Dispense del corso di Ingegneria dei Sistemi Informativi 1. Appunti sulle Reti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispense del corso di Ingegneria dei Sistemi Informativi 1. Appunti sulle Reti"

Transcript

1 Dispense del corso di Ingegneria dei Sistemi Informativi 1 Appunti sulle Reti Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria a.a. 2003/ Armando Valente

2 1 Le reti 1.1 Network ed Internetwork Una rete è un sistema di comunicazioni che permette agli utenti di condividere risorse e di scambiare informazioni. Un insieme di più reti collegate, da dei dispositivi intermedi, è un internetwork, e può essere vista come un unica grande rete. 1.2 Il modello ISO/OSI Il modello Open System Interconnection descrive come le informazioni da un applicazione software in un computer si muovono attraverso una rete fino a raggiungere l applicazione software su di un altro computer. E un modello concettuale composto di sette strati (layers), ognuno dei quali specifica una particolare funzione di rete. I Layer 7 Application Application (SW) 6 Presentation 5 Session 4 Transport 3 Network Data Trasport (HW 1-2 e SW) 2 Data Link 1 Physical Comunicazione tra i layer Ogni Layer comunica con altri 3: superiore, inferiore e pari livello nel dispositivo di ricezione Service User è il layer che richiede un servizio ad un layer adiacente Service provider è il layer che fornisce il servizio Service access point (SAP) è la locazione (concettuale) dove un layer chiede un servizio ad un altro 1.4 Come i layer si scambiano le informazioni Il layer di pari livello si scambiano informazioni di controllo tra loro sotto forma di headers e trailers aggiunti ai dati: ogni livello aggiunge le sue header o trailer (eventuali) e tratta quanto ricevuto dal livello superiore come dati. (encapsulation).

3 H4 -DATA- 4 3 H3 ---DATA H2 ----DATA DATA Network 1.5 Il physical layer Definisce le specifiche elettriche, meccaniche procedurali e funzionali del livello fisico (voltaggi, velocità di trasmissione, distanze, tipo di supporto fisico Cavo rame, coassiale, fibra ottica, onde radio). Può essere suddiviso in due categorie: a) Specifiche relative a LAN (Local Area Network) es.: IEEE (Ethernet) IEEE (token ring) FDDI (Fiber Distributed Data Interface); b) Specifiche relative a WAN (Wide area network), es.: RS-232/449, V.24, V.35, HSSI (High Speed Serial Interface, usata per Frame Relay e ATM). 1.6 Il Data link layer Fornisce il servizio di trasferimento dati affidabile attraverso il link fisico, e definisce: a) Indirizzo fisico (come i dispositivi sono indirizzati a livello fisico) b) Topologia della rete (come i dispositivi sono collegati fisicamente: bus, ring, star) c) Notifica degli errori (Informa i livelli superiori sugli errori di trasmissione) d) Sequenza dei frame (Riordina i frame trasmessi fuori sequenza) e) Controllo del flusso (Evita che il dispositivo di ricezione si saturi, cioè riceva più dati di quelli che può gestire) L IEEE (Institute for Electrical and Electronic Engineers) definisce due sublayers:

4 1) LLC (Logical Link Control) i. Gestisce le comunicazioni fra dispositivi su un singolo link di una rete ii. E definito nelle specifiche IEEE e supporta sia i servizi connection oriented che connectionless del layer superiori iii. IEEE definisce un certo numero di campi che permettono a diversi protocolli dei livelli superiori di condividere un singolo data link fisico 2) MAC (Media Access Control): Gestisce l accesso dei protocolli al mezzo fisico, definisce il MAC Address, che identifica univocamente i dispositivi sul link fisico 1.7 Il Network layer Definisce il Network Address, (che è diverso dal MAC Addr). E il livello logico della rete. IP è definito a questo livello: è il livello al quale agiscono i router. 1.8 Il Transport layer a) Riceve i dati dal layer superiore (Sessione) b) Segmenta i dati da trasmettere sulla rete (Multiplexing: dati di diverse applicazioni possono essere trasmessi su un singolo link fisico) c) E responsabile della verifica degli errori d) E responsabile della corretta sequenza dei pacchetti e) Controlla il flusso dei dati (evita che vengano trasmessi più dati di quanti la stazione ricevente può processare) f) TCP e UDP sono protocolli di livello Il Session layer a) Stabilisce, gestisce e termina sessioni di comunicazione. Una sessione consiste in una richiesta di servizio e in una risposta alla richiesta che avvengono fra due applicazioni eseguite in due differenti dispositivi collegati alla rete b) Le richieste e le risposte sono coordinate da protocolli (ad esempio ZIP, Zone Information Protocol di Appletalk che gestisce il binding dei nomi o SCP di Decnet ) c) Viene utilizzato nel dialogo tra mainframe e terminali 1.10 Il Presentation Layer Applica operazioni di conversione e di codifica dei dati ricevuti dal livello 7, assicurando che i dati ricevuti dall application layer superiore siano leggibili nell application layer del dispositivo ricevente. Esempio: conversione della codifica dei caratteri (ASCII EBCDIC), compressione dei dati e criptatura, formati di rappresentazione dei dati (MPEG, JPEG, GIF, TIFF).

5 1.11 L Application Layer E il livello più vicino all utente. Interagisce con le applicazioni software che utilizzano componenti di comunicazione. Funzioni: a) Identifica i partners di una comunicazione stabilendo identità e disponibilità a trasmettere b) Determina la disponibilità delle risorse di rete c) Sincronizza la comunicazione fra le applicazioni Esempi: Telnet, FTP, SMTP 1.12 Formato delle informazioni Frame: unità di informazione scambiate dal layer 2 (Data Link): header + upper layer data (+ trailer) Packet: unità di informazione scambiate dal layer 3 (Network): header + upper layer data (+ trailer) Datagram: Informazioni scambiate dal layer 3 in servizi di rete connectionless Segment: Informazioni scambiate dal livello 4 (transport) Message: Informazioni scambiate dai layer > 4 (tipicamente 7) Cell: Unità di informazione di dimensione fissa scambiata tra livelli 2 (Data Link). Le celle sono usate in ambienti switched (ATM, Asyncronous Transfer Mode, o SMDS, Switched Multimegabit Data Services). Cella = header + payload ( bytes) Data Unit: termine generico che si riferisce a una varietà di unità di informazione, Esempio SDU (Service Data Unit, sono unità di informazione da protocolli di layer superiori che definiscono una richiesta di servizio a protocolli di livello più basso); PDU (Protocol Data Unit): è la terminologia OSI per packet BPDU (Bridge Protocol Data Unit), è usato dall algoritmo Spanning Tree 1.13 Gerarchia ISO delle Reti Network entities: ES: (End System): dispositivo di rete che non realizza né routing né forwarding di traffico (Es. PC, terminali, stampanti); IS: (Intermediate System): dispositivo di rete che realizza routing o funzioni di forwarding del traffico (Es. routers, switches, bridges); si possono classificare in due tipi: IS Intradomain: comunica all interno di un AS (vedi); IS Interdomain: comunica all interno di un AS e tra AS; AREA: gruppo logico di segmenti di rete con i loro dispositivi collegati; AS: (Autonomous System): è un insieme di reti con una amministrazione comune che condividono una strategia di routine comune: un AS è suddiviso in aree ed è chiamato dominio.

6 1.14 Servizi di rete connection oriented e connectionless I protocolli di transport (layer 4) possono essere orientati alle connessioni o essere connectionless. A) I servizi connection oriented devono stabilire una connessione con il servizio desiderato prima di poter trasmettere i dati; la trasmissione prevede 3 fasi: i) Stabilire una connessione: possono essere riservate delle risorse (i DOS attack, Denial Of Service, sfruttano questo aspetto delle comunicazione); ii) Trasferimento dei dati (effettuando check degli errori e verifica ordine pacchetti) iii) Terminare la connessione, rilasciando le risorse allocate; B) I servizi connectionless possono invece inviare i dati senza stabilire una connessione; 1.15 Sistemi di indirizzamento Servono per identificare i dispositivi di rete, o separatamente o come membri di un gruppo. Sono definiti tre tipi di internetwork addresses: a) Data Link layer addresses (level 2): identificano ogni connessione fisica di rete di un dispositivo. Si chiamano anche indirizzi fisici o hardware: sono prefissati e non hanno strutture gerarchiche (flat address space); b) MAC Addresses: sono i Media Access Control addresses. Sono un sottoinsieme dei data link layer addresses nelle reti implementate con la specifica IEEE. I MAC address sono univoci per ogni interfaccia fisica LLC sublayer Data Link Addresses MAC sublayer MAC addresses I MAC Addresses sono di 48 bit e vengono rappresentati con 12 cifre esadecimali: le prime 6 sono amministrate dall IEEE e identificano il costruttore del dispositivo, le altre 6 sono amministrate dal costruttore (es. serial number) Es: B 79 6A IBM (Thinkpad) I MAC addresses a volte vengono chiamati BIA addresses (= Burned-In Addresses) c) Network Layer Addresses (level 3): identifica una entità a livello di rete (layer 3): questi indirizzi appartengono a degli spazi di indirizzamento gerarchici e sono chiamati anche indirizzi virtuali o logici. La relazione tra il network address e il dispositivo è logica e può essere variata (ad esempio l appartenenza di un dispositivo ad un particolare segmento di rete). Un dispositivo fisico può avere più network addresses, uno per ogni protocollo definito a livello del layer 3. (Es. Un router con due interfacce fisiche e due protocolli TCP/IP e AppleTalk avrà quattro indirizzi di rete).

7 1.16 La mappatura degli indirizzi Quando un nodo deve inviare dati ad un altro nodo della rete di cui conosce il network address deve determinare anche il MAC address per poter inviare i dati sul supporto fisico di trasmissione. Esistono tre metodi per fare questo: 1) ARP (Address Resolution Protocol) è il metodo usato dal TCP/IP: quando un dispositivo deve inviare dati ad un altro dispositivo sullo stesso segmento di rete, verifica la propria ARP table per determinare l indirizzo fisico: se non lo trova manda un pacchetto di broadcast che contiene l IP di destinazione: la stazione che trova corrispondenza risponde con il suo MAC address. Se il destination sta su un altro segmento, la richiesta di ARP viene mandata al default gateway che provvede ad inoltrarla fintantoché il router sul segmento di rete dove risiede il destinatario usa ARP per ottenere il suo MAC address. 2) Hello protocol (è a livello 3): ad intervalli fissi (o al power-up) un dispositivo manda pacchetti hello in broadcast a tutta la rete. Gli altri dispositivi gli rispondono con il loro MAC Address. 3) I MAC Addresses vengono integrati nei network addresses o viene utilizzato un algoritmo per determinare il MAC addr. E un sistema usato solo da tre protocolli: XNS (Xerox Network Systems) IPX (Novell internetwork Packet Exchange) e DecNet Il network address IPX è composto da: Network number (32 bit) + MAC addr Assegnazione degli indirizzi 1) Statici: sono assegnati da un network administrator 2) Dinamici: sono assegnati automaticamente quando ci si connette ad una rete, per mezzo di protocolli specifici e/o di server. Esempio: DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) a) Al boot il client manda un broadcast con il suo MAC addr e la richiesta di un indirizzo (loop fintantoché un server dhcp non risponde); b) Il server (uno o più di uno) riserva un indirizzo e invia l offerta al client; c) Il client riceve l offerta e conferma al server (con un broadcast) di aver accettato l indirizzo; d) Il server DHCP di cui è stato confermato l indirizzo, lo rende definitivo; gli eventuali altri server lo liberano Risoluzione dei nomi I Network Addresses sono location dependent: attraverso il protocollo DNS è possibile la mappatura dei nomi in Network Addr (così come si possono mappare Network Addr in MAC Addr con ARP) Controllo del flusso di rete La funzione di controllo del flusso evita che un dispositivo di trasmissione saturi un ricevente o che vengano trasmessi dati a velocità superiori a quelle permesse dalla rete. Tre sono i metodi per controllare la congestione della rete:

8 1) Buffering i dispositivi possono bufferizzare i dati in eccesso in attesa che vengano processati: se il buffer si satura, i pacchetti ulteriori vengono ignorati. 2) Source-quench message: il dispositivo ricevente inizia a respingere i dati e manda un messaggio di source-quench per ogni pacchetto respinto. Il dispositivo che trasmette riceve i messaggi e inizia ad abbassare la velocità di trasmissione fintantoché non riceve più messaggi di source-quench. Quindi riprende ad aumentare la velocità di trasmissione finché non riceve ulteriori messaggi di source-quench. 3) Windowing: è uno schema di controllo del flusso nel quale il dispositivo che trasmette richiede una risposta (acknowledgement) dal destinatario dopo aver trasmesso un certo numero di pacchetti. Se N è la dimensione della finestra, dopo aver trasmesso N pacchetti il dispositivo che trasmette si arresta e attende la risposta. Se la riceve invia altri N pacchetti, altrimenti ritrasmette i pacchetti precedenti ad una velocità più bassa Controllo degli errori Verifica che i pacchetti inviati dalla rete vengano ricevuti correttamente. La funzione può essere implementata in diversi livelli dei layers OSI. Uno dei metodi più comuni è il CRC (Cyclic Redundancy Check), che verifica gli errori e annulla i pacchetti errati; la funzione di correzione degli errori (come la ritrasmissione) viene invece realizzata da un layer superiore. Con il metodo del CRC, il dispositivo di trasmissione effettua un calcolo sul pacchetto e genera un valore CRC che viene memorizzato in esso; il destinatario effettua lo stesso calcolo e verifica il risultato: se coincide il pacchetto viene accettato, altrimenti viene rifiutato.

9 2.1 Protocolli di LAN Una LAN (Local Area Network) connette in una area geografica limitata più dispositivi, come PC, Servers, stampanti ecc..). I protocolli di LAN agiscono al livello 1 (physical) e 2 (Data link) del modello OSI. 2.2 Metodi di Media-Access di una LAN Quando due dispositivi devono trasmettere dei dati contemporaneamente possono crearsi dei conflitti di accesso. I metodi per ovviare a questo sono due: CSMA/CD (Carrier Sense Multiple Access Collision Detected): è usato dalle reti Ethernet. Quando un dispositivo deve trasmettere controlla (listen) che nessun altro stia utilizzando la rete; quindi inizia la trasmissione e verifica che non vi sia collisione, cioè se qualche altro nodo trasmette contemporaneamente. Se questo accade ogni dispositivo attende per un tempo casuale prima di ritrasmettere. In questo tipo di reti le prestazioni degradano rapidamente quando aumentano il numero di nodi. Token-Passing: In questo tipo di reti, (come token ring e FDDI) un pacchetto speciale, detto token, viene passato da un dispositivo ad un altro della rete. Quando un dispositivo vuole iniziare la trasmissione, deve attendere di possedere il token. Quando ha terminato la trasmissione rilascia il token agli altri dispositivi della rete. Le reti token-passing sono deterministiche, cioè è possibile calcolare il tempo tra due successive ritrasmissioni, e vengono utilizzate in ambienti real-time. Nelle reti CSMA/CD, per limitare le collisioni, si utilizzano degli switches che segmentano la rete in domini multipli di collisione. Queste reti sono normalmente half-duplex ma con gli switches possono funzionare in full-duplex. 2.3 Metodi di trasmissione su una LAN Unicast trasmission: un pacchetto viene trasmesso da un nodo ad un altro; Multicast trasmission: un pacchetto viene trasmesso da un nodo a diversi altri nodi; Broadcast trasmissione un pacchetto viene trasmesso a tutti i nodi della rete. 2.4 Topologie di una LAN La topologia definisce come i dispositivi di rete sono collegati. Esistono quattro topologie comuni per le LAN: bus, ring, star, tree. Queste topologie sono architetture logiche e possono non corrispondere alla organizzazione fisica dei dispositivi: le tipologie a bus e ring sono fisicamente organizzate come star. Bus topology: è una architettura di rete nella quale la trasmissione da una stazione si propaga per la lunghezza del mezzo di collegamento a tutte le altre. Ring topology: i dispositivi sono collegati uno all altro da link unidirezionali che formano un anello chiuso.

10 Star topology: i punti finali su una rete sono collegati ad un concentratore (hub) o switch: le topologie a bus e ring sono spesso realizzate fisicamente con una topologia a stella. Tree topology: è identica alla topologia a bus, ma sono possibili rami con nodi multipli. 2.5 Dispositivi di LAN Sono: repeaters, hubs, LAN extender, bridges, LAN switches e routers. Repeater: sono dispositivi a livello del layer 1 (phisycal) e vengono utilizzati per prevenire il deterioramento del segnale su lunghe distanze: in pratica prolungano la lunghezza del cavo. Hub: anch esso è un dispositivo a livello 1 (layer fisico) che connette diversi dispositivi (user station) attraverso un cavo dedicato per ognuna. Le interconnessioni elettriche sono realizzate all interno dell hub. Gli hub creano reti fisiche a stella ma mantengono la configurazione logica a bus o ring. Un hub può essere visto come un multiport repeater. Per gli altri dispositivi vedi oltre.

11 3.1 Tecnologie WAN Una WAN (Wide Area Network) è una rete di comunicazione che copre distanze geografiche relativamente elevate e che usa sistemi di trasmissione forniti da aziende di telecomunicazione. Le tecnologie WAN agiscono ai primi tre livelli del modello OSI (fisico, data link, network). Linee dedicate: forniscono un collegamento punto-punto tramite un fornitore di telecomunicazioni che di solito fornisce due o più coppie. Il costo è calcolato in base alla distanza e alla velocità di trasmissione. Commutazione di circuito: il circuito viene impegnato solo per il tempo della trasmissione: esempio le linee IDSN (Integrated Services Digital Network). Commutazione di pacchetto: è una tecnologia WAN nella quale gli utenti condividono delle risorse comuni (rete) del fornitore di telecomunicazioni, con riduzione dei costi. Il fornitore di tlc può creare dei circuiti virtuali tra le sedi del cliente per trasmettere pacchetti di dati. Esempi di reti a commutazione di pacchetto includono ATM (Asyncronous Transfer Mode, Frame Relay, Switched Multimegabit Data Services (SMDS) e X.25. Un circuito virtuale è un circuito logico creato in una rete condivisa tra due dispositivi: ne esistono di due tipi: SVC (Switched Virtual Call): sono circuiti logici stabiliti dinamicamente su richiesta e terminati quando la trasmissione è completa: vengono utilizzati per trasmissioni sporadiche. PVC (Permanent Virtual Call): è un circuito virtuale stabilito permanentemente che permette la trasmissione continua dei dati.

12 4.1 Bridges e switches Operano a livello 2 (Data Link) del layer OSI. Gli switches sono un evoluzione dei bridges e li stanno sostituendo. La funzione principale di un bridge (e di anche di uno switch) è quella del packet forwarding tra due o più reti: questo permette la suddivisione di una rete in più segmenti e di limitare quindi la trasmissione dei pacchetti ai soli segmenti interessati al traffico. Sia i bridges che gli switches controllano il flusso dei dati, gestiscono gli errori di trasmissione, si occupano dell indirizzamento fisico (non logico) e dell accesso al mezzo di trasmissione fisico, permettendo l interconnessione di reti che utilizzano media fisici diversi. I protocolli di livello 2 più utilizzati sono Ethernet, Token Ring e FDDI. I protocolli di livello più elevato (>= 3, TCP/IP, Appletalk ) sono trasparenti e i pacchetti possono essere trasferiti tra i vari segmenti di rete ad alta velocità. Differenze tra bridge e switch - Un bridge viene utilizzato per suddividere una rete in alcuni segmenti (di solito 2): i local bridges forniscono la connessione diretta di più segmenti di LAN nella stessa area, mentre i remote bridges forniscono la connessione di segmenti di LAN attraverso linee di telecomunicazione: in questo caso si occupano di mantenere un buffer dei pacchetti che, dalla LAN vengono trasferiti alla WAN, di velocità molto più limitata (ad esempio da 10Mb/s a 64Kb/s. I bridges possono anche effettuare la trasformazione dei frame tra due reti diversi, come ad esempio Ethernet (IEEE 802.3) e Token Ring (IEEE 802.5). In questo caso si parla di translational bridging: a livello del MAC sublayer viene eliminato un tipo di header, il frame viene poi processato al livello LLC e quindi inviato al MAC sublayer della seconda porta che lo incapsula nel diverso tipo di frame. - Uno switch viene utilizzato per suddividere una rete in molti piccoli segmenti (24, 48 o più) che possono essere anche realizzati con mezzi fisici diversi (es. Ethernet a 10 o 100 Mbps). Le tecniche di forwarding più utilizzate sono la store-and-forward e cut-through. Nella store-and-forward un intero frame deve essere completamente ricevuto prima di essere ritrasmesso. Questo aumenta il tempo di latenza ma permette allo switch di rilevare eventuali errori prima di ritrasmettere il frame: questo è il principale vantaggio di uno switch rispetto ad un HUB. Nella tecnica cut-through la ritrasmissione del frame avviene quando sono state ricevute abbastanza informazioni per decidere dove vada ritrasmesso: in questo caso non è possibile però rilevare gli errori di trasmissione. LAN Switch: sono usati per interconnettere diversi segmenti di una LAN, fornendo comunicazioni dedicate e collision free tra dispositivi di rete e supportando più trasmissioni simultanee. I Lan switch possono supportare le Virtual LAN (VLAN): una VLAN è definita come un dominio di broadcast, un dominio cioè che delimita la zona di rete dove vengono propagati i frame di broadcast generati da una workstation. In questo modo si migliorano l ampiezza di banda disponibile e la sicurezza della rete. La definizione delle VLAN può avvenire tramite i MAC Addr: in questo caso l appartenenza ad una VLAN è determinata dall indirizzo fisico di una workstation: eventuali spostamenti nella connessione di rete non richiedono la configurazione della VLAN. La definizione di una VLAN può coinvolgere anche le singole porte di una switch. Esistono però degli switch layer-3 che permettono delle funzioni di routing interne allo switch. Infatti se due workstation appartenenti a VLAN diverse devono comunicare, è necessario un router

13 esterno, a meno che lo switch non sia fornito di funzioni di routing. In questo la definizione delle VLAN coinvolge anche gli indirizzi logici (layer 3, network).

14 5.1 Router L operazione di routing consiste nel trasmettere informazioni tra attraverso una internetwork, cioè una connessione di due i più reti, attraversando almeno un nodo intermedio. A differenza del bridging però, che opera a livello 2 Data Link - del modello OSI, il routing opera a livello 3, cioè a livello di network. Mentre il bridging interconnette due segmenti di rete separando gli indirizzi fisici, il routing interconnette due, o più, reti separando gli indirizzi logici. Le funzioni principali del routing sono: determinare il percorso migliore per raggiungere il nodo di destinazione e trasportare i pacchetti di informazioni attraverso una internetwork (packet switching). 5.2 Funzione di Optimal path Per determinare il percorso migliore fra due nodi i protocolli di routing utilizzano una metrica, cioè un sistema di misurazione, che include ad esempio l ampiezza di banda, che permette di calcolare tale percorso per mezzo di algoritmi. Questi algoritmi utilizzano delle routing tables, che contengono diverse informazioni, come la destination/next hop che, dato un indirizzo di destinazione, indica il prossimo router cui inviare il pacchetto. Altre informazioni riguardano la desiderabilità di un percorso, rappresentata da un valore espresso da una metrica. Le routing tables di una internetwork vengono tenute aggiornate attraverso l invio di messaggi tra i router, definiti da diversi protocolli. Questi messaggi possono contenere una parte o l intera routing table di un router oppure delle informazioni di link-state, che informano gli altri router dello stato di un particolare link. Le informazioni di link-state vengono utilizzate per costruire la topologia dell intera rete e per permettere quindi, ad ogni router, di determinare il percorso ottimale. 5.3 La funzione di switching Quando un host deve inviare un pacchetto ad un altro host che non appartiene alla stessa rete, acquisisce l indirizzo fisico del router che si occuperà dell instradamento (default gateway) e che appartiene alla propria rete fisica, e gli invia il pacchetto. Il router esamina l indirizzo logico di destinazione (network, L3) e decide se conosce o meno la strada per raggiungerla. Se non la conosce scarta il pacchetto, altrimenti modifica l indirizzo fisico del pacchetto con quello del next hop e quindi trasmette il pacchetto. Se il next-hop non è l host di destinazione, allora è un altro router, che ripete l operazione precedente fino a che non viene raggiunto l host destinatario: il pacchetto, per ogni hop, ha modificato il suo indirizzo fisico ma non quello logico. 5.4 Algoritmi di routing Esistono diversi tipi di algoritmi di routing, ognuno dei quali è stato progettato in funzione delle seguenti caratteristiche:

15 1. Ottimalità: è la capacità dell algoritmo di scegliere il miglior instradamento possibile in funzione dei calcoli eseguiti sulla metrica che è stata definita, come il numero di hop, l ampiezza di banda del canale, la quantità di traffico, l affidabilità. 2. La semplicità: l algoritmo di routing deve essere il più semplice possibile per essere eseguito con la maggior efficienza possibile ed introdurre il minimo overhead possibile. 3. Robustezza: gli algoritmi devono essere affidabili e funzionare correttamente anche in caso di eventi anomali e circostanze non previste, come guasti hardware, sovraccarichi del traffico di rete, errate connessioni; devono rimanere stabili per lunghi periodi di tempo e con le più diverse condizioni della rete. 4. Rapida convergenza: è il processo che rende tutti i router della rete in accordo sugli instradamenti ottimali. Se un router della rete diventa indisponibile, gli altri router iniziano uno scambio di informazioni per riconfigurarsi e ricalcolare i percorsi ottimali. Se questo processo non converge rapidamente, possono verificarsi delle condizioni di loop. 5. Flessibilità: gli algoritmi devono adattarsi velocemente e accuratamente ad ogni variazione della topologia della rete: indisponbilità di un segmento, cambiamenti nella velocità di trasmissione, rallentamenti nella rete. 5.5 Tipi di algoritmi di routing 1. Routing statico: le tabelle di routing vengono predeterminate dall amministratore di rete e non possono variare autonomamente. E un sistema molto semplice, ma è adatto solo a reti di piccole dimensioni e che non subiscono modifiche. In caso di eventi non previsti, occorre intervenire per ridefinire i nuovi instradamenti. 2. Multipath: possono essere definiti più instradamenti verso la medesima direzione: questo permette il multiplexing del traffico su diverse linee aumentando l affidabilità e le prestazioni: vengono denominati anche load sharing. 3. Gerarchici: a differenza di un sistema di flat routing, dove tutti i router sono alla stesso livello (peer to peer), in un sistema di routing gerarchico alcuni router formano quello che è definito un routing backbone. I pacchetti che provengono da un router che non appartiene al backbone vengono inviati ad un router del backbone, e attraverso questo, raggiungono l ultimo router del backbone vicino alla destinazione. A questo punto, attraverso altri router esterni al backbone raggiungono la destinazione. Utilizzando questa struttura gerarchica si semplificano le routing tables e si minimizza la quantità di informazione che deve essere scambiata tra i router per mantenersi aggiornati. 4. Link-state algorithms: (Shortest Path First) le informazioni di routing vengono trasmesse a tutti i nodi della rete, ogni router però manda solo la porzione della routing table che descrive lo stato dei suoi link: gli altri router si costruiscono la topologia completa dell intera rete. Questo algoritmo manda meno informazioni ma a tutti i router della rete. 5. Distance Vector algotithms (Bellman-Ford): ogni router manda tutta o parte della sua routing table solo ai router vicini: questo algoritmo converge meno velocemente del precedente, anche se è più semplice. 5.5 Tipi di metriche 1. Path length: è la più comune. In alcuni protocolli di routing è possibile definire arbitrariamente (amministratore di sistema) il costo associato ad ogni link: in questo caso la path length è la somma dei costi associati ad ogni cammino attraversato. Altri routing protocol definiscono gli hop-count cioè il numero di passaggi attraverso i router della rete fino a giungere a destinazione.

16 2. Affidabilità: ai diversi link vengono assegnati (dagli amministratori di sistema) dei valori arbitrari in dipendenza dalla loro affidabilità, e cioè la probabilità dei guasti (MTBF) o il tempo necessario per ritornare operativi (MTTR). 3. Delay: misura il tempo che impiega un pacchetto a raggiungere la destinazione: riguarda la banda disponibile sui canali attraversati, le code che si formano su ogni router e le congestioni di traffico sui link, oltre alla distanza fisica. 4. Banda disponibile: è la capacità di supportare il traffico di ogni link. 5. Tempo di elaborazione dei router: misura la capacità dei router di processare i pacchetti. 6. Costi di comunicazione: la trasmissione su alcune linee può comportare dei costi monetari (es. reti a commutazione di pacchetto gestite da aziende di telecomunicazione), che possono essere considerati nel calcolo delle metriche. Esistono diversi routing protocol che realizzano le funzioni sopra descritte: IGRP (Interior Gateway Routing Protocol), Enhanced IGRP, OSPF (Open Shortest Path First), EGP (Exterior Gateway Protocol), BGP (Border Gateway Protocol), IS-IS (Intermediate System-to-Intermediate System), RIP (Routing Information Protocol). I Routing Protocol non devono essere confusi con i Routed Protocol che sono invece i protocolli, definiti dal layer 3 al layer 7, oggetto delle funzioni di routing. Questi sono IP, Decnet, AppleTalk, Novell NetWare, OSI, XNS, Banyan Vines ecc 5.6 Il Routing Information Protocol (RIP) E uno dei primi protocolli di routing ad essere stato definito (1957), e si basa sull algoritmo Distance Vector e ne esistono diverse varianti. Nel 1994 è stato definito il RIP2 (RFC 1723) che trasporta più informazioni e supporta le subnet mask. Gli RFC (Requests for Comments) sono i documenti tecnici che riguardano Internet definiti dall IETF (Internet Engineering Task Force) e sono disponibili sul sito Il protocollo RIP invia i messaggi di aggiornamento delle routing table a intervalli regolari e quando cambia la topologia della rete. Quando un router riceve l informazione di una modifica di un path ad una entry della sua tabella da un router connesso alla sua stessa rete, registra la modifica ed aggiunge 1 al valore della metrica per quel path (cioè al valore che gli è stato trasmesso). Inoltre registra il router che gli ha inviato il messaggio come il next-hop per quel path. In questo modo il protocollo RIP mantiene solo l indicazione del best route per una determinata destinazione. Dopo aver modificato la sua routing table il router invia agli altri router della rete le informazioni sulla modifica. La metrica utilizzata dal RIP misura la distanza tra due nodi semplicemente sommando il count value (che di solito è pari a 1) di ogni hop. Per garantire la stabilità della rete, cioè per prevenire i loop, viene definito un numero massimo di hops tra due nodi che è pari a 15. Quando questo valore viene superato la destinazione è considerata irraggiungibile: questo limita a 15 il diametro massimo di una rete. Il protocollo RIP prevede diversi timers per regolare le proprie prestazioni: 1. Il routing-update timer regola gli intervalli tra gli aggiornamenti periodici della rete: generalmente viene impostato a 30 secondi, più un intervallo di tempo casuale aggiunto

17 quando il router viene inizializzato (reset), per prevenire le congestioni di rete ed evitare che tutti i router inviino l update alle routing table contemporaneamente. 2. Il route-timeout timer è associato ad ogni entry della routing table : quando un path non viene più aggiornato oltre un certo periodo di tempo viene considerato irraggiungibile, ma viene mantenuto in tabella fintanto che non scade il route-flush time. Formato del pacchetto del RIP: 1 Byte: Command field 1 Byte: Version number field 2 Byte: zero field 2 Byte: AFI field 2 Byte: zero field 4 Byte: IP Addr field 4 Byte: zero field 4 Byte: zero field 4 Byte: metric field Command field: indica se il pacchetto è una richiesta o una risposta. Se è una richiesta il router invia tutta o una parte della sua routing table. La risposta può essere o un update regolare o una risposta a una richiesta. Le risposte contengono le entries della routing table. Se un pacchetto non è sufficiente ne vengono inviati diversi. Version Number field: Specifica il numero di versione Zero: non sono utilizzati ma sono stati introdotti per compatibilità con versioni precedenti Address-family identifier (AFI): specifica la famiglia di indirizzi utilizzata: RIP è stato progettato per trasportare informazioni di routing di diversi protocolli. L AFI di IP è 2. Address: specifica l IP address della entry. Metric: indica il numero di hop verso la destinazione: il valore è compreso tra 1 e 15, 16 significa irraggiungibile. I campi AFI, Address e Metric possono essere ripetuti fino a 25 in un singolo pacchetto. Formato del pacchetto del RIP 2: 1 Byte: Command field 1 Byte: Version number field 2 Byte: Unused field 2 Byte: AFI field 2 Byte: Route tag field 4 Byte: Network Address field 4 Byte: Subnet Mask field 4 Byte: Next hop field 4 Byte: Metric field

18 Command field: indica se il pacchetto è una richiesta o una risposta. Se è una richiesta il router invia tutta o una parte della sua routing table. La risposta può essere o un update regolare o una risposta a una richiesta. Le risposte contengono le entries della routing table. Se un pacchetto non è sufficiente ne vengono inviati diversi. Version Number field: Specifica il numero di versione (inr RIP 2 vale 2) Unused: vale zero Address-family identifier (AFI): specifica la famiglia di indirizzi utilizzata ed ha lo stesso significato della versione precedente con l eccezione che, se il valore del campo AFI per la prima entry è xffff le altre informazioni della entry contengono una password di autenticazione Route Tag: fornisce un metodo per distinguere tra internal route (utilizzate dal RIP) o external route (utilizzate da altri protocolli) IP Address: specifica l IP address della entry. Subnet Mask: contiene la subnet mask della entry. Se vale zero non è stata specificata nessuna netmask. Next hop: Indica l indirizzo IP nel prossimo hop al quale verranno inviati i pacchetti Metric: indica il numero di hop verso la destinazione: il valore è compreso tra 1 e 15, 16 significa irraggiungibile. I campi AFI, Address e Metric possono essere ripetuti fino a 25 in un singolo pacchetto o 24 se è utilizzata l autenticazione. 5.7 Il protocolo di routing OSFP (Open Shortest Path First) L OSPF è un protocollo di routing sviluppato per IP dall IGP (Interior Gateway Protocol) un gruppo di lavoro dell IETF (Internet Engineering Task Force). E simile all IGRP (Interior Gateway Routing Protocol), si basa sull algoritmo SPF (Shortest Path First) e fu sviluppato perché RIP non è adatto a gestire reti di grosse dimensioni. OSFP è un protocollo open, cioè è di dominio pubblico (vedi RFC 1247) e si basa sull algoritmo SPF sviluppato da Edsger Wibe Dijkstra. A differenza di RIP e IGRP, che sono protocolli di routing distance-vector, OSFP è un protocollo di routing di tipo link-state: i router appartenenti alla stessa area gerarchica si scambiano informazioni sullo stato dei loro link (LSA Link State Advertisment) che vengono utilizzate nel calcolo dell algoritmo SPF. A differenza di RIP, OSPF opera all interno di una gerarchia di reti, ognuna delle quali è rappresentata da un AS (Autonomous System), cioè una rete con un amministrazione comune che adotta una propria strategia di routing. OSPF è quindi un intra-as routing protocol. Ogni sistema autonomo è diviso in un certo numero di aree, ognuna delle quali è un gruppo di reti contingue e di hosts collegate ad esse. I router che collegano fra loro queste aree mantengono database separati con la topologia di ogni area e si chiamano Area Border Router.

19 I router che appartengono ad una stessa area, condividono le stesse informazioni, gli LSA, e quindi i loro database descrivono la stessa topologia. La topologia di un area è quindi invisibile al di fuori della stessa. Partizionando la rete in aree si creano due differenti tipi di routing: quello inter-area e quello intraarea. Il backbone OSPF è responsabile della distribuzione delle informazioni di routing tra le aree: è costituito da tutti gli Area Border Routers. L algoritmo SPF: al power-up di un router questo invia degli hello packets a tutti i router collegati alla rete comune: questi a loro volta gli rispondono. Gli hello packets quindi fanno conoscere ad un router i suoi vicini e lo informano del loro stato (keepalive). Con questo meccanismo, in una rete con più di due router (multiaccess) il protocollo hello individua due router privilegiati: il designated router e il backup designated router: questo router è responsabile di generare gli LSA per l intera rete, riducendo il traffico sulla rete. Quando il link-state database di due router vicini è sincronizzato, i router si dicono adiacenti: nelle reti con più router è il designated router che determina quali router devono essere adiacenti. Ogni router periodicamente manda un LSA per acquisire informazioni da un router adiacente o per informarlo delle modifiche intervenute sulla topologia delle rete: in questo modo è possibile gestire velocemente queste modifiche. Ogni router è quindi in grado di calcolare l albero dei cammini minimi (shortest-path tree) con se stesso come radice.

20 6.1 Il protocollo Internet I protocolli Internet sono la suite di protocolli open-system (non proprietari) più diffusa al mondo, e sono adatti sia ai collegamenti per le LAN che per le WAN. I protocolli Internet furono sviluppati nel 1970, quando la DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) si pose l obiettivo di sviluppare una rete a commutazione di pacchetto che avrebbe permesso l interconnessione di sistemi eterogenei. Unendo le ricerche della Stanford University e di Bolt, Reraneck e Newman alla fine del 1970 venne sviluppata l intera suite di protocolli di Internet. Tutta la documentazione sui protocolli Internet è contenuta nei report tecnici chiamati Request For Comments (RFC) (www.rfc-editor.org). I protocolli Internet sono implementati in tutti i livelli del modello OSI, tranne i primi due: Layer 7 Application NFS FTP, Telnet Layer 6 Presentation XDR SMPT,SNMP Layer 5 Session RPC Layer 4 Trasport TCP, UDP Layer 3 Network IP, ICMP,(Routing protocol) Layer 2 Data Layer Non Specificato Layer 1 Physical Non Specificato 6.2 Il protocollo IP E definito nel RFC791. E a livello 3 e contiene le informazioni di indirizzamento e di controllo che permettono ai pacchetti di essere instradati tra le reti. Fornisce la trasmissione dei Datagram attraverso un internetwork in modo connectionless e si occupa della frammentazione e del successivo riassemblaggio dei datagram per supportare i data link con differenti velocità di trasmissione.

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

DHCP Dynamic Host Configuration Protocol

DHCP Dynamic Host Configuration Protocol DHCP Dynamic Host Configuration Protocol L assegnazione automatica dei parametri di configurazione (e.g. network address) al momento dell avvio dei client di una rete, semplifica l amministrazione della

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation 0x100 Router 0x110 Cos è? Quello che nel gergo informatico viene chiamato Router (o Switch Router) è un dispositivo di rete

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi:

Strato di rete. Argomenti: Obiettivi: Strato di rete Obiettivi: Principi e servizi dello strato di rete: Routing (selezione del cammino da host sorg. (. dest a host Problemi di scala Come funziona un router Implementazione in Internet Argomenti:

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Dispensa Reti tcp/ip

Dispensa Reti tcp/ip Dispensa Reti tcp/ip Indice Livello di reti... 2 Tcp/ip... 2 Reti e sottoreti... 2 Dns... 3 Servizi e protocolli... 4 Cooperativa ALEKOS 20155 MILANO - V. Plana, 49 - P.IVA 11027820155 Tel 02-39264592

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi

corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 4. IPC (Inter Process Communication) (parte 1): le forme ed i modelli della comunicazione tra processi Prof. S.Pizzutilo Elementi

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Sicurezza delle reti Spoofing: cos'è e come avviene IP Spoofing Spoofing non Cieco

Sicurezza delle reti Spoofing: cos'è e come avviene IP Spoofing Spoofing non Cieco SPOOFING Sicurezza delle reti Non bisogna essere sorpresi dal fatto che le reti di computer siano l'obbiettivo preferito, sia oggi sia in futuro, da parte di aggressori. Visto che un attacco su larga scala

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Voice Over IP NAT Traversal

Voice Over IP NAT Traversal Voice Over IP Traversal Giorgio Zoppi zoppi@cli.di.unipi.it Tecnologie di Convergenza su IP a.a.2005/2006 VoIP Traversal 1 57 Tecnologie di Convergenza su IP Che cosa è il (Network Address Translation?

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10 IP number, DNS e nomi di dominio Lezione n. 10 IP, Domain Name Server, nome di dominio Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli