La saggia civetta e le sue storie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La saggia civetta e le sue storie"

Transcript

1 Tomás v S v pidlík La saggia civetta e le sue storie 2004 Lipa Srl, Roma prima edizione: settembre 2004 disegni di Maria Stella Secchiaroli Lipa Edizioni via Paolina, Roma & fax e mail: http: // Stampato nel settembre 2004 Impianti e stampa: Studio Lodoli Sud, Aprilia Proprietà letteraria riservata Printed in Italy ISBN Lipa

2 LA SAGGIA CIVETTA E L EMIRO DI KARKEMISH 4 Karkemish è una nota città sul fiume Eufrate. Tanto tempo fa divenne famosa perché ci viveva l emiro Ali Kefi, di cui si diceva che era il giudice più giusto di tutto l Oriente. Nei paesi vicini e lontani si ammirava la sua sapienza. Ma in che modo era arrivato a possederla? Come tanti altri, anche lui da giovane pensava che essere sapiente volesse dire sapere tante cose. Allora andò a studiare in tante scuole e lesse montagne di libri. Leggeva a lungo, anche fino a notte fonda, alla luce di una piccola lampada a olio. La lettura gli apriva la mente, ma gli affaticava la vista. Gli sembrava di avere una nuvola negli occhi. Una notte, stanco della lunga lettura, alzò lo sguardo dai libri e guardò fuori della finestra, nel buio. Ad un tratto, vide due occhi lucenti, puntati su di lui. Ma non si spaventò. Gli occhi suscitavano fiducia. L emiro chiese a bassa voce: Chi sei? Perché mi guardi così? Lo sconosciuto rispose, anche lui a voce bassa: Sono la civetta, l uccello notturno, e ho fama di essere una civetta saggia. Seguo quelli che cercano la sapienza. Per questo sono volata da te. 5

3 L emiro si rallegrò: Allora certo mi dirai come sei arrivata alla tua saggezza. Te lo dirò, rispose la civetta. Volo per il mondo e ascolto quello che la gente dice di notte, quando nessuno li vede. Gli uomini infatti non sono come si fanno vedere alla luce del sole, ma come sono in segreto. Non fidarti mai di uno che si vanta esternamente. Guarda come è nel suo cuore. E il cuore si manifesta meglio di notte che di giorno. Ma come posso arrivare a questa conoscenza?, domandò sgomento l emiro. Ti aiuterò, promise la civetta. Devi sempre chiamarmi, o con le parole, oppure anche solo con il pensiero, e sentirai di sicuro il mio consiglio. Come questo avvenne ce lo illustra il racconto che segue. Un certo uomo di nome Abdullah, servitore fedele del califfo di Bagdad, fu inviato dal suo padrone a Damasco con un messaggio importante. Sellò in fretta il suo cavallo e partì. Ma la fretta non è mai una buona consigliera. Abdullah non aveva pensato di chiedere informazioni sulla strada, e dopo pochi giorni si smarrì. Dopo tanto tempo che percorreva un sentiero senza sapere dove lo portava, in lontananza vide una città sconosciuta. Ad un viandante che 6 camminava in quella direzione chiese come si chiamava la città. È Karkemish. Ma non potresti prendermi con te sul cavallo? Vedo che è forte, e sarà uno scherzo per lui portare due uomini. Io ti condurrò diritto in città. Abdullah era buono, perciò acconsentì subito. Lo sconosciuto salì sul cavallo dietro di lui. Sembrava pacifico e pareva quasi che dormisse. Ma quando arrivarono dentro a un boschetto, l uomo colpì con un pugno Abdullah sulla testa, lo buttò a terra e scappò con il cavallo. Il povero Abdullah si rialzò a fatica. Per fortuna non era stato gravemente ferito e la città non era più tanto lontana. Si imbatté in un altro uomo, questa volta buono. Gli raccontò la sua disgrazia e questi cercò di consolarlo: Cerca di raggiungere a piedi la città! Là ci vive un emiro saggio. Presentati a lui e può darsi che ti aiuterà a trovare il ladro e il cavallo. A queste parole Abdullah si consolò un poco, e con il resto del coraggio che gli rimaneva raggiunse la città. Arrivò sulla piazza del mercato e non credeva ai suoi occhi! vide il ladro che cercava di vendere il cavallo ad un prezzo altissimo. Il cavallo era bello, e tanti erano interessati ad acquistare un animale così nobile. Abdullah s infuriò e assalì con i pugni il brigante, che rispose allo stesso modo. Vedendo una tale rissa, la gente separò i due litiganti e li condusse dall emiro Ali Kefi. 7

4 Emiro buono, aiutami!, gridò Abdullah piangendo, e raccontò la sua disgrazia. Ma il brigante era un furbacchione. Fingendosi buono e onesto, dichiarò che Abdullah era un mentitore. Secondo la sua versione, il cavallo era suo ed era lui che aveva permesso ad Abdullah di salire dietro di lui sul cavallo. Questi poi aveva cercato di derubarlo, ma per fortuna non aveva avuto abbastanza forza, e lui aveva potuto gettarlo per terra. E ora, questo sfrontato millantatore lo accusava con tali menzogne. A chi credere? Entrambi erano due forestieri sconosciuti, e i testimoni mancavano. L emiro chiese il parere ai suoi consiglieri, uomini del diritto, che discussero a lungo. Alla fine dichiararono il caso insolubile; bisognava dunque mettere tutti e due i litiganti provvisoriamente in prigione. Abdullah pianse. Il brigante, invece, chiese con arroganza che gli restituissero la libertà. L emiro non si commosse né per il pianto di Abdullah né per l arroganza del brigante. Dichiarò brevemente: Portate il cavallo nella mia stalla e i due sconosciuti in prigione. Deciderò domani. Che cosa fece l emiro? La sera si mise al tavolo e si ricordò la promessa della civetta. Vieni a darmi un consiglio!, sospirò. Presto comparvero dietro la finestra i due occhi lucenti della civetta e si fece sentire la sua voce rauca: Domani porta entrambi gli uomini dal cavallo! 8 Subito dopo gli occhi sparirono, così improvvisamente come erano apparsi. Frattanto in prigione il brigante dormiva sulla nuda terra, c era abituato. Si sentiva sicuro di vincere il processo. Abdullah invece pianse tutta la notte, che gli sembrò infinitamente lunga. La mattina, appena spuntò il sole, venne la guardia e condusse entrambi dall emiro. Appena furono in sua presenza, l emiro non disse niente, solo accennò ai due uomini di seguirlo. Arrivarono nella grande stalla dove c erano molti bei cavalli. Quello di Abdullah stava nell angolo e sembrava triste. L emiro si fermò vicino a lui e ordinò al brigante di accarezzare l animale. Appena il brigante si avvicinò, il cavallo si spaventò e provò a fuggire. Basta!, disse l emiro, e ordinò ad Abdullah di carezzare l animale. Il cavallo nitrì con gioia e leccò la mano di Abdullah. L emiro sorrise e gli disse: Prendi il cavallo e va in pace! Il ladro, invece, riconducetelo nella prigione. Vi resterà per lungo tempo. La sera l emiro sedette al tavolo con i suoi libri. Senza che l avesse chiamata, apparvero dietro la finestra i due grandi occhi della civetta e la sua voce nota sentenziò: Se uno ama gli animali buoni, questi a 9

5 loro volta lo amano. Siamo tutti insieme una sola cosa nell universo di Dio. COME LA SAGGIA CIVETTA DIVENTÒ CONSIGLIERA DEL RE DEGLI ANIMALI Era morto il vecchio leone, il re del deserto. Fu ordinato a tutti gli animali un lutto universale di trenta giorni in onore del loro monarca. Ma subito dopo si dovette procedere alla ricerca del nuovo governatore. Ci si rese subito conto che la scelta non sarebbe stata facile. Nel deserto i leoni erano ormai diventati pochi e oltremodo solitari, timidi, e odiavano ogni incontro. A che scopo avere un tale re? Ma dopo un cer-to tempo fu fi-nalmente trovato un c a n d i - d a t o idoneo. Era un leone 10 11

6 appena fuggito da un circo. A differenza degli altri leoni, si annoiava quando rimaneva solo, e amava essere circondato dagli animali sia selvaggi che domestici. Non odiava neanche gli uomini, aveva un cuore pacifico. Un re del genere piacque a tutti gli animali e fu fissata la data dell incoronazione. La festa fu preparata in un modo insolitamente solenne. Oltre ai soliti discorsi d occasione, si pensò di dare anche un concerto nella forma classica del quartetto. Si sarebbero esibiti gli animali più rinomati come suonatori: il corvo, la rana, il cane e la mucca. Un armonia di voci così diverse doveva assicurare un grande successo. Gli animali scelti fecero le prove in una radura in mezzo al silenzio dei boschi. Si disposero ai quattro angoli del prato e cominciarono coraggiosamente a produrre la 12 loro musica, ciascuno secondo il proprio talento. Gli uccelli del bosco vennero ad ascoltare. Ma appena fu eseguito il primo pezzo, la metà degli ascoltatori scappò spaventata. I musicisti si accorsero che c era qualche difetto nell esecuzione, e pensarono di correggerlo. Ci siamo disposti male, disse la mucca. Io e il cane dobbiamo stare nella parte orientale del prato, il corvo e la rana verso occidente. Si spostarono e ricominciarono il concerto. Ma questa volta fuggì anche l altra metà degli uccelli. Ci siamo di nuovo disposti male, dichiarò il corvo, io e la rana dobbiamo suonare verso nord, il cane e la mucca verso sud. A questa nuova disposizione, accorsero gli scoiattoli sui rami degli alberi e incominciarono a ridere di buon cuore. Seguirono al-tri sposta- 13

7 menti ed altre prove, finché un cinghiale non uscì dal bosco tutto arrabbiato minacciando i quattro musicanti con i suoi denti feroci. I membri del quartetto chinarono tristi le teste non sapendo che cosa fare. Quale fu allora la loro sorpresa quando videro arrivare il futuro re leone in onore del quale si preparava il concerto! Il leone aveva un aspetto bonario e sembrava quasi divertito dall insuccesso dei musicanti, che invece tremavano di paura. Disse loro: Io, di musica armonizzata non me ne intendo. Ma ho sentito dire che fra gli animali c è una civetta saggia che ha esperienza degli affari del mondo. Chiedete consiglio a lei! Non si sa come accadde, ma in quello stesso momento la civetta spuntò dal cavo di un vecchio albero e sentenziò: Non è la disposizione che guasta il concerto, ma le vostre voci. Non siate come gli uomini in parlamento, che credono di poter trovare buone leggi in grado di armonizzare le brutte parole che ognuno vi pronuncia. Imparate prima a suonare ciascuno melodiosamente la propria parte: solo dopo si può cercare l armonia con gli altri. Il futuro re leone agitò contentissimo la coda. Lui era stato ben educato nel circo ed era pienamente d accordo con la civetta. Perciò le disse: Da oggi sarai la prima fra i consiglieri della mia corte. Che 14 la saggezza abbia più peso degli schiamazzi e degli urli! E anche i miei sudditi, nei loro dubbi, ricorrano a te! Così sia!, risposero gli scoiattoli, che questa volta non ridevano più, e anche il coro degli uccelli che frattanto era ritornato e aveva intonato un inno spontaneo nel bosco. E la civetta? Chinò la testa e sussurrò: Lasciarsi consigliare, ascoltare l altro è più saggio che far risuonare la propria voce nell assemblea. 15

8 L ORO DI UN AVARO C era una volta un calzolaio di nome Isidoro. Viveva da solo, con poco. Tuttavia, nonostante non spendesse quasi niente, non era riuscito ad arrivare ad una certa agiatezza. Ma un giorno la fortuna bussò alla sua porta. Venne la notizia della morte di uno zio ricchissimo, senza altri parenti se non lui. Così tutta l eredità fu destinata al povero Isidoro. Ricevuta la notizia, per parecchie notti Isidoro non riuscì a dormire per la gioia. E quando poi ricevette il denaro, non poté dormire per la paura di essere derubato. Decise allora di investire i soldi là dove sono sicuri e producono frutto. Perché non comprare campi? La nostra terra è fertile. Detto fatto. Ci furono tante noie con l amministrazione dei campi, ma la terra produsse un abbondante raccolto per un anno, due, tre. Ma il quarto anno si annunciava una grande siccità. Per evitare il danno che ne sarebbe venuto, Isidoro vendette i campi e comprò dei boschi. Fu un buon investimento, perché il legno si vendeva a caro prezzo. Ma cominciarono ancora una volta i guai. Gli incendi nei paesetti vicini divoravano i boschi. Se il fuoco fosse arrivato anche qui? 16 17

9 Spaventato, Isidoro vendette i boschi e comprò in città una grande casa signorile. Ma questa volta si accorse di aver fatto un grande sbaglio. Per mantenere una tale casa ci volevano persone di servizio e Isidoro tremò d ira quando dovette pagare lo stipendio a persone che considerava fannulloni. Ora era ricco, ma stanco morto per le mille preoccupazioni. Sentì il bisogno di trovare una soluzione: come restare ricco senza avere tante noie per l amministrazione dei beni. Gli venne un idea che gli pareva felice. Vendette la casa e tutte le cose inutili, e con il denaro ricavato comprò tante bacchette sottili di oro purissimo. Ora tutta la sua ricchezza entrava in una scatola. Si ritirò nella sua vecchia casetta. Fissò le bacchette d oro sulla trave sotto il tetto. Lì nessuno poteva salire senza la scala che Isidoro aveva legato con una catena fuori dalla casa. Del resto, nessuno aveva sospetti che l oro si trovasse proprio sotto il tetto. La gente aveva compassione di Isidoro. Pensava che fosse divenuto ricco, ma non avesse saputo amministrare i suoi beni e ora, dopo aver perso tutto, fosse costretto a vivere modestamente come prima. Quando si mostravano dispiaciuti, lui fingeva di piangere, ma in cuor suo rideva: Sapessero! La sua risata però ebbe una fine improvvisa. Un giorno, non si sa perché, liberò la scala dalla catena e salì sotto il tetto per godere dello splendore delle sue bacchette 18 d oro. Fu un dono della misericordia divina se non cadde morto dallo spavento! L oro non c era più. Era stato rubato tutto. Per parecchi giorni il povero Isidoro non dormì e non mangiò. Pensò solo ad una cosa: chi poteva essere il ladro e come trovarlo. Tese l orecchio in tutte le direzioni, sospettando di tutti e di tutto. Intorno a lui non si muoveva niente, c era solo il silenzio. Ad un tratto sentì la strana voce di un uccello. Che c entra lui con il mio affare!, pensò Isidoro. Ma siccome l uccello volava intorno al tetto, egli corse fuori incuriosito. Improvvisamente tutto gli divenne chiaro. Era una gazza, una gazza ladra. Attraverso una finestrina era penetrata sotto il tetto e così, una per una, aveva trasportato le bacchette nel suo nido. Ma dov era il nido della gazza ladra? Isidoro lo cercò ovunque, invano. Ogni tanto sentiva dalla cima di qualche albero la voce della gazza che lo scherniva. Disperato, si chiedeva che cosa fare. Quando gli uomini sono derubati, accusano il ladro davanti al giudice. Ma come fare se il ladro è un animale? Isidoro venne a sapere che c era un re leone che parlava la lin- 19

10 gua degli uomini. Decise quindi di cercarlo per presentare il suo caso. Fu una fatica enorme trovare il re degli animali e fu anche tanto pericoloso passare accanto alle guardie della sua porta. Ma poi fu ricevuto con molta cortesia. Quando però sua maestà il leone sentì che si trattava della solita cattiveria di una gazza, brontolò: Chi mi può aiutare a prenderla? Fai meglio a chiedere alla mia dotta consigliera, la civetta saggia. Lei vola di notte, conosce tutto, ha gli occhi penetranti, può darsi che ti dirà che cosa fare. Trovare la civetta non fu difficile. Essa aveva ascoltato in qualche angolo ciò che era stato detto davanti al re e si rivolse prontamente a Isidoro: Senti, buon uomo! Va a casa e raccogli per strada qualche sasso. Mettilo nella scatola dove prima c erano le bacchette d oro. Pensa che quel sasso è oro e tutto tornerà come prima. Per un avaro infatti l oro è come qualsiasi altro sasso: gli dà soddisfazione perché è suo e ad altro non gli serve. Che cosa ci hai fatto prima con tutto l oro che avevi? Detto questo, la civetta sparì in un angolo scuro. Isidoro tornò a casa sua. Triste? Più saggio? Chi lo sa! Il cuore di un avaro non si rivela facilmente

11 LA VITA UMANA Prima di riposarsi il settimo giorno, Dio era occupato con la creazione del mondo. All inizio l opera andò facilmente. Per dividere la terra e il cielo, la terra ferma e il mare fu sufficiente un piccolo gesto della mano. Per far crescere l erba sulla terra e ornarla di fiori bastò una parola. Ma poi venne il turno della creazione di tutti gli animali e infine dell uomo. Più un animale si avvicinava alla perfezione dell uomo, più si manifestava in lui una proprietà tipicamente umana: lagnarsi e contraddire. Questo si vide già nella creazione del cane. Appena si rizzò sulle sue zampe e gli furono dati quarant anni di vita, cominciò ad abbaiare: Signore, quarant anni di vita da cane! Questo non è un dono, ma 22 una pena. Dio sorrise e disse: Va bene, allora solo venti. Poi venne il turno della scimmia. Anch essa, appena udì quarant anni, cominciò a mormorare a voce bassa e alla fine disse apertamente: Chi nel mondo potrebbe apprezzare quarant anni di azioni da scimmia! Sarei ridicola per tutti. Allora anche a lei Dio disse: Va bene, ti concedo vent anni. Venne allora il turno di qualcuno che fin dall inizio volle far vedere che è il padrone. Si trattava dell uomo. Appena sentì che anche a lui erano destinati quarant anni di vita, cominciò a protestare, ma in modo diverso 23

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

I compiti vanno in vacanza

I compiti vanno in vacanza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Camillo Bortolato I compiti vanno in vacanza 2 Il disfa-libro per la primaria CLSS

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro www.gentletude.com Impara la Gentilezza 3 COMUNICARE CON EMPATIA (attvità per le scuole primarie) Guida Rapida Obiettivi: Gli allievi saranno in grado di identifica re modalità per comunicare con gentilezza

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Gianni e il lupo Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Viveva un tempo sulla montagna un pastorello che si chiamava Gianni. Portava le sue pecore a pascolare per i prati,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

C ERA UNA VOLTA IN UN IL RE, CHE ERA UNA PAESE LONTANO, UN VILLAGGIO DI CONTADINI. OGNI MATTINA SOPRA LA

C ERA UNA VOLTA IN UN IL RE, CHE ERA UNA PAESE LONTANO, UN VILLAGGIO DI CONTADINI. OGNI MATTINA SOPRA LA C ERA UNA VOLTA IN UN PAESE LONTANO, UN VILLAGGIO DI CONTADINI. OGNI MATTINA SOPRA LA TESTA DEI POVERI ABITANTI, PASSAVA UN DRAGO SFIORANDO I TETTI E SPUTANDO FUOCO A DESTRA E A MANCA. I CAPI DEL VILLAGGIO

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Era proprio destino che quell anno dal cielo cadessero

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

PER MANO NEL MONDO DI OZ

PER MANO NEL MONDO DI OZ PER MANO NEL MONDO DI OZ BALLO INIZIALE base 1 NARRATORE: C era una volta una bambina di nome _SARA : Mirella! NARRATORE: No...la bambina si chiamava _CHIARA : Maria Pia! NARRATORE: No, si chiamava TUTTI:

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO C erano una volta due sposi che si chiamavano Vincenza e Giuseppe. Una sera Giuseppe non riusciva a dormire, così andò fuori, ma fuori nevicava. Nonostante

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Anno scolastico 2011-2012

Anno scolastico 2011-2012 Anno scolastico 2011-2012 Anche quest anno, come programmato,il progetto riguardante la prevenzione e la sicurezza è stato svolto nelle varie scuole con modalità diverse secondo l età degli alunni. All

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta Piero Ferrucci. Introduzione alla psicosintesi. Roma: Edizioni Mediterranee, 2010. Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta giocare a ping-pong, o a briscola, o a qualsiasi

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

I fenomeni ciclici 6-8. Ciao bambini. anni. Piante ed animali, la notte e il dì, i giorni della settimana. 20 schede didattiche da stampare

I fenomeni ciclici 6-8. Ciao bambini. anni. Piante ed animali, la notte e il dì, i giorni della settimana. 20 schede didattiche da stampare I fenomeni ciclici 6-8 anni Piante ed animali, la notte e il dì, i giorni della settimana 20 schede didattiche da stampare Ciao bambini ciaomaestra.com INDICE IL CICLO DELLA FARFALLA IL CICLO DELLA FARFALLA

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia

Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia Mondadori Education Giovanni Boccaccio Andreuccio da Perugia C era a Perugia un giovane il cui nome era Andreuccio; egli vendeva e comperava cavalli e, avendo una volta sentito che Napoli era un luogo

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

LA SACRA BIBBIA ILLUSTRATA E RACCONTATA A BAMBINI E RAGAZZI

LA SACRA BIBBIA ILLUSTRATA E RACCONTATA A BAMBINI E RAGAZZI LA SACRA BIBBIA ILLUSTRATA E RACCONTATA A BAMBINI E RAGAZZI Tanto, tanto tempo fa il cielo, la terra e tutti gli abitanti non c'erano. Non c'era nulla di quello che noi vediamo: c'era però Dio, e tutto

Dettagli

Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane

Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane Laboratori attorno al mito delle dea Eoste, e le uova di lepre. Trasformazione animali festa di

Dettagli

Il viaggio di Stella

Il viaggio di Stella Il viaggio di Stella Laboratorio di narrazione collettiva Classi II C e IV B Anno scolastico 2011/2012 Primo Circolo Didattico di Poggibonsi, Scuola Primaria"Vittorio Veneto" Nota dell insegnante Chiunque

Dettagli

Draghetto e Draguzzo di Giuseppe Belfiglio

Draghetto e Draguzzo di Giuseppe Belfiglio Draghetto e Draguzzo di Giuseppe Belfiglio C erano una volta due cuccioli di drago che erano delle vere e proprie pesti, sempre pronti a fare scherzi e a ficcarsi nei guai. Draghetto e Draguzzo erano i

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La nostra distanza. www.michelefranceschini.net

La nostra distanza. www.michelefranceschini.net 1. LA vita 2. IL VIAGGIO 3. LA FORZA DELLA VITA 4. GIORGIA 5. DIARIO 6. GIOVANE AMORE 7. RESTO SOLO 8. UNA STORIA SENZA TE 9. LA NOSTRA DISTANZA 10. TE NE VAI La nostra distanza Scritto e ideato da Michele

Dettagli

Leggi e colora le nostre fiabe

Leggi e colora le nostre fiabe Leggi e colora le nostre fiabe Scuola A. Gorfer Classe 3^B scuola Aldo Gorfer C ra una volta una principessa di nome Rossella. Abitava in un castello arroccato su uno spuntone di roccia. Nessuno osava

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Alcune attività che abbiamo fatto

Alcune attività che abbiamo fatto Alcune attività che abbiamo fatto Il castello di Re Ottone e Mago Prospero Maschere e quadri del carnevale a castello Le regole di Re Ottone a scuola e nel bosco 1 3 4 2 Inventiamo una storia ambientata

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

A questo punto voglio parlarvi un po della mia fede, visto l improvviso cambiamento che ha subito la mia vita. Il mio incidente è avvenuto mentre mi

A questo punto voglio parlarvi un po della mia fede, visto l improvviso cambiamento che ha subito la mia vita. Il mio incidente è avvenuto mentre mi A questo punto voglio parlarvi un po della mia fede, visto l improvviso cambiamento che ha subito la mia vita. Il mio incidente è avvenuto mentre mi trovavo al mare, dalla parte dello Ionio. Subito dopo,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli