Periodico a cura della VII classe della scuola Rudolf Steiner Il giardino dei cedri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico a cura della VII classe della scuola Rudolf Steiner Il giardino dei cedri"

Transcript

1 Periodico a cura della VII classe della scuola Rudolf Steiner Il giardino dei cedri Novembre 2014 Numero 2

2 In questo numero Editoriale...3 Quello che avresti sempre voluto sapere della Scuola Waldorf...5 Sbirciando nelle classi...7 Cominciando dagli asili...7 I classe...8 III classe...8 II classe...9 IV classe V classe VII classe Inserto d Inverno Musica Leggiamo e condividiamo! Intervista doppia Gioco per tutti REBUS! Soluzione del numero precedente Titoli di coda

3 Editoriale L'editoriale di questo secondo numero vogliamo dedicarlo all'esperienza di cambiare scuola e poi tornare... A scriverlo è Luba, della nostra classe, che ha vissuto proprio quest anno questa particolare esperienza! Tutto è cominciato quest'estate quando ho saputo di dover cambiare scuola e di dover andare in una scuola statale... Io una scuola statale non me la immaginavo proprio, così come non riuscivo ad immaginare dei nuovi compagni perché sono alla scuola steineriana da quando avevo 4 anni!!! Beh, a dire la verità ero molto emozionata e non vedevo l'ora di conoscere nuovi amici; pensavo che sarebbe stato tutto "rose e fiori" e questo mi rassicurava quando ogni tanto avevo anche un po' di timore. Il primo giorno di scuola sono arrivata prestissimo! C'era un palazzone bianco, pieno di finestre, con delle bandiere appese e un piccolo spazio dove "in casi speciali" fare ricreazione (che altrimenti si fa in corridoio). In macchina mi era venuta come una strana nostalgia, mi mancavano i miei compagni e la mia maestra ma la curiosità aveva coperto un po questa sensazione. Quando la gente è iniziata ad arrivare, tutti mi guardavano come chiedendosi: "Chi è questa? Una nuova alunna?" ed io, timida, facevo finta di niente finché non siamo entrati in classe ed è iniziata questa nuova avventura ma, a dir la verità, il primo giorno, e tutti gli altri che si sono susseguiti, mi sono sentita come un pesce fuor d'acqua: non mi ritrovavo proprio, tutto era completamente diverso: il modo di fare dei professori, i compagni, i quaderni (con le righe!!!), il modo di insegnare etc Una volta abbiamo fatto una prova d'ingresso di arte ed io mi sono impegnata disegnando come ho imparato, partendo dal cuore e senza definire netti contorni ma indovinate un po'? Avevo sbagliato perché là si DOVEVANO fare i contorni e si DOVEVANO usare i pennarelli! I professori poi spiegavano con il libro davanti e senza molta passione ed io non riuscivo ad interessarmi a quello che studiavamo, oltre al fatto che invece di scrivere quaderni, ovviamente, lì si fanno solo schemi! 3

4 Una cosa che però mi ha colpito e che mi è molto piaciuta è stata quando una volta un professore ha portato la TV in classe e abbiamo visto un film di storia! Bello vero? Forse però non basta per poter stare bene in una scuola, no?! Le ragazze sembravano quasi tutte Barbie e le loro conversazioni erano del tipo: "Cosa hai comprato ieri? Che bella maglietta!" mentre i maschi erano tutti uguali!!! Inoltre io ero la più grande della classe, avevano tutti uno o due anni meno di me e anche questo, nei rapporti con gli altri, un po mi è pesato A chi me lo chiedeva rispondevo che andava tutto bene ma mentivo! A me era sempre piaciuto andare a scuola e avevo sempre fatto poche assenze, il pomeriggio uscivo e facevo molte cose ma, cambiata la scuola, non avevo più voglia di fare niente (tranne il mio amato Karate), ero nervosa e facevo molte assenze. Il problema non erano soltanto i compagni o soltanto i voti (in realtà lì prendevo voti più alti che qui!) o solo il modo diverso di insegnare, forse era tutto insieme ed io ho provato ad integrarmi ma proprio non ci sono riuscita; non sono egoista perché a mamma avevo anche provato a non dire nulla solo che proprio non ce la facevo! Era una brutta sensazione quella che vivevo e che quasi non so spiegare... stavo cambiando però, non so nemmeno io come ma non ero più io. Una volta andata via da lì ho saputo che i professori pensavano che avessi un problema psicologico perché parlavo pochissimo ma, appena sono tornata nella mia vecchia scuola, ho ripreso a chiacchierare (anche troppo ), sono tornata me stessa e questo lo devo alla mia classe: ora mi trovo qui, a scrivere il giornalino con i miei compagni e la maestra Sabrina e sono piena di gioia! Cambiare scuola, soprattutto in settima classe, forse è davvero difficile! Luba 4

5 Quello che avresti sempre voluto sapere della Scuola Waldorf ma che non sei mai riuscito a capire fino in fondo!!! Una delle domande emerse tra noi e per la quale abbiamo chiesto alla Maestra Stefania di darci qualche chiarimento è: PERCHÉ CAMBIA IL COLORE DELLE PARETI DELLE NOSTRE CLASSI? Voglio ringraziare i ragazzi della VII classe per aver posto l attenzione su questo tema: perché e percome le nostre aule sono colorate? Anche io per molto tempo ho semplicemente goduto e accolto la piacevolezza del colore senza troppo starci a pensare, nonché ricopiato la solita danza degli scongiuri che ogni maestro fa nel fatidico giorno estivo delle spugnature quando prega con tutto se stesso che la mistura nella bacinella produca sulle nostre stratificate pareti proprio la tonalità giusta. Già, ma qual è la tonalità giusta? Al di là dei colori di cui parleremo presto, l intensità e la modalità (spugnatura o pennellata larga, sfondo leggermente colorato e sfondo bianco, impalpabile o deciso, uniforme o sfumato verso largo?? sembra la pubblicità della pasta De Cecco ma si sa, nelle nostre scuole tendiamo ad essere complicati ) sono lasciate a ciascun maestro di classe che proprio con quella classe, in quell aula, passerà metà della sua vita da sveglio. L aula è per ogni classe quella miracolosa compagine di alunni e insegnanti destinata dal karma ad incontrarsi e riplasmarsi per otto anni e poi tutta la vita un posto molto speciale. E la propria casa, la stanza dove si sta con gli amici, dove si entra nel mondo della conoscenza e dell arte, dove si condensano migliaia di esperienze pedagogiche, emotive, sociali. E normale che prenda la fisionomia e l energia di chi la abita ed è importante che sia curata, pulita, ordinata SEMPRE, non solo nelle prime classi quando i bambini sono piccoli e vivono la loro interiorità quasi proiettata nell ambiente che li circonda, ma anche nelle classi dei grandi, perché proprio mentre i ragazzi 5

6 entrano nel tumultuoso caos interiore dell adolescenza è balsamico che almeno il fuori sia bello, lindo e sotto controllo. Invito dunque noi maestri ad insistere su questo e voi lettori ragazzi a perdonare l insistenza: sappiate che è a fin di bene. I colori, dunque. Attraversando le aule dall asilo all VIII vediamo che le pareti riproducono i colori dello spettro solare: il rosso, (asilo e I) il giallo, l arancio, il verde, l azzurro, l indaco e il violetto. Qualcuno noterà che sono anche i colori dei chakra, dal primo, il rosso delle radici, al settimo, il violetto della corona; la localizzazione corporea ci aiuta a capire come i colori vadano dal basso del pube/gambe alla sommità della testa che, nella tripartizione steineriana dell essere umano, può tradursi: dalla sfera della volontà alla sfera del pensiero passando attraverso il sentire. I colori allora accompagnano il percorso antropologico dell alunno nella sua graduale trasformazione - da bambino di asilo, I e II, ovvero essere volitivo per eccellenza circondato dal rosa e dall arancio, - a fanciullo, quando dalla III alla V classe si apre ad una comprensione piena di sentimento che si esprime nel giallo che vira pian piano verso il veder, - infine a ragazzo di VI VIII, quando la sua sfera intellettuale viene apertamente sollecitata e intorno la classe prende le tonalità più fredde del pensiero e del giudizio. Le rispondenze con il programma di studio sono esemplari e affascinanti. Un indicazione: in VI la classe è azzurra e questo è il colore che presiede il chakra della gola; proprio in VI classe si studiano gli antiche Romani che hanno fatto dell oratoria un arte insuperata. I colori sono solo un aspetto dell architettura organica che nasce dagli studi di Steiner sulle costruzioni e le forme e sarebbe molto bello se, oltre alle pareti, potessimo offrire ai nostri allievi un intero edificio costruito secondo questi principi. Mi auguro con tutto il cuore che si possa tutti insieme avere il coraggio e la fiducia di lavorare uniti al progetto di una nuova casa per la nostra comunità. Maestra Stefania 6

7 Sbirciando nelle classi Cominciando dagli asili Che sia Il Larice, Il Melograno o La Betulla, chiunque abbia il desiderio di mettere il naso in un luogo caldo ed accogliente, troverà in tutti e tre i casi un atmosfera di grande cura ad attenderlo e piccoli splendidi sorrisi, immersi nel sano ritmo del lavoro e dell alternarsi delle stagioni, lo riscalderanno immediatamente 7

8 I classe In I classe, sulle strofe di una poesia dedicata a San Martino, le pareti di popolano di impavidi cavalieri Fulgente spada nel pugno afferro' il cavaliere e in due parti taglio' purpureo manto da cima ai pie' uno al vecchietto in dono lo die' III classe L operosità dell uomo ravviva e colora le pareti della III classe 8

9 II classe In II classe Novembre ha lasciato una variegata impronta alle pareti: E Novembre! Nel giardino quante foglie son cadute! Resta verde solo il pino, grigio è il cielo e freddo fa Poco dura la giornata ed in casa star conviene che l allieta la giornata dal camino acceso già Dicembre s avvicina Col passar d un tempo breve, e veder cader la neve e il Natale al fin verrà! e intanto nuovi piccoli cervi sono apparsi per rendere omaggio a Sant Eustachio 9

10 IV classe Abbiamo sbirciato tra i quaderni della IV classe cercando, tra i riassunti, alcuni spunti che ci facessero ricordare un po di mitologia nordica Una notte Loki non riusciva a dormire, si girava e rigirava pensando a cosa poter fare e cominciò a passeggiare nell' Asgard. Si diresse verso il palazzo di Thor; mentre si avvicinava vide una finestra aperta e dentro Sif che dormiva; si arrampicò sul balcone, entrò e vide gli splendidi capelli della moglie di Thor e cosí gli venne un'idea: prese le forbici e le tagliò i capelli.. Per mettere fine alla guerra dei Vani ed Asi, i due gruppi di dei decisero di fare un'alleanza, mettendo la loro saliva in una coppa. Dalla saliva fu plasmato un essere: Kvasir, protettore dei poeti e della poesia. Kvasir un giorno decise di andare a visitare i nove mondi e così partì. Arrivato nello Svartvalheim vide due nani intenti al loro lavoro nella fucina. I due nani neri erano interessati alla profonda conoscenza di Kvasir, lui allora cominciò a raccontare tutto ciò che sapeva. Stanchi di ascoltare, i due nani uccisero Kvasir, poi presero il suo sangue al quale aggiunsero del miele trasformandolo in una bevanda che loro credevano rendesse sapienti è che volevano tenere segreta. Un giorno arrivò una coppia di giganti, moglie e marito, che avendo saputo della bevanda, simile all'idromele, erano intenzionati a rubarla.. Un muratore si presentò alle porte dell Asgard perché le mura erano state distrutte nella guerra tra Asi e Vani e chiese se le poteva riparare in tre stagioni, con la ricompensa del giorno e della notte, più la dea Freya. Gli dei si radunarono in consiglio per la decisione e Loki ebbe l idea 10 di

11 V classe In V classe risuonano le epiche gesta del re di Uruk Nell'antica Mesopotamia, in una antica città regnava un re. Questo re non regnava a fatto bene. Un giorno sua moglie partorì una bambina, che a seguire divenne una ragazza. Il re volle andare dai sacerdoti di corte per sapere il futuro della bimba. I sacerdoti dissero che sua figlia si sarebbe sposata e avrebbe partorito un bambino di nome Gilgamesh ed esso l'avrebbe ucciso. Il re, dopo aver ricevuto questa notizia, fece rinchiudere la figlia in una torre. Dopo qualche tempo, il Dio del sole la vide e se ne innamorò. Allora scese sulle Terra con le sembianze di un uomo. Il Dio del sole sposò la figlia del re e insieme fecero un bambino che era Gilgamesh. Il Dio del sole, un giorno, dovette tornare in cielo. Appena il re venne a sapere che sua figlia aveva avuto un bambino si precipitò nella torre, prese il bambino e lo gettò fuori dalla finestra, ma in quel momento, passò un'aquila che prese il bimbo e lo portò nel giardino di 2 contadini. I contadini crebbero Gilgamesh come se fosse figlio loro. Dopo qualche tempo svelarono al ragazzo le sue origini e lui decise di muovere guerra contro il re che aveva cercato di ucciderlo. Gilgamesh lo uccise e conquistò quel popolo. Il ragazzo non governava ben, poiché maltrattava i suoi sudditi. Un giorno, uscendo dalle mura della sua città, incontrò un uomo paragonabile a lui in forza e coraggio, il quale si chiamava Enkidu. I due decisero di misurare la loro potenza per vedere chi di loro era il più degno di governare su Uruk. Dopo un giorno di lotta non vinse nessuno, allora decisero di governare insieme. Non molto distante da lì vi era un a foresta che faceva da dimora a un mostro orribile. I due decisero di ucciderlo e una volta trovato gli fracassarono il cranio con una clava. Tornati vittoriosi dalla loro impresa, il loro popolo fece una festa in loro onore. In questa festa la Dea della bellezza si innamorò di Gilgamesh, e gli chiese di diventare il suo sposo. Gilgamesh rifiutò e perciò uccise il toro più grosso di tutto il popolo. Enkidu disse alla Dea che se non avesse smesso di importunarli l'avrebbe ridotta come il toro. La Dea, infuriata, lanciò una maledizione su Enkidu, il quale, dopo un'ora, si ammalò, e dopo 12 giorni morì.. Patrick 11

12 VI classe La VI classe è immersa nell epoca di Storia e tra miti, leggende e testimonianze, la vita dell antica Roma ha preso forma sui quaderni dei ragazzi 12

13 VII classe VIVO ALLA CORTE DI FEDERICO II DI SVEVIA Mi chiamo Harley ed ero il consigliere privato di Federico II, l Imperatore. Sono arabo e con lui parlavo la mia lingua madre perché il mio Sovrano aveva la straordinaria capacità di riuscire ad imparare le lingue in brevissimo tempo e ne parlava correttamente almeno cinque! L Imperatore ed io eravamo amici dalla nascita e per questo lo seguivo in ogni sua avventura e lui mi svelava ogni suo più piccolo segreto ma, essendo un grande astrologo, devo dire che è grazie alla mia grande fama ed al mio lavoro che vivevo a palazzo. Spesso vagavamo per giorni nella foresta per addestrare il falcone di sua Maestà fermandoci ogni sera a pregare per poi,la mattina dopo, continuare a camminare. Ho avuto l onore di accompagnare l Imperatore, insieme a tutta la corte, in una Crociata nelle terre sacre per i cristiani che ormai appartenevano ai miei fratelli musulmani; conoscendo ogni sentimento e segreto di sua Maestà, sono stato l unico che non si è stupito quando disse che non ci sarebbero stati spargimenti di sangue, cosa che poi è accaduta. Appena arrivati ci recammo dal Sultano che ci accolse e ci condusse in una stanza in cui serbava i suoi segreti e i suoi progetti. Federico era attratto dalle capacità del Sultano, il Sultano da quelle di Federico, cosa che ci trattenne più di 6 mesi in quei luoghi; nonostante la diversità di posizioni e di vedute, il Sultano definì Federico come il futuro dell umanità e gli restituì città importanti come Gerusalemme e Betlemme. Tornato dalla Terra Santa, nonostante non ci fossero stati spargimenti di sangue, Federico, che aveva già ricevuto una scomunica, ricevette dal Papa anche un anatema, cosa che però non lo turbò molto, infatti continuò a pregare e a frequentare luoghi sacri fino alla fine dei suoi giorni. Quando Federico morì, io non ero triste solo per me ma anche per il popolo perché aveva perso uno dei più grandi imperatori, filosofi, scienziati della nostra epoca. Da quel giorno penso e ripenso a lui, all uomo che diede l impulso per far nascere una nuova epoca e che portò risposte e domande che nessuno avrebbe mai potuto dare. Lorenzo Pedro 13

14 VIVO ALLA CORTE DI FEDERICO II DI SVEVIA Sono un umile servitore che scrive la sua storia perché è molto particolare: strappato dalle braccia di mia madre, da piccolo ho dovuto servire re che mi hanno sempre trattato come l ultimo degli schiavi perché ero di un Paese lontano: l Arabia. Dopo aver servito tanti fui portato a servire un certo Federico; da quel momento la mia vita cambiò; egli non solo parlava la mia lingua ma mi trattava come un figlio: mi portava a caccia con lui, ero il primo a sapere se tentava un esperimento e restavo a guardarlo ore e ore mentre sperimentava. Un giorno però il mio Signore dovette partire per una guerra in luoghi lontani; non dormii per molte notti al pensiero che il mio sovrano sarebbe potuto morire. Un giorno però egli torno, più forte e con più terre di prima; gli chiesi come fosse andata la battaglia e lui disse che battaglia non c era stata: aveva vinto con le sue intenzioni e le sue parole, oneste e sincere. Oggi il mio padrone è morto e io scrivo queste parole dedicate a colui che mi cambiò la vita e finisco questo scritto con la parola che più piaceva usare a lui: GRAZIE Samuele 14

15 Inserto d Inverno L Avvento Il significato della parola Avvento è il prepararsi per qualcosa. Nel caso delle quattro settimane dell Avvento, per la religione cristiana, si tratta del prepararsi per il Natale, per la Notte Santa. Nella mia prima infanzia ricordo che mia zia, prima della prima domenica dell Avvento, ci portava l attesissimo calendario e io lo adoravo perché ogni giorno bisognava aprire una casellina e in questa casellina c era un cioccolatino al latte! A quei tempi, il mio ricordo dell Avvento è il ricordo di quelle 4 settimane in cui la mattina si mangiavano i cioccolatini del calendario! Dopo qualche anno la mia voglia di cioccolatini è svanita, anche perché nel frattempo avevo avuto 2 fratelli quindi avrei mangiato solo 1/3 dei cioccolatini ma sono cominciati l attesa e il desiderio di regali quindi, nelle 4 settimane dell Avvento, scrivevo letterine per Babbo Natale che, in sostanza, altro non erano che la trascrizione di interi cataloghi dei negozi di giocattoli!! Da questa fase è passato un po di tempo ed ora è tutto un po diverso Beh, certo, i regali hanno il loro fascino però non sono la cosa principale: ora le settimane dell Avvento mi piacciono perché sono un periodo in cui c è l attesa di una festa, c è una lunga preparazione e poi, di solito, inizia il vero freddo e nell aria cambia qualcosa, qualcosa che non si può spiegare ma che c è. Tommaso L Avvento L'Avvento é un momento di preparazione al Natale, alla nascita di Gesù; in questo periodo, ognuno di noi, ogni anno, prepara nella propria casa un albero di Natale, tra palline decorate in ogni modo più originale, "festoni" che si attorcigliano ai rami e luci che donano, all'albero e alla casa, un atmosfera che porta la gioia nei cuori di tutti. Ognuno si prepara alla nascita di Gesù a suo modo: chi facendo il presepe, chi, appunto, preparando l'albero di Natale e c'è chi prova ad impegnarsi un po di più in qualcosa di cui magari di solito non tiene molto conto, come a non litigare troppo con i propri fratelli o ad aiutare gli altri e quindi, di riflesso, anche se stesso perché far sentire meglio qualcun altro fa sentire più felici 15

16 spesso anche noi, forse perché ci ricorda che siamo nella condizione di poter dare! Durante l'avvento noi della 7 classe facciamo ogni anno il gioco dell' Amico segreto, preparando un regalo con le nostre mani e anche questo fa sentire bene! Comunque tutti comprano o fanno qualcosa di bello per gli altri, mettono cura nello scegliere i regali di Natale perché questo periodo facilita l'aprire un po di più il cuore e riesce a farci vedere qualcosa che nell'aria di tutti i giorni a volte non vediamo. L'Avvento è un tempo veramente speciale dell'anno e ci prepara al mistero del Natale. Vincenza L AMICO SEGRETO L amico segreto è un gioco che noi della settima classe facciamo nel periodo di natale sin dalla quarta classe. La maestra Sabrina scrive su dei pezzettini di carta tutti i nostri nomi, compreso il suo; dopo averli bene accartocciati li mette in un cesto e ognuno di noi ne pesca uno tutti si mettono ad urlare il nome che hanno avuto! NOOOOOOOOOO!!!! Questo e proprio quello che non si deve fare! Ognuno deve custodire il nome pescato e non deve dirlo a nessuno, neanche al proprio migliore amico! Ognuno di noi, poi, deve creare con le proprie mani un dono da dare al suo amico segreto il giorno del giro dei presepi. Natale comincia ad arrivare: in classe spunta a poco a poco un presepe con vegetazione, animali, personaggi avete presente la vera atmosfera del Natale? Io in classe la sento proprio, più che con la mia famiglia a Natale! Le decorazioni diventano sempre più abbondanti fino a quando palline di natale, stelle cadenti alle pareti, piccole candele e un ramo di abete o un albero di Natale fatto con i libri, dominano la nostra stanza. L ultimo giorno di scuola di dicembre mettiamo di solito tutti i tavoli riuniti al centro, spegniamo le luci e cominciamo a cantare per le classi che dovranno entrare ma, quando c è un po di pausa, tra una classe e l altra, mangiamo dei dolci per fare merenda, accendiamo la candela della corona d avvento e, uno alla volta, descriviamo le cose positive del nostro amico segreto senza dire il suo nome. 16

17 Ognuno intanto deve ascoltare bene e provare ad indovinare la persona che è descritta in quel momento proprio SOLO ATTRAVERSO LE SUE QUALITÀ! Quando la persona viene indovinata, le viene dato il regalo fatto con le proprie mani e così via finché tutti non l hanno ricevuto! Ormai manca poco a Natale ed io non vedo l ora che sia l ultimo giorno di scuola per stare in classe, ridere, scherzare, mangiare e giocare all amico segreto con i miei compagni! Ora speriamo che voi delle altre classi abbiate capito più o meno di cosa si tratta così che magari possiate farlo anche voi (si può regalare tutto purché sia fatto a mano; io una volta ho regalato un MUFFIN fatto da me!!!!!!) Suuuu che manca poco e NATALE arriva!!! Luba Musica In attesa di vostre riflessioni, ecco ancora qualche spunto musicale della nostra classe. Per Giulia: Per me la musica è qualcosa che può aiutare ad esprimere i sentimenti. Mi è capitato di comporre una canzone, raccontando ciò che provavo, e di cercare di darle una melodia. Scrivere una canzone può essere molto complicato: innanzitutto bisogna avere un'idea del tema di cui parlerà e poi bisogna, appunto, preparare la melodia. Per me è stato difficile trovare una melodia adatta ma alla fine l'ho creata anche con l aiuto della base di una canzone che già conoscevo. Io ascolto la musica classica perché mi piace e, poiché suono il violino, cerco di seguire e capire come la eseguono dei bravi violinisti; ascolto però anche la musica rock perché ai miei genitori piace e, visto che la ascoltano spesso, alla fine ormai piace anche a me! A volte ascolto le canzoni di un programma per ragazze e quelle di Chiara Galiazzo che ho scoperto grazie ad una mia amica e da subito mi è piaciuta. Della musica comunque, che in generale mi piace, amo soprattutto come si fondono fra loro tutti gli elementi che la compongono. 17

18 Le nostre poesie DER WINTER Draußen ist es trüb und nass Man meint man hört die Erde schlafen. Doch sie ist hellwach! Unhörbar geht durch Land und Stadt: Der Schattenflug der Nacht. Die Nacht so kalt und klar Schnee! Da, er fliegt leicht und leise Der Wind flog vorbei. Sterne droben helle funkeln, leuchten in der finsteren Nacht. Der Winter ist da! Hannah AVVENTO Quattro angeli scendon dal cielo: L'angelo blu infonde il silenzio L'angelo rosso porta amore nei cuori L'angelo bianco in un manto di luce arriva Insieme si danno la mano Ed è l'angelo viola che appare come un magico incanto Portando luce e amore Un tocco di silenzio scalda ogni cuore... E' L'AVVENTO!!!!!!!!!!!!!!! Giulia 18

19 Leggiamo e condividiamo! In questo numero vi raccontiamo alcune impressioni sul libro: LO STRANO CASO DEL DOTTOR JEKYLL & MISTER HYDE Lo strano caso del dottor Jekyll e Mr Hyde è un giallo veramente molto avvincente, a tratti anche molto pauroso, che regala qua e là tanti piccoli brividi; molti pensano che un film possa fare più paura di un libro ma non sempre è così! Un film è fatto in una certa maniera e non può essere cambiato mentre un libro spalanca le porte alla fantasia anche per i lati più spaventosi! La lettura di questo libro tiene spesso con il fiato sospeso e, una volta iniziata, si fa fatica a smettere di leggere anche perché l autore, Robert Louis Stevenson, è stato molto abile nel porre piccoli enigmi in alcuni capitoli che scioglie soltanto in quelli successivi. Se non volete sapere molto della storia, possiamo dirvi che questo celebre romanzo parla di un avvocato che si ritrova ad avere a che fare con una faccenda misteriosa in cui è coinvolto un suo amico e un altro uomo molto particolare. Se volete saperne di più però, possiamo rivelarvi che la faccenda misteriosa riguarda un ricco dottore che, per tirare fuori una parte di se, crea una pozione in grado di fargli assumere un aspetto e una personalità diversa dalla propria. Ma forse così abbiamo detto troppo! Noi suggeriamo questo libro a persone dai 12 anni in su, sia perché alcune scene sono un po forti, sia perché, anche se la lettura è fluida, in tutte le traduzioni che ci è capitato di avere tra le mani, abbiamo incontrato parole un po difficili, per cui è forse necessario armarsi di vocabolario ed essere pronti ad imparare molti termini che aiuteranno a fare discorsi un po più forbiti del solito. L autore a un certo punto dice che in ognuno di noi c è un Hyde e noi ci siamo interrogati su questo: in effetti una parte nascosta o comunque una parte in cui non viene fuori il meglio di noi, spesso ce l abbiamo tutti, qualcuno la nasconde, qualcuno la usa come vuole ma forse qualcuno neanche sa di averla. Detto questo, consigliamo questa lettura soprattutto a tutte quelle persone che non sanno di avere o sono alla ricerca o vogliono fare pace con il proprio Hyde! Se siete uno di questi casi allora BUONA LETTURA DALLA SETTIMA CLASSE! Lorenzo Pedro Camilla Samuele 19

20 Intervista doppia Alunni e maestri a confronto! Il maestro e l alunna prescelti per questo nuovo numero sono il Maestro Flavio e Sofia dell VIII classe Maestro Flavio Sofia Dove ti piacerebbe andare in gita e perché? Mi piacerebbe andare in gita Vorrei andare ad Amsterdam in Sicilia perché è ricca di perché è una bella città!! reperti artistici, dall età della pietra fino all epoca moderna. A cosa serve il lavoro in falegnameria? Lavorare il legno serve per collegarci, tramite l utilizzo degli utensili che vengono dai tempi antichi, alle nostre attitudini più creative. Il lavoro in falegnameria serve per riportarci più vicini alla natura dalla quale ci stiamo allontanando. Cosa rende questa scuola speciale ai tuoi occhi? La nostra scuola fa più Il fatto che è diversa dalle altre e attenzione, oltre alle cose che perché ci sono materie diverse abbiamo fuori, anche a quelle dalle altre scuole che abbiamo dentro. Perché non si possono fare i gavettoni a fine anno e non si possono lanciare i coriandoli a carnevale? Perché la nostra scuola non è un parco giochi! Perché la nostra scuola e diversa dalle altre. Qual é il tuo film preferito e perché? Il mio film preferito è Dersu Uzala di Kurosawa perché ha una visione naturalistica che sento molto affine a me. Il mio film preferito è Ragazze interrotte con Winona Ryder e Angelina Jolie perché parla di persone che si aiutano a vicenda. 20

21 Gioco per tutti REBUS! Soluzione del numero precedente C B U D D H A I N D O R R L T I I T A C A T A P O L L O T H O L U T M I O A S I A E C O O A I N D I A C G P O D I R E A A U R G E T L V M A T E R A E R C O L E E E R A S N N M A R T E C A D E I I M E D E A T U N O G U N O O A R S S P A R T A T C I R C E O T M A I A H T M E U C G I A S O N E N T R O I A O R O A O E E R O S 21

22 Titoli di coda Cari lettori ci auguriamo che la lettura sia stata di vostro gradimento! Se così non fosse stato, vi invitiamo a lasciare qualche suggerimento per aiutarci a migliorare; se volete potete lasciarci una comunicazione nel cassetto della maestra Sabrina, in segreteria, o inviarci una al nostro indirizzo: Grazie Grazie - Grazie a tutti coloro che hanno collaborato mettendo a disposizione il loro tempo, il materiale, un consiglio o anche solo un po di supporto morale! Redazione: Camilla, Elisa, Francesco, Giada, Giulia, Hannah, Larissa, Luba, Lorenzo, Lorenzo Pedro, Margot, Paolo, Samuele, Tommaso, Vincenza, Maestra Sabrina 22

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Per avere un ricordo stupendo di questo tuo Natale ricordati di fare il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli