Circolare N.116 del 07 Settembre Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità"

Transcript

1 Circolare N.116 del 07 Settembre 2011 Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità

2 Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che entro il deve essere presentata la denuncia delle lavorazioni usuranti che danno diritto allo sconto sui requisiti pensionistici previsti dalla legge. Come è noto, infatti, le lavorazioni notturne, al pari di quelle svolte su turni, per effetto delle disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 67/2011 garantiscono un beneficio ai fini pensionistici che, al termine della fase transitoria, ammonterà a uno sconto sul requisito anagrafico e sulla somma tra periodo di contribuzione ed età del lavoratore pari a 3 anni. Per accedere al beneficio del prepensionamento i datori di lavoro presso cui si svolgono le lavorazioni notturne devono inviare una comunicazione alle Direzioni Provinciali del Lavoro entro il prossimo Tale termine è stato fissato dalla circolare n. 15/2011 del Ministero del Lavoro, il quale è intervenuto sulla materia stabilendo che la comunicazione prevista per il lavoro notturno effettuato nel 2010, andrà fatta, in sede di prima applicazione, entro il 30 settembre 2011, con l'utilizzo del modello "LAV-NOT" che verrà prossimamente pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro. Per quanto riguarda, invece, il lavoro notturno effettuato nel 2011, la comunicazione andrà fatta entro il 31 marzo Con la successiva circolare n. 22 del , invece, il Ministero del Lavoro ha definito i termini e le modalità di presentazione della domanda di accesso dei benefici ai lavoratori i quali saranno tenuti al pari dei loro datori di lavoro, a presentare la domanda entro il prossimo , ribadendo che qualora il lavoratore ne effettui richiesta, la documentazione di cui all articolo 2 del D.Lgs. n. 67/2011 deve essere fornita dal datore di lavoro entro e non oltre 30 giorni. 2

3 Premessa Come noto, il D.Lgs. 67/2011 in deroga a quanto previsto all'articolo 1 legge n. 243/2004, come modificato dall'articolo 1 della legge 247/2007, possono esercitare, a domanda, il diritto per l'accesso al trattamento pensionistico anticipato, fermi restando il requisito di anzianità contributiva non inferiore a trentacinque anni e il regime di decorrenza del pensionamento vigente al momento della maturazione dei requisiti agevolati, le seguenti tipologie di lavoratori dipendenti: lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti di cui all'articolo 2 del decreto del Ministro del Lavoro e della previdenza sociale in data 19 maggio 1999 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 208 del 4 settembre 1999; lavoratori notturni; lavoratori impiegati in lavorazioni a catena in attività individuate con specifiche voci di tariffa per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. I criteri da tenere in considerazione per la definizione di dette tipologie di attività riguardano il determinato ritmo produttivo e/o la valutazione della prestazione in base al risultato delle misurazioni dei tempi di lavorazione mentre il richiamo al sistema del cottimo (presente nell articolo 2100 c.c.), inteso come metodo di retribuzione, non è da intendersi quale elemento discriminante nell individuazione dei lavoratori interessati alla norma conducenti di veicoli di capienza complessiva non inferiore ai 9 posto adibiti al trasporto pubblico. Devono essere intese tutte le macchine, di qualsiasi specie, che, guidate dall uomo, circolano sulle strade (art. 46, D.Lgs n. 285/1992), e il limite di 9 posti deve essere inteso compreso quello occupato dal conducente. Ciò detto evidenziamo che con la circolare n. 15/2011 il Ministero del Lavoro ha disposto la presentazione da parte del datore di lavoro della comunicazione concernente l esercizio di attività durante il lavoro notturno entro il mentre con la successiva circolare n. 22/2011 ha chiarito alcuni aspetti operativi della presentazione da parte del lavoratore della domanda di accesso al beneficio ai fini dell accesso alla prestazione previdenziale, fissando il termine per la presentazione della domanda entro il prossimo pena differimento da 1 a 3 mesi della decorrenza del trattamento a seconda dell entità del ritardo. A completare le disposizioni ministeriali sono intervenuti sia l INPS con il messaggio del sia l INPDAP con la nota operativa n. 29/2011. I lavoratori notturni Tra i lavoratori ammessi a beneficiare del trattamento pensionistico anticipato, il decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67 ha compreso anche i lavoratori notturni, per i quali è stata fornita 3

4 apposita definizione. Ai soli fini dell accesso ai benefici pensionistici sono, infatti, considerati lavoratori notturni: i lavoratori a turni che prestano la loro attività per almeno 6 ore consecutive, comprendenti l intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino, per un numero di giorni lavorativi all anno non inferiore a: 1) a 78 giorni: per coloro che maturano i requisiti per l accesso anticipato nel periodo compreso tra il 1 luglio 2008 e il 30 giugno 2009; 2) 64 giorni: per coloro che maturano i requisiti per l accesso anticipato dal 1 luglio 2009; i lavoratori che prestano la loro attività per almeno 3 ore nell intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino, per periodi di lavoro di durata pari all intero anno lavorativo. Il pensionamento anticipato può essere richiesto quando i lavoratori di cui sopra abbiano svolto una o più delle attività lavorative considerate usuranti per un periodo di tempo pari a: almeno sette anni, compreso l'anno di maturazione dei requisiti, negli ultimi dieci di attività lavorativa, per le pensioni con decorrenza entro il 31 dicembre 2017; almeno la metà della vita lavorativa complessiva, per le pensioni aventi decorrenza dal 1 gennaio Nei suddetti periodi rileva l'effettivo svolgimento delle attività lavorative considerate usuranti, con esclusione di quelli totalmente coperti da contribuzione figurativa, come avviene in caso di Cigs o mobilità. Risultano, invece, computabili periodi per i quali l'accredito figurativo sia stato parziale, ad esempio per assenze a causa di malattia o maternità con integrazioni economiche a carico del datore di lavoro. I benefici Ai lavoratori in possesso dei requisiti soggettivi ed oggettivi è riconosciuto il diritto ad un anticipo della data di pensionamento che potrà arrivare fino a tre anni. OSSERVA Ai lavoratori notturni con meno di 78 notti di lavoro all'anno, invece, il beneficio pensionistico spetta in misura ridotta e tiene conto del numero di notti lavorate. Di seguito illustriamo, in particolare, i benefici spettante in via transitoria e a regime, ovvero nel periodo antecedente al primo gennaio 2013 (fino al primo luglio 2008) e successivo alla stessa data: 4

5 per il periodo compreso tra il 1 luglio 2008 e il 30 giugno 2009, un'età anagrafica ridotta di un anno rispetto a quella indicata nella Tabella A di cui all'allegato 1 della legge n. 247 del 2007; per il periodo compreso tra il 1 luglio 2009 e il 31 dicembre 2009, un'età anagrafica ridotta di due anni ed una somma di età anagrafica e anzianità contributiva inferiore di due unità rispetto ai requisiti indicati per lo stesso periodo nella Tabella B di cui all'allegato 1 della legge n. 247 del 2007; per l'anno 2010, un'età anagrafica ridotta di due anni ed una somma di età anagrafica e anzianità contributiva ridotta di una unità rispetto ai requisiti indicati per lo stesso periodo nella predetta Tabella B; per gli anni 2011 e 2012, un'età anagrafica inferiore ridotta di tre anni ed una somma di età anagrafica e anzianità contributiva ridotta di due unità rispetto ai requisiti indicati per lo stesso periodo nella medesima Tabella B. a decorrere dal 1 gennaio 2013 i lavoratori di cui sopra potranno acquisire il diritto al trattamento pensionistico con un'età anagrafica ridotta di tre anni ed una somma di età anagrafica e anzianità contributiva ridotta di tre unità rispetto ai requisiti previsti dalla Tabella B di cui all'allegato 1 della legge 24 dicembre 2007, n Restano peraltro fermi gli adeguamenti dei requisiti agli incrementi della speranza di vita previsti dall'articolo 12 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n OSSERVA I benefici pensionistici spettano, fermo restando quanto disciplinato dal successivo articolo 3, con effetto dalla prima decorrenza utile dalla data di entrata in vigore del decreto in argomento ( 26 maggio 2011) purché, in ogni caso, successiva alla data di cessazione del rapporto di lavoro. La comunicazione del datore di lavoro Con l'entrata in vigore del decreto legislativo in commento scattano nuovi obblighi di comunicazione per il datore di lavoro che impiega lavoratori in orario notturno o in lavorazioni "a catena". Tali obblighi di comunicazione sono stati recentemente oggetto della circolare n. 15 del 20 giugno 2011 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Nel dettaglio, si ricorda che l articolo 5 del D.Lgs. n. 67/2011 ha introdotto due diversi obblighi di comunicazione, riguardanti il lavoro notturno e lo svolgimento delle cd. attività in linea catena. Per quanto concerne il lavoro notturno la norma dispone che il datore di lavoro, anche per il tramite dell associazione cui aderisce ovvero del professionista abilitato, deve comunicare in via telematica, alla DPL competente per territorio e ai competenti istituti previdenziali l esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o compreso in regolari turni periodici, nel caso in cui 5

6 si impieghino lavoratori notturni così come definiti dal decreto. La comunicazione deve essere effettuata, come sopra già accennato: in sede di prima applicazione, entro il ; per l anno 2012 entro il La comunicazione, secondo quanto precisato dal Ministero del Lavoro deve essere effettuata attraverso l utilizzo del modello "LAV-NOT" che verrà reso disponibile prossimamente sul sito del Ministero del Lavoro Per le imprese che svolgono attività lavorative in linea catena, devono darne comunicazione entro 30 giorni dall inizio delle medesime alla DPL competente per territorio e ai competenti istituti previdenziali, tramite la compilazione del modello LAV US, disponibile sul sito del Ministero (www.lavoro.gov.it) nella sezione delle Comunicazioni Obbligatorie. Le sanzioni L'omissione di ognuna delle comunicazioni in parola da parte del datore di lavoro è punita con la sanzione amministrativa da 500 euro a 1500 euro. In proposito, il Ministero ha chiarito che: la sanzione è diffidabile ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 124/2004, e dall adozione della stessa il datore di lavoro sarà ammesso al pagamento della sanzione minima pari a 500 euro; in ogni caso, ai sensi dell art. 16 della Legge n. 689/1981, è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta pari, comunque, ad euro 500. In questo caso per il pagamento con modello F23, deve essere utilizzato il codice tributo 741T; la sanzione deve essere considerata in base al numero delle omesse comunicazioni, e non tanto del numero dei lavoratori interessati; non sono sanzionabili i meri errori materiali e gli errori riferiti a dati già in possesso degli Istituti interessati, purché sia chiaramente identificabile il datore di lavoro che effettua la comunicazione e l unità produttiva nella quale sono svolte le lavorazioni oggetto della comunicazione; non è sanzionabile la ritardata comunicazione, ma solamente l omissione della stessa ovvero la comunicazione di dati errati o non corrispondenti al vero; non è ritenuta sanzionabile l errata indicazione del numero dei lavoratori addetti alle lavorazioni interessate, in quanto tale dato è puramente indicativo e utile ai soli fini della quantificazione, da parte degli Istituti interessati, del numero delle possibili richieste di pensionamento anticipato. 6

7 La circolare n. 22/2011: altre novità in materia di lavori usuranti Come anticipato in premessa, la circolare del Ministero del Lavoro n. 22 del ha precisato alcuni profili operativi della presentazione della domanda di accesso ai benefici pensionistici da parte del lavoratore (non solo per il lavoro notturno ma in tutti i casi considerati dall articolo 1 del citato decreto legislativo). La circolare n. 22/2011, in particolare, conferma che coloro che maturano i requisiti entro il devono presentare la domanda di accesso alle agevolazioni per le lavorazioni usuranti entro il Coloro che maturano i requisiti oltre a tale data, invece, dovranno presentare la domanda entro il primo marzo dell anno di maturazione. OSSERVA In caso di ritardo nella presentazione della domanda e di accertamento positivo del diritto ai benefici in oggetto, secondo quanto precisato dalla circolare n. 22/2011 del Ministero del Lavoro, la decorrenza del trattamento previdenziale viene differita: di un mese in caso di ritardo inferiore a un mese; di due mesi in caso di ritardo superiore a un mese e inferiore a due mesi; di tre mesi in caso di ritardo pari o superiore a tre mesi. A completamento delle disposizioni della circolare n. 22/2011 l INPS e l INPDAP sono intervenuti per chiarire la procedura da seguire per l accesso ai benefici in parola. La domanda del lavoratore e la richiesta di documentazione al datore di lavoro Ai fini della procedibilità dell istanza la domanda deve: contenere la manifestazione di volontà di avvalersi del benefici pensionistici previsti dal D.Lgs. n. 67/2011; la specificazione dei periodi in cui sono state svolte le mansioni che danno diritto ai benefici; recare in allegato la documentazione minima necessaria. Riguardo alla documentazione, secondo quanto previsto dall articolo 2 del D.Lgs. n. 67/2011 il datore di lavoro, su richiesta del lavoratore, deve rendere disponibile entro 30 giorni la seguente documentazione: il prospetto di paga; il libro matricola, registro di impresa ovvero il libro unico del lavoro; libretto di lavoro; contratto di lavoro indicante anche il CCNL, territoriale o aziendale e il livello di inquadramento; 7

8 ordini di servizio, schemi di turnazione del personale, registri delle presenze ed eventuali atti di affidamento di incarichi o mansioni; documentazione medico sanitaria; comunicazioni lavoro notturno; comunicazioni ex art. 5 comma 2 D.Lgs. n. 67/2011; carta di qualificazione del conducente e certificati di idoneità alla guida; documento di valutazione del rischio previsto dalle vigenti disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; comunicazione di assunzione; dichiarazione di assunzione. Con particolare riguardo ad ogni singola categoria di lavoratori ammessa al beneficio pensionistico il Ministero del Lavoro, con la circolare n. 22/2011, ha individuato la documentazione che deve essere presentata. Documentazione da presentare secondo le precisazioni del Ministero del Lavoro Attività a) lavoratori impegnati in mansioni particolarmente usuranti (art. 2, DM 19 maggio Documenti che devono attestare la sussistenza del rapporto di lavoro per tutto il periodo di cui all art. 1, comma 2, D.Lgs n.67/ ) Articolo 1, comma - libretto di lavoro 1, lettera a), D.Lgs n. - ruolo di equipaggio 67/2011 b1) lavoratori a turni che prestano la loro attività nel periodo notturno (tra la mezzanotte e le cinque del mattino), per almeno ALMENO UNO DEI SEGUENTI DOCUMENTI: - libro matricola - LUL - comunicazione al Centro per l Impiego di assunzione/cessazione/vari azione di rapporto di lavoro ALMENO UNO DEI SEGUENTI DOCUMENTI: - libro matricola - LUL - libretto di lavoro Documenti che devono attestare l adibizione alle attività per tutto il periodo di cui all art. 1, comma 2, D.Lgs n.67/2011 TUTTI I SEGUENTI DOCUMENTI: - prospetto di paga con delle indicazione maggiorazioni per Ulteriore documentazione necessaria Contratto di lavoro individuale indicazione dell inquadramento con delle mansioni del lavoratore e 8

9 6 ore per un numero - ruolo di equipaggio il lavoro notturno minimo di giorni - comunicazione al Centro - contratto di lavoro lavorativi all anno non per l Impiego di individuale inferiore a 78 per coloro assunzione/ indicante anche il che maturano i requisiti cessazione/variazione di contratto collettivo per l accesso anticipato rapporto di lavoro nazionale, nel periodo compreso territoriale, tra il 1 luglio 2008 e il aziendale e il 30 giugno 2009 e non livello di inferiore a 64 per coloro inquadramento che maturano i requisiti per l accesso anticipato dal 1 luglio 2009 Articolo 1, comma 1, lettera b), numero 1, D.Lgs n. 67/2011 b2) al di fuori dei casi di ALMENO UNO DEI TUTTI I SEGUENTI cui al b1), lavoratori che SEGUENTI DOCUMENTI: prestano la loro attività DOCUMENTI: - prospetto di paga per almeno tre ore - libro matricola con indicazione nell intervallo tra la - LUL delle mezzanotte e le cinque - libretto di lavoro maggiorazioni per del mattino, per periodi - ruolo di equipaggio il lavoro notturno di lavoro di durata pari - comunicazione al Centro - contratto di lavoro all intero anno lavorativo per individuale - l Impiego di assunzione/ indicante anche il Articolo 1, comma 1, cessazione/variazione di contratto collettivo lettera b), numero 2, D.Lgs rapporto di lavoro nazionale, n. 67/2011 territoriale, aziendale e il livello di inquadramento c) lavoratori addetti alla ALMENO UNO DEI Contratto di lavoro cd. linea catena SEGUENTI individuale con DOCUMENTI: indicazione Articolo 1, comma 1, - libro matricola dell inquadramento e lettera c), D.Lgs n. - LUL delle mansioni del 9

10 67/ libretto di lavoro - ruolo di equipaggio - comunicazione al Centro per l Impiego di assunzione/ cessazione/variazione di rapporto di lavoro d) conducenti di veicoli, ALMENO UNO DEI di capienza complessiva SEGUENTI non inferiore a 9 posti, DOCUMENTI: adibiti a servizio - libro matricola pubblico di trasporto - LUL collettivo - libretto di lavoro lavoratore Articolo 1, comma 1, lettera d), D.Lgs n. 67/2011 L esito delle istruttorie verrà comunicato dall Ente Previdenziale di riferimento sia al lavoratore che al datore di lavoro, per le domande inviate prima del 26 maggio 2011 (data di entrata in vigore del D.Lgs n. 67/2011), che risultino incomplete della documentazione necessaria ad accertare l effettivo svolgimento delle attività usuranti, l Ente Previdenziale provvederà a comunicarlo agli interessati (lavoratore e datore di lavoro) che, di conseguenza, dovranno presentare tempestivamente la documentazione minima necessaria alla procedibilità della domanda. I chiarimenti dell INPS Con il messaggio n del l INPS ha chiarito che ai fini dell accesso al beneficio per i lavoratori iscritti all Ente Previdenziale stesso, il lavoratore interessato deve trasmettere alla sede territorialmente competente, presso il quale lo stesso è iscritto, la domanda e la necessaria documentazione entro i termini fissati dal decreto legislativo. Per la presentazione della domanda di accesso al beneficio, l INPS ha predisposto il Modello AP45 AP45 disponibile sul sito internet nella sezione moduli. Tale Modello deve essere presentato dal lavoratore o dal Patronato che lo rappresenta, entro il 30 settembre 2011, corredato della documentazione necessaria ad attestare l effettivo svolgimento dell attività usurante. 10

11 OSSERVA Le domande presentate in data anteriore a quella del messaggio ( ), secondo quanto chiarito dall INPS sono da ritenere utilmente presentate. L INPS evidenzia che in assenza della documentazione minima necessaria, in alcuni casi indicata in via alternativa e cioè equipollente, la domanda non potrà essere considerata procedibile. La domanda di accesso al beneficio deve essere considerata validamente presentata, anche ai fini dell individuazione della priorità di cui all articolo 3 del decreto legislativo n. 67, in presenza della sola manifestazione di volontà, con riserva di integrazione entro il : dell indicazione dei periodi di svolgimento delle mansioni che danno diritto al beneficio; della documentazione richiesta per la presentazione della domanda. L INPS precisa che la domanda può essere presentata anche da lavoratori dipendenti che, avendo svolto precedentemente attività di lavoro autonomo, raggiungono il diritto alla pensione di anzianità con il cumulo della contribuzione versata in una delle Gestioni Speciali dei lavoratori autonomi. In tal caso, in relazione alla riduzione del requisito anagrafico e delle quote, si dovranno applicare i criteri previsti per i lavoratori autonomi dalla Legge n. 247/2007. I chiarimenti dell INPDAP Secondo quanto precisato dall INPDAP con la nota operativa n. 29 del le domande, corredate della prescritta documentazione, intese ad ottenere il pensionamento anticipato i cui requisiti sono stati conseguiti o si conseguono entro il corrente anno, devono essere presentate con raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo - Inpdap Direzione Centrale Previdenza Ufficio I viale Aldo Ballarin n Roma oppure essere inviate tramite posta elettronica certificata alla seguente casella di PEC: della D.C. Previdenza, utilizzando la modulistica specifica scaricabile dal sito Qualora l interessato non sia titolare di PEC la domanda potrà essere inviata tramite la poste elettronica certificata del Patronato cui abbia conferito mandato. Nel caso in cui gli interessati abbiano presentato alla sede Inpdap competente la domanda successivamente al 26 maggio 2011 (data di entrata in vigore del D.lgs. n. 67/2011), gli stessi sono tenuti a presentare alla D.C. Previdenza la documentazione prescritta, che deve essere trasmessa con le modalità sopra descritte unitamente alla copia della domanda già presentata e, ad integrazione della medesima. 11

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMI 1 e 2, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2010, N. 183, IN TEMA DI ACCESSO ANTICIPATO AL PENSIONAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE LAVORAZIONI PARTICOLARMENTE

Dettagli

In ordine ai contenuti del decreto legislativo in oggetto, si fa rinvio al messaggio n. 12693 del 10 giugno 2011.

In ordine ai contenuti del decreto legislativo in oggetto, si fa rinvio al messaggio n. 12693 del 10 giugno 2011. Direzione Centrale Pensioni Roma, 25-08-2011 Messaggio n. 16762 Allegati n.3 OGGETTO: Decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67. Domanda intesa ad ottenere il riconoscimento dello svolgimento di lavori

Dettagli

(57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono previste, infine, per i lavoratori a turni.

(57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono previste, infine, per i lavoratori a turni. (57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono Lavori usuranti e pensione anticipata previste, infine, per i lavoratori a turni. Premessa E stato

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963 Direzione Centrale Pensioni Roma, 30-12-2014 Messaggio n. 9963 OGGETTO: Presentazione domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1 marzo 2015 per

Dettagli

Art. 1. Lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti

Art. 1. Lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell'articolo 1 della legge 4 novembre 2010, n. 183. Art. 1 Lavoratori addetti a lavorazioni

Dettagli

Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015

Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015 Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015 Lavori usuranti e prepensionamento - le domande dei lavoratori entro il prossimo 01.03.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il messaggio

Dettagli

PARTE PRIMA Disposizioni normative

PARTE PRIMA Disposizioni normative Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Pensioni Roma, 12 agosto 2011 NOTA OPERATIVA N. 29 Ai Direttori delle Sedi Provinciali

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67

DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67 Page 1 of 8 DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67 Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell'articolo 1 della legge 4 novembre

Dettagli

I lavori non sono tutti uguali

I lavori non sono tutti uguali I lavori non sono tutti uguali Benefici pensionistici per i lavori usuranti Il decreto legislativo sui lavori usuranti riconosce, per la prima volta nella legislazione italiana, che i lavori non sono tutti

Dettagli

Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione diretta.

Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione diretta. 1 OGGETTO PENSIONAMENTO ANTICIPATO QUESITO (quesito posto in data 13 gennaio 2012) Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato

DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato I soggetti interessati e le attività di lavoro usuranti (lavoratori dipendenti) Lavoratori che hanno prestato

Dettagli

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali

Nota operativa n. 45 Ai Coordinatori delle Consulenze Professionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativo Roma, 28/11/2008 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle

Dettagli

Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil

Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil Messaggio ITAL-Uil n. 20110420-178/TEC del 20 aprile 2011 Area Assistenza e Tutela Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil Oggetto: Schema Decreto Legislativo

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti R.S.U. Siae Microelettronica Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contrib utive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti

Dettagli

B. Pensione anticipata

B. Pensione anticipata 286 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Il lavoratore può scegliere tra due possibilità: aumentare l importo della pensione, che viene calcolata sulla base del coefficiente di trasformazione

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 21/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 21/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 21/04/2015 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. RAGGIUNTI I 10.000 FORTUNATI ESODATI CHE POTRANNO ACCEDERE ALLA PENSIONE DI ANZIANITÀ CON LA NORMATIVA PREVIGENTE L I.N.P.S., con messaggio 14952 del 14.04.05 fa sapere

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Roma, 24-09-2015. Messaggio n. 5901 1 PREMESSA. nell'anno 2014. CONSEGUITI NELL'ANNO 2014.

Roma, 24-09-2015. Messaggio n. 5901 1 PREMESSA. nell'anno 2014. CONSEGUITI NELL'ANNO 2014. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 24-09-2015 Messaggio n. 5901 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Dichiarazione reddituale.

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Con riferimento ai lavoratori del presente punto, l articolo 4 del decreto interministeriale del 22 aprile 2013 ha stabilito quanto segue.

Con riferimento ai lavoratori del presente punto, l articolo 4 del decreto interministeriale del 22 aprile 2013 ha stabilito quanto segue. Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 12-08-2013 Messaggio n. 12998 OGGETTO: Salvaguardia ai sensi dell articolo 1, commi

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

Il Direttore Generale Nori

Il Direttore Generale Nori Direzione Generale Roma, 02-07-2012 Messaggio n. 11010 Allegati n.1 OGGETTO: personale viaggiante iscritto al soppresso Fondo di previdenza per il personale addetto ai pubblici servizi di trasporto Pensione

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna. Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione. Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza.

Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione. Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza. Circolare Inps sui nuovi requisiti per l'accesso alla pensione Dal 1 gennaio 2016 cambiano le regole. I chiarimenti dell'ente di previdenza. É stata emanata dall'inps la circolare n. 63 del 20 marzo 2015

Dettagli

Vista la Legge regionale 14 gennaio 2009, n. 1 e s.m.i. (Testo unico in materia di artigianato);

Vista la Legge regionale 14 gennaio 2009, n. 1 e s.m.i. (Testo unico in materia di artigianato); REGIONE PIEMONTE BU31 06/08/2015 Codice A19020 D.D. 29 luglio 2015, n. 493 L.R. 1/2009 e s.m.i. art. 34 bis. Istanza di accertamento e attestazione del periodo lavorativo ai fini dell'ammissione all'esame

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali

NOTA OPERATIVA N. 41. Roma, 30/11/2011. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Ai Dirigenti Generali Centrali e Regionali Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio III TFS, TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, 30/11/2011 NOTA OPERATIVA N. 41

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 64/2015 Maggio/4/2015 (*) Napoli 8 Maggio 2015 Con la Circolare n. 82 del 23 aprile 2015, l'inps fornisce le istruzioni operative per

Dettagli

Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time

Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time CIRCOLARE A.F. N.63 del 28 Aprile 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Se si matura il requisito entro il 31.12.2018, pensione anticipata e part-time Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007

Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007 Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007 Comunicazioni obbligatorie telematiche dovute dai datori di lavoro pubblici e privati ai servizi competenti Pubbicato nella Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 Dicembre

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Direzione Generale della Previdenza e Assistenza Sociale. Circolare n.47/2001

Direzione Generale della Previdenza e Assistenza Sociale. Circolare n.47/2001 Direzione Generale della Previdenza e Assistenza Sociale Protocollo n. 102865 del 3 maggio 2001 Circolare n.47/2001 Oggetto : Legge 7 marzo 2001, n. 62, recante "Nuove norme sull editoria e sui prodotti

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015

U. O. n 2 Ufficio 2. Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Prot. n. 1358/r Cosenza, 09/01/2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali di ogni ordine e grado della provincia LORO SEDI e,p.c. All U. S. R. per la Calabria Via Lungomare 259 88100 CATANZARO

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

e, per conoscenza, DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 7 giugno 1999 Circolare n. 125

e, per conoscenza, DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 7 giugno 1999 Circolare n. 125 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 7 giugno 1999 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40 / 0021268 Agli indirizzi in allegato Oggetto: articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28

Dettagli

Prot. N 3922/C2 Pisa, 15 dicembre 2014 Ufficio Pensioni. All Ufficio Relazioni con il Pubblico S E D E

Prot. N 3922/C2 Pisa, 15 dicembre 2014 Ufficio Pensioni. All Ufficio Relazioni con il Pubblico S E D E Ministero della Pubblica Istruzione, Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XV Ambito Territoriale della Provincia di Pisa Via Pascoli, 8-56100 Pisa - Tel.050.927511 Fax 050.927577 E-Mail:

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR - MODULISTICA

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR - MODULISTICA Circolare n. 35 del 23 febbraio 2007 Decorrenza: immediata Serie: PERSONALE Argomento: Normativa e contrattualistica Oggetto: RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR -

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014

Direzione Centrale Previdenza. Roma, 05/06/2014 Direzione Centrale Previdenza Roma, 05/06/2014 Circolare n. 73 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

URGENTE IMPORTANTE Oggetto: Lavori usuranti: messaggio Inps n. 22647/2011.

URGENTE IMPORTANTE Oggetto: Lavori usuranti: messaggio Inps n. 22647/2011. IL PATRONATO DELLA UIL SEDE 00198 ROMA VIA PO 162 TELEFONO 06.852331 FAX 06.85233488 Messaggio ITAL UIL n. 20111202-255/TEC del 02/12/2011 Tecnica / Inps Ai Coordinatori Regionali ITAL Uil Agli Uffici

Dettagli

Roma, 22 dicembre 2009. Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati Enti di Patronato

Roma, 22 dicembre 2009. Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati Enti di Patronato DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica UFFICIO I Gestione del rapporto contributivo e contenzioso Roma, 22 dicembre 2009 Alle Agli e

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI

NUOVI RIFLESSI PENSIONISTICI SULLA BUONUSCITA DEGLI STATALI Coordinamento Nazionale FLP-Interno Ministero dell'interno - Palazzo Viminale - Palazzina F, 1 piano, stanza n. 50-00184 Roma Tel. 06.46547989 fax 06.46547954 flp_interno@icloud.com www.flp-interno.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO

DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO OBBLIGATORIETA DEL DURC Circolare del Ministero del Lavoro n. 35 del 08/10/2010 DM 24/10/2007 e Circolari

Dettagli

Oggetto: Previdenza Incentivi per l assunzione di giovani e donne Istruzioni operative Circolare INPS n. 122 del 17.10.2012.

Oggetto: Previdenza Incentivi per l assunzione di giovani e donne Istruzioni operative Circolare INPS n. 122 del 17.10.2012. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 18 ottobre

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016

Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016 Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016 Bonus acquisto strumenti musicali: al via le dichiarazioni del venditore Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con provvedimento n. 36294 del 8

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Visto l articolo 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi

Nuova disciplina dell attività di Restauro. Sintesi Nuova disciplina dell attività di Restauro Sintesi Definizione dei profili professionali Il D.M. n. 86 del 26 maggio 2009 definisce così i profili professionali degli operatori che eseguono interventi

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

COMUNICATO N. 118. Le domande di trattenimento in servizio continuano ad essere presentate in forma cartacea entro il termine del 15/01/2015.

COMUNICATO N. 118. Le domande di trattenimento in servizio continuano ad essere presentate in forma cartacea entro il termine del 15/01/2015. COMUNICATO N. 118 Treviso, 16/12/2014 A TUTTO IL PERSONALE DOCENTE E A.T.A. SEDE OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO a decorrere dall 1/9/2015 Trattamento di quiescenza indicazioni operative. D.M. n. 886

Dettagli

A TUTTE LE STRUTTURE NAZIONALE, TERRITORIALI E AZIENDALI

A TUTTE LE STRUTTURE NAZIONALE, TERRITORIALI E AZIENDALI A TUTTE LE STRUTTURE NAZIONALE, TERRITORIALI E AZIENDALI SALVAGUARDIA LAVORATORI - PRIMO GRUPPO DEI 65.000 Si trasmette il Messaggio n. 2526, datato 8/2/2013, riguardante le modalità adottate dall INPS,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 98 Roma, 20 dicembre 2012 Prot. n. AOODGPER 9733 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012)

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) . rl Roma, 25 marzo 2013 Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) La proroga disposta dall art.23,

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo Gruppo di Studio ONLUS ed Enti di volontariato.

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo Gruppo di Studio ONLUS ed Enti di volontariato. 5 per mille 2013 MODALITÀ DI ISCRIZIONE ALL ELENCO DEI SOGGETTI BENEFICIARI ED ADEMPIMENTI CONSEQUENZIALI A cura del Gruppo di Studio O.N.L.U.S. ed Enti di Volontariato Componenti: Roberto Ciaccio Agostino

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PER I DIPENDENTI DEGLI ENTI PUBBLICI. Dal 1 gennaio 2012

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PER I DIPENDENTI DEGLI ENTI PUBBLICI. Dal 1 gennaio 2012 IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PER I DIPENDENTI DEGLI ENTI PUBBLICI Dal 1 gennaio 2012 Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 convertito con modificazioni nella Legge n. 214 del 27 dicembre 2011 In attesa

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico Oggetto: D.M. n. 1058 del 23 dicembre 2013 (diramato con nota AOODPIT n.2855 del 23 dicembre 2013) - Cessazioni dal servizio dal 1 settembre 2014. Si fa riferimento alla nota AOODPIT n. 2855 del 23 dicembre

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS

FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INFORMATIVA N. 187 13 MAGGIO 2015 Previdenziale FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LE IMPRESE DEL CREDITO: I CHIARIMENTI DELL INPS INPS, Circolare n. 90 del 6 maggio 2015 Con Decreto interministeriale n. 83486 del

Dettagli

ULTERIORI INTERVENTI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA PENSIONISTICA. ( sesta salvaguardia ) Art. 1

ULTERIORI INTERVENTI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA PENSIONISTICA. ( sesta salvaguardia ) Art. 1 25giu14 ULTERIORI INTERVENTI IN MATERIA DI SALVAGUARDIA PENSIONISTICA ( sesta salvaguardia ) Ampliamento da 36 a 48 mesi dall entrata in vigore del d.l. 201/2011 del periodo di maturazione dei previgenti

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO N. 67/2011 SUI LAVORI USURANTI

DECRETO LEGISLATIVO N. 67/2011 SUI LAVORI USURANTI V A D E M E C U M DECRETO LEGISLATIVO N. 67/2011 SUI LAVORI USURANTI DIRITTI E MODALITÀ D ACCESSO ANTICIPATO AL PENSIONAMENTO V A D E M E C U M DECRETO LEGISLATIVO N. 67/2011 SUI LAVORI USURANTI DIRITTI

Dettagli

Nuova procedura di convalida delle dimissioni

Nuova procedura di convalida delle dimissioni Ai gentili clienti Loro sedi Nuova procedura di convalida delle dimissioni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che a partire dal prossimo 12.03.2016 sarà attiva la nuova procedura di

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

SIRIO. Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori dei Ministeri, degli Enti Pubblici

SIRIO. Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori dei Ministeri, degli Enti Pubblici SIRIO Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori dei Ministeri, degli Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell ENAC e del CNEL. Iscritto all Albo

Dettagli