GABRIELLA PORINO EUROPA: GLI STATI CORSO DI GEOGRAFIA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GABRIELLA PORINO EUROPA: GLI STATI CORSO DI GEOGRAFIA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"

Transcript

1 INVALSI CONTIENE TESTI INFORMATIVI CON QUESITI SUL MODELLO DELLA PROVA NAZIONALE GABRIELLA PORINO 2 LIBRO MISTO PROGETTO EUROPA: GLI STATI CORSO DI GEOGRAFIA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CON ATLANTE INTEGRATO

2

3 GABRIELLA PORINO 2 EUROPA: GLI STATI

4 Coordinamento redazionale Mariangela Griffa Progetto grafico apotema+ (Cologno monzese - MI) Impaginazione Centro Grafi co Meridionale (Napoli) Copertina Gandini & Rendina (Milano) Cartografia Studio Lauti (Bologna) Illustrazioni Rino Zanchetta (Riz) Ricerca iconografica Melania Macchi, Mariangela Griffa Coordinamento prestampa Gianni Dusio Referenze iconografiche Archivio Lattes; istockphoto; Fotolia; Tipsimages I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche) sono riservati per tutti i paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da: AIDRO Corso di Porta Romana,108 - Milano sito web: Per i casi in cui non è stato possibile ottenere il permesso di riproduzione, a causa della diffi coltà di rintracciare chi potesse darlo, si è notifi cato all Uffi cio della proprietà letteraria, artistica e scientifi ca che l importo del compenso è a disposizione degli aventi diritto. Le immagini del testo (disegni e/o fotografi e) che rappresentano marchi o prodotti presenti sul mercato hanno un valore puramente didattico di esemplifi cazione. Questo volume è stato realizzato tenendo conto di quanto stabilito dal D.M. n. 547 del 07/12/1999 ( Gazzetta Ufficiale - Serie speciale n. 51 del 02/03/2000) circa le norme avvertenze tecniche per la compilazione dei libri di testo per la scuola dell obbligo. Nomi e marchi citati sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. Si ringraziano Nicola Mastrodicasa e Giorgio Chitarrini per la consulenza didattica. Proprietà letteraria riservata 2011 S. Lattes & C. Editori SpA - Torino Stampato in Italia - Printed in Italy per conto della casa editrice da STIAV - Calenzano (FI) Prima edizione 2011 ristampa anno

5 PARTE PRIMA L UNIONE EUROPEA UNITÀ 1 Che cos è uno Stato Lezione 1 La differenza fra Stato e Nazione Lezione 2 Gli Stati europei: una storia complicata DALL EUROPA ALL ITALIA Lo Stato Italiano Lezione 3 Le tipologie di ordinamento ATTIVITÀ UNITÀ 2 Gli obiettivi e le istituzione dell UE Lezione 1 Europa unita, perché? APPUNTI DI STORIA Un cammino lungo duemila anni Lezione 2 Gli obiettivi e le politiche dell Unione Europea Lezione 3 Le istituzioni dell Unione Europea FOCUS L euro e la crisi CITTADINANZA L Europa dei diritti Lezione 4 La nascita dell Unione Europea DALL EUROPA ALL ITALIA L Italia in Europa, un opportunità per te ATTIVITÀ PARTE SECONDA GLI STATI EUROPEI UNITÀ 1 La regione iberica Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Spagna: territorio e clima TELEOBIETTIVO La Spagna araba Lezione 3 Spagna: popolazione e città APPUNTI DI STORIA Da grande impero a Stato moderno FOCUS Luoghi comuni III

6 Lezione 4 Spagna: economia Lezione 5 Portogallo: territorio e clima Lezione 6 Portogallo: città ed economia TELEOBIETTIVO Lisbona Lezione 7 Andorra ATTIVITÀ UNITÀ 2 La regione francese e del Benelux Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Francia: territorio e clima APPUNTI DI STORIA Le radici dei nostri valori Lezione 3 Francia: città e popolazione TELEOBIETTIVO Parigi Lezione 4 Francia: economia Lezione 5 Principato di Monaco Lezione 6 Lussemburgo Lezione 7 Belgio: territorio e clima Lezione 8 Belgio: città ed economia Lezione 9 Paesi Bassi: territorio e clima TELEOBIETTIVO Difendersi dal mare Lezione 10 Paesi Bassi: città e popolazione TELEOBIETTIVO Amsterdam Lezione 11 Paesi Bassi: economia ATTIVITÀ UNITÀ 3 La regione germanica Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Germania: territorio e clima APPUNTI DI STORIA La nascita di una nazione TELEOBIETTIVO La Romantische Strasse Lezione 3 Germania: città e popolazione Lezione 4 Germania: economia IV INDICE

7 Lezione 5 Svizzera: territorio e clima Lezione 6 Svizzera: città ed economia Lezione 7 Austria: territorio e clima TELEOBIETTIVO Vienna Lezione 8 Austria: popolazione e città Lezione 9 Austria: economia Lezione 10 Liechtenstein ATTIVITÀ UNITÀ 4 La regione britannica Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Regno Unito: territorio e clima APPUNTI DI STORIA Democrazia e imperialismo Lezione 3 Regno Unito: città e popolazione TELEOBIETTIVO Londra FOCUS Gli inglesi, inventori di sport Lezione 4 Regno Unito: economia Lezione 5 Irlanda: territorio e clima Lezione 6 Irlanda: città ed economia CITTADINANZA La questione irlandese ATTIVITÀ UNITÀ 5 La regione scandinava Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Svezia: territorio e clima Lezione 3 Svezia: città e popolazione CITTADINANZA Che cos è la socialdemocrazia Lezione 4 Svezia: economia APPUNTI DI STORIA I Vichinghi, uomini del nord Lezione 5 Norvegia: territorio e clima TELEOBIETTIVO Il grande nord Lezione 6 Norvegia: città ed economia INDICE V

8 Lezione 7 Finlandia: territorio e clima Lezione 8 Finlandia: città ed economia Lezione 9 Islanda: territorio e clima Lezione 10 Islanda: città ed economia ECOGEO La caccia alla balena Lezione 11 Danimarca: territorio e clima Lezione 12 Danimarca: città ed economia ATTIVITÀ UNITÀ 6 L Europa centro-orientale Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Polonia: territorio e clima Lezione 3 Polonia: città ed economia APPUNTI DI STORIA Mai più Auschwitz! Lezione 4 Repubblica Ceca TELEOBIETTIVO Praga Lezione 5 Slovacchia Lezione 6 Ungheria TELEOBIETTIVO La Perla del Danubio Lezione 7 Romania: territorio e clima Lezione 8 Romania: città ed economia ATTIVITÀ UNITÀ 7 I Balcani e il Mediterraneo orientale 196 Lezione 1 I Balcani: la carta ci dice Lezione 2 Il Mediterraneo orientale: la carta ci dice APPUNTI DI STORIA I Balcani: una storia travagliata Lezione 3 Slovenia Lezione 4 Croazia Lezione 5 Serbia Lezione 6 Bosnia-Erzegovina Lezione 7 Macedonia Lezione 8 Montenegro VI INDICE

9 Lezione 9 Albania Lezione 10 Bulgaria Lezione 11 Grecia: territorio e clima TELEOBIETTIVO Le isole della Grecia APPUNTI DI STORIA Le nostre origini Lezione 12 Grecia: città ed economia Lezione 13 Turchia: territorio e clima Lezione 14 Turchia: popolazione e città TELEOBIETTIVO Istanbul Lezione 15 Turchia: economia Lezione 16 Malta Lezione 17 Cipro ATTIVITÀ UNITÀ 8 La regione russa Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 Russia: territorio e clima APPUNTI DI STORIA La grande Russia TELEOBIETTIVO La Russia asiatica Lezione 3 Russia: città e popolazione TELEOBIETTIVO Mosca Lezione 4 Russia: economia Lezione 5 Ucraina: territorio e clima Lezione 6 Ucraina: città ed economia Lezione 7 Bielorussia Lezione 8 Repubblica Moldova (Moldavia) Lezione 9 Estonia Lezione 10 Lettonia Lezione 11 Lituania ATTIVITÀ Prove Invalsi di italiano INDICE VII

10 Il libro continua online Approfondimenti Parte prima - L Unione Europea Unità 2 Gli obiettivi e le istituzione dell UE I tipi di Costituzioni europee La bandiera dell Unione Europea I trattati: Schengen, Maastricht, Nizza, Lisbona Parte seconda - Gli Stati europei Unità 1 La regione iberica Tra Europa e Africa: gli Stati del Mediterraneo Paradisi fiscali: Andorra, San Marino, Liechtenstein Unità 2 La regione francese e del Benelux BENELUX: un nome misterioso Una città di bellezze: il Louvre Unità 3 La regione germanica Un popolo libero: gli Svizzeri Unità 4 La regione britannica Gran Bretagna o Inghilterra? I perché di una differenza Un viaggio nelle meraviglie dell Irlanda Unità 5 La regione scandinava Vivere nel nord Europa Il petrolio e il Mare del Nord Unità 6 L Europa centro-orientale Repubblica Ceca e Slovacchia: divisi è meglio che uniti? Solidarnosc Un pezzo di Roma all Est: la Romania 7 I Balcani e il Mediterraneo orientale Cipro, tra Grecia e Turchia La tragedia dell ex Iugoslavia: come si è arrivati ai nuovi Stati balcanici Unità 8 La regione russa La Russia asiatica: non più Europa ma non del tutto Asia La divisione dell URSS e la dissoluzione del blocco orientale Le repubbliche baltiche: un mondo rinato VIII

11 Espansioni Interrail. Idee e strumenti per viaggiare Il bel Danubio blu: un fiume tra storia, folklore e musica Le bandiere europee: origine e significato Gli inni nazionali Viaggiare in Europa con Google Earth Letteratura di viaggio Una discesa nel Maelstroem (E. A. Poe) La tregua (P. Levi) Viaggiare in Europa: il Baedeker La parola all esperto Il futuro dell Unione Europea Turchia sì, Turchia no? e sulla L.I.M. per la classe Lo sfoglialibro: tutto il libro sfogliabile, navigabile e attivabile. Dallo sfoglialibro si potrà accedere a queste lezioni per la L.I.M. Parte prima - L Unione Europea La formazione dell Unione Europea La riunificazione della Germania e il crollo della cortina di ferro Parte seconda - Gli Stati europei Unità 1 La regione iberica Lezione 1 La carta ci dice Unità 2 La regione francese e del Benelux Lezione 1 La carta ci dice Unità 3 La regione germanica Lezione 1 La carta ci dice Unità 4 La regione britannica Lezione 1 La carta ci dice Unità 5 La regione scandinava Lezione 1 La carta ci dice Il sole di mezzanotte Unità 6 L Europa centro-orientale Lezione 1 La carta ci dice 7 I Balcani e il Mediterraneo orientale Lezione 1 La carta ci dice Lezione 2 La carta ci dice Unità 8 La regione russa Lezione 1 La carta ci dice 1

12 PARTE PRIMA Nel libro UNITÀ 1 CHE COS È UNO STATO UNITÀ 2 GLI OBIETTIVI E LE ISTITUZIONI DELL UE 2

13 Online UNITÀ 2 Gli obiettivi e le istituzione dell UE I tipi di Costituzioni europee La bandiera dell Unione Europea I trattati: Schengen, Maastricht, Nizza, Lisbona Per la LIM La formazione dell Unione Europea La riunificazione della Germania e il crollo della cortina di ferro 3

14 UNITÀ 1 1 LEZIONE La differenza fra Stato e Nazione Lo Stato: un insieme di popolo, territorio e leggi L Italia è uno Stato e l Europa è formata da vari Stati indipendenti. Che cos è esattamente uno Stato? Lo Stato può essere definito come l insieme di un popolo, del territorio su cui vive e delle leggi che ha deciso di seguire e che valgono su tutto il territorio. Il territorio dello Stato è la porzione di superficie terrestre circoscritta dai suoi confini; esso comprende la terraferma (e il sottosuolo!), le acque interne, lo spazio aereo sovrastante e il tratto di mare adiacente alle coste (le acque territoriali), la cui distanza è stata fissata dalle Nazioni Unite in 12 miglia marine (circa 22 km). Il popolo di uno Stato è costituito dalle persone che abitano all interno dei suoi confini e che hanno la qualifica di cittadini. La cittadinanza impone degli obblighi e offre molti diritti, come quello di votare alle elezioni. La cittadinanza si ha per nascita (in Italia solo se almeno uno dei genitori è cittadino italiano) oppure si ottiene in seguito al matrimonio o grazie alla prolungata residenza. Nei vari Paesi europei ci sono criteri diversi per ottenere la cittadinanza. Vi è inoltre differenza tra cittadini, residenti con permesso di soggiorno (come gli immigrati regolari o gli studenti stranieri) e ospiti (come i turisti); cittadini e stranieri con permesso di soggiorno costituiscono la popolazione di un Paese. Il concetto di Nazione non è legato al territorio La Nazione è invece l insieme di un popolo che si riconosce sulla base di radici storiche e culturali comuni, a prescindere dal territorio in cui risiede. Lo Stato e le istituzioni Per funzionare lo Stato deve avere degli organi o istituzioni: il Parlamento (che promulga le leggi), il Governo (che le fa applicare), la Magistratura (che giudica chi le vìola). Il Parlamento ha quasi sempre sede nella capitale, in un palazzo molto spesso simbolico. Il palazzo del Reichstag (il parlamento tedesco), Berlino. 4 PARTE PRIMA L UNIONE EUROPEA

15 Il rapporto tra Stato e Nazione non è mai stato semplice, dal momento che la storia europea ha da sempre mescolato popoli e religioni, disseminando ovunque minoranze, cioè gruppi di persone che si distinguono dalla maggioranza della popolazione dello Stato in cui vivono per lingua, storia, religione e tradizioni. Per questo motivo, accanto a Stati che coincidono totalmente con una Nazione, esistono popoli senza Stato, come i rom, e popoli divisi tra più Stati, come i baschi, divisi tra Spagna e Francia, o i lapponi, disseminati tra Russia, Finlandia, Svezia e Norvegia. A molti di loro sono riconosciute determinate autonomie, cioè la possibilità parziale di governarsi autonomamente. Le frontiere quasi mai sono confini naturali Gli Stati sono tra loro separati dai confini (dal latino finis, limite ), detti più propriamente frontiere. A volte coincidono con elementi naturali del territorio, come fiumi o catene montuose, ma in generale i confini sono limiti politici, spesso conseguenza di accordi presi al termine di guerre e conflitti. Proprio perché frutto Una famiglia lappone in una foto di inizio Novecento. di trattati politici, le frontiere possono cambiare nel corso del tempo e raramente coincidono con i confini culturali e linguistici di una Nazione. Per questo in molti Paesi, nelle zone di frontiera, si parla più di una lingua e abitano persone appartenenti a culture diverse. CHECK POINT Il popolo di oggi: il melting pot Nel corso della storia, gli spostamenti di gruppi umani da un territorio all altro, chiamati migrazioni, hanno portato alla colonizzazione di nuovi territori e alla formazione di nuove comunità. Ognuna di esse nel corso del tempo ha sviluppato modi di vivere e di pensare, lingue e tradizioni proprie: in poche parole una cultura, gradualmente sempre più distinta dalle altre. Oggi le migrazioni continuano, ma non creano più popoli nuovi: esse danno vita invece a una continua mescolanza tra popoli (melting pot), che genera le odierne società multietniche (etnìa è una parola di origine greca che significa popolo). Di conseguenza le società moderne tendono a diventare sempre più multiculturali. Tutto ciò può diventare nel tempo una radice di ricchezza e rinnovamento sociale e culturale, ma genera inevitabilmente problemi legati alla comprensione e al rispetto reciproco. Qual è la differenza fra Stato e Nazione? Che differenza c è tra frontiera e confine? CHE COS È UNO STATO U1 5

16 2 LEZIONE Gli Stati europei: una storia complicata I primi Stati europei si formarono Dopo la Grande guerra ( ) si Gli Stati europei sono in tutto 45 e si sono formati in un arco di tempo molto lungo: i più antichi, come la Francia, la Spagna e l Inghilterra, nacquero dopo il Mille, in seguito alla crisi del sistema feudale, quando i sovrani iniziarono a togliere gradualmente ai feudatari il diritto di imporre le tasse e amministrare la giustizia. Al termine della Prima guerra mondiale, la dissoluzione definitiva dell Impero Austroungarico portò alla nascita di alcuni nuovi Stati: Austria, Cecoslovacchia, Ungheria e Regno di Iugoslavia. Nello stesso periodo nacquero la Finlandia (indipendente dalla Russia nel 1917) e la Polonia, formatasi su territori prima appartenenti a Russia e Germania. Intanto, crollato l Impero russo in seguito alla rivoluzione d Ottobre del 1917, era nata l URSS: Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. nel Basso Medioevo Nell Ottocento nacquero gli Stati-Nazione Nell arco dell Ottocento si costituirono numerosi Stati, come Grecia, Belgio, Italia e Germania, in seguito alle lotte di liberazione nazionale che accompagnarono la dissoluzione dell Impero Ottomano e il lento sgretolarsi di quello Austro-ungarico. La comunanza di lingua, cultura e religione favorì l emergere di identità collettive e tale presa di coscienza spinse a lottare per il riconoscimento di Stati-Nazione, che comprendessero entro i propri confini la totalità di un popolo. costituirono nuovi Stati I nuovi Stati europei dal 1945 a oggi Ancora dopo la Seconda guerra mondiale si costituirono nuove entità statali. L Irlanda, dopo un lungo cammino di rivendicazione della propria libertà dagli Inglesi, ottenne la totale indipendenza dal Regno Unito nel L URSS incorporò, invece, nel 1945, Estonia, Lettonia e Lituania, mentre la Iugoslavia fu trasformata in Federazione, ISLANDA ISLANDA G SL O Mar Nero IA AV BULGARIA SPAGNA ALBANIA GRECIA MALTA Gli Stati dell Europa dopo la Prima guerra mondiale. 6 PARTE PRIMA L UNIONE EUROPEA CIPRO MAROCCO A GI SV EZ IA RV E ALGERIA MALTA Mar Mediterraneo TURCHIA CIPRO IA Mar Mediterraneo GRECIA TURCHIA S NI TUNISIA (FRANCIA) POLONIA CECOSLOV. FRANCIA AUSTRIA UNGHERIA SVIZZERA IU GO ROMANIA MONACO SL S. MARINO Mar Nero AV IT ANDORRA IA BULGARIA AL I CITTÀ DEL A VATICANO ALBANIA TU MAROCCO (FRANCIA) ALGERIA (FRANCIA) PORTOGALLO LIECTH. UNIONE S O VI ET I C A Gli Stati dell Europa dopo la Seconda guerra mondiale. LIBIA EGITTO LUSSEMBURGO IU SPAGNA LIA ITA PORTOGALLO REGNO DANIMARCA IRLANDA UNITO PAESI BASSI R.D.T. BELGIO R.F.T. CECO SLOV. AUSTRIA UNGHERIA SVIZZERA LIECTH. ROMANIA FRANCIA NO RV EG IA NO SV EZ IA POLONIA IA R U S S I A ND LA FIN LETTONIA LITUANIA GERMANIA LUSS. Oceano Atlantico ESTONIA DANIMARCA REGNO UNITO PAESI BASSI BELGIO Mare del Nord IA IRLANDA ND Oceano Atlantico LA FIN Mare del Nord

17 comprendente sei repubbliche: Serbia, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Slovenia, Montenegro e Macedonia. La Germania fu divisa in due Stati: la Repubblica Federale Tedesca (RFT) e la Repubblica Democratica Tedesca (RDT). Da allora, fino agli anni Novanta, l Europa visse un periodo di forti tensioni tra due blocchi di Stati che si fronteggiavano: tale contrapposizione fu chiamata Guerra fredda. Solo nel 1991 la Germania fu riunificata, mentre la Cecoslovacchia si è divisa in due Stati: Repubblica Ceca e Slovacchia. Nello stesso periodo, non senza tensioni politiche e sociali, in seguito alla dissoluzione dell URSS, si sono formati vari nuovi Stati: Federazione Russa, Lettonia, Estonia, Lituania, Moldavia, Bielorussia e Ucraina. Alcuni anni dopo anche la Federazione Iugoslava si dissolse e, dopo ISLANDA Oceano Atlantico Mare del Nord ESTONIA RUSSIA DANIMARCA LETTONIA IRLANDA REGNO LITUANIA UNITO POLONIA BELGIO GERMANIA BIELORUSSIA LUSSEMBURGO REP. CECA UCRAINA LIECTH. SLOVACCHIA SVIZZERA FRANCIA SLOVENIA PORTOGALLO MONACO CROAZIA ROMANIA ANDORRA S. MARINO BOSNIA- Mar Nero ERZEG. BULGARIA SPAGNA CITTÀ DEL MONTEN. VATICANO ALBANIA MACEDONIA TURCHIA ITALIA GRECIA Gli Stati dell Europa oggi. OLANDANORVEGIA SVEZIA AUSTRIA MALTA UNGHERIA SERBIA FINLANDIA Mar Mediterraneo MOLDOVA La costruzione del Muro di Berlino. CIPRO Il Muro di Berlino Dopo il 1945, una frontiera così impenetrabile da essere chiamata cortina di ferro divise l Europa in due blocchi di Stati: uno occidentale, legato agli Stati Uniti, e uno orientale, sottoposto all Unione Sovietica. La Germania stessa era divisa in due Stati, la Repubblica Federale Tedesca, con capitale Bonn, nella sfera di influenza degli Stati Uniti, e la Repubblica Democratica Tedesca, con capitale Berlino; questa città, tuttavia, era divisa al suo interno in due zone, quella Occidentale appartenente alla Repubblica Federale e quella Orientale, appartenente alla Repubblica Democratica. Le due zone erano divise da un muro, che fu fatto costruire, nel 1961, dalle autorità comuniste di Berlino est per impedire la fuga dei cittadini della Germania orientale verso l Occidente. Il Muro fu abbattuto nel una lunga e sanguinosa guerra, le repubbliche che la componevano sono divenute autonome e indipendenti. Infine, nel 2006 è nata la Repubblica del Montenegro e nel 2008 il Kosovo ha dichiarato la propria indipendenza dalla Serbia. Quali Stati europei si sono formati nel Basso Medioevo? Che cos era il Muro di Berlino? CHECK POINT 7

18 DALL EUROPA L A ALL ITALIA L A L I A Contrariamente ad altri Paesi d Europa, l Italia è uno Stato relativamente giovane: nel 2011 si festeggiano i primi 150 anni! Infatti, malgrado l Italia abbia conosciuto una precoce unificazione ai tempi dell antica Roma, che estese il proprio dominio su tutto il bacino mediterraneo e oltre, con il crollo dell Impero Romano la nostra penisola diventò terra di conquista da parte di numerose popolazioni. Conobbe ancora una parziale unità durante il Regno dei Longobardi, poi definitivamente spezzata in seguito alla discesa dei Franchi nell VIII secolo. Da allora l Italia non ha mai più costituito uno Stato unitario, fino al Lo S Stato Il Senato della Repubblica. Roma, Palazzo Madama. Italiano Nord e Sud Per queste e altre ragioni Nord e Sud hanno avuto un evoluzione molto diversa: al Nord e al Centro, grazie a un autorità imperiale mai troppo forte, si sono sviluppati prima i Comuni, poi le Signorie e infine gli Stati regionali, mentre il Sud, a parte alcune parentesi felici, come la dominazione araba o il regno di Federico II, è stato per molti secoli condannato all arretratezza dalla lunga dominazione spagnola e borbonica. In seguito all iniziativa del Regno di Sardegna, e grazie ad accordi politici internazionali, finalmente nel 1861 l Italia è diventata uno Stato unito e autonomo, di cui oggi manteniamo a grandi linee gli stessi confini. L unificazione ancora recente spiega, forse, la sopravvivenza di tanti dialetti regionali e la varietà di tradizioni che si trovano dal Nord al Sud della nostra penisola. Tali differenze sono da vivere come un punto di forza, non di debolezza. L abitudine alla diversità può infatti aiutarci a diventare buoni cittadini di uno Stato allargato, l Europa! L Italia oggi Dal 1946, anno del referendum istituzionale che abolì la monarchia, l Italia è una repubblica parlamentare, basata cioè sulle decisioni del Parlamento, eletto direttamente dal popolo. La nostra Costituzione, la legge fondamentale del nostro Stato, è entrata in vigore il 1 gennaio 1948 ed è costituita da 139 articoli e 18 disposizioni transitorie e finali. Al suo interno sono enunciati alcuni principi fondamentali, come il perseguimento della libertà, la pace, la democrazia, l uguaglianza, la giustizia, il diritto al lavoro. La Costituzione stabilisce le regole che governano lo Stato e che possono essere cambiate solo con un processo di revisione più lungo e 8

19 Giuseppe Mazzini Pensatore e patriota dell Ottocento, è stato uno dei padri spirituali della nostra Repubblica. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la più alta carica istituzionale del nostro Paese, mentre vota nel suo seggio elettorale durante le elezioni del 13 aprile complesso rispetto a quello con cui vengono approvate le leggi normali. I principali organi dello Stato italiano sono: il Presidente della Repubblica, simbolo dell unità nazionale ed eletto ogni 7 anni dal Parlamento; il Parlamento, diviso in Camera dei Deputati e Senato della Repubblica, i cui membri sono eletti dal popolo ogni 5 anni con il compito di fare le leggi; il Governo, formato dal Presidente del Consiglio e dai Ministri, che ha il compito di applicare le leggi emesse dal Parlamento; la Magistratura, che ha il compito di giudicare chi viola la legge. La proclamazione della Repubblica Questa ragazza, fotografata all indomani della proclamazione della Repubblica italiana (2 giugno 1948), è diventata il simbolo della nascita della Repubblica stessa. 9

20 3 LEZIONE Le tipologie di ordinamento Stato unitario o federale, monarchia o repubblica Per organizzare la struttura e stabilire le regole con cui governare la società, ogni Stato si dà una forma e un ordinamento politico, frutto delle vicende storiche che hanno portato alla sua nascita e al suo sviluppo. Per quanto riguarda la forma, cioè come uno Stato è strutturato, possiamo distinguere tra Stati unitari e centralizzati, come la Francia, o Stati federali, come la Svizzera e la Germania, che riuniscono Stati o regioni dotati di poteri autonomi, con parlamenti e governi propri. I tipi principali di ordinamento politico sono invece: la monarchia, che prevede come suo massimo rappresentante un re o una regina che resta in carica tutta la vita e per diritto dinastico, il trono si trasmette cioè di padre in figlio (o figlia); la repubblica, in cui tutti i rappresentanti sono eletti e rimangono in carica per un periodo prestabilito. Le repubbliche si dividono ancora in parlamentari, quando è il parlamento, eletto dal popolo, a nominare il capo dello Stato e a concedere la propria fiducia al governo, come l Italia, e presidenziali, in cui il presidente della repubblica è eletto direttamente dai cittadini ed è anche il capo del governo, come la Francia. La legge fondamentale dello Stato è la Costituzione, che ne sancisce l assetto e contiene l insieme delle norme che ne stabiliscono i princìpi ispiratori e i poteri, ne regolano l organizzazione e garantiscono diritti e doveri di tutti i cittadini. ISLANDA FINLANDIA Oceano Atlantico PORTOGALLO IRLANDA ANDORRA SPAGNA REGNO UNITO BELGIO LUSSEMBURGO FRANCIA Mare del Nord PAESI BASSI NORVEGIA DANIMARCA GERMANIA SVEZIA REP. CECA LIECTH. AUSTRIA M. Baltico SVIZZERA SLOVENIA ROMANIA MONACO CROAZIA S. MARINO BOSNIA- Mar Nero ERZEG. BULGARIA MONTENEGRO KOSSOVO ALBANIA MACEDONIA TURCHIA GRECIA ITALIA MALTA POLONIA ESTONIA LETTONIA LITUANIA SLOVACCHIA UNGHERIA SERBIA Mar Mediterraneo BIELORUSSIA UCRAINA MOLDOVA RUSSIA CIPRO Monarchia Repubblica Le forme di governo in Europa. 10 PARTE PRIMA L UNIONE EUROPEA

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine L Europa in 12 lezioni di Pascal Fontaine Potete trovare questo opuscolo e altre chiare e brevi spiegazioni sull Unione europea sul sito ec.europa.eu/publications/ Commissione europea Direzione generale

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea ISSN 1725-2466 C 83 Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 53 o anno 30 marzo 2010 Numero d'informazione Sommario Pagina 2010/C 83/01 Versione consolidata

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE Sintesi comparativa Rapporto 103 ETUI-REHS RESEARCH Department La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRTI FONDAMENTALI MARZO 2010 30.3.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 83/1 T U E VERSIONE CONSOLIDATA T F U E DEL TRATTATO SULL'UNIONE EUROPEA E

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Catalogo PDE2542TCIT-ca ATTENZIONE LA SCELTA OPPURE L UTILIZZO ERRATI DEI PRODOTTI E/O SISTEMI IVI DESCRITTI OPPURE DEGLI ARTICOLI CORRELATI POSSONO

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti

A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti A scuola di Europa Agenda per gli insegnanti POLITICHE EUROPEE INDICE 53 Modulo 1: L Europa della pace e dei diritti 04 Breve introduzione all Unione europea 07 Breve storia dell integrazione europea 14

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

A ROMA NASCE IL CONSIGLIO REGIONALE PAN EUROPEO (PERC) DA LISBONA A VLADIVOSTOK 87 SEDI IN TUTTO IL CONTINENTE EUROPEO Centosettanta rappresentanti di 87 sindacati nazionali (metà della affiliazione alla

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli