Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dello sviluppo economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dello sviluppo economico"

Transcript

1 Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dello sviluppo economico Comitato nazionale di gestione e attuazione della direttiva 2003/87/CE Deliberazione n. 1/2009 ESECUZIONE DELLA DECISIONE DI ASSEGNAZIONE DELLE QUOTE DI CO 2 AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE SUPPLEMENTARI O A PARTI SUPPLEMENTARI DI IMPIANTI DI COMBUSTIONE, PER IL PERIODO , ELABORATA AI SENSI DELL ARTICOLO 8, COMMA 2, LETTERA C) DEL DECRETO LEGISLATIVO 4 APRILE 2006, N. 216 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI, IN OSSERVANZA AL NULLA OSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA VISTO Il decreto interministeriale, 28 febbraio 2008, di approvazione della Decisione di assegnazione delle quote di CO2 per il periodo e relativi allegati, pubblicato nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 291 del 13 dicembre 2008-Serie Generale; la deliberazione n. 020/2008 del 27 novembre 2008 di questo Comitato pubblicata nel Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 291 del 13 dicembre 2008-Serie Generale e recante l esecuzione della Decisione di assegnazione delle quote di CO2 agli impianti per il periodo , elaborata ai sensi dell articolo 8, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 e successive modifiche ed integrazioni, in osservanza al nulla osta della Commissione Europea; in particolare, il sesto paragrafo della sopra citata deliberazione che stabilisce che con successiva deliberazione di questo Comitato e previa acquisizione del nulla osta da parte della Commissione Europea, saranno assegnate per il periodo e rilasciate per l anno 2008 agli impianti di combustione supplementari o a parti supplementari di impianti di combustione, 7, milioni di tonnellate di quote per anno;

2 la comunicazione della Commissione Europea del 30 maggio 2008 in cui la Commissione afferma di aver constatato che le informazioni di base utilizzate per determinare il quantitativo proposto di quote di emissione da assegnare con le revisioni agli impianti di combustione supplementari non risulta sia stato debitamente comprovato e verificato attraverso una verifica indipendente; la comunicazione di questo Comitato alla Commissione Europea del 18 settembre 2008 con cui lo stesso si impegnava a richiedere la verifica indipendente delle informazioni di base utilizzate per determinare il quantitativo proposto di quote di emissione da assegnare con le revisioni agli impianti di combustione supplementari. la lettera della Commissione Europea del 19 gennaio 2009 che, a seguito delle verifiche effettuate sulle assegnazioni agli impianti supplementari o parti supplementari di impianti di combustione, ne ha verificato la conformità con i requisiti dell articolo 2, paragrafo 3, della decisione della Commissione sul piano di assegnazione adottato dall Italia del 15 maggio 2007,; SU PROPOSTA DELLA SEGRETERIA TECNICA DEL COMITATO DELIBERA 1. Conformemente al nulla osta della Commissione Europea di cui alla lettera del 19 gennaio 2009 è data esecuzione alla Decisione di assegnazione delle quote di CO2 agli impianti per il periodo , elaborata ai sensi dell articolo 8, comma 2, lettera c) del decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 e successive modifiche e integrazioni, per la parte riguardante l assegnazione per il periodo di 7, milioni di quote di CO2 medie per anno ed il rilascio delle quote assegnate per l anno La quantità di cui al comma 1 è assegnata per il periodo e rilasciata per l anno 2008 a ciascuno dei gestori degli impianti regolati dal decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 e successive modificazioni, conformemente a quanto riportato in allegato alla presente deliberazione che ne costituisce parte integrante e sostanziale. La quantità di cui al presente comma è da intendersi come addizionale rispetto a quanto assegnato e rilasciato ai sensi della deliberazione 20/ Contestualmente all invio della dichiarazione relativa alle attività ed alle emissioni dell'impianto di cui all articolo 15, comma 5 del decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 e successive modifiche ed integrazioni, dovuta per l anno 2008, ciascuno dei gestori di cui al comma 2 provvede ad inviare a questo Comitato l attestato di verifica di cui all articolo 16 del citato decreto legislativo relativo alle informazioni trasmesse ai sensi della deliberazione 25/ L amministratore del registro di cui all articolo 14 del decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 216 e successive modificazioni provvede all iscrizione nel Registro nazionale delle

3 emissioni e delle quote di emissione, delle quote assegnate e rilasciate secondo il comma 2 e I corrispettivi previsti dall articolo 26 del Decreto Legislativo 4 aprile 2006, n. 216 e successive modifiche e integrazioni sono versati in occasione del rilascio delle quote per l anno La presente deliberazione è pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana IL PRESIDENTE Corrado Clini

4 Allegato Deliberazione 01/2009 Allegato Elenco settoriale 1: Elenco degli impianti termoelettrici cogenerativi e non cogenerativi Quote AcegasAps S.p.A. AcegasAps S.p.A. - Impianto di Termovalorizzazione Rifiuti Totale Di cui altro Elenco settoriale 2: Altri impianti di combustione Quote Polimeri Europa S.p.A. Stabilimento Polimeri Europa di Porto Marghera Berco S.p.A. Berco S.p.A S.F.I.R. S.p.A. S.F.I.R. S.p.A. Zuccherificio di Pontelagoscuro POLIMERI EUROPA S.p.A. Stabilimento Polimeri Europa di Ravenna POLIMERI EUROPA S.p.A STABILIMENTO POLIMERI EUROPA DI BRINDISI Polimeri Europa S.p.A Stabilimento Polimeri Europa di Gela Polimeri Europa S.p.A. Stabilimento Polimeri Europa di Priolo Polimeri Europa S.p.A. Stabilimento Polimeri Europa di Porto Torres ACETATI SPA Acetati S.p.A Evonik Degussa Italia S.p.A. Evonik Degussa Italia S.p.A Cabot Italiana S.p.A Cabot Italiana S.p.A Columbian Carbon Europa SRL Columbian Carbon Europa Srl - Stabilimento di Trecate Totale Assegnazione annua per il periodo

5 Elenco settoriale 4: Impianti di produzione di acciaio Di cui impianti a ciclo integrato Quote LUCCHINI SPA STABILIMENTO DI PIOMBINO ILVA S.P.A. ILVA S.P.A. - Stabilimento di Taranto Totale Di cui impianti a forno elettrico Quote AFV ACCIAIERIE BELTRAME SPA AFV ACCIAIERIE BELTRAME SPA RIVA Acciaio S.p.A. RIVA Acciaio - Stabilimento di Lesegno Cogne Acciai Speciali S.p.A. Cogne Acciai Speciali S.p.A. - Stabilimento Siderurgico di Aosta Dalmine SpA Dalmine SpA - Stabilimento di Dalmine Lucchini Sidermeccanica S.p.A. Lucchini Sidermeccanica S.p.A.- Stabilimento di Lovere ITALFOND SPA ITALFOND SPA Metalcam S.p.A. Metalcam S.p.A O.R.I. MARTIN S.P.A. O.R.I. MARTIN S.P.A ALFA ACCIAI S.p.A. ALFA ACCIAI S.p.A INDUSTRIE RIUNITE ODOLESI I.R.O. SPA Industrie Riunite Odolesi I.R.O. s.p.a FERRIERA VALSABBIA SPA Ferriera Valsabbia S.p.A. - Stabilimento di Odolo ( BS ) STEFANA S.p.A. STEFANA S.p.A. STABILIMENTO DI OSPITALETTO ASO SIDERURGICA SRL ASO SIDERURGICA SRL ACCIAIERIE VENETE S.p.A. ACCIAIERIE VENETE S.p.A. Stabilimento di Sarezzo Acciaieria Arvedi S.p.A. Acciaieria Arvedi S.p.A Acciaierie Valbruna S.p.A. Acciaierie Valbruna S.p.A. - Stabilimento di Bolzano Riva Acciaio S.p.A. Riva Acciaio S.p.A. - Stabilimento di Verona AFV ACCIAIERIE BELTRAME SPA AFV ACCIAIERIE BELTRAME SPA ACCIAIERIE VALBRUNA S.P.A. Acciaierie Valbruna S.p.A. - Stabilimento di Vicenza ACCIAIERIE VENETE SPA ACCIAIERIE VENETE STABILIMENTO DI CAMIN Assegnazione annua per il periodo

6 Quote Ferriere Nord Spa Ferriere Nord Spa - Stabilimento di Osoppo Acciaierie Bertoli Safau S.p.A. Acciaierie Bertoli Safau S.p.A ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni S.p.A. con ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni S.p.A. con Unico Socio - sito produttivo Unico Socio di Terni Ferriere Nord Spa Ferriere Nord Spa - Stabilimento Siderpotenza - Potenza ACCIAIERIE DI SICILIA S.p.A. ACCIAIERIE DI SICILIA S.p.A FORONI SPA FORONI SPA OLIFER- ACP SPA STABILIMENTO DI CIVIDATE AL PIANO OLIFER- ACP SPA STABILIMENTO DI CIVIDATE AL PIANO VERONA STEEL SPA VERONA STEEL SPA FERALPI SIDERURGICA SPA Feralpi Siderurgica S.p.A,.Stabilimento di Lonato Totale

Aziende associate. tel: 07444901 fax: 0744 490752. tel: 0444698077 fax: 0444 490233. tel: 03724781 fax: 0372 478283 e-mail: segreteria@ast.arvedi.

Aziende associate. tel: 07444901 fax: 0744 490752. tel: 0444698077 fax: 0444 490233. tel: 03724781 fax: 0372 478283 e-mail: segreteria@ast.arvedi. ACCIAI SPECIALI TERNI spa Viale Benedetto Brin, 218 05100 TERNI prov: TR tel: 07444901 fax: 0744 490752 info.ast@acciaiterni.it www.acciaiterni.it ACCIAI SPECIALI ZORZETTO srl Via Callesella 28 36041 ALTE

Dettagli

DATI ANAGRAFICI. Andrea Matteo LUOGO DI NASCITA

DATI ANAGRAFICI. Andrea Matteo LUOGO DI NASCITA DATI ANAGRAFICI COGNOME NOME DATA DI NASCITA LUOGO DI NASCITA CITTADINANZA Basso Andrea Matteo 29 Maggio 1965 Milano Italiana 2014 2008 2007 FORMAZIONE Auditor di Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza

Dettagli

due lcimpianti Impianti Elettrostrumentali impianti elettici industriali automazioni e civili s.r.l.

due lcimpianti Impianti Elettrostrumentali impianti elettici industriali automazioni e civili s.r.l. in Serietà e Competenza Impianti Elettrostrumentali impianti elettici industriali automazioni e civili ESINE(Bs) - via Campassi, 56 - Tel. 0364.361.122 - Fax 0364.361.605 - Mail: info@bassi.it innovazione

Dettagli

PRESENTAZIONE REFRASUD INTERNATIONAL S.R.L.

PRESENTAZIONE REFRASUD INTERNATIONAL S.R.L. Pagina 1 di 12 PRESENTAZIONE REFRASUD INTERNATIONAL S.R.L. Pagina 2 di 12 MATERIALI A BASE DI CARBONXIDE La Refrasud International S.r.l. (in seguito denominata Refrasud), opera nel campo dei refrattari

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione 10 /2014 RILASCIO DELLE QUOTE DI EMISSIONE

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 47/2012 PROCEDURE APPLICABILI PER IL PERIODO

Dettagli

Mal Aria industriale. Il libro bianco sull inquinamento atmosferico dalle attività produttive in Italia

Mal Aria industriale. Il libro bianco sull inquinamento atmosferico dalle attività produttive in Italia Mal Aria industriale Il libro bianco sull inquinamento atmosferico dalle attività produttive in Italia Taranto, 17 gennaio 2009 INDICE 1. Premessa 3 2. L inquinamento atmosferico in Italia 8 3. Le classifiche

Dettagli

STEELMASTER Special Edition 2013

STEELMASTER Special Edition 2013 STEELMASTER Special Edition 2013 Confronto tecnico-economico economico tra ciclo integrale e ciclo elettrico in relazione al mix di prodotti siderurgici Autore: Alessio Saccocci Relatore: Andrea Mazzarano

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione 16/2014 RILASCIO DELLE QUOTE DI EMISSIONE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO. La tutela INAIL per i lavoratori esposti all amianto

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO. La tutela INAIL per i lavoratori esposti all amianto ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO La tutela INAIL per i lavoratori esposti all amianto INAIL Direzione Centrale Prestazioni Dr.ssa Fabiola Ficola SEMINARIO NAZIONALE

Dettagli

Osservatorio sulle situazioni di difficoltà occupazionale Settore siderurgico 5 Rapporto di monitoraggio Settembre/Ottobre 2009

Osservatorio sulle situazioni di difficoltà occupazionale Settore siderurgico 5 Rapporto di monitoraggio Settembre/Ottobre 2009 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 A cura di Sandra Simeoni, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 2 Agenzia regionale

Dettagli

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA

Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Presentazione di ArcelorMittal e dell interesse del Gruppo per ILVA Gennaio 2015 confidenziale Anthony Old 0 Sommario Presentazione del Gruppo ArcelorMittal Il nostro progetto per ILVA Il principale produttore

Dettagli

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10 STABILIMENTO DI TARANTO Febbraio 2007 Analisi energetica dello Stabilimento Siderurgico ILVA di Taranto Lo stabilimento siderurgico di Taranto consuma, nel suo assetto attuale, c.a. 181.000 Tj/anno in

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO Direttiva 2012/27/CE Articolo 14 Promozione dell'efficienza per il riscaldamento e il raffreddamento 1. Entro il 31 dicembre 2015

Dettagli

La situazione dell efficienza energetica in Italia Andamento dell efficienza energetica del Paese Italia e per settore

La situazione dell efficienza energetica in Italia Andamento dell efficienza energetica del Paese Italia e per settore Indagine condotta e formulata da Enerdata La situazione dell efficienza energetica in Italia Andamento dell efficienza energetica del Paese Italia e per settore 1 La situazione dell efficienza energetica

Dettagli

Osservatorio sulle situazioni di difficoltà occupazionale Settore siderurgico 3 Rapporto di monitoraggio Maggio/Giugno 2009

Osservatorio sulle situazioni di difficoltà occupazionale Settore siderurgico 3 Rapporto di monitoraggio Maggio/Giugno 2009 Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 A cura di Sandra Simeoni, esperta dell Agenzia regionale del lavoro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Agenzia regionale

Dettagli

CAPITOLO 1 DESCRIZIONE DEL SETTORE PRODUTTIVO 1.1 PRODUZIONE E CONSUMI MONDIALI

CAPITOLO 1 DESCRIZIONE DEL SETTORE PRODUTTIVO 1.1 PRODUZIONE E CONSUMI MONDIALI CAPITOLO 1 DESCRIZIONE DEL SETTORE PRODUTTIVO 1.1 PRODUZIONE E CONSUMI MONDIALI L acciaio rientra sicuramente nel novero dei materiali più largamente diffusi nel mondo. Il suo ruolo insostituibile nel

Dettagli

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati:

1) Istanza prot. n. EP/P2002000119 del 16/01/2002 della ditta ENEL Produzione con allegati: D. R. S. n. 308 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico ed acustico

Dettagli

Via dell Industria, N 62/64 25039 Travagliato (BS) Italy Tel. 030-6863815 (r.a) Fax. 030-660421 E-Mail: info@cea-srl.it Hhtp: www.cea-srl.

Via dell Industria, N 62/64 25039 Travagliato (BS) Italy Tel. 030-6863815 (r.a) Fax. 030-660421 E-Mail: info@cea-srl.it Hhtp: www.cea-srl. L AZIENDA Nel 1982 nasce la C.E.A. Elettroapplicazioni, un gruppo di lavoro dinamico e creativo capace di recepire, sviluppare e proporre al mercato, le grandi innovazioni tecnologiche che hanno caratterizzato

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2012 ADEMPIMENTI DI CUI AL REGOLAMENTO

Dettagli

La siderurgia e la metallurgia non ferrosa in Italia

La siderurgia e la metallurgia non ferrosa in Italia Il ruolo strategico del sistema metalmeccanico italiano: DAI METALLI ALLA MECCATRONICA 23 ottobre 2014 Roma La siderurgia e la metallurgia non ferrosa in Italia Margherita Balconi Università di Pavia PER

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Stefano SESANA Ingegnere civile strutturista

Stefano SESANA Ingegnere civile strutturista Stefano SESANA Ingegnere civile strutturista 1 - AMBITI DI COMPETENZA Progettazione di opere strutturali in cemento armato e carpenteria metallica: il calcolo delle strutture costituisce l attività principale

Dettagli

Facoltà di Scienze Statistiche

Facoltà di Scienze Statistiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea Triennale in Statistica e Gestione delle Imprese STUDIO DEL MERCATO DI RIFERIMENTO FERRIERE NORD S.P.A., PROGETTAZIONE E

Dettagli

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale

Efficienza energetica: ruolo e funzioni dell ENEA, la nuova Agenzia nazionale L Agenzia nazionale per l efficienza energetica IlD.Lgs.30maggio2008,n.115,attuandoa livello nazionale la direttiva comunitaria 2006/32, ha istituito l Agenzia nazionale per l efficienza energetica affidandone

Dettagli

Napoli, 19 Ottobre 2009. Dott.ssa M.R. Di Somma

Napoli, 19 Ottobre 2009. Dott.ssa M.R. Di Somma Napoli, 19 Ottobre 2009 Dott.ssa M.R. Di Somma Movimentazione Merci PORTO Prodotti Petroliferi Totale Merci Ancona - Falconara 4.853.842 9.427.104 Arbatax 12.133 Augusta 29.321.711 30.393.513 Barletta

Dettagli

PIVENETA è un azienda organizzata secondo due aree di

PIVENETA è un azienda organizzata secondo due aree di Innoviamo l industria, miglioriamo l ambiente PIVENETA è un azienda organizzata secondo due aree di intervento; le attività di business riguardano la Divisione Articoli Tecnici e la Divisione Filtrazione.

Dettagli

1666 A2A Calore & Servizi Srl Sesto San Giovanni n. 28/12 10.341 7,44 76.937,04

1666 A2A Calore & Servizi Srl Sesto San Giovanni n. 28/12 10.341 7,44 76.937,04 ai sensi dell articolo 2 del decreto-legge 20 maggio 2010, n. 72, ai gestori degli impianti o parti di impianto che non hanno ricevuto di di CO2 a titolo gratuito 1666 A2A Calore & Servizi Srl Sesto San

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

EMISSION TRADING EFFICIENZA ENERGETICA E INNOVAZIONE. Ciclo integrale: problematiche attuali e sviluppi futuri

EMISSION TRADING EFFICIENZA ENERGETICA E INNOVAZIONE. Ciclo integrale: problematiche attuali e sviluppi futuri GIORNATE DI STUDIO AIM EMISSION TRADING EFFICIENZA ENERGETICA E INNOVAZIONE Bergamo 17 18 Aprile 2007 Ciclo integrale: problematiche attuali e sviluppi futuri (S. Fera Ilva S.p.A.) 1 Ciclo integrale: problematiche

Dettagli

Revue de Presse. Energy Efficiency Campus Accord Schneider Electric Services Environnementaux

Revue de Presse. Energy Efficiency Campus Accord Schneider Electric Services Environnementaux Revue de Presse Energy Efficiency Campus Accord Schneider Electric Services Environnementaux 1 Sommaire Energy Efficiency Campus... p.3 Accord Schneider Electric... p.5 Nouvelle classification des déchets...

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

La ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni e l inox nell edilizia.

La ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni e l inox nell edilizia. La e l inox nell edilizia. Dr. P. Masciarri Una scelta estetica per la durabilità nel tempo: Vernest l acciaio inossidabile colorato Bologna Saie 2003 Venerdì 17 ottobre 2003 La e l inox nell edilizia.

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 22 dicembre 1998 Definizione dei prezzi di cessione delle eccedenze di energia elettrica prodotta da impianti idroelettrici ad acqua fluente fino a 3MW (Deliberazione n. 162/98) Nella riunione

Dettagli

Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dello sviluppo economico

Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dello sviluppo economico Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Ministero dello sviluppo economico Deliberazione n. 11/2009 AGGIORNAMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI AD EMETTERE GAS A EFFETTO SERRA IL COMITATO

Dettagli

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Tipologia di intervento:

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti

Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti Studi modellistici di dispersione e degli inquinanti Modelli matematici per lo studio della dispersione degli inquinanti in atmosfera Modelli gaussiani Windimula ARIAImpact Modelli gaussiani di nuova generazione

Dettagli

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE Provincia di Genova Direzione Ambiente, Ambiti Naturali e Trasporti Servizio Energia, Aria e Rumore Ufficio Energia e Rumore AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Sulle tracce dei rifiuti

Sulle tracce dei rifiuti 3 edizione - dati 2011 Sulle tracce dei rifiuti Scopri dove va a finire la tua raccolta differenziata Ecco COME abbiamo seguito le tracce dei rifiuti Per scoprire dove va a finire la tua raccolta differenziata

Dettagli

IL PRIMO WORKSHOP IN ITALIA INTERAMENTE DEDICATO ALLA MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DEI TRASFORMATORI DI POTENZA E SPECIALI

IL PRIMO WORKSHOP IN ITALIA INTERAMENTE DEDICATO ALLA MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DEI TRASFORMATORI DI POTENZA E SPECIALI 24HOURS7DAYS Servizi della Business Unit TES 24/7 IL PRIMO WORKSHOP IN ITALIA INTERAMENTE DEDICATO ALLA MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DEI TRASFORMATORI DI POTENZA E SPECIALI TES Transformer Electro Service

Dettagli

MATERIALI FERROSI E IMBALLAGGI DI ACCIAIO

MATERIALI FERROSI E IMBALLAGGI DI ACCIAIO .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 L immesso al consumo Nel 212, la produzione mondiale di acciaio è stata pari a 1,55 Mld ton, in aumento del 4% sull anno precedente, crescita marcatamente

Dettagli

La sostenibilità è un valore prioritario.

La sostenibilità è un valore prioritario. La sostenibilità è un valore prioritario. EMISSIONI DI GAS SERRA E PREVENZIONE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI - Il cambiamento climatico - Il contesto globale e gli accordi internazionali - Lo schema europeo

Dettagli

(da utilizzare nel caso di impresa singola oppure nel caso di raggruppamento temporaneo di imprese o consorzio o GEIE già costituiti)

(da utilizzare nel caso di impresa singola oppure nel caso di raggruppamento temporaneo di imprese o consorzio o GEIE già costituiti) MODELLO DELLA DICHIARAZIONE RELATIVA AL RIBASSO PERCENTUALE UNICO OFFERTO, AL CORRISPETTIVO UNITARIO OFFERTO E ALLA SUDDIVISIONE DEL CORRISPETTIVO UNITARIO OFFERTO [documento unico della busta B Offerta

Dettagli

SOLARE TERMICO. Guida al solare termico CIRCOLAZIONE NATURALE

SOLARE TERMICO. Guida al solare termico CIRCOLAZIONE NATURALE CIRCOLAZIONE NATURALE Gli impianti del sono progettati con lo scopo di ridurre le dispersioni di calore verso l esterno. Infatti il calore raccolto da ciascun elemento (tubo sottovuoto) viene trasferito

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Freedom to communicate Presentazione InterLAN Sistema di interfonia su LAN

Freedom to communicate Presentazione InterLAN Sistema di interfonia su LAN 10/03/11 Freedom to communicate Presentazione InterLAN Sistema di interfonia su LAN InterLAN (Interfonia Commerciale ed Industriale) Interfoni in IP e comunicazione Peer-To-Peer adatti ad applicazioni

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 40 In data: 13/03/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL 'BONUS TARIFFA SOCIALE

Dettagli

SVILUPPO INGEGNERIA E FORNITURA DI SOLUZIONI ELETTROSTRUMENTALI

SVILUPPO INGEGNERIA E FORNITURA DI SOLUZIONI ELETTROSTRUMENTALI FP ENGINEERING è una società che si occupa di sistemi elettrostrumentali applicati a vari processi industriali. Le nostre forniture ed i nostri servizi si rivolgono a due tipologie di clienti: Società

Dettagli

La situazione dell efficienza energetica globale Andamento dell efficienza energetica globale e per settore

La situazione dell efficienza energetica globale Andamento dell efficienza energetica globale e per settore Indagine condotta e formulata da Enerdata La situazione dell efficienza energetica globale Andamento dell efficienza energetica globale e per settore Indice 1. Andamento dell efficienza energetica globale

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Le eccellenze dell industria italiana innovazione, immagine, internazionalizzazione

Le eccellenze dell industria italiana innovazione, immagine, internazionalizzazione innovazione,, Studio curato da Universitàdi Firenze e IMT Lucca su incarico di Aspen Institute Italia La vetrina delle eccellenze 3B Acciaieria di Rubiera Acciaierie Bertoli Safau Agusta Alban Giacomo

Dettagli

MODALITA' E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DI ACEGASAPS PER IMPIANTI DI PRODUZIONE

MODALITA' E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DI ACEGASAPS PER IMPIANTI DI PRODUZIONE MODALITA' E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DI ACEGASAPS PER IMPIANTI DI PRODUZIONE 1. LIVELLO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE Il livello

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2011 AGGIORNAMENTO DELLE AUTORIZZAZIONI

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 19.5.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 126/43 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 4 maggio 2005 che istituisce il questionario per la relazione sull applicazione della direttiva 2003/87/CE del

Dettagli

La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07

La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07 La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07 Andrea Galliani Convegno nazionale Microcogenerazione e trigenerazione Verona, 20 aprile 2007 Alcuni

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA Qualità dell' Aria Proposta nr. 42 del 16/04/2014 - Determinazione nr. 992 del 17/04/2014 OGGETTO: D.Lgs n. 152/06 e s.m.i. e DPR 59/2013 Autorizzazione

Dettagli

Brescia, 9/01/2012. (Dott. Ing. Fabrizio MALARA)

Brescia, 9/01/2012. (Dott. Ing. Fabrizio MALARA) Il sottoscritto è a conoscenza che, ai sensi dell art. 26 della legge 15/68, le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l uso di atti falsi sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali.

Dettagli

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO COMPLEMENTARE DELL ENERGIA ELETTRICA IMMESSA IN RETE DEL PRODUTTORE

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO COMPLEMENTARE DELL ENERGIA ELETTRICA IMMESSA IN RETE DEL PRODUTTORE Pagina 1 di 10 DEL MIX ENERGETICO COMPLEMENTARE DELL ENERGIA ELETTRICA IMMESSA IN (Ai sensi dell articolo 5, comma 5, del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 31 luglio 2009) Pagina 2 di 10 INDICE

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 7.9.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 240/27 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 5 settembre 2013 relativa alle misure nazionali di attuazione per l assegnazione transitoria a titolo gratuito di

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 22/2011 DISCIPLINA DELL AUTORIZZAZIONE

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti le modalità di prestazione della garanzia finanziaria per il trasporto transfrontaliero di rifiuti

Regolamento recante norme concernenti le modalità di prestazione della garanzia finanziaria per il trasporto transfrontaliero di rifiuti Decreto Ministeriale n. 370/1998 (garanzia finanziaria per trasporto transfrontaliero rifiuti) Decreto 3 settembre 1998, n. 370 (Gazzetta ufficiale 26 ottobre 1998 n. 250) Regolamento recante norme concernenti

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Normativa di riferimento Decreti ministeriali del 24 Aprile 2001 (elettrico e termico) Decreti ministeriali del 20 Luglio 2004 (elettrico e termico)

Dettagli

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto

ALLEGATO I. Tecnologie di cogenerazione oggetto del presente decreto 2. Sono approvati gli allegati IV, V, VI e VII, recanti integrazioni al metodo di calcolo dell energia da cogenerazione ad alto rendimento, relativamente a: a) allegato IV - valori di rendimento di riferimento

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MARZO 2012 102/2012/R/EEL DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE DELLO SCHEMA DI PIANO DECENNALE DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE, PREDISPOSTO DAL GESTORE DEL SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

IL PRERIDOTTO NEL QUADRO DEL RILANCIO DELLA METALLURGIA ITALIANA. Prof. Ing. Carlo Mapelli Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano

IL PRERIDOTTO NEL QUADRO DEL RILANCIO DELLA METALLURGIA ITALIANA. Prof. Ing. Carlo Mapelli Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano IL PRERIDOTTO NEL QUADRO DEL RILANCIO DELLA METALLURGIA ITALIANA Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano Cos è il preridotto (DRI/HBI) E un semilavorato siderurgico contenente prevalentemente ferro

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO

Allegato A CAPITOLATO TECNICO Convenzione per la fornitura di energia elettrica ed.3 Allegato A CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 13 Indice 1. Oggetto... 3 2. Gestione della fornitura... 6 3. Energia verde... 8 3.1 Certificazione dell

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 28 ottobre 2014. Ripartizione, in capitoli ed articoli, delle unità di voto parlamentare disposte dalla legge

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 4 agosto 2011. Integrazioni al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20, di attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata

Dettagli

Primi risultati della simulazione di Emission Trading

Primi risultati della simulazione di Emission Trading The Regional Dimension of ET: DesAir LIFE Project Final Conference Primi risultati della simulazione di Emission Trading Edoardo Croci Lucia Luzi Sabrina Melandri Milano, 27 settembre 1 Il progetto DesAir

Dettagli

Tra le acciaierie e le forge annoveriamo:

Tra le acciaierie e le forge annoveriamo: Esperienza ed innovazione, altissima tecnologia e relazioni umane, ricerca e pragmatismo; Gruppo GIVA, giovane, dinamico, già leader mondiale nei settori in cui opera ma in continua e rapida espansione.

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettere b) e c), comma 2 e comma 3, della legge 8 luglio 1986, n. 349;

Visto l'art. 2, comma 1, lettere b) e c), comma 2 e comma 3, della legge 8 luglio 1986, n. 349; D.P.C.M. 8-3-2002 Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonché delle caratteristiche tecnologiche degli impianti di combustione.

Dettagli

L AIA delle Acciaierie Valbruna di Bolzano L esperienza di APPA Bolzano

L AIA delle Acciaierie Valbruna di Bolzano L esperienza di APPA Bolzano L AIA delle Acciaierie Valbruna di Bolzano L esperienza di APPA Bolzano 17 giugno 2014 Acciaierie Valbruna spa Stabilimento di Bolzano Acciaierie di Bolzano Un pò di storia Le Acciaierie di Bolzano spa

Dettagli

L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA: evoluzione del settore e del quadro normativo

L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA: evoluzione del settore e del quadro normativo Certificati Verdi e FER Elettriche Le novità introdotte dal DM 6 luglio 2012 Antonio D Amico Unità Gestione e Riconoscimento Incentivi e Titoli FER Direzione Contratti L ENERGIA IDROELETTRICA in ITALIA:

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

LE SEDI. Pont Saint Martin. Brescia

LE SEDI. Pont Saint Martin. Brescia LE SEDI Pont Saint Martin Brescia Bruxelles Trento Ferentino Orvieto Padova Roma _ROMA 00185 Roma Via San Martino della Battaglia, 56 Tel. 06-49.20.1 00148 Ponte Galeria (RM) Via Riccardo Morandi, 32 Tel.

Dettagli

6HPLQDULR. HPLVVLRQWUDGLQJ SULQFLSDOLDGHPSLPHQWLHRSSRUWXQLWj SHUOHLPSUHVH 3URWRFROORGL.\RWRHG³HPLVVLRQWUDGLQJ 'DOPLQHOXJOLR

6HPLQDULR. HPLVVLRQWUDGLQJ SULQFLSDOLDGHPSLPHQWLHRSSRUWXQLWj SHUOHLPSUHVH 3URWRFROORGL.\RWRHG³HPLVVLRQWUDGLQJ 'DOPLQHOXJOLR 6HPLQDULR 3URWRFROORGL.\RWRHG³HPLVVLRQWUDGLQJ HPLVVLRQWUDGLQJ SULQFLSDOLDGHPSLPHQWLHRSSRUWXQLWj SHUOHLPSUHVH 'DOPLQHOXJOLR Dalmine Energie 14 luglio 2005 $FFLDLR 7XELH SURGRWWLSLDQL,QJHJQHULDH &RVWUX]LRQL,PSLDQWLH

Dettagli

3TERMOTECNICA SEBINA S.r.l.

3TERMOTECNICA SEBINA S.r.l. Termotecnica Sebina S.r.l. rappresenta una realtà produttiva che da più di 30 anni realizza impianti tecnologici e fornisce servizi di manutenzione, sia nelle costruzioni civili che in vari comparti industriali.

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Idroelettrici Termoelettrici Impianti lorda (MW) netta (MW) Producibilità media annua (GWh) Impianti Sezioni

Dettagli