Uso lecito della canapa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uso lecito della canapa"

Transcript

1 Uso lecito della canapa 1. La pianta di canapa e le sue caratteristiche Prodotti ricavabili dalla canapa e suoi possibili impieghi Coltivazione della canapa: quadro normativo di riferimento e sua evoluzione La pianta di canapa e le sue caratteristiche. La Canapa nome botanico Cannabis sativa L. (Linnaeus) è una pianta erbacea a ciclo annuale della famiglia delle Moraceae ( 1 ). Originaria dell Asia Meridionale, essa si è diffusa in varie regioni del mondo grazie alla sua adattabilità a climi e ambienti differenti. In base alle diverse caratteristiche possedute dalla specie a seconda del luogo di crescita se ne distinguono tre varietà: Cannabis sativa, Cannabis indica, Cannabis ruderalis ( 2 ). Non si distingue, diversamente da quanto ritenuto in passato, una specifica varietà di canapa stupefacente atteso che, come di seguito spiegato, tutte le piante contengono princìpi attivi a carattere psicoattivo, il cui contenuto risulta tuttavia fortemente influenzato dalle condizioni di coltivazione (area geografica, altitudine, tipologia di terreno). La Cannabis sativa L. è costituita da quasi 500 composti chimici con attività biologica; tra questi, più di 60 sono fitocannabinoidi, ossia cannabinoidi di origine vegetale. I fitocannabinoidi generalmente più rappresentati nella Cannabis sono: il tetraidrocannabinolo (THC), il principale costituente psicoattivo responsabile degli effetti sul Sistema Nervoso Centrale e la cui percentuale presente nella pianta ne definisce la potenza; il cannabidiolo; il cannabinolo; il cannabigerolo; il cannabicromene. Tali princìpi la cui percentuale varia notevolmente a seconda della parte della pianta, del tipo di Cannabis considerata e delle condizioni di coltivazione sono principalmente presenti nella resina che trasuda dalle infiorescenze e, in quantità inferiore, nelle foglie. Una percentuale trascurabile è altresì presente nel fusto e nei semi. Gli effetti dei suddetti princìpi nell uomo comprendono la compromissione della memoria a breve termine, deficit cognitivi, aumento della consapevolezza del corpo, della coordinazione, 1() Il sistema di Cronquist per la classificazione delle Angiosperme (o Magnoliophyta) include la Cannabis sativa L. nella famiglia delle Cannabacee (Cannabaceae o Cannabinaceae), appartenente all ordine delle Urticali, rientrante nella sottoclasse Hamamelidae, facente parte della classe Magnoliopsida; cfr. Seri C., Cannabis e derivati: scheda tecnica, in Cannabis e danni alla salute, a cura di SERPELLONI G. - DIANA M. - GOMMA M. - RIMONDO C., 20 gennaio 2011, Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento politiche antidroga, p. 87 s. 2() La Cannabis sativa può raggiungere un altezza fino a 4 metri, ha una forma slanciata con cime ampie, foglie di colore verde chiaro, produzione di resina non particolarmente abbondante e il periodo di fioritura varia tra le 9 e le 12 settimane; la Cannabis indica non supera gli 1,5-2 metri di altezza, ha una forma tarchiata, con cime a grappoli, foglie di colore verde scuro, produzione di resina generosa e il periodo di fioritura è compreso tra le 6 e le 9 settimane; infine la Cannabis ruderalis arriva a malapena al metro di altezza; il periodo di fioritura è molto breve, nell ordine delle 4 settimane, e non dipende dal periodo di esposizione al sole. Tale ultima varietà si caratterizza per una scarsa concentrazione di THC, a favore di un più elevato contenuto di cannabidiolo; cfr. SERI C., Cannabis e derivati: scheda tecnica, cit.

2 del sonno, tachicardia riflessa, ipotermia e alterazioni dell umore con euforia e disforia che dipendono dalla prima esperienza con la sostanza, dallo stato umorale nel momento del primo utilizzo, dal dosaggio e dalla via di somministrazione. Oltre a questi effetti acuti, i fitocannabinoidi, e segnatamente il THC, sono responsabili delle proprietà additive che portano a dipendenza in seguito a uso cronico ( 3 ). Proprio in ragione delle potenzialità negative dell utilizzo della Cannabis, quest ultima è stata oggetto di attenzione da parte del legislatore nazionale, comunitario e internazionale, attraverso l adozione di una congerie di provvedimenti mirati a vigilare sulla coltivazione della pianta e sul consumo delle sostanze psicotrope da essa ricavabili, stigmatizzando una pluralità di condotte correlate alla produzione e commercializzazione dei relativi prodotti La pianta di canapa e le sue caratteristiche. I prodotti illeciti ricavabili dalla Cannabis rientrano in tre categorie principali: la marijuana, sostanza ottenuta dalle infiorescenze femminili essiccate della pianta di Cannabis, quelle che contengono la percentuale maggiore di δ9-thc. La marijuana contiene una percentuale di δ9-thc varia tra il 2 per cento e il 12 per cento con un contenuto medio più comune pari al 5 per cento. Viene solitamente fumata da sola o miscelandola con del tabacco in un sigaro, ma può essere altresì ingerita per via orale, aggiungendola come ingrediente in preparati alimentari, o bevuta in infusi o tisane. L hashish è il prodotto ottenuto dalla lavorazione della resina di Cannabis; la percentuale di δ9-thc oscilla tra il 4 per cento e il 21 per cento. Analogamente alla marijuana, l hashish può essere fumato, sminuzzandolo e miscelandolo con del tabacco, in un sigaro, oppure ingerito direttamente per via orale. Infine la Cannabis liquida o olio di Cannabis è un estratto liquido concentrato sia di materiale erboso che di resina di Cannabis, contenente una percentuale di ingrediente psicoattivo, il THC, anche superiore al 60 per cento ( 4 ). Nondimeno, la canapa è lecitamente impiegabile in diversi settori; in particolare, accanto alla tradizionale destinazione come fibra tessile, si rileva l utilizzo crescente della pianta in argomento nel settore alimentare e in quello cosmetico. In proposito è opportuno evidenziare peraltro che la gran parte dei prodotti commestibili, quali alimenti e bevande contenenti, fra gli altri ingredienti, foglie e/o semi di Cannabis, sono privi di principio attivo; in ogni caso, se si ingerisce un prodotto alimentare ricavato dalla canapa, occorrono almeno 5 mg di THC per ottenere un effetto farmacologico ( 5 ). Analogamente, per quanto concerne l utilizzo di prodotti cosmetici contenenti olio di canapa olio ottenuto dalla spremitura dei semi di canapa, dotato di proprietà eudermiche, da non confondere con l olio di hashish, sopra ricordato, ricavato dalla resina estratta dalle sommità fiorite della pianta, cariche di una elevata percentuale di THC pur non essendo disponibili 3() GERRA G. - AMIR Z. - GERRA M.L. - CICCOCIOPPO R. - CIPPITELLI A. - SERPELLONI G. - SOMAINI L, Farmacologia e tossicologia dei derivati della cannabis e degli agonisti degli endocannabinoidi, in Cannabis e danni alla salute, cit., 349 s. 4() SERI C., Cannabis e derivati: scheda tecnica, cit. 5() RIMONDO C. - GAIONI A. - GOTTARDO R. - PASCALI J., La canapa nell industria alimentare e cosmetica, Cannabis e danni alla salute, cit., p. 431 s.

3 dati di farmacocinetica relativi all assorbimento di THC per via transdermica, si ritiene che la minima presenza di principio attivo nell olio di canapa renda tali prodotti cosmetici privi di una significativa attività psicotropa ( 6 ). Ancora: negli ultimi anni la ricerca scientifica ha fornito una serie di informazioni sui possibili usi medici di alcuni componenti della Cannabis, con particolare riferimento al THC e al cannabidiolo (CBD). Alcune indicazioni terapeutiche dei predetti princìpi attivi, quali ad esempio i disturbi associati alla chemioterapia (nausea e vomito), la stimolazione dell appetito in pazienti con anoressia AIDS-correlata e la spasticità legata alla sclerosi multipla, sono già state esplorate e accettate in alcuni paesi del mondo, mentre altre sono in corso di sperimentazione clinica (fra le altre: l azione analgesica; la neuro protezione in pazienti affetti da malattie neurovegetative quali il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson; il trattamento del glaucoma etc.) ( 7 ). Di grande attualità è, poi, il tema dell impiego della canapa della bioedilizia. L utilizzo di biomattoni realizzati da alcune aziende edili con truciolato di canapa, calce e acqua sia per la edificazione di costruzioni ex novo, sia per la riqualificazione di strutture preesistenti, consente invero di ridurre i consumi energetici, grazie al mantenimento costante di temperature e umidità all interno degli immobili, e di assorbire (anziché rilasciare) anidride carbonica presente nell atmosfera. Il biocomposto è, inoltre, riciclabile e biodegradabile ( 8 ). Infine, la Cannabis sativa L. sembra rientrare nel novero delle piante che possono essere usate nel fitorisanamento, tecnologia totalmente naturale che permette di ripristinare terreni inquinati piantumandoli con piante che si nutrono di metalli pesanti o composti organici, estraendoli dal suolo ( 9 ) Coltivazione della canapa: quadro normativo di riferimento e sua evoluzione. Come è noto, nell ordinamento italiano le leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza sono compendiate nel Testo Unico approvato con d.p.r. 9 ottobre 1990, n. 309, che dedica alla coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti il titolo III (art. 26 ss.). È opportuno premettere che il Testo in questione è stato oggetto di plurimi interventi normativi, culminati nella recente riforma che ha ripristinato la distinzione fra (i due quadri 6() Tuttavia, considerando l estrema varietà di contenuto di THC nelle piante di canapa, proprio in ragione delle differenti condizioni di coltivazione, la presenza eventuale di THC nei semi (e quindi nell olio) o nei prodotti alimentari da essa ricavati, dovrebbe essere definita caso per caso mediante determinazione del THC con opportune tecniche analitiche: cfr. RIMONDO C. - GAIONI A. - GOTTARDO R. - PASCALI J., La canapa nell industria alimentare e cosmetica, cit. 7() In Italia, il THC è disponibile come preparazione per uso orale o spray (Sativex, Bedrocan, Cannador), mentre i cannabinoidi non sono attualmente presenti sul mercato italiano. BOSCO O. - CRUCIANI M. - SERI C. - SEPELLONI G., L impiego medico dei cannabinoidi esogeni, Cannabis e danni alla salute, p. 335 s. 8() Bioedilizia, le case del futuro? Di canapa. Mattoni che respirano e assorbono CO2, articolo a cura di Mario Catania pubblicato su tv.ilfattoquotidiano.it il 28 settembre 2014; Bioedilizia: cresce l uso della canapa, articolo a cura di Giovanni Fez pubblicato su ilcambiamento.it il 3 febbraio () PATRONE V., Tecniche sostenibili per la bonifica dei terreni inquinati, in architetturaecosostenibile.it, 20 maggio 2014; Terra dei fuochi, quelle piante che ripuliscono dai veleni, articolo a cura di Amalia De Simone pubblicato su corriere.it in data 11 febbraio 2014

4 sanzionatori rispettivamente previsti per le) droghe «pesanti» e «leggere» ( 10 ). Tra queste ultime figura la Cannabis, attualmente compresa nella tabella II di cui all art. 14, d.p.r. n. 309/1990 e, come tale, inclusa ex art. 26 fra le piante la cui coltivazione nel territorio dello Stato è vietata in assenza di autorizzazione del Ministero della sanità (oggi Ministero della salute). La coltivazione, senza autorizzazione, delle piante indicate nel citato art. 26 è assoggettata alle sanzioni penali e amministrative stabilite per la fabbricazione illecita delle sostanze stesse (cfr. art. 28, comma 1, d.p.r. n. 309/1990), mentre l inosservanza delle prescrizioni e garanzie cui l autorizzazione è subordinata integra la contravvenzione di cui al comma 2 dell art. 28 del Testo Unico. Orbene, con la recente l. 16 maggio 2014, n. 79, di conversione del d.l. 20 marzo 2014, n. 36, recante «Disposizioni urgenti in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, nonché di impiego di medicinali meno 10() In via di estrema sintesi: il T.U. delle leggi in materia di stupefacenti approvato con d.p.r. n. 309/1990 è stato profondamente inciso dal d.l. 20 dicembre 2005, convertito con modificazioni nella l. 21 febbraio 2006, n. 49, nota come legge Fini-Giovanardi. Segnatamente, l art. 4 bis del d.l. n. 272/2005 ha modificato l art. 73 d.p.r. n. 309/1990, equiparando il trattamento sanzionatorio delle droghe «leggere» a quello delle droghe «pesanti». L art. 4 vicies ter, d.l. n. 272/2005, a sua volta, ha modificato o aggiunto molte previsioni all interno del Testo Unico, intervenendo, fra l altro, sugli artt. 13 e 14, concernenti la predisposizione di apposite tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope. In particolare, in luogo delle sei tabelle richiamate dalla previgente normativa e approvate con d.m. del Ministero della sanità di concerto con il Ministro di grazia e giustizia, sono state previste due sole tabelle allegate al T.U. (una per tutte quante le sostanze stupefacenti e una per le sostanze medicinali), delegando il Ministro della salute a provvedere con decreto al loro periodico completamento e aggiornamento. Con sentenza n. 32 del 12 febbraio 2014 dep. il 25 febbraio 2014, la Corte costituzionale ha dichiarato l illegittimità costituzionale, per violazione dell art. 77 della Costituzione, degli artt. 4 bis e 4 vicies ter del d.l. n. 272/2005, con conseguente reviviscenza della originaria distinzione fra i due quadri sanzionatori per le droghe «pesanti» e «leggere». La pronuncia ha altresì travolto gli artt. 13 e 14 del T.U. così come modificati dall art. 4 vicies ter del d.l. n. 272/2005, conv. con modificazioni dalla legge n. 49/2006, con ulteriore caducazione consequenziale delle tabelle allegate a tali disposizioni e dei successivi decreti ministeriali di aggiornamento delle medesime. Con il d.l. 20 marzo 2014, n. 36 convertito nella l. 16 marzo 2014, n. 79 il Governo è intervenuto a colmare il vuoto normativo creatosi dopo la pubblicazione della sent. n. 32/2014 della Corte costituzionale; il decreto legge non è intervenuto sulla disposizione sanzionatoria di cui all art. 73 del T.U. stupefacenti, lasciando inalterata la (reintrodotta) distinzione fra i due quadri sanzionatori per le droghe «pesanti» e «leggere», mentre ha in larga misura ripristinato le modifiche al Testo Unico introdotte dalla disposizione di cui all art. 4 vicies ter della legge Fini-Giovanardi, con la sola rilevante eccezione concernente il numero e la composizione delle tabelle che elencano le sostanze stupefacenti e medicinali cui si riferisce il T.U. Il nuovo testo degli artt. 13 e 14 T.U. così come modificati dal d.l. n. 36/2014 prevede cinque tabelle e ovvero: una tabella I, relativa alle c.d. droghe pesanti; una tabella II, realtiva alle c.d. droghe leggere; una tabella III e una tabella IV, relative alle sostanze medicinali equiparate ai fini sanzionatori rispettivamente alle «droghe pesanti» e a quelle «leggere»; infine, una tabella c.d. dei medicinali, non richiamata dall art. 73. Le prime quattro tabelle trovano piena corrispondenza con le previsioni di cui all art. 73, nel testo previgente alla legge Fini-Giovanardi ripristinato dalla sentenza n. 32/2014: le condotte aventi ad oggetto le sostanze di cui alle tabelle I e III sono infatti sanzionate con la reclusione da otto a vent anni ai sensi del primo comma, mentre quelle aventi ad oggetto le sostanze di cui alle tabelle II e IV soggiacciono al più favorevole quadro edittale della reclusione da due a sei anni ai sensi del quarto comma.

5 onerosi da parte del Servizio sanitario nazionale», il legislatore è intervenuto, fra l altro, sulla disposizione di cui all art. 26 del Testo Unico, elidendo espressamente il divieto di coltivazione della canapa finalizzata esclusivamente alla produzione di fibre o ad altri usi industriali, diversi da quelli di cui all art. 27, consentiti dalla normativa dell Unione europea ( 11 ). La normativa europea, invero, già da tempo annovera la «canapa greggia, macerata, stigliata, pettinata o altrimenti preparata, ma non filata» fra i prodotti agricoli assoggettati alle disposizioni del Trattato sul funzionamento dell Unione europea [lett. a), allegato I del TFUE]. Il medesimo allegato I del Trattato, alla lett. b) elenca i prodotti alimentari, rinviando all art. 2 del regolamento CE n. 178/2002; quest ultimo, nel definire «alimento» (o «prodotto alimentare», o «derrata alimentare») qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato ad essere ingerito, o di cui si prevede ragionevolmente che possa essere ingerito, da esseri umani, esclude, fra l altro, le sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi della Convenzione Unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 1961 e della Convenzione delle Nazioni Unite sulle sostanze psicotrope del La citata Convenzione Unica, adottata a New York il 30 marzo 1961 e ratificata dall Italia con l. 5 giugno 1974, n. 412, ha ad oggetto l adozione di misure «coordinate e universali» contro l abuso degli stupefacenti. In tale ottica, la Convenzione individua, mediante rinvio ad apposita tabella, le sostanze da sottoporre a controllo tra cui, per quanto di interesse in questa sede, è ricompresa la Cannabis prescrivendo le relative modalità. Tuttavia, a norma dell art. 28, comma 2, la Convenzione «non verrà applicata alla coltivazione della pianta di Cannabis fatta a scopi esclusivamente industriali (fibre e semi) o di orticoltura». La Comunità europea aveva, peraltro, già inserito la canapa nel regime di sostegno a favore dei coltivatori di taluni seminativi (regolamenti CE n. 1672/2000 e n. 1673/2000). In attuazione di tale politica di sostegno comunitario, il Ministero delle politiche agricole e forestali aveva emanato in data 8 maggio 2002 apposita circolare (n. 1/2002) in cui, fra l altro, l accesso alle misure comunitarie risulta limitato alle varietà di canapa aventi tenore di THC non superiore allo 0,2 per cento. Alla luce di quanto sopra esposto appare dunque evidente che la coltivazione di canapa, con il limite sopra indicato e per gli scopi innanzi illustrati, costituisce attività del tutto lecita alla stregua della disciplina nazionale e sovranazionale vigente. La cattiva fama legata agli effetti legati all uso e all abuso dei prodotti derivati dai princìpi attivi psicotropi componenti della pianta e alle iniziative giustamente intraprese a livello politico e legislativo al fine di arginare il fenomeno della tossicodipendenza hanno contribuito ad oscurare le grandi potenzialità 11() Si trascrive per maggiore chiarezza il testo vigente dell art. 26 del d.p.r. n. 309/1990: «1. Salvo quanto stabilito nel comma 2, è vietata nel territorio dello Stato la coltivazione delle piante comprese nelle tabelle I e II di cui all art. 14, ad eccezione della canapa coltivata esclusivamente per la produzione di fibre o per altri usi industriali, diversi da quelli di cui all art. 27, consentiti dalla normativa dell Unione europea. 2: Il Ministero della sanità può autorizzare istituti universitari e laboratori pubblici aventi fini istituzionali di ricerca, alla coltivazione delle piante sopra indicate per scopi scientifici, sperimentali e didattici».

6 positive di cui la pianta stessa è dotata e che finalmente sembrano oggetto di rinnovata attenzione, complice anche la necessità di elaborare nuove strategie di salvaguardia dell ambiente, seriamente compromesso da comportamenti umani improntati a negligenza e sciatteria, quando non addirittura da gravi condotte illecite, a tutti ormai tristemente note. È, infatti, attualmente al vaglio della competente Commissione parlamentare (XIII Commissione agricoltura) una proposta di legge avente a oggetto la disciplina normativa unitaria ed organica in materia di canapicoltura; il progetto si prefigge lo scopo di rilanciare questo settore, attraverso il definitivo superamento dell incertezza giuridico-amministrativa che, a tutt oggi, costituisce un ostacolo per la libera iniziativa di molti soggetti e un freno alla crescita economica italiana ( 12 ). Diana Russo 12() Una legge per spingere la canapicoltura italiana, intervista all onorevole Zanin, Canapa industriale, anno 1, numero 3, novembre-dicembre 2014, p. 3. Per ulteriori approfondimenti v. Il punto sulla normativa comunitaria internazionale e nazionale vigente: in attesa della nuova legge quadro per il ripristino della filiera agroindustriale della canapa, in toscanapa.com, 7 agosto 2014.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 23 novembre 2015

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 23 novembre 2015 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2144 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei deputati LUPO, BENEDETTI, Massimiliano BERNINI, GALLINELLA, GAGNARLI, L ABBATE e PARENTELA (1373); ZACCAGNINI e Franco

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 119

PROPOSTA DI LEGGE N. 119 PROPOSTA DI LEGGE N. 119 presentata dai consiglieri Ussai, Bianchi, Dal Zovo, Frattolin, Sergo il 23 ottobre 2015

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. II (Giustizia) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. II (Giustizia) e XII (Affari sociali) Mercoledì 13 gennaio 2016 11 Commissioni riunite II e XII COMMISSIONI RIUNITE II (Giustizia) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Disposizioni in materia di legalizzazione della coltivazione,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Titolo del provvedimento: Schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie

Dettagli

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords

Commento /Illustrazione. Rimandi /Riferimenti. Massima / keywords LR(9) 57_13 Pag. I LEGGE REGIONALE TOSCANA n. 57 del 18 ottobre 2013. Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Commento /Illustrazione in B.U.R.T. n. 50 PARTE PRIMA del

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze,

di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, VISTA la Legge 8 luglio 1986, n. 349 e s.m.i., Istituzione del Ministero dell Ambiente e norme in materia di danno ambientale ; VISTA la Legge

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3.

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3. anche nel rispetto delle disposizioni della Convenzione di Strasburgo, ratificata ai sensi della citata legge 29 novembre 1995, n. 522, e delle indicazioni del Comitato internazionale olimpico (CIO) e

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

Capitolo XVI LEGISLAZIONE IN TEMA DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE di Placido Panarello

Capitolo XVI LEGISLAZIONE IN TEMA DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE di Placido Panarello Capitolo XVI LEGISLAZIONE IN TEMA DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE di Placido Panarello Sommario: 1. Excursus normativo. 2. La definizione di sostanza stupefacente ed il sistema tabellare. 3. Il regime

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe DECRETO DESTINAZIONE ITALIA, LEGGE DI STABILITÀ, DECRETO MILLEPROROGHE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il comma 139 dell art. unico della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - Disposizioni per la formazione del

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE 1. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO. 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. L Accordo, in piena coerenza con

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità

Definizioni. Verbale di controllo ispettivo. Modalità e termini per la gestione delle non conformità Decreto Dipartimentale 26 settembre 2014 n. 18096 (pubblicazione sul sito internet del MiPAAF).- Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 maggio 2008 OGGETTO: Rifiuti e rottami trattamento fiscale ai fini IVA N. 127-sexiesdecies, della Tabella A Parte III allegata al DPR

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Schema di decreto legislativo in materia di completamento della riforma della struttura del bilancio dello Stato in attuazione dell articolo 40, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

Art. 9 Art. 10 Art. 11

Art. 9 Art. 10 Art. 11 Norme per il sostegno e la promozione della coltivazione e della filiera della Canapa (Testo unificato delle proposte di legge Lupo C. 1373, Zaccagnini C. 1797 e Oliverio C. 1859) (Testo adottato dalla

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

atteso che Considerato quanto sopra,

atteso che Considerato quanto sopra, CONVENZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA TRASMISSIONE DEI DATI DI CUI ALL ART. 244 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

COMMISSIONI RIUNITE. II (Giustizia) e XII (Affari sociali)

COMMISSIONI RIUNITE. II (Giustizia) e XII (Affari sociali) Martedì 8 aprile 2014 15 Commissioni riunite II e XII COMMISSIONI RIUNITE II (Giustizia) e XII (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: DL 36/2014: Disposizioni urgenti in materia di disciplina

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i

I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i I l M in i s t e r o d e l L a v o r o, d e l l a S a l u t e e d e l l e P o li t i c h e S o c i a l i ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell incolumità pubblica dall

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero del lavoro e delle politiche sociali Titolo: recepimento della direttiva 2014/27/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 febbraio

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015

DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 DECRETO DEL SEGRETARIO GENERALE N. 17 DI DATA 27 MARZO 2015 OGGETTO: Approvazione del Piano per la prevenzione della corruzione e del Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2017 dell Autorità

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 503. Disciplina della produzione, commercializzazione e consumo di prodotti erboristici

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 503. Disciplina della produzione, commercializzazione e consumo di prodotti erboristici Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 503 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MASSIDDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 MAGGIO 2008 Disciplina della produzione, commercializzazione e consumo

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

Parte Seconda. Premio supplementare per l assicurazione contro la silicosi e l asbestosi. D.M. 20 giugno 1988

Parte Seconda. Premio supplementare per l assicurazione contro la silicosi e l asbestosi. D.M. 20 giugno 1988 Parte Seconda Premio supplementare per l assicurazione contro la silicosi e l asbestosi D.M. 20 giugno 1988 MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 20 giugno 1988 Nuova tabella dei tassi

Dettagli

MATERIA DI MEDICINALI CHE FA DA SFONDO AL DIBATTITO STAMINALI. Claudio De Giuli

MATERIA DI MEDICINALI CHE FA DA SFONDO AL DIBATTITO STAMINALI. Claudio De Giuli IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI MEDICINALI CHE FA DA SFONDO AL DIBATTITO SULL IMPIEGO DI CELLULE STAMINALI Itit Istituto t Superiore di Sanità, 9 dicembre 2014 Claudio De Giuli 1 La definizione di medicinale

Dettagli

LORO SEDI. Sono in vigore dal 2 aprile 2010 le correzioni e l aggiornamento della XII edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica italiana.

LORO SEDI. Sono in vigore dal 2 aprile 2010 le correzioni e l aggiornamento della XII edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica italiana. Roma 9.4.2010 Ufficio DIR Protocollo 20100003086/AG Decreto ministeriale del 26 febbraio 2010 di aggiornamento e correzione della XII edizione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana. Circolare

Dettagli

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia (articolo 7 della direttiva 99/32/CE, come modificata dalla direttiva 2005/33/CE)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 87/E. Roma, 20 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 87/E. Roma, 20 agosto 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 87/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 agosto 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Fatturazione delle prestazioni sanitarie effettuate nell ambito di strutture

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n.

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno in Modena il giorno del mese di ( ) alle ore regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica per la trattazione

Dettagli

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e dei territori montani

Dettagli

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013

Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 28 del 13 marzo 2013 Attuazione del decreto-legge

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

d iniziativa dei senatori BIANCHI, ASTORE, DEL VECCHIO, MUSSO e PAPANIA

d iniziativa dei senatori BIANCHI, ASTORE, DEL VECCHIO, MUSSO e PAPANIA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1914 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCHI, ASTORE, DEL VECCHIO, MUSSO e PAPANIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º DICEMBRE 2009 Disposizioni per

Dettagli

Audizione sul Disegno di Legge n. 173

Audizione sul Disegno di Legge n. 173 SENATO DELLA REPUBBLICA XI Commissione (Lavoro, Previdenza sociale) Audizione sul Disegno di Legge n. 173 Disposizioni a favore dei lavoratori e dei cittadini esposti ed ex esposti all amianto e dei loro

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Roma, 24.11.2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi. All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti Sede

Roma, 24.11.2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi. All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti Sede \ Roma, 24.11.2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 3224/IV/2005 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti All Area Centrale Personale

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122) Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro della sanità del 24 maggio 2001, concernente "Approvazione

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N.

DECRETO MINISTERIALE N. DECRETO MINISTERIALE N. 91 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui è attuato il Progetto- ESABAC (rilascio del doppio diploma italiano

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate Oggetto: Dogane Depositi IVA Alla luce dell ultimo intervento normativo in materia di Depositi IVA (Art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro.

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge contenente disposizioni semplificative in materia di lavoro. Roma, 5.6.2014 Ufficio: DIR/MRT Protocollo: 201400003143/AG Oggetto: Legge 16 maggio 2014, n. 78 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 20 marzo 2014, n. 34, recante disposizioni urgenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee L attuazione della normativa europea (Il modello statale di adeguamento dell ordinamento interno alla normativa europea. La legge comunitaria annuale). A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro

Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro kiker Concetti generali in tema di PREVENZIONE e SICUREZZA del lavoro Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE IL D.LGS.81/2008: TESTO UNICO SICUREZZA SUL LAVORO L evoluzione Normativa

Dettagli

IL DIRETTORE 9963 /RU

IL DIRETTORE 9963 /RU + Protocollo: 9963 /RU Rif.: Allegati: 2 IL DIRETTORE Visto il Decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; Visto l articolo 6 dello Statuto dell Agenzia delle Dogane; Vista la Convenzione sul commercio

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 57 24.03.2014 Tirocini: chiarimenti sull obbligo assicurativo Dal 4 marzo 2014 bisogna tener conto del tasso di tariffa della

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2)

Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. (2) Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali D.M. 2-3-2010 Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica. Pubblicato

Dettagli

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche

La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Convegno su Il nuovo diritto dell ambiente: le recenti riforme su danno ambientale, bonifiche e IED. Aspetti legali, tecnici e assicurativi La relazione di riferimento e la normativa sulle bonifiche Donatella

Dettagli

Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici

Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici In passato, nel codice civile del 1865, non si conosceva la parola «sicurezza» nei luoghi di lavoro, ma si puniva il datore di lavoro che cagionava danno ai

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca N. 37 IL MINISTRO VISTO il testo unico delle leggi in materia di istruzione approvato con decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni;

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-NORMATIVA

RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-NORMATIVA RELAZIONE SULL ANALISI TECNICO-NORMATIVA Amministrazione proponente: Ministero della difesa. Titolo: Schema di regolamento in materia di parametri fisici per l ammissione ai concorsi per il reclutamento

Dettagli

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni

05.05.2014 QUESITO. Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni 05.05.2014 QUESITO Somministrazione in circolo privato - Autorizzazioni Premesso che l associazione che vorrei costituire sarà associata a una riconosciuta dal ministero dell interno, con sede una villetta

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO DELLA SALUTE E IL MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITÀ SPORTIVE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 2003, n. 129, e successive modificazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3512 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 2 dicembre 2009. Aggiornamento ed istituzione dei diritti di delle camere di commercio e relativa approvazione delle tabelle A e B. IL DIRETTORE GENERALE PER

Dettagli

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e sentita la Banca d Italia - contiene le istruzioni operative

Dettagli

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI CODICE PENALE e leggi complementari con il coordinamento di Chiara INGENITO e Luigi Edoardo FIORANI INDICE SISTEMATICO VI Premessa INDICE SISTEMATICO COSTITUZIONE

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO

POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO POLITICA AZIENDALE SULLE SOSTANZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA-MEDOLE-SOLFERINO SCOPO E OBIETTIVI L obiettivo aziendale di realizzare e mantenere per i dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, sano

Dettagli

Documentazione e ricerche

Documentazione e ricerche Documentazione e ricerche La sentenza della Corte costituzionale n 32/2014 sul Testo Unico stupefacenti n. 105 11 marzo 2014 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Documentazione e ricerche La sentenza della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Lavoro, Previdenza Sociale Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione della disciplina in materia di diritto al lavoro delle persone disabili Audizione Associazione

Dettagli