o riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "o 1 09 162682 279 2 riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica"

Transcript

1 ~ l STATUTO Associazione Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA o (in forma abbreviata A.S,D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA) Art. l - Costituzione, sede e durata. l. L' A. S. D. SHARDAN TAEKVJONDO SINISCOLA, associazione non riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica spor tiva dilettantisti ca i n genere; i spirandosi ai princi pi di democrazia e di uguaglianza dei diri tti d i t utti gli associati, nonch é di elettività delle cariche associat i ve, il t utto i n conformità a l d i sposto dell' articolo 90 - commi dic i assette e diciot to della Legge 27 d i cembre 2002 n. 289, così come modificato dall' articol o 4 de l Decreto Legge n. 72/2004, conve r tito con Legge n. 128 del 2 1 ma ggio 2004, nonché nel rispett o del v i gente ordinamento sporti vo nazionale ed i nternazionale. 2. L' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SIN I SCOLA è r e tta dalle norme del p r esente Statuto, nonché dalla Legisl azi one vigente in materia di associazioni sporti ve dilettantistiche, ed è sogget t a al r i conoscimento a i fini sportivi da parte del C. O. N. I., a i sensi e per gli effetti dell' articolo 7 del Decreto Legge n. 136 del 28 maggi o L ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA ha sede l egale in SINISCOLA, l ocalità Matta Laccana S. n. 4. La durata dell' A. S. D. SHARDAN TAE ~NONDO SINISCOLA è fissata fino a l 3 1 (t r entuno) dicembre 2040 (duemilaquaranta), salvo p r oroga o anticipato sciogl imento. Art. 2 - Fini istituzionali.

2 l. L' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA promuove, organizza, disciplina e diffond e, sen za f ini di lucro, l ' organizzazione e la pratica d i attività sportive dilettantistiche, in conformità alle deliberazioni ed a gli i ndirizzi del Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C. O. N. I. ) e del Comitato Olimpico I n ternazionale (C. I. O. ), ed i n armonia con le Federazi oni Sportive Nazionali e gli Enti d i Promozione Sportiva. 2. Ai sensi e per gli effetti del l'articolo 90 della Legge 289/ comma diciotto - così come modificato dall' articolo 4 d el Decreto Legge n. 72/2004, convertito con Legge n. 128 del 21 maggio 2004, l ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, nell' esercizio dell ' attività istituzionale sopra descritta, pot r à, nel dettaglio : promuovere, organizzare, disciplinare e diffondere, senza fini di l ucro, la pratica di attività sportive dilettant istich e, nonché le relative attività didattiche e di aggiornamento tecnico; - aderire ad enti, associazioni, organismi privati o pubblici, nazionali e d internazionali, con scopi uguali, affini o complementari ai propr i. Art. 3 - Esercizio Sociale e Gestione Finanziaria. l. L' eser cizio social e dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA i nizia il dì 1 (uno) gennaio e termina il 31 (trentuno) dicembre di ogni anno. 2. I l Consigli o Direttivo dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINI SCOLA entro il termine perentorio di 3 (tre) mesi dalla chiusura del: ' esercizio sociale redige obbligatoriamente il rendiconto economico consunti vo relativo all ' e sercizio chiuso 2

3 i l 31 (trentuno) dicembre dell ' anno precedente, e lo sottopone all ' Assemblea ordinaria dei soci per l ' approvazione, secondo le modalità infra precisate. Contestualmente presenta alla stessa Assemblea anche il rendiconto preventivo per l ' anno successivo. L' Assemblea ordinaria dei soci deve approvar e il rendiconto economico consuntivo rel ativo all' anno preceden te, entro il 31 (tren tuno) april e di ogni a nno, con le modalit à e l e maggioranze precisate agli articoli 12 (dodici) e seguenti del presente statuto. 3. L' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, si ribadisce, non ha fini di lucro, e tulti i proventi delle attività non potranno, in nessun caso, essere d i visi fra gli associa ti, neppure in forme i ndirette, precisandosi che gli eventuali avanzi di gestione saranno esclusivamente impiegati per la realizzazione delle finalità istituzionali sopra precisate all ' a r ticolo 2 (due) del p r esente statuto. Art. 4 - Mezzi e conomici l. L ' Associazione Sporti va Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA provvede al conseguimento dei suoi fini istituzionali, precisati all'articolo 2 (due), con : a ) e ventuali contributi del C.O.N. I. o di altri Enti Pubblici o Privati ; b) le quote associative, le tasse di iscrizione a gare o corsi, i proventi di manifestazioni sportive dilettantistiche organizzate. Art. 5 - Patrimonio 3

4 l. Il patrimonio dell'a. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINI SCOLA può esse r e costituito da : a ) beni d ' uso, attrezzature, disponibilità l i qui de, ed immobili ; b) eventuali dona zioni e lasciti, previa delibera di accettazione da parte del Consi g l io Direttivo. 2. Tutti i beni oggetto del patrimonio dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA devono r isul t a r e da un libro inventario aggiornato all' i nizio di ogni anno, cus t odito presso la sed e dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA e debi tamente vi stato dal Presidente. 3. In caso di scioglimento dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO TAEKWONDO ai sensi e per gli effetti dell' articolo 24 {ventiquattro) del presente s tatuto il patrimonio sarà obbligatoriamente devoluto ai fini sportivi, in conformità al disposto dell' articolo 90 comma diciotto lettera h) della Legge 27 dicembre 2002 n. 289, così come modificato dall ' articolo 4 del Decreto Legge n. 72/2004, convertito con Legge n. 128 del 2 1 maggio Art. 6 - Associ ati. l. Possono essere associati dell ' A. S. D. SHAR DAN TAEKWONDO SI NISCOLA tutte le persone fisiche di ambo i sessi, che, condivi dendo ed accettando l e final i tà istituzionali dell'associazione, richiedano di farne parte, con domanda s critta firmata e rivolta al Consi glio Direttivo : per l ' isc r i zi one del socio mi norenne è necessari o c he l a relaliva domanda sia f i rma t a da chi esercit a la patria pot està. 2. Le a mmissioni s ono deliberate dal Consiglio Direttivo, a ma gg i cranza assoluta dei presenti. 4

5 3. In caso di reiezione della domanda, il Consiglio Direttivo è obbligato ad indicare dettagliatamente, nel relativo provvedimento, le motivazioni. 4. Le categorie degli associati sono le s eguenti : a) f ondatori : coloro che, intervenendo nella fase costitutiva, hanno fondato l ' Associazione; b) ordinari : c o l oro c he aderiscono all' Associazione successivamente alla fase costitutiva. Ciascun associato è titolare di uguali dir i t ti nel rapporto associativo. Tutti gli associ ati, fondatori e ordinari, devono versare la quot a associativa stabilita annualmente con delibera del Consiglio Direttivo dell' Associazione. 5. Possono prendere parte alle Assemblee ordinarie e straordinarie dell'associ azione i soli a ssoci ati in regola con il versamento delle quote associative. I soli associati maggiorenni, in regola con il versamento delle quote associative, hanno diritto di voto nelle Assemblee sociali. 6. Le quote ed i contributi associativi non sono trasmissibili ; le quote non sono rivalutabili. 7. Cessato il r apporto associativo con l ' A. S. D. SHARDAN TAE KWONDO SINISCOLA, gli associati non possono ripetere le quote versate e non hanno alcun diritto sul patrimonio dell' Associazione. Art. 7 - Doveri degli associati 1. Tutti gli associati sono obbligati a ve r sare le quote associative, così come annualmente stabilite dal Consiglio Direttivo, ad osservare le norme del presente statuto, nonché quelle previste da i regolamenti e dalle deliberazioni 5

6 regolarmente prese dagli Organi dell' A.S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA. 2. Gli associati sono tenuti ad osservare ed a far osservare lo statuto ed i regolamenti dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, le norme, gli indirizzi e le delibere del C. I. 0., del C. O.N. I. e degli Organi smi Sportivi Nazionali e I nternazionali a cui l 'A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA aderisce o aderirà, no nché ad adempiere agli obbligh i derivanti dalle norme del p resente statuto, nonché dall e deliberazioni degli Organi interni dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA. 3. Gli associati devono altresì : garantire la partecipazione ai corsi di formazione e di aggiornamento organizzati dall'a. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA; astenersi da ogni compor tamento che possa danneggiare l ' immagine o l ' operato dell'a.s.d. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA o degli altri associati. Art. 8 - Diri tti degli associati l. Tutti gli associati hanno d i ritto di partecipare ai corsi ed alle attività amatoriali, promozionali e didattiche organizzate dall' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA. 2. Possono prendere parte alle Assemblee ordinarie e straordinarie dell' Associazione i soli associati in regola con il versamento delle quote associative; gli associati maggiorenni, in regola con il versamento delle quote associative, hanno altresì dirit to di partecipare con diritto di voto alle Assemblee social i, nonché di concorrere all ' elezione delle car iche sociali dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, ove i n possesso dei requisiti previsti 6

7 dalla Legge e dall'articolo 11 (undici) ed in p a r ticolare nel r ispetto del presente statuto, di quanto sancito dall ' articolo 90 della Legge 28 9/ corruna dici o t t o bis - introdotto dall'articolo 4 del Decreto Legge n. 72/2004, convertito con Legge n. 128 del 21 maggio Art. 9 - Cessaz ione di. appartenenza all'associazione Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA 1. La q ualità di associat o si perde: a) per dimissioni; b) per morosità nel pagamento della quota associativa, protrattasi consecutivamente per almeno 3 (tre) mesi; c) per radiazione nel caso di gravi infrazioni alle norme statutarie e di comportamenti contrari alla l egge, comunque lesivi degli interessi associativi. L' esclusione di cui alla lettera b) verrà deliberata dall ' Assemblea ordinaria dei soci su proposta del Consiglio Direttivo. La radiazione di cui alla lettera c) è deliberata con maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio Direttivo. Il provvedimento deve essere successivamente ratificato dall'assemblea ordinaria all'uopo convocata, nel corso della quale si procederà in contraddittorio con l ' associato interessato, che dovrà essere formalmente convocato a verificar e l a legittimità o meno del provvedimento di radiazione emesso dal Consiglio Direttivo. In caso di assenza ingiustificata dell'associato interessato, ancorché regolarmente convocato, l'assemblea ordinaria potrà ugualmente procedere alla ratifica o meno del provvedimento di radiazione. 7

8 Art Organi dell'associazione Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA l. Sono Organi dell' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA : a. l ' Assemblea degli associati; b. il Consiglio Direttivo; c. il Presidente. 2. Tutti gli Organi durano in carica 4 (quatt ro) anni, ed in ogni caso per il solo tempo resi duo al comp l etamento del quadriennio olimpico in corso. 3. Tutte le cariche sono puramente onorifiche, non danno diritto a compensi ma soltanto al rimborso delle spese effettivamente sostenute. Art Eleggibilità e candidatu.re l. Sono eleggibili alle cariche dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA tutti gli associati maggiorenni, in regola con il versamento delle quote associative, i quali, nel rispetto di quanto previsto dall' articolo 90 della Legge 289/ comma diciotto bis - introdotto dall' a rticolo 4 del Decreto Legge n. 72/2004, convertito con Legge n. 128 del 21 maggi o 2004: non abbi ano riportato condanne passate in giudicato per delitti non colposi; - non siano stati assoggettati da parte dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINI SCOLA, o da altro Organismo Sportivo Nazionale o I nternazionale, a squalifica o ad inibizioni complessivamente superiori a 12 (dodici) mesi. 2. La mancanza in i zia le accertata dopo l ' elezione o il venir meno nel corso del mandato di uno solo dei requisiti sopra precisati comporta l ' immediata decadenza dalla carica. 3. Nelle Assemblee ciascun candidato può concor r ere soltanto ad una carica. 8

9 Art. 12 L'Assemblea degli associati Diritti di par tecipazione l. L' Assemblea degli associati è i l massi mo Organo dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SI NISCOLA. Essa delibera sugli a r gomenti posti all'ordine del g i orno in occasione della sua convocazion e. 2. E' i ndetta dal Consigli o Dir ett i v o ed è convocata dal Presidente del l 'A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINI SCOLA e p uò riunirsi anch e f uori dalla sede l e gale. 3. L' Assembl ea o r din a r ia o s traordinar ia d egli associati è compost a dai soli associati in r e gol a con il versamento delle q uote associative; hanno dir i tto d i v oto s olo gli a s soci ati maggiorenni, i n regola con il versamento delle q uote associ ative. 4. Ogni associ ato può r appr esentare i n Assemblea, pe r me zzo d i del ega scri tta, un massi mo di 3 (tre) asso c i ati. 5. L' Assembl ea degli associ ati dell ' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA può esse re ord i n a ria o straord inari a. 6. L' Assemblea ordinaria deve tenersi, per il rinnovo dell e c a riche dell ' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, entro e non oltre 4 (quattro ) mesi dall' i nizio dell' a nno successivo a quello di celebr azione dei Gioc hi Ol i mpici, nonché, a l meno una v o l ta a ll' a nno, ent ro 4 (quattro) mesi dall a chiu s u r a dell'esercizio soci ale t r ascorso, per l' appr ovazione del relativo rendi conto economico consuntivo e d e l r e n d i cont o preventivo p e r l ' a n no s ucce ssi vo, come sopr a precisato all ' articolo 3 (tr e) -comma secondo. 7. L' Assemblea straord i naria vie n e i ndett a n e l l e ipotesi previste dal presente statuto, a segui to di r ichiest a mo t ivata e sottoscritta dalla maggior a n za dei componenti del. Consiglio 9

10 Direttivo o della maggioranza degli a ssociati a venti diri tto di voto. Art. 13 Convocazione e validità delle Assemblee degli associati l. Le Ass emblee degli associati, ordinaria e straordinaria, indette dal Consiglio Direttivo, sono convocate dal Presidente dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO S INISCOLA, mediant e avviso di convocazione comunicato a gli asso ciati aventi d i r i t t o d i voto c on raccomandata postale o consegnata a mano ovvero con altro mezzo idoneo consentito dall a Legge, almeno 15 (quindici) giorni prima della data stabilita per l ' adunanza. 2. La comunicazione d i convocazione deve contenere l ' indicazione della dat a, d ell' o r a e del luogo di svolgimento, dell' ordine del giorno dei l a vor i, nonché l ' avviso s i a per la prima che per la seconda con vocazione. 3. L' Assemblea ordinaria è valida, in prima convocazione, con la presenza della maggioran z a assoluta degli associati con diritto di voto; in seconda convocazione, due o r e dopo, qua l unque sia il numero degl i a ssociati con diritto di voto presenti. L' Assemblea straordinaria é valida sia in prima che in seconda convocazione, due ore dopo, con la presenza di almeno i due terzi degli associati aventi diritto di voto. 4. Le Assemblee sono presi e dute dal Presidente del l ' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, o, in caso d i sua assenza o impedimento, da una delle persone legittimament e i n t e rvenute all'assembl ea, designata dalla ma ggioranza dei presenti. 5. L' Assemblea nomina un Segr etario e, se necessario, due scrutatori. 10

11 6. Il Presi dent e dirige e regol a le d i scussioni e sta b i lisce l e modal ità e l' o r d i ne dell e votazi oni....;_ 7. I l Segretario dell ' Assemblea assolve l e f unzioni di verif ica poteri e scr utinio per le votazioni. 8. Di ogni Assembl ea s i dovr à r edi gere a pposito verbale fir mato d a l Pr esi dente, dal Segr etario e, se nominati, dai due scrutatori. Copia dello stesso verbal e deve essere messo a d i sposizione d i t utt i gli associati con le f ormalità ritenute più idonee dal Consiglio Direttivo a garantirne la ma ssima diffusion e. Art Modalità di deliberazi one dell 'Assemblea l. Fatto sal vo q u a nto p r evisto dal l'articolo 24 (ventiquattro), l ' Assemb l ea, s i a ordi nari a che s t raor dinaria, delib e r a vali damente con l a maggioranza dei voti dei presenti, escl usi gli astenuti. Art Attribuzioni delle Assemblee 1. L' Assemblea ordinaria: a) vota entro e non oltre il 31 (t rentuno) a pril e d i ogni anno il rendiconto economi co con s unti vo della gestione del l ' anno precedente, presentato dal Presidente e p r edispost o dal Consiglio Dirett ivo, n o nché q uello preventi vo per l'esercizio successivo, predispost o sempre da l Consiglio Direttivo; b) e legge : - il Presidente dell' A.S.D. SHARDAN TAEKWONDO S I NISCOLA; - i componenti del Consiglio Di rettivo; c) delibera sugli argomenti posti all' ordine del g i orno - ed attinenti alla vita ed a i rapporti del l ' Associazione in genere - c h e non r ientr i n o n e l la competenza f unzionale dell' Assemblea s traordina ria ; in particolare delibera l ' esclusione degli associat i e r ati fica i p rovvedimenti discipl inari di 11

12 radiazione emessi dal Consi glio Direttivo, il tutto ai sensi e per gli effetti dell ' articolo 9 (nove) del presente statuto. 2. L' Assemb lea straordinaria delibera sulle proposte di -'- modifica dello statuto sociale, nonché sullo scioglimento anticipato dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA in quest' u l timo caso con le moda lità e le maggioranze previste dall' articolo 24 (ventiquattro). Art. 16 Il Presidente dell'associazione Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA - Rappresentanza lega.le l. Il Presidente dell ' A. S. D. SHARDAN rappresenta legalmente l ' Associazione. TAEKWONDO SI NISCOLA 2. Il Presi de nte convoca e presiede il Consiglio Direttivo, previa formulazione dell ' ord i n e del giorno, e vigila sull' esecuzione delle deliberazioni adottate. 3. Convoca e presiede, altresì, le Assemblee degli associ ati. 4. Il Consi glio Direttivo, su proposta del Pr esidente, ha facoltà d i concedere riconoscimenti e attestati di merito, g r adi e qualifiche agli associati che s i siano particolarmente distinti nell' ambito sportivo d i lettantistico, contribuendo ad elevare ulteriormente l ' immagine dell'a. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINI SCOLA. Art Il Consiglio Direttivo l. Il Con s iglio Di rettivo è c omposto dal Presidente del l ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SI NISCOLA che lo presiede, e da 4 {quattro) Consigli eri, eletti dall ' Assemblea ordinari a fra gli associati in p os s esso dei requisiti sopra r i chiamati all'articolo 11 {undi ci), e nel rispetto di quanto sotto precisato al sest o comma del p r esente articolo. 12

13 .. 2. Nella sua p r ima riunione, il Consiglio Direttivo nomina tra i s uoi c omponenti u n Vice..J-. Presidente, s u propos t a d e l Presidente, a cui sono att r ibuite l e funzioni vicarie. 3. I Consiglieri hanno compiti di ispezione e di contr ollo su tutti gli atti degli Organi e delle struttur e dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA. 4. Salv o i casi di d e cadenza anticipata, il Consiglio Di r ettivo d u r a in carica per l'int e r o qua d riennio olimpico. 5. Ai membr i del Consiglio Dire t ti vo non può essere corrisposto alcun emolumento, salvo il rimbors o d elle spese sostenute nell' espletamento d e l loro mandato. 6. E ' f a tto divieto al Presidente ed ai Con s i glieri dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWON DO SINISCOLA d i r i cop rire la medesi ma carica in altre societ à o associ a zi oni sportive dilettantistiche nell ' ambito della stessa Federazione sportiva, ovvero nell' ambito della medesima disciplina sportiva facente capo all' Ente di promozione sportiva di appartenenza, i l tutto nel rispetto d el d isposto dell' articolo 90 della Legg e 2 8 9/ comma diciotto bis - introdotto dall' articolo 4 d el Decreto Legge n. 72/2004, convertito c on Legge n. 128 del 21 maggio Art Competenze del Consiglio Direttivo l. Il Consiglio Direttivo dirig e ed amminist r a l ' attività dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, pre dispone i programmi in conformità alle direttive approvate dall ' Assemblea e ne cura l ' attuazione per perseguir e i fini istituzionali. 2. In particolare i compiti del Consiglio Dir e t tivo s ono : a) promuov e r e la realizzazion e d e i fini istitu zionali d i c u i all ' articol o 2 (due) del presente statuto; 13

14 b) deliberare i regolamenti e d il p r ogramma dell' attività dell'a. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA; c) attuare le delibere degli Organismi sporti vi nazionali o i nternazionali a cui l ' A. S. D. SHARDAN TAEKWON DO SI NISCOLA aderisce o aderirà; d) i stituire Commissioni e nominare Commissar i ; e) indire le Assemblee e deliberarne l ' ordine del giorno; f) pr edisporre i rendiconti e conomici consuntivi e p r e ventivi della gestione dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA, da sottoporre all' approvazione d ell ' Assemblea ordinaria degli assoc i ati ; g) a ccogliere o r i gettare, c on deli bere moti vate, le domande di ammissione all' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA; h ) deliberare su attestazioni di merito, p r emi e rico noscimenti da attribuire agli associ ati, su prop osta del Presidente; i) amministrare i fondi a disposizione dell' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA; l ) emanare tutte le delibere regolamentari e d i a t t ua zione dell ' ammissione all' A. S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA; m) deliberare su ogni altro argomento sottoposto dal Presidente, purché siano sempre rispet tati i princi pi generali i spiratori dello s tatuto, l e disposizioni de lle altre norme a carattere regolamentare, ed il princi pio di democraticità strutturale i nter na; n ) stabilire annua l mente l ' a mmontare delle q uote associative ; O) proporre all ' Assemblea ordinaria l ' esclusione di determinati associati e/o deliberarne la radiazione, a i sensi e per gli effetti dell ' articolo 9 (nove) del presente s t atuto. 14

15 Art. 19 Convocazione del Consiglio Direttivo e validità delle deliberazioni -"~ l. Il Consi gli o Direttivo si riunisce ogni vol ta che il Presidente lo r i tenga necessario, oppure se ne sia fatta formale richi esta da almeno 2 {due) Consi glieri. 2. Per l a validità delle riunioni é richiesta la presenza di almeno 3 {tre) dei suoi componenti. 3. Le deliberazioni sono prese con il voto f a vorevole della maggioranza dei presenti. Il voto non è delegabile. In caso di pari tà p r evale il voto del Presidente. 4.Le deliberazi oni del Consiglio Dirett ivo, per la l oro validi tà, devono risultare da apposito verbale sott oscri tto dal Pr esi dente. Copia dello stesso verbale deve essere messo a disposizione di tut ti gli associat i con le f ormalità ritenute più idonee dal Consiglio Dir ettivo atte a garantirne la massima diffusione. Art Integrazione del Consiglio Direttivo l. Ne l caso che per qualsiasi ragione durante il cor so dell ' eser c izio veni ssero a mancar e uno o p i ù Consi glieri, i rimanent i provvederanno tempestivamente alla convocazione dell'assembl ea or d i nari a dei soci per nominare i sostituti che resteranno in carica fino alla scade nza dei Consiglieri sostituiti. 2. I l Consigl io Di rettivo dovrà consi derarsi sciolto e non più i n cari ca qualora per dimi ssioni o per qual siasi al t ra causa venga a perdere l a maggioran za dei suoi componenti. 2. Ne l caso d i dimissioni o impedimento del Pr esi dente del Consiglio Direttivo, i compi t i e le funzioni d i quest'ultimo saranno svolte dal Vice - Presidente fino alla nomina del nuovo Pr esidente che 15

16 dovrà aver luogo alla prima Assemblea ordinaria utile successiva. _... Art Modifiche allo Statuto l. Lo statuto può essere modificato su proposta del Consiglio Direttivo o di almeno la metà più uno degli associati con diritto di voto. In quest'ultimo caso le proposte, determinate e specifiche, devono essere p resentate al Consiglio Direttivo, il quale, verificata la r itual ità della richiesta, indice entro 60 (sessanta) g i orni dalla richiesta stessa l ' Assemblea straordinaria; quest ' ultima dovrà aver luogo nei successivi 30 (trenta) giorni. 2. Il Consiglio Direttivo, nell'indire l ' Assemblea straordinaria, sia su propria iniziativa che su richiesta degli associati, deve riportare integralmente, nell ' ordine del giorno, le proposte di modifica dello statuto. Art Regolamenti l. Per l ' attuazione del le norme contenute nel presente statuto, il Consiglio Direttivo può deliberare i regolamenti, che contengono le disposizioni tecniche ed amministrative attinenti al corretto funzionamento dell' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA. 2. I predetti regolamenti non possono essere in contrasto con le norme del. presente statuto ed entrano in vigore dopo 15 (qui ndici) giorni dalla loro delibera. Art I rendiconti l. Il Consiglio direttivo r edige i rendiconti economici consuntivi e preventivi dell' A. S. D. SHARDAN 'I'AEKWONDO SINISCOLA, da sottoporre all' appr ovazione dell ' Assemblea 16

17 ordinaria degli associati, con le modalità e nei termini sopra precisati. 2. I rendiconti devono essere redatti con chiar ezza e devono rappresentare i n modo veritiero e cor retto l a sit uazione patrimoniale ed economica dell'a.s.d. SHARDAN TAEKWONDO SI NISCOLA, nel r ispetto del principio de lla traspar enza nei confronti degli associati. 3. Copie dei rendiconti devono essere messe a disposizione di tutti gli associati. Art S c.ioqli.jaento anticipato dall' Assoc.iaz.iona Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA l. Lo scioglime nto d ell ' A.S.D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA è deliberato dal l ' Assemblea straor dinaria degl i associati, validamente costituita con la presenza in propr io e non per del ega di almeno 3/4 (tre quarti) degli associati aventi diritto di voto, con l ' approvazione, sia in prima che in s e conda convocazione, di almeno 3/4 (tre quarti) degli associati presenti. Cosi pure la richiesta dell 'Assemblea straordinaria da parte degli associati, avente per oggetto lo scioglime nto dell ' A.S.D. SHAR DAN TAE KWON DO SINISCOLA, deve essere presentata da almeno 3/4 (tre quarti) degli associati con diritto di voto. 2. In caso di scioglimento, il patrimonio dell ' A. S. D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA sarà devoluto ai fini sportivi, i n conformità al disposto dell'articolo 90 comma dici otto let tera h ) - de lla Legge 27 dicembre 2002 n. 289, così come modificato dal l ' articolo 4 del Decreto Legge n. 72/2004, convertito con Legge n. 128 del 21 maggio

18 Luogo SINISCOLA, li (sabato) 18 (diciotto) Set tembre 2010 (duemiladi eci)./- 18

19 t.,.,. : -, ' '- '...,... ~". '.. _...,...,.,,. : {" ~ ~.:- <::: ~ : ~~)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il giorno 24 del mese di febbraio dell anno 2015 in seduta ordinaria come da

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO

REGOLAMENTO DEL SENATO REGOLAMENTO DEL SENATO 95 96 REGOLAMENTO DEL SENATO 97 REGOLAMENTO DEL SENATO Testo approvato dall Assemblea il 17 febbraio 1971 (Gazzetta Ufficiale, Suppl. ord. n. 53 del 1º marzo 1971) e successive modificazioni

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli