Uso lecito della canapa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uso lecito della canapa"

Transcript

1 Uso lecito della canapa 1. La pianta di canapa e le sue caratteristiche Prodotti ricavabili dalla canapa e suoi possibili impieghi Coltivazione della canapa: quadro normativo di riferimento e sua evoluzione La pianta di canapa e le sue caratteristiche. La Canapa nome botanico Cannabis sativa L. (Linnaeus) è una pianta erbacea a ciclo annuale della famiglia delle Moraceae ( 1 ). Originaria dell Asia Meridionale, essa si è diffusa in varie regioni del mondo grazie alla sua adattabilità a climi e ambienti differenti. In base alle diverse caratteristiche possedute dalla specie a seconda del luogo di crescita se ne distinguono tre varietà: Cannabis sativa, Cannabis indica, Cannabis ruderalis ( 2 ). Non si distingue, diversamente da quanto ritenuto in passato, una specifica varietà di canapa stupefacente atteso che, come di seguito spiegato, tutte le piante contengono princìpi attivi a carattere psicoattivo, il cui contenuto risulta tuttavia fortemente influenzato dalle condizioni di coltivazione (area geografica, altitudine, tipologia di terreno). La Cannabis sativa L. è costituita da quasi 500 composti chimici con attività biologica; tra questi, più di 60 sono fitocannabinoidi, ossia cannabinoidi di origine vegetale. I fitocannabinoidi generalmente più rappresentati nella Cannabis sono: il tetraidrocannabinolo (THC), il principale costituente psicoattivo responsabile degli effetti sul Sistema Nervoso Centrale e la cui percentuale presente nella pianta ne definisce la potenza; il cannabidiolo; il cannabinolo; il cannabigerolo; il cannabicromene. Tali princìpi la cui percentuale varia notevolmente a seconda della parte della pianta, del tipo di Cannabis considerata e delle condizioni di coltivazione sono principalmente presenti nella resina che trasuda dalle infiorescenze e, in quantità inferiore, nelle foglie. Una percentuale trascurabile è altresì presente nel fusto e nei semi. Gli effetti dei suddetti princìpi nell uomo comprendono la compromissione della memoria a breve termine, deficit cognitivi, aumento della consapevolezza del corpo, della coordinazione, 1() Il sistema di Cronquist per la classificazione delle Angiosperme (o Magnoliophyta) include la Cannabis sativa L. nella famiglia delle Cannabacee (Cannabaceae o Cannabinaceae), appartenente all ordine delle Urticali, rientrante nella sottoclasse Hamamelidae, facente parte della classe Magnoliopsida; cfr. Seri C., Cannabis e derivati: scheda tecnica, in Cannabis e danni alla salute, a cura di SERPELLONI G. - DIANA M. - GOMMA M. - RIMONDO C., 20 gennaio 2011, Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento politiche antidroga, p. 87 s. 2() La Cannabis sativa può raggiungere un altezza fino a 4 metri, ha una forma slanciata con cime ampie, foglie di colore verde chiaro, produzione di resina non particolarmente abbondante e il periodo di fioritura varia tra le 9 e le 12 settimane; la Cannabis indica non supera gli 1,5-2 metri di altezza, ha una forma tarchiata, con cime a grappoli, foglie di colore verde scuro, produzione di resina generosa e il periodo di fioritura è compreso tra le 6 e le 9 settimane; infine la Cannabis ruderalis arriva a malapena al metro di altezza; il periodo di fioritura è molto breve, nell ordine delle 4 settimane, e non dipende dal periodo di esposizione al sole. Tale ultima varietà si caratterizza per una scarsa concentrazione di THC, a favore di un più elevato contenuto di cannabidiolo; cfr. SERI C., Cannabis e derivati: scheda tecnica, cit.

2 del sonno, tachicardia riflessa, ipotermia e alterazioni dell umore con euforia e disforia che dipendono dalla prima esperienza con la sostanza, dallo stato umorale nel momento del primo utilizzo, dal dosaggio e dalla via di somministrazione. Oltre a questi effetti acuti, i fitocannabinoidi, e segnatamente il THC, sono responsabili delle proprietà additive che portano a dipendenza in seguito a uso cronico ( 3 ). Proprio in ragione delle potenzialità negative dell utilizzo della Cannabis, quest ultima è stata oggetto di attenzione da parte del legislatore nazionale, comunitario e internazionale, attraverso l adozione di una congerie di provvedimenti mirati a vigilare sulla coltivazione della pianta e sul consumo delle sostanze psicotrope da essa ricavabili, stigmatizzando una pluralità di condotte correlate alla produzione e commercializzazione dei relativi prodotti La pianta di canapa e le sue caratteristiche. I prodotti illeciti ricavabili dalla Cannabis rientrano in tre categorie principali: la marijuana, sostanza ottenuta dalle infiorescenze femminili essiccate della pianta di Cannabis, quelle che contengono la percentuale maggiore di δ9-thc. La marijuana contiene una percentuale di δ9-thc varia tra il 2 per cento e il 12 per cento con un contenuto medio più comune pari al 5 per cento. Viene solitamente fumata da sola o miscelandola con del tabacco in un sigaro, ma può essere altresì ingerita per via orale, aggiungendola come ingrediente in preparati alimentari, o bevuta in infusi o tisane. L hashish è il prodotto ottenuto dalla lavorazione della resina di Cannabis; la percentuale di δ9-thc oscilla tra il 4 per cento e il 21 per cento. Analogamente alla marijuana, l hashish può essere fumato, sminuzzandolo e miscelandolo con del tabacco, in un sigaro, oppure ingerito direttamente per via orale. Infine la Cannabis liquida o olio di Cannabis è un estratto liquido concentrato sia di materiale erboso che di resina di Cannabis, contenente una percentuale di ingrediente psicoattivo, il THC, anche superiore al 60 per cento ( 4 ). Nondimeno, la canapa è lecitamente impiegabile in diversi settori; in particolare, accanto alla tradizionale destinazione come fibra tessile, si rileva l utilizzo crescente della pianta in argomento nel settore alimentare e in quello cosmetico. In proposito è opportuno evidenziare peraltro che la gran parte dei prodotti commestibili, quali alimenti e bevande contenenti, fra gli altri ingredienti, foglie e/o semi di Cannabis, sono privi di principio attivo; in ogni caso, se si ingerisce un prodotto alimentare ricavato dalla canapa, occorrono almeno 5 mg di THC per ottenere un effetto farmacologico ( 5 ). Analogamente, per quanto concerne l utilizzo di prodotti cosmetici contenenti olio di canapa olio ottenuto dalla spremitura dei semi di canapa, dotato di proprietà eudermiche, da non confondere con l olio di hashish, sopra ricordato, ricavato dalla resina estratta dalle sommità fiorite della pianta, cariche di una elevata percentuale di THC pur non essendo disponibili 3() GERRA G. - AMIR Z. - GERRA M.L. - CICCOCIOPPO R. - CIPPITELLI A. - SERPELLONI G. - SOMAINI L, Farmacologia e tossicologia dei derivati della cannabis e degli agonisti degli endocannabinoidi, in Cannabis e danni alla salute, cit., 349 s. 4() SERI C., Cannabis e derivati: scheda tecnica, cit. 5() RIMONDO C. - GAIONI A. - GOTTARDO R. - PASCALI J., La canapa nell industria alimentare e cosmetica, Cannabis e danni alla salute, cit., p. 431 s.

3 dati di farmacocinetica relativi all assorbimento di THC per via transdermica, si ritiene che la minima presenza di principio attivo nell olio di canapa renda tali prodotti cosmetici privi di una significativa attività psicotropa ( 6 ). Ancora: negli ultimi anni la ricerca scientifica ha fornito una serie di informazioni sui possibili usi medici di alcuni componenti della Cannabis, con particolare riferimento al THC e al cannabidiolo (CBD). Alcune indicazioni terapeutiche dei predetti princìpi attivi, quali ad esempio i disturbi associati alla chemioterapia (nausea e vomito), la stimolazione dell appetito in pazienti con anoressia AIDS-correlata e la spasticità legata alla sclerosi multipla, sono già state esplorate e accettate in alcuni paesi del mondo, mentre altre sono in corso di sperimentazione clinica (fra le altre: l azione analgesica; la neuro protezione in pazienti affetti da malattie neurovegetative quali il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson; il trattamento del glaucoma etc.) ( 7 ). Di grande attualità è, poi, il tema dell impiego della canapa della bioedilizia. L utilizzo di biomattoni realizzati da alcune aziende edili con truciolato di canapa, calce e acqua sia per la edificazione di costruzioni ex novo, sia per la riqualificazione di strutture preesistenti, consente invero di ridurre i consumi energetici, grazie al mantenimento costante di temperature e umidità all interno degli immobili, e di assorbire (anziché rilasciare) anidride carbonica presente nell atmosfera. Il biocomposto è, inoltre, riciclabile e biodegradabile ( 8 ). Infine, la Cannabis sativa L. sembra rientrare nel novero delle piante che possono essere usate nel fitorisanamento, tecnologia totalmente naturale che permette di ripristinare terreni inquinati piantumandoli con piante che si nutrono di metalli pesanti o composti organici, estraendoli dal suolo ( 9 ) Coltivazione della canapa: quadro normativo di riferimento e sua evoluzione. Come è noto, nell ordinamento italiano le leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza sono compendiate nel Testo Unico approvato con d.p.r. 9 ottobre 1990, n. 309, che dedica alla coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti il titolo III (art. 26 ss.). È opportuno premettere che il Testo in questione è stato oggetto di plurimi interventi normativi, culminati nella recente riforma che ha ripristinato la distinzione fra (i due quadri 6() Tuttavia, considerando l estrema varietà di contenuto di THC nelle piante di canapa, proprio in ragione delle differenti condizioni di coltivazione, la presenza eventuale di THC nei semi (e quindi nell olio) o nei prodotti alimentari da essa ricavati, dovrebbe essere definita caso per caso mediante determinazione del THC con opportune tecniche analitiche: cfr. RIMONDO C. - GAIONI A. - GOTTARDO R. - PASCALI J., La canapa nell industria alimentare e cosmetica, cit. 7() In Italia, il THC è disponibile come preparazione per uso orale o spray (Sativex, Bedrocan, Cannador), mentre i cannabinoidi non sono attualmente presenti sul mercato italiano. BOSCO O. - CRUCIANI M. - SERI C. - SEPELLONI G., L impiego medico dei cannabinoidi esogeni, Cannabis e danni alla salute, p. 335 s. 8() Bioedilizia, le case del futuro? Di canapa. Mattoni che respirano e assorbono CO2, articolo a cura di Mario Catania pubblicato su tv.ilfattoquotidiano.it il 28 settembre 2014; Bioedilizia: cresce l uso della canapa, articolo a cura di Giovanni Fez pubblicato su ilcambiamento.it il 3 febbraio () PATRONE V., Tecniche sostenibili per la bonifica dei terreni inquinati, in architetturaecosostenibile.it, 20 maggio 2014; Terra dei fuochi, quelle piante che ripuliscono dai veleni, articolo a cura di Amalia De Simone pubblicato su corriere.it in data 11 febbraio 2014

4 sanzionatori rispettivamente previsti per le) droghe «pesanti» e «leggere» ( 10 ). Tra queste ultime figura la Cannabis, attualmente compresa nella tabella II di cui all art. 14, d.p.r. n. 309/1990 e, come tale, inclusa ex art. 26 fra le piante la cui coltivazione nel territorio dello Stato è vietata in assenza di autorizzazione del Ministero della sanità (oggi Ministero della salute). La coltivazione, senza autorizzazione, delle piante indicate nel citato art. 26 è assoggettata alle sanzioni penali e amministrative stabilite per la fabbricazione illecita delle sostanze stesse (cfr. art. 28, comma 1, d.p.r. n. 309/1990), mentre l inosservanza delle prescrizioni e garanzie cui l autorizzazione è subordinata integra la contravvenzione di cui al comma 2 dell art. 28 del Testo Unico. Orbene, con la recente l. 16 maggio 2014, n. 79, di conversione del d.l. 20 marzo 2014, n. 36, recante «Disposizioni urgenti in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, nonché di impiego di medicinali meno 10() In via di estrema sintesi: il T.U. delle leggi in materia di stupefacenti approvato con d.p.r. n. 309/1990 è stato profondamente inciso dal d.l. 20 dicembre 2005, convertito con modificazioni nella l. 21 febbraio 2006, n. 49, nota come legge Fini-Giovanardi. Segnatamente, l art. 4 bis del d.l. n. 272/2005 ha modificato l art. 73 d.p.r. n. 309/1990, equiparando il trattamento sanzionatorio delle droghe «leggere» a quello delle droghe «pesanti». L art. 4 vicies ter, d.l. n. 272/2005, a sua volta, ha modificato o aggiunto molte previsioni all interno del Testo Unico, intervenendo, fra l altro, sugli artt. 13 e 14, concernenti la predisposizione di apposite tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope. In particolare, in luogo delle sei tabelle richiamate dalla previgente normativa e approvate con d.m. del Ministero della sanità di concerto con il Ministro di grazia e giustizia, sono state previste due sole tabelle allegate al T.U. (una per tutte quante le sostanze stupefacenti e una per le sostanze medicinali), delegando il Ministro della salute a provvedere con decreto al loro periodico completamento e aggiornamento. Con sentenza n. 32 del 12 febbraio 2014 dep. il 25 febbraio 2014, la Corte costituzionale ha dichiarato l illegittimità costituzionale, per violazione dell art. 77 della Costituzione, degli artt. 4 bis e 4 vicies ter del d.l. n. 272/2005, con conseguente reviviscenza della originaria distinzione fra i due quadri sanzionatori per le droghe «pesanti» e «leggere». La pronuncia ha altresì travolto gli artt. 13 e 14 del T.U. così come modificati dall art. 4 vicies ter del d.l. n. 272/2005, conv. con modificazioni dalla legge n. 49/2006, con ulteriore caducazione consequenziale delle tabelle allegate a tali disposizioni e dei successivi decreti ministeriali di aggiornamento delle medesime. Con il d.l. 20 marzo 2014, n. 36 convertito nella l. 16 marzo 2014, n. 79 il Governo è intervenuto a colmare il vuoto normativo creatosi dopo la pubblicazione della sent. n. 32/2014 della Corte costituzionale; il decreto legge non è intervenuto sulla disposizione sanzionatoria di cui all art. 73 del T.U. stupefacenti, lasciando inalterata la (reintrodotta) distinzione fra i due quadri sanzionatori per le droghe «pesanti» e «leggere», mentre ha in larga misura ripristinato le modifiche al Testo Unico introdotte dalla disposizione di cui all art. 4 vicies ter della legge Fini-Giovanardi, con la sola rilevante eccezione concernente il numero e la composizione delle tabelle che elencano le sostanze stupefacenti e medicinali cui si riferisce il T.U. Il nuovo testo degli artt. 13 e 14 T.U. così come modificati dal d.l. n. 36/2014 prevede cinque tabelle e ovvero: una tabella I, relativa alle c.d. droghe pesanti; una tabella II, realtiva alle c.d. droghe leggere; una tabella III e una tabella IV, relative alle sostanze medicinali equiparate ai fini sanzionatori rispettivamente alle «droghe pesanti» e a quelle «leggere»; infine, una tabella c.d. dei medicinali, non richiamata dall art. 73. Le prime quattro tabelle trovano piena corrispondenza con le previsioni di cui all art. 73, nel testo previgente alla legge Fini-Giovanardi ripristinato dalla sentenza n. 32/2014: le condotte aventi ad oggetto le sostanze di cui alle tabelle I e III sono infatti sanzionate con la reclusione da otto a vent anni ai sensi del primo comma, mentre quelle aventi ad oggetto le sostanze di cui alle tabelle II e IV soggiacciono al più favorevole quadro edittale della reclusione da due a sei anni ai sensi del quarto comma.

5 onerosi da parte del Servizio sanitario nazionale», il legislatore è intervenuto, fra l altro, sulla disposizione di cui all art. 26 del Testo Unico, elidendo espressamente il divieto di coltivazione della canapa finalizzata esclusivamente alla produzione di fibre o ad altri usi industriali, diversi da quelli di cui all art. 27, consentiti dalla normativa dell Unione europea ( 11 ). La normativa europea, invero, già da tempo annovera la «canapa greggia, macerata, stigliata, pettinata o altrimenti preparata, ma non filata» fra i prodotti agricoli assoggettati alle disposizioni del Trattato sul funzionamento dell Unione europea [lett. a), allegato I del TFUE]. Il medesimo allegato I del Trattato, alla lett. b) elenca i prodotti alimentari, rinviando all art. 2 del regolamento CE n. 178/2002; quest ultimo, nel definire «alimento» (o «prodotto alimentare», o «derrata alimentare») qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato ad essere ingerito, o di cui si prevede ragionevolmente che possa essere ingerito, da esseri umani, esclude, fra l altro, le sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi della Convenzione Unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 1961 e della Convenzione delle Nazioni Unite sulle sostanze psicotrope del La citata Convenzione Unica, adottata a New York il 30 marzo 1961 e ratificata dall Italia con l. 5 giugno 1974, n. 412, ha ad oggetto l adozione di misure «coordinate e universali» contro l abuso degli stupefacenti. In tale ottica, la Convenzione individua, mediante rinvio ad apposita tabella, le sostanze da sottoporre a controllo tra cui, per quanto di interesse in questa sede, è ricompresa la Cannabis prescrivendo le relative modalità. Tuttavia, a norma dell art. 28, comma 2, la Convenzione «non verrà applicata alla coltivazione della pianta di Cannabis fatta a scopi esclusivamente industriali (fibre e semi) o di orticoltura». La Comunità europea aveva, peraltro, già inserito la canapa nel regime di sostegno a favore dei coltivatori di taluni seminativi (regolamenti CE n. 1672/2000 e n. 1673/2000). In attuazione di tale politica di sostegno comunitario, il Ministero delle politiche agricole e forestali aveva emanato in data 8 maggio 2002 apposita circolare (n. 1/2002) in cui, fra l altro, l accesso alle misure comunitarie risulta limitato alle varietà di canapa aventi tenore di THC non superiore allo 0,2 per cento. Alla luce di quanto sopra esposto appare dunque evidente che la coltivazione di canapa, con il limite sopra indicato e per gli scopi innanzi illustrati, costituisce attività del tutto lecita alla stregua della disciplina nazionale e sovranazionale vigente. La cattiva fama legata agli effetti legati all uso e all abuso dei prodotti derivati dai princìpi attivi psicotropi componenti della pianta e alle iniziative giustamente intraprese a livello politico e legislativo al fine di arginare il fenomeno della tossicodipendenza hanno contribuito ad oscurare le grandi potenzialità 11() Si trascrive per maggiore chiarezza il testo vigente dell art. 26 del d.p.r. n. 309/1990: «1. Salvo quanto stabilito nel comma 2, è vietata nel territorio dello Stato la coltivazione delle piante comprese nelle tabelle I e II di cui all art. 14, ad eccezione della canapa coltivata esclusivamente per la produzione di fibre o per altri usi industriali, diversi da quelli di cui all art. 27, consentiti dalla normativa dell Unione europea. 2: Il Ministero della sanità può autorizzare istituti universitari e laboratori pubblici aventi fini istituzionali di ricerca, alla coltivazione delle piante sopra indicate per scopi scientifici, sperimentali e didattici».

6 positive di cui la pianta stessa è dotata e che finalmente sembrano oggetto di rinnovata attenzione, complice anche la necessità di elaborare nuove strategie di salvaguardia dell ambiente, seriamente compromesso da comportamenti umani improntati a negligenza e sciatteria, quando non addirittura da gravi condotte illecite, a tutti ormai tristemente note. È, infatti, attualmente al vaglio della competente Commissione parlamentare (XIII Commissione agricoltura) una proposta di legge avente a oggetto la disciplina normativa unitaria ed organica in materia di canapicoltura; il progetto si prefigge lo scopo di rilanciare questo settore, attraverso il definitivo superamento dell incertezza giuridico-amministrativa che, a tutt oggi, costituisce un ostacolo per la libera iniziativa di molti soggetti e un freno alla crescita economica italiana ( 12 ). Diana Russo 12() Una legge per spingere la canapicoltura italiana, intervista all onorevole Zanin, Canapa industriale, anno 1, numero 3, novembre-dicembre 2014, p. 3. Per ulteriori approfondimenti v. Il punto sulla normativa comunitaria internazionale e nazionale vigente: in attesa della nuova legge quadro per il ripristino della filiera agroindustriale della canapa, in toscanapa.com, 7 agosto 2014.

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

Art. 9 Art. 10 Art. 11

Art. 9 Art. 10 Art. 11 Norme per il sostegno e la promozione della coltivazione e della filiera della Canapa (Testo unificato delle proposte di legge Lupo C. 1373, Zaccagnini C. 1797 e Oliverio C. 1859) (Testo adottato dalla

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 23 novembre 2015

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 23 novembre 2015 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2144 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei deputati LUPO, BENEDETTI, Massimiliano BERNINI, GALLINELLA, GAGNARLI, L ABBATE e PARENTELA (1373); ZACCAGNINI e Franco

Dettagli

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti. contenuto. (elementi utili per il medico)

Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti. contenuto. (elementi utili per il medico) Introduzione alla canapa e ai suoi prodotti (elementi utili per il medico) G. M. Zanini Mese delle dipendenze Canapa nello studio medico Locarno, 20 novembre 2014 Lugano, 27 novembre 2014 contenuto 1.

Dettagli

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale:

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: *** Consiglio Regionale della Toscana *** Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 9611/2.6 del 08.06.2011 - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: Disposizioni

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Il DM 9 luglio 2012, come modificato nell allegato 1 dal decreto 27 marzo 2014, ha definito piante, altre sostanze vegetali e parti relative

Dettagli

C O R T E D I C A S S A Z I O N E

C O R T E D I C A S S A Z I O N E C O R T E D I C A S S A Z I O N E UFFICIO DEL RUOLO E DEL MASSIMARIO Servizio penale Rel. 47/2014 Roma, 16 luglio 2014 Orientamento di giurisprudenza Rassegna della giurisprudenza di legittimità in materia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2028 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Disposizioni concernenti

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

La marijuana è un medicinale?

La marijuana è un medicinale? La marijuana è un medicinale? Da oltre 20 anni negli Stati Uniti la marijuana viene somministrata per alleviare una vasta gamma di disturbi. Si ritiene che la marijuana aiuti in presenza di stati dolorosi

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI cicloesil)metil] benzamide (AH-7921), 3,4-metilenedioss ipirovalerone(mdpv) e 2-(etilamino)-2-(3-metossifenil) cicloesanone (metossietamina) in considerazione dei rischi per la salute e della mancanza

Dettagli

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità

I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia di legittimità Autore: Luca PRATI e Francesco Maria SALERNO Data: 09.09.2014 Pubblicato su: www.lexambiente.it I Sistemi Collettivi per il finanziamento dei RAEE e l art. 10 del D.Lgs. 49/2014: una normativa di dubbia

Dettagli

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Circolare N.134 del 13 ottobre 2011 SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto SISTRI e SCIA: cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Gentile cliente, con la presente, desideriamo

Dettagli

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO

NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO IN BREVE n. 23 a cura di Marco Perelli Ercolini NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA PRIVACY SLITTA A FINE ANNO Sulla Gazzetta Ufficiale del 12 luglio 2006 numero 160 è stato pubblicato il decreto milleproroghe

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Procura della Repubblica presso il Tribunale di L A N C I A N O Il procuratore della Repubblica OGGETTO: primi adempimenti relativi alla sentenza della Corte costituzionale n. 32 del 2014. Conseguenze

Dettagli

Le piante erbacee anemofile - parte 2

Le piante erbacee anemofile - parte 2 Newsletter N. 12-2008 Le piante erbacee anemofile - parte 2 Chi pensa che il volo pollinico si limiti alla prima metà dell anno si sbaglia! In tarda estate sono soprattutto le composite anemofile a creare

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

La SCIA agevola l avvio dell attività

La SCIA agevola l avvio dell attività La SCIA agevola l avvio dell attività L a modifica apportata alla legge 122/10 ha carattere di principio generale e stabilisce che possono essere intraprese con la Scia le attività non sottoposte a limite

Dettagli

DL 22 giugno 2012, n. 83 Principali contenuti fiscali delle Misure urgenti per la crescita del Paese

DL 22 giugno 2012, n. 83 Principali contenuti fiscali delle Misure urgenti per la crescita del Paese DL 22 giugno, n. 83 Principali contenuti fiscali delle Misure urgenti per la crescita del Paese REGIME DELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI L art.9 del D.L. 83/ interviene complessivamente sul regime

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera

COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COMUNE DI STIGLIANO Provincia di Matera COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Svolgimento Lavori di Pubblica Utilità (art. 54 D.L.vo 28.08.2000, n. 247 e N. 75 Reg. del art. 2 D. M. 26.03.2001) Approvazione

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 87/E. Roma, 20 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 87/E. Roma, 20 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 87/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 agosto 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Fatturazione delle prestazioni sanitarie effettuate nell ambito di strutture

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 29 del 20 novembre 2008 Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (DLgs. 9.4.2008 n. 81) - Valutazione dei rischi e redazione del relativo documento -

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 settembre 2014. Piano infrastrutturale per i veicoli alimentati ad energia elettrica, ai sensi dell articolo 17 -septies del decreto-legge

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO novembre-dicembre 2012 AGGIORNAMENTO DECRETI-LEGGE Crescita-bis AGGIORNAMENTO PROGETTI DI LEGGE Legge di stabilità 2013 Delega fiscale Riforma delle professioni sanitarie

Dettagli

IL DIRETTORE 9963 /RU

IL DIRETTORE 9963 /RU + Protocollo: 9963 /RU Rif.: Allegati: 2 IL DIRETTORE Visto il Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; Visto l articolo 6 dello Statuto dell Agenzia delle Dogane; Vista la Convenzione sul commercio

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

La coltivazione della canapa: Cenni botanici ed utilizzi tradizionali in Trentino

La coltivazione della canapa: Cenni botanici ed utilizzi tradizionali in Trentino 22 Agosto 2013 La coltivazione della canapa: Cenni botanici ed utilizzi tradizionali in Trentino Dott.ssa Lisa Angelini CENNI BOTANICI: Classificazione Una sola specie botanica! Cannabis indica vs sativa

Dettagli

n 24 - GIUGNO 2014 Il testo completo del D.L. è consultabile sul sito www.federserd.it

n 24 - GIUGNO 2014 Il testo completo del D.L. è consultabile sul sito www.federserd.it n 24 - GIUGNO 2014 Il testo completo del D.L. è consultabile sul sito www.federserd.it 1 informa OPERARE IN CERTEZZA NEI SERVIZI, GARANTIRE LA NON PUNIBILITÀ DEI CONSUMATORI AUDIZIONE INFORMALE SUL DL

Dettagli

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE L EVOLUZIONE STORICA Successivamente alla entrata in vigore del D.lgs. 19 novembre 1997, n. 422, molteplici sono stati i provvedimenti

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713)

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713) Roma, 2 gennaio 2008 Protocollo: 1/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione

POLIZIA DI STATO Questura di Udine. Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione POLIZIA DI STATO Questura di Udine Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale e dell Immigrazione Norme principali di riferimento in materia di scommesse e gioco Testo Unico delle Leggi di Pubblica

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n. 663/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza dell 8 ottobre 2014, composta da: Dott. Claudio IAFOLLA Cons. Elena BRANDOLINI

Dettagli

STUDIO NOTARILE ASSOCIATO

STUDIO NOTARILE ASSOCIATO STUDIO NOTARILE ASSOCIATO Dr. Giovanni Rizzi Notaio Dr. Diego Trentin Notaio 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 telefono 0444 546324 e 547069 fax 0444 322533 email: info@notairizzitrentin.it L ATTESTATO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali

PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali PARTE SPECIALE - 3 - Illeciti ambientali 51 1. Funzione della Parte Speciale - 3 - Per effetto del D.Lgs. n. 121/2011, dal 16 agosto 2011 è in vigore l'art.25 - undecies, D.Lgs. n. 231/2001, che prevede

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2 + Polo Alimenti In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale degli Alimenti (ex DPR 14/7/95) per l anno 2010, riguardo agli OGM,

Dettagli

Adozione. Assicurazione obbligatoria

Adozione. Assicurazione obbligatoria Adozione L. 4 maggio 1983, n. 184. Diritto del minore ad una famiglia... Pag. 11 Convenzione di Strasburgo del 24 aprile 1967 sull adozione dei minori...» 68 Convenzione de L Aja del 25 ottobre 1980 sugli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE Il PCT nel decreto legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l efficienza degli uffici giudiziari) Sommario: 1. Premessa. 2. Entrata in vigore

Dettagli

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Indice

---------------------------------------------------------------------------------------------------- Indice Distributori automatici di sigarette e sistemi di age control basati sulla lettura delle impronte digitali: l ordinanza cautelare del TAR Basilicata del 6 Giugno 2013. di: Avv. Alessandro del Ninno Avv.

Dettagli

2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi

2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi 2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi Introduzione La marijuana è un derivato della canapa indiana, la Cannabis Sativa. La principale sostanza psicoattiva che se ne ricava

Dettagli

La canapa: domande e risposte

La canapa: domande e risposte La canapa: domande e risposte Quanto è nociva la canapa? È difficile dare una risposta semplice a questa domanda. I rischi, infatti, variano a seconda del consumatore, delle situazioni, della quantità,

Dettagli

52 18/09/2013 52 18/09/2013 ORIGINALE

52 18/09/2013 52 18/09/2013 ORIGINALE COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano Deliberazione originale della Giunta Comunale N 52 del 18/09/2013 Proposta Deliberazione n. 52 del 18/09/2013 ORIGINALE Oggetto: Approvazione schema di convenzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello Art. 11 legge 27/07/2000, n. 212. Tassazione di redditi di fonte estera - Redditi di capitale - Applicazione

Dettagli

AS786 - RECEPIMENTO DIRETTIVA COMUNITARIA SUI SERVIZI POSTALI 2008/6/CE

AS786 - RECEPIMENTO DIRETTIVA COMUNITARIA SUI SERVIZI POSTALI 2008/6/CE AS786 - RECEPIMENTO DIRETTIVA COMUNITARIA SUI SERVIZI POSTALI 2008/6/CE Roma, 15 gennaio 2011 Presidente del Senato della Repubblica Presidente della Camera dei Deputati Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

La canapa: domande e risposte

La canapa: domande e risposte La canapa: domande e risposte Quanto è nociva la canapa? È difficile dare una risposta semplice a questa domanda. I rischi, infatti, possono variare a seconda del consumatore, del luogo di consumo, della

Dettagli

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa CONFERENZA UNIFICATA Roma 6 giugno 2012 ore 15.00 PUNTO O.D.G. ESITI Approvazione del verbale del 10 maggio 2012 Approvati 1) Informativa in merito alla consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

Istruzioni di Vigilanza per le banche

Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999-12 Aggiornamento del 21 marzo 2007 Indice: pag. 28 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI

Dettagli

Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative.

Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative. Decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 Gazzetta Ufficiale 29 novembre 1995, n. 279 Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni

Dettagli

IL DIRETTORE 91519 /RU

IL DIRETTORE 91519 /RU + Protocollo: 91519 /RU Rif.: Allegati: 2 IL DIRETTORE Visto il Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; Visto l articolo 6 dello Statuto dell Agenzia delle Dogane; Vista la Convenzione sul commercio

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel.

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel. SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO... Via 00. ROMA Oggetto: Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) relativamente agli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel.

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... prov... il Codice Fiscale residente a. via/piazza.. n... cap. tel. SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO... Via 00. ROMA Oggetto: SCIA Segnalazione certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/90 s.m.i;, D.M. 27 ottobre 2003;D.M. 7 gennaio 2007; art. 49

Dettagli

VIGILANZA PRIVATA: GLI ASPETTI GIUSLAVORISTICI DEL NUOVO DM SULLA CAPACITA TECNICA.*

VIGILANZA PRIVATA: GLI ASPETTI GIUSLAVORISTICI DEL NUOVO DM SULLA CAPACITA TECNICA.* VIGILANZA PRIVATA: GLI ASPETTI GIUSLAVORISTICI DEL NUOVO DM SULLA CAPACITA TECNICA.* L attività di lavoro svolta alle dipendenze degli istituti di vigilanza privata è tuttora regolata da alcune norme presenti

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi FACOLTÀ DI FARMACIA sede via Ospedale, 72 09124 Cagliari Palazzo delle Scienze sito web: http://farmacia.unica.it e-mail: presfarm@unica.it Segreteria di Presidenza tel. 070 675 8601-8602 fax 070 675 8612

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 1995, n. 504

DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 1995, n. 504 DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 1995, n. 504 Testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative. Vigente al: 8-10-2014

Dettagli

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3.

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3. anche nel rispetto delle disposizioni della Convenzione di Strasburgo, ratificata ai sensi della citata legge 29 novembre 1995, n. 522, e delle indicazioni del Comitato internazionale olimpico (CIO) e

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/D. Roma, 18 giugno 2015. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane

CIRCOLARE N. 6/D. Roma, 18 giugno 2015. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane CIRCOLARE N. 6/D Roma, 18 giugno 2015 Protocollo: Rif.: Allegati: 50093/RU Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici

Dettagli

definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1, della legge 11 agosto

definizione immediata di adempimenti derivanti dalla normativa europea convertito in legge, con modificazioni, dall articolo 1, della legge 11 agosto Prot.uscita Mipaaf N.272 del 13/01/2015 Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico e Il Ministro dell'economia e delle finanze VISTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEQUESTRI 2009 1. La Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell Interno ha segnalato al Sistema Nazionale di Allerta Precoce ad ottobre,

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

PRIMA PARTE Legislazione e responsabilità per impianti e materiali elettrici

PRIMA PARTE Legislazione e responsabilità per impianti e materiali elettrici Pavia, 23 aprile 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Elementi di impianti e macchine elettriche (prof. Mario Montagna) Insieme a: Ordine degli ingegneri della Provincia

Dettagli

I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro

I Commissione <Affari Costituzionali> del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro I Commissione del Senato Pres. Sen. Anna Finocchiaro Audizione del Prof. Agostino Meale in data 23 settembre 2014 sul d.d.l. n. 1577 Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO RIFLESSI SULLA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Fonti normative Accertamento assenza tossicodipendenza in lavoratori addetti a mansioni comportanti rischi per la sicurezza, la incolumità e la salute dei

Dettagli

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ Dossier n. 68 Ufficio Documentazione e Studi 23 dicembre 2014 TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITÀ AGRARIA E ALIMENTARE PREMESSA La tutela e la salvaguardia delle risorse genetiche per l alimentazione

Dettagli

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati. IL

Dettagli

Legalizzazione della cannabis. Normativa italiana e prospettive

Legalizzazione della cannabis. Normativa italiana e prospettive L e g a l i z z a z i o n e d e l l a c a n n a b i s Legalizzazione della cannabis. Normativa italiana e prospettive di Luigi Manconi, Federica Resta Il panorama attuale Nel rapporto presentato nel marzo

Dettagli

L. 22.12.1975, n. 685 - (G.U. n. 342/1975) *

L. 22.12.1975, n. 685 - (G.U. n. 342/1975) * L. 22.12.1975, n. 685 - (G.U. n. 342/1975) * Disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope. Prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza Art. 1: Comitato nazionale di

Dettagli

PUBBLICITA TELEVISIVA DEI TRATTAMENTI MEDICO-CHIRURGICI UNA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE Fiammetta Malagoli

PUBBLICITA TELEVISIVA DEI TRATTAMENTI MEDICO-CHIRURGICI UNA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE Fiammetta Malagoli PUBBLICITA TELEVISIVA DEI TRATTAMENTI MEDICO-CHIRURGICI UNA PRONUNCIA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA CE Fiammetta Malagoli La Corte di Giustizia europea si è pronunciata in relazione alla controversia insorta

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02271/2015 REG.PROV.COLL. N. 03246/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

TITOLO IX. Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006

TITOLO IX. Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006 DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE TITOLO IX - Capitolo 2 TITOLO IX Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVER DALLE BANCHE TITOLO IX - Capitolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori

SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori SCIA e autorizzazione paesaggistica per l'installazione di condizionatori e climatizzatori È necessario un titolo abilitativo per installare condizionatori e climatizzatori e, nel caso, un'autorizzazione

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

Oggetto: ESCLUSA (DEFINITIVAMENTE?) LA NULLITÀ DEI CONTRATTI DI TRASFERIMENTO E DI LOCAZIONE IMMOBILIARE PER MANCATA ALLEGAZIONE DELL APE.

Oggetto: ESCLUSA (DEFINITIVAMENTE?) LA NULLITÀ DEI CONTRATTI DI TRASFERIMENTO E DI LOCAZIONE IMMOBILIARE PER MANCATA ALLEGAZIONE DELL APE. Circ. 02/A/140103 San Fior, 03/01/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: ESCLUSA (DEFINITIVAMENTE?) LA NULLITÀ DEI CONTRATTI DI TRASFERIMENTO E DI LOCAZIONE IMMOBILIARE PER MANCATA ALLEGAZIONE DELL

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

AMIANTO. a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008

AMIANTO. a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008 AMIANTO a cura di Antonella Regonesi Università degli studi di Dalmine Maggio 2008 AMIANTO: La legislazione fondamentale D. Lgs.. N 257/2006 Legge n. 257/92 D.P.R. 8 agosto 1994 D.M. 6 settembre 1994 D.M.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Definizioni) 1. Ai fini della presente legge si intende per:

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Definizioni) 1. Ai fini della presente legge si intende per: DISEGNO DI LEGGE (S-386) Disposizioni per la promozione e lo sviluppo della responsabilità sociale delle imprese, nonché delega al Governo per l adozione di norme recanti incentivi alle imprese socialmente

Dettagli

Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro.

Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. Adeguamenti normativi in materia di Sicurezza nei luoghi di lavoro. Informativa generale Con la Legge. 3 agosto 2007 n. 123 recanti Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e

Dettagli

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE * * * Si riscontra il quesito in oggetto, articolato in due questioni: 1) in primo luogo chiarire se sia corretto il convincimento secondo

Dettagli