PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Lavoro"

Transcript

1 Registro generale n del 07/08/2014 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro Servizio Lavoro Oggetto Bilancio di Esercizio Accertamento di risorse per il funzionamento dellufficio della Consigliera di Parita sul Cap. 201/E. Direttore dell Area Ferrara Franca Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs n. 82/2005 e s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa; il documento informatico è prodotto, memorizzato e conservato digitalmente ed è rintracciabile nel sistema informativo della Provincia di Prato

2 Determina N del 07/08/2014 Oggetto: Bilancio di Esercizio Accertamento di risorse per il funzionamento dellufficio della Consigliera di Parita sul Cap. 201/E. IL DIRETTORE DI SETTORE PREMESSO CHE il D.Lgs. 469/97 conferisce alle Regioni ed Enti locali funzioni e compiti relativi al collocamento ed alle politiche attive del lavoro; RICHIAMATA la Legge 125/91 relativa alle Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro ; RICHIAMATA la Legge 144/99 che dà disposizioni in materia di attribuzioni di funzioni alle Consigliere di Parità ed il D. Lgs. 196/2000 che disciplina le attività delle Consigliere di Parità; VISTO il D.Lgs. 196/00 che disciplina le attività delle Consigliere di Parità; VISTA la delibera C.P. n. 10 del 2/4/2014 con la quale è stato approvato il Bilancio di Previsione 2014 corredato dalla Relazione Previsionale e Programmatica e Bilancio Pluriennale ; VISTA la deliberazione G.P. n.102 del 2/4/2014 di approvazione del Piano Esecutivo di Gestione Parte contabile, annualità 2014; VISTI inoltre: - la Legge 7 aprile 2014, n. 56 ed in particolare l'art. 1, comma 14 il quale prevede In deroga alle disposizioni di cui all articolo 1,comma 325, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, il presidente della provincia e la giunta provinciale, in carica alla data di entrata in vigore della presente legge, restano in carica, a titolo gratuito, fino al 31 dicembre 2014 per l ordinaria amministrazione, comunque nei limiti di quanto disposto per la gestione provvisoria degli enti locali dall articolo 163, comma 2, del testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni... ; -Il D.Lgs. 267/2000 art. 163, comma 2, che, in relazione alla gestione provvisoria, precisa che "La gestione provvisoria è limitata all'assolvimento delle obbligazioni già assunte, delle obbligazioni derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi e di obblighi speciali tassativamente regolati dalla legge, al pagamento delle spese di personale, di residui passivi, di rate di mutuo, di canoni, imposte e tasse, ed, in generale, limitata alle sole operazioni necessarie per evitare che siano arrecati danni patrimoniali certi e gravi all'ente"; VISTO il Decreto del Presidente della Provincia del con il quale al fine di assicurare continuità all'azione amministrativa, nelle more dell'esame dell'assetto organizzativo complessivo dell'ente e dell'approvazione del piano di ridefinizione degli uffici e delle relative assegnazioni di personale e delle conseguneti disposizioni organizzative che assumerà la nuova dirigenza politica a seguito di riforma dell'ente Provincia prevista dalla L. 7 aprile 2014 n. 56 di confermare l'incarico di Direttore Generale della Provincia di Prato al Segretario Generale Dott. Migani e gli incarichi di direzione già conferiti ai Dirigenti dell'ente fino al 31 dicembre 2014; VISTO il Decreto Interministeriale del 1 Febbraio 2013 a firma del Ministro del Lavoro e dellepolitiche Sociali con delega alle Pari Opportunità di concerto con il Ministro dell'economia e dellefinanze ( Riparto per l'anno 2012 del Fondo Nazionale per l'attività delle Consigliere di parità aisensi dell'art. 18, comma 2, del Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 ), con il quale viene

3 ripartita tra le Regioni e le Province Autonome la disponibilità del Fondo nazionale per l attivitàdelle Consigliere e dei Consiglieri di parità per l anno 2012, e assegnate alla Regione Toscana risorse per Euro ,84; PRESO ATTO dell accordo con le Province del 22 luglio 2004, agli atti del Settore Lavoro e Formazione Continua, dal quale risultano i seguenti criteri di ripartizione della somma assegnata alla Regione Toscana: - Una quota pari a 2/12 è riservata alla Regione Toscana per le attività della Consigliera Regionale di Parità; - Una quota pari a 10/12 deve essere ripartita tra le Province per le attività delle Consigliere Provinciali di Parità con le seguenti modalità: - una quota pari all 80% in parti uguali per ciascuna Provincia; - una quota pari al 20% secondo i seguenti criteri, già adottati dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali per la ripartizione alle Regioni del citato Fondo nazionale, e precisamente: - distribuzione percentuale delle donne in età lavorativa; - distribuzione percentuale delle donne in cerca di occupazione; - distribuzione percentuale donne occupate; VISTO il D.R.T. n del Ripartizione tra le Province delle risorse del Fondo Nazionale per le attività delle Consigliere di Parità per l'anno 2012, che si allega al presente atto, con il quale la Regione Toscana assegna alla Provincia di Prato risorse pari ad 3.026,36 ; VISTO il vigente Regolamento di Contabilità, approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 57 del , ed in particolare l articolo 33 concernente l accertamento delle entrate; RITENUTO pertanto di poter procedere all accertamento di 3.026,36, sul Cap. 201/E Trasferimenti correnti Regionali per Consigliera di Parità del Bilancio di Esercizio 2014; RITENUTA la propria competenza ai sensi del combinato disposto del D.Lgs , n. 267 art. 107 e D.Lgs. del 30/03/01 n. 165 art. 4 comma 2; VISTO l art. 179, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, riferito all accertamento di entrata da perfezionarsi a cura del Dirigente del Settore competente, nonché il comma 3 del medesimo art.179 ai fini dell annotazione nelle scritture contabili; VISTO il parere favorevole espresso dal dirigente del Servizio Finanziario in linea contabile ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. 267/2000; DETERMINA 1. di procedere all accertamento della somma di 3.026,36 sul Cap. 201/E Trasferimenti correnti regionali per Consigliera di Parità del Bilancio di Esercizio 2014 assegnati dalla Regione Toscana con D.D.R.T. n del (Acc.to n. /2014); 2. di trasmettere il presente atto, ai sensi dell art. 179 comma 3 del D.Lgs. 267/00, al Responsabile del Servizio Finanziario, ai fini dell annotazione nelle scritture contabili, secondo i tempi e i modi previsti dal Regolamento di contabilità dell Ente; - di rimandare a successivi atti l assunzione degli impegni finanziari relativi alle somme sopra riportate; La Dirigente del Settore Dott.ssa Franca Ferrara

4

5 ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE n 2839 DEL 07/08/2014 ALLEGATO PROPOSTA LAVORO NUMERO: 14/ DEL: 05/08/2014 OGGETTO: BILANCIO DI ESERCIZIO ACCERTAMENTO DI RISORSE PER IL F UNZIONAMENTO DELLUFFICIO DELLA CONSIGLIERA DI PARITA SUL CAP. 201/E. ============ ================================================================== TP.MOVIMENTO ALTRI DATI ============ ================================================================== ACCERTAMENTO REGIONE TOSCANA IMPORTO MOVIMENTO: 3.026, / PEG : COD DISP.ATTUALE PEG.: 3.515,21 Finanz VR RT VINC. DEST. Equil. 66 TR. CORR. REGIONE TRASFERIMENTI CORRENTI REGIONA LI PER CONSIGLIERE DI PARITA' (V.CAP /2/U) TOTALE ACCERTATO 3.026,36 VISTO POSITIVO DI REGOLARITA' CONTABILE ATTESTANTE LA COPERTURA FINANZIARIA (art. 151 comma 4, art. 153 comma 5 e art. 147 bis comma 1 del D.Lgs. 267/2000)