi giurisdizione sovrana quali feudatari imperiali. Nei tempi più recenti portò anche il titolo onorifico di imperiale, non tanto per il ricordo dell antica donazione feudale, e del diploma 12 giugno 873 col quale l imperatore Lodovico II prendeva il monastero sotto la sua protezione, quanto per effetto del diploma dell imperatore Leopoldo del 15 aprile 1697 col quale gli venne confermata la donazione e l immunità dei luoghi di Campione, Limonta e Civenna, con la concessione di poter esporre l insegna dell aquila imperiale negli stessi luoghi. Pur tra alterne vicende, il feudo di Limonta costituì per otto secoli un enclave giurisdizionale circondata dal territorio dello Stato di Milano, cioè una specie di microstato semi-indipendente, la cui fine avvenne nell epoca napoleonica, con l annessione della Contea alla Repubblica Cisalpina nel La prima pagina del primo numero del giornalino di Limonta Il Tremacoldo promosso dall indimenticato Sindaco Arnaldo Mondonico nell anno OLIVETOLARIO 20 21

13 Fiorenzo Mussi Questo suo status particolare, la rese terra vivace e vitale, meta di personaggi portatori di nuove idee e di evoluzione socio-culturale di arte e di modernità che però poco hanno scalfito la dura scorza degli abitanti di Limonta, legati a tradizioni antiche ed alla riservatezza tipica dei piccoli borghi e paesi che non hanno mancato di ricordare il lavoro ed i personaggi di Tommaso Grossi, grazie alle Vie titolate alla Contessa Ermelinda (già moglie del Conte del Balzo), ed ai Visconti oltre che alle lapidi poste all ingresso di Villa Manzoni ed al Bivio tra Bellagio Lecco ed il Ghisallo che riprendono le belle parole di Tommaso Grossi. Viene in ultimo naturale ricordare una persona che non molto tempo fa fece del tremacoldo il titolo del quotidiano locale che ha rappresentato, anche se per pochi numeri, il giornale dei Limontini con il quale l amico Arnaldo Mondonico, indimenticato Sindaco di Oliveto Lario, con il consueto entusiasmo e pungente ironia, ha rappresentato il proprio pensiero senza lesinare critiche rimproveri e canzonature rimaste nella memoria dei Limontini. Il primo numero del Tremacoldo, del 12 luglio 2006, citava appunto, nel frontespizio, la figura del tremacoldo al quale Arnaldo si rivolse per raccontare la sua terra e la sua gente. Alla pagina 4 del primo numero del giornalino di Limonta Il Tremacoldo del 2006 si parla anche della nascita del nuovo Campo Boe del Gabbiano Azzurro. Regata del marrone Sabato 19 ottobre grande raduno sulla spiaggia del Circolo per chiudere in bellezza l anno velistico con l ultima regata chiamata, per tradizione, regata del marrone. Quest anno purtroppo non li abbiamo mangiati come gli altri anni anche a causa di quel maledetto Cinipide, il parassita killer che sta distruggendo molti raccolti. Ci siamo tutti rilassati per qualche ora in barca aspettando il vento che, purtroppo, è stato un grande assente. Per fortuna ci ha pensato la neo mamma Marina che, nell attesa, ha cucinato in barca delle mezzemaniche al tonno fantastiche, Grande Marina!!! OLIVETOLARIO Un pannello raffigurante una scena tratta dai racconti inseriti nel romanzo di Tommaso Grossi del

14 Andrea Vigevano Consigliere del Comune di Oliveto Lario con delega per il turismo, lo sport e i rapporti con le associazioni Vicepresidente Gruppo Manzoniano Lucie Grande successo del 1 palio delle Frazioni di Oliveto Lario V enerdì 20, sabato 21 e domenica 22 settembre 2013 si è svolto a Oliveto Lario il 1 Palio delle Frazioni. La manifestazione, organizzata con il Patrocinio del Comune di Oliveto Lario, è stata resa possibile grazie alla preziosa collaborazione di tutte le Associazioni di Oliveto Lario: Circolo Nautico Gabbiano Azzurro, Comunità San Rocco, Gruppo Escursionisti Oliveto Lario, Gruppo Manzoniano Lucie Asd, Le Tre Terre, Oratorio di Limonta, Oratorio di Onno e Team Oliveto Asd. Associazioni che da tempo desideravano organizzare una simile manifestazione che purtroppo, a causa del grande impegno richiesto dal punto di vista organizzativo, veniva sempre rimandata. I numerosi volontari delle Associazioni, si sono prodigati nelle tre giornate per organizzare, assistere e supervisionare le diverse attività di carattere sportivo e non, che hanno composto il nutrito programma, tra cui ricordiamo il torneo di calcetto, giochi senza frontiere, torneo di Burraco e Scala 40, corsa podistica e marcia di regolarità, regata delle Lucie Lui&Lei; queste si sono svolte a turno nelle tre frazioni di Oliveto Lario, Onno, Vassena e Limonta, utilizzando le varie strutture presenti preposte alle singole attività. Molto apprezzata è stata anche la gustosa spaghettata organizzata il sabato sera per tutti i concorrenti a cui hanno potuto partecipare anche parenti e amici e che ha permesso di condividere momenti di gioia e allegria. Al Palio hanno partecipato 3 squadre, una per ciascuna frazione, per un totale di circa novanta partecipanti di tutte le età appartenenti alla relativa frazione come residenti o villeggianti. I componenti delle tre squadre erano distinguibili da delle coccarde colorate: arancioni per la squadra di Onno, gialle per quella di Vassena e infine verdi per quella di Limonta. Durante le varie attività in programma, i concorrenti si sono alternati a secondo delle proprie capacità, caratteristiche fisiche e attitudini, regalando al numeroso pubblico presente a tutte le attività, sia momenti di spettacolo agonistico/sportivo che di puro divertimento. A prescindere dai vari meriti sportivi che hanno visto protagonisti tutti i partecipanti, è importante notare come dalla manifestazione sia emerso il desiderio di trovarsi assieme per partecipare a delle attività utilizzando le varie strutture ricettive presenti nel Comune di Oliveto Lario, Comune caratterizzato da un territorio molto vasto e che per via delle proprie caratteristiche fisiche a volte rende difficile l incontro dei cittadini delle tre frazioni. Per ciascuna attività svolta venivano attribuiti 5 punti alla prima squadra classificata, 3 punti alla seconda e 1 punto alla terza. Al termine delle tre giornate, le tre squadre erano divise soltanto da 2 punti tra una e l altra, indicando un forte equilibrio sportivo tra tutti i partecipanti. Il 1 Palio delle Frazioni ha visto vincere la squadra di Onno, seguita da quella di Vassena e di Limonta. Come si diceva pocanzi, le tre giornate sono state caratterizzate anche da meriti sportivi. Da citare la prova della marcia di regolarità, vinta dalla squadra di Limonta che è giunta al traguardo con uno scarto di soli 19 secondi, caratterizzando una prestazione di altissimo livello agonistico; un plauso va anche all impegno delle ragazze della squadra di Vassena che, dopo una lunga estate di allenamenti, le hanno viste primeggiare nella regata delle Lucie Lui&Lei conquistando le prime tre posizioni. Domenica pomeriggio, ultima giornata di attività, la manifestazione ha ospitato anche la finalissima delle regate delle Lucie per il Trofeo Arnaldo Mondonico a.m. giunto alla sua sesta edizione e che ha visto vincere l equipaggio di Pescate seguito da quello di Oliveto Lario e Vercurago. Anche grazie alla regata delle Lucie, di anno in anno seguita da un numero di fans sempre maggiore, si è potuto avere un foltissimo pubblico che ha letteralmente riempito tutto il lungolago di Onno di fronte al campo di regata, seguendo e incitando i vogatori della regata delle Lucie Lui&Lei, visitando il mercatino di prodotti Alcune fasi della regata Lui&Lei dove sulle Lucie si sono misurati gli equipaggi in coppia delle tre frazioni. Una fase del trofeo Arnaldo Mondonico a.m. In primo piano l imbarcazione di Oliveto Lario che cerca di farsi spazio tra le altre Lucie in gara. Partenza della gara podistica. OLIVETOLARIO 24 25

15 tipici/artigianali presente con i suoi stand già dalla prima mattina e applaudendo a tutti i partecipanti del Palio durante la premiazione che si è svolta sul posto al termine. Premiazione che ha visto consegnare dalle mani del Sindaco di Oliveto Lario, prof. Bruno Polti, e dai Presidenti di tutte le Associazioni che hanno contribuito all organizzazione della manifestazione, un attestato di partecipazione a tutti i concorrenti del Palio. Calato il sipario sul 1 Palio delle Frazioni, le Associazioni si sono già messe al lavoro per iniziare ad organizzare l edizione del prossimo anno, sfruttando un prezioso bagaglio di esperienze acquisite durante le tre giornate della manifestazione, che sicuramente porterà il 2 Palio delle Frazioni a presentare un programma con nuove e più ricche attività e miglioramenti organizzativi a vantaggio di tutta la manifestazione, dei suoi partecipanti e del pubblico. Inoltre si sta lavorando per la realizzazione di un vero e proprio Palio : un trofeo di manifattura locale e di materiali caratterizzanti Oliveto Lario, che verrà passato di anno in anno alle squadre vincitrici della manifestazione. La premiazione dei vincitori della regata delle Lucie intitolata alla memoria dell ex Sindaco di Oliveto Arnaldo Mondonico. Da sinistra: l attuale Sindaco di Oliveto prof. Bruno Polti, la vedova dell ex Sindaco Arnaldo Mondonico sig.ra Luciana Raineri, l equipaggio della Lucia di Pescate che riceve il primo premio (Davide Buffoni e Michael Cordolcini) ed Andrea Vigevano. OLIVETOLARIO Foto d insieme dei vari equipaggi partecipanti alla regata delle Lucie. Il Sindaco si Oliveto Lario prof. Bruno Polti con i rappresentanti delle associazioni che hanno contribuito al risultato positivo del Primo Palio delle Frazioni. Alcune fasi dei giochi del Primo Palio delle frazioni

16 Il Circolo Nautico Gabbiano Azzurro, come le altre associazioni di Oliveto Lario, ha partecipato con alcuni soci volontari alle operazioni necessarie per l organizzazione del Palio delle Frazioni. In particolare il Circolo ha prestato l assistenza alla gare delle Lucie (sia per il trofeo A.M. che per la regata Lui&Lei) svoltasi domenica 22 settembre 2013, preparando il campo di regata con le boe, spostando le Lucie in gara dalle loro sedi a Onno dove si è svolta la competizione e riportando le stesse a gara ultimata. I rappresentanti del Gabbiano Azzurro hanno fatto da giuria con l imbarcazione del presidente Sangalli dando il via alla gara e segnandone l arrivo. Grazie a tutti i soci partecipanti. Calcetto Limonta OLIVETOLARIO Calcetto Onno Alcune fasi di assistenza alla gara delle Lucie di Onno. Le tre squadre delle rispettive frazioni che si sono affrontate nelle partite di calcetto. Calcetto Vassena 28 29

17 Roberto Colombo Coppa Oliveto Lario 2013 I premi pronti per la consegna; il vincitore si aggiudicherà, per il proprio circolo di appartenenza, anche la coppa Oliveto Lario Questa la classifica dei premiati 1 Dehler 34 di La Scala 2 Comet 910 di Girardi/Censi 3 J 24 di Lucchi Sabato 31 agosto si è svolta la tradizionale regata del nostro circolo. Di buon mattino presidente e organizzatori si sono ritrovati sulla spiaggia del circolo per allestire il ricevimento delle iscrizioni. Montati gazebo e tavoli una barca procedeva alla messa in acqua delle tre boe di riferimento lungo il percorso. Anche quest anno la partenza davanti alla sede del circolo tracciava una linea retta in direzione sud fino alla punta di Grumo per poi risalire direzione nord fino alla seconda boa posizionata di fronte alla punta di Pescallo in centro lago. Quattordici le imbarcazioni iscritte. Barche in acqua per le 13 ed ecco arrivare, a onorare l appuntamento, un bel vento di Breva di 15 nodi. I tre squilli di tromba annunciano la partenza del cronometro e subito dopo l ultimo squillo si abbassa la bandiera, tutte le barche già posizionate per la partenza danno inizio a una bellissima panoramica di vele gonfie di bolina che spingono per arrivare alla prima boa. Grazie al buon vento si evidenzia da subito una gara avvincente, sei barche in prima linea alla partenza a inseguire il Deheler 34 di La Scala, che da subito manifesta l intenzione di primeggiare e conservare la coppa. I contendenti non sono da meno e cosi a seguire ci sono nell ordine: Majstrak di Mussi, Turbolenta di Bellotti, Meteor di Alboni, Ellidelli di Picchiattini, Madame Leon di Leone Il secondo giro del percorso sempre sostenuto da un buon vento, evidenziava tattiche ed errori degli equipaggi distanziando e avvicinando le vele fino al traguardo. IL Dehler di La Scala regatava con sicurezza senza errori e si confermava primo consentendo al Gabbiano Azzurro di mantenere la Coppa Oliveto Lario, Bravo Massimiliano!!!. Bravi tutti i partecipanti che alla fine hanno festeggiato con noi sulla spiaggia del circolo la buona riuscita della Manifestazione. La più piccola imbarcazione in gara del socio Claudio Rivolta in coppia col presidente Dario Sangalli. EVENTI Regata in coppia: Ezio Alboni con la moglie Antonella hanno realizzato un risultato di tutto rispetto. Bellissima immagine la contesa della prima boa tra queste barche, la Scala con Dehler, sulla risalita verso la boa a Nord con vento in poppa allungava la distanza dal primo gruppo inseguitore. Alla boa di Pescallo l ingaggio tra Ellidelli di Picchiattini e il Comet 910 di Girardi/Censi dava ulteriore spettacolo e anche qualche attimo di tensione per il rischio collisione; nessuno mollava, e la giuria vista la spettacolarità, tollerava. La premiazione del vincitore della Coppa Oliveto Lario edizione La spiaggia nei preparativi per la partenza. Alcune fasi della partenza di bolina e del bordo di poppa verso Pescallo

18 Micaela Racchini Una giornata in barca un po...special Un gioioso appuntamento che grazie all arrivederci dell anno prima viene in automatico fissato sulla nostra agenda per l estate successiva: la giornata in barca con gli amici del Circolo Nautico il Gabbiano Azzurro I genitori della squadra lissonese che per la prima volta hanno partecipato alla giornata, hanno più volte sottolineato l ospitalità, la serenità e la normalità dell amicizia che ormai lega tutte queste persone. A questo coro si unisce il ringraziamento di tecnici e volontari della società brianzola. Mentre i ragazzi, penso, a loro modo abbiano già generosamente palesato la loro gioia per queste ore Un abbraccio forte e sincero, personale, a tutti i Soci del Circolo Nautico il Gabbiano Azzurro con il rinnovato invito, in giornate ben più fresche, a fare una sciata con noi. EVENTI Arrivati ormai alla sesta edizione, non aspettiamo altro che l OK di Giancarlo che, dopo la consultazione delle mappe metereologiche, ci conferma la presenza del sole La spiaggia di Uccio attrezzata per accogliere i ragazzi diversamente abili della soc. Polisportiva Sole. Le imbarcazioni si preparano a trasportare ragazzi ed accompagnatori per il solito giro turistico sul lago. Quest anno per la prima volta non ci sentiamo solo ospiti, ma amici ancora più veri: i soci del Circolo Nautico hanno risposto infatti ad una richiesta della Polisportiva Sole e invece che offrire il pasto, hanno deciso di adottare un atleta e permettere ad un nostro ragazzo di allenarsi e partecipare alle gare Regionali e Nazionali che Special Olympics organizzerà nella prossima stagione invernale. Così sotto i gazebo messi sulla spiaggia di Limonta paste, insalate, torte salate e dolci, arancini e polpette sono state preparate dalle famiglie della Polisportiva. Il folto gruppo di ragazzi, tecnici, volontari e genitori della società lissonese hanno potuto provare nuove emozioni: ad aspettarci sul pontile soci del Circolo con diverse imbarcazioni che hanno permesso ai partecipanti di scegliere in quale modo fendere le acque del lago: il silenzio della barca a vela o il rumore di quella a motore, il relax al sole sorseggiando una bibita o l adrenalina dei salti, la leggerezza del timone o la forza del volante. Il sole caldo invita anche ad un bagno rinfrescante dopo il pranzo nell acqua pulita del lago, in una sfida di bravura a nuoto tra ragazzi della Polisportiva e soci del Circolo Nautico. La gita 2013 per i ragazzi ha potuto far provare sia il motore che la vela, assecondando tutte le preferenze. Emporio Lario propone per tutti i soci del Circolo Gabbiano Azzurro uno sconto del 10% sulle attrezzature nautiche 32 33

19 Francesco Boffino Limonta terra di Cardinali L a scorsa estate, oltre alla ormai tradizionale celebrazione del Cardinale Gianfranco Ravasi, in occasione della festa della Madonna del Moletto, siamo stati onorati dalla visita del Cardinale Emerito Dionigi Tettamanzi, che ha officiato nella festività del Santo Bernardo. Ora, sappiamo tutti che la storia di Limonta è ricca di riferimenti al legame con la Chiesa. In particolare strettissimo fu quello con l Abbazia di S. Ambrogio di Milano, di cui addirittura Limonta fu per lungo tempo un feudo. Questo solo elemento non bastava tuttavia a spiegare il susseguirsi di presenze di così alti Prelati nel territorio della terricciuola. Abbiamo così scoperto che, oltre alla rete di importanti relazioni del nostro beneamato Parroco, coltivate fin dai tempi del seminario, a promuovere tutte queste visite c è l attività della Signora Franca, strettissima collaboratrice del Card. Ravasi e, in estate, ospite della Comunità Parrocchiale limontina. Per il Card. Ravasi tutto si è svolto come da tradizione, con l antica gondola del nostro socio onorario Giona Barindelli che ha preso a bordo il Cardinale, le Autorità e la Corale Bilacus, per il tragitto dall imbarcadero fino al Santuario e ritorno. Diversamente, per la visita del Cardinale Tettamanzi (che già in qualità di capo della Diocesi Ambrosiana era stato ospite di Limonta nel 2006), Don Marino ha pensato di dare una impronta cordialmente familiare, organizzando oltre all accoglienza degna del personaggio, anche una gita privata in barca alla Madonna del Moletto. E per concretizzare la Sua idea, chi meglio dei Gabbiani poteva essergli di aiuto? Così nel pomeriggio del 18 agosto il possente Wind Rose del nostro Roberto Tramarin ha imbarcato Cardinale e Parroco per condurli prima al Santuario e poi portarli in gita fino al centro lago. Quanti di noi hanno avuto la fortuna di potere essere presenti avranno notato il sincero entusiasmo e la gioia del Cardinale per la gradita sorpresa. Senza volere essere irriverenti, in molti abbiamo avuto la piacevole sensazione di partecipare ad una gita in famiglia con un amabile Vecchio Zio che da tanto tempo non vedevamo. Gratificati dalle parole di ringraziamento indirizzateci, abbiamo rinnovato a Don Marino l impegno ad assisterlo nell organizzare, ed eventualmente gestire, futuri eventi e speriamo che questo possa anche contribuire a rendere più solido il nostro legame con la gente del luogo e con il territorio che ci ospita. Ringrazio di cuore gli amici del Gabbiano Azzurro di Limonta per gli ottimi servizi organizzati in occasione delle visite alla nostra Parrocchia dei cardinali Gianfranco Ravasi al Moletto il 14 agosto e del cardinale Dionigi Tettamanzi il 18 agosto alla festa patronale di Limonta. La sera del 14 è stata la più affollata degli ultimi anni. Arrivo puntuale, lieto e devoto con il comballo al santuario. La benedizione delle barche, spontanea, forse abbisogna di un percorso più agile davanti al prelato benedicente. Molto cari sono stati i signori del motoscafo la domenica 18 che ci hanno traghettati al santuario e fatto godere il giro alla punta di Bellagio con felicità del cardinale Dionigi e di noi suoi accompagnatori. A voi ed a noi auguriamo multos annos. Vostro don Marino La Rosina in viaggio verso il Santuario del Moletto con a bordo le autorità limontine; al centro da sinistra il Sindaco prof. Bruno Polti, il Parroco di Oliveto Don Marino ed il Cardinale Gianfranco Ravasi. L arrivo al Moletto dell imbarcazione del socio Roberto Tramarin con a Bordo oltre al Parroco di Oliveto il Cardinale Dionigi Tettamanzi. Wind Rose, l imbarcazione del socio Roberto Tramarin, messa a disposizione per il trasporto delle autorità religiose nella giornata del 18 agosto La suggestiva Messa del Moletto che ogni anno si celebra la sera del 14 Agosto sia per i fedeli a terra che per le imbarcazioni. Foto di gruppo davanti al bellissimo Santuario della Madonna del Moletto, ospite il cardinale Dionigi Tettamanzi. Il nostro socio Tramarin con a bordo il Cardinale Dionigi Tettamanzi e il nostro Parroco Don Marino. VITA DI CLUB 34 35

20 Domenico Fossati TECNICA Manutenzione del motore entrobordo diesel La manutenzione del motore è un insieme di operazioni preventive che permette di conservare il motore in buono stato di funzionamento e di individuare eventuali guasti. La manutenzione è facilitata se si ha cura di annotare la quantità di carburante acquistata, il numero delle ore di esercizio (per conoscere il consumo di carburante) e le revisioni fatte (in genere il cambio dell olio motore e del relativo filtro, che deve essere fatto ogni 100 ore). ATTENZIONE: Niente è più pericoloso per la meccanica di un intervento che si spinge oltre le conoscenze di chi lo fa. Controlli sul motore Verifiche visive a motore spento. Tensione della carica letta sul voltometro: l ago deve essere vicino al valore nominale della batteria 12 Volt. Assenza di tracce d olio sul motore, sugli accessori, così come nel vano motore. Assenza di ossidazione sui collegamenti elettrici. Controlli con la mano Assenza di tracce di acqua attorno ai raccordi dei tubi e assenza di crepe su questi ultimi. Livello e colore dell olio nel carter del motore. Se appare come maionese, contiene sicuramente dell acqua. Tensione della cinghia dell alternatore, deve flettere circa 1 centimetro spingendo con il pollice della mano. Assenza d acqua nel filtro del carburante. La messa in moto del motore Controlli uditivi. Normale rotazione del motorino di avviamento girando la chiave di accensione. Vibrazione del motore o oscillazione troppo forte al cambio di regime. Vibrazione all asse dell elica al cambio di regime. Controlli olfattivi e visivi Odore di olio caldo e spia pressione olio accesa, spegnere subito il motore. All uscita del tubo di scappamento, emissione di fumo bianco, nero o azzurro. Odore e fumo di scappamento all interno della barca: aerare e cercare la causa lungo il tubo di scappamento. Presenza di gocce d acqua all uscita dell asse dell elica, nello scafo, attorno a un premistoppa. Mancanza d acqua all uscita del tubo di scappamento; fermare il motore. Controllare che le spie pressione olio e alternatore siano spente. INTERVENTI DI MANUTENZIONE Cambio dell olio e del filtro. Per cambiare l olio fate girare il motore fino a quando l olio si riscalda, poi spegnere il motore. Aspirare l olio con una pompa meccanica attraverso l apposito condotto o il tubo contenente l astina del livello. Con la chiave speciale per filtri sbloccate il filtro dell olio poi svitatelo a mano, attenzione alle scolature di olio, usate un recipiente sotto il filtro. Prima di mettere il nuovo filtro lubrificate la guarnizione di gomma con un po d olio. Avvitare a mano il nuovo filtro. Mettere l olio nuovo fino al livello consigliato, avviare il motore e controllare che la spia pressione olio si spenga subito. Verificare anche che il filtro non abbia perdite. Sostituzione della girante della pompa dell acqua di mare Chiudere la valvola della presa a mare. Svitate le viti del coperchio, riponetele con la relativa guarnizione, estraete la girante, pulite il corpo della pompa all entrata e uscita da eventuali impurità. Lubrificare con vaselina la sede per la nuova girante, inserire la girante facendola girare in senso orario, in modo che le palette siano orientate correttamente sin dall inizio. Controllate che le due facce della guarnizione non presentino delle asperità, mettete un po di vaselina poi sistemate il coperchio e stringete le viti sempre una contrapposta all altra. Aprire la presa a mare accendere il motore, verificare che non ci siano perdite d acqua dal coperchio e per il buon funzionamento della pompa deve uscire acqua dal tubo di scappamento. Il motore entro bordo diesel Faryman 27 CV installato sull Alpha 9,50 del

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli