CELENIT PONTI TERMICI SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CELENIT PONTI TERMICI SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO"

Transcript

1 CELENIT PONTI TERMICI SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO

2

3 SOMMARIO PONTI TERMICI GENERALITÀ I ponti termici e il Decreto Legislativo n. 311 LA VALUTAZIONE DEI PONTI TERMICI I MATERIALI SOLUZIONI 1. Pilastro in parete 2. Pilastro in angolo 3. Solaio a parete 4. Solaio a sbalzo - piano pilotis 5. Parete contro terra di piano interrato 6. Parete contro terra su locale non riscaldato 7. Copertura piana 8. Serramento CONCLUSIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Il logo ANAB è riferito ai prodotti: Celenit AB, Celenit ABE,, B, Celenit R, Celenit S, Biosilenzio

4 GENERALITÀ Le perdite di calore attraverso gli elementi strutturali di un edificio, ponti termici, possono raggiungere e superare il 20 % delle dispersioni totali e sono causa di condense interne, macchie, muffe con conseguente deterioramento delle parti costruttive. La correzione dei ponti termici, prevista dalla normativa sul risparmio energetico (Legge 9 gennaio 1991, n. 10, Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192, Decreto Legislativo 29 dicembre 2006, n. 311 e Decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59), si ottiene disponendo, all interno del cassero di contenimento del getto, i pannelli Celenit che rimarranno legati in modo permanente al getto stesso. In questo modo si bilanciano le proprietà isolanti della muratura e delle parti in calcestruzzo. Con pannelli multistrato (,, ) si consiglia l impiego di ancore in plastica o metalliche che rimarranno inglobate nel getto. Si applicherà quindi l intonaco armato con rete in fibra di vetro. I PONTI TERMICI E IL DECRETO LEGISLATIVO N. 311 Il Decreto Legislativo n. 311 e il Decreto del Presidente della Repubblica n. 59 prendono in esame il ponte termico dal punto di vista energetico, limitando la trasmittanza della parete fittizia, e dal punto di vista dell igiene e salubrità degli ambienti imponendo l assenza di condensazione superficiale sulle superfici interne delle strutture con condizioni al contorno imposte. Il seguente opuscolo sviluppa le verifiche sui ponti termici per i due aspetti, in particolare: 1) La condensazione superficiale e l adeguata correzione del ponte termico La correzione del ponte termico per le verifiche di condensazione superficiale è tale se non si verificano rischi con le condizioni imposte dal Decreto Legislativo n. 311, ovvero di umidità relativa dell ambiente UR = 65% e temperatura dell aria di T = 20 C. Tutti i casi analizzati nell opuscolo sono stati sviluppati evidenziando spessori e materiali adatti alla correzione del ponte termico in oggetto. Per procedere al corretto impiego dell opuscolo è necessario seguire le indicazioni del diagramma 1. DLGS 311 T = 20 C UR = 65% INSERIMENTO DEL MATERIALE PER CORREGGERE PONTE TERMICO RISCHIO DI CONDENSAZIONE SUPERFICIALE Tsi< 13.2 C? NO PONTE TERMICO CORRETTO SI PONTE TERMICO NON CORRETTO DIAGRAMMA 1. Verifiche di condensazione per il ponte termico Si procede nell inserimento del tipo di materiale Celenit e del suo spessore sino a che il ponte termico non risulta corretto. Tale correzione è dipendente dalla località dell edificio oggetto di indagine. 4

5 2) La verifica delle trasmittanze limite delle pareti e l adeguata correzione del ponte termico Il Decreto Legislativo n. 192, il Decreto Legislativo n. 311 e il Decreto del Presidente della Repubblica n. 59 impongono che gli edifici abbiano elevate prestazioni di isolamento globali dell involucro e un impianto di riscaldamento efficiente. Il diagramma 2 riassume le possibilità offerte al progettista dell isolamento dell involucro per il rispetto delle prescrizioni per gli edifici di nuova costruzione e per gli edifici esistenti oggetto di ristrutturazione integrale o parziale. Il progettista ha diverse strade a seconda dell ambito di applicazione. In particolare la verifica della trasmittanza limite a ponte termico corretto deve essere effettuata se si impiega il metodo semplificato per edifici di nuova costruzione (di determinate caratteristiche) e per gli interventi parziali sugli edifici esistenti; il diagramma 2 mostra in dettaglio altri casi più specifici. DLgs DLgs DPR 59/2009 EDIFICIO di nuova costruzione EDIFICIO ESISTENTE oggetto di ristrutturazione integrale o demolizione e ricostruzione in manutenzione straordinaria con Sutile > 0 mq EDIFICIO ESISTENTE oggetto di ristrutturazione integrale con Sutile < 0 mq o parziale Si possono rispettare le prescrizioni con metodo semplificato? SI Superficie vetrata / superficie utile Sv/Su < 0.18? SI RISPETTO U LIMITE COMPONENTI a ponte termico corretto NO Metodo di calcolo UNI TS Calcolo delle dispersioni ponti termici in accordo con UNI EN ISO NO Ponte termico è corretto energeticamente? Upt<U x 1.15 RISPETTO DEL LIMITE EPi fabbisogno energetico primario comprensivo dell intero involucro e dell efficienza dell impianto + RISPETTO RENDIMENTO GLOBALE MEDIO STAGIONALE IMPIANTO La correzione avviene con pannelli Celenit compositi di sp. mm? NO U media componente + ponte termico < U limite SI Ponte termico generalmente corretto con Upt < U x 1.15 U sezione parete < U limite IMPIEGO DELL OPUSCOLO PONTI TERMICI CELENIT PER CONTROLLO DELL ASSENZA DI CONDENSAZIONE SUPERFICIALE Effettuare calcolo della U media. NEL CASO DI CORREZIONE ACCURATA INDICATA DA OPUSCOLI PONTI TERMICI CELENIT IL LIMITE IMPOSTO È GENERALMENTE RISPETTATO DIAGRAMMA 2. Verifiche energetiche per il ponte termico 5

6 GENERALITÀ Per sviluppare dunque le verifiche sulle trasmittanze U limite [W/m²K] vi sono due possibilità: 1) il ponte termico è definibile corretto (secondo le indicazioni del Decreto Legislativo n. 311, ovvero la trasmittanza della parete fittizia è < 1.15 x trasmittanza della sezione); 2) il ponte termico non è definibile corretto e quindi è necessario controllare che la trasmittanza media delle strutture oggetto di indagine sia minore di quella limite. Conclusioni L opuscolo si configura come utile strumento per la risoluzione dei problemi di condensazione legati ai ponti termici e come strumento di consultazione per la verifica di correzione del ponte termico per il rispetto delle trasmittanze termiche limite U. Nei casi infatti in cui il progettista debba verificare la trasmittanza limite delle struttura a ponte termico corretto, generalmente rispetta la condizione di trasmittanza U < 1.15 x trasmittanza della sezione corrente con una correzione ordinaria con pannelli Celenit compositi dello spessore di mm, oppure la condizione di U limite < Umedia con la correzione accurata con pannelli di diverso spessore. Il calcolo delle dispersioni, e quindi del coefficiente lineico, deve essere comunque realizzato in accordo con la norma UNI EN ISO Il servizio di assistenza tecnica è a disposizione per eventuali chiarimenti o verifiche delle trasmittanze del ponte termico. Esempio La figura 1 mostra il ponte termico che si sviluppa nel nodo parete-solaio. Le condizioni al contorno ipotizzate simulano una giornata invernale. Il ponte termico tra solaio e parete è evidente poiché la temperatura nello spigolo dell ambiente interno è compresa tra 7 e 11 C e provoca un elevato rischio di condensa superficiale. Per correggere il ponte termico ed evitare il rischio di condensa è necessario inserire, in corrispondenza del ponte termico, uno strato di pannelli Celenit; l intera struttura in cemento armato in seguito all intervento ha una temperatura che poco si discosta da quella dell aria: temperatura nello spigolo = 18 C (Fig. 2). Evitare i ponti termici o correggerli è un operazione semplice ma indispensabile se si vuole evitare la muffa e la condensa. Le considerazioni svolte in questo esempio sono relative al caso di edilizia residenziale; il progettista è tenuto a valutare in funzione della destinazione d uso e della località se le strutture sono soggette o meno ai fenomeni di condensa. Fig. 1: Ponte termico privo di correzione Fig. 2: Correzione del ponte termico con pannelli Celenit 6

7 LA VALUTAZIONE DEI PONTI TERMICI Per valutare in modo accurato la temperatura superficiale interna dei ponti termici è necessario ricorrere all analisi agli elementi finiti che permette, in funzione della geometria e dei materiali del nodo studiato, di evidenziare le linee di flusso termico, l andamento delle isoterme e quindi il rischio di formazione di condensazione. Qui di seguito vengono illustrate alcune soluzioni che prevedono l utilizzo di pannelli Celenit di vario tipo e spessore, per la correzione dei ponti termici. I calcoli e le valutazioni sulla temperatura superficiale interna in corrispondenza dei ponti termici sono stati eseguiti per mezzo del programma a elementi finiti KOBRA, considerando le seguenti condizioni di temperatura: aria interna T aria esterna T del terreno del locale non riscaldato 20 C - 5, 0 e 5 C 10 C 5 C In riferimento alla suddivisione del territorio nazionale in zone climatiche presente nel DPR 412/93 si può genericamente ipotizzare tale divisione: Zona A, B e C: temperatura di riferimento aria esterna 5 C; Zona D: temperatura di riferimento aria esterna 5 o 0 C a seconda della temperatura media mensile del mese più freddo; Zona E e F: temperatura di riferimento aria esterna 0 C; Zona F con gradi giorno > 4000: temperatura di riferimento aria esterna - 5 C. La temperatura di riferimento di - 5 C è dunque riferibile solo a località con inverni particolarmente rigidi e ad elevate altitudini. Fig. 3: Zona E - F Zona D Zona C Zona A - B 7

8 LA VALUTAZIONE DEI PONTI TERMICI Il rischio di condensazione superficiale viene valutato facendo riferimento alle condizioni previste dal Decreto Legislativo n. 311 che prevede l assenza di condensazione superficiale con condizioni fisse di temperatura dell aria interna, T = 20 C, e di umidità relativa UR = 65 %. In queste condizioni la temperatura di saturazione corrisponde a 13,2 C. Se la temperatura superficiale del ponte termico corretto o meno ha un valore minore di 13.2 C si è in presenza del rischio di condensazione superficiale. La correzione pertanto è considerata sufficiente se la temperatura superficiale interna risulta essere Tsi 13,2 C ai fini della condensazione. Riprodotta la tipologia del ponte termico e impostate le condizioni climatico - ambientali interne ed esterne viene valutato il valore della temperatura superficiale interna nel punto più critico in assenza di correzioni del ponte termico che viene quindi corretto con diverse tipologie di materiali Celenit e per diversi spessori evidenziando le diverse temperature superficiali che si sviluppano. I risultati dei calcoli vengono sintetizzati in tabelle dove vengono riportati i valori delle temperature superficiali in corrispondenza del ponte termico per tipo e spessore di prodotto utilizzato per la sua correzione che può essere di tipo: CO = correzione ordinaria; CA = correzione accurata; CMA = correzione molto accurata. I valori in rosso indicano che si è in presenza del rischio di condensazione superficiale. I valori preceduti dal simbolo di maggiore > non sono stati calcolati ma ipotizzati. Alla fine fine del capitolo conclusioni viene riportata una tabella riassuntiva dei prodotti e spessori idonei a proteggere il ponte termico in funzione della temperatura dell aria esterna e del tipo di correzione del ponte termico. 8

9 I MATERIALI CELENIT N ECOBIOCOMPATIBILE Secondo UNI EN Descrizione: pannello costituito da lana di legno di abete, mineralizzata e legata con cemento Portland ad alta resistenza. Dimensioni cm Spessori mm Resistenza termica m 2 K/W Resistenza alla diff. del vapore μ 200x60-240x60-120x60-60x ,20-0,30-0, - 0,45-0, - 0,60-0, - 1,15 5 CELENIT P3 CELENIT - POLISTIRENE SINTERIZZATO Secondo UNI EN Descrizione: pannello composto da due strati (spessore 5 mm ciascuno) in lana di legno di abete, mineralizzata e legata con cemento Portland ad alta resistenza e da uno strato interno di polistirene espanso sinterizzato autoestinguente a norma. Dimensioni cm Spessori mm Resistenza termica m 2 K/W Resistenza alla diff. del vapore μ 200x ,45-0,70-1,10-1, - 2,40 43 CELENIT E3 CELENIT - POLISTIRENE ESTRUSO Secondo UNI EN Descrizione: pannello composto da due strati (spessore 5 mm ciascuno) in lana di legno di abete, mineralizzata e legata con cemento Portland ad alta resistenza e da uno strato interno di polistirene espanso estruso autoestinguente a norma. Dimensioni cm Spessori mm Resistenza termica m 2 K/W Resistenza alla diff. del vapore μ 200x ,80-1, - 1,90-2,45 84 CELENIT G3 CELENIT - POLISTIRENE SINTERIZZATO E GRAFITE Secondo UNI EN Descrizione: pannello composto da due strati (spessore 5 mm ciascuno) in lana di legno di abete, mineralizzata e legata con cemento Portland ad alta resistenza e da uno strato interno di polistirene espanso sinterizzato autoestinguente a norma contenente particelle di grafite. Dimensioni cm Spessori mm Resistenza termica m 2 K/W Resistenza alla diff. del vapore μ 200x , - 0,85-1, - 2,15-2,

10 SOLUZIONI 1. PILASTRO IN PARETE Fig. 4 Ponte termico pilastro - parete Correzione ordinaria (CO) PUNTO CRITICO Fig. 5 Ponte termico pilastro - parete Correzione accurata (CA) Fig. 6 Ponte termico pilastro - parete Correzione molto accurata (CMA) 1.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso del pilastro inserito nella parete. La temperatura superficiale interna indicata nella tabella è relativa al punto più critico situato in corrispondenza della superficie del pilastro. Se la larghezza del pilastro è maggiore di 30 cm e la sua profondità maggiore di 26 cm le variazioni dei risultati sono minime. La stratigrafia della parete è in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. La correzione accurata, CA (Fig. 5), e molto accurata, CMA (Fig. 6), da effettuarsi in zone climatiche con clima particolarmente rigido, restituiscono valori di temperatura simili e pertanto la scelta del tipo di correzione è esclusivamente dettata da motivi tecnologici e di facilità di posa in opera. 10

11 1.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) aria esterna (5 C) 1 nessuna correzione 0 9,2 11,4 12, ,0 13,6 14,8 12,3 13,8 15,0 1 CA/CMA 13,2 > 13,8 > 15, ,6 14,1 15,2 13,6 14,8 15,9 14,4 15,5 16,5 12,5 14,0 15,1 13,1 14,5 15,6 13,8 15,1 16,1 14,7 15,8 16,7 15,7 16,7 17,5 13,2 14,6 15,6 13,9 15,1 16,1 14,8 15,8 16,7 15,7 16,7 17,5 12,6 14,1 15,2 13,3 14,6 15,7 14,0 15,2 16,2 14,8 15,9 16,7 15,9 16,8 17,6 1.NCLUSIONI In zone climatiche particolarmente rigide nei mesi invernali (T = -5 C) è necessario impiegare almeno mm di CELENIT N e P3 oppure mm di E3 o G3. Se si interviene con una correzione accurata del ponte termico (Fig. 5) dando continuità al materiale isolante, è possibile impiegare anche spessori di CELENIT N da mm. Nelle altre zone climatiche (T = 0 C e +5 C) sono sufficienti 20 mm di materiale CELENIT N per la correzione del ponte termico. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti mm (CO) mm (CA/CMA) mm (CO) mm (CO) mm (CO) 20 mm (CO) mm (CO) aria esterna (5 C) 20 mm (CO) mm (CO) 11

12 SOLUZIONI 2. PILASTRO IN ANGOLO PUNTO CRITICO Fig. 7 Ponte termico di pilastro in angolo Correzione ordinaria (CO) Fig. 8 Ponte termico di pilastro in angolo Correzione accurata (CA) Fig. 9 Ponte termico di pilastro in angolo Correzione molto accurata (CMA) 2.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso del pilastro inserito in angolo tra due pareti. La stratigrafia della parete è in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. Se il pilastro ha una dimensione maggiore o rientra verso l interno il valore di temperatura aumenta, per tanto il caso considerato è da ritenersi cautelativo. Il punto critico di un pilastro d angolo è situato nella zona finale del percorso più breve scarsamente isolato. La correzione accurata, CA (Fig. 8), prevede che lo strato di isolamento sia continuo rispetto a quello di parete. La correzione molto accurata CMA (Fig. 9) comporta isolare tutto il pilastro. 12

13 2.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso 2 2 CA 2 CMA 2 CA 2 CA 2 CA Materiale nessuna correzione Spessore (mm) ,1 9,1 9,4 9,8 11,2 12,7 15,8 11,9 9,7 10,5 11,4 13,6 12,5 12,7 10,6 11,5 13,7 12,6 12,7 9,0 10,7 11,6 > 13,7 12,7 12,9 9,7 11,3 11,6 11,8 12,7 14,2 16,7 13,6 11,8 12,4 13,1 14,8 14,0 14,2 12,4 13,2 15,0 14,1 14,2 11,9 12,6 13,3 >15,0 14,2 14,3 aria esterna (5 C) 12,3 13,5 13,7 13,9 14,5 16,5 17,5 15,2 13,8 14,3 14,8 16,1 15,5 15,6 14,3 14,9 > 15,0 15,6 15,6 13,9 14,4 15,0 > 15,0 15,6 15,7 2.NCLUSIONI In zone climatiche particolarmente rigide nei mesi invernali (T = -5 C) è necessaria la correzione accurata del ponte termico (Fig. 8) con uno spessore minimo di mm di CELENIT P3 (sono utilizzabili anche CELENIT E3 e CELENIT G3 da mm). Correggendo il ponte termico molto accuratamente (Fig. 9), ovvero isolando tutto il pilastro, è possibile impiegare CELENIT N da mm. In zone climatiche mediamente fredde (T = 0 C) è necessario intervenire con almeno uno spessore di mm di prodotti CELENIT N. Se si vuole utilizzare uno spessore minore del prodotto CELENIT N o CELENIT P3, ad esempio mm, è necessario correggere accuratamente il ponte termico. Infine utilizzando CELENIT E3 e G3 è possibile correggere ordinariamente il ponte termico con uno spessore di mm. In zone climatiche con T = 5 C, è necessario impiegare almeno 20 mm di per evitare qualsiasi rischio di condensa superficiale. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti mm (CMA) mm (CA) mm (CA) mm (CA) mm (CA) mm (CO) mm (CA) mm (CO mm (CO) mm (CO) aria esterna (5 C) 20 mm (CO) mm (CO) 13

14 SOLUZIONI 3. SOLAIO A PARETE PUNTO CRITICO Fig. 10 Ponte termico solaio - parete Correzione ordinaria (CO) 3.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il nodo tra il solaio e la parete. Il punto critico considerato nella sezione è tendenzialmente l attacco inferiore del solaio con la parete e la sua criticità o meno dipende dalla stratigrafia della parete. La stratigrafia della parete è in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. 14

15 3.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) 3 nessuna correzione 0 10,7 12, ,2 14,5 13,4 14, ,7 15,0 14,5 15,6 15,2 > 15,6 13,6 14,9 14,1 15,3 14,7 15,8 15,5 > 15,8 16,6 17,3 14,2 15,3 14,8 15,8 15,5 > 15,8 16,6 17,3 13,7 15,2 14,3 15,4 14,9 15,9 15,6 > 15,9 16,7 17,3 3.NCLUSIONI La correzione del ponte termico con uno spessore di almeno 20 mm di assicura un ridotto rischio di condensazione superficiale nelle varie località. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti mm (CO) 20 mm (CO) mm (CO) aria esterna (5 C) 20 mm (CO) mm (CO) 15

16 SOLUZIONI 4. SOLAI A SBALZO - PIANO PILOTIS Fig. 11 Ponte termico solaio a sbalzo-parete Correzione ordinaria (CO) Fig. 12 Ponte termico solaio a sbalzo-parete Correzione accurata (CA) PUNTO CRITICO Fig. 13 Ponte termico solaio a sbalzo-parete Correzione accurata (CA) 4.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso dei solai a sbalzo (elementi aggettanti). La correzione del ponte termico orizzontale ha una lunghezza minima di cm a partire dalla fine della trave di bordo. La stratigrafia della parete e del solaio sono in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. Nelle zone climatiche con clima rigido (T = -5 C) è opportuno correggere accuratamente, CA, il ponte termico allungando il percorso della dispersione (Fig. 12) o rendendo lo strato d isolamento continuo, inserendo alla base della parete un pannello da 20 mm (Fig. 13). 16

17 4.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) aria esterna (5 C) 4 nessuna correzione 0 5,6 8,5 11,4 20 8,6 10,9 13,1 9,0 11,2 13,4 30 9,4 11,6 13,7 10,8 12,7 14,5 11,9 13,5 15,1 4 CA 12,6 > 13,5 > 15,1 9,4 11,5 13,7 10,4 12,3 14,3 11,5 13,2 14,9 12,6 14,1 15,5 12,8 14,2 15,7 4 CA 13,0 > 13,2 > 14,9 4 CA 13,6 > 14,1 > 15,5 10,5 12,4 14,3 11,6 13,2 15,0 12,7 14,1 > 15,5 12,8 14,2 15,7 4 CA 13,1 > 13,2 > 15,0 4 CA 13,8 > 14,1 > 15,5 9,6 11,7 13,8 10,8 12,7 14,5 11,9 13,5 15,1 12,9 14,3 15,7 12,9 14,3 15,8 4 CA 12,7 13,6 > 14,5 4 CA 13,4 > 13,6 > 15,1 4 CA > 13,8 > 14,3 >15,7 4.NCLUSIONI In zone climatiche con condizioni invernali particolarmente rigide (T = -5 C) è necessario impiegare prodotti CELENIT P3, E3 o G3 con una correzione accurata del ponte termico che aumenti il percorso della dispersione energetica o che dia continuità allo strato isolante (Fig ). Nelle zone climatiche mediamente fredde (T = 0 C) è impiegabile il CELENIT N da mm oppure gli altri prodotti, CELENIT P3, E3 e G3 da mm di spessore. In zone climatiche con T = 5 C sono necessari almeno panelli CELENIT N da mm. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti aria esterna (5 C) - mm (CO) mm (CA) mm (CO) mm (CA) mm (CO) mm (CO) mm (CA) mm (CO) 17

18 SOLUZIONI 5. PARETE CONTRO TERRA DI PIANO INTERRATO PUNTO CRITICO Fig. 14 Ponte termico parete contro terra solaio piano interrato Correzione ordinaria (CO) PUNTO NON CRITICO T=13.3 C Fig. 15 Ponte termico parete contro terra solaio piano interrato Correzione accurata (CA) 5.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso della parete contro terra. La stratigrafia della parete e del solaio sono in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. Il materiale utilizzato per la correzione del ponte termico deve essere protetto dall acqua con adeguato manto impermeabilizzante bituminoso e dallo strato di protezione antiradice. Il punto critico del ponte termico che caratterizza la parete contro terra di un piano interrato è legato alla dispersione attraverso il terreno. Nei casi quindi in cui la correzione ordinaria CO (Fig. 14) realizzata con isolamento all esterno della parete risulti non sufficiente è opportuno inserire del materiale isolante che vada a ridurre le dispersioni nella direzione del terreno. La correzione accurata CA (Fig. 15) viene quindi realizzata con materiale spessore mm posto all interno e in aderenza al materiale isolante impiegato nella soletta a contatto con il terreno. 18

19 5.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) aria esterna (5 C) 5 nessuna correzione 0 10,6 12,4 13, ,7 13,1 14,5 11,8 13,2 14, ,9 13,3 14,6 12,1 13,4 14,7 12,1 > 13,4 5 CA 13,4 > 13,4 11,9 13,2 14,6 12,1 13,4 14,7 12,2 13,5 14,8 12,2 > 13,5 > 14,8 12,2 13,5 14,8 5 CA > 13,4 > 13,5 > 14,8 12,1 13,4 14,7 12,2 13,5 14,8 12,2 > 13,5 > 14,8 12,2 13,5 14,8 5 CA > 13,4 > 13,5 > 14,8 11,9 13,3 14,6 12,2 13,4 14,7 12,3 13,6 14,8 12,4 13,6 14,9 12,4 13,6 14,9 5 CA > 13,4 > 13,6 > 14,9 5.NCLUSIONI In zone climatiche particolarmente rigide nei mesi invernali (T = -5 C) è necessario progettare una correzione più accurata del ponte termico (Fig. 15) aumentando il percorso della dispersione con isolamento anche dall interno con prodotti CELENIT N da almeno mm. In una zona climatica mediamente fredda (T = 0 C) è necessario intervenire con almeno uno spessore di mm di prodotto CELENIT N. In una zona climatica con T = 5 C, è consigliabile la correzione per evitare rischio di condensa superficiale. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti aria esterna (5 C) mm (CA) 20 mm (CO) mm (CA) mm (CA) mm (CO) mm (CO) mm (CA) 19

20 SOLUZIONI 6. PARETE CONTRO TERRA SU LOCALE NON RISCALDATO Fig. 16 Ponte termico parete contro terra di locale non riscaldato Non corretto Fig. 17 Ponte termico parete contro terra di locale non riscaldato Correzione ordinaria (CO) PUNTO CRITICO LOCALE NON RISCALDATO T = 5 C LOCALE NON RISCALDATO T = 5 C Fig. 18 Ponte termico parete contro terra di locale non riscaldato Correzione accurata (CA) LOCALE NON RISCALDATO T = 5 C 6.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso del nodo tra parete contro terra e solaio su locale non riscaldato. La stratigrafia della parete è in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. All intradosso del solaio viene applicato un pannello da mm. Nel punto critico vi sono valori di temperature superficiale ridotti che comportano rischi di condensa. È necessario effettuare la correzione del ponte termico inserendo del materiale isolante Celenit tra il terreno e la struttura portante come cassero a perdere (Fig. 17). Per correggere il ponte termico accuratamente è necessario posizionare del CELENIT N da 20 mm sotto la parete per dare continuità allo strato isolante (Fig. 18). 20

21 6.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) aria esterna (5 C) 6 nessuna correzione 0 12,0 13,1 14, ,9 13,8 14,7 6 CA 20 13,5 14,3 12,9 13, ,0 13,9 13,1 14,0 13,2 14,0 13,0 13,9 13,1 13,9 13,2 14,0 > 13,2 > 14,0 15,6 15,9 16,2 13,1 14,0 13,2 14,0 > 13,2 > 14,0 15,6 15,9 16,2 13,0 13,9 13,2 14,0 13,2 14,0 > 13,2 > 14,0 15,6 15,9 16,2 6.NCLUSIONI In zone climatiche particolarmente rigide nei mesi invernali (T = -5 C) è necessario impiegare spessori di mm di CELENIT N, oppure con mm di altri prodotti; una correzione più accurata del ponte termico dando continuità allo strato di isolamento termico permette di evitare il rischio di condensa con 20 mm di CELENIT N (Fig. 18). In una zona climatica mediamente fredda (T = 0 C) è necessario intervenire con almeno mm di prodotto CELENIT N. In una zona climatica con T = 5 C, è consigliabile la correzione per evitare rischio di condensa superficiale. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti 20 mm (CA) mm (CO) mm (CO) mm (CO) mm (CO) 20 mm (CO) mm (CO) aria esterna (5 C) 20 mm (CO) mm (CO) 21

22 SOLUZIONI 7. COPERTURA PIANA 15 7, PUNTO CRITICO ES. IN. 1, ,5 Fig. 19 Ponte termico del nodo copertura piana-parete Non corretto 15 7, ES. IN. 1, ,5 Fig. 20 Ponte termico del nodo copertura piana-parete Correzione ordinaria (CO) 7.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso del nodo tra copertura piana e parete. La stratigrafia della parete è in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. All estradosso della copertura viene applicato un pannello da mm. L intervento di correzione deve riguardare la parte della struttura interessata dal maggior flusso termico dispersivo. La correzione può fermarsi contro la parete ma è più efficace se effettuata come in figura

23 7.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) aria esterna (5 C) 7 nessuna correzione 0 10,4 12,3 13,6 7 CO 20 12,0 13,6 14,9 7 CO 12,3 13,8 > 14,9 7 CO 30 12,6 > 13,8 > 14,9 7 CO 13,2 > 13,8 > 14,9 7 CO 12,4 13,9 15,0 7 CO 12,8 > 13,9 > 15,0 7 CO 13,4 > 13,9 > 15,0 7 CO 12,9 > 13,9 > 15,0 7 CO 13,4 > 13,9 > 15,0 7 CO 12,4 14,0 > 15,0 7 CO 12,9 > 14,0 > 15,0 7 CO 13,4 > 14,0 > 15,0 7.NCLUSIONI In zone climatiche particolarmente rigide nei mesi invernali (T = -5 C) è necessario correggere il ponte termico con almeno mm di CELENIT N (Fig. 20). In una zona climatica mediamente fredda (T = 0 C) è necessario intervenire con almeno 20 mm di CELENIT N. In una zona climatica con T = 5 C, è consigliabile la correzione per evitare rischio di condensa superficiale. Prodotti e spessori idonei a correggere il ponte termico Prodotti aria esterna (5 C) mm (CO) 20 mm (CO) 20 mm (CO) mm (CO) mm (CO) mm (CO) mm (CO) mm (CO) 23

24 SOLUZIONI 8. SERRAMENTO Fig. 21 Ponte termico attacco serramento Non corretto PUNTO CRITICO Fig. 22 Ponte termico attacco serramento Correzione ordinaria (CO) PUNTO CRITICO 8.1 DESCRIZIONE Il ponte termico in oggetto riguarda il caso dell attacco serramento-parete in laterizio. In assenza di correzione del ponte termico il punto critico è situato nell attacco serramento-parete in laterizio. La correzione avviene con interposizione di materiale CELENIT N 20 tra il serramento e la parete. La stratigrafia della parete è in accordo con la trasmittanza limite imposta dal Decreto Legislativo n. 311 per le varie zone climatiche. 8.2 RISULTATI Temperature superficiali interne in corrispondenza del ponte termico Caso Materiale Spessore (mm) aria esterna (5 C) 8 nessuna correzione 0 13,0 14,4 15,8 8 CO 20 16,1 16,9 17,7 8.NCLUSIONI La correzione è necessaria nelle località con condizioni climatiche invernali particolarmente rigide; in seguito alla correzione, per la quale è sufficiente l impiego di pannelli CELENIT N dello spessore di 20 mm, il punto critico diventa la superficie del serramento. 24

25 CONCLUSIONI Nelle zone climatiche A, B e C (T = 5 C) è sufficiente correggere i ponti termici con CELENIT N dello spessore di 20 mm e il rischio di condensazione superficiale con condizioni gravose interne (65 % di umidità relativa) o di formazione di muffa con condizioni medie di conduzione di unità immobiliare ( % di umidità relativa) è molto ridotto. Nelle zone climatiche mediamente fredde, D, E e F, (T = 0 C) la tipologia di ponte termico influenza la scelta del materiale; in generale sono sufficienti 30 - mm di spessore a seconda del tipo di materiale. Se la tipologia di ponte termico è caratterizzata da un elevato rapporto tra superficie esterna disperdente ed interna disperdente (ad esempio parete-piano pilotis o pilastro inserito in angolo) è necessario impiegare spessori di mm. 30/30= 1 Fig. 23 Rapporto unitario tra superficie disperdiente tra interno ed esterno (80+66) / (37+48)= 1,7 Fig. 24 Rapporto tra superficie disperdiente tra interno ed esterno >1 Nelle zone climatiche con inverni particolarmente rigidi (T = -5 C) è necessario intervenire con spessori elevati di materiale isolante ( mm) e nei casi in cui non risulta essere sufficiente, è opportuno correggere più accuratamente il ponte termico dando continuità allo strato d isolamento; tale accuratezza permette l impiego di spessori ridotti. Fig. Continuità dello strato di isolante

26 RIFERIMENTI NORMATIVI PONTI TERMICI Norma UNI EN ISO UNI EN ISO UNI EN ISO Descrizione Ponti termici in edilizia - Coefficiente di trasmissione termica lineica - Metodi semplificati e valori di riferimento Ponti termici in edilizia - Flussi termici e temperature superficiali - Metodi generali di calcolo Ponti termici in edilizia - Calcolo dei flussi termici e delle temperature superficiali - Ponti termici lineari VERIFICHE DI CONDENSA Norma UNI EN ISO UNI 103 Descrizione Prestazione igrotermica dei componenti e degli elementi per edilizia - superficiale interna per evitare l umidità superficiale critica e condensazione interstiziale - Metodo di calcolo Componenti edilizi e strutture edilizie - Prestazioni igrotermiche - Stima della temperatura superficiale interna per evitare umidità critica superficiale e valutazione del rischio di condensazione interstiziale BANCHE DATI Norma UNI 105 UNI 101 UNI UNI EN 124 Descrizione Murature e solai. Valori della resistenza termica e metodo di calcolo Materiali da costruzione. Conduttività termica e permeabilità al vapore Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Dati climatici Materiali e prodotti per edilizia - Proprietà igrometriche - Valori tabulati di progetto 26

27

28 CELENIT SPA - PANNELLI ISOLANTI TERMICI ED ACUSTICI PER L EDILIZIA 319 Onara di Tombolo (PD) - Via Bellinghiera, 17 Tel Fax E. mail: - Ed. 07/09

CELENIT PONTI TERMICI ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND

CELENIT PONTI TERMICI ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND CELENIT PONTI TERMICI ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND SOMMARIO PONTI TERMICI PAG. 3 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 PAG. PAG. PAG. 10 PAG. 12 PAG. 14 PAG. 1 PAG. 1 PAG. 20

Dettagli

C. Marinosci. Valutazione dei ponti termici in edilizia

C. Marinosci. Valutazione dei ponti termici in edilizia C. Marinosci 24/04/2014 24/04/2014 24/04/2014 24/04/2014 C. Marinosci I PONTI TERMICI I ponti termici sono punti di una costruzione che presentano flussi termici più rapidi rispetto alle parti circostanti

Dettagli

Ponti termici corretti con CELENIT

Ponti termici corretti con CELENIT PONTI TERMICI Ponti termici corretti con CELENIT Le perdite di calore attraverso gli elementi strutturali di un edificio, ovvero i ponti termici, possono raggiungere e superare il 20% delle dispersioni

Dettagli

In realtà la T(x) è differente non essendo il flusso monodimensionale (figura 4.3).

In realtà la T(x) è differente non essendo il flusso monodimensionale (figura 4.3). Richiami sui ponti termici (cap. 4) Autore: prof. ing. Francesco Minichiello, Università degli Studi di Napoli Federico II Anno di compilazione: 2005 Nota: si ringrazia vivamente il prof. ing. Pietro Mazzei,

Dettagli

Esempio di calcolo della trasmittanza su infissi esistenti con foglio excel secondo il procedimento semplificato previsto dalla norma UNI 10077

Esempio di calcolo della trasmittanza su infissi esistenti con foglio excel secondo il procedimento semplificato previsto dalla norma UNI 10077 Esempio di calcolo della trasmittanza su infissi esistenti con foglio excel secondo il procedimento semplificato previsto dalla norma UNI 10077 1 Il progetto dell isolamento termico 2 L ISOLAMENTO DELLE

Dettagli

DIVISORI ORIZZONTALI INTERPIANO

DIVISORI ORIZZONTALI INTERPIANO DIVISORI ORIZZONTALI INTERPIANO Le novità contenute nel Decreto Requisiti Minimi prevedono: isolamento termico U 0,8 W/m 2 K obbligatorio nelle ristrutturazioni importanti di 1 livello, oltre che nei nuovi

Dettagli

Ponti termici. Correzione del ponte termico. Ponte termico privo di correzione

Ponti termici. Correzione del ponte termico. Ponte termico privo di correzione Ponti termici Le perdite di calore attraverso gli elementi strutturali di un edificio, ponti termici, possono raggiungere e superare il 20 % delle dispersioni totali e sono causa di condense interne, macchie,

Dettagli

NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO

NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO D.LGS 192/05 e D.LGS 311/06 Novità legislative e certificazione energetica: implicazioni sulla progettazione e sui costi di costruzione NUOVI CRITERI PROGETTUALI DELL INVOLUCRO EDILIZIO 1 ARGOMENTI Sistema

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI Nelle pagine successive sono riportate le tabelle relative alle: CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI CARATTERISTICHE TERMICHE DEI COMPONENTI TRASPARENTI LEGENDA s [m] Spessore

Dettagli

, somma delle resistenze termiche parziali relative ai diversi strati di cui questa è composta:

, somma delle resistenze termiche parziali relative ai diversi strati di cui questa è composta: Caratteristiche termiche delle strutture edilizie Simone Secchi Calcolo della trasmittanza termica Metodo di calcolo riportato nella norma UNI EN ISO 6946. La trasmittanza termica di una partizione è data

Dettagli

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura

EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura EDIFICI ENERGETICAMENTE EFFICIENTI: UN OPPORTUNITÀ Isolamento della copertura - CELENIT SPA 2 CELENIT da oltre 50 anni, nello stabilimento sito ad Onara di Tombolo (PD), produce pannelli in lana di legno

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI

RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI RISPARMIO ENERGETICO: TECNICHE DI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI RISPARMIO ENERGETICO PONTI TERMICI PERDITE DI CALORE: FINO AL 20% DELLE TOTALI CORREZIONE DEI PONTI TERMICI PREVISTA DALLA NORMATIVA (LEGGE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di TORINO. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici Verifica rischio formazione muffe

RELAZIONE TECNICA. Comune di TORINO. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici Verifica rischio formazione muffe Comune di TORINO Provincia di TORINO RELAZIONE TECNICA Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici Verifica rischio formazione muffe OGGETTO: PARTE D OPERA: PROGETTISTA: COMMITTENTE:

Dettagli

RELAZIONE TERMOGRAFICA

RELAZIONE TERMOGRAFICA RELAZIONE TERMOGRAFICA 1 Descrizione della guarnizione e dei cassonetti Le guarnizioni oggetto del calcolo sono in EPDM e presentano la geometria riportata nei disegni seguenti. Per la valutazione termica

Dettagli

Tecnologia delle costruzioni DECRETO 26/6/2015 REQUISITI MINIMI E PONTI TERMICI

Tecnologia delle costruzioni DECRETO 26/6/2015 REQUISITI MINIMI E PONTI TERMICI Tecnologia delle costruzioni DECRETO 6/6/0 REQUISITI MINIMI E PONTI TERMICI 30 Elementi LEGGE 90/03 E DECRETI 6 GIUGNO 0: Il luglio 0 scorso sono stati pubblicati i Decreti Attuativi della Legge 90/03

Dettagli

Seminario su Involucri opachi e trasparenti degli edifici: analisi e soluzioni per l eliminazione dei ponti Termici

Seminario su Involucri opachi e trasparenti degli edifici: analisi e soluzioni per l eliminazione dei ponti Termici Seminario su Involucri opachi e trasparenti degli edifici: analisi e soluzioni per l eliminazione dei ponti Termici Relatore: Ing. GIUSEPPE DESOGUS DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE E ARCHITETTURA

Dettagli

La riqualificazione energetica degli edifici esistenti

La riqualificazione energetica degli edifici esistenti La riqualificazione energetica degli edifici esistenti Analisi dei ponti termici Alessandra Romagnoli, PhD Student, Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche (DIISM), Università Politecnica

Dettagli

ANPE - 3a Conferenza Nazionale

ANPE - 3a Conferenza Nazionale EFFICIENZA & EFFICACIA Analisi e correzione dei ponti termici Ing. Valeria Erba 3 a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso rigido Milano 25 Maggio 2017 2533 I SOCI ANIT 95 323 3 a Conferenza Nazionale

Dettagli

(Ve) volume riscaldato edificio esistente comprensivo di palestra, mensa e auditorium: m

(Ve) volume riscaldato edificio esistente comprensivo di palestra, mensa e auditorium: m Con riferimento al DGR Lombardia n 8/8745 del 22/12/2008 paragrafo 5, si verificano di seguito i valori di trasmittanza termica (U) dell involucro, in funzione della fascia climatica di riferimento. (Ve)

Dettagli

borghi ed edifici rurali

borghi ed edifici rurali borghi ed edifici rurali un patrimonio da salvare mercoledì 18 maggio 2011 Pianoro Conservazione della tradizione, antisismica ed efficienza energetica: un connubio possibile i n g. M i r k o C i o n i

Dettagli

Recupero energetico di edifici tradizionali

Recupero energetico di edifici tradizionali Recupero energetico di edifici tradizionali Strumenti e tecniche CONVEGNO FORMATIVO dott. arch. Julia, Ratajczak M.Sc. Salone polifunzionale Grand Place, Pollein (AO), 5 novembre 2013 CONVEGNO FORMATIVO

Dettagli

BUILDING CONSTRUCTION

BUILDING CONSTRUCTION BUILDING CONSTRUCTION Prodotti naturali per l efficienza dell involucro Intervenire sull involucro edilizio significa plasmare la nostra terza pelle, perciò la sensibilità con la quale il progettista sceglie

Dettagli

TAMPONAMENTO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO

TAMPONAMENTO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO LECABLOCCO BIOCLIMA ZERO PER EDIFICI INTELAIATI Gli elementi della famiglia da tamponamento Bioclima Zero19T Spessore 36 cm. Bioclima Zero27T Spessore

Dettagli

SOLAIO Piano Terreno

SOLAIO Piano Terreno SOLAIO Piano Terreno Igloo Vespaio Il vespaio o vespaio aerato o vespaio ventilato è una camera d'aria, o comunque un vano isolante, che si realizza nelle costruzioni al fine di migliorare le condizioni

Dettagli

CELENIT COMFORT ESTIVO SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO

CELENIT COMFORT ESTIVO SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO CELENIT COMFORT ESTIVO SOLUZIONI PER IL BENESSERE ABITATIVO SOMMARIO COMFORT ESTIVO 3 6 9 11 14 LA LEGISLAZIONE NAZIONALE E REGIONALE Le leggi regionali Le linee guida nazionali e la valutazione qualitativa

Dettagli

Ponti termici: aspetti normativi e modalità di calcolo

Ponti termici: aspetti normativi e modalità di calcolo Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Ponti termici: aspetti normativi e modalità di calcolo I ponti termici stanno assumendo sempre maggiore

Dettagli

VESPAI ISOLATI CONTRO TERRA

VESPAI ISOLATI CONTRO TERRA VESPAI ISOLATI CONTRO TERRA Le novità contenute nel Decreto Requisiti Minimi prevedono: sottofondi contro terra ancora più isolanti, per contenere la dispersione di calore e assicurare un elevato risparmio

Dettagli

LANA di VETRO: presenta proprietà termoisolanti molto buone (λ=0,035-0,04 W/mK), una buona resistenza all invecchiamento e una stabilità di forma esauriente se il materiale isolante è protetto contro l

Dettagli

Comune di Narzole RELAZIONE TECNICA. Provincia di Cuneo. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici

Comune di Narzole RELAZIONE TECNICA. Provincia di Cuneo. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici Comune di Narzole Provincia di Cuneo RELAZIONE TECNICA Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici OGGETTO: PROGETTISTA: COMMITTENTE: Analisi parete tipo Case Prefabbricate Sarotto

Dettagli

TAMPONATURA CON ISOLANTE IN POLISTIRENE Caratteristiche termiche della struttura

TAMPONATURA CON ISOLANTE IN POLISTIRENE Caratteristiche termiche della struttura TAMPONATURA CON ISOLANTE IN POLISTIRENE Caratteristiche termiche della struttura STR.063 DESCRIZIONE ESTESA DELLA STRUTTURA Tamponatura con isolante in polistirene STRATIGRAFIA DELLA STRUTTURA s M.S. k1

Dettagli

I ponti termici possono rappresentare fino al 20% del calore totale disperso da un ambiente.

I ponti termici possono rappresentare fino al 20% del calore totale disperso da un ambiente. Isolamento termico dei componenti L isolamento termico di un componente di tamponamento esterno è individuato dalla resistenza termica complessiva: trasmittanza (U espressa in W/m 2 K) L isolamento termico

Dettagli

IRIS 3 MANUALE DEL SOFTWARE. LOGICHE DI UTILIZZO DEL SOFTWARE IRIS 3 Milano, 2 novembre 2016 Il manuale è basato sulla versione di IRIS

IRIS 3 MANUALE DEL SOFTWARE. LOGICHE DI UTILIZZO DEL SOFTWARE IRIS 3 Milano, 2 novembre 2016 Il manuale è basato sulla versione di IRIS IRIS 3 MANUALE DEL SOFTWARE LOGICHE DI UTILIZZO DEL SOFTWARE IRIS 3 Milano, 2 novembre 2016 Il manuale è basato sulla versione di IRIS 3.1.0.0 Sviluppo software: TEP s.r.l. Via Savona, 1/B - 20144 Milano

Dettagli

VOL.4 Muffa, condensa e ponti termici

VOL.4 Muffa, condensa e ponti termici Collana: L ISOLAMENTO TERMICO E ACUSTICO VOL.4 Muffa, condensa e ponti termici Guida completa all analisi igrotermica degli edifici Rossella Esposti Giorgio Galbusera Claudia Salani Edito da TEP srl Via

Dettagli

ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT LV PR50/C

ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT LV PR50/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT LV PR50/C I pannelli termoacustici per coperture inclinate e ventilate ISOVENT LV PR50/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C ISOVENT GRAFITE LV PR40/C

Dettagli

Le nuove Frontiere della termografia

Le nuove Frontiere della termografia PROGETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL INVOLUCRO Le nuove Frontiere della termografia Diritti d autore: la presente presentazione è proprietà intellettuale dell autore e/o della società da esso rappresentata.

Dettagli

SOLAI IN CALCESTRUZZO

SOLAI IN CALCESTRUZZO SOLAI IN CALCESTRUZZO Solai in calcestruzzo isolato Protezione termica, antincendio e qualità fonoassorbenti ad intradosso di solai, piani pilotis e solette piene in calcestruzzo. punto di vista dell eccessiva

Dettagli

IL COMFORT ABITATIVO

IL COMFORT ABITATIVO IL COMFORT ABITATIVO ( sui concetti e sulle definizioni di base ) I RIFERIMENTI NORMATIVI legge 373 del 30/04/76 legge 10 del 09/01/91 direttiva 93/76 CEE del 13/09/93 direttiva 2002/91/CE D.L. 19/08/2005

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di Napoli. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici. Provincia di Napoli

RELAZIONE TECNICA. Comune di Napoli. Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici. Provincia di Napoli Comune di Napoli Provincia di Napoli RELAZIONE TECNICA Calcolo del flusso e della trasmittanza lineica di ponti termici OGGETTO: PARTE D OPERA: PROGETTISTA: COMMITTENTE: Ristrutturazione villetta a due

Dettagli

COMUNE DI CASARANO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA. Piano Regionale Triennale di Edilizia Scolastica

COMUNE DI CASARANO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA. Piano Regionale Triennale di Edilizia Scolastica COMUNE DI CASARANO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA Piano Regionale Triennale di Edilizia Scolastica 2015-2017 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO POLO 1 INTERVENTI STRAORDINARI DI RISTRUTTURAZIONE, MIGLIORAMENTO,

Dettagli

Risolve con un solo blocco il problema dell isolamento termico della FONDAZIONE e del SOLAIO.

Risolve con un solo blocco il problema dell isolamento termico della FONDAZIONE e del SOLAIO. Risolve con un solo blocco il problema dell isolamento termico della FONDAZIONE e del SOLAIO. Normablok Più Taglio Termico: gli unici blocchi in laterizio presenti sul mercato studiati per abbattere le

Dettagli

ANALISI TERMICHE. Normative di riferimento

ANALISI TERMICHE. Normative di riferimento ANALISI TERMICHE Per lo studio del comportamento termico del sistema di fissaggio per edifici in legno Alufoot sono state eseguite sinora diverse analisi, tra cui: Test di conducibilità termica in laboratorio

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Condominio X Trento Paolo Rossi Via Trento Rif. Diagnosi tipo.e0001 Software

Dettagli

Laterizi Impredil s.r.l.

Laterizi Impredil s.r.l. Laterizi Impredil s.r.l. Catalogo SOLUZIONI COSTRUTTIVE Soluzioni su misura per qualsiasi intervento edilizio La progettazione dell involucro edilizio riveste importanza fondamentale nella determinazione

Dettagli

Linea. La nuova frontiera dell isolamento termico in laterizio. Anche per zona sismica. BLOCCHI ISOLANTI AD ALTE PRESTAZIONI

Linea. La nuova frontiera dell isolamento termico in laterizio. Anche per zona sismica. BLOCCHI ISOLANTI AD ALTE PRESTAZIONI BLOCCHI ISOLANTI AD ALTE PRESTAZIONI La nuova frontiera dell isolamento termico in laterizio. Anche per zona sismica. : I BLOCCHI ISOLANTI I vantaggi della muratura in laterizio, portante o di tamponamento,

Dettagli

PRODUZIONE DI SISTEMI PER L ISOLAMENTO TERMICO, ACUSTICO, IMPERMEABILI ED ALTRI COMPONENTI PER L EDILIZIA

PRODUZIONE DI SISTEMI PER L ISOLAMENTO TERMICO, ACUSTICO, IMPERMEABILI ED ALTRI COMPONENTI PER L EDILIZIA PRODUZIONE DI SISTEMI PER L ISOLAMENTO TERMICO, ACUSTICO, IMPERMEABILI ED ALTRI COMPONENTI PER L EDILIZIA Isosystem è un azienda dinamica che produce accoppiati isolanti termici, acustici, ventilati ed

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 ECOCOMPATIBILITÀ E COMFORT: SOLUZIONI PER L INVOLUCRO AD ALTE PRESTAZIONI Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici

Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici Presentazione di casi studio in applicazione delle novità normative sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici Arch. Erika Favre - COA energia Finaosta S.p.A. L edificio oggetto di intervento

Dettagli

Verso edifici ad energia quasi zero

Verso edifici ad energia quasi zero Verso edifici ad energia quasi zero L esperienza di ACER Ravenna nell edilizia sostenibile Manutenzioni Patrimoniali Ravenna s.r.l. 1 UN FABBRICATO DA N.16 UNITÀ Il contesto Il progetto «La pelle» «Il

Dettagli

PORTANTE U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO

PORTANTE U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO PORTANTE U=0,18 SISTEMI PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO Dalla Scandinavia, dove di inverni se ne intendono, arriva la soluzione per costruire murature con il massimo isolamento termico. Lecablocco

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS UNI EN ISO UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS UNI EN ISO UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: Parete esterna Codice: M1 Trasmittanza termica 0,262

Dettagli

DLgs 311 NORMATIVE TECNICHE ISOTEX LEADER EUROPEO

DLgs 311 NORMATIVE TECNICHE ISOTEX LEADER EUROPEO DLgs 311 NORMATIVE TECNICHE ISOTEX LEADER EUROPEO NORMATIVE TECNICHE DLgs 311 NORME TECNICHE ALLEGATO M. (Allegato I, comma 16 ultimo periodo) La metodologia di calcolo adottata dovrà garantire risultati

Dettagli

Soluzioni ideali per l isolamento acustico

Soluzioni ideali per l isolamento acustico PARETI DIVISORIE Soluzioni ideali per l isolamento acustico Le soluzioni certificate CELENIT danno risposta definitiva ai problemi di isolamento acustico di partizioni divisorie e perimetrali. Il rumore

Dettagli

Isolati due volte tanto

Isolati due volte tanto Isolati due volte tanto Isolanti acustici CELENIT e isolanti termici ISOTEC adesso uniti in un unico sistema. www.brianzaplastica.it www.celenit.com Isolati due volte tanto Dalla collaborazione di due

Dettagli

NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI

NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI Egregio Signor SINDACO del comune di Aosta, (AO) e p.c. all'ufficio tecnico del comune di Aosta, (AO) NORME PER IL CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO PER USI TERMICI NEGLI EDIFICI Legge 9 gennaio 1991,

Dettagli

1.3. Validazione Progetto. Nuova costruzione EDIFICIO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI LIMBIATE (MI) COMPUTO METRICO. Geom.

1.3. Validazione Progetto. Nuova costruzione EDIFICIO RESIDENZIALE NEL COMUNE DI LIMBIATE (MI) COMPUTO METRICO. Geom. Nuova costruzione EDIFICIO RESIDENZIALE NEL (MI) Progetto Architettonico Geom. IVAN CADEI Geom. GPIETRO MARINONI Arch. ELEONORA MATTAVELLI Progetto Strutture PIOLA ENGINEERING S.R.L. : Ing. Gianmaria Piola

Dettagli

DomoWall Il sistema costruttivo antisismico certificato

DomoWall Il sistema costruttivo antisismico certificato DomoWall Il sistema costruttivo antisismico certificato Flessibile Semplice da posare Resistente Brevetto: PT 2011 U 000013 Delta Servizi S.a.s. & Termoblok S.n.c. Delta Servizi settore edilizia e Termoblok

Dettagli

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro

Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro Le soluzioni tecnologiche per l efficienza energetica dell involucro RISPARMIO ENERGETICO - COPERTURE DISPOSIZIONI DLGS 311/06 PER COPERTURE IN ZONA E REQUISITO SUL COMPORTAMENTO STAZIONARIO (TRASMITTANZE)

Dettagli

ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani

ENERGIA E RUMORE QUASI ZERO Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani Nuove norme e soluzioni per gli edifici di domani ECOBIOCOMPATIBILITA E CONFORT : Soluzioni per l involucro ad alte prestazioni Arch. Eddy Tiozzo CELENIT Spa Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E

R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E R I E P I L O G O S T R U T T U R E U T I L I Z Z A T E nr CODICE TRASMITTANZA RESISTENZA RES.VAPORE S PERMEANZA MASSA CAPACITA' TTCI TTCE W/m²K m²k/w sm²pa/kg m kg/sm²pa kg/m² kj/m²k ore ore 001 144 P.E

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PROGETTAZIONE E GUIDA ALL APPLICAZIONE DELLA LEGISLAZIONE E DELLA NORMATIVA TECNICA Aggiornato al D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59, al D.M. 26 giugno 2009, al D. Leg.vo

Dettagli

SUGHERO CORKPAN E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

SUGHERO CORKPAN E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SUGHERO CORKPAN E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Un'occasione per risparmiare isolando in modo 100% naturale ed eco-sostenibile. LA SITUAZIONE ITALIANA Le statistiche parlano chiaro: la maggior parte degli

Dettagli

Fabbisogno di energia termica in regime invernale

Fabbisogno di energia termica in regime invernale Corso di IMPIANTI TECNICI Fabbisogno di energia termica in regime invernale Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il DPR 412/93 suddivide il territorio

Dettagli

ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA

ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA ESEMPIO DI CALCOLO DELLA TRASMITTANZA NUOVI VALORI DI U Valore U muro in poroton 30 cm:

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale (D.I.E.N.C.A.) SCHEDE RIASSUNTIVE Prestazioni termiche ed idrometriche

Dettagli

APPROFONDIMENTI SULLA LEGGE Capitolo 7

APPROFONDIMENTI SULLA LEGGE Capitolo 7 CALCOLO MANUALE E il sistema che permette il massimo controllo di ogni fattore e grande flessibilità ma che per grossi edifici, per i quali non si può utlizzare il metodo semplificato (metodo C) può risultare

Dettagli

Le tre soluzioni analizzate sono: A) pilastro coibentato sul lato esterno con 5 cm di materiale isolante di larghezza pari alla dimensione del pilastr

Le tre soluzioni analizzate sono: A) pilastro coibentato sul lato esterno con 5 cm di materiale isolante di larghezza pari alla dimensione del pilastr Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Isoproject 13 dicembre 2011 Soluzioni di dettaglio a confronto Roberto Calliari

Dettagli

solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009

solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009 solid Isolanti termoacustici in lana di roccia Catalogo edilizia 2009 1.1 Pareti perimetrali Isolamento a Cappotto Solai su locali non riscaldati (Piano piloti) Il cappotto, ovvero l isolamento termico

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015

LE NUOVE REGOLE DEL GIOCO PER L EDILIZIA Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 Efficienza energetica e acustica dopo il DM 26/06/2015 EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI MATERIALI ISOLANTI: MAGGIOR BENESSERE ABITATIVO E MIGLIOR UTILIZZO DELLE RISORSE ENERGETICHE LUIGI ROVACCHI Diritti d autore:

Dettagli

APPROFONDIMENTO

APPROFONDIMENTO La Formazione Solida per il tuo lavoro di domani. 2 APPROFONDIMENTO www.geoform.org Certificazione Energetica Corso di Formazione per i Tecnici abilitati alla Modulo II Prestazione energetica degli edifici

Dettagli

I materiali per l isolamento termico

I materiali per l isolamento termico I materiali per l isolamento termico Per isolante si intende un materiale caratterizzato da una ridotta capacità di conduzione del calore, convenzionalmente con coefficiente di conducibilità termica, l,

Dettagli

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION Srl DA OGGI AL FUTURO: GLI SCENARI VIRTUOSO E DELL INDIFFERENZA IVAN MELIS Earth Overshoot Day del Global Footprint Network (GFN) DIRETTIVA

Dettagli

3 Applicazione principali

3 Applicazione principali 3 Applicazione principali Le principali caratteristiche che identificano l XPS, al di fuori dagli aspetti di isolamento termico, sono l ottima resistenza meccanica e l impermeabilità all acqua. Da queste

Dettagli

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE

ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE L EDILIZIA VERSO IL 2020 Nuove prestazioni, adempimenti burocratici e soluzioni tecniche ISOLANTI LEGGERI E STRUTTURE MASSIVE IVAN MELIS SIRAP INSULATION Srl Diritti d autore: la presente presentazione

Dettagli

OVER-WALL ISOLAMENTO TERMOACUSTICO SCELTA D ISTINTO OVER-WALL PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O

OVER-WALL ISOLAMENTO TERMOACUSTICO SCELTA D ISTINTO OVER-WALL PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O B R E V E T TATO ISOLAMENTO TERMOACUSTICO SCELTA D ISTINTO OVER-WALL PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O PA N N E L L O R I F L E T T E N T E C O M P O S I T O Over-wall è un pannello

Dettagli

Isolamento acustico. Tabella riassuntiva. Partizioni in blocchi Poroton. Partizioni in laterizio. Partizioni a struttura metallica

Isolamento acustico. Tabella riassuntiva. Partizioni in blocchi Poroton. Partizioni in laterizio. Partizioni a struttura metallica Il progetto acustico dell edificio si concretizza facilmente con l adozione di soluzioni tecniche certificate con l obiettivo di far fronte alla problematica acustica dei divisori tra vani abitabili, tecnici

Dettagli

METODOLOGIA DI CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA

METODOLOGIA DI CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA APPENDICE 12 AL CAPITOLATO TECNICO METODOLOGIA DI CALCOLO DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA Pag. 1 di 8 Metodologia di calcolo del Fabbisogno di Energia Primaria per riscaldamento La metodologia si basa

Dettagli

Trasmittanza termica

Trasmittanza termica Trasmittanza termica Che cosa è la trasmittanza termica Trasmissione del calore e trasmittanza termica La trasmittanza termica secondo la norma UNI EN ISO 6946/2008 Il calcolo della trasmittanza secondo

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI Erlacher Peter Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti al 1973;

Dettagli

EDIFICI A BASSO CONSUMO

EDIFICI A BASSO CONSUMO EDIFICI A BASSO CONSUMO LE 6 REGOLE DEL BUON COSTRUIRE 1) EDIFICIO COMPATTO LA FORMA DELL EDIFICIO INFLUISCE IN MODO SIGNIFICATIVO SULLE PERDITE DI CALORE DI UN EDIFICIO. LO SCAMBIO TERMICO TRA ESTERNO

Dettagli

I.T.I.S. A. PACINOTTI

I.T.I.S. A. PACINOTTI I.T.I.S. A. PACINOTTI PROJECT WORK L ECOSOSTENIBILITA NASCE NELLA SCUOLA Taranto 17/05/2012 Ranieri Francesco Litta Gianluigi Rondinone Francesco Attestato di Certificazione Energetica GRUPPO 1 Il presente

Dettagli

Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria. Esempio di calcolo sulle trasmittanze termiche

Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria. Esempio di calcolo sulle trasmittanze termiche Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria Esempio di calcolo sulle trasmittanze termiche } Trasmittanza termica di un componente opaco; } Trasmittanza termica di un

Dettagli

DA OLTRE 60 ANNI CON ISOTEX ABITAZIONI A BASSO CONSUMO ENERGETICO,SILENZIOSE, ANTISISMICHE, ECOLOGICHE ORA CON LE NUOVE NORMATIVE, TUTTE LE

DA OLTRE 60 ANNI CON ISOTEX ABITAZIONI A BASSO CONSUMO ENERGETICO,SILENZIOSE, ANTISISMICHE, ECOLOGICHE ORA CON LE NUOVE NORMATIVE, TUTTE LE DA OLTRE 60 ANNI CON ISOTEX ABITAZIONI A BASSO CONSUMO ENERGETICO,SILENZIOSE, ANTISISMICHE, ECOLOGICHE ORA CON LE NUOVE NORMATIVE, TUTTE LE COSTRUZIONI DOVRANNO RISPETTARE QUESTI REQUISITI. DOVENDO QUINDI

Dettagli

NOTE di SINTESI D.P.R. n. 59 del 2/4/2009 Regolamento di attuazione dell art. 4 D.Lgs 19/08/2005 n.192

NOTE di SINTESI D.P.R. n. 59 del 2/4/2009 Regolamento di attuazione dell art. 4 D.Lgs 19/08/2005 n.192 Isolparma S.r.l. Capitale sociale 50.000 i.v. Sede legale, amministrativa e stabilimento : Via Mezzavia, 134 35020 Due Carrare (Pd) Part. I.v.a. 03682920289 R.E.A. PD e C.F. n. 03682920289 NOTE di SINTESI

Dettagli

S/V. Superficie esterna tot. m 2. m 3. 8 unità separate ,2

S/V. Superficie esterna tot. m 2. m 3. 8 unità separate ,2 Requisiti progettuali ed operativi per la sostenibilità degli edifici Prof.Luigi Bruzzi Requisiti progettuali (Progetto) Fattore di forma Esposizione (punti cardinali) Isolamento termico (pareti opache

Dettagli

Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO

Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Progettare il comfort: IL COMFORT TERMICO Immagine: www.sips.org Dr. Paolo LAVISCI LegnoDOC srl Sommario Il comfort

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA T

RAPPORTO DI PROVA T RAPPORTO DI PROVA T02-008-2014 Incarico: Elemento sottoposto a prova: Determinazione del coefficiente di trasmittanza termica U RoverBlok Energy Classic mazzetta - Cassonetto prefabbricato per avvolgibili

Dettagli

Celenit INDICE DEI CONTENUTI

Celenit INDICE DEI CONTENUTI PONTI TERMICI Celenit INDICE DEI NTENUTI 0 PONTI TERMICI VERIFI NDENSAZIONE SUPERFICIALE VERIFI ENERGETI CELENIT. Pilastro in parete. Pilastro in angolo 0. Solaio a parete. Solaio a sbalzo piano pilotis.

Dettagli

NOTE di SINTESI D.P.R. n. 59 del 2/4/2009 Regolamento di attuazione dell art. 4 D.Lgs 19/08/2005 n.192

NOTE di SINTESI D.P.R. n. 59 del 2/4/2009 Regolamento di attuazione dell art. 4 D.Lgs 19/08/2005 n.192 Isolparma S.r.l. Capitale sociale 50.000 i.v. Sede legale, amministrativa e stabilimento : Via Mezzavia, 134 35020 Due Carrare (Pd) Part. I.v.a. 03682920289 R.E.A. PD e C.F. n. 03682920289 NOTE di SINTESI

Dettagli

FOCUS SUI RISULTATI DEI TEST Permeabilità aria tenuta acqua Relatore: Ing. Valeria Gambardella

FOCUS SUI RISULTATI DEI TEST Permeabilità aria tenuta acqua Relatore: Ing. Valeria Gambardella FOCUS SUI RISULTATI DEI TEST Permeabilità aria tenuta acqua Relatore: Ing. Valeria Gambardella CUPOLA MONOLITICA 120 x 250 DUPLEX sp. 2,7-2 FOCUS SUI RISULTATI DEI TEST Permeabilità aria tenuta acqua Relatore:

Dettagli

CasaClima R Risultati, ostacoli, sviluppi

CasaClima R Risultati, ostacoli, sviluppi Risultati, ostacoli, sviluppi Premesse Miglioramento dell efficienza Aumentare le prestazioni termiche e di tenuta all aria dell involucro edilizio, regolare il funzionamento degli impianti in base al

Dettagli

EcoDomus. Energia. Andrea Gasparella LA CERTIFICAZIONE DEI FABBRICATI. Università degli studi di Padova

EcoDomus. Energia. Andrea Gasparella LA CERTIFICAZIONE DEI FABBRICATI. Università degli studi di Padova LA CERTIFICAZIONE DEI FABBRICATI Andrea Gasparella Università degli studi di Padova 1. Il contesto: l energia nel settore degli edifici 2. Il quadro legislativo 3. Criteri generali per la certificazione

Dettagli

Isolamento delle fondazioni: giunzione alla muratura perimetrale a doppio strato con intercapedine isolata e tramezzatura esterna Pareti perimetrali a

Isolamento delle fondazioni: giunzione alla muratura perimetrale a doppio strato con intercapedine isolata e tramezzatura esterna Pareti perimetrali a Via Gobetti, 9-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Isolamento delle fondazioni: dettaglio di connessione con le murature Nell'ambito dei dettagli costruttivi

Dettagli

Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali. ANPE - 2a Conferenza Nazionale. Arch. Maurizio Brenna

Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali. ANPE - 2a Conferenza Nazionale. Arch. Maurizio Brenna 2 a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido Soluzioni e aspetti prestazionali per l isolamenti di pareti perimetrali Arch. Maurizio Brenna Isolamento termico per le pareti perimetrali Le pareti

Dettagli

TRASMITTANZA E PONTI TERMICI IN REGIME TERMICO STAZIONARIO

TRASMITTANZA E PONTI TERMICI IN REGIME TERMICO STAZIONARIO TRASMITTANZA E PONTI TERMICI IN REGIME TERMICO STAZIONARIO infonord@riabitalia.it 02 47950601 1 Allegato A D.Lgs. 192/05 TRASMITTANZA TERMICA: flusso di calore che passa attraverso una parete per m 2 di

Dettagli

Termoigrometria: Verifica dei fenomeni di condensazione superficiale ed interstiziale.

Termoigrometria: Verifica dei fenomeni di condensazione superficiale ed interstiziale. Termoigrometria: Verifica dei fenomeni di condensazione superficiale ed interstiziale. Prof. Paola Ricciardi Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale - Università di Pavia Prof. Paola Ricciardi

Dettagli

Gli adempimenti della nuova disciplina regionale in materia di efficienza energetica degli edifici

Gli adempimenti della nuova disciplina regionale in materia di efficienza energetica degli edifici Gli adempimenti della nuova disciplina regionale in materia di efficienza energetica degli edifici D.d.u.o. 6480/2015 maggio 2016 - Documento ad uso del Sistema associativo lombardo - Si riportano nel

Dettagli

CARATTERI CARATTERI TECNOLOGICI DI DI PROGETTAZIONE AMBIENTALE

CARATTERI CARATTERI TECNOLOGICI DI DI PROGETTAZIONE AMBIENTALE CHIUSURE OPACHE COMPORTAMENTO TERMO-IGROMETRICO CONDENSA SUPERFICIALE CARATTERI CARATTERI TECNOLOGICI DI DI PROGETTAZIONE AMBIENTALE Gli ambienti devono essere ventilati, in maniera naturale o attraverso

Dettagli

Ponti termici, pareti con pilastro

Ponti termici, pareti con pilastro Via Franchetti, 4-37138 VERONA - Telefono 045.572697 - Fax 045.572430 - www.poroton.it - info@poroton.it Ponti termici, pareti con pilastro I ponti termici stanno assumendo sempre maggiore importanza nelle

Dettagli

Gexo Isolante con stile

Gexo Isolante con stile Gexo Isolante con stile Pannelli accoppiati con gesso rivestito Gexo Protegge la tua casa dall interno con un tocco di stile! I pannelli preaccoppiati Gexo nascono per soddisfare l esigenza di intervenire

Dettagli

SISTEMA PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO E ACUSTICO

SISTEMA PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO E ACUSTICO SISTEMA PER MURATURE AD ALTO ISOLAMENTO TERMICO E ACUSTICO Dalla Scandinavia, dove di inverni se ne intendono, arriva la soluzione per costruire murature con il massimo isolamento termico. Lecablocco Bioclima

Dettagli