ALL. A LAMPEDUSA, INCLUSE LE MISURE DI PORTATA ED ANALISI DELLE ACQUE. CIG: Z1703C6168. CUP: J52G CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALL. A LAMPEDUSA, INCLUSE LE MISURE DI PORTATA ED ANALISI DELLE ACQUE. CIG: Z1703C6168. CUP: J52G11000410001. CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 ALL. A AFFIDAMENTO AI SENSI DEL COMBINATO DISPOSTO DAGLI ARTT. 252, 267, COMMA 10, DEL D.P.R. N. 207/2010 E S.M.I. E DALL ART. 125, COMMA 11 ULTIMO PERIODO, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DEI SERVIZI PER IL RILIEVO TOPOGRAFICO ED INDAGINI, DIRETTE E STRUMENTALI, SULLA CONSISTENZA DEI MANUFATTI ESISTENTI RELATIVI AL SISTEMA FOGNARIO-DEPURATIVO DELL ISOLA DI LAMPEDUSA, INCLUSE LE MISURE DI PORTATA ED ANALISI DELLE ACQUE. CIG: Z1703C6168. CUP: J52G CAPITOLATO TECNICO

2 INDICE 1. PREMESSA 1 2. OGGETTO DEL SERVIZIO RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario Attrezzature e strumentazione VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Attività da espletare e documentazione redatta a cura dell aggiudicatario Attrezzature e strumentazione ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario Attrezzature e strumentazione 7 3. NORME TECNICHE 7 4. RESPONSABILITA ED ONERI A CARICO DELLA DITTA RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI 9 5. DURATA DELLE ATTIVITA E CONSEGNA DEGLI ELABORATI 9 6. IMPORTI A BASE DELLA GARA FORNITURA DEI PRODOTTI, LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE DIRITTI SUL MATERIALE PRODOTTO 10 Pagina I

3 1. PREMESSA La Sogesid S.p.A., nell ambito dell incarico di progettazione preliminare dei lavori di ampliamento e adeguamento dell impianto di depurazione dell isola di Lampedusa, affidatole dal Soggetto Attuatore di cui all OPCM 16 giugno 2011 n. 3947, deve svolgere le attività di indagine sui luoghi e sui manufatti interessati dall intervento oggetto della progettazione di seguito indicati: - rilievo topografico e di consistenza dei manufatti e delle apparecchiature di 7 stazioni di sollevamento della rete fognaria, di quella a servizio della condotta sottomarina, dell impianto di depurazione esistente e dell area di pertinenza dello stesso, come da planimetria allegata. - ispezione televisiva delle condotte prementi dall ultima stazione di sollevamento della rete fognaria alla stazione di rilancio e all impianto di depurazione ed eventuali prove di tenuta idraulica; - ricostruzione, indiretta, della portata sollevata nelle 8 stazioni di sollevamento oggetto di indagine; - ricostruzione del percorso dello scarico di troppo pieno di ogni stazione di sollevamento fino al punto di recapito finale; - ricostruzione dei tracciati delle condotte di collegamento tra l ultima stazione di sollevamento della rete fognaria e l impianto, delle condotte di by-pass interno e generale dell impianto e del tratto a terra della condotta sottomarina; - prelievo ed analisi chimico-fisiche di campioni di liquami nelle 7 stazioni di sollevamento della rete fognaria, nel pozzetto di arrivo all impianto di depurazione e nella stazione di sollevamento della condotta sottomarina; - rilievo batimetrico strumentale dello specchio acqueo in cui giace la condotta sottomarina; - ripresa filmata e fotografie subacquee della condotta sottomarina e dei diffusori terminali; - verifica della funzionalità dei diffusori terminali della condotta sottomarina anche mediante prove di tenuta idraulica; L aggiudicatario è responsabile della corretta esecuzione dei servizi sopra indicati che dovranno essere svolti secondo le prescrizioni delle competenti Autorità. E pertanto obbligato ad espletare ogni pratica ed istanza autorizzativa, nonché le connesse necessarie ricerche documentali e in situ. Il presente capitolato d oneri, unitamente alla documentazione tecnica allegata, definisce i servizi minimi richiesti da Sogesid S.p.A. indicandone l estensione, i limiti di competenza e le informazioni utili per lo svolgimento dell incarico. La descrizione delle attività riportate nei successivi capitoli ha valore esplicativo, ma non limitativo. Pertanto deve intendersi compreso nell incarico, anche se non espressamene indicato, tutto quanto è oggetto di esso, completo in ogni parte ed idoneo allo scopo cui è destinato. Le attività dovranno essere eseguite nel rispetto delle prescrizioni fornite dal presente capitolato d oneri, dalle Autorità Competenti e dalle norme vigenti, in conformità alle ulteriori disposizioni che la Sogesid S.p.A. si riserva di comunicare nel corso Pagina 1

4 dell'espletamento dell'incarico per il tramite del Direttore dell esecuzione del contratto da essa designato e del Responsabile del procediomento. 2. OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto del presente incarico sono i servizi specialistici indicati in premessa, finalizzati all identificazione del reale stato di consistenza delle principali infrastrutture, civili ed elettromeccaniche, del settore fognario-depurativo dell isola di Lampedusa. Le attività previste si articoleranno in tre fasi principali: 1. rilievi topografici e dello stato di consistenza delle opere civili ed elettromeccaniche, ricostruzione indiretta delle portate sollevate nella rete fognaria e immesse all impianto; 2. video ispezione e/o prove di tenuta idraulica delle condotte in esercizio e riprese subacquee della condotta sottomarina, per tutto il suo sviluppo; 3. analisi chimico-fisica dei liquami. 2.1 RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo L attività riguarda, in particolare: a. impianto di depurazione esistente (allegato A). b. area di pertinenza dell impianto compresa la porzione in cui è ubicata la stazione di sollevamento della condotta sottomarina (allegato A); c. n. 6 stazioni di sollevamento della rete fognaria (n. 3,4,5,9,15,6,10 allegato B) e n. 1 stazione a servizio della condotta sottomarina (n. 17 allegato B); d. condotte di collegamento (prementi) dall ultima stazione di sollevamento ubicata nell area portuale, per la spinta dei liquami verso impianto di depurazione, con particolare attenzione al rilievo dello stato di fatto e di funzionamento di detta stazione di sollevamento ed annessi macchinari elettromeccanici e apparecchiature di forza motrice; e. condotte di by-pass interno e generale dell impianto e il tratto a terra della condotta sottomarina. f. il fondale marino su cui giace la condotta sottomarina Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario L aggiudicatario, per ciascuno degli elementi oggetto di rilievo, dovrà svolgere le attività e produrre la documentazione riportate di seguito. a. impianto di depurazione esistente: - rilievo plano altimetrico e sezioni dell impianto di depurazione, con la restituzione grafica delle strade interne di servizio, edifici, unità di trattamento (vasche, pozzetti, etc): Pagina 2

5 - schede tecniche descrittive delle apparecchiature elettromeccaniche presenti e dello stato di consistenza rilevato; - collocazione di misuratore di portata del tipo magnetico in ingresso al depuratore in grado di registrare portate minime di 25 mc/h e massime di mc/h. Lo stesso dovrà essere in grado di misurare: portata istantanea, portata media, totalizzazione delle portate e tempo di funzionamento. Tale attrezzatura, fornita e installata, rimarrà di proprietà della Committenza a beneficio dell impianto di depurazione stesso per il futuro monitoraggio delle portate in ingresso all impianto. b. area di pertinenza dell impianto compresa l area in cui è ubicata la stazione di sollevamento della condotta sottomarina (allegato A): - piano quotato dell area indicata nell allegato A con la restituzione grafica delle strade di accesso all impianto e della recinzione esistente; c. n. 7 stazioni di sollevamento della rete fognaria (allegato B) e n. 1 a servizio della condotta sottomarina (allegato A): - pianta dei manufatti; - sezioni verticali nelle quali devono essere indicate le quote di arrivo, di massimo sfioro e di fondo; - ricostruzione del percorso dello scarico di troppo pieno dei singoli manufatti fino al recapito finale; - per le stazioni nn. 3 e 4 (Salina 1 e 2) e per la stazione n. 6 (Castiglione): tracciato planimetrico del tratto finale delle condotte di immissione al sollevamento; - schede tecniche descrittive delle apparecchiature elettromeccaniche presenti e dello stato di consistenza rilevato; - ricostruzione indiretta della portata sollevata nelle singole stazioni in condizioni di funzionamento e registrazione delle ore di funzionamento per tutta la durata dell incarico oggetto del presente capitolato d oneri (gg. 30). d. condotte di collegamento (prementi) dalla stazione di sollevamento finale delle rete fognaria all impianto di depurazione: - stazione n. 6 (stazione Castiglione): tracciato planimetrico delle condotte prementi (sia in esercizio che non) fino al pozzetto di arrivo all impianto. Scheda tecnica descrittiva dei materiali e dei diametri delle condotte e dello stato di consistenza rilevato. Stato di esercizio delle condotte e delle apparecchiature idrauliche in linea (sia in esercizio che non), identificazione delle cause di mal funzionamenti o dismissione. - individuazione dei sottoservizi esistenti lungo il tracciato delle condotte di cui al punto precedente. Tale attività verrà espletata sia in campo mediante il rilievo di posizione, profondità e caratteristiche tecniche delle condotte e dei chiusini esistenti, sia attraverso il confronto tra quanto rilevato e quanto riportato negli elaborati grafici disponibili presso l Amministrazione Comunale, che l Aggiudicatario avrà l onere di acquisire, unitamente a tutte le informazioni utili ad individuare l esatta posizione e profondità delle infrastrutture e dei servizi interferenti con il tracciato di progetto. Pagina 3

6 - condotte di by-pass interno e generale dell impianto e tratto a terra della condotta sottomarina: tracciato planimetrico e scheda tecnica descrittiva dei materiali e dei diametri delle condotte, e apparecchiature, stato di consistenza e funzionamento delle apparecchiature idrauliche ed elettromeccaniche Attrezzature e strumentazione Per l esecuzione dei rilievi l aggiudicatario potrà utilizzare la strumentazione che riterrà più congeniale (total station, GPS, etc.), con l obbligo di certificare che, per l esecuzione del rilievo, la strumentazione usata deve essere tale da garantire un errore quadratico medio sulle misure angolari non superiore ai +/- 5 secondi centesimali e un errore quadratico medio non superiore a +/- 2 mm + 2ppm per la determinazione delle distanze. Lo strumento di registrazione utilizzato per la ricostruzione indiretta delle portate sollevate resta di proprietà della Committenza. 2.2 VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Le attività riguardano, in particolare: a. le condotte di collegamento tra la stazione di sollevamento terminale della rete fognaria (stazione n.6 Castiglione) e l impianto di depurazione; b. la condotta sottomarina. c. fondale marino su cui giace la condotta sottomarina Attività da espletare e documentazione redatta a cura dell aggiudicatario L affidamento del servizio riguarda la realizzazione, in via esemplificativa e non esaustiva, delle seguenti attività: a. condotte di collegamento tra la stazione di sollevamento terminale della rete fognaria (stazione n.6 Castiglione) e l impianto di depurazione: - sulle condotte oggetto dell incarico va effettuata l ispezione televisiva previo concordamento di fuori servizio, mediante telecamera semovente a controllo elettronico ed azionamento elettrico a circuito chiuso e la registrazione su supporto informatico del tracciato ispezionato, della notazione delle evidenze dell ispezione, delle note dell operatore e delle progressive metriche dei punti di criticità rilevati. - sulle medesime condotte saranno effettuate le prove di tenuta idraulica utilizzando pressioni di collaudo riferite a pressioni realizzabili tra l'asse della condotta ed il piano stradale o di campagna, per tratte caratterizzate da dislivello non superiore a m 0,50 circa. Le verifiche dovranno accertare l esatto stato di funzionamento di apparecchi, raccordi, accessori, giunture, pezzi speciali, la tenuta delle giunzioni e delle guarnizioni, il funzionamento di ogni elemento ecc., del che verranno redatti appositi verbali, in contraddittorio con la Direzione dell esecuzione del contratto, da cui si evinca: Pagina 4

7 data esecuzione della prova; luogo e localizzazione della tratta; materiale della condotta pressione nominale tempo di stabilizzazione pressione di prova temperatura dell acqua grafico esiti Per le ulteriori specifiche tecniche delle prove di tenuta idraulica si rimanda ai capitolati speciali prestazionali relativi alle opere di fognatura. b. condotta sottomarina e fondale marino su cui giace la condotta sottomarina. L aggiudicatario dovrà svolgere indagini dirette e strumentali volte alla ricognizione del fondale marino su cui insiste la condotta sottomarina e all accertamento dello stato di consistenza e funzionamento della condotta sottomarina stessa. Indagini dirette: - Durante le operazioni, che avverranno solo durante le ore diurne su più turni di lavoro, compatibilmente con le condizione di sicurezza degli operatori subacquei, in condizioni meteo-marine adeguate, i sommozzatori saranno assistiti da un mezzo nautico di superficie di appoggio dotato di apparato radio ricetrasmittente in onde VHF, in grado di comunicare sia con gli operatori in immersione che con la Capitaneria di Porto dell isola di Lampedusa. La ricognizione visiva del fondale deve essere eseguita sviluppo della condotta sottomarina e dei diffusori, con l ausilio del natante appositamente attrezzato che percorrerà le rotte prestabilite alla velocità massima di 1 nodo. L operatore subacqueo sarà agganciato e trainato a mezzo di dispositivo corredato di galleggiante e corpo morto, per mantenere costante la profondità di immersione e consentire il disimpegno rapido dell operatore in caso di necessità. La ricognizione dovrà essere impostata su un programma di rotte parallele con interasse delle sequenze che deve tenere conto delle condizioni di visibilità sul fondale e del campo visivo dell operatore e consentire un adeguato margine di sovrapposizione. La rotta e la posizione del natante verrà controllata da un ricevitore GPS a correzione differenziale collegato a un p.c. dotato del software in grado di definire in tempo reale la posizione dell imbarcazione. Il sistema deve permettere di visualizzare le rotte tracciate dal programma di navigazione, nonché la direzione e velocità effettive del natante, che devono essere registrate su supporto magnetico. La registrazione conterrà anche l indicazione della data e ora di passaggio sui punti della rotta effettiva tracciata. L operatore subacqueo sarà in costante contatto radio con l imbarcazione in superficie, manovrata da un addetto alla navigazione e da un suo assistente. Le segnalazioni di possibili criticità della condotta sottomarina devono essere annotate dal programma di navigazione con la registrazione della posizione del punto segnalato. Le aree non accessibili al natante, come quelle prossime alla linea di costa, saranno indagate dall operatore subacqueo con l aiuto di riferimenti fissi a terra ed eventuali sagole e gavitelli a mare, riferiti ad apposita Pagina 5

8 cartografia, dove verranno registrati i punti di immersione. Il rilievo dei punti di interesse e di segnalazione, nel caso non fosse utilizzabile il sistema GPS, verrà effettuato con i mezzi più adatti forniti dalla topografia. Al termine della fase di ricognizione verrà prodotta una mappa delle segnalazioni, su cui devono essere annotate le coordinate dei punti, la data e l ora delle segnalazioni e la traccia delle rotte effettivamente seguite durante le indagini. Indagini strumentali: - Sull area del fondale su cui insiste la condotta sottomarina e i due diffusori sarà condotta un indagine di approfondimento e in particolare il rilievo batimetrico strumentale di dettaglio mediante sistema con ecoscandaglio Multibeam Echosounder. Dovrà essere altresì effettuata una ripresa filmata dell area interessata dalla condotta sottomarina e dai sui diffusori. I rilievi visual inspection saranno eseguiti da operatori subacquei altamente qualificati che si avvarranno di apposita strumentazione di ripresa. E inoltre richiesto che il trasferimento dei dati audio/video delle riprese venga assicurato in tempo reale fra l'operatore subacqueo e la postazione di bordo. Le riprese saranno fornite su supporti informatici (CD-ROM o DVD) su file in formato mpg o avi, con le necessarie indicazioni sulla data e l ora della ripresa. In conclusione sarà prodotta una relazione illustrante le attività eseguite, i risultati delle indagini e le criticità rilevate sui manufatti ispezionati (condotte, diffusori, blocchi di ancoraggio e barriere di protezione). Eventuali ritrovamenti, anomalie, criticità, rotture, collassi della tubazione, spostamenti significativi dal normale asse di sviluppo della stessa, malfunzionamento dei sistemi di ancoraggio ecc. verranno documentati anche con fotografie subacquee che saranno riferite a una planimetria schematica orientata indicante i punti di vista delle riprese fotografiche. - L aggiudicatario dovrà restituire il profilo longitudinale della condotta sottomarina e la carta batimetrica Attrezzature e strumentazione Per l esecuzione del rilievo batimetrico la strumentazione usata deve garantire con un singolo impulso la campionatura del fondale perpendicolarmente alla direzione di avanzamento dell'imbarcazione, in 240 punti ( 240 beams) su un corridoio ampio circa 3, 4 volte la profondità dell'acqua. La strumentazione utilizzata deve essere tale da ottenere la copertura totale dell'area da investigare con un elevato numero di punti campionati per unità di superficie. Il tipo di ecoscandaglio utilizzato, al fine di poter determinare con precisione il valore di profondità e la posizione dei punti campionati e dei dati calcolati, dovrà essere corredata da adeguati strumenti di supporto, quali: MRU: piattaforma inerziale che permetta di calcolare i movimenti dell'imbarcazione causati principalmente dal moto ondoso (roll, pitch e heave); SVP: strumentazione che permetta di determinare l'andamento della velocità delle onde acustiche nell'acqua in funzione della profondità e calcolare la velocità delle onde acustiche nell'acqua in prossimità del trasduttore; GYRO: strumento che permette di determinare con precisione l'orientamento del natante ; Pagina 6

9 NAVIGATORE: con segnale GPS differenziale (DGPS) capace di correggere gli errori del GPS fornendogli una base stazionaria con parametri predefiniti, in grado di trasmettere il segnale radio a tutti i dispositivi con sistema DGPS presenti nell'area, ricevendo il segnale di correzione. 2.3 ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Le attività riguardano, in particolare: a. Stazione di sollevamento n. 6 (stazione Castiglione) e stazione di sollevamento n. 17 (condotta sottomarina). b. il pozzetto di arrivo all impianto di depurazione Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario L affidamento del servizio riguarda l esecuzione delle seguenti prove (con riferimento ala normativa vigente) su campioni di acqua reflua: - analisi chimiche su n 3 campioni di liquami da prelevare nelle condizioni di massima, media e minima portata, all ingresso della stazione di sollevamento finale (Castiglione): ph, Temperatura, Colore, conducibilità, salinità, Materiali sospesi totali, BOD5, COD, Azoto totale, Azoto ammoniacale, azoto organico, azoto nitroso, azoto nitrico, Fosforo totale, tensioattivi MBAS; - analisi chimiche su n 3 campioni di liquami da prelevare nelle condizioni di massima, media e minima portata, all ingresso dell impianto di depurazione: ph, Temperatura, Colore, conducibilità, salinità, - analisi chimiche su n. 1 campione prelevato dall effluente depurato: ph, temperatura, colore, odore, conducibilità, salinità, materiali grossolani, materiali sedimentabili, materiali in sospensione, BOD5, COD, azoto totale, azoto ammoniacale, azoto organico, azoto nitroso, azoto nitrico, cloro residuo, grassi e oli animali e vegetali, solfati, cloruri, fosforo tot., tensioattivi MBAS. Le analisi dovranno essere effettuate utilizzando i metodi ufficiali IRSA-CNR/2004 e s.m.i. e corredate da misure di portata per la stima del quantitativo dei carichi Attrezzature e strumentazione Per l esecuzione delle attività relative all affidamento in oggetto, l Aggiudicatario potrà utilizzare l attrezzatura e la strumentazione che riterrà più congeniale. 3. NORME TECNICHE Le procedure operative per la conduzione dell affidamento dovranno essere dichiarate preventivamente nei documenti di offerta. L inizio delle attività verrà ordinato dalla Sogesid S.p.A. con apposita formale disposizione del Direttore dell esecuzione del contratto. La Committenza ha inoltre facoltà di presenziare alle operazioni di rilievo. Pagina 7

10 Sarà a carico dell Aggiudicatario la fornitura di apparecchiature, strumentazioni, mezzi d opera, mano d opera, pezzi speciali, ed in genere ogni altro onere per dare il servizio completo ed esaustivo di ogni richiesta di cui al presente capitolato. Sarà inoltre carico dell Aggiudicatario il ripristino dello stato dei luoghi, dei manufatti e delle apparecchiature, nel caso in cui siano necessari scavi, demolizioni, svellimenti, smontaggi, e modifiche ai manufatti e alle apparecchiature esistenti per l esecuzione delle indagini e delle prove di cui al presente capitolato. 4. RESPONSABILITA ED ONERI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Le attività di rilievo e le successive elaborazioni devono essere eseguite secondo le direttive impartite dalla Stazione appaltante, nel rispetto dei patti contrattuali, dei documenti e delle norme dagli stessi richiamate e delle eventuali variazioni ordinate. In particolare sono a carico dell Aggiudicatario: - il trattamento economico, assicurativo, previdenziale e antinfortunistico del personale direttamente impegnato dall Aggiudicatario, nonché tutti gli oneri per eseguire il servizio nel rispetto delle norme legislative e regolamentari vigenti, compresa la normativa sulla sicurezza e la salute dei lavoratori; - le spese per gli eventuali noli o acquisti necessari (trigonometrici, natanti, cartografie, hardware e software, etc.,), le spese di viaggio, trasferta e soggiorno del personale, i diritti di copyright per la produzione dei dati nei sistemi di riferimento; - l ottenimento di tutte le autorizzazioni per l accesso ai siti e agli impianti e le eventuali spese connesse; - le spese per le elaborazioni cartografiche, l editing finale su supporto informatico, la produzione del materiale fotografico e cartaceo, compresi gli eventuali diritti di copyright per la restituzione dei dati stessi; L Aggiudicatario osserverà nei riguardi dei propri dipendenti e incaricati le leggi, i regolamenti e le disposizioni dei contratti di lavoro, gli obblighi previdenziali ed assicurativi disciplinanti i rapporti di lavoro per le categorie interessate e per la zona di riferimento. L Aggiudicatario dovrà fornire l elenco del personale incaricato dell esecuzione di tutti i servizi affidati e doterà il proprio personale di cartellino identificativo. 4.1 RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA Nel caso in cui l Aggiudicatario intenda utilizzare strumentazioni GPS, saranno a suo totale carico gli oneri connessi per la verifica di interferenze radio sulle frequenze GPS e per la soluzione dei problemi derivanti da tali interferenze. L Aggiudicatario è responsabile di eventuali danni prodotti nell espletamento del servizio ed è tenuto al ripristino dei luoghi e dei manufatti oggetto di indagine e ispezione, oltre al risarcimento per i danni prodotti. Pagina 8

11 4.2 VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA Preventivamente alla esecuzione dei rilievi l Aggiudicatario dovrà consultare presso la Sogesid S.p.A. la cartografia disponibile, eventualmente provvedendo a sua cura e spese alla raccolta di cartografia integrativa, ove ritenuta necessaria. 4.3 ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI L Aggiudicatario dovrà provvedere con proprio personale, secondo un programma da concordare con l Ufficio Tecnico Comunale di Lampedusa e la Sogesid S.p.A., ad eseguire il prelievo e l identificazione dei campioni secondo le modalità tecniche stabilite e con la frequenza richiesta. L accesso agli impianti e la necessità di manovrare le apparecchiature esistenti per l espletamento delle indagini dovranno essere preventivamente concordati ed autorizzati dall autorità o dal soggetto preposto alla gestione e al servizio a cui le apparecchiature si riferiscono. L Aggiudicatario dovrà mettere a disposizione materiali, attrezzature e mano d opera necessari all esecuzione dei prelievi e alla manovra delle apparecchiature di cui al paragrafo che precede. Il prelievo dei campioni dovrà essere effettuato obbligatoriamente alla presenza del personale dalla Sogesid S.p.A., previo formale preavviso di gg. 5. L Aggiudicatario dovrà compilare una scheda relativa ad ogni campionamento effettuato che sarà fornita alla Sogesid S.p.A. I campioni.saranno conservati, a cura e spese dell Aggiudicatario, in contenitori isotermici e saranno recapitati al più presto presso il luogo dove verranno effettuate le analisi. Queste ultime verranno eseguite nei 5 giorni successivi al prelievo. L Aggiudicatario ha l obbligo di anticipare alla Sogesid S.p.A. a mezzo fax o le risultanze delle analisi. L Aggiudicatario, per l effettuazione dei campionamenti e delle analisi delle acque reflue si atterrà alle norme vigenti, mentre la Sogesid S.p.A. si riserva il diritto di ordinare ulteriori prelievi ed analisi, senza che l Aggiudicatario possa avanzare richieste di compensi integrativi. 5. DURATA DELLE ATTIVITA E CONSEGNA DEGLI ELABORATI Le attività devono essere completate entro 30 (trenta) giorni dalla data di emissione da parte del Responsabile del Procedimento di apposito ordine di servizio per l avvio della prestazione. Per ogni giorno naturale consecutivo di ritardo rispetto al tempo contrattuale previsto il Committente applicherà una penale di 100,00 (euro cento/00). Superati i 15 giorni di ritardo è facoltà del Committente procedere alla risoluzione contrattuale. A seguito di n. 2 contestazioni scritte e motivate per inosservanza delle prescrizioni contrattuali o per insufficiente qualità del servizio, la Sogesid S.p.A. potrà risolvere il contratto con semplice comunicazione, senza ulteriori atti di diffida ad adempiere. Pagina 9

12 Fermo restando il termine di 30 giorni per dare ultimati i lavori, le attività dovranno seguire il seguente ordine di priorità: 1. Rilievo topografico e di consistenza della stazione di sollevamento n. 17 (connessa alla condotta sottomarina) della condotta sottomarina secondo le specifiche indicate all art. 2.1 con riferimento alla stessa stazione e alle opere connesse; 2. Rilievo visual inspection della condotta sottomarina secondo le specifiche di cui all art Tutte le altre attività di cui all art. 2. Cronoprogramma delle attività: Macro attività 0 5 gg 6 10 gg gg gg gg gg Rilievo topografico e di consistenza della stazione di sollevamento n. 17 (condotta sottomarina) e della condotta sottomarina secondo le specifiche indicate al capitolo 2.1 con riferimento alla stessa stazione e alle opere connesse Rilievo visual inspection della condotta sottomarina secondo le specifiche di cui al capitolo 2.2 Tutte le altre attività di cui al capitolo IMPORTI A BASE DELLA GARA L importo posto a base di gara per l espletamento dei servizi ammonta ad ,00 (euro trentamila/00) oltre IVA al 21% ed oneri di legge, con esclusione delle offerte in aumento. 7. FORNITURA DEI PRODOTTI, LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE L Aggiudicatario dovrà consegnare, entro il termine indicato al capitolo 5, n. 3 (tre) copie cartacee. e n. 3 (tre) copie in formato digitale dei rilievi e delle prove. Il pagamento della prestazione avverrà entro 30 (sessanta) giorni fine mese data fattura previa approvazione degli elaborati prodotti. 8. DIRITTI SUL MATERIALE PRODOTTO Il materiale prodotto in esito alla attuazione di questo servizio sarà di proprietà esclusiva della Sogesid S.p.A. che si riserva ogni diritto sul materiale grafico, fotografico, video e descrittivo, oggetto del presente affidamento, restando precluso all Aggiudicatario ogni uso o divulgazione del materiale stesso, estendendo tale preclusione alle copie di scarto e in genere su tutto ciò che potrà residuare dall'esecuzione della prestazione di servizi oggetto del contratto. Pagina 10

13 ALLEGATO A Pagina 12

14 ALLEGATO B 17 Pagina 13

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato

ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato ACQUEDOTTO PUGLIESE S.p.A. Regolamento del Servizio Idrico Integrato REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO INDICE CAPO I CONDIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione

Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione 1 Il sistema di rilevazione dati per il controllo globale delle macchine di produzione Per automatizzare Ia raccolta dati di produzione e monitorare in tempo reale il funzionamento delle macchine, Meta

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009)

COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE. (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) COMUNE DI COGOLETO Provincia di Genova REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ RUMOROSE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 63 del 17/12/2009) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 Art. 1 - CAMPO

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli