CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE N. 20/D. Roma, 16 aprile 2003. Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI"

Transcript

1 CIRCOLARE N. 20/D Protocollo: 2548 Roma, 16 aprile 2003 Rif.: Allegati: Alle Direzione Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Agli Uffici delle Dogane e per conoscenza: All Area affari giuridici e contenzioso All Area verifiche e controlli tributi doganali e accise- laboratori chimici All Area personale, organizzazione e informatica Agli uffici di diretta collaborazione del Direttore Al Servizio autonomo interventi nel settore agricolo S E D E Al Dipartimento delle Politiche Fiscali V.le Europa 242 R O M A Al Servizio Consultivo Ispettivo Tributario SE.C.I.T R O M A Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile R O M A AREA GESTIONE TRIBUTI E RAPPORTI CON GLI UTENTI Ufficio Regimi Doganali e Fiscali CAP Roma, Via Mario Carucci 71 Telefono +39/ Fax +39/

2 Alla Confederazione Generale dell Industria Italiana Viale dell Astronomia R O M A All ENI SpA Piazzale E.Mattei 1 R O M A All Unione Petrolifera Viale Civiltà del Lavoro 38 R O M A Alla FEDERCHIMICA Via Fatebenefratyelli 10 MILANO All Associazione fra le Società per Azioni Piazza Venezia 11 R O M A OGGETTO: OLI MINERALI Lavorazioni effettuate presso le raffinerie di oli minerali - Destinazioni particolari per trattamenti definiti - Esenzione daziaria Appl.ne articoli da 292 a 295 del reg.to (CEE) n.2454/93 della Commissione del 2 luglio Com è noto a far data 1 gennaio 1993 è stato completamente modificato il regime tributario dei prodotti petroliferi, con il superamento della previgente regolamentazione delle ex imposte di fabbricazione attraverso l armonizzazione a livello comunitario, in relazione a quanto previsto con la direttiva 92/12/CEE del Consiglio del 25 febbraio 1992, del sistema delle accise applicabile, tra gli altri, ai prodotti petroliferi. Si è passati quindi da un concetto di assoggettamento alle imposte di fabbricazione, ovvero alle corrispondenti sovrimposte di confine, a partire sin dalla materia prima ancorché da sottoporre alla lavorazione negli impianti di raffinazione, - ad un sistema di vigilanza e controlli effettuati presso tali impianti, ed assoggettamento alla disciplina delle accise al momento dell accertamento della produzione, con relativa presa in carico dei prodotti ottenuti e del relativo debito di 2

3 imposta sui registri di fabbrica ed esigibilità dell accisa all atto della immissione in consumo. Gli impianti di raffinazione di oli minerali vengono gestiti in regime di deposito fiscale, con l osservanza delle disposizioni di cui all art.5 del TUA 504/95.e previo rilascio di licenza fiscale di esercizio di cui all art.63 del TUA, sulla base a quanto autorizzato ( e collaudato) nei relativi decreti di concessione ai sensi della legge petrolifera, e dopo rituale verifica dell idoneità tecnico-fiscale da parte dei competenti uffici tecnici di finanza.. Le norme attualmente in vigore, - tranne che nel caso di gestione in regime Infoil, - prevedono che la vigilanza finanziaria sugli impianti in parola sia svolta attraverso la costituzione di Uffici finanziari di fabbrica (cfr. circ. n.335, prot.n. 1570/I/PC del ). Alla luce delle precedenti considerazioni in ordine alle sostanziali modifiche normative e regolamentari intervenute con l entrata in vigore del mercato unico per effetto della normativa comunitaria, la base giuridica e la relativa procedura applicabile, ai fini della sospensione daziaria, sono da ricercare ed individuare nelle disposizioni del Codice doganale comunitario approvato con regolamento (CEE) n.2913/92 del Consiglio del 12 ottobre 1992 (CDC) e del relativo citato codice di applicazione 2454 (DAC); in particolare, le norme cui occorre far riferimento sono quelle riportate negli articoli 21 e 82 del CDC e negli articoli 292, 293 e 294 delle DAC. A tale riguardo, occorre anche rilevare che, - in linea con gli indirizzi a suo tempo fissati dal Comitato Nomenclatura settore destinazioni particolari, che ha deliberato che < le procedure di controllo previste dalla regolamentazione relativa alle imposte di fabbricazione sono atte a confermare, senza alcun dubbio, il raggiungimento di utilizzazione dei prodotti relativi a destinazione agevolata > - i controlli di natura fiscale, previsti dalla normativa delle accise presso gli impianti di raffinazione soggetti a vigilanza finanziaria continuativa, sono sufficienti per la conferma della regolarità dei trattamenti e delle lavorazioni che giustificano l esenzione daziaria. Di conseguenza, tenuto conto delle considerazioni sopra esposte, possono essere enunciate le seguenti linee di indirizzo generale: 3

4 i controlli sulla avvenuta destinazione del prodotto possono essere prevalentemente di natura contabile e non fisici, stante che la gestione tecnicofiscale degli impianti sotto il profilo delle accise è tale da garantire anche la verifica sulla regolarità dei processi produttivi e delle operazioni poste in essere in raffineria, attraverso anche la documentazione tecnica degli operatori; le disposizioni procedurali stabilite a suo tempo con la circolare n.318/082, prot.n /XII del 30 ottobre 1964 della Direzione Generale delle Dogane e Imposte Indirette sono in parte superate laddove viene fatto esclusivo riferimento a controlli di tipo fisico, con previsione in taluni casi di separazione di strutture di stoccaggio e di movimentazione. Tutto ciò premesso e visto quanto già regolamentato da questa Agenzia in materia di destinazioni particolari con circolare n.37/d, prot.n.5148/iii/agt del 24 maggio 2002, si forniscono le seguenti istruzioni relative alla disciplina delle agevolazioni daziarie previste in particolare per gli oli minerali destinati a subire un trattamento definito presso gli impianti di raffinazione. 1 DEFINIZIONI a) Trattamenti definiti Si definiscono trattamenti definiti comprese le preparazioni preliminari tecnicamente necessarie - quelli individuati secondo le definizioni riportate nella nota complementare 4 del capitolo 27 della vigente Nomenclatura Combinata. E appena il caso di precisare che gli oli minerali possono subire uno o più di tali trattamenti, tuttavia il primo di essi costituisce titolo giustificativo dell esenzione daziaria. b) Prodotti destinatari dell esenzione daziaria Come precisato nella citata circolare 37/D, gli oli minerali del capitolo 27 destinati a subire un trattamento definito (comprese le preparazioni preliminari tecnicamente necessarie) per i quali è prevista l esenzione daziaria sono quelli per i quali è riportato a piè pagina della tariffa il richiamo dell applicazione degli articoli da 291 a 300 delle DAC ( in particolare, essi vengono indicati con la dicitura NC023 nelle note al capitolo 27 della tariffa). 4

5 2 MODALITA DI STOCCAGGIO E LAVORAZIONE I trattamenti definiti come sopra specificati, previsti dalle voci di tariffa per i singoli prodotti, individuano la tipologia delle lavorazioni per le quali è previsto il ricorso alla procedura di destinazione particolare E consentito lo stoccaggio promiscuo di prodotti immessi in libera pratica, in sospensione daziaria, con quelli di provenienza comunitaria ovvero con quelli ottenuti dalle lavorazioni effettuate in raffineria, fermo restando l obbligo di avviare al trattamento definito dichiarato almeno un quantitativo pari alla quota parte di prodotti per i quali è stata concessa il trattamento tariffario favorevole ai sensi dell art.21 del CDC. A tale ultimo riguardo, in via generale, al fine di assicurare un controllo efficace della lavorazione oggetto di autorizzazione alla destinazione particolare, l avvio dei prodotti al trattamento dovrà risultare in tutti i casi da apposite comunicazioni da produrre all ufficio finanziario di fabbrica con cadenza giornaliera, ovvero da stabilire caso per caso a seconda della frequenza e tipologia delle lavorazioni. Più in dettaglio, con riferimento a quanto specificatamente riportato nella già citata nota 4 delle note complementari della nomenclatura combinata, si precisa che: la desolforazione con impiego di idrogeno dei prodotti delle sottovoci da a di cui alla lettera k) dovrà consentire il controllo della condizione relativamente alla riduzione almeno dell 85% del contenuto di zolfo del prodotto trattato, sulla base delle caratteristiche qualitative del prodotto immesso in libera pratica e quelle dei prodotti che, dopo il trattamento, vengono accertati dall ufficio fin.rio di fabbrica. Purché sia tassativamente rispettata tale prescrizione, da verificare attraverso i rituali campionamenti e controlli analitici, su richiesta del depositario potrà essere consentito lo stoccaggio promiscuo di prodotto importato, in sospensione daziaria, con quelli di provenienza comunitaria e di produzione di raffineria, a condizione che l intera quantità venga avviata al trattamento definito della desolforazione previa apposita comunicazione all Ufficio fin.rio di fabbrica; 5

6 la distillazione atmosferica dei prodotti delle sottovoci da a , anche in promiscuo con oli di petrolio greggio, dovrà avvenire nel rispetto delle condizioni fissate dalla lettera n). Tutte le movimentazioni dei prodotti per i quali viene richiesta la concessione del beneficio tariffario favorevole a motivo della loro destinazione particolare dovranno essere per il futuro contabilizzate su appositi registri fiscali, opportunamente distinti per tipologia di trattamento definito, con riferimento, per il carico e lo scarico, ai rispettivi documenti di accompagnamento e alle citate comunicazioni di avvio alle particolari lavorazioni da trasmettere come detto all Ufficio finanziario di fabbrica. Nei relativi verbali di appuramento finale dovrà necessariamente sempre farsi espresso riferimento alle risultanze dei suddetti registri. 3 PROCEDURE AUTORIZZATIVE Sulla base di quanto stabilito dalle disposizioni del DAC, l esenzione daziaria per i prodotti destinati a subire una destinazione particolare ( trattamento definito) sotto controllo doganale viene concessa secondo la procedura fissata dall articolo 292 del DAC. Come anche precisato con la ripetuta circolare 37/D, resta ferma la possibilità di avvalersi delle facilitazioni previste dall art.292, commi 3 e 4, ritenendo la dichiarazione di immissione in libera pratica quale richiesta, e l accettazione della stessa quale autorizzazione. ---ooo===ooo--- Allo scopo di definire dubbi interpretativi e a maggiore chiarezza in ordine ad operazioni di specie già poste in essere ed alla luce di giurisprudenza consolidata, saranno ritenute valide ai fini del riconoscimento delle procedure di destinazione particolare e quindi della esenzione fiscale le dichiarazioni doganali presentate e debitamente accettate dalle dogane, nelle quali figura espressamente riportata la destinazione particolare del trattamento definito, secondo quanto riportato al precedente punto 1. Ai fini del relativo appuramento ( definizione del cosiddetto daziato sospeso ), in considerazione che, come già precisato, gli impianti di raffinazione di che trattasi vengono eserciti in regime di deposito fiscale, e che per il tipo di vigilanza continuativa cui sono sottoposti per essi si ritiene realizzato, con 6

7 garanzia per l Erario, il buon esito del trattamento, potranno, qualora ritenuto necessario, essere prese in esame oltre evidentemente alla rituale documentazione fiscale, compreso i bilanci di materia anche quelle contabilità tenute a fini diversi da parte dell azienda raffinatrice. Si prega di far conoscere con immediatezza qualunque inconveniente derivante dalla pratica applicazione delle presenti istruzioni. Il Direttore dell Area Centrale Dr. Aldo Tarascio 7

CIRCOLARE N. 34/D. Roma, 1 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 34/D. Roma, 1 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 34/D Roma, 1 luglio 2004 Protocollo: 4053 Rif.: Allegati: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici

Dettagli

Circolare n. 27/D. Roma, 18 luglio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n. 27/D. Roma, 18 luglio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n. 27/D Protocollo: 3966 Rif.: Allegati: Vs. Roma, 18 luglio 2005 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

Circolare n. 7/D. e p.c. Roma, 18 febbraio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Circolare n. 7/D. e p.c. Roma, 18 febbraio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 18 febbraio 2004 Circolare n. 7/D Protocollo: 7652 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle

Dettagli

Circolare n. 37/D. Roma, 29 settembre 2005. Alle Direzioni Regionali Loro Sedi. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi

Circolare n. 37/D. Roma, 29 settembre 2005. Alle Direzioni Regionali Loro Sedi. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi Roma, 29 settembre 2005 Protocollo: 2074/5201 Rif.: Allegati: 1 Circolare n. 37/D Alle Direzioni Regionali Loro Sedi Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi Agli Uffici delle

Dettagli

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 20/D. Roma, 13 maggio 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 20/D Protocollo: 74 Roma, 13 maggio 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Circolare n.22/d. Roma, 28 dicembre 2012. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n.22/d. Roma, 28 dicembre 2012. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n.22/d Roma, 28 dicembre 2012 Protocollo: 144003 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e,

Dettagli

ALLE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI ALLE DIREZIONI DELLE CIRCOSCRIZIONI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI

ALLE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI ALLE DIREZIONI DELLE CIRCOSCRIZIONI DELL AGENZIA DELLE DOGANE LORO SEDI CIRCOLARE N. 74/D Protocollo: Rif.: Allegati: 10479/IP Vs. Roma, 3 dicembre 2004 ALLE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DELLE DOGANE ALLE DIREZIONI DELLE CIRCOSCRIZIONI DELL AGENZIA DELLE DOGANE AGLI UFFICI

Dettagli

Gas metano - SNAM RETE GAS S.p.A. - Approvazione dei verbali di misura/allocazione del gas naturale.

Gas metano - SNAM RETE GAS S.p.A. - Approvazione dei verbali di misura/allocazione del gas naturale. CIRCOLARE N. 73/D Roma, 17 dicembre 2003 Protocollo: 5056 Rif.: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Allegati: n. 8 e, per conoscenza: All Area Affari Giuridici e Contenzioso

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2007

Roma, 13 dicembre 2007 Roma, 13 dicembre 2007 Protocollo:7179 Rif.: Allegati: e per conoscenza: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni delle Circoscrizioni Doganali Agli Uffici

Dettagli

Circolare n. 6/D. Roma, 26 gennaio 2005. All. Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Direzioni delle Circoscrizioni doganali

Circolare n. 6/D. Roma, 26 gennaio 2005. All. Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Direzioni delle Circoscrizioni doganali Circolare n. 6/D Protocollo: 8532 Roma, 26 gennaio 2005 Rif.: legati: 2 la le Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Ufficio

Dettagli

Roma, 16 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

Roma, 16 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Roma, 16 dicembre 2004 Protocollo: 5496 Rif.: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Allegati: Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Agli Uffici delle Dogane di

Agli Uffici delle Dogane di CIRCOLARE N. 4/D Roma, 11 febbraio 2004 Protocollo: 4837 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni delle Circoscrizioni Doganali LORO SEDI Agli Uffici

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/D. Roma, 11 aprile 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE N. 13/D. Roma, 11 aprile 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE N. 13/D Roma, 11 aprile 2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 1337/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia

Dettagli

e, p.c.: All Area Centrale Affari Giuridici e Contenzioso SEDE All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti SEDE

e, p.c.: All Area Centrale Affari Giuridici e Contenzioso SEDE All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti SEDE Circolare n. 18/D Roma, 6 maggio 2005 Protocollo: 126.05 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c.

Roma, 24 dicembre 2004. CIRCOLARE n. 80/D. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c. Roma, 24 dicembre 2004 Protocollo: 3933 Rif.: Allegati: 1 CIRCOLARE n. 80/D Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, p.c. Alle Direzioni delle Circoscrizioni doganali Agli Uffici

Dettagli

Circolare n. 19/D. Roma, 15 novembre 2013. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Circolare n. 19/D. Roma, 15 novembre 2013. Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Circolare n. 19/D Roma, 15 novembre 2013 Protocollo: 131265 Rif.: Allegati: 2 Alle Direzioni Regionali/Interregionali/Provinciali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/D. Roma, 6 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE N. 36/D. Roma, 6 luglio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE N. 36/D Roma, 6 luglio 2004 Protocollo: 2655 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni delle Circoscrizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N.4/D. Roma, 21 agosto 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI

RISOLUZIONE N.4/D. Roma, 21 agosto 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI RISOLUZIONE N.4/D Roma, 21 agosto 2002 Protocollo: 2423 Rif.: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane - TUTTE Agli Uffici Tecnici di Finanza - TUTTI Allegati: Agli Uffici delle Dogane di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/D. Roma, 19/03/ 2003. Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI 1095/V/AGT

RISOLUZIONE N. 2/D. Roma, 19/03/ 2003. Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI 1095/V/AGT RISOLUZIONE N. 2/D Roma, 19/03/ 2003 Protocollo: Rif.:. Allegati: 1095/V/AGT Alle Direzioni regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni delle circoscrizioni dell Agenzia delle Dogane LORO

Dettagli

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, 51 00162 ROMA

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, 51 00162 ROMA Circolare n. 75/D Protocollo: Rif.: 5998/IV/AGT Vs. Roma, 11 Dicembre 2002 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Allegati: 3 Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane

Dettagli

F A X. Roma, 30 giugno 2001

F A X. Roma, 30 giugno 2001 F A X Roma, 30 giugno 2001 Prot. n. 1721 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Ai Laboratori Chimici

Dettagli

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE

CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE CIRCOLARE 40/D Roma, 3 ottobre 2005 Protocollo: Segue: Allegati: n. 13209/CC Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle dogane TUTTE Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle dogane LORO SEDI

Dettagli

M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D

M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D M I N U T A CIRCOLARE N. 19/D Roma, 16 novembre 2012 Protocollo: 115366 / R.U. Alle Direzioni interregionali, regionali, e provinciali Rif.: Agli Uffici delle dogane Loro sedi Allegati: e, per conoscenza:

Dettagli

Roma, 16.10.2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

Roma, 16.10.2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Roma, 16.10.2002 Protocollo: 2339.02 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Circoscrizioni Doganali Agli Uffici delle Dogane di BIELLA VERCELLI

Dettagli

Roma, 30 giugno 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 3265/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Roma, 30 giugno 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 3265/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 30 giugno 2003 Protocollo: Rif.: Allegati: 3265/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

Roma, 30 dicembre 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Roma, 30 dicembre 2004 Protocollo: 5574 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA DIREZIONE GENERALE PER LA SICUREZZA DELL'APPROVVIGIONAMENTO E LE INFRASTRUTTURE ENERGETICHE Divisione IV - Mercato e logistica dei prodotti

Dettagli

Visto il citato testo unico approvato con decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modificazioni;

Visto il citato testo unico approvato con decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modificazioni; Prot. 1495/UD IL DIRETTORE Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, di riforma dell organizzazione del Governo, a norma dell articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59; Visto il decreto ministeriale

Dettagli

All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E

All Area Affari Giuridici e Contenzioso S E D E Circolare n. 42/D Protocollo: 2355 Rif.: Allegati: Vs. Roma, 17 giugno 2002 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

Roma, 19 APRILE 2006. All Area Centrale Personale, Organizzazione e Informatica SEDE

Roma, 19 APRILE 2006. All Area Centrale Personale, Organizzazione e Informatica SEDE Roma, 19 APRILE 2006 Protocollo: Rif.: Allegati: 2437 All Area Centrale Personale, Organizzazione e Informatica All Area Centrale Verifiche e Controlli tributi doganali e accise, laboratori chimici All

Dettagli

Roma, 28 gennaio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 317/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza

Roma, 28 gennaio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane 317/V/AGT. Agli Uffici Tecnici di Finanza Roma, 28 gennaio 2004 Protocollo: Rif.: Allegati: 317/V/AGT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Roma, 15 ottobre 2002. All Area POI SEDE. All Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti SEDE

Roma, 15 ottobre 2002. All Area POI SEDE. All Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti SEDE Roma, 15 ottobre 2002 Protocollo: 2164 Rif.: Allegati: All Area POI All Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti All Area Verifiche e controlli tributi doganali e accise, laboratori chimici All

Dettagli

Roma, 15/10/2008. A: Direzioni Regionali Uffici delle Dogane

Roma, 15/10/2008. A: Direzioni Regionali Uffici delle Dogane Roma, 15/10/2008 Protocollo: 34826 / ACVCT /V A: Direzioni Regionali Uffici delle Dogane Rii.: Allegati: 1 Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali DG dello Sviluppo agroalimentare Assitol

Dettagli

M I N U T A. Roma, 06 settembre 2011. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali. Agli Uffici delle dogane. Loro sedi. e, per conoscenza:

M I N U T A. Roma, 06 settembre 2011. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali. Agli Uffici delle dogane. Loro sedi. e, per conoscenza: M I N U T A Roma, 06 settembre 2011 Protocollo: 75649 / R.U. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Rif.: Allegati: Agli Uffici delle dogane e, per conoscenza: Loro sedi Alla Direzione

Dettagli

CIRCOLARE n. 22/D. Roma, 5 maggio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI

CIRCOLARE n. 22/D. Roma, 5 maggio 2004. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI CIRCOLARE n. 22/D Roma, 5 maggio 2004 Protocollo: 6215/V Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910)

Al Dipartimento per le Politiche fiscali Via Pastrengo n. 22 00187 ROMA (fax 06/47603910) Roma, 25.02.2008 Protocollo: 535/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

Al riguardo si forniscono gli indirizzi che seguono.

Al riguardo si forniscono gli indirizzi che seguono. Protocollo: 130439 Rif.: Allegati: Roma, 13 Dicembre 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali LORO SEDI e, per conoscenza: Alla Direzione Centrale Affari Giuridici e Contenzioso Alla

Dettagli

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 1 febbraio 2012. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 1 febbraio 2012 Protocollo: Rif.: 148047 /RU Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Allegati: Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI

Dettagli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Agenzia delle Dogane Roma, 20 novembre 2013 e dei Monopoli Direzione centrale gestione accise e monopolio tabacchi Ufficio circolazione tabacchi Prot. n. DAC/CTL/ 8443 /2013 All. Risposta al foglio n.

Dettagli

BERTOLINI CARBURANTI S.r.l. Via F.lli Cervi, n. 151 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.301818 r.a. Telefax 0522.308321

BERTOLINI CARBURANTI S.r.l. Via F.lli Cervi, n. 151 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.301818 r.a. Telefax 0522.308321 BERTOLINI CARBURANTI S.r.l. Via F.lli Cervi, n. 151 42100 Reggio Emilia Telefono 0522.301818 r.a. Telefax 0522.308321 Circolare n. 01/2003 A tutte le Aziende di Autotrasporti Protocollo n. 01997 Reggio

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c.

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c. CIRCOLARE N. 23/D Roma, 27 luglio 2007 Protocollo: 2192/IV/2007 Rif: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I Allegati: e, p.c. All Avvocatura Generale dello Stato Via dei Portoghesi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/D. e p.c.

CIRCOLARE N. 16/D. e p.c. CIRCOLARE N. 16/D Roma, 11 maggio 2011 Protocollo: Rif.: Allegati: 26922 / RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Alle Sezioni Operative Territoriali e p.c.

Dettagli

M I N U T A IL DIRETTORE

M I N U T A IL DIRETTORE M I N U T A Prot. 140839 / R.U. IL DIRETTORE Visto il testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative approvato

Dettagli

COGENERAZIONE DIFFUSA

COGENERAZIONE DIFFUSA COGENERAZIONE DIFFUSA Fiscalità ed agevolazioni sui combustibili utilizzati di Dott.Ing.Luca Iacomino Direttore U.T.F. di Milano ACCISA: DEFINIZIONI Imposta indiretta sulla produzione e sui consumi che

Dettagli

CIRCOLARE N. 48 /D. Roma, 26 luglio 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 48 /D. Roma, 26 luglio 2002. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 48 /D Protocollo: 3913 Roma, 26 luglio 2002 Rif.: Allegati: Vs. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOTTO FRANCO Indirizzo 18, C.SO 3 NOVEMBRE, 38122 - TRENTO Telefono 0461-272210 Fax 0461-277922 e-mail franco.botto@agenziadogane.it Nazionalità

Dettagli

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative

e, pc. Determinazione direttoriale prot. 158235/RU del 7/12/2010 - prime istruzioni operative CIRCOLARE N. 16/D Protocollo: 159505 Rif.: Allegati: Roma, 21 dicembre 2010 Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Agli Uffici delle dogane e, pc. All Ufficio centrale audit interno All

Dettagli

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006

IL DEPOSITO DOGANALE. Prato 23 novembre 2006 IL DEPOSITO DOGANALE Prato 23 novembre 2006 LA DISCIPLINA Articoli da 84 a 90 (disposizioni comuni ai regimi doganali economici) e da 98 a 113 del Reg.CEE 2913/92 Articoli da 496 a 523 (disposizioni di

Dettagli

Roma, 24.11.2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi. All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti Sede

Roma, 24.11.2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi. All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti Sede \ Roma, 24.11.2005 Protocollo: Rif.: Allegati: 3224/IV/2005 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro sedi All Area Centrale Gestione Tributi e Rapporto con gli Utenti All Area Centrale Personale

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1

ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015. Fabio Castagnetti. Dott. Ing. Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 ACCISE modulo 1 Introduzione e figure professionali 27/11/2015 Fabio Castagnetti www.accisa.it 1 Introduzione al mondo delle ACCISE Breve storia sulle accise; dalle Imposte di Fabbricazione alle accise

Dettagli

Agli Uffici delle Dogane. e, per conoscenza

Agli Uffici delle Dogane. e, per conoscenza Roma, 02 marzo 2010 Protocollo: Rif.: 29874 / R.U. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Allegati: e, per conoscenza Agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi.

CIRCOLARE N. 51/D. Roma, 23 dicembre 2005. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Loro Sedi. CIRCOLARE N. 51/D Protocollo: 17014 Roma, 23 dicembre 2005 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle

Dettagli

Roma, 30 marzo 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Tutte LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza Tutti LORO SEDI

Roma, 30 marzo 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Tutte LORO SEDI. Agli Uffici Tecnici di Finanza Tutti LORO SEDI Roma, 30 marzo 2007 Protocollo: Rii.: 1528/ACVCT Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Tutte LORO SEDI Agli Uffici Tecnici di Finanza Tutti LORO SEDI Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Tutti

Dettagli

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713)

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713) Roma, 2 gennaio 2008 Protocollo: 1/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

Circolare n. 70/D. Roma, 17 novembre 2004

Circolare n. 70/D. Roma, 17 novembre 2004 Circolare n. 70/D Protocollo: Rif.: Allegati: 3608 / VCT / VI Roma, 17 novembre 2004 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane

Dettagli

CIRCOLARE N. 5/D. Roma, 19 febbraio 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane

CIRCOLARE N. 5/D. Roma, 19 febbraio 2003. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle. Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane CIRCOLARE N. 5/D Roma, 19 febbraio 2003 Protocollo: 696/V Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/D. Roma, 13 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 8/D. Roma, 13 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 37264/RU CIRCOLARE N. 8/D Roma, 13 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici di

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/D. Agli Uffici Tecnici di Finanza. Ai Laboratori Chimici dell Agenzia delle Dogane

CIRCOLARE N. 49/D. Agli Uffici Tecnici di Finanza. Ai Laboratori Chimici dell Agenzia delle Dogane CIRCOLARE N. 49/D Ufficio IV Roma, 25/10/2001 Prot. n. 290.01 All.2 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA IL DIRETTORE DELL AGENZIA V IST A la determinazione direttoriale n. 31026 del 10 novembre 2011, e successive modifiche e integrazioni, con la quale sono stati formalizzati i criteri per il conferimento,

Dettagli

Prot. n. 8161/R.I. IL DIRETTORE

Prot. n. 8161/R.I. IL DIRETTORE Prot. n. 8161/R.I. IL DIRETTORE Visto il Decreto Legislativo 30 luglio 1999 n. 300, di riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997 n. 59; Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/D. Roma, 28 APRILE 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 16/D. Roma, 28 APRILE 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 16/D Roma, 28 APRILE 2006 Protocollo: 709 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Reverse charge - Cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato

RISOLUZIONE N. 13/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Reverse charge - Cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 07 febbraio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Reverse charge - Cessione di telefoni cellulari e dispositivi a circuito integrato Con istanza di

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

Roma, 4 novembre 2014. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale

Roma, 4 novembre 2014. Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale Roma, 4 novembre 2014 Protocollo: 121555 / RU Rif.: D.D. 140839/RU del 04.12.2013 Circolare 5/D del 06.05.2014 Allegati: Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale Al Servizio Processi

Dettagli

CIRCOLARE 52/D. Roma, 28 dicembre 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE 52/D. Roma, 28 dicembre 2006. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE 52/D Protocollo: 1653 Rif.: Allegati: 2 Vs. Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali

Dettagli

All ANAEE. All E.N.I.

All ANAEE. All E.N.I. Roma, 24.12.2013 Protocollo: RU 150836 Rif.: Allegati: Alle Direzioni interregionali e regionali delle Dogane Alle Direzioni provinciali delle dogane Agli Uffici delle Dogane Agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

Roma, 12 aprile 2010. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 12 aprile 2010. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Roma, 12 aprile 2010 Protocollo: R.U. 41017 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: Agli Uffici

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione Interregionale per l Emilia Romagna e le Marche. Relatore: Ing. G. Velleca

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione Interregionale per l Emilia Romagna e le Marche. Relatore: Ing. G. Velleca Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Direzione Interregionale per l Emilia Romagna e le Marche Relatore: Ing. G. Velleca 1 L Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, tra gli altri compiti istituzionali, è competente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 454/E

RISOLUZIONE N. 454/E RISOLUZIONE N. 454/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 01 dicembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Trattamento Iva rifiuti Quesito La Società

Dettagli

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA

Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb. Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate. Oggetto: Dogane Depositi IVA Milano, 28 febbraio 2013 Prot. n. 06/13 DD/sb Alle Associazioni Territoriali Alle Aziende Associate Oggetto: Dogane Depositi IVA Alla luce dell ultimo intervento normativo in materia di Depositi IVA (Art.

Dettagli

Roma, 12 maggio 2008. Alle Direzioni Regionali. Agli Uffici delle Dogane. All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti

Roma, 12 maggio 2008. Alle Direzioni Regionali. Agli Uffici delle Dogane. All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti Roma, 12 maggio 2008 Protocollo: 3215 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali Agli Uffici delle Dogane All Area Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti All Area Centrale Verifiche e controlli

Dettagli

Agenzia delle Dogane ENI S.p.A.

Agenzia delle Dogane ENI S.p.A. Agenzia delle Dogane ENI S.p.A. Intervento Roma 2 3 luglio 2002 Ing. Walter De Santis Direttore centrale Agenzia delle Dogane Convegno dibattito sugli effetti della liberalizzazione del mercato del gas

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

Agli Uffici delle Dogane. e, per conoscenza

Agli Uffici delle Dogane. e, per conoscenza Roma, 23 dicembre 2010 Protocollo: Rif.: Allegati: 165429 R.U. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane e, per conoscenza LORO SEDI Agli

Dettagli

CIRCOLARE n. 43/D. Roma, 28 novembre 2008. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE n. 43/D. Roma, 28 novembre 2008. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. e, p.c. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE n. 43/D Protocollo: 56947 Roma, 28 novembre 2008 Rif.: Allegati: uno Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI e, p.c. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI All Ufficio Audit

Dettagli

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente.

Soluzione interpretativa prospettata dal contribuente. RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 marzo 2002 Oggetto: Forniture di carburante a bordo di natanti da diporto gestiti in noleggio. Regime di non imponibilità Iva di

Dettagli

Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale LORO SEDI

Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale LORO SEDI Roma, 20/10/2014 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale LORO SEDI Protocollo: Rif.:a nota prot.n. Allegati: 117274.RU E p.c. Direzione Centrale antifrode e controlli Direzione Centrale

Dettagli

CIRCOLARE N. 33/D. e, p.c.:

CIRCOLARE N. 33/D. e, p.c.: CIRCOLARE N. 33/D Roma, 15 settembre 2006 Protocollo: 2719 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle

Dettagli

Roma, 4 novembre 2004

Roma, 4 novembre 2004 Roma, 4 novembre 2004 Protocollo: 3305 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Rif.: Allegati: Vs. Agli Uffici Tecnici di Finanza Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane Agli

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

Ad ACCREDIA. DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTI E CONTROLLI Ufficio Metodologia dei Controlli e degli accertamenti in materia di accise

Ad ACCREDIA. DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTI E CONTROLLI Ufficio Metodologia dei Controlli e degli accertamenti in materia di accise CIRCOLARE N. 7/ D Roma, 06 maggio 2013 Protocollo: 24643 / R.U. Alle Direzioni regionali, interregionali e provinciali Rii.: Agli Uffici delle dogane Loro sedi Allegati: 1 e, per conoscenza: Alla Direzione

Dettagli

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO

I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO I BENEFICI PER GLI OPERATORI CERTIFICATI AEO Minori controlli allo sdoganamento Riduzione dei controlli doganali documentali (CD) scanner (CS) fisici (VM) fino ad un massimo del 90% Tale beneficio è accordato

Dettagli

Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA

Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA DIREZIONE GENERALE DECRETO N. 134 /DIR/SC OGGETTO: approvazione del Regolamento recante disposizioni per le attività di controllo funzionale delle macchine

Dettagli

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 30.09.2014 Protocollo: RU 106795 Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine VADEMECUM per la Formazione Continua Obbligatoria degli iscritti all Albo dei Consulenti del Lavoro dei Consulenti del Lavoro Premessa La formazione professionale continua è obbligo giuridico posto a carico

Dettagli

REGIO DECRETO LEGGE. R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n.

REGIO DECRETO LEGGE. R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n. REGIO DECRETO LEGGE R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n. 367 ) Disciplina dell importazione, della lavorazione, del deposito

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

RISOLUZIONE N. 68/E. Con l interpello in esame, concernente l interpretazione dell articolo 32 del DPR n. 601 del 1973, è stato esposto il seguente:

RISOLUZIONE N. 68/E. Con l interpello in esame, concernente l interpretazione dell articolo 32 del DPR n. 601 del 1973, è stato esposto il seguente: RISOLUZIONE N. 68/E Roma, 3 luglio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di Interpello - Cessioni a titolo gratuito al Comune, di aree ed opere di urbanizzazione Applicabilità dell articolo

Dettagli

Roma, 12.12.2014 142168 /R.U. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

Roma, 12.12.2014 142168 /R.U. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 142168 /R.U. Roma, 12.12.2014 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale Agli Uffici delle Dogane E, per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione del

Dettagli

e, per conoscenza: Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI

e, per conoscenza: Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI Protocollo: 7521 Rif.: Allegati: 1 Roma, 28 dicembre 2006 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle

Dettagli

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici.

Settore d imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto denominato modello MVV. Linee direttrici. CIRCOLARE N. 3 Roma, 07 aprile 2014 Protocollo: Rif.: Allegati: 36726/RU Alle Direzioni Interregionali e Regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

FAX. Prot. n. 2789/UDA Roma, 28 dicembre 2001. Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni ROMA

FAX. Prot. n. 2789/UDA Roma, 28 dicembre 2001. Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni ROMA Area Gestione Tributi e Rapporti con gli Utenti TEL. 06-50246092 - FAX 06-50957346 e-mail dogane.tributi@finanze.it ROMA - Via Mario Carucci, 71 FAX Prot. n. 2789/UDA Roma, 28 dicembre 2001 Alle Direzioni

Dettagli

Incontro informativo in materia di accise sui prodotti energetici

Incontro informativo in materia di accise sui prodotti energetici Incontro informativo in materia di accise sui prodotti energetici Impieghi agevolati ed usi non tassati: Le norme e le procedure Brescia, 11 dicembre 2014 Relatore Ing. Fabio Di Fede Programma dell incontro

Dettagli

DIREZIONE INTERREGIONALE DELLE DOGANE PER LA CALABRIA E LA CAMPANIA

DIREZIONE INTERREGIONALE DELLE DOGANE PER LA CALABRIA E LA CAMPANIA Allegato 4 DIREZIONE INTERREGIONALE DELLE DOGANE PER LA CALABRIA E LA CAMPANIA UFFICIO DEL DIRETTORE REGIONALE Alle dirette dipendenze del Direttore regionale operano le seguenti strutture di livello non

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 27 del 20 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Esclusioni

Dettagli

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e

Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e Il provvedimento che si pubblica - emanato del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d intesa con il Ragioniere Generale dello Stato e sentita la Banca d Italia - contiene le istruzioni operative

Dettagli