Architettura e servizi Internet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura e servizi Internet"

Transcript

1 Architettura e servizi Internet Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi dell'aquila A.A. 2011/2012 Romina Eramo materiale tratto da: Fazio Vincenzo EURIX Group Corso Tortona, 17 Torino Torino

2 Indice Internet: la storia Architettura Internet Protocollo di Rete: IP (Internet Protocol) Protocolli di Trasporto: TCP, UDP Servizi Internet Applicazioni distribuite: programmazione socket

3 Nascita di Internet : ARPANET (prima rete di calcolatori a commutazione di pacchetto) Avvio delle ricerche di DARPA (Defense Advanced Research Project Agency) negli USA Internet : la storia il numero delle reti create inizia a crescere completamento dell Internet Protocol Suite, di cui i due protocolli più noti sono il TCP e l IP ARPA + Università di Stanford iniziano il progetto di una suite di protocolli standard tempo

4 Internet : la svolta Svluppo del primo browser: Mosaic Gli standard Web definiscono: indirizzamento: Uniform Resource Locator (URL) protocollo: Hyper Text Transfer Protocol (HTTP) codifica: Hyper Text Markup Language (HTML) marzo 1989: invenione del Web. Tim Berners-Lee del CERN di Ginevra propone il servizio WWW periodo di notevole crescita di Internet tempo

5 Internet come funziona router Rete 2 router Rete 1 router Rete 3 Rete 4

6 Internet Internet consiste di un insieme di reti interconnesse che possono essere considerate come un'unica entità Le reti sono collegate da particolari apparati detti Router, che hanno come funzione primaria quella di instradare i dati sulla base dell'indirizzo della rete destinataria Router Router Network 2 Network 3 Network 1

7 Come individuare un computer sulla rete?

8 IP Internet Protocol Host e router sono collegati nella rete attraverso link fisici e comunicano tramite un interfaccia Ciascun router e host è in grado di inviare e ricevere, il protocollo IP richiede che ciascuna interfaccia abbia un indirizzo IP Interfaccia: è il confine tra host e collegamento fisico. Indirizzo IP: ogni interfaccia di host e router di Internet ha un indirizzo IP globalmente univoco

9 IP Internet Protocol I router devono necessariamente essere connessi ad almeno due collegamenti Un host, in genere, ha un interfaccia A ciascuna interfaccia sono associati indirizzi IP a 32 bit

10 Indirizzamento IPv4 Un indirizzo IP (IP address) è un numero di 32 bit (4 byte) che identifica in modo univoco un host TCP/IP su Internet o in una intranet. Un indirizzo IP è composto da: Un ID di rete (bit più a sinistra) Un ID di host (bit più a destra) Net ID Host ID IP Address

11 Indirizzamento IPv4 Esempi di indirizzi IP Net ID Net ID Net ID IP Address IP Address IP Address Host ID Host ID Host ID

12 Indirizzamento IPv4 Classi di indirizzamento: Le classe di indirizzamento sono 5 e sono individuate con le prime cinque lettere dell alfabeto. Gli indirizzi di classe D ed E sono poco usati. Classe A Net ID Host ID IP Address IP Address Classe B Net ID Host ID IP Address Classe C Net ID Host ID

13 Indirizzamento IPv4 Classi di indirizzamento Classe A 0 Classe B 1 0 Classe C Classe D net ID bit host ID 24 bit net ID 14 bit host ID 16 bit net ID 21 bit host ID 28 bit multicast group ID 28 bit Classe E reserved bit

14 Indirizzamento IPv4 Net ID Net ID Host ID IP Address Host ID IP Address Reti disponibili Host disponibili Classe A Reti disponibili Host disponibili Classe B Net ID IP Address Host ID Reti disponibili Host disponibili Classe C Alcuni indirizzi IP sono riservati: (per un elenco completo [http://ds.internic.net]) L indirizzo 127 della classe A è usato a fini di diagnosi degli adattatori di rete Gli indirizzi 0 e 255 sono riservati negli ID di host.

15 Architettura Internet L'Interna*onal Organiza*on for Standardiza*on (ISO) nel 1979 ha definito la pila di protocolli Open Systems Interconnec*on (OSI), con l'intenzione di creare uno standard per le telecomunicazioni da usare nelle re* di tubo il mondo All'aBo pra*co però, lo standard de facto che viene comunemente usato nella maggior parte delle re*, è il TCP/IP modello ISO- OSI Applicazione Presentazione Sessione Trasporto Rete Collegamento Da* Fisico modello TCP/IP Applicazione Non previsto TCP/UDP IP Network Access

16 Architettura Internet Livello Applicativo TCP/UDP Livello Applicativo TCP/UDP Internet Connessione virtuale Internet Protocol Protocol Network Access Network Access Internet

17 Architettura Internet DATI TCP/UDP DATI IP TCP/UDP DATI APP TCP/ UDP IP APP TCP/ UDP IP DATI TCP/UDP DATI IP TCP/UDP DATI netw. IP TCP/UDP DATI netw. netw. netw. IP TCP/UDP DATI Host A Host B netw. IP TCP/UDP DATI netw. IP TCP/UDP DATI Internet

18 Strato di accesso alla Rete Ha lo scopo di garantire il corretto interfacciamento verso una specifica rete, in modo da rendere lo strato superiore indipendente dalle caratteristiche fisiche della rete stessa. Network Access Network Access Internet

19 Internet Protocol (IP) Il protocollo IP è responsabile dell instradamento dei datagram da un host all altro Le funzioni principali del protocollo IP sono: In trasmissione u Incapsula in datagram i dati provenienti dallo strato di trasporto u Prepone l opportuna intestazione u Applica algoritmo di routing u Invia i dati verso l opportuna interfaccia di rete. In ricezione u Verifica la validità del datagram in arrivo u Esamina l intestazione u Verifica se sono dati da reinstradare u Se sono dati locali, sceglie l opportuno protocollo dello strato di trasporto e provvede ad inviarglieli nel formato opportuno. unità elementare delle informazioni trasmesse contenente i dati che servono a trasportare l informazione dal mittente al destinatario

20 Header IP Formato datagram di IPv Versione Lunghezza intestazione Tipo di servizio Lunghezza totale del datagram (byte) Identificatore a 16 bit Indicatori Offset frammento (13 bit) Tempo di vita Protocollo dello strato superiore Checksum intestazione Indirizzo IP sorgente a 32 bit Indirizzo IP destinatario a 32 bit Opzioni IP (se presenti) Padding (necessario a completare i 32 bit) DATI

21 Header IP Il datagram IP ha una lunghezza variabile: Header: byte Dati + header <= MTU (Maximum Trasmission Unit), altrimenti si ha la frammentazione Source address: indirizzo IP mittente Destination address: indirizzo IP del destinatario Protocol: protocollo di trasporto Fragment offset: offsetdel frammento dll ambito del totale dei dati da trasmettere Identification: identificativo del datagramm Flag: indica se il datagram rappresenta un frammento Time-to-Live (TTL): numero di router che un datagram può attraversare Header checksum: controllo errore sull header IHL: lunghezza dell header Total lenght: lunghezza totale Campi fondamentali del datagram IPv4

22 Strato di Trasporto Lo strato di trasporto fornisce il servizio di trasporto dei messaggi dello strato di applicazione fra le estremità client e server di un applicazione Lo scopo principale è quello di fornire una comunicazione end-to-end a livello di processi Il software di questo strato è responsabile del meccanismo che permette di distinguere, all interno dello stesso host, il processo applicativo destinatario (o sorgente) dei dati Ogni elaboratore contiene un insieme di punti logici di accesso ports (porte) Ad ogni servizio è associato un port number differente che consente di indirizzare il processo che realizza il servizio (server) Nell architettura Internet esistono due standard principali di protocolli di trasporto: User Datagram Protocol (UDP - rfc768) Trasmission Control Protocol (TCP - rfc793)

23 Trasporto UDP Il protocollo UDP (User Datagram Protocol) consente alle applicazioni di scambiare messaggi singoli (protocollo Message oriented) Servizio di trasporto fornito: Non affidabile Connessionless Flusso di dati strutturato a messaggi Non supporta meccanismi di riscontro e recupero d errore Può essere utilizzato per trasmissioni multicast (a differenza di TCP) stesso messaggio UDP a più destinazioni, indirizzate attraverso un indirizzo multicast <IP multicast address, UDP port> Aggiunge solo due funzionalità a quelle di IP multiplexing delle informazioni tra le varie applicazioni tramite il checksum per verificare l integrità dei dati

24 Header UDP Port sorgente, port destinazione Campo per eventuali checksum

25 Trasporto TCP Il protocollo TCP (Transmission Control Protocol) è un protocollo end-to-end con connessione e offre un servizio stream-oriented affidabile Trasferisce un flusso informativo bi-direzionale non strutturato (byte stream) tra due host ed effettua operazioni di multiplexing (in trasmissione) e de-multiplexing (in ricezione) Servizio di trasporto fornito: Affidabile u Integrità u Rispetto della sequenza u Assenza di duplicati Orientato alla connessione Flusso di dati orientato al byte

26 Port sorgente, port destinazione Informazione per la gestione della connessione Informazioni per il ontrollo ed il recupero degli errori Header TCP Header IP (IP address) Header TCP (Port address) IP data TCP data Source Port Destination Port Sequence Number Acknowledegment Number HLEN Reserved Code bits Window Checksum Urgent Pointer Options (if any) Padding Data Data

27 Stato di Trasporto La divisione dei compiti fra lo stato di trasporto (UDP, TCP) e IP è la seguente: Il stato IP si occupa del trasferimento dei dati fra elaboratori collegati alla rete (l intestazione IP identifica gli host sorgente e destinatario) Lo strato UDP (TCP) si occupa dello smistamento dei dati fra sorgente e destinatario all interno dello stesso host (tramite il port number) Per richiedere un servizio, fornito da un processo residente su host remoto, il client deve conoscere il port number associato al servizio stesso

28 Processo Server Modello Client/Server Architettura fondamentale su cui si basa gran parte della programmazione di rete in ambiente UNIX Rappresenta un programma che mette a disposizione un certo servizio (ad esempio: ftp, mail, ecc.) Processo Client È un programma che chiede l esecuzione di un servizio ad un processo server. NOTA: tipicamente il processo client si interfaccia con l utente al terminale, invia dati al processo server, li riceve e li propone all utente

29 Modello Client/Server Server concorrente - protocollo TCP Il socket di comunicazione viene creato automaticamente quando viene accettata la connessione. Servizio FTP Server Internet File Transfer Protocol To = 21, dest addr Connect(to) 21 Accept() ftp File Transfer Protocol ftp?? ftpd ftpd Il servizio FTP viene offerto da un demone che funge da server e viene utilizzato da un programma client in grado di comunicare attraverso il protocollo FTP ftpd

30 Modello Client/Server Server concorrente - protocollo UDP Il socket di comunicazione viene creato dal programma server Servizio tftp Server Internet Trivial File Transfer Protocol tftp Trivial File Transfer Protocol? tftp To = 69, dest addr sendto(msg,to)? 69? tftpd tftpd TFTP è un protocollo di trasferimento file molto semplice, con le funzionalità di base del FTP? tftpd

31 L Architettura Internet FTP DNS Telnet HTTP UDP/TCP IP Network Access FTP DNS Telnet HTTP UDP/TCP IP Network Access Internet

32 I servizi Internet I dati sono trasmessi a pacchetto: ciascun blocco di dati è preceduto da intestazioni che specificano: a quale macchina sono diretti (protocollo IP) da quale programma debbono essere utilizzati (protocolli TCP/UDP) IP TCP/UDP header header 20 byte 20 byte data IP individua l'host Internet TCP/UDP individua uno dei processi attivi sull'host SMTP Telnet FTP

33 I servizi Internet I servizi inizialmente previsti per Internet erano: telnet (terminale remoto): permette ad una macchina di essere vista come un terminale connesso all host destinazione. ftp (trasferimento file): permette di trasferire file tra macchine interconnesse (posta elettronica): permette di scambiare messaggi tra utenti della rete Questi servizi erano caratterizzati da un interfaccia utente poco amichevole.

34 I servizi Internet Domain Name System (DNS) Telnet Ftp

35 Domain Name System (DNS) Il Domain name System (DNS) è alla base della risoluzione dei nomi di Internet [www.ssgrr.it] Il DNS è un database distribuito implementato in una gerarchia di server dei nomi un protocollo dello strato di applicaziome che permette agli host di comunicare ocn I server dei nomi in modo da fornire il servizio di traduzione Il sistema dei domini su Internet è una gerarchia mondiale amministrata dall internic (Internet Network Information Center)

36 Domain Name System (DNS) Quando Internet era costituito solo da pochi computer (ed era conosciuto con il nome di ARPANet) la risoluzione dei nomi poteva essere gestita da un unico computer che si trovava allo Stanford Research Institute (SRI). Il file conservato nell SRI si chiamava HOST ed altro non era che un elenco di associazioni (indirizzo IP, nome del computer) Con l aumentare del numero dei computer connessi in rete si è reso necessario escogitare un nuovo sistema: DNS (Domain Name System)

37 Domain Name System (DNS) Il DNS risolve i nomi di computer in indirizzi IP attraverso file configurati manualmente, usando un database gerarchico di nomi che viene conservato su più computer La natura gerarchica garantisce maggiore efficienza in termini di velocità e manutenibilità Il DNS è un servizio definito nelle Request For Comments (RFC) 882 e 883 di Internet. Indirizzi: [http://ds.internic.net/rfc/rfc882.txt] [http://ds.internic.net/rfc/rfc883.txt]

38 Spazio dei nomi di dominio Domain Name Service Rappresenta la struttura dei dati che creano il DNS utilizzato su Internet. La gerarchia dei nomi ha molti livelli, e sono molti i computer che definiscono un livello. Al livello radice ci sono i server dei nomi radice, mantenuti dall InterNic. La maggior parte dei server DNS è configurata con gli indirizzi IP dei server radice (root)

39 Spazio dei nomi di dominio Il secondo livello è rappresentato da domini top come:.com,.net,.gov,.org,.edu,.mil,.int,.xx.com.edu.gov.int.mil.net.org Organizzazioni commerciali Organizzazioni nel campo istruzione Enti pubblici e governativi Organizzazioni internazionali Enti militari Organizzazioni di networking Organizzazioni non commerciali Sotto i livelli root e top si trovano molti altri livelli.

40 Spazio dei nomi di dominio Server di nome InterNIC del dominio radice mil org net edu com it af army good internic harvard microsoft ssgrr phoenix sam ftp www

41 Spazio dei nomi di dominio Il nome della singola macchina è il livello più basso Il percorso completo dal livello radice a quello della macchina è conosciuto coma FQDN (Fully Qualified Domain Name) Il FQDN va dal nome della macchina verso quello della root

42 Risoluzione dei nomi La risoluzione dei nomi di dominio è simile a quella dei nomi host cioè la conversione da un nome amichevole in indirizzo IP Quando si usa il DNS i client chiamano un server DNS per la risoluzione dei nomi client Server DNS o Server dei nomi

43 Risoluzione dei nomi com edu it it ssgrr.it abc xyz ssgrr xxx ftg www

44 Telnet La telnet è un applicazione che permette il dialogo tra la macchina locale ed una remota tramite il protocollo TCP/IP. Più semplicemente la Telnet permette di aprire sul proprio computer una finestra di terminale remota, ovvero una sessione Telnet ad un host remoto Il programma Telnet implementa la parte client del protocollo. I client Telnet sono stati disponibili sulla maggior parte dei sistemi Unix per parecchi anni e ora sono disponibili per qualsiasi tipo di computer

45 Telnet Telnet Client port: 23 Telnet Server TCP Internet Protocol Network Access Virtual connection TCP Internet Protocol Network Access Internet

46 Ftp Ftp è l acronimo di File-Transfer-Protocol, il protocollo utilizzato per il trasferimento dei file Con l Ftp è possibile copiare da un computer remoto un file sull hard-disk locale e viceversa E basato sul protocollo TCP/IP

47 Ftp port 1173 port 21 port 1174 FTP (Client) Commands Responses FTP (Server) port 20 TCP Control connection TCP Internet Protocol Network Access Data connection Data ACKs Internet Protocol Network Access Internet

48 Ftp Fase di connessione Il client FTP apre una connessione TCP e si autentica Il server FTP accetta la richiesta di connessione e verifica autenticazione Se l autenticazione è OK il server si mette in attesa di ricevere comandi sulla connessione di controllo (port = 21) Trasferimento di un file Il client richiede il file da trasferire all FTP server. Il server accetta la richiesta in relazione alle protezioni del file-system relative al file. Se la richiesta viene accettata il server stabilisce la connessione (dal port 20 a un port dinamico del client definisce) La connessione dati è mantenuta per il tempo necessario al trasferimento del file

49 Ftp Operazioni FTP Sul server la connessione per il controllo avviene sul port 21, mentre i dati vengono trasferiti sul port 20 Il client invia al server il proprio indirizzo IP ed il numero del port sul quale il server dovrà stabilire la connessione dati Il server stabilisce la connessione

50 Ftp FTP options Tipi di dati : ASCII, EBCDIC, binari Tipi di file : strutture di file, di record, di pagine Modalità di trasmissione : stream, block, compressi. Tipi di dati: ASCII (default) EBCDIC (opzionale) IMAGE : supporta efficientemente il trasferimento di file binari LOCAL : usato per specificare una dimensione logica di byte da trasferire

51 Ftp Comandi ABOR LIST listafile PASS passwd PORT QUIT RETR nomefile STOR nomefile SYST TYPE tipo USER username Descrizione Abortisce comando FTP ed il trasferimento di dati Mostra la lista dei file o delle directory Password sul server Indirizzo del client IP Uscita (logoff) dal server Recupera un file dal server (get) Memorizza un file sul server (put) Tipo di sistema (restituito dal server) Specifica del tipo di file (e.g. A=ASCII; I=Immagine) username sul server

52 Ftp da prompt di comando ftp

53 Ftp FTP server windows

54 Ftp FTP client windows

55 Il browser-web come client ftp Ftp

56 Il World Wide Web Architettura di un applicazione Web Tier 1 Tier Browser HTTP TCP IP prot. acc. rete pagina HTML Internet Web Server HTTP TCP IP prot. acc. rete pagine HTML

57 Applicazioni distribuite La programmazione mediante socket Interfaccia socket. non è un livello ma una u Libreria di accesso ai servizi di trasporto Alternativa: TLI (Transport Layer Interface) FTP DNS Telnet HTTP Interfaccia socket UDP/TCP IP Network Access

58 Struttura di un applicazione Modello senza connessione Predisposizione transport-endpoint u Scambio messaggi Rilascio transport-endpoint Modello con connessione Predisposizione transport-endpoint u Instaurazione connessione Ø Scambio messaggi u Abbattimento connessione Rilascio transport-endpoint Predisposizione transport-endpoint u System call socket() u System call bind()

59 System Call socket() Il socket costituisce la struttura dati che consente la ricezione e l invio dei messaggi. È definito in un dominio Ad ogni socket è associato un nome che ha validità solo all interno del dominio di comunicazione in cui il socket è stato creato. Un socket viene creato dalla System Call socket(). S = socket(domain, type, protocol) int s, domain, protocol; La System call restituisce un identificatore che verrà poi utilizzato nelle successive system call o funzioni per referenziare il socket. Eventuali processi figli hanno automaticamente accesso ai socket creati dal processo padre (come per i file)

60 System Call socket() Domain Il parametro domain rappresenta il dominio di comunicazione che può essere: UNIX domain Internet domain Xerox Network System (XNS) Il dominio UNIX consente la comunicazione tra processi residenti sulla stessa macchina, mentre i restanti due vengono utilizzati per comunicazioni tramite rete. I valori da associare al parametro domain sono definiti nel file socket.h nel modo seguente: AF_UNIX (UNIX internal protocol) AF_INET (ARPA Internet protocols) AF_NS (Xerox Network System protocols) Nota: AF = Address Family

61 System Call socket() TYPE Il tipo definisce la semantica della comunicazione; sono disponibili i seguenti tipi principali i cui valori sono definiti nel file socket.h: SOCK_DGRAM SOCK_STREAM SOCK_RAW SOCK_SEQPACKET Il tipo SOCK_DGRAM è basato sul protocollo udp Non è garantita l affidabilità Il protocollo non è orientato alla connessione, per cui sono le stesse operazioni di input ed output che consentono l indirizzamento corretto dei messaggi.

62 System Call socket() Il tipo SOCK_STREAM è basato sul protocollo TCP Un socket stream fornisce un modello di comunicazione orientato alla connessione con un flusso di byte non strutturato, ma per il quale è garantita l affidabilità, la sequenza e la non duplicazione. Adatto a problemi che richiedono un grosso scambio di informazioni tra corrispondenti stabili. Un socket di tipo SOCK_RAW permette l accesso ai meccanismi di più basso livello; può essere utilizzato quando si vuole costruire un protocollo particolare. Un socket SOK_SEQPACKET ha le caratteristiche di un socket stream, ma in più garantisce il rispetto della struttura a messaggio della comunicazione; è utilizzato solo neldominio XNS.

63 System Call socket() protocol Il parametro specifica il particolare protocollo che deve essere usato con i socket Normalmente solo un singolo protocollo viene fornito ad ogni tipo di socket. Se il parametro è messo a zero, viene selezionato il protocollo associato al tipo specificato. Se si vuole specificare un protocollo come stringa ascii, si può richiamare la funzione getprotobyname() che, data una stringa che rappresenta un protocollo, fornisce il numero corrispondente.

64 System Call socket() L associazione nome/identificatore di protocollo viene effettuata nel file /etc/protocols. struct protoent *getprotobyname(name) Dove: char *name; struct protoent { char *p_name; /* nome del protocollo (es. TCP) */ char **p_aliases; /* nomi alternativi */ int p_proto; /* identificativo del protocollo */ };

65 System Call bind() La System Call bind() associa all identificativo del socket un name che rappresenta il riferimento per il socket all esterno del processo che lo ha creato. bind(s,name,namelen) int s; struct sockaddr_un *name; /* dominio Unix */ struct sockaddr_in *name; /* dominio Internet */ int namelen; s = identifica il socket name = identifica il nome che verrà assegnato al socket namelen = la dimensione di name pari alla dimensione di struct sockaddr

66 System Call bind() name Il nome del dominio di comunicazione Nel caso il dominio UNIX, name è un puntatore ad una struttura di tipo struct sockaddr_un è definita nel file sys/un.h struct sockaddr_un { short sun_family; /* AF_UNIX */ char sun_path[108] }; Il socket è rappresentato da un nome nel file system alla stessa stregua di un file, con l unica differenza che il nome viene generato all atto della bind.

67 System Call bind() Nel caso di dominio Internet il nome di un socket viene identificato da una struttura di tipo struct sockaddr_in (netinet/in.h) struct sockaddr_in { short sin_family; /* AF_inet */ short sin_port; struct in_addr sin_addr; char sun_zero[8]; }; AF_INET : dominio Internet sin_port : port number sin_addr : indirizzo Internet L indirizzo Internet è costituito da 4 byte che consentono di individuare la rete, e nell ambito della rete, il calcolatore interessato.

68 Internet Address address L indirizzo della macchina può essere espresso anche come una stringa. La stringa può assumere una forma organizzata in sottodomini (domain name) che consente di individuare a livello mnemonico l indirizzo geografico della macchina. Il legame (nome della macchina)/(indirizzo) è definito nel file /etc/hosts e/o nello spazio dei nomi gestiti dal DNS. La funzione gethostbyname() fornisce l indirizzo Internet per un certo nome di macchina: struct hostent *gethostbyname(name) char *name;

69 Internet Address La funzione restituisce un puntatore ad una struttura di tipo struct hostent struct hostent { char * h_name; char **h_aliases; int h_addrtype; int h_length; char **h_addr_list; }; /* official name of host */ /* alias list */ /* host address type */ /* length of address */ /* host IP address list */ # define h_addr h_addr_list [0] /* usare come char *h_addr */ La funzione restituisce la struttura sempre sulla stessa area di memoria, una successiva chiamata sovrascrive i vecchi valori, allora: struct hostent *server; struct in_addr server_addr; server = gethostbyname(host); bcopy(server->h_addr, &server_addr, server->h_length);

70 Port Number Alcuni valori per il port sono assegnati a servizi di rete eseguiti come superuser (1-1023) Identificativi maggiori di 1023 sono utilizzati dai processi eseguiti come utenti normali (il port 1024 è riservato) Poiché il port assume un valore intero è necessario tener presente un problema che è legato al trasferimento di interi su una rete. Nella rappresentazione dei numeri interi è possibile adottare due convenzioni: MSBF : rappresentare prima (cioè all indirizzo più basso) il byte più significativo (big endian) LSBF : rappresentare prima il byte meno significativo (little endian) Il problema viene risolto stabilendo un ordine convenzionale di rappresentazione;per la rete Internet si è scelta la convenzione MSBF.

71 Port Number E necessario dunque che i processi applicativi in esecuzione sulle diverse macchine rispettino tale convenzione quando inviano o ricevono interi sulla rete. Vengono fornite delle macro che consentono di invertire l ordine dei bytes; il loro nome è: ntohs() htons() ntohl() htonl() Nota: Le prime due trattano gli short mentre le ultime i long. Se il numero intero viene ricevuto dalla rete è necessario usare le funzioni che iniziano con n (network to host), altrimenti le altre due che iniziano con h (host to network). E necessario utilizzare le macro htons() per assegnare il valore al campo port della struttura struct sockaddr_in.

72 Port Number Se il port è messo a zero nella chiamata alla bind(), il sistema assegna il primo valore libero. In questo modo è possibile conoscere il name associato ad un socket tramite la system call getsockname(). getsockname(s, name, namelen) int s; struct sockaddr_un *name; /* dominio UNIX */ struct sockaddr_in *name; /* dominio Internet */ int *namelen; La system call restituisce nella struttura puntata da name il nome del socket e nel parametro namelen la sua lunghezza effettiva; quest ultimo parametro va inizializzato con la lunghezza della struttura.

73 Modello senza connessione scambio messaggi Il modello si basa sul protocollo UDP Per consentire la comunicazione tra i processi non è necessaria alcuna ulteriore operazione preliminare, è sufficiente utilizzare le operazioni di input/output. Le operazioni di input vengono realizzate mediante: read() recv() recvfrom() Le operazioni di output vengono realizzate mediante: sendto()

74 System Call: recv() cc = recv(s, buf, buflen, flags) int cc; int s,buflen,flags; char *buf; La System Call recv() è identica a quella della read(), con la possibilità aggiuntiva di specificare dei flag per modificare il modo canonico delle operazioni di ricezione. Con il campo flags impostato a: MSG_PEEK : legge il messaggio senza consumerlo MSG_OOB : legge messaggi con alta priorità (out-of-band)

75 System Call: recvfrom() La recvfrom() rende possibile il colloquio bidirezionale in quanto permette di scoprire chi è il mittente del messaggio letto. cc = recvfrom(s, buf, buflen, flags, from, fromlen) int cc; int s,buflen,flags; char *buf; struct sockaddr_un *from; /* dominio UNIX */ struct sockaddr_in *from; /* dominio Internet */ int *fromlen from : punta ad una struttura che individua il mittente fromlen : contiene la sua lunghezza Quando viene attivata la System Call è necessario inizializzare il parametro fromlen con il valore della dimensione della struttura. Quest ultima System Call è sicuramente la più adatta per applicativi che usano UDP.

76 System Call: sendto() Le operazioni di invio messaggi sono realizzate tramite la sendto() che consente di specificare il destinatario. cc = sendto(s, buf, buflen, flags, to, tolen) int cc; int s,buflen,flags; char *buf; struct sockaddr_un *to; /* dominio UNIX */ struct sockaddr_in *to; /* dominio Internet */ int tolen flags: MSG_OOB : specifica l invio di un messaggio ad alta priorità (out-of-band) solo per socket-stream MSG_DONTROUTE: specifica l invio senza routing to : socket destinatario tolen : contiene la lunghezza effettiva

77 Comunicazione senza connessione AF_INET, addr, port AF_INET, addr, port recvform() AF_UNIX, server AF_UNIX, client read() recv() in out sendto() S out in C sendto() recvform() read() recv() Schema di comunicazione tra processi

78 Esempio dominio Internet (udp) - server char hostname[40]; pp = getprotobyname( udp ); s = socket(af_inet, SOCKET_DGRAM, pp->p_proto); struct hostent *server, *gethostbyname() struct addr_in server_addr; gethostname(hostname,40); server = gethostbyname(hostname); bcopy(server->h_addr,(char *)&server_addr,server->h_length); struct sockaddr_in server_sock; server_sock.sin_family = AF_INET; server_sock.sin_addr = server_addr; server_sock.sin_port = htons(2005); bind(s,&server_sock,sizeof(server_sock)); recvfrom(s,buf, BUFLEN, 0, &client, &addrlen); sendto(s, msg, strlen(msg)+1, 0, &client, addrlen); SOCKET Preleva indirizzo Internet bind Riceve richiesta ed invia replica

79 BIND In alternativa rispetto all esempio, dove si utilizza un indirizzo specifico della macchina locale, la bind può essere fatta senza indicare un indirizzo: server_sock.sin_addr.s_addr = htonl(inaddr_any);

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Socket per TCP: Fondamenti

Socket per TCP: Fondamenti Socket per TCP: Fondamenti Network Applications Molte applicazioni di rete sono formate da due programmi distinti (che lavorano su due diversi host) uno detto server ed uno detto client. Il server si mette

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus

Lista di controllo per la migrazione del dominio a Swisscom/IP-Plus Lista di controllo per la migrazione del dominio a /IP-Plus Iter: : ufficio cantonale di coordinamento per Per la scuola: (nome, indirizzo e località) Migrazione di record DNS esistenti a IP-Plus nonché

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

CORSO RETI INFORMATICHE

CORSO RETI INFORMATICHE CORSO RETI INFORMATICHE Che cos è una rete Una rete è un sistema di interconnessione non gerarchico tra diverse unità. Nel caso dei computer la rete indica l insieme delle strutture hadware, tra cui anche

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Guida all'impostazione

Guida all'impostazione Guida all'impostazione dello scanner di rete Guida introduttiva Definizione delle impostazioni dalla pagina Web Impostazione delle password Impostazioni di base per la scansione di rete Impostazioni del

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

[HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00

[HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00 [HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00 [CF] Domain & Space - Dominio di 2 Liv. (.IT,.COM) 1 1 1 - Dominio di 3 Liv. (mapping IIS/Apache) 1 10 100 - Disk

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli