ALL. A LAMPEDUSA, INCLUSE LE MISURE DI PORTATA ED ANALISI DELLE ACQUE. CIG: Z1703C6168. CUP: J52G CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALL. A LAMPEDUSA, INCLUSE LE MISURE DI PORTATA ED ANALISI DELLE ACQUE. CIG: Z1703C6168. CUP: J52G11000410001. CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 ALL. A AFFIDAMENTO AI SENSI DEL COMBINATO DISPOSTO DAGLI ARTT. 252, 267, COMMA 10, DEL D.P.R. N. 207/2010 E S.M.I. E DALL ART. 125, COMMA 11 ULTIMO PERIODO, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DEI SERVIZI PER IL RILIEVO TOPOGRAFICO ED INDAGINI, DIRETTE E STRUMENTALI, SULLA CONSISTENZA DEI MANUFATTI ESISTENTI RELATIVI AL SISTEMA FOGNARIO-DEPURATIVO DELL ISOLA DI LAMPEDUSA, INCLUSE LE MISURE DI PORTATA ED ANALISI DELLE ACQUE. CIG: Z1703C6168. CUP: J52G CAPITOLATO TECNICO

2 INDICE 1. PREMESSA 1 2. OGGETTO DEL SERVIZIO RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario Attrezzature e strumentazione VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Attività da espletare e documentazione redatta a cura dell aggiudicatario Attrezzature e strumentazione ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario Attrezzature e strumentazione 7 3. NORME TECNICHE 7 4. RESPONSABILITA ED ONERI A CARICO DELLA DITTA RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI 9 5. DURATA DELLE ATTIVITA E CONSEGNA DEGLI ELABORATI 9 6. IMPORTI A BASE DELLA GARA FORNITURA DEI PRODOTTI, LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE DIRITTI SUL MATERIALE PRODOTTO 10 Pagina I

3 1. PREMESSA La Sogesid S.p.A., nell ambito dell incarico di progettazione preliminare dei lavori di ampliamento e adeguamento dell impianto di depurazione dell isola di Lampedusa, affidatole dal Soggetto Attuatore di cui all OPCM 16 giugno 2011 n. 3947, deve svolgere le attività di indagine sui luoghi e sui manufatti interessati dall intervento oggetto della progettazione di seguito indicati: - rilievo topografico e di consistenza dei manufatti e delle apparecchiature di 7 stazioni di sollevamento della rete fognaria, di quella a servizio della condotta sottomarina, dell impianto di depurazione esistente e dell area di pertinenza dello stesso, come da planimetria allegata. - ispezione televisiva delle condotte prementi dall ultima stazione di sollevamento della rete fognaria alla stazione di rilancio e all impianto di depurazione ed eventuali prove di tenuta idraulica; - ricostruzione, indiretta, della portata sollevata nelle 8 stazioni di sollevamento oggetto di indagine; - ricostruzione del percorso dello scarico di troppo pieno di ogni stazione di sollevamento fino al punto di recapito finale; - ricostruzione dei tracciati delle condotte di collegamento tra l ultima stazione di sollevamento della rete fognaria e l impianto, delle condotte di by-pass interno e generale dell impianto e del tratto a terra della condotta sottomarina; - prelievo ed analisi chimico-fisiche di campioni di liquami nelle 7 stazioni di sollevamento della rete fognaria, nel pozzetto di arrivo all impianto di depurazione e nella stazione di sollevamento della condotta sottomarina; - rilievo batimetrico strumentale dello specchio acqueo in cui giace la condotta sottomarina; - ripresa filmata e fotografie subacquee della condotta sottomarina e dei diffusori terminali; - verifica della funzionalità dei diffusori terminali della condotta sottomarina anche mediante prove di tenuta idraulica; L aggiudicatario è responsabile della corretta esecuzione dei servizi sopra indicati che dovranno essere svolti secondo le prescrizioni delle competenti Autorità. E pertanto obbligato ad espletare ogni pratica ed istanza autorizzativa, nonché le connesse necessarie ricerche documentali e in situ. Il presente capitolato d oneri, unitamente alla documentazione tecnica allegata, definisce i servizi minimi richiesti da Sogesid S.p.A. indicandone l estensione, i limiti di competenza e le informazioni utili per lo svolgimento dell incarico. La descrizione delle attività riportate nei successivi capitoli ha valore esplicativo, ma non limitativo. Pertanto deve intendersi compreso nell incarico, anche se non espressamene indicato, tutto quanto è oggetto di esso, completo in ogni parte ed idoneo allo scopo cui è destinato. Le attività dovranno essere eseguite nel rispetto delle prescrizioni fornite dal presente capitolato d oneri, dalle Autorità Competenti e dalle norme vigenti, in conformità alle ulteriori disposizioni che la Sogesid S.p.A. si riserva di comunicare nel corso Pagina 1

4 dell'espletamento dell'incarico per il tramite del Direttore dell esecuzione del contratto da essa designato e del Responsabile del procediomento. 2. OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto del presente incarico sono i servizi specialistici indicati in premessa, finalizzati all identificazione del reale stato di consistenza delle principali infrastrutture, civili ed elettromeccaniche, del settore fognario-depurativo dell isola di Lampedusa. Le attività previste si articoleranno in tre fasi principali: 1. rilievi topografici e dello stato di consistenza delle opere civili ed elettromeccaniche, ricostruzione indiretta delle portate sollevate nella rete fognaria e immesse all impianto; 2. video ispezione e/o prove di tenuta idraulica delle condotte in esercizio e riprese subacquee della condotta sottomarina, per tutto il suo sviluppo; 3. analisi chimico-fisica dei liquami. 2.1 RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo L attività riguarda, in particolare: a. impianto di depurazione esistente (allegato A). b. area di pertinenza dell impianto compresa la porzione in cui è ubicata la stazione di sollevamento della condotta sottomarina (allegato A); c. n. 6 stazioni di sollevamento della rete fognaria (n. 3,4,5,9,15,6,10 allegato B) e n. 1 stazione a servizio della condotta sottomarina (n. 17 allegato B); d. condotte di collegamento (prementi) dall ultima stazione di sollevamento ubicata nell area portuale, per la spinta dei liquami verso impianto di depurazione, con particolare attenzione al rilievo dello stato di fatto e di funzionamento di detta stazione di sollevamento ed annessi macchinari elettromeccanici e apparecchiature di forza motrice; e. condotte di by-pass interno e generale dell impianto e il tratto a terra della condotta sottomarina. f. il fondale marino su cui giace la condotta sottomarina Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario L aggiudicatario, per ciascuno degli elementi oggetto di rilievo, dovrà svolgere le attività e produrre la documentazione riportate di seguito. a. impianto di depurazione esistente: - rilievo plano altimetrico e sezioni dell impianto di depurazione, con la restituzione grafica delle strade interne di servizio, edifici, unità di trattamento (vasche, pozzetti, etc): Pagina 2

5 - schede tecniche descrittive delle apparecchiature elettromeccaniche presenti e dello stato di consistenza rilevato; - collocazione di misuratore di portata del tipo magnetico in ingresso al depuratore in grado di registrare portate minime di 25 mc/h e massime di mc/h. Lo stesso dovrà essere in grado di misurare: portata istantanea, portata media, totalizzazione delle portate e tempo di funzionamento. Tale attrezzatura, fornita e installata, rimarrà di proprietà della Committenza a beneficio dell impianto di depurazione stesso per il futuro monitoraggio delle portate in ingresso all impianto. b. area di pertinenza dell impianto compresa l area in cui è ubicata la stazione di sollevamento della condotta sottomarina (allegato A): - piano quotato dell area indicata nell allegato A con la restituzione grafica delle strade di accesso all impianto e della recinzione esistente; c. n. 7 stazioni di sollevamento della rete fognaria (allegato B) e n. 1 a servizio della condotta sottomarina (allegato A): - pianta dei manufatti; - sezioni verticali nelle quali devono essere indicate le quote di arrivo, di massimo sfioro e di fondo; - ricostruzione del percorso dello scarico di troppo pieno dei singoli manufatti fino al recapito finale; - per le stazioni nn. 3 e 4 (Salina 1 e 2) e per la stazione n. 6 (Castiglione): tracciato planimetrico del tratto finale delle condotte di immissione al sollevamento; - schede tecniche descrittive delle apparecchiature elettromeccaniche presenti e dello stato di consistenza rilevato; - ricostruzione indiretta della portata sollevata nelle singole stazioni in condizioni di funzionamento e registrazione delle ore di funzionamento per tutta la durata dell incarico oggetto del presente capitolato d oneri (gg. 30). d. condotte di collegamento (prementi) dalla stazione di sollevamento finale delle rete fognaria all impianto di depurazione: - stazione n. 6 (stazione Castiglione): tracciato planimetrico delle condotte prementi (sia in esercizio che non) fino al pozzetto di arrivo all impianto. Scheda tecnica descrittiva dei materiali e dei diametri delle condotte e dello stato di consistenza rilevato. Stato di esercizio delle condotte e delle apparecchiature idrauliche in linea (sia in esercizio che non), identificazione delle cause di mal funzionamenti o dismissione. - individuazione dei sottoservizi esistenti lungo il tracciato delle condotte di cui al punto precedente. Tale attività verrà espletata sia in campo mediante il rilievo di posizione, profondità e caratteristiche tecniche delle condotte e dei chiusini esistenti, sia attraverso il confronto tra quanto rilevato e quanto riportato negli elaborati grafici disponibili presso l Amministrazione Comunale, che l Aggiudicatario avrà l onere di acquisire, unitamente a tutte le informazioni utili ad individuare l esatta posizione e profondità delle infrastrutture e dei servizi interferenti con il tracciato di progetto. Pagina 3

6 - condotte di by-pass interno e generale dell impianto e tratto a terra della condotta sottomarina: tracciato planimetrico e scheda tecnica descrittiva dei materiali e dei diametri delle condotte, e apparecchiature, stato di consistenza e funzionamento delle apparecchiature idrauliche ed elettromeccaniche Attrezzature e strumentazione Per l esecuzione dei rilievi l aggiudicatario potrà utilizzare la strumentazione che riterrà più congeniale (total station, GPS, etc.), con l obbligo di certificare che, per l esecuzione del rilievo, la strumentazione usata deve essere tale da garantire un errore quadratico medio sulle misure angolari non superiore ai +/- 5 secondi centesimali e un errore quadratico medio non superiore a +/- 2 mm + 2ppm per la determinazione delle distanze. Lo strumento di registrazione utilizzato per la ricostruzione indiretta delle portate sollevate resta di proprietà della Committenza. 2.2 VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Le attività riguardano, in particolare: a. le condotte di collegamento tra la stazione di sollevamento terminale della rete fognaria (stazione n.6 Castiglione) e l impianto di depurazione; b. la condotta sottomarina. c. fondale marino su cui giace la condotta sottomarina Attività da espletare e documentazione redatta a cura dell aggiudicatario L affidamento del servizio riguarda la realizzazione, in via esemplificativa e non esaustiva, delle seguenti attività: a. condotte di collegamento tra la stazione di sollevamento terminale della rete fognaria (stazione n.6 Castiglione) e l impianto di depurazione: - sulle condotte oggetto dell incarico va effettuata l ispezione televisiva previo concordamento di fuori servizio, mediante telecamera semovente a controllo elettronico ed azionamento elettrico a circuito chiuso e la registrazione su supporto informatico del tracciato ispezionato, della notazione delle evidenze dell ispezione, delle note dell operatore e delle progressive metriche dei punti di criticità rilevati. - sulle medesime condotte saranno effettuate le prove di tenuta idraulica utilizzando pressioni di collaudo riferite a pressioni realizzabili tra l'asse della condotta ed il piano stradale o di campagna, per tratte caratterizzate da dislivello non superiore a m 0,50 circa. Le verifiche dovranno accertare l esatto stato di funzionamento di apparecchi, raccordi, accessori, giunture, pezzi speciali, la tenuta delle giunzioni e delle guarnizioni, il funzionamento di ogni elemento ecc., del che verranno redatti appositi verbali, in contraddittorio con la Direzione dell esecuzione del contratto, da cui si evinca: Pagina 4

7 data esecuzione della prova; luogo e localizzazione della tratta; materiale della condotta pressione nominale tempo di stabilizzazione pressione di prova temperatura dell acqua grafico esiti Per le ulteriori specifiche tecniche delle prove di tenuta idraulica si rimanda ai capitolati speciali prestazionali relativi alle opere di fognatura. b. condotta sottomarina e fondale marino su cui giace la condotta sottomarina. L aggiudicatario dovrà svolgere indagini dirette e strumentali volte alla ricognizione del fondale marino su cui insiste la condotta sottomarina e all accertamento dello stato di consistenza e funzionamento della condotta sottomarina stessa. Indagini dirette: - Durante le operazioni, che avverranno solo durante le ore diurne su più turni di lavoro, compatibilmente con le condizione di sicurezza degli operatori subacquei, in condizioni meteo-marine adeguate, i sommozzatori saranno assistiti da un mezzo nautico di superficie di appoggio dotato di apparato radio ricetrasmittente in onde VHF, in grado di comunicare sia con gli operatori in immersione che con la Capitaneria di Porto dell isola di Lampedusa. La ricognizione visiva del fondale deve essere eseguita sviluppo della condotta sottomarina e dei diffusori, con l ausilio del natante appositamente attrezzato che percorrerà le rotte prestabilite alla velocità massima di 1 nodo. L operatore subacqueo sarà agganciato e trainato a mezzo di dispositivo corredato di galleggiante e corpo morto, per mantenere costante la profondità di immersione e consentire il disimpegno rapido dell operatore in caso di necessità. La ricognizione dovrà essere impostata su un programma di rotte parallele con interasse delle sequenze che deve tenere conto delle condizioni di visibilità sul fondale e del campo visivo dell operatore e consentire un adeguato margine di sovrapposizione. La rotta e la posizione del natante verrà controllata da un ricevitore GPS a correzione differenziale collegato a un p.c. dotato del software in grado di definire in tempo reale la posizione dell imbarcazione. Il sistema deve permettere di visualizzare le rotte tracciate dal programma di navigazione, nonché la direzione e velocità effettive del natante, che devono essere registrate su supporto magnetico. La registrazione conterrà anche l indicazione della data e ora di passaggio sui punti della rotta effettiva tracciata. L operatore subacqueo sarà in costante contatto radio con l imbarcazione in superficie, manovrata da un addetto alla navigazione e da un suo assistente. Le segnalazioni di possibili criticità della condotta sottomarina devono essere annotate dal programma di navigazione con la registrazione della posizione del punto segnalato. Le aree non accessibili al natante, come quelle prossime alla linea di costa, saranno indagate dall operatore subacqueo con l aiuto di riferimenti fissi a terra ed eventuali sagole e gavitelli a mare, riferiti ad apposita Pagina 5

8 cartografia, dove verranno registrati i punti di immersione. Il rilievo dei punti di interesse e di segnalazione, nel caso non fosse utilizzabile il sistema GPS, verrà effettuato con i mezzi più adatti forniti dalla topografia. Al termine della fase di ricognizione verrà prodotta una mappa delle segnalazioni, su cui devono essere annotate le coordinate dei punti, la data e l ora delle segnalazioni e la traccia delle rotte effettivamente seguite durante le indagini. Indagini strumentali: - Sull area del fondale su cui insiste la condotta sottomarina e i due diffusori sarà condotta un indagine di approfondimento e in particolare il rilievo batimetrico strumentale di dettaglio mediante sistema con ecoscandaglio Multibeam Echosounder. Dovrà essere altresì effettuata una ripresa filmata dell area interessata dalla condotta sottomarina e dai sui diffusori. I rilievi visual inspection saranno eseguiti da operatori subacquei altamente qualificati che si avvarranno di apposita strumentazione di ripresa. E inoltre richiesto che il trasferimento dei dati audio/video delle riprese venga assicurato in tempo reale fra l'operatore subacqueo e la postazione di bordo. Le riprese saranno fornite su supporti informatici (CD-ROM o DVD) su file in formato mpg o avi, con le necessarie indicazioni sulla data e l ora della ripresa. In conclusione sarà prodotta una relazione illustrante le attività eseguite, i risultati delle indagini e le criticità rilevate sui manufatti ispezionati (condotte, diffusori, blocchi di ancoraggio e barriere di protezione). Eventuali ritrovamenti, anomalie, criticità, rotture, collassi della tubazione, spostamenti significativi dal normale asse di sviluppo della stessa, malfunzionamento dei sistemi di ancoraggio ecc. verranno documentati anche con fotografie subacquee che saranno riferite a una planimetria schematica orientata indicante i punti di vista delle riprese fotografiche. - L aggiudicatario dovrà restituire il profilo longitudinale della condotta sottomarina e la carta batimetrica Attrezzature e strumentazione Per l esecuzione del rilievo batimetrico la strumentazione usata deve garantire con un singolo impulso la campionatura del fondale perpendicolarmente alla direzione di avanzamento dell'imbarcazione, in 240 punti ( 240 beams) su un corridoio ampio circa 3, 4 volte la profondità dell'acqua. La strumentazione utilizzata deve essere tale da ottenere la copertura totale dell'area da investigare con un elevato numero di punti campionati per unità di superficie. Il tipo di ecoscandaglio utilizzato, al fine di poter determinare con precisione il valore di profondità e la posizione dei punti campionati e dei dati calcolati, dovrà essere corredata da adeguati strumenti di supporto, quali: MRU: piattaforma inerziale che permetta di calcolare i movimenti dell'imbarcazione causati principalmente dal moto ondoso (roll, pitch e heave); SVP: strumentazione che permetta di determinare l'andamento della velocità delle onde acustiche nell'acqua in funzione della profondità e calcolare la velocità delle onde acustiche nell'acqua in prossimità del trasduttore; GYRO: strumento che permette di determinare con precisione l'orientamento del natante ; Pagina 6

9 NAVIGATORE: con segnale GPS differenziale (DGPS) capace di correggere gli errori del GPS fornendogli una base stazionaria con parametri predefiniti, in grado di trasmettere il segnale radio a tutti i dispositivi con sistema DGPS presenti nell'area, ricevendo il segnale di correzione. 2.3 ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI Designazione delle aree e degli elementi oggetto di rilievo Le attività riguardano, in particolare: a. Stazione di sollevamento n. 6 (stazione Castiglione) e stazione di sollevamento n. 17 (condotta sottomarina). b. il pozzetto di arrivo all impianto di depurazione Attività da espletare e documentazione a cura dell aggiudicatario L affidamento del servizio riguarda l esecuzione delle seguenti prove (con riferimento ala normativa vigente) su campioni di acqua reflua: - analisi chimiche su n 3 campioni di liquami da prelevare nelle condizioni di massima, media e minima portata, all ingresso della stazione di sollevamento finale (Castiglione): ph, Temperatura, Colore, conducibilità, salinità, Materiali sospesi totali, BOD5, COD, Azoto totale, Azoto ammoniacale, azoto organico, azoto nitroso, azoto nitrico, Fosforo totale, tensioattivi MBAS; - analisi chimiche su n 3 campioni di liquami da prelevare nelle condizioni di massima, media e minima portata, all ingresso dell impianto di depurazione: ph, Temperatura, Colore, conducibilità, salinità, - analisi chimiche su n. 1 campione prelevato dall effluente depurato: ph, temperatura, colore, odore, conducibilità, salinità, materiali grossolani, materiali sedimentabili, materiali in sospensione, BOD5, COD, azoto totale, azoto ammoniacale, azoto organico, azoto nitroso, azoto nitrico, cloro residuo, grassi e oli animali e vegetali, solfati, cloruri, fosforo tot., tensioattivi MBAS. Le analisi dovranno essere effettuate utilizzando i metodi ufficiali IRSA-CNR/2004 e s.m.i. e corredate da misure di portata per la stima del quantitativo dei carichi Attrezzature e strumentazione Per l esecuzione delle attività relative all affidamento in oggetto, l Aggiudicatario potrà utilizzare l attrezzatura e la strumentazione che riterrà più congeniale. 3. NORME TECNICHE Le procedure operative per la conduzione dell affidamento dovranno essere dichiarate preventivamente nei documenti di offerta. L inizio delle attività verrà ordinato dalla Sogesid S.p.A. con apposita formale disposizione del Direttore dell esecuzione del contratto. La Committenza ha inoltre facoltà di presenziare alle operazioni di rilievo. Pagina 7

10 Sarà a carico dell Aggiudicatario la fornitura di apparecchiature, strumentazioni, mezzi d opera, mano d opera, pezzi speciali, ed in genere ogni altro onere per dare il servizio completo ed esaustivo di ogni richiesta di cui al presente capitolato. Sarà inoltre carico dell Aggiudicatario il ripristino dello stato dei luoghi, dei manufatti e delle apparecchiature, nel caso in cui siano necessari scavi, demolizioni, svellimenti, smontaggi, e modifiche ai manufatti e alle apparecchiature esistenti per l esecuzione delle indagini e delle prove di cui al presente capitolato. 4. RESPONSABILITA ED ONERI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO Le attività di rilievo e le successive elaborazioni devono essere eseguite secondo le direttive impartite dalla Stazione appaltante, nel rispetto dei patti contrattuali, dei documenti e delle norme dagli stessi richiamate e delle eventuali variazioni ordinate. In particolare sono a carico dell Aggiudicatario: - il trattamento economico, assicurativo, previdenziale e antinfortunistico del personale direttamente impegnato dall Aggiudicatario, nonché tutti gli oneri per eseguire il servizio nel rispetto delle norme legislative e regolamentari vigenti, compresa la normativa sulla sicurezza e la salute dei lavoratori; - le spese per gli eventuali noli o acquisti necessari (trigonometrici, natanti, cartografie, hardware e software, etc.,), le spese di viaggio, trasferta e soggiorno del personale, i diritti di copyright per la produzione dei dati nei sistemi di riferimento; - l ottenimento di tutte le autorizzazioni per l accesso ai siti e agli impianti e le eventuali spese connesse; - le spese per le elaborazioni cartografiche, l editing finale su supporto informatico, la produzione del materiale fotografico e cartaceo, compresi gli eventuali diritti di copyright per la restituzione dei dati stessi; L Aggiudicatario osserverà nei riguardi dei propri dipendenti e incaricati le leggi, i regolamenti e le disposizioni dei contratti di lavoro, gli obblighi previdenziali ed assicurativi disciplinanti i rapporti di lavoro per le categorie interessate e per la zona di riferimento. L Aggiudicatario dovrà fornire l elenco del personale incaricato dell esecuzione di tutti i servizi affidati e doterà il proprio personale di cartellino identificativo. 4.1 RILIEVI TOPOGRAFICI E DI CONSISTENZA Nel caso in cui l Aggiudicatario intenda utilizzare strumentazioni GPS, saranno a suo totale carico gli oneri connessi per la verifica di interferenze radio sulle frequenze GPS e per la soluzione dei problemi derivanti da tali interferenze. L Aggiudicatario è responsabile di eventuali danni prodotti nell espletamento del servizio ed è tenuto al ripristino dei luoghi e dei manufatti oggetto di indagine e ispezione, oltre al risarcimento per i danni prodotti. Pagina 8

11 4.2 VIDEO ISPEZIONE E/O PROVE DI TENUTA IDRAULICA DELLE CONDOTTE IN ESERCIZIO E RIPRESE SUBACQUEE DELLA CONDOTTA SOTTOMARINA Preventivamente alla esecuzione dei rilievi l Aggiudicatario dovrà consultare presso la Sogesid S.p.A. la cartografia disponibile, eventualmente provvedendo a sua cura e spese alla raccolta di cartografia integrativa, ove ritenuta necessaria. 4.3 ANALISI CHIMICO-FISICHE DEI LIQUAMI L Aggiudicatario dovrà provvedere con proprio personale, secondo un programma da concordare con l Ufficio Tecnico Comunale di Lampedusa e la Sogesid S.p.A., ad eseguire il prelievo e l identificazione dei campioni secondo le modalità tecniche stabilite e con la frequenza richiesta. L accesso agli impianti e la necessità di manovrare le apparecchiature esistenti per l espletamento delle indagini dovranno essere preventivamente concordati ed autorizzati dall autorità o dal soggetto preposto alla gestione e al servizio a cui le apparecchiature si riferiscono. L Aggiudicatario dovrà mettere a disposizione materiali, attrezzature e mano d opera necessari all esecuzione dei prelievi e alla manovra delle apparecchiature di cui al paragrafo che precede. Il prelievo dei campioni dovrà essere effettuato obbligatoriamente alla presenza del personale dalla Sogesid S.p.A., previo formale preavviso di gg. 5. L Aggiudicatario dovrà compilare una scheda relativa ad ogni campionamento effettuato che sarà fornita alla Sogesid S.p.A. I campioni.saranno conservati, a cura e spese dell Aggiudicatario, in contenitori isotermici e saranno recapitati al più presto presso il luogo dove verranno effettuate le analisi. Queste ultime verranno eseguite nei 5 giorni successivi al prelievo. L Aggiudicatario ha l obbligo di anticipare alla Sogesid S.p.A. a mezzo fax o le risultanze delle analisi. L Aggiudicatario, per l effettuazione dei campionamenti e delle analisi delle acque reflue si atterrà alle norme vigenti, mentre la Sogesid S.p.A. si riserva il diritto di ordinare ulteriori prelievi ed analisi, senza che l Aggiudicatario possa avanzare richieste di compensi integrativi. 5. DURATA DELLE ATTIVITA E CONSEGNA DEGLI ELABORATI Le attività devono essere completate entro 30 (trenta) giorni dalla data di emissione da parte del Responsabile del Procedimento di apposito ordine di servizio per l avvio della prestazione. Per ogni giorno naturale consecutivo di ritardo rispetto al tempo contrattuale previsto il Committente applicherà una penale di 100,00 (euro cento/00). Superati i 15 giorni di ritardo è facoltà del Committente procedere alla risoluzione contrattuale. A seguito di n. 2 contestazioni scritte e motivate per inosservanza delle prescrizioni contrattuali o per insufficiente qualità del servizio, la Sogesid S.p.A. potrà risolvere il contratto con semplice comunicazione, senza ulteriori atti di diffida ad adempiere. Pagina 9

12 Fermo restando il termine di 30 giorni per dare ultimati i lavori, le attività dovranno seguire il seguente ordine di priorità: 1. Rilievo topografico e di consistenza della stazione di sollevamento n. 17 (connessa alla condotta sottomarina) della condotta sottomarina secondo le specifiche indicate all art. 2.1 con riferimento alla stessa stazione e alle opere connesse; 2. Rilievo visual inspection della condotta sottomarina secondo le specifiche di cui all art Tutte le altre attività di cui all art. 2. Cronoprogramma delle attività: Macro attività 0 5 gg 6 10 gg gg gg gg gg Rilievo topografico e di consistenza della stazione di sollevamento n. 17 (condotta sottomarina) e della condotta sottomarina secondo le specifiche indicate al capitolo 2.1 con riferimento alla stessa stazione e alle opere connesse Rilievo visual inspection della condotta sottomarina secondo le specifiche di cui al capitolo 2.2 Tutte le altre attività di cui al capitolo IMPORTI A BASE DELLA GARA L importo posto a base di gara per l espletamento dei servizi ammonta ad ,00 (euro trentamila/00) oltre IVA al 21% ed oneri di legge, con esclusione delle offerte in aumento. 7. FORNITURA DEI PRODOTTI, LIQUIDAZIONE DELLA PRESTAZIONE L Aggiudicatario dovrà consegnare, entro il termine indicato al capitolo 5, n. 3 (tre) copie cartacee. e n. 3 (tre) copie in formato digitale dei rilievi e delle prove. Il pagamento della prestazione avverrà entro 30 (sessanta) giorni fine mese data fattura previa approvazione degli elaborati prodotti. 8. DIRITTI SUL MATERIALE PRODOTTO Il materiale prodotto in esito alla attuazione di questo servizio sarà di proprietà esclusiva della Sogesid S.p.A. che si riserva ogni diritto sul materiale grafico, fotografico, video e descrittivo, oggetto del presente affidamento, restando precluso all Aggiudicatario ogni uso o divulgazione del materiale stesso, estendendo tale preclusione alle copie di scarto e in genere su tutto ciò che potrà residuare dall'esecuzione della prestazione di servizi oggetto del contratto. Pagina 10

13 ALLEGATO A Pagina 12

14 ALLEGATO B 17 Pagina 13

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

3. SERVIZIO DI GESTIONE

3. SERVIZIO DI GESTIONE AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE MEDIANTE PROJECT FINANCING CON DIRITTO DI PRELAZIONE DA PARTE DEL PROMOTORE PER LA PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E GESTIONE DI N 2 IMPIANTI DI DEPURAZIONE, UNO NELLA FRAZIONE DI

Dettagli

www.ater.vr.it., protocolloatervr@legalmail.it.

www.ater.vr.it., protocolloatervr@legalmail.it. A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia di VERONA Piazza Pozza 1/c,d,e - 37123 VERONA telefono 045-8062411 telefax 045-8062432 E-mail: info@ater.vr.it www.ater.vr.it.,

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

ALL. A CAPITOLATO TECNICO

ALL. A CAPITOLATO TECNICO ALL. A RILEVAMENTO PLANO-ALTIMETRICO, CELERIMETRICO PER GLI INTERVENTI DEL SETTORE IDRICO-FOGNARIO-DEPURATIVO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STRATEGICO PER LE COMPENSAZIONI AMBIENTALI NELLA REGIONE CAMPANIA

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO POLITICHE DELL AMBIENTE BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE ACQUE MARINE SUPERFICIALI DELLA FASCIA COSTIERA CALABRESE CAPITOLATO

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE

GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE PARTE SECONDA - NORME TECNICHE!"#$%&& '())( *()#++ ( +,,!),(,,)#(-,.(/*!*00.(/*,,! (-,.(/*",+,/* (-,,,.(! ( 0+(#(, )#, ( / #(. +, 0,#(#, ( #.,-, )"",/*0+(#",/(,&1!, ##,#,!,(+#,())(#,(2

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA

PROVINCIA DI GORIZIA Esente dall imposta di bollo ai sensi dell art. 16 Tab. all. B D.P.R. 30. 12. 1982, n. 955 PROVINCIA DI GORIZIA 34170 Gorizia - Corso Italia, 55 - tel. 0481/385277 - FAX 0481/385251 - cod. Fisc e P.IVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA CHIOGGIA CHIOGGIA DI VAL DA RIO CHIOGGIA (VE) Redatto ai sensi del D.Lgs 152/2006

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013 RUOLO DELLA PROVINCIA DI TRENTO NELLA GESTIONE DEI DEPURATORI E OTTIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DEI DATI DI FUNZIONAMENTO PER FAVORIRE UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEGLI IMPIANTI Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIAMENTO DI UNO STABILIMENTO INDUSTRIALE NELLA RETE FOGNARIA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIAMENTO DI UNO STABILIMENTO INDUSTRIALE NELLA RETE FOGNARIA CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIAMENTO DI UNO STABILIMENTO INDUSTRIALE NELLA RETE FOGNARIA CAFC S.p.A. Via Duchi d Aosta n 2 33100 Udine (Ud) Oggetto: Domanda

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Condizioni generali di vendita taglio. Termini di garanzia

Condizioni generali di vendita taglio. Termini di garanzia Condizioni generali di vendita taglio Termini di garanzia A UNO TEC S.r.l., di seguito chiamata Costruttore, dichiara che l apparecchiatura non è difettosa e garantisce il suo buon funzionamento, sia per

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI IN TESTA ALL IMPIANTO, BY-PASS GENERALI E

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI Capitolato speciale d Appalto per il servizio di manutenzione da effettuarsi mediante somministrazione - di tutti gli estintori

Dettagli

SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94)

SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94) SEGNALAZIONE RISCHI SPECIFICI ATTIVITA DI CANTIERE TEMPORANEO RETE E IMPIANTI FOGNATURA (ex art.7 D.Lgs. 626/94) Generalità In applicazione al dettato dell art.7 del D.Lgs. 626/94, ASI SpA Azienda Servizi

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0057913 / 2014 Atto N. 2416 OGGETTO: Autorizzazione Unica Ambientale

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Udine, OGGETTO: D.LGS. N. 152/06 CAFC SPA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NEL FIUME TAGLIAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE Provincia di Brindisi

COMUNE DI MESAGNE Provincia di Brindisi COMUNE DI MESAGNE Provincia di Brindisi SERVIZI AMBIENTALI ED ENERGETICI ELENCO PREZZI Appalto per l affidamento del servizio di manutenzione degli impianti fognanti, delle fontanine pubbliche e della

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Accordo quadro per l affidamento del servizio di spurgo, smaltimento e video ispezione da effettuarsi presso le strutture dell Università degli Studi di Ferrara per un

Dettagli

Comune di Morlupo. (Provincia di Roma)

Comune di Morlupo. (Provincia di Roma) Comune di Morlupo (Provincia di Roma) Schema di contratto per L affidamento del servizio integrato di conduzione, manutenzione ordinaria e straordinaria, controllo, custodia e gestione degli impianti di

Dettagli

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via.

Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Convenzione per la costruzione della fognatura nel Comune di in via. Riferimento preventivo n 00000 INDICE: Articolo 1: Descrizione dei lavori... 1 Articolo 2: Obblighi a carico della committenza.... 2

Dettagli

Città di Trentola Ducenta

Città di Trentola Ducenta Città di Trentola Ducenta (Provincia di Caserta) SETTORE VIGILANZA VIABILITA CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA ED INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500

CAPITOLATO SPECIALE. COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA P.Iva/C.F. 00344340500 PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO INERENTE LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DEL COMUNE DI CON ONERI DI ALLESTIMENTO E MANUTENZIONE CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CAMPI SALENTINA PROVINCIA DI LECCE LL.NN.179/92-493/93 e 85/94- Localizzazione Interventi di Edilizia Sovvenzionata - Opere di Urbanizzazione primaria - Riutilizzo somme disponibili per Progetto

Dettagli

Prot. N 3091/C02 Roma, 7/11/2013 A L B O SITO WEB

Prot. N 3091/C02 Roma, 7/11/2013 A L B O SITO WEB MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIRGILIO Via Giulia 25-00186 Roma - Distretto IX Tel. 06/6861390 Fax 06/68199423

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

COMUNE DI CORNUDA ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI

COMUNE DI CORNUDA ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI ALL. C): SCHEMA CONTRATTO contenente le norme e le condizioni per l espletamento dell'incarico di Appalto di servizi ai sensi del D. Lgs.

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

COMUNE DI CAULONIA Provincia di Reggio Calabria Tel. 0964-860825 fax 0964-860833

COMUNE DI CAULONIA Provincia di Reggio Calabria Tel. 0964-860825 fax 0964-860833 COMUNE DI CAULONIA Provincia di Reggio Calabria Tel. 0964-860825 fax 0964-860833 AREA TECNICA E TECNICO MANUTENTIVA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO NOLO A CALDO AUTOSPURGO. ART. 1) OGGETTO DELL

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia Registro generale n. 815 del 10/03/2014 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture Servizio Ambiente e Energia Oggetto AUA a favore di Casa

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE, GEOTECNICHE

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE, GEOTECNICHE ALL.3 AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D. LGS. N. 163/2006 E S.M.I. DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE, GEOTECNICHE E ARCHEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI TERRENI INTERESSATI DALLA

Dettagli

Redazione tipo mappale

Redazione tipo mappale Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T02 Geomatica e attività catastali Redazione tipo mappale Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Servizio Sanitario Nazionale Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Il presente Capitolato Speciale ha per

Dettagli

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE Consorzio Industriale Provinciale Cagliari Sede Legale e Recapito Postale: Viale Diaz, 86 09125 CAGLIARI tel 070 2481 fax 070 247411 www.cacip.it Sede Legale e Recapito Postale: Viale A. Diaz, 86 09125

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI COSTACCIARO PG CAPITOLATO D ONERI E DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 - Oggetto del servizio Il presente capitolato d oneri e disciplinare di gara riguarda i servizi tecnici da espletare per la realizzazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Servizio Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Affidamento incarico Responsabile Servizio Protezione e Prevenzione (RSPP) CIG ZAC14E789D ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari SETTORE PROVVEDITORATO ED ECONOMATO

COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari SETTORE PROVVEDITORATO ED ECONOMATO COMUNE DI VILLASIMIUS Provincia di Cagliari SETTORE PROVVEDITORATO ED ECONOMATO CAPITOLATO SPECIALE D ONERI RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZIO VOLTA ALLO STASAMENTO ED AL LAVAGGIO DI CONDOTTE FOGNARIE

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza

Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Committente : Consorzio di Polizia Locale Valle Agno Corso Italia n.63/d 36078 Valdagno Vicenza Titolo : Manutenzione e Formazione Descrizione : Implementazione del numero delle postazioni dei sistemi

Dettagli

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788

P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 di COMUNE DI TORTORA P R O V I N C I A D I C O S E N Z A Via Panoramica al Porto, 9 87020 TORTORA Codice Fiscale Partita I.V.A. 00407150788 tel. 0985-7660240-7660216 (ufficio tecnico) fax 0985-7660400

Dettagli

INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO:

INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE AVENTE AD OGGETTO: la progettazione definitiva, progettazione esecutiva ed il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dei lavori aventi ad oggetto: a) il risanamento

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA PER LA COSTRUZIONE DEL NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI BARGA (LOC.

SCHEMA DI CONTRATTO PER LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA PER LA COSTRUZIONE DEL NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI BARGA (LOC. SCHEMA DI CONTRATTO PER LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE E DEFINITIVA PER LA COSTRUZIONE DEL NUOVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI BARGA (LOC. CHITARRINO) E DI VARI SCARICHI NEL COMUNE DI BARGA NUMERO GARA: - CIG:

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI Servizio progettazione realizzazione e manutenzione fognature e impianti idrici PROBLEMATICHE CONNESSE AI SISTEMI DI DRENAGGIO URBANO

COMUNE DI NAPOLI Servizio progettazione realizzazione e manutenzione fognature e impianti idrici PROBLEMATICHE CONNESSE AI SISTEMI DI DRENAGGIO URBANO COMUNE DI NAPOLI Servizio progettazione realizzazione e manutenzione fognature e impianti idrici PROBLEMATICHE CONNESSE AI SISTEMI DI DRENAGGIO URBANO Responsabile del Servizio del Comune di Napoli: Ing.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE CONTRATTO tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE Art.1 - Oggetto 1. Il 27 dicembre 2001 è stata sottoscritta tra l Autorità di ATO

Dettagli

AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO MODULISTICA

AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO MODULISTICA AUTORITÀ DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.1 CAMPANIA - CALORE IRPINO MODULISTICA ISTANZA DI ASSIMILAZIONE ALLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ATTRAVERSO DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA, AI SENSI DELL ART. 3,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA

CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO ART.2 - MANUTENZIONE PROGRAMMATA CAPITOLATO SPECIALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI AUTOMEZZI SOCIETARI ART.1 OGGETTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di manutenzione programmata e straordinaria

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISANAMENTO AREE PUBBLICHE ATTRAVERSO OPERAZIONI DI RIMOZIONE, TRASPORTO E SMALTIMENTO, DEI RIFIUTI DI VARIA NATURA ABBANDONATI

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

AVVISO PUBBLICO- SISTEMA DI QUALIFICAZIONE SETTORI SPECIALI

AVVISO PUBBLICO- SISTEMA DI QUALIFICAZIONE SETTORI SPECIALI AVVISO PUBBLICO- SISTEMA DI QUALIFICAZIONE SETTORI SPECIALI A. Ente appaltante: CAP HOLDING S.p.A. - Capogruppo del Gruppo CAP costituito dalle Società CAP Holding S.p.A. e AMIACQUE S.r.l., società soggetta

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

4602699B5C CUP: F23H11000130001

4602699B5C CUP: F23H11000130001 ALLEGATO 3 SCHEMA DI CONTRATTO Oggetto: Affidamento per l esecuzione delle indagini geognostiche, geotecniche e di caratterizzazione ambientale per l attuazione del Piano di Caratterizzazione dell area

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE. Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI

COMUNE DI FIRENZE. Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI ALLEGATO A COMUNE DI FIRENZE Direzione Patrimonio Immobiliare CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI REGOLARIZZAZIONE CATASTALE DI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE ART. 1 Oggetto

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR9 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI PROVENIENTI DA IMPIANTI DI DEPURAZIONE DI ACQUE REFLUE URBANE, SFIORATORI DI PIENA, SFIORATORI DI EMERGENZA DI STAZIONI DI SOLLEVAMENTO,

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA Prot.3430 OGGETTO: COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE DI INIZIATIVA PRIVATA DENOMINATO DIOLA. 1. VERBALE

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLA. Provincia di Bergamo. Oggetto: SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA ED ESECUZIONE

COMUNE DI FONTANELLA. Provincia di Bergamo. Oggetto: SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA ED ESECUZIONE Allegato 7 determinazione n. 68 del 04/05/2012 COMUNE DI FONTANELLA Provincia di Bergamo Oggetto: SCHEMA DI CONTRATTO PER LA FORNITURA ED ESECUZIONE DEL SISTEMA DI VIDEO-SORVEGLIANZA REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNE DI GUGLIONESI

COMUNE DI GUGLIONESI COMUNE DI GUGLIONESI PROVINCIA DI CAMPOBASSO DISCIPLINARE PER L'AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE E L'ESERCIZIO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE ESISTENTI DEL COMUNE DI GUGLIONESI COME RIENTRANTI NEL CICLO IDRICO

Dettagli

Il Comitato Italiano Gas CIG, si riserva di adire le vie legali nei confronti di chi non rispetterà le precedenti condizioni.

Il Comitato Italiano Gas CIG, si riserva di adire le vie legali nei confronti di chi non rispetterà le precedenti condizioni. NOTA PER GLI UTILIZZATORI DELLE PRESENTI LINEE GUIDA Le presenti linee guida, costituiscono un documento tecnico d indirizzo e consultazione, propedeutico ad una corretta attuazione della deliberazione

Dettagli

Roma, Prot. n. Ing... Raccomandata A/R Anticipata via fax al n.

Roma, Prot. n. Ing... Raccomandata A/R Anticipata via fax al n. Roma, Prot. n. Codici Commesse: COM 207-212-244-252 Ing... Raccomandata A/R Anticipata via fax al n. Oggetto: Affidamento ai sensi del combinato disposto degli artt. 252, 267, comma 10, del D.P.R. n. 207/2010

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti

Centro Estivo Dante (scuola dell infanzia) Dal 1 al 31 luglio 2015 per 23 giorni max 200 iscritti CAPITOLATO SPECIALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CENTRI ESTIVI 2015 DEL COMUNE DI CORSICO. PERIODO dal 1 LUGLIO al 4 SETTEMBRE 2015. CIG: 62619146E6 ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL APPALTO Oggetto

Dettagli

ISOLE ECOLOGICHE SEMINTERRATE NEL COMUNE DI VALENZA PROGETTO DELLE FORNITURE

ISOLE ECOLOGICHE SEMINTERRATE NEL COMUNE DI VALENZA PROGETTO DELLE FORNITURE Pag 1 di 6 Bando Regione Piemonte L.R. 24/2002, Contributi per interventi di miglioramento del servizio integrato di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani, utili anche ad un progressivo passaggio da

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

PROVINCIA DI NAPOLI AREA EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI NAPOLI AREA EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI NAPOLI AREA EDILIZIA SCOLASTICA Ufficio Specialistico Supporto Tecnico -Programmazione Affidamento incarico professionale per l Anagrafe Edilizia Scolastica di edifici Scolastici di competenza

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN TRATTO DI FOGNATURA PUBBLICA PER ACQUE SU VIA DEL PONTE A SCOMPUTO ONERI DI URBANIZZAZIONE AI SENSI DELL'ART. 16 DEL D.P.R. 380/2001

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.

Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali / industriali e domestiche D.Lgs 152/99 e ss. mm. e ii. L.R.64/01 bollo da 10.33 Alla Provincia di PRATO Servizio Tutela Ambientale Via

Dettagli

CITTÀ DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

CITTÀ DI MONTICHIARI Provincia di Brescia CITTÀ DI MONTICHIARI Provincia di Brescia P.zza Municipio, 1 - CAP 255018 Montichiari (BS) Tel. 030/9656246 - Fax 030/9656351 e-mail: serviziallapersona@montitichiari.it http://www.comune.montichiari.bs.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E QUADRO ECONOMICO

RELAZIONE TECNICA E QUADRO ECONOMICO AREA TECNICA RELAZIONE TECNICA E QUADRO ECONOMICO Descrizione: La realizzazione della nuova rete fognaria e la sistemazione della rete viaria del Policlinico di Palermo rientra tra le opere assistite dal

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 183/10429 P.G. NELLA SEDUTA DEL 15.7.1996

ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 183/10429 P.G. NELLA SEDUTA DEL 15.7.1996 19 REGOLAMENTO PER L ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA COMUNALE E ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E DEGLI INSEDIAMENTI CIVILI CON SCARICHI DI CATEGORIA C ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197. Staff Generale - Informatica

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197. Staff Generale - Informatica COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 Staff Generale - Informatica Determinazione n. 452 del 03/04/2014 Oggetto: CUP F5311000520002 - CIG 52867972E6 FORNITURA

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. Sottoscritt nato a il residente/ con sede a Via n

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. Sottoscritt nato a il residente/ con sede a Via n CAFC S.p.A. Sistema di Gestione Integrato DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI FINANZIATO DALL U.P.I. ALL INTERNO DEL PROGRAMMA AZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in: REGIONE SICILIANA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE PALERMO DISCIPLINARE TECNICO Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

Dettagli