LA DETASSAZIONE DEGLI INVESTIMENTI AMBIENTALI IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DETASSAZIONE DEGLI INVESTIMENTI AMBIENTALI IN ITALIA"

Transcript

1 LA DETASSAZIONE DEGLI INVESTIMENTI AMBIENTALI IN ITALIA Sommario: 1. Introduzione 2. Gli investimenti ambientali 3. L approccio incrementale 4. La detassazione del reddito 5. La detassazione ambientale nella dichiarazione dei redditi (Unico 2004) 6. La disposizione antielusiva 7. Considerazioni conclusive. 1. INTRODUZIONE La tutela dell'ambiente 1 rappresenta un percorso politico obbligato la cui concreta attuazione presenta sovente caratteri di significativa complessità. Al riguardo non vanno infatti trascurate le limitate risorse destinate al "bene di tutti" ed i delicati equilibri sociali, economici e politici che sottendono alle scelte di valore in materia ambientale. Le politiche di tutela ambientale si alimentano sia attraverso il ricorso a meccanismi tradizionali di tipo dirigistico e centralizzato che con l'utilizzo di nuovi strumenti, basati su incentivi economici a favore delle imprese virtuose 2. Questi ultimi realizzano una struttura di incentivi che anziché limitare direttamente le imprese, le incoraggia ad allineare il proprio comportamento all interno di steccati che tendenzialmente inducono gli operatori economici ad un minor danno ambientale. Al riguardo, è il caso di sottolineare che alcuni di tali strumenti prevedono premi alle imprese che riducono in modo più efficiente il livello di inquinamento mentre nello stesso ambito possono essere collocate le politiche di segno opposto, volte a penalizzare economicamente le attività dannose per l ambiente. In tale contesto si inserisce la disciplina recata dall'art. 6 L. 23 dicembre 2000 n. 388, che ha inteso introdurre una disposizione di natura fiscale finalizzata ad imprimere un significato ed una valenza economica di tipo premiale a quelle iniziative, realizzate nell'ambito dell'attività imprenditoriale, che determinano un impatto positivo sull'ambiente, contemplando in particolare, la detassazione del reddito per le piccole e medie imprese che realizzano investimenti c.d. ambientali. 2. GLI INVESTIMENTI AMBIENTALI La detassazione in esame spetta alle piccole e medie imprese che esercitano, in regime di contabilità ordinaria 3, le attività di cui all'art. 55 del TUIR 4 ed effettuano nel periodo d imposta investimenti ambientali. Con quest'ultimo termine si intende il costo di acquisto delle immobilizzazioni materiali, di cui all art. 2424, comma 1, lettera b), n. II, c.c., che deve risultare finalizzato alla prevenzione, riduzione o riparazione dei danni causati all'ambiente derivanti dallo svolgimento dell attività di impresa. Nel dettaglio rileva l'acquisto dei seguenti beni, presenti nell'attivo dello stato patrimoniale: 1. terreni o fabbricati; 2. impianti e macchinari; 1 Principio universalmente condiviso nonché costituzionalmente tutelato dall'art. 9 Cost. 2 Vedasi I sistemi di incentivazione ambientale: una prospettiva internazionale di P. L. Scandizzo e C. Notaro, Università di Roma Tor Vergata, in Atti del Seminario sull integrazione ambientale nei regimi d aiuto alle imprese, del 12 luglio 2004: Invece di tentare di eguagliare il livello di inquinamento tra le imprese imponendo un unico standard, lo strumento degli incentivi cerca di eguagliare il costo marginale di abbattimento per le imprese. Lo strumento degli incentivi economici, in particolare, incoraggia il comportamento delle imprese attraverso segnali di prezzo piuttosto che su strumenti espliciti di controllo del livello di inquinamento. Gli strumenti di controllo dell inquinamento basati su incentivi economici offrono, dunque, numerosi vantaggi rispetto alle forme tradizionali. Essi infatti sono meno intrusivi, non contrastano con il perseguimento degli obiettivi delle imprese, tengono conto dell eterogeneità delle caratteristiche e dei comportamenti degli operatori economici e, se correttamente definiti e applicati, permettono di raggiungere il livello di disinquinamento desiderato con il minimo costo globale per la società. 3 Tale interpretazione è stata fornita con la Circolare 3 gennaio 2001 n. 1 dell Agenzia delle Entrate, secondo cui, in base al combinato disposto dei commi 13 e 16 dell'art. 6, possono avvalersi dell'agevolazione per investimenti ambientali i soggetti titolari di reddito di impresa (piccola o media) che determinano il reddito in contabilità ordinaria. Si sottolinea a tale proposito che l'interpretazione in commento poggia sulla disposizione del comma 16 dell art. 6 (L. n. 388/2000) secondo la quale, a decorrere dal 1 gennaio 2001 le imprese interessate sono tenute a rappresentare nel bilancio di esercizio gli investimenti ambientali realizzati. Inoltre, l Agenzia delle Entrate nella medesima occasione ha ricordato che con Decreto 18 settembre 1997 il Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato ha definito piccola e media quell'impresa che: - ha meno di 250 dipendenti; - ha un fatturato annuo non superiore a 40 milioni di ECU, oppure un totale in bilancio annuo non superiore a 27 milioni di ECU; - è in possesso del requisito di indipendenza. 4 Testo unico delle imposte sui redditi, approvato con il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR), come modificato dal D.lgs. 12 dicembre 2003, n. 344 (in vigore dal 1 gennaio 2004) di attuazione della c.d. riforma IRES. 1

2 3. attrezzature industriali e commerciali; 4. altri beni; 5. immobilizzazioni in corso e acconti. Inoltre, ai sensi del comma 15 dell art. 6 L. n. 388 del 2000, sono in ogni caso esclusi gli investimenti ambientali realizzati in attuazione di specifici obblighi di legge 5. Gli investimenti devono essere rappresentati in bilancio separatamente dagli altri beni e risultano esclusi dall'agevolazione gli eventuali costi che non determinano l'acquisto del bene, come ad esempio la locazione o la concessione in uso del bene 6. Inoltre, è il caso di segnalare che l Agenzia delle Entrate ha confermato la possibilità di dedurre le quote di ammortamento relative ai beni oggetto degli investimenti ambientali L APPROCCIO INCREMENTALE Il comma 15 dell art. 6 L. n. 388 del 2000 dispone che gli investimenti ambientali devono essere calcolati con l approccio incrementale e a tale riguardo l Agenzia delle Entrate 8 ha ritenuto applicabile il principio contenuto nella Disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per la tutela dell ambiente, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C/37 del 3 febbraio 2001, precisando che i benefici in esame sono rigorosamente limitati ai costi d investimento supplementari (sovraccosti) necessari per conseguire gli obiettivi di tutela ambientale. Nel merito dell interpello l Agenzia ha peraltro ritenuto corrette le modalità di determinazione del costo dell investimento ambientale rilevante ai fini dell agevolazione prospettate dal contribuente istante. Quest ultimo aveva ritenuto di poter detassare il reddito in misura pari alla differenza tra il costo di acquisto del macchinario oggetto dell agevolazione (ambientale) e un importo dato dalla somma del costo di acquisto di un macchinario similare (non ambientale) e dei costi di produzione risparmiati per effetto della maggiore produttività conseguente a tale investimento. Su quest ultimo punto è bene soffermarsi poiché con riferimento al costo dell'investimento ambientale realizzato il contribuente è chiamato ad individuare i vantaggi economici ottenuti, valutati in termini di aumento di capacità produttiva, di risparmi di spesa e di produzioni accessorie aggiuntive. Ciò al fine di comprimere l importo effettivamente detassabile. Solo qualora gli investimenti in esame riguardino esclusivamente la tutela ambientale, senza dar luogo ad altri vantaggi economici, non risultano applicabili riduzioni supplementari. 4. LA DETASSAZIONE DEL REDDITO Per i primi due anni di applicazione della disciplina in esame 9 l'agevolazione rilevava per l'intero importo degli investimenti ambientali realizzati nel corso del periodo d'imposta (calcolati con l approccio incrementale ), mentre, a partire dal periodo d'imposta in corso al primo gennaio 2003, per effetto del comma 19 del citato art. 6 della L. n. 388 del 2000, risulta agevolabile esclusivamente l'eccedenza degli investimenti ambientali effettuati nel periodo d imposta rispetto alla media degli stessi investimenti realizzati nei due periodi d imposta precedenti. In ogni caso per l individuazione dell importo detassabile si applica il descritto approccio incrementale. Con riferimento al periodo d imposta 2003 (Unico 2004), si prenda in considerazione l esempio di tab. n : Tab. n. 1: - investimenti ambientali realizzati nel periodo d imposta 2001: Euro - investimenti ambientali realizzati nel periodo d imposta 2002: Euro - investimenti ambientali realizzati nel periodo d imposta 2003: Euro 5 Con la cit. Circolare 3 gennaio 2001, n. 1, l Agenzia delle Entrate evidenzia altresì a tale proposito, gli investimenti di bonifica ambientale realizzati in attuazione di obblighi di legge. 6 Ved. Circolare 3 gennaio 2001 n. 1, cit. a nt. 3, che precede. 7 Ved. in proposito la Risoluzione 11 luglio 2002 n. 226 della Direzione centrale normativa e contenzioso (risposta ad un interpello ai sensi dell art. 11 L. 27 luglio 2000 n. 212). 8 Ved. Risoluzione 11 luglio 2002 n. 226, cit. a nt. 7, che precede. 9 Per i soggetti con periodo d'imposta coincidente con l'anno solare, il 2001 ed il Per esigenze di semplificazione gli importi risultano già nettizzati a seguito dell adozione del c.d. approccio incrementale. 2

3 In tal caso gli investimenti agevolabili corrispondono all importo di Euro, dato dalla differenza tra gli investimenti dell anno 2003 (= Euro) e la media degli investimenti dei due anni precedenti ( : 2 = Euro). 5. LA DETASSAZIONE AMBIENTALE NELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI (UNICO 2004) L agevolazione in commento si traduce in una variazione in diminuzione del reddito di impresa da assoggettare a tassazione nel periodo d imposta in cui si realizzano le condizioni previste dall art. 6 della L. n. 388 del A tal fine, nel quadro RF della dichiarazione dei redditi Unico 2004 SC 11, il contribuente risulta obbligato alla compilazione del rigo RF49, colonne 2 e 3, mentre il totale riportato in colonna 4 del rigo RF49 accoglie, oltre alla detassazione c.d. per investimenti ambientali, anche altre agevolazioni, tra le quali risulta evidenziata distintamente (in colonna 1) la c.d. agevolazione Tremonti-bis 12. Al riguardo l Agenzia delle Entrate 13 ha peraltro rilevato l insussistenza di elementi di incompatibilità tra le due agevolazioni in esame, precisando al contempo che in ogni caso l ammontare cumulato dei benefici non può essere superiore al costo dell investimento agevolato. Con riferimento all esempio esposto nella tab. n. 1, verifichiamo le modalità di compilazione del rigo RF49: Il contribuente provvederà ad indicare in colonna 2 del rigo RF49 l importo di Euro 1.000, mentre in colonna 3 indicherà il codice numero 3, per segnalare all Amministrazione finanziaria che ha fruito dell agevolazione in commento in ambedue i periodi d imposta precedenti a quello cui si riferisce la dichiarazione (anno 2003) 14. Ipotizzando che con riferimento al medesimo periodo d imposta il contribuente non fruisca delle altre agevolazioni contemplate al rigo RF49, l importo corrispondente alla detassazione per investimenti ambientali (nell esempio, Euro), sarà riportato anche in colonna 4 (ved. tab. n. 2) rettificando in tale misura il reddito d impresa dichiarato. esente Tab. 2: RIGO RF49 Reddito Nel caso in cui gli investimenti siano stati effettuati per la prima volta nel periodo d imposta cui fa riferimento la dichiarazione dei redditi Unico 2004, il contribuente non dovrà indicare alcun codice e gli investimenti ambientali effettuati nel corso del 2003 rileveranno ai fini della detassazione per l intero importo LA DISPOSIZIONE ANTIELUSIVA Sulla scorta di una consolidata prassi legata alle agevolazioni connesse alla effettuazione di investimenti o alla determinazione di specifici comportamenti da parte del contribuente, anche l art. 6 L. n. 388 del 2000 reca, al comma 14, una specifica disposizione antielusiva volta al recupero dell'importo agevolato in quei casi in cui i beni oggetto degli investimenti ambientali risultino oggetto di successiva dismissione. In particolare tale 11 Per comodità espositiva nell esemplificazione faremo riferimento unicamente alla dichiarazione dei redditi Unico 2004 SC (per esempio, nel caso di una Società per Azioni residente nel nostro Paese), evidenziando al contempo che tale agevolazione è presente anche negli altri modelli di dichiarazione (ENC, SP, PF). 12 Le disposizioni di proroga della c.d. Tremonti-bis sono riconducibili ad accadimenti di natura eccezionale (eventi calamitosi o sismici), previsti specificamente con l art. 5-sexies D.L. 24 dicembre 2002 n. 282, convertito, con modificazioni, dalla L. 21 febbraio 2003 n. 27 e con l art. 5-ter D.L. 24 giugno 2003 n. 147, convertito,con modificazioni, dalla L. 1 agosto 2003 n. 200 (v. Ris. n. 67/2003 e Circ. n. 43/2003, Agenzia delle Entrate). In relazione alle disposizioni di cui all art. 5-sexies D.L 24 dicembre 2002 n. 282, convertito dalla L. 21 febbraio 2003 n. 27, è in corso una procedura di infrazione disposta dalla Commissione Europea. La citata proroga costituirebbe aiuto ai sensi dell art. 87, paragrafo 1, del trattato CE ed al fine di verificare la compatibilità dell aiuto con il mercato comune è stato avviato il procedimento di cui all art. 88, paragrafo 2 del medesimo trattato. Con lettera pubblicata sulla G.U. dell Unione Europea n. C 42/5, la Commissione ha richiamato l attenzione sull effetto sospensivo dell art. 88, paragrafo 3 del Trattato CE ed ha ricordato che in caso di aiuto illegittimo dovrà farsi luogo al recupero presso il beneficiario dell aiuto fruito. 13 Ved. Risoluzione n. 226 del 11 luglio 2002, cit. a nt. 7, che precede. 14 Per esigenze di completezza, aggiungiamo che il codice 1 o il codice 2 indicano che gli investimenti sono stati effettuati, rispettivamente, solo nel primo o solo nel secondo periodo d imposta precedente a quello in corso al 1 gennaio 2003 (2001 o 2002). 15 In tal caso infatti la media degli investimenti realizzati nei due anni precedenti corrisponde a zero e gli investimenti ambientali (considerati sempre con l approccio incrementale, risultano completamente eccedenti. 3

4 disposizione trova applicazione allorquando i citati beni sono ceduti entro il secondo periodo d'imposta successivo a quello in cui gli investimenti ambientali sono effettuati". In tal caso la norma in commento dispone che "il reddito escluso dall'imposizione si determina diminuendo l'ammontare degli investimenti ambientali di un importo pari alla differenza tra i corrispettivi derivanti dalle predette cessioni e i costi sostenuti nello stesso periodo d'imposta per la realizzazione degli investimenti ambientali. A quest'ultimo riguardo corre l'obbligo di sottolineare che il dato letterale della norma lascia libero campo ad interpretazioni poco probabili. Con la Circolare 3 gennaio 2001 n. 1, l'agenzia delle Entrate ha, tra le altre cose, prospettato al riguardo una soluzione interpretativa, illustrata attraverso la seguente esemplificazione (riportata nella tab. n. 3): Tab. n. 3: - costo di acquisto delle immobilizzazioni materiali costituenti investimenti ambientali nel periodo di imposta 2001: lire ; - corrispettivi derivanti dalla cessione (avvenuta nel periodo di imposta 2002) delle predette immobilizzazioni materiali: lire ; - costo di acquisto delle immobilizzazioni materiali costituenti investimenti ambientali nel periodo di imposta 2002: lire In tal caso, in base all'interpretazione fornita dall'agenzia delle Entrate, il reddito non assoggettato ad imposizione a seguito della fruizione dell agevolazione per investimenti ambientali nel periodo di imposta 2002 corrisponderebbe a lire ( ) = Fermo restando che tale esemplificazione si limita ad applicare letteralmente la normativa in commento, ne deriverebbe che a fronte di investimenti pari a lire (nel 2001), recuperati, a seguito di cessione (nel 2002), per un importo pari a lire , si debba invece lasciare sul campo solo lire Peraltro, al riguardo le istruzioni alla dichiarazione dei redditi Unico 2004 prevedono una variazione in aumento 18 utile all'indicazione degli importi ripresi a tassazione dal contribuente che realizza le condizioni contemplate dal comma 14 dell'art. 6, L. n. 388 del Permangono quindi significative incertezze interpretative, il tutto senza far cenno alle ulteriori complicazioni connesse alla nuova modalità di determinazione della detassazione, che a partire dal periodo d'imposta in corso al 1 gennaio 2003, prevede esclusivamente la rilevanza dell'importo degli investimenti che eccede la media degli investimenti realizzati nei due anni precedenti CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE E il caso innanzi tutto di segnalare la presenza di un ulteriore onere procedimentale per le imprese che intendono fruire degli incentivi connessi agli investimenti ambientali. Ai sensi del novellato 20 comma 17 del cit. art. 6 in esame, le imprese interessate dall agevolazione risultano infatti obbligate a comunicare, entro un mese dall approvazione del bilancio annuale, gli investimenti agevolati. Il Ministero delle attività produttive, di intesa con il Ministero dell ambiente e della tutela del territorio, effettua entro il 31 dicembre 2003, con riferimento al 16 Si noti che il risultato dell'operazione è algebricamente incongruente. 17 Detassando nel periodo d imposta 2002 l importo di lire anziché quello di lire , si recupera in sostanza solo l importo di lire Non si può peraltro prescindere in questa sede dal fornire un piccolo contributo alla vicenda, posto che nell'esempio esposto in tabella 3, la logica spingerebbe a recuperare il corrispettivo di quanto si è ceduto in rapporto a quanto precedentemente è stato fruito (che è poi il meccanismo applicato ad esempio per la detassazione c.d. Tremonti-bis). Tornando all'esemplificazione esposta nella tab. n. 3, andrebbe in buona sostanza recuperato l'importo di lire e non quello di lire e l'importo complessivamente detassato nel periodo d imposta 2002 corrisponderebbe alfine a lire ( = ). 18 Nelle istruzioni di Unico 2004 SC le somme "recuperate" a tassazione per effetto della cessione dei beni oggetto degli investimenti ambientali sono collocate nel rigo RF33 (altre variazioni in aumento): la quota di reddito delle piccole e medie imprese destinata a investimenti ambientali, di cui all art. 6 della L. n. 388 del 2000, che non ha concorso nei due periodi d imposta precedenti a formare il reddito imponibile ai fini delle imposte sul reddito, qualora i beni oggetto di tali investimenti siano stati ceduti nel presente periodo d imposta.. 19 L art. 6, comma 14, L. n. 388 del 2000, recante la commentata disciplina antielusiva, anziché disporre il recupero sic et simpliciter degli importi successivamente descritti, dispone che tali somme vanno ad incidere (in diminuzione) sull ammontare degli investimenti ambientali dell anno per cui il contribuente potrebbe domandarsi se è tenuto al recupero delle stesse anche allorquando per esempio non abbia realizzato tali investimenti nell anno. Anche in tal caso un interpretazione sistematica della normativa in esame dovrebbe far propendere per la ripresa a tassazione delle somme conseguenti alla cessione (e cioè, a prescindere dalla circostanza che l'importo detassato nel periodo d'imposta sia capiente o meno). 20 Per effetto dell art. 30 L. 31 luglio 2002 n

5 bilancio 2002, e successivamente ogni anno, il censimento dei predetti investimenti ambientali. Sul capo delle imprese beneficiarie incombe quindi un ulteriore obbligo procedimentale. Inoltre, nel corso dell esposizione sono state evidenziate le incertezze interpretative connesse alle effettive modalità di applicazione della disciplina antielusiva prevista dal comma 14 dell art. 6 L. n. 388 del A queste ultime si aggiungono le non irrilevanti implicazioni operative conseguenti all adozione del c.d. approccio incrementale. Con riferimento, ad esempio, alla società istante dell interpello oggetto della Risoluzione n. 226, esercente attività di ossidazione e laccatura di alluminio, interessata all acquisto della piena proprietà di una nuova cabina di verniciatura automatica a polvere, in sostituzione di un'altra funzionante, allo scopo di ottenere un aumento di produttività e un minore impatto ambientale in termini di produzioni di polveri da vernici di scarto da smaltire, di minori emissioni atmosferiche, nonchè di miglioramento dell'ambiente di lavoro per i prestatori d'opera, potrebbero presentarsi una serie di problematiche operative di non facile risoluzione. E ciò sia con riferimento all effettiva connotazione ambientale dell investimento 21 ma anche e con particolare riferimento all individuazione sostanziale dei soli sovraccosti necessari ai fini della tutela ambientale 22, teoricamente separabili da quelli che determinano vantaggi economici ottenuti in termini di capacità produttiva, di risparmi di spesa ed in termini produzioni accessorie aggiuntive 23. In estrema sintesi, le incertezze interpretative, il ferragginoso meccanismo applicativo nonché la "stretta" prevista a decorrere dal terzo anno di applicazione della disciplina in commento (2003) costituiscono "fattori" che tendenzialmente scoraggiano i possibili fruitori 24 dell'incentivo, vanificandone in ultima istanza l'efficacia in termini di impatto ambientale. Antonio Mastroberti Funzionario Agenzia dell Entrate 21 L Agenzia delle Entrate sembra essere cosciente di tali difficoltà applicative. Nella Risoluzione n. 226, cit. a nt. 7, che precede, si afferma che E' quanto mai opportuno, tuttavia, che le caratteristiche tecniche dei beni oggetto d'investimento, tanto con riferimento alla loro capacità di ridurre l'impatto ambientale quanto di generare futuri risparmi di spesa, siano certificate da soggetti preposti a tale scopo con la specifica menzione che gli stessi sono necessari per prevenire, ridurre e riparare danni causati all'ambiente e che non trattasi di investimenti realizzati in attuazione di obblighi di legge. Rileviamo che sul punto non sussiste però alcun obbligo di legge per il contribuente. 22 A tal fine potrebbero soccorrere, secondo l Agenzia, un criteri oggettivi come il confronto col costo di un investimento analogo sotto il profilo tecnico ma che non consenta di raggiungere lo stesso grado di tutela ambientale (ved. Risoluzione n. 226, cit. a nt. 7, che precede). Potremmo aggiungere, ovviamente, qualora tale confronto risulti praticabile. 23 E si pensi, oltre agli adempimenti (spontanei) del contribuente, anche alle successive fasi di controllo. 24 Si consideri le piccole imprese, costrette in teoria ad una serie di oneri aggiuntivi che potrebbero rivelarsi dal punto di vista amministrativo eccessivi a fronte del reale "beneficio" in termini di risparmio d'imposta conseguito per effetto degli investimenti ambientali. 5

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI COMMISSIONE DI STUDIO FISCALITA, CONTENZIOSO E RAPPORTI CON L AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA L UTILIZZO DELLE PERDITE D IMPRESA NELLA NORMATIVA

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli