CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità"

Transcript

1 CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 12 SEDUTA DEL 17/03/2015 OGGETTO: Approvazione Regolamento per l utilizzo della Sala della Rimembranza presso il cimitero comunale L anno duemilaquindici il giorno diciassette del mese di marzo alle ore 18,00 e seguenti, nella sala delle adunanze consiliari del Comune, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione urgente, seduta pubblica disciplinata dal comma 5 dell art. 24 dello Statuto Comunale sotto la Presidenza del Dott. Corrado Figura, Presidente del Consiglio comunale. Risultano all appello nominale: N. CONSIGLIERI Pres. Ass. N. CONSIGLIERI Pres. Ass. 1 FIGURA CORRADO X 11 CRESCIMONE ANTONINO X 2 PINTALDI GIANFRANCO X 12 PAGANO PAOLO X 3 SCATA MASSIMO X 13 VALVO SALVATORE X 4 SESSA MAURIZIO X 14 VENEZIANO SALVATORE X 5 CUTRALI SALVATORE X 15 AMADDIO MICHELE X 6 TROMBATORE GIUSEPPE X 16 FRASCA CORRADO X 7 TARDONATO CARMELO X 17 BURGARETTA ANDREA X 8 BOSCO GIUSEPPE X 18 CAMPISI GIOVANNI X 9 PENNAVARIA VERONICA X 19 FERRERO GIOVANNI X 10 MAUCERI SIMONE X 20 TIRALONGO ALDO X Assegnati: N. 20 In carica N. 20 Presenti: N. 15 Assenti N. 5 - Partecipa il Segretario Generale DR.SSA SEBASTIANA CARTELLI - Nominati scrutatori i consiglieri: TROMBATORE TARDONATO - TIRALONGO - Il Presidente constata il numero legale degli intervenuti, porta in discussione l argomento in oggetto. 1

2 Art. 53 L , n.142 e ar/. 49 D.Lgs. 267/2000 Parere del Responsabile del Servizio in merito alla regolarità tecnica: Si esprime PARERE FAVOREVOLE Parere del Responsabile del Servizio in merito alla regolarità contabile: Si esprime PARERE FAVOREVOLE Il Responsabile del Servizio Il Responsabile del Servizio Noto, Noto, Per l assunzione dell impegno di spesa, si attesta la regolare copertura finanziaria, ai sensi dell art.55, comma 5 della legge , n.142, recepito dalla L.R , n. 48 e art. 153 comma 5 D.Lgs.vo 267/2000. Il Responsabile del Servizio Finanziario Noto, IL PRESIDENTE Passa a trattare il 3 punto all o.d.g.: Approvazi one Regolamento per l utilizzo della sala di rimembranza presso il cimitero comunale ; Legge ul verbale della prima Commissione Consiliare riunitasi il giorno 10/02/2015 alle ore e il giorno 13/02/2015 alle ore nel corso delle quali è stato espresso parere favorevole per il regolamento in questione. Ha chiesto di intervenire in tal senso il signor Sindaco Il Sindaco grazie signor Presidente, signori Consiglieri stiamo trattando un Regolamento nuovo di zecca perché non esisteva prima nell ambito della nostra Amministrazione legato all utilizzo di questa sala della Rimembranza che abbiamo voluto realizzare per due motivi: in primo luogo perché c è stata una richiesta esplicita da parte di alcuni cittadini per avere un luogo dove poter consumare il rito civile per quando riguarda gli aspetti della pre-sepoltura e in secondo luogo per evitare alcuni disservizi e a costi legati all utilizzo e all apertura del cimitero in orario non più consono a quello che l attività ordinaria, perché si verificava che le sante messe per il rito civile, venivano effettuate in tarda ora e quindi non si arrivava in tempo per la tumulazione e si doveva pagare dello straordinario ai nostri dipendenti. E stata realizzata questa sala con una capienza tale da poter ospitare, oltre al feretro, parenti, amici e congiunti per l ultimo saluto ha una sorta di double-face nel centro che può essere dotata della presenza del crocifisso se si tratta di rito cattolico o senza nessun tipo di segno distintivo se si tratta di laici o di o di seguaci di altre religioni. Sotto questo punto di vista, ci sentiamo di aver dato un servizio aggiuntivo considerato ormai che siamo una società multireligiosa, multietnica per cui ci siamo dotati di una struttura che nel rispetto di tutti e di tutto, permetta a tutti coloro che vivono nel nostro territorio, di vivere la propria religione il proprio credo. Prevede degli orari di apertura e chiusura, prevede una cauzione che deve essere versata da parte dei titolare delle pompe funebri sotto forma di fidejussione di euro proprio per eventuale danni creati alla struttura e prevede una contributo di euro per quanto riguarda le attività legate alla pulizia, ai costi dell energia elettrica e alla sistemazione. E un po un modo nuovo e stiamo lavorando per applicarlo in altri contesti, per iniziare, considerato la riorganizzazione finanziaria dell Ente, a trarre dall utilizzo delle nostre strutture un minimo contributo partecipativo. Non si parla di affitto, di locazione ma di un minimo contributo per rientrare nelle nostre spese. In futuro nulla vieta di organizzare questo modo di utilizzo delle nostre sale anche per le strutture che oggi hanno un utilizzo quotidiano frequente e che determinano costi da parte dell Amministrazione. Un piccolo contributo, può darci il senso di un coinvolgimento 2

3 della comunità nel rispetto delle sale, nel razionalizzare l uso delle stesse, in ambito di pulizia successiva, consumo energetico, manutenzione e quant altro. Ma tornando alla Sala della Rimembranza, questo Regolamento costituito ex novo, è un Regolamento che penso possa dare il senso del rispetto del caro defunto che non sarà più nel suo feretro e posto sopra una lastra di marmo in maniera quasi poco rispettosa ma sarà collocato all interno di una sala che ha tutti i crismi di una piccola cappella o di un piccolo luogo di culto a secondo della religione proprio per accompagnare l ultimo saluto a questo nostro caro concittadino. CONSIGLIERE VALVO signor Sindaco, colleghi consiglieri, signori Assessori, io ritengo che questa conquista, la giudico una conquista, costituisce un altro tassello per la conquista dei diritti civili e la sala delle Rimembranze un acquisizione del diritto civile. Come ha detto bene il Sindaco, prima i feretri venivano posti su una lastra di marmo senza avere il conforto per modo di dire, dei parenti e degli amici. Volevo puntualizzare una cosa: mi sono permesso di aggiungere nel Regolamento all art. 2, riservato alla sistemazione dei feretri di appartenenza religiosa diversa dalla cattolica, un punto per estendere tale diritto anche a coloro che non hanno condiviso in vita nessuna appartenenza religiosa perché ho ritenuto che si trattasse di una mancanza. Se può accedere un musulmano, un ebreo, ritengo che sia giusto che vi possa accedere anche un non credente o per meglio dire laico. In un primo momento avevo fatto aggiungere la parola laico però credo che ci fosse un piccolo errore perché oggi per laico s intende un soggetto aconfessionale, che non appartiene a nessuna confessione religiosa nel senso di autorità religiosa ma può essere anche un laico credente. Abbiamo l esempio di Rutelli che tempo fa fece una disquisizione su un articolo del giornale. L apertura della delle Rimembranze si aggiunge alla battaglia per le unioni civili tanto vituperate e tanto criticate da alcuni settori di questo Consiglio comunale anche se devo dire che questo argomento oggi è diventato oggetto di discussione perché Renzi lo sta portando anche a livello nazionale. Io sono contento che questo stia avvenendo anche perché noi siamo stati non dico i precursori, ma ci siamo aggiunti a quei pochi comuni che già hanno adottato tale procedimento. Questa è un altra cosa che da lustro a questa Amministrazione, un Amministrazione che io ritengo abbia lavorato bene in questi quattro anni e pur con luci e ombre, pur con le divergenze che possono scaturire in qualsiasi famiglia, in qualsiasi amministrazione fatta di vari partiti, mi sento di poter affermare che il nostro apporto è stato positivo checchè ne dicano gli altri ma soprattutto che noi crediamo fermamente in quello che si è fatto. Abbiamo un Amministrazione che ha lavoro bene, ha portato tanti lavori pubblici Noto, ha portato l illuminazione in contrade che da trent anni ne aveva fatto richiesta, ha portato veramente lustro alla città. Abbiamo oggi una situazione a livello di turismo e di cultura che suscita invidia da parte di tutta la provincia di Siracusa e quando vengono quelli di Siracusa a criticare il nostro operato, io devo dire al collega Veneziano, che noi abbiamo la nostra autonomia di circolo e questa autonomia l abbiamo espresso ridando fiducia a questa Amministrazione senza se e senza ma. E chiaro che siamo critici su certe scelte che possono essere fatte, ma questo non pregiudica la nostra appartenenza. Grazie. IL PRESIDENTE se non ci sono altri interventi il signor Sindaco ha chiesto di intervenire per fare l emendamento come richiesto dalla Commissione Consiliare Il Sindaco Consigliere Valvo il mio intervento era nella direzione dell intendimento che lei ha esplicitato in maniera corretta e puntuale. Quando le Commissioni lavorano e lo fanno nel contesto delle attività consiliari, ovviamente è molto positivo considerato quello che si sente oggigiorno, quindi propongo di modificare all art. 2 dove si parla della destinazione delle sale agli appartenenti a religione diversa dalla cattolica, inserendo anche coloro che non hanno condiviso in vita alcuna appartenenza religiosa quindi in aggiunta a questa indicazione. Per cui formalizzo adesso l emendamento e lo presenterò al Presidente del Consiglio. 3

4 IL PRESIDENTE Per quanto riguarda il Regolamento sull utilizzo della sala della Rimembranza all art. 2 che recitava: l uso della sala di Rimembranza è destinato a richiesta dei familiari o altri aventi titolo a ricevere i feretri dei defunti in attesa dell espletamento o della formalità necessarie per il seppellimento o per gli appartenenti alle religioni diverse dalla cattolica celebrare il rito funebre, viene modificato in questo modo come richiesto dalla Commissione Consiliare e dal Consigliere Valvo. Praticamente l uso della sala della Rimembranza è destinato a richiesta dei familiari o altri aventi titolo, a ricevere i feretri dei defunti in attesa dell espletamento delle formalità necessarie per il seppellimento per gli appartenenti alle religioni diverse dalla cattolica e per coloro che non hanno condiviso in vita alcuna appartenenza religiosa. Procediamo alla votazione prima dell emendamento e poi dell atto nella sua interezza. Si procede alla votazione dell emendamento all art. 2 per appello nominale. Entra alle il consigliere Pagano Presenti :17 Assenti: 3 (Pintaldi Crescimone Ferrero) IL PRESIDENTE L emendamento all art. 2 del regolamento per l utilizzo della sala delle rimembranze viene approvato all unanimità dei presenti. Procediamo adesso alla votazione dell atto nella sua interezza quindi del Regolamento compreso dell emendamento. Presenti :17 Assenti: 3 (Pintaldi Crescimone Ferrero) All unanimità dei consiglieri presenti IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che l Amministrazione Comunale, nell ambito della riorganizzazione e ristrutturazione funzionale dei servizi cimiteriali, si a posto come obiettivo primario quello di rendere più accoglienti e decorosi gli ambienti posti nella zona ad Ovest dell'ingresso principale del Cimitero comunale, anche sotto l'aspetto igienico-sanitario, al fine di soddisfare quanto più possibile le esigenze dell'utenza; RICHIAMATA la propria determinazione n del 31/12/2013 con la quale veniva approvato il progetto relativo ai "Lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione e riqualificazione funzionale dei locali dell'ala Ovest dell'ingresso principale del Cimitero Comunale. Adeguamento arredi e attrezzature hardware dell'ufficio del. custode. Revisione ed adeguamento impianti tecnologici dei locali servizi della zona del cimitero nuovo". CONSIDERATO che a seguito della esecuzione dei lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione e di riqualificazione funzionale dell'ala Ovest del Cimitero comunale a stata inaugurata la "Sala della Rimembranza"; CONSIDERATO che l'uso della predetta "Sala della Rimembranza" a destinato, a richiesta dei familiari o altri aventi titolo, a ricevere i feretri dei defunti in attesa dell'espletamento delle formalità necessarie per il seppellimento o, per gli appartenenti alle religioni diverse dalla cattolica, celebrare il rito funebre; RAVVISATO la necessità che l'utilizzo della predetta "Sala della Rimembranza" venga disciplinato con apposito regolamento; VISTO il Regolamento per l'utilizzo della "Sala della Rimembranza" presso il Cimitero comunale predisposto dal Servizio 3 del Settore IV Gestioni e manutenzioni ed allegato al presente atto come emendato all art. 2; DELIBERA 1) Di approvare il Regolamento per l'utilizzo della "Sala della Rimembranza" presso il Cimitero comunale, allegato al presente atto del quale costituisce parte integrante; 4

5 2) Di rendere il Regolamento disponibile alla visione presso i locali della "Sala della Rimembranza" e dell'ufficio del Custode del Cimitero comunale; 3) Di dare mandato al Dirigente del Settore IV - Gestioni e manutenzioni ad espletare tutti gli adempimenti necessari per 1'applicazione e 1'osservanza del predetto regolamento. 5

6 CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità SETTORE N. 4 GESTIONI E MANUTENZIONI Servizio 3: Servizi Cimiteriali REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA "SALA DELLA RIMEMBRANZA" PRESSO IL CIMITERO COMUNALE Art. 1 II presente regolamento disciplina I'uso della "Sala della rimembranza" presso il Cimitero comunale. Art. 2 L'uso della "Sala della rimembranza" a destinato, a richiesta dei familiari o altri aventi titolo, a ricevere i feretri dei defunti in attesa dell'espletamento delle formalità necessarie per il seppellimento o, per gli appartenenti alle religioni diverse dalla cattolica e per coloro che non hanno condiviso in vita alcuna appartenenza religiosa, celebrare il rito funebre. La Sala non può ospitare contemporaneamente più di due feretri. In tal caso, sarà cura delle imprese di onoranze funebri allestire il locale con adeguate schermature a fini di decoro e/o riservatezza. Art. 3 E' consentito all'interno della struttura la celebrazione di riti funebri non contrastanti con I'ordinamento giuridico italiano. Art. 4 Le imprese di pompe funebri che vogliano utilizzare la Sala devono munirsi di apposita autorizzazione annuale rilasciata dal Comune, previa presentazione di domanda corredata della documentazione attestante il possesso della licenza per I'esercizio dell'attività e subordinatamente alla stipula di una polizza assicurativa obbligatoria del valore di 1.000,00 (euro mille/00) a favore dell'amministrazione Comunale a copertura di eventuali danni che possano essere arrecati ai locali durante I'utilizzo. Art. 5 I familiari del defunto e/o I'impresa di onoranze funebri, munite di regolare licenza ad esercitare, incaricata per lo svolgimento del servizio funebre possono usufruire della Sala secondo i limiti e le modalità contenuti net presente regolamento, con obbligo di formale richiesta scritta at Comune (allegato 1 at presente regolamento), previa comunicazione telefonica, allegando la documentazione prevista dalla normativa vigente, nonchè il ritiro della chiave. II Comune, per il tramite del Responsabile dei Servizi Cimiteriali avrà il compito di ricevere I'istanza per I'utilizzo della "Sala della Rimembranza", rilasciarne la relativa autorizzazione, predisporre i necessari riscontri ed accertamenti, garantirne il corretto funzionamento e la consegna della chiave. Negli orari e giorni di chiusura degli Uffici comunali, la richiesta pm!) essere rivolta direttamente al Custode del Cimitero, presso il cui Ufficio dovrà essere comunque compilato e sottoscritto il modulo di utilizzo. Art. 6 Sono vietati alle Agenzie di onoranze funebri il collocamento di drappi, addobbi ed altre attrezzature similari, ingombranti e/o pericolose, I'utilizzo di dispositivi elettrici non conformi alle normative vigenti ed il collocamento di candele o ceri accesi. Art. 7 Fatta salva la disponibilità degli spazi, I'accessibilità delta Sala per I'accoglimento dei feretri a garantita tutti i giorni di apertura at pubblico del Cimitero comunale, dalle ore 08:00 alle ore 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 17:00, nei giorni feriali, e dalle ore 09:00 alle ore 12:00 nei giorni festivi. 6

7 Al di fuori di detti orari I'accesso alla Sala potrà avvenire, sotto la responsabilità dell'impresa di onoranze funebri incaricata, fino alle ore 19:00 e non oltre, pena la revoca dell'autorizzazione all'uso delta Sala medesima. Art. 8 L'accesso alla sala a consentito ai famigliari, parenti, conoscenti dei deceduti ed al personale dipendente delle imprese di onoranze funebri per I'espletamento delle incombenze relative al servizio funebre. L'accesso alla struttura verrà consentito, alle Agenzie Funebri, per I'espletamento delle incombenze relative at servizio funebre e in ogni altro caso per motivi che siano quelli di visita o di servizio e per i tempi a ciò strettamente necessari, in tutti i giorni e negli orari prestabiliti. Non è ammessa la frequenza della Sala a persone diverse da quelle indicate e, in ogni caso, per motivi che non siano quelli di visita o di servizio e per i tempi strettamente necessari. Chiunque acceda alla Sala a tenuto ad osservare un comportamento e ad indossare un abbigliamento consono al luogo ed alle circostanze. Art. 9 L'uso della Sala a aconfessionale, gratuito ed esente da qualsiasi imposta o tassa. E' richiesto ai famigliari dei defunti, anche per tramite dell'impresa di onoranze funebri incaricata, che utilizzino la Sala un rimborso spese per utenze, pulizia e disinfezione, quantificato forfettariamente in euro 50,00. Detta somma dovrà essere corrisposta dal soggetto utilizzatore tramite versamento presso la tesoreria del Comune di Noto entro il termine della riconsegna dei locali. Art. 10 II richiedente I'utilizzo della Sala deve garantire, sotto la propria responsabilità un corretto e civile uso dei locali e dei beni in esso contenuti (ed avrà I'obbligo della vigilanza e custodia delle salme, al fine di evitarne la profanazione). Art. 11 II richiedente dal momento dell'autorizzazione all'uso della Sala (previa verifica congiunta dello stato dei locali concessi) ed avendo ricevuto in consegna le chiavi dei locali, diventa automaticamente responsabile ed assume gli obblighi derivanti dagli artt. 5, 6 e 10 del presente Regolamento. Al termine del periodo di utilizzo dei locali, il Richiedente dovrà restituire la chiave at Custode del cimitero. La riconsegna dei locali avverrà a seguito di sopralluogo di verifica del personale incaricato e conseguente compilazione di apposito verbale in contraddittorio. Gli eventuali danni accertati verranno verbalizzati e trattati ai sensi del successivo art. 12. Al riguardo le imprese di onoranze funebri utilizzatrici sono costituite custodi, ai sensi dell'art del C.C., per i beni concessi in uso (locali e finiture, impianti, accessori) e sono responsabili per i danni diretti ed indiretti a persone e cose, procurati in qualsiasi modo, derivanti dall'uso dell'immobile oggetto di utilizzo e dall'effettuazione dell'attività ivi esercitata, con esonero espresso del Comune di Noto da detta responsabilità. Art. 12 Ogni danno, guasto, rottura causati dall'impresa funebre che ha in uso i locali per I'espletamento delle onoranze funebri, verrà ad essa addebitato. Nel caso di contestuale utilizzo da parte di più imprese funebri, ed in assenza di esatto riscontro di responsabilità, I'addebito sarà disposto in parti uguali agli utilizzatori. Sara facoltà dell'amministrazione comunale porre a carico di soggetti ritenuti altresì responsabili di azioni contrarie at decoro, disturbo, non rispetto di norme igienico-sanitarie, uso improprio dei locali, una sanzione amministrativa prevista dall'art. 80 del vigente Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria. Art. 13 II Sindaco con atto motivato può sospendere o revocare I'uso della "Sala della Rimembranza", per comprovati motivi di ordine pubblico e sanitario. Art. 14 Per quanto non previsto e regolamentato si fa espresso riferimento al regolamento di polizia mortuaria D.P.R. 285/1990 e s.m.i. ed al regolamento comunale di polizia mortuaria approvato con Delibera di C.C. n. 134/1998. Art. 15 II presente regolamento entra in vigore il giorno successivo alla sua approvazione ed avrà validità fino a quando I'Amministrazione non riterrà opportuno abrogarlo o modificarlo. 7

8 Il Consigliere Comunale f.to SCATA Il Presidente f.to FIGURA Il Segretario Generale f.to CARTELLI Il presente atto è stato pubblicato all Albo on-line il 07/04/2015 e fino al 21/04/2015 Il Responsabile dell Albo CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto Segretario certifica, su conforme attestazione dell Addetto, che la presente deliberazione: E stata pubblicata all Albo on-line il giorno 07/04/2015 e vi rimarrà per 15 gg. consecutivi. E rimasta affissa all Albo on-line per 15 gg. consecutivi dal 07/04/2015 al 21/04/2015 lì, Il Segretario Generale ATTESTAZIONE DI ESECUTIVITA Non soggetta a controllo preventivo di legittimità (art. 15 comma 1 L.R. 44/91 come sostituito art.4 L.R. 23/97) Divenuta esecutiva il decorsi 10 giorni dalla pubblicazione ai sensi dell art.12 comma 1 L.R. 44/91. Dichiarata immediatamente esecutiva dal Consiglio Comunale. L impiegato responsabile Il Segretario Generale 8

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 45 SEDUTA DEL 12/08/2014 OGGETTO: Debito fuori bilancio, ai sensi dell art. 194 comma 1 lettera e) del D. Leg.vo n. 267/2000

Dettagli

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR)

A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) A.S.P. CASA di RIPOSO SAN GIUSEPPE Azienda di Servizi alla Persona Largo della Vittoria, 20 26031 Isola Dovarese (CR) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CAMERA MORTUARIA DELLA A.S.P. CASA DI RIPOSO SAN GIUSEPPE

Dettagli

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 81 SEDUTA DEL 25/11/2014 OGGETTO: Rinegoziazione mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti. MANCANZA NUMERO LEGALE

Dettagli

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità

CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità CITTÀ DI NOTO Patrimonio dell Umanità COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39 SEDUTA DEL 08/07/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2014

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PALAGANO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari ai sensi dell'art. 125 D.Lgs. 267/2000 il 18/05/2015 Nr. Prot. 2810 Affissa all'albo

Dettagli

Provincia di Alessandria COPIA Deliberazione n.44 del 08.09.2010 ore 15.00

Provincia di Alessandria COPIA Deliberazione n.44 del 08.09.2010 ore 15.00 rovincia di Alessandria COIA Deliberazione n.44 del 08.09.2010 ore 15.00 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DISOSIZIONI ER LE CELEBRAZIONI DEI MATRIMONI CIVILI Nella solita sala delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ( approvato con delibera consiliare n. 42 del 30/09/2014) Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento. Art. 2 Luogo della celebrazione.

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce)

COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COMUNE DI VEGLIE (Provincia di Lecce) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 120 del 10/09/2013 OGGETTO: COMUNE C/DOTT. M.A. - AZIONE RISARCITORIA DINANZI ALL'A.G.O. - DETERMINAZIONI. L'anno

Dettagli

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA. Deliberazione della Giunta Comunale N. 114

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA. Deliberazione della Giunta Comunale N. 114 C O P I A COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA Deliberazione della Giunta Comunale N. 114 OGGETTO: REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA: MODIFICHE, INTEGRAZIONE E APPROVAZIONE. L anno duemilatredici

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 43 Reg. Delib. Oggetto: TARIFFE PER LE CONCESSIONI E I SERVIZI CIMITERIALI PER L'ANNO 2013. L'anno duemilatredici il

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali integrazione al Regolamento Comunale per i servizi di Polizia Mortuaria e del Cimitero APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

Copia Deliberazione della Giunta Comunale

Copia Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI CAPRARICA DI LECCE Prov. Di Lecce - L.go San. Marco - 73010 Caprarica di Lecce - tel. 0832-825489 - fax 0832-825561 - n. verde 800-259728 C.F. 80010610758 P.I. 03355100755 Copia Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. N. 58 REGISTRO DELIBERAZIONI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: FUNERALE DI POVERTÀ IN FAVORE DEL DEFUNTO A.R. L anno Duemilaquindici

Dettagli

C O M U N E D I V E C C H I A N O Provincia di Pisa

C O M U N E D I V E C C H I A N O Provincia di Pisa C O M U N E D I V E C C H I A N O Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 98 DEL 12/6/2013 OGGETTO: ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONSILIARE E DEI LOCALI ANNESSI

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 74

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 74 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 74 OGGETTO: RETROCESSIONE DEL LOCULO

Dettagli

Comune di Cerveteri. (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

Comune di Cerveteri. (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Cerveteri (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/10/2010. Il Regolamento è stato pubblicato

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI LAJATICO VERBALE DI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 1 DEL 21-01-2015 OGGETTO: LOCALI PER CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI. DETERMINAZIONE L anno duemilaquindici addì ventuno del

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LOCALIZZAZIONE DELLA CASA DEL COMMIATO. L'anno Duemilatredici il giorno Ventiquattro del mese di Luglio alle ore 18.30, nella sala delle adunanze

Dettagli

Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Regolamento comunale per la celebrazione dei matrimoni civili approvato con deliberazione della Commissione Straordinaria n.11 del 08/05/2014 Pubblicato all'albo Pretorio dal 12/05/2014 al 27/05/2014 Esecutiva

Dettagli

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 48 del 26/11/2013 OGGETTO: MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI

Dettagli

COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE COPIA N. 15 del Reg. Delibere COMUNE DI MORUZZO PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Tariffe servizi cimiteriali anno 2010.- L anno duemiladieci, il giorno venticinque

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA

COMUNE di RIPARBELLA COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 13 Dicembre 2013 Verbale n. 43 COPIA OGGETTO: Progetto Vigilanza scolastica anno 2014. Approvazione progetto-

Dettagli

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI TICENGO. P r o v i n c i a d i C r e m o n a. Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N.14 COMUNE DI TICENGO P r o v i n c i a d i C r e m o n a Adunanza del 16/04/2015 Codice ente: 10807 7 Ticengo Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: TARIFFE CIMITERIALI

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 600 DEL 04/11/2014 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA Ufficio Servizi Cimiteriali OGGETTO: Sostituzione lastra pertinente loculo n. 10 fila 3 del

Dettagli

Oggetto: Approvazione del regolamento comunale per l utilizzo dei locali individuati dalla Giunta municipale per la celebrazione dei matrimoni.

Oggetto: Approvazione del regolamento comunale per l utilizzo dei locali individuati dalla Giunta municipale per la celebrazione dei matrimoni. Oggetto: Approvazione del regolamento comunale per l utilizzo dei locali individuati dalla Giunta municipale per la celebrazione dei matrimoni. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la deliberazione giuntale n.

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese COPIA Deliberazione n 106 in data 09/08/2010 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: Aggiornamento tariffe di concessione loculi e modalità di

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 173 / Prot. Data 5/5/2015 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 165 del Reg. Data 5/5/2015 Parte riservata alla Ragioneria Bilancio Comune di Alcamo PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO ORIGINALE COMUNE DI SANTA MARIA A VICO PROVINCIA DI CASERTA Data Delibera: 25/06/2014 N Delibera: 70 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ACCESSO AL FONDO DI LIQUIDITA' PER ASSICURARE

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.62

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.62 O r i g i n a l e COMUNE DI TAVAGNASCO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.62 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 31 OTTOBRE 2007 N 20 " DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE, CONSERVAZIONE

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 174 / Prot. Data 5/5/2015 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 166 del Reg. Data 5/5/2015 Parte riservata alla Ragioneria Bilancio Comune di Alcamo PROVINCIA

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.63

PROVINCIA DI TORINO DELLA GIUNTA COMUNALE N.63 C o p i a COMUNE DI TAVAGNASCO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.63 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 31 OTTOBRE 2007 N 20: " DISPOSIZION I IN MATERIA DI CREMAZIONE, AFFIDAMENTO

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 139 / Prot. Data 08/04/2015 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 139 del Reg. Data 09/04/2015 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della

Dettagli

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n 54 del 09/10/2015 OGGETTO ATTIVAZIONE SISTEMA DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI-INDIVIDUAZIONE DEL RESPONSABILE

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D'ADIGE Provincia di Verona -------------------

COMUNE DI ALBAREDO D'ADIGE Provincia di Verona ------------------- C O P I A COMUNE DI ALBAREDO D'ADIGE Provincia di Verona ------------------- N. 42 Reg. Delib. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AMPLIAMENTO CIMITERO DEL CAPOLUOGO. DETERMINAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE ALL XI RADUNO DI AUTO D EPOCA IN FRANCIACORTA.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE ALL XI RADUNO DI AUTO D EPOCA IN FRANCIACORTA. IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 76 del 13/04/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE ALL XI RADUNO DI AUTO D EPOCA IN FRANCIACORTA. L

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Consiglio Comunale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Consiglio Comunale Proposta N. 16 Prot. Data 17/03/2015 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Consiglio Comunale N 60 del Reg. Data 21/05/2015 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 18/06/2015 OGGETTO: ATTIVITA' LEGALE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici

COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CODICE COMUNE N. 11137 Pag.n. 1 Comune di Zibido S. Giacomo Provincia di Milano SIGLA G.C. N 78 DATA 11/04/2011 Oggetto: APPROVAZIONE E RIARTICOLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO CIMITERIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 55 DEL 17/06/2014 Oggetto: NOMINA CONSEGNATARI DEI BENI MOBILI ED IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE. al CO.RE.CO.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 09/05/2013

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 09/05/2013 COMUNE DI LAMPEDUSA E LINOSA PROVINCIA DI AGRIGENTO REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 18 DEL 09/05/2013 INDICE Art. 1 Oggetto e

Dettagli

Giunta Comunale COMUNE DI VIGNOLA. Atti della OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO PROVVEDIMENTI. PROVINCIA DI MODENA

Giunta Comunale COMUNE DI VIGNOLA. Atti della OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO PROVVEDIMENTI. PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI VIGNOLA PROVINCIA DI MODENA Atti della Giunta Comunale Delib. n. 173 Del 12.10.2005 L anno Duemilacinque il giorno dodici OGGETTO: SERVIZIO DI ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI A PREZZO CONCORDATO

Dettagli

Comune di Castel San Giorgio. REGOLAMENTO per la CELEBRAZIONE dei MATRIMONI CIVILI

Comune di Castel San Giorgio. REGOLAMENTO per la CELEBRAZIONE dei MATRIMONI CIVILI Comune di Castel San Giorgio REGOLAMENTO per la CELEBRAZIONE dei MATRIMONI CIVILI approvato con delibera di Consiglio Comunale n 10 del 05/06/2012 1 Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 67 del 28/05/2010 I ND I C E art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento art. 2 - Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Servizi cimiteriali REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO FUNEBRE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 18 del 28 maggio 2005 modificato ed integrato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di Consiglio n... del.. Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA

COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COMUNE DI CHIARAMONTE GULFI PROVINCIA DI RAGUSA COPIA DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 445 del Reg. Delib. Data 04.12.2009 OGGETTO: Sicurezza ambienti di lavoro e dei lavoratori: acquisto e

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 5 Del 09-02-10 Oggetto: APPROVAZIONE INTEGRAZIONE DELL'ART. 42 DEL "REGO= LAMENTO DI POLIZIA

Dettagli

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 143

DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE. Determinazione n. 143 O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n. 7. DETERMINAZIONI DEL DIRETTORE Determinazione n. 143

Dettagli

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44 Regolamento per l accesso alla sede del Consiglio regionale e uso delle Sale aperte al pubblico di Palazzo Cesaroni approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 12 maggio 2009, n. 352 Testo coordinato

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 227 Registro Deliberazioni OGGETTO: erogazione di contributi ad associazioni di volontariato per il finanziamento di progetti sociali

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione n 114 in data 22/10/2015 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DEL QUINTO DELLO

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 77 DEL 08.05.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INDICAZIONI IN MERITO ALLA DETERMINAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO

Dettagli

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE DEI NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI ANNO 2014

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE DEI NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI ANNO 2014 web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 7 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 78 O G G E T T O RATEIZZAZIONE PAGAMENTO LOCULO CIMITERIALE. L anno 2013 addì CINQUE del mese di DICEMBRE

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 168 / Prot. Data 17/04/2014 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 136 del Reg. Data 17/04/2014 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI CITTA' di CANALE Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 57 Data 21/12/2011 OGGETTO: Riconoscimento legittimità di debito fuori bilancio, ai sensi dell art. 194, comma 1, lettera e)

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 65 OGGETTO: Quota rimborso spese polizza

Dettagli

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO

COMUNE DI FARRA DI SOLIGO COMUNE DI FARRA DI SOLIGO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Deliberazione n. 109 del 13-09-2012 immediatamente eseguibile Comunicata ai capigruppo consiliari il 25-09-2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

C O M U N E D I E R B E PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

C O M U N E D I E R B E PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI C O M U N E D I E R B E PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n 25 del 27.05.2010 1 INDICE Articolo 1 Oggetto e finalità

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 249 del 23/12/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO RINNOVO CONCESSIONE IN USO DI UN LOCALE DELLA DOMUS CIVICA GIUSY TONINELLI SITA IN ORZINUOVI

Dettagli

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA Testo definitivo del Regolamento approvato con delibera di C.C. n. 7 del 13/02/09 con le modifiche ed integrazioni apportate con gli emendamenti approvati. COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO PROVINCIA DI CATANIA

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno

COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno COMUNE DI TAIBON AGORDINO Provincia di Belluno COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 58 del 16.07.2015 OGGETTO: Contratto di locazione commerciale di un immobile di proprietà del Comune

Dettagli

INTEGRAZIONI ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 87 DEL 16/07/2008: APPROVAZIONE DISPOSIZIONI IN MERITO ALL'EDILIZIA CIMITERIALE

INTEGRAZIONI ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 87 DEL 16/07/2008: APPROVAZIONE DISPOSIZIONI IN MERITO ALL'EDILIZIA CIMITERIALE COPI A DELIBERAZIONE N.115 --------------------- COMUNE DI GUASTALLA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA ------------------- Verbal e di del i berazi one del l a GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONI ALLA

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO

UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL SOSIO Provincia di Palermo ********** VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 11 DEL 09/03/2011 O G G E T T O : ATTO DI INDIRIZZO AL RESPONSABILE DEL SETTORE AMMINISTRATIVO.

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA

COMUNE DI DOMUS DE MARIA Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. del COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 Funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 32 del 26.04.2012. Art.

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 32 del 26.04.2012. Art. COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 32 del 26.04.2012 Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 31 Reg. Delib. Oggetto: TARIFFE PER LE CONCESSIONI E I SERVIZI CIMITERIALI PER L'ANNO 2014. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI CAPODRISE PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CAPODRISE PROVINCIA DI CASERTA , x/ COMUNE DI CAPODRISE PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO n.35 del 7.5.2015 OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI - APPROVAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 10 DEL 12/02/2015

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo COPIA Delibera nº Data 184 27/08/2010 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: ISTITUZIONE DI UN "LUOGO DELLA MEMORIA" PRESSO I CIMITERI

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione di Giunta Comunale N. 52 del 18/06/2015 C O P I A Codice Ente: 10043 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL COSTO ORARIO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A COMUNE DI BETTOLA Provincia di Piacenza DELIBERAZIONE N. 14 in data 23-03-2015 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: APPROVAZIONE INDIRIZZI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA RACCOLTA

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 32 DEL 08.03.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.233 DEL 28/12/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI MORGANO PROVINCIA DI TREVISO sede municipale BADOERE REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 45 DEL 29.11.2013 IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI Delibera Consiliare n. 15 del 15/03/2011 Pubblicata dal 12/4/2011 al 26/4/2011 1 Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI SEMIANA (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SEMIANA (Provincia di Pavia) COMUNE DI SEMIANA (Provincia di Pavia) CODICE ENTE: 11285 n.reg.delib. 16 n.reg.pubbl. 34 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaquattordici addì 03 del mese di aprile alle ore 20.45 convocata

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna)

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale N. 245 Reg. Data 03/11/2009 Oggetto: EROGAZIONE CONTRIBUTO PER SPESE FUNEBRI. L anno

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

(Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

(Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI TAURIANOVA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione del C.C. n 5 del 23.01.2016 Indice generale Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 94 DEL 31/07/2015 OGGETTO: ATTIVITA' LEGALE NELLA PROCEDURA DI RECUPERO

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 120 del 07/07/2011 OGGETTO: D.G.R. n. 187/2011 e 192/2011. Richiesta di un contributo in conto capitale per

Dettagli

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE COMUNE DI CARPANETO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. in data.. DISCIPLINA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N 58 DEL 27.07.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO E ATTO DI INDIRIZZO PER INCARICO PROFESSIONALE

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2012-77 Data 25-07-2012 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA NELL AMBITO DELLA CASA COMUNALE.

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici

CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 43 del Reg. Delib. N. 6472 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto IL PRESIDENTE f.to Valeria Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Maddalena Sorrentino

Dettagli

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA COPIA COMUNE DI TRESCORE CREMASCO PROVINCIA DI CREMONA DELIBERAZIONE N. 5 Adunanza del 30.01.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE PER LO SVOLIMENTO DI ATTIVITA' DI VOLONTARIATO.

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 176 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE PER IL PROGETTO PROVINCIA TEATRO GIOVANI 2010-2011. L anno DUEMILADIECI alle

Dettagli

COMUNE DI CALUSCO D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI CALUSCO D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CALUSCO D ADDA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Funzioni e deleghe

Dettagli

COMUNE DI BUGUGGIATE PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI BUGUGGIATE PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI BUGUGGIATE PROVINCIA DI VARESE ORIGINALE Codice ente 11430 DELIBERAZIONE N. 81 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUGUGGIATE

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 109 OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI

Dettagli