Memorizzazione delle informazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Memorizzazione delle informazioni"

Transcript

1 Memorizzazione delle informazioni

2 Parte 1 Definizioni

3 Linguaggio binario Gli odierni calcolatori digitali (o elaboratori, o computer) operano in linguaggio binario Un linguaggio binario è composto da simboli elementari appartenenti a un alfabeto di cardinalità 2 Il linguaggio binario viene utilizzato per memorizzare internamente le informazioni, elaborarle e scambiare dati con l ambiente esterno

4 Il bit Bit è la contrazione di binary digit (cifra binaria) Il bit rappresenta l unità informativa atomica Convenzionalmente, si fanno corrispondere i due valori ammessi per il bit con 0 e 1

5 Perché un linguaggio binario Esempio numerico In base 10, sono ammesse le cifre 0, 1,..., 9 In base 2, sono ammesse le cifre 0,1 Con due cifre (locazioni di memoria): 100 combinazioni differenti in base 10 [00, 01,, 99] 4 combinazioni differenti in base 2 [00, 01, 10, 11] Apparentemente è uno spreco di risorse, però [continua]

6 Vantaggi della rappresentazione binaria Dovendo rappresentare solo due valori contrapposti: è più facile distinguerli, supportando un buon grado di tolleranza; si possono sfruttare fenomeni fisici eterogenei che corrispondono a una logica sì/no (polarizzazione magnetica, riflessione o non riflessione, livello alto o basso di tensione, presenza o meno di un foro nella scheda perforata, ); si possono applicare gli studi nel campo dell algebra di Boole e della logica binaria.

7 Misurazione della capacità Per motivi storici e di praticità, sono stati introdotti i raggruppamenti di bit in byte e i multipli del byte 8 bit = 1 byte 1024 byte = 1 kilobyte (KB) 1024 kilobyte = 1 megabyte (MB) 1024 megabyte = 1 gigabyte (GB) 1024 gigabyte = 1 terabyte (TB) 1024 terabyte = 1 petabyte (PB)

8 Osservazioni Nell indicazione contratta delle unità di misura, B sta per byte e b sta per bit. Per evitare ambiguità, spesso si adotta una forma semicontratta (Kbit, Mbyte, ) I multipli del byte sono legati tra loro da un fattore molto prossimo a 10 3 = 1000, ma in realtà pari a 2 10 = Su numeri grandi, la differenza tra valore reale e valore approssimato è notevole.

9 Esercizi A quanti bit corrisponde 1 TB? 1 TB = 1024 GB = = 1024*1024 MB = = 1024*1024*1024 KB = = 1024*1024*1024*1024 byte = = 1024*1024*1024*1024*8 bit Che errore si commette nel valutare 650 GB approssimando 210 con 103 ed esprimendo il risultato in byte? E = V esatto V arrotondato = = ( ) byte = = byte

10 Ambiguità dei prefissi In altri ambiti, gli stessi prefissi kilo, mega e giga indicano potenze di 10. Ad es., 1 chilometro = 1000 metri; 1 megahertz = hertz Proposta: Prefisso kibi- (Ki) per 2 10 Prefisso mebi- (Mi) per 2 20 Prefisso gibi- (Gi) per 2 30 Valenza della proposta soprattutto teorica!

11 Informazioni e formati Le informazioni all interno di un calcolatore sono rappresentate come stringhe di bit. La stessa stringa di bit può rappresentare il carattere di un testo, un numero, una porzione di immagine, Il formato di rappresentazione può disambiguare il contenuto sotteso da una determinata stringa di bit.

12 Esercizi Sapendo che una canzone ha durata media 3' 34'' e viene compressa in formato MP3 a 128 Kbit/s (1K = 10 3 ), si determini quante canzoni possono trovare posto su un supporto CD-ROM di dimensione pari a 800 MB (1M = 2 20 ). Risposta: la singola canzone occupa mediamente 3.27 MB, dunque un CD-ROM da 800 MB può contenere circa 244 canzoni. Sapendo che una canzone ha durata media 3' 46'' e viene compressa in formato MP3 a 320 Kbit/s (1K = 10 3 ), si determini quante canzoni possono trovare posto su un supporto CD-ROM di dimensione pari a 650 MB (1M = 2 20 ). Risposta: la singola canzone occupa mediamente 8.62 MB, dunque un CD-ROM da 650 MB può contenere circa 75 canzoni.

13 Parte 2 Memorie e memoria principale

14 Elaboratore e memorie Modellazione schematica delle memorie in un elaboratore Operazioni di lettura e scrittura CPU Memoria principale Memoria secondaria, di massa Il processore (CPU, Central Processing Unit) è il dispositivo in cui vengono effettuati i calcoli sui dati, caricati dalla memoria principale. I risultati vengono poi posti nella memoria principale stessa.

15 Gerarchie di memoria All interno di un elaboratore, esiste una gerarchia piramidale di memorie

16 Memoria principale Usata per archiviare temporaneamente i dati su cui opera il processore. Costituita da un gran numero di circuiti, ciascuno in grado di memorizzare un singolo bit. Organizzata in celle, di dimensione tipica pari a 8 bit. Quanto è capace? Dipende: da poche centinaia di celle (elettrodomestici) a molti miliardi (grandi impianti di elaborazione dati).

17 Organizzazione in celle Rappresentazione grafica della memoria Nella realtà, è più simile a una lunga sequenza di 0 e

18 Organizzazione in celle Ordine alto (bit più significativo) e ordine basso (bit meno significativo) in una cella Denominazione univoca della cella: indirizzo si crea anche un ordinamento tra celle

19 Operazioni sulla memoria principale Lettura: recupero dei dati dalle celle di memoria Scrittura: archiviazione dei dati nelle celle di memoria Ogni cella è dotata di un suo indirizzo, quindi è possibile accedervi in lettura/scrittura singolarmente, e in qualsiasi ordine. Per questo motivo, la memoria principale è detta anche RAM (Random Access Memory, memoria ad accesso casuale).

20 Tecnologie usate nelle RAM Flip-flop (combinazioni di porte logiche) Tecnologie basate su piccole cariche elettriche che si dissipano rapidamente, e che quindi richiedono aggiornamenti frequenti (refresh) > DRAM (Dynamic RAM, memoria dinamica)

21 Parte 3 Memoria secondaria

22 Supporti I supporti digitali sono i dispositivi atti a contenere informazioni nella loro rappresentazione binaria. Esistono varie famiglie di supporti. Da un punto di vista tecnologico, si distinguono in: Supporti magnetici (es. dischi, nastri) Supporti ottici (es. CD, DVD) Altro (es. memorie flash, schede perforate, ) Dispostivi on-line: informazioni subito a disposizione Dispositivi off-line: l apparecchio deve essere attivato, o supporto deve essere inserito.

23 Supporti magnetici Esempi: floppy disk, hard disk, nastro Sono sempre riscrivibili (accessibili in lettura e in scrittura tramite testine) Sono rimovibili o fissi, ma in generale facilmente trasportabili Hanno capacità molto variabili Hanno costo al MB variabile Hanno tempi di accesso molto variabili (casuale o sequenziale) Danno buone garanzie di preservazione dell informazione

24 Il disco magnetico Le testine di lettura e scrittura sono poste sopra e sotto il disco, vincolate a un braccio. Mentre il disco gira, le testine disegnano una circonferenza detta traccia. Riposizionando le testine in senso radiale, si accede ad altre tracce. Spesso i sistemi di memorizzazione sono costituiti da più dischi montati su perno comune: l insieme delle tracce forma un cilindro. Ogni traccia è divisa in archi detti settori, e ogni settore contiene lo stesso numero di bit. I bit di un settore sono memorizzati in modo più compatto se il settore appartiene a una traccia vicina al centro. In alternativa, la tecnica di registrazione dei bit a zona mantiene un uguale numero di settori all interno di ciascuna zona, fatta da un insieme di tracce. Ogni zona ha più settori per traccia rispetto alla zona immediatamente più interna.

25 Anatomia di un dischetto (floppy disk)

26 Anatomia di un disco rigido (hard disk)

27 Esercizi Si consideri un disco magnetico con le seguenti caratteristiche: byte per settore; - 16 settori per traccia; cilindri; - 6 piatti (2 facce per piatto). Si calcoli la dimensione del disco in MB (1M = 2 20 ). Risposta: 48 MB Si consideri un disco magnetico con le seguenti caratteristiche: byte per settore; - 32 settori per traccia; - 10 piatti (2 facce per piatto); - capacità 16 MB (1 MB = 2 20 byte). Si calcoli il numero di cilindri del disco (ogni piatto presenta 2 facce). Risposta: il disco contiene 204 cilindri

28 Prestazioni di un sistema a dischi Tempo di posizionamento: tempo necessario per spostare le testine di lettura/scrittura da una traccia a un altra Tempo di latenza, detto anche ritardo di rotazione: metà del tempo necessario al disco per eseguire una rotazione completa (pari al tempo medio perché i dati richiesti giungano sotto la testina di lettura/scrittura) Tempo di accesso = tempo di posizionamento + tempo di latenza Velocità di trasferimento: velocità con cui i dati possono essere trasferiti su disco o da disco

29 Esercizi Si consideri un hard disk con le seguenti caratteristiche: tempo di posizionamento t pos = 8 ms; numero di rotazioni al minuto r min = rpm (revolutions per minute); frequenza di trasferimento = 16 MB/s (1M = 2 20 ). Si calcoli il tempo totale per il trasferimento di 32 KB di dati (1K = 2 10 ). Risposta: ms Si consideri un hard disk con le seguenti caratteristiche: tempo di posizionamento t pos = 6 ms; numero di rotazioni al minuto r min = 5400 rpm; frequenza di trasferimento = 8 MB/s (1 M = 2 20 ). Si calcoli il tempo totale per il trasferimento di 16 KB di dati (1K = 2 10 ). Risposta: ms

30 Supporti ottici Esempi: CD, DVD, Blu-ray Sono sempre accessibili in lettura, talvolta sono riscrivibili (tecnologia laser) Sono rimovibili e facilmente trasportabili Hanno capacità dell ordine di centinaia di MB, fino a 200 GB Hanno costo al MB molto contenuto Hanno tempi di accesso lunghi (accesso sequenziale) Danno garanzie non comprovate di preservazione dell informazione

31 Codifica dei bit su CD

32 Alcune curiosità Perché le tecnologie magnetiche a disco scrivono i dati in tracce circolari mentre le memorie ottiche in tracce a spirale? Perché il CD-DA ha originariamente capacità di 650 MB (74 minuti di musica)? Perché di parla più propriamente di hard/floppy disk e di compact/digital versatile disc?

33 Memorie flash Esempi: memory card Sono sempre accessibili in lettura e scrittura (circuiti elettronici) Sono rimovibili e facilmente trasportabili Hanno capacità dell ordine di centinaia di MB, fino a qualche GB Hanno costo al MB contenuto Hanno tempi di accesso molto brevi Non ammettono frequenti sovrascritture

34 Esempio memorie magnetiche vs flash Disco fisso magnetico Memorie flash

35 Parte 4 Archiviazione delle informazioni

36 al Megabyte Fonte: nierle.it 14/10/2009 DVD-R 4,7 GB TDK 16x (campana di 100 pezzi): CD-R 80 min./700 MB TDK 52x (campana di 100 pezzi): Dischetti Verbatim DSHD 1,44MB (confezione 10 pezzi): Hitachi 3,5 S-ATA II Disco Rigido (HDP7250GLA360) GB, 7200 RPM, 16 MB Cache: 59.99

37 Quanto si conserva un supporto? Supporti magnetici Qualità dei materiali Recupero delle informazioni Supporti ottici Processi di invecchiamento simulato Tecniche di scrittura (masterizzazione professionale e domestica) Stress chimici (materiali) e meccanici

38 Con il digitale si tramanda? 1. Media usati Conservazione, durata, Apparecchiature per la lettura Filiera produttiva della tecnologia Esempi: DCC vs Minidisc, console, lettori floppy, 3. Formati Bit leggibili, ma non decifrabili Formati proprietari, desueti, DRM e sistemi anti-copia

39 Case study: Teatro alla Scala Archivi tradizionali (supporti cartacei, nastri magnetici, stoffe, ) Oggetti digitali derivano da: Produzione diretta Campagne di digitalizzazione e catalogazione Supporti magnetici per gli oggetti digitali di bassa qualità Supporti ottici per gli oggetti digitali di alta qualità

40 Case study: Archivio Storico Ricordi Archivi tradizionali (supporti cartacei) Oggetti digitali derivano da Campagne di digitalizzazione e catalogazione Supporti magnetici per gli oggetti digitali di bassa, media e alta qualità Produzione espressa di supporti ottici

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati).

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati). MEMORIA CENTRALE Insieme di celle, ciascuna delle quali è individuata da un indirizzo espresso da n bit (n = lunghezza del registro MA). Es. Registro Indirizzi di 32 bit 2 32 celle = 4 Gcelle 4 Gbyte Il

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

Introduzione all uso del Personal Computer

Introduzione all uso del Personal Computer Introduzione all uso del Personal Computer Cenni di storia dei calcolatori Il Personal Computer: Processo di avvio del computer Sistemi Operativi Il computer, invece, è composto da piccoli rettangoli

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere!

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! Pablo Genova I. I. S. Angelo Omodeo Mortara A. S. 2015 2016 COS'E' UN COMPUTER? È una macchina elettronica programmabile costituita da

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Elementi di Informatica. Hardware

Elementi di Informatica. Hardware Elementi di Informatica Hardware Scopo della lezione Introduzione alle tecnologie ICT L'hardware Il processore La memoria Tipologie di computer Personal computer Notebook/Laptop Palmare Console da gioco

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Modulo 1. Sommario. Dispositivi di memoria. Memoria veloce. Rappresentazione logica di un elaboratore. ROM (Read Only Memory)

Modulo 1. Sommario. Dispositivi di memoria. Memoria veloce. Rappresentazione logica di un elaboratore. ROM (Read Only Memory) Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Dispositivi di memoria Concetti di base Hardware Dispositivi di memoria Software Reti informatiche Il computer nella vita di ogni giorno Information

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Memorie di massa. Dischi magnetici

Memorie di massa. Dischi magnetici Memorie di massa Dischi magnetici Sono costituiti da piatti rigidi (hard disk) o flessibili (Floppy disk) con ciascuna superficie ricoperta da materiale magnetizzabile Sono posti in rotazione a velocità

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

LA GESTIONE DELLA MEMORIA

LA GESTIONE DELLA MEMORIA LA GESTIONE DELLA MEMORIA Indice Introduzione La memoria virtuale La memoria centrale Memoria ROM Registri della CPU Memoria RAM Memoria Cache La memoria secondaria: i supporti magnetici Hard disk Floppy

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica Le memorie secondarie Memoria magnetica Comprendono due elementi distinti: Il dispositivo ha la funzione di leggere e scrivere i dati Il supporto componente fisico su cui vengono immagazzinati i dati 1)

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Architettura del Calcolatore. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Architettura del Calcolatore. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Architettura del Calcolatore Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Computer e programmi Il computer è una macchina programmabile Grazie alla possibilità di eseguire programmi diversi, il computer può svolgere

Dettagli

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM)

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM) Le Memorie Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 3 settembre 23 - La memoria principale (RAM) Bibliografia:

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Il termine informatica riassume due parole, informazione automatica, e si occupa dei sistemi per l elaborazione

Dettagli

Il computer. Il computer: un insieme di elementi. L'hardware

Il computer. Il computer: un insieme di elementi. L'hardware Il computer Il computer: un insieme di elementi Il computer è una macchina elettronica destinata all'elaborazione dei dati secondo una sequenza di istruzioni. Il computer è formato da due insiemi di elementi:

Dettagli

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT

COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT Il computer è composto essenzialmente da due componenti L' HARDWARE ed il SOFTWARE COME E COMPOSTO IL PC - WWW.DADEPC.IT FACCIAMO UN PARAGONE Se vogliamo fare una paragone, L' HARDWARE è una stanza o un

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

Unità di Misura Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. Corrado Santoro

Unità di Misura Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica. prof. Corrado Santoro Unità di Misura Corso di Abilità Informatiche Laurea in Fisica prof. Corrado Santoro Il tempo Il funzionamento della CPU è regolato da un motore : energia elettrica e clock di sistema Poiché la CPU è una

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A =

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A = ALGEBRA DI BOOLE L'algebra di Boole è un insieme di regole matematiche; per rappresentare queste regole si utilizzano variabili logiche, funzioni logiche, operatori logici. variabili logiche: si indicano

Dettagli

1.4e: MEMORIA DI MASSA

1.4e: MEMORIA DI MASSA 1.4e: MEMORIA DI MASSA 2 30 nov 2011 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 5.1, 5.2, 5.3, 5.4, 5.5, 5.6, 5.7 IV ediz.: cap. 4.1, 15.1, 4.2,

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Il computer e i suoi sottosistemi

Il computer e i suoi sottosistemi pag.1 Il primo approccio al COMPUTER è 'a scatola nera'. Individuiamo quindi: SCOPO Elaborare informazioni. Eseguire istruzioni INGRESSI Dati da elaborare. Istruzioni USCITE Dati elaborati SCHEMA A BLOCCHI:

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE

ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE ARCHITETTURA DI UN CALCOLATORE 1 CENNI STORICI http://www.tecnoteca.it/contenuti/museo Calcolatori analogici PASCAL (1642) LEIBNIZ (1694) Il calcolatore programmabile e la macchina analitica CHARLES BABBAGE

Dettagli

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori Informatica per l Ingegneria Industriale Introduzione ai calcolatori Gualtiero Volpe gualtiero.volpe@unige.it 1. Struttura del calcolatore 1 Che cosa è un computer? A prescindere dalle dimensioni e dal

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu 05 Le memorie secondarie Dott.ssa Ramona Congiu 1 Come vengono memorizzati i dati Nonostante le numerose funzioni che svolge, la memoria RAM dispone di uno spazio limitato, per cui no riesce a contenere

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

La memoria. La memoria

La memoria. La memoria La memoria La memoria - Supporto alla CPU: deve fornire alla CPU dati e istruzioni il più rapidamente possibile - Archivio: deve consentire di archiviare dati e programmi garantendone la conservazione

Dettagli

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Modulo 1: Le I.C.T. : Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Prof. Alberto Postiglione Curtin, cap. 5.1 Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

DIMENSIONI E PRESTAZIONI

DIMENSIONI E PRESTAZIONI DIMENSIONI E PRESTAZIONI Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Le unità di misura Le due unità di misura fondamentali dell hardware sono: i Byte per le dimensioni della memoria gli Hertz (Hz) per le prestazioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Dispensa di Informatica I.4

Dispensa di Informatica I.4 LA MEMORIA In ambito informatico la memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. La memorizzazione di informazioni in memoria, e il successivo recupero

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Il calcolatore. Struttura fondamentale dell elaboratore ed elementi di programmazione. L informazione digitale. Hardware e Software

Il calcolatore. Struttura fondamentale dell elaboratore ed elementi di programmazione. L informazione digitale. Hardware e Software Struttura fondamentale dell elaboratore ed elementi di programmazione Corso: Laboratorio Matematico-Informatico I Titolare del Corso: Nicoletta Del Buono Il calcolatore I calcolatori elettronici sono stati

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware interno Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware A prima vista... Alimentazione PC e Monitor Lettore DVD Porte Ps/2

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (prima parte) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Problema:

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

Scopo e argomenti del manuale

Scopo e argomenti del manuale Corso base di introduzione all'utilizzo del computer LINUX DA ZERO Dispensa di informatica di base per il primo utilizzo di un PC Scopo e argomenti del manuale Questo manuale, con il corso ad esso associato,

Dettagli

IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal

IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal realizzò la prima macchina da calcolo con un principio meccanico

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware Corso di Introduzione all Informatica v v v v Contenuti del Modulo 1 Concetti generali Hardware Software Dispositivi di memoria CRIAD 1 CRIAD 2 Hardware e Software Hardware vil funzionamento di un computer,

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Le Memorie Secondarie

Le Memorie Secondarie Le Memorie Secondarie (di Massa) Prof. Vincenzo Auletta 1 Cosa sono? Tipo di memorie in grado di conservare un elevata quantità di dati. Scheda perforata primo esempio di memoria di massa ideata nella

Dettagli

INFORMATICA INDICE CAP. 3.2 HARDWARE MEMORIE DI MASSA. Gianfranco Bentivoglio CAP. 3.2 - HARDWARE: MEMORIE DI MASSA

INFORMATICA INDICE CAP. 3.2 HARDWARE MEMORIE DI MASSA. Gianfranco Bentivoglio CAP. 3.2 - HARDWARE: MEMORIE DI MASSA Gianfranco Bentivoglio INFORMATICA CAP. 3.2 HARDWARE MEMORIE DI MASSA INDICE LE MEMORIE DI MASSA 6 M. DI MASSA: LA CLASSIFICAZIONE IN BASE ALL UTILIZZO 10 M. DI MASSA: LA CLASSIFICAZIONE IN BASE ALLA TECNOLOGIA

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli