Atti Ufficiali Circolare n. 11 NOVEMBRE Federazione Italiana Tennis

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti Ufficiali 2011. Circolare n. 11 NOVEMBRE 2011. Federazione Italiana Tennis"

Transcript

1 Atti Ufficiali 2011 Circolare n. 11 NOVEMBRE 2011 Federazione Italiana Tennis

2 1) GIUSTIZIA SPORTIVA IL GIUDICE SPORTIVO NAZIONALE Con provvedimento del 9 novembre 2011 Ha multato di 300,00 l affiliato CIRCOLO MAGISTRATI CORTE DEI CONTI per violazione dell art. 22 RCS nell ambito della competizione Over 45 femm. in programma presso l affiliato Tennis Pietrese dal al Con provvedimento del 30 novembre 2011 Ha multato di 300,00 l affiliato ARESE SPORT per violazione dell art. 22 RCS nell ambito della competizione Ladies 40 organizzata dall affiliato SC San Severo e svoltasi a San Severo il contro il Club Nomentano. IL GIUDICE SPORTIVO DI BOLZANO Con provvedimento del 9 novembre 2011 Ha multato di 100,00 il tesserato CATALANO STEFANO (ASD T.C. POLISPORTIVA PINETA) per violazione dell art. 38 RTS al Torneo Circuito Raiffeisen cat. 3-4 NC organizzato dall affiliato ASD Tennis Bauzanum e svoltosi a Bolzano dal al Con provvedimento del 14 novembre 2011 Ha multato di 200,00 l affiliato ASV BURGSTALL RAIKA per violazione dell art. 22 RCS nell ambito della competizione di Serie D4 femm. girone finale. IL GIUDICE SPORTIVO DEL MOLISE Con provvedimento del 28 settembre 2011 Ha multato di 50,00 il tesserato SANTILLI MICHELE (TENNIS SPORT CENTRO ABRUZZO) per violazione dell art. 50 RTS nell ambito del Torneo Master Regionale Molise 2011 ca. 4^masch. svoltasi presso la AT Campobasso dal al Con provvedimento del 5 ottobre 2011 Ha multato di 50,00 il tesserato SANTILLI MICHELE (TENNIS SPORT CENTRO ABRUZZO) per violazione degli artt. 45, 47, 48 e 50 RTS nell ambito del Torneo Master Regionale Molise 2011 ca. 4^masch. svoltasi presso la AT Campobasso dal al IL PRESIDENTE FEDERALE Con deliberazione presidenziale n. 11 del 10 novembre 2011, previa rituale istanza formulata dall interessata, ha concesso la grazia alla Sig.ra Gabriella Boschiero in ordine alla decisione del Giudice Sportivo Nazionale n. 96 del 18 novembre 2009, disponendo per l effetto la restituzione alla stessa della metà della sanzione pecuniaria inflitta.

3 2) QUOTE FEDERALI E MASSIMALI DEI MONTEPREMI 2012 Il Consiglio Federale, nella riunione del 7 ottobre 2011, ha deliberato, per l anno 2012, le seguenti quote e tasse federali nonché i seguenti massimali dei montepremi e delle quote di iscrizione ai tornei: QUOTE FEDERALI 2012 QUOTE ASSOCIATIVE TASSA NUOVA AFFILIAZIONE 250,00 Per gli Affiliati che nell'ambito della sola disciplina del tennis non si affiliano ad altri Enti od Organizzazioni che non abbiano in essere convenzioni con la FIT, e che non consentono sui propri campi la disputa di manifestazioni che non sono approvate dalla FIT, garantendo quindi alla FIT, o ad Enti con la stessa convenzionat, l'esclusiva per la gestione dell'attività del tennis, la TASSA NUOVA AFFILIAZIONE è ridotta ad Euro TASSA RIAFFILIAZIONE (procedura on line con inserimento e aggiornamento dei dati on line da parte dell'affiliato) 250,00 * Per gli Affiliati che nell'ambito della sola disciplina del tennis non si affiliano ad altri Enti od Organizzazioni che non abbiano in essere convenzioni con la FIT, e che non consentono sui propri campi la disputa di manifestazioni che non sono approvate dalla FIT, garantendo quindi alla FIT, o ad Enti con la stessa convenzionati, l'esclusiva per la gestione dell'attività del tennis, la TASSA RIAFFILIAZIONE è ridotta ad Euro TASSA ANNUA PER CIASCUN CAMPO (per I Circoli che non diminuiscono il numero dei campi rispetto al 2011) 15,00 TASSA ANNUA PER CIASCUN CAMPO (per I Circoli che diminuiscono il numero dei campi rispetto al 2011) 25,00 TASSA OMOLOGAZIONE CAMPI (per intervento indipendentemente dal numero dei campi) 100,00 TASSA ASSOCIATIVA AFFILIATI DI CATEGORIA B, BEACH E PADDLE (in aggiunta alla tassa di affiliazione/riaffiliazione) OMOLOGAZIONE IMPIANTI NON AFFILIATI 250,00 APPROVAZIONE P.I.A. 50,00 APPROVAZIONE SAT 50,00 APPROVAZIONE CENTRO TENNIS ESTIVO (per ogni settimana di svolgimento dei corsi) 500,00 80,00 80,00 * 50,00 * In caso di procedura tradizionale, con inserimento e aggiornamento dei dati da parte del Comitato Regionale, l'importo è maggiorato del 50% TESSERAMENTO (procedura on line con inserimento e aggiornamento dei dati on line da parte dell'affiliato) TESSERA SOCIO 10,00 * TESSERA NON AGONISTICA UNDER 16, 14, 12, 10 8,00 * TESSERA NON AGONISTICA OVER 16 10,00 * TESSERA NON AGONISTICA PER UNDER 16 emessa dopo il 1 settembre 3,00 * TESSERA SOCIO UNDER 08 emessa dopo il 1 settembre 3,00 * TESSERA AGONISTICA Over 16 di prima e seconda categoria (classifica riferita all'anno 2011) 50,00 * TESSERA AGONISTICA Over 16 di terza categoria (classifica riferita all'anno 2011) 36,00 * TESSERA AGONISTICA Over 16 di quarta categoria e non classificati (classifica riferita all'anno 2011) 28,00 * TESSERA AGONISTICA Under 16, 14, 12, 10 50% della rispettiva tessera over 16 * TESSERA BEACH TENNIS AGONISTICA Over 16 di prima e seconda categoria (classifica riferita all'anno 2011) 44,00 *

4 TESSERA BEACH TENNIS AGONISTICA Over 16 di terza, quarta categoria e non classificati (classifica riferita all'anno 2011) 24,00 * TESSERA BEACH TENNIS AGONISTICA Under 16, 14, 12, 10 50% della rispettiva tessera over 16 * TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA per Over 16 16,00 * TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA per Under 16, 14, 12, 10 8,00 * TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA Over 16 per i mai tesserati 10,00 * TESSERA BEACH TENNIS NON AGONISTICA Under 16, 14, 12, 10 per i mai tesserati 5,00 * TESSERA PADDLE TENNIS AGONISTICA per Over 16 20,00 * TESSERA PADDLE TENNIS AGONISTICA per Under 16, 14, 12, 10 10,00 * TESSERA PADDLE TENNIS NON AGONISTICA per Over 16 15,00 * TESSERA PADDLE TENNIS NON AGONISTICA per Under 16, 14, 12, 10 7,00 * TESSERA AGONISTICA PER ATLETA DISABILE 14,00 * * In caso di procedura tradizionale, con inserimento e aggiornamento dei dati da parte del Comitato Regionale, l'importo è maggiorato del 50% EMISSIONE DUPLICATI 50% del costo della tessera TRASFERIMENTI giocatori di 1^ e 2^ categoria (classifica riferita all'anno 2011) 120,00 TRASFERIMENTI giocatori di 3^ categoria (classifica riferita all'anno 2011) 100,00 TRASFERIMENTI giocatori di 4^ categoria e non classificati (classifica riferita all'anno 2011) 80,00 TRASFERIMENTI U16 STESSO PIA 20,00 TRASFERIMENTI BEACH TENNIS 30,00 TRASFERIMENTI ATLETI DISABILI 20,00 ISTITUTO SUPERIORE DI FORMAZIONE ROBERTO LOMBARDI TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI TECNICI NAZIONALI 360,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI MAESTRI NAZIONALI 300,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ISTRUTTORI 2 GRADO 270,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ISTRUTTORI 1 GRADO 180,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEI PREP. FISICI DI 1 E 2 GRADO 180,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI MAESTRI 800,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ALL. ISTRUTTORI 800,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ISTR. REG. 800,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEI MAESTRI DI BEACH TENNIS 300,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ISTRUTTORI DI BEACH TENNIS DI 2 LIVELLO 270,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ISTRUTTORI DI BEACH TENNIS DI 1 LIVELLO 180,00 TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI ISTRUTTORI DI PADDLE 300,00 I tecnici che operano in via esclusiva per la FIT e/o per le Società ad essa affiliate e/o per gli Enti di Promozione Sportiva che hanno in essere convenzioni con la FIT, prestando quindi la loro opera solo in favore di tesserati FIT o degli Enti di Promozione Sportiva di cui prima, hanno diritto alla riduzione del 50% sugli importi delle quote di iscrizione all Albo o agli Elenchi TASSA DI RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA PER TECNICO STRANIERO 400,00 TASSA DI RISCRIZIONE ALL'ALBO OD ALL'ELENCO DEI TECNICI 250,00 Ai tecnici di tutte le categorie sarà recapitato un capo con il logo FIT ed il distintivo relativo alla qualifica TARGA PROFESSIONALE 100,00

5 AGENTI DEGLI ATLETI FIT TASSA ANNUALE DI ISCRIZIONE ALL'ELENCO DEGLI AGENTI DEGLI ATLETI FIT 200,00 TASSE D'ISCRIZIONE AI CAMPIONATI INDIVIDUALI (di competenza F.I.T.) GIOVANILI (fase nazionale) 10,00 2',3' CATEGORIA (fase nazionale) 20,00 VETERANI (fase nazionale) 20,00 TASSE D'ISCRIZIONE AI CAMPIONATI A SQUADRE Il Consiglio Federale ha deciso di esentare dal pagamento della tassa d iscrizione al Campionato degli Affiliati la prima squadra maschile e femminile dei circoli partecipanti, a condizione che gli stessi vantino un numero di tesserati che raggiunga le unità appresso indicate. Per i circoli che hanno sia la squadra maschile che la femminile si applica la riduzione del 15% sulla somma dei due dati per l esenzione di ambo le squadre. Nel caso il circolo non vanti un numero di soci sufficiente per l esenzione di tutte e due le squadre, non potrà in ogni caso beneficiare dell esonero della sola squadra di minor rango fra quella maschile e quella femminile. SERIE A1 MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 650 soci regolarmente tesserati) 3.500,00 SERIE A1 FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 600 soci regolarmente tesserati) 3.000,00 SERIE A2 MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 500 soci regolarmente tesserati) 1.000,00 SERIE A2 FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 450 soci regolarmente tesserati) 1.000,00 SERIE B MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 400 soci regolarmente tesserati) 450,00 SERIE B FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 320 soci regolarmente tesserati) 450,00 SERIE C MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 220 soci regolarmente tesserati) 200,00 SERIE C FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 165 soci regolarmente tesserati) 200,00 SERIE D MASCHILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 110 soci regolarmente tesserati) 100,00 SERIE D FEMMINILE (sono esentati dal pagamento gli affiliati con almeno 80 soci regolarmente tesserati) 100,00 GIOVANILI 50,00 GIOVANILI per le squadre B, C, ecc. 25,00 GIOVANILI: (per gli affiliati inseriti nei Piani Integrati d'area, o con certificazione di qualità, per le squadre B, C etc) 15,00 VETERANI 100,00 VETERANI per le squadre B, C, ecc. 50,00 CAMPIONATO DI BEACH TENNIS 50,00 CAMPIONATO DI PADDLE 50,00 CAMPIONATO A SQUADRE PER ATLETI DISABILI 20,00 TASSA SUB JUDICE NEI CAMPIONATI A SQUADRE 15,00 CAMP. SQUADRE REGIONALI MISTO U10 CIRCOLI PIA 0,00 CAMP. SQUADRE REGIONALI MISTO U10 CIRCOLI FUORI PIA 30,00 TASSE DI APPROVAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI INDIVIDUALI ED A SQUADRE TORNEI INTERNAZIONALI 290,00 TORNEI INTERNAZIONALI GIOVANILI 140,00 TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.tepremi ,00 TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.premi con conclusione delle sez.ni intermedie dei tabelloni ** 120,00 TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.premi tra 1,000 e 1, ,00 TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.premi tra 1,000 e 1,999 con conclusione delle sezioni intermedie dei tabelloni ** 85,00 TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.premi < a 1, ,00 TORNEI "OPEN" O DI CATEGORIA con m.premi 1,000 con conclusione delle sezioni intermedie dei tabelloni ** 55,00

6 TORNEI di DOPPIO (qualsiasi categoria e montepremi) 90,00 TORNEI GIOVANILI 110,00 TORNEI GIOVANILI con conclusione delle sezioni intermedie dei tabelloni * 55,00 TORNEI VETERANI 90,00 TORNEI BEACH TENNIS con montepremi 100,00 TORNEI BEACH TENNIS senza montepremi 50,00 TORNEI INTERNAZIONALI DI BEACH TENNIS 240,00 TORNEI INTERNAZIONALI DI PADDLE 240,00 TORNEI AGONISTICI DI PADDLE 50,00 TORNEI NON AGONISTICI DI PADDLE 20,00 TORNEI NON AGONISTI 20,00 TORNEI INTERNAZIONALI PER ATLETI DISABILI 100,00 TORNEI NAZIONALI PER ATLETI DISABILI 20,00 APPROVAZIONE CIRCUITI REGIONALI 100,00 APPROVAZIONE CIRCUITI NAZIONALI 500,00 MANIFESTAZIONI PROMOZIONALI 10,00 AUTORIZZAZIONE SPECIALE PER UN TORNEO O UN CIRCUITO SU CAMPI NON AFFILIATI 200,00 ** è obbligatoria la conclusione delle sezioni intermedie dove partecipano i giocatori al vertice dei propri gruppi (4NC; 4^; 3^; 2^) QUOTE DI PARTECIPAZIONE AI TORNEI (di competenza F.I.T.) TORNEI INDIVIDUALI OPEN, DI 1^, 2^, 3^, 4^ CATEGORIA, o VETERANI 7,00 TORNEI INDIVIDUALI PER gli UNDER 16, 14, 12, 10 IN TUTTI I TORNEI 3,00 TORNEI A FORMULA RIDOTTA O WEEK END 4,00 TORNEI A FORMULA RIDOTTA O WEEK END per gli UNDER 16, 14, 12,10 2,00 TORNEI INTERNAZIONALI DI BEACH TENNIS 3,00 TORNEI BEACH TENNIS con montepremi 3,00 TORNEI BEACH TENNIS senza montepremi 2,00 TORNEI DI PADDLE 3,00 TORNEI A SQUADRE (per ogni squadra) 50,00 TORNEI NON AGONISTI A SQUADRE (per ogni squadra) 20,00 TORNEI NON AGONISTI 4,00 TORNEI NON AGONISTI (per gli UNDER 16, 14, 12, 10) 2,00 TASSA A FONDO PERDUTO NELLE MANIFESTAZIONI INDIVIDUALI 30,00 TASSA PARTECIPAZIONE AI TORNEI PER ATLETI STRANIERI NON TESSERATI 15,00 TASSA CHIUSURA TORNEO 100,00 Nel caso l'affiliato organizzatore chiuda il torneo presentando i rendiconti amministrativi entro il 10 giorno dalla conclusione della manifestazione, la TASSA CHIUSURA TORNEO è ridotta ad Euro Nel caso l'affiliato organizzatore chiuda il torneo presentando i rendiconti amministrativi entro il 5 giorno dalla conclusione della manifestazione, la TASSA CHIUSURA TORNEO è ridotta ad Euro 50,00 0,00 TASSE PER RECLAMI E RICORSI RECLAMO A QUALSIASI ORGANO TASSA RECLAMO giocatori di 1' categoria e tecnici nazionali 500,00 TASSA RECLAMO giocatori di 2' categoria e maestri nazionali 300,00

7 TASSA RECLAMO giocatori di 3' categoria e istruttori di 2 grado 180,00 TASSA RECLAMO giocatori di 4' categoria classificati e le altre tipologie di tecnici 120,00 TASSA RECLAMO giocatori di 4' categoria NON classificati 70,00 TASSA RECLAMO tesserati non agonisti, soci e speciali 50,00 TASSA RECLAMO Serie A 600,00 TASSA RECLAMO Serie B 300,00 TASSA RECLAMO Serie C - fase nazionale di giovanili e veterani 180,00 TASSA RECLAMO Serie D - fase regionale di giovanili e veterani 120,00 ALTRE TASSE RECLAMO DI AFFILIATI E DIRIGENTI 200,00 RICORSO ALLA CORTE DI APPELLO FEDERALE TASSA RICORSO giocatori di 1' categoria e tecnici nazionali 1.000,00 TASSA RICORSO giocatori di 2' categoria e maestri nazionali 600,00 TASSA RICORSO giocatori di 3' categoria e istruttori di 2 grado 360,00 TASSA RICORSO giocatori di 4' categoria classificati e le altre tipologie di tecnici 240,00 TASSA RICORSO giocatori di 4' categoria NON classificati 140,00 TASSA RICORSO tesserati non agonisti, soci e speciali 100,00 TASSA RICORSO DI DIRIGENTI 700,00 TASSA RICORSO DI AFFILIATI avverso decisioni del Giudice Sportivo Regionale 400,00 TASSA RICORSO DI AFFILIATI avverso decisioni di altri Organi 700,00 VARIE CIFRA BASE PER L'INDENNITA' DI SVINCOLO 350,00 TASSA OMOLOGAZIONE NUOVA SUPERFICIE DI GIOCO 4000,00 TASSA OMOLOGAZIONE NUOVO MODELLO DI PALLE DA GIOCO 3.000,00 TASSA OMOLOGAZIONE NUOVO MODELLO DI PALLE DA GIOCO (DAL TERZO MODELLO IN POI) 1.500,00 TASSA RINNOVO OMOLOGAZIONE PALLE DA GIOCO 2.000,00 TASSA RINNOVO OMOLOGAZIONE PALLE DA GIOCO(DAL TERZO MODELLO IN POI) 1.000,00 **** MASSIMALI MONTEPREMI 2011 Tornei Singolare maschile Singolare femminile Doppio maschile Doppio femminile Euro Euro Euro Euro Open , , , ,00 1' categoria , , , ,00 2' categoria 5.000, , , ,00 3' categoria 1.800, , ,00 600,00 4' categoria 1.200, ,00 600,00 400,00 Veterani 1.500, ,00 800,00 500,00 I suddetti massimali possono essere elevati del 15% nel caso che la differenza venga assegnata nella conclusione delle sezioni intermedie

8 MASSIMALI MONTEPREMI 2012 TORNEI DI BEACH TENNIS OPEN SECONDA CATEGORIA TERZA CATEGORIA QUARTA CATEGORIA 5.000, ,00 500,00 300,00 Nelle gare di doppio il premio si intende per la coppia. Nel caso di tornei limitati ad alcuni gruppi delle varie categorie, il massimale del montepremi dovrà essere quello della categoria defalcato del 10% per ogni gruppo escluso dal torneo stesso. I tornei giovanili non possono essere dotati di montepremi, ma solo di eventuale ospitalità o rimborso spese. I tornei per NC di 4 categoria non possono essere dotati di montepremi, né di ospitalità, né di rimborsi spesa, né di premi in natura al di fuori di coppe, targhe o medaglie se non espressamente autorizzati dal Comitato Regionale. MASSIMALI DELLE QUOTE D'ISCRIZIONE AI TORNEI di competenza dell'affiliato organizzatore, per giocatore nelle gare di singolare e per coppia nelle gare di doppio Tornei open con montepremi uguale o superiore a Euro ,00 Tornei di 1^ o 2^ categoria 20,00 Tornei open con montepremi uguale o superiore a Euro (giocatori 16&under) 15,00 Tornei di 1^ o 2^ categoria (giocatori 16&under) 15,00 Tornei open con montepremi inferiore a Euro ,00 Tornei di 3^ o 4^ categoria 15,00 Tornei open con montepremi inferiore a Euro (giocatori 16&under) 10,00 Tornei di 3^ o 4^ categoria (giocatori 16&under) 10,00 Tornei per veterani 15,00 Tornei Under 16,14,12,10 con approvazione di competenza della F.I.T. 13,00 Tornei Under 16,14,12,10 con approvazione di competenza del C.R. 10,00 Tornei non agonistici (per gli over 16) 7,00 Tornei non agonistici (per gli under 16) 4,50 Tornei di Beach Tennis con montepremi superiore a ,00 Tornei di Beach Tennis con montepremi inferiore a ,00 Tornei di Beach Tennis per i giocatori under 16 il 50% Tornei di Paddle circuito nazionale 20,00 Tornei di Paddle regionali 15,00 3) REGOLAMENTI La Giunta Nazionale del CONI, con delibera n. 408 del 29 novembre 2011, ha approvato, ai fini sportivi, le modifiche al Regolamento dei tecnici, come deliberate dal Consiglio Federale della FIT nella riunione del 7 luglio Il testo viene di seguito ripubblicato integralmente.

9 REGOLAMENTO DEI TECNICI CAPO I ESCLUSIVITÀ DELL'INSEGNAMENTO Articolo 1 - Competenze esclusive della F.I.T. 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.),.. ha l'esclusività di definire ed aggiornare i criteri ed i livelli dell'insegnamento del tennis, in applicazione al sistema nazionale di qualifica dei tecnici sportivi (SNaQ), concordato con il Comitato olimpico nazionale italiano (C.O.N.I.). 2. La F.I.T. provvede altresì alla formazione ed alla disciplina dei tecnici, quale corpo insegnante tecnico specializzato ed abilitato in via esclusiva all'insegnamento del tennis. 3. Le norme del presente regolamento si applicano a tutti i settori sportivi federali, compresi nella generica dizione di tennis, salvo che sia indicato diversamente. Articolo 2 - Competenze esclusive degli iscritti nell'albo e negli Elenchi 1. Possono insegnare tennis presso gli affiliati solamente coloro che, avendo superato i corsi organizzati dalla F.I.T., sono iscritti nell'albo o negli Elenchi previsti dal presente Regolamento. 2. I tesserati F.I.T. che esercitano abusivamente l'insegnamento del tennis sono passibili di sanzioni disciplinari. Articolo 3 - Divieti per gli affiliati 1. Agli affiliati è vietato. utilizzare tecnici non qualificati dalla FIT sia per corsi collettivi sia per lezioni singole. 2. Gli affiliati inoltre non debbono consentire sui propri impianti l insegnamento che il presente regolamento vieta, sia con riferimento al tecnico sia alle modalità di svolgimento. 3. La trasgressione comporta, a carico dell'affiliato e dei suoi dirigenti, la sottoposizione ai procedimenti disciplinari previsti dal Regolamento di giustizia. CAPO II ISTITUTO SUPERIORE DI FORMAZIONE ROBERTO LOMBARDI Articolo 4 Istituto superiore di formazione Roberto Lombardi 1. L Istituto superiore di formazione Roberto Lombardi è istituito dalla F.I.T., ha sede in Roma ed è l'unico abilitato alla formazione dei tecnici e di tutti gli operatori che, direttamente od indirettamente, contribuiscono alla promozione del tennis. 2. Per lo svolgimento della propria attività utilizza le strutture e gli impianti messi a disposizione dalla F.I.T., dal C.O.N.I. e dalle Università. 3. L Istituto sostituisce la Scuola nazionale maestri. Articolo 5 - Compiti dell Istituto 1. L Istituto, ha i seguenti compiti: a) promuovere la formazione didattica e professionale di coloro che intendono dedicarsi all'insegnamento del tennis; b) organizzare corsi ed esami per il conseguimento di tutte le qualifiche dei tecnici; c) organizzare corsi di istruzione e di aggiornamento per diffondere ed accrescere la cultura scientifica, tecnica e didattica necessaria alla preparazione ed al perfezionamento dei tecnici,.; d) organizzare corsi di istruzione e di aggiornamento per promuovere la crescita culturale degli atleti

10 e dei dirigenti e professionale degli agenti; e) promuovere ed organizzare scambi tecnici e culturali con tecnici di nazioni estere e con gli organismi simili del C.O.N.I. e delle Federazioni sportive nazionali; f) organizzare e coordinare l'attività dei tecnici designati, per ogni regione, quali Fiduciari regionali dell Istituto; g) definire i principi organizzativi delle scuole tennis necessari per il riconoscimento federale; h) indicare gli standard qualitativi, quantitativi ed organizzativi per il riconoscimento dei centri estivi; i) indicare gli standard qualitativi che le scuole tennis di tutto il territorio nazionale devono adottare; j) definire i protocolli formativi per tecnici; k) studiare e adottare modelli di preparazione di alto livello; l) sviluppare piani e progetti orientati alla selezione di atleti di alto livello agonistico. Articolo 6 - Comitato direttivo 1. Il Consiglio federale nomina il Presidente ed i sette componenti del Comitato direttivo dell Istituto, per la durata del quadriennio olimpico. 2. Il Comitato direttivo si riunisce almeno una volta ogni tre mesi, su convocazione del presidente inviata per iscritto in qualunque forma (posta, telefax, posta elettronica, ecc.) almeno otto giorni prima della seduta. 3. Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza del presidente e di almeno quattro componenti; il Comitato decide a maggioranza dei presenti ed in caso di parità nelle votazioni palesi prevale il voto del presidente. Articolo 7 - Funzioni del Comitato direttivo. 1. Il Comitato direttivo dell Istituto ha competenza in materia di: a) realizzazione dei compiti dell Istituto, in applicazione delle direttive del Consiglio federale; b) organizzazione e svolgimento di corsi ed esami; c) tenuta dell Albo e degli Elenchi. Articolo 8 - Fiduciari regionali. 1. Il Comitato direttivo dell Istituto propone al Consiglio federale la nomina, in ogni regione, di uno o più fiduciari, sentito il parere del Comitato regionale di competenza. 2. La nomina ha la durata del quadriennio olimpico. 3. I fiduciari hanno il compito di collaborare, in ambito territoriale regionale, per la realizzazione dei compiti istituzionali dell Istituto. CAPO III GESTIONE. Articolo 9 - Attività 1. L'attività dell Istituto è competenza del Comitato direttivo, che si avvale dell'opera di collaboratori tecnico-didattici. Articolo 10 - Programma e piano di spese 1. Il Comitato direttivo, entro il 15 ottobre di ogni anno, redige un programma di attività ed il relativo piano di spesa, che devono essere sottoposti all approvazione del Consiglio federale.

11 CAPO IV ESAMI Articolo 11 - Bandi di concorso 1. La F.I.T. bandisce annualmente concorsi per esami di ammissione ai corsi organizzati per la formazione di tecnici e di operatori. 2. Fissa, su proposta dell Istituto, i criteri, i titoli, la documentazione e le condizioni per l'ammissione agli esami di concorso e per la successiva frequenza ai corsi. 3. In particolare, per essere ammessi agli esami di concorso è necessario avere almeno i seguenti requisiti: a) aver compiuto l età minima prevista per ogni singola qualifica; b) non aver riportato condanne penali passate in giudicato per reati non colposi a pene detentive superiori ad un anno ovvero a pene che comportano l'interdizione dai pubblici uffici superiore ad un anno; c) non essere stati assoggettati, da parte del C.O.N.I. o di una qualsiasi Federazione sportiva, a squalifiche o ad inibizioni complessivamente di durata superiore ad un anno. Articolo 12 - Corsi 1. L Istituto organizza annualmente corsi, comprensivi di tirocinio, per la formazione di tecnici, fissandone durata, sedi, tempi e modalità di svolgimento. 2..abrogato 2. Il Comitato direttivo dell Istituto può proporre al Consiglio federale l esclusione. di allievi che mostrino un comportamento non compatibile con le finalità dei corsi. Articolo 13 - Esami 1. Al termine del corso, gli allievi sostengono gli esami finali per il conseguimento della qualifica prevista dal corso frequentato. Articolo 14 - Diplomi e targhe 1. La F.I.T. rilascia diplomi a coloro che hanno superato gli esami finali dei corsi. 2. Rilascia altresì targhe che possono essere esposte dai tecnici presso gli impianti ove svolgono la propria attività. CAPO V ALBO, ELENCHI E QUALIFICHE Articolo 15 - Albo ed elenchi 1. Nell'Albo sono iscritti coloro che hanno conseguito la qualifica di maestro o di tecnico Negli Elenchi sono iscritti coloro che hanno conseguito la qualifica di istruttore.. o di preparatore fisico.. 3. In calce all Albo ed agli elenchi sono indicati, con la dizione ad esaurimento, le qualifiche soppresse ed i titolari delle stesse fino a quando non abbiano provveduto alla loro conversione nelle nuove qualifiche. 4. La tenuta dell'albo e degli Elenchi è competenza del Comitato direttivo dell Istituto. Articolo 16 Qualifiche dei tecnici 1. Sono tecnici abilitati all insegnamento del tennis, con valenza didattica crescente: a) l istruttore di primo grado;

12 b) l istruttore di secondo grado; c) il maestro nazionale; d) il tecnico nazionale. 2. Sono tecnici abilitati ad attività connesse con l insegnamento del tennis: a) il preparatore fisico di primo grado; b) il preparatore fisico di secondo grado; c) abrogata. 3. Il conseguimento delle qualifiche per l abilitazione all insegnamento del tennis e per la preparazione fisica avviene in ordine sequenziale, fatta eccezione per quella di maestro nazionale ad honorem concessa dal Consiglio federale. 4. Il superamento della prova di esame relativa al conseguimento di una qualifica dà diritto, in presenza dei requisiti relativi alla classifica federale o all anzianità di permanenza nella qualifica, ad accedere al bando per la partecipazione nello stesso anno al corso per il conseguimento della qualifica di grado immediatamente superiore.. Articolo 17 Istruttore di primo grado 1. La qualifica di istruttore di primo grado, che ha validità biennale con conferma al termine del primo anno, è conseguita dai candidati che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età all inizio del corso attraverso l'idoneità ottenuta con la frequenza di un corso di formazione, richiesta da un affiliato, comprensivo di un periodo di tirocinio corrispondente almeno a dieci crediti ed il superamento degli esami finali. 2. La qualifica di istruttore di primo grado è altresì attribuita agli studenti degli Istituti universitari di scienze motorie che abbiano frequentato il primo anno del corso di tennis previsto dall Istituto di appartenenza, abbiano superato l esame finale e abbiano svolto il tirocinio e superati gli esami nelle materie previste dalla convenzione stipulata tra l Istituto medesimo e la F.I.T. 3. L istruttore di primo grado può collaborare con un maestro nazionale solo nei corsi di minitennis per l affiliato che ha richiesto la sua formazione. 4. Su richiesta del presidente dell affiliato, può essere autorizzato dal Comitato direttivo dell Istituto all insegnamento del minitennis e nei corsi collettivi, senza la presenza di un maestro nazionale. 5. Il presidente dell affiliato è responsabile del fatto che l attività sia svolta dall istruttore entro i limiti previsti dal presente articolo. 6. Per la conferma o il rinnovo della qualifica, al termine di ogni anno, l istruttore deve inviare al Comitato direttivo dell Istituto ed al Comitato regionale di appartenenza una relazione sull attività svolta, attestata dal presidente dell affiliato per il quale ha operato., unitamente alla richiesta dell affiliato medesimo o di altro affiliato di utilizzare l opera dell istruttore. 7. Il rinnovo della qualifica è subordinato inoltre alla partecipazione ad un corso di aggiornamento. Articolo 18 Istruttore di secondo grado 1. La qualifica di istruttore di secondo grado, che ha carattere permanente, è conseguibile dall istruttore di primo grado che abbia compiuto il ventesimo anno di età all inizio del corso, che abbia svolto due anni di attività professionale documentata e che abbia ottenuto il rinnovo annuale della qualifica, salva la deroga prevista dal comma 4 del precedente articolo La qualifica di istruttore di secondo grado si ottiene dopo: a) la frequenza di un corso di formazione, comprensivo di un periodo di tirocinio corrispondente almeno a venti crediti; b) il superamento di un esame finale. c) abrogata d) abrogata 3. Per il mantenimento dell iscrizione negli Elenchi, l istruttore di secondo grado è tenuto a partecipare ogni due anni ad un corso d aggiornamento obbligatorio. 4. Nell ambito della progressione didattica (che prevede il minitennis, l avviamento al tennis, il perfezionamento e la specializzazione), l istruttore di secondo grado può operare in completa autonomia solo per l insegnamento del minitennis, consentendo all affiliato la possibilità di richiedere la certificazione di qualità dell insegnamento per detto settore.

13 5. L istruttore di secondo grado può altresì collaborare con un maestro nazionale nei corsi di avviamento, perfezionamento e specializzazione. 6. Su richiesta motivata del presidente dell affiliato, può essere autorizzato, in particolari casi, dal Comitato direttivo dell Istituto all insegnamento dell avviamento e del perfezionamento senza la presenza di un maestro o di un tecnico nazionale. 7. La qualifica di istruttore di secondo grado è altresì conseguita dagli studenti degli Istituti universitari di scienze motorie che, oltre ad aver maturato i requisiti di cui al comma 2 dell articolo 17, abbiano frequentato il secondo anno del corso di tennis presso l Istituto di appartenenza, abbiano superato l esame finale e abbiano svolto il tirocinio e superati gli esami nelle materie previste dalla convenzione stipulata tra l Istituto medesimo e la F.I.T. 8. abrogato. 8. Il presidente dell affiliato è responsabile del fatto che l attività sia svolta dall istruttore entro i limiti previsti dal presente articolo. Articolo 19 Maestro nazionale 1. La qualifica di maestro nazionale, che ha carattere permanente, è conseguita dagli istruttori di secondo grado che abbiano compiuto il ventunesimo anno di età prima dell inizio del corso attraverso l'idoneità ottenuta con la frequenza di un corso di formazione, comprensivo di un periodo di tirocinio corrispondente ad almeno venti crediti, ed il superamento di un esame finale, salva la deroga prevista dal comma 4 del precedente articolo Il maestro nazionale può svolgere la propria attività in tutto il territorio nazionale, dirigendo scuole di tennis che prevedano, nell ambito della progressione didattica, l insegnamento del minitennis, dell avviamento al tennis, del perfezionamento e della specializzazione; è abilitato inoltre a seguire atleti che svolgono per lo più attività di alto livello in ambito nazionale, con esclusione di atleti di livello internazionale con classifica ATP o WTA. 3.. abrogato Articolo 20 - Maestro nazionale "ad honorem" 1. Il Consiglio federale può concedere, anche a domanda, la qualifica di maestro nazionale ad honorem agli ex-giocatori della Coppa Davis, alle ex-giocatrici della Federation cup, agli ex atleti olimpici, nonché ai docenti benemeriti per l attività formativa di alto livello svolta in ambito federale. 2. La loro iscrizione nell'albo avviene su semplice richiesta scritta di convalida della tessera. 3. Essi sono esonerati dal versamento della tassa annuale di iscrizione e dalla frequenza ai corsi obbligatori di aggiornamento, se non svolgono attività di cui al presente regolamento. 4. Per operare come maestri nazionali devono tuttavia frequentare un corso di formazione, con particolare riferimento al mini-tennis, e superare un esame presso l Istituto, nonché partecipare ai corsi di aggiornamento previsti. Articolo 21 Tecnico nazionale 1. La qualifica di tecnico nazionale, che ha carattere permanente, è conseguita dai maestri nazionali che abbiano compiuto il venticinquesimo anno di età prima dell inizio del corso attraverso l'idoneità ottenuta con la frequenza di un corso di formazione corrispondente ad almeno cinquanta crediti, comprensivo di un periodo di tirocinio, ed il superamento di un esame finale, salva la deroga prevista al comma 4 del precedente articolo Il tecnico nazionale può svolgere in tutto il territorio nazionale le funzioni attribuite al maestro nazionale ed è abilitato, inoltre, a seguire atleti di livello internazionale con classifica ATP o WTA. Articolo abrogato Articolo 23 - abrogato

14 Articolo 22 - Preparatore fisico 1. La qualifica di preparatore fisico di primo grado è conseguita dai diplomati I.S.E.F. e dai laureati in scienze motorie mediante la frequenza di un corso di formazione organizzato dall Istituto ed il superamento di un esame finale; il corso può essere tenuto anche presso una facoltà di scienze motorie per gli studenti della medesima ed in tal caso il conseguimento della qualifica è subordinato anche al conseguimento del relativo titolo di studio. 2. Il preparatore fisico di primo grado è abilitato a svolgere la sua attività professionale con esclusivo riferimento alle fasi del minitennis, dell avviamento e del perfezionamento. 3. La qualifica di preparatore fisico di secondo grado è conferita al preparatore fisico di primo grado dichiarato idoneo dopo la frequenza del corso di formazione e superamento dell esame finale. 4. Il preparatore fisico di secondo grado è abilitato a svolgere la sua attività professionale anche con riferimento alle fasi di specializzazione e di allenamento di giocatori di alto livello. 5. abrogato. Articolo 23 Qualifiche ad esaurimento e conversione 1. Le qualifiche di maestro, di allenatore-istruttore e di istruttore regionale non sono più conseguibili e sono mantenute, sino ad esaurimento, per coloro che le hanno già acquisite. 2. Entro il 31 dicembre 2012, i titolari possono convertire la qualifica in quelle a) di maestro nazionale, se hanno la qualifica di maestro di tennis; b) di istruttore di secondo grado, se hanno la qualifica di allenatore-istruttore o di istruttore regionale; partecipando ad un corso di aggiornamento corrispondente almeno a venti crediti, secondo le disposizioni emanate dal Comitato direttivo dell Istituto. 3. Se non ottengono la conversione della qualifica, mantengono l iscrizione al rispettivo Albo o Elenco ed, ai fini operativi, sono equiparati: a) agli istruttori di secondo grado, se hanno la qualifica di maestro di tennis; b) agli istruttori di primo grado, se hanno la qualifica di allenatore-istruttore o di istruttore regionale. 4. La conversione della qualifica avviene con esonero dalla partecipazione al predetto corso di aggiornamento per gli allenatori-istruttori, gli istruttori regionali ed i maestri di tennis che abbiano compiuto il sessantacinquesimo anno di età e risultino in regola con il pagamento delle quote di iscrizione all Albo od Elenco rispettivi, fermi restando gli obblighi previsti dal presente regolamento per l esercizio dell attività e per la permanenza nell Albo e negli Elenchi dei tecnici federali. 5. La qualifica di istruttore di beach tennis, conseguita prima del 30 giugno 2011, è convertita, con la partecipazione ad un corso di aggiornamento, in quella di istruttore di secondo livello di beach tennis. Articolo 24 Altre qualifiche 1. Per l insegnamento delle altre discipline sportive gestite dalla F.I.T., sono inoltre previste le seguenti qualifiche: a) istruttore di primo livello di beach tennis; b) istruttore di beach tennis di secondo livello; c) maestro di beach tennis; d) istruttore per il paddle.. 2. Il conseguimento delle qualifiche per l abilitazione all insegnamento del beach tennis avviene in ordine sequenziale. Articolo 25 Istruttore di primo livello di beach tennis 1. La qualifica di istruttore di primo livello di beach tennis, che ha validità biennale, con conferma al termine del primo anno, è conseguita dai candidati che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età all inizio del corso, attraverso l idoneità ottenuta con la frequenza di un corso di formazione,

15 comprensivo di un tirocinio corrispondente ad almeno dieci crediti, ed il superamento degli esami finali. 2. L istruttore può operare in completa autonomia solo per l avviamento al beach tennis, avendo per allievi esclusivamente giocatori principianti o che posseggano classifica federale di quarta categoria. 3. Il Presidente dell affiliato è responsabile del fatto che l attività sia svolta dall istruttore entro i limiti previsti dal presente articolo. 4. Per la conferma o il rinnovo della qualifica, al termine di ogni anno, l istruttore deve inviare al Comitato direttivo dell Istituto ed al Comitato regionale di appartenenza una relazione sull attività svolta, attestata dal presidente dell affiliato presso il quale ha operato, unitamente alla richiesta dell affiliato medesimo o di altro affiliato di utilizzare l opera dell istruttore. 5. Inoltre il rinnovo della qualifica è subordinato alla partecipazione ad un corso di aggiornamento corrispondente ad almeno dieci crediti. Articolo 26 Istruttore di secondo livello di beach tennis 1. La qualifica di istruttore di secondo livello di beach tennis, che ha carattere permanente, è conseguita dagli istruttori di primo livello che abbiano compiuto il ventunesimo anno di età all inizio del corso, attraverso l idoneità ottenuta con la frequenza di un corso di formazione, comprensivo di un tirocinio corrispondente ad almeno venti crediti, ed il superamento degli esami finali. 2. L istruttore di secondo livello può svolgere in tutto il territorio nazionale le funzioni attribuite all istruttore di primo livello ed è abilitato, inoltre, a seguire atleti agonisti che svolgono attività di livello nazionale con esclusione di atleti di prima categoria o di atleti che svolgono attività di livello internazionale. Articolo 27 Maestro di beach tennis 1. La qualifica di maestro di beach tennis, che ha carattere permanente, è conseguita dagli istruttori di secondo livello di beach tennis che abbiano compiuto il venticinquesimo anno di età all inizio del corso, attraverso l idoneità ottenuta con la frequenza di un corso di formazione, comprensivo di tirocinio corrispondente ad almeno cinquanta crediti, ed il superamento degli esami finali. 2. Il maestro di beach tennis può svolgere in tutto il territorio nazionale le funzioni attribuite all istruttore di secondo livello ed è abilitato, inoltre, a seguire atleti di prima categoria o atleti che svolgono attività di livello internazionale. CAPO VI ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ Articolo 28 - Condizione professionale 1. I tecnici, per esercitare la loro attività, devono essere tesserati della F.I.T., iscritti nell'albo e negli Elenchi della F.I.T. ed essere in possesso di certificazione di idoneità fisica, rilasciata da un medico sportivo o da una commissione medica della F.M.S.I; la certificazione non è richiesta ove il tecnico sia in possesso di tessera agonistica. 2. La permanenza nell'albo e negli Elenchi è subordinata alla frequenza obbligatoria dei corsi di aggiornamento previsti dal Consiglio federale, su proposta del Comitato direttivo dell Istituto. 3. abrogato Articolo 29 - Iscrizione nell'albo e negli Elenchi 1. Hanno diritto di iscriversi nell Albo e negli Elenchi coloro che hanno superato gli esami finali dei corsi banditi dalla FIT ed abbiano tutti i requisiti previsti per l iscrizione. 2. Al momento dell iscrizione, i tecnici devono indicare la sede della loro attività e dare conferma o indicare eventuali variazioni ad ogni annuale rinnovazione. 3. La domanda di iscrizione deve essere corredata della documentazione richiesta e della tassa annualmente stabilita; l importo della tassa è ridotto alla metà per i tecnici che dichiarino di svolgere e svolgano la propria attività esclusivamente per la FIT o per gli enti ad essa affiliati od aggregati in via

16 esclusiva. 4. Gli iscritti agli Albi ed agli Elenchi sono tenuti al pagamento anticipato, entro il 31 dicembre, delle tasse annuali per il rinnovo dell iscrizione per l anno successivo. 5. Gli iscritti nell Albo e negli Elenchi, che non effettuano il pagamento delle tasse annuali entro il termine del 31 dicembre per l anno successivo, sono considerati in posizione irregolare e non possono svolgere alcuna attività federale. 6. I tecnici in regola con il pagamento delle tasse annuali, al compimento del sessantacinquesimo anno, possono chiedere il mantenimento dell iscrizione, con esonero dal pagamento della predetta tassa annuale. Articolo 30 - Sospensione dall'albo e dagli Elenchi 1. La sospensione dall'albo e dagli Elenchi può avvenire: a) per mancata frequenza ai corsi obbligatori di aggiornamento; b) per la posizione irregolare derivante dalla morosità nei confronti della F.I.T. c) per violazione dell impegno dichiarato di svolgere attività esclusivamente per la FIT e per gli enti ad essa affiliati o aggregati in via esclusiva; d) per provvedimento adottato dagli organi di giustizia. 2. I tecnici, sospesi dall'albo o dagli Elenchi per il motivo di cui alla lettera a) del comma precedente, sono inibiti dallo svolgimento della propria attività; la sospensione è revocata a seguito della partecipazione ad un corso di aggiornamento ed al pagamento delle tasse annuali dovute. 3. I tecnici, sospesi dall'albo o dagli Elenchi per il motivo di cui alla lettera b) del precedente comma 1, sono inibiti da ogni attività federale; la sospensione è revocata a seguito del pagamento delle tasse annuali e di quant altro dovuto. 4. I tecnici, sospesi dall'albo o dagli Elenchi per il motivo di cui alla lettera c) del precedente comma 1, sono inibiti dallo svolgimento della propria attività; la sospensione è revocata a seguito del pagamento della tassa di iscrizione intera. Articolo 31 - Cancellazione dall'albo e dagli Elenchi 1. La cancellazione dall'albo e dagli Elenchi può avvenire: a) per rinuncia alla qualifica; b) per sospensione non sanata entro l anno successivo; c) per revoca del tesseramento; d) per provvedimento adottato dagli organi di giustizia. Articolo 32 - Rinuncia alla qualifica 1. I tecnici possono rinunciare alla qualifica presentando domanda scritta alla F.I.T. 2. Il Consiglio federale delibera sulle domande, sentito il parere del Comitato direttivo dell Istituto. 3. La deliberazione opera dalla data di pronuncia, ma ha efficacia dal giorno della presentazione della domanda. Articolo 33 - Reiscrizione nell'albo e negli Elenchi 1. I tecnici, che siano stati depennati dall'albo e dagli Elenchi da non più di tre anni per motivi diversi dalla revoca del tesseramento o dal provvedimento adottato dagli organi di giustizia, possono essere reiscritti negli stessi, previo pagamento delle tasse annuali dovute, oltre alla tassa di riammissione e previa partecipazione al corso obbligatorio di aggiornamento, prescritto per la qualifica di appartenenza. 2. Qualora la cancellazione sia stata effettuata da oltre tre anni, gli interessati possono essere reiscritti alle seguenti condizioni: a) pagamento delle tasse annuali dovute; b) pagamento della tassa di riammissione; c) frequentazione di alcuni moduli presenti nel piano di studi del corso di formazione prescritto per la qualifica di appartenenza; d) aver sostenuto, con esito positivo, una prova di idoneità didattica presso l Istituto.

17 Articolo 34 - Tesseramento 1. Gli iscritti nell'albo e negli Elenchi devono essere in possesso di tessera F.I.T. 2. Per svolgere l attività l'attività agonistica, devono munirsi della relativa tessera atleta. Articolo 35 - Stranieri 1. Lo straniero, in possesso di un titolo per l'insegnamento del tennis o per poter operare come preparatore fisico, ottenuto da una Federazione sportiva estera aderente alla International tennis federation (I.T.F.), per svolgere tale attività in Italia, deve: a) avere compiuto gli anni previsti per la qualifica richiesta; b) avere la residenza in Italia; c) non aver riportato condanne penali passate in giudicato per reati non colposi a pene detentive superiori ad un anno ovvero a pene che comportano l'interdizione dai pubblici uffici superiore ad un anno; d) non essere stato assoggettato, da parte della Federazione sportiva estera di appartenenza, a squalifiche o ad inibizioni complessivamente di durata superiore ad un anno; e) ottenere dal Consiglio federale il riconoscimento del titolo estero per l'insegnamento del tennis; f) essere iscritto nell'albo o negli Elenchi. 2. Al fine di ottenere il riconoscimento del proprio titolo di tecnico e l'inquadramento in una delle qualifiche previste dal presente Regolamento, lo straniero deve presentare al Consiglio federale una domanda scritta, corredata dai seguenti documenti, in originale o in copia autenticata, con traduzione in italiano certificata per conformità: a) titolo di studio; b) titolo di tecnico ottenuto nello Stato estero; c) dichiarazione della Federazione che ha concesso il titolo, con il dettaglio delle prove di esame; d) "curriculum vitae"; e) attestazione della F.I.T. circa la classifica riconosciutagli in Italia. 3. Il riconoscimento della qualifica posseduta dallo straniero comunitario avviene previa individuazione del livello di competenza valido per la Comunità europea e della corrispondente qualifica della F.I.T. 4. Il riconoscimento della qualifica posseduta dallo straniero non comunitario è subordinato: a) all accertamento del suo livello di competenza; b) alla frequenza di un corso di formazione adeguato al livello di competenza accertato; c) al versamento di una tassa annualmente fissata dal Consiglio federale sia per l accertamento del livello di competenza, sia per la frequenza al corso di aggiornamento. Articolo 36 - Scuole di tennis 1. Solo l'affiliato può presentare domanda alla F.I.T., tramite il Comitato regionale territorialmente competente, per il riconoscimento e quindi l'organizzazione di una scuola di tennis, nel rispetto e con il possesso almeno dei seguenti requisiti: a) disponibilità di impianti specifici per il tennis e per la preparazione fisica; b) un tecnico nazionale o un maestro nazionale oppure, per l insegnamento del solo minitennis, un istruttore di secondo grado; c) un preparatore fisico; d) abrogato... d) un numero di allievi non inferiore a venti, salve deroghe concesse dal Consiglio federale. 2. Un maestro nazionale od un tecnico nazionale non possono dirigere più di due scuole di tennis contemporaneamente. Articolo 37 Scuole di tennis riconosciute e centri federali periferici 1. Le scuole riconosciute dalla F.I.T. possono essere di cinque tipi: a) Club school (una stella): in questa tipologia di scuola si possono svolgere solo corsi collettivi tenuti da un istruttore di primo grado; b) Basic school (due stelle): svolge l insegnamento delle seguenti fasi della progressione didattica: minitennis e avviamento; può essere diretta da un maestro nazionale o, nel caso in cui si insegni

18 il solo minitennis, da un istruttore di secondo grado; c) Standard school (tre stelle): svolge l insegnamento delle seguenti fasi della progressione didattica: minitennis, avviamento e perfezionamento; può essere diretta da un tecnico nazionale o da un maestro nazionale; d) Super school (quattro stelle): svolge l insegnamento delle seguenti fasi della progressione didattica: minitennis, avviamento, perfezionamento e specializzazione; può essere diretta da un tecnico nazionale o da un maestro nazionale; e) Top school (cinque stelle): svolge l insegnamento di tutte le fasi della progressione didattica: minitennis, avviamento, perfezionamento, specializzazione ed allenamento; può essere diretta esclusivamente da un tecnico nazionale. 2. Le scuole riconosciute, seguite e monitorate costantemente dalla F.I.T. in virtù dell adesione ai progetti indicati dall Istituto, hanno la denominazione di Centro federale periferico. 3. Il riconoscimento dei centri federali e delle scuole è di competenza del Consiglio federale, su proposta del Comitato direttivo dell Istituto che definisce i parametri per la qualificazione delle stesse. Norma transitoria La nuova regolamentazione prevista nell articolo 37 si applica con decorrenza dal 1 ottobre Articolo 38 Centri estivi 1. I tecnici possono prestare la propria attività nell ambito dei centri estivi solo se gli stessi sono riconosciuti dalla F.I.T. 2. Il riconoscimento dei centri estivi è subordinato al rispetto delle norme regolamentari emanate dal Consiglio federale e di quelle organizzative emanate dal Comitato direttivo dell Istituto. CAPO VII OBBLIGHI E DIVIETI Articolo 39 Valore della maglia azzurra 1. I tecnici devono adoperarsi fattivamente per promuovere i valori connessi alla maglia azzurra, simbolo delle rappresentative nazionali, e commettono violazione regolamentare se allenano od assistono atleti che abbiano rifiutato la convocazione nelle selezioni nazionali. Articolo 40 - Divieto di istituire scuole per tecnici 1. L'istituzione di scuole e corsi di preparazione per tecnici è competenza esclusiva della F.I.T. e non è consentita l'iniziativa a chiunque altro. 2. Chi contravviene al precedente divieto è passibile di sanzione disciplinare. Articolo 41 - Divieto di collaborazione con tecnici non qualificati dalla FIT 1. I tecnici non possono prestare la loro collaborazione o riceverla da persone che non siano in possesso di una qualifica rilasciata dalla F.I.T. 2. I trasgressori sono sottoposti a procedimento disciplinare.

19 CAPO VIII DISCIPLINA Articolo 42 - Deferimento da parte del Comitato direttivo dell Istituto 1. Il Comitato direttivo dell Istituto deve deferire alla Procura federale gli iscritti nell'albo e negli E- lenchi per infrazioni disciplinari commesse nell'esercizio dell'attività di insegnamento. CAPO IX NORMATIVA Articolo 43 - Rispetto delle norme 1. Tutti gli iscritti nell'albo e negli Elenchi sono tenuti al rispetto dello Statuto e dei Regolamenti della F.I.T. e della normativa C.O.N.I. e sono tenuti altresì ad osservare le disposizioni degli organi della F.I.T. e del Comitato direttivo dell Istituto. Articolo 44 Entrata in vigore 1. Il presente Regolamento entra in vigore a seguito dell approvazione da parte della Giunta nazionale del CONI. Il Presidente Angelo Binaghi

REGOLAMENTO DEI TECNICI

REGOLAMENTO DEI TECNICI 1 2 CAPO I ESCLUSIVITÀ DELL'INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DEI TECNICI Art. 1 - Competenze esclusive della F.I.T. 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.), quale organo del Comitato olimpico nazionale italiano

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INSEGNANTI DI TENNIS

REGOLAMENTO DEGLI INSEGNANTI DI TENNIS REGOLAMENTO DEGLI INSEGNANTI DI TENNIS 1 2 CAPO I ESCLUSIVITÀ DELL'INSEGNAMENTO Art. 1 - Competenze esclusive della F.I.T. 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.), quale organo del Comitato olimpico

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSI DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO Dl FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 2 GRADO Anno 2016 La Federazione Italiana Tennis indice un

Dettagli

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS (edizione 2011 Atti ufficiali n. 4/2011) (aggiornamento Atti ufficiali n. 7/2011) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore beach tennis 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Regolamento Generale delle Gare di Squash

Regolamento Generale delle Gare di Squash Regolamento Generale delle Gare di Squash Approvato dal Consiglio Federale del 12 settembre 2015 2 TITOLO I - GENERALITÀ Art. 1. Ambito di validità Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010)

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore paddle 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore paddle per l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 settembre 2013 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

FIGB - FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE TESSERAMENTO - ISCRIZIONI 2015

FIGB - FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE TESSERAMENTO - ISCRIZIONI 2015 FIGB - FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE TESSERAMENTO - ISCRIZIONI 2015 QUOTE FEDERALI Enti Affiliazione Riaffiliazione Scuola Federale Ente Autorizzato/Scuola Federale Ente Autorizzato Scuola dell Affiliato

Dettagli

Oggetto: affiliazione, tesseramento, campionati a squadre e tornei 2014.

Oggetto: affiliazione, tesseramento, campionati a squadre e tornei 2014. Trento, 24 febbraio 2014 Ai CIRCOLI TENNIS della Provincia di Trento loro indirizzi Oggetto: affiliazione, tesseramento, campionati a squadre e tornei 2014. Come tutti gli anni vi ricordo che è prossima

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER PREPARATORE FISICO DI 1 GRADO Anno 2015 La Federazione Italiana Tennis

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER PREPARATORE MENTALE DI 1 GRADO PER IL TENNIS Anno 2016 La Federazione Italiana

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

1. Disposizioni di carattere generale

1. Disposizioni di carattere generale Federazione Scacchistica Italiana REGOLAMENTO ISTRUTTORI, INSEGNAMENTO E SCUOLA - RIS INDICE 1. Disposizioni di carattere generale 1.1Principi generali sull insegnamento 1.2 Abilitazione all insegnamento

Dettagli

SISTEMA ITALIA 2014-2015

SISTEMA ITALIA 2014-2015 SISTEMA ITALIA 2014-2015 Scuole Tennis 2014/2015 Il riconoscimento della Scuola Tennis dovrà essere richiesto on line entro il 31 ottobre; nella richiesta dovrà essere indicato il numero dei nuovi allievi

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda presentata

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI F.I.Te.T. - Comitato Regionale Lazio REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI 2013-2014 Sommario PREMESSA...3 Art. 1 QUAL. REGIONALE CAMP. ITALIANI GIOVANILI, 2^ e 3^CAT...3 Art. 2 TORNEI REGIONALI...4

Dettagli

Regolamento Scuole di Motociclismo della Federazione Motociclistica Italiana

Regolamento Scuole di Motociclismo della Federazione Motociclistica Italiana Regolamento Scuole di Motociclismo della Federazione Motociclistica Italiana Approvato con deliberazione n. 519 assunta dal Consiglio Federale n. 17 del 22-23 giugno 2012 e successivamente modificato con

Dettagli

I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età.

I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età. NUOVA EDIZIONE REGOLAMENTO CAMPIONATI A SQUADRE (RCS) Applicazione nuove norme da gennaio 2014 (in corsivo modifiche ed integrazioni rif. Atti Ufficiali FIT circolari n. 8/9/10 agosto/settembre/ ottobre

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016 A ) Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016 TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda presentata

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TECNICI DI ATLETICA LEGGERA TITOLO I I TECNICI DI ATLETICA LEGGERA

REGOLAMENTO DEI TECNICI DI ATLETICA LEGGERA TITOLO I I TECNICI DI ATLETICA LEGGERA REGOLAMENTO DEI TECNICI DI ATLETICA LEGGERA TITOLO I I TECNICI DI ATLETICA LEGGERA Art. 1 - Formazione ed aggiornamento dei tecnici 1. Sono competenze del tecnico di Atletica Leggera la preparazione e

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITA Art. 1 Costituzione È costituita l Associazione sportiva denominata Associazione Sportiva Dilettantistica

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 Allegato n. 2 Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda

Dettagli

Corsi di formazione per: Insegnanti Elementari Istruttori di base Istruttori Giovanili Linee guida

Corsi di formazione per: Insegnanti Elementari Istruttori di base Istruttori Giovanili Linee guida Corsi di formazione per: Insegnanti Elementari Istruttori di base Istruttori Giovanili Linee guida La Federazione Scacchistica Italiana Comitato Regionale Pugliese in collaborazione con il C.O.N.I. Comitato

Dettagli

Oggetto: Bando di Concorso 2 Corso d avviamento per la Formazione di Insegnanti Professionisti di Golf, Scuola Nazionale Professionisti 2016.

Oggetto: Bando di Concorso 2 Corso d avviamento per la Formazione di Insegnanti Professionisti di Golf, Scuola Nazionale Professionisti 2016. Circolare n. 19 Roma, 14 dicembre 2015 Ai Circoli di Golf affiliati e aggregati LORO SEDI e, p.c. Al Consiglio Federale Ai Comitati Regionali Ai Delegati Regionali Alla Commissione Professionisti Al Comitato

Dettagli

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37

L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 L.R. 2/2002, art. 138 B.U.R. 11/9/2002, n. 37 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 9 agosto 2002, n. 0241/Pres. Regolamento di attuazione delle disposizioni contenute nel Titolo VIII della legge regionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F.

REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F. FEDERAZIONE ITALIANA SPORT GHIACCIO REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F. Approvato con Delibera del Consiglio Federale N. 3-11/190 del 29 Aprile 2011 ART. 1 - DEFINIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 50/A Il Consiglio Federale - visto il nuovo testo del Regolamento del Settore Tecnico

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO

FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO A ROTELLE ARTISTICO - CORSA - HOCKEY S.I.P. a R. REGOLAMENTO SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO A ROTELLE S.I.P.a R. ART. 1 - ISTITUZIONE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS CLUB TREBASELEGHE Art. 1 Costituzione 1. E costituita un Associazione Sportiva Tennistica Dilettantistica, sotto la denominazione Associazione Sportiva

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C.

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. Parte I I SOGGETTI TITOLO Vl. - I CALCIATORI Art. 27 I calciatori 1. I calciatori tesserati per la F.I.G.C. sono qualificati nelle seguenti categorie: a) "professionisti";

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

SISTEMA ITALIA PERCORSO FORMATIVO E METODOLOGICO

SISTEMA ITALIA PERCORSO FORMATIVO E METODOLOGICO SISTEMA ITALIA PERCORSO FORMATIVO E METODOLOGICO PERCHE UN SISTEMA ITALIA FIT PREPARATORI FISICI ALLIEVI SCUOLE TENNIS TECNICI UNA MACCHINA CHE FUNZIONA ATTIVITA GIOVANILE (ATTIVITA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE

Dettagli

NOTIZIE UTILI CAMPIONATI A SQUADRE

NOTIZIE UTILI CAMPIONATI A SQUADRE NOTIZIE UTILI CAMPIONATI A SQUADRE CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI Maschile e Femminile distinto in : Divisioni Nazionali (Organizzazione a cura dell Ufficio Tecnico Organizzativo della FIT) Divisioni Regionali

Dettagli

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1

Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica. Corsi di formazione e di informazione. Fuoriclasse cup. Comunicato Ufficilale N 1 Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 4 Attività di formazione, attività promozionale e attività scolastica Corsi di formazione e di informazione Fuoriclasse cup C. ATTIVITA PROMOZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte II Qualificazione, inquadramento e disciplina dei Tecnici Art. 16 Classificazione dei Tecnici 1. I Tecnici che il Settore Tecnico inquadra e/o qualifica, in esecuzione

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena (Emanato con D.R. n. 1529 del 17.10.2012, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.10.2012

Dettagli

IV CIRCUITO DEL PONENTE-ANNO 2015 MEMORIAL RENATO RATIS

IV CIRCUITO DEL PONENTE-ANNO 2015 MEMORIAL RENATO RATIS L IV 1 5 PO N E N T E - M E M O R I A L R E N AT O D E I T O R A T I R C U C 2015-2 0 I S IV CIRCUITO DEL PONENTE-ANNO 2015 MEMORIAL RENATO RATIS 1. SINGOLARE MASCHILE 3^ CATEGORIA 2. SINGOLARE MASCHILE

Dettagli

ALBO degli. edizione anno 2010

ALBO degli. edizione anno 2010 ALBO degli Istruttori di Guida REGOLAMENTO edizione anno 2010 Approvato dal Consiglio Federale n.10 del 24 settembre 2010 con delibera n.234 e successive integrazioni operate dal Consiglio Federale n.

Dettagli

Settore Tecnico Regolamento Scuole di Motociclismo della Federazione Motociclistica Italiana

Settore Tecnico Regolamento Scuole di Motociclismo della Federazione Motociclistica Italiana Regolamento Scuole di Motociclismo della Federazione Motociclistica Italiana Approvato dal Consiglio Federale n. 17 del 22-23 giugno 2012 con deliberazione n.519. Art.1 Definizione e classificazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO SETTORE INSEGNAMENTO (Modificato con Delibera del CF n.34 del 07/06/2014)

REGOLAMENTO SETTORE INSEGNAMENTO (Modificato con Delibera del CF n.34 del 07/06/2014) FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO BRIDGE REGOLAMENTO SETTORE INSEGNAMENTO (Modificato con Delibera del CF n.34 del 07/06/2014) INDICE TITOLO I L INSEGNAMENTO DEL BRIDGE Capo I - Principi generali dell Insegnamento

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SPORTIVO 2016

REGOLAMENTO ANNO SPORTIVO 2016 (Corso I Livello 2016 Allenatore/Personal Trainer) CORSO DI I LIVELLO PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI ALLENATORE/PERSONAL TRAINER REGOLAMENTO ANNO SPORTIVO 2016 1) Organizzazione L organizzazione

Dettagli

Si allega al presente comunicato: - il quadro riepilogativo delle attività ufficiali della stagione sportiva 2015/2016 (allegato n.

Si allega al presente comunicato: - il quadro riepilogativo delle attività ufficiali della stagione sportiva 2015/2016 (allegato n. 1.2 Scuole di Calcio Le Scuole di Calcio e di Calcio a 5, vengono riconosciute dalla F.I.G.C. che ne cura il controllo e il coordinamento per il tramite del Settore Giovanile e Scolastico sulla base dei

Dettagli

COPPA ITALIA A SQUADRE REGOLAMENTO

COPPA ITALIA A SQUADRE REGOLAMENTO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO SQUASH COPPA ITALIA A SQUADRE A TUTELA DELL INTEGRITÀ FISICA PERSONALE SI CONSIGLIA, A TUTTI GLI AGONISTI, L USO, DURANTE IL GIOCO, DEGLI OCCHIALI O DELLA MASCHERA DI PROTEZIONE

Dettagli

CORSO NAZIONALE. Istruttore/Personal Trainer Senior -Sede Roma- II LIVELLO FEDERALE

CORSO NAZIONALE. Istruttore/Personal Trainer Senior -Sede Roma- II LIVELLO FEDERALE CORSO NAZIONALE PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI Istruttore/Personal Trainer Senior -Sede Roma- II LIVELLO FEDERALE REGOLAMENTO ANNO SPORTIVO 2016 Obiettivi del Corso - Formare un Istruttore in grado

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015

CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015 CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE 2014/2015 PROGRAMMA REGOLAMENTO La Federazione Italiana Tennis organizza la prima edizione del CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE DI PADDLE. 1. AMMISSIONE a) Al Campionato potranno

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Lega nazionale tennis Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE

Lega nazionale tennis Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE Lega nazionale tennis Uisp REGOLAMENTO DI FORMAZIONE approvato dal Consiglio nazionale di lega il 27 ottobre 2007 ART. 1 - PRINCIPI GENERALI Sulla base del Regolamento Nazionale per la Formazione nell'uisp

Dettagli

REGOLAMENTO rev. 2015

REGOLAMENTO rev. 2015 Dipartimento Formazione Settore Segreterie di Concorso REGOLAMENTO rev. 2015 Art.1 Il settore Segreterie di Concorso afferisce al Dipartimento Formazione ed ha competenza sui quadri tecnici che gestiscono

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 001

Comunicato Ufficiale N. 001 1 Stagione Sportiva 2010/2011 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali POLISPORTIVE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI PROMOZIONE SPORTIVA GIOVANILI SALESIANE Sede nazionale. Via Nomentana 175-00161 ROMA Tel. 06/4462179 - Fax 06/491310 REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016 L'Associazione

Dettagli

CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO

CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO CAMPIONATO DEGLI AFFILIATI 2015 Divisione nazionale Serie A1 PROGRAMMA - REGOLAMENTO SERIE A1 MASCHILE Alla serie A1 maschile prendono parte 16 squadre divise in quattro gironi da quattro squadre, con

Dettagli

14 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO. Anno 2014 BANDO DI AMMISSIONE

14 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO. Anno 2014 BANDO DI AMMISSIONE 14 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO Anno 2014 BANDO DI AMMISSIONE Il presente Bando espone le caratteristiche fondamentali e le norme di ammissione al 14 Corso Nazionale CONI per

Dettagli

TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI

TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI REGOLAMENTO QUADRI TECNICI GIOVANILI 1 TITOLO I APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI GIOVANILI FIB E RELATIVI ELENCHI ARTICOLO 1 APPARTENENZA AGLI ORGANICI TECNICI DELL AREA SCUOLA FIB E DELL AREA GIOVANILE

Dettagli

Legge 8 marzo 1991, n. 81

Legge 8 marzo 1991, n. 81 Legge 8 marzo 1991, n. 81 Legge-quadro per la professione di maestro di sci e ulteriori disposizioni in materia di ordinamento della professione di guida alpina. 1. Oggetto della legge. 1. La presente

Dettagli

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2012/2013 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE A DI CALCIO A 11 (Stagione Sportiva 2013/2014) REGOLAMENTO 1. SQUADRE PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Federazione

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI Premessa Lo spirito che darà vita al 47 Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2014 si fonda sul principio

Dettagli

COMUNE DI MONASTIR (Provincia di Cagliari) Regolamento comunale per l assegnazione di contributi per lo sviluppo dello sport

COMUNE DI MONASTIR (Provincia di Cagliari) Regolamento comunale per l assegnazione di contributi per lo sviluppo dello sport COMUNE DI MONASTIR (Provincia di Cagliari) Regolamento comunale per l assegnazione di contributi per lo sviluppo dello sport 1. SOSTEGNO ALL ASSOCIAZIONISMO SPORTIVO A. CONTRIBUTI PER L ATTIVITA ORDINARIA

Dettagli

Il Consiglio Federale, nella sua riunione del 23 maggio 2014, tenutasi a Bra con deliberazione n.242.11/2014, ha stabilito quanto segue:

Il Consiglio Federale, nella sua riunione del 23 maggio 2014, tenutasi a Bra con deliberazione n.242.11/2014, ha stabilito quanto segue: Circolare n. 7 Anno sportivo 2014/2015 Settore Tesseramento Protocollo n 2346 Roma, 17 giugno 2014 Oggetto: Norme relative agli eventi non autorizzati e al No-Objection Certificate per eventi autorizzati

Dettagli

SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA. Gara amichevole

SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA. Gara amichevole Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale Taranto Via Puglie, 20 74121 TARANTO Oggetto: Autorizzazione Torneo Torneo Gara amichevole Disciplina Specialità Variante Contenuto Livello Indor Beach

Dettagli

6 Bando di Concorso 2016-17

6 Bando di Concorso 2016-17 Certificazione di Qualità Attività Giovanile 6 Bando di Concorso 2016-17 6 Bando di Concorso - Certificazione Qualità Attività Giovanile 2016-17 1 / 3 6 Bando di Concorso Certificazione di Qualità Attività

Dettagli

Sommario. 2 FIHP - Regolamento SIRi - Artistico

Sommario. 2 FIHP - Regolamento SIRi - Artistico Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio REGOLAMENTO SIRi Artistico Delibera del Consiglio Federale N. 10/2012 Delibera del Consiglio Federale N. 76/2014 Delibera del Consiglio Federale N. 94/2015 Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte II Qualificazione, inquadramento e disciplina dei Tecnici Art. 16 Classificazione dei Tecnici 1. I Tecnici che il Settore Tecnico inquadra e/o qualifica, in esecuzione

Dettagli

LEGGE 08 marzo 1991, n. 81 (1).

LEGGE 08 marzo 1991, n. 81 (1). LEGGE 08 marzo 1991, n. 81 (1). (1) In G.U.16 marzo 1991, n. 64. Legge-quadro per la professione di maestro di sci e ulteriori disposizioni in materia di ordinamento della professione di guida alpina (2).

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO

STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO Da questa Stagione 2015/2016 tutte le Società di ogni Serie e Categoria e tutti i Tecnici di ogni ruolo e grado, saranno obbligati all utilizzo

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

5 Bando di Concorso 2014-15

5 Bando di Concorso 2014-15 Certificazione di Qualità Attività Giovanile 5 Bando di Concorso 2014-15 5 Bando di Concorso - Certificazione Qualità Attività Giovanile 2014-15 1 / 3 5 Bando di Concorso Certificazione di Qualità Attività

Dettagli

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO

FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO FIPAV Federazione Italiana Pallavolo STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 I CONTRIBUTI MODALITA DI VERSAMENTO E possibile effettuare tutti i versamenti dovuti alla FIPAV Nazionale (tutti quelli che hanno la causale

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 Allegato alla deliberazione n. 1217 del 22 ottobre 2015 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) COMPARTO SANITÀ Rev.

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 001 COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l indirizzo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Progetto dei Piani Integrati d Area 2012-2013

Progetto dei Piani Integrati d Area 2012-2013 Progetto dei Piani Integrati d Area 2012-2013 Progetto dei Piani Integrati d Area 2012-2013 1 Pro-memoria modifiche Progetto Il programma dei PIA si occupa di tutta l ATTIVITA PERIFERICA NAZIONALE UNDER

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008. Premessa

REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008. Premessa REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008 Premessa allegato "A" alla delibera di G.C. n 54 del 07.04.2008 Lo spirito che darà vita al Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2008 si fonda

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 1 Stagione Sportiva 2014-2015 I) ATTIVITA UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all art. 49, punto 1,

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2013

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2013 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2013 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2011 (31 ottobre 6 novembre 2011), all

Dettagli

REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI

REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI REGOLAMENTO Settore Giovanile, Minibasket e Scuola (SGMS) COSTITUZIONE, SCOPI E COMPITI Art. 1 FUNZIONI E SEDE 1. Il Settore Giovanile Minibasket e Scuola (SGMS) costituisce un organismo tecnico di settore

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2014/2015 Formula di svolgimento: Fase di qualificazione. Fase ad orologio. Play-off. Fase di

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

Il Presidente Provinciale

Il Presidente Provinciale Verona, 12/10/2012 e p. c. Agli Affiliati FIPAV della Provincia o Regione Ai rappresentanti degli Atleti della Provincia o Regione Ai rappresentanti dei Tecnici della Provincia o Regione Al Presidente

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE 9 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO NAZIONALE FIT, COLLEGATO AL 13 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO

BANDO DI AMMISSIONE 9 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO NAZIONALE FIT, COLLEGATO AL 13 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO 9 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICO NAZIONALE FIT, COLLEGATO AL 13 CORSO NAZIONALE CONI PER TECNICI DI IV LIVELLO EUROPEO Anno 2013 BANDO DI AMMISSIONE Il presente Bando espone le caratteristiche fondamentali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO Art. 1 - Costituzione e scopi 1. E' costituita la Società Sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TAEKWONDO BUDRIO 2. La

Dettagli

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP Il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. indice ed organizza il 1 TROFEO PERUGIA CUP Campo Federale di Prepo R E G O L A M E N T O U F F I C I A L E STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 42 dell 11 luglio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 42 dell 11 luglio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 42 dell 11 luglio 2014 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AFFILIAZIONE/RIAFFILIAZIONE E TESSERAMENTO (Stagione Sportiva 2014/15) Il Consiglio Federale, nella riunione tenutasi in data 3/4

Dettagli

I-NORMECOMUNI Art. 1 Art. 2 Divieto di svolgimento di attività didattiche Art. 3 Divieto di cumulo delle borse Art. 4 Pubblico dipendente

I-NORMECOMUNI Art. 1 Art. 2 Divieto di svolgimento di attività didattiche Art. 3 Divieto di cumulo delle borse Art. 4 Pubblico dipendente REGOLAMENTO PER L'ATTRIBUZIONE E LA CONFERMA DELLE BORSE DI STUDIO PER LA FREQUENZA DI SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE NON MEDICHE, ATTIVITA' DI RICERCA POST-DOTTORATO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO ALL'ESTERO.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI 2015-2016

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI 2015-2016 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI 2015-2016 AFFILIAZIONE - RIAFFILIAZIONE - TESSERAMENTO Il Consiglio Federale, nella riunione tenutasi in data 28 maggio 2015, ha deliberato, ai sensi dell art. 27.3,

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011. INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA Comune di Villasor Provincia di Cagliari Regolamento comunale per lo Sport Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 35 del 4.8.2011 INDICE REVISIONI al REGOLAMENTO N. REVISIONE N. DELIBERA

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli