Il suo nome sarà Odisseo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il suo nome sarà Odisseo"

Transcript

1 Il suo nome sarà Odisseo È Omero stesso a rivelarci le circostanze della nascita di Odisseo e dell imposizione del suo nome. Il contesto è quello del libro XIX dell Odissea: l eroe è tornato nella sua isola dopo vent anni di guerra e di peregrinazioni; nessuno lo ha riconosciuto tranne il suo cane, Argo. Penetra nella propria casa camuffato da vecchio mendicante, accolto da Telemaco al quale già si è rivelato. La sua vecchia nutrice, Euriclea, mentre gli lava i piedi riconosce una cicatrice che si era procurato da ragazzo andando a caccia in continente dal nonno Autolico. In che modo si era trovato in quella situazione? Il poeta introduce una digressione come è solito fare quando vuole inquadrare un episodio importate nel suo ambiente. Il nonno dell eroe e padre di sua madre Anticlea era un poco di buono: un predone, uno spergiuro e un ladro, ma era devoto di Ermes al quale offriva in sacrificio i quarti posteriori (cioè le parti migliori) di pecore e capre e dal dio era protetto. Viveva isolato, insieme ai suoi figli, in una fortezza in Acarnania, poco distante dal monte Parnaso. La sua pessima reputazione faceva sì che nessuno lo invitasse mai alle grandi imprese comuni nelle quali si cimentavano i re di Acaia, come la caccia al cinghiale di Calidone, cui avevano partecipato tutti i re, i principi e gli eroi tranne, appunto, Autolico, perché nessuno si fidava di lui. Perfino il suo nome era tremendo: Autolico infatti significa (lui) stesso (è) un lupo. Il poeta, dunque, narra che, dopo la nascita del figlio di Laerte e di Anticlea, Autolico era giunto in visita a Itaca a vedere il nipotino. Anticlea glielo aveva messo sulle ginocchia dicendo che lo tenesse così un poco con sé perché lo aveva desiderato molto. Parole che sembrano rivelare un lato meno oscuro e inquietante della personalità del re di Acarnania, ma che sono subito smentite da quelle che egli proferisce poco dopo, rivolto ai genitori del bambino: «Ascoltami bene figlia mia, e tu caro genero: mettetegli il nome che vi dico perché io giunsi qui covando nel cuore odio per molti, sia uomini sia donne. Odisseo sarà quindi il suo nome. Quando poi sarà cresciuto, mandatelo al mio palazzo perché gli faccia doni presi dal mio tesoro e lo rimandi a casa soddisfatto». Un nome maledetto, quindi, quello imposto da Autolico al nipote, che ha la stessa radice di odio. Dunque colui che suscita odio o che genera odio. Sono parole oscure, difficili da interpretare: che cosa intendeva dire il vecchio predone? A che cosa si riferiva? Al fatto che Odisseo avrebbe distrutto una grande città, un intera nazione, e che l odio suscitato lo avrebbe perseguitato per tutta la vita? O forse al fatto che si sarebbe attirato l odio del dio del mare Poseidone per avere accecato il Ciclope suo figlio e averlo deriso senza pietà? Nel nostro stile narrativo di moderni un simile episodio l avremmo forse messo all inizio della storia, ma il poeta orale che ha composto la gran parte dell Odissea preferisce rievocarlo in una sorta di flash back quando ha bisogno di un espediente per introdurre il riconoscimento dell eroe irriconoscibile, che dovrà compiersi gradualmente e solo da parte delle persone che gli sono fedeli. Nessuno dei nemici arroganti dovrà sospettare la sua vera identità. Solo così si compirà in pieno la vendetta. 3 8

2 Odisseo ferito Come si comporta Odisseo in battaglia? In che modo si muove il re di Itaca fra i potenti guerrieri di Acaia e contro i Troiani, e i loro alleati, sotto le mura della città di Ilio? Di solito Omero lo mette in risalto quale il più intelligente e il più abile nelle missioni delicate e difficili, grande oratore, prezioso consigliere, eppure in combattimento sa essere forte e coraggioso come gli altri. A differenza di Achille, Agamennone, Diomede, Nestore e Antiloco, Odisseo non combatte sul carro da guerra ma a piedi, coperto da una pesante armatura di bronzo. A ben osservare, l uso del carro coincide quasi sempre con il rango dell eroe e la potenza del suo regno. Sia Odisseo sia Aiace Telamonio e Aiace Oileo non hanno il carro da guerra perché i loro regni sono piccoli e poveri: Salamina, patria di Aiace, è forse ancora più povera di Itaca e così la piccola Locride sulla quale regna Aiace Oileo. Al contrario, Achille è il principe di Tessaglia, una terra ricca e vasta, nota per i suoi magnifici cavalli, Agamennone è il signore di buona parte del Peloponneso e Nestore è re di Pilo e della Messenia, anch essa ricca di pascoli e di bestiame, con un porto naturale grande e ben protetto su cui si eleva il palazzo del re. Odisseo, comunque, non è un monolito come Achille: è un uomo con le sue debolezze e può cedere al panico in certe situazioni. Dopo il ritiro di Achille e dei suoi Mirmidoni dalla guerra, il peso del combattimento ricade soprattutto sulle spalle del gigantesco Aiace. Caparbio, instancabile, generoso, impressionante per la corporatura massiccia e la forza smisurata, Aiace diventa il baluardo degli Achei stremati dai continui assalti dei Troiani, imbaldanziti dall assenza del campione nemico. Omero lo paragona a un cinghiale che, assediato dai cani, reagisce con furore e li squarcia con le zanne, oppure a un asino che entra in un campo di grano e molti bambini cercano di trascinare via, inutilmente. Odisseo è spesso schierato accanto a Diomede e si batte con altrettanto valore abbattendo nemici uno dopo l altro con la lancia e la spada. Quando Ettore sfida un campione acheo a battersi contro di lui nessuno risponde, ma nel momento in cui Agamennone aggredisce i suoi con male parole e si dichiara pronto a battersi, allora rispondono in nove e, fra loro, Odisseo. Si tira a sorte e viene estratto, per la gioia di tutti, Aiace. Durante un altra grande battaglia a un certo punto i Troiani colpiscono l auriga di Nestore: il carro si rovescia e il re di Pilo rotola a terra. Ettore, vedendolo in difficoltà, si lancia contro di lui per finirlo e togliergli i cavalli, che sono di grandissimo pregio. Diomede chiama Odisseo in soccorso: «Vieni, allontaniamo dal vecchio il guerriero feroce!». Odisseo non lo ascolta. «Attento che qualcuno non ti pianti un lancia fra le scapole!», grida ancora Diomede, ma senza successo: Odisseo continua la sua corsa verso le navi. Però, nel momento in cui Patroclo, indossate le armi di Achille, affronta Ettore e soccombe, Odisseo è al fianco di Menelao e ingaggia una lotta furibonda per impedire che il suo corpo finisca in mano ai nemici e venga oltraggiato, e per riportarlo invece al campo. 7 8

3 Il cavallo dentro le mura La perdita quasi totale dei poemi del ciclo ci ha privato di una serie di episodi che avrebbero potuto descriverci stati d animo e sentimenti che derivavano da molte diverse tradizioni fiorite sulla scia dell episodio principale. È il caso di Elena, che imita la voce di tutte le spose e le fidanzate degli eroi racchiusi nel ventre del cavallo. Della vicenda esistono, infatti, due versioni: Elena che vuole che si tradiscano uscendo dal cavallo, oppure Elena che vuole che sentano il richiamo della casa lontana, quello udito anche da lei, e così pensino solo a vincere per poi rivedere le spose, i figli e la patria. Nella Telemachia Elena è pentita di quello che ha fatto, chiama se stessa «cagna» e rimpiange le vite perdute di tanti giovani guerrieri morti per ricondurla a Sparta. In altre tradizioni, tarde, addirittura non è mai andata a Troia ma è rimasta nascosta in un isola dell Egeo mentre a Troia c era un suo simulacro, creato da Afrodite. Il cavallo sulla rocca è un immagine evocativa e di grande impatto psicologico: è la macchina fatale che viene trascinata dalle sue stesse vittime dentro la città per la forza invincibile del fato. È il capolavoro di Odisseo, che gli guadagnerà il nome di ptoliethros, distruttore di rocche. La macchina è prima silenziosa, cova al suo interno la minaccia nel buio della notte, dopo le grida dell entusiasmo e dell ebbrezza e prima delle grida di strazio e di disperazione. Quando finalmente si apre e lascia uscire il gruppo di guerrieri che apriranno le porte, si anima, partorisce morte e distruzione. Nel rogo della città, nel divampare delle fiamme il cavallo verrà incenerito dopo aver assolto il suo compito, ma la sua immagine di mostro silenzioso e immobile diventerà un icona di morte. Anche Epeo, il suo costruttore, sarebbe divenuto famoso: Lagaria e Metaponto, antiche città greche del versante ionico d Italia, in due dei loro templi mostravano gli attrezzi con i quali si narrava che Epeo avesse costruito il cavallo

4

5 Troia in fiamme Il piano di Odisseo prevedeva un altro momento cruciale: uno dei suoi uomini, Sinone, doveva farsi scoprire nascosto e legato dietro un cespuglio e raccontare al re Priamo, anch egli uscito dalla città per ammirare finalmente la sua terra non più occupata dai nemici, che il perfido Odisseo lo aveva destinato al sacrificio cui era scampato nascondendosi. Sinone narra che il cavallo è un offerta a Poseidone per propiziare il ritorno, ma è anche un potente talismano che renderà la città inespugnabile se verrà collocato sulla rocca, e implora il re di accoglierlo, anche solo come suo schiavo, nella città. L episodio è narrato da Virgilio nel libro II dell Eneide che si basa sull Ilioupersis, il poema del ciclo che raccontava l epilogo di Troia ed era ancora disponibile nel I secolo a.c. in qualunque buona biblioteca dell Impero romano. Priamo è pronto a dare credito alla narrazione di Sinone perché, ormai, il fato di Troia si deve compiere e non c è più modo di evitarlo. Ma all improvviso Laocoonte, sacerdote di Poseidone, appare gridando che il cavallo deve essere bruciato perché sicuramente nasconde un insidia e, per dimostrarlo, scaglia la sua lancia contro il ventre del colosso, che rimbomba nelle sue cavità. All interno Odisseo e i suoi compagni vivono un momento d ansia, forse vedono attraverso le fessure quello che sta accadendo fuori. D un tratto, un mostro marino esce dall acqua, avvolge nelle sue spire il sacerdote e i suoi due figli e li divora. Per tutti è la prova che Laocoonte è stato punito da Poseidone per aver commesso un sacrilegio colpendo il cavallo con la sua lancia. E il cavallo viene trascinato dentro la città. Si deve abbattere l arco della porta per farlo entrare: più volte, passando sulle asperità del terreno, il cavallo sobbalza e fa udire dal suo interno il rumore di armi, ma i Troiani ormai sono ciechi e sordi perché il fato deve compiersi: nemmeno gli dèi possono impedirlo. Giunta la notte, mentre la città dorme dopo i grandi festeggiamenti e le libagioni per la vittoria, i principi achei escono dal cavallo e Odisseo, accesa una torcia, segnala alla flotta in agguato che è giunto il momento. Poi, insieme ai compagni, scende ad aprire le porte: i guerrieri achei con Neottolemo in testa dilagano nella città che, presto, risuona di urla strazianti ed è subito illuminata dal sinistro bagliore degli incendi che divampano dovunque. Neottolemo raggiunge il palazzo reale dove sono accorsi anche i difensori che hanno preso le armi e dove si è accesa una mischia furibonda. Neottolemo è ormai davanti alla porta. Due guerrieri possenti, Perifante e l auriga di Achille, Automedonte, mandano in pezzi la porta a colpi d ascia, il palazzo si riempie di grida, Neottolemo raggiunge i penetrali della reggia, incontra Priamo che, nonostante l età, si è armato per l ultima battaglia, lo trafigge sull altare domestico e gli taglia la testa. Poi trova Andromaca, la sposa di Ettore, le strappa il figlioletto Astianatte e lo scaglia dalle sommità del muro a sfracellarsi sulle rocce. Il seme di Ettore si è spento per sempre in quella pozza di sangue innocente. Ubriachi di strage i vincitori si abbandonano a ogni eccesso, a ogni atrocità e violenza. Saccheggiano, massacrano, stuprano. Sorge un alba grigia, la città è un cumulo di rovine. Sulla rocca risuonano i lamenti disperati delle donne e dei bambini che verranno divisi come bottino di guerra. La più potente città dell Asia non esiste più. 8 8

6 Il suicidio di Aiace Il destinatario naturale delle armi di Achille non poteva essere che Aiace, il quale, come figlio di Telamone, fratello di Peleo, era suo primo cugino e, dunque, suo erede naturale. Inoltre, era il guerriero più forte dopo di lui. Quando Achille, adirato per il torto subito da Agamennone, si era ritirato dalla guerra, tutto il peso del conflitto era ricaduto sulle sue spalle di gigante solitario e silenzioso. Aiace non ha dèi che lo sostengono, non si offende né si adira, non vuole ruoli di protagonista ma, non appena Achille se ne va, è lui a battersi con straordinaria potenza e incredibile ostinazione. Quando Ettore sfida a singolar tenzone a tutti i campioni avversari, alla fine è lui, benché estratto a sorte, ad affrontarlo in un duello massacrante che dura fino a sera e si conclude con uno scambio di doni. Non riporta mai una vera e personale vittoria, tuttavia sono la sua forza immane e la sua formidabile resistenza alla fatica a salvare la situazione. È lui «il baluardo immane degli Achei». Nel momento in cui Ettore penetra nell accampamento nemico mentre Agamennone, Diomede e Odisseo feriti sono costretti a ritirarsi, e i Troiani cercano di incendiare la flotta, è lui a impugnare una lancia da combattimento navale e a difendere le navi balzando da una all altra urlando e respingendo i nemici. Quando si devono assegnare le armi di Achille, qualcuno però, aveva messo in dubbio il suo primato candidando Odisseo. Altre versioni dell epos dicono che lo stesso Odisseo avrebbe accampato diritti sulle armi stupende e suggerito di chiedere ai prigionieri troiani che cosa avesse recato loro maggior rovina: la forza di Aiace o la sua astuzia. Il verdetto era stato unanime: la mente acuta di Odisseo aveva recato più danni ai troiani della forza di Aiace. Così le armi di Achille gli furono attribuite. Sconvolto per l offesa ricevuta, Aiace impazzì e si mise a massacrare il bestiame dell esercito, raccolto in un recinto, credendo di uccidere i capi degli Achei che lo avevano privato del suo diritto. Ma con il ritorno della luce e lo spuntare del sole il grande guerriero, instancabile difensore del campo e delle navi durante gli assalti di Ettore e l assenza di Achille, si rese conto della sua follia e, non potendo sopravvivere alla vergogna, si gettò sulla spada che lo stesso Ettore gli aveva donato dopo un memorabile duello. Pentiti per l ingiustizia compiuta, i re degli Achei gli elevarono un tumulo enorme sulla riva del mare vicino al Capo Reteo. Si narrò poi che, durante una tempesta, il mare avrebbe portato via l armatura di Achille dalla nave di Odisseo e depositata sulla sepoltura di Aiace: una storia che giunse fino a ispirare i versi dei Sepolcri di Ugo Foscolo «E la marea mugghiar portando / l armi di Achille sovra l ossa di Aiace». Un altra versione dell epos dice invece che fu lo stesso Odisseo a tornare indietro a deporre le armi sulla tomba di Capo Reteo. Egli avrebbe incontrato ancora Aiace o, meglio, la sua ombra, all ingresso dell Ade dopo aver incontrato quella di Achille e quella di Agamennone, ucciso dalla sposa Clitemnestra al suo ritorno a Micene. Odisseo cercherà di placare il fantasma corrucciato di Aiace, lamenta la sua perdita, ma Aiace non risponde, gli volge le spalle e scompare nella nebbia. 9 0

7 La partenza di Odisseo L evento della partenza degli Achei da Troia era probabilmente descritta in uno o più dei poemi del ciclo, forse nei nòstoi, termine che significa ritorni. In effetti, questi poemi narravano il faticoso e spesso fatale ritorno degli eroi achei dalla guerra di Troia: quasi un espiazione per le atrocità commesse nella terribile notte dell eccidio troiano. In qualche modo i poeti sembravano rendersi conto del concetto di crimine di guerra o di crimine contro l umanità. Tranne l Odissea, tutti i nòstoi sono andati perduti, ma ne rimane traccia sia nella stessa Odissea sia nelle tragedie del V secolo a.c. Fra questi l Ecuba di Euripide, ambientata nel Chersoneso tracico (l attuale penisola di Gallipoli). Il fantasma di Achille chiede che gli venga sacrificata l ultima figlia di Priamo ed Ecuba: Polissena. Disperata, Ecuba si rivolge a Odisseo, ricordandogli come gli avesse salvato la vita la notte in cui, camuffato da guerriero troiano ferito, era stato scoperto e rischiava di essere ucciso. Odisseo appare qui come un personaggio cinico e indifferente alle sofferenze di colei che era stata la regina di Troia, che non esita a rimangiarsi le promesse di eterna riconoscenza che le aveva fatto. In questa tragedia dunque sono presenti importanti modifiche, sia nella vicenda sia nella caratterizzazione del personaggio rispetto alla versione ben più antica dell Odissea. Nella versione omerica dell ingresso di Odisseo a Troia non c è traccia di Ecuba e la sua partenza dopo la caduta della città è nettamente diversa da quello di Euripide. Qui Odisseo risulta partito con il grosso dell esercito agli ordini di Agamennone ed è accampato in Tracia con gli altri; là partiva con il primo contingente insieme a Nestore (che poi avrebbe riferito l episodio a Telemaco, in visita a Pilo) e Menelao. La maggior parte dell esercito sarebbe invece rimasta ancora con Agamennone per offrire sacrifici espiatori prima di prendere il mare. A Telemaco che gli chiedeva se avesse notizie di suo padre Nestore avrebbe risposto che, all inizio, aveva deciso di partire con lui e con Menelao ma poi, dopo che la flotta aveva lasciato l isola di Tenedo, era tornato indietro sfidando il vento contrario: era stata l ultima volta che lo aveva visto. È evidente che i cambiamenti di Euripide sono funzionali all idea della guerra e del dolore caratteristica del suo tempo e non della prima età del Ferro e, men che meno, dell età del Bronzo, ma sono significativi di come il personaggio di Odisseo sia stato continuamente riciclato e modificato con il passare degli anni e dei secoli. Perché allora Odisseo tornò indietro sfidando il vento contrario? Che cosa intendeva raccontare il poeta? La domanda è destinata a restare senza risposta: forse voleva tornare da Agamennone per partecipare ai sacrifici per placare gli dèi? O forse intendeva riportare le armi di Achille sulla tomba di Aiace? Nell evocazione dei morti si vedrà quanto la scomparsa dell eroe gigante gli pesasse, quanto fosse pentito di non avergli lasciato le armi di Achille, di non aver preferito la vita di un amico generoso ed eroico a un vuoto segno di gloria. 9 4

8 Il ciclope Polifemo Si tratta della più famosa impresa di Odisseo e anche di quella più carica di conseguenze. Trascinato dalla sua curiosità, l eroe penetra con i compagni nell antro di Polifemo, si rende conto che in quella caverna vive un essere straordinario e decide di rimanere e aspettare benché i compagni preferiscano prendere ciò di cui hanno bisogno e andare via. Quella curiosità sarà pagata a caro prezzo: il mostro divora sei dei suoi compagni dopo aver chiuso ogni volta l ingresso della caverna con un enorme macigno che solo lui è in grado di rimuovere. Odisseo si rende conto che unicamente la sua forza li può liberare e, quindi, non bisogna ucciderlo ma metterlo in condizione di non nuocere. Contro un simile avversario Odisseo deve ricorrere a tutte le sue risorse: lo ubriaca con il vino fortissimo d Ismaro e, quando il Ciclope si addormenta, lo acceca con un palo d olivo appuntito e arroventato. Il mattino dopo nasconde i compagni e infine se stesso, distesi sotto il ventre delle pecore e dell ariete che escono al pascolo, ed è così che riescono a guadagnare la libertà. Quando finalmente salpano le ancore, Odisseo, che ha detto al Ciclope, con un altro stratagemma, di chiamarsi «Nessuno» non resiste alla tentazione di rivelargli il suo vero nome, perché si ricordi di colui che lo ha accecato vendicando così i suoi compagni trucidati e divorati. Benché cieco, Polifemo (questo il nome del gigante cannibale) scaglia in mare due enormi massi cercando di affondare la nave, ma fallisce. Invoca comunque su quel nome la maledizione e l inimicizia del padre suo Poseidone: «Che torni tardi e male, avendo perduto tutti i suoi compagni!». Si è molto discusso sul significato della parola ciclope che, in realtà, significa occhio tondo, non occhio solo, per cercare di capire che cosa abbia generato la leggenda. Secondo alcuni il paese degli occhi tondi sarebbero i Campi Flegrei, i cui crateri vulcanici dal mare dovevano sembrare appunto degli occhi rotondi rosseggianti nella notte. Altri invece pensano ai crani dell elefante nano siciliano che, avendo un foro in mezzo al teschio per l uscita della proboscide, avrebbe fatto sorgere la leggenda di un popolo di giganti con un occhio solo in mezzo alla fronte. I Ciclopi in realtà, come i Giganti e i Titani, rappresentano i più antichi tentativi della natura ancestrale di popolare la Terra con creature mostruose figlie del Caos. Una tradizione antichissima presente anche nella Bibbia: Et erant gigantes in terra. La localizzazione di questo episodio in Sicilia non va presa alla lettera. In realtà l itinerario originale dell Odissea, che doveva svolgersi tra il Mar Nero e l Egeo, è perduto per sempre e la localizzazione nel Tirreno e nei mari occidentali è opera dei coloni euboici che popolarono quelle terre. Ricollocando le imprese dell eroe vagabondo nei mari dove fondavano le loro colonie, in qualche modo li rendevano più familiari e più sicuri. L episodio del Ciclope è di tale realismo e di tale potenza da sembrare vero e autentico e rappresenta il duello fra l intelligenza umana e la forza bruta di creature figlie del Caos, la cui sede è immaginaria. Più avanti il re dei Feaci racconterà che il suo popolo aveva dovuto lasciare Iperea, la loro patria ancestrale perché troppo vicina al territorio dei Ciclopi, violenti e selvaggi, e migrare nell isola di Scherìa

9 Eolo, il re dei venti Lasciata la terra dei Ciclopi e pianti i compagni divorati dal mostro, Odisseo e i suoi compagni salpano con la flotta verso il mare aperto navigando per molti giorni finché, a un tratto, i venti cessano e si trovano di fronte un isola galleggiante difesa da muraglie di bronzo. Odisseo con la sua nave si avvicina all attracco; ben presto una porta si apre ed è ammesso all interno. È il regno di Eolo, il signore dei venti. Insieme a lui vivono i sei figli e le sei figlie, tutti sposati fra di loro, che trascorrono l esistenza tra feste, canti e banchetti. Per un mese Odisseo è sollecitato a raccontare la sua storia e quella della caduta di Troia, di cui ormai dovunque si è sparsa notizia. L isola di Eolo è davvero strana: galleggia, sembra un oggetto tecnologico tale da far pensare a una nave moderna di metallo e ai suoi automatismi, e non è l unico nell Odissea. Forse in tempi così remoti la fantasia dei poeti era già capace di delineare scenari avveniristici? Non possiamo escluderlo né possiamo non ammettere che certi particolari siano stati introdotti in tempi posteriori quando la scienza e la tecnologia avevano già fatto notevoli progressi. Il poeta comunque rappresenta gli esseri umani in balia di forze incontrollabili e di divinità capricciose, che si divertono a farsi gioco di loro frustrando le loro speranze e compiacendosi delle loro disavventure. L identificazione dell isola di Eolo con le Eolie è anch essa da spiegare con l opera di ricollocazione delle avventure di Odisseo effettuata dagli Eubei, che avevano colonizzato le coste tirreniche. Si è anche pensato all impressione che i naviganti potevano avere contemplando Lipari da lontano dopo un eruzione, con il mare circostante completamente ricoperto di pomici galleggianti che facevano pensare che tutta l isola fluttuasse sull acqua. Eolo sollecita il suo ospite a narrare le imprese della guerra troiana perché già si è sparsa dovunque la storia di quell impresa, e Odisseo acconsente. Per oltre un mese descrive le sue avventure deliziando il signore dei venti, i suoi figli e le sue figlie, che gli sono anche generi e nuore. Alla fine, compiaciuto per quelle vicende Eolo fa un dono a Odisseo: in una pelle di bue ben cucita imprigiona tutti i venti, tranne quello favorevole alla navigazione verso Itaca, e lo congeda esortando a proibire a chiunque di mettere mano al grande otre

10 La maga Circe La nave di Odisseo tocca terra nell isola Eèa, abitata da un solo essere vivente, a parte le ancelle al suo servizio: Circe. Sorella di Eèta, maga e creatura divina, è la signora dell isola. Eèa significa orientale, che sta dove sorge l Aurora e inoltre Circe è sorella di Eèta, il re della Colchide, ossia della regione che oggi coincide con la Georgia e l Anatolia orientale: siamo dunque nel Mar Nero, una delle tracce della collocazione originaria dell Odissea, fra Mar Nero ed Egeo. Appena sbarcato, Odisseo sale su un altura per rendersi conto del territorio in cui è approdato: vede che si tratta di un isola e scorge un filo di fumo alzarsi dalla foresta. Manda allora alcuni compagni guidati da Euriloco, il suo braccio destro. È la prassi consueta ed è ancora il mancato ritorno degli esploratori che mette in moto la vicenda. Il poeta però non conosce il meccanismo della suspence e narra tutto quello che accade nel frattempo nella casa di Circe, come fa lo scrittore onnisciente. Ma Odisseo ignora gli eventi e, non vedendo tornare i compagni, si avventura da solo a cercarli. Strada facendo, mentre attraversa la foresta, incontra, sotto le spoglie di un giovane, il dio Ermes che lo mette in guardia dai pericoli celati sull isola, e lo consiglia di ingerire un erba che lo renderà immune agli incantesimi e ai filtri di Circe. Si tratta dell erba moly di cui non si hanno altrimenti notizie, una specie di mandragora con la radice nera e il fiore bianco. La Colchide è terra di incantesimi, prodigi e magie, è la meta degli Argonauti in cerca del vello d oro e la patria di Medea, figlia di Eèta, anch essa maga e incantatrice, il che ci riporta nell estremità orientale del Mar Nero. Immunizzato dall erba moly, Odisseo si presenta a Circe. Nei pressi della sua casa si sentono versi di animali, sibili e strida: è il segno del suo potere, capace di trasformare gli uomini in bestie. Odisseo è accolto con riguardo, introdotto in casa, e Circe gli offre una coppa di vino mielato al quale ha unito il veleno. Appena Odisseo ha ingerito la bevanda, lo tocca con la bacchetta: «Vai anche tu nel porcile, unisciti agli altri!», ma con grande disappunto vede che non ha effetto. Ricorre allora all arma più potente in possesso di una bella donna, mortale o dea che sia, il sesso: «Andiamo a letto, affinché uniti d amore e di letto possiamo fidarci l uno dell altra». Ma nemmeno questo funziona: Odisseo pretende prima che siano liberati i suoi compagni. Circe non ha scelta e restituisce ai compagni dell eroe, che ha trasformato in porci, l aspetto naturale. Così, fatta la pace, Odisseo può concedersi a Circe come l aveva esortato a fare Ermes: «Non è bene rifiutare l amore di una dea», e si ferma sull isola con i suoi uomini per quasi un anno. Poi decide di ripartire, ma prima chiede alla maga quale destino lo aspetti. Circe non può soddisfare la sua domanda: in tutta la Terra solo un uomo potrebbe farlo, il vate Tiresia di Tebe, ma è morto e, per consultarlo, il figlio di Laerte dovrà affrontare la prova più dura: raggiungere le porte degli Inferi, l Ade. Circe gli insegna il tetro rituale dell evocazione dei morti

11 Calipso La nascosta, questo il nome della figlia di Atlante che vive e abita sola su un isola ai confini del mondo, un luogo magico e misterioso. Lì giunge Odisseo dopo aver perduto la nave e i compagni, rei di aver ucciso e divorato i buoi del Sole. La profezia di Tiresia si è avverata. L eroe viene abbandonato dai marosi sulla spiaggia di Ogigia e Calipso lo accoglie. I due diventano amanti, una grotta in riva al mare è il loro talamo. La ninfa lo vorrebbe con sé e per sempre, ma Odisseo non fa che sognare il ritorno. Invano lei gli offre l immortalità: gli fa capire che Penelope invecchierà, il suo corpo e il suo volto non saranno più desiderabili come un tempo mentre lei sarà sempre bellissima, e per l eternità. Il re di Itaca non cede alle sue lusinghe, non gli interessa essere immortale, rimanere per sempre immutato e immutabile: vuole abbracciare il figlio che ancora non sapeva parlare quando è partito, incontrare Penelope che aveva abbandonato, giovane sposa, e vedere il fumo alzarsi dalle case della sua isola. Vuole andare incontro al suo destino. Impietosita per lui, Atena supplica il padre affinché ordini a Calipso di lasciare partire il suo prigioniero. Ermes arriva volando nell isola remota per portare il volere del padre di tutti gli dèi. La bellissima ninfa non ha scelta e deve obbedire. E così aiuta Odisseo a costruirsi la sua imbarcazione. La riempie di provviste e di acqua dolce e gli insegna a tenere la rotta che lo condurrà finalmente a casa. Odisseo e Calipso fanno l amore per l ultima volta nella grotta in riva al mare poi, la mattina dopo, l eroe vagabondo spinge in mare la sua imbarcazione. La dea lo guarda allontanarsi, sparire all orizzonte

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

La trama dell'odissea

La trama dell'odissea La trama dell'odissea Nell'Odissea sono narrate le vicende dell'avventuroso viaggio di Odisseo, re di Itaca, più conosciuto con il nome latino di Ulisse, dalla fine della guerra di Troia al ritorno in

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

ENEA. www.inmigrazione.it. Esercizi. collana LINGUA ITALIANA L2

ENEA. www.inmigrazione.it. Esercizi. collana LINGUA ITALIANA L2 ENEA Esercizi www.inmigrazione.it collana LINGUA ITALIANA L2 Consigli per l uso: abbiamo affiancato questo allegato al PP La storia di Enea con il testo stampabile (aiuta molto farlo su fogli colorati)

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Teatro D'Oltre Confine P.zza Giovanni XXIII, 1 20090 Corsico tel e fax 024400454 dolreconfine@libero.it www.teatrodoltreconfine.it "CUORE D'ALBERO" 3-10 anni ESIGENZE

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

La donna nel mondo greco

La donna nel mondo greco La donna nel mondo greco Nell Antica Grecia, all età della nascita delle poleis, la condizione della donna era nettamente differente da quella dell uomo. Questi aveva un ruolo dominante nella vita sociale,

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Dopo Pinocchio, Ulisse: un altra grande avventura interattiva firmata Elastico

Dopo Pinocchio, Ulisse: un altra grande avventura interattiva firmata Elastico www.elasticoapp.com Dopo Pinocchio, Ulisse: un altra grande avventura interattiva firmata Elastico La collana di libri interattivi BOOKS TO PLAY, inaugurata da Elastico con il fortunatissimo Pinocchio

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Nascita di un Eroe. Scelta Leader. Talenti del Generale

Nascita di un Eroe. Scelta Leader. Talenti del Generale Nascita di un Eroe Nascita di un eroe e una campagna progressiva pensata per far giocare piu giocatori sfruttando una mappa a caselle ed il regolamento di Mighty Empire. In aggiunta alle normali regole

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli