Statuto Della Confraternita dell Ordine Ospedaliero dei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Statuto Della Confraternita dell Ordine Ospedaliero dei"

Transcript

1 Statuto Della Confraternita dell Ordine Ospedaliero dei Cavalieri di Malta di San Lazzaro di Gerusalemme di Betania Il presente Statuto può essere denominato come il " Sovrano Ordine Ospedaliero dei Cavalieri di Malta. La Confraternita del Sovrano Ordine Ospedaliero dei Cavalieri di Malta di San Lazzaro di Gerusalemme di Betania; E persona giuridica riconosciuta dalla Santa Sede. Le persone religiose, in seguito ai propri Voti, così come i membri del secondo ceto con la Promessa di Obbedienza, sono subordinate soltanto ai propri Superiori del Sovrano Ordine Ospedaliero di San Lazzaro di Gerusalemme di Betania. Nel rispetto del Codice di Diritto Canonico, le Chiese e gli istituti conventuali dell Ordine sono esenti dalla giurisdizione delle diocesi, dipendendo direttamente dalla Santa Sede. Nella disciplina dei rapporti valgono i diritti acquisiti, le consuetudini e i privilegi concessi all Ordine dai Sommi Pontefici e non espressamente aboliti. Il Sommo Pontefice è il rappresentante diretto all'interno all'ordine, dando il titolo di "Summi Magni Rectoris" con poteri speciali. Il Summi Magni Rectoris tuttavia può nominare un Cardinale e/o Vescovo al fine di rappresentarlo nelle attività della Confraternita. Essi hanno il compito di promuovere gli interessi spirituali della Confraternita del Sovrano Ordine Ospedaliero dei Cavalieri di Malta di San Lazzaro di Gerusalemme di Betania e dei suoi membri e le relazioni tra la Santa Sede e l' Ordine Ospedaliero. La natura religiosa non esclude l'esercizio di prerogative sovrane appartenenti all'ordine in quanto soggetto di diritto internazionale che sarà riconosciuto dagli Stati membri. d.c " 1

2 Articolo 1 La Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania ", fondata nel a Gerusalemme e ricostituita in Enna il, ha sede nella chiesa e pone in essere la continuità storica dell'antico Ordine Ospedaliero di San Lazzaro di Gerusalemme che, dopo la presa di Gerusalemme da parte dei Cavalieri Crociati, nell anno del Signore A.D. 1099, i Cavalieri ammalati di lebbra andavano nell'ospedale di San Lazzaro a farsi curare. Infatti questa Confraternita di ispirazione puramente religiosa e Cavalleresca vuole continuare la sua discendenza dei Cavalieri Ospedalieri medievali e riconfermare quale ordine religioso e ospedaliero secondo i principi espressi nella Bolla Papale dell'11 Aprile del 1255 da Alessandro IV. Articolo 2 - La Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania " ha come fine principale: - Promuovere ed attuare tutte le attività necessarie alla santificazione dei Confrati, nonché assisterli per tale fine; - Tenere vivo il culto di San Lazzaro di Betania coadiuvando l'assistente Ecclesiastico nelle attività religiose della Chiesa, operare nel rispetto delle tradizioni e nella organizzazione di tutte quelle iniziative che possono incrementare il culto di San Lazzaro di Betania; - Vivere come aggregazione ecclesiale che aiuta i confratelli a realizzare pienamente la propria vocazione cristiana mediante un'intensa di vita spirituale e un'efficace attività apostolica; - Promuovere iniziative per la formazione permanente dei confrati in campo religioso; - Operare nel sociale promuovendo opere di carità cristiana, solidarietà tra fratelli, assistenza ai bisognosi, accoglienza ai fratelli tenendo conto delle direttive statutarie e di quelle impartite dal progetto pastorale diocesano; - Assistere i confrati nel raggiungimento del benessere spirituale; - Partecipare a tutte le manifestazioni di culto pubblico; - Astenersi dal partecipare a manifestazioni contrarie alla morale della chiesa Cattolica; - Promuovere rapporti di fraternità e di collaborazione con le altre associazioni di fedeli su scala mondiale con l ausilio degli organismi ecclesiali Nazionali, Internazionali e della diocesi; - La Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania " è soggetta all'autorità Ecclesiastica secondo quanto è previsto dal canone 312 cui è l'autorità competente ad erigere associazioni pubbliche. La Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" può svolgere attività diverse da quelle di religione o di culto, a norma dell'ari 15 delle norme approvate con Protocollo del 15/11/1984 tra l'italia e la Santa Sede. 2

3 Articolo 3 Possono farne parte, assumendone il titolo di Confrate Cavaliere della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania " tutti i Cattolici di ceto sociale maggiormente rappresentativi che ne fanno richiesta per iscritto al Consiglio di Amministrazione e si propongono di perseguire i fini statutari e si impegnano a rispettarne lo statuto. Le domande, debitamente istruite dal Consiglio di Amministrazione, devono riportare il parere favorevole dell'assistente Ecclesiastico ed essere sottoposte a ratifica dell'assemblea. Le domande devono essere corredate dalla seguente documentazione: Certificato di Cresima; Certificato di matrimonio, se sposati; Dichiarazione "di non appartenenza ad altra Confraternita pena il decadimento la non ammissione alla Confraternita; Curriculum Vitae; Dichiarazione Solenne di obbedienza alla Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania", di osservare lo Statuto, di sottomettersi alla parola di Dio, l obbedienza verso il Santo Padre e la Santa Romana Chiesa. In ogni caso non ne possono fare parte: Coloro che professano altra religione; Coloro che risultano iscritti a sette segrete condannate dalla Chiesa e/o Ordini Cavallereschi non riconosciuti dallo Stato della Repubblica Italiana e dalla Santa Romana Chiesa secondo quanto disciplinato dagli Artt. 7 ed 8 della Legge del 03 marzo 1951 nr. 178; Tutti coloro i quali che sono stati condannati dalla Giustizia Ordinaria per fatti gravi che ne pregiudicano l immagine della stessa Confraternita; Tutti coloro i quali sono separati e comunque, non convivono sotto il tetto coniugale; Gli espulsi da qualsiasi aggregazione religiosa riconosciuta dalla Santa Romana Chiesa. Nella relativa domanda di ammissione l aspirante Confrate Cavaliere di Malta dovrà dichiarare contestualmente di provvedere a sue spese all'acquisto del vestiario della "Confraternita". Articolo 4 Si diviene "Confrate Cavaliere effettivo" dopo "l'atto di Investitura" che avviene dopo un periodo di prova, stabilito dal Consiglio di Amministrazione, ed in ogni caso per un tempo non inferiore a Cinque anni. Per motivi di opportunità, l investitura può avvenire non prima del compimento del 25mo anno di età ed è obbligatoria. Essa avviene comunque durante la "Messa Solenne dei Confrati Cavalieri" e l aspirante Confrate Cavaliere dovrà comunicare per iscritto prima del triduo di preparazione, obbligatorio, tenuto dall'assistente Ecclesiastico il nome del Confrate anziano che lo presenta al Sacro Giuramento. 3

4 L Aspirante Confrate Cavaliere si impegna: Di condurre esemplare vita cristiana; A divulgare il culto di San Lazzaro di Gerusalemme di Betania; Ad osservare i precetti della Santa Madre Chiesa; A versare la quota annuale; A partecipare alle attività della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania"; A quanto deliberato dall'assemblea che non contrasti con lo statuto e con le direttive delle Diocesi; Ad osservare il presente Statuto. Divenuto Confrate egli sarà registrato, a cura del Consiglio di Amministrazione, nell'apposito elenco dopo "l'atto di Investitura". Articolo 5 Sono Confrati Cavalieri tutti coloro che sono stati registrati nell'apposito elenco dopo "l'atto di Investitura" a cura del Consiglio di Amministrazione. I M E M B R I - C A V A L I E R I Articolo 6 I Membri Cavalieri sono coloro che hanno fatto domanda di ammissione alla Confraternita e a qualsiasi titolo partecipano alle attività della confraternita prima dell investitura. I Membri devono adempiere ad un periodo di formazione religiosa e volontariato nei modi e nei tempi stabiliti dall'assistente Ecclesiastico di concerto con il Consiglio di Amministrazione. Essi hanno l'obbligo di osservare il presente Statuto. Articolo 7 L'ammissione dei Membri Cavalieri avviene con le stesse modalità previste per i Confrati Cavalieri all'art. 3, ed è deliberata dal Rettore e/o Gran Maestro e ratificata dal Consiglio di Amministrazione. Articolo 8 Il Cavaliere Ospedaliero, così chiamato per tradizione ed attribuzione, ha il diritto di voto nell ambito del Consiglio di Amministrazione della Confraternita per gli affari che lo riguarda la raccolta di fondi, prestare, con l ausilio dei Confrati Membri ed effettivi Cavalieri, volontariato presso gli Ospedali e le Associazioni riconosciute della Repubblica Italiana e degli Stai Membri della Cominità Europea e il mantenimento della Chiesa. Esso ha l'obbligo di osservare il presente statuto, così come i Confrati Cavalieri effettivi, e si impegna nel bene della Chiesa. Esso e parte integrante del Consiglio di Amministrazione. 4

5 Articolo 9 Tutti i Confrati e Membri Cavalieri hanno il dovere di condurre esemplare vita Cristiana e l'obbligo di partecipare, ognuno per quanto l'assemblea stabilisce, alle spese riguardanti le attività della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" e al mantenimento della Chiesa. A tal uopo verseranno una retta annuale il cui importo sarà stabilito annualmente dall'assemblea Generale dei Confrati Cavalieri su proposta del Consiglio di Amministrazione. La retta dovrà essere versata obbligatoriamente ed ininterrottamente ogni anno e comunque, entro e non oltre il 1mo Dicembre. Il mancato versamento della retta comporta automaticamente e senza appello, alla sospensione temporanea dal partecipare alle processioni della Confraternita fino alla regolarizzazione del dovuto che dovrà avvenire nei tempi e nei modi previsti dal comma precedente. Il mancato versamento della retta per (2)anni consecutivi viene ad esse re considerato alla stregua di dimissioni volontarie. Articolo 10 I Confrati Cavalieri hanno l'onore e il privilegio di portare il Simulacro di "San Lazzaro di Betania" fino al compimento del cinquantesimo anno di età secondo il diritto acquisito riferito all'anzianità di investitura. Le riserve che sostituiranno i Confrati titolari temporaneamente impediti non potranno avanzare il diritto di accedere a portare il Simulacro di San Lazzaro di Betania. I posti liberi saranno occupati secondo l'anno di professione ed a parità di anzianità il maggiore per anno di nascita. Articolo 11 Tutti i Confrati e Membri Cavalieri hanno l obbligo di partecipare alle manifestazioni religiose tradizionali e precisamente: Alla processione del Corpus Domini; L'Ora di Adorazione propria della Confraternita durante la Settimana Santa al Duomo e alla successiva "Tradizionale Benedizione"; Il Venerdì Santo; Alla traslazione per l'esposizione solenne del simulacro di San Lazzaro di Betania nell'altare maggiore, antecedente la Festa; Alla Festa in onore di San Lazzaro di Betania il 17 Dicembre; Alla traslazione del simulacro di San Lazzaro di Betania nella Cappella Votiva, dopo la Festa; A quelle che di volta in volta saranno realizzate nell'ambito delle attività di culto che la Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" svolge e a richiesta dell'assistente Ecclesiastico. Qualora la manifestazione prescrive l'uso del vestiario, al Confrate e il Membro Cavaliere è fatto obbligo di rispettare scrupolosamente le norme per lo stesso pena l'esclusione dalla manifestazione. In tutte le manifestazioni ove ha sede la Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" in ambito Mondiale. 5

6 Articolo 12 Tutti i Confrati e Membri Cavalieri cessano di appartenere alla Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" per: Dimissioni volontarie; Per mancato pagamento della retta; Per provvedimenti disciplinari dovuti alla inosservanza dello statuto e per violazione delle prescrizioni del Codice di Diritto Canonico. L'appartenente alla Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" può ricorrere agli organismi di cui agli artt. 35 e 37 solo nel caso previsto al punto c). Articolo 13 II Confrate o Membro Cavaliere dimissionario può fare richiesta di reintegro con lettera scritta al Consiglio di Amministrazione, per il tramite del Rettore e/o Gran Maestro che, sentito il parere non vincolante degli organismi di cui agli arti 35 e 37, ne da comunicazione all'assemblea. La reintegra non da diritto al riconoscimento dell'anzianità pregressa. VESTIARIO Articolo 14 Il vestiario del Confrate e del Membro appartenente alla Confraternita dell Ordine Ospedaliero dei Cavalieri di Malta di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" si compone nel seguente modo: Camice bianco lungo fino alla caviglia con un prolungamento del camice bianco nella parte posteriore a punta; Visiera bianca con Corona di Vimini; Mantellina blu oscuro nella parte esterna, verde nella parte interna con applicata sul lato sinistro l'effige della Croce di Malta ad otto punte di colore Verde all interno l effige della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" composta da uno scudo di colore bianco il cui interno primeggia una croce di colore verde che è sovrastata al centro della Croce Patente di colore verde oscuro, all interno è posizionata una Croce di colore verde. Nella parte superiore sul lato sinistro dello Scudo è raffigurato un Elmo con piume che sta ad indicare il simbolo dei Cavalieri di San Lazzaro; Pettorale blu oscuro nella parte esterna, verde nella parte interna applicata al centro l'effige della Croce di Malta ad otto punte di colore Verde all interno l effige della confraternita composta da uno scudo di colore bianco il cui interno primeggia una croce di colore verde che è sovrastata al centro della croce Patente di colore verde oscuro, all interno è posizionata una Croce di colore verde. Nella parte superiore sul lato sinistro dello Scudo è raffigurato un Elmo con piume che sta ad indicare il simbolo dei Cavalieri di San Larraro; Cingolo e/o cordone intrecciato di colore blu & verde con nappe terminali; Medaglione in Silver con l'effige di San Lazzaro di Betania; Di rigore scarpe nere, pantaloni neri e calze nere; Corda in canapa; Guanti Bianchi 6

7 Articolo 15 Il vestiario dei componenti Consiglio di Amministrazione si compone nel seguente modo: Camice bianco lungo fino alla caviglia con un prolungamento del camice bianco nella parte posteriore a punta; Visiera bianca con Corona di Vimini; Mantello lungo blu oscuro nella parte esterna, verde nella parte interna con applicata sul lato sinistro l'effige della Croce di Malta ad otto punte di colore Verde all interno l effige della confraternita composta da uno scudo di colore bianco il cui interno primeggia una croce di colore verde che è sovrastata al centro della croce Patente di colore verde oscuro, all interno è posizionata una Croce di colore verde. Nella parte superiore sul lato sinistro dello Scudo è raffigurato un Elmo con piume che sta ad indicare il simbolo dei Cavalieri di San Lazzaro (Esclusivamente Il Consiglio di Amministrazione); Pettorale Lungo blu oscuro nella parte esterna, verde nella parte interna applicata al centro l'effige della Croce di Malta ad otto punte di colore Verde all interno l effige della confraternita composta da uno scudo di colore bianco il cui interno primeggia una croce di colore verde che è sovrastata al centro della croce Patente di colore verde oscuro, all interno è posizionata una Croce di colore verde. Nella parte superiore sul lato sinistro dello Scudo è raffigurato un Elmo con piume che sta ad indicare il simbolo dei Cavalieri di San Larraro; Insigne della Croce di Malta otto punte di colore verde; Spada Excalibur in stile puramente Medievale ispirata all Ordine Monastico dei Cavalieri Crociati fondato a Gerusalemme. Cingolo intrecciato di colore blu & verde con nappe terminali; Collana laminata in oro con l'effige la Croce di Malta ad otto punte al centro la Sacra Immagine di San Lazzaro di Betania (Il Rettore) Di rigore scarpe nere, pantaloni neri e calze nere; Guanti Bianchi; Il vestiario del presente articolo sarà adeguato di volta in volta alle manifestazioni religiose alla quale si partecipa. Articolo 16 L'elenco dei portatori, compilato a cura del Consiglio di Amministrazione, viene aggiornato di anno in anno e viene esposto nei locali sociali della Chiesa in uso alla Confraternita entro il quindicesimo giorno successivo alla seconda Assemblea. Esso terrà conto dei diritti acquisiti ed, in caso di surroghe, dell'anno di professione ed a parità di anzianità dell'età anagrafica. La surroga non da diritto ad acquisizione del posto sotto il Fercolo di San Lazzaro di Betania. Il Confrate Cavaliere occuperà il posto spettante tenuto conto dell ordine di spalla. Articolo 17 II Rettore e il Consiglio di Amministrazione della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania" sono sollevati da ogni responsabilità per eventuali incidenti o infortuni che dovessero verificarsi durante le processioni a cui la Confraternita partecipa. Tuttavia il consiglio di Amministrazione stipulerà 7

8 delle convenzioni appropriate assicurative al fine di garantire la massima copertura che procurino lesioni fisiche osservabili e misurabili. Articolo 18 II Confrate e i Membri Cavalieri hanno l'obbligo di presentarsi all'ora stabilita per la chiamata dell'appello di ogni singola processione pena l'esclusione dalla stessa. Articolo 19 I posti riservati per ex-voto o devozione sotto il Fercolo di San Lazzaro di Betania sono da considerarsi un massimo di tre (2) e vengono assegnati dal Rettore e/o Gran Maestro, sentito il parere del Consiglio di Amministrazione, a chi ne faccia richiesta per iscritto entro il 1 giorno del mese di Settembre dell'anno in corso. La stessa deve contenere dichiarazione di idoneità fisica e di sollevare da ogni responsabilità la Confraternita. I nominativi dei prescelti saranno evidenziati nell'elenco esposto nei locali sociali della chiesa. Articolo 20 II posto sotto il Fercolo di San Lazzaro NON HA DIRITTO AD EREDITARIETÀ. Articolo 21 Tutti i Confrati e i Membri Cavalieri che incorrono in violazioni o inadempienze al presente statuto incorrono nelle seguenti sanzioni: 1. Richiamo scritto; 2. Deplorazione; 3. Sospensione; 4. Radiazione. Il richiamo scritto può essere adottato per manchevolezze di lieve entità dal Rettore, sentito il Consiglio di Amministrazione. La deplorazione viene applicata, in caso di recidiva di cui al comma a) o nei casi di maggiore entità dell'infrazione, dal Consiglio di Amministrazione e notificata all'assemblea. La sospensione viene applicata nei casi di gravi infrazioni e consiste, secondo la gravita, nel divieto di partecipare alle attività della Confraternita per un periodo stabilito dall'assemblea su proposta del Consiglio di Amministrazione, ciò non esenta dal pagamento della retta. La radiazione dalla Confraternita avviene nei casi di violazioni gravissime arrecanti offesa alla Chiesa, alla Fede, alla Confraternita ed alla religiosità delle manifestazioni secondo le norme previste dai canoni 312,1 e 316,2 del Codice di Diritto Canonico ed è deliberata dall'assemblea su proposta del Consiglio di Amministrazione. Il Confrate radiato non può essere riammesso. Articolo 22 Per quanto comminato in riferimento al precedente articolo 21 i Confrati e i Membri Cavalieri possono ricorrere agli organismi di cui ai successivi articoli 35 e 37 previa notifica scritta al Consiglio di Amministrazione e solo per la sanzione prevista al comma d). Nel caso di radiazione è garantito il diritto di appello con ricorso scritto, all'ordinario Diocesano, notificandolo all'assemblea per il tramite del Rettore e/o Gran Maestro e al Collegio dei Probiviri per il tramite del Presidente, entro e non oltre trenta giorni dall'adozione del provvedimento. La notifica è obbligatoria per la validità del ricorso. 8

9 Articolo 23 Ogni anno la prima domenica di Ottobre, a cura della Confraternita, viene celebrata una Santa Messa in suffragio di tutti i Confrati defunti. Alla morte di un Confrate o Membro Cavaliere la Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania", entro un mese dall'evento luttuoso, farà celebrare una Santa Messa in suffragio dello stesso nella Chiesa dandone tempestiva comunicazione ai congiunti. Articolo 24 Sono organi della Confraternita: 1. L'Assemblea; 2. Il Consiglio di Amministrazione; 3. Il Rettore; 4. Il Collegio dei Probiviri; 5. I Revisori dei Conti; 6. L'Assistente Ecclesiastico. Articolo 25 L'Assemblea dei Cavalieri è l'organo sovrano. Essa si tiene in seduta ordinaria 3 (tre) volte l'anno ed è convocata dal Rettore e/o Gran Maestro. Le sedute dall'assemblea ordinaria, di norma, si tengono: 1. Ultima domenica di Gennaio; 2. Ultima domenica di Aprile 3. Ultima domenica di Settembre. Per trattare e deliberare i seguenti argomenti: Esame ed approvazione del bilancio consuntivo e del bilancio preventivo; Determinazione delle rette annuali; Esaminare e approvare il programma relativo alle manifestazioni proprie della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedaliero di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania"; Eleggere gli organismi della Confraternita; Esaminare e deliberare sulle comminazioni disciplinari di competenza; Esaminare la eventuale riammissione di Confrati e Membri dimissionari; Nominare i componenti il seggio per le elezioni statutarie; Eventualmente nominare, su segnalazione del Consiglio di Amministrazione, il Rettore e/o Gran Maestro Onorario. Le Assemblee straordinarie si tengono ogni qualvolta lo richieda un quinto dei Confrati e Membri Cavalieri, il Consiglio di Amministrazione, il Rettore e/o Gran Maestro, Ecclesiastico e sono convocate dal Rettore e/o Gran Maestro. Tutti i tipi di Assemblea devono essere convocate per avviso pubblicato all'albo sociale e per iscritto almeno tre giorni prima della stessa. L'Assemblea delibera con la maggioranza degli aventi diritto al voto. Le votazioni avvengono per alzata di mano, nei casi che riguardano affari di carattere personale occorre la votazione per scrutinio segreto, non sono ammesse deleghe. Le Assemblee sono presiedute dal Rettore e/o Gran Maestro. 9

10 Articolo 26 II Consiglio di Amministrazione è composto da: 01. Il Rettore e/o Gran Maestro; 02. Il Primo Assistente e/o Vice Rettore e/o Vice Gran Maestro; 03. Il Secondo Assistente e/o Gran Priore 04. Il Segretario Generale e/o Gran Cancelliere 05. Il Procuratore Generale 06. Il Tesoriere; 07. L Ospedaliero; 08. Elemosiniere 09. Il Gran Maresciallo; 10. Il Gran Comandante 11. Il Grand Ufficiale Cerimoniere; Deve riunirsi almeno 3 volte l'anno in seduta ordinaria e tutte le volte che se ne ravvisa la necessità in seduta straordinaria, è convocato dal Rettore e/o Gran Maestro o su richiesta scritta di almeno due componenti; esso è presieduto dal Rettore e/o Gran Maestro. Quando un Consigliere è dimissionario sarà surrogato con il primo dei non eletti fino alla scadenza naturale del mandato, e così via. Le sedute del Consiglio sono valide quando sono presenti almeno 7 dei componenti. Le deliberazioni vengono prese a maggioranza e per appello nominale a parità di voti il voto del Rettore e/o Gran Maestro vale doppio. Qualora si trattino affari personali l'interessato deve allontanarsi e in caso di votazioni si procede a scrutinio segreto. I Consiglieri hanno l'obbligo di partecipare alle Assemblee per riferire, se è il caso, su argomenti di specifica competenza. Per ciò che riguarda argomenti religiosi partecipa l'assistente Ecclesiastico. Articolo 27 Le competenze del Consiglio di Amministrazione sono: 1. Redigere il bilancio di previsione; 2. Deliberare sul bilancio consuntivo; 3. Predisporre il programma sulle attività della Confraternita; 4. Preparare il programma dei festeggiamenti in onore di San Lazzaro di Gerusalemme sia religioso che ricreativo, in questo caso è obbligatoria la presenza del rappresentante degli Ospedalieri; 5. Esaminare le domande di ammissione alla Confraternita ed espletare gli atti consequenziali; 6. Proporre all'assemblea la quota delle rette annuali; 7. Attuare le deliberazioni adottate dell'assemblea e quelle proprie del Consiglio; 8. Esamina i casi relativi alle infrazioni statutarie e predisporre gli atti consequenziali. Il Consiglio di Amministrazione ha, inoltre, il compito di vigilare sull'andamento della Confraternita, nel suo intero, e di predisporre tutti gli atti che gli saranno affidati. Quando un consigliere manca alle riunioni del Consiglio di Amministrazione per due volte consecutive, senza giustificato motivo, decade dalla carica ed il Rettore procede alla sostituzione nei modi previsti dallo statuto. Rendere esecutivi gli atti previsti dal codice di Diritto Canonico, dalla C. E. I., e dal canone 1281 autorizzati e decretati dal Summi Magni Rectoris, dal Cardinale o dal Vescovo e dalla competente autorità ecclesiastica. 10

11 Articolo 28 Il Primo Assistente e/o Vice-Rettore collabora con il Rettore e lo sostituisce nei casi di assenza temporanea nei rapporti con la Confraternita. Lo rappresenta nelle manifestazioni religiose in caso di assenza. Nei casi di rappresentazione pubblica, di rapporti con altre Confraternite, Enti ed Istituzioni deve avere delega scritta per i casi specifici e limitatamente ad essi relazionando al Rettore sull'andamento del mandato. Articolo 29 Il Cassiere è il custode dei beni, mobili e immobili, della Confraternita e ne cura la tenuta. Cura e prepara il fabbisogno per le celebrazioni. Il giorno della Festa appronta e cura il fabbisogno, tiene i rapporti con i Confrati e i Membri per eventuali forme di aggregazione e/o intrattenimenti tenuti subito dopo i festeggiamenti in onore di San Lazzaro. Aggiorna il libro inventario della Confraternita. Collabora con l'addetto alle Manifestazioni (Il Grande Ufficiale Cerimoniere) all'approntamento delle suppellettili necessarie per le processioni. Articolo 30 Il Cassiere cura la riscossione delle rette annuali e delle offerte della Chiesa. Tiene aggiornato il libro prima nota, prepara il bilancio preventivo e consuntivo. Provvede ai pagamenti delle spese, le quali devono essere deliberate dal Consiglio di Amministrazione, e rese esecutive dal Rettore. Articolo 31 II Segretario redige i verbali delle Assemblee e degli organismi statutari. Aggiorna il libro dei soci, trascrive gli elenchi, cura la corrispondenza e il protocollo, organizza e aggiorna l'archivio. Articolo 29 Il Cassiere è il custode dei beni, mobili e immobili, della Confraternita e ne cura la tenuta. Cura e prepara il fabbisogno per le celebrazioni. Il giorno della Festa appronta e cura il fabbisogno, tiene i rapporti con i Confrati e i Membri per eventuali forme di aggregazione e/o intrattenimenti tenuti subito dopo i festeggiamenti in onore di San Lazzaro. Aggiorna il libro inventario della Confraternita. Collabora con l'addetto alle Manifestazioni (Il Grande Ufficiale Cerimoniere) all'approntamento delle suppellettili necessarie per le processioni. Articolo 30 Il Cassiere cura la riscossione delle rette annuali e delle offerte della Chiesa. Tiene aggiornato il libro prima nota, prepara il bilancio preventivo e consuntivo. Provvede ai pagamenti delle spese, le quali devono essere deliberate dal Consiglio di Amministrazione, e rese esecutive dal Rettore. Articolo 31 II Segretario redige i verbali delle Assemblee e degli organismi statutari. Aggiorna il libro dei soci, trascrive gli elenchi, cura la corrispondenza e il protocollo, organizza e aggiorna l'archivio. 11

12 Articolo 32 Il Gran Maresciallo è il responsabile dell'organizzazione dei Confrati e i Membri per le manifestazioni a cui la Confraternita partecipa. Predispone l'organigramma annuale di tutte le "Rappresentanze" interne ed esterne della Confraternita e le sottopone al Consiglio di Amministrazione. Articolo 33 II Rettore è il legale rappresentante della Confraternita. Dirige la Confraternita e ne fa rispettare lo statuto e provvede all'ordinaria e straordinaria amministrazione. Presiede e convoca le Assemblee sia ordinarie che straordinarie. Presiede e convoca il Consiglio di Amministrazione. Firma gli atti della Confraternita insieme ai vari responsabili di settore. Si può avvalere di collaborazioni esteme sentito il Consiglio di Amministrazione. Dispone per la resa esecutiva delle deliberazioni dell'assemblea e del Consiglio di Amministrazione. Cura i rapporti con gli altri organismi statutari. Cura i rapporti con la Curia Vescovile e con l'ordinario Diocesano. Rappresenta la Confraternita nel Collegio dei Rettori, ne intrattiene i rapporti e ne da rendiconto all'assemblea. Rappresenta la Confraternita nelle pubbliche manifestazioni. Può delegare per occasioni particolari. Assegna le insegne e le "Attrezzature Sacre Processionali" della Confraternita, sentito il Consiglio di Amministrazione. Articolo 34 L Ospedaliero, così come definito all'art 8 del presente statuto viene eletto dall Assemblea Generale dei Confrati, ha le seguenti attribuzioni: 1. Partecipare alla raccolta di fondi per il mantenimento della Chiesa; 2. Cura l'organizzazione e la gestione tecnica dei progetti umanitari intrapresi dalla Confraternita di San Lazzaro di Gerusalemme e delle loro attività associate; 3. Cura il volontariato nell ambito Ospedaliero assistendo i bisognosi e i malati. 4. Partecipa attivamente alla raccolta di fondi e donazioni per l'organizzazione dei festeggiamenti in onore di San Lazzaro nel mese di Dicembre in concomitanza dei festeggiamenti; 5. Egli può fregiarsi dell'effige di San Lazzaro da portare in occasione delle manifestazioni religiose in onore dello stesso. Decade con le stesse modalità previste all'art. 12 e possono essere reintegrati con le stesse modalità previste all'art 13 dello statuto. Articolo 35 Il Grand Ufficiale Cerimoniere, così come definito all'art. 26 del presente Statuto viene eletto dall Assemblea Generale dei Confrati, ha le seguenti attribuzioni: 1. Spetta al Gran Cerimoniere, il compito di curare la vita di rappresentanza ufficiale della Confraternita di San Lazzaro dei Confrati e i Membri, nel rispetto del presente Statuto e delle norme di buon senso. 2. Il Cerimoniere ha cura di seguire tutti gli avvenimenti religiosi salienti della Confraternita nelle ricorrenze significative per proporre iniziative opportune e organizza uno scadenzario aggiornato e particolareggiato degli eventi che riguardano la rappresentanza ufficiale della Confraternita, anche su incarico del Rettore o del Consiglio di Amministrazione. 3. Per avviare e per gestire l organizzazione del cerimoniale egli dovrà: coordinare tutti i Confrati e i Membri preposti all organizzazione stessa; 12

13 informare le l autorità di Pubblica Sicurezza per richiedere autorizzazioni, eventuali servizi d ordine, di sicurezza e di viabilità, servizi sanitari e di protezione civile e quelli antincendio; Informare le Autorità Ecclesiastiche per richiedere le autorizzazioni necessarie religiose, stilare il programma religioso da sottoporre al Consiglio di Amministrazione, affidare delle responsabilità particolari nell ambito della Confraternita a Confrati per l attuazione di cerimonie specifiche della Confraternita; cura in particolare gli inviti per autorità civili, militari e religiose, dispone il piazzamento dei posti secondo l ordine delle precedenze; nei convegni e nelle manifestazioni religiose della Confraternita, comporre i tavoli di presidenza, fornisce istruzioni per la distribuzione delle eventuali pubblicazioni della Confraternita; esercita il controllo generale della vita confraternale, presiedere sotto tutti gli aspetti organizzativi e formali al momento degli eventi. Articolo 36 I Collegio dei Probiviri è eletto dall'assemblea, su proposta del Consiglio di Amministrazione, con apposita votazione a scrutinio segreto. Ne possono fare parte coloro che non rivestono cariche sociali nell ambito della stessa Confraternita, che abbiano superato il ventitreesimo anno di età e cinque anni di professione o che abbiano chiara fama socio-culturale ed assistenziale. Non possono superare il numero di tre (3), tra di essi nominano un Presidente e (2) Componenti che comunicano al Consiglio di Amministrazione per il tramite del Rettore. Essi dirimono controversie di carattere disciplinare. Nelle controversie di carattere religioso è obbligatoria la presenza e il parere dell'assistente Ecclesiastico. Articolo 37 I Revisori dei Conti, nel numero di tré oltre due supplenti, sono nominati dall'assemblea, su proposta del Consiglio di Amministrazione con apposita votazione a scrutinio segreto. Tra di essi nominano un Presidente e (2) Componenti che comunicano al Consiglio di Amministrazione per il tramite del Rettore. Articolo 38 L'Assistente Ecclesiastico è il responsabile delle celebrazioni liturgiche e ne predispone il calendario di concerto col Consiglio di Amministrazione. Egli non partecipa ai lavori del Consiglio di Amministrazione ne nelle Assemblee Generali dei Confrati. Partecipa attivamente qualora vi sono gravi motivi prettamente religiosi nell ambito del Collegio dei Probiviri di cui all Art. 36, dando tempestivamente comunicazioni alle autorità Ecclestiastiche. Il Parroco Spirituale della Confraternita di San Lazzaro di Gerusalemme è il Francescano Padre Pietro Roma della Parrocchia di Maria Immacolata, o comunque nominato dall'ordinario Diocesano. Articolo 39 Tutte le cariche sono gratuite e rinnovabili, esse durano un quinquennio. Articolo 40 Le elezioni degli organismi statutari sono fissate allo scadere del quinquennio e si svolgeranno entro la seconda domenica successiva alla prima Assemblea. 13

14 Articolo 41 Alla carica di Rettore per i primi venti anni possono candidarsi i Confrati Cavalieri Insigniti e che hanno compiuto il quarantesimo anno di età. Subito dopo, alla carica di Rettore e/o Gran Maestro possono candidarsi i Confrati Cavalieri Insigniti che hanno il requisito di almeno venti anni di professione ininterrotta e continuativa. A parità di voti sarà eletto il più anziano di professione. A parità di anzianità di professione il più anziano di età. Egli inizia il suo ufficio dopo la conferma dell'ordinario Diocesano. Articolo 42 Alla carica di Primo Assistente e Secondo Assistente per i primi dieci anni possono candidarsi i Confrati Insigniti e che hanno compiuto il venticinquesimo anno di età. Subito dopo, alla carica di Primo Assistente e Secondo Assistente possono candidarsi i Confrati Insigniti che hanno il requisito di almeno 10 anni di professione ininterrotta e continuativa. A parità di voti sarà eletto il più anziano di professione. A parità di anzianità di professione il più anziano di età. Articolo 43 Alla carica di Ospedaliero il Gran Maresciallo e Grand Ufficiale Cerimoniere per i primi Venti anni anni possono candidarsi i Confrati Insigniti e che hanno compiuto il 45 anno di età. Subito dopo, alla carica di Ospedaliero, Gran Maresciallo e Grand Ufficiale Cerimoniere possono candidarsi i Confrati Insigniti che hanno il requisito di almeno Venti anni di Investitura ininterrotta e continuativa. A parità di voti sarà eletto il più anziano di professione. A parità di anzianità di professione il più anziano di età. Articolo 44 Le elezioni devono avvenire a scrutinio segreto. Il Confrate deve dare comunicazione scritta della candidatura al Consiglio di Amministrazione uscente in una data compresa tra il ventesimo e il decimo giorno antecedente quella fissata per le elezioni. Non possono fare parte del seggio elettorale i candidati e i parenti di primo grado. Ogni Confrate, avente diritto a voto, non può esprimere più di (3) tre preferenze per la carica di Consigliere. Non sono ammesse deleghe. Articolo 45 II Rettore e/o Gran Maestro Onorario partecipa alle riunioni del Consiglio di Amministrazione con voto consultivo ed ha il diritto di partecipare alle processioni posizionandosi avanti al Rettore. Articolo 46 II patrimonio della Confraternita è costituito dalle rette annuali, dal ricavato di eventuali attività associative, da eventuali donazioni, oblazioni o contributi dei Confrati e Membri e di terzi, nonché di Enti e Istituzioni. La Confraternita non ha fini di lucro. Tutte le prestazioni dei Confrati Cavalieri nei confronti della Confraternita sono gratuite. E severamente vietata la distribuzione ai Confrati e Membri Cavalieri, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione. E' severamente vietata altresì alienare il patrimonio della Confraternita. 14

15 Articolo 47 La Confraternita si estingue se viene legittimamente soppressa dal Vescovo Diocesano o se ha cessato di agire nello spazio di cento anni. In caso di estinzione il suo patrimonio sarà devoluto ad altro ente ecclesiastico legalmente riconosciuto indicato dal Vescovo diocesano seguendo la procedura prevista all'art 20 delle norme approvate con il Protocollo del 15/11 /1984 tra la Santa Sede e l'italia. Articolo 48 In presenza di speciali circostanze, ove gravi ragioni lo richiedano, l'ordinario Diocesano può nominare, ai sensi del Codice di Diritto Canonico canone 318,1, un Commissario che in suo nome diriga e rappresenti la Confraternita, fino alla ricostituzione degli organismi statutari, nella ordinaria e straordinaria amministrazione. Il periodo di commissariamento non potrà superare l'anno di durata. Articolo 49 II presente statuto entra in vigore dopo le approvazioni dell'autorità religiose e civili e sarà integrato dal regolamento di attuazione. Per quanto non espressamente indicato nel presente statuto valgono le norme del diritto canonico e le leggi italiane applicabili agli enti ecclesiastici. Il presente statuto è approvato all unanimità dall Assemblea dei Confrati Cavalieri dell adunanza tenutasi nei locali della Chisa di San Lazzaro il giorno: 17 Dicembre. LINGUA Articolo 50 Le lingue ufficiali della Confraternita dei Cavalieri di Malta del Sovrano Ordine Ospedalieri di "San Lazzaro di Gerusalemme di Betania " sono Italiano, Latino, Inglese e Maltese. 15

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013)

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) Art. 1 Denominazione, sede, carattere, durata. E costituta l Associazione di promozione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO Art. 1 - Costituzione e scopi 1. E' costituita la Società Sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO 2. La

Dettagli

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Art. 1 - Costituzione e Scopi E costituito, con sede legale nel comune di Treviso, ai sensi della Legge 266/91 e

Dettagli

STATUTO C.R.A.L. CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PERUGIA

STATUTO C.R.A.L. CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PERUGIA STATUTO C.R.A.L. CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PERUGIA ART.1 - COSTITUZIONE E costituita una Associazione tra i dipendenti del Comune di Perugia senza scopo di lucro,

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi

Statuto dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Brindisi COSTITUZIONE E FINALITA Statuto ARTICOLO 1. Denominazione e scopi 1.1 - Si costituisce fra i Dottori Commercialisti che aderiscono

Dettagli

4) Domanda di ammissione.

4) Domanda di ammissione. STATUTO 1) Denominazione e sede. Il 26 settembre 2001 presso il Circolo Sottufficiali di Udine in vicolo d Arcano 5 è costituita l Associazione non riconosciuta denominata TANGHITUDINE con sede a Udine,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE VILLAVERLA. Statuto Associazione Volontari Protezione Civile VILLAVERLA Pagina 1 di 9

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE VILLAVERLA. Statuto Associazione Volontari Protezione Civile VILLAVERLA Pagina 1 di 9 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DI VILLAVERLA Statuto Associazione Volontari Protezione Civile VILLAVERLA Pagina 1 di 9 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Denominazione e sede

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO

CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO CAPO 1 ORIGINI, SCOPI ED ORGANIZZAZIONE Art. 1 L Associazione CROCE VERDE - MESTRE VOLONTARI DEL SOCCORSO di VENEZIA TERRAFERMA

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

Volontarinsieme-CSV Treviso Statuto

Volontarinsieme-CSV Treviso Statuto Volontarinsieme-CSV Treviso Statuto Art. 1 - Costituzione e Scopi L associazione Volontarinsieme-CSV Treviso ha sede legale nel comune di Treviso ed opera nel rispetto degli artt. 14 e segg. del Codice

Dettagli

STATUTO. È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità

STATUTO. È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità ALLEGATO A STATUTO Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata PROGETTO PULCINO - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, in seguito chiamata per brevità associazione.

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLE 4 CIRCOLO CESENA

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLE 4 CIRCOLO CESENA Allegato A STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ASSOCIAZIONE GENITORI SCUOLE 4 CIRCOLO CESENA Approvato con Assemblea Straordinaria del 21 maggio 2015 Art. 1 (Costituzione, denominazione e

Dettagli

STATUTO DELL'ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL'ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE Esente da imposta di bollo e registro ai sensi dell'art. 8 L.266/91 STATUTO DELL'ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE NAZIONALE ITALIANA FISIOTERAPISTI (Na.I.F.) (ONLUS) Art. 1 -Costituzione e Sede

Dettagli

STATUTO. L Associazione opera prevalentemente nel territorio della Diocesi di Vicenza.

STATUTO. L Associazione opera prevalentemente nel territorio della Diocesi di Vicenza. STATUTO ART. 1 COSTITUZIONE E costituita in Vicenza l Associazione DIAKONIA ONLUS, con sede in Vicenza, Contrà Torretti n. 38. L Associazione è strumento operativo della CARITAS DIOCESANA VICENTINA (di

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "ARCOBALENO ONLUS" (settembre 2000)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ARCOBALENO ONLUS (settembre 2000) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "ARCOBALENO ONLUS" (settembre 2000) Articolo 1 Costituzione 1 - È costituita, con sede in Erba (Co) Via Turati 2/b, l'associazione denominata "ARCOBALENO" Organizzazione non lucrativa

Dettagli

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E CULTURALE CARPE DIEM. Art. 1 - DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione sociale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA

STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA Allegato A al verbale del 20/11/2007 STATUTO ASSOCIAZIONE CIRCOLO DEI DIPENDENTI BANCA POPOLARE DI RAVENNA TITOLO I DENOMINAZIONE E FINALITÁ Art.1 E costituita l Associazione non commerciale denominata

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ. È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio I. COSTITUZIONE, FINALITÀ, MODALITÀ STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHÉ Art. 1 COSTITUZIONE È costituita l Associazione denominata Arché O.N.L.U.S., con sede legale in Milano. Il Consiglio Direttivo ha la

Dettagli

STATUTO. Per la realizzazione dei propri scopi l'associazione si propone in particolare di:

STATUTO. Per la realizzazione dei propri scopi l'associazione si propone in particolare di: Statuto di associazione di promozione sociale ALLEGATO A STATUTO ART.1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE E' costituita l'associazione di promozione sociale, ai sensi della legge n.383/2000, denominata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE

STATUTO ASSOCIAZIONE PRAUGRANDE Indice generale Art.1 Costituzione e sede...1 Art.2 Durata dell Organizzazione...1 Art.3 Carattere dell Organizzazione...1 Art.4 Scopi dell Organizzazione...1 Art.5 Requisiti dei soci...2 Art.6 Ammissione

Dettagli

CIRCOLO DELLA CACCIA BOLOGNA STATUTO

CIRCOLO DELLA CACCIA BOLOGNA STATUTO CIRCOLO DELLA CACCIA BOLOGNA STATUTO Ultimo aggiornamento il 31-03-2015 Art. 1 Il Circolo della Caccia, fondato nel 1888 è una Associazione culturale non avente fini di lucro, con sede in Bologna, destinata

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO ARTICOLO 1 È costituita l Associazione Nazionale denominata LEGA DEL FILO D ORO - organizzazione non lucrativa di utilità sociale avente sede in Osimo (Ancona) in via Linguetta

Dettagli

Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997)

Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997) Statuto: Statuto di associazione Onlus (art. 10, d.lgs. n. 460/1997) Art. 1. Denominazione e sede È costituita l associazione denominata EFrem Economia di riconciliazione Onlus Organizzazione Non Lucrativa

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39.

Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. STATUTO STATUTO ARTICOLO 1 Lo Sporting Club Monza è un Associazione privata, senza fini di lucro, con sede in Monza, Viale Brianza n.39. ARTICOLO 2 E scopo del club offrire agli associati amichevole ritrovo

Dettagli

Statuto Associazione Amici Animali Osimo - ONLUS. ARTICOLO 1 Costituzione e Sede

Statuto Associazione Amici Animali Osimo - ONLUS. ARTICOLO 1 Costituzione e Sede Statuto Associazione Amici Animali Osimo - ONLUS ARTICOLO 1 Costituzione e Sede E costituita l Associazione di volontariato denominata Associazione "AMICI ANIMALI" con sede ad Osimo in Via Aldo Moro, 12,

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Centrodentro SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Centrodentro SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ALLEGATO 1 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Centrodentro SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) E costituita l Associazione di volontariato Centrodentro. ART 2) L Associazione ha

Dettagli

Allegato A Statuto dell'associazione di promozione sociale GAS Valdelsa Gruppo di Acquisto Solidale

Allegato A Statuto dell'associazione di promozione sociale GAS Valdelsa Gruppo di Acquisto Solidale Allegato A Statuto dell'associazione di promozione sociale GAS Valdelsa Gruppo di Acquisto Solidale 1) DENOMINAZIONE E SEDE E' costituita nel rispetto degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile, della

Dettagli

S T A T U T O Art. 1 - L Associazione denominata LA STECCA è costituita, nel ricordo dell ideatore e suo primo Presidente Felice Baratelli, ed in

S T A T U T O Art. 1 - L Associazione denominata LA STECCA è costituita, nel ricordo dell ideatore e suo primo Presidente Felice Baratelli, ed in S T A T U T O Art. 1 - L Associazione denominata LA STECCA è costituita, nel ricordo dell ideatore e suo primo Presidente Felice Baratelli, ed in prosecuzione della tradizione delle iniziative attuate

Dettagli

Statuto di Associazione

Statuto di Associazione Statuto di Associazione Sede, costituzione, durata, oggetto sociale Art. 1 E costituita l associazione Ricreativa, Culturale denominata... Il presente statuto viene redatto tenendo conto del D. L.gs 460

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DONATORI VOLONTARI DI SANGUE DELL OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU -IRCCS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DONATORI VOLONTARI DI SANGUE DELL OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU -IRCCS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DONATORI VOLONTARI DI SANGUE DELL OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU -IRCCS SOMMARIO Articolo 1 - Costituzione...1 Articolo 2 Disciplina applicabile...1 Articolo 3 - Sede...1 Articolo

Dettagli

Università della Terza Età di Novara. Statuto dell'associazione

Università della Terza Età di Novara. Statuto dell'associazione Università della Terza Età di Novara Statuto dell'associazione Art. 1 Denominazione 1. Con atto Rep. Gen. n. 88820/7871, in data 23 dicembre 1982, è stata costituita, ai sensi dell'art. 36 e segg. Cod.

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE

STATUTO DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE STATUTO DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE ART. 1 - COSTITUZIONE - A norma dell'art. 18 della Costituzione Italiana e degli artt. 36-37-38 dei Codice Civile è costituita l'associazione di promozione sociale... con

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TITOLO I Denominazione sede Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE. È costituita l'associazione culturale GIOVANI CAPACCIOLI quale libera Associazione di

STATUTO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE. È costituita l'associazione culturale GIOVANI CAPACCIOLI quale libera Associazione di Associazione Giovani Capaccioli Via Mazzini 31-58010 Sorano (GR) www.soranoinfesta.com info@soranoinfesta.com soranoinfesta@alice.it Tel. 339.89.23.288 Codice Fiscale 91017240531 STATUTO DI ASSOCIAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO "BROGNATURO NEL CUORE" Statuto. Art. 1

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BROGNATURO NEL CUORE Statuto. Art. 1 ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO "BROGNATURO NEL CUORE" Statuto Art. 1 1) Denominazione dell'associazione Volontaria: "Brognaturo nel cuore" 2) L 'associazione è apolitica, apartitica, aconfessionale, senza

Dettagli

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS

ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS ASSOCIAZIONE REGIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA E/O RELAZIONALE ANFFAS LOMBARDIA - ONLUS Sede Legale e Operativa: Via Livigno, 2 20158 MILANO e-mail: info@anffaslombardia.it Codice

Dettagli

STATUTO. Le persone giuridiche sono rappresentate presso l'associazione dal proprio legale rappresentante ovvero da persona da esso delegata.

STATUTO. Le persone giuridiche sono rappresentate presso l'associazione dal proprio legale rappresentante ovvero da persona da esso delegata. STATUTO Art. 1 - Denominazione È costituita l'associazione denominata "Geo for Children", in seguito chiamata per brevità "Associazione", con sede legale a Ronchi dei Legionari provincia di Gorizia in

Dettagli

STATUTO. Titolo I Disposizioni generali

STATUTO. Titolo I Disposizioni generali Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione - Sede - Durata 1. E costituita un organizzazione di volontariato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE FALDUS ART. 1. COSTITUZIONE. Si è costituita con sede in Viale della Rimembranza 35, piano terra Fallo (CH) un associazione che assume la denominazione di Faldus. Il Consiglio

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia

ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia ASSONIDI Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia STATUTO ART.1 DENOMINAZIONE E AMBITI DI RAPPRESENTANZA 1. L Associazione Nazionale Asili Nido privati e Scuole dell Infanzia -

Dettagli

Associazione Le Piane di Redona

Associazione Le Piane di Redona Associazione Le Piane di Redona Associazione Le Piane di Redona Interventi e servizi di attenzione alla persona attività culturali e ricreative Sede: via Leone XIII, a 15 24124 Bergamo Uffici - Segreteria

Dettagli

Statuto dell'associazione

Statuto dell'associazione Statuto dell'associazione Denominazione - Art. 1 È costituita un Associazione denominata Società Italiana di Arboricoltura organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). Potrà essere usata anche

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 LO STATUTO DI ITALIA NOSTRA onlus Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 Art. 1 L Associazione Italia Nostra,

Dettagli

STATUTO dell'associazione Scientifico-Culturale ACCADEMIA MEDICA PISTOIESE "FILIPPO PACINI" - ONLUS **************************** SEDE, COSTITUZIONE,

STATUTO dell'associazione Scientifico-Culturale ACCADEMIA MEDICA PISTOIESE FILIPPO PACINI - ONLUS **************************** SEDE, COSTITUZIONE, STATUTO dell'associazione Scientifico-Culturale ACCADEMIA MEDICA PISTOIESE "FILIPPO PACINI" - ONLUS **************************** SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) E' costituita l'associazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO Approvato dall Assemblea il 10 marzo 2011 Art. 1 Costituzione 1. È costituita l associazione di volontariato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA VESPA CLUB PONTE SAN PIETRO Lo statuto è composto dai seguenti 14 articoli : Art. 1) Sede e durata L associazione sportiva dilettantistica Vespa Club

Dettagli

Art. 3 Durata La Comunità ha durata illimitata. L esercizio corrisponde all anno solare.

Art. 3 Durata La Comunità ha durata illimitata. L esercizio corrisponde all anno solare. Art. 1 Costituzione e Denominazione pag. 1 Art. 2 Segno distintivo, timbro e sede legale attuale pag. 1 Art. 3 Durata pag. 1 Art. 4 Carattere pag. 1 Art. 5 Finalità e scopi pag. 1 Art. 6 Membri della Comunità

Dettagli

Statuto Associazione Cane Sicuro

Statuto Associazione Cane Sicuro Statuto Associazione Cane Sicuro Sez. l -Denominazione, Sede e Scopo Art. 1 - E' costituita l'associazione Culturale denominata ASSOCIAZIONE CANE SICURO, da ora in avanti chiamata semplicemente associazione.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE LATERANENSE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE LATERANENSE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE LATERANENSE ARTICOLO 1 Denominazione È costituita una associazione tra allievi ed ex allievi, docenti, personale addetto e sostenitori della Pontificia Università

Dettagli

Statuto dell' Associazione S. Lorenzo ONLUS

Statuto dell' Associazione S. Lorenzo ONLUS 1 Statuto dell' Associazione S. Lorenzo ONLUS Art. 1 E' costituita l'associazione "S. Lorenzo ONLUS" con sede a Suzzara in via Giovanni XXIII n 2. Nella denominazione ed in qualsivoglia segno distintivo

Dettagli

"AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS"

AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS "AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS" Articolo 1 - Denominazione e sede È costituita l'associazione denominata "AMICI DELLA CONSOLATA ONLUS" ai sensi degli art. 36 e 37 del CC e seguenti. Tale denominazione dovrà

Dettagli

STATUTO PROVINCIALE. FISM-TORINO Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) - Provincia di Torino TITOLO I NORME GENERALI

STATUTO PROVINCIALE. FISM-TORINO Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) - Provincia di Torino TITOLO I NORME GENERALI STATUTO PROVINCIALE FISM-TORINO Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) - Provincia di Torino TITOLO I NORME GENERALI Art. 1. Costituzione e durata 1.1 - La Federazione delle Scuole dell Infanzia della

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOS ORTOPEDIA STATUTO

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOS ORTOPEDIA STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOS ORTOPEDIA STATUTO ART.1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE E' costituita, ai sensi della legge n.266/91 e della L.R. 12/2005 l'associazione di volontariato denominata SOS

Dettagli

STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO IPAEA

STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO IPAEA STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO IPAEA Art.1 Costituzione Denominazione Sede E' costituita l'organizzazione di volontariato in forma di Associazione denominata IPAEA di seguito detta per brevità

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

STATUTO. Dell Associazione di promozione sociale AIUTIAMOCI TUTTI!

STATUTO. Dell Associazione di promozione sociale AIUTIAMOCI TUTTI! STATUTO Dell Associazione di promozione sociale AIUTIAMOCI TUTTI! Articolo 1 Denominazione E costituita l Associazione di promozione sociale denominata AIUTIAMOCI TUTTI! Articolo 2 Sede L Associazione

Dettagli

Associazione Dauna Donatori Volontari Sangue. Sez. di San Severo STATUTO

Associazione Dauna Donatori Volontari Sangue. Sez. di San Severo STATUTO Associazione Dauna Donatori Volontari Sangue Via Bari, 62 71016 San Severo (FG) Fidas.sansevero@libero.it C.F. 93053080714 Sez. di San Severo STATUTO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 E' costituita

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

STATUTO. Articolo 3 Carattere, scopo e durata dell Associazione L Associazione ha carattere volontario, non ha scopo di lucro ed ha durata illimitata.

STATUTO. Articolo 3 Carattere, scopo e durata dell Associazione L Associazione ha carattere volontario, non ha scopo di lucro ed ha durata illimitata. STATUTO Articolo 1- Costituzione e sede E costituita l Associazione non riconosciuta denominata AIVO Associazione Italiana Veterinari per l Oncologia, con sede in Milano, Via Paravia 69. Essa è retta dal

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Art.1 Costituzione a. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE MEDICI IN AFRICA - ONLUS

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE MEDICI IN AFRICA - ONLUS STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE MEDICI IN AFRICA - ONLUS Art. 1 (Costituzione) 1. E costituita l Associazione denominata MEDICI IN AFRICA, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS). L Associazione

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO DALMINE STATUTO DEL ART. 1 COSTITUZIONE ******* 1.1. E costituita un associazione senza scopo di lucro denominata. 1.2. L associazione è apartitica ed apolitica. 1.3. L associazione ha sede in DALMINE (BG), via

Dettagli

FAC SIMILE STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO

FAC SIMILE STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO FAC SIMILE STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO Art. 1 Denominazione e sede Ai sensi della legge 11 agosto 1991, n. 266 e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE. Articolo 1. Club GAMeC. Articolo 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE. Articolo 3

S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE. Articolo 1. Club GAMeC. Articolo 2 SCOPI DELL ASSOCIAZIONE. Articolo 3 S T A T U T O DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 E costituita una associazione culturale denominata Club GAMeC Articolo 2 L associazione ha sede in Bergamo. SCOPI DELL ASSOCIAZIONE Articolo 3 L associazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO ART. 1 COSTITUZIONE E costituita con sede in Modena, Via Giardini 239, una associazione sportiva denominata San Faustino Invicta Pallavolo.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRO-MOTORS

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRO-MOTORS STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA PRO-MOTORS Art.1 Costituzione a. A norma dell art.18 della Costituzione Italiana e degli artt.36 e seguenti del Codice Civile è costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO. Art. 1 - COSTITUZIONE. 1. Nell ambito dell Associazione Nazionale Alpini (di seguito A.N.A.) sezione di Trento è

STATUTO. Art. 1 - COSTITUZIONE. 1. Nell ambito dell Associazione Nazionale Alpini (di seguito A.N.A.) sezione di Trento è STATUTO Art. 1 - COSTITUZIONE 1. Nell ambito dell Associazione Nazionale Alpini (di seguito A.N.A.) sezione di Trento è costituita l Associazione di volontariato denominata "PROTEZIONE CIVILE A.N.A. TRENTO"

Dettagli

Statuto Associazione Culturale Treenet Studios

Statuto Associazione Culturale Treenet Studios Statuto Associazione Culturale Treenet Studios ASSOCIAZIONE CULTURALE TREENET STUDIOS ART.1 E' costituita l' Associazione Culturale Treenet Studios con sede in via G. Matteotti a Montescaglioso (MT). L'Associazione

Dettagli

STATUTO PARLAMENTO EUROPEO GIOVANI

STATUTO PARLAMENTO EUROPEO GIOVANI STATUTO PARLAMENTO EUROPEO GIOVANI ARTICOLO 1 - PRINCIPI COSTITUIVI 1.1 È costituita l Associazione di promozione sociale denominata Parlamento Europeo Giovani, di seguito chiamata per brevità Associazione.

Dettagli

Associazione dei Bed and Breakfast del Lago di Garda

Associazione dei Bed and Breakfast del Lago di Garda Associazione dei Bed and Breakfast del Lago di Garda STATUTO Il presente Statuto annulla e sostituisce il precedente allegato all atto del 3 marzo 2003 reg.to il 2 aprile 2003 al n 1286 serie 3. Art. 1.

Dettagli

STATUTO dell'associazione NAZIONALE VOLONTARI LOTTA CONTRO I TUMORI - onlus

STATUTO dell'associazione NAZIONALE VOLONTARI LOTTA CONTRO I TUMORI - onlus STATUTO dell'associazione NAZIONALE VOLONTARI LOTTA CONTRO I TUMORI - onlus ART. 1 Costituzione, denominazione e sede E costituita l Associazione denominata Associazione Nazionale Volontari Lotta Contro

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO MANOLA S T A T U T O 1 ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita l associazione di volontariato, denominata: che assume la forma giuridica

Dettagli

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS.

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. ART. 1 (Denominazione e sede) 1. L organizzazione di volontariato, denominata: ANZIANO & QUARTIERE - Onlus, assume la forma giuridica

Dettagli

Art. 9) Sono organi dell'associazione: l'assemblea, il Consiglio Direttivo, il Presidente e il Tesoriere. Le cariche sono elettive e gratuite.

Art. 9) Sono organi dell'associazione: l'assemblea, il Consiglio Direttivo, il Presidente e il Tesoriere. Le cariche sono elettive e gratuite. STATUTO Art. 1) E' istituita a Castronno l'associazione di promozione sociale denominata TERVEN: Giovani di Castronno con sede in Castronno, piazza del Comune 1, ai sensi della Legge 383/2000 e successive

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI VIGILI DEL FUOCO COMO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI VIGILI DEL FUOCO COMO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI VIGILI DEL FUOCO COMO STATUTO Art.1 - Istituzione C.R.A.L. Si è liberamente costituito per volontà dei lavoratori del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Como

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

Associazione di Volontariato Aspettando un Angelo organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Statuto

Associazione di Volontariato Aspettando un Angelo organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Statuto Associazione di Volontariato Aspettando un Angelo organizzazione non lucrativa di utilità sociale Statuto Art. 1 - Denominazione, sede e durata E costituita con sede in Ladispoli (Roma), via Bari n.33,

Dettagli

Statuto di associazione di volontariato ADAS INTERCRAL PARMA STATUTO ART.1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE

Statuto di associazione di volontariato ADAS INTERCRAL PARMA STATUTO ART.1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE Statuto di associazione di volontariato ADAS INTERCRAL PARMA STATUTO ART.1 COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE E' costituita, ai sensi della legge n.266/91, l'associazione di volontariato denominata ADAS

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE Associazione di Promozione Sociale STATUTO 1 Associazione Molisana per la Cremazione Associazione di promozione Sociale Statuto Art. 1: Ai sensi della L. 7/12/2000,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Escursionisti Appennino Paolano

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Escursionisti Appennino Paolano STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Escursionisti Appennino Paolano DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 È costituita, ai sensi delle legge 383/2000, l'associazione di Promozione Sociale

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Statuto dell'associazione di volontariato L ASSOCIAZIONE VIVIAUTISMO Onlus di Padova

Statuto dell'associazione di volontariato L ASSOCIAZIONE VIVIAUTISMO Onlus di Padova Statuto dell'associazione di volontariato L ASSOCIAZIONE VIVIAUTISMO Onlus di Padova DENOMINAZIONE 1) E' costituita nel rispetto del Codice Civile e delle Leggi vigenti in materia l'associazione di Volontariato

Dettagli

TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO

TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO TRACCIA DI STATUTO PER ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione degli Studenti del Continente Africano in Ferrara, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale,

Dettagli

COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE Articolo 1

COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE Articolo 1 STATUTO COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE Articolo 1 E costituita nel rispetto del codice civile e della normativa in materia l associazione di promozione sociale senza fini di lucro, Amici dell Arte Moderna

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

Statuto dell Associazione Banda Cittadina di Palmanova

Statuto dell Associazione Banda Cittadina di Palmanova Statuto dell Associazione Banda Cittadina di Palmanova ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Banda Cittadina di Palmanova, un organizzazione non lucrativa e apartitica con sede

Dettagli