DIO Unico? Triplice? Ambedue?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIO Unico? Triplice? Ambedue?"

Transcript

1 DIO Unico? Triplice? Ambedue? Quand ero bambino Dio Padre mi ha spiegato il mistero della Trinità divina in modo semplice.

2 INDICE 1 - L'esempio del trifoglio p Unico, ma formato da tre Entità distinte...p Essenza o natura delle Persone divine.... p A che scopo Dio ci ha creati?... p Chi vede me, vede il Padre...?... p Creati a Sua immagine e somiglianza... p Dov'è Dio, con tutto il dolore che c'è?... p. 13 1

3 1 - L'esempio del trifoglio. Da bambino volevo tutto sapere, anche su Dio, allora facevo tante domande a chi ne sapeva più di me. La logica di certe mie domande era talmente serrata e insistente, che spesso mia madre perdeva la pazienza e mi mandava in quel paese. Un giorno mi disse che il mistero della Trinità era un mistero, ragion per cui era inutile fare tante domande. Non mi ribellai, ma alla prima occasione ne parlai al cappellano del paese. Il cappellano mi disse che il mistero della Trinità divina era una cosa difficile da capire, ma che volendo potevo pensare a Dio come a un trifoglio: la piantina è unica, ma le foglie sono tre. La risposta, quasi perfetta, mi tranquillizzò e mi permise di tirare avanti per diversi anni senza importunare più nessuno (su questo argomento). 2 Unico, ma composto da tre Entità distinte. Divenuto quasi adulto, la sete di sapere come funzionava il mistero della Trinità non mi aveva del tutto abbandonato, e ogni tanto ci ritornavo sopra sperando di avanzare ancora di un passetto. Un bel giorno mi capitò di vivere un'esperienza singolare, che per me non fu solo un passetto in avanti, ma un grande balzo. Le cose si svolsero nel modo seguente. Mi ero messo alla presenza di Dio, non per recitare preghiere ma solo per parlare un po con Lui. Senza accorgermene mi ero messo a lamentarmi. Di che cosa? Gli dicevo che avevo un problema non risolto con il mistero della santa Trinità, e questo a causa dello Spirito Santo che non riuscivo a visualizzare. Non riuscivo a dargli nessuna forma. Riuscivo a percepire l immagine di Dio Padre (perché mio papà l avevo conosciuto, e avevo in lui un punto di riferimento chiaro e convincente), riuscivo a percepire l immagine di Dio Figlio (perché avevo visto Gesù nella sacra Sindone e in altre immagini, in più conoscevo parecchie cose riguardanti la sua vita terrena), ma lo Spirito Santo mi sfuggiva. Non capivo com'era fatto, e avrei voluto capire. Mi sforzavo di capire chi era e non trovavo nulla, nessun riferimento che mi aiutasse a visualizzarlo. L'immagine della colomba? Quella del vento? Non riuscivo a digerire nè l'una nè l'altra, e il motivo c era. 1 Così il mio desiderio di capire com era fatta la terza Persona della Trinità divina era 2

4 sempre lì, presente in me, come una sete spirituale che non riuscivo a spegnere in nessuna maniera. Forse quello era un giorno speciale, scelto da Dio. Mentre mi lamentavo con Lui anziché pregare come si fa normalmente, mi accorgo di essere circondato da una Presenza grandiosa, infinita. Passata la sorpresa, mi rendo conto che la situazione mi offre un vantaggio, quello di avere uno scambio di idee con Colui che potrebbe aiutarmi a trovare un immagine o un punto di riferimento applicabile allo Spirito Santo. Metto carte in tavola, dico quel che penso della colomba, del vento, ecc. Non ho finito di parlare... che mi si presenta alla mente l'immagine di una grande centrale idroelettrica, e una Voce immateriale mi dice : Questa Centrale rappresenta Me, Dio Padre. Per qualche istante mi lascio invadere dalla bellezza grandiosa della centrale, poi guardo i fili che distribuiscono l'energia elettrica che essa produce. Prima vedo quelli di alta tensione e poi quelli di bassa tensione. L insieme forma un sistema molto vasto. I fili di alta tensione sono sorretti da piloni che si susseguono a distanza regolare, quelli di bassa tensione penetrano nelle case, nelle scuole, nelle fabbriche, nelle chiese, nei vari posti dov è necessaria l energia elettrica. Il sistema formato da questi fili è chiamato : rete di distribuzione. La vedi, la Rete di distribuzione? È l immagine di Gesù, che è Dio Figlio in veste d uomo. Egli porta l Energia divina dov è necessario che essa arrivi. A proposito d energia... Mi sai dire dov è lo Spirito Santo? Tutte le spiegazioni che cercavo da decenni si trovano già dentro di me, allora balbetto : «Nnn no. Non è più necessario. Mi è tutto chiaro ormai. Lo Spirito Santo... non ho più bisogno di vederlo. So com è fatto, da dove viene, dove va, dove passa... Passa nei fili elettrici. È come l elettricità. L elettricità non si vede ma tutti sanno che per arrivare in casa di qualcuno ha bisogno dei fili. I fili partono dalla centrale e formano una rete vastissima. Grazie a questa rete di distribuzione l energia elettrica può arrivare ovunque.» 3

5 Quest immagine mi ha permesso, in pochi minuti, di capire la natura dello Spirito Santo ed il posto da Esso occupato nella Trinità divina. Ciò che per anni cercavo invano di capire, ora lo capisco con chiarezza. Guardo i fili che partono dalla Centrale, guardo i piloni che li sostengono e che si susseguono a distanza regolare allontanandosi a perdita d occhio... Noto che dove arrivano i fili, arriva con essi l'energia elettrica, e con l'energia elettrica arrivano il conforto e l abbondanza. Capisco che la rete di distribuzione rappresenta Gesù. È Lui che distribuisce lo Spirito Santo che proviene dalla Centrale. Ovunque ci sono esseri umani che desiderano avere luce spirituale, vita spirituale, calore spirituale, Gesù vi trasporta l'energia di cui hanno bisogno. L Energia trasportata è lo Spitito Santo. Mi dico: Questo esempio risolve anche la questione del Filioque. Come l elettricità è generata dalla centrale e distribuita dai fili elettrici, così lo Spirito Santo è generato dal Padre e distribuito dal Figlio. Il discorso è semplice: lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio perché è generato dal Padre e trasportato dal Figlio. Questo mi conferma che la formula utilizzata attualmente nel Credo di Nicea-Costantinopoli è esatta. 2 Grazie a questo esempio, la sete di conoscere il posto occupato dallo Spirito Santo in seno alla Trinità divina non mi brucia più lo stomaco. Penso alla Trinità divina con sicurezza. Rivedo la centrale, rivedo i fili, penso all energia che passa nei fili e tutto va bene. So che le Persone trinitarie formano un Dio unico come queste tre componenti formano un unico sistema. Molte cose che prima mi sembravano vaghe o fuori portata, ora mi sembrano chiare e semplici. Mi sento appagato e pieno di riconoscenza verso Dio che si abbassa fino a me per illustrarmi con immagini adatte (alla mia natura e statura) i concetti che da solo non riesco a concepire. Mi permetto di continuare il dialogo : 4

6 Il sottoscritto: «Signore, l elettricità presente nel filo produce dei risultati visibili là dove arriva. Una lampada elettrica che si accende è un risultato visibile, i caloriferi elettrici che d inverno riscaldano la casa (oppure i condizionatori d aria che d estate ne riducono il calore eccessivo) sono un risultato visibile, i motori elettrici che fanno funzionare la lavatrice, la macchina da cucire, il ventilatore, e tante altre macchine e macchinette, sono tutti dei risultati visibili». Mentre dico questo mi rendo conto che l elettricità è in grado di generare tre forme di vita, quella della luce, quella del calore, e quella del movimento. Sono tre forme di vita che talora si presentano separate, e talora riunite. Il concetto al quale mi riferisco è reperibile nello schema seguente: L energia elettrica è vitale in tre modi: Luce Calore Movimento Lampade elettriche Radiatori elettrici + condizionatori d aria Motori elettrici Queste immagini mi permettono di capire ciò che a me interessava di capire. E mi giunge l eco di alcune parole che fanno parte di una preghiera in lingua latina rivolta allo Spirito Santo: Lux beatissima Dulce refrigerium 3 Poi sento una voce che parla alla radio. Poi vedo un televisore che offre immagini e messaggi di ogni tipo. Ascolto, guardo, penso. Dico al Signore : Il sottoscritto: «Gesù, l elettricità ha rivoluzionato il mondo, ma la rivoluzione non è avvenuta solo nel bene. Quel televisore lì per esempio Il male che fa supera il bene, e mi sembra che con la radio capita la stessa cosa». Gesù: «Lo so, Johannes. Le forme di energia continuano ad appartenere a Noi che le abbiamo create, ma l Avversario le usa ogni volta che voi lo chiamate in ballo, autorizzandolo ad usarle. Ma quando è lui che le usa, esse vi danno la morte, non la vita. Molti di voi si servono in modo sbagliato della libertà che Io vi ho concesso. 4 Non la usano per chiamare Me, ma per chiamare il mio Avversario. Invocano lui anziché invocare Me. In questo modo gli danno autorità su 5

7 tantissime cose. Lui viene perché chiamato da voi, e poi si serve delle energie presenti nella Creazione per realizzare gli scopi suoi. Il vostro libero arbitrio è un grande dono e non vi sarà ritirato, ma se lo utilizzate per mettere le energie vitali nelle mani dell Avversario, anziché chiamare la vita, chiamate la morte. Se fate con lui dei compromessi, lui vi prepara trappole che quando scattano assomigliano a dei cortocircuiti. Quando entra in azione un cortocircuito da lui preparato, anche se inizialmente vi sembra di vedere una specie di fuoco d'artificio, alla fine vi ritrovate con la casa bruciata. Vi mette fuori uso sia spiritualmente che fisicamente». 5 Mi viene l idea di consultare l enciclopedia sulla parola Occultismo. Ricevo conferma che occultare significa nascondere, e che il più grande Maestro dell occulto è il demonio. Passano anni. Un giorno mi trovo davanti a dei giornali che parlano di riunioni carismatiche piene di stranezze. Ancora una volta mi permetto di chiedere al Signore: Il sottoscritto: «Signore, negli avvenimenti di cui si parla in questi giornali, in quelle riunioni carismatiche che questa stampa qualifica di Santo ridere, eccetera a me sembra che la gente faccia sciocchezze di tutti generi. Quello che mi disturba è che le fanno in nome dello Spirito Santo. Che ve ne pare? È forse un esempio di energia rubata? Rubata da quel ladro di cui discutevamo qualche tempo fa?». Gesù: «Sì, è proprio così... Vedo che hai buona memoria. Sai cosa? Se nel mio tempo ci fosse stata l elettricità, oggi nel Vangelo ci sarebbe una parabola in più». Il sottoscritto: «Ne sono certo, Signore. La parabola che mi avete regalato, quella della centrale elettrica, è stata per me utilissima. Mi ha molto aiutato a capire la Trinità divina.» Gesù: «Allora ascoltami. La rivoluzione che si è prodotta sulla terra con la venuta dell elettricità è un immagine di quello che fra poco si produrrà sulla Terra con la venuta dello Spirito Santo. Si tratta della Pentecoste universale. In vista di questo grandioso avvenimento, la vostra Terra ha bisogno di essere purificata, riassettata. Solo così potrà ricevere con profitto i doni dello Spirito Santo. Se questi doni vi venissero concessi senza la Purificazione, non solo non vi gioverebbero, ma il loro abuso da parte vostra moltiplicherebbe ancora di più il male presente sulla terra. 6

8 I doni dello Spirito Santo sono nuove ricchezze, poteri nuovi, nuove capacità, ma senza una vera Purificazione essi aumenterebbero il male anziché il bene, perché vi ho creati liberi di fare il bene o il male. Oggi, come sai, la maggioranza delle persone che vivono sulla terra cercano i loro interessi anziché i Nostri. Che cosa farebbero queste persone dei nuovi doni dello Spirito Santo? Li sciuperebbero. Peggio : li investirebbero nel male anziché nel bene.». A questo punto capisco che i disastri causati dai cortocircuiti nelle case mal costruite o mal custodite, sono un immagine dei cortocircuiti che si producono nelle anime delle persone che permettono a Satana di entrare nella loro vita. Sperando ricchezze e onori terreni, queste persone si vendono a Satana. Fanno questo tramite occultismi di ogni genere, incluse le messe nere. Per un po di tempo tutto va bene, ma poi Il Signore mi lascia intravedere i numerosi sabotaggi che Satana e i suoi accoliti stanno preparando oggi sulla terra. Nonostante tutto, non perdo la fiducia in Dio. So che dopo la Purificazione generale e il Grande Rinnovamento annunciati, il piccolo gregge che sarà rimasto fedele alla legge divina, vivrà una vita felice, degna di quella che i nostri Progenitori vivevano prima del Peccato originale Essenza - o natura - delle Persone divine. Dio è Puro spirito, dicono i teologi. Visto che è puro spirito, come sono fatte le tre Persone? A che cosa assomigliano? La parola persona è approssimativa. Gli esseri umani che amano Dio sanno d'istinto che le Persone divine non sono come quelle umane, perché Dio è puro spirito mentre l'uomo è un amalgama di spirito e di materia. Il termine Entità sarebbe migliore, pur non essendo perfetto, ma non converrebbe alle masse perché troppo astratto. Stessa cosa per il termine Volontà. La domanda chiave è sempre la stessa: In che modo Dio risulta unico pur essendo triplice nelle tre Persone che lo formano? L'esempio della centrale idroelettrica mi era stato di grande aiuto sul piano pratico, ma su quello filosofico...? C'era la Somma teologica di San Tommaso d'aquino. Un bell'abito, la Somma di San Tommaso, ma per me quell'abito 7

9 era troppo grande. Non mi andava bene. Ne volevo uno su misura. Allora l'ho chiesto, e il regalo mi è arrivato in una sera d'estate, e nel riceverlo mi ha fatto l'effetto di un venticello rinfrescante. Il Pensiero eterno diceva: «Siccome l Amore che unisce le tre Persone divine è perfetto, le tre Volontà divine, che pur sono tre, e ben distinte, formano l'equivalente di una sola ed unica Volontà, un solo ed unico Dio. Il monoteismo è nella perfezione d'amore che unisce le tre Persone divine.» Noi umani mi son detto siamo nati nell'imperfezione, non conosciamo altro, allora il concetto dell'amore divino, che è perfezione assoluta, ci sfugge. Se tale concetto ci fosse accessibile noi capiremmo d'istinto che l'amore che abita le tre Persone divine è talmente assoluto, totale, perfetto, che l'unione che ne deriva è essa pure assoluta, totale, perfetta. Dio è il risultato di quest'unione. Egli è «Uno» in virtù dell'amore perfettissimo che abita le tre Persone divine, e le unisce. Si tratta di tre Entità distinte, con tre Volontà distinte, ma l Amore che le unisce è talmente assoluto che la Trinità suddetta risulta essere un unico Dio. Mi son dato coraggio, e interrogando il cielo con lo sguardo mi son detto: Dio ci invita ad accettare la sua proposta che è di diventare Figli suoi per adozione. Che significa essere addottati da Dio come figli? Che meritando il suo aiuto possiamo diventare simili a Lui? Perfetti nell'amore? Divini? Mi viene il capogiro. Non ci posso credere. Ma lo dice la Parola, lo dice il Vangelo. Figli adottivi di Dio significa co-eredi di Gesù Cristo, che è Figlio del Padre per natura. Credo di capire che chi viene ammesso in Paradiso è unito alla Trinità divina con una colla speciale, assoluta, la colla dell'amore perfetto, e che la stessa colla unisce tra di loro tutti i santi del Paradiso, come se il Paradiso fosse non solo l'abitazione di Dio, ma Dio stesso.... Avrò torto? Ragione? Forse ragione. Se ho ragione Dio mi aiuterà. Se sono rose, fioriranno. Passano mesi, e un giorno arriva in casa un giornale svizzero redatto in lingua francese. Lo apro, e mi balza agli occhi una frase che tradotta in italiano dice: «Benedetti i riparatori di brecce che, per amor mio hanno rinunciato alle loro passioni e a quanto li teneva prigionieri di questo mondo, e che per grazia dello Spirito Santo sono divenuti soci del mio 8

10 Piano divino, abbellendo così la mia Casa. La loro anima e il loro intero essere diverranno come una gloriosa Cattedrale.» Mi dico: se Dio dice che un essere divinizzato è paragonabile a una gloriosa Cattedrale, io non avevo completamente torto di paragonare il Paradiso con gli esseri che vivono in esso. Continuo la lettura e trovo: «Benedetti sono coloro i cui cuori erano aperti per essere purificati e pronti a ricevere lo Spirito Santo per essere trasformati: saranno deificati e chiamati figli e figlie dell'altissimo, Dei per adozione.» Incredibile? Sì, incredibile. Proseguo nella lettura e scopro ancora: «Benedetti sono coloro che hanno permesso al mio Spirito Santo di governarli, e di farli pascolare all'interno del mio Recinto. Formeranno un unico Corpo e saranno per sempre uniti a Noi, Dio trinitario.» E ancora: «Colui che dimora in Me e si lascia nutrire da Me, innalzato da Me e rivestito di Me stesso in gloriosa perfezione, sarà capace di dire: Sono uno con Dio, perché adesso vivo anche se sono ancora sulla terra e vivo in mezzo alla gente della terra una vera Vita in Dio.» 7 Se queste parole sono vere e per me lo sono esse garantiscono che i santi del futuro, che sono quelli del Regno messianico (essi vivranno nel divin Volere) cominceranno su questa terra la loro vita beata per continuarla poi in Cielo. Il Regno di Dio, che secondo il Vangelo non avrà fine, potrà dunque attuarsi anche nel tempo, sulla terra, per poi continuare nell'eternità. L'apoteosi della Vita divina potrà iniziare in questa vita senza disdire per questo nessuna delle profezie riguardanti l'eternità del Regno di Dio. 4 - A che scopo Dio ci ha creati? I maestri che insegnano che Dio è puro spirito insegnano pure che Dio è Amore. Siccome l amore è attivo per definizione, se il concetto espresso dalla parola Amore è fuso con quello della parola Fiat (parola latina che significa Che ciò avvenga ) da questa fusione nasce un concetto nuovo che potrebbe spiegare, almeno in parte, la natura di Dio. L unione dei due concetti, infatti, ne fa nascere un terzo la cui definizione potrebbe essere: Azione perpetua dettata dall Amore, oppure Potenza d amore sempre attiva. 8 Questo ci permette di capire, tra l'altro, il perché 9

11 della nostra creazione: «Dio ci ha creati per conoscerlo, amarlo, servirlo in questa vita, per poi goderlo nell'altra in paradiso.» I pessimisti dicono che lo scopo della nostra vita è il dolore, ma io sono convinto che lo scopo della nostra esistenza è l'apoteosi della Vita divina nell'eternità. Il dolore non è altro che un canale provvisorio che ci aiuta ad arrivare al fine, che è l'eternità nella vita divina. Perché Dio ha scelto il dolore come canale? Il motivo è che ereditando del Peccato originale noi abbiano ereditato una specie di debito, e chi vuole cancellarlo lo paga, contento di pagarlo. Così facendo, in unione con Cristo, la creatura umana riacquista i diritti inerenti alla sua figliolanza divina. 5 - Chi vede me, vede il Padre...? Finalmente capisco le parole di Gesù che dice: «Chi vede me, vede il Padre». Intesa alla maniera umana, questa frase avrebbe potuto significare «Chi vede me, vede il Padre, dunque io sono il Padre», ma così non è. Per Gesù non è facile esprimere una realtà divina servendosi del linguaggio umano, fatto per esprimere realtà umane anziché divine, allora Gesù si esprime meglio che può. Ma se volesse dire che Lui e il Padre sono la stessa Persona, Egli direbbe «Io sono il Padre», oppure «Io sono identico al Padre» anziché dire «Chi vede me, vede il Padre». Per capire il significato giusto della frase di Gesù è necessario essere aperti allo spirituale. Mi sono reso conto che il fatto di essere il Padre o identico al Padre è una cosa, ma vivere nel Padre è un'altra. L'unione perfetta delle tre Persone trinitarie non si realizza tramite l'annullamento dell'identità individuale delle tre Persone, o tramite la loro fusione, ma tramite l'amore perfetto che le mantiene unite. Nel trifoglio, le sue tre foglioline sono unite, non fuse, e ciò significa che ognuna di esse mantiene la sua identità, il suo peso, la sua forma, la sua funzione, la sua storia...» Capisco meglio anche le parole di Gesù che dice: «La data esatta della Fine del Mondo è nascosta nel pensiero del Padre. Nessuno la conosce, nemmeno.» Prima d'oggi non capivo come mai Gesù, seconda Persona della SS. Trinità, dichiarasse di non conoscere tutti i segreti della prima Persona, che è il Padre. Mi sentivo un po' tradito. Oggi 10

12 capisco che il Figlio del Padre non ha bisogno di conoscere tutti i segreti del Padre per essere unito a Lui in maniera perfetta. L'unione tra Lui e il Padre è assicurata dall'amore reciproco, non dal fatto di essere la stessa Persona, o di essere identico a Lui, o di conoscere tutto quello che Lui conosce. Respiro con sollievo perché queste spiegazioni risolvono un mio grande problema di pensiero, quello del ruolo che ognuno di noi avrà in Paradiso. La soluzione è semplice: gli Angeli e i Santi del Paradiso non hanno bisogno di conoscere tutti i segreti della Trinità divina per essere uniti ad Essa in maniera perfetta. Ogni abitante del Paradiso sarà perfettamente unito alla SS. Trinità pur rimanendo quello che è, col suo nome, la sua identità, la gloria che è la sua. 6 - Creati a Sua immagine e somiglianza...? «Un Dio che ci crea a sua immagine e somiglianza? E dov'è la somiglianza?» Questa domanda se la faceva un tizio alla televisione, e a tratti sogghignava perché sapeva che il suo atteggiamento di sfida non comportava nessun rischio. Oggi è così. Come lui ce ne sono tanti. Ripenso a lui, e ripenso a me che da bambino cercavo le tre somiglianze e non le trovavo. Sapevo di essere me stesso, una persona unica, ma la mia trinità mi sfuggiva, non la vedevo, ero immaturo. La maturità è arrivata col tempo, pian pianino, e sentendosi accolta con amore è rimasta. Avevo una trentina d'anni. La vita del mio fisico, quella della mia mente e quella del mio cuore (il nido dei miei sentimenti) mi apparvero un giorno in maniera chiara. Compresi che l'energia fisica, quella mentale e quella emozionale erano tre forme di energia completamente distinte l'una dall'altra e suscettibili di entrare nella composizione della persona umana. Ne parlai ai miei allievi e alcuni apprezzarono. Disegnai per loro una mano, una testa, e un cuore. Dissi loro che la mano rappresentava l'energia fisica, la testa l'energia mentale, e il cuore l'energia emozionale. Spiegai loro che le tre energie erano tre forme di vita, e che ognuna di esse era necessariamente distinta dalle altre due, ma che le tre riunite formavano la persona umana. La prova della distinzione netta che separava queste forme di energia non era difficile da stabilire. Lo facevo 11

13 partendo dall'energia fisica. L'esempio che utilizzavo era quello del paraplegico. Benché le forze fisiche di un paraplegico siano ridotte ai minimi termini, questo non impedisce alla sua forza mentale e a quella emozionale di funzionare integralmente. Il paraplegico non smette di pensare e di reagire emotivamente, anzi... si direbbe che in certi casi le due energie rimanenti siano accentuate. Poi veniva l'esempio del bruto che pur essendo forte e robusto non era in grado di pensare. Poi veniva l'esempio dei senza cuore, persone intelligenti e sane ma indifferenti a tutto, cioè vuote di sentimenti. Questi casi di patologia erano casi d'eccezione. Di solito l'essere umano è normale, proporzionato, nel senso che le tre forme di energia sono in lui equilibrate. 9 12

14

15 SCUTUM FIDEI "Scutum Fidei" significa in latino: Lo Scudo della Fede. Il significato delle parole latine che formano questo scudo è il seguente: PATER non est FILIUS = Il PADRE non è il FIGLIO. FILIUS non est SPIRITUS = Il FIGLIO non è lo SPIRITO. SPIRITUS non est PATER = Lo SPIRITO non è il PADRE. DEUS est PATER = Il PADRE è DIO. DEUS est FILIUS = Il FIGLIO è DIO. DEUS est SPIRITUS = Lo SPIRITO è DIO. 2

16

17 7 - Dov'è Dio, con tutto il dolore che c'è nel mondo? Gli esseri umani, creati liberi, scelgono di mettere a servizio del bene oppure del male le tre forme d'energia appena descritte. Alcuni scelgono il male. Lo moltiplicano servendosi della loro forza fisica, mentale, emozionale, o delle tre riunite. E allora? Allora il male fa il suo lavoro, che è quello di produrre dolore. Le vittime delle persone malefiche soffrono, e in certi casi muoiono. Gli innocenti pagano per i colpevoli, capita di udire, e la cosa si capisce. Basta pensare a una persona torturata ingiustamente. È lei che soffre, mentre il boia se la ride. Oggi la morte è dappertutto. Dipende dal fatto che le persone malefiche sono la maggioranza, il che moltiplica all'infinito il numero delle vittime. Quanta stoltezza in chi, pur dicendo di conoscere tutto, continua ad accusare Dio di essere l'autore dei dolorosi disastri che succedono sempre più da tutte le parti! Ritorno all'indice 1 Da bambino non potevo accettare l immagine della colomba come possibile rappresentazione dello Spirito Santo, perché nel paese dove sono nato, aperto sulla campagna, ogni bambino aveva in tasca una fionda. Io pure, fatta da me, magnifica. Con detta fionda a portata di mano, sempre pronta, ogni uccello che per distrazione mi capitava a tiro correva il rischio di farsi abbattere dall inevitabile sasso che gli spedivo per direttissima. Anche le colombelle ricevevano questo trattamento. Mia madre le sapeva cucinare, ed io le mangiavo. In siffatto ambiente non riuscivo a mettere l idea dello Spirito Santo nell immagine di una colomba. Non volevo che lo Spirito Santo assomigliasse a un uccello. Mi sembrava che la cosa mancasse di decenza. L immagine del vento è venuta più tardi, ma anch essa con scarso successo. Il vento dello Spirito Santo? Con che disegno me lo sarei rappresentato? E poi, con chi parlare di queste cose? Nessuno mi dava retta. Persino il parroco del paese reagiva in modo strano. Era 2

18 anziano, burbero, e se gli parlavo di cose del genere mi guardava con sospetto, poi diceva che i miei discorsi erano elucubrazioni mentali. Fu allora che imparai il significato di questa parola. Avevo sedici anni. 2 La Controversia del Filioque. Cos è il Filioque? Quando il Credo Niceno-Costantinopolitano è recitato in latino, il paragrafo che riguarda lo Spirito Santo dice: qui ex Patre, Filioque procedit. Ciò significa: che procede dal Padre e dal Figlio. Prima del Concilio Niceno-Costantinopolitano il Credo della Chiesa cattolica diceva che lo Spirito Santo procede dal Padre (il e dal Figlio era dato per sottinteso). Siccome alcuni teologi si servivano di questa lacuna per attaccare il dogma della santissima Trinità, nel Concilio Niceno-Costantinopolitano la Chiesa di Roma ha aggiunto alla formula del Credo la particella mancante: e del Figlio, che in latino si dice: Filioque. Malgrado ciò la Chiesa d oriente è rimasta nell idea che lo Spirito Santo proceda soltanto dal Padre. (Senza una rete di distribuzione, che nell immagine mentale che ho ricevuto rappresenta Gesù, l'elettricità non andrebbe da nessuna parte). 3 La preghiera Veni Sancte Spiritus contiene espressioni come: Lux beatissima = LUCE BEATISSIMA; Dulce refrigerium = DOLCE REFRIGERIO. Sono espressioni che descrivono gli effetti operati in noi dallo Spirito Santo, e questi effetti assomigliano proprio a quelli che produce l'energia elettrica nelle nostre case. 4 Il libero arbitrio permette all uomo di scegliere tra il bene e il male. È un dono di Dio, ma certi uomini abusano dei doni ricevuti da Dio. 5 Lc 11, 24-26: «Quando uno spirito cattivo esce dall uomo, si aggira per luoghi aridi in cerca di riposo. Non trovandone, dice: ritornerò nella mia casa da dove sono uscito. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende con sé altri sette spiriti peggiori di lui, e assieme entrano nella casa, e vi alloggiano. La condizione finale di quell uomo è peggiore di quella iniziale.» Vedere anche: Mt 12, I dettagli del Piano di Dio (che prevede il nostro ritorno alla felicità del Paradiso terrestre) sono spiegati nell articolo : La Rimessa a nuovo dell umanità. Cf. < > 7 Stella Maris, n o 465, p. 9. (Titolo dell'articolo: Ti mando ancora lo Spirito Santo che ti deifica. Estratto da La Vraie Vie en Dieu, di Vassula Ryden. Supplemento n o 13, p. 112). 8 Potenza Divina d Amore è la definizione che lo Spirito Santo ha dato di se stesso a Madre Carolina Venturella, di Palestrina. Questa espressione ci aiuta a capire che il Dio uno e trino che ci ha creati a sua immagine, ha agito per amore. Dunque, essendo stati concepiti per Amore e all immagine di questo Amore, noi non possiamo realizzare la nostra felicità al di fuori di Esso. S. Agostino dice: Ci hai creati per Te, Signore, e il nostro spirito non trova pace finché non si riposa in Te. 3

19 9 L'equilibrio smetterebbe di esistere se l'uomo si mettesse a creare per clonazione. Dagli abusi della scienza eugenica uscirebbero forme di vita prive di equilibrio e di senso. 4

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE Oggi dobbiamo riflettere su una dimensione profonda della vita coniugale. Prima però di cominciare dobbiamo fare un piccolo sforzo di memoria nel ricordare ciò che

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

ABBIATE FEDE IN DIO E ABBIATE FEDE ANCHE IN ME (Gv 14,1 21)

ABBIATE FEDE IN DIO E ABBIATE FEDE ANCHE IN ME (Gv 14,1 21) ABBIATE FEDE IN DIO E ABBIATE FEDE ANCHE IN ME (Gv 14,1 21) La fede Meditazione di don Severino Pagani 1. IL TURBAMENTO: SIGNORE, NON SAPPIAMO 14 1 Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

I gruppi di ascolto DATA E ORA LUOGO ANIMATORI

I gruppi di ascolto DATA E ORA LUOGO ANIMATORI I gruppi di ascolto DATA E ORA LUOGO ANIMATORI MERCOLEDÌ ore 14,30 Via M. Grappa 51 (Moscolari) Marisa M./ Loredana P MERCOLEDÌ ore 14,30 salone card Testa... Ornella R./Raffaella GIOVEDÌ ore 20,30 oratorio...

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

RITUALE DEL MATRIMONIO CATTOLICO CAPITOLO TERZO

RITUALE DEL MATRIMONIO CATTOLICO CAPITOLO TERZO RITUALE DEL MATRIMONIO CATTOLICO CAPITOLO TERZO RITO DEL MATRIMONIO TRA UNA PARTE CATTOLICA E UNA PARTE CATECUMENO O NON CRISTIANO 147. Quando contraggono Matrimonio una parte cattolica con una parte catecumeno

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 40 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

Chiamati all Amore Chiamati alla Gioia

Chiamati all Amore Chiamati alla Gioia Veglia di preghiera Chiamati all Amore Chiamati alla Gioia Canto iniziale Celebrante: Nel nome di Dio che ci è Padre, del Figlio suo nostro salvatore e dello Spirito Santo d amore. Tutti: Amen Guida: Tutti

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te!

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te! NOVENA ALLA MEDAGLIA MIRACOLOSA Iniziare la novena giornaliera con : 1 Segno della croce 2 Atto di contrizione : Mio buon Gesù che per me sei morto sulla croce,abbi pietà di me,perdona i miei peccati e

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci

Rudi e Gabriella. 21 giugno 2008. Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca. Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Chiesa SS Pietro e Paolo Biasca 21 giugno 2008 Amor ogni cosa vince. Leonardo da Vinci Rudi e Gabriella Belotti Via Ginnasio 2 6710 Biasca PRIMA LETTURA Cantico dei Cantici 2, 8 10.14.16a;

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli