I piani di studio provinciali per il secondo ciclo: indicazioni di lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I piani di studio provinciali per il secondo ciclo: indicazioni di lavoro"

Transcript

1 Incontro gruppi di lavoro secondo ciclo I piani di studio provinciali per il secondo ciclo: indicazioni di lavoro a cura di Arduino Salatin Direttore Iprase del Trentino Trento,

2 Sommario La situazione della riforma del secondo ciclo in Italia Le proposte per la scuola trentina Indicazioni operative per i gruppi di lavoro

3 1. La situazione della riforma del secondo ciclo in Italia 3

4 Il nuovo quadro normativo nazionale -L.53/003 e decreto legislativo 17 ottobre 005, n. 6 (livelli essenziali delle prestazioni e profilo culturale del secondo ciclo) -il decreto ministeriale sul Regolamento in materia di adempimento dell obbligo di istruzione agosto 007 -legge aprile 007, n. 40, articolo 13, commi 1, 1-bis, 1- ter e 1-quater che prevedono il riordino e il potenziamento degli istituti tecnici; -il decreto legge 5 giugno 008, n. 11, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 008, n. 133, art. 64, commi 3, 4, 4bis, sul riordino degli istituti tecnici e professionali, 4

5 Conseguenze principali delle nuove normative sul secondo ciclo: - Forte riduzione degli indirizzi e del monte ore di studio - Avvio dei nuovi curriculi a partire dall anno scolastico (e relativa fine delle varie sperimentazioni in atto), con l impegno del MIUR a completare le indicazioni necessarie per garantire l orientamento ai giovani e alle famiglie entro ottobre Impossibilità da parte degli IP di stato di rilasciare autonomamente qualifiche professionali (triennali) senza un accordo con le Regioni e Province autonome 5

6 Il riordino dei Licei La bozza attuale di Regolamento prevede: Riduzione del numero degli indirizzi di studio a 6 Definizione di un area di istruzione generale, articolata in insegnamenti comuni a tutti i percorsi e aree di indirizzo (30 ore in genere, 3 per l indirizzo musicale e coreutico, 34 per l indirizzo artistico) * Si mantiene tuttavia l impianto per contenuti disciplinari, con il numero delle discipline previste dagli allegati al Decreto legislativo 6/04 6

7 Gli indirizzi dei nuovi licei Liceo artistico (con 4 sub-indirizzi) Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale e coreutico Liceo scientifico Liceo delle scienze umane 7

8 Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura latina Lingua e cultura greca Lingua inglese Storia Geografia Filosofia Matematica* Fisica Insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti Orario medio settimanale Esempio di quadro orario: Liceo classico 1 Biennio Biennio V anno Scienze naturali** Storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Attività alternative Totale ore Insegnamenti opzionali -Lingua straniera -Musica -Elementi di diritto ed economia 8

9 Il riordino degli istituti tecnici e professionali La bozza attuale dei Regolamenti governativi prevede: Definizione del profilo specifico per l istruzione tecnica e per l istruzione professionale Riduzione del numero degli indirizzi di studio e delle discipline (articolo 13 della legge n. 40/07), Definizione di un area di istruzione generale, articolata in insegnamenti comuni a tutti i percorsi e aree di indirizzo riferite ad ampi settori tecnicoprofessionali (monte ore annuo: 1056) Forte contenimento delle co-presenze e delle codocenze (D.L. 11/08). 9

10 Gli indirizzi di studio previsti per gli IT sono 11: Settore economico amministrazione, finanza e marketing turismo Settore tecnologico Meccanica, Meccatronica ed Energia Trasporti e Logistica Elettronica ed elettrotecnica Informatica e telecomunicazioni Grafica e Comunicazione Chimica, Materiali e Biotecnologie Sistema Moda Agraria e agroindustria Costruzioni, Ambiente e Territorio 10

11 Gli indirizzi di studio degli IP sono 6: Settore industria e artigianato Produzioni industriali e artigianali Settore servizi Servizi all agricoltura e allo sviluppo rurale Servizi socio-sanitari Servizi di manutenzione e assistenza tecnica Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Servizi commerciali 11

12 Impianto curricolare caratterizzata da ++1, cioè con due bienni e un quinto anno (Dlgs n. 6/05) Monte orario massimo di 3 ore settimanali di lezioni per 33 settimane ad anno scolastico (articolo 13 della legge 40/07). Descrizione dei curricoli in base ai risultati di apprendimento previsti dal Quadro Europeo delle qualifiche (EQF) (articolo 13 della legge n. 40/07). Potenziamento dei laboratori, stage e tirocini nonché dell orientamento agli studi universitari e al sistema dell istruzione e formazione tecnica superiore (articolo 13 della legge n. 40/07). 1

13 - un area di istruzione generale comune a tutti i percorsi e aree di indirizzo specifiche; -una articolazione in periodi basata su: a) un primo biennio, caratterizzato, per ciascun anno, da 660 ore di attività e insegnamenti generali, comuni ai citati due settori, e 396 ore di attività e insegnamenti obbligatori per ciascun indirizzo, nel quale gli studenti completano l assolvimento dell obbligo di istruzione e cominciano ad acquisire i saperi e le competenze di indirizzo in funzione orientativa, soprattutto attraverso la pratica di laboratorio, anche ai fini della reversibilità delle loro scelte; 13

14 b) un secondo biennio, caratterizzato per ciascun anno, da 495 ore di attività e insegnamenti generali, comuni ai citati due settori, e 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori per ciascun indirizzo c) un quinto anno, caratterizzato da 495 ore di attività e insegnamenti generali, comuni ai citati settori, e 561 ore di attività e insegnamenti obbligatori per ciascun indirizzo. 14

15 Scienze integrate* Laboratori tecnici GRAFICA E COMUNICAZIONE DISCIPLINE Complementi di matematica Tecnologie informatiche ** Scienze e tecnologie applicate ** Teoria della comunicazione Progettazione multimediale di cui Laboratorio di scienze integrate Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica di cui Laboratorio di tecnologia e tecniche di rapprne grafica di cui Laboratorio di Tecnologie informatiche Tecnologie dei processi di produzione Organizzazione e gestione dei processi produttivi Totale ore annuali di attività e insegnamenti d'indirizzo ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI DELL INDIRIZZO di cui LABORATORIO Totale complessivo ore 1^ biennio Esempio di quadro orario 396 ^ biennio 3^ ^ Ultimo anno 5^

16 Aspetti organizzativi dei Regolamenti per gli IT e IP Utilizzazione degli spazi di flessibilità ed autonomia con riferimento all orario annuale delle lezioni: entro il 0-5% nel primo biennio, il 30-35% nel secondo biennio, il 35-40% nell ultimo anno; Costituzione di Dipartimenti disciplinari; Costituzione di un comitato tecnico-scientifico, con funzioni consultive e di proposta, soprattutto per l organizzazione delle aree di indirizzo e per l utilizzazione degli spazi di autonomia e di flessibilità in relazione alle esigenze del mondo economico e produttivo. Costituzione di un ufficio tecnico con il compito di sostenere la migliore organizzazione e funzionalità dei laboratori a fini didattici Ricorso maggiore ad esperti esterni a contratto per l ambito dell innovazione tecnologica 16

17 . Le proposte per la scuola trentina 17

18 Rispetto a questo scenario nazionale, ancora incerto e contradditorio, il Trentino è chiamato ad esprimere la propria autonomia attraverso il concorso di tutto il mondo della scuola, per definire: - i Piani di studio provinciali (di cui all art. 55 della L.P. 5/006) - i Piani di studio di istituto (di cui all art.56 della L.P. 5/006) a livello delle singole istituzioni scolastiche e formative 18

19 In termini normativi, l autonomia del Trentino in materia scolastica ha come vincoli essenziali: -l esame di Stato -le classi di concorso degli insegnanti. Sulla base del principio di adeguatezza tuttavia, sarà possibile negoziare con lo Stato una progettualità specifica relativa anche alla definizione degli indirizzi di studio, del monte ore e delle misure di flessibilità curricolare. 19

20 In attesa della definizione da parte della Giunta provinciale - del Piano provinciale dell offerta formativa (di cui all art...della L.P. 5/006) sono stati pensati dei gruppi di lavoro per i piani di studio provinciali del secondo ciclo, coordinati di norma da dirigenti scolastici. Tali gruppi si articolano in 4 ambiti: -licei -istituti tecnici -istituti professionali -formazione professionale. Essi sono strutturati in ulteriori sottogruppi per gli assi culturali comuni e per le aree di indirizzo. 0

21 Articolazione dei gruppi di lavoro Licei = 6 gruppi di indirizzo + 1 trasversale (per l area generale) IT = 9 gruppi di indirizzo + 1 trasversale (per l area generale) IP = 4 gruppi di indirizzo + 1 trasversale (per l area generale) FP= vari sottogruppi per ciascun indirizzo di qualifica/diploma + 1 trasversale (per l area generale) 1 gruppo per Religione cattolica 1 gruppo per Educazione fisica 1 gruppo per Alternanza scuola-lavoro 1

22 Compiti dei gruppi e prodotti attesi (1) I gruppi dovranno contribuire a: - validare e/o definire i Pecup relativi ai licei, agli istituti tecnici, agli istituti professionali e alla FP - descrivere il profilo in uscita a ciascun percorso di indirizzo, in termini di competenze generali e specifiche coerenti con le indicazioni EQF (risultati di apprendimento) - elaborare un Quadro delle Competenze per le singole discipline o aree disciplinari individuate, definendo operativamente i criteri di flessibilità,

23 Compiti dei gruppi e prodotti attesi () - elaborare i Quadri orari di ciascun indirizzo e ambito disciplinare (organizzati secondo il modello ++1) - definire il profilo al termine dell obbligo di istruzione declinato per competenze (per ciascun ambito: licei, istituti tecnici, professionali e formazione professionale), anche in considerazione della necessità di certificare le competenze in uscita e di raccordarsi al curricolo verticale (dal primo ciclo). 3

24 ALCUNI ESEMPI DI GLOSSARIO E DI STRUMENTI PROGETTUALI Livello EQF in uscita Conoscenze Risultati di apprendimento previsti Abilità Competenze 4 Conoscenza pratica e teorica in ampi contesti in un ambito di lavoro o di studio Una gamma di abilità cognitive e pratiche necessarie a risolvere problemi specifici in un campo di lavoro o di studio Sapersi gestire autonomamente, nel quadro di istruzioni in un contesto di lavoro o di studio, di solito prevedibili, ma soggetti a cambiamenti. Sorvegliare il lavoro di routine di altri, assumendo una certa responsabilità per la valutazione e il miglioramento di attività lavorative o di studio. 4

25 I risultati di apprendimento (learning outcomes) Il termine viene inteso come l insieme delle conoscenze e abilità che un individuo ha acquisito e/o è in grado di dimostrare concretamente dopo il completamento di un processo di apprendimento. Sul piano progettuale i risultati di apprendimento (ad esempio dell indirizzo di studi), possono essere formulati in termini di competenze finali da raggiungere, alle quali vengono riferite abilità e conoscenze curriculari collegate alle discipline. A loro volta le discipline o gli ambiti disciplinari possono essere oggetto di progettazione per competenze. 5

26 RISULTATI DI APPRENDIMENTO NELL INDIRIZZO (competenze, abilità, conoscenze) SETTORE:. INDIRIZZO: COMPETENZE IN ESITO ABILITA CONOSCENZE DISCIPLINE N 1 primo biennio primo biennio disciplina di riferimento.. N 1,1:. discipline concorrenti secondo biennio N 1,:.. secondo biennio disciplina di riferimento.. N 1,3:.. discipline concorrenti quinto anno quinto anno disciplina di riferimento N 1,4:.. N 1,5:.. N 1,6:.... discipline concorrenti 6

27 SETTORE INDIRIZZO ARTICOLAZIONE DISCIPLINA.... CLASSE.. (ore annuali.) CONOSCENZE RISULTATI di apprendimento ABILITA COMPETENZE IN ESITO A,1 A A, B,1 B C,1 C D,1 D E,1 E 7

28 3. Indicazioni operative per i gruppi di lavoro 8

29 Nella elaborazione delle proposte i Gruppi di lavoro faranno riferimento: agli orientamenti in materia di competenze chiave del cittadino europeo e al quadro europeo delle qualifiche; alle scelte già operate per i Piani di studio del primo ciclo, in particolare per quanto attiene il curricolo verticale; ai documenti nazionali del MIUR, al fine di assicurare il requisito dell adeguatezza, in funzione della libera mobilità degli studenti e del valore nazionale degli esami di Stato; alle buone pratiche sviluppate nelle scuole trentine. 9

30 Per la strutturazione del quadro orario ogni gruppo opererà in coerenza con i seguenti criteri: - Essenzializzare le discipline per annualità, distribuendo il monte ore quinquennale di ciascuna materia anche in un numero minore di annualità, ove possibile e didatticamente opportuno, in particolare per l ultimo anno, ove andrebbero lasciate solo gli insegnamenti relativi alla prima e alla seconda prova scritta e quelli caratterizzanti l indirizzo - Potenziare nel primo biennio le materie comuni per dare un senso all obbligo di istruzione e facilitare i passaggi, - Potenziare nel secondo biennio le discipline di indirizzo, - Prevedere nell ultimo anno un monte ore specifico da dedicare al raccordo con l università, con l alta formazione e con il mondo del lavoro con finalità orientative, in funzione della personalizzazione dell orientamento. 30

31 I gruppi dovranno contribuire inoltre a definire proposte per le seguenti questioni: - i criteri di equivalenza formativa nel biennio iniziale (anche al fine dei passaggi) - gli spazi di flessibilità curriculare e di opzionalità - le forme di valorizzazione dell esperienza maturata negli attuali indirizzi (es. liceo tecnologico, ) - la definizione dei criteri e strumenti di valutazione - i contenuti delle misure di accompagnamento (formazione dei docenti, strumenti didattici, supporti, ) 31

32 Programma di lavoro previsto - Ogni gruppo definirà un proprio calendario di incontri, di cui almeno uno entro la fine del corrente anno scolastico (giugno 009) - Prima dell avvio delle lezioni del prossimo anno scolastico (settembre 009) sarà organizzata almeno una giornata di lavoro per lo sviluppo analitico dei documenti attesi (con particolare riferimento ai risultati di apprendimento del primo biennio, relativamente a ciascun ambito). Nell occasione saranno definiti anche gli incarichi individuali per l anno scolastico

33 Supporti per i gruppi di lavoro (nell ambito delle azioni di sistema cofinanziate dal FSE) -Area di lavoro web con accesso riservato, per la raccolta di documenti di lavoro e dei risultati prodotti in itinere (gestita dall Iprase) -Accompagnamento scientifico e metodologico degli esperti della commissione Pellerey e dell Università di Trento -Formazione ad hoc (gestita dall Iprase e/o dal nuovo Centro di Rovereto per la formazione in servizio) 33

34 Forme di coinvolgimento della scuola trentina I vari documenti di lavoro elaborati saranno sottoposti progressivamente per un confronto e validazione (a partire dal prossimo anno scolastico ) - a tutti i docenti, attraverso incontri territoriali, canali web, documenti cartacei - a tutte le scuole e CFP, a partire da un gruppo di istituti-pilota che avranno il compito di sviluppare ulteriormente parti del curricolo e contribuire alla definizione delle Linee Guida previste a supporto dell implementazione dei Piani. 34

\ ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO

\ ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO \ ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura

Dettagli

La riforma del Sistema di Istruzione Secondaria Superiore

La riforma del Sistema di Istruzione Secondaria Superiore MIUR La riforma del Sistema di Istruzione Secondaria Superiore I nuovi Licei I nuovi Istituti Tecnici I nuovi Licei Le principali novità Il nuovo sistema dei Licei MIUR - Liceo artistico (3 indirizzi a

Dettagli

ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO

ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura

Dettagli

ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO

ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO 1 Anno 2 Anno

Dettagli

ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO

ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ISTITUTI TECNICI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE ECONOMICO ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO 1 Anno 2 Anno

Dettagli

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle

SUPERIORI. GUIDA alla RIFORMA. Devo iscrivere mio figlio/a alle Devo iscrivere mio figlio/a alle La riforma parte per le sole classi prime da settembre 2010 Le iscrizioni si chiudono il 26 marzo 2010 Richiedi al Dirigente Scolastico della scuola media di tuo figlio/a

Dettagli

A cura di Michela Barsanti e Paola Pieravanti Istituto Istruzione Superiore Leopoldo Pirelli. Circolo Didattico Ada Negri. Roma 4 maggio 2010

A cura di Michela Barsanti e Paola Pieravanti Istituto Istruzione Superiore Leopoldo Pirelli. Circolo Didattico Ada Negri. Roma 4 maggio 2010 A cura di Istituto Istruzione Superiore Leopoldo Pirelli Circolo Didattico Ada Negri Roma 4 maggio 2010 STRUTTURA TECNICA PER LA MATEMATICA ss PROGRAMMA DI LAVORO DELLA PRIMA CONFERENZA LE AGENZIE DI VALUTAZIONE

Dettagli

Classe di concorso A061

Classe di concorso A061 Classe di A061 di insegnamento Licei Artistici Istituti Tecnici Istituti Professionali LICEO ARTISTICO indirizzo AUDIOVISIVO E MULTIMEDIALE Lingua e letteratura italiana Lingua e cultura straniera Storia

Dettagli

A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale

A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale 1 Obiettivi Informare gli studenti dell ultimo anno sulla riforma della scuola superiore e sulle opportunità formative del territorio.

Dettagli

Rete delle Scuole Statali della Valdichiana

Rete delle Scuole Statali della Valdichiana Rete delle Scuole Statali della Valdichiana INCONTRO FORMATIVO dei dirigenti delle scuola superiori della Valdichiana con i docenti coordinatori delle scuole secondarie di 1 grado 21 novembre 2016 ore

Dettagli

IL RUOLO DELLE ICT NEI NUOVI ISTITUTI TECNICI. Mario Fierli

IL RUOLO DELLE ICT NEI NUOVI ISTITUTI TECNICI. Mario Fierli IL RUOLO DELLE ICT NEI NUOVI ISTITUTI TECNICI Mario Fierli NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo

Dettagli

Nella Parte Prima - Sistemi formativi in Italia e nei paesi europei vanno così sostituiti i seguenti quesiti:

Nella Parte Prima - Sistemi formativi in Italia e nei paesi europei vanno così sostituiti i seguenti quesiti: Nella Parte Prima - Sistemi formativi in Italia e nei paesi europei vanno così sostituiti i seguenti quesiti: 37) L attuazione della riforma della scuola del secondo ciclo è stata attuata con: A. i Regolamenti

Dettagli

I.I.S. L.go Brodolini Pomezia Edizione 1 ALLEGATO SOMMARIO

I.I.S. L.go Brodolini Pomezia Edizione 1 ALLEGATO SOMMARIO Rev.00 13 / 01 /2016 Pagina 1 di 7 SOMMARIO Sommario SOMMARIO... 1 1. CORSI OFFERTI DALL IIS E PROFILI DELLE QUALIFICHE IN USCITA... 2 2. ISTITUTO PROFESSIONALE... 3 2.1. INDIRIZZO Produzioni Industriali

Dettagli

BREVE RIASSUNTO SULLA RIFORMA DELLA SCUOLA

BREVE RIASSUNTO SULLA RIFORMA DELLA SCUOLA BREVE RIASSUNTO SULLA RIFORMA DELLA SCUOLA Il SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO si articola in due cicli: il primo comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado le ex elementari e le medie;

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N. Regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito

Dettagli

NUOVI ORDINAMENTI E SPERIMENTAZIONE

NUOVI ORDINAMENTI E SPERIMENTAZIONE NUOVI ORDINAMENTI E SPERIMENTAZIONE Padova, 30 gennaio 2009 Gianna Miola - USR Veneto Revisione degli ordinamenti scolastici prevista dal Piano Programmatico (art. 64 del DL 112/2008 convertito dalla legge

Dettagli

Quadri orari settimanali

Quadri orari settimanali Quadri orari settimanali I quadri orari qui riportati si riferiscono esclusivamente ai piani di studio elaborati dal Ministero e sono espressi in per settimana. L effettiva quantificazione di assegnate

Dettagli

SCHEDA ISTITUTI TECNICI

SCHEDA ISTITUTI TECNICI Schede sintetiche sulla riforma dell Istruzione secondaria di secondo grado SCHEDA ISTITUTI TECNICI Fabrizio Reberschegg, dal Centro Studi della Gilda degli insegnanti, febbraio 2010 www.gildavenezia.it

Dettagli

Orientamento scolastico

Orientamento scolastico Orientamento scolastico Rete Istituzioni scolastiche Comunità di Valle della Vallagarina e Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri 17 novembre 2011 Ricerca - mt 1 passaggi separazione tra studio-lavoro-ricerca

Dettagli

I.I.S. L.go Brodolini Pomezia Edizione 4 SOMMARIO

I.I.S. L.go Brodolini Pomezia Edizione 4 SOMMARIO Pagina 1di 8 SOMMARIO 1 CORSI OFFERTI DALL IIS E PROFILI DELLE QUALIFICHE IN USCITA... 2 2 INDIRIZZO Produzioni Industriali e artigianali (Tecnico Chimico Biologico)... 3 2.1 INDIRIZZO Manutenzione e assistenza

Dettagli

Linee guida II biennio e quinto anno

Linee guida II biennio e quinto anno Linee guida II biennio e quinto anno Le Linee Guida per il secondo biennio e il quinto anno degli Istituti Tecnici e degli Istituti Professionali sono strutturate in una introduzione, in cui sono richiamati

Dettagli

Riforma della scuola secondaria superiore. Gilda degli Insegnanti ASSEMBLEE 29 GENNAIO 2010

Riforma della scuola secondaria superiore. Gilda degli Insegnanti ASSEMBLEE 29 GENNAIO 2010 Riforma della scuola secondaria superiore Gilda degli Insegnanti ASSEMBLEE 29 GENNAIO 2010 Tempi di attuazione Anno Scolastico 2010-11 E stato espresso parere critico da CNPI, Conferenza Unificata Stato

Dettagli

Istituti Professionali

Istituti Professionali I nuovi Istituti Professionali Schema di regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito

Dettagli

IIS ALTIERO SPINELLI ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO ISTITUTO PROFESSIONALE settore SERVIZI

IIS ALTIERO SPINELLI ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO ISTITUTO PROFESSIONALE settore SERVIZI sede mezzi di trasporto accessibilità studenti disabili presentazione scuola titoli di studio rilasciati Indirizzi di studio Istituto Tecnico Indirizzi di studio Istituto Professionale IIS ALTIERO SPINELLI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI

ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI, COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE SERVIZI e INDUSTRIA

Dettagli

Promuovere le scelte

Promuovere le scelte LOGO Promuovere le scelte Piano di orientamento a cura dell U.S.R. per l Umbria - a.s. 2010/2011 Umbertide (Pg) - Narni (Tr) 27 e 28 gennaio 2011 L impianto, i settori, gli indirizzi del secondo ciclo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B

ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI DISCIPLINE ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI INDIRIZZI DEI SETTORI:

Dettagli

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali:

Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro. Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Sintesi delle Linee Guida per l Alternanza Scuola-Lavoro Il potenziamento dell alternanza scuola-lavoro segue tre direttrici principali: Lo sviluppo dell orientamento per studenti dell ultimo anno (anche

Dettagli

RIORDINO DEI REGOLAMENTI DEL SECONDO CICLO ( RIFORMA GELMINI)

RIORDINO DEI REGOLAMENTI DEL SECONDO CICLO ( RIFORMA GELMINI) ALLEGATO N 9 AL P.O.F. A.S. 2015 /2016 RIORDINO DEI REGOLAMENTI DEL SECONDO CICLO ( RIFORMA GELMINI) La Riforma degli Istituti Tecnici, Professionali e dei Licei è partita il 20 settembre 2010 e coinvolge

Dettagli

Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro

Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro Sintesi delle Linee guida per l alternanza scuola-lavoro a cura di Francesco Celentano Francesco Celentano 1 Le tre direttrici del potenziamento dell alternanza scuola-lavoro Lo sviluppo dell orientamento

Dettagli

Oggetto: Riunione dei Dipartimenti disciplinari

Oggetto: Riunione dei Dipartimenti disciplinari Circolare n. 8 Pachino, 04/09/2017 Ai Docenti Al Personale A.T.A. Al sito web dell Istituto Oggetto: Riunione dei Dipartimenti disciplinari I Dipartimenti disciplinari sono convocati presso la sede centrale

Dettagli

Allegato C Istituti Professionali

Allegato C Istituti Professionali Allegato C Istituti Professionali ISTITUTI PROFESSIONALI INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI DISCIPLINE ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI

Dettagli

Allegato C Istituti Professionali

Allegato C Istituti Professionali Allegato C Istituti Professionali ISTITUTI PROFESSIONALI INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI DISCIPLINE ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI

Dettagli

COMPETENZE PER LA NUOVA SCUOLA SUPERIORE. Franca Da Re

COMPETENZE PER LA NUOVA SCUOLA SUPERIORE. Franca Da Re COMPETENZE PER LA NUOVA SCUOLA SUPERIORE Franca Da Re A. L ordinamento scolastico italiano attuale Laurea specialistica Laurea triennale 2 3 2 Formazione Tecnica Superiore esame di stato Secondo ciclo

Dettagli

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI INDIRIZZI DEI SETTORI: SERVIZI e INDUSTRIA E ARTIGIANATO

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI INDIRIZZI DEI SETTORI: SERVIZI e INDUSTRIA E ARTIGIANATO ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI INDIRIZZI DEI SETTORI: SERVIZI e INDUSTRIA E ARTIGIANATO DISCIPLINE ORE ANNUE 1 biennio 2 biennio quinto anno 1 2 3 4 5 50/A A-13 Lingua e letteratura

Dettagli

Istruzione Professionale

Istruzione Professionale Istruzione Liceale I percorsi liceali non preparano a una professione come i percorsi tecnici e professionali; gli insegnamenti sono comunque attinenti a un settore di interessi (artistico piuttosto che

Dettagli

Ragioni e Sfide del Cambiamento

Ragioni e Sfide del Cambiamento Ragioni e Sfide del Cambiamento Schema di decreto lgs. concernente la definizione delle norme generali e dei livelli essenziali di prestazione relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione

Dettagli

Dopo la terza media dove vado?

Dopo la terza media dove vado? Dopo la terza media dove vado? Il sistema scolastico e formativo A cura del C.O.S.P Centro di Orientamento Scolastico e Professionale Via Bardassano, 5a - 10132 Torino tel. 011 01138750 - cosp@comune.torino.it

Dettagli

Indirizzi curricolari e Profili professionali

Indirizzi curricolari e Profili professionali Indirizzi curricolari e Profili professionali Con l anno scolastico 2010/11 è entrato in vigore il riordino degli Istituti Tecnici (Decreto del Presidente della Repubblica n. 88 del 15 marzo 2010), per

Dettagli

AZIONI DI ACCOMPAGNAMENTO AL RIORDINO DEI LICEI Allegato n.1 SCHEDA PER LE AZIONI DI INFORMAZIONE/FORMAZIONE I nuovi ordinamenti dei Licei, in vigore a partire dalle prime classi funzionanti nell anno

Dettagli

III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, Settembre 2013

III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, Settembre 2013 III COLÓQUIO INTERNACIONAL SOBRE EDUCAÇÃO PROFISSIONAL E EVASÃO ESCOLAR, Belo Horizonte, 11-13 Settembre 2013 Il caso dell Italia Arduino Salatin (Università Cà Foscari e Università IUSVE, Venezia) 1 La

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N. Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico dei licei ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge

Dettagli

SCHEMA ORARIO SETTIMANALE. IT Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni

SCHEMA ORARIO SETTIMANALE. IT Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Albert Einstein Vimercate (MB) QUADRI ORARIO SCHEMA ORARIO SETTIMANALE IT Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica MATERIA Classe 1 a Classe 2 a Classe 3 a Classe 4

Dettagli

LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE

LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione Patrizia Zanella I.C. don Bosco Monticello Conte Otto LA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE Tutti gli studenti, a conclusione

Dettagli

E DOPO? TERZA MEDIA... Dott.ssa Laura Onofaro - Dr. Marco Vassallo -

E DOPO? TERZA MEDIA... Dott.ssa Laura Onofaro - Dr. Marco Vassallo - ASSOCIAZIONE DAGUS Psicologi per l individuo, la famiglia, la scuola TERZA MEDIA... E DOPO? Dott.ssa Laura Onofaro - laura.onofaro@virgilio.it Dr. Marco Vassallo - vassallo.marco@gmail.com LE NUOVE SUPERIORI

Dettagli

L ARCHITETTURA DELL OFFERTA FORMATIVA (Istruzione Secondaria di secondo grado Istruzione e Formazione Professionale)

L ARCHITETTURA DELL OFFERTA FORMATIVA (Istruzione Secondaria di secondo grado Istruzione e Formazione Professionale) Istruzione Secondaria di secondo grado Istruzione e Formazione Professionale L ARCHITETTURA DELL OFFERTA FORMATIVA 2017 COME UTILIZZARE QUESTO STRUMENTO Lanciare la presentazione, quindi usare il mouse

Dettagli

ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia La riforma scolastica attuata dal MIUR per gli Istituti Tecnici e descritta nelle Linee Guida per il passaggio al nuovo

Dettagli

Un progetto di Unità di Apprendimento (UDA)

Un progetto di Unità di Apprendimento (UDA) Un progetto di Unità di Apprendimento (UDA) Simone Giusti La progettazione dei percorsi per unità di apprendimento Ciascuna Commissione dicono le Linee guida dovrà impegnarsi nella progettazione per unità

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE PAOLO DIACONO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

CONVITTO NAZIONALE PAOLO DIACONO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CONVITTO NAZIONALE PAOLO DIACONO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2011-2012 PIANI ORARIALI DEI LICEI *** LICEO SCIENTIFICO LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE

Dettagli

NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO MIRIAM CORNARA - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE LECCO

NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO MIRIAM CORNARA - UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE LECCO NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO LICEI Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo Musicale e Coreutico Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Liceo delle Scienze

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

ISCRIZIONI A.S. 2013/14 ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO REGIONE MARCHE

ISCRIZIONI A.S. 2013/14 ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO REGIONE MARCHE ISCRIZIONI A.S. 2013/14 ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO REGIONE MARCHE 1.1 Iscrizioni alle prime classi delle scuole secondarie di II grado della Regione Marche, per provincia, a.s. 2013/14 PROVINCIA

Dettagli

REVISIONE DELL ESAME di QUALIFICA PROFESSIONALE

REVISIONE DELL ESAME di QUALIFICA PROFESSIONALE Servizio istruzione e formazione del secondo grado, Università e ricerca I.S. Esami di Stato REVISIONE DELL ESAME di QUALIFICA PROFESSIONALE 2015-2016 Trento, 11 novembre 2015 Ufficio pedagogico-didattico

Dettagli

I.T.I.S. MAGISTRI CUMACINI

I.T.I.S. MAGISTRI CUMACINI I.T.I.S. MAGISTRI CUMACINI CHI SIAMO INFORMAZIONI DOVE SIAMO PROGETTI P.O.F. PERCORSO FORMATIVO I.T.I.S. MAGISTRI CUMACINI UN BIGLIETTO SICURO PER IL MONDO DEL LAVORO E L UNIVERSITÀ www.magistricumacini.it

Dettagli

Sommario. Istituto Tecnico Industriale E. Ferrari (pre-riforma)

Sommario. Istituto Tecnico Industriale E. Ferrari (pre-riforma) Sommario Istituto Tecnico SETTORE TECNOLOGICO Enzo Ferrari Corso comune (2 anni) Indirizzo CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (3 anni) Indirizzo MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA (3 anni) Istituto Tecnico

Dettagli

Ragioni e Sfide del Cambiamento

Ragioni e Sfide del Cambiamento Ragioni e Sfide del Cambiamento Schema di decreto lgs. concernente la definizione delle norme generali e dei livelli essenziali di prestazione relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione

Dettagli

I.T. A. PARADISI. per il Settore Economico. Amministrazione, finanza e marketing BIENNIO UNICO. -progetto ESABAC

I.T. A. PARADISI. per il Settore Economico. Amministrazione, finanza e marketing BIENNIO UNICO. -progetto ESABAC Via Resistenza, 700 41058 Vignola (MO) Web:http://www.scuolaparadisi.org E-mail: segreteria@scuolaparadisi.org dirigentelm2.0@gmail.org Centralino: Tel. 059/774050 059/772860 I.T. A. PARADISI per il Settore

Dettagli

ISTITUTI TECNICI - INDICE DELLE LINEE GUIDA

ISTITUTI TECNICI - INDICE DELLE LINEE GUIDA ISTITUTI TECNICI - INDICE DELLE LINEE GUIDA 1) Il metodo di lavoro: costruire l applicazione dei nuovi ordinamenti dialogando con le scuole 2) Il quadro di riferimento nazionale e comunitario (apprendimento

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino

Dettagli

ITIS Montani Fermo Tel fax

ITIS Montani Fermo Tel fax ITIS Montani Fermo Tel.0734 622632-fax.0734 622912 w w w.istitutomontani.it PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO+ 5 ANNO 1 Anno 2 Anno L indirizzo si sceglie all atto dell iscrizione al primo MECCANICA, MECCATRONICA

Dettagli

SPERIMENTAZIONE - quattro anni Liceo SCIENTIFICO Liceo ARTISTICO. Istituto TECNICO. Istituto PROFESSIONALE.

SPERIMENTAZIONE - quattro anni Liceo SCIENTIFICO Liceo ARTISTICO. Istituto TECNICO. Istituto PROFESSIONALE. SPERIMENTAZIONE - quattro anni Liceo SCIENTIFICO Liceo ARTISTICO Istituto TECNICO Istituto PROFESSIONALE Per prenotare uno STAGE ORIENTATIVO presso il nostro Istituto telefonare alla signora STELLA 045

Dettagli

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena per la Grafica ed il Sistema Moda Corsi Professionali Regionali di Grafica e Moda Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Prot. A00DPIT n. 272 Roma, 14 marzo 2011

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Prot. A00DPIT n. 272 Roma, 14 marzo 2011 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Prot. A00DPIT n. 272 Roma, 14 marzo 2011 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Oggetto:

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. MAJORANA ROSSANO (CS) PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA AA. SS. 2016-2019 Revisione 1 Gennaio 2016 ARTICOLAZIONE DEL POF PARTE I LA SCUOLA E LA REALTÀ TERRITORIALE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino 2. Greco LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO SEZIONE SPORTIVA

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA DI SECONDO CICLO IN PROVINCIA DI CREMONA AMBITO CREMASCO

L OFFERTA FORMATIVA DI SECONDO CICLO IN PROVINCIA DI CREMONA AMBITO CREMASCO L OFFERTA FORMATIVA DI SECONDO CICLO IN PROVINCIA DI CREMONA AMBITO CREMASCO PROPOSTE PER L ANNO L 2012/2013 Crema, 17/11/2011 Provincia di Cremona Settore Lavoro, Istruzione e Politiche Sociali 1 Obbligo

Dettagli

IPOTESI QUADRI ORARI NUOVI ISTITUTI PROFESSIONALI PRIMO BIENNIO

IPOTESI QUADRI ORARI NUOVI ISTITUTI PROFESSIONALI PRIMO BIENNIO IPOTESI QUADRI ORARI NUOVI ISTITUTI PROFESSIONALI PRIMO BIENNIO Area generale comune a tutti gli indirizzi ASSI CULTURALI Monte ore Biennio Discipline di riferimento Asse dei linguaggi 462 ore Italiano

Dettagli

FIDAE Veneto. Il sistema dei Licei, degli Istituti tecnici e Professionali nella riforma Gelmini. Dr. Sergio Govi. Padova 18 settembre 2009

FIDAE Veneto. Il sistema dei Licei, degli Istituti tecnici e Professionali nella riforma Gelmini. Dr. Sergio Govi. Padova 18 settembre 2009 FIDAE Veneto Il sistema dei Licei, degli Istituti tecnici e Professionali nella riforma Gelmini Dr. Sergio Govi Padova 18 settembre 2009 Contesto di riferimento Le ragioni remote del cambiamento - Emergenza

Dettagli

Istituto Comprensivo di Lariano Scuola Media Inferiore Statale Achille Campanile anno scolastico

Istituto Comprensivo di Lariano Scuola Media Inferiore Statale Achille Campanile anno scolastico Istituto Comprensivo di Lariano Scuola Media Inferiore Statale Achille Campanile anno scolastico 2016-17 Secondo Collaboratore del DS prof.ssa Formisano Cristina FS Continuità e Orientamento prof.ssa Imbimbo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento stralcio per la definizione dei piani di studio provinciali relativi ai percorsi del secondo ciclo e per la disciplina della formazione in apprendistato per l espletamento

Dettagli

Il nostro Istituto Tecnico dopo la Riforma

Il nostro Istituto Tecnico dopo la Riforma Il nostro Istituto Tecnico dopo la Riforma Amministrazione Finanza e Marketing Servizi Informativi Aziendali Relazioni Internazionali per il Marketing Turistmo Primo Biennio Il primo biennio è in comune

Dettagli

INDIRIZZI E QUADRI ORARI

INDIRIZZI E QUADRI ORARI INDIRIZZI E QUADRI ORARI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Articolazione meccanica e meccatronica Meccanica, macchine ed energia 4(2) 4(2) 4(2) Tecnologie meccaniche di processo e prodotto 5(2) 5(3) 5(3)

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI

ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI ISTITUTI PROFESSIONALI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI, COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE SERVIZI DISCIPLINE

Dettagli

FERMIEREDIA.IT. Via Passo Gravina, 197 Via del Bosco, 43 Catania tel.: Eredia. Fermi

FERMIEREDIA.IT. Via Passo Gravina, 197 Via del Bosco, 43 Catania tel.: Eredia. Fermi Fermi F Eredia E FERMIEREDIA.IT Via Passo Gravina, 197 Via del Bosco, 43 Catania tel.: 095-336781 Elettronica Elettrotecnica ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO Settore industria e Artigianato MANUTENZIONE

Dettagli

PARTE A LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE

PARTE A LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE PARTE A LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE 25 Articolazione del primo ciclo di istruzione DEFINIZIONE DEI CURRICOLI Il primo ciclo, che comprende i primi otto anni dell obbligo di istruzione di durata decennale,

Dettagli

Il Liceo Vittorio Emanuele II

Il Liceo Vittorio Emanuele II Il Liceo Vittorio Emanuele II si propone come luogo di crescita educativa, culturale e professionale dei giovani e offre agli allievi pari opportunità di istruzione e formazione, assicurando standard formativi

Dettagli

Prot. 230/C Roma, 5 febbraio 2010

Prot. 230/C Roma, 5 febbraio 2010 Prot. 230/C Roma, 5 febbraio 2010 Ai Signori Direttori Delle Associazioni Territoriali Ai Signori componenti del gruppo di lavoro Formazione Ai Signori componenti del coordinamento degli enti di formazione

Dettagli

REGOLE INDIRIZZI FORMATIVI

REGOLE INDIRIZZI FORMATIVI ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Arti figurative ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Architettura e ambiente ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Design ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Audiovisivo

Dettagli

Il sistema di Istruzione e formazione Professionale Della Regione Lombardia. ordinamento e fisionomia

Il sistema di Istruzione e formazione Professionale Della Regione Lombardia. ordinamento e fisionomia Il sistema di Istruzione e formazione Professionale Della Regione Lombardia ordinamento e fisionomia Castellanza 22 febbraio 2010 Roberto Vicini 1 ordinamento 2 quale IeFP? l alternativa: canale residuale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione Scienze applicate in 4 anni

LICEO SCIENTIFICO opzione Scienze applicate in 4 anni ISTITUTO D ISTRUZIONE MARTINO MARTINI LICEO SCIENTIFICO opzione Scienze applicate LICEO SCIENTIFICO opzione Scienze applicate in 4 anni LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione Economico

Dettagli

SPERIMENTAZIONE - quattro anni Liceo SCIENTIFICO Liceo ARTISTICO. Istituto TECNICO. Istituto PROFESSIONALE.

SPERIMENTAZIONE - quattro anni Liceo SCIENTIFICO Liceo ARTISTICO. Istituto TECNICO. Istituto PROFESSIONALE. SPERIMENTAZIONE - quattro anni Liceo SCIENTIFICO Liceo ARTISTICO Istituto TECNICO Istituto PROFESSIONALE Per prenotare uno STAGE ORIENTATIVO presso il nostro Istituto telefonare alla signora STELLA 045

Dettagli

FINALITA. Comprendere la realtà nella molteplicità dei suoi aspetti

FINALITA. Comprendere la realtà nella molteplicità dei suoi aspetti FINALITA Comprendere la realtà nella molteplicità dei suoi aspetti Promuovere atteggiamenti razionali, creativi, progettuali e critici di fronte alle molteplici situazioni, fenomeni e problemi Acquisire

Dettagli

Istituti Tecnici. I nuovi

Istituti Tecnici. I nuovi I nuovi Istituti Tecnici Schema di regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti Tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla

Dettagli

Il riordino degli istituti tecnici

Il riordino degli istituti tecnici ITIS G.Galilei Arezzo, 22 ottobre 2009 Il riordino degli istituti tecnici Arduino Salatin (direttore Iprase del Trentino) 1 Sommario Il quadro della riforma del secondo ciclo Lo stato dell arte relativamente

Dettagli

AL LICEO GIULIO CESARE SCELTA FRA 3 CURRICOLI 2. CLASSICO CAMBRIDGE A.U.R.E.US. 3. CLASSICO CAMBRIDGE PER LE SCIENZE

AL LICEO GIULIO CESARE SCELTA FRA 3 CURRICOLI 2. CLASSICO CAMBRIDGE A.U.R.E.US. 3. CLASSICO CAMBRIDGE PER LE SCIENZE AL LICEO GIULIO CESARE SCELTA FRA 3 CURRICOLI 1. CLASSICO 2. CLASSICO CAMBRIDGE A.U.R.E.US. 3. CLASSICO CAMBRIDGE PER LE SCIENZE 1 1. CLASSICO MATERIA IV V I LICEO II LICEO III LICEO LINGUA E LETTERATURA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE OFFERTA FORMATIVA di ISTRUZIONE - A.S

PROGRAMMAZIONE OFFERTA FORMATIVA di ISTRUZIONE - A.S Ambito territoriale di Ravenna autonome Ordine istruz. Settore Indirizzi di studio Articolazioni / OPZIONI Istituto Tecnico Geometri ITG "C. Morigia" - ITAS "L.Perdisa" Agraria, Agroalimentare e Agroindustria

Dettagli

Requisiti di accesso classi di abilitazioni corrispondenza con precedenti classi di concorso. Nuova classe di concorso e di abilitazione e

Requisiti di accesso classi di abilitazioni corrispondenza con precedenti classi di concorso. Nuova classe di concorso e di abilitazione e Nuova classe di concorso e di abilitazione e Requisiti di accesso classi di abilitazioni corrispondenza con precedenti classi di concorso Codice Denominazione Vecchio Lauree Lauree Ordinamento Specialistiche

Dettagli

Il liceo che ti mette al centro

Il liceo che ti mette al centro Il liceo che ti mette al centro Liceo Scientifico Il percorso del liceo Scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione delle conoscenze

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante norme concernenti il riordino degli istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008,

Dettagli

PERCORSI DI STUDIO E QUADRI ORARI

PERCORSI DI STUDIO E QUADRI ORARI PERCORSI DI STUDIO E QUADRI ORARI L Istituto Tecnico Economico e Tecnologico offre i seguenti percorsi di studio Settore ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni Internazionali per il Marketing

Dettagli

PIANO DEGLI STUDI del LICEO ARTISTICO indirizzo ARTI FIGURATIVE

PIANO DEGLI STUDI del LICEO ARTISTICO indirizzo ARTI FIGURATIVE PIANO DEGLI STUDI LICEO ARTISTICO indirizzo ARTI FIGURATIVE Allegato B Anno Lingua e letteratura italiana 50/A 132 46/A Storia e geografia 50/A Storia 50/A Filosofia 36/A Matematica * 49/A Scienze 60/A

Dettagli

I.I.S. Mattei di Fiorenzuola d Arda

I.I.S. Mattei di Fiorenzuola d Arda ISTITUTO STATALE d ISTRUZIONE SUPERIORE Mattei Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato Istituto Tecnico Economico Istituto Tecnico Tecnologico Liceo Scientifico Liceo Scienze Umane Via P.

Dettagli

a.s. 2017/2018 Liceo Linguistico Liceo Scienze Umane Liceo Economico - Sociale OPEN DAY LA DOMENICA IL SABATO

a.s. 2017/2018 Liceo Linguistico Liceo Scienze Umane Liceo Economico - Sociale OPEN DAY LA DOMENICA IL SABATO LICEI ISABELLA GONZAGA CHIETI a.s. 2017/2018 Liceo Linguistico Liceo Economico - Sociale OPEN DAY LA DOMENICA dalle ore 9.30 alle ore 12.30 15 gennaio, 22 gennaio, 29 gennaio e 5 febbraio IL SABATO dalle

Dettagli

QUALE SCUOLA DOPO LA TERZA MEDIA? Istituto Comprensivo Via Lamarmora - Lainate

QUALE SCUOLA DOPO LA TERZA MEDIA? Istituto Comprensivo Via Lamarmora - Lainate QUALE SCUOLA DOPO LA TERZA MEDIA? LA RIFORMA DELLA SCUOLA SUPERIORE IL QUADRO NORMATIVO MOTORE DELLA RIFORMA Decreto-legge n 112 del 25 giugno 2008 art. 64 'Disposizioni in materia di organizzazione scolastica'

Dettagli

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

SETTEMBRE ESAMI INTEGRATIVI ED IDONEITA (08/09 10/09) DIPARTIMENTI DISCIPLINARI GIORNO ATTIVITA N ORE SETTEMBRE 01.09.2015 Ore 09,00 12,00 Aula Montalcini COLLEGIO DOCENTI 1) Approvazione verbale seduta precedente; 2) Designazione dei collaboratori e del vicario del dirigente scolastico;

Dettagli

Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento

Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento Codice di A 01 Arte e immagine 28/A Scuola secondaria di I grado Arte e immagine A 02 Danza classica* Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica Tecniche della danza Laboratorio coreutico Laboratorio

Dettagli

GLI INDIRIZZI DELL ISTITUTO PROFESSIONALE

GLI INDIRIZZI DELL ISTITUTO PROFESSIONALE GLI INDIRIZZI DELL ISTITUTO PROFESSIONALE Dall anno scolastico 2010/2011 il riordino del secondo ciclo ripartisce gli istituti professionali in due settori: il settore dei servizi e il settore industria

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCERNENTE REGOLAMENTO RECANTE INTEGRAZIONI AL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 MARZO 2010, N. 88, CONCERNENTE IL RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING I CURRICOLI GLI INDIRIZZI DELL ISTITUTO TECNICO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING I CURRICOLI GLI INDIRIZZI DELL ISTITUTO TECNICO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING I CURRICOLI GLI INDIRIZZI DELL ISTITUTO TECNICO Dall scolastico 2010/2011 il riordino del secondo ciclo suddivide l istruzione tecnica in due settori, uno economico

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.FORTUNATO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.FORTUNATO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.FORTUNATO Sezioni associate LICEO CLASSICO G. FORTUNATO - PISTICCI ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO - indir. INFORMATICA e TELECOMUNICAZIONI - PISTICCI ISTITUTO

Dettagli