C è stato un giorno che sono morta. Per 12 minuti. Oddio, io non lo so se sono stati 12 minuti. Me l hanno detto. Io ero morta. Pare che ti cambi la

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C è stato un giorno che sono morta. Per 12 minuti. Oddio, io non lo so se sono stati 12 minuti. Me l hanno detto. Io ero morta. Pare che ti cambi la"

Transcript

1 Per cominciare Non sottovalutate mai i gatti. E neppure i chitarristi. I primi perché è vero, hanno proprio sette vite, non è solo un modo di dire. I secondi perché, a volte, possono essere un ancora di salvezza. E non sappiamo mai quando questo connubio può tornarci utile. Magari durante un viaggio. Magari mentre siamo morti. Per 12 minuti.

2 C è stato un giorno che sono morta. Per 12 minuti. Oddio, io non lo so se sono stati 12 minuti. Me l hanno detto. Io ero morta. Pare che ti cambi la vita quando sei morta. Eh, certo. Quanto meno non sei più viva. E io lo sono stata, non-viva, per 12 minuti. E non mi ricordo niente! Ma come, ho un occasione del genere così, a portata di mano, e non mi porto neppure, che so, un IPhone, un IPad, un cavolo di cellulare col quale registrare, fotografare, catturare una testimonianza insomma! Io, così organizzatacompulsivo- maniacale, muoio per 12 minuti e non immortalo l evento! E neppure quelli lì, da fuori, sì insomma, parenti e amici subito accorsi, neppure loro hanno ripreso nulla. Erano troppo affaccendati a soccorrermi, mi hanno detto. Che poi non sarebbe neppure stata la stessa cosa, a pensarci bene. Un conto è la testimonianza di chi vede tutto dal di fuori, tutt altro conto è starci dentro, vuoi mettere? Già da tempo mi leggevo tutto lo scibile umano e paranormale su argomenti tipo La vita oltre la morte, Risvegli,

3 Testimonianze di pre-morte, roba leggera insomma. Perché in fondo l argomento ha un suo fascino, specie nella mente di un adolescente in pieno tumulto ormonale quale ero io. Quando non sai ancora chi sei e chi vorresti essere, quando vorresti metterti in mostra e nasconderti allo stesso tempo, quando piangere e ridere nel medesimo istante è la cosa più naturale del mondo, sì, insomma, in quel periodo maledettamente bello della vita dove tutto e il suo contrario sono la stessa cosa e ti senti padrona del mondo. E anche della tua vita. Quindi anche della tua morte. E non ne hai alcuna paura. E allora vai in esplorazione. Cerchi costantemente il brivido. Sfidi l ignoto. Non esistono droghe artificiali migliori del brivido dell ignoto. Ti doperesti all infinito. Io non avevo mai neppure provato uno spinello. Ne avevo sentito l'odore, quello sì, nei bagni della scuola. Pungente e dolciastro. Forse lo sniffamento passivo era un po complice dei miei segreti voli pindarici, per questo ci andavo spesso, nei bagni della scuola. Mi venivano a bussare a un

4 certo punto: - Che ci sei caduta là dentro? Vuoi una bella nota o ti decidi a rientrare in classe? - Quando lessi il libro "La vita oltre la morte" capii che c'era qualcosa di impossibile davanti al mio senso di onnipotenza. Sì, perché, nonostante tutta la mia curiosità, proprio non ce la potevo fare a togliermi la vita per vedere cosa c'era nell'al di là. Il mio attaccamento alla vita mi teneva costantemente e tenacemente ancorata nell'al di qua, quindi mi rassegnai a immaginare tutto procrastinando l'esperienza reale a data da definire. Ma io sono una persona fortunata, in fondo. E certe cose capitano solo alle persone fortunate. Perché in genere si muore per sempre. Io sono morta solo per 12 minuti, e la mia fortuna finisce lì, perché, come ho già detto, non mi ricordo nulla. Ho deciso che proverò con l'ipnosi, perché questa domanda, questo "buco", stanno diventando un tarlo. E magari fosse solo per me! Pure tutti gli altri ci si mettono. Non potete capire le facce

5 deluse quando, al mio rientro dall'al di là nell'al di qua, alla fatidica domanda:"hai visto qualcosa?la luce?" Io ho risposto: "Nulla." Che poi l'ho dovuto specificare che non è che non avevo visto nulla, è che proprio non lo ricordavo. In questo modo tenevo sospeso quel filo sottile che separa i protagonisti della storia dai comprimari. Nel senso che l'argomento non era chiuso, non ancora. C'era ancora qualcosa da scoprire. Tener desta l'attenzione, questo era importante. Perché lo so che in quelle testoline vuote, per un momento, era balenata l'idea che io non fossi morta sul serio. Eh no! Questo non posso permetterlo. Sono anni ormai che mi guardate con la faccia a punto interrogativo, anni che vi trascinate dietro il dubbio se la mia sia stata una recita o verità. È giunta l'ora di sapere. E il bello sarà che io svelerò l arcano. Voi dovrete accontentarvi di un surrogato.

6 Un attimo o una vita prima. Martedì, 15 marzo ore 16,⁰⁰ Non comincio mai nulla di lunedì. È troppo scontato, troppo ordinato. Quello che comincio di lunedì sistematicamente lo interrompo il giorno dopo, di qualunque cosa si tratti. Di martedì invece mi dà come il senso dell ineluttabilità, un impegno preso in corso d opera e capitato lì nonostante la mia pianificazione settimanale, qualcosa giunto a scombinarmi i piani. Lo studio della dottoressa è al dodicesimo piano di un palazzo del centro. Mi tocca prendere l ascensore e spero solo che sia di quelli superveloci e supertecnologici. Macché. Il gabbiotto di un metro per un metro è di quelli con la porticina a griglia di metallo che te la devi tirare dietro per bene altrimenti il loculo non si muove, e ci sono pure i due sportellini tipo anta dell armadio, che se non li apri tutti e due non ci passi neppure dopo la dieta del digiuno. Dopo un tempo infinito, una salita tra pianerottoli ingombri di piante lussureggianti e portoni lucidi con

7 targhette ottonate, finalmente la cabina si ferma sussultando. Lo studio della dottoressa non è come me lo aspettavo. È accogliente. C è luce che viene dalle porte finestre alte, e musica di sottofondo. Chill out. La dottoressa non è italiana. È austriaca. Figlia di un banchiere carinzio e di una nobildonna stiriana aveva trascorso la sua gioventù nelle verdi vallate di Graz, circondata da boschi e colline. Tipo Heidi insomma. Pare che fosse un assidua frequentatrice dell autunno stiriano e che, prima di dedicarsi agli studi di psicologia e psicoterapia, abbia subìto i benefici influssi artistico -culturali di quel celebre festival annuale. Devono essere suoi tutti i dipinti appesi alle pareti della sala d aspetto. Lei comunque non somiglia a Heidi. È molto alta e molto magra e ha una voce molto suadente. Questa psicanalista mi piace. In pratica non mi interrompe mai. Mi ha fatto una domanda e io sono partita per la tangente. Ho fisicamente imboccato l'autostrada della mia vita in senso opposto e l'ho percorsa a tutta velocità, fino al giorno prima del lieto evento. Mi ha detto che

8 non posso considerarlo lieto però, perché morire è il peggiore dei distacchi. - Sì ma io sono tornata. - Ha detto che non conta. Non ho voluto polemizzare. Il lettino attaccato alla parete alla mia destra mi chiamava, invitante, e io non vedevo l'ora di sdraiarmici sopra. Col cavolo! Dopo cinquanta minuti trascorsi a raccontarle la mia vita, i rapporti con padre, madre, sorelle, uomini, figli, i vicini, i compagni di scuola, i professori, la bidella, insomma, tutta la pletora umana che ha accompagnato la mia esistenza, mi dice: - Bene! Ci vediamo tra una settimana e affronteremo ciò che è accaduto prima dell'evento. - Ma come... Una settimana? Ma se l'avessi saputo prima non avrei percorso tutta quella maledettissima autostrada. Che manca pure un bel pezzo ancora! Se l'avessi saputo sarei uscita prima, magari all'altezza del mio matrimonio, tanto lì il percorso è così accidentato che neppure con un fuoristrada si esce indenni. E il panorama non è dei migliori. Sette giorni. E non so neanche se mi ipnotizzerà alla prossima seduta.

9 Però devo ammetterlo. Questo excursus spaziotemporale a qualcosa è servito. Ho rivisto tutte insieme le facce che bene o male, per tanto o per poco, hanno segnato almeno un punto nel bersaglio invisibile del mio quotidiano percorso. Credevo di essere una freccia rossa, quel treno superveloce delle FS che non fa fermate, o quasi. Uno di quelli che sfrecciano via sul loro bel binario luccicante e nuovo di zecca. Uno di quelli che le storie ce le ha dentro, che non lascia a chi lo vede passare il tempo di costruirne di nuove e fantastiche. Un treno così non lo prendi al volo. O ci sali sopra alla stazione di partenza o l'hai perduto, per sempre. Invece no. Tutte quelle frecce conficcate nella mia bella carrozzeria dimostravano che io, tutt'al più, ero stata un rapido, che qualche fermata l'avevo fatta e che talvolta avevo pure rallentato. Altrimenti quella gente non sarebbe rimasta, non ne avrebbe avuto la possibilità. Che bel dilemma mi ritrovavo tra capo e collo. Io volevo solo recuperare un frammento perduto del mio passato. Un frammento importante. E ora

10 tutto questo ingombrante bagaglio dove dovevo metterlo? Non ho posto nel mio presente. I cassetti sono pieni. E gli armadi pure. Devo fare spazio. Ho bisogno di ordine. Di respirare. Ho davvero una montagna di vestiti. Alcuni risalgono a venti anni fa. Sono una di quelle persone che conserva tutto, sperando che prima o poi torni di moda. Il fatto che torni di moda però e irrilevante se non sono più di moda io. Mia figlia ogni tanto viene a "pescare" tra le mie cose. Dice che sono vintage autentico. Vintage. Vecchie. Andate. Passate. Oddio, diciamo retrò che altrimenti mi deprimo. No, meglio vintage, che è di moda. Quando trova qualcosa che le va bene, lei così minuta, mi rallegro. È come se una parte di me tornasse a vivere, una parte preziosa, perché in realtà non c'è più, è merce rara. - Questa non è una maglia stile anni 70. È un originale anni 70, e io c'ero. Io sono una sopravvissuta degli anni 70, e tu ora indossi qualcosa di introvabile, con i sogni e i desideri e gli odori e i ricordi che sono rimasti impigliati in ogni singola fibra. Abbine cura. È

11 come se indossassi me. - Mia figlia mi guarda come se fossi una pazza, fa spallucce e si porta via il bottino. Non la rivedrò mai più quella maglia. Però c'è ancora tanta roba nei miei armadi. L'ho già detto che mia figlia è minuta? Anche io lo ero, ma non come lei. Quindi tante cose non le stanno. Ho provato disperatamente a rientrare in quei vestiti. In certi casi ci sono pure riuscita, a costo di enormi sacrifici, diete massacranti, ore e ore di corse per i campi all'alba e palestra al tramonto. Ma se non faccio un po' di pulizia, quella vera, drastica, non ci sarà più spazio per il nuovo. E neppure per i ricordi. Quelli saranno confusi in tutto questo disordine, nascosti sotto montagne di pantaloni a zampa d'elefante e gonne inguinali, che tanto non metterò mai più. Sono passate. Come la mia taglia 40. Ho preso una confezione nuova di quei sacchi neri condominiali. Neri sì. Che se li uso colorati poi mi rendo conto che non è spazzatura e allora, un po' alla volta, tutto ritorna nell'armadio. Già successo. Coi sacchi neri non vedo il contenuto. Chiudo tutto coi laccetti e via, ai bidoni della Caritas, che

12 tutto riprenda vita in un'altra parte del mondo. Così mi illudo di essere anche onnipresente, in qualche modo. La mia macchina è piena. Meglio correre a depositare tutto prima di convincermi che questi sacchi sono troppi e forse è meglio lasciarne qualcuno a casa. Martedì, 22 marzo ore 16,⁰⁰ Ora che ho tutto questo spazio, con cosa lo riempio? Deve essere una compulsione questa, e una delle peggiori. La stessa che mi costringe, in un parcheggio vuoto o quasi, con tutto lo spazio a disposizione, ad andare ad allinearmi accanto a quelle due auto laggiù, proprio nel mezzo. La stessa che mi fa disegnare ghirigori intricatissimi negli angolini dei post it quando sono al telefono. Parto sempre da un triangolino. Poi sui lati ci disegno delle cupolette. E poi congiungo il perimetro con la base e via, cerchietti negli spazi vuoti, e altri quadratini, e cupole. Così, fino a esaurire il foglietto. -Lei è in cerca di sicurezza. ha sentenziato la psicanalista. E punto. Ma come. Io che sono così

13 forte, determinata, volitiva, sarei un insicura? Mi sta inquietando questa donna. E siamo solo alla seconda seduta. Sette ne dovremo fare, così ha detto. - E quando cominciamo con l'ipnosi?- Ha sollevato gli occhi da uno dei miei post it tutto pieno di disegnini - gliel'ho portato per farglielo vedere- e mi ha sorriso. - Ogni cosa a suo tempo.- Avevo trattenuto il fiato in attesa della sua risposta. Già mi pregustavo il relax su quel lettino occhieggiante. Mi vedevo con gli occhi a fissare un pendolino - secondo me la dottoressa era da pendolino, chissà perché - e a lasciarmi andare in una sorta di nebbia lattiginosa, come una nuvola di quelle che si vedono dall'aereo quando sei in quota, che vorresti tuffartici dentro sicura di non precipitare per quanto sembra compatta. Invece no. Qui si parla, ancora e ancora. O meglio, sono io che parlo. Lei tace e, alla fine, sentenzia (è in momenti come questo che esce fuori tutta la sua autorità austro-ungarica). Mi fa quasi paura adesso. E se sbaglio qualcosa? È rischioso con lei. Un suo giudizio basato sul presupposto errato di una mia parola potrebbe cambiarmi la vita per

14 sempre. Devo stare attenta a ciò che dico. Mi sto confidando troppo. Con-fidare. Ha a che fare con la fiducia. Solo che in questo caso non è reciproca. Nel senso che io devo averne in lei. Lei, nel migliore dei casi, pensa che io stia mentendo. Quindi deve interpretare dai miei segnali. - Vede tutti questi disegni chiusi? Sono un segnale della sua chiusura nei confronti degli altri. Lei si sta difendendo. Per questo dico che ha bisogno di sicurezza. Solo che la cerca nel posto sbagliato, cioè fuori da se stessa. - Non glieli porto più i miei post it.

15 A caccia di certezze. Senza bussola. Ci riflettevo sul senso delle mie compulsioni. Ero sicura che si trattasse di questo, non di insicurezza. Un po' come le manie innocue di mia madre. Lei al mattino, prima ancora di far pipì appena alzata, si lavava i denti. A volte se li spazzolava seduta sul water. Così risparmiava tempo. - E se viene qualcuno? Magari il dottore? Mica posso avere l'alito pesante, ti pare?- e giù a spazzolare. Ha sempre avuto la fissazione del medico in casa. La mattina presto. Perché secondo lei non ci si ammala di giorno. Solo di notte, quando siamo più indifesi nel sonno. E a volte, se al mattino ci svegliamo con la febbre, è perché nel sonno siamo cresciuti. Febbre di crescenza la chiama. Ma questa è un'altra storia. Io non ho mai aggiunto un centimetro alla mia statura, in effetti. Comunque lei dice che ci si ammala di notte e che quindi il medico può servire la mattina presto, per cui bisogna essere pronti a riceverlo con la vescica vuota e l'alito fresco. Mia madre è una maniaca

16 dell'igiene, quindi è innocua. Come le mie compulsioni. E questa è una certezza, non v'è dubbio. Primo punto a mio favore. Restavano quei ghirigori però. E il parcheggio dell'auto. E anche la spesa nel carrello, sì anche quella, allineata e accatastata secondo la forma e le dimensioni. Il mio carrello quando arrivava alla cassa pareva una scultura del miglior cubismo. Un peccato svuotarlo. Quando era cominciato tutto questo? Il carrello e il parcheggio sicuramente dopo i diciotto anni, se non altro perché prima di allora non avevo né patente né autonomia economica. I ghirigori probabilmente risalivano all'età scolare. All'epoca però li facevo sui quaderni a quadretti. E anche su quelli a righe. Ricordo la sfida del quaderno a righe di terza elementare. Una riga larga e una più sottile. Ma che perfidia. Serviva a rimpicciolire la grafia. Io che scrivevo talmente largo che con tre parole dovevo andare a capo, ero in profondo imbarazzo. Ogni volta che dovevo scrivere fissavo quel foglio per diversi minuti, per decidere le misure, un po' come prendere la

17 rincorsa e affrontare la sfida. Io e le righe diseguali. Tanti bambini hanno riportato traumi emotivi a vita per questo, ne sono certa. E sono diventati tutti medici, dalle grafie incomprensibili. Colpa delle righe della terza elementare. Io non sono diventata medico. Io risolvevo all'epoca con un diversivo. Per prendere coraggio mi allenavo facendo cornicette sul bordo superiore e inferiore del foglio. Sempre più complesse, man mano che prendevo confidenza con le misure. È lì che è cominciata la mia passione per il cubismo, che quando ho visitato il Moma a New York mi sono sentita una di famiglia tra quei dipinti, compresa, accettata. Quello che non feci mai, durante quel fatale anno di terza elementare, e neppure in seguito, quando ormai la compulsione si era conclamata, fu di chiedere aiuto. Non chiesi mai alla maestra come dovevo fare per far entrare le mie enormi lettere in quelle righe così piccole. E non lo chiesi neppure a mio padre, tantomeno a mia madre. Mi arrangiai da sola. Sfogandomi coi ghirigori. Figuriamoci. Figuriamoci se l'avessi fatto.

18 Chiedere aiuto. Io. È così che comincia l'isolamento. Non sono gli altri che ti ci mettono. Ci vai da sola. Ti metti in castigo da sola per orgoglio, per dimostrare quanto sei brava e forte, o magari perché pensi che gli altri non siano all'altezza di aiutarti. Ma che ne sai a otto anni se gli altri sono all'altezza di aiutarti o no? Forse l'hai chiesto, una volta, l'aiuto, e sei rimasta delusa. I bambini ricordano tutto. Solo che poi da grandi se ne dimenticano. Rimane solo l'effetto dell'oltraggio subito. E vanno in analisi. A volte per anni. Per disseppellire qualcosa che, a ben pensare, meglio sarebbe se restasse sommerso. Ho detto a mio figlio che forse lui perde i capelli per un trauma infantile di cui non ha memoria. Gli ho detto che voglio aiutarlo altrimenti non potrò reggere i sensi di colpa. Ho detto: - Qualunque cosa tesoro. La elimineremo alla radice.- Mi ha guardata, serio, ci ha pensato, ancora più serio, e ha risposto: - Fermo restando che capita a noi uomini, superati i venticinque anni, di cominciare a perdere i capelli, in realtà credo che il trauma di avere una sorella maggiore

19 possa essere stato il fattore scatenante, sì. Quindi se pensi di poter fare qualcosa al riguardo per eliminare il problema, io e i miei capelli te ne saremmo enormemente grati. - I figli, che bella invenzione! Mio figlio dovrà tenersi il suo problema. E io supererò i miei sensi di colpa in altro modo. In effetti, a pensarci bene, l isolamento non è una gran bella cosa. Ti fai le domande, ti dai le risposte, nessun contraddittorio, nessuno che sta lì a giudicare. Tranne te stessa. Che sei il peggior giudice. Perché i parametri te li crei da sola, e così è facile, le regole sono semplificate e vinci sempre. Io no. Io sono sempre stata il peggior giudice di me stessa nel senso proprio che sono cattiva. Mi creo regole impossibili, parametri irraggiungibili. Così la sfida è più eccitante, mi dico. Eccitante. Eccitante è un incontro con qualcuno che ti piace da impazzire e con cui vuoi fare sesso, non una sfida con se stessi. Eccitante è partire per un viaggio per un luogo sconosciuto e non sapere cosa troverai. Eccitante è andare a dormire la sera

20 senza sapere cosa accadrà al tuo risveglio. Magari sarai morta. Per 12 minuti. Ecco che tornano quei 12 interminabili minuti. Tornano perché non li ho risolti. E questa psicanalista che non si decide ad ipnotizzarmi. Io vago nei chiaroscuri del mio passato, tra embrioni di ricordi, senza alcuna guida e lei prende tempo. Non lo so perché faccio i ghirigori! Perché mi piacciono, va bene? Lei sta seduta con le braccia conserte. Anche questo è un segnale di chiusura. Il linguaggio del corpo non inganna! mi ha detto. Anche questa ci mancava. Il linguaggio del corpo. Mi ricordo che camminavo sempre guardandomi i piedi. Al massimo sollevavo leggermente gli occhi per evitare i pali dei lampioni disseminati lungo il marciapiede. Secondo me ce li mettevano apposta quei pali. Per vedere quante persone distratte ci avrebbero sbattuto contro. Sai che risate. Tutti grandi estimatori di Pirandello questi tecnici dell Enel. L umorismo pirandelliano mi ha sempre fatto venire il nervoso. Io non mi diverto delle disgrazie altrui, per niente. E neppure i clown mi fanno ridere. Li trovo inquietanti. In ogni caso,

21 mentre camminavo guardandomi i piedi, stavo ben attenta a non fracassarmi la testa contro un palo, perché non volevo essere uno spettacolo da circo. Stavo con gli occhi bassi perché non volevo incontrare gli occhi degli altri. Incontrare uno sguardo poteva significare dover sorridere. Salutare magari. Anche solo un cenno. E io volevo starmene per i fatti miei, nessuna distrazione al flusso dei miei pensieri di camminatrice. A mia madre dissero che ero una scontrosa maleducata, e che me la tiravo pure. Io me la tiro? Ma se sono socievolissima! E poi saluto sempre. Buongiorno. Buonasera. Quando incontro i vicini per le scale, anche se magari faccio su e giù venti volte, li saluto venti volte. Non era vero. In genere facevo le scale di corsa, letteralmente mi rotolavo per tre piani, per evitare di incontrare qualcuno nell incedere lento di ogni singolo gradino. Sapevo salire le scale tre a tre. Scendere no. Ci ho provato una volta e per poco non mi rompevo una gamba. Allora ho imparato a farle di corsa. Quasi in volo. L idea di volare, per far prima, per non rallentare,

22 mi ha sempre attirato. Mi allenavo al salto triplo in atletica ed ero convinta che quell ultimo salto, quello più lungo, se lo avessi trattenuto il più possibile sospeso in aria sarebbe stato un volo. Quindi, al mio rientro a casa, percorrevo quel marciapiede tutto dritto e liscio che costeggiava il mio palazzo facendo il salto triplo. E l ultimo salto era sempre più lungo e alto. E agitavo anche le braccia per darmi una spinta maggiore. Secondo me non ero io che non socializzavo. Secondo me erano le persone che mi stavano alla larga perché mi credevano pazza. Era il mio corpo che lo diceva, a prescindere da ciò che avrei voluto dire io. Bisogna stare molto attente al linguaggio del nostro corpo. È molto più bravo della nostra bocca a trasmettere il pensiero. Pure gli insulti. E va bene. Mi chiudevo. Ma ora non più, ora ho imparato! Cammino sempre a testa alta, non ho paura a guardare e a farmi guardare, anzi. Mi dicono che a volte ci si sente a disagio con me, perché ho questo modo di fissare, come a volerti scavare dentro, che somiglia a un intrusione. O alla seduzione. Non va mai bene. O è troppo poco

23 o è troppo tanto. La seduzione. La forma più antica forse di comunicazione. Se seduco allora comunico, giusto? Sono aperta all altro, come quando allarghi le braccia, un invito a lasciarsi avvolgere. Il mio sguardo è come un mantello di braccia, ti copre. Il problema è quando si lascia coprire anche chi non vorrei. Non se ne va più via. Si sta al caldo tra le mie braccia. E pensare che vorrei tanto essere riscaldata io. Che a forza di trasmettere calore mi raffreddo. C è una tale escursione termica tra il mio fuori e il mio dentro che potrei ingurgitare ghiaccioli ed espellere cioccolata calda. Dai pori. Solo che in bocca, nello stomaco, tra le pareti interne di tutti i miei apparati, resta il ricordo del gelo. Per tanto tempo. E guardo quella cioccolata fumante, e la vorrei tanto assaggiare, ma so già che subito diventerebbe un choco frozen. È buono il choco frozen, ma non quando hai freddo, no. Per questo me ne sto da sola. Non sempre. Spesso. Con gli altri mi doso, per evitare dispersioni. D altronde non è che ci sto male con me. Tranne quando partono queste sfide impossibili e c è poco

24 da fare, devo rispondere. Chi mi sente altrimenti? Io non mi reggo quando recrimino. Sono pesantissima. Tanto vale accettare e cominciare la singolar tenzone. Singolare perché i duellanti sono uno solo: io. Come adesso. Mi sono sfidata a scrivere un romanzo. E ne sto scrivendo due. Vedremo alla fine chi avrà la meglio.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3 Titolo originale: Because of Mr. Terupt 2010 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2010 da Delacorte Press, un marchio di Random House Children s Books, una divisione di Random

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Esempi di Conversazioni Coach-Cliente

Esempi di Conversazioni Coach-Cliente Esempi di Conversazioni Coach-Cliente Semplici Modelli di Coaching con tecniche descritte durante il corso. Esempio di Conversazione Coaching n. 1 Coach: Buongiorno, Sandra. Come stai oggi? Come vanno

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore. di Salvatore Coddetta

L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore. di Salvatore Coddetta L analisi dei bisogni e delle esigenze dell acquirente per offrire un servizio migliore di Salvatore Coddetta Estrarre i bisogni e le esigenze dei clienti potenziali acquirenti è uno degli aspetti più

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Tra il dire e il fare PNL e Coaching 2 Titolo Tra il dire e il fare Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega)

IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) Quando suona la campanella rivista online. http://www.quandosuonalacampanella.it/ IO, OTTAVIO E IL BIDELLO (per non parlar della collega) di Enrico Roversi E il 1996. Io Sono un giovane precario della

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti

Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Video Articolo_Come farsi un bersaglio per smettere di correre dietro ai clienti Ciao Sono Loris Comisso Creatore del Programma Professionista Libero l unico sistema per smettere di lavorare 15 ore al

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI.

Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI. Ciao! Questo è un libro molto speciale che ti farà fare il giro del mondo. Si chiama IL GIRO DEI COMPITI IN 80 GIORNI. Ogni giorno delle tue vacanze farai un pezzetto di viaggio e scoprirai cose nuove

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli