Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali Relatore: Chiar.mo Prof. FRANCESCO ZANICHELLI Tesi di laurea di: ANDREA DONETTI Anno Accademico

2 Indice 1 Introduzione Contributi della tesi Organizzazione della tesi Qualità del servizio su reti IP QoS nelle reti di calcolatori Le reti IP Qualità del servizio Meccanismi per offrire QoS Control Plane Data Plane Management Plane Differentiated Services QoS end-to-end basata su domini amministrativi Controllo del flusso all interno di un dominio Bandwidth Broker Base di dati Protocolli di comunicazione QoS per applicazioni multimediali in reti eterogenee Caratteristiche delle applicazioni multimediali Gestione dell infrastruttura di rete Qualità del servizio su reti wireless Il protocollo IEEE QoS su reti wireless i

3 INDICE INDICE e draft Cisco Aironet 350 Series Access Point QoS end-to-end tra Diffserv e e WLAN Realizzazione di una architettura DiffServ Supporto DiffServ in Linux Traffic Control Code, classi, filtri e policing Configurazione del kernel Architettura per il controllo d accesso Modelli di interazione con il BB Prototipo realizzato Componenti del sistema QoS tra rete Wired e rete Wireless Filtraggio del traffico destinato alla rete wireless Domini DiffServ Risultati sperimentali Configurazione della rete Utilizzo di schede wireless su computer Linux Testbed Risultati Assenza di QoS Presenza di QoS Presenza di QoS e banda in downstream variabile Conclusioni Sviluppi futuri Bibliografia 101 ii

4 Capitolo 1 Introduzione Negli ultimi anni sono aumentate enormemente sia la diffusione che la larghezza di banda delle reti IP. Questa disponibilità di risorse ha favorito l incremento della richiesta di applicazioni distribuite multimediali in diversi ambiti, come ad esempio l intrattenimento, l istruzione e il telelavoro. Anche strumenti di uso comune come il telefono stanno migrando verso reti IP a commutazione di pacchetto. La trasmissione di segnali vocali e video che devono essere riprodotti immediatamente dall applicazione ricevente è molto sensibile alla perdita di pacchetti e richiede che vengano rispettati precisi vincoli temporali. Nella maggior parte delle reti IP attualmente utilizzate non viene fatta distinzione tra i dati in transito e non c è modo di garantire la consegna secondo i vincoli richiesti dal traffico multimediale. In letteratura [1, 2, 3, 4, 5, 6] sono documentati alcuni meccanismi per differenziare il trattamento dei dati, dando maggiore priorità al traffico più sensibile alla qualità del servizio offerto dalla rete. In particolare l Internet Engineering Task Force (IETF) ha ideato alcuni modelli per soddisfare le richieste di qualità del servizio. Tra questi ha suscitato particolare interesse l approccio Differentiated Services (DiffServ) [4, 5], che garantisce maggiore scalabilità e miglior adattamento all architettura delle reti IP esistenti rispetto alle altre soluzioni proposte. Al contrario del modello Integrated Services (IntServ) [3], che prevede il mantenimento di uno stato per ogni flusso in ciascun router attraversato, il modello DiffServ definisce un insieme limitato di classi utilizzate per differenziare il trattamento dei dati in transito. 1

5 Capitolo 1. Introduzione In ingresso ad ogni dominio caratterizzato da un unica amministrazione, i pacchetti vengono marcati con il codice di una delle classi previste, in base alla priorità delle informazioni contenute. Questa marcatura viene utilizzata nei nodi centrali per decidere l ordine di inserimento nelle interfacce di uscita dei router e la probabilità di eliminazione in caso di congestione. Per le funzioni di negoziazione del livello di servizio, di controllo di accesso e di configurazione dinamica della rete può essere utilizzato un componente chiamato Bandwidth Broker [7]. Alcuni centri di ricerca hanno realizzato dei prototipi di Bandwidth Broker secondo le proprie necessità, ma gli studi in questo campo non hanno ancora portato alla definizione di un sistema completo e soddisfacente. Tra le varie tecnologie per la connessione di dispositivi elettronici, quella senza filo (wireless) ha ultimamente avuto un grande sviluppo. La tecnologia wireless permette di connettere comodamente ad Internet dispositivi mobili (computer portatili, telefoni cellulari, PDA) negli ambienti più disparati. Sono stati definiti alcuni standard per la comunicazione wireless mentre altri sono attualmente in via di sviluppo. In particolare l Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE) ha proposto il protocollo utilizzato dalla maggior parte dei dispositivi. Il gruppo di lavoro e, che non ha ancora concluso il suo lavoro, definirà prossimamente uno standard per offrire qualità del servizio su reti wireless [8, 9, 10]. Il canale wireless presenta caratteristiche differenti rispetto alle reti fisse; ad esempio la perdita di pacchetti, praticamente assente su reti locali (LAN), è sperimentata frequentemente durante comunicazioni wireless. Ad oggi non sono ancora disponibili meccanismi robusti per offrire un servizio end-to-end di qualità ad utenti wireless. 1.1 Contributi della tesi Questa tesi si colloca nel progetto, in corso presso il Dipartimento di Ingegneria dell Informazione dell Università degli Studi di Parma, per la realizzazione di una infrastruttura di rete che permetta a professori, ricercatori e studenti di utilizzare in modo soddisfacente servizi di E-Learning, videoconferenza, streaming video e tutte le applicazioni multimediali che possano essere utili per attività didattiche e di ricerca. Lo scopo di questa tesi è stato quello di dotare l infrastruttura di rete ete- 2

6 Capitolo 1. Introduzione rogenea (wired e wireless) esistente di strumenti per il trattamento differenziato del traffico secondo il modello DiffServ e realizzare un sistema software per garantire un utilizzo semplice, equo e controllato delle risorse disponibili. Per realizzare i nodi di rete DiffServ sono stati utilizzati personal computer dotati di software GNU/Linux. È stata predisposta una rete locale comprendente i router (edge e core) previsti dal modello DiffServ. Per le funzioni di controllo d accesso, allocazione delle risorse e configurazione dinamica del sistema sono stati studiati diversi modelli di interazione tra i componenti di un dominio. È stato inoltre realizzato un prototipo che comprende un bandwidth broker basato sul codire sviluppato presso l Università del Kansas ed un proxy che si occupa di configurare per l utente la qualità del servizio. Questa soluzione permette l utilizzo sia dal lato client che dal lato server di programmi che ignorano la qualità del servizio, consentendo di servirsi di qualsiasi prodotto disponibile. L allocazione delle risorse, richiesta da un componente integrato nel sistema, viene effettuata secondo le politiche specificate dai gestori del sistema stesso. Sono state studiate e sperimentate le caratteristiche di qualità del servizio offerte dai dispositivi di connettività wireless disponibili in dipartimento, che realizzano alcune funzionalità di differenziazione del traffico basate sulle bozze del protocollo e. Per migliorare le prestazioni non soddisfacenti ed offrire un sistema maggiormente configurabile è stato progettato e realizzato un meccanismo che integra la parte wireless nell architettura DiffServ predisposta per la rete wired. In particolare è stato introdotto un core router tra il resto della rete fissa e l access point per adattare il traffico diretto ai dispositivi mobili secondo una politica di qualità del servizio. 1.2 Organizzazione della tesi Il secondo capitolo introduce i concetti fondamentali relativi alla qualità del servizio sulle tradizionali reti IP, con particolare attenzione al modello DiffServ. Successivamente viene descritto a livello teorico il funzionamento di un bandwidth broker. Infine viene proposto un esempio di utilizzo della qualità del servizio nel contesto di un campus universitario. Il terzo capitolo presenta lo stato dell arte della qualità del servizio su reti wi- 3

7 Capitolo 1. Introduzione reless; in particolare sono presentate le caratteristiche degli access point disponibili presso il dipartimento. Il quarto capitolo è dedicato alla descrizione dei meccanismi per la qualità del servizio utilizzati e del prototipo di architettura DiffServ realizzato. Viene inoltre presentato il sistema proposto per migliorare la qualità del servizio per il traffico diretto alla rete wireless. Il quinto capitolo mostra i risultati degli esperimenti compiuti per valutare le prestazioni offerte dai meccanismi di qualità del servizio realizzati. Il sesto capitolo infine riassume i risultati ottenuti e indica alcune possibili evoluzioni del progetto. 4

8 Capitolo 2 Qualità del servizio su reti IP 2.1 QoS nelle reti di calcolatori In questo capitolo vengono introdotti i concetti fondamentali di funzionamento delle reti IP e della qualità del servizio. Vengono inoltre indicati alcuni dei meccanismi proposti in letteratura per realizzare la qualità del servizio. In particolare viene descritta l architettura Differentiated Services, utilizzata in questo lavoro di tesi. Per una trattazione più dettagliata si rimanda al testo [1] Le reti IP La maggior parte delle reti di calcolatori attualmente utilizzate in tutto il mondo si basa sulla suite di protocolli TCP/IP, ideata più di vent anni orsono e affermatasi largamente con lo sviluppo di Internet. Il protocollo di livello rete IP (Internet Protocol) è di tipo best effort, cioè non garantisce nulla riguardo l effettiva ricezione, l ordinamento e la prioritizzazione dei pacchetti. Il protocollo IP ha le seguenti caratteristiche: è connectionless: il trasferimento dei dati non avviene attraverso un unico percorso stabilito per tutta la durata della connessione. scelte di instradamento prese hop-by-hop nessun meccanismo di identificazione e correzione degli errori 5

9 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP supporto per diverse tecnologie al livello 2 del modello OSI (data link) Alcune funzionalità quali la numerazione dei pacchetti e la ritrasmissione in caso di smarrimento possono essere gestite al livello superiore di trasporto utilizzando il protocollo TCP. Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero di computer connessi a Internet, oltre alla disponibilità di risorse hardware, software e di connettività. In particolare c è stato un incremento della richiesta di applicazioni multimediali (video on demand, videoconferenza, voice over IP, e-learning, ecc.) che necessitano di banda larga ma soprattutto costante. Nella tabella 2.1 sono riportati alcuni valori indicativi sull utilizzo di banda da parte di alcune delle più comuni applicazioni di rete. Applicazione Banda tipica Voice 6 Kbps to 64 Kbps Whiteboard 10 Kbps to 100 Kbps Web Application 10 Kbps to 500 Kbps File Transfer 10 Kbps to 1 Mbps Video (streaming) 100 Kbps to 1 Mbps Video-conferencing 128 Kbps to 1 Mbps Video MPEG 1 Mbps to 100 Mbps Medical images 10 Mbps to 100 Mbps Tabella 2.1: Banda tipicamente utilizzata da alcune applicazioni Nel caso di un flusso di dati in streaming, ossia utilizzati in tempo reale dall applicazione che li riceve, è necessario che i pacchetti rispettino dei vincoli temporali abbastanza precisi al fine di evitare che il risultato finale risulti degradato. Esistono degli accorgimenti per ridurre l effetto di eventuali ritardi nella ricezione dei dati, come ad esempio l utilizzo di un buffer, ma queste soluzioni non garantiscono comunque un servizio del tutto soddisfacente all utente. Queste applicazioni avrebbero bisogno di una tipologia di servizio migliore rispetto al best effort messo a disposizione dal protocollo IP. La versione 4 del protocollo IP impone la presenza, nell header dei pacchetti, di un byte che specifica il tipo di servizio (Type of Service): i primi tre bit ( PRECE- DENCE, da 0 a 2) sono utilizzati per indicare la precedenza mentre i successivi 4 ( TOS, da 3 a 6) contengono informazioni relative all instradamento (figura 2.1). 6

10 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP PRECEDENCE TOS MBZ IPv4 RFC 1349 MBZ = Must Be Zero Figura 2.1: TOS nell header IP L ultimo bit (7) deve essere 0. I bit PRECEDENCE indicano priorità crescente con l aumentare del valore, mentre i bit TOS significano (scrivendo per primo il bit numero 3 e per ultimo il numero 6): 0000 = normal service 1000 = minimize delay 0100 = maximize throughput 0010 = maximize reliability 0001 = minimize monetary cost L utilizzo di queste informazioni comporta però overhead nei router, in particolare in quelli ad alte prestazioni che elaborano grandi quantità di pacchetti. Nella pratica tali informazioni sono di fatto ignorate dai router, per evitare un degrado della qualità del servizio offerta dalla la rete. La versione 6 cerca di migliorare il supporto alla qualità del servizio, oltre a risolvere altri problemi che non sono però oggetto di questo lavoro. IPv6 definisce nell header i campi flow label e traffic class: flow label ha lo scopo di consentire la manipolazione dei pacchetti a seconda del flusso di appartenenza. Un pacchetto con la flow label specificata può essere inoltrato in modo efficiente, utilizzando quella informazione indipendentemente dal resto dell header. L identificazione basata sulla label viene utilizzata da sistemi di gestione della QOS quali IntServ [3] e Multi-Protocol Label Switching (MPLS) [6]. 7

11 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP traffic class permette di specificare una priorità associata ad ogni pacchetto introducendo il concetto di classe di servizio; in una classe sono raggruppati pacchetti appartenenti a flussi differenti, che formano quindi degli aggregati. Questo concetto sta alla base dell architettura Differentiated Service (DiffServ) [4] [5] Qualità del servizio La Quality of Service (QoS) è definita come la misura delle prestazioni di un sistema di comunicazione, che si riflette nella qualità della trasmissione e nella disponibilità del servizio. Dal punto di vista dell utente la QoS è percepibile, in modo meno rigoroso, attraverso il funzionamento più o meno corretto e soddisfacente dell applicazione utilizzata. La qualità della trasmissione è espressa dai seguenti parametri: perdita di pacchetti (loss): è il rapporto tra la quantità di pacchetti ricevuti rispetto a quanti ne sono stati trasmessi. I pacchetti possono andare perduti perchè scartati dai router in caso di congestione (queue overflow per lentezza di trasmissione o per picchi di dati in input), perchè male indirizzati oppure per colpa di errori di trasmissione. latenza (delay): rappresenta tutti i vari tipi di ritardi che i pacchetti subiscono attraversando la rete. La latenza può essere espressa in vari modi, ad esempio come latenza end-to-end, come tempo di risposta, come ritardi introdotti dalle applicazioni e come ritardi introdotti dai componenti di rete (router, hub, switch, firewall). variazione di latenza (jitter): è la variazione dei ritardi che subiscono i vari pacchetti. Per esempio, se un pacchetto impiega 100ms per attraversare la rete da sorgente a destinazione e il successivo impiega 125ms per percorrere lo stesso tragitto, il jitter calcolato è 25ms. Valori elevati di jitter possono causare rimescolamento dei pacchetti ed errori di temporizzazione. Questo fenomeno può essere causato da congestioni della rete, o da altri fattori legati alla rete e ai tempi di risposta dei suoi componenti. Per diminuire l influenza del jitter sulla qualità di applicazioni che trasmettono audio o video in tempo reale 8

12 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP viene spesso utilizzato un buffer in ricezione. Questo comporta un aumento del ritardo percepito dall utente ed è efficace, a seconda della dimensione, solo entro un certo range di jitter. affidabilità: percentuale di tempo in cui il sistema funziona senza malfunzionamenti, particolarmente importante per applicazioni mission-critical. Solitamente viene stipulato un accordo tra utente e provider di servizi di rete sul livello di servizio, detto Service Level Agreement (SLA). In questo accordo vengono specificati i valori che possono assumere i parametri di QoS, con l aggiunta di altre informazioni quali ad esempio la banda massima utilizzabile, il prezzo del servizio e il comportamento da realizzare se i vincoli concordati non possono essere soddisfatti. Ad esempio, se le condizioni di traffico non consentono di fornire il servizio concordato, un utente può scegliere tra diverse opzioni: proseguire l applicazione in corso utilizzando la rete con prestazioni inferiori richiedere un servizio peggiore a livello applicativo che funzioni correttamente con le condizioni di rete (ad esempio richiedere un filmato con bitrate minore) attendere che vengano rispettate le condizioni indicate nel SLA Il livello di servizio concordato deve essere realizzato dalla rete lungo tutto il percorso, in modo da garantire un comportamento adeguato dell applicazione che sia soddisfacente per l utente. Il servizio di tipo best effort offerto dalle reti IP funziona sufficientemente bene per molte applicazioni comunemente utilizzate; queste applicazioni possono essere classificate come: applicazioni asincrone: per esempio l o il traffico HTTP, in entrambi i casi la rete riesce solitamente a garantire prestazioni accettabili per l utente. applicazioni burst: applicazioni che producono picchi istantanei nel bitrate che variano sensibilmente rispetto al valore medio. applicazioni bulk: applicazioni che trasferiscono grandi quantità di dati ad una velocità abbastanza costante, nel caso che i dati non debbano essere utilizzati con precisi limiti temporali (ad esempio FTP). 9

13 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP Le applicazioni che invece necessitano di una specifica qualità del servizio sono dette real time e si differenziano in soft real time e hard real time: le prime richiedono garanzie su determinati vincoli temporali ma possono anche accettare alcune fluttuazioni delle caratteristiche di servizio senza compromettere il risultato percepito dall utente. Le applicazioni hard real time, invece, non accettano variazioni nei parametri della QoS. Una descrizione più approfondita sui vincoli richiesti dai vari tipi di applicazioni multimediali si trova nel sottoparagrafo Meccanismi per offrire QoS Un primo elementare metodo per garantire la qualità del servizio consiste nel sovradimensionare le strutture di rete in modo da riuscire a soddisfare ogni richiesta degli utenti; chiaramente questa è una soluzione effettivamente utilizzabile solo in piccole reti locali a causa dei costi e del continuo sviluppo delle applicazioni e del numero degli utenti. Di fatto per regolare i parametri della QoS si utilizza un insieme di meccanismi studiati per controllare a vari livelli il traffico di rete. Questi componenti base di una architettura per la QoS si possono suddividere in tre aree: Control Plane, Data Plane e Management Plane [2] Control Plane Riguarda i meccanismi che gestiscono il percorso attraverso il quale viaggia il traffico degli utenti. Quest area comprende: Admission control: controlla il traffico che può transitare all interno della rete, in modo che un nuovo flusso accettato non causi perdita di qualità al traffico esistente. Normalmente l admission control è guidato da un insieme di regole concordate dal service provider con gli utenti della rete. QoS routing: si occupa di scegliere un percorso che soddisfi le richieste di QoS dei flussi di traffico. Spesso si utilizzano algoritmi differenti dal tradizionale shortest path, basati su metriche che utilizzano i parametri di QoS 10

14 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP (banda, latenza, ecc.). Per realizzare questi meccanismi è necessaria la conoscenza delle richieste di QoS del flusso e delle caratteristiche di rete che variano frequentemente. Questa conoscenza si ottiene tipicamente grazie a protocolli di segnalazione, come Resource ReserVation Protocol (RSVP) o estensioni di Open Shortest Path First (OSPF). Resource reservation: questo meccanismo prenota le risorse di rete richieste da una applicazione per garantire le prestazioni concordate. La capacità di garantire le risorse è legata alle funzioni di admission control. Una condizione necessaria per soddisfare una richiesta di prenotazione è che ci siano sufficienti risorse di rete. Le caratteristiche del resource reservation dipendono dalle performance di rete richieste e dallo specifico approccio per realizzare la QoS. Un esempio di protocollo per riservare risorse è il RSVP, particolarmente usato nella architettura Integrated Service (IntServ) Data Plane Contiene i meccanismi che intervengono direttamente sul traffico degli utenti, ad esempio modificando il modo in cui i router elaborano e inoltrano i pacchetti in transito. Le operazioni effettuate dai router, descritte in modo molto semplice, sono le seguenti: i pacchetti ricevuti in modo sincrono o asincrono vengono messi nelle code di input, successivamente sono elaborati secondo le operazioni di base del protocollo IP (controllo del TTL, gestione degli indirizzi, ecc.) ed infine sono indirizzati nella giusta coda di output per essere trasmessi. Questi processi a seconda della capacità di elaborazione, della dimensione della memoria, della velocità di trasmissione del router introducono latenza e sono una delle principali fonti di perdita dei pacchetti. Inoltre non c è nessuna garanzia che i pacchetti provenienti da una stessa sorgente vengano gestiti allo stesso modo, perciò la latenza dei vari pacchetti tende ad essere variabile producendo jitter. Le principali operazioni che fanno parte del Data Plane sono packet conditioning, queue scheduling e congestion control. Per quanto riguarda il packet conditioning si usano le seguenti tecniche: packet classification and marking: i pacchetti vengono classificati in base ai 11

15 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP SHAPING CLASSIFICATION + MARKING... POLICING... OUTPUT INTERFACE INPUT QUEUES OUTPUT QUEUES SCHEDULING CONGESTION CONTROL Figura 2.2: Data plane all interno di un router parametri degli header a seconda della politica da realizzare e marcati per essere rapidamente riconosciuti nelle successive elaborazioni. La classificazione può essere fatta esaminando i parametri a diversi livelli: Layer 2 (802.1Q Class of Service CoS, MAC address, MPLS experimental values) Layer 3 (IP precedence, DSCP, indirizzo IP sorgente/destinazione) Layer 4 (porte TCP o UDP) Layer 7 (application signatures) I pacchetti vengono marcati in modo differente a seconda dell architettura utilizzata (Diffsev, Intserv, ecc.). Ogni architettura definisce infatti un campo o un significato specifico ad un campo esistente in un header. I nodi interni di rete classificano i pacchetti analizzando solamente questo campo. packet prioritization: i pacchetti vengono serviti con più o meno priorità a seconda del marchio che hanno ricevuto. Per esempio gli algoritmi di scheduling nei router possono decidere il successivo pacchetto da analizzare in base alla priorità assegnata. traffic shaping: i flussi di dati vengono modellati in modo da filtrare eventuali picchi limitando la banda disponibile per i vari profili. Il traffico out-of-profile (che eccede i limiti fissati) viene gestito a seconda del sistema e della politica utilizzata. Per effettuare questa operazione solitamente i sistemi di QoS utilizzano uno schema token-bucket. Lo schema token-bucket viene utilizzato per controllare le caratteristiche principali dei flussi di pacchetti come la 12

16 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP velocità media, i picchi istantanei di velocià ed i burst (numero di pacchetti che temporaneamente possono essere inviati nonostante venga superato il limite massimo di banda utilizzabile). Il funzionamento di un semplice filtro token-bucket (TBF) è il seguente (figura 2.3): i token che rappresentano i crediti sono generati ad una velocità predefinita r i token sono accumulati in un bucket (cestino) fino ad un limite fissato b che rappresenta la dimensione del bucket i pacchetti che arrivano alla velocità media p hanno accesso alla rete grazie ai crediti disponibili nel cestino i pacchetti subiscono un comportamento definito dall amministratore se non sono disponibili crediti nel cestino (out-of-band). Ad esempio questi pacchetti possono essere eliminati oppure indirizzati in un apposita coda di output. Token generation rate (r) Bucket size (b) Bucket Packet Packet size (m) Network out of band packet Figura 2.3: Filtro Token Bucket Il valore r rappresenta quindi la velocità media prevista per il flusso. La dimensione del cestino rappresenta la variazione possibile rispetto alla velo- 13

17 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP cità media, ossia il numero massimo di pacchetti che possono essere inoltrati istantaneamente al di sopra del rate fissato. I pacchetti consumano un numero differente di crediti in proporzione alla loro dimensione. policing: applicazione di un insieme di regole che devono essere rispettate relativamente al servizio. In base a queste regole (ad esempio gli accordi definiti in un SLA) vengono decise le azioni da compiere sui pacchetti come, ad esempio, scartare quelli che sono oltre il limite di banda fissato. Per migliorare le prestazioni per quanto riguarda latenza e jitter si è possibile intervenire sulla dimensione dei pacchetti in modo da evitare che pacchetti di grosse dimensioni e bassa priorità siano causa ritardi eccessivi al traffico prioritario. Il queue scheduling rappresenta un insieme di algoritmi e meccanismi usati per controllare il trasferimento dei pacchetti dalle code di input a quelle di output nei router. Gli obiettivi sono quelli di condividere la banda in modo equo evitando la starvation di alcuni utenti, garantire i parametri di QoS come banda e latenza se specificati e ridurre i jitter. Gli algoritmi usati più frequentemente per realizzare questi obiettivi sono: First-In First-Out (FIFO): la coda più semplice, il primo arrivato è il primo ad uscire. Tutti i pacchetti ricevono lo stesso trattamento. Funziona bene grazie alla sua semplicità in assenza di congestioni. Priority Queuing (PQ): ci sono n code alle quali è associata una priorità relativa. I pacchetti con priorità maggiore vengono serviti prima. I pacchetti in una coda vengono serviti solo se le code a priorità maggiore sono vuote. Causa problemi di starvation. Round Robin (RR) e Weighted Round Robin (WRR): sono presenti varie code. L algoritmo base serve in ordine tutte le code, un pacchetto per volta. Nella versione weighted è possibile specificare il numero di pacchetti serviti per le singole code ad ogni turno. Garantisce priorità e non provoca starvation. Non viene considerata la dimensione dei pacchetti, quindi possono verificarsi lunghe attese per pacchetti di piccole dimensioni. Non può quindi garantire limiti di banda o latenza. 14

18 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP Weighted-Fair Queuing (WFQ): è un algoritmo complesso pensato per fornire imparzialità e per evitare la starvation, offrendo una priorità prefissata ai vari flussi. Class-Based Queuing (CBQ): consente di suddividere il traffico in varie classi, ognuna delle quali può gestire il traffico in modo autonomo tramite code interne. Esistono anche altri metodi di gestione delle code, ad esempio variazioni agli algoritmi indicati, realizzazioni proprietarie di soluzioni generiche e nuove soluzioni che non sono generalmente presenti nei router. Il congestion control è l insieme dei meccanismi usati per prevenire ed eliminare le congestioni nelle reti. Vi sono tecniche reattive che tendono a diminuire l intensità del traffico che attraversa la rete, e tecniche proattive che cercano di evitare il formarsi di congestioni. I principali approcci al problema sono: Tail Drop: vengono eliminati i pacchetti ricevuti se la coda di output è piena. Random Early Detection (RED): i pacchetti vengono scartati con una data probabilità in modo da evitare la formazione di congestioni. Quando le code sono lontane dalla saturazione e si è quindi in condizioni di traffico sostenibile dalla rete nessun pacchetto viene scartato. Se il numero di pacchetti in coda supera una soglia specificata il meccanismo RED comincia a scartare alcuni pacchetti in modo casuale; la probabilità che hanno i pacchetti di essere scartati aumenta con la percentuale di riempimento della coda, arrivando a scartare tutti i pacchetti in arrivo quando il buffer è pieno. Explicit Congestion Notification (ECN): i router notificano la congestione esplicitamente ad un ECN-capable end-system invece di segnalarla scartando semplicemente dei pacchetti. Per realizzare soluzioni che garantiscano la qualità del servizio sono state proposte varie architetture. In particolare l Internet Engineering Task Force (IETF) ha ideato le proposte che più hanno influito nell evoluzione delle reti IP. I due principali approcci di gestione dei pacchetti sono i seguenti: 15

19 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP flow-based packet processing: per flusso (flow) si intende in genere una trasmissione unidirezionale di dati fra due applicazioni identificata tipicamente dagli indirizzi IP e porte (sorgente/destinazione) oppure da un identificatore di flusso; questo identificatore è utilizzato, ad esempio, nella soluzione proposta da IPv6 e nel RSVP nell architettura IntServ. Utilizzando il concetto di flusso si riescono a suddividere in modo capillare i vari pacchetti che attraversano una rete. Secondo questo approccio i pacchetti vengono elaborati per ottenere la QoS in modo diverso in base al flusso di appartenenza. Questa capillarità porta a problemi di scalabilità nel caso di grosse reti con molti utenti, sia a causa dell aumento dell elaborazione richiesta, sia per il numero delle informazioni che bisogna memorizzare per ogni flusso. Il concetto di flusso, che ricorda il concetto di chiamata nelle linee telefoniche, si scontra con la natura connectionless del protocollo IP. class-based packet processing: i flussi possono essere raggruppati insieme utilizzando in modo incrociato differenti caratteristiche come ad esempio la rete di origine e qualsiasi altra informazione contenuta nell intestazione IP. Grazie a questi classificatori si possono ottenere aggregati di traffico che raggruppano in una classe flussi differenti ma che hanno in comune qualche attributo identificativo. Aggregato e classe sono i termini che identificano questa soluzione. I pacchetti vengono elaborati nei nodi di rete a seconda della classe di apparteneza, non più in modo individuale come avviene nel caso precedentemente illustrato. Il metodo Class-based scala bene con l aumetare dei nodi e degli utenti e richiede la memorizzazione di poche informazioni. Considerando flussi aggregati si riduce l analisi dell header dei pacchetti diminuendo quindi l overhead introdotto dai router. Un altro vantaggio è quello di semplificare la gestione e la realizzazione delle politiche da parte dell amministratore, dovendo considerare solamente poche classi di servizio. Il principale inconveniente è invece la scarsa personalizzazione del servizio possibile. Questo approccio è realizzato dalla architettura Differentiated Service (DiffServ). 16

20 Capitolo 2. Qualità del servizio su reti IP Management Plane Fanno parte di quest area i meccanismi che riguardano gli aspetti di gestione e di amministrazione degli traffico. Appartengono a questo insieme: Metering: monitorare le caratteristiche variabili di un flusso di dati (ad esempio la velocità di traferimento) in modo che rientrino nel profilo concordato. Uno strumento che esegue questa funzione può richiedere un trattamento particolare per il traffico monitorato (ad esempio shaping o dropping). Service Level Agreement (SLA): un SLA è l accordo tra un cliente ed il suo fornitore di servizi, nel quale sono indicati il livello di affidabilità, di prestazioni e altri attributi del servizio. Può includere anche aspetti di natura economica come le tariffe. Nella parte tecnica vengono specificati i parametri di traffico specifici utilizzati dall architettura che gestisce la QoS nel dominio. Traffic Restoration: è la capacità della rete di funzionare in condizioni di guasti ed errori. Gli errori possono verificarsi a livello di nodi di rete o di connessione fra due nodi. 2.3 Differentiated Services In questo tesi è stato scelto il modello DiffServ per fornire qualità del servizio, preferendolo a quello IntServ perchè maggiormente scalabile, come spiegato precedentemente. L idea fondamentale di questa modello è di ridurre la complessità nei nodi centrali della rete che devono trattare un numero enorme di dati. Un piccolo insieme di primitive per l invio differenziato dei pacchetti può essere composto per creare un vasto insieme di caratteristiche di QoS. I nodi centrali della rete devono gestire solamente questo piccolo insieme di primitive. Il modello DiffServ evidenzia come sia possibile offrire un servizio di QoS attraverso la configurazione statica dei nodi centrali della rete. Vengono tenute separate le funzionalità di elaborazione dei pacchetti e di configurazione dei parametri di QoS nei router centrali: la classificazione dei pacchetti avviene alla velocità con cui viaggiano nella rete, mentre la configurazione delle primitive utilizzate dai core 17

DiffServ- Differentiated Services

DiffServ- Differentiated Services Differentiated Services: Introduzione 2 DiffServ- Differentiated Services Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Proposta dall IETF nella RFC 2474/75 (12/98) Approccio basato

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati Prof. Raffaele Bolla dist IP-QoS!

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati IP-QoS L IETF ha proposto due

Dettagli

Differentiated Service

Differentiated Service Marco Listanti i Differentiated Service Architecture t (Diffserv) Differentiated Service (Diffserv) (1) La prima motivazione dell architettura Dff Diffserv è di tipoeconomico Applicazione di un principio

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

QoS a livello Network

QoS a livello Network p.1 QoS a livello Network Paolo Campegiani campegiani@ing.uniroma2.it http://www.ce.uniroma2.it p.2 IP: un protocollo best effort Il protocollo IP é un protocollo best effort: non c é garanzia che i pacchetti

Dettagli

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il classico servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, connectionless, best effort Il servizio di trasferimento non

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP Alessandro Pancaldi e Fabrizio Ferri Consortium GARR 7 Workshop GARR Roma, 17 novembre 2006 La Quality of Service (QoS) in breve La QoS è un insieme di meccanismi

Dettagli

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 (materiale tratto dalle lezioni del prof. J. C. De Martin

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Architetture per la QoS in Internet

Architetture per la QoS in Internet Marco Listanti Architetture per la QoS in Internet Integrated Service Architecture (Intserv) Architettura Integrated Service (Intserv) (1) Ha lo scopo i fornire il supporto di servizi a qualità garantita

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ 1 IP: caratteristiche (1) Semplice protocollo di tipo Datagram I pacchetti viaggiano su percorsi diversi

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato QoS nella rete Internet Le basi per fornire QoS Esistono alcuni principi indispensabili per poter fornire QoS Sono criteri euristici di buon senso (anche se molto spesso negati!), ma non dimostrabili Sono

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Mauro Campanella V Iincontro del GARR - Roma 24-26 Novembre 2003 Mauro.Campanella@garr.it Agenda - I servizi di QoS che saranno offerti da GARR-G - Premium

Dettagli

Qualità di servizio e telefonia in Internet

Qualità di servizio e telefonia in Internet Qualità di servizio e telefonia in Internet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Qualità di Servizio (QoS) in Internet

Qualità di Servizio (QoS) in Internet Marco Listanti Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, p connectionless, best effort Non è adatto alle applicazioni

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping QoS e Traffic Shaping 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come configurare il FRITZ!Box per sfruttare al massimo la banda di Internet, privilegiando tutte quelle applicazioni (o quei dispositivi)

Dettagli

Reti di Telecomunicazione

Reti di Telecomunicazione Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Telecomunicazione Prof. Fabio Martignon Università di ergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router

LAN MAN WAN. Una internet è l'insieme di più reti reti distinte collegate tramite gateway/router Rete di reti (interrete, internet) 2 Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 8 Rete di reti e Internet Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Una rete di comunicazione è un

Dettagli

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Ottimizzazione Tatiana Onali Tatiana Onali, CNIT & Università di Cagliari Obiettivi di ottimizzazione Per una gestione ottima della QoS, le infrastrutture di rete

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Stefano Paris, Antonio Capone, Flaminio Borgonovo, Paolo Giacomazzi

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP

I protocolli di routing dell architettura TCP/IP I protocolli di routing dell architettura TCP/IP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi routing-ip - 1 Copyright: si veda nota

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall

Firewall e NAT A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Protezione di host: personal firewall Firewall e NAT A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Protezione di host: personal firewall Un firewall è un filtro software che serve a proteggersi da accessi indesiderati provenienti dall esterno della rete Può

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

La Qualità del Servizio sulle Reti IP

La Qualità del Servizio sulle Reti IP La Qualità del Servizio sulle Reti IP Internet Oggi La Internet attuale è di tipo Best Effort Non esistono modi per garantire la Qualità del Servizio ricevuto su Internet Tutti i flussi sono trattati allo

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering Massimiliano Sbaraglia Network Engineer MPLS DiffServ aware Traffic Engineering I modelli per la QoS In ambito IETF sono stati definiti due modelli per la QdS su reti IP: Il modello integrated service

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Dettagli

Fondamenti di routing (pag.34)

Fondamenti di routing (pag.34) Fondamenti di routing (pag.34) UdA2L1 Il livello di rete (Network layer) è il livello 3 della pila ISO/OSI. Questo livello riceve datagrammi (pacchetti) dal livello di trasporto e forma pacchetti che vengono

Dettagli

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio SkyMeeting TM è un servizio di videocomunicazione interattiva web-based che consente di comunicare ed interagire in tempo

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione Francesco Fontanella Software delle reti Una rete è costituta da macchina diverse; Come è possibile farle comunicare?

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Il routing nelle reti IP

Il routing nelle reti IP Il routing nelle reti IP A.A. 005/006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione 2. Storia 3. Topologia delle reti 4. Livelli della rete protocolli e servizi 5. Progetto dei livelli 6. Modello ISO OSI 7. Internet Protocol suite / / Modello TCP IP

Dettagli

Tecniche di schedulazione

Tecniche di schedulazione Tecniche di schedulazione Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ TECNICHE DI SCHEDULAZIONE - 1 Algoritmi di scheduling Scheduling: scegliere un pacchetto da trasmettere

Dettagli

Voce su IP La vostra rete e pronta?

Voce su IP La vostra rete e pronta? Voce su IP La vostra rete e pronta? Servizio di classe operatore Ricordate l ultima volta che avete chiamato la vostra compagnia telefonica per ringraziarli dell affidabilita del servizio fornito? Questo

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

APPARATI DI INTERNETWORKING

APPARATI DI INTERNETWORKING APPARATI DI INTERNETWORKING Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia REPEATERS Apparato attivo che collega 2 o più mezzi di trasmissione

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli