Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Input Output. Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi"

Transcript

1 Principi di gestione dell hardware di I/O Dispositivi di I/O Gestione dei dischi magnetici Altri dispositivi

2 Principi dell hardware di I/O L'hardware di I/O può essere descritto a vari livelli Ingegneri elettronici Programmatori Sistema operativo Quali sono i moduli che gestiscono l'hardware? Interfaccia applicativa di I/O Sottosistema del kernel per I/O Trasformazione di richiesta di I/O in operazioni hardware Aspetto importante: le prestazioni 2

3 Dispositivi di I/O Si distinguono due categorie di dispositivi: 1. dispositivi a blocchi Blocco da 512 byte a 64K Ogni blocco può essere letto e scritto indipendentemente dagli altri. Ogni blocco è identificato da un indirizzo I comandi comprendono read, write, seek L'accesso ai file viene fatto tramite mappatura in memoria Ove possibile l accesso viene fatto a basso livello oppure con un sistema di file system 2. dispositivi a caratteri Un dispositivo a carattere non è indirizzabile e non ha alcuna primitiva di posizionamento (seek) I comandi comprendono get e put L'editing di linea è possibile mediante librerie ad hoc Non tutti i dispositivi di I/O ricadono in questa tassonomia (timer, display mappati in memoria) È fondamentale che il S.O. possa gestire l'i/o indipendentemente dal dispositivo 4

4 I controllori di dispositivo Le unità di I/O: componente elettronica e meccanica La parte elettronica è gestita dal controllore di dispositivo o adattatore Esempi: controllori IDE (Integrated Drive Electronics) SCSI (Small Computer System Interface) Spesso i controllori sono integrati sulle schede madri Uso di buffer per blocco o sequenza di caratteri Interfaccia Controllore-dispositivo CPU Memoria Dischi Stampante Controllore del disco Controllore stampante Altri controllori Bus di sistema 5

5 Tipica struttura del bus di un PC 6

6 I/O Ogni controllore usa un insieme di registri per comunicare con la CPU Su alcuni computer (es. 680x0) i registri sono nel normale spazio di indirizzamento della memoria (I/O mappato in memoria) In altri casi si utilizza uno spazio di indirizzamento separato Il S.O effettua l'i/o scrivendo nei registri del controllore 7

7 Accesso diretto in memoria (DMA) Viene usato per evitare l'i/o programmato e per grandi trasferimenti di dati Richiede un controller di DMA: si trova concettualmente tra la CPU e la memoria Fisicamente è collegato a memoria e CPU tramite bus Consente di scaricare la CPU dal compito di trasferire dati tra il dispositivo di I/O e la memoria Disco CPU Controllore del disco Memoria Valore del contatore Buffer Registri DMA Indirizzo di memoria Contatore 8

8 I/O gestito da interrupt Al termine di ogni operazione di I/O corrisponde un segnale rilavato dal controllore di interrupt Se non vi sono altre interruzioni in corso la richiesta viene gestita immediatamente, altrimenti viene momentaneamente ignorata 9

9 I/O programmato copia_da_utente(buffer, p, contatore); for(c=0; c<contatore; c) { while(*stato_stampante!= PRONTO); *registro_dati_stampante = p[c]; } ritorna_a_utente(); 10

10 I/O guidato dalle interruzioni // codice chiamata di sistema copia_da_utente(buffer, p, contatore); abilita_interruzioni(); while(*stato_stampante!= PRONTO); *registro_dati_stampante = p[0]; Scheduler(); // codice di servizio di ogni interupt if(contatore == 0) { sblocca_utente(); } else { *registro_dati_stampante = p[c]; contatore = contatore 1; c = c 1; } acknowledge_interruzione(); ritorna_da_interruzione(); 11

11 I/O tramite DMA // codice chiamata di sistema copia_da_utente(buffer, p, contatore); imposta_controllore_dma(); scheduler(); // codice di servizio interupt acknowledge_interruzione(); sblocca_utente(); ritorna_da_interruzione(); 12

12 Device Driver Contiene tutto il software dipendente dal dispositivo Impartisce i comandi al controllore e ne verifica il corretto funzionamento Accetta richieste astratte indipendenti dal dispositivo e le traduce in istruzioni dipendenti Scrive nei registri del controllore Il gestore può essere bloccato oppure no. Nel primo caso viene risvegliato da un interrupt Dopo il completamento della operazione di I/O il gestore deve controllare la correttezza dell'operazione 13

13 SW di I/O indipendente dal dispositivo Interfacciamento uniforme dei device driver Assegnamento dei nomi ai dispositivi Protezione dei dispositivi Dimensione del blocco indipendente dal dispositivo Buffering Allocazione della memoria per i dispositivi a blocchi Allocazione e rilascio di dispositivi dedicati Informazioni sugli errori 14

14 Livelli del software di I/O Livello Funzioni di I/O Eseguire chiamate di I/O, formattazione I/O, spooling Processi utente Software indipendente dal dispositivo Driver di dispositivo Gestore delle interruzioni Hardware Richiesta di I/O Gestione dei nomi, protezione, bufferizzazione, allocazione Impostazione registri, controllo dello stato Attivazione del driver quando l I/O è completato Eseguire le operazioni di I/O Risposta di I/O 15

15 Clock I clock o timer servono per gestire il timesharing, per la CPU e per tutta la gestione dei segnali il software per gestire il clock è considerato un device driver I clock più semplici sono collegati all'alimentazione (una interruzione a ogni ciclo di tensione, 50 o 60 Hz) I clock più complessi sono composti da un oscillatore, un contatore e un registro di caricamento (per quelli programmabili) In genere poi vi è un clock di riserva alimentato a batteria 16

16 Software del clock L'hardware genera solo una interruzione ad intervalli definiti Qualunque altra attività deve essere gestita via software generalmente il driver del clock gestisce L'ora di sistema La temporizzazione dei processi L'addebito della CPU Meccanismi di allarme ed attesa La gestione degli allarmi può essere fatta tramite una lista ordinata delle richieste di clock pendenti Funzioni statistiche 17

17 Ora di sistema L'ora di sistema (tempo reale) viene normalmente gestita tramite un contatore che misura i tick a partire da un istante di riferimento (per UNIX 1 gennaio 1970) con un contatore a 32 bit ed una frequenza di clock di 60Hz in due anni si ha un overflow per cui in genere si utilizzano due contatori contando solo i secondi un contatore è sufficiente per 136 anni, per avere l'equivalente del millenium bug bisogna aspettare fino al ventiduesimo secolo (ma se considero il segno diventa critico il 19 gennaio 2038), in questo caso il numero di tick del secondo corrente viene misurato a parte Un diverso approccio consiste nel contare i tick, dall'istante di avvio del sistema se il sistema rimane attivo più di due anni si ha overflow 18

18 Dischi magnetici Struttura Algoritmi di scheduling Dischi RAID CD-Rom

19 Dischi magnetici È il dispositivo principale di memorizzazione di massa memoria non volatile ottima capacità a prezzi ragionevoli accesso casuale tempi di accesso abbastanza lunghi (ordine ms) Dischi a stato solido durata di vita più breve più costosi accesso casuale uniforme tempi di accesso più brevi 20

20 Schema funzionale di un disco Componenti elettronici (il controller) Conversione analogico-digitale dei segnali Strutturazione dei dati (byte, word, blocchi) 21

21 Struttura logica di un disco tracce cilindri settori all'interno di una traccia qualche centinaio sui dischi rigidi a dimensione fissa o variabile blocchi unità di trasferimento tra disco e memoria deve essere compatibile con le dimensioni dei settori 22

22 Esempio floppy 40 cilindri per disco 2 tracce per cilindro 9 settori per tracce 720 settori per disco 512 byte per settore 360 KB per disco 128 byte per settore 175 KB per disco 23

23 Tempi di accesso a un disco rigido 1) 2) 3) 4) Tempo di seek tempo necessario per muovere la testina sul cilindro alcuni millisecondi (2-10 ms) Tempo di latenza tempo necessario affinché il settore sia sotto la testina dipende dalla velocità di rotazione 7200 rpm (giri al minuto) = 120 rps 1/120 sec/giro = 8.3 ms/giro Tempo di trasferimento è proporzionale all'ammontare dell'informazione trasferita se una traccia ha 100 blocchi, è pari a 1/100 del tempo di rivoluzione per blocco Tempo medio di accesso tempo medio di seek tempo medio di latenza tempo medio di trasferimento 26

24 DMA e accesso ai dischi Un controllore che supporta l'accesso DMA deve avere al suo interno: I registri DMA Un buffer I controllori più semplici non riescono a gestire l'input e l'output simultanei: riescono a leggere un blocco ogni due Per leggere due settori consecutivi sono necessari due rotazioni Si ovvia a questo inconveniente con la tecnica di Interleaving 27

25 Interleaving La numerazione logica dei settori è diversa dall'ordinamento fisico, saltando un (o più) settore si lascia il tempo per il trasferimento dati del precedente Pendenza di cilindro 28

26 Algoritmi di scheduling del disco Al disco arrivano delle richieste di lettura - scrittura generate dai processi Tali operazioni possono essere concorrenti o no A prescindere dalla concorrenza, occorre stabilire l'ordine con cui si evadono le richieste al disco È compito del sistema operativo Algoritmi possibili: First-Come-First-Served (FCFS) Shortest Seek Time First (SSTF) SCAN C-SCAN 29

27 Algoritmo FCFS Le richieste sono evase a seconda del loro tempo di arrivo facilità d'implementazione Modellizzazione: coda FIFO o tabelle indicizzate non introduce problemi di starvation performance basse prestazioni per accessi frequenti è sufficiente per sistemi mono-utente 30

28 Confronto di algoritmi La valutazione si basa su un modello di richieste distanza totale che deve compiere la testina tempo richiesto (proporzionale alla distanza) tempi di latenza e di trasferimento vengono ignorati perché non possono essere sotto il controllo del S.O dipendono dall'hardware e dall'ammontare dei dati trasferiti Occorre conoscere le condizioni iniziali posizione iniziale direzione di spostamento 31

29 Algoritmo FCFS sequenza di riferimento: condizioni iniziali: traccia 45, velocità 10 tracce/ms in direzione di tracce crescenti Sequenza di riferimento: Movimenti della testina Distanza Tempo

30 Algoritmo SSTF si evade la richiesta che richiede il tempo di seek inferiore a partire dalla posizione corrente di solito si comporta meglio del FCFS si può verificare la starvation: le richieste lontane dal centro ottengono un pessimo servizio Sequenza di riferimento: Movimenti totali della testina: Distanza 27 Sequenza di servizio:

31 Algoritmo dell ascensore (SCAN) la testina si muove da un'estremità all'altra del disco, una variante (LOOK) non sposta la testina fino alla fine ma solo se necessario per soddisfare le richieste pendenti, altrimenti inverte subito il movimento della testina esiste un limite superiore al movimento della testina: uno spostamento di due volte il numero di tracce necessariamente permette di soddisfare qualunque coda di richieste performance molto buone per carichi elevati 34

32 Algoritmo SCAN Sequenza di riferimento: Movimento totale della testina Distanza Sequenza di servizio:

33 Algoritmo C-SCAN La scansione è sempre nella stessa direzione Tempi di attesa più uniformi rispetto allo SCAN Esiste la variante C-LOOK Distanza 2 14 Sequenza di riferimento: Movimento totale della testina Sequenza di servizio:

34 Scelta di un algoritmo Le prestazioni dipendono dal numero e dal tipo di richieste È una grande semplificazione (no tempo di seek) alcuni algoritmi di basso livello sono implementati dal controller quindi sfuggono dal controllo del SO La posizione dei blocchi indice sono importanti Le informazioni più utilizzate sono messe nelle tracce centrali L'allocazione di file influenza le prestazioni Può essere utile mettere in cache una traccia intera vantaggio: si ottimizzano le prestazioni (meno trasferimenti) la cache può essere gestita dal dispositivo o dal sistema operativo 37

35 Gestione degli errori su disco Generalmente è il driver del disco che gestisce gli errori che possono essere: errori di programmazione (richiesta di settori inesistenti) errori di checksum (transitori) errori di checksum (permanenti) errori di posizionamento (recalibrate) Gestione dei settori danneggiati 38

36 RAID Redundant Array of Independent/Inexpensive Disk più dischi sono combinati in unico disco logico gestito dal sistema operativo ogni disco contiene una fetta (strip) dei dati RAID può essere realizzato a livello di SO o di dispositivo 39

37 RAID 0 (non-ridondante) Alta capacità di trasferimento dati, se i trasferimenti riguardano grandi quantità di dati logici contigui Basso tempo di risposta, se il numero di richieste è alto per piccole quantità di dati 41

38 RAID 1 (mirrored) presenta il vantaggio collaterale di permettere una velocità di lettura doppia le operazioni di scrittura sono doppie, ma parallele è facile sostituire componenti difettose Disco 0 Disco 1 Backup Backup Dati Dati 42

39 RAID 2 Memorizzazione ridondante tramite un codice Hamming Buon trasferimento di dati, scarsa frequenza di accesso I dischi spesso sono sincronizzati 43

40 RAID 3 Un solo bit di parità Buon trasferimento di dati, scarsa frequenza di accesso 44

41 RAID 4 Parità di blocco (come RAID 0 parità) Trasferimento di dati non ottimo Possibile collo di bottiglia sul disco di parità 45

42 RAID 5 La parità è distribuita RAID 6 aggiunge maggiore ridondanza, può gestire guasti su più dischi 46

43 RAID 0 1 Il livello 0 fornisce le prestazioni Il livello 1 l'affidabilità 47

44 RAID

45 Struttura di un CD o CD-ROM Velocità costante lungo la spirale 51

46 Struttura logica dei dati 2048 byte su 7203 (588*98/8) byte/s (X1) 52

47 Esercizi Scheduling del disco

48 Scheduling del disco Analizzare la successione di accessi alle tracce con gli algoritmi SSTF, SCAN, C-LOOK 20, 51, 8, 75, 37, 96 posizione iniziale 65, verso le tracce alte, il numero totale di tracce è 100. Valutare il tempo necessario per l'evasione delle richieste, se sono necessari 0.1 ms per lo spostamento da una traccia a quella contigua. Cosa cambia se dopo 3 ms arrivano le seguenti richieste? 35, 83 55

49 Scheduling del disco FCFS: (65,) 20, 51, 8, 75, 37, 96, [35, 83] SSTF: (65,) 75, 96, [83], 51, 37, [35], 20, 8 SCAN: (65,) 75, 96, 99, [83], 51, 37, [35], 20, 8 C-SCAN: (65,) 75, 96, 99, 0, 8, 20, [35], 37, 51, [83] LOOK: (65,) 75, 96, [83], 51, 37, [35], 20, 8 C-LOOK: (65,) 75, 96, 8, 20, [35], 37, 51, [83] 56

50 Scheduling del disco FCFS: (65,) 20, 51, 8, 75, 37, 96, [35, 83] SSTF: (65,) 75, 96, [83], 51, 37, [35], 20, 8 58

51 Scheduling del disco SCAN: (65,) 75, 96, 99, [83], 51, 37, [35], 20, 8 LOOK: (65,) 75, 96, [83], 51, 37, [35], 20, 8 59

52 Scheduling del disco C-SCAN: (65,) 75, 96, 99, 0, 8, 20, [35], 37, 51, [83] C-LOOK: (65,) 75, 96, 8, 20, [35], 37, 51, [83] 60

53 Scheduling del disco Analizzare la successione di accessi con l'algoritmo SSTF posizione iniziale 40, il numero totale di tracce è 100. Valutare il tempo necessario per l'evasione delle richieste, se sono necessari 0.1 ms per lo spostamento da una traccia a quella contigua. Cosa cambia se dopo 2 ms arriva la richiesta 70? 61

54 Scheduling del disco SSTF: (40,) SSTF: (40,) (considerando 70) 62

55 Scheduling del disco Schedulazione del disco: analizzare la successione di accessi alle tracce con gli algoritmi SSTF, LOOK 159, 97, 183, 49, 128, 7, 130, 32, 120 posizione iniziale 69, il movimento è verso le tracce alte, le tracce sono numerate da 0 a 199. Valutare il tempo necessario per l'evasione delle richieste, se è necessario un tempo di 0.1 ms per lo spostamento da una traccia a quella contigua, le ultime 3 richieste arrivano dopo 6ms. 63

56 Scheduling del disco 64

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Dischi magnetici Proprietà principali e parametri - Velocità di rotazione

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Device Manager Dispositivi di I/O Interfaccia (o controller) e software di pilotaggio (driver) di un dispositivo Schedulazione dei dischi: i parametri Schedulazione

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Complementi: Buffer I/O Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID

Memoria secondaria. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione dell unità a disco. Affidabilità dei dischi: RAID Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Affidabilità dei dischi: RAID Sistemi Operativi 13.1 Struttura del disco I dischi vengono indirizzati come grandi

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable

Sommario. Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi. Categorie di Dispositivi di I/O. Human readable Sommario Gestione dell I/O e Scheduling dei Dischi Dispositivi di I/O Organizzazione delle funzioni di I/O Problematiche di Progettazione I/O Buffering Disk Scheduling Categorie di Dispositivi di I/O Area

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi

Gestione della memoria secondaria. Marco Cesati. Schema della lezione. File system annotati. Il disco magnetico. Prestazioni dei dischi Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 13 La gestione della Sistemi operativi 1 I file system annotati 2 Tecnologia e prestazioni del magnetico 3 Algoritmi di schedulazione del 26 maggio 2015 4 I

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Dispositivi di I/O Francesco Lo Presti Rielaborate da Salvatore Tucci Organizzazione di un Calcolatore I/O 1 Dispositivi di I/O!! Un dispositivo di I/O è costituito da due componenti:!!

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche di I/O 2. Gestione dei buffer 3. Schedulazione del disco 4. I/O in UNIX e Windows

Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche di I/O 2. Gestione dei buffer 3. Schedulazione del disco 4. I/O in UNIX e Windows Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Facolta di Ingegneria, Universita La Sapienza Docente: Francesco Quaglia Gestione dei buffer e I/O scheduling: 1. Richiami sulle tecniche

Dettagli

Capitolo 12 -- Silberschatz

Capitolo 12 -- Silberschatz Gestione della memoria di massa Capitolo 12 -- Silberschatz Nastro magnetico Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente usato per

Dettagli

Memoria Secondaria e Terziaria

Memoria Secondaria e Terziaria Memoria Secondaria e Terziaria Memoria secondaria e terziaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap Struttura

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi

Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Memorie secondarie Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi 1 I dispositivi di memoria dei calcolatori sono organizzati secondo una gerarchia, dove al livello più alto ci sono memorie di piccola dimensione,

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria secondaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Connessione dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap

Dettagli

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

I/O Dispositivi di input/output

I/O Dispositivi di input/output I/O Dispositivi di input/output Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.net Dispositivi di I/O Processor Interrupts Cache

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Gestione della memoria di massa

Gestione della memoria di massa Contenuti Gestione della memoria di massa Memoria di massa Struttura del disco Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Strutture RAID Implementazione

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

Linux I/O Scheduling overview

Linux I/O Scheduling overview Linux I/O Scheduling overview Roberto Vela 09/11/2013 www.nalug.net Roadmap Perché lo scheduling? Perché lo scheduling dell'i/o è importante? Principi dello scheduling I/O Scheduling del disco Disk scheduling

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 Dischi RAID high-performance high-reliability 15/03 03/04 G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 indice caratteristiche generali dei dischi parallelismo ed alte prestazioni affidabilità

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk

SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA. Meccanica di un hard disk SISTEMI OPERATIVI MEMORIA SECONDARIA E TERZIARIA Meccanica di un hard disk 2 Stru:ura di un disco 3 Dischi magne>ci» Velocità di rotazione fra i 60 e i 200 giri al secondo» La velocità di trasferimento

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012

Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Sistemi Operativi A.A. 2011/2012 Esercitazione 13 Dicembre 2011 Esercizio 1 - Scheduling dei processi Data la seguente sequenza di processi Processo Istante Arrivo Durata Priorità P 1 0 6 3 P 2 2 5 2 P

Dettagli

Sistema Operativo e Applicativi

Sistema Operativo e Applicativi Sistema Operativo e Applicativi Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Software A.A. 2012-2013 1 / 36 Software Conosciamo due classi di software: Programmi

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

Struttura dei dischi. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Struttura dei dischi. Schema funzionale di un disco. Scheduling del disco

Struttura dei dischi. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Struttura dei dischi. Schema funzionale di un disco. Scheduling del disco Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Memoria Secondaria e Terziaria Struttura dei dischi Il file system si può considerare composto da tre parti Interfaccia Strutture dati usate dal SO per realizzare l

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Sistemi RAID. Corso di Calcolatori Elettronici. Feragotto Elena

Sistemi RAID. Corso di Calcolatori Elettronici. Feragotto Elena Sistemi RAID Corso di Calcolatori Elettronici Feragotto Elena Cos è RAID Nato all Università di Berkeley nel 1968, RAID significa: Redundant Array of Inexpensive Disk L idea era quella di sostituire un

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E

Lezione 5: Software. Firmware Sistema Operativo. Introduzione all'informatica - corso E Lezione 5: Software Firmware Sistema Operativo Architettura del Calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macrocomponenti: Hardware e Software Firmware: strato di (micro-)programmi

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa)

Sistemi Operativi. Struttura astratta della memoria. Gerarchia dei dispositivi di. Memoria centrale. Memoria secondaria (di massa) Struttura astratta della memoria Memoria centrale il solo dispositivo di memoria al quale la CPU puo accedere direttamente Memoria secondaria (di massa) Estensione della memoria centrale che fornisce grande

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi

Virtualizzazione delle Periferiche. Corso di Sistemi Operativi Virtualizzazione delle Periferiche Corso di Sistemi Operativi Introduzione Una delle funzioni principali di un SO è di controllare tutte le periferiche connesse al PC SO deve: comandare i dispositivi ascoltare

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi

01/05/2014. Dalla precedente lezione. Ruolo dei sistemi operativi. Esecuzione dei programmi Marco Lapegna Laboratorio di Programmazione Dalla precedente lezione 6. I sistemi operativi LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica I Sistemi Operativi Il linguaggi di programmazione

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Sistemi Operativi Kernel

Sistemi Operativi Kernel Approfondimento Sistemi Operativi Kernel Kernel del Sistema Operativo Kernel (nocciolo, nucleo) Contiene i programmi per la gestione delle funzioni base del calcolatore Kernel suddiviso in moduli. Ogni

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Cos e` un Sistema Operativo? Cos è un sistema operativo?

Cos e` un Sistema Operativo? Cos è un sistema operativo? Cos e` un Sistema Operativo? È un programma (o un insieme di programmi) che agisce come intermediario tra l utente e l hardware del computer: fornisce un ambiente di sviluppo e di esecuzione per i programmi

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM)

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM) Le Memorie Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 3 settembre 23 - La memoria principale (RAM) Bibliografia:

Dettagli

* Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno )

* Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno ) * Continuo incremento delle prestazioni della tecnologia dei semiconduttori ( > 50 % / anno ) * Grandi quantita di memoria primaria -> richiede grandi quantita di memoria secondaria * Le applicazioni richiedono

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Sommario. Sistemi Informativi in Rete Introduzione. L informatica. L informatica: una definizione

Sommario. Sistemi Informativi in Rete Introduzione. L informatica. L informatica: una definizione Sommario Sistemi Informativi in Rete Introduzione III Facoltà di Architettura Sede Bovisa Informatica: una definizione Richiami di architettura del calcolatore...... e di sistemi operativi Dal calcolatore

Dettagli

Sistemi Operativi. Scheduling dei processi

Sistemi Operativi. Scheduling dei processi Sistemi Operativi Scheduling dei processi Scheduling dei processi Se più processi sono eseguibili in un certo istante il sistema deve decidere quale eseguire per primo La parte del sistema operativo che

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche

Input/Output. Moduli di Input/ Output. gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi. n Grande varietà di periferiche Input/Output n Grande varietà di periferiche gestiscono quantità di dati differenti a velocità diverse in formati diversi n Tutti più lenti della CPU e della RAM n Necessità di avere moduli di I/O Moduli

Dettagli

Sistemi Operativi Giovanni Conforti. Sistemi di I/O

Sistemi Operativi Giovanni Conforti. Sistemi di I/O Sistemi Operativi Giovanni Conforti Sistemi di I/O 1 Sistemi di I/O Un ruolo fondamentale in un sistema di calcolo è rivestito dai dispositivi di I/O I dispositivi di I/O che popolano un sistema di calcolo

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

MACCHINA DI VON NEUMANN

MACCHINA DI VON NEUMANN I seguenti appunti non hanno la pretesa di essere esaustivi, ma hanno l unico scopo di illustrare in modo schematico i concetti necessari allo sviluppo del programma di Informatica della 1D del Liceo Scientifico

Dettagli

Come funziona un sistema di elaborazione

Come funziona un sistema di elaborazione Introduzione Cosa è un Sistema Sste aoperativo? Come funziona un sistema di elaborazione Proprietà dei Sistemi Operativi Storia dei Sistemi di Elaborazione Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi i Multiprocessori

Dettagli

Scheduling della CPU

Scheduling della CPU Scheduling della CPU Sistemi multiprocessori e real time Metodi di valutazione Esempi: Solaris 2 Windows 2000 Linux 6.1 Sistemi multiprocessori simmetrici Fin qui si sono trattati i problemi di scheduling

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia

Hardware interno. Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra. Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware interno Docenti: Dott. Stefano Bordoni Dott. Francesco Guerra Facoltà di Economia, Università di Modena e Reggio Emilia Hardware A prima vista... Alimentazione PC e Monitor Lettore DVD Porte Ps/2

Dettagli