LORIS: quella in cui aspetto seduto sul divano che mi arrivi l idea giusta. Prima o poi capitera. DANIELE: se continui così sarai il primo a creare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LORIS: quella in cui aspetto seduto sul divano che mi arrivi l idea giusta. Prima o poi capitera. DANIELE: se continui così sarai il primo a creare"

Transcript

1 SEI BOTTIGLIE 1

2 SCENA 1 (int. casa./ sera. Sulla destra della scena notiamo un porta bottiglie a colonna in bella evidenza contenente 4 bottiglie di vino. In soggiorno Daniele, vestito in modo piu elegante del solito, sta sistemando e riordinando in modo preciso e puntuale. Sembra stia aspettando qualcuno con una certa apprensione. Si pulisce gli occhiali con la montatura sottile, controlla la posizione degli oggetti e ripete a mente lo stesso percorso e gli stessi gesti: fa accomodare al tavolo, ride da solo, si alza, si siede sul divano e tira fuori la scatoletta contenente un anello, nascosta tra i cuscini. All improvviso suonano alla porta. Lui tira un grande sospiro e va ad aprire) LORIS: (entra trafelato e disperato) Bugie! Erano tutte bugie! Un anno di menzogne, falsita e prese in giro. (si muove nella casa con disinvoltura, come se la conoscesse molto bene. prende dei biscotti da un cassetto e cerca qualcosa da bere) DANIELE: ti vuoi calmare? LORIS: come posso stare calmo? Sono disperato. DI-SPE-RA-TO. D di Domodossola..I di Imola..S di Savona.. DANIELE: penso di avere afferrato il concetto. Mi manca la causa scatenante. LORIS: Mi ha lasciato. DANIELE: e la terza volta questo mese, ormai dovresti essere abituato. Sai meglio di me come funziona: tra un paio d ore si pente, tu torni a casa e trovi un messaggio in segreteria e ti chiedi perche litighiamo sempre? perche la amo cosi tanto? e soprattutto: perche sono l unico ad avere ancora una segreteria telefonica in casa? LORIS: non e il momento di discutere il mio livello di tecnologizzazione domestica. Ti ricordo comunque che non esiste videogioco sulla faccia della Terra in cui tu, principe della Saccenza, possa battere il qui presente Imperatore della Console. (si mette in posizione epica con mani poggiate sui fianchi, stile Superman. La cambia improvvisamente e torna triste). DANIELE: una volta ti stavo battendo 3 a 2 a calcio a 3 minuti dalla fine. LORIS: poi e saltata la corrente. DANIELE: guarda caso mentre ti sei alzato per andare in bagno. LORIS: sara stato un fulmine. DANIELE: era Agosto. Non si vedeva una nuvola da un mese. LORIS: e stato un problema tecnico DANIELE: vergogna. LORIS: non importa. (si fa serio e lo guarda dritto negli occhi) non esiste invece un tecnico che in questo momento possa riparare questo cuore malandato. DANIELE: soprattutto dovresti pagargli almeno la chiamata e sappiamo entrambi che non te lo puoi permettere. Non lavori da tre mesi. LORIS: continua con la tua ironia. Progettare videogiochi e come dirigere un film. Ci sono diverse fasi. DANIELE: tu in che fase sei? 2

3 LORIS: quella in cui aspetto seduto sul divano che mi arrivi l idea giusta. Prima o poi capitera. DANIELE: se continui così sarai il primo a creare videogiochi per la terza eta. LORIS: A me servono cerotti e tu mi dai del sale! DANIELE: sentiamo: cosa e successo questa volta? LORIS: ti ricordi quel suo collega, quello con cui doveva presentare quel progetto per quella cosa che dovevano costruire da qualche parte tra un po di tempo? DANIELE: qualche dettaglio in più? O preferisci rimanere sul vago per questioni di privacy? LORIS: non e questo il punto! Oggi vengo a sapere che in realtà con questo tizio lei ha avuto una storia nove anni fa.. DANIELE:..e quindi? LORIS:..e quindi?!?! Sono informazioni che dovrei avere, dati fondamentali su cui si basa un rapporto di fiducia come il nostro. DANIELE: tu come sei venuto a saperlo? LORIS: dalla sua agenda..l ha lasciata sul tavolo. DANIELE: e tu l hai aperta.. LORIS:..ovvio..spuntava un biglietto e ho dato un occhiata.. DANIELE: sempre per alimentare il vostro rapporto di fiducia.. LORIS: mi sembra chiaro. DANIELE: cosa diceva il biglietto? LORIS: e stato bello rivederti DANIELE: e poi? LORIS: basta DANIELE: finito LORIS: punto DANIELE: mi sembra un po poco, non ci vedo nulla di male.. LORIS: ma il foglietto aveva la parte sotto strappata..probabilmente non voleva che io leggessi il seguito.. DANIELE: fammi capire: la tua fidanzata LORIS: (drammatico) ex.. devo abituarmi ormai..chiamala pure ex.. DANIELE: secondo te, la tua ex-fidanzata rivede un suo ex che gli scrive un biglietto, lo prende, ne strappa un pezzo e lascia l altra meta nell agenda perche sa che tu potresti leggerlo? LORIS: mi sembra chiaro. DANIELE: ma se ne manca un pezzo, come puoi essere sicuro che quel biglietto l abbia scritto lui? LORIS: certe cose un uomo le sente. Diecimila anni di evoluzione non possono essere finiti nel cestino. I nostri antenati cacciavano dinosauri, seguivano tracce, inventavano il fuoco e la ruota.. e adesso guarda io e te come ci siamo ridotti! DANIELE: farti notare tutte le inesattezze della tua ultima frase sarebbe un inutile perdita di tempo, ma mi pare di capire che tu non abbia nemmeno la certezza che quel biglietto sia suo. LORIS: no, ma e venuto meno un rapporto di fiducia.. DANIELE: questo prima o dopo che tu frugassi nella sua agenda? 3

4 LORIS: durante. L ho chiamata, abbiamo litigato al telefono e mi sembra voglia farla finita. DANIELE: cosa ti ha detto? LORIS: ti odio. non farti piu sentire, idiota..e se ti fai rivedere, giuro che ti stacco un braccio e lo uso come spazzolino per pulire il cesso DANIELE. sembrerebbe anche a me. Domani avremo tutto il tempo per parlarne con calma e tranquillita, ma adesso pero devi andartene.. LORIS: perche? DANIELE: perche..(cerca una scusa) devo lavorare..entro domani ho una relazione da finire. LORIS: devo finire una relazione entro domani..che tatto, signori! io l ho finita oggi.. e a quanto pare al mio migliore amico non importa un granche. DANIELE: (cerca le parole per usare una metafora) e.. un analisi importante su una societa che vorremmo.. acquisire dopo una lunga riflessione. Sto valutando tutti i pro e i contro di una..fusione e secondo la mia analisi questo e il momento giusto per portare a termine l accordo. LORIS: a proposito di fusioni e finanziamenti, mi devi ancora 10 euro per il cinema dell altra sera. DANIELE: ecco, ce ne sono 20, cosi magari vai anche adesso a distrarti un po. LORIS: vieni con me? Andiamo a vedere Total devastation 6. DANIELE: no, grazie..non ho tempo. LORIS: non siamo ancora andati! Tuo fratello e tra i protagonisti di una produzione Hollywoodiana e tu non vai a vederlo? Se Mauro ti chiama per chiederti un parere, cosa gli racconti? DANIELE: ci vado prestissimo, ma non stasera. E Mauro non lo sento da due settimane. Adesso sara in qualche pub Londinese a raccontare qualche storia inventata a una ragazza che entrera a far parte della sua collezione da domani mattina. LORIS:..ma abbiamo visto tutti e gli altri 5 la settimana scorsa per capirlo meglio.. DANIELE: appunto, non vorrei rischiare l overdose da esplosioni, inseguimenti e sparatorie..una pausa mi fa bene.. LORIS: ok..come vuoi..(ci riprova) e se dopo ti faccio vincere a bowling? DANIELE: no, ti ho detto che sono impegnato..ma se in qualunque momento tu ti rendessi conto che io posso fare qualcosa, prendi il telefono..e chiama qualcun altro. Se anche dopo quella telefonata, ti accorgessi di aver bisogno di me..allora richiamalo e chiedigli se secondo lui e il caso di disturbarmi. In caso di risposta positiva, chiamami. E io saro li ad ascoltarti. LORIS: grazie. E bello sapere di poter contare su un amico. DANIELE: sono qui apposta. Vai, divertiti e non pensare a lei. LORIS: non e facile..sono molto giu..mi vedi abbastanza tranquillo, ma in questo momento ho solo voglia di farla finita.. potrei buttarmi giu da quella finestra. DANIELE: soffri di vertigini, siamo al quarto piano LORIS: allora mi taglio le vene DANIELE: non sopporti la vista del sangue LORIS: faccio un cappio e m impicco 4

5 DANIELE: non riesci nemmeno a legarti le scarpe LORIS: mi attacco al gas. DANIELE: te l hanno staccato perche non pagavi da sei mesi LORIS: mi soffoco col cuscino DANIELE: ti addormenti prima LORIS: faccio harakiri. DANIELE: non sai nemmeno cosa sia, l hai sentito nominare forse in Kung Fu Panda LORIS: mi annego. DANIELE: non entri in una vasca da almeno un mese. Perche rovinare il record? LORIS: metto due dita nella presa DANIELE: hai il contatore che salta anche se usi il rasoio. LORIS: farmaci? DANIELE: hai uno sciroppo scaduto quattro anni fa e due supposte. Non ci riuscirebbe nemmeno Mac Giver LORIS: mi faccio saltare in aria! DANIELE: ottima idea, ma fuori da questa casa. Se non dovessimo piu sentirci, avverto io la tua ex fidanzata. (lo accompagna verso la porta) LORIS: grazie, Daniele. E sempre bello avere una spalla su cui piangere. quanti anni fa ci siamo conosciuti? Sedici? Diciassette? (ormai e sulla soglia di casa) ma ogni volta che ripenso a quel giorno, io sono felice, perche se non ci fossi stato tu, con la tua forza e il tuo equilibrio probabilmente la mia vita sarebbe/ (Daniele si stufa e gli chiude la porta in faccia). DANIELE: ci sentiamo domani! LORIS: (urla dalla porta) Grazie amico mio! (Daniele verifica che tutto sia ancora in ordine, soprattutto l anello tra i cuscini del divano. Decide di prendere una delle 4 bottiglie di vino e la mette sul tavolino davanti al divano. Suonano alla porta. Come prima, tira un forte sospiro e va ad aprire) LORIS: (fermo ancora sulla soglia) c e qualcosa che non mi convince. DANIELE: ti ho detto che ne parliamo domani. LORIS: non parlo di lei: parlo di te. Da quando frequento questa casa non l ho mai vista cosi in ordine, pur conoscendo la tua maniacalita a livelli svedesi. Hai tolto dall appartamento tutti i riferimenti a tue ex, dalla presina che ti ha regalato Giulia al barattolo di caffe che riempivi con i bigliettini di Marta. Sento anche provenire dalla cucina odori e profumi diversi dal solito. Cosa bolle in pentola? DANIELE: la solita acqua per la pasta. LORIS: perche tu me lo diresti se fosse qualcosa d importante, vero? DANIELE: certamente.. sono fidanzato da sei mesi, lo sai. Io sono felice con Cristina, lei e felice con me. LORIS:..quindi vado al cinema tranquillo.. DANIELE: sereno..(prende dalla tasca una banconota da 10 euro) e comprati anche un bel sacchetto di pop corn. LORIS:..i pop corn fanno venire sete.. DANIELE: (prende altri 5 euro e glieli da) ecco.. 5

6 LORIS: poi magari faccio tardi e devo tornare a casa.. DANIELE: hai ragione..eccoti un biglietto della metro.. (chiude la porta) LORIS: (urla dalla porta) almeno un taxi! (Daniele cerca un cavatappi in giro per casa e lo appoggia vicino alla bottiglia di vino. Suonano alla porta) DANIELE: Amico mio, la mia pazienza a un limite e dopo un po rompi anche il.. (apre e si trova di fronte Cristina) CRISTINA:..posso provare a indovinare? DANIELE: lascia perdere amore, scusa.. credevo fosse Loris. L hai visto scendere? CRISTINA: deve aver preso l ascensore mentre salivo con le scale. (si toglie la giacca e la posa sulla sedia) DANIELE: vero.. lotta alla sedentarieta e scale al posto dell ascensore. CRISTINA: sai quante calorie si bruciano facendo le scale al posto dell ascensore? DANIELE: circa la meta contenute nel grissino che stavi per mangiare (Cristina si allontana dal cesto con dentro i grissini) CRISTINA: touche! scusa per il ritardo, ma mentre stavo chiudendo e arrivato il solito cliente che deve fare il regalo alla moglie e non ha la minima idea sul numero di scarpa, il colore, il modello.. DANIELE: avete trovato qualcosa? CRISTINA: si, un buono acquisto da 200 euro da mettere dentro una scatola: l anello di congiunzione tra il regalo e la busta. Tu? Hai risolto il problema con il tuo capo? DANIELE: non era esattamente un problema. Gli ho fatto notare che secondo la mia modestissima opinione e i miei calcoli aprossimativi, la societa stava perdendo uno 0,04% di fatturato concentrando gli sforzi in una direzione totalmente sbagliata, mentre se gli stessi investimenti fossero stati effettuati in un periodo diverso dell anno, l utile netto e il conseguente margine di profitto sarebbero saliti dello tutto qui..lui mi ha dato ragione e mi ha ricompensato affidandomi la gestione di una nuova area. tutto qui.. CRISTINA:(lo guarda basita) all improvviso ho rivalutato il pomeriggio passato con una settantenne che cercava un tacco 12 adatto al matrimonio della nipote. Però ti amo anche per questo. DANIELE: hai ragione. Certe volte ho la sensazione di annoiarti parlandoti di lavoro, pero sento che questa volta ce la posso fare: è l impiego che ho sempre cercato e l azienda ha gli spazi di manovra e crescita che desideravo. (prende due bicchieri da vino) ti va di bere qualcosa? CRISTINA: volentieri! Tanto non penso vorranno ritirare la patente a una commessa che cammina appoggiandosi ai muri del quartiere. Per fortuna abito qui vicino. DANIELE: se vuoi puoi fermarti qui a dormire. CRISTINA: No, domani mattina devo alzarmi alle sei per andare a fare delle analisi e riuscire ad arrivare in negozio prima che inizi lo sciopero dei mezzi. DANIELE: Ti presto il motorino.. DANIELE: No, grazie. Arrivare al lavoro bardata come un cavaliere delle crociate mi mette sempre una certa soggezione. Forse ho anche trovato qualcuno disposto a comprarmi la macchina. 6

7 DANIELE: bene! Quanto ti offre? CRISTINA: Duemila euro. Duemila e cinquecento se gli tolgo i copri sedili fucsia e gli spiego perche nel bagagliaio c e odore di candeggina. Quasi quasi gli do il numero di Loris e se lo fa spiegare nei dettagli. A proposito, come sta? DANIELE: bene, a parte i soliti problemi con la fidanzata. Si sono lasciati. CRISTINA: poverino! Mi spiace. Era triste? DANIELE: non piu del solito, comunque gli passera. CRISTINA: vuoi uscire con lui stasera? Io mi guardo un film. DANIELE: non penso proprio. CRISTINA: sicuro? Magari vuole andare al cinema.. DANIELE: gia sistemato..e poi stasera volevo stare un po solo con te. CRISTINA: Benissimo! Abbiamo avuto la stessa idea.allora vado solo un attimo a lavarmi le mani perché mentre stavo salendo mi sono appoggiata sul corrimano e ho sentito qualcosa di appiccicoso e non vorrei.. (la sua attenzione viene rapita dalla bottiglia di vino) CRISTINA: un momento.. questa non e una bottiglia di vino qualunque.. DANIELE: (finto tonto) hoopps..non ci avevo nemmeno fatto caso.. CRISTINA: (si emoziona. si avvicina a lui.) allora facciamo una cosa: tu versi il vino, mentre io mi lavo le mani..sotto la doccia. E ci rivediamo qui tra...20 minuti?! DANIELE: io non ho preso altri impegni. Mi riconoscerai: sono quello seduto sul divano, con due bicchieri di vino. Se non mi vedi, chiama la polizia.. tipo Frantic.. CRISTINA: ok, ci vediamo dopo.. (Cristina va in bagno, Daniele sempre più agitato mette della musica in sottofondo e si siede sul divano facendo prove di posizioni diverse. Suonano alla porta. Daniele, scocciato, va ad aprire) LORIS: il vino! (entra e si dirige verso il tavolino con sopra la bottiglia) DANIELE: ti prego! Pensavo già fossi in coda alla cassa del cinema. LORIS: lo ero, ma come ben sai sono un attento osservatore. Ero convinto che qualcosa mi stesse sfuggendo. Io ho una memoria fotografica. DANIELE: ma spesso sono foto sfocate. LORIS: non in questo caso. Pensavi non mi fossi accorto del vino? DANIELE: avevo sete.. LORIS: avevo sete..ma sentitelo, signori della giuria..come se zio Paperone comprasse il giornale con la numero uno dicendo volevo solo leggere le notizie.. La tua versione fa acqua da tutte le parti. Cosa succede? Chi c e in casa? DANIELE: Cristina..si sta facendo la doccia..volevo cenare con lei.. LORIS:...e... DANIELE:...e allora ho pensato di mettere in ordine e fare cena... LORIS:...e... DANIELE:..e con l arrosto ci stava bene il vino.. LORIS:..e poi sei arrivato tu, ma adesso te ne stai andando. Vero?! LORIS: certo. Lasciamo un attimo da parte il fatto che io stia vagando solo nella città a causa di una donna che mi ha trafitto il cuore. Voglio raccontarti una storia: ti rubo cinque minuti. 7

8 DANIELE: te ne do due. LORIS: (ci pensa) ok..(pensa) DANIELE: tutto bene? LORIS: si, sto facendo il riassunto per togliere le parti meno interessanti visto il poco tempo. Perfetto. Ci sono due amici..chiamamoli..mah..daniele e Loris.. due nomi a caso.. DANIELE: certo.. LORIS: questi due amici decidono di passare un fine settimana nella vigna del nonno di uno dei due per fare il vino. Raccolgono l uva, la pigiano, la lasciano fermentare.. DANIELE: sei quasi a un minuto.. LORIS: da due giorni di lavoro ricavano sei bottiglie di vino, sei bottiglie di vino che decidono di conservare gelosamente e usare solo in occasioni speciali. (lentamente, si avvicina al portabottiglie) Le mettono in un portabottiglie rosso, un portabottiglie che sembra quasi un orologio, un orologio che scandisce i momenti importanti nella vita di due persone, due persone che potremmo essere noi due.. DANIELE: grazie. Avevo ancora qualche dubbio, perché eri rimasto molto sul vago.. pero se l accusa potesse stringere un pò i tempi, sarebbe cosa buona e giusta. LORIS: Attenzione: due bottiglie non ci sono più, per fortuna: la prima e stata una giornata memorabile, soprattutto per te. La seconda, beh, un compleanno non si scorda mai. Stasera, invece, la terza e sul quel tavolino e la mia domanda e : cosa si festeggia? DANIELE: ti prego, cerca di capire la situazione.. LORIS: promozione al lavoro? DANIELE: no LORIS: proposta di matrimonio? DANIELE: no LORIS: vincita alla Lotteria, gratta e vinci. Superenalotto e affini? DANIELE: no LORIS: morte di un lontano parente e conseguente eredita che garantisce vita di rendita con conseguente abbandono del posto di lavoro con roboante e gratificante me ne vado, rincoglionito detto al capo dopo mesi di soprusi ingoiati senza fare una piega. DANIELE: No, niente di tutto questo. Lo stavo dicendo poco fa a Cristina: mi piace il mio lavoro. Molto. LORIS: A me puoi dire tutto, lo sai. Sono una tomba. DANIELE: certo, come quella volta in cui hai detto subito a mio fratello che stavo uscendo con una con cui era stato un anno prima. LORIS: mi e partito per sbaglio un sms..non ti capita mai? DANIELE: si, ma di solito sono dei codici fiscali, non frasi di senso compiuto, tipo indovina con chi si e messo tuo fratello? Lascia stare: Monica Trentini LORIS: colpa del correttore automatico..ormai questi telefonini sono incredibili.. dai dimmi cosa si festeggia! DANIELE: e va bene! Voglio solo chiedere a Cristina di venire a vivere con me. LORIS: lei non sa ancora nulla? 8

9 DANIELE: no, sa solo che mangeremo a casa mentre il mio amico Loris e distrutto al cinema.. LORIS: questa notizia in realtà un po mi solleva, perché sono felice per voi due, ma da un altro punto di vista vedere una coppia felice in un momento come questo mi mette una profonda tristezza addosso..eravamo così felici.. DANIELE: non fare così..si sistemerà tutto, vedrai.. LORIS: eravamo perfetti (lo abbraccia) (esce dal bagno Cristina) CRISTINA: tutto bene? Loris! Sentivo parlare e non sapevo chi fosse..mi dispiace.. mi ha detto tutto Daniele.. LORIS: sono cose che succedono.. CRISTINA: come stai? LORIS: sono stato meglio..ho visto momenti più felici..non penso di poter vivere senza lei.. DANIELE:..e allora corri subito da lei per dirglielo..vai bello..vai! CRISTINA: secondo me invece dovresti aspettare un attimo e lasciare passare almeno la nottata.. domani vi sentite con calma e risolvete tutto.. perché non ti fermi a cena con noi? LORIS: non posso.. DANIELE: non può.. LORIS: davvero DANIEL: davvero LORIS: ma grazie per l invito DANIELE: ci mancherebbe. LORIS: magari voi avete gia dei programmi per la serata.. DANIELE: magari.. che intuito.. CRISTINA: almeno un bicchiere di vino! Oltretutto non e un vino qualunque, quindi sono un po sorpresa anch io.. DANIELE: e va bene..un bicchiere di vino e poi ognuno per la sua strada.. solo perche se non fosse per lui non esisterebbe ne il vino.. e neanche noi.. (Loris e Cristina si siedono sul divano mentre Daniele prende un altro bicchiere) LORIS: era tutto troppo bello: trovato casa, la fidanzata e il lavoro..beh..il lavoro e in una fase altalenante, ma non pensiamoci.. CRISTINA: lo so, so cosa si prova. Quando mi ha lasciato Ivan era distrutta.. Marcello mi ha fatto piangere dieci giorni..invece Paolo non ha avuto nemmeno il coraggio di lasciarmi di persona..mi ha mandato un sms.. almeno Luca/ DANIELE: (la interrompe) ok, il concetto e chiaro, direi che possiamo fermarci qui. LORIS: grazie, davvero. Con le altre stavo male, ma con Donatella e diverso: e unica, e solare, e.. DANIELE: ricca, molto ricca. E mi domando cosa ci trovi in uno come te, ma l amore e cieco CRISTINA: non essere cinico col tuo amico LORIS: grazie Cristina... E sempre bello avere una spalla su cui piangere. quanti mesi fa ci siamo conosciuti? cinque? Sei? (Daniele realizza che sta ripetendo esattamente la stessa cosa che gli stava dicendo prima a lui) ma ogni volta che 9

10 ripenso a quel giorno, io sono felice, perche se non ci fossi stata tu, con la tua forza e il tuo equilibrio probabilmente la mia vita sarebbe diversa. CRISTINA: (un po commossa) grazie..che bel pensiero. DANIELE: soprattutto originale. LORIS: voi siete la mia famiglia e io qui mi sento a casa. Ogni volta che entro da quella porta mi/ (s interrompe) Scusate, ma c e qualcosa che mi da fastidio..mi sono seduto sopra qualcosa.. DANIELE: no! (Loris trova l anello tra le pieghe dei cuscini e lo fa vedere a Cristina. Daniele basito, Cristina sorpresa, Loris imbarazzato guarda Cristina) LORIS: Hoops.. (lo apre) Cristina, verresti a vivere con Daniele? DANIELE: cin cin! Buio 10

11 SCENA DUE (Sul portabottiglie alla destra ci sono 2 bottiglie di vino. Mauro cammina in mezzo al soggiorno con un copione in mano e ripete ad alta voce una parte. Mentre lo dice si stringe un tovagliolo rosso intorno al braccio aiutandosi coi denti, quasi stesse curando una ferita) MAURO:..non c e tempo da perdere. Tra poco cominceranno a giustiziare gli ostaggi. Io sono la loro ultima speranza. E sono sicuro che presto ci rivedremo, in questo vita o in una delle mille altre in cui ti ho cercata.. (ripete la stessa frase, con tono diverso, una seconda volta. Entra Daniele, vestito in modo elegante, trafelato. Non ha gli occhiali. Si aggiusta la cravatta e fa il nodo in automatico, senza neanche guardare) DANIELE: ti prego, resta ancora un attimo, il tempo di un ultimo bacio.. MAURO: al diavolo gli ostaggi. Oggi salverò solo me stesso. Vieni qui, bambolina. Secondo me dovresti andare tu a fare quel provino domani. Ormai sai la parte a memoria. DANIELE: Un manager che combatte contro dei pericolosi criminali? Li sconfiggo a colpi di penna stilografica e mi faccio largo nella giungla a colpi di tagliacarte..e nella giungla le lenti a contatto sono scomode.. MAURO: dicevo per la protagonista.. Jennifer ti calza a pennello. Non sarebbe male come lancio pubblicitario i fratelli Balzano nel nuovo film: Passione Letale DANIELE: i nostri genitori sarebbero fieri di noi. MAURO: mi spiace annoiarti con questa storia, ma e l unico provino che il mio agente ha trovato questo mese. DANIELE: figurati: il mio divano e sempre a tua completa disposizione. Sai già quando riparti? MAURO: penso domani. C e un volo per Londra alle 18.. DANIELE: solito last minute low cost? MAURO: esatto..spero di essere fortunato e arrivare addirittura con lo stesso volo dei bagagli. L ultima volta li aspettavo a Parigi e loro erano a Tokyo. DANIELE: ma poi te li hanno fatti arrivare in hotel.. MAURO: certo, il giorno dopo in cui ero partito per Budapest. Ci siamo inseguiti per 4 mesi e ci siamo incontrati a Berlino. DANIELE: Ormai viaggi più di Lady Gaga..sicuro che stasera non vuoi venire? MAURO: no, grazie. Il provino e alle 9, quindi devo svegliarmi almeno un paio d ore prima. DANIELE: Via Verdi e qua dietro. MAURO: si, ma devo fare colazione, ripassare la parte, fare la doccia, ripassare la parte, vestirmi, ripassare la parte, passare in tintoria a ritirare la camicia stirata, ripassare la parte, passare al bancomat, ripassare la parte e andare sul set. DANIELE: magari quando sei sul set dai anche anche una ripassata al copione.. MAURO: E la memoria che mi frega sempre. Hai il nodo della cravatta un po storto. Forse l hai fatto male.. 11

12 DANIELE: ne dubito. E un mezzo Windsor, nodo molto più complesso del four in hands e del Pratt, prevede meno passaggi del normale Windsor ed e perfetto con cravatte più lunghe. E adatto ad occasioni formali come la cena di questa sera. MAURO: Hai partecipato a qualche quiz negli ultimi mesi? DANIELE: cultura di base. MAURO: Nella mia vita, l unica volta in cui ti ho visto con una cravatta era il matrimonio di Cinzia. Te lo ricordi? DANIELE: come potrei dimenticarmi mio fratello ubriaco che nuota nudo nel laghetto dei cigni con la testimone? Nei dvd del matrimonio l hanno messo come bonus track. MAURO: non so resistere al richiamo della natura. DANIELE: Per dovere di cronaca, ricordo anche che la testimone in acqua non era la stessa che ti ripassavi allegramente in sacrestia mentre il prete celebrava il matrimonio. L orecchio attento riesce a scorgere infatti nel filmato anche il delicato momento in cui la sposa dice al prete Si..lo voglio e in sottofondo l amica ribadisce a mio fratello si..si..si..si..lo voglio..lo voglio...lo voglio.. MAURO: pensavo che Marianna fosse una donna speciale.. DANIELE: si chiamava Patrizia.. MAURO: Marianna sarà stata quella del laghetto.. DANIELE: lei era Roberta.. MAURO:..e chi era Marianna? DANIELE: la madre! MAURO: (ride tra se e se) Dani, ero ubriaco, non ero in grado di intendere e volere. DANIELE: la stessa cosa che hai ripetuto al marito. Questa sera non so se rischio meno a portarti o a lasciarti a casa solo con Cristina. In fin dei conti, se porto Loris.. MAURO: Viene anche lui? DANIELE: si, l ho invitato perchè magari potrebbe trovare qualche finanziatore per il suo nuovo videogame MAURO: un altro? Sci estremo e uscito da poco.. sarà difficile bissare il successo. Chi avrebbe mai pensato che la gente impazzisse per un simulatore di sciata? DANIELE: il mondo dei videogiochi e in continua evoluzione. C e da ddir eche in un salotto fa molto meno freddo che a 2000 metri.. MAURO: Certo, ma al posto delle Dolomiti ti godi il palazzo di fronte..io continuo a preferire le piste in montagna al salotto di casa. Ma come gli e venuta in mente un idea del genere? DANIELE: Non me l ha mai detto, ma abbiamo passato mezz ora a tirare fuori gli sci dalla mia cantina. Io ero stanco morto e lui insisteva.. MAURO: me lo ricordo..io ero dalla svedese incontrata al ristorante.. DANIELE: Adesso vuole sfruttare l onda lunga e mettere subito sul mercato l altra idea che aveva in mente.. Check in..e un simulatore di volo..dovrei averne una copia da qualche parte.. (la cerca in giro per casa e la trova) MAURO: ce ne sono già centinaia sul mercato. 12

13 DANIELE: si ma nel suo non sei il pilota, ma il passeggero. Devi prenotare il volo, presentarti all imbarco, fare il check in, metterti in coda al metal detector e goderti il volo fino alla parte più difficile. MAURO: quale? DANIELE: l attesa del bagaglio..aspetti al nastro trasportatore e speri.. (mostra la custodia del disco) questa e la versione deluxe: e limitata, numerata e dentro ha pure questo (apre e tira fuori una mascherina per il sonno)..per i voli transoceanici.. MAURO: se ha bisogno di un consulente, sono a sua completa disposizione. Come mai gli è venuto in mente un gioco del genere? DANIELE: Era in aereo, stava andando alle Maldive con Donatella, come regalo di compleanno, dopo che si erano rimessi insieme per la quarta volta.. me lo ricordo ancora quella sera..ha suonato alla porta distrutto dal dolore..era la sera in cui ho chiesto a Cristina di venire a stare da me..4 mesi fa. (Daniele comincia a rovistare negli armadietti) DANIELE:..eppure gli avevo messi da qualche parte.. MAURO: manca qualcosa? DANIELE: una scatola di cioccolatini. Li ho presi a Ginevra una settimana fa e li ho messi qua dentro per poterli portare alla cena di stasera. Sono deliziosi, i preferiti di Cristina. Non li trovo più..amore!! (esce Cristina dalla camera) CRISTINA: dimmi.. DANIELE: qui c era una scatola di cioccolatini.. CRISTINA: esatto..c era. Poi l altra sera avevo fame e ho scoperto che il mio fidanzato mi ha fatto una bella sorpresa e mi ha portato dal suo ultimo viaggio di lavoro..grazie amore! DANIELE: in realtà non erano per te..avrei dovuto portarli alla cena di stasera. CRISTINA: (delusa) ah..in effetti dopo i primi 5 alla nocciola mi e venuto il sospetto.. ci ho pensato su per altri 5, quelli al fondente..e quando sono arrivata agli ultimi 5, al torroncino, ho chiuso gli occhi e chiesto pietà al Dio delle calorie. Porta quelli che ci ha regalato tua madre! DANIELE: Giusto! l ultima volta li ho visti qua dentro.. MAURO: I cioccolatini alle mandorle con l incarto verde?! DANIELE: si, quelli che mamma ci comprava a Natale..te li ricordi? MAURO: si, li ho visti li dentro..ieri notte..non riuscivo a dormire.. DANIELE: (lo guarda dubbioso)..e che tu sappia sono ancora li dentro? MAURO: durante i primi 5 ho pensato che forse non avrei dovuto toccarli, dal 6 al 10 avevo qualche rimorso in più e dal decimo in poi ho detto Dio delle calorie, se perdoni Cristina, allora devi perdonare anche me.. DANIELE: Perfetto. Non ho nulla da portare questa sera. Ormai tutti i negozi sono chiusi. CRISTINA: magari Loris ha preso qualcosa anche da parte tua.. DANIELE: Loris, quello che alla cena di Natale ha portato come dolce un pacchetto di M n Ms?! Quello che ha regalato a suo nipote per la Comunione una scatola di preservativi dicendogli un giorno mi ringrazierai? Quello che al primo 13

14 appuntamento con la fidanzata le ha portato in dono il vaso di fiori preso nel pianerottolo del suo condominio? CRISTINA: Almeno ha avuto l accortezza di prendere quello del piano di sopra, che la ragazza non aveva mai visto. E comunque un bel gesto. DANIELE: Ricordati di queste parole quando mi vedrai entrare da quella porta con i gerani della signora Mazzilli. CRISTINA: sarà comunque un passo avanti: fiori in questa casa! Non se ne vedono da mesi.. DANIELE: hai il mio numero di carta di credito: puoi divertirti su internet e trasformare il nostro salotto nel palco del festival di Sanremo. CRISTINA: Grazie mister comprati tutto quello che vuoi. Io come al solito saro qui ad aspettarti, sul solito divano. DANIELE: Non ti piace il divano..vai su internet.. CRISTINA: non mi piace il divano vuoto! Ti ricordi cosa succedeva su quel divano? Di tutto! MAURO: siccome in questi giorni ci dormo io, magari potete continuare a litigare rinfacciandovi altre cose? CRISTINA: hai ragione..scusa. DANIELE: Ne parliamo domani con calma..(si avvicina e le da un bacio sulla fronte) Potrei portare una bottiglia di vino! MAURO: mi spiace, ma la cantinetta e vuota. Ieri ho festeggiato con la vostra vicina il suo esame di diritto romano. DANIELE: Con chi? Elisa o Melissa? Quale delle due gemelle. MAURO: E vero! Sono gemelle! Ecco perchè stamattina ero più stanco del solito. Mi ero dimenticato. In effetti a un certo punto e andata in bagno ed e tornata coi capelli molto più lunghi. Ma al terzo bicchiere come si dice.. non stai a guardare il capello.. CRISTINA: Comunque una bionda e l altra e mora. MAURO: In amore sono daltonico. DANIELE: il Fontanino! Il dottor Moretti ha delle vigne in Toscana e sicuramente apprezza un vino fatto in casa. CRISTINA: Il vino delle grandi occasioni?! DANIELE: in effetti questa e una grande occasione: se tutto va bene, porto a casa una promozione che ci cambia la vita. E la casa. CRISTINA: ne sono rimaste solo due bottiglie..le teniamo per un evento speciale.. MAURO: mi ricordo ancora la prima..e la seconda..ma soprattutto la quarta. (guarda Cristina, imbarazzata, che cambia discorso) CRISTINA: come vuoi, forse hai ragione! DANIELE: la quarta! Certo..il mese scorso. Quando avete festeggiato mentre io ero in ufficio..almeno mi avete lasciato la bottiglia come ricordo. Era appena uscito il tuo film.. Total Devastation 6. Mio fratello a Hollywood.. MAURO: e rimasto fuori 4 giorni. Ha incassato meno di mille euro. CRISTINA: venti erano nostri.. MAURO: Ha vinto il premio come peggior film dell anno. 14

15 DANIELE: Almeno sei salito sul palco per il discorso di ringraziamento. Sei stato carino a dedicarmi il tuo film più brutto. A me e alla guardarobiera. MAURO: (ricorda e sorride)..jennifer.. CRISTINA: Jodie.. Jennifer era la cuoca del catering.. MAURO: vero. (Daniele prende la bottiglia, l appoggia sul tavolo e si tasta le tasche) DANIELE: il cellulare.. CRISTINA: in camera, sul comodino.. DANIELE: grazie.. (esce e va in camera) CRISTINA: devi smetterla, ti ho capito io, ma per fortuna non lui.. ne abbiamo gia parlato. MAURO: stai tranquilla, e mio fratello, lo conosco molto meglio di te CRISTINA: siamo due persone adulte e quindi comportiamoci di conseguenza. MAURO: Cosa vuoi che sia, siamo grandi..e successo e basta.. CRISTINA: Cosa? MAURO: sai bene..eravamo ubriachi..la festa..il vino..noi due soli.. CRISTINA: Appunto, quindi stammi bene a sentire: non fare piu cenno alla cosa altrimenti.. (rientra Daniele, lei cambia atteggiamento) CRISTINA:..e quindi alla fine Bruce Willis si schianta contro l asteroide e salva la Terra. E un film incredibile. Loris l avrà visto un centinaio di volte, non se lo perde mai quando lo danno in tv. DANIELE: Non hai mai visto Armageddon? Non ci credo.. Devi vederlo..e qui da qualche parte..e un capolavoro. (comincia a cercarlo) MAURO: anche se qualcuno ti racconta il finale? CRISTINA: certo! Magari ce lo guardiamo stasera. Tu sul divano e io in camera. DANIELE: io spero di non fare troppo tardi. Ciao amore mio. (si mette il soprabito ed esce, dando l ennesimo bacio sulla fronte a lei. Nessuno si accorge della bottiglia lasciata appoggiata in un angolo) CRISTINA: ciao amore.. (appena si chiude la porta si gira di scatto verso Mauro) CRISTINA:..e chiaro? MAURO: certo. Qualunque cosa. CRISTINA: adesso stiamo calmi, come due persone adulte e responsabili. Non importa se il mio fidanzato, nonché tuo fratello, e uscito per andare a una cena di lavoro e non tornerà per almeno un paio d ore.. Facciamo come l altra sera.. ci sediamo sul divano..come due persone normali.. MAURO: Nessun problema.. CRISTINA: magari guardiamo un po di tv.. MAURO: mi spiace, ma io devo ripassare la parte per il provino di domani.. CRISTINA: perfetto, ti aiuto a ripassare la tua parte per domani MAURO: grazie.. lo apprezzo..in fin dei conti e successo un bel po di tempo fa.. eravamo soli.. CRISTINA: avevamo bevuto. 15

16 MAURO: tu eri triste CRISTINA: molto triste MAURO: disperata CRISTINA: disperata MAURO: sola.. CRISTINA: sola, ma lui e in giro per lavoro.. MAURO: ovviamente.. CRISTINA:..ma e acqua passata.. (si siedono sul divano. Distanti. Cristina prende in mano il copione e cerca la riga giusta) MAURO: pag 42..terza riga..la scena in cui Michael, ferito dallo scontro con il giaguaro delle nevi, si rende conto di aver finito i proiettili e nasconde Josephine nella carcassa della motoslitta.. CRISTINA: perché ogni tanto non ti cerchi un film su un timido libraio di periferia? Per cambiare un pò MAURO: Non e il mio genere..a meno che la libreria non venga presa d assalto da un gruppo di terroristi.. CRISTINA: certo, e cominciano a urlare alla polizia dateci i soldi o cominciamo a far fuori gli ostaggi..cominciamo dal burattino di legno e il maghetto con gli occhiali..va beh.. MAURO: Ok..vediamo.. (si concentra)..non c e tempo da perdere. Tra poco cominceranno a giustiziare gli ostaggi. Io sono la loro ultima speranza. E sono sicuro che presto ci rivedremo, in questo vita o in una delle mille altre in cui ti ho cercata.. CRISTINA: ti prego, resta ancora un attimo, il tempo di un ultimo bacio.. MAURO: al diavolo gli ostaggi. Oggi salverò solo me stesso. Vieni qui, bambolina (fa un balzo in avanti e la sta per baciare davvero, mentre Daniele rientra dalla porta) DANIELE: ho dimenticato il vino, il solito.. (li vede, rimane immobile mentre i due si allontanano) CRISTINA: Daniele, non e come pensi MAURO: stavamo solo ripassando la mia parte..metodo Stanislavsky.. DANIELE: (serio, impassibile) adesso vado fuori a cena, la cena più importante della mia vita. Parlerò con colleghi e imprenditori, brinderemo alla firma dell accordo, ci daremo altri appuntamenti per rifinire i dettagli. Tra due ore tornerò a casa: la troverò vuota e con le luci spente. Nessuno dentro. Solo il ricordo di due persone che mi hanno pugnalato alle spalle e non rivedrò più per i prossimi anni. Godetevi la serata. (Daniele esce, chiude la porta, Cristina con la testa tra le mani) MAURO: beh, pensavo la prendesse peggio..ti va se riproviamo.. stavolta la faccio piu convinto.. BUIO 16

17 SCENA 3 (nel soggiorno ci sono 6 bottiglie sul tavolo. Dietro al tavolo, seduto a fissarle, immobile, c e Loris, in silenzio) LORIS: (urlando verso la camera)...il FAVOLOSO?! DANIELE: (dalla camera) troppo banale.. LORIS: IL MODESTO? DANIELE: troppo umile.. LORIS: IL DISCRETAMENTE BUONO? DANIELE: troppo lungo per l etichetta! (uscendo dalla stanza. Sta cercando di fare il nodo alla cravatta, ma senza successo. Ha un paio d occhiali con una vistosa montatura nera e i capelli ben pettinati) insomma..stiamo perdendo delle ore a decidere il nome per sei bottiglie di vino. Ci mettiamo meno a berlo che a battezzarlo. LORIS: non e un vino qualunque! E il frutto di un fine settimana di lavoro nella vigna di mio nonno, una tradizione di famiglia che portiamo avanti da quasi un secolo. DANIELE: sei bottiglie all anno? Spero tuo nonno avesse un altro lavoro.. LORIS: all inizio erano intere cantine, botti gigantesche.. DANIELE:..e su quelle botti ci sarà stato scritto un nome..usiamo quello! LORIS: ogni annata ha un nome diverso, hanno deciso così. In fin dei conti abbiamo prodotto sempre del buon vino in famiglia. DANIELE: (si avvicina e lo guarda dritto negli occhi) Ascolta: abbiamo passato due giorni in mezzo al fango e all umidità delle cantina, ho rinunciato a una partita in tv, un concerto che aspettavo da qualche mese, ho rinviato la visita al Museo d arte contemporanea e annullato la visita dal dentista per la detartarizzazione. Quel vino dev essere più che buono: quando lo apro deve uscire dalla bottiglia non del liquido, ma un genio con tre desideri. LORIS: quando mi guardi con quegli occhiali, mi sento ipnotizzato: li avete solo tu e qualche personaggio di Asimov. Quando ti decidi a cambiarli? DANIELE: per quale motivo? Funzionano..ci vedo..quindi me li tengo. LORIS: anche domani allora puoi andare al colloquio in giacca e bermuda, tanto sei comunque vestito.. DANIELE: stavamo parlando del vino. Come facciamo a capire se e buono? LORIS: c e un solo modo per scoprirlo.. DANIELE: hai ragione: assaggiamolo. LORIS: certo, appena capiterà l occasione. DANIELE: in che senso? LORIS: sei bottiglie per sei occasioni speciali: sono una specie di pietra miliare. Non possiamo berlo come se fosse un qualunque vino che puoi comprare al supermercato. dentro ogni bottiglia c e il nostro sudore, la nostra fatica, il fango della vigna,.. DANIELE: (ironico) viene molta voglia di berlo.. LORIS: ci verra! Al momento giusto..quando vorremo sottolineare un giorno importante, ecco, quello sarà il momento di aprire il...il..paradosso! 17

18 DANIELE: troppo supponente.. Cameriere, vorrei un Paradosso del Va bene, non voglio essere io a interrompere una tradizione (si spazientisce sempre di più col nodo alla cravatta che non riesce) DANIELE: ci rinuncio, vado a farmelo fare da una delle gemelle.. LORIS: e molto semplice..fammi provare.. (prova ad annodare la cravatta addosso a Daniele) DANIELE: Dove lo conserviamo il vino? LORIS: io sono in mezzo al trasloco, te le affido volentieri. DANIELE: perfetto le portiamo in cantina? Ho gia un sacco di roba tua.. LORIS: certo, il posto ideale per gli oggetti preziosi..l argenteria non va nascosta nei cassetti, ma messa in bella mostra! Io ad esempio ho un meraviglioso portabottiglie da 6 che sarebbe perfetto per questa casa. Che dici? Lo vuoi? (Daniele non risponde) LORIS: non sai cosa dire? Sei contento per la sorpresa? DANIELE: (con un filo di voce) hai stretto troppo il nodo.. LORIS: (lo slaccia) scusa scusa! DANIELE: Ok..(tossisce) Molto meglio..allora ricordati di portarmelo.. LORIS: oggi e il tuo giorno fortunato (apre la porta d ingresso e sullo zerbino c e il portabottiglie: alto, a colonna, per poter mettere le 6 bottiglie sdraiate una sopra l altra. Loris lo prende e lo porta dentro) DANIELE: da quanto tempo e li fuori? LORIS: un paio d ore. Nel mio condominio l avrebbero fregato di sicuro. Per questo ho deciso di trasferirmi. Continuano a rubarsi le piante a vicenda.. io non farei mai una cosa del genere. (sistema il portabottiglie sulla destra e comincia a riempirlo con tutte e 6 le bottiglie ) LORIS: Ta daaaaa! Sta benissimo.. DANIELE: sentiti pure libero di spostare anche il divano e cambiare colore alle pareti. LORIS: qui e perfetto. Sembra fatto su misura. (dal bagno esce Mauro) LORIS: Mauro, come ti sembra? MAURO: perfetto, sembra fatto su misura. LORIS: visto? DANIELE: voi due siete sprecati in questa città: siete patrimonio dell umanità. Dove stai andando? MAURO: ho un appuntamento con una tizia conosciuta stamattina nella pubblicità del detersivo per piatti. LORIS: figo! Sei protagonista? MAURO: diciamo antagonista..sono la particella di sporco che si attacca al fondo della padella e non si riesce a staccare.. un misto tra fantascienza e fantasy.. i generi che preferisco. DANIELE: lasciami indovinare: lei faceva la spugna? 18

19 MAURO: (ride) si e strofinata due ore su di me in mezzo alla schiuma. Stava per diventare la prima pubblicità vietata ai minori. Vuoi venire anche tu, Loris? Magari la spugna ha un amica... LORIS: a che ora? MAURO: ci vediamo tra un ora davanti al cinema di Piazza Cavour. LORIS: Lo conosco. In quel cinema ho visto Armageddon e Total Devastation 3 MAURO: il migliore della serie.. LORIS: ancora per poco..perchè sta arrivando Total Devastation 6! MAURO: speriamo..il regista e molto contento e forse riesco a fare il grande salto.. LORIS: magari vinci pure qualche premio.. DANIELE: fratello mio, mi hai promesso 10 anni fa di dedicarmi il primo premio che avresti vinto nella tua vita..ricordati! Lo sai che ci tengo. MAURO: mi ricordo. Tranquillo. In fin dei conti mi hai pagato il corso di recitazione. Mi piacerebbe festeggiare con voi l uscita del film.. Purtroppo saro a Barcellona e non so quando ci rivedremo. LORIS: ma perche aspettare? Abbiamo qui il vino delle grandi occasioni, tu domani parti, tuo fratello non vede l ora di assaggiare questo nettare.. (prende una delle bottiglie, quella piu in alto) MAURO: sono le uve di tuo nonno? Quello che vive a Fontanino? LORIS: si MAURO:..e allora brindiamo con questo Fontanino del (Daniele e Loris si guardano e annuiscono) DANIELE:..andato! (Loris stappa e versa nei 3 bicchieri) DANIELE: proporrei quindi un brindisi al film di mio fratello.. MAURO:..e ai videogiochi di Loris.. LORIS:..e al colloquio di Daniele.. (bevono. Rimangono in silenzio e si guardano) DANIELE:..(tossisce)..ci sono ampi margini di miglioramento, ma ha carattere.. LORIS:..(si schiarisce la gola) col passare del tempo..bisogna dargli qualche settimana in più..(tossisce) MAURO: scusate,..(se ne versa altro)..ma non bevevo un vino dal genere da anni.. cin cin..vieni anche tu stasera? DANIELE: no, grazie. devo finire il curriculum per il colloquio di domani mattina. Speriamo. MAURO: come vuoi, se cambi idea sai dove trovarci. Domattina mi sveglio verso le 7..ho il treno per Roma alle 8...prima classe! Bisogna viaggiare sempre con un certo stile..lascio i last minute a quelli senza talento. DANIELE:..tanto poi ammortizzi le spese sul mio divano. MAURO: un giorno potrai metterlo su Ebay e viverci di rendita. Parti da 1000 euro. LORIS: (alza la mano) io credo nelle tue capacita.. MAURO: grazie..(apre la porta d ingresso, si mette sulla soglia) e con questo saluto il mio pubblico, ringrazio e vi do appuntamento a domani..(fa inchino) sipario! (Daniele sbatte la porta e la chiude) 19

20 LORIS: (applaude) Biiiiiiiiiisssss!! Mauro e incredibile: secondo me non siete davvero fratelli. DANIELE: certe volte lo spero anch io..e invece, ci sono centinaia di foto che lo dimostrano. LORIS: lui e così dinamico, affascinante, vitale..tu invece.. (Daniele lo guarda serio) LORIS: (cambia discorso)..dicevamo, un bicchiere di vino? DANIELE: finisci la frase.. LORIS:..magari qualche salatino? Li cerco subito.. DANIELE: Loris! LORIS: tu sei prevedibile, ma in senso buono. Sei un orologio svizzero, mai un attimo di follia, qualcosa fuori dall ordinario. Se io adesso ti spostassi questo bicchiere, sono sicuro faresti fatica a resistere per rimetterlo a posto. Sei preciso. (Loris va a sedersi sul divano) DANIELE: Forse sono prevedibile anche perché sono il tuo migliore amico e mi conosci meglio di chiunque altro. (mentre lo dice fa finta di niente e sposta il bicchiere lentamente) LORIS: (di spalle) ovvio, so tutto di te, compreso il fatto che stai rimettendo a posto il bicchiere pensando di non essere visto (Daniele rinuncia) LORIS: dovresti lasciarti andare, fare qualcosa di inaspettato. Tu sei la persona più ordinaria che io conosca. Sei stra-ordinaria. E straordinaria. Ma ogni tanto dovresti buttare un sassolino dentro quel meccanismo perfetto. DANIELE: Non vedo il motivo! Se e tutto così perfetto, perché rovinare l equilibrio? LORIS: perché potrebbe essere anche meglio: uscire dagli schemi e costruirsene altri, di totalmente nuovi. Ti faccio un esempio: io amo i videogiochi, sono la mia vita e un giorno diventerò il più grande creatore di videogame della storia. DANIELE: un po di ottimismo non guasta mai. LORIS: nei videogiochi e tutto perfetto, prestabilito, confortante: (cammina sul posto) ci provi, inciampi, cadi, mal che vada muori, ci riprovi, non inciampi piu e muori un po più tardi..ripetitivo e prevedibile come le tue giornate.. ma a un certo punto decidi di uscire dal sentiero e aprire un altra porta..li inizia il divertimento: nuovi mostri, nuove esperienze, nuove emozioni. DANIELE: questione di abitudine: sono cresciuto così e fino ad ora ho avuto ragione. Ho un lavoro, (cosa che tu non hai), una casa (cosa che tu non hai) e una buona forma fisica (cosa che tu non hai..mai..avuto..perché mangi male..e fai poco sport..e passi molto tempo sul divano..) LORIS: ok..ok..ok..io ti sto solo dando un consiglio da amico perché certe volte mi sembra che tu ti stia perdendo delle occasioni per timore..timore che qualcosa che possa andare storto nel tuo mondo incredibilmente dritto. DANIELE: Diciamo che non amo gli imprevisti. LORIS: Sono gusti nuovi! Ti ricordi quando siamo andati al ristorante e io ho mangiato quel piatto che mi hai consigliato tu? DANIELE: il Gazpaco.. 20

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Arrivederci! 3 Test di progresso

Arrivederci! 3 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Oggi pomeriggio voglio andare a comprare un pigiamino per la bambina di Paola, mi vuoi accompagnare? La bambina

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli