Venerdì 20 marzo 1987

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Venerdì 20 marzo 1987"

Transcript

1 Venerdì 20 marzo 1987 Oggi mediteremo sul grande Sacramento della CONFESSIONE. Siamo numerosi e Padre Mulassano si rallegra constatando la frequenza abituale di tanti amici agli incontri di via Nizza l8b. Ci incontriamo ogni venerdì da buoni fratelli, consapevoli che solo colloquiando possiamo costruire qualcosa, possiamo migliorare noi stessi e la società. ANTONELLA ci legge un brano del Vangelo di Luca (18, 9-14). Parabola del fariseo e del pubblicano Poi Gesù raccontò.un altra parabola per alcuni che si ritenevano giusti e disprezzavano gli altri. Disse: Una volta c erano due uomini: uno era fariseo e l altro era esattore delle tasse. Un giorno salirono al tempio per pregare. Il fariseo se ne stava in piedi e pregava cosi tra sé: O Dio, ti ringrazio perché io non sono come gli altri uomini: ladri, imbroglioni, adulteri, io sono diverso anche da quell esattore delle tasse. Io digiuno due volte alla settimana e offro al tempio la decima parte di quello che guadagno. L agente delle tasse invece si fermò indietro e non voleva neppure alzare lo sguardo al cielo. Anzi si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me: sono un povero peccatore! Vi assicuro che l esattore delle tasse tornò a casa perdonato; l altro invece no. Perché chi si esalta sarà abbassato; chi invece si abbassa sarà innalzato. Padre MULASSANO commenta il brano, che ci

2 presenta due personaggi: - Un fariseo, fiero di sé stesso, conscio di rispettare le leggi religiose e sociali. Un pubblicano, consapevole della propria povertà morale, dalla quale si sente schiacciato, tanto da non osare alzare la testa e da non saper far altro che chiedere perdono. Ebbene: quest ultimo uscirà perdonato dal tempio, mentre il primo ne uscirà carico di un nuovo peccato: quello dell orgoglio. L atteggiamento giusto per un cristiano è, in fatti, quello di chinare il capo e di chiedere perdono, e il modo migliore di farlo è quello dì ricorrere alla Confessione. Padre MULASSANO ci chiede di esprimere il nostro parere sulla Confessione: è una cosa bella o no? È facile o difficile? PEPPINO la ritiene giusta, poiché è certo che ci aiuta a liberarci di un peso che ci opprime l anima. Lo ha provato lui stesso: dopo la Confessione ha sentito come un tappo che esce dalla bottiglia ed egli si è ritrovato diverso, capace di agire meglio. Padre MULASSANO evidenzia tre risultati essenziali della Confessione: l) Liberarsi 2) Guardare gli altri con ocelli diversi 3) Sentirsi migliori MARIA ha provato anch ella la gioia della Confessione, ma ha un dubbio, nato da una sua esperienza: una sua conoscente, Andreina, ha scontato 20 anni di prigione, pur essendo innocente. Il vero colpevole aveva confessato il suo peccato solo al prete: è giusto che il sacerdote non abbia discolpato l innocente? Padre MULASSANO riconosce che questo è un problema grave e delicato; chiarisce però con fermezza che il segreto del confessionale è inviolabile nel modo più assoluto. UGO osserva che è difficile seguire i dieci comandamenti, soprattutto gli ultimi sette. Padre MULASSANO è d accordo con lui, ma cerca di spiegare il concetto, non semplice, che la difficoltà nel rispettare i dieci comandamenti non è implicita in essi, ma deriva dalla debolezza della natura umana, incline al male a causa del peccato originale. Spinto dalla sua natura debole, l uomo è portato ad agire male, a non rispettare i comandamenti: per fortuna però esiste la Confessione, il Sacramento che riconcilia il peccatore pentito con Dio e che li risolleva e lo aiuta ad imboccare la via del bene. UGO ribadisce la sua idea: è facile seguire solo i primi tre comandamenti.

3 Stiamo discutendo di concetti astratti e difficili da interiorizzare, da comprendere nella loro realtà profonda. E bello però che il problema ci appassioni tutti, perché ciò vuol dire ci tutti noi sentiamo dentro un impulso a migliorarci, ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di un aiuto superiore per rialzarci. Questo aiuto Dio ce lo offre con la Confessione, sorgente di forza nuova. Non ha importanza se i nostri peccati sono il furto, la bestemmia, 1 offesa (i più gravi secondo GIOVANNI) o altri, l importante è mettersi nell atteggiamento del pubblicano, nell atteggiamento di chi sa di aver sbagliato e chiede perdono al Signore e vuole incontrarlo. MICHELE ha capito; infatti ribadisce che la Confessione serve solo se chi la fa è convinto di essere peccatore e non importa quali peccati egli abbia commesso. Padre MULASSANO ribadisce il concetto di Michele: chi si confessa deve essere convinto di incontrare un Dio estremamente buono e misericordioso, deve riconoscere i propri peccati che però non gli saranno rinfacciati, perché il Signore dimentica l errore di cui l uomo si pente in modo sincero. TAMARA vorrebbe sapere quale è il comandamento più difficile da seguire. Non possiamo però darle una risposta: tutti i comandamenti sono infatti difficili da seguire per chi non vede il volto di Cristo, per chi non è capace di pregare. Bello è il paragone di Aldo: la strada che il cristiano deve seguire è ardua, ma egli riesce ad arrampicarsi anche con le unghie pur di raggiungere la cima, pur di incontrare Dio. Il punto di partenza del nostro cammino è infatti l accettazione o il rifiuto del Signore. GIOVANNI B. riflette sul comandamento non uccidere, incompatibile con il concetto della guerra. ALDO si sente molto coinvolto dal problema, infatti è agitato e nervoso. Si può essere, secondo lui, contrari alla violenza, ma comunque costretti ad imbracciare un arma ed a sparare, se si è minacciati in prima persona o se è minacciato qualche membro della famiglia. Padre MULASSANO fa osservare che non solo con le armi si uccide, ma anche con la lingua (la calunnia), con l odio, col disprezzo. Questo sarebbe un panorama devastante, se Dio non irraggiasse sugli uomini la sua misericordia. Vi sono però purtroppo persone che non comprendono il valore immenso di. questo Sacramento, che lo trascurano e lo

4 considerano un abitudine o un esibizione. TAMARA sottolinea infatti la diminuzione della pratica della Confessione e ne attribuisce la causa al fatto che nel confessore si è portati a vedere l uomo coi propri difetti, indegno quindi ad accogliere confidenze, a consigliare e soprattutto ad assolvere. Padre MULASSANO chiarisce che il sacerdote è sì un uomo come tutti gli altri ma un uomo che ha ricevuto una consacrazione che agisce perciò nel nome del Signore. Non è 1 uomo-confessore che assolve, ma Dio stesso, il quale riversa su chi si confessa la sua amicizia attraverso il sacerdote. ALDO udendo queste parole, è colto da un dubbio: se il prete è un uomo come gli altri può peccare come ogni altro essere umano... in questo caso a chi si rivolge per essere assolto? La risposta è ovvia: ad un altro sacerdote ; ma è una risposta che non persuade a fondo il nostro amico, che intravede così una scala che non finisce mai, che porta fino al Papa, il quale, essendo rappresentante di Dio, dovrebbe - secondo Aldo - potersi confessare solo direttamente col Signore. Padre MULASSANO gli fa osservare però che non solo il Papa, ma ogni sacerdote rappresenta Dio quando celebra la Santa Messa o impartisce i Sacramenti, sia egli santo o peccatore in quanto uomo. È chiaro che il prete dovrebbe dare il buon esempio sempre, purtroppo però la sua natura umana lo può indurre a sbagliare e perciò anch egli deve confessarsi; anche il Papa si confessa. Esiste oggi un grave problema, sollevato ancora una volta da Aldo: la forte diminuzione di vocazioni che fa sì che in alcuni piccoli paesi, per esempio, manchi il sacerdote. Come faranno i paesani a confessarsi? GIOVANNI B. tenta di trovare una soluzione potrebbero confessarsi per telefono. Ma Padre MULASSANO respinge con fermezza l idea di Giovanni: la Confessione è un sacramento, è una questione troppo seria per poter essere affidata ad un microfono. GIOVANNI fa una bella professione li fede: egli detesta il furto, e l offesa, la bestemmia. Nonostante le gravi difficoltà il cui vive, egli non cade in questi peccati: non si adira e non bestemmia neanche quando, come oggi, è riuscito a mangiare solo un misero piatto di piselli. MARIANGELA sente che la Confessione è un qualcosa che prende dentro. Essa serve solo se si è convinti del valore dell atto che si compie, convinti profondamente. Padre MULASSANO coglie al volo la parola

5 convinzione e rivolge una domanda provocatoria a tutti noi: immaginiamo che tra i presenti ci siano tre persone non convinte del valore della Confessione, cosa faremo noi, quali parole rivolgeremo loro? GIANNA pensa che tutti i cristiani credenti debbano essere convinti che la confessione è indispensabile. È importante però - secondo lei - conoscere bene il sacerdote, sentirlo amico, instaurare con lui un dialogo costante e costruttivo. ANTONELLA è del parere che la confessione non possa essere imposta, ma debba essere sentita, altrimenti non avrebbe senso. VALERIA pone l accento sulla bellezza di una confessione fatta in solitudine, senza esibizionismo. UGO suggerisce di pregare tutti insieme per chi non crede. ALDO è ancora un po scettico e dubita che Dio non faccia preferenze verso chi. prega. Suor Teresa che ha seguito il nostro incontro, è molto contenta dell interesse che tutti noi abbiamo dimostrato per un argomento così profondo, bello e difficile insieme. La discussione è stata animata, ma molto corretta; ognuno ha potuto esprimere liberamente il proprio pensiero, nel pieno rispetto di tutti i presenti, anche di quelli di parere diverso. È questo un esempio di vera democrazia, uguaglianza e maturità. Stiamo maturando tutti insieme ed è evidente che i problemi religiosi, quali quello odierno della Confessione, ci catturano molto più di quanto noi pensiamo, altrimenti non saremmo capaci di tanta intensa partecipazione. Il sacramento della Confessione - ci ricorda Suor Teresa - è una delle cose più belle che Dio ci ha dato, una delle più consolanti. Chi ha compiuto il male è in lotta col mondo, con se stesso, è divorato dall angoscia, ma Dio, attraverso il confessore gli dice vai in pace e la pace scende su di lui e lo libera e lo rende capace di essere portatore di pace anche verso il prossimo. Il Vangelo è pieno di esempi di peccatori, sinceramente pentiti, perdonati e portatori di amore e di pace (la Samaritana, la Maddalena). La Confessione dovrebbe cambiare la nostra vita, perché, attraverso questo sacramento, Dio, e non il prete, ci perdona e il perdono divino è ben diverso da quello umano. L uomo perdona ma non dimentica, per il Signore le due cose si identificano: il pentimento sincero cancella completamente il peccato e da questa certezza scaturisce un senso di pace immensa per chi., pur avendo sbagliato, incontra Dio e a Lui si affida.

6 Venerdì 2 marzo 1987 Oggi siamo così numerosi che gli ultimi arrivati stentano a trovare posto nella nostra sala troppo piccola. Tra noi ci sono alcuni amici non cattolici, perché appartenenti alla fede mussulmana, ed altri, che, come GIOVANNI V., preferirebbero parlare di questioni sociali, anziché religiose. Ad essi sì rivolge Padre MULASSANO, pregandoli di aver pazienza e spiegando loro che gli incontri del venerdì in Via Nizza l8b sono di formazione religiosa: chi non ha interesse per tali argomenti può allontanarsi, ma chi resta deve rispettare lo spirito dell incontro e non deve disturbare l assemblea. È questo un appello che viene lanciato ogni venerdì: oggi finalmente sembra che tutti lo abbiamo recepito, perché la riunione si svolge nella massima calma e nel più grande spirito di collaborazione ed amicizia. ANTONELLA legge, in apertura, il brano del Vangelo in cui San Luca narra l episodio del figliol prodigo (Luca 15-1, 3-11,32) Un uomo aveva due figli. Il più giovane disse al padre: Padre,dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanza vivendo da dissoluto. Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci: Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava. Allora rientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni. Partì e si incamminò verso suo padre. Quando era ancora lontano, il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio- gli disse: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato. E cominciarono a far festa. Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò. Il servo gli rispose: E tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo. Egli si indignò, e non voleva entrare. Il padre allora uscì a pregarlo. Ma lui rispose a suo padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito a un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso. Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far

7 festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed e stato ritrovato. È questo uno dei brani in cui maggiormente si manifesta l amore paterno di Dio verso noi uomini, suoi figli, in particolare verso coloro, tra noi, che più hanno peccato, ma si pentono sinceramente del loro errore. Per pentirci e ritornare al Padre quale periodo è più opportuno di quello della Quaresima? Nella nostra chiesa di via Nizza, giovedì l6 aprile ci sarà una funzione penitenziale durante la quale tutti noi avremo la possibilità di riavvicinarci al Padre e di chiedergli perdono delle nostre debolezze, certi di essere accolti da Lui con gioia, come il figliol prodigo fu accolto dal padre suo. Padre MULASSANO sottolinea i due temi fondamentali del brano del Vangelo letto da Antonella: - la bontà del padre - il coraggio del figlio nell abbandonare la vita peccaminosa e tornare dal padre a chiedergli perdono, senza nulla pretendere. Il Vangelo è pieno di esempi di peccatori pentiti, primo tra essi Pietro, e tutti vengono perdonati quando riconoscono il loro errore. Il Sacramento della Confessione dà anche a noi la possibilità di riavvicinarci a Dio con animo puro e di essere da Lui accolti a braccia aperte. Bisogna però prepararsi bene alla Confessione, non si può improvvisarla e fare un elenco indifferente dei propri peccati, occorre il pentimento sincero e il fermo proposito di non ricadere più nella colpa. PIERLUIGI riconosce che non è facile confessarsi bene. Per 20 anni egli non si è avvicinato a tale Sacramento, ma ultimamente ha scoperto il suo errore e la grandezza della Confessione, che non è solo una recita dei peccati quotidiani, ma soprattutto un atto di umiltà nei confronti del Signore. Egli vorrebbe abolire i Confessionali, che sente come barriere tra il Sacerdote e il penitente. PEPPINO non si confessa da 4 mesi, però persiste nello sforzo di migliorarsi, va sempre a Messa e fa la Comunione, chiedendo perdono di cuore a Cristo. Commette in tal modo peccato? Padre MULASSANO osserva che è una buona cosa chiedere perdono a Dio al termine di una giornata, perché più siamo consapevoli di aver sbagliato, più siamo nella misericordia del Signore. Ma da dove ricaviamo la chiara consapevolezza dei nostri errori? Certamente non dal confronto con gli altri uomini, bensì guardando i 10 Comandamenti, confrontandoci con Cristo, vedendolo in Croce a

8 causa dei nostri peccati. In tal modo non potremo minimizzarli. GIOVANNI V è persuaso che il peccato si paghi inesorabilmente prima o poi. Invece Padre MULASSANO ha un immensa fiducia nella misericordia divina vorrebbe dare a Giovanni questa sua fiducia, convinto che così gli farebbe il regalo più bello. Purtroppo però GIOVANNI ritiene il discorso ipocrita ed è persuaso che Padre Mulassano parli così perché costretto dal suo ruolo di sacerdote. ALDO ritiene che sia difficile fare una buona confessione, perché a volte si dimenticano dei peccati, a volte non si ha il coraggio di rivelarli al sacerdote per un senso di vergogna, in quanto si vede nel prete l uomo. Padre MULASSANO tranquillizza Aldo per quanto riguarda i peccati dimenticati : contrariamente a quanto crede Giovanni V. il Signore non ci aspetta al varco per farci pagare le nostre dimenticanze. Egli accetta con gioia ciò che gli viene sinceramente offerto! I nostri incontri del venerdì ci hanno aiutato a prepararci seriamente alla Confessione; non turbiamoci se dimentichiamo qualche colpa, ciò che conta è la buona fede. Confesseremo la prossima volta ciò che oggi non abbiamo ricordato. Diverso è il ragionamento per quanto riguarda l omissione volontaria di qualche peccato a causa della vergogna. E bene considerare che il sacerdote è anch egli un uomo e come tale soggetto alle tentazioni e agli errori. Nulla lo scandalizza o lo meraviglia, egli può solo ringraziare Dio di non essersi trovato nelle stesse condizioni del penitente, perché in quel caso, forse non avrebbe agito in modo migliore. Comunque se non ci si sente di confessarsi seriamente è meglio non farlo. Padre MULASSANO ci dà un altro suggerimento: se abbiamo timore di non riuscire a fare una buona confessione, diciamolo al sacerdote e chiediamogli di aiutarci. Non illudiamoci però di poter fare a meno del sacerdote, perché Dio ha voluto che passassimo attraverso il suo ministro, per darci un segno tangibile del Suo perdono. MICHELE ci ricorda che Gesù disse ai discepoli (Gv. 20, 19-3l) Riceverete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi, a chi non li rimetterete resteranno non rimessi.

9 Il nostro incontro di venerdì 3 aprile dovrebbe essere riservato alla visione delle diapositive sulla passione e morte di Gesù. Il proiettore però ci ha fatto un brutto scherzo e si è guastato. Peccato! Non ci perdiamo tuttavia d animo ed ascoltiamo con fede ed entusiasmo le parole di Suor Teresa che ci fanno rivivere, anche senza l aiuto di immagini visive, le ultime tappe della vita terrena di Cristo, dall istituzione dell Eucarestia, alla condanna, alla passione e alla morte. Tutti noi conosciamo i fatti, ma ora siamo invitati a riflettere su di essi per ricavarne un insegnamento di vita, una consolazione, la forza di reagire al male, all ingiustizia. Gesù, prima di noi, ha provato l angoscia del tradimento e quella della solitudine ed ha desiderato allontanare da sé 1 amaro calice, perché la sua umanità si ribellava,, come si ribella la nostra, al dolore fisico e morale: Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice! Ma subito dopo Egli aggiunge Però non come voglio io, ma come vuoi tu!. È la sublime accettazione della volontà del Padre, è un messaggio che Gesù ci ha lasciato e possiamo esser certi che Egli non abbandonerà chi ha il coraggio di seguirlo. Quante persone senza coraggio troviamo sul cammino di Cristo verso la croce! Pilato, che, come tanti potenti, non riesce a sacrificare il proprio benessere per far trionfare la giustizia, gli Apostoli, che non accompagnano il Maestro verso il Calvario, la folla che aveva applaudito Gesù ed aveva beneficiato del Suo aiuto e dei suoi miracoli e che ora decreta la sua morte. Ci dobbiamo quindi vergognare di appartenere alla stirpe umana, così irriconoscente e priva di pietà e di amore? No, perché c è un gesto di amore che ci riscatta, quello di Veronica, che asciugò il volto sofferente di Cristo sulla via del Calvario. Finché esiste una Veronica in questo mondo, esiste l amore e la pietà e possiamo aprire il nostro cuore alle speranze. Non c è errore che non si possa riscattare con un gesto di amore e di pentimento sincero e l episodio dei due ladroni lo dimostra. Il racconto della morte di Gesù commuove MICHELE, che si sente colpevole, come ogni altro peccatore, della morte di Cristo e scoppia in lacrime. ALDO invece è del parere che non serva piangere, perché Dio non guarda le lacrime, ma il cuore degli uomini". GEORGES osserva che sarebbero bastate due parole di Gesù per salvarsi. Suor Teresa replica che Egli non le ha dette,

10 perché voleva soffrire per tutti noi. UGO riflette sull istituzione dell Eucarestia, che è l atto d amore più grande di Gesù. GIOVANNI si chiede perché Gesù non si sia difeso. Suor Teresa osserva che questa stessa domanda fu posta ai tempi di Cristo e che molti se la pongono ancora. In realtà quello di Gesù è un esempio dato a tutti coloro che vogliono seguirlo accettando in nome Suo amarezze, irriconoscenze ed offese. UGO conclude con una bella riflessione Siamo fortunati e trovarci qui tra amici, a riflettere su Cristo. Molti vorrebbero poterlo fare e non possono. L incontro si chiude con un momento di silenzio e di riflessione sulla sofferenza di Gesù e di tutta l umanità. Venerdì 10 Aprile 1987 Finalmente il nostro proiettore ha deciso di funzionare e di permetterci così di vedere le diapositive sulla passione e morte di Gesù, alle quali la settimana scorsa abbiamo dovuto rinunciare. Venerdì 4 abbiamo già percorso insieme le ultime tappe della vita terrena di Cristo, quindi oggi ci limitiamo a meditare, con l aiuto di Suor Teresa, su ogni immagine che passa davanti ai nostri occhi. La prima ci presenta Gesù accusato ingiustamente, come accade purtroppo anche oggi a tanti fratelli. Egli non si ribella però, non alza la mano contro chi sbaglia, dando ci così un esempio da seguire, sia pure con tanta fatica ed eroismo. La seconda mostra Gesù condannato a morte e pronto a scontare le colpe di tutti noi uomini, Lui innocente. È un esempio per tutti coloro che scrollano le spalle di fronte alle sofferenze altrui e che pensano tanto non tocca a me! Nella terza vediamo Cristo caricato della Croce, una croce che racchiude in sé le sofferenze di tutta l umanità e che è così pesante da farlo cadere. Quanti popoli soccombono al peso della schiavitù, quanti uomini cadono sotto quello dell ingiustizia! Gesù non li ha lasciati soli col loro carico schiacciante.

11 La quarta immagine rappresenta l incontro della Madonna col figlio ormai sfigurato dalle sofferenze. Maria crede in lui e con il suo amore gli infonde forza per continuare. Anche noi, nei momenti più tragici, possiamo trovare una persona amica che ci dà il coraggio di rialzarci. Guardiamo comunque sempre alla Madonna, che, incontrando Gesù, ha incontrato tutta l umanità sofferente. La quinta diapositiva mostra Cristo spogliato delle vesti. Le vesti sono il simbolo dell egoismo, della cupidigia di ricchezze, di successo... Spogliamoci anche noi di queste vesti che ci impediscono di essere veramente liberi! Nella sesta immagine vediamo Gesù inchiodato alla Croce; lui innocente, condannato alla morte più vergognosa. Ed è allora che lancia al Signore il grido accorato: Dio mio, perché mi hai abbandonato? Un grido che riecheggia purtroppo ancora tanto in questo nostro mondo: proviene dal cuore di tanti affamati, carcerati, sofferenti. Ma Cristo aggiunge: Padre, perdona loro... Chiediamoci quanto noi sappiamo perdonare torti ben inferiori a quelli subiti da Gesù. Ed ecco la settima diapositiva: Gesù deposto nel sepolcro. Qui Egli resterà solo tre giorni, prima di risorgere e salire al cielo. Guardiamo oltre la morte, per scorgere la vita eterna e la speranza. MOHAMED che ha seguito con attenzione il nostro incontro, osserva che i cristiani mettono sulle tombe una croce, simbolo di sofferenza, mentre i mussulmani scrivono solo un epitaffio. Suor Teresa spiega che la croce non è solo un segno di sofferenza, ma anche, e soprattutto, di speranza e di resurrezione. Ma MOHAMED non è affatto convinto, anzi è persuaso di aver letto nel Corano che la crocifissione e la morte di Cristo non sono fatti reali. Inutilmente Suor Teresa cerca di spiegargli che si tratta invece di una verità storicamente provata ed accettata non solo dai cristiani. ALDO fortunatamente per lui, non ha dubbi sul fatto che la morte di Gesù è il segno della fine delle sue sofferenze e dell inizio di una nuova vita. PIERA è lieta di aver insegnato ai suoi figli a fare il segno della Croce ogni volta che avevano paura. VINCENZO ricorda un episodio della sua fanciullezza: gravemente ammalato ad una gamba, andò in visita ad un santuario... e ne uscì guarito. MICHELE chiude l incontro con una bella e profonda riflessione: la nostra sofferenza è nulla in confronto a quella di dolore e troveremo la forza per risollevarci.

12 La nostra famiglia del 18b ha fatto insieme un lungo cammino, impegnativo, faticoso a volte, perché cosparso di non poche difficoltà, tutte superate però, con tanta buona volontà, tanto amore, tanta disponibilità. Abbiamo meditato insieme su argomenti difficili e profondi: l importanza della preghiera, il potere vivificatore e consolatore dei Sacramenti, il significato del cammino di Gesù verso la Croce e la Resurrezione... All inizio qualche scintilla di egoismo ci ha impedito di discorrere e di scambiarci le nostre opinioni in tutta serenità: la sofferenza che pesava sulle nostre spalle soffocava la voce del nostro animo... ma poi cos è successo? Le sofferenze non sono diminuite, ma la voce dell anima ha gridato più forte, tanto forte da superare il grido di amarezza, di sconforto,..di ribellione, e ci siamo ritrovati TUTTI ad aspettare con ansia il venerdì per rincontrarci, per stringerci insieme, guidati da Padre Mulassano e da Suor Teresa, ai piedi della Croce. Cos è successo? Non ci siamo più sentiti soli, abbiamo trovato dei fratelli capaci di amarci, di comprenderci, di condividere i nostri problemi quotidiani e, soprattutto, abbiamo imparato ad alzare i nostri occhi verso Dio, a cercarlo, ad affidarci a Lui. E LUI non si lascia mai invocare invano, e sempre si fa trova re sul cammino di chi lo cerca. Insieme lo abbiamo cercato, insieme ci sforziamo di avvicinarci a Lui, però non dobbiamo lasciarci, perché il nostro cammino è più facile se lo percorriamo per mano, anche perché tutti possiamo sbagliare a causa della nostra debolezza di uomini, però tutti ci possiamo risollevare se troviamo un amico vero accanto a noi, un amico che ci ricordi che il Signore è amore e perdono Con questo spirito comunitario ci avviciniamo alla funzione penitenziale del Giovedì Santo, e a quella dell adorazione della Croce del Venerdì Santo.

13 Se qualcuno vuol venire con me, smetta di pensare a sé stesso, ma prenda ogni giorno la sua croce e mi segua e noi, venerdì 17 aprile 1987, prendiamo la nostra croce e seguiamo Gesù; sono croci pesanti, tuttavia tanti di noi sono così generosi da non portare solo la propria, ma di aiutare anche i1 vicino a portare la sua, come il Cireneo ha fatto con Gesù. Si innalzano preghiere per i defunti, i sofferenti, per gli emarginati, per gli stranieri, per i carcerati... la presenza di Cristo in mezzo a noi è vivissima, ed Egli ci unisce più che mai. E ORA? Hai partecipato alla funzione del venerdì Santo nella chiesa di via Nizza? Ormai sono molti anni che ricordiamo la morte di Cristo insieme. È la celebrazione più significativa dell anno per i poveri del l8b. I poveri sono coloro che capiscono di più Cristo che muore in croce, perché hanno sofferto anche loro. Sono le persone che devono spiegare al mondo il fatto della crocifissione. Che cosa ti ha detto questa cerimonia? Tu che hai contemplato a lungo il Cristo sulla croce, tu che gli hai toccato la corona di spine quasi per levargliela, tu che gli hai accarezzato il volto come per consolarlo, tu che gli hai baciato le piaghe. Che cosa hai provato? Sono certo che l hai chiamato amico. Tra amici ci si capisce anche senza tante parole. Hai visto sul suo volto, sulle sue spalle tutti i mali del mondo, anche i tuoi. E gli hai chiesto perdono.

14 L hai fatto anche per gli altri? Forse ti sei arrabbiato con chi l ha messo in croce. Ti è venuta voglia di fare qualcosa per lui. Non si può guardare la croce, specialmente al Venerdì Santo, e non sentire dentro una voglia sincera di fare qualcosa per Lui. Che cosa hai desiderato? Che cosa hai deciso? Stargli più vicino. Che cosa gli puoi dare tu che sei povero, a Lui che ha tutto? Lui ti chiede il cuore. Cerca di volermi più bene, lascia che io ti ami, ti dice. Ti chiede un amore più grande per i fratelli, come ha fatto Lui. Ti chiede il perdono. Non dirgli di no. Signore come te non c è nessuno! Ti voglio seguire di più, voglio camminare con Te. Aiutami Padre G. Mulassano PASQUA Hai ricevuto degli auguri dagli amici. Anch io! Che cosa è stata la Pasqua per te? La Pasqua è la risurrezione di Cristo, è invito a stare uniti a Lui per risorgere anche noi. Anche un povero può trovare la forza di stare unito a Cristo. Siamo invitati a tenere più presenti le cose che vengono da Dio: l amore, la pace, il perdono, la preghiera. La Pasqua ci vuole gente nuova. Quando vieni al l8b a volte sei vestito male, sporco, assonnato perché non hai trovato dove dormire, sembri più vecchio. Appena lavato, con un abito nuovo, sei un altra persona: più bello, più giovane, quasi non ti si riconosce. È quello che Cristo ci chiede dopo la sua risurrezione, di seguirlo, di diventare uomini o donne nuove. Vuole che deponiamo l abito vecchio, sporco e stracciato e vestiamo l abito nuovo. Vuole che diventiamo uomini e donne nuove. Che cosa vuol dire? Cristo ci invita a deporre tutto ciò che abbiamo nella mente e nel cuore di poco buono: invidia, rancore, sesso per rivestirci di bene: voglia di

15 scusare, voglia di pregare, di aiutare. Ho conosciuto più di una persona che è venuta al 18b come persona vecchia, ha aperto il suo cuore, si è liberato di tante miserie, ha accettato con cuore aperto i consigli fraterni e cristiani che le venivano offerti, ed ha ripreso il cammino come persona nuova, è diventato un altro. Vorrei che avvenisse questo anche per te! Vieni anche tu al l8b a deporre l uomo vecchio. Se non deponi quello che hai, per te non c è niente da fare. Deponi la tua alterigia, la tua superbia, il tuo orgoglio, le tue pretese assurde, la tua impazienza, la tua falsità. Sono solo una maschera, ma che ti impediscono di diventare un uomo nuovo. Vieni al 18b con umiltà, con la voglia di cambiare, non tanto con la. pretesa di far cambiare il mondo. Troverai Cristo risorto! E risorgerai anche tu! Padre G. Mulassano

16 MARIA Penso che questo numero uscirà in maggio e allora mi viene una domanda per tutti : chi è Maria per te? Per me Maria è un nome molto caro! E il nome della Madonna, mi fa pensare a mia madre, a una madre attenta, premurosa, buona. Mi ricorda la sua presenza alle nozze di Cana, quando toglie quei giovani sposi dai pasticci, mi fa pensare alla sua presenza ai piedi della croce di Cristo, quando tanta gente imprecava senza capire e lei l unica che capiva e taceva. Ma con il suo silenzio custodiva il Signore. Mi fa pensare alla sua presenza tra gli apostoli spaventati mentre li incoraggiava. E li incoraggiava la preghiera. La vedo sempre in atteggiamento di aiuto. Una vera madre! Se penso che anche noi siamo tante volte nei pasticci, in tanti pasticci, fa piacere sentire la mano materna di Maria posarsi sul nostro capo inquieto. Non siamo soli ad affrontare la vita. C è anche Lei con noi. A volte noi siamo come i figli che abbandonano la famiglia e poi si arrabbiano perché sono soli. Non allontaniamoci da Lei, cerchiamola con il pensiero, con la preghiera. Lei ci porta a incontrare suo Figlio e nostro fratello Gesù Cristo. Voglio dire a tutti, specialmente a quelli che si sentono soli, che hanno una madre in Cielo che li pensa, che li ama, che li vuole salvare. Maria, madre di Cristo e madre nostra, guarda al 18b, quanta gente passa! Sono tutti tuoi figli. E tutta gente con tanti problemi. Se qualcuno non t invoca, ti prego io per loro, ti pregano tanti altri per loro. Ci sono tanti poveri che vengono al 18b e ti vogliono bene e ti pregano. Ascoltali. Guarda anche quelli che sono pieni di amarezza e di astio verso tutti, sono i più poveri. Da loro un po di serenità e a tutti una grande fiducia in te e la voglia di pregarti. Che tutti, come bambini, alla sera si addormentino tra le tue braccia, col tuo ricordo. Padre G. Mulassano

17 PREGHIERA Nella mia penosa meschinità io vacillante tremando mi prostro, supplicando l Iddio divinità, con fede, chiamandolo Padre Nostro. Si riconoscendo gli altri fratelli, rappacifico ribellione in terra, e animato da propositi belli, invocare al Padre eterna salvezza. Intercedendo ognuno per l altrui gente, e alla forza di devota preghiera, essendo figli d uguale sorgente otterremmo consolazione vera. Vivere la vita in contemplazione, secondo l insegnamento di Gesù, di duol avere trasfigurazione agognando serenità quaggiù. Gallo Michele SPERANZA Nazaren crocifisso per le mie nefandezze cade con tante asprezze per togliermi d abisso. Da spine coronato squarciato fu costato, suo corpo flagellato, da sassi lapidato. Pie donne dolorate per lugubre cammino lo piangono vicino da pianto amareggiate. Nell universo splende lucente luminosa la croce speranzosa che salvezza riaccende. MICHELE GALLO

18 Madre di Dio e dì tutti gli uomini. Tu sai che il giorno dell Immacolata Concezione ho fatto una promessa di non pronunciare più delle parolacce contro di te e di tutti i Santi e credo di esserci riuscito al cento per cento, o quasi, con la mia volontà ma soprattutto col tuo aiuto sono ritornato di nuovo bambino, e come un bambino pieno di fede e di speranza. Ti chiedo di concedere la Grazia a tutti i toui figli che te la chiedono perché credono in te, Madre Misericordiosa, anch io ti chiedo con tutta 1 anima e la fede che ho in te di farmi la grazia di guarire da questo male che mi ha colpito; so di non meritare la tua Grazia per il mio passato ma tu che vedi in me la mia ritrovata fede e speranza puoi darmi questa Grazia; se poi non avrò la Grazia che ti chiedo non perderò più la fede e la speranza perché vivere con la fede e la speranza la vita è tanto bella. ISIDORO

19 UNA CROCE Contemplo una lignea croce un nudo segno incrociato. Oh! Strazio! con morte atroce spirò Cristo Immacolato. Niuno maledì sua voce ma fu per arti inchiodato. L Essere d amor face su da duol dilaniato. RESURREZIONE Vinta la morte, è risorto, all Eterno è ritornato. Prima tra ladroni morto ora d angeli attorniato. Gloriosamente è asceso a celestiale dimora; così chi di credo è acceso d eternità certo è.,ora. Per nostra cattività di sua membra fece dono, a nostra meschinità. Elargì immane condono per martirio di deità da schiavitù a perdono MICHELE GALLO Scampanio, festosamente annunzia resurrezione, così l alma gioiosamente aspira benedizione. Sia gloria Signore, osanna per sua magnanimità ci ha salvati da condanna per somma benignità. MICHELE GALLO

20 Anche quest anno siamo giunti alla fine dei nostri incontri settimanali. Trarre le conclusioni non è facile, perché ogni incontro è stato un qualcosa di speciale, e mai un venerdì è stato uguale ad un altro, però la sensazione complessiva che mi è rimasta è quella di aver condiviso un qualcosa, una esperienza fatta insieme a persone che soffrono e che mi hanno dato molto. Infatti tutte le volte ho sempre cercato di mettermi a confronto con loro, con le cose che dicevano e ogni volta ho conosciuto un aspetto nuovo, loro e mio. Ho visto la semplicità nel dire le cose, anche le più intime e personali, ho visto la voglia di conoscere Gesù Cristo senza passare attraverso complicati ragionamenti filosofici o di logica, ho sentito la presenza di Dio in mezzo a noi, specialmente quella volta che abbiamo parlato dell azione dello Spirito Santo nella Cresima. Quel giorno ognuno di noi è arrivato con i propri problemi, con le proprie croci più o meno pesanti, lo si vedeva dai volti. Quando è finito il nostro incontro qualcuno ha intonato una canzone e tutti sono uniti a lui; le croci sono rimaste sempre le stesse, ma :il Signore ha messo nei cuori la gioia e la speranza, e, devo confessarlo, quella volta ho faticato a non far trapelare la mia commozione. Per tutto questo mi sento di ringraziare il Signore che mi ha fatto vivere questa esperienza, mi sento di lodarlo e benedirlo perché si fa sempre presente e ha cura di noi, specialmente quando siamo nella sofferenza, nella disperazione, nella morte. Quello che chiedo al Signore per me e per tutti coloro che partecipano ai nostri incontri, è un aiuto particolare per non disperdere in questo tempo tutto quello che abbiamo ricevuto e di ritrovarci a settembre di. nuovo tutti insieme per condividere i doni del Signore. ANTONELLA

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA

SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA SPERARE CONTRO OGNI SPERANZA 1 INCONTRO LA PAROLA: dal Vangelo secondo Luca 23, 33-49 La domanda che nasce spontanea dalla lettura del testo sembra quasi banale: Ma come puoi tu portare salvezza, portare

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor!

Osanna al Figlio di David, osanna al Redentor! 1-PADRE, PERDONA Signore, ascolta: Padre, perdona! Fa che vediamo il tuo amore. 1 A te guardiamo, Redentore nostro, da te speriamo gioia di salvezza: fa che troviamo grazia di perdono. 2 Ti confessiamo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli