La tutela dei consumatori e mediazione: leggi e provvedimenti. 1 Libro Verde della Commissione di Bruxelles e le Raccomandazioni della Commissione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tutela dei consumatori e mediazione: leggi e provvedimenti. 1 Libro Verde della Commissione di Bruxelles e le Raccomandazioni della Commissione"

Transcript

1 La tutela dei consumatori e mediazione: leggi e provvedimenti Premessa Il consumatore è stato sempre oggetto di politiche di tutela espresse in vari disegni legge e procedure atte a garantirlo. In relazione alla gestione extragiudiziale delle controversie in ambito di consumo possiamo individuare diverse leggi e provvedimenti intrapresi dalla Commissione Europea e dall Italia fino all ultimo aggiornamento della materia previsto nel D. Lgs. 28/2010. L obiettivo prefissato è quello di vedere tutte le iniziative che sono state prese in dai primi anni 90 in ambito europeo e in Italia fino all attuale D. Lgs.n. 28/2010. Fra le leggi e prassi a tutela dei consumatori si individuano: Libro Verde della Commissione di Bruxelles, 16 Novembre 1998 /Raccomandazioni delle Commissione Legge istitutiva n.481/95 Legge istitutiva 249/97 D. Lgs n. 28/ Libro Verde della Commissione di Bruxelles e le Raccomandazioni della Commissione La Commissione espone per ciascuno Stato membro: Le procedure giudiziarie applicabili alle controversie in materia di consumo; Le procedure extragiudiziali destinate a tali controversie (mediatori). La protezione degli interessi collettivi tramite l intervento di associazioni di consumatori o di alcune istanze amministrative; I progetti pilota nazionali. Questo studio mostra che la maggior parte degli Stati membri ha effettuato una riforma del codice di procedura civile e creato procedure extragiudiziali destinate alle controversie in materia di consumo. La Commissione ha stabilito i principi guida per la gestione delle controversie extragiudiziali, con l intento di garantire una maggiore tutela ai consumatori sul fronte consumo,adottando due raccomandazioni: 1. Raccomandazione del 30 marzo 1998,che prevede la figura di un terzo attivo nella gestione di una controversia al fine di individuare un accordo per le parti interessate. Questa prima raccomandazione pur individuando i principi guida per il funzionamento Pagina 1

2 dei metodi ADR in realtà non riguarda le procedure intese come mediazione, ma sollecita gli Stati membri ad individuare una lista di organi competenti, rispondenti ai requisiti stabiliti dalla Commissione, responsabili di esperire le procedure extragiudiziali delle controversie in materia di consumo. 2. La seconda raccomandazione,adottata il 4 aprile 2001,tratta le procedure volte al solo tentativo di riavvicinamento delle parti con lo scopo di trovare una soluzione di comune accordo,può prevedere anche la figura di un terzo che proponga delle soluzioni. La Commissione ha altresì il merito di aver creato due reti europee il cui obiettivo è semplificare l accesso alle procedure extragiudiziali per la risoluzione delle controversie, laddove queste insorgano fra soggetti appartenenti ad uno stesso Stato membro ma una delle due parti sia stabilita in uno Stato membro diverso da quello di residenza, ovvero le cd controversie transfrontaliere. 1. La prima rete è la "EEJ-Net" creata per avere una funzione di assistenza e d informazione per i consumatori e composta di due centri di compensazione (clearing house), rispettivamente uno in Norvegia e uno in Islanda, che fungono da centro di collegamento con gli altri paesi membri. 2. La seconda è la "FIN-Net" che collega in una rete europea gli organi, iscritti nell elenco creato dagli Stati membri, che hanno soddisfatto i requisiti previsti dalla raccomandazione della Commissione E interessante anche l attenzione riposta dalla Commissione nel campo del commercio elettronico, soprattutto sul "piano d'azione eeurope 2001", cd metodi ODR, ossia "Online Dispute Resolution", che trovano applicazione, nella risoluzione extragiudiziale delle controversie, anche in altri campi oltre a quello del commercio elettronico e che trovano rilevanza nel più largo contesto della fiducia dei consumatori e della tutela degli stessi. Infatti, la Commissione nel piano d azione "eeurope 2002" ha creato su internet un forum di discussione e di scambio di informazioni denominato e-confidence E evidente come a poco a poco la natura delle mediazione civile comincia a prendere i propri profili grazie ad una serie di provvedimenti volti a garantire i consumatori in materia di consumo e come la scelta di metodi alternativi di risoluzione delle controversie rappresenti la strada migliore da proseguire e sviluppare. 2 Legge istitutiva n.481/95 Nell ambito della risoluzione extragiudiziale delle controversie in relazione al settore dell energia elettrica e gas vi è un richiamo alla conciliazione attraverso la legge istitutiva n.481/95 che stabilisce i criteri, le condizioni e le modalità per l esperimento di procedure di conciliazione ed arbitrato presso la Autorità nel caso di controversie tra utenti e soggetti Pagina 2

3 esercenti il servizio,includendo casi in cui i tentativi di risoluzione delle controversie possano essere rimesse in prima istanza alle commissioni arbitrali e conciliative istituite presso le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. Elemento fondamentale: i termini del ricorso in sede giurisdizionale vengono sospesi e il verbale di conciliazione assume valore di titolo esecutivo. 3 Legge istitutiva 249/97 L art 1 comma 11 della legge 349/97 prevede che l Autorità, nel settore delle Comunicazioni, deve disciplinare con propri provvedimenti la risoluzione extragiudiziale delle controversie che possono nascere fra utenti/categorie di utenti e soggetti autorizzati/destinatari di licenze o tra soggetti autorizzati /destinatari di licenze tra loro. Vengono sospesi i termini di ricorso in sede giurisdizionale fino a che non sia stato esperito il tentativo di conciliazione da ultimare entro trenta giorni dalla proposizione dell'istanza all'autorità. Quindi la procedura di conciliazione diventa obbligatoria in sede pregiudiziale e di fatto l Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni comincia ad attenersi alla legge solo dopo la Deliberazione del Consiglio n. 53 del 28 aprile 1999,delegando la materia ai Comitati Regionali per le Comunicazioni presso le singole Regioni 4 D. Lgs n. 28/2010 Nel D. Lgs. N.28 l interesse della mediazione nell ambito della tutela del consumatore,oggetto dei servizi di conciliazione delle camere di commercio, emerge nell interpretazione del art 5,Capo II del procedimento di mediazione. In tale sezione si riprende il decreto legislativo 6 settembre 2005,n. 206,in cui il codice del consumo riordina e semplifica la normativa sulla tutela dei consumatori. Verrà considerata l azione inibitoria prevista dall art 37, la procedura prevista dall art 140, e la tutela dei consumatori in materia bancaria prevista dall art 128 bis del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia). 4.1 Azione inibitoria Art 37 del decreto legislativo 6 settembre 2005, n.206 definisce l azione inibitoria: le associazioni rappresentative dei consumatori,di cui all art 137, le associazioni rappresentative dei professionisti e le camere di commercio,industria,artigianato e agricoltura possono Pagina 3

4 convenire in giudizio il professionista o l associazione dei professionisti che utilizzano o che raccomandano l utilizzo di condizioni generali di contratto, di cui sia accertata l abusività del presente titolo, e richiedere al giudice competente che inibisca l uso delle condizioni. l azione inibitoria può essere concessa quando ricorrono giusti motivi di urgenza ed il giudice può ordinare che il provvedimento sia pubblicato in uno o più giornali, di cui uno di diffusione nazionale. Alle azioni inibitorie previste dalle associazioni dei consumatori si e per le clausole vessatorie si applicano le disposizioni dell art La procedura Secondo l art 140 del decreto i del decreto legislativo 6 settembre 2005 i soggetti,di cui all art 139, sono legittimati ad agire a tutela degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti richiedendo al tribunale Inibire atti e comportamenti lesivi degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti Adottare provvedimenti idonei ad eliminare effetti dannosi delle violazioni accertate Pubblicare il provvedimenti in giornali di diffusione nazionale Prima di rivolgersi al giudice,le associazioni rappresentative degli interessi collettivi dei consumatori e degli utenti possono ricorrere alla procedura di mediazione presso la camera di commercio,industria e artigianato competente per territorio ed il verbale di conciliazione è depositato nella cancelleria del tribunale per l omologazione. Il giudice, previo accertamento della regolarità formale del processo verbale, lo dichiara esecutivo con decreto e con l omologazione il verbale di conciliazione acquisisce titolo esecutivo Le associazioni prima di proporre tale azione devono richiedere al soggetto responsabile, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento,di cessare il comportamento lesivo e devono trascorrere quindici giorni dalla data della richiesta. Il soggetto, cui viene richiesta la cessazione del comportamento lesivo, può attivare la procedura di conciliazione senza alcun pregiudizio per l azione giudiziale da avviarsi o già avviata. Il giudice fissa un termine entro cui bisogna adempiere agli obblighi stabiliti e dispone, in caso di inadempimento, il pagamento di una somma di denaro che va da euro per ogni giorno di ritardo in relazione alla gravità del fatto, inoltre laddove vi sia inadempimento degli obblighi previsti dal verbale di conciliazione le parti possono ricorrere al tribunale, con procedimento in camera di consiglio, affinché disponga il pagamento delle dette somme di denaro. Tali somme di denaro sono destinate all entrata del bilancio di Stato e verranno riassegnate con decreto del Ministro delle economia e delle finanze al fondo da istituire nell ambito di un apposita unità previsionale di base dello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico,per finanziare iniziative a vantaggio dei consumatori. In materia di servizi pubblici permane la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. Pagina 4

5 4.3 Tutela del consumatore nel settore bancario Con deliberazione del CICR, su proposta della Banca d'italia, sono determinati i criteri di svolgimento delle procedure di risoluzione delle controversie e di composizione dell'organo decidente, in modo che risulti assicurata l'imparzialità dello stesso e la rappresentatività dei soggetti interessati. Le procedure devono in ogni caso assicurare la rapidità, l'economicità della soluzione delle controversie e l'effettività della tutela, le disposizioni previste al comma 1 e 2 non pregiudicano per il cliente il ricorso, in qualunque momento, a ogni altro mezzo di tutela previsto dall'ordinamento. La Banca d'italia, quando riceve un reclamo da parte della clientela dei soggetti di cui al comma 1, indica al reclamante la possibilità di adire i sistemi previsti ai sensi del presente articolo. Bibliografia Capo II del procedimento di mediazione, art 5 D. Lgs. 28/2010 Ricerche sul web Cv dell autore: Erica Ruta, laureata in Economia e Finanza, mediatore creditizio iscritta presso la Banca d Italia, workshop sulla selezione del personale e sull autoimprenditorialità,gestione CAF e tirocinio prestato presso uno studio commercialista,frequentato corsi intensivi e corso integrativo CESD patrocinati dall'università e-campus in mediazione e civile. Socio AMCI. Dott.ssa Erica Ruta Pagina 5

6 Pagina 6

Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI. presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE

Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI. presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE Regolamento per la TRATTAZIONE DEI RECLAMI presso la BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE Versione aprile 2012 Indice generale Premessa... 3 Come presentare il reclamo... 4 Arbitro Bancario Finanziario...

Dettagli

OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE

OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE Iscritto al n. 453 del Registro degli organismi deputati a gestire tentativi di conciliazione/mediazione a norma dell'articolo 38 del D.Lgs. 17/01/2003, n. 5 OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE Le nuove disposizioni

Dettagli

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE La Cassa di Risparmio di Asti S.p.A., così come il Gruppo omonimo, è da sempre attenta alle esigenze dei propri Clienti; le Banche

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

Mediazione. Cos'è. Come fare

Mediazione. Cos'è. Come fare UFFICIO ARBITRATO E CONCILIAZIONE VADEMECUM STRUMENTI DI GIUSTIZIA ALTERNATIVA AMMINISTRATI DALLA C.C.I.A.A. DI BOLOGNA Mediazione Cos'è La Mediazione è il modo più semplice, rapido ed economico per risolvere

Dettagli

Guida ai reclami di Banca di Sassari

Guida ai reclami di Banca di Sassari Guida ai reclami di Banca di Sassari Aggiornamento ottobre 2015 1. L importanza dei Reclami in Banca di Sassari La sopravvivenza e il successo di ogni azienda dipendono dalla propria capacità di avere

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 27 NOVEMBRE 2014 583/2014/S/COM AVVIO DI PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONE DI OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI ANAGRAFICA DEGLI OPERATORI E DI RECLAMI PRESENTATI ALLO SPORTELLO

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di PEGNO SU TITOLI E VALORI INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Dettagli

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1

L.R. 52/2009 Prestito sociale d onore - Aggiornamento al 12 gennaio 2015 1 PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge Regione Valle d Aosta 23 dicembre 2009, n. 52 Interventi regionali per l'accesso al credito sociale INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Finanziaria Regionale Valle d Aosta -

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo a CREDITI DI FIRMA INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA SOC. COOPERATIVA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della Delibera CICR del 4 marzo 2003 e delle Disposizioni della Banca d'italia sulla Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e correttezza delle

Dettagli

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE

PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE PROCEDURE DI RECLAMO E DI COMPOSIZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE Biverbanca S.p.A., così come il Gruppo Cassa di Risparmio di Asti, è da sempre attenta alle esigenze dei propri Clienti; le Banche

Dettagli

aiga Ordine degli Avvocati di Vicenza

aiga Ordine degli Avvocati di Vicenza aiga Ordine degli Avvocati di Vicenza La Deontologia nella Mediazione dopo il Decreto del fare ( D.L. 69/2013 convertito con L. 98/2013 ) Vicenza, 14 novembre 2013 Avv. Lorenza Maria Villa avv.villa@gmail.com

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Intermediazione in Cambi

FOGLIO INFORMATIVO. Intermediazione in Cambi FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della normativa in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (Titolo VI del D.Lgs 385/1993, Testo Unico Bancario, e relative disposizioni

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

L ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO

L ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO L ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO La creazione dell'arbitro Bancario Finanziario è prevista dall'articolo 128-bis del Testo unico bancario (TUB), introdotto dalla legge sul risparmio (legge n. 262/2005).

Dettagli

Foglio Informativo B1) FINANZIAMENTO AUTONOMO (FA)

Foglio Informativo B1) FINANZIAMENTO AUTONOMO (FA) 1 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D. LGS. 385 dell 01/09/93 - Delibera C.I.C.R. del 04/03/03 - Provvedimento BANCA D ITALIA del 25/07/03). Foglio Informativo B1) FINANZIAMENTO

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di EFFETTI CAMBIARI A GARANZIA INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI. Mutuo a tasso fisso. Altro. FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO PRIVATI TASSO FISSO (medio lungo termine)

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI. Mutuo a tasso fisso. Altro. FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO PRIVATI TASSO FISSO (medio lungo termine) INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Sede legale e amministrativa: Corso Italia, 80 32043 Cortina

Dettagli

LINEE GUIDA DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI

LINEE GUIDA DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI LINEE GUIDA DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI (Consiglio di Disciplina Nazionale) Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera del 18 giugno 2015 1 Art.1 Quadro normativo di riferimento 1. Art. 8 del D.P.R.

Dettagli

#$%&' ()* +&' ()** &' ()*& !!"#$%& "'()#%*++&&*,#-#*'%."'/0

#$%&' ()* +&' ()** &' ()*& !!#$%& '()#%*++&&*,#-#*'%.'/0 !,$!#$%& "'()#%*++&&*,##*'%."'/0 &*#1#2*%#%&# #&*'#*%#456*44 #&*#* #%'7%%*# *&&5*'$%&8'*4 #&9$%$44%" 14%& #%!& '"*!%" *"#&*& (&*'#%#4& "'*#54&#+#*1'*, $*+# %#%$*&#*"# %#'#*+# % 8 #$) $ ) : '74/. % 1!#$%&

Dettagli

LEGGE 30 LUGLIO 1998, N. 281 DISCIPLINA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI.

LEGGE 30 LUGLIO 1998, N. 281 DISCIPLINA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI. LEGGE 30 LUGLIO 1998, N. 281 DISCIPLINA DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI. Art. 1. Finalità ed oggetto della legge 1. In conformità ai principi contenuti nei trattati istitutivi delle comunità

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013. Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013. Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013 Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell

Dettagli

ASSOSIM. CP/sg. Circolare N. 14/13

ASSOSIM. CP/sg. Circolare N. 14/13 VIA ALBERTO DA GIUSSANO 8 20145 MILANO TEL. 02/86454996 r.a. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI Milano, 07 novembre 2013 CP/sg

Dettagli

MEDIAZIONE N. / COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE AL PRIMO INCONTRO

MEDIAZIONE N. / COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE AL PRIMO INCONTRO Alla Segreteria del della Camera di d commercio di Torino Organismo iscritto al n. 122 del Registro degli organismi di mediazione MEDIAZIONE N. / COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE AL PRIMO INCONTRO Persona

Dettagli

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE Strumento non giurisdizionale di risoluzione delle controversie mediazione > attività svolta per raggiungere un accordo tra le parti conciliazione > il risultato di siffatta

Dettagli

Mediatore civile professionista

Mediatore civile professionista Corso di alta formazione per Mediatore civile professionista Le lezioni si terranno presso: Associazione Conciliatori del Veneto Via A. Nobel, 4 333020 Noventa di Piave (VE) Quote di partecipazione: -

Dettagli

Guida ai reclami della Cassa di Risparmio di Bra.

Guida ai reclami della Cassa di Risparmio di Bra. Guida ai reclami della Cassa di Risparmio di Bra. Aggiornamento ottobre 2015 La Guida è stata redatta in collaborazione con 1.L importanza dei Reclami in CR BRA La sopravvivenza e il successo di ogni azienda

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al servizio BANCOMAT ATM-PAGOBANCOMAT-ATM POS ESTERI

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al servizio BANCOMAT ATM-PAGOBANCOMAT-ATM POS ESTERI FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio BANCOMAT ATM-PAGOBANCOMAT-ATM POS ESTERI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Massafra Società Cooperativa Via Mazzini n 65 74016 - Massafra

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE NEXIVE - ADICONSUM DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE NEXIVE - ADICONSUM DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE NEXIVE - ADICONSUM DISPOSIZIONI GENERALI Nexive S.p.A., di seguito Nexive, e ADICONSUM definiscono di comune accordo il regolamento della procedura di conciliazione secondo

Dettagli

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010

Introduzione al Decreto Legislativo n. 28/2010 La mediazione per la conciliazione: una nuova opportunità per cittadini ed imprese Introduzione al Reggio Emilia, 19 ottobre 2010 Che cos è la mediazione? L attività, comunque denominata, svolta da un

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

GRUPPO. guida ai reclami

GRUPPO. guida ai reclami GRUPPO guida ai reclami Aggiornamento febbraio 2012 La Guida è stata redatta in collaborazione con 1. L importanza dei Reclami in BPER La sopravvivenza e il successo di ogni azienda dipendono dalla propria

Dettagli

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di:

In particolare, lo Sportello del cittadino offrirà come servizio l'illustrazione di: CNF: nasce lo Sportello del cittadino, consulenza gratuita Consiglio Nazionale Forense, bozza regolamento 14.02.2013 I Consigli dell Ordine degli Avvocati istituiranno uno Sportello per il cittadino con

Dettagli

Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO

Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO Spett.le COOPERATIVA ARTIGIANA DI GARANZIA DELLA PROVINCIA DI TRENTO Società cooperativa CONFIDI Via San Daniele Comboni, 7/9 38122 TRENTO Il/la sottoscritto/a nato/a a residente a il via titolare/socio/legale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione. Codice ABI n. 3025.4. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese n.

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione. Codice ABI n. 3025.4. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese n. FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della normativa in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (Titolo VI del D.Lgs. 3 8 5/19 9 3, Testo Unico Bancario, e relative disposizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 03.014 PREFINANZIAMENTO SU MUTUO CONCESSO DALLA BANCA Aggiornato al 01/04/2016

FOGLIO INFORMATIVO 03.014 PREFINANZIAMENTO SU MUTUO CONCESSO DALLA BANCA Aggiornato al 01/04/2016 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare FriulAdria S.p.A. Sede legale: Piazza XX Settembre 2, 33170 Pordenone Iscritta all Albo delle Banche al n. 5391 - Società soggetta all attività di direzione e coordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione

FOGLIO INFORMATIVO. Deposito Titoli a custodia e amministrazione FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della Delibera CICR del 4 marzo 2003 e delle Disposizioni della Banca d'italia sulla Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e correttezza delle

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

INDICE. 1. Considerazioni introduttive...4

INDICE. 1. Considerazioni introduttive...4 Allegato A RAPPORTO DI SINTESI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DIFFUSIONE E SULL IMPATTO DELLE PROCEDURE DI SOLUZIONE EXTRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEI RAPPORTI DI SOMMINISTRAZIONE TRA CLIENTI FINALI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO POLIZZE TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE

FOGLIO INFORMATIVO POLIZZE TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale Società Cooperativa Sede legale : Via Vittorio Emanuele II n.15/17 91011 Alcamo (TP) Sede amministrativa : Direzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO VINCOLATO INDICIZZATO EURIBOR DELLA DURATA MASSIMA DI 60 MESI

FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO VINCOLATO INDICIZZATO EURIBOR DELLA DURATA MASSIMA DI 60 MESI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITO A RISPARMIO VINCOLATO INDICIZZATO EURIBOR DELLA DURATA MASSIMA DI 60 MESI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo del Basso Sebino - Societa' Cooperativa

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 OTTOBRE 2014 526/2014/S/GAS AVVIO DI UN PROCEDIMENTO SANZIONATORIO PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI CONDIZIONI CONTRATTUALI DI FORNITURA DI GAS AI CLIENTI FINALI DEL SERVIZIO DI TUTELA E CONTESTUALE

Dettagli

MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE SCHEDA INFORMATIVA SINTETICA

MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE SCHEDA INFORMATIVA SINTETICA Schema di informativa generale sulle diverse tipologie di mutui offerti dalla Banca Banca di Credito Cooperativo del Friuli Centrale - Società Cooperativa. Sede legale ed amministrativa in Martignacco

Dettagli

Foglio informativo n. 020/009. Servizi bancari. Crediti di firma.

Foglio informativo n. 020/009. Servizi bancari. Crediti di firma. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 020/009. Servizi bancari. Crediti di firma. Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Via Roma, 3 51100 Pistoia. Tel.:

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione... VII

SOMMARIO. Introduzione... VII SOMMARIO Introduzione... VII Capitolo 1 L accesso alla giustizia 1. Introduzione... 3 2. L accesso alla giustizia: un problema innanzitutto sociale... 8 3. Lo sviluppo delle procedure ADR... 15 4. L accesso

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Rate da pagare:

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Rate da pagare: ATTENZIONE! LE CONDIZIONI RIPORTATE NEL SECCI POTRAN COMUNQUE ESSERE MODIFICATE, A SEGUITO DELLA VALUTAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO E DELLA CONSULTAZIONE DELLE BANCHE DATI EFFET- TUABILE SOLO DOPO LA SOTTOSCRIZIONE

Dettagli

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive di Flavia Pasquini Contratti certificati Licenziamento per giustificato motivo oggettivo Licenziamento di lavoratori di cui all art. 1 dello schema

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 63/2013 TITOLO 1.10.21/603 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 6 dicembre 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 6 del 19 marzo 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI

PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI PREMESSA Il FORUM UNIREC-CONSUMATORI condivide la necessità di garantire nel comparto del recupero del credito, un quadro normativo

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE

GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE GUIDA VELOCE ALLA MEDIAZIONE WWW.IOCONCILIO.COM RES AEQUAE ADR srl omnibus aequa CHE COSA E UN SISTEMA ADR? La nostra ragione sociale è RES AEQUAE ADR, dove ADR sta per ALTERNATIVE DISPUTE RESOLUTION,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Rate da pagare:

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Rate da pagare: Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di CASSA CONTINUA INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA SOC. COOPERATIVA

Dettagli

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101

CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN - VIA ROMA, 1 TELEFONO E FAX 0461 842 517-0461 842 101 FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO di Incasso AGGIORNATO AL 30/12/2013 J00008 DATI INFORMATIVI DELLA BANCA DENOMINAZIONE CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE B.C.C. - SOCIETA' COOPERATIVA INDIRIZZO 38060 ALDENO TN

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo a CESSIONE DI ORO CON PAGAMENTO IMMEDIATO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Dettagli

3.1 Iscrizione ABF..4

3.1 Iscrizione ABF..4 1. Scopo e campo di applicazione 2 2. Abbreviazioni e definizioni.3 3. Corpo della procedura..3 3.1 Iscrizione ABF..4 3.2 Ufficio preposto alla gestione dei reclami....4 3.3 Gestione operativa reclami

Dettagli

PROCEDURA CONCILIATIVA

PROCEDURA CONCILIATIVA PROCEDURA CONCILIATIVA PROTOCOLLO D INTESA tra Findomestic Banca S.p.A, con sede legale in Via J. Da Diacceto, 48 50128 Firenze (di seguito Findomestic ) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum, Adoc

Dettagli

AGLI ASSOCIATI Roma, 9 settembre 2015 Prot. n. 232409 /AS LORO SEDI

AGLI ASSOCIATI Roma, 9 settembre 2015 Prot. n. 232409 /AS LORO SEDI Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - ADR Il Presidente AGLI ASSOCIATI Roma, 9 settembre 2015 Prot. n. 232409 /AS LORO SEDI Alla cortese attenzione di: -

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 5a Richiesta di Fidejussione bancaria

FOGLIO INFORMATIVO. 5a Richiesta di Fidejussione bancaria Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 5a Richiesta di Fidejussione bancaria INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.: 0588 91111-

Dettagli

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE Determinazione 15/2015 Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO TIME DEPOSIT IN DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO TIME DEPOSIT IN DIVISA FOGLIO INFORMATIVO TIME DEPOSIT IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri: Iscritta all Albo delle Banche (n. 5350) e all Albo dei Gruppi bancari

Dettagli

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003)

FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) FOGLI INFORMATIVI (ai sensi della delibera CICR del 4.3.2003) PRESTITO MICROCREDITO CONVENZIONE ABI - CEI INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BRESCIA,

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

(qualora il prodotto sia offerto fuori sede)

(qualora il prodotto sia offerto fuori sede) Pag. 1 / 5 Foglio informativo 219 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R. del 4/3/2003) Linea libera e linee vincolate Informazioni sulla

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 19/2012 TITOLO 1.10.21/227 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 5 giugno 2012 si è riunito nella sede di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Apertura di Credito in Conto Corrente con garanzia ipotecaria

FOGLIO INFORMATIVO. Apertura di Credito in Conto Corrente con garanzia ipotecaria FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della normativa in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (Titolo VI del D.Lgs 385/1993, Testo Unico Bancario, e relative disposizioni

Dettagli

VINCOLO IN CONTO CORRENTE CONSUMATORE E NON CONSUMATORE

VINCOLO IN CONTO CORRENTE CONSUMATORE E NON CONSUMATORE Foglio N. 1.41.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento 1

OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività di investimento 1 Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie - ADR OMBUDSMAN-GIURI BANCARIO Regolamento per la trattazione dei reclami e dei ricorsi in materia di servizi e attività

Dettagli

Mediazione: la risposta alla soluzione dei conflitti

Mediazione: la risposta alla soluzione dei conflitti Mediazione: la risposta alla soluzione dei conflitti La congestione del contenzioso civile ha fatto nascere l'esigenza di ricercare e sviluppare un nuovo modello di gestione del sistema A.D.R. (Alternative

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2012/4879/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 22 del 21 luglio 2014 Sono presenti i componenti

Dettagli

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010

Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 Lineamenti generali della mediazione civile e commerciale. D.Lgs. 28/2010 1 T E M A S O R T E G G I A T O N E L L A S E C O N D A S E S S I O N E 2 0 1 1 P R E S S O L U N I V E R S I T À D I R O M A T

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI)

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE di ANGELO MAIETTA

INDICE. INTRODUZIONE di ANGELO MAIETTA INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1 IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO DOPO IL DECRETO DEL FARE (DECRETO-LEGGE 21 GIUGNO 2013, N. 69) di GIOVANNI DE LUCA 1. Premessa...... pag. 1 2. Assistenza tecnica dell

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 17 DICEMBRE2015 620/2015/E/COM ISTITUZIONE DELL ELENCO DEGLI ORGANISMI ADR AI SENSI DELL ARTICOLO 141- DECIES DEL CODICE DEL CONSUMO E APPROVAZIONE DELLA RELATIVA DISCIPLINA DI PRIMA ATTUAZIONE

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI)

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DI DEPOSITO A CUSTODIA ED AMMINISTRAZIONE DI TITOLI E STRUMENTI FINANZIARI (DEPOSITO TITOLI) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni Sede Legale

Dettagli

Il mutuo chirografario AUTO E MOTO NUOVE è un finanziamento destinato ai CONSUMATORI che vogliono acquistare l auto nuova o la moto nuova.

Il mutuo chirografario AUTO E MOTO NUOVE è un finanziamento destinato ai CONSUMATORI che vogliono acquistare l auto nuova o la moto nuova. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Banca di Credito Cooperativo di MARINA DI GINOSA Viale Ionio s.n. 74025 Ginosa (Frazione Marina di Ginosa) Tel.: 099-8272411 Fax: 099-8272490 Sito web: www.bccmarinadiginosa.it

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 60/2013 TITOLO 1.10.21/593 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 28 novembre 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

Servizio Mutui Chirografari

Servizio Mutui Chirografari INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica IGEA BANCA S.P.A. Sede legale e Direzione Generale Via Paisiello, 38 00198 Roma Capitale sociale 16.025.184,00 Codice fiscale e n iscrizione al

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Giancarlo Cresti /Vodafone Omnitel B.V. (ex TeleTu) /Telecom Italia S.p.A.

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Giancarlo Cresti /Vodafone Omnitel B.V. (ex TeleTu) /Telecom Italia S.p.A. Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: Giancarlo Cresti /Vodafone Omnitel B.V. (ex TeleTu) /Telecom Italia S.p.A. Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO

Dettagli

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009 Regolamento recante modifiche al Regolamento concernente le modalità per lo smobilizzo dei crediti da parte delle banche, nonché le modalità e le condizioni per la concessione da parte del Fondo regionale

Dettagli

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI INFORMAZIONI SULLA BANCA/INTERMEDIARIO CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA Sede legale e amministrativa: Corso Italia, 80 32043 Cortina

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DOTT. SAURO BALDINI. News di approfondimento

STUDIO PROFESSIONALE DOTT. SAURO BALDINI. News di approfondimento News di approfondimento N. 7 21 marzo 12 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Mediazione civile obbligatoria per controversie derivanti da liti condominiali e circolazione di veicoli Gentile Cliente,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PORTAFOGLIO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO PORTAFOGLIO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Indirizzo telematico: www.bancadibologna.it

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO APERTURA CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO APERTURA CREDITO ORDINARIA IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Ostuni Società Cooperativa Largo Mons. Italo Pignatelli n.2 72017 Ostuni Tel.: 0831-301241

Dettagli

Foglio informativo n. 2000

Foglio informativo n. 2000 Foglio informativo n. 2000 ATTIVITÀ SVOLTA DAL SOGGETTO AGENTE AGEVOLATIVI A VALERE SULLE RISORSE DEL FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE ISTITUITO CON LEGGE 30 DICEMBRE 2004, N. 311 Informazioni

Dettagli

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione.

Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. La Procedura di Mediazione Come si svolge una procedura di mediazione; Le varie fasi, gli adempimenti e i ruoli dei protagonisti in un procedimento di mediazione. A cura dell Avv. Vincenzo Ferrò e della

Dettagli

BONIFICO CHE COSA E IL BONIFICO

BONIFICO CHE COSA E IL BONIFICO BONIFICO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Federico Del Vecchio s.p.a. Sede legale: Via dei Banchi n.5-50123 Firenze - Sede amministrativa:, Viale A.Gramsci n.69-50121 Firenze Tel.: 055.20051 Fax: 055.2005333

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 27 aprile 2009 - VIS 42/09 Adozione di provvedimenti ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettere c) e d), della legge 14 novembre 1995, n. 481, nei confronti della società Undis S.p.A. L

Dettagli

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CARTA MILES & MORE ORO

MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CARTA MILES & MORE ORO Modulo n. MEUCF107 Agg. n. 010 Data aggiornamento 23.09.2015 MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CARTA MILES & MORE ORO Prodotto offerto da UniCredit S.p.A tramite il sito internet www.ucfin.it 1. Identità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO TIME DEPOSIT IN EURO

FOGLIO INFORMATIVO TIME DEPOSIT IN EURO FOGLIO INFORMATIVO TIME DEPOSIT IN EURO INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle Banche (n. 5350) e all Albo dei Gruppi bancari

Dettagli