COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO UNITÀ ECONOMATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO UNITÀ ECONOMATO"

Transcript

1 ALLEGATO B.1) COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO UNITÀ ECONOMATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L'ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA PER GLI STABILI SEDE DI UFFICI E DIPENDENZE COMUNALI PER UN PERIODO DI ANNI TRE LOTTO UFFICI COMUNALI N. 1 CIG F9E

2 ART. 1 stabili: L'appalto ha per oggetto un completo ed accurato servizio di pulizia nei seguenti a) b) Indirizzo Uffici periodicità gg lavorativi Servizi Affari Generali 1 e 2 giornaliero 250 Palazzo Cabrino, Via Rosselli, 1 (Sede Municipale) Uffici e sede Mercato Ortofrutticolo, Via Cavalcavia S. Martino, 7 Piazza Garibaldi piano Servizi Demografici piano terra giornaliero 302 Archivi seminterrato settimanale 52 Sede Uffici Mercato Ortofrutticolo all'ingrosso uffici Direzione giornaliero 302 e prefabbricato cassa c) Punto Fisso Vigilanza Giardini Stazione FS settimanale 52 d) Corso Garibaldi,23 IAT Ufficio Informazioni Turistiche (presso Albergo Cavour). bisettimanale 104 e) Via Monte San Gabriele n. 19 Luogo Neutro trisettimanale 156 f) Via alle Scuole Olengo Villa Segù giornaliero 250 secondo le prestazioni stabilite negli articoli seguenti, nessuno escluso, per il periodo di tre anni dalla consegna del servizio, senza rinnovo tacito anche in mancanza di disdetta. ART. 2 L appaltatore deve provvedere alle seguenti prestazioni: A) Per lo stabile di cui alla lettera a) Via Rosselli n. 1 (Sede Municipio): 1) PULIZIA GIORNALIERA (giorni festivi esclusi): a) scopatura e lucidatura di tutti i pavimenti, comprese le scale; b) pulizia dei contenitori dei rifiuti e dei posacenere con asportazione dai locali di tutti i materiali di rifiuto e relativo deposito nell apposito locale di smaltimento rifiuti; c) rigorosa pulizia dei servizi igienici, mediante lavatura del pavimento, pulizia e disinfezione degli elementi igienici con disinfettanti, pulizia del rivestimento, dello specchio e lucidatura rubinetteria; 2) TRISETTIMANALE : a) lavatura del pavimento del salone riservato al pubblico; b) pulizia dei vetri e dei cristalli, degli sportelli, delle porte di ingresso; c) battitura degli zerbini 3) PULIZIA SETTIMANALE: a) lavatura a fondo, ceratura dei pavimenti in marmo, (pavimenti in legno non occorre la ceratura) e lucidatura degli stessi; 2

3 b) pulizia dei davanzali e degli infissi delle finestre interni ed esterni. c) pulizia dei tappeti e moquette mediante battitappeto d) spolveratura delle scrivanie, dei mobili, dei banconi e dell'arredamento in genere; 4) PULIZIA MENSILE: a) spolveratura delle pareti rivestite in tappezzeria in lino mediante battitappeto; b) pulizia porte piano terra, secondo piano e scantinato mediante lavatura e a- sciugatura della parte a quadri in laminato plastico; c) pulizia delle superfici interne ed esterne dei vetri e dei cristalli delle vetrate e delle finestre, porte interne con vetri compresi i sopraluce; d) pulizia delle vetrate tipo cattedrale mediante spolveratura (attenzione nel lavare quelle dell'aula consiliare perché dipinte - nel lavaggio si potrebbero danneggiare); e) pulizia delle specchiere dell'immobile; f) spolveratura e/o lavaggio delle inferriate esterne e portoni; g) lavaggio dei terminali, scrivanie, mobili ecc.; h) pulizia porte primo piano con straccio di lana e talco i) lavatura dei rivestimenti in ceramica dei servizi igienici compreso gli stipiti e le porte; j) disinfezione degli apparecchi telefonici; k) lavaggio dei cestini gettacarte. 5) PULIZIA TRIMESTRALE: a) scopatura con lavaggio dei pavimenti degli archivi nei seminterrati; b) spolveratura dei ripiani e dei libri, fascicoli, ecc; 6) PULIZIA SEMESTRALE: a) lavatura di tutte le vetrate e delle finestre sia all interno che all esterno, delle porte a vetro, delle porte interne e d ingresso; b) lavatura esterna degli elettroschedari installati presso i vari uffici. 7) PULIZIA ANNUALE: a) pulizia vetri dei quadri; b) lavaggio con acqua e sapone ed asciugatura con straccio di lana e talco delle porte al primo piano. N.B.: Porte 1 piano: se vi fossero eventuali macch ie sulle porte, queste dovranno essere trattate con cotone ed alcool; asciugatura con straccio di lana e talco. B) Per gli stabili di cui alla lettera b) Via Cavalcavia S. Martino (Sede Mercato Ortofrutticolo uffici e prefabbricato cassa): 1) PULIZIA GIORNALIERA (da effettuarsi nei giorni lavorativi dei singoli uffici): a) pulizia dei contenitori dei rifiuti e dei posacenere con asportazione dai locali di tutti i materiali di rifiuto e relativo deposito nell apposito locale di smaltimento rifiuti; b) lavatura e disinfezione dei servizi igienici, compreso gli antilocali relativi. 3

4 2) PULIZIA TRISETTIMANALE a) scopatura e smacchiatura con mezzi e prodotti idonei di tutti i pavimenti dei locali, scale, corridoi e atri, compresi gli androni; b) passaggio con strofinacci umidi, dei pavimenti in marmette; c) pulizia dell ascensore. 3) PULIZIA SETTIMANALE: a) lavatura dei vetri divisori con il pubblico dei banconi e sportelli dei rispettivi uffici; b) lavatura di tutti i pavimenti in marmo, legno, materiale plastico o piastrelle, degli uffici, locali, scale, corridoi, ingressi ed atri compresi; pulizia con battitappeto dei pavimenti in moquette e tappeti; c) spolveratura completa di tutti gli arredi d ufficio (scrivanie, sedie, tavoli, armadi, attrezzature tecniche, soprammobili, macchine d ufficio ecc.); d) spolveratura dei controdavanzali, arredi degli atri e corridoi ed il mancorrente delle scale. 4) PULIZIA MENSILE: a) scopatura ed eventuale lavaggio di cortili, ingressi e passi carrai e tutte le aree esterne con rimozione delle foglie; b) lavatura, inceratura e lucidatura di tutti i pavimenti in marmette o similari, e lavatura con apposita attrezzatura dei locali ricoperti in moquette; c) lavaggio dei davanzali delle finestre e balconi con spolveratura dei termosifoni; d) rimozione di eventuali ragnatele; e) pulizia dei terrazzi e balconi prospicienti gli uffici; f) spolveratura delle sedie e delle poltrone foderate in stoffa, lavaggio di quelle foderate in materiale sintetico o pelle; g) lavatura delle piastrelle delle pareti dei servizi igienici compreso gli antilocali; h) disinfezione degli apparecchi telefonici; i) lavaggio dei cestini gettacarte. 5) PULIZIA SEMESTRALE: a) pulizia delle pareti e dei soffitti; b) lavatura di tutte le vetrate e delle finestre sia all interno che all esterno, delle porte a vetro, degli specchi, delle por te interne e d ingresso; c) spolveratura e lavatura di tutte le persiane degli avvolgibili, delle veneziane e delle tende; d) spolveratura completa della parte superiore di tutti gli arredi, sia di legno che di metallo, posti nei vari uffici, corridoi, atri e scale; e) lavatura dei tendaggi in stoffa. 6) PULIZIA ANNUALE: a) pulizia di tutte le plafoniere a soffitto e lavatura di tutti i vetri posti a luce dei pannelli dei corridoi, compreso i pannelli stessi; b) lavatura di tutti i radiatori e copriradiatori; c) lavatura esterna dei mobili ed arredi metallici. 4

5 C) Per gli stabili di cui alla lettera c) P.zza Garibaldi (Presidio di Polizia Municipale): PULIZIA SETTIMANALE: a) pulizia dei contenitori dei rifiuti e dei posacenere con asportazione dai locali di tutti i materiali di rifiuto e relativo deposito nell'apposito locale di smaltimento rifiuti; b) lavatura e disinfezione dei servizi igienici, compresi gli antilocali relativi; c) scopatura e smacchiatura con mezzi e prodotti idonei di tutti i pavimenti dei locali, scale, corridoi e atri, compresi gli androni; d) passaggio con strofinacci umidi, dei pavimenti in marmette; e) pulizia dell ascensore f) lavatura dei vetri divisori con il pubblico dei banconi e sportelli dei rispettivi uffici; g) lavatura di tutti i pavimenti in marmo, legno, materiale plastico o piastrelle, degli uffici, locali, scale, corridoi, ingressi ed atri compresi; pulizia con battitappeto dei pavimenti in moquette e tappeti; h) spolveratura completa di tutti gli arredi d ufficio (scrivanie, sedie, tavoli, armadi, attrezzature tecniche, soprammobili, macchine d ufficio ecc.); i) spolveratura dei controdavanzali, arredi degli atri e corridoi ed il mancorrente delle scale. PULIZIA MENSILE: a) scopatura ed eventuale lavaggio di cortili, ingressi e passi carrai e tutte le aree esterne con rimozione delle foglie; b) lavatura, inceratura e lucidatura di tutti i pavimenti in marmette o similari, e lavatura con apposita attrezzatura dei locali ricoperti in moquette; c) lavaggio dei davanzali delle finestre e balconi con spolveratura dei termosifoni; d) rimozione di eventuali ragnatele; e) pulizia dei terrazzi e balconi prospicienti gli uffici; f) spolveratura delle sedie e delle poltrone foderate in stoffa, lavaggio di quelle foderate in materiale sintetico o pelle; g) lavatura delle piastrelle delle pareti dei servizi igienici compreso gli antilocali; h) disinfezione degli apparecchi telefonici; i) lavaggio dei cestini gettacarte. PULIZIA SEMESTRALE: a) pulizia delle pareti e dei soffitti; b) lavatura di tutte le vetrate e delle finestre sia all interno che all esterno, delle porte a vetro, degli specchi, delle por te interne e d ingresso; c) spolveratura e lavatura di tutte le persiane degli avvolgibili, delle veneziane e delle tende; d) spolveratura completa della parte superiore di tutti gli arredi, sia di legno che di metallo, posti nei vari uffici, corridoi, atri e scale; e) lavatura dei tendaggi in stoffa. PULIZIA ANNUALE: a) pulizia di tutte le plafoniere a soffitto e lavatura di tutti i vetri posti a luce dei pannelli dei corridoi, compreso i pannelli stessi; b) lavatura di tutti i radiatori e copriradiatori; 5

6 c) lavatura esterna dei mobili ed arredi metallici. D) Per gli stabili di cui alla lettera d) C.so Garibaldi n. 23 (Sede Ufficio Informazione Turistica): PULIZIA BISETTIMANALE: a) pulizia dei contenitori dei rifiuti e dei posacenere con asportazione dai locali di tutti i materiali di rifiuto e relativo deposito nell'apposito locale di smaltimento rifiuti; b) lavatura e disinfezione dei servizi igienici, compresi gli antilocali relativi; PULIZIA SETTIMANALE: a) scopatura e smacchiatura con mezzi e prodotti idonei di tutti i pavimenti dei locali, scale, corridoi e atri, compresi gli androni; b) passaggio con strofinacci umidi, dei pavimenti in marmette; c) pulizia dell ascensore d) lavatura dei vetri divisori con il pubblico dei banconi e sportelli dei rispettivi uffici; e) lavatura di tutti i pavimenti in marmo, legno, materiale plastico o piastrelle, degli uffici, locali, scale, corridoi, ingressi ed atri compresi; pulizia con battitappeto dei pavimenti in moquette e tappeti; f) spolveratura completa di tutti gli arredi d ufficio (scrivanie, sedie, tavoli, armadi, attrezzature tecniche, soprammobili, macchine d ufficio ecc.); g) spolveratura dei controdavanzali, arredi degli atri e corridoi ed il mancorrente delle scale. PULIZIA MENSILE: a) scopatura ed eventuale lavaggio di cortili, ingressi e passi carrai e tutte le aree esterne con rimozione delle foglie; b) lavatura, inceratura e lucidatura di tutti i pavimenti in marmette o similari, e lavatura con apposita attrezzatura dei locali ricoperti in moquette; c) lavaggio dei davanzali delle finestre e balconi con spolveratura dei termosifoni; d) rimozione di eventuali ragnatele; e) pulizia dei terrazzi e balconi prospicienti gli uffici; f) spolveratura delle sedie e delle poltrone foderate in stoffa, lavaggio di quelle foderate in materiale sintetico o pelle; g) lavatura delle piastrelle delle pareti dei servizi igienici compreso gli antilocali; h) disinfezione degli apparecchi telefonici; i) lavaggio dei cestini gettacarte. PULIZIA SEMESTRALE: a) pulizia delle pareti e dei soffitti; b) lavatura di tutte le vetrate e delle finestre sia all interno che all esterno, delle porte a vetro, degli specchi, delle por te interne e d ingresso; c) spolveratura e lavatura di tutte le persiane degli avvolgibili, delle veneziane e delle tende; d) spolveratura completa della parte superiore di tutti gli arredi, sia di legno che di metallo, posti nei vari uffici, corridoi, atri e scale; e) lavatura dei tendaggi in stoffa. 6

7 PULIZIA ANNUALE: a) pulizia di tutte le plafoniere a soffitto e lavatura di tutti i vetri posti a luce dei pannelli dei corridoi, compreso i pannelli stessi; b) lavatura di tutti i radiatori e copriradiatori; c) lavatura esterna dei mobili ed arredi metallici. E) Per gli stabili di cui alla lettera e) Via Monte San Gabriele n. 19 (Sede Luogo Neutro): PULIZIA TRISETTIMANALE: a) pulizia dei contenitori dei rifiuti e dei posacenere con asportazione dai locali di tutti i materiali di rifiuto e relativo deposito nell'apposito locale di smaltimento rifiuti; b) lavatura e disinfezione dei servizi igienici, compresi gli antilocali relativi; PULIZIA SETTIMANALE: a) scopatura e smacchiatura con mezzi e prodotti idonei di tutti i pavimenti dei locali, scale, corridoi e atri, compresi gli androni; b) passaggio con strofinacci umidi, dei pavimenti in marmette; c) pulizia dell ascensore d) lavatura dei vetri divisori con il pubblico dei banconi e sportelli dei rispettivi uffici; e) lavatura di tutti i pavimenti in marmo, legno, materiale plastico o piastrelle, degli uffici, locali, scale, corridoi, ingressi ed atri compresi; pulizia con battitappeto dei pavimenti in moquette e tappeti; f) spolveratura completa di tutti gli arredi d ufficio (scrivanie, sedie, tavoli, armadi, attrezzature tecniche, soprammobili, macchine d ufficio ecc.); g) spolveratura dei controdavanzali, arredi degli atri e corridoi ed il mancorrente delle scale. PULIZIA MENSILE: a) scopatura ed eventuale lavaggio di cortili, ingressi e passi carrai e tutte le aree esterne con rimozione delle foglie; b) lavatura, inceratura e lucidatura di tutti i pavimenti in marmette o similari, e lavatura con apposita attrezzatura dei locali ricoperti in moquette; c) lavaggio dei davanzali delle finestre e balconi con spolveratura dei termosifoni; d) rimozione di eventuali ragnatele; e) pulizia dei terrazzi e balconi prospicienti gli uffici; f) spolveratura delle sedie e delle poltrone foderate in stoffa, lavaggio di quelle foderate in materiale sintetico o pelle; g) lavatura delle piastrelle delle pareti dei servizi igienici compreso gli antilocali; h) disinfezione degli apparecchi telefonici; i) lavaggio dei cestini gettacarte. PULIZIA SEMESTRALE: a) pulizia delle pareti e dei soffitti; b) lavatura di tutte le vetrate e delle finestre sia all interno che all esterno, delle porte a vetro, degli specchi, delle por te interne e d ingresso; 7

8 c) spolveratura e lavatura di tutte le persiane degli avvolgibili, delle veneziane e delle tende; d) spolveratura completa della parte superiore di tutti gli arredi, sia di legno che di metallo, posti nei vari uffici, corridoi, atri e scale; e) lavatura dei tendaggi in stoffa. PULIZIA ANNUALE: a) pulizia di tutte le plafoniere a soffitto e lavatura di tutti i vetri posti a luce dei pannelli dei corridoi, compreso i pannelli stessi; b) lavatura di tutti i radiatori e copriradiatori; c) lavatura esterna dei mobili ed arredi metallici. F) Per lo stabile di cui alla lettera f) Via alle Scuole Olengo (Villa Segù): 1 ) PULIZIA GIORNALIERA: j) scopatura e smacchiatura con mezzi e prodotti idonei di tutti i pavimenti dei locali, scale, corridoi e atri, compresi gli androni; k) passaggio con strofinacci umidi dei pavimenti in marmette e linoleum; l) pulizia dei contenitori dei rifiuti e dei posacenere con asportazione dai locali di tutti i materiali di rifiuto e relativo deposito nell'apposito locale di smaltimento rifiuti; m) spolveratura completa di tutti gli arredi d'ufficio (scrivanie, sedie, tavoli, armadi, attrezzature tecniche, soprammobili, macchine d'ufficio ecc.); n) spolveratura dei controdavanzali, arredi degli atri e corridoi ed il mancorrente delle scale; o) lavatura e disinfezione dei servizi igienici, compresi gli antilocali relativi; 2 ) PULIZIA SEMESTRALE: a) pulizia delle pareti e dei soffitti; b) spolveratura e lavatura di tutte le persiane, degli avvolgibili, delle veneziane e delle tende; c) spolveratura completa della parte superiore di tutti gli arredi, sia di legno che di metallo, posti nei vari uffici, corridoi, atri e scale; d) lavatura dei tendaggi in stoffa. Nell espletamento del servizio l appaltatore dovrà attenersi alle seguenti prescrizioni: a) la lucidatura dei pavimenti in marmo, granito o piastrelle, dovrà essere effettuata con prodotti antisdrucciolevoli; b) la lucidatura dei pavimenti in legno dovrà essere effettuata con prodotti appropriati; c) i servizi igienici dovranno essere puliti con detersivi adeguati e deodoranti; d) la spolveratura dovrà essere effettuata con strofinacci umidi; e) dovrà essere attuata la raccolta differenziata e precisamente dovranno essere tenuti distinti e conferiti negli appositi contenitori i seguenti rifiuti: - umido in sacchi di materiale biodegradabile, - vetro e lattine, - carta e cartone, - plastica, - altri rifiuti non riciclabili in sacchi trasparenti. 8

9 ART. 3 L appaltatore deve espletare tutte le prestazioni necessarie in modo ineccepibile con idonea organizzazione del personale che dovrà essere adibito ai lavori di cui al presente capitolato, in modo che l'entità del personale impiegato risulti sempre sufficiente per una perfetta esecuzione dei lavori con il rispetto delle cadenze previste. L appaltatore è comunque tenuto a tutte quelle altre prestazioni, ancorché non specificate, che fossero necessarie perché il servizio di pulizia risulti a perfetta regola d'arte e adeguato all'importanza dei locali in cui viene svolto. L appaltatore dovrà inoltre impiegare attrezzature tecniche, prodotti di consumo ed accessori di prima qualità e tali comunque da non arrecare danni alle cose dell'amministrazione, da essa stessa forniti in quantità sempre adeguata ai bisogni, e quanto altro possa in ogni caso occorrere per il più razionale e perfetto espletamento del servizio di pulizia, con il rispetto di tutte le prescritte norme in materia di prevenzione degli infortuni e di igiene sul lavoro e che lo stesso appaltatore deve avere cura di portare a conoscenza del personale impiegato. Le spese di consumo di dette attrezzature, nonché tutte le spese inerenti ed accessorie per lo svolgimento del servizio (compresi i materiali per gli imballaggi), sono a carico della Ditta appaltatrice, e si intendono ricomprese nei corrispettivi offerti. Sono a carico dell'amministrazione esclusivamente le spese per il consumo di acqua ed energia elettrica. ART. 4 Le attrezzature in uso dell appaltatore, con particolare riferimento agli apparecchi elettrici, devono essere a norma ed essere utilizzate nel pieno rispetto delle norme antinfortunistiche in vigore al momento dell uso. Se si ritenesse necessario utilizzare, per lo svolgimento delle attività, trabattelli e ponteggi, questi debbono essere utilizzati nelle modalità e prescrizioni previste dal D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i. ART. 5 Per il disimpegno del servizio di pulizia l appaltatore deve impiegare tassativamente propri soci e/o personale alle sue dipendenze sotto la propria ed esclusiva responsabilità in conformità alle vigenti disposizioni di legge, regolamenti e norme contrattuali vigenti. Nel servizio sarà impiegato un numero di lavoratori svantaggiati nella misura minima del 30% del totale dei lavoratori che presteranno la propria opera e per almeno il 30% del totale del monte ore lavorative. Il personale impiegato nel servizio: non deve avere età inferiore ai 16 anni, deve essere idoneo allo svolgimento delle mansioni in oggetto, deve essere in grado di comprendere ed esprimersi correntemente in lingua italiana, deve essere adeguatamente formato ed addestrato allo svolgimento delle mansioni in oggetto. L appaltatore è strettamente tenuta ad assolvere, con totale esonero dell'amministrazione da ogni responsabilità civile e penale diretta ed indiretta, tutti gli obblighi di legge, nessuno escluso od eccettuato, ivi compreso l'obbligo della tenuta del libretto di lavoro, delle assicurazioni sociali, previdenziali e contro gli infortuni sul lavoro e le malattie (comprese quelle di carattere professionale) ed in genere tutti gli obblighi inerenti al rapporto di lavoro tra l appaltatore ed i propri dipendenti. L appaltatore deve portare a conoscenza del proprio personale che l'amministrazione è assolutamente estranea al rapporto di lavoro intercorrente tra il personale e 9

10 l appaltatore stesso e che non potranno essere avanzate, in qualsiasi sede, pretese, azioni o ragioni di qualsiasi natura nei confronti dell'amministrazione. ART 6 Nei confronti del personale impiegato nel servizio di cui al presente capitolato (sia a tempo determinato che a tempo indeterminato), l appaltatore si impegna ad applicare il C.C.N.L. di settore firmato dalle OO.SS. maggiormente rappresentative a livello nazionale e i successivi rinnovi nonché il relativo contratto integrativo firmato dalle OO.SS. maggiormente rappresentative a livello nazionale ed i successivi rinnovi con riferimento alle qualifica corrispondente e alle mansioni svolte. L appaltatore ha l obbligo di assorbire nel proprio organico per tutta la durata del servizio il personale che risulta attualmente operante per il servizio oggetto dell appalto alle dipendenze della gestione uscente, salvo esplicita rinuncia individuale, nella misura sommariamente di seguito determinata: elenco n. 1 lavoratore n. riferimento data assunzione livello tipologia lavoratore interno /12/2005 A1 non svantaggiato /12/2002 A1 svantaggiato /08/2009 A1 non svantaggiato /10/2006 A1 svantaggiato /10/2006 A1 svantaggiato /05/2008 A1 svantaggiato /12/ svantaggiato /09/2009 A1 svantaggiato L appaltatore dovrà assumere i lavoratori e le lavoratrici oggetto del cambio di appalto con contratti di tipo subordinato e provvedere a stipulare contratti individuali di lavoro con le specifiche previste dal CCNL di settore. Non saranno ammessi contratti a progetto o di lavoro parasubordinato, nonché libero professionali e dovrà assicurare la giusta tutela al personale operante in astensione per maternità, infortunio, malattia, ferie, aspettativa, aspettativa sindacale, distacco legge 300, al momento dell avvio dell appalto, garantendo l assorbimento dello stesso al termine del periodo degli istituti predetti. Sono fatte salve le condizioni di miglior favore in essere concesse al personale impiegato nel servizio e soggetto al passaggio di gestione. Tutte le ore di formazione obbligatorie, dovranno essere pagate come da Ccnl e dovranno essere considerate a tutti gli effetti come ore di lavoro e quindi matureranno tutti gli istituti previsti. L inosservanza o il mancato adempimento degli obblighi sopra citati, accertata dall Amministrazione direttamente o tramite altri Enti preposti al controllo, comporta la possibilità di risoluzione del contratto stipulato tra le parti. E facoltà dell appaltatore assorbire per tutta la durata del servizio ulteriori unità di personale svantaggiato / non svantaggiato fra quelle attualmente utilizzate per il medesimo servizio presso stabili non ricompresi fra quelli oggetto del presente appalto sommariamente e di seguito indicati: 10

11 elenco n. 2 lavoratore n. riferimento data assunzione livello tipologia lavoratore interno /03/2002 A1 non svantaggiato /02/1996 A1 non svantaggiato /08/2007 A1 svantaggiato /06/2013 A1 svantaggiato /01/ svantaggiato /12/ non svantaggiato /06/ non svantaggiato /12/ svantaggiato /10/ non svantaggiato /10/ svantaggiato Nel caso di indisponibilità nell elenco di cui sopra (elenco n.2) di unità di personale sufficiente rispetto agli impegni assunti dagli aggiudicatari in sede di presentazione dell offerta tecnica, questi ultimi dovranno comunque provvedere all assunzione extra e- lenco delle unità indicate nella propria offerta tecnica; in caso di sovrapposizione di impegni ad assorbire il medesimo lavoratore inserito nell elenco 2, sarà data precedenza al concorrente che ha già nel proprio organico il medesimo lavoratore o, in subordine, all aggiudicatario del lotto di importo maggiore. ART. 7 L appaltatore dovrà garantire e rendere operativa prima dell inizio dell appalto una sede operativa nel territorio della città di Novara. L indirizzo ed il recapito di tale sede dovrà essere comunicato all Amministrazione almeno 5 giorni prima dell inizio dell appalto. Tale sede dovrà risultare idonea e logisticamente funzionale all organizzazione delle attività e dovrà essere dotata di almeno una linea telefonica regolarmente presidiata durante le ore di servizio, di un apparecchio fax con linea separata e di supporti informatici adeguati provvisti di collegamento ad internet ed . Per assicurare il miglior espletamento del servizio di pulizia l appaltatore deve far sorvegliare e dirigere i lavori a mezzo di un proprio responsabile (di cui deve comunicare per iscritto il nome all'amministrazione) che curerà la disciplina del personale e l'osservanza delle clausole contrattuali. Detto personale rappresenterà a tutti gli effetti l appaltatore. Le sostituzioni del personale dovranno essere parimenti autorizzate: a tal fine l appaltatore dovrà preventivamente fornire l elenco del personale che verrà impiegato nel servizio stabilmente e nelle eventuali sostituzioni, nonché l'elenco dei veicoli che saranno utilizzati con le relative targhe. ART. 8 I prodotti chimici che saranno impiegati per l esecuzione dei servizi di pulizia dovranno essere conformi ai requisiti di sicurezza prescritti dalle leggi e norme vigenti in materia. Gli stessi dovranno essere usati con le cautele e le protezioni antinfortunistiche prescritte dalle citate norme in modo da non causare danni a chi le impiega, a terzi o alle cose. Detti prodotti non potranno essere immagazzinati nei locali dell Amministrazione ad eccezione di quelli per le pulizie usuali, purché non infiammabili ed a condizione che siano collocati in luoghi chiusi. 11

12 Qualora richiesto dalla legge, i prodotti chimici usati dovranno essere approvati dal Ministero della Sanità ed il personale addetto al loro impiego dovrà essere in possesso delle autorizzazioni prescritte. Prima dell inizio dell appalto dovranno essere fornite all Amministrazione copia delle Schede tecniche e di sicurezza di tutti i prodotti chimici che verranno utilizzati. Dovrà parimenti essere comunicata ogni variazione di prodotto. I prodotti chimici di risulta dall effettuazione delle varie lavorazioni dovranno essere smaltiti direttamente dall appaltatore in funzione della potenzialità inquinante ed in conformità delle leggi vigenti in materia, con costi a suo totale carico. ART. 9 L appaltatore assume a suo carico esclusivo la più completa assoluta responsabilità civile e penale per i sinistri e per i danni in genere direttamente o indirettamente da essa o dai propri soci, dipendenti o fornitori, comunque causati o subiti, ivi compresi i danni ed i sinistri causati a dipendenti o a cose dell'amministrazione o di terzi in genere. ART. 10 Ai sensi dell art comma 3 - lett. b) - del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., al contratto è allegato il Documento Unico di Valutazione dei Rischi derivanti dalle Interferenze (D.U.V.R.I.) che indica le misure necessarie per eliminare / ridurre i rischi da interferenze tra le attività di tutti i Datori di lavoro. La Ditta appaltatrice si impegna a: fornire all Amministrazione Comunale tutti i dati necessari per il completamento del D.U.V.R.I., dopo l aggiudicazione e prima dell inizio del servizio, e precisamente: elenco del personale dipendente utilizzato, elenco delle attrezzature e mezzi utilizzati, analisi dei rischi della sede oggetto del servizio dall attività propria della Ditta appaltatrice, dati della Ditta appaltatrice, compilando i modelli predisposti; sottoscrivere prima dell inizio del servizio la dichiarazione attestante l ottemperanza delle misure di igiene e sicurezza sul lavoro, su apposito modello fornito dall Amministrazione Comunale; sottoscrivere ed ottemperare a tutte le disposizioni previste dal Documento Unico di Valutazione Rischi da Interferenza (DUVRI); L Amministrazione Comunale ha facoltà di procedere alla risoluzione del contratto qualora accerti l inosservanza delle norme di cui sopra da parte della Ditta appaltatrice. I costi per la sicurezza vengono quantificati come indicato nel Duvri. ART. 11 Il personale che disimpegnerà il servizio di pulizia deve in ogni circostanza osservare scrupolosamente un contegno improntato alla massima educazione, correttezza e disciplina nei confronti delle persone presenti nei locali dell'amministrazione, siano essi dipendenti o no. Il personale che effettuerà il servizio dovrà sempre essere munito di una tessera di riconoscimento corredata di fotografia contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del Datore di Lavoro, ai sensi dell art comma 8 - del D. Lgs. n. 81/08; Sarà allontanato immediatamente e definitivamente chiunque contravverrà a questi obblighi senza che l appaltatore possa avere nulla da eccepire e da pretendere. 12

13 L appaltatore ha l'obbligo di far osservare l'inderogabile prescrizione di questo articolo evitando che i propri dipendenti al momento di accedere alla sede di lavoro, e per tutta la durata della propria presenza, abbiano a compiere atti, gesti, grida e schiamazzi in genere od assumere atteggiamenti che comunque possano disturbare il personale degli uffici ed eventuali terzi presenti. Il personale è tenuto a mantenere il segreto d'ufficio su fatti e circostanze concernenti l'organizzazione e l'andamento degli uffici comunali dei quali sia venuto a conoscenza durante l'espletamento del servizio; è altresì tenuto a non divulgare qualsiasi informazione di cui sia venuto a conoscenza. E fatto divieto al personale di prendere visione dei documenti custoditi negli uffici e di usare attrezzature e macchine presenti nei locali ove si effettua il servizio di pulizia. ART. 12 L appaltatore, onde ottenere il pagamento del corrispettivo dovuto, ha l'obbligo, ai sensi dell'art. 5 della legge n. 82 del , di presentare mensilmente la documentazione attestante il versamento relativo ai contributi previdenziali ed assistenziali relativi al personale impiegato nello svolgimento del servizio di pulizia di cui al presente capitolato. Nel caso in cui l appaltatore fosse una Cooperativa sociale la stessa dovrà inoltre produrre una dichiarazione del legale rappresentante, attestante che il monte ore lavorative delle persone svantaggiate, prescritto dalla legge, è presente nell'intera compagine della Cooperativa stessa, ai sensi dell'art. 10 della convenzione nella misura minima del 30%. ART. 13 Le prestazioni di cui all'art. 1 devono essere effettuate con le periodicità indicate nell'art. 2, nei locali, atrii, corridoi, sale, ecc. con mobili ed arredi inclusi nei locali di cui alle allegate planimetrie. L'esecuzione dei lavori deve essere coordinata e subordinata alle esigenze dell'amministrazione e dovrà svolgersi al di fuori del normale orario di servizio degli Uffici. Il servizio giornaliero dovrà essere svolto su 5 o su 6 o su 7 giorni settimanali, a seconda dell'orario di servizio dei singoli uffici, così come segnalato nella tabella di cui all art. 1. Il personale dell appaltatore avrà in dotazione le chiavi dei singoli stabili oggetto del servizio (porte carraie, di accesso esterne ed interne), non dovrà permettere l accesso a persone non abilitate e dovrà provvedere alla fine del proprio servizio allo spegnimento delle luci ed alla chiusura di tutte le porte. Le piantine dei locali oggetto del servizio saranno consegnate esclusivamente all appaltatore. L appaltatore deve garantire alle richieste dell Amministrazione, ancorché non specificate nel presente capitolato, la massima priorità di esecuzione. ART. 14 L'Amministrazione si riserva in ordine alle esigenze dei servizi di modificare in aumento, diminuzione o sostituzione i locali oggetto dell'appalto. In tal caso, ove si verifichi una modificazione del servizio, il prezzo verrà proporzionalmente adeguato alla nuova consistenza dei locali. Nel caso in cui l Amministrazione richiedesse un aumento delle prestazioni, la cauzione deve essere adeguatamente integrata. 13

14 Gli interventi di pulizia straordinaria saranno retribuiti sulla base della quantificazione oraria ricavata dall offerta, previa specifica autorizzazione di spesa. La sospensione del servizio, determinatasi a causa dei lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria, dovrà compensare gli interventi straordinari che si rendessero necessari al ripristino del servizio stesso. ART. 15 Il pagamento dei corrispettivi mensili sarà effettuato a mezzo di mandato in via posticipata, su presentazione di regolari fatture mensili ed a gg. 30 dalla data di ricevimento delle stesse, previo benestare del Dirigente responsabile degli Uffici oggetto del servizio, da acquisire dall appaltatore preventivamente alla trasmissione delle fatture al Servizio Economato per la liquidazione e previa acquisizione di DURC regolare. Le spese di incasso dei mandati di pagamento saranno a carico dell appaltatore. L appaltatore dovrà emettere fatture raggruppate per Centro di costo, sulla base dei buoni d ordine trasmessi o di modalità diverse stabilite dal Servizio Economato; dovrà sempre essere emesso il documento di trasporto. Le fatture dovranno riportare le seguenti indicazioni: ai sensi dell art. 191 del Decreto Legislativo n. 267/2000: - il numero della determinazione di aggiudicazione; - i riferimenti contabili: centro di costo e numero dell impegno di spesa; - il numero di protocollo della lettera d ordine o il numero del buono d ordine; ai sensi dell art. 3 della Legge n. 136/2010: - il codice CIG del lotto - il codice IBAN per poter effettuare il pagamento mediante bonifico bancario e/o postale. non sarà possibile procedere alla liquidazione di fatture che perverranno prive dei suddetti riferimenti. L appaltatore dovrà inoltre, ai sensi dell art. 3 - comma 7 - della Legge n. 136/2010, inviare una comunicazione contenente: gli estremi identificativi dei conti correnti dedicati alle commesse pubbliche di cui al comma 1; le generalità ed il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. ART. 16 Ai sensi dell art. 3 - commi 7 e 8 - della Legge n. 136/2010 l appaltatore si impegna ad assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari connessi all affidamento dell appalto utilizzando uno o più conti correnti bancari o postali, accesi presso banche o presso la società Poste Italiane S.p.A., dedicati, anche se non in via esclusiva, alle commesse pubbliche come prescritto dal comma 1 dello stesso art. 3 della Legge n. 136/2010. ART. 17 Nel corrispettivo concordato sono compresi tutti gli oneri relativi all'acquisto di attrezzature tecniche e dei materiali di consumo occorrenti per l'espletamento dei lavori. Tutte le autorizzazioni eventualmente necessarie all'esecuzione del presente servizio, comprese quelle per la circolazione di automezzi in spazi o percorsi riservati ad altri e l'accesso a spazi chiusi, devono essere chieste a totale cura e spese dell appaltatore; lo stesso dicasi nel caso in cui si debba preventivamente informare le competenti autorità. 14

15 ART. 18 In caso di mancata o insoddisfacente esecuzione anche di una sola delle prestazioni e prescrizioni oggetto del presente appalto, l'amministrazione, nella persona del Dirigente responsabile degli uffici in oggetto, ha la facoltà di richiederne l'immediata esecuzione, ai sensi dell'art del Codice Civile. Dopo n. 2 richiami scritti, l'amministrazione, ad insindacabile giudizio del Dirigente responsabile, potrà applicare penali per irregolarità ed inadempimenti di servizio pari all'5% del corrispettivo mensile relativo agli uffici di riferimento. Ferma restando l'applicazione delle penali, l'amministrazione si riserva la facoltà di sospendere il pagamento fino alla regolarizzazione degli obblighi contrattuali. ART. 19 L'inosservanza di una sola delle clausole del presente appalto, fermo restando quanto previsto dall'art. 18, dà facoltà piena e assoluta all'amministrazione di risolvere anticipatamente, ai sensi dell'art del Codice Civile, il contratto d'appalto con un preavviso di 15 giorni, senza che da ciò discenda all appaltatore il diritto di avanzare qualsivoglia pretesa al riguardo. Dopo n. 5 richiami scritti il contratto è risolto di diritto; nel caso in cui l appaltatore fosse una cooperativa sociale è fatta salva la procedura di risoluzione prevista dall'art. 10 della convenzione. E' fatto salvo l'accertamento di ogni ulteriore maggiore danno che dall'inadempimento dovesse derivare all'amministrazione. ART. 20 E' facoltà dell'amministrazione di recedere unilateralmente dal contratto, con un preavviso di 30 giorni, qualora eventuali modifiche nell'organizzazione del servizio dovessero richiedere forme diverse di espletamento dello stesso. ART. 21 In caso di sciopero o per cause di forza maggiore dovrà essere garantita l'effettuazione dei servizi di emergenza ed essenziali. Il pagamento dei corrispettivi sarà decurtato proporzionalmente al servizio non effettuato. L'Amministrazione si riserva la facoltà di affidare a terzi l'effettuazione del servizio per qualsiasi motivo non effettuato dall appaltatore, con addebito dell'intero costo sopportato e degli eventuali danni e ciò senza pregiudizio, ove ne ricorrano gli estremi, per l'applicazione di quanto previsto ai precedenti articoli 18, 19 e 20. ART. 22 Fermo quanto previsto da altre disposizioni di legge, qualora nei confronti dell appaltatore sia intervenuta l'emanazione di un provvedimento definitivo che dispone l'applicazione di una o più misure di prevenzione di cui all'articolo 3, della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, ovvero sia intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato per frodi nei riguardi dell Amministrazione, di subappaltatori, di fornitori, di lavoratori o di altri soggetti comunque interessati alle prestazioni oggetto del contratto nonché per violazione degli obblighi attinenti alla sicurezza sul lavoro, l Amministrazione si riserva la facoltà di valutare, in relazione allo stato del servizio e alle eventuali conseguenze nei riguardi delle finalità del contratto, l'opportunità di procedere alla risoluzione del contratto stesso. 15

16 Nel caso di risoluzione, l appaltatore ha diritto soltanto al pagamento delle prestazioni regolarmente eseguite, decurtato degli oneri aggiuntivi derivanti dallo scioglimento del contratto. ART. 23 Per ottenere la rifusione dei danni ed il pagamento delle penalità, l'amministrazione potrà rivalersi mediante trattenute sui crediti dell appaltatore o sulla cauzione, che dovrà essere in tal caso immediatamente reintegrata. ART. 24 Qualora l appaltatore dovesse abbandonare il servizio o recedere dalla convenzione prima della scadenza convenuta senza giusta causa o giustificato motivo, l'amministrazione tratterrà la cauzione a titolo di penale. L'Amministrazione si riserva la facoltà di addebitare all appaltatore l'eventuale maggiore spesa derivante dall'assegnazione del servizio ad altre ditte, e ciò fino alla scadenza naturale della convenzione. ART. 25 L'aggiudicazione, che sarà notificata all appaltatore con lettera raccomandata, costituirà impegno per l'aggiudicatario a tutti gli effetti dal momento in cui essa verrà comunicata. Il contratto non è vincolante per l'amministrazione finché il relativo provvedimento di aggiudicazione sia divenuto esecutivo. Successivamente all'esecutività del provvedimento di aggiudicazione dovrà addivenirsi alla stipula del contratto che avverrà con atto pubblico amministrativo mediante procedura informatica con sottoscrizione digitale, utilizzando nel caso di cooperativa sociale le condizioni della convenzione allegata al bando ed al disciplinare di gara, ai sensi dell'art. 5 della legge n. 381/91, e in caso di altro operatore economico, le condizioni della stessa convenzione per quanto compatibili. ART. 26 A garanzia dell'esatto adempimento degli obblighi derivanti dal contratto, l appaltatore dovrà provvedere alla costituzione della cauzione definitiva in ragione del 10% (dieci per cento) dell'importo contrattuale, fatto salvo quanto previsto dall art. 40 e dall art. 113 del D. Lgs. n. 163/06 e s.m.i., mediante fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa rilasciata da società assicurativa o istituto di credito autorizzati in base alle vigenti disposizione di legge, che dovrà contenere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta dell Amministrazione; la garanzia dovrà coprire l intera durata dell appalto oltre a un periodo di 60 giorni per il rilascio della certificazione di regolare esecuzione o per il pagamento delle ultime spettanze; sulla predetta garanzia dovrà essere indicata la seguente frase: La presente garanzia continuerà a produrre efficacia anche oltre il termine sopra indicato fino alla definizione di ogni possibile contenzioso insorto, e comunque fino al rilascio della dichiarazione liberatoria dell Amministrazione. Nel caso in cui l appaltatore rifiutasse di stipulare il contratto e/o non costituisse la garanzia, l Amministrazione procederà con semplice atto amministrativo alla risoluzione di ogni rapporto con l appaltatore stessa ed all incameramento della cauzione provvisoria. La cauzione definitiva verrà restituita al completamento del servizio e dopo che sia stata risolta ogni eventuale contestazione. 16

17 L appaltatore dovrà presentare al Servizio Economato prima dell inizio del servizio copia della polizza di assicurazione di responsabilità civile per il personale impiegato, nonché copia della comunicazione agli Enti Previdenziali dell assunzione del servizio medesimo e del relativo importo contrattuale. ART. 27 E' assolutamente vietato il subappalto del servizio in tutto o in parte e sotto qualsiasi forma, pena l immediata rescissione del contratto ed il risarcimento dei danni. In caso di fallimento, il servizio si intenderà senz'altro revocato e l'amministrazione provvederà a termini di legge. Ai sensi dell art. 43 del D. Lgs. n. 286 del 25/7/1998, ogni accertamento nei confronti dell appaltatore per atti o comportamenti discriminatori é sanzionato con la revoca dell appalto e con l impedimento dalla partecipazione alle gare d appalto dell Amministrazione per i due anni successivi. ART. 28 L appaltatore può, in relazione ai crediti verso l Amministrazione derivanti dal contratto avente ad oggetto il presente appalto, avvalersi delle disposizioni di cui alla L. 21 febbraio 1991, n. 52, potendo effettuare la cessione degli stessi crediti a banche o intermediari finanziari disciplinati dalle leggi in materia bancaria e creditizia, il cui oggetto sociale preveda l esercizio dell attività di acquisto di crediti di impresa. Ai fini dell opponibilità all Amministrazione, le cessioni di crediti devono essere stipulate dall appaltatore mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata e devono essere notificate all Amministrazione stessa quale soggetto debitore. Le cessioni di crediti derivanti dal corrispettivo del presente appalto sono efficaci e opponibili all Amministrazione qualora questa non le rifiuti con comunicazione da notificarsi all appaltatore cedente e al soggetto cessionario entro quindici giorni dalla notifica della cessione. L Amministrazione, nel contratto stipulato o in atto separato contestuale correlato al contratto per il presente appalto, può preventivamente accettare la cessione da parte dell appaltatore di tutti o di parte dei crediti che devono venire a maturazione. In ogni caso, quando all Amministrazione sia notificata la cessione, essa può opporre al cessionario tutte le eccezioni opponibili al cedente in base al contratto relativo a servizi con questo stipulato. ART. 29 Il prezzo di aggiudicazione sarà impegnativo e vincolante per tutta la durata dell appalto, fatto salvo il maggior costo derivante dagli eventuali aumenti prodotti dal rinnovo del C.C.N.L. di settore firmato dalle OO.SS. maggiormente rappresentative a livello nazionale e del relativo Contratto Integrativo. Tale maggior costo sarà riconosciuto solo a fronte di specifica dettagliata richiesta scritta da parte dell appaltatore ed esibizione di relativa documentazione probante la loro corresponsione al personale in essere al momento dell aumento ed ha lavorato per i servizi oggetto della gara nel periodo indicato. ART. 30 Gli eventuali accordi supplementari a modifica ed in aggiunta a quelli previsti nel presente capitolato dovranno essere sempre confermati per iscritto. 17

18 ART. 31 Tutte le spese di appalto, contratto, bollo, registro, diritti fissi, diritti di segreteria, diritti di scritturazione e di carta bollata, accessori e conseguenti, saranno per intero a carico dell appaltatore, ad eccezione dell'imposta sul valore aggiunto che sarà rimborsata da parte dell'amministrazione. ART. 32 Ai sensi di quanto previsto dall art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003, nella procedura di gara saranno rispettati i principi di riservatezza delle informazioni fornite, in conformità a quanto disposto dal D.Lgs. n. 196/2003 e s.m.i., compatibilmente con le funzioni istituzionali, le disposizioni di legge e regolamentari concernenti i pubblici appalti e le disposizioni riguardanti il diritto di accesso ai documenti ed alle informazioni. In particolare, in ordine al procedimento instaurato da questa procedura: a) le finalità cui sono destinati i dati raccolti ineriscono alla verifica della capacità dei concorrenti di partecipare alla gara in oggetto; b) i dati forniti saranno raccolti, registrati, organizzati e conservati per le finalità di gestione della gara e saranno trattati sia mediante supporto cartaceo che magnetico anche successivamente all eventuale instaurazione del rapporto contrattuale per le finalità del rapporto medesimo; c) il conferimento dei dati richiesti è un onere a pena l esclusione dalla gara; d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati sono: il personale interno dell Amministrazione; altre Pubbliche Amministrazioni per le verifiche e gli adempimenti di legge; i concorrenti che partecipano alla seduta di gara; ogni altro soggetto che abbia interesse ai sensi della legge n. 241/1990; e) i diritti spettanti all interessato sono quelli di cui all art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003, cui si rinvia; f) il titolare del trattamento è il Dirigente del Servizio Bilancio. L appaltatore ha l obbligo di mantenere riservati i dati e le informazioni di cui venga a conoscenza, non divulgandoli in alcun modo e non utilizzandoli per scopi diversi da quelli strettamente necessari all esecuzione del contratto. ART. 33 Per quanto non disciplinato, indicato e precisato nel presente capitolato a fini di regolazione dei rapporti tra le parti e dei rispettivi obblighi od oneri, si fa rinvio alle disposizioni del Codice civile e di altre leggi vigenti per la disciplina di aspetti generali in materia di contratti, nonché alle disposizioni di leggi e regolamenti vigenti specificamente deputati a disciplinare i contratti pubblici. ART. 34 L'Autorità giudiziaria di Novara sarà l'unica competente a decidere qualunque controversia potesse sorgere tra le parti riguardanti alla esecuzione del presente appalto e del relativo contratto. 18

COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO UNITÀ ECONOMATO

COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO UNITÀ ECONOMATO ALLEGATO B.4) COMUNE DI NOVARA SERVIZIO BILANCIO UNITÀ ECONOMATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L'ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA PER GLI STABILI SEDE DI UFFICI E DIPENDENZE COMUNALI PER UN PERIODO

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PER I LOCALI DELLA SEDE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO

CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO Comune di Calliano Provincia Autonoma di Trento Ufficio Tecnico CAPITOLATO RELATIVO ALL APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CALLIANO ART. 1 - OGGETTO E PREZZO DELL

Dettagli

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO ALLEGATO B Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc./p.iva 00321950164 - tel. 0354182811 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it PEC:

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 4 DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014.

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA E MEDICO COMPETENTE AI SENSI DEL D.LGS 81/2008 PER IL PERIODO 1/1/2014 31/12/2014. CAPITOLATO D ONERI Art. 1 Oggetto del servizio, durata e compenso.

Dettagli

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.

AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035. AREA RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE SERVIZI A RETE E PATRIMONIO Servizio Patrimonio P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI

COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI COMUNE DI MARCELLINA (Prov. di Roma) CAPITOLATO SPECIALE D APPLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI ARTICOLO 1. - OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto del servizio è la pulizia, alle condizioni

Dettagli

OGGETTO: Appalto per il servizio di pulizia della sede municipale, degli uffici del Giudice di pace e della biblioteca comunale.

OGGETTO: Appalto per il servizio di pulizia della sede municipale, degli uffici del Giudice di pace e della biblioteca comunale. COMUNE DI CIVITACAMPOMARANO (Provincia di Campobasso) c.a.p. 86030 - Piazza Municipio, 13 - tel. 0874/ 748103-748133 - fax 0874/ 748335 P. IVA e codice fiscale 00067590703 - INTERNET www.comune.civitacampomarano.cb.it

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO C.A.P. 09086 Tel. 0783/64023 64256 FAX 0783/64697 E.mail Comsam@Tiscali.it SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo)

COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) COMUNE DI CASTEL SANT ELIA (Provincia di Viterbo) SCHEMA Concessione in esclusiva, dell uso di spazi pubblicitari su elementi di arredo urbano e segnaletica direzionale privata e pubblica nel territorio

Dettagli

CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016

CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016 CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016 CIG: 6052035944 - ART. 1 - Oggetto del Capitolato Costituisce oggetto della presente gara il servizio comprendente la pulizia dei seguenti immobili:

Dettagli

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI

CAPITOLATO AMMINISTRATIVO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI SURGELATI ART.1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente documento sono le clausole amministrative relative al contratto di appalto per la fornitura di prodotti alimentari surgelati per le esigenze delle mense

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

Art. 1 - Servizi in concessione

Art. 1 - Servizi in concessione AZIENDA SPECIALE FARMACIE COMUNALI Via Gramsci N. 38-20068 Peschiera Borromeo Telefono: 025471353 Fax: 025471353 e-mail amministrazione@farmaciecomunalipeschiera.it Codice fiscale N. 11674080152- Partita

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli

COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli COMUNE DI VOLLA Provincia di Napoli SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CAPITOLATO D ONERI PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI ART. 1 MANSIONARIO DELLE PULIZIE E CONTROLLI La

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEI FABBRICATI DEL PATRIMONIO COMUNALE PER GLI ANNI 2013-2014

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEI FABBRICATI DEL PATRIMONIO COMUNALE PER GLI ANNI 2013-2014 CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA DEI FABBRICATI DEL PATRIMONIO COMUNALE PER GLI ANNI 2013-2014 Articolo 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato riguarda il servizio di pulizia dei fabbricati

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - Oggetto del servizio Il presente capitolato d oneri e disciplinare di gara riguarda i servizi tecnici da espletare per la realizzazione

Dettagli

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona

COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona COMUNE DI TRIGOLO Provincia di Cremona Allegato alla determina del R.F. n. 63 del 02.11.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Fornitura del servizio di pulizie degli uffici e della palestra comunali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Servizio Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DEL DEMANIO

PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA DEL DEMANIO Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA, SUDDIVISA PER LOTTI, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA DI TALUNE DIREZIONI REGIONALI DELL AGENZIA

Dettagli

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA I.N.P.D.A.P. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALLʹAFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FORNITURA DI: GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E L OSPEDALE DI CONSELVE

Dettagli

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO

FORNITURA MATERIALE ELETTRICO S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A ALLEGATO 1) FORNITURA MATERIALE ELETTRICO REDATTO DALL ASSISTENTE TECNICO SORANZO LORIS VISTO: IL DIRETTORE S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Arch. Antonietta PASTORE

Dettagli

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 Allegato 1 CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento da parte

Dettagli

COMUNE DI ROVOLON Provincia di Padova CAPITOLATO D'APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA

COMUNE DI ROVOLON Provincia di Padova CAPITOLATO D'APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA COMUNE DI ROVOLON Provincia di Padova CAPITOLATO D'APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA ART. 1: OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto ha per oggetto l'espletamento del servizio di pulizia degli immobili di seguito elencati,

Dettagli

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa

COMUNE DI PISA. Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di Via Puglia in Pisa COMUNE DI PISA Direzione Finanze e Politiche Tributarie Ufficio Economato-Provveditorato U.O. Provveditorato Capitolato speciale d appalto per la fornitura e posa in opera di arredi per l asilo nido di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. Pag. 1/7 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO

PROVINCIA DI LIVORNO Allegato B PROVINCIA DI LIVORNO CATITOLATO SPECIALE D APPALTO Art.1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di sorveglianza presso la sede distaccata degli uffici della

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Oggetto: Affidamento del servizio di ritiro e recapito diretto della corrispondenza comunale nell ambito del Comune. FOGLIO PATTI E CONDIZIONI Art. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L'appalto ha per oggetto: -il

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO C CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO relativo alla procedura aperta bandita ai sensi dell art. 55 del D.Lgs. n. 163/2006, per l affidamento del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo per

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Via XXV Aprile n. 4 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIE E AZIENDE PARTECIPATE SERVIZIO ECONOMATO Tel. 0266023226-Fax 0266023244 e-mail alessia.peraboni@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Dettagli

COMUNE DI LECCO Servizio economato e provveditorato Capitolato speciale d appalto per l affidamento con le modalità previste dal Regolamento comunale per la disciplina delle acquisizioni in economia di

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO

COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO ALL. 1 COMUNE DI BOLSENA PROVINCIA DI VITERBO CAPITOLATO D'ONERI PER L'ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI COMUNALI E DELL EDIFICIO DELL EX OSPEDALE SANTA CRISTINA Codice CIG ZC31467AB1 ART.

Dettagli

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI

COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE - SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI Approvato con DdR n. 12 del 13.03.2015 ART. 1 - OGGETTO E DURATA DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il servizio di pulizia dei locali siti negli

Dettagli

ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT)

ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT) ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT) Capitolato speciale di appalto per l'affidamento del servizio di pulizia dei locali adibiti a sede ed uffici dell'ente Parco. Art. 1 L'appalto ha

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento Servizi di Pulizia Immobili Comunali C.I.G. n.0356122929

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento Servizi di Pulizia Immobili Comunali C.I.G. n.0356122929 COMUNE DI COSENZA Staff Contratti dell Ente - Ufficio Provveditorato CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento Servizi di Pulizia Immobili Comunali C.I.G. n.0356122929 ART. 1 Oggetto e durata dell'appalto

Dettagli

ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DELLA SARDEGNA

ISTITUTO INCREMENTO IPPICO DELLA SARDEGNA CAPITOLATO D ONERI SERVIZIO BIENNALE DI PULIZIA DI IMMOBILI DELL ENTE ART. 1 PRESCRIZIONI GENERALI L Istituto Incremento Ippico della Sardegna indice pubblico incanto per l affidamento del servizio biennale

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE LOTTO N.1 ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia dei seguenti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento del servizio di noleggio di macchine fotocopiatrici per la Fondazione Teatro di San Carlo. CIG: 641196266D PREMESSA La Fondazione Teatro di San Carlo intende affidare

Dettagli

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale.

La ditta venditrice dovrà assicurare la garanzia e l assistenza dei mezzi tramite una officina autorizzata entro 15 km. dalla sede comunale. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO RELATIVO ALLA FORNITURA DI n 1 MINIBUS ELETTRICO, CHIAVI IN MANO, PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PERSONE ALL INTERNO DEL CIMITERO CIVICO MONUMENTALE 1. ENTE APPALTANTE Comune

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ATTREZZATURE INDICE Art. 1 Oggetto della fornitura Art. 2 Importo dell appalto Art. 3 Caratteristiche della fornitura Art. 4 Criteri di aggiudicazione Art. 5 Termini e luoghi

Dettagli

- SETTORE 3 - - LAVORI PUBBLICI -

- SETTORE 3 - - LAVORI PUBBLICI - COMUNE DI CROTONE - SETTORE 3 - - LAVORI PUBBLICI - SERVIZIO DI PULIZIA PALAZZO DI GIUSTIZIA, UFFICI GIUDICE DI PACE E UFFICI UNEP E NISA. OGGETTO TAVOLA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DATA: IL TECNICO

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Provincia Regionale di Catania Ufficio Provveditorato-Economato (codice fiscale 00397470873) SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ART.

Dettagli

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA

CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CITTÀ DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CAPITOLATO D ONERI (Allegato B) Procedura aperta per l appalto dei servizi educativi dell Asilo Nido comunale Il Girasole e di pulizia dei locali sede dell asilo.-

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE

SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n.6 del 25-08-2014 SERVIZI DI DIREZIONE - Unità ARCHIVIO E PROTOCOLLO GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI.

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI. COMUNE DI LANUSEI Provincia dell Ogliastra CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI UFFICI GIUDIZIARI DI LANUSEI. Durata dall aggiudicazione dell appalto fino al 31/12/2014 INDICE Pagina. TITOLO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO: CONTRATTO APPALTO PER RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEGLI RSU E SERVIZI CONNESSI E LA GESTIONE DELLA DISCARICA COMUNALE DI LOCALITA LA SILVA DEL COMUNE DI CASSANO ALL IONIO.

Dettagli

Servizio di stenotipia Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale

Servizio di stenotipia Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale Servizio di resocontazione mediante stenotipia delle riunioni degli organi istituzionali dell Assemblea legislativa regionale Capitolato speciale d appalto Versione: Definitiva Data: 28 luglio 2011 Numero

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Capitolato d oneri per l affidamento del servizio pulizia presso i locali della sede municipale, del centro di aggregazione sociale, della palestra e della biblioteca

Dettagli

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI LADISPOLI E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B, Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91, PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI LADISPOLI

Dettagli

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO

Ufficio Gare, Contratti e Acquisti CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO PER IL BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento, da parte della Bari Multiservizi S.p.a. (in seguito, per semplicità, denominata società),

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI GOLFO ARANCI PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento dell incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) anni 2015 2016 ai sensi dell art. 81 del D.Lgs. 81/2008. CIG ZDC1420648 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Art.

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO. tra

BOZZA DI CONTRATTO. tra BOZZA DI CONTRATTO tra la società TRM SpA, con sede legale in Torino, via P. Gorini, n. 50, Partita Iva e Cod. Fisc. 08566440015, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore, (qui di seguito

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI PER IL PERSONALE DEL PARCO NAZIONALE VAL GRANDE 2016-2020 (CIG ZB415FBACD) Art.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CASA DI RIPOSO EX ONPI. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CASA DI RIPOSO EX ONPI. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO III Settore Servizi alla Persona Dirigente: dott. Maurizio Durante CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA CASA DI RIPOSO EX ONPI. ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE PER IL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CIG 50773444D0 OGGETTO DELL'INCARICO L affidamento ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo professionale,

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA)

SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) Allegato 5 SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO:... IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) REPUBBLICA ITALIANA L anno DUEMILA il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. Avanti a me, dott.,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA DISCIPLINARE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DE ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO ED AMBIENTE siti in Palermo nella via Ugo LaMalfa n. 169 Art. 1 Definizione

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PULIZIA/CUSTODIA DELLA PALESTRA TREPALLE

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PULIZIA/CUSTODIA DELLA PALESTRA TREPALLE CONTRATTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO PULIZIA/CUSTODIA DELLA PALESTRA TREPALLE TRA lo Sporting Club Livigno, A.S.D. (C.F/P.IVA. N. 92007190140) con sede in Livigno, in Plazal Dali Schola n. 25, nella

Dettagli

CIG: 5611321094. Effettuazione per l anno 2014 del servizio di diserbo chimico delle linee ferroviarie e

CIG: 5611321094. Effettuazione per l anno 2014 del servizio di diserbo chimico delle linee ferroviarie e CIG: 5611321094 Effettuazione per l anno 2014 del servizio di diserbo chimico delle linee ferroviarie e relative pertinenze, oltre ad eventuali prestazioni accessorie SCHEMA DI CONTRATTO Art. 1 Art. 2

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Via V. Bachelet, 12 tel. 06 49249201 fax 06 49249300

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Via V. Bachelet, 12 tel. 06 49249201 fax 06 49249300 Allegato al decreto del Segretario Generale n. del AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Via V. Bachelet, 12 tel. 06 49249201 fax 06 49249300 COTTIMO FIDUCIARIO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Sede legale Corso Libertà 72 tel.0161259202 fax 0161215442 P.IVA 01928430022 SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA DELLE QUATTRO FARMACIE COMUNALI E DELLA SEDE DELL A.F.M. PERIODO 01/03/2016 29/02/2020 CAPITOLATO

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. (CIG: 6358762865)

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. (CIG: 6358762865) SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. PERIODO 14/09/2015 30/06/2016. (CIG: 6358762865) CONVENZIONE TRA ENTE PUBBLICO E COOPERATIVA SOCIALE AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1 DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381

Dettagli

Art.1 Oggetto dell appalto

Art.1 Oggetto dell appalto SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA SECONDO LOTTO DI AGRARIA ED ALTRE SUPERFICI DI PLESSI UNIVERSITARI SITI IN POTENZA CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PARTE PRIMA NORME AMMINISTRATIVE Art.1 Oggetto dell appalto

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali C.d.G. 591 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SEDI DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Via Flavia n. 6 - Via Fornovo n. 8 - Via C. De Lollis

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Articolo 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Le prestazioni richieste al soggetto appaltatore

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

CAPO I SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO

CAPO I SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILI SEDE DEGLI UFFICI DEL CONSIGLIO REGIONALE IN TRIESTE LOTTO UNICO PERIODO TRE ANNI Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. Il presente capitolato

Dettagli

ALLEGATO B) CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

ALLEGATO B) CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ALLEGATO B) CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1. OGGETTO DELL INCARICO 1.1. Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di brokeraggio assicurativo

Dettagli

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari

Azienda Ospedaliera Brotzu. Servizio Provveditorato Ospedale di rilievo nazionale e alta. Piazzale Ricchi 1, 09134 Cagliari Dipartimento Amministrativo Capitolato Speciale d appalto Procedura Aperta per la fornitura di G.P.L. da riscaldamento con comodato d uso gratuito del serbatoio, per i corpi separati dell Azienda Ospedaliera

Dettagli

Settore Opere Pubbliche e Informatica INTEGRAZIONE AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER : Pulizia e gestione Servizi Igenici

Settore Opere Pubbliche e Informatica INTEGRAZIONE AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER : Pulizia e gestione Servizi Igenici COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA Provincia di Olbia Tempio Piazza Villamarina n.1 07028 S.TERESA GALLURA tel 0789 740900 fax 0789 754794 info@comunesantateresagallura.it Settore Opere Pubbliche e Informatica

Dettagli

CAPITOLATO APPALTO PULIZIE DI LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE

CAPITOLATO APPALTO PULIZIE DI LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE COMUNE DI TERRICCIOLA PROVINCIA DI PISA c.f. 00286650502 V. Roma,37- telef.0587/656511-fax 0587/655205 http://www.altavaldera.it E-Mail:segreteria@comune.terricciola.pi.it CAPITOLATO APPALTO PULIZIE DI

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel. 0831-955400 Fax 0831-955429 Allegato determina n.101 /SS-2015 CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno

Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno Comune di Rosignano Marittimo Provincia di Livorno Settore Servizi alla Persona Servizio Attività Educative CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Art. 1 - OGGETTO 1 - L appalto

Dettagli

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il

PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il PARTE TERZA - SCHEMA DI CONTRATTO Tra la Provincia di Pavia (di seguito Stazione Appaltante o Committente ) e [ ] (di seguito la Società o il Fornitore ) Si conviene e si stipula quanto segue: 1. OGGETTO

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO AMMINISTRATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO DI SERVIZI

DISCIPLINARE TECNICO AMMINISTRATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO DI SERVIZI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REVISIONE VOLONTARIA DELLO STATO PATRIMONIALE AL 01.01.2015 DEL BILANCIO UNICO DI ATENEO - GARA 5/S/2015 CIG: 6251179C17 DISCIPLINARE TECNICO AMMINISTRATIVO

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE

CAPITOLATO PRESTAZIONALE CAPITOLATO PRESTAZIONALE Articolo 1 Oggetto dell Appalto L'appalto ha per oggetto lo svolgimento del servizio di pulizia dei seguenti immobili di proprietà comunale: - il Municipio sito in Via Aosta n

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato U.O. Economato SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI RIMINI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile (Dott.

Dettagli

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE.

COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. Allegato D COMUNE DI AMASENO PROVINCIA FROSINONE APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA DI VIE E PIAZZE DEL TERRITORIO COMUNALE. PERIODO 01/07/2015 30/06/2017. CIG: 61757348E CONVENZIONE

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale di consulenza

Dettagli

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it

OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it OPERA PIA PUBBLICA ASSISTENZA 05100 TERNI P.zza S. Pietro, 4 Tel. E Fax 0744 428150 421403 e-mail oppaterni@libero.it www.oppaterni.com P.IVA 00526840558 cod. fisc. 80000070559 CAPITOLATO TECNICO Art.

Dettagli

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO. Provincia di Caserta

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO. Provincia di Caserta COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO www.comune.sanfeliceacancello.ce.it Provincia di Caserta Settore 1 Affari Generali CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI COMUNALI Pagina 1 di 10 I N D

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA (AREA) SCRITTURA PRIVATA

REPUBBLICA ITALIANA AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA (AREA) SCRITTURA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA ABITATIVA (AREA) SCRITTURA PRIVATA Contratto d appalto per l affidamento del servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato (CUP ).----------------------------------------------------------

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA)

SCHEMA DI CONTRATTO. OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) SCHEMA DI CONTRATTO OGGETTO: Affidamento del servizio di. all' IMPRESA: (DENOMINAZIONE E CODICE FISCALE / P.IVA) L anno DUEMILA... il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. Premesso che:

Dettagli

LOTTO 2 CAPITOLATO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

LOTTO 2 CAPITOLATO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA ASF AUTOLINEE srl LOTTO 2 CAPITOLATO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA UFFICI, OFFICINE E PIAZZALI DEI DEPOSITI PRESIDIATI Ver. 1.1 PULIZIA DEGLI UFFICI, SERVIZI E LOCALI ACCESSORI (scale, atri, spogliatoi ecc.)

Dettagli

Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Comune di Ponte San Pietro Cümü de Pùt San Piero Provincia di Bergamo Bèrghem CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO TRIENNIO 2012-2014 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli