Padre Vincenzo Lumetta: missionario fra i bambini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Padre Vincenzo Lumetta: missionario fra i bambini"

Transcript

1 Padre Vincenzo Lumetta: missionario fra i bambini di Sandro Incurvati - ottobre 2009 Padre Vincenzo Lumetta Padre Vincenzo Lumetta, sacerdote siciliano nato nel1957 a Partinico, provincia di Palermo, con più di venti anni di esperienza di missione in Brasile, dirige o Bairro da Juventude dei Padri Rogazionisti, che accoglie, educa e forma scolasticamente e professionalmente circa 1200 bambini strappati alla vita di strada delle favelas di Criciuma, storicamente centro carbonifero nel sud dello stato di Santa Catarina, in Brasile. Ho avuto l'opportunità di conoscere Padre Vincenzo in occasione di uno spettacolo teatrale di un gruppo veronese, a Nova Veneza, una delle roccaforti della immigrazione veneta, a pochi minuti da Criciuma. Dopo alcuni scambi di parole, io e Padre Vincenzo siamo subito entrati in sintonia. Spinto dalla voglia di sapere di più sul lavoro da lui svolto a favore dei bambini delle favelas, gli ho proposto di concedermi una intervista per il portale ItaliaCatarinense. Vincenzo si è immediatamente messo a disposizione; in attesa che iniziasse lo spettacolo teatrale, ci siamo seduti in una stanzetta minuscola nella sagrestia del Santuario di Nostra Signora di Caravaggio, e abbiamo iniziato la registrazione. Vincenzo, mi racconti come sei arrivato a questa tua esperienza brasiliana? Entrai in seminario a 12 anni presso i Padri Rogazionisti, il cui fondatore è Sant'Annibale Maria di Francia che si adoperò molto per i bambini poveri e per gli orfanelli, specialmente dell'area di Messina. Fin dall'inizio della mia formazione in seminario manifestai la mia aspirazione di diventare un giorno missionario, obiettivo che realizzai quando a 31 anni, ordinato sacerdote, fui mandato in Brasile, dove forte era la richiesta di aiuto per i bambini poveri. Ormai sono già 20 anni che sto qui, lavorando, in maniera particolare in mezzo ai bambini poveri, i bambini di strada, i bambini che hanno piu' bisogno. Sempre nel sud del Brasile o sei stato in altri posti? Nei primi due anni sono stato qui a Criciuma, poi dopo un periodo nelle favelas di San Paolo e

2 Curitiba, sono tornato qui, dove in realtà mi sono maggiormente identificato con l'opera che stiamo svolgendo. Attualmente sono direttore amministrativo del Villaggio del Fanciullo, in portoghese Bairro da Juventude, che accoglie 1200 minori dall'età di 3 mesi fino ai 18 anni. Abbiamo l'asilo nido, la scuola materna, le elementari, le medie, fino alle scuole di avviamento professionale. La nostra principale finalità è prevenire, togliere questi ragazzi dalla strada, aiutarli a costruire il loro futuro. E' l'unica possibilità per spezzare questa catena di povertà dovuta allo squilibrio sociale che caratterizza un po' tutte le città brasiliane e la società brasiliana in genere. Diamo al fanciullo la possibilità di studiare, di mangiare, e nello stesso tempo li avviamo al lavoro attraverso l'apprendimento di un mestiere, per poi essere artefici e protagonisti del loro futuro. Qual'è la percentuale di inserimento nella società e nel mondo lavorativo dei ragazzi che compiono 18 anni e escono dall'istituto? Circa il 70%. Come è cresciuta, nel tempo, la struttura? La nostra istituzione, che ormai ha già sessantanni, è stata fondata dai primi missionari italiani. Con il tempo abbiamo ampliato le strutture e migliorato i progetti educativi. Inizialmente avevamo l'internato, appena 60 ragazzi che vivevano qui. Oggi abbiamo il seminternato, ossia i ragazzi passano tutta la giornata da noi, e la sera tornano in famiglia; adesso siamo arrivati a Se avessimo piu' posti, noi ne accoglieremmo anche 3 o 4 mila. Le necessità sono grandi, tantissime mamme bussano alla nostra porta per trovare un posto per i loro figli. Come è strutturata la giornata, per i ragazzi? La mattina presto facciamo il giro delle favelas per raccogliere i ragazzi. Usiamo dei grossi pulmann, che ci sono stati mandati dagli Stati Uniti, i classici scuola-bus gialli. Appena arrivati all'istituto, i ragazzi fanno colazione, poi inizia la scuola. Rimangono da noi fino alle Consumano 5 pasti al giorno: la colazione, la merenda, il pranzo, la merenda di pomeriggio, e poi la cena. Per avere un'idea, noi consumiamo giornalmente più di 70 kg di riso, 30 di fagioli, 100 di carne, 120 litri di latte. Immagina una frittata con più di 1000 uova! Abbiamo un refettorio con 500 posti a sedere. E' bello vedere quando si radunano tutti quanti. Ed è bello vederli contenti di mangiare, di essere insieme a noi. Tanti bambini vengono a digiuno la mattina. Spesso domando Avete fatto colazione? Avete preso il caffe'? Avete preso il caffè preto, o il caffè con il latte?. Alcuni bimbi rispondono Non ho mangiato niente, altri rispondono Ho bevuto il caffè nero, cioè praticamente acqua e zucchero. Passano con noi tutta la giornata. Sono impegnati dapprima con la scuola vera e propria, poi con progetti educativi, laboratori, officine, dove i ragazzi apprendono altre attività complementari, fanno i compiti, fanno scuola di musica, canto corale, jazz, assistono a film con finalità educativa. In pratica, svolgendo queste attività, hanno la possibilità di non stare in mezzo la strada.

3 In pratica hanno in questo modo stimoli culturali, di socializzazione, di corretto relazionamento con i coetanei e con gli adulti, di rispetto delle regole. Hanno la possibilità di valorizzare le loro potenzialità altrimenti inespresse. Certo, questo è una cosa molto importante. Questi ragazzi, nella loro semplicità, hanno un potenziale e una vivacità impressionante, un potenziale intellettuale,artistico, e anche sportivo. Pensa, una delle nostre bambine, all'età di appena 10 anni, senza aver fatto alcun tipo di allenamento, ha vinto i 100 e 200 metri piani in una competizione studentesca a livello statale. Abbiamo successivamente indicato questo talento naturale all'università di Criciuma, che oltre a seguirla nella carriera sportiva, le assegnerà una borsa di studio. Se questi bambini fossero rimasti per strada, non avrebbero la possibilita' di inserirsi, di avere una prospettiva, un futuro. La nostra finalità, come diceva anche il nostro fondatore, è quella di prevenire questi ragazzi e di canalizzare il loro potenziale dal punto di vista educativo. A parte l'opera di prevenzione, vi capita di avere anche dei ragazzi che purtroppo già hanno maturato esperienze forti di violenza, in famiglia o per la strada? Capita che i ragazzi subiscano violenze dentro casa, sia in senso fisico che morale; purtroppo succede che la stessa famiglia, frequentemente, quasi protegge questa violenza. Noi lo veniamo a scoprire attraverso gli stessi bimbi. A volte notiamo alcuni che non producono più a livello scolastico, o notiamo cambiamenti nel comportamento. Per esempio, una volta c'è stato un caso di una bambina che è stata violentata dal patrigno con la complicità della nonna. La bambina, che era fra le più attive nel coro, quel giorno non cantava, stava in disparte. La abbiamo chiamata in disparte, si è messa a piangere, si è confidata con noi, e la storia è venuta a galla. Abbiamo anche casi di bambini che sono piccoli infrattori. In questi casi cerchiamo di controllare la situazione, purtroppo non siamo ancora strutturati da un punto di vista pedagogico per lavorare a questo livello. In questi casi la cosa che possiamo fare è stare vicino ai ragazzi, educarli, e tentare di coinvolgere nel processo educativo anche i genitori. Capita di avere a che fare con ragazzi che hanno avuto delle esperienze significative con l'uso o lo spaccio di droga?

4 Certamente. Abbiamo avuto anche ragazzi postini della droga. Io dico sempre che nessun bimbo è cattivo, tutti i bimbi sono buoni. Purtroppo è l'ambiente che li condiziona, nel modo di vivere, nel modo di pensare e nel modo di esprimersi. Ma fondamentalmente tutti hanno questa voglia di vivere, di sperare, di sognare, di crescere nella vita. Proprio in questi giorni stavo parlando con una nostra bambina, che vive con la nonna, insieme alla quale abitualmente viene a messa tutte le domeniche. Un giorno le ho chiesto: Perché stai con la nonna? Non vedi mai la mamma? La bambina, stringendo un pò le spalle, mi rispose minha mãe está na pedra. E' un modo di dire, tipico del linguaggio delle favelas, per dire che la madre fa uso di crack, la pedra di crack. Per lei era un fatto naturale. I bambini acquisiscono la consapevolezza di crude verità sin da giovanissimi. Da quello che ho visto, nelle favelas tutto accade alla luce del sole, qualuque cosa è un fatto pubblico, sia i bambini che gli adulti ne vengono a conoscenza. I bambini sono grandi osservatori, diventano precoci testimoni della realtà più cruda, e vivono quanto accade con estrema naturalezza. Per loro puo' essere naturale che la madre faccia la prostituta, che il padre faccia lo spacciatore, che la violenza sia presente in ogni situazione, che si usi droga, o si faccia sesso senza pudori di fronte a tutti, in case di pochi metri dove vive la famiglia intera. Non è difficile sapere che adolescenti vanno in giro con armi, come se nulla fosse. Sandro, è verissimo quello che dici; nelle favelas i bimbi crescono subito, maturano rapidamente, perche' vivono delle realta' dure e tristi nello stesso tempo, alle volte inimmaginabili. Per esempio cè il caso di 4 bambini la cui madre è prostituta. Un giorno andai a visitare questi bambini nella loro casa, e la bambina piu' piccola domando' alla piu' grande: questo signore è l'amico della mamma?. La piccola non sapeva che io ero il sacerdote che mi occupavo di loro. Questo per dire come per i bambini tutta la realtà diventa un gioco, è normale tutto quello che accade intorno a loro, e crescono con questo tipo di mentalità. Chi provvede al mantenimento finanziario dell'istituto? L'amministrazione comunale di Criciuma ci fornisce più di 60 educatori e insegnanti. Di fatto la nostra scuola è riconosciuta dall'asilo nido fino al nono anno come una scuola municipale. Siamo parceiros con il Comune, loro ci danno una mano per gli aspetti scolastici, noi li aiutiamo a gestire il problema sociale. Oltre gli insegnanti, ci fornisce alcuni alimenti come il pane, il latte, la merenda, etc. Poi abbiamo una convenzione con il Senai (Serviço Nacional de Aprendizagem Industrial) per l'insegnamento nella scuola professionale, in particolare di meccanica generale, meccanica automobilistica, panetteria e pasticceria, elettronica. Attraverso la scuola professionale, i ragazzi possono uscire dall'istituto con un titolo ufficialmente riconosciuto e possono dire: io sono meccanico, elettricista.

5 Per quanto riguarda il resto (manutenzione della scuola, luce, gas, i pulmann, 40 impiegati che lavorano direttamente per la missione) è la stessa missione che si incarica di pagare le spese. La fonte finanziaria è soprattutto la comunità locale. Facciamo pranzi di beneficienza, lotterie, abbiamo sviluppato un progetto di adozione a distanza. Abbiamo poi il marketing telefonico, svolto dalla Brasil Telecom, che ci permette di raccogliere i fondi dalla comunità attraverso la donazione di un real da scontare sulla bolletta telefonica o della luce. Immagina circa utenti: essi rappresentano una entrata di reais mensili. Come funziona l'adozione a distanza? Essendo la missione fondata da italiani, abbiamo creato un ponte preferenziale con l'italia e con la Svizzera. Stiamo però iniziando anche con altri paesi come la Francia e il Canada. Attraverso l'adozione a distanza viene fornito un contributo finanziario per poter aiutare i bambini a completare il ciclo di studi. Una famiglia italiana che volesse adottare a distanza un bambino della missione, quale esborso dovrebbe affrontare? In Italia abbiamo un contatto con una ONLUS che funge da tramite. Il contributo per una adozione sarebbe di 310 euro l'anno, in pratica con il costo di un caffè al giorno si può aiutare un bambino nel completamento dei propri studi. Basterebbe cosi poco per far felice un bambino, e per dargli la possibilita' di inserirsi nella società. Vincenzo, gia' si è fatto tantissimo attraverso la missione, e attraverso l'aiuto della comunità. Secondo te cosa si potrebbe fare di piu'? Ci sarebbero tante cose da fare. Io dico sempre che la prima cosa è conoscere, venire a trovarci, venire a vedere come funziona o bairro da juventude. Una volta che tu conosci e diventi un testimone vivente, puoi essere sia un collaboratore volontario diretto, e nello stesso tempo un portavoce di questa realtà. Gli aiuti possono essere di tanti tipi: dal volontariato diretto al finanziamento di progetti particolari. Poi si può aderire tramite le bomboniere solidali, per esempio per matrimoni, battesimi, nozze d'argento, etc. La cosa più importante però rimane la presenza fisica che ti porta a vivere e convivere con questa realtà. E' una esperienza unica; i bambini hanno una forza di attrazione che ti coinvolge talmente che rimani disarmato. Io dico sempre che l'amore vale molto di più di tanti discorsi. Un bacetto, un abbraccio, una carezza a un bambino costa così poco! Fondamentalmente questi bambini ti abbracciano perché loro hanno bisogno di affetto. Questa cosa l'ho percepita anch'io. Quando vado nell'asilo dove lavora mia moglie, per aiutarla nell'organizzazione di feste per i bambini con i fondi raccolti tra i miei amici in Italia, è emozionante essere circondato da bambini affettuosi che si accalcano, che vogliono toccarti, che vogliono che tu li tenga per mano, che ti chiamano tio, che ti sorridono. La percezione che ho in questi momenti è che hanno una grande necessità di affetto, di carinhos. Vincenzo, mi puoi dare ulteriori delucidazioni sul volontariato? Il volontariato e' un discorso aperto. La struttura offre vitto e alloggio, chi viene dall'italia deve solo pagarsi il viaggio, può rimanere il tempo che vuole. Il tempo minimo di permanenza per entrare pienamente in questa realtà è di almeno un mese, ma accettiamo anche periodi inferiori. Bisogna sapere parlare un pò di portoghese? No, il portoghese lo si apprende strada facendo, poi ci sono io che dò delle indicazioni pratiche per comunicare. Considera poi che con i bambini il portoghese si apprende rapidamente. Vincenzo, ti ringrazio per avermi consentito di conoscere questa realtà. Farò il possibile per divulgarla tramite il portale che rappresento e tramite i miei amici sparsi per il mondo.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE!

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE DIAMOCI UNA MANO PRENDENDOCI PER MANO 2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO DI 2 SETTIMANE È una forma di volontariato che

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Lezione 11. Coordinatrice didattica: Paola Baccin. Collaborazione: Sandra Gazzoni

Lezione 11. Coordinatrice didattica: Paola Baccin. Collaborazione: Sandra Gazzoni Lezione 11 Coordinatrice didattica: Paola Baccin Collaborazione: Sandra Gazzoni ALCUNI VERBI ALL INDICATIVO PRESENTE: RIPASSO Il contrario di accendere (la luce, una candela, il computer, la televisione)

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La storia di Manuela

La storia di Manuela La storia di Manuela «A 23 anni, a causa di una rettocolite ulcerosa, Ho dovuto affrontare un intervento per il confezionamento di una ileostomia, che doveva essere temporanea ma che, a causa di alcune

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11

Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 Presentazione del Progetto Scuole Anno Scolastico 2010/11 DC.DP.00.33 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE aiutare i bambini ONLUS "aiutare i bambini" è una fondazione italiana, laica e indipendente, nata

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Brasile chiama Italia

Brasile chiama Italia Brasile chiama Italia Brasile, Rio de Janeiro Nova Iguaçu favela Miguel Couto: noi siamo qui! Prima... durante... e dopo! Espaço Progredir Espaço Progredir (Spazio della crescita, del progresso) è stato

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO LE AVVENTURE DI PINOCCHIO Esercizi UNITà IV www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 La storia di Pinocchio col Grillo-Parlante, dove si vede come i ragazzi cattivi hanno a noia di sentirsi correggere

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo.

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carissimi colleghi, non è il titolo di un articolo di giornale, ma la sintesi di una esperienza vera, reale e concreta.

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

Io/tu/lei/lui noi voi loro

Io/tu/lei/lui noi voi loro CONGIUNTIVO PARTE 1 I verbi regolari. Completa la tabella: comprare finire mettere prendere mangiare aprire chiudere partire parlare cantare scrivere trovare vivere cercare dormire preferire abitare capire

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Unità 4 ESERCIZI. 1 Cameriere. U4, A e B:

Unità 4 ESERCIZI. 1 Cameriere. U4, A e B: Unità 4 ESERCIZI U4, A e B: 1 Prenotare un tavolo al ristorante. Secondo te, che cosa dice questo cameriere quando risponde al telefono? Scrivi la prima frase. Poi rimetti in ordine la telefonata tra il

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

Casa di accoglienza femminile Sagrini CARTA DEI SERVIZI

Casa di accoglienza femminile Sagrini CARTA DEI SERVIZI Casa di accoglienza femminile Sagrini FINALITA E CARATTERISTICHE DEI SERVIZI: - Garanzia di soluzione anche temporanee a bisogni di alloggio, vitto e tutela; - Contenimento dei tempi di accoglienza. NORME

Dettagli

Conversazione semi-libera

Conversazione semi-libera Titolo del file: ML05_080212.doc Pseudonimo: DAVID Partecipanti: ML05 DAVID, ML Laurence Data di registrazione: Attività svolte: conversazioni semi-libera; storia per immagini sul pesce; storia per immagini

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI

GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI GIACOMO BRUNO IL METODO 3-CLIENTI Come Crearsi dei Guadagni Esponenziali sin dal Primo Mese con un Metodo Semplice e Duplicabile 2 Titolo IL METODO 3-CLIENTI Autore Giacomo Bruno Questo libro è gratuito

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Come aiutare a scuola i bambini e ragazzi adottati

Come aiutare a scuola i bambini e ragazzi adottati S1 Come aiutare a scuola i bambini e ragazzi adottati Silvia Andrich Baselga di Pinè 2 aprile 2011 Diapositiva 1 S1 Silvia; 27/03/2011 L importanza della scuola La scuola è fondamentale per la crescita

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Contusa e felice. Intervista a Cinzia Chiarini

Contusa e felice. Intervista a Cinzia Chiarini Contusa e felice. Intervista a Cinzia Chiarini a cura di Annalisa Benedetti Si descrive parafrasando il titolo di una canzone di Carmen Consoli la vulcanica creativa Cinzia Chiarini di Pontedera (Pi),

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

Pomeriggio del 20 11-2008 Protocollo e Accoglienza Giusi Cappellini Preside dell I.C. Mazzoni e del CTP - Prato

Pomeriggio del 20 11-2008 Protocollo e Accoglienza Giusi Cappellini Preside dell I.C. Mazzoni e del CTP - Prato Pomeriggio del 20 11-2008 Protocollo e Accoglienza Giusi Cappellini Preside dell I.C. Mazzoni e del CTP - Prato Mi è stato chiesto di intervenire perché, dirigendo un istituto comprensivo del centro G.B.Mazzoni

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei

Hanno scritto: «sono partito dal Ghana nel 2010, avevo 13 anni. Ero un po spaventato all idea di viaggiare in aereo da solo, in quanto i miei LABORATORIO Emigrare da un continente all altro è difficile, è complicato lasciarsi alle spalle una vita per cominciarne un altra in un luogo sconosciuto. I ragazzi provengono da diversi stati: India,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Carlo Romanelli (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Introduzione Tematica: Costruzione, entro un budget assegnato, di un preventivo per le proprie

Dettagli

La foto della mia squadra

La foto della mia squadra La foto della mia squadra Questo libro appartiene a: La mia squadra del cuore: Il mio calciatore preferito: Il mio allenatore preferito: Pubblicato da: Associazione Svizzera di Calcio Casella postale 3000

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Disabilità in Albania: una cultura da costruire

Disabilità in Albania: una cultura da costruire Disabilità in Albania: una cultura da costruire Autore: Alban Trungu Categoria : Albania Data : 8 gennaio 2011 La Comunità Internazionale di Capodarco è una ONG italiana impegnata in Albania nel campo

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio

SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio SCUOLA MEDIA STATALE DANTE ALIGHIERI Succursale: Via Capelli, 66 Torino CLASSE 3 N Prof.ssa Pazzi Prof.ssa Tirozzio Diario di bordo Un lunedì del mese di Febbraio, la nostra professoressa di Lettere ci

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli