Cosa porta in carcere le persone?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa porta in carcere le persone?"

Transcript

1 Cosa porta in carcere le persone? Un'esperienza di maieutica strutturale nella casa circondariale di Pisa Francesco Cappello Premessa 1 Quattro anni fa a Pisa insieme a Paolo Benvenuti abbiamo organizzato una settimana di studi e iniziative intorno a Danilo Dolci (Inventare il futuro, attualità di Danilo Dolci, 27 febbraio-4 marzo 2006). In quel contesto tra i tanti progetti in cantiere avevamo previsto la realizzazione di numerosi laboratori maieutici in diverse scuole della città, presso alcune Circoscrizioni, La Casa della Donna, la locale SSIS e presso la Casa Circondariale Don Bosco. Dopo aver spiegato agli operatori del carcere in cosa sarebbe consistita l attività maieutica che proponevamo, seppure con molte perplessità da parte loro, ne ottenni il benestare. Il risultato lo potete leggere nelle pagine che seguono. L emozione che provammo quella sera fu intensa ed autentica. Qualche giorno dopo era previsto un resoconto pubblico dei laboratori nell Aula Magna della Sapienza. La commozione, quando due di loro raccontarono l esperienza laboratoriale e rivolgendosi a me dissero che mi rivolevano in carcere con loro quella commozione, non sono in grado di raccontarvela Qualche tempo dopo ricevetti alcune loro lettere. Una di queste potrà dirvi sicuramente qualcosa di più ed è perciò che la troverete in fondo a tutte le parole del laboratorio. È una lettera a tutti noi educatori. 1 Il presente testo è un anticipazione del volume di Francesco Cappello Seminare domande, di prossima pubblicazione presso la casa editrice EMI. Si ringrazia la casa editrice per averne consentito la pubblicazione.

2 62 Il laboratorio Mi chiamo Francesco I. Sono in galera da 4 anni circa. Questo nel mio caso l elemento fondamentale. Mi chiamo Giovanni, sono in galera da 3 anni per errori commessi nel passato. Io sono Fabio, sono stato trasferito qui e, che posso dire? Vengo da 16 anni di tossicodipendenza, ho una moglie, un bambino. Io mi chiamo Gueye Kara, sono qui da, diciamo 8 mesi, sono qui per alcune telefonate ma, niente. Ho moglie e bambino, laggiù in Senegal dove vive tutta la mia famiglia. Mi hanno trovato con 15 grammi di eroina, ho venduto fumo e mi hanno accusato di spaccio. Mi chiamo Rafiki. Mi ritrovo qua per errori successi nel passato, nel mio passato in Francia, a Nizza. Sono qui da quasi sette mesi e devo fare ancora altri 4-5 anni. Vuoi aggiungere qualcosa? Va bene posso raccontare come sono venuto qua in Italia. Ero piccolissimo, ero con mio padre in Francia, a Nizza. È iniziato tutto all improvviso così. Lui non è una persona che io, ecco, non l ho mai capito da quando ero piccolo, è lui che mi ha fatto uscire da Francia. Facevo un lavoro durissimo. A 16 anni sono venuto a Milano. Da quell epoca lì non l ho più visto. Problemi familiari? Non vado d accordo con lui. Da 16 anni fino ad ora ho combinato delle cose, mi sono trovato costretto a farle perché fuori, se vai a chiedere un lavoro in una ditta, la prima cosa ti dicono chi sei? Non sanno chi sei se non hanno un tuo documento se non hai un documento per presentarti non ti danno lavoro quindi sei costretto ad andare a fare cose che ti possono procurare soldi velocemente e quei soldi ti servono per vestirti, per mangiare, per procurare un posto dove dormire e col passare del tempo uno si trova nel mondo della droga. Io mi chiamo Foudal. Ammetto che anch io ho commesso degli errori. Ero minorenne. E purtroppo quando arrivi non c è chi ti

3 consiglia come fare. Anch io sono arrivato da solo, purtroppo mi trovo da solo, non c è nessuno che viene e che ti regala soldi e così mi sono ritrovato in carcere minorile e poi ora qui in carcere da maggiorenne. Però ammetto che ho commesso questi errori e voglio chiedere scusa e che magari mi danno un altra possibilità perché io voglio lavorare, fuori ho la ragazza, perché loro si fidino di me e io posso dimostrare il mio valore. 63 Vi faccio i miei complimenti per come parlate bene la nostra lingua. Deve essere veramente difficile arrivare in un altro paese, bisognosi di tutto e con nemmeno la lingua per poter chiedere. Io nel 2001 mi hanno portato a Bari e a Bari ho fatto anche degli spettacoli. Ho fatto il teatro con un direttore che mi conosceva, ho conosciuto della gente là e poi ho imparato, mi hanno portato a fare uno spettacolo fuori a Bari e poi di nuovo mi hanno portato a Bologna, ho fatto uno spettacolo a Bologna. Io sto pagando ora per cose che ho fatto da minorile. Penso che ognuno di noi quando è giovane ne può fare di tutti i colori e se non c è la famiglia che lo consiglia è difficile però ora quando hai una certa età ti rendi conto di quello che hai fatto in passato perché quando non hai un padre e una madre che ti consigliano non riesci. I nostri genitori non ci hanno mandato per fare queste cose ma noi si sentiva l Italia, non so come te lo posso spiegare... però ora è una fregatura perché abbiamo visto l Italia com è. Perché noi non si immaginava come era. Non pensavo così. Fai le pazzie di quando sei minorile. Con due amici siamo montati e siamo venuti. Non sapeva neanche la mia famiglia che io venivo qui perché io ero andato a scuola, avevo anche i libri ma sono partito, ho preso la nave e sono venuto qui e loro mi aspettavano Sono Mario, da quel che vedo sono il più anziano sicuramente ho una lunga pena ma sono colpevole, ci mancherebbe. L unica cosa che mi rammarica di questa pena è che è troppo alta per il mio reato, non socialmente rigoroso: varie truffe alle banche, svariate. M hanno dato una caterva d anni. Comunque sia, questo è il mio rammarico, poi qua in carcere ho trovato una realtà

4 64 buona, non lo dico perché c è il direttore qua davanti. Mi ha dato l opportunità di riprendere gli studi universitari. Avevo preso il diploma di maturità scientifica nel 61 e ti puoi figurare che ho ripreso nel Ho dato già 10 esami e continuo il mio percorso però mi mangio le mani che mi hanno dato 12 anni, mi sembra una assurdità, manco se avessi ammazzato qualcuno Grazie Mario Prego Salve. Andrea G., vengo dalla Sardegna, Alghero. La mia pena è 3 anni e 6 mesi di cui 2 anni già fatti. Convivo con una ragazza, sono padre di una bellissima bimba. Come si chiama la tua bimba? Suami Natalìa. Siamo qua, perché, giustamente avendo commesso dei reati, abbiamo infranto la legge. Si cerca di tirare avanti nel migliore dei modi, vista la situazione dove ci si ritrova. Mi hanno dato la possibilità di poter lavorare in cucina come cuoco. Una voce: Io non ho ancora digerito però Non sono ancora morti quindi presumo che cucino discretamente e poi niente, la realtà carceraria purtroppo è quella che è. Qui si sta discretamente, da altri parti si sta male, da altre parti meglio dicono le voci, bisogna vedere se è vero. Diciamo che qua, tutto sommato, per essere alla mia prima detenzione mi sono trovato abbastanza bene con dei ragazzi abbastanza in gamba. Grazie Giorgio Francesco II. Ho 27 anni, sono nato a Firenze ma vivrei, carcere permettendo, a Viareggio. È tre anni che sono in questo carcere per un incidente di percorso Ero giovane e immaturo. Ho deciso di riprendere gli studi e sotto Natale prossimo mi laureo in eco-

5 nomia. Lavoro, sono iperattivo, faccio tremila cose, bene o male mi passano le giornate e giorno dopo giorno arriva l inverno 65 Io mi chiamo Luigi, vengo da Genova, mi sono costituito in questo carcere. Pur avendo una condanna alta sono quasi a metà pena. Ho avuto varie carcerazioni sempre per reati legati a spaccio, detenzione e uso di droghe. Niente, sono venuto qua e devo dire che non si sta poi tanto male rispetto alle altre realtà carcerarie, riusciamo ad avere anche qualche permesso, quindi... Io sono Vito, sono l ultimo arrivato. Sono arrivato da 15 giorni. Vengo da una realtà molto più triste, un carcere diverso da quello di Pisa. Come impatto mi trovo molto meglio qui. Sono dentro perché ero un ragazzo che a vent anni pensava di avere il mondo in mano e nel carcere della vita ha cercato di calare una parete tiranna, per costruirmi il mio piccolo giardino fiorito ma per farlo, ho fatto lo sbaglio di infrangere la legge e oggi sono qui a pagare. Grazie Vito. Tutti voi avete già riconosciuto la vostra responsabilità individuale. Riconoscete la vostra colpa e la necessità di scontarla. La domanda che voglio porvi, non so se difficile o facile, è questa: Cosa porta in carcere le persone? È solo la responsabilità individuale che tutti peraltro riconosciamo? O c è qualcos altro? E di che può trattarsi? Ve lo chiedo perché so che voi siete degli esperti in questo. Noi spesso consideriamo esperti solo quanti, sociologi, psicologi, urbanisti studiano dai libri e cercano di capire la realtà riuscendovi più o meno bene ma tutti noi sappiamo che un esperto senza una esperienza diretta è un controsenso. Un caro amico a cui avevo detto che sarei venuto a trovarvi mi ha scritto: ricordati che i veri esperti della libertà sono i carcerati. Esperti, anche perché si è vissuto in prima persona e si è avuto modo di pensare e ripensare alle cose che sono parte della propria vita. Tornando allora al nostro interrogativo: Ci può essere qualcosa di sbagliato nel luogo in cui ci si trova a nascere e vivere che non ti aiuta a evitare il carcere? Voi tutti avete alle vostre spalle un percorso, un pezzo di vita. Vi chiedo di guardare alla vostra esperienza personale ma anche a quella degli altri, delle persone che

6 66 avete conosciuto. Vi invito a pensarci qualche minuto per poi ascoltarci. Chi vuole, pensandoci, prenda un appunto. Io ho visto che quasi tutti voi siete arrivati con quaderno e penna. Qui abbiamo altre penne e fogli per chi volesse farne uso. Dopo qualche minuto Ciascuno ora dirà quel che sente importante e urgente dire. Spesso accade che ascoltandoci ci vengono in mente molte cose che istintivamente vogliamo dire subito. È importante quando sentite accadervi questo che vi appuntiate quanto vi viene in mente per poi chiedere la parola e parlarne. Francesco I: Io voglio dire una cosa che quando uno spiega i suoi perché è condizionato da quello che sente, da quello che legge. Alla fine non si capisce se è un pensiero suo, oppure bisognerebbe definire che cosa significa «un tuo pensiero» nel senso che è un pensiero ma è costruito con il tempo, giusto? Mi viene in mente un film «una poltrona per due» (sorride) il concetto lì era di dimostrare che l ambiente delinquenziale influenzava l individuo in misura maggiore rispetto alla sua bontà come individuo. Vuoi dire che anche la migliore delle persone Esatto, anche il più bravo e buono trovandosi in un ambiente delinquenziale diventa piano piano, col tempo un delinquente perché prende, vive, respira ed è completamente immerso in quell ambiente, quindi ne subisce l influenza. Ora capisco meglio anche la tua premessa, perché tu, Francesco, avete sentito quando parlava prima, hai detto: non so fino a che punto un pensiero è un mio pensiero, lasciando intendere nel seguito del tuo argomentare: non so fino a che punto un mio comportamento è un mio comportamento e in quale misura possa essere, anche fortemente influenzato dal posto in cui si vive, e in effetti basta osservare come anche il semplice gesticolare di Rafiki, Gueye Kara e Foudal sia diverso dal nostro di italiani.

7 Esattamente. 67 Giovanni: Sì, la cosa che ti spinge in carcere è l ambiente perché tu certamente ti scegli un amicizia e vivi in quell ambiente, in quel contesto lì, comunque sei tu che ti aggreghi a un tipo di comportamento. È interessante come dici, stai usando non a caso la parola aggregarsi che nel suo significato etimologico significa «far parte del gregge». Tanto che se vogliamo fare un complimento a qualcuno di cui riconosciamo l originalità della personalità diciamo egregio signor tal dei tali. Egregio, dal latino ex-gregis ex significa fuori così egregio ci significa al di fuori del gregge. È significativo.. È il discorso che nessuno è nato buono così come nessuno è nato cattivo e man mano che la vita va avanti tu prendi la tua scelta di vita. Nel mio caso io ho preso la scelta sbagliata. Vivendo in quel contesto lì, quella vita ti fa fare errori che magari in quel momento non ti rendi conto però, dopodiché quando torni in questi luoghi e riesci a rispecchiarti, riesci a dare valore alla vita, cosa che io non ho mai dato quando stavo fuori. Io fuori facevo uso di droga e non te ne rendi conto più di tanto. Sai quello che ti stai facendo ma non te ne frega, di nulla! Intanto accogliamo nel gruppo Filomena e Samuela che riescono a far parte del gruppo solo ora per motivi organizzativi. A loro sintetizziamo quanto emerso finora nel gruppo. Riprendendo con l intervento precedente: chiedo: fiducia cieca nella possibilità personale di salvarsi? È che tu non riesci più a decidere della tua vita, te ne accorgi e però nello stesso momento non ce la fai a ripigliarti. Hai capito come? Vuoi dire che non sei più padrone di te stesso? Non sai più decidere cosa è bene per te e cosa è male e vieni per così dire «agito» agisci senza pensare alle conseguenze di quello che fai.

8 68 Sì, a me non me ne fregava di nulla, andavo avanti così. Fabio: Anch io vengo dal mondo, un po della droga, direi anch io le stesse cose sue che è un altro mondo, un altro modo di ragionare. Se un giorno hai dieci, domani vuoi di più, un po perché ti ci vogliono, un po perché è l ingordigia, non so. Sapresti dire quando ti è accaduto per la prima volta che ti sei sentito come stai raccontando. Puoi fare un passo indietro nel tuo passato? Cosa c è stato prima che ti ha portato in questo mondo oppure ci sei nato dentro? E poi qui c è una questione che voglio porre. A un certo punto si può, nascendo in un certo ambiente in qualche modo cominciare a vestirlo. Sappiamo anche che alcuni riescono a sottrarsene e non esserne toccati, hanno qualcosa che gli permette di difendersene. Si viene trascinati. Essendo un carattere non forte e per un ragazzino specialmente è così. Ricordo quando avevo 13 o 14 anni smisi di andare a scuola per potere andare a lavorare perché volevo i soldi per andare a ballare a suonare. Che ricordi hai della scuola? Come era la scuola per te? Momenti belli, momenti brutti. Non è che ho fatto tanto, ho fatto la seconda media, la prendevo troppo alla leggera. Una voce: Un momento bello era la ricreazione! Momento bello per me? che facevo sempre lo scemo! Momento brutto? Che mi hanno buttato fuori per due volte, cioè proprio a metà anno mi hanno detto, te non vieni più perché sei un elemento patologico e quando entrava la professoressa mi buttava fuori me, non mi dava nemmeno tempo di aprir bocca perché facevo sempre danno. Filomena: Secondo me entrare nel mondo dell inventare, si dice così tra noi, è sia la povertà, la mancanza d istruzione e la man-

9 canza di sapere. Secondo me questa è la base per cui molti di noi sono entrati in questo mondo al di fuori della legge, per me almeno è stato così. 69 Tu dici che se uno nasce in una situazione di miseria e tra l altro non ha la possibilità di studiare, di sapere, è molto più facile sbagliare? Sì, anche questa possibilità ti viene tolta. Io sono nata in un paese di provincia meridionale. Anche se dovevi andare a scuola, lì praticamente non ti mandavano perché era proibito andare a scuola con i ragazzi. È la mentalità del posto che purtroppo è rimasta ancora così, non è cambiato molto e quindi i genitori non ti mandavano a scuola, ma non perché non ti potevano mandare a scuola ma per evitare che le ragazze potessero essere avvicinate dai ragazzi e siccome questo poteva succedere a scuola allora non mandavano le figlie. Quel che tu dici in parte è anche nella mia esperienza. Nel 66 quando cominciai a frequentare la scuola elementare, in Sicilia, i maschietti erano tenuti separati dalle femminucce. Io sono nato in Australia, i miei erano andati a cercare fortuna, come tanti allora laggiù e a un certo punto hanno deciso di passare qualche mese tra i parenti dopo molti anni di lavoro in quella terra lontana. Ma una volta in Sicilia si convinsero a non far più ritorno in Australia. Conobbi così la scuola di quegli anni che era molto diversa. Tenuti separati dalle «femminucce» il rapporto con loro si caricava di una tensione che aveva spesso del patologico. C erano ancora le classi differenziali dove mettevano tutti quelli che avevano i problemi più disparati. Tu le ricordi? Sì, e poi esisteva ancora il fatto che la figlia del contadino veniva messa all ultimo banco, la figlia del dottore veniva messa al primo banco quindi veniva seguita ecc. ecc. Tutte queste umiliazioni che subisci da piccola che poi comunque te le porti negli anni, secondo me, anche questo fatto ti spinge poi comunque a delinquere perché vuoi diventare come loro, per riuscire ad appartenere al loro ceto sociale. Io ero la figlia del contadino e la figlia del contadino non doveva parlare nè uscire con la figlia del dottore

10 70 e stare all ultimo banco quindi già alle elementari venivi isolata, poi venivi isolata alla scuola media e lo stesso alle scuole superiori, allora tutta questa rabbia, da quando sei adolescente te la porti dentro. Non è che stai a vedere quale è il bene e il male. Tutta questa rabbia te la porti dentro fino a che diventi grande e con il lavoro non riesci perché comunque non hai studiato, non ti danno possibilità di lavorare, non c è lavoro, non c è niente ecc. ecc. poi quando incominci ad avere la maggiore età incominci a scappare di casa, ad andare via, ad andare in città, incominci a fare la donna di servizio, pure sul lavoro ti calcolano come un poco e niente poi succede che incontri persone che ti offrono di fare qualcosa per guadagnare soldi, per andare più in là. Poi, sempre nel mio caso, io amavo talmente mia madre, che vedevo molto poco perché era malata di cuore, spesso negli ospedali, quindi stavo spesso con mio padre e da piccola pensavo: quando divento grande farò tanti soldi per far operare mia madre di cuore e così me la terrò a casa. Nel momento in cui ho cominciato a fare truffe e ricettazioni mia madre è morta. Poi è subentrata la rabbia di non avere potuto aiutarla e poi sono andata avanti fino a che, arrivato il momento della ragione, ho detto basta. Questo per raccontarle un po il mio percorso. Tu a un certo punto hai detto che si viene isolati mentre si vuole appartenere a un mondo da cui si è esclusi. Hai raccontato come poi tutto questo ha conseguenze negative facendo di te un «cattivo», una «cattiva». Ecco pensavo che coerentemente con quanto ci hai raccontato la parola cattivo, dal latino captivus significa prigioniero, quindi isolato, tenuto lontano, ed eri disposta a tutto per uscire da questa prigione sociale in cui in qualche modo sei nata o sei stata tenuta. Ti ringraziamo. Foudal: È una bella domanda... Per risponderti, devo dirti che quando sei giovane non ti rendi conto, ti rendi conto dopo. Quasi non lo sapevo anch io perché sono qua e allora come devo dirti? Quando arrivi in un paese dove non sono tutti preti non puoi diventare un prete, capisci? A cominciare dal presidente del consiglio, quando ti ritrovi con tutti questi che magari comandano e capisci che sono più delinquenti di noi non puoi diventare te un

11 prete. Io credo che molti dei vostri preti che sono andati in Africa e in missione non vanno per aiutare ma per profittare di noi. 71 Filomena: In Italia noi diciamo non fare quello che ti viene detto di fare ma fai quello che tu decidi di fare. A me pare che Foudal ci volesse dire, come altri oggi qui, che quando era ragazzo gli è mancato un ambiente sano in cui crescere, il buon esempio e il consiglio di qualcuno che lo rendesse avvertito. Ecco, bravo. Foudal denuncia un vuoto intorno a sé che lo ha lasciato inconsapevole delle conseguenze delle scelte che faceva quando era ancora, inesperto della vita, come sono tutti i giovanissimi. Ti posso fare una domanda? Tu per chi sei per Berlusconi o per Prodi? Sicuramente non per Berlusconi. Perché molta gente è per Berlusconi, allora se sei per lui sei per un delinquente! Berlusconi anche lui deve fare la galera, no? Nei tribunali ci dicono: La legge è uguale per tutti ma io vedo che la legge, qui in Italia non è uguale per tutti! Mario: e la possono anche cambiare, hai visto? Foudal: La possono girare come la frittata. Mario: Entri in un modo ed esci in un altro Foudal: Questo ti volevo dire, perché tu volevi sapere da me e io ti dico la mia opinione. Mario: Comunque Francesco, sia Foudal che Filomena mi hanno anticipato tutti i discorsi che volevo fare. Lui ha fatto il discorso

12 72 dei colletti bianchi e io sono d accordissimo con lui perché io sono entrato qua in galera no in carcere scusa non mi piace galera, con un pacchetto di leggi. Il 5 dicembre me lo hanno cambiato! Io sono entrato a un quarto della pena per i permessi e il 5 dicembre arriva Cirielli che mi dice: no, bello a metà pena! E poi: semilibertà a metà pena. No, bello a due terzi! Prima Filomena ha detto la miseria, lo stato sociale, poi volevo dire, l ambiente in cui nasci in cui vivi, puoi anche avere dei genitori tossicodipendenti, puoi avere alcolizzato il padre, la madre. Una donna, io parlo di una donna poi il caso mio è diverso. Una donna può finire come prostituta o si droga o va a fare la delinquente. Lei ha scelto il danno minore cioè truffe finanziarie tra le varie opzioni. A rubare non era capace, neanche a fare rapine. Stessa cosa io, solo che io ho fatto tredici anni di collegio e quando sono uscito, mio padre da una parte, mia madre da un altra si erano separati. Tu mi insegni che dal collegio si esce o delinquenti o omosessuali. Omosessuale non se ne parla proprio, quindi delinquente. Ho seguito la teoria che tu conoscerai della anomìa cioè o per la legge o contro la legge, ho scelto contro la legge e ho cercato un reato che si pagava poco: la truffa. Però non ho calcolato che la ricettazione si pagava tanto e quindi sono rimasto fregato. Ho ripreso a studiare qui in carcere perché quando sono uscito dal liceo, ho fatto 13 anni di collegio, ho trovato mia madre con l amante e mio padre con l amante. Andavo da mia madre a rimediare qualche soldo e non ce l aveva quasi mai. Il perché chi lo sa? Mio padre uguale. Vado all università con cento lire in tasca. Quindici per il tram, quindici per il caffè, nun si po fa perché io voglio stare all altezza degli altri. Ci somigliamo molto con mia moglie Filomena. Ecco è proprio una questione di ripicca verso la mia famiglia, nemmeno contro la società perché in finale io non ce l avevo con la società. Ero proprio inasprito verso la mia famiglia, mi sono trovato in mezzo a una strada, ho deciso di stare per i fatti miei, ho messo su un complesso musicale, che erano tutti compagni di liceo. Ho fatto la bella vita, mi è piaciuta, lavorare non mi andava, praticamente l ho fatto non dico per noia, ma per avere i soldi in tasca, però la spinta è stata la famiglia che mi sono trovato. Se avessi avuto un altra famiglia, e non è una scusa, forse

13 avrei fatto l università, avrei fatto tutto regolare: quello che ha fatto mia figlia che ha fatto il liceo artistico. Si è sposata, ha una figlia, come ha fatto l altro mio figlio. 73 Quindi questa catena si può interrompere. L ho interrotta! L abbiamo interrotta. Abbiamo una figlia sposata con una figlia, un altro figlio sposato con due figli. Lavorano. Il carcere come è ora vi ha aiutato? Il carcere come è ora? Sì. Mi ha aiutato molto a riflettere. A pensare prima di parlare, soprattutto. A essere meno impulsivo, anche a saper perdonare mia madre; mio padre è morto. I genitori sono convinti che è solo colpa nostra, e che loro non si devono far perdonare niente. Loro sono convinti, no? loro non sbagliano mai. Io so che ho sbagliato verso i miei figli in qualche cosa. Per esempio, il non ascoltarli. Gli mettevo in mano centomila lire, va a ballare, non mi rompere le scatole capisci? non è regolare! Infatti quando telefono a mia figlia io glielo dico: ho sbagliato. Che avrei dovuto ascoltare di più, oggi me ne rendo conto. Questo lo trovo molto importante. Sì, ho corso il rischio di perdere il contatto con loro, invece oggi mi vogliono bene, hanno capito quello che ho fatto, mi hanno perdonato, non mi hanno giudicato e già è tanto. Questo è quanto. Ora facciamo venire avanti Gueye Kara Il mio punto di vista è che per portare le persone in galera ci possono essere tante cose. Per esempio ora come ora la legge è cambiata. Se vedono uno senza documenti lo portano in galera come uno che è arrivato ieri. Uno costretto a spacciare, come io che sono costretto a spacciare, diciamo la verità che avevo lavoro regolare e tutto ma siccome mia madre stava male, una malattia di cuore, doveva cambiare il cuore, capito. Io avevo bisogno di soldi subito, subito, subito. Quello che guadagnavo col mio lavoro non mi bastava. Ho visto i miei amici che, capito, fanno tanti soldi subito

14 74 subito. Ho pensato, ma io sono scemo perché ho bisogno di soldi, mia madre sta per morire, perché sto così a lavorare e guadagno euro al mese? Allora vado a spacciare e sono entrato nel giro della droga. Mettendo insieme molte delle cose che avete detto si capisce quanto sia importante che ci sia una scuola pubblica, di qualità, per tutti. Si capisce quanto sia importante che ci sia la sanità pubblica, di qualità e per tutti e si capisce come mai tante persone hanno lottato per questo e si intuisce il rischio che si corre se tutto diventerà privato, ottenibile solo se sei in grado di comprare. Non per niente privato significa anche tolto. Se accettiamo che ci tolgano i servizi pubblici di qualità, se vi rinunciamo, dobbiamo sapere che il rischio di patologie sociali può crescere enormemente. Ci si può chiedere. C è questa ricchezza per tutti? dal nostro punto di vista, però, potremmo aggiungere, quanto costa tenere in carcere una persona? quanto costa tenere in piedi una struttura carceraria? Sono scelte. I soldi che vanno da una parte non vanno da un altra parte Se prendi una persona e la metti in galera per sei mesi, quanto spendi per quella persona lì? Tanti. Perché non rimandi al suo paese? Capito? E che prendi una persona senza nessun reato, non hai fatto niente e ciao, come stai? e lo porta in galera per sei mesi. Secondo me non è normale. Io sono entrato in galera per la mia situazione, perché la mia madre stava male. Io le volevo troppo bene. Dovevo portarla a Parigi. Io stavo con mia madre. Mia madre e mio padre si sono separati quando ero bambino. Mia madre aveva solo me. Mi ha portato qui, ho cominciato a lavorare, avevo il permesso di soggiorno, avevo tutto. Guadagnavo i soldi e glieli mandavo ma il tempo passava e mia madre stava più male, capito? Io non posso lasciarla morire. Ho sbagliato. Ho commesso un reato. Mia madre alla fine è morta, non ho fatto questi soldi. Sono andato in Senegal, sono tornato, ho smesso di spacciare. Un reato che ho commesso nel Io spacciavo il fumo, spacciavo hashish. Mi hanno portato in carcere per eroina. Non ho mai spacciato eroina. Non mi hanno mai trovato eroina. Mi hanno trovato del fumo due grammi e 99. Da otto mesi sono qui. Ho arresti domiciliari ma non me li danno. Non posso andare a casa

15 mia perché c è una persona che è andata al carabiniere e ha detto, per motivi di gelosia, che mi ha visto che nascondevo il fumo a casa mia. Ha portato anche un altra persona e ha detto che lui gli dava eroina, da 4 anni che gli dà eroina. Prendi questa persona e la porti in galera. Quello è un sequestro di persona perché lei ce l ha con lui perché stava con lui insieme e poi si è separato da lui e ha informato lui e ha informato anche a me. Per questo motivo non mi danno arresti domiciliari. Io potrei andare dai carabinieri a dire ho visto questo, ho visto questo ma perché mi dovresti credere? Devo portare una prova ma nel mio caso non c è alcuna prova. Non ho mai telefonato con lei, non ho mai avuto niente con lei. Perché credeva a lei, perché lei è italiana e io straniero? Questo non è normale per me. Ci sono tante persone che sono in galera per niente. 75 Mario: Questa è la teoria dell etichettamento... li vedono scuri e stranieri e subito etichettati. Giorgio: Giusto tre punti. Si dice tanto di aver fiducia nel prossimo. Per la religione, siamo cristiani e via dicendo però credo che oggigiorno non bisogna aver fiducia di tanta gente tra cui i classici, detti, amici. Sono tutti amici, al momento del bisogno, dal momento che ti vogliono fare le scarpe per gelosia o qualsiasi altra cosa sono diventati potenziali nemici al cento per cento. Automaticamente scompare il ragionevole dubbio davanti a qualsiasi tribunale. Cioè, sei colpevole perché c è tizio e caio che dicono che sei colpevole. Se tu sei uno e loro sono due, sei già colpevole in partenza. Se sei alla pari allora si possono, un po, discutere le cose. Si parla di legge ma non credo sia uguale per tutti. È fatta a scaglioni, primo, secondo, terzo, fino ad arrivare al piano alto. Noi che oggi siamo qui dentro siamo quelli che non siamo niente. Io il giorno che finisco la mia pena, che mi auguro il più presto possibile, esco fuori con la targhetta dietro, e a me la targhetta non la toglierà più nessuno. Anche se avevi un attività e facevi un altra cosa, non conta più nulla, scompare e tu ritorni zero. Devi riiniziare da zero. Questo non credo sia giusto in un mondo che tutti definiamo civile.

16 76 Gueye Kara: Uno può essere la vittima della sua famiglia. Ti trovi con la madre e con tante sorelle che non possono aiutarti e quindi scendi in strada a fare delle cose che, per forza hai bisogno ancora più soldi, almeno per mantenere la tua famiglia. Se sei il figlio più grande, questo è un grandissimo guaio che puoi avere e vieni trascinato in tante cose. Se ad esempio il governo, se t hanno dato delle possibilità ad aiutare la tua famiglia o a darti una mano ad andare avanti con la tua famiglia potevi evitare quella strada lì e invece fuori nessuno può pensare a quella famiglia e se stasera hanno cenato o no. Nessuno ci pensa mai. Ogni famiglia ha il suo capofamiglia. Se ti trovi senza padre, con la madre malata, per esempio, come hanno raccontato loro, lui è costretto a spacciare. Anche la signora ci raccontava che, seduta all ultimo banco, sentiva che i soldi stanno davanti a tutto e senza soldi uno non vale niente. Dici/dite che ognuno dovrebbe avere le stesse possibilità indipendentemente dallo stato economico della famiglia in cui nasce per spezzare questa catena di ingiustizia che rischia di trasmettersi da una generazione all altra? Filomena: Io non ho mai dato alla mia famiglia la colpa di quanto mi è successo perché sono nata in quella famiglia. Io ho amato da morire i miei genitori. Anche se hanno potuto darmi poco. Quando venivo indicata come la figlia del contadino non solo offendevano me ma offendevano mio padre che andava a lavorare per poterci dare da mangiare. Mostravano anche di non capire e di non essere in grado di valorizzare i grandi valori della civiltà contadina. Filomena: E da qui che mi è venuta la rabbia che mi portavo dentro perché quando poi ho deciso di mettermi a fare queste truffe io volevo che i miei genitori avessero avuto quello che non avrebbero mai potuto sognare di avere. Una casa decente con una camera da letto, con un bagno ecc. Francesco II: Ho scarabocchiato tutto il foglio. Sorride.

17 Partendo dal fatto che io faccio economia, a me sono venuti in mente tanti discorsi economici e poi ho abbracciato le cose che hanno detto loro e più parlavano e più mi venivano in mente motivi economici e secondo me si parte da un circolo vizioso dove il problema principale è ai vertici nel senso che con gli anni ho studiato che una cosa importante per la nostra società è la ricchezza. La ricchezza che convive con tanta povertà. 77 La ricchezza di pochi costruita sulla miseria di molti? Ecco, partendo dal presupposto di una cattiva o forse inesistente ridistribuzione della ricchezza questo scatena tante cose. Il fatto di dire che il figlio del contadino sta in fondo e il figlio del farmacista sta davanti ti provoca rabbia, provoca tutto, anche quella voglia di riaffermarti, di riscatto anche a distanza di anni. Sono al mondo anch io accanto a te che sei ricco anch io voglio poter godere della sicurezza che ti dà la ricchezza. Filomena: Scusa ti posso interrompere? Ma io ho detto soprattutto non per il fattore della ricchezza ma per il fattore dell istruzione perché essendo povera non puoi essere inclusa, non puoi studiare, a scuola non ci puoi andare e quella è una cosa che a me è mancata tantissimo e questa sempre perché ero la figlia del contadino perché lo stato che all epoca diceva che avrebbe dovuto dare i libri gratis ai figli di chi non poteva, non l ha mai fatto. A me piaceva andare a scuola, avrei voluto studiare anche per dimostrare a chi mi stava vicino che anche la figlia del contadino valeva, arrivando a un certo livello. Francesco II: Sotto due punti di vista diversi facciamo lo stesso discorso. Il fatto di dire: io ero povera, accanto a me sta il ricco, io sono povera, dicendo anche che lo stato non mi dà i libri, tu torni al discorso mio quando dico che non c è una distribuzione della ricchezza. I soldi vanno dove ci sono i soldi e la fame va dove c è fame. Quindi c è quella sicurezza-insicurezza che poi diventa io voglio far vedere che sono sicuro come lui e per essere sicuro come lui ho tante tentazioni. Qualsiasi sia la strada, si vuole cercare di arrivare, non si guarda se c è da fare il patto col diavolo

18 78 o se quella strada vuol dire: arriverò tra 50 anni ad avere i suoi stessi soldi però con 50 anni di sacrificio o arriverò tra un anno a vederti che te ne hai meno di me perché io quest anno qui ho commesso l impossibile; allora è tutto un circolo vizioso. Facciamo conto che questo sia un tavolo da biliardo. Uno deve passare ma a ogni tratto c è una buca, un inciampo. Sbagli più o meno gravi. Lo sbaglio meno grave è magari, sì, io cerco di fare la truffa, rubo alla banca, non è così grave, la banca i miliardi ce l ha Era peggio se rubavo il portafoglio al poveraccio e c è quell altro che dice: sai cosa? io strozzo quello che ha i soldi e gli prendo i soldi. Questo circolo vizioso fa sì che pur di arrivare in cima alla piramide ognuno poi si prende una strada. Chi è più razionale che si può tradurre con onesto può dire: io studio e cerco comunque di arrivare. Lavo le scale prendo 1000 euro e non ti preoccupare che con 1000 euro, mettendo qualcosa da parte, sarà tra 10 anni ma la macchina me la compro e quindi ci sono tanti modi per arrivare e c è chi magari non ha né quella forza né quello spirito. Ha più sete di tutti e quindi vuole le cose tutte e subito e magari ti porta a essere un componente di questa tavola qua dove vediamo che c è chi è più razionale, c è l istruzione, ci sono educatori e ci sono persone che magari cercando in qualsiasi modo è caduta. Ci sono persone deboli che magari ancor prima di cercare sono rimaste vittime di loro stesse. Io spaccio, faccio i soldi e poi alla terza bustina che ti passavano l hai usata e ci sei cascato Mario: Ma perché sei debole? Noi siamo un palazzo ma siamo fragili. Francesco II: Per tre miliardi di motivi. Francesco I: Da tutto quello che abbiamo detto mi sembra che ancora una volta l ambiente sia una cosa determinante ma perché uno «ce l ha fatt» e l altro no? È importante domandarselo. Io avevo un professore di fisica che ci fece fare una volta la foto della nostra stanza con un cartello enorme, con sopra scritto: perché? Poi vabbè era autoritario e tutto ma questa cosa la ricordo perché è condizionante ora. Ora io credo che la stanza è l ambiente in cui

19 vivi. Il perché sono tutte le domande che ti fai. Un perché rivolto a ogni situazione che ti permette di volgerti a tentare di capire. 79 Luigi: Allora. Cosa ci porta in carcere in generale? Secondo me non è sempre perché uno ha bisogno di soldi perché uno può fare anche per l adrenalina che gli viene dopo aver fatto un reato; per esempio: ci sono tanti che vanno a rapinare banche e hanno tanti soldi. Tanti che vendono chili di cocaina e hanno i soldi. Secondo me anche per l adrenalina, cioè il piacere che ti porta a guadagnare tanti soldi facilmente. Una sensazione di potenza? Sì, come dire mi è andata bene, sono contento. Se mi riesce un colpo io ne godo. Poi può essere anche determinato dall ambiente, dalle circostanze e cioè dalle cattive compagnie, quello che abbiamo detto e anche per la propria predisposizione. Se sono predisposto a drogarmi perché mi piace mi drogherò oppure come è successo a me: quando uno si trova a ruota per esempio a farsi sa che prima o poi lo prenderanno e ne pagherà le conseguenze, però ci si dice: io vado avanti finché non mi prendono, vado avanti finché non mi arrestano Da come dici sembrerebbe che, per tanta gente, funziona come una droga? C è gente che per i soldi, sì, è come se fosse una droga. C è tanta gente che pur avendo il conto in banca va a rapinare banche, non per necessità, ma per l adrenalina, per il piacere che ne ricava. Poi, a scuola io sono sempre stato negli ultimi banchi perché mi piaceva fumarmi le trombe, basta. Ricordi altro del tempo della scuola? Per esempio il primo giorno di scuola lo ricordi ancora? Il primo giorno no. Ricordo che non ero l unico delinquente in classe, ce n erano anche peggio di me e io magari ci andavo anche

20 80 dietro poi sono andato alle superiori e lì mi sono proprio rovinato. Vito: Senti, io ho buttato giù alcuni punti però non faccio riferimento solo alla mia esperienza. Ho passato degli anni conoscendo moltissime persone che come me hanno affrontato questo calvario. Al primo posto ho messo i soldi perché molti di noi hanno commesso reati per i soldi, chi per portare il pane a casa, chi per levarsi degli sfizi. Poi ci sono gli incidenti. Ci sono molti detenuti che sono dentro per aver commesso un reato incidentalmente senza pensarci. Poi ci sono i contesti familiari dove molti di noi commettono un reato per sfuggire appunto ai contesti familiari sfavorevoli. Quello che tocca a me è l esperienza della vita. Poi ho messo la mancanza della costanza cioè a vent anni il volere tutto e subito dalla vita e questo è l errore più grosso oggigiorno. Volere tutto e subito ricorre spesso nel vostro parlare: necessità impellenti, soldi tanti e subito, diventare ricchi in poco tempo e con poco sforzo. Vorrei che ci pensaste anche perché è molto simile a quel che spesso si osserva rispetto ai bambini di oggi dei quali si dice che incalzati dalla pubblicità e dalle mille promesse di giochi e giocattoli sembrano malgrado tutto apparire sempre più insoddisfatti. L unico momento in cui appaiono felici coincide con il momento dell acquisto di un nuovo giocattolo ma è un momento che dura poco e anche il godimento del gioco in sé non sembra soddisfarli anzi spesso sembrano non saper più giocare. Quasi subito l ultimo giocattolo viene abbandonato e il desiderio ansiogeno di un nuovo giocattolo prende il sopravvento. Impazienti non sanno aspettare né desiderare ma appunto pretendono subito, a costo di mettere in croce i genitori, che peraltro, per qualche motivo, cedono con facilità alle loro compulsive richieste. Poi ho messo la sfortuna. C è gente che si ritrova in galera perché s è trovata nel posto sbagliato al momento sbagliato. Per ultimo, e vale nel mio caso, l indipendenza. Ecco si parlava di banchi e di scuola, io sono stato fortunato perché ho avuto l opportunità di frequentare la scuola seduto in prima fila anche se non ero il figlio del dottore. Sono cresciuto in un contesto familiare tran-

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

- 1 reference coded [1,06% Coverage]

<Documents\bo_min_1_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [1,06% Coverage] - 1 reference coded [1,06% Coverage] Reference 1-1,06% Coverage Ti lega il computer? Sì. Io l ho sempre detto. Io ho una visione personale. Anche quelli che vanno a cercare

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Ciao Sono Loris Comisso Creatore del Programma Professionista Libero l unico sistema per smettere di lavorare 15 ore al

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:...

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:... Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA PALSO LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2006 Scrivi il tuo nome e cognome (in questa pagina, in alto). Non aprire questo fascicolo

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Destinazione 13. Buongiorno Maria!

Destinazione 13. Buongiorno Maria! Destinazione 13 Buongiorno Maria! Mmmm... Oh Mari! Ohi! Tutto bene? Ciao Leonardo! Come va la vita? Mio piccolo amico! Mio piccolo amico? No eh? No! No, no! Giochi con i pupazzetti, sei troppo gentile

Dettagli

PAOLO BONOLIS INTERVISTA DONATO BILANCIA

PAOLO BONOLIS INTERVISTA DONATO BILANCIA Altri misteri Donato Bilancia: il serial killer della Liguria PAOLO BONOLIS INTERVISTA DONATO BILANCIA L intervista televisiva è andata in onda su Canale 5 il 25 aprile 2004 Bonolis: Che cos è che la spingeva

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Destinazione 11. Ciao Maria!

Destinazione 11. Ciao Maria! Destinazione 11 Ciao Maria! Ciao Luca! Guarda oggi ho un regalino per te eh. No, ma veramente? No, non dovevi, ma oggi non è Natale, non è il mio compleanno, non è San Valentino, perché? Ma dai non c è

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding)

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) 2010 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text [Ring, ring] SIGNORA ROSSI: Pronto casa Rossi. CARLO: Buonasera signora

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it

Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it Stefano Santomauro TOCCATE UNA NUVOLA (Monologo in atto unico) Prima stesura: 2002 Ultima revisione: aprile 2005 www.noiteatro.it L attore entra in silenzio. Mentre entra si allarga l occhio di bue. Una

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security

Programme Prevention of and Fight against Crime European Commission Directorate General Justice Freedom and Security Programme "Prevention of and Fight against Crime" European Commission Directorate General Justice Freedom and Security JUST. Juvenile Justice. Development of child rights based methods of intervention

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli