Mobile IP. Cosa è la mobilità? spettro della mobilità, dal punto di vista della rete:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobile IP. Cosa è la mobilità? spettro della mobilità, dal punto di vista della rete:"

Transcript

1 Mobile IP Cosa è la mobilità? spettro della mobilità dal punto di vista della rete: 1

2 Mobilità: Vocabolario!"#$""%&'#&( *. / )** ** +!"#$""%&'"$-( Mobilità: ulteriore vocabolario )**!"#$""%&'"$-(!1%"#%"2#&( 00 **!1%"#%"2#( * 2

3 Indirizzi topologicamente corretti Per progetto l'indirizzo IP di un host è stato legato all'indirizzo di una network: l'indirizzo IP è topologicamente significativo si è assunto che gli host fossero wired immobili router intermedi guardano soltanto all'indirizzo di rete (subnet prefix nelle routing table) mobilità senza un cambiamento in indirizzo IP (con indirizzo di rete quello della foreign network) risulta in pacchetti non istradabili Lo spostamento di un host su un nuovo punto di attacco in una differente subnet non può mantenere le connessioni TCP esistenti una connessione è identificata da due endpoint di comunicazione ognuno identificato a sua volta da una coppia <IP port>. cambiare indirizzo IP causa la perdita della connessione durante il cambiamento dei punti di attacco Mobilità: approcci Farla trattare dai router: i router annunciano l indirizzo attuale dei nodi mobili mediante l usuale scambio di routing table le routing table indicano dove ciascun nodo mobile è localizzato nessun cambiamento agli end-systems Lasciarla trattare agli end-systems: indirect routing: la comunicazione dal correspondent node al nodo mobile passa attraverso l home agent che la inoltra al foreign address del nodo remoto direct routing: il correspondent node ottiene il foreign address del nodo mobile dall home agent e quindi invia direttamente al nodo mobile 3

4 Mobilità: approcci Farla trattare dai router: i router annunciano l indirizzo attuale di nodi mobili mediante l usuale scambio di routing table. non scalabile le routing table indicano a milioni dove di ciascun nodo mobile è localizzato nodi mobili nessun cambiamento agli end-systems Lasciarla trattare agli end-systems: indirect routing: la comunicazione dal correspondent node al nodo mobile passa attraverso l home agent che la inoltra al foreign address del nodo remoto direct routing: il correspondent node ottiene il foreign address del nodo mobile e quindi invia direttamente al nodo mobile Mobilità mediante Indirect Routing ) ** 3**!/ ( 43 " # ) & 2 ) 4

5 Tunneling al sistema mobile HA 2 nodo mobile home network Internet 3 receiver FA foreign network CN sender 1 1. Il sender invia il pacchetto all'indirizzo IP del nodo mobile HA lo intercetta 2. HA tunnels il pacchetto a COA in questo caso FA mediante incapsulamento 3. FA decapsula il pacchetto e lo inoltra al nodo mobile Tunneling 3 "#$""% &' "$- "#$""%&'"$- 1% "#% "2# "#$""%&'"$- "#$""%&'"$- 0 1%"#%"2# 5

6 ver. IHL DS (TOS) length TTL IP identification flags IP-in-IP=4 IP address of HA fragment offset IP checksum Outer header Care-of address COA ver. IHL DS (TOS) length TTL IP identification flags lay. 4 prot. IP address of CN fragment offset IP checksum Inner header IP address of MN TCP/UDP/... payload IP-in-IP-Encapsulation TTL nell inner header è posto uguale al TTL prima di entrare nel tunnel decrementato di 1 poichè il tunnel è visto come un singolo hop dal pacchetto (il nodo mobile si comporta come se fosse attaccato alla home network) ver. IHL DS (TOS) length TTL IP identification flags IP-in-IP=4 IP address of HA fragment offset IP checksum Outer header Care-of address COA ver. IHL DS (TOS) length TTL IP identification flags lay. 4 prot. IP address of CN fragment offset IP checksum Inner header IP address of MN TCP/UDP/... payload Minimal encapsulation (opzionale) - evita la ripetizione di campi identici per es. IHL version DS (il vecchio TOS) - è applicabile soltanto a pacchetti non frammentati non è lasciato spazio per identificazione dei frammenti 6

7 ver. IHL DS (TOS) length IP identification flags TTL min. encap=55. IP address of HA Care-of address COA fragment offset IP checksum Outer header lay. 4 protoc. S reserved IP address of CN IP checksum Inner header IP address of MN TCP/UDP/... payload Minimal encapsulation Dal sistema mobile HA 4 nodo mobile home network Internet sender FA foreign network CN receiver 4. Il sender invia all'indirizzo IP del receiver come al solito FA funge da default router 7

8 Indirect Routing: commenti Il nodo mobile usa due indirizzi: indirizzo permanente: usato dal correspondent node (quindi la posizione del nodo mobile è trasparente al correspondent node) care-of-address: usato dall home agent per inoltrare i datagrammi al nodo mobile routing triangolare: correspondent home-network mobile inefficiente quando il correspondent ed il nodo mobile sono nella stessa rete Mobilità mediante Direct Routing )!( ) & ) # 2 5 " ) Si supera il problema del routing triangolare Non-trasparente al correspondent node 8

9 Indirect Routing: trasferimento tra reti Supponiamo che l utente mobile si trasferisca in un altra rete: si deve registrare presso il nuovo foreign agent il nuovo foreign agent registra all home agent l home agent aggiorna il care-of-address per il nodo mobile i pacchetti continuano ad essere inoltrati al nodo mobile (ma con il nuovo care-of-address) mobilità e cambiamento di foreign network trasparenti: le connessioni in atto possono essere mantenute! Direct Routing: trasferimento tra reti anchor foreign agent: foreign agent nella prima rete visitata i dati sono sempre istradati all anchor foreign agent quando il nodo mobile si trasferisce: il nuovo foreign agent fa in modo di farsi inoltrare i dati dal vecchio foreign agent (chaining) correspondent " correspondent agent anchor foreign agent 5 & 2 nuovo foreign agent foreign net visitata all inizio della sessione # nuova foreign network 9

10 CN HA FA old FA new MN Update da HA a CN Data Data Data Update ACK Routing triangolare Data Data Tunneling diretto da CN Warning da Fa old a CN Update da HA a CN t Warning Request Update ACK Data Data Update ACK Data Registration Data Data Cambio di FA Update da FA new a FA old Tunneling diretto a FA new Dal sistema mobile: Problemi HA 1 MN home network Internet FA sender foreign network CN receiver I router spesso accettano soltanto indirizzi topologicamente corretti (firewall!) - un nodo mobile non ha un indirizzo topologicamente corretto se è in una foreign network: un firewall non lascerà passare pacchetti in uscita generati dal nodo mobile - se un nodo mobile residente in una foreign network invia un pacchetto alla sua home network ed essa ha un firewall questo lo filtrerà poichè un pacchetto proveniente dall esterno ha un indirizzo sorgente che appartiene alla rete interna 10

11 HA Reverse Tunneling 2 MN home network Internet 1 sender FA foreign network 1. MN manda ad FA 3 2. FA tunnels pacchetti ad HA CN mediante incapsulamento 3. HA inoltra i pacchetti al receiver receiver Un pacchetto da MN incapsulato da FA (Reverse Tunneling) è topologicamente corretto! Mobilità: registrazione Risultato finale: # 3. / Il foreign agent sa del nodo mobile L home agent conosce la locazione del nodo mobile ". 11

12 Agent discovery: Agent Advertisement ed Agent Solicitation Home Agent e Foreign Agent (mobility agents) periodicamente inviano in broadcast messaggi di advertisement nelle loro subnet fisiche il nodo mobile ascolta questi messaggi e rileva dal network prefix se è nella home o in una foreign network il nodo mobile legge un COA dai messaggi di advertisement di Foreign Agent sono usati messaggi ICMP con campo Type pari a 9 (scoperta dei router) con un estensione per mobilità Se un nodo mobile non riceve agent advertisement e non riesce procurarsi un COA con altri mezzi (vedi DHCP) deve mandare in broadcast degli agent solicitation un agente che riceve la richiesta invierà in unicast un annuncio direttamente al nodo mobile i nodi mobili hanno fretta perchè possono perdere pacchetti per evitare flooding della rete viene ridotta la frequenza di invio Agent discovery può essere fatta da un nodo mobile in qualsiasi momento non solo quando si connette ad una nuova rete per cercare una migliore connessione type = 9 code = 0 anche traffico non mobile =16 solo traffico mobile type code checksum router address... Campi standard ICMP type = 16 length = * #COA type = 16 length sequence number registration lifetime R B H F M G r T reserved COA 1 COA 2... sequence number = #advertisements inviati dopo l inizializzazione R: è richiesto che la registrazione sia tramite il Foreign Agent B: busy non può accettare registrazioni H: Home Agent F: Foreign Agent M: minimal encapsulation G: GRE encapsulation r: =0 ignorato T: Foreign Agent supporta reverse tunneling reserved: =0 ignorato Messaggio ICMP con estensioni per mobilità Estens. Mobility Agent 12

13 Registrazione Una volta che un nodo mobile ha ricevuto un COA (agent advertisement) quell indirizzo deve essere registrato presso l home agent: mobility binding = (mobile address COA lifetime) sempre di durata limitata (campo lifetime) il nodo mobile segnala il COA al Home Agent mediante il Foreign Agent (registration request) Home Agent acknowledges tramite Foreign Agent al nodo mobile (registration reply) queste azioni debbono essere rese sicure mediante autenticazione può registrarsi anche direttamente al Home Agent se il COA è co-locato ed il bit R nell agent advertisement di un Foreign Agent non è impostato ad 1 viene usato UDP (porta 434) per il basso overhead e per le migliori prestazioni rispetto a TCP in ambienti wireless un nodo mobile può registrare multipli bindings simultaneamente Home Agent fa copie multiple dei pacchetti destinati al mobile host e ne invia una copia tramite tunnel a ciascun care-of address bindings simultanei possono essere usati per facilitare seamless hand-off ed evitare registrazioni troppo frequenti Mobile IP: registrazione 6 "#$""%&' %"#%"2# )8 COA: %"#%"2#& "#$""%&'"$-. COA: HA: MA: Lifetime: 9999 identification: 714 encapsulation format.. COA: HA: MA: Lifetime: 9999 identification: HA: MA: Lifetime: 4999 Identification: 714 encapsulation format. 9 HA: MA: Lifetime: 4999 Identification:

14 Registration Request type = 1 S B DMG r T x lifetime mobile address home agent COA identification extensions... S: simultaneous bindings (mantenga i binding precedenti) B: vuole ricevere datagrammi broadcast D: decapsulation dal nodo mobile (COA co-locato al nodo mobile) M mininal encapsulation G: GRE encapsulation r: =0 ignorato T: reverse tunneling x: =0 ignorato lifetime: validità della registrazione in secondi = 0: deregistrazione = tutti 1: infinito identification: per evitare attacchi di replay (lo stesso numero dovrà essere usato da reg reply) extensions: almeno parametri per autenticazione Registration Reply type = 3 code lifetime mobile address home agent identification Esempi di code : extensions... registrazione con successo 0 registrazione accettata 1 registrazione accettata ma non è supportato bindings simultanei registrazione negata da Foreign Agent 65 proibita amministrativamente 66 risorse insufficienti 67 fallita autenticazione del nodo mobile 68 fallita autenticazione di Home Agent 69 Lifetime richiesta troppo lunga registrazione negata da Home Agent 129 proibita amministrativamente 131 fallita autenticazione del nodo mobile 133 disaccordo sul valore di Identification di reg req 135 troppi bindings simultanei 14

IP Mobility. Host mobili

IP Mobility. Host mobili IP Mobility Reti II IP Mobility -1 Host mobili! Dispositivi wireless o wired mobili! Connessione alla rete attraverso: " Wireless LAN " Reti cellulari " Reti Satellitari " LAN " Etc.! Una rete di riferimento

Dettagli

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access 6: Wireless and Mobile 6-1 Capitolo 6: sommario Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, CDMA IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access architettura standard (es. GSM)

Dettagli

Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili

Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili Mobile IP Cosa si intende per mobilità? Il problema al quale il protocollo

Dettagli

Tutorial Mobile IPv6

Tutorial Mobile IPv6 Tutorial Mobile IPv6 Stefano Lucetti, Giuseppe Risi Gruppo RETI di TELECOMUNICAZIONI Dipartimento di Ingegneria dell Informazione - Università di Pisa IPv6 Day Bari, 03 Marzo 2003 1 Sommario Mobilità nelle

Dettagli

Terminology. Problemi: raggiungibilità mantenimento della comunicazione durante l handoff

Terminology. Problemi: raggiungibilità mantenimento della comunicazione durante l handoff Mobilita di un terminale in IPv4 Mobilità su reti IP Problema: un host non può mantenere uno stesso indirizzo IP cambiando punto di accesso Autoconfiguarazione di un Host IP: protocolli di autoconfigurazione

Dettagli

Configurazione delle interfacce di rete

Configurazione delle interfacce di rete Configurazione delle interfacce di rete A.A. 2006/2007 Alessandro Botticelli Instradamento dei datagrammi IP Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano struttura interconnessa

Dettagli

4b. Esercizi sul livello di Rete Inoltro in IP

4b. Esercizi sul livello di Rete Inoltro in IP 4b. sul livello di Rete Inoltro in IP 4b-1 o Un router riceve sull interfaccia eth1 una serie di pacchetti. L interfaccia ha come indirizzo MAC bbbb:6c3c:5656:3b34 e l indirizzo IP: 131.175.21.254. Il

Dettagli

Strato di rete (parte 2) Autoconfigurazione Protocollo DHCP

Strato di rete (parte 2) Autoconfigurazione Protocollo DHCP Strato di rete (parte 2) Autoconfigurazione Protocollo DHCP 1 Configurazione degli Host Un host deve essere configurato IP address Subnet mask Default router Server DNS Procedura manuale Necessità di procedure

Dettagli

Formato del datagramma IP

Formato del datagramma IP Routing (instradamento) in Internet! Internet globalmente consist di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: " Stub AS: istituzione piccola " Multihomed AS: grande istituzione (nessun transito) " Transit

Dettagli

17. Indirizzamento Multicast (IGMP)

17. Indirizzamento Multicast (IGMP) 17. Indirizzamento Multicast (IGMP) 17.1. Introduzione Dopo aver esaminato il trattamento delle tre classi di indirizzi A, B e C, descriviamo ora una quarta classe che permette la consegna efficiente di

Dettagli

(parte 2) DHCP e NAT

(parte 2) DHCP e NAT Marco Listanti Strato di rete (parte 2) DHCP e NAT Autoconfigurazione ur n Protocollo DHCP Telecomunicazioni Fondamenti di reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011 2008/2009 Configurazione degli Host

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Mobile IP Mobilità nelle reti IP Mario Baldi Politecnico di Torino

Mobile IP Mobilità nelle reti IP Mario Baldi Politecnico di Torino Mobile IP Mobilità nelle reti IP Mario Baldi Politecnico di Torino http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul

Dettagli

No. Time Source Destination Protocol Info DHCP DHCP Discover - Transaction ID 0xec763e04

No. Time Source Destination Protocol Info DHCP DHCP Discover - Transaction ID 0xec763e04 Schema della rete La rete che ho utilizzato per l esempio è così strutturato: 1. 1 server DHCP, macchina Windows XP che funge anche da gateway verso Internet 2. 1 client DHCP, pc portatile con Windows

Dettagli

Low-Latency Handoffs in Mobile IPv4

Low-Latency Handoffs in Mobile IPv4 Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Protocolli per Reti Mobili Anno Accademico 2011/2012 Candidato: MIRKO NAPOLANO matr. N46000442 Indice Introduzione 4...............................

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Il Livello RETE Servizi del livello Rete Livello Rete basato su Circuiti Virtuali Livello Rete basato su Datagrammi Algoritmi di Routing Problema della congestione Internetworking

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP

IP versione 6 Mobilità nelle reti IP IP versione 6 Mobilità nelle reti IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico

Dettagli

IPv6 e mobilità. Conferenza GARR_05 6net Workshop Pisa, 12 Maggio Stefano Lucetti

IPv6 e mobilità. Conferenza GARR_05 6net Workshop Pisa, 12 Maggio Stefano Lucetti IPv6 e mobilità Conferenza GARR_05 6net Workshop Pisa, 12 Maggio 2005 Stefano Lucetti http://netgroup.iet.unipi.it Gruppo Reti di Telecomunicazioni Dip. di Ingegneria dell Informazione Università di Pisa

Dettagli

Il protocollo IP A.A. 2006/2007. Alessandro Botticelli

Il protocollo IP A.A. 2006/2007. Alessandro Botticelli Il protocollo IP A.A. 2006/2007 Alessandro Botticelli Internet Protocol (IP) - RFC 791 Progettato per funzionare a commutazione di pacchetto in modalità connectionless Si prende carico della trasmissione

Dettagli

Il protocollo IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Internet Protocol (IP) - RFC 791

Il protocollo IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni. Internet Protocol (IP) - RFC 791 Il protocollo IP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Internet Protocol (IP) - RFC 791 Progettato per funzionare a commutazione di pacchetto in modalità connectionless Si prende carico della trasmissione di datagrammi

Dettagli

Un caso estremo per gli algoritmi di routing: Reti Mobili Ad Hoc (MANET)

Un caso estremo per gli algoritmi di routing: Reti Mobili Ad Hoc (MANET) Un caso estremo per gli algoritmi di routing: Reti Mobili Ad Hoc (MANET) Può essere necessario che i pacchetti attraversino molti nodi per giungere a destinazione Ogni nodo intermedio agisce da router

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

IPv6 e mobilità. Conferenza GARR_05 6net Workshop Pisa, 12 Maggio 2005. Stefano Lucetti

IPv6 e mobilità. Conferenza GARR_05 6net Workshop Pisa, 12 Maggio 2005. Stefano Lucetti IPv6 e mobilità Conferenza GARR_05 6net Workshop Pisa, 12 Maggio 2005 Stefano Lucetti http://netgroup.iet.unipi.it Gruppo Reti di Telecomunicazioni Dip. di Ingegneria dell Informazione Università di Pisa

Dettagli

ICMP. (Internet Control Message Protocol) Cosa è l ICMP? Messaggi di ICMP. Applicazioni di ICMP: ULP, Ping, Traceroute, Path MTU discovery

ICMP. (Internet Control Message Protocol) Cosa è l ICMP? Messaggi di ICMP. Applicazioni di ICMP: ULP, Ping, Traceroute, Path MTU discovery ICMP (Internet Control Message Protocol) Cosa è l ICMP? Messaggi di ICMP Applicazioni di ICMP: ULP, Ping, Traceroute, Path MTU discovery ICMP 1 Formato pacchetti ICMP fa parte dello stack TCP/IP Formato

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Reti di Calcolatori. IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

Reti di Calcolatori. IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Instradamento IP. Appunti di reti di computer. Prof. Marco Marchisotti. Istituto Superiore Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL)

Instradamento IP. Appunti di reti di computer. Prof. Marco Marchisotti. Istituto Superiore Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL) Appunti di reti di computer Instradamento IP Prof. Marco Marchisotti prof. Marco Marchisotti Instradamento IP (Rev.1) 1 Architettura della rete Configurazione di rete di Pippo: Indirizzo IP: 199.40.6.84

Dettagli

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO ARP e RARP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ARP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

Il protocollo IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni

Il protocollo IP A.A. 2005/2006. Walter Cerroni Il protocollo ICMP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il protocollo IP offre un servizio di tipo best effort non garantisce la corretta consegna dei datagrammi se necessario si affida a protocolli affidabili

Dettagli

Il livello Rete in Internet

Il livello Rete in Internet Reti di Calcolatori Il livello Rete in Internet 4-1 Funzioni del livello di rete in Internet 4-2 1 Il Protocollo IP IPv4 Formato dei datagrammi IP Formato degli indirizzi IP Protocolli di controllo e di

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Introduzione a Internet Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris e dal Prof. Vittorio Trecordi 1 INTERNET Traffico Internet

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Sicurezza nelle reti IP

Sicurezza nelle reti IP icurezza nelle reti IP L architettura IPsec IPsec Proposta IETF per fare sicurezza al livello IP (livello 3) Compatibile con IPv4 e IPV6 (RFC-2401) Permette di Creare VPN su reti pubbliche Fare sicurezza

Dettagli

Internet Protocol Versione 6: aspetti avanzati. Gli aspetti innovativi del protocollo IPv6

Internet Protocol Versione 6: aspetti avanzati. Gli aspetti innovativi del protocollo IPv6 Internet Protocol Versione 6: aspetti avanzati Gli aspetti innovativi del protocollo IPv6 Autoconfigurazione Indirizzi: normalmente forniti dai provider: se si cambia il provider occorre cambiare gli indirizzi

Dettagli

Tunneling, reti private e NAT

Tunneling, reti private e NAT Tunneling, reti private e NAT Partly based on! course slides by L. Peterson " Princeton University! Cisco documentation Reti Private - NAT -1 Argomenti della lezione! Tunneling " Generic Route Encapsulation

Dettagli

Introduzione... 5. 1 Caratteristiche e specifiche funzionali del protocollo Mobile IP... 20

Introduzione... 5. 1 Caratteristiche e specifiche funzionali del protocollo Mobile IP... 20 Indice INDICE Introduzione... 5 1 Caratteristiche e specifiche funzionali del protocollo Mobile IP... 20 1.1 Obiettivi... 21 1.2 Entità architetturali... 22 1.3 Tipi di Home Network... 24 1.4 Descrizione

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: instradamento e routing. Aspetti di forwarding e routing del protocollo IPv4

Internet Protocol Versione 4: instradamento e routing. Aspetti di forwarding e routing del protocollo IPv4 Internet Protocol Versione 4: instradamento e routing Aspetti di forwarding e routing del protocollo IPv4 1 Instradamento (forwarding) Operazione comune a tutte le macchine con stack TCP/IP Router, end

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

7 Evoluzione del livello rete: IPv6

7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici 7 Evoluzione del livello rete: IPv6 Architetture e Protocolli per Internet IPv6 (Internet Protocol version 6) IPv6

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli. Internet Protocol (IP) L indirizzamento IP ICMP. ARP e RARP DHCP NAT 32.

Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli. Internet Protocol (IP) L indirizzamento IP ICMP. ARP e RARP DHCP NAT 32. Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Internet Protocol (IP) L indirizzamento IP ICMP ARP e RARP DHCP NAT 32.2 Il livello di rete preleva i segmenti dal livello di trasporto nell

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Sicurezza nelle reti IP

Sicurezza nelle reti IP Sicurezza nelle reti IP L architettura IPsec IPsec Proposta IETF per fare sicurezza al livello IP (livello 3) Compatibile con IPv4 e IPV6 (RFC-2401) Permette di Creare VPN su reti pubbliche Fare sicurezza

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Introduzione a IPv6. IPv6. Alessio Caiazza. 11 dicembre 2009

Introduzione a IPv6. IPv6. Alessio Caiazza. 11 dicembre 2009 Introduzione a IPv6 Alessio Caiazza Gestione e sicurezza delle reti di telecomunicazione Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria 11 dicembre 2009 IPv6 IPv6 è la nuova versione del protocollo

Dettagli

IL PROTOCOLLO ICMP. La famiglia dei protocolli TCP/IP. Applicazioni ,ftp,telnet,www. IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico

IL PROTOCOLLO ICMP. La famiglia dei protocolli TCP/IP. Applicazioni  ,ftp,telnet,www. IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico IL PROTOCOLLO ICMP La famiglia dei protocolli TCP/IP Applicazioni e-mail,ftp,telnet,www ICMP TCP IP UDP ARP IEEE 802-Ethernet-X25-Aloha ecc. Collegamento fisico Walter Cerroni 2 1 Il protocollo IP offre

Dettagli

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico

IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico IP e subnetting Ip IP (Internet Protocol) sta al livello 2 della scala Tcp/Ip o al livello 3 della scala ISO/OSI. Un indirizzo IP identifica in modo logico (non fisico come nel caso del MAC Address) una

Dettagli

Fondamenti di Internet e Reti. Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier

Fondamenti di Internet e Reti. Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier 4 - Livello Rete (parte ) Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier Strato di rete e strato di trasporto Lo strato di trasporto

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Reti di comunicazione

Reti di comunicazione Reti di comunicazione Maurizio Aiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Elettronica e di Ingegneria dell Informazione e delle Telecomunicazioni Comunicazione via rete Per effettuare qualsiasi

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Esame di Reti Prof. Panzieri frame con source address uguale a MAC_UNI X X X X X

Corso di Laurea in Informatica Esame di Reti Prof. Panzieri frame con source address uguale a MAC_UNI X X X X X Corso di Laurea in Informatica Esame di Reti Prof. Panzieri ESERCIZI - - - - - - - - - - - - - Esercizio 1 Dato un host dotato di una scheda di rete (network adaptor) per (802.3 (Ethernet), e con uno stack

Dettagli

Esercizio Trasferimento File e Multicast

Esercizio Trasferimento File e Multicast Esercizio Esercizio Trasferimento File e Esercitazione di Laboratorio 14/11/2007 Esercizio Trasferimento File e Esercizio Esercizio Trasferimento File Sviluppare un applicazione distribuita che offra il

Dettagli

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP

Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Livello Trasporto Protocolli TCP e UDP Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Liv Trasporto TCP/UDP 1 Motivazioni Su un host vengono eseguiti diversi processi che usano la rete Problemi Distinguere le coppie

Dettagli

Formato del Datagram IP. Utilizzo del Type of Service. Formato del Datagram IP (I word) Prof. Vincenzo Auletta. Version HLEN. Type of Service (TOS)

Formato del Datagram IP. Utilizzo del Type of Service. Formato del Datagram IP (I word) Prof. Vincenzo Auletta. Version HLEN. Type of Service (TOS) a.a. 2002/03 Formato del Datagram IP IP 0 4 8 16 19 31 Vers Hlen Serv. Ty. Total Length Identification Fl.s Fragment Offset Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/

Dettagli

Il livello trasporto: Introduzione e protocollo UDP

Il livello trasporto: Introduzione e protocollo UDP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) Il livello trasporto: Introduzione e

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2

ESERCIZIO NUMERO 1 ESERCIZIO NUM. 2 ESERCIZIO NUMERO 1 Alcuni errori di segnale possono provocare la sostituzione di interi gruppi di bit di un pacchetto mediante una sequenza di valori 0 oppure una sequenza di valori 1. Supponete che vengano

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI Lucidi delle Lezioni - Capitolo II

RETI INTERNET MULTIMEDIALI Lucidi delle Lezioni - Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2016/17 - II Semestre RETI INTERNET MULTIMEDIALI Lucidi delle Lezioni - Capitolo II Capitolo II 1/36 Copyright

Dettagli

Distributed Mobility Management with Mobile IPv4

Distributed Mobility Management with Mobile IPv4 Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Protocolli per Reti Mobili Distributed Mobility Management with Mobile IPv4 Anno Accademico 2011/2012 Candidato: GABRIELE

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Prof. Filippini 2!!!!!!! 3!!!!!!!!!! 4!!!!!! 5!!!!!!!!!!! 6!!!!!!!! 7!!! 8 Prefix (binary) Usage Fraction 0000 0000 Reserved for IPv4 addresses 1/256

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) OSPF I lucidi presentati al corso sono uno

Dettagli

3 - Internet Protocol

3 - Internet Protocol Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici 3 - Internet Protocol Architetture e Protocolli per Internet 1 Lo stack TCP/IP base 4 TCP UDP 3 routing ICMP ARP IP

Dettagli

Marco Listanti. Indirizzamento IP. DIET Dept. Telecomunicazioni (Canale 2) - Prof. Marco Listanti - A.A. 2016/2017

Marco Listanti. Indirizzamento IP. DIET Dept. Telecomunicazioni (Canale 2) - Prof. Marco Listanti - A.A. 2016/2017 Marco Listanti Esercizi i 7 Indirizzamento IP Frammentazione IP Esercizio 1 (1) Si identifichi la classe a cui appartengono i seguenti indirizzi IP 11100101 01011110 01101110 00110011 101.123.5.45 231.201.5.45

Dettagli

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura

Il protocollo TCP. Obiettivo. Procedura Il protocollo TCP Obiettivo In questo esercizio studieremo il funzionamento del protocollo TCP. In particolare analizzeremo la traccia di segmenti TCP scambiati tra il vostro calcolatore ed un server remoto.

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Il livello Network in Internet

Il livello Network in Internet Il livello Network in Internet Funzioni del livello Network negli host e router: Livello Transport: TCP, UDP Livello Network Protocolli di Routing selezione percorso RIP, OSPF, BGP tabella di routing protocollo

Dettagli

Corso di Reti di Telecomunicazioni. Giovanni Schembra. Trasmissione trame su canale broadcast

Corso di Reti di Telecomunicazioni. Giovanni Schembra. Trasmissione trame su canale broadcast Indirizzi LAN e ARP Corso di Reti di Telecomunicazioni Giovanni Schembra 1 Trasmissione trame su canale broadcast I nodi di una LAN si scambiano trame su un canale broadcast: quando un nodo in una LAN

Dettagli

Indirizzi Internet. Indirizzi Internet (2)

Indirizzi Internet. Indirizzi Internet (2) Indirizzi Internet Per fornire un servizio di comunicazione universale (ogni nodo della rete può comunicare con ciascun altro nodo) occorre un metodo che permetta di identificare univocamente ogni nodo

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Internet Protocol Versione 6: aspetti avanzati. Gli aspetti innovativi del protocollo IPv6

Internet Protocol Versione 6: aspetti avanzati. Gli aspetti innovativi del protocollo IPv6 Internet Protocol Versione 6: aspetti avanzati Gli aspetti innovativi del protocollo IPv6 1 Autoconfigurazione Indirizzi formati da Informazione in possesso dei router (prefisso di rete) (più) informazione

Dettagli

Reti di Calcolatori - Laboratorio. Lezione 8. Gennaro Oliva

Reti di Calcolatori - Laboratorio. Lezione 8. Gennaro Oliva Reti di Calcolatori - Laboratorio Lezione 8 Gennaro Oliva Informazioni di un Host ogni host di una rete IP è configurato con le seguenti informazioni INDIRIZZO IP: 192.168.111.155 NETMASK: 255.255.255.0

Dettagli

Un sistema di Network Intrusion Detection basato su tcpdump

Un sistema di Network Intrusion Detection basato su tcpdump I INFN Security Workshop Firenze 19-20 Settembre 2000 Un sistema di Network Intrusion Detection basato su tcpdump Massimo Gravino INFN Sezione di Padova Perche` utilizzare un sistema di Network Intrusion

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11)

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori (a.a. 2010/11) Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il protocollo IP Frammentazione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Internet Protocol

RETI DI CALCOLATORI. Internet Protocol Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Internet Protocol Prof. Franco Zambonelli (lucidi realizzati con il contributo di Valeria Cardellini

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Instradamento in Internet Obiettivo. La funzione di instradamento (routing). Costruzione della tabella di routing. Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing.

Dettagli

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP)

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9.1. Introduzione La quarta funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello di rete è la segnalazione, alla sorgente, di situazioni di errore

Dettagli

SUBNETTING E SUPERNETTING

SUBNETTING E SUPERNETTING SUBNETTING E SUPERNETTING Struttura degli indirizzi IP Network ID 0 1 0 Host ID Classe A Classe B 1 1 0 Classe C 1 1 1 0 1 1 1 1 3 bit Classe D (multicast) Classe E (sperimentale) Network ID : Host ID

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 17 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 17 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 17 giugno 2004 TCP/IP e ISO/OSI Architettura TCP/IP APPLICATION TELNET FTP DNS NFS DNS RPC SNMP TRANSPORT TCP UDP NETWORK ARP RARP DATA LINK (LLC MAC) Protocollo IP Protocollo

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 18 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 18 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 18 giugno 2004 Problema Rigidità della struttura degli indirizzi Limitate possibilità di organizzare autonomamente le LAN private, anche all interno di un unica organizzazione

Dettagli

Il Mondo delle Intranet

Il Mondo delle Intranet Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il Mondo delle Intranet Network Address Translation (NAT) Virtual Private Networks (VPN) Reti Private e Intranet EG sottorete IG IG rete IG

Dettagli

Tutorial IPv6. Gabriella Paolini. III Incontro di GARR-B 24 giugno 2002 - Bologna. gabriella.paolini@garr.it

Tutorial IPv6. Gabriella Paolini. III Incontro di GARR-B 24 giugno 2002 - Bologna. gabriella.paolini@garr.it Gabriella Paolini gabriella.paolini@garr.it III Incontro di GARR-B Perche' IPv6? Header Ipv6 Indirizzi IPv6 Indice ICMPv6, Neighbor Discovery e autoconfigurazione DNS Routing Modelli di transizione IPv4

Dettagli

Protocollo IP. Pacchetto e comandi

Protocollo IP. Pacchetto e comandi Protocollo IP Pacchetto e comandi 1 IP: collocazione nella pila OSI Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IP Alcune funzioni del livello Network: - meccanismo di identificatione

Dettagli

/00$)#)+#// )#$ $ )""#,+#)#())# "# #$##( #%# $ )/ #//, #/ $#%# $# )""# +# $ +,+#) 1/-- $234&( + 20%)* /&) 6 / /00$)#"( 7 6$

/00$)#)+#// )#$ $ )#,+#)#())# # #$##( #%# $ )/ #//, #/ $#%# $# )# +# $ +,+#) 1/-- $234&( + 20%)* /&) 6 / /00$)#( 7 6$ STATO MAGGIORE DIFESA Reparto Informazioni e Sicurezza Ufficio Sicurezza Difesa !"# $# %$&#" # $'& #()*#%# )+ && +#)* # $# )""#,+#)#-.$ ## /00$)#)+#// )#$ $ )""#,+#)#())# "# #$##( #%# $ )/ #//, #/ $#%#

Dettagli

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP

Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Uso di sniffer ed intercettazione del traffico IP Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy

Dettagli

Installazione e Configurazione del servizio DHCP. Orazio Battaglia

Installazione e Configurazione del servizio DHCP. Orazio Battaglia Installazione e Configurazione del servizio Orazio Battaglia Protocollo e Servizio Il protocollo (Dynamic Host Configuration Protocol) è un protocollo di rete di livello applicativo che permette ai dispositivi

Dettagli

Reti. Impianti Informatici

Reti. Impianti Informatici Reti Cos è una rete 2 Rete: insieme di sistemi per l'elaborazione delle informazioni interconnessi tra loro Obiettivi: condividere il software consultare archivi comuni comunicare dati fra i sistemi stessi

Dettagli

Esercitazione. Livello di Trasporto [Capitolo 3]

Esercitazione. Livello di Trasporto [Capitolo 3] Esercitazione Livello di Trasporto [Capitolo 3] 1 È possibile che un'applicazione che gira su UDP ottenga un trasferimento dati affidabile? Si. Lo sviluppatore dell'applicazione può inserire il trasferimento

Dettagli

Tutorial IPv6 - base. I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP. Gabriella Paolini WS9, Roma, 15.06.2009

Tutorial IPv6 - base. I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP. Gabriella Paolini WS9, Roma, 15.06.2009 Tutorial IPv6 - base I concetti principali: Header, indirizzamento, ICMP Header IPv6 Indirizzi IPv6 ICMPv6 Protocollo e tipi di pacchetto Path MTU discovery Neighbor Discovery DNS 2 IPv6 - il nuovo protocollo

Dettagli