Indice: Mistero&Leggende pag.5 Intervista al n. Dirigente pag.6 Le donne pesce/sirene pag. 7 GMG a Madrid pag.8 La maschera di ferro pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice: Mistero&Leggende pag.5 Intervista al n. Dirigente pag.6 Le donne pesce/sirene pag. 7 GMG a Madrid pag.8 La maschera di ferro pag."

Transcript

1 Periodico degli studenti del Liceo Porporato di Pinerolo - Anno XIII, n.1, Ottobre ins. resp. Antonio Denanni/Joram Gabbio Indice: Misteri pag. 2 Lettera a Napolitano pag. 3 Mistero/misteri pag. 4 Mistero&Leggende pag.5 Intervista al n. Dirigente pag.6 Le donne pesce/sirene pag. 7 GMG a Madrid pag.8 La maschera di ferro pag. 9 Ricordando Steve Jobs pag.10 The Beatles pag.11 Il destino dell università pag.10 Amnesty e Libera pag.12 Vignette Gallery Artisti e campioni pag. 13 La scuola siamo noi! Ex 7 in condotta pag. 14 Splash pag. 15 Enigma pag. 16 pag.17 pag.18 Gli studenti del Porporato p.19 I nomi più diffusi pag.21 Counselling pag. 21 Prima del 1 giorno pag.21 Vignetta finale pag.22

2 Periodico degli studenti del Liceo Porporato di Pinerolo - Anno XIII, n.1, Ottobre ins. resp. antonio denanni/joram Gabbio Avevamo deciso come tema di apertura quello dei misteri. Ma all ultimo abbiamo rivoluzionato la copertina, mettendo in primo piano I draghi ribelli e la loro lettera al Presidente Napolitano sulla crisi il drago che sta divorando il mondo e sta pregiudicando il futuro delle giovani generazioni. È solo l anticipo di un tema su cui torneremo nei prossimi mesi e sul quale pare stia già lavorando uno dei gruppi di sostegno ai rappresentanti d istituto.

3 Lettera pubblica a Napolitano " In tutto il mondo si moltiplicano le mobilitazioni contro la dittatura finanziaria delle banche e della speculazione globale che usano la crisi per attaccare e smantellare i servizi pubblici, il welfare, la formazione, per cancellare i diritti e appropriarsi dei beni comuni - si legge nell'appello - Da Madrid a New York, da Santiago del Cile ad Atene, da Tel Aviv a Reykjavik, si alza la voce delle "(multi)generazioni senza futuro" che non vogliono pagare la crisi, che si sottraggono alla retorica della "responsabilità generale" del debito, che immaginano un'alternativa di società a partire dalla redistribuzione radicale delle ricchezze e dalla condivisione delle risorse comuni. Il 99% del pianeta è indisponibile a subire l avidità di pochi". La risposta dei draghiribelli alla lettera segreta di Draghi e Trichet Caro Presidente Napolitano, nel nostro paese non si fa altro che parlare di giovani. Lei lo ha fatto spesso. Ultimamente lo ha fatto anche il governatore della Banca d Italia Mario Draghi, a breve presidente della Banca centrale europea. La questione generazionale è semplice: c è una generazione esclusa dai diritti e dal benessere, che oggi campa grazie al welfare familiare, e sulla quale si sta scaricando tutto il peso della crisi. La questione non si risolve togliendo i diritti a chi li aveva conquistati, i genitori, ma riconoscendo diritti a chi non li ha, i figli, e per far questo ci vogliono risorse, altrimenti le parole girano a vuoto. Ora ci chiediamo, e chiediamo anche a Lei Presidente, come è possibile invertire la tendenza e promuovere delle politiche pubbliche a sostegno delle giovani generazioni prendendo sul serio le letterine estive di Trichet e Draghi? Come è possibile farlo se il pareggio di bilancio diventa regola aurea, da inserire, addirittura, all interno della carta costituzionale di cui Lei è garante? Caro Presidente, garantire e difendere la Costituzione oggi, vuol dire rifiutarsi di pagare il debito, così come consigliano diversi premi Nobel per l economia; vuol dire partire dai ventisette milioni di italiani che hanno votato ai referendum contro le privatizzazioni e in difesa dell acqua bene comune; vuol dire partire dalle mobilitazioni giovanili e studentesche che da diversi anni, inascoltate e respinte, hanno preteso di cambiare dal basso la scuola e l università, chiedendo risorse e democrazia; vuol dire partire dalla domanda diffusa nel Paese di un nuovo sistema di garanzie, che tenga conto delle differenze generazionali, ma che, soprattutto, non metta le generazioni l una contro l altra: così, in primo luogo, si tiene unita l Italia! Sarebbe un atto di semplice giustizia fare in modo che non siano sempre gli stessi a pagare questa crisi. Siano, piuttosto, coloro che l hanno prodotta a pagare, attraverso una tassazione delle rendite finanziarie, delle transazioni, dei patrimoni mobiliari e immobiliari. Le risorse ci sono, si trovano nel mondo della finanza che sta cancellando la democrazia: è lì che vanno reperite per distribuirle equamente. Con troppa solerzia, caro Presidente, l abbiamo vista affidarsi alle indicazioni di Trichet e Draghi. Questo non significa unire l Italia e neanche sostenere le giovani generazioni. Bisognerebbe avere il coraggio, dopo il disastro del ventennio berlusconiano e della seconda Repubblica, di costruirne una terza di Repubblica, fondata sui beni comuni e non sugli interessi privati. È giunto il momento di scegliere da che parte stare, dalla parte della rendita o da quella della vita. La invitiamo a riflettere, perché questa generazione tradita non si arrenderà alla rassegnazione, ma da Tunisi a New York ha imparato ad alzare la testa. Draghiribelli #occupiamobancaditalia Chi sono i draghi ribelli? Draghiribelli è un nome collettivo dietro cui si organizza un insieme di precar*, student*, artist*, operator* della comunicazione, attivist* dei movimenti. Non un entità virtuale, ma tante persone in carne ed ossa. Un nome collettivo, utilizzato oltre le sigle e le identità, per aprire uno spazio di protesta per tanti. Per non perimetrare e per allargare. I draghiribelli si contrappongono ai feroci draghi occidentali. Si ispirano ai draghi orientali, simbolo dell acqua e della fluidità. da

4 Misteri Quante sono le cose che non riusciamo a comprendere? Tante! Non si riesce a capire il comportamento di cercerte persone (i black bloc...), non si riescono a capire certi fenomeni naturali o cosmici, non si riesce capire il tutto del vivere o i fenomeni al confine del naturale e del soprannaturale. I casi di cronaca, poi, avvolti nel mistero, famosi e meno famosi, sono molto numersi. Abbiamo cercato in questo numero di Onda d Urto di descriverne qualcuno, quei misteri che sono entrati nella storia attraverso la letteratura, le leggende o i media, fino a spingergi al mistero più grande e più profondo che riguarda il mistero della vita (a quanti di noi non è capitato, almeno una volta, di alzare gli occhi al cielo e ammirare l'infinito con un pizzico di curiosità, chiedendosi: cosa si cela oltre la realtà che possiamo vedere e percepire?). Il mistero ci attrae! Ci spinge alla scoperta di nuove realtà, oscure o sconosciute che ci appaiono così lontane, ma anche così vicine... Il mistero, siamo convinti, rimane e rimarrà sempre. È una forza che spinge gli uomini ad andare sempre oltre, a fantasticare, a cercare, a non sentirsi mai appagati Una linea sottile e spesso invisibile separa nella ricerca fantasia e realtà... Facendo una ricerca su Google, alla parola mistero vengono fuori pagine; se coniugata al plurale, misteri, le pagine diventano Per i misteri inspiegabili le pagine sono Un sito sui misteri e le leggende nel suo meta tag riporta le seguenti parole: Misteri, leggende, paranormale, occulto, soprannaturale, ufo, alieni, mostri, creature, personaggi, misteriosi, apparizioni, presenze, avvistamenti, premonizioni, sensitivi, aldilà.... Per dire fin dove ci si potrebbe spingere con la ricerca. Noi ve ne abbiamo dato solo un piccolo assaggio. A voi la ricerca (seria e semiseria), la curiosità e la fantasia. Buona lettura. La Redazione Mistero di Enrico Ruggeri Con gli occhi bene aperti chiediamo un po d'amore alla persona che vorremmo fare rimanere. E ci facciamo male se la pressione sale; poche parole ci precipita il morale giù. Cos'è che ci trascina fuori dalla macchina? Cos'è che ci fa stare sotto ad un portone? Cosa ci prende, cosa si fa quando si ama davvero? Mistero! Il gioco si fa duro e non si può dormire e non sappiamo più decidere se ripartire. E batte forte il cuore, anche per lo stupore di non capire l'orizzonte che colore ha. Cos'è che ci cattura e tutto ci moltiplica? Cos'è che nella notte fa telefonare? Quando si chiede, quanto si da? Quando si ama davvero? Mistero! Abbiamo già rubato, abbiamo già pagato ma non sappiamo dire quello che sarebbe stato. Ma pace non abbiamo, nemmeno lo vogliamo; nemmeno il tempo di capire che ci siamo gia. Cos'è che ancora ci fa vivere le favole? Chi sono quelli della foto da tenere? Quando si chiede, quanto si da? Quando si ama davvero? Mistero! Sarai sincera? Dimmelo, dimmelo. Sarai sincero? Il breve mestiere di vivere è il solo mistero che c'è. Dipende solo da te; prendere la mano è facile. La verità che la vita ti dà è una fredda carezza nel silenzio che c'è. 4 Cos'è che ci trascina fuori dalla macchina? Cos'è che ci fa stare sotto ad un portone? Cosa ci prende, cosa si fa quando si ama davvero? Mistero! Quando si chiede, quando si dà? Quando si ama davvero? Mistero! Mistero!

5 Il mistero della vita. Cos'è la vita? Questa è una delle tante domande che l'uomo si pone da quando ha cominciato a muovere i suoi primi passi sulla Terra e che ancora non ha trovato risposta certa. L'uomo ha da sempre cercato di spiegare questo fenomeno attraverso miti e leggende che si sono poi tramandate fino ai giorni nostri. Tanti filosofi, scienziati e religiosi hanno cercato una risposta a questo mistero, ma nel corso della storia non sono mancati racconti più fantasiosi. Se dal punto di vista della scienza questo mistero è stato spiegato in modo preciso elencandone le varie fasi e fissandone i momenti più salienti, al contrario il mondo filosofico si è lasciato andare a spiegazioni che hanno del razionale e che a volte vanno anche oltre il razionale e che risultano spesso incomprensibili a chi si avvicina a questo mondo per la prima volta. Un discorso a parte ha seguito il pensiero religioso che pone, per fede, la soluzione di questo mistero nelle mani di un Dio che per i credenti è l'origine del tutto: in quasi tutti i culti religiosi si ritrovano racconti sulla creazione e su come tutto sia nato da un'entità superiore. Il mistero della vita non si limita solo alla spiegazione della sua origine, ma comprende anche una più ampia serie di domande come ad esempio il perché di questa vita, il suo scopo e il peso che essa riveste nei confronti di ciò che la circonda, senza dimenticare l'intreccio che ogni vita ha con tutte le altre che incontrerà durante la sua esistenza. Ma forse il fascino del Mistero della vita continuerà ad alimentare la ragione e la fantasia degli uomini, proprio perché tale rimarrà: un mistero affascinante che continuerà a manifestarsi all'uomo, stupendolo e incuriosendolo. La risposta migliore che ognuno di noi può dare a questo quesito è sfruttare al meglio questo dono che ci è stato fatto, aldilà di qualsiasi teoria e dottrina, impegnandosi a far sì che un qualcosa di così straordinario non diventi solo un altro quesito a cui dare per forza una risposta. Francesca 5 A/L Leggende e miti del Pinerolese Intervista al prof. Diego Priolo Nel corso della storia gli uomini si sono spesso trovati davanti a eventi inspiegabili. Seguendo una necessità di chiarimento, hanno elaborato teorie più o meno fantasiose che si sono evolute in leggende e miti. Alcune di queste sono molto conosciute perché, a loro modo, hanno influenzato il corso della storia umana, ma ne esistono altre, meno famose, che possiamo trovare appena dietro l angolo, in qualunque paesino, anche in quello in cui viviamo. Diego Priolo, parlando in generale della leggenda, scrive: E indubbio in ogni caso, pensiamo solo alla mitologia classica greca e latina, che presso tutti i popoli esistesse già e chissà da quanto tempo un patrimonio narrativo etichettabile come fantastico, nel senso che si qualificava, pur nei limiti espressivi ed elaborativi di quella lontana stagione, con contenuti che andavano oltre la quotidianità del tempo (infatti ogni luogo ha una sua lunga tradizione di racconti popolari) e ancora La leggenda non viene elaborata per scopi necessariamente moralistici o pedagogici, finalità invece presenti nella fiaba e nella favola, ma per rispondere a dei bisogni individuali o di una comunità o di un gruppo sociale che attraverso questa elaborazione riescono a trovare una risposta soddisfacente, un superamento del problema o una riconduzione di quest ultimo ad una possibile gestio- ne. La cosa più interessante è che, sebbene nascano da luoghi diversi, le leggende hanno spesso tratti comuni e caratteristiche costanti. In un articolo presente sull eco del Chisone sempre il professor Priolo sottolinea la somiglianza, ad esempio, tra i racconti di Piscina, Cumiana e Frossasco e in particolare l affinità sulla storia del folletto burlone e maligno Servan, presente in tutti e tre i paesi. La varietà delle leggende locali è incredibile: basti pensare alle tante storie attorno all antica strada dei morti a Cumiana, al castello dei Nove Merli a Piossasco o alle numerose creature fantastiche come il centauro della Val Germanasca, la fata di Bricherasio, il vampiro di Luserna, il mago di Barge, gli alieni di Cercenasco, gli spettri del Monviso e molti altri. Nel caso che questo articolo vi abbia solleticato la curiosità, potete trovare più informazioni nei numerosi libri sull argomento (tra cui anche quelli del nostro professor Priolo). Lucrezia IA classico 5

6 Intervista al nuovo Dirigente Scolastico Luigi Fabozzi: Sono una persona per i rapporti franchi e diretti È prassi all arrivo di un nuovo Dirigente scolastico intervistarlo, per conoscerlo, per capire le sue idee e i suoi metodi, insomma per annusarlo Ecco a voi l intervista al preside, prof. Luigi Fabozzi, classe 1949, di Caserta, sposato con due figlie, proveniente dall Istituto Alberti di Luserna. Molti di voi non l hanno ancora conosciuto, speriamo pertanto che le sue risposte alle nostre domande riescano a darvi un idea generale sul nostro nuovo grande capo, che ha già detto di apprezzare sia la scuola in sé che gli allievi e gli insegnanti! Se volete vedere il video completo dell intervista e i vostri bravi redattori al lavoro, lo trovate su video/video_interviste.htm Ci parli di lei come persona. Credo di essere un uomo normale, se si può dare un significato a questo aggettivo. Sono una persona leale, per i rapporti franchi e diretti: non mando a dire le cose, preferisco dire di persona ciò che penso, ovviamente sempre con garbo e cercando di non urtare la sensibilità degli altri. Tuttavia, se nel mio lavoro c è la necessità di essere un po rude so esserlo. Qual è stato, in passato, il suo rapporto con i giovani? Per via del mio incarico di Vicario prima e di Dirigente Scolastico poi sono lontano dalle classi da anni: il confronto con i ragazzi mi manca molto. Con loro avevo un ottimo rapporto, al punto che spesso la domenica una mia classe intera veniva a mangiare a casa mia. Soprattutto nei primi 4 5 anni mi è mancato tantissimo questo contatto con i giovani. Le prime impressioni sul nostro liceo: un pregio ed un difetto. A dire la verità, io per adesso ho notato soltanto pregi, credo che sia ancora presto per individuare eventuali difetti. Il primo pregio è la struttura, un contenitore bellissimo. Credo che i risultati di una scuola non possano prescindere dalla struttura in cui si è ospitati. Per quanto riguarda le classi, da quelle poche che sono riuscito a conoscere (mi ripropongo di visitarle tutte il prima possibile), ho visto dei ragazzi motivati e soprattutto educati, che rispettano le regole. C è pure un ottimo corpo docenti, motivato, che ha una grande professionalità. Anche a livello di personale ATA ho trovato gente in gamba che ama il proprio lavoro. Che progetti ha riguardo a questa scuola? Nell immediato ho il desiderio di completare l informatizzazione scuola con la dotazione di ogni aula di una LIM (lavagna interattiva multimediale). È già partito ancora con la precedente dirigenza l acquisto di 10 LIM, oltre a queste pensiamo di acquistarne altre 10 entro il mese di novembre. Per l inizio del prossimo anno scolastico, conto di poter fornire di LIM più del 50% delle aule. Io sono per la politica dei piccoli passi, non credo che si debba stravolgere una struttura che è già funzionante, poi man mano se dovesse nascere qualche problema cercheremo di risolverlo. Considerate però che con questi tagli le risorse finanziarie sono poche, e quindi dovremo per forza rinunciare a qualche altra cosa. Quali pensa che siano le questioni più urgenti da risolvere? In realtà l unica cosa che per ora ho visto in disordine è il cortile per via delle foglie cadute, ma non conosco bene la soluzione per via dei soldi necessari per lo smaltimento dei rifiuti. Cercherò di parlare con il Sindaco per sapere se loro hanno le disponibilità per fornire questo servizio in maniera gratuita. Cosa caratterizzerà il suo rapporto con gli studenti? Mi richiamo un po alla prima risposta. Io sono una persona leale, schietta e quello che devo dire lo dico tranquillamente. Faccio comunque una premessa, sono figlio di un militare e sono stato quindi abituato alle regole, la stessa cosa ho fatto io con le mie figlie. Il mio rapporto con gli studenti sarà quindi caratterizzato dallo stesso stampo di quello che ho instaurato con le mie figlie. E più per la punizione o per il dialogo educativo? Per l una e l altro. Mi spiego meglio: con i ragazzi di prima a volte il dialogo non basta, ma con i giovani di 18 o 19 anni il discorso è diverso. I giovani devono capire che nel momento in cui sbagliano - e devono sbagliare perché se no non si è giovani - devono assumersi le proprie responsabilità e talvolta queste responsabilità possono comportare anche una punizione. Cosa caratterizzerà il suo rapporto con gli insegnanti? Sarà sempre lo stesso, fatto di franchezza e di rispetto reciproco. Io rispetto il docente perché ho fiducia 6

7 nei docenti, perché chi fa questo lavoro lo fa perche ama la scuola: altrimenti, non ci sarebbe nessun motivo per farlo, perché non ci sono assolutamente gratificazioni economiche, ma principalmnte gratificazioni morali. Docenti/studenti/personale ATA/genitori: ci faccia una classifica. Studenti, personale ATA, docenti, genitori. I giovani per me sono al centro della scuola, non solo sulla carta ma realmente, perché noi abbiamo il dovere, anzi la responsabilità di mantenerli al centro del nostro sistema. Il problema di certe deficienze, tra virgolette, dei giovani va attribuito a volte anche alle famiglie e non ai ragazzi stessi. Cosa pensa della riforma in atto sulla scuola? Essendo un funzionario statale, preferirei non rispondere a questa domanda, anche perché questa più che riforma io la chiamerei taglio : la riforma, per me, è tutta un altra cosa. Un consiglio a chi sta iniziando a frequentare questo liceo ed uno ai maturandi. Cominciamo dai maturandi: a loro posso dire quello che vado dicendo da trent anni: il sistema per studiare poco è quello di studiare tutti i giorni. Si studia sicuramente meno ed è meglio. Purtroppo negli ultimi anni la tendenza è quella affrontare lo studio soltanto nel momento in cui si è interrogati: in questo modo si studia troppo, male e non si riesce a dimostrare quello che si è imparato. Si troveranno ad affrontare gli esami di stato, che sono il primo vero esame, e spesso i risultati non sono quelli che ci si a- spetta. Per i nuovi alunni, credo che chi si iscrive in un liceo lo faccia perché è motivato. Il mio consiglio è comunque lo stesso. La scuola serve e, tralasciando il titolo di studio, senza una buona istruzione non si va da nessuna parte. _x wéççx ÑxávxM Äx á ÜxÇx Si ritrovano informazioni sulle sirene già nella mitologia ellenica come esseri crudeli e maligni che attiravano i marinai con il loro canto melodioso. Effettivamente, per essere precisi, nella mitologia ellenica appaiono per la prima volta come donne con il corpo di uccello e d altra parte il canto è una caratteristica tipica degli uccelli. Il passaggio da uccello a pesce è un mistero, probabilmente un errore di trascrizione di pennis a pinnis che in latino significano rispettivamente piume e pinne. Nella mitologia medioevale, invece, assumono un carattere dolce, buono e di esseri metà pesce e metà donna perdendo così l antica connotazione malvagia. Ad ogni modo la figura della sirena appare in ogni leggenda di paesi costieri, dal Mediterraneo nella tradizione nordica dove le sirene tramutano la coda in gambe a contatto con la terra e viceversa tornando in acqua. È presente anche nelle mitologie scandinave, irlandesi e inglesi, tedesche, russe e in quelle del Medio Oriente e dei paesi asiatici. Spesso alla figura femminile si aggiungono anche figure maschili, come Tritone, figlio di Nettuno. E siccome tutto il mondo è paese, ecco una panoramica interculturale delle varie sirene esistenti in giro per il mondo. Si passa dalle Ben Varrey dell'isola di Man alle Ceasg dei mari della Scozia, sirena dalla coda da salmone che, se catturata, in cambio della libertà esaudisce tre desideri. Le gelide acqua della Norvegia e della Svezia ospitano la Havfrue e l'havmand, rispettivamente la sirena e il tritone della Scandinavia. La sirena è incostante e dispettosa, la sua apparizione indica tempesta o pesca misera. Orejona è una sirena con caratteristiche anfibie: ha gambe da donna, ma mani palmate e branchie. Orejona è una sirena a- liena, scesa da una navicella spaziale d'oro e sbarcata nel lago di Titicaca. Nelle grotte marine spesso abitano delle sirene bellissime come lei, ma altrettanto crudeli e spietate: amano infatti ci- barsi di carne umana. Le Ningyo sono sirene del Giappone, molto timide e innocue. In Thailandia vive la Duyugun, sirena dai lunghi capelli; esse non sono attraenti e la prima di loro si dice che fosse una bambina molto disubbidiente, trasformata dagli spiriti in sirena. In Nigeria vive Mami Wata, una sirena che dà poteri magici a chi la vede. Si può constatare che l immagine e la considerazione che gli uomini hanno avuto durante i secoli nei confronti di queste donne-pesce rispecchia il modo in cui gli stessi uomini hanno guardato al mare: come fonte di vita, di morte ma sempre un mare che continua ad affascinare per la sua bellezza,la sua dolcezza,la sua forza e il mistero che non sembra mai del tutto svelato. Nei tempi più recenti, i passeggeri di un mercantile hanno dichiarato che esiste un serpente nel golfo di Aden che ha la testa simile a quella di un bulldog. Molti anni prima erano stati ripescati nello stesso golfo due sirenoidi, uno di sesso maschile ed uno di- di sesso femminile. Per molti si trattò di una sofisticata burla, per altri, dell'unica vera prova dell'esistenza di strani esseri, simili a sirene, nei mari più inesplorati. Resta il fatto che le sirene, così come tanti altri esseri fantastici, rimangono un mistero affascinante, capace ancora di farci sognare... Elena Dotta 7

8 Esperienze Giornata Mondiale della Gioventù a Madrid Un grande happening di 2 milioni di giovani di tutto il mondo Vi hanno partecipato diversi studenti del Liceo, che vi raccontano. Quando mi hanno affidato l incarico di scrivere questo articolo sono rimasta un po perplessa, un po sconcertata ma sicuramente entusiasta. Infatti, quella che mi appresto a raccontarvi non è una delle solite cronache o delle solite interviste, è un esperienza - una bellissima esperienza! - vissuta in prima persona, che mi riguarda da vicino e che ha coinvolto anche numerosi studenti di questo Liceo. È l esperienza della GMG che ho vissuto a Madrid dall 11 al 21 agosto. Quest anno Madrid ha ospitato l undicesima edizione della GMG - Giornata Mondiale della Gioventù, giorno in cui giovani cattolici di tutto il mondo si ritrovano per celebrare insieme la Santa Messa e dare una forte testimonianza di una cristianità viva e giovane. Tali incontri nacquero dall intuizione di Giovanni Paolo II, Pontefice noto per il suo interesse ed affetto nei confronti dei ragazzi e delle ragazze di tutte le nazionalità. E stato così deciso che ogni tre o quattro anni un Paese differente avrebbe ospitato tale evento preparandosi all accoglienza del Santo Padre. Il testimone è passato di mano in mano, da Roma (1985) a Santiago de Compostela (1989), per arrivare fino ai nostri giorni con Sydney (2008), Madrid (2011) e la futura Rio de Janeiro (2013). Tuttavia affinché questo ritrovo non cadesse nel vuoto ma fosse solamente il culmine di un esperienza straordinaria, Giovanni Paolo II aveva deciso che l incontro del Papa con i giovani sarebbe stato preceduto da due settimane di comunione, di gemellaggio con il Paese ospitante. E così è stato anche quest anno: due milioni di giovani provenienti da 137 Paesi sono stati accolti dalle città spagnole che hanno messo a loro disposizione servizi, infrastrutture e volontari pronti a risolvere qualsiasi problema si fosse presentato. Il clima che sin da subito s è creato ha ben presto riprodotto quello di una grande famiglia, una famiglia multinazionale formata da componenti che parlano lingue diverse ma che riescono a farsi capire grazie ai gesti, all inglese improvvisato e ai sorrisi amichevoli. Emozionante è poi stato il discorso di Benedetto XVI che il 21 Agosto ha parlato direttamente ai giovani: Ragazzi, la Chiesa grazie a voi è giovane. [ ]Vi auguro di essere sempre radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede. E vorrei che tutti i giovani, sia coloro che condividono la nostra fede in Gesù Cristo, sia quanti esitano, sono dubbiosi o non credono in Lui, potessero vivere questa esperienza, che può essere decisiva per la vita. Quindi, sono andata alla ricerca di altri ragazzi che studiano qui al Porporato e che, come me, hanno avuto la possibilità di vivere questa esperienza. Molti li ho visti aggirarsi nei corridoi con lo zainetto arancione, altri con la maglietta gialla e rossa, altri li conoscevo. Ecco, dunque, cosa ne pensano Giorgia, Federico, Eleonora, Valentina ed Elisabetta: Qual è l episodio che più ti ha colpito di questa JmJ e cosa non potrai mai dimenticare dei giorni trascorsi in Spagna? GIORGIA Ciò che mi è piaciuto davvero molto è stato soprattutto il fatto di essere stata a contatto con persone provenienti da tutto il mondo e di aver potuto così conoscere nuove culture e diversi stili di vita. Mi colpiva il fatto di sentire felicità e spensieratezza nell aria e, inoltre, quel senso di unione che provavo non l avevo mai avvertito prima. FEDERICO Ho apprezzato particolarmente il clima che si era venuto a creare tra noi ragazzi, sia della stessa Diocesi (quella di Pinerolo) sia di tutte le nazionalità. L allegria che caratterizzava ogni giornata mi ha davvero reso felice. VALENTINA Sicuramente mi sono piaciute le tante risate fatte in quei bagni rotti delle palestre in cui eravamo ospitati, le mille esperienze fatte insieme da una passeggiata serale a un momento significativo di preghiera. Ma oltre a questo, un'altra immagina che mi rimarrà della GMG è stato il vedere durante la veglia serale del 20 Agosto, nonostante il vento e la pioggia fortissimi, 2 milioni di persone attorno a me. ELEONORA Non è semplice spiegare cosa più mi abbia colpito: forse è stata quell atmosfera magica e irreale. Non si trova quell aria di internazionalità e fratellanza nelle situazioni quotidiane. Era un insieme speciali di sorrisi da tutto il mondo, di abbracci dall Africa, di amichevoli partite di pallavolo con il Sud America, di condivisione di un grande e oramai logoro telo blu con Hiu, una ragazza coreana. Non esistono parole per descrivere ciò che ho vissuto in quei 10 giorni prima a Saragozza e poi a Madrid. Basta dire: GMG. ELISABETTA Il vedere così tante bandiere differenti di tutte le nazionalità era davvero spettacolare. Ognuno era lì ed era bello, bellissimo nella sua unicità, nella sua singolarità ma era ancora più bello perché era un piccolo granello di sabbia insieme a migliaia di altri piccoli granelli. Anche io rappresentavo il mio Paese ma mi sentivo parte del mondo. A Cuatro Vientos sembrava che davvero non ci fossero barriere tra i popoli. Cosa ti porti a casa da quest avventura? GIORGIA Mi sono rimasti moltissimi ricordi e una scatola piena di spille di tutto i Paesi, di braccialetti di stoffa 8

9 e di magliette scambiate con altri ragazzi. Ognuno di questi oggetti per me rappresenta un volto diverso, una persona incontrata, un giorno e una particolare situazione che non dimenticherò mai! FEDERICO Un bel ricordo di un esperienza assolutamente fuori dal comune che sarà anche molto utile per la mia crescita personale. VALENTINA Beh, sicuramente la mia valigia era carica di una montagna di souvenir che da buona turista ho comprato ed io mi sono portata appresso un abbronzatura niente male. Ma oltre ciò, spero che il clima e l armonia che ho trovato in quei giorni mi accompagnino e mi aiutino nella mia vita quotidiana. ELEONORA Possono sembrare cose banali da portare con sé una volta terminata la GMG, ma per me hanno un significato particolare: una maglia cilena e lo scampolo della stoffa nel kit degli italiani. Nella loro pragmaticità nascondono la mia esperienza della JMJ. La prima è una semplice e sformata maglietta blu che mi lega indissolubilmente con Paula, una ragazza cilena. Nei suoi occhi ho visto veramente la gioia della vita oltre le difficoltà del vivere in situazioni di grande povertà. Il secondo è invece uno scampolo colorato che, riparandomi dal sole tante volte, mi ha insegnato che puoi conoscere e vivere con persone provenienti da tutto il mondo superando qualsiasi difficoltà. L importante è lottare tutti insieme (e per lottare intendo anche farsi aria tra perfetti sconosciuti su una metro). ELISABETTA Quello che voglio portarmi a casa da questa GMG è il ricordo di unione che, attraverso tanti incontri, mi ha legato a molte persone che forse mai rivedrò. Le bandiere di cui parlavo prima mi hanno fatto capire che il mondo ha bisogno di fratellanza ed unione e noi giovani eravamo i portatori di questo messaggio. Ma il momento più emozionante è stato sicuramente quello della Santa Messa del 21 Agosto. 2 milioni di persone in silenzio, 2 milioni di sconosciuti che si stringono la mano, si abbracciano, si scambiano gesti di pace e amicizia. Non si conoscono ma si sentono fratelli. Non hanno nulla in comune se non quella curiosità nei confronti di Cristo, se non quella voglia di conoscenza. Il cuore batte forte e ad avvolgere quei giovani è un senso di comunione. Davvero, in quei volti chini in silenzio a pregare, al di là che uno ci creda o meno, v era qualcosa di straordinario che profumava di Umanità. Selene Evangelisti, 1Acl Il mistero della maschera di ferro Il 19 novembre 1703, dopo una breve malattia, un uomo che aveva il volto coperto da una maschera di ferro, moriva nella prigione della Bastiglia. Vi era stato imprigionato trentaquattro anni prima e persino il responsabile delle carceri reali, luogotenente Etienne du Jonca, non ne conosceva l'identità. Nel suo diario annotava: «Ho sempre solo saputo che lo chiamavano M. de Marchiel». Il giorno dopo la morte, l'uomo era stato sepolto sotto il nome di Marchiolly e subito dimenticato dal mondo. Divenne, invece, celebre circa un secolo dopo, a seguito di un libro di Voltaire, Il secolo di Luigi XVI, in cui finalmente si raccontava la vera storia della maschera di ferro. E su questo che si basa la rievocazione storica a Pinerolo del 1 e del 2 ottobre che negli anni ha avuto come protagonisti nel 2008 Pippo Franco e nel 2009 Massimo Lopez due comici molto conosciuti. Si dice che i compagni di sventura della maschera di ferro fossero molti. Nicolas Fouquet, un finanziere al tempo di Re Sole che venne per svariati motivi scambiato con la maschera di ferro, morì ufficialmente il 3 aprile Un altro fu Antonio Ercole Mattioli ministro e segretario del Duca di Mantova, morirà il 26 aprile Eustache Dauger servo della cugina di Re Sole morì avvelenato. Il Conte di Lauzun che fu detenuto per 10 anni. Questa storia è ancora un mistero per tutti quelli che cercano di risolverlo. Clarissa Bonasia 1ASU 9

10 Sono onorato di essere qui con voi oggi, nel giorno della vostra laurea ( ). Voglio raccontarvi tre episodi della mia vita. Tutto qui, nulla di speciale. Solo tre storie. UNIRE I PUNTINI La prima storia parla di «unire i puntini». Ho abbandonato gli studi al Reed College dopo sei mesi, ma vi sono rimasto come imbucato per altri diciotto mesi, prima di lasciarlo definitivamente. Allora perchè ho smesso? Tutto è cominciato prima che io nascessi. La mia madre biologica era laureanda ma ragazza-madre, decise perciò di darmi in adozione. Desiderava ardentemente che io fossi adottato da laureati, così tutto fu approntato affinché ciò avvenisse alla mia nascita da parte di un avvocato e di sua moglie. All ultimo minuto, appena nato, questi ultimi decisero che avrebbero preferito una femminuccia. Così quelli che poi sarebbero diventati i miei «veri» genitori, che allora si trovavano in una lista d attesa per l adozione, furono chiamati nel bel mezzo della notte e venne chiesto loro: «Abbiamo un bimbo, un maschietto, non previsto ; volete adottarlo?». Risposero: «Certamente». ( ) Infine, diciassette anni dopo ci andai all università. Ingenuamente scelsi un università che era costosa quanto Stanford, così tutti i risparmi dei miei genitori sarebbero stati spesi per la mia istruzione accademica. Dopo sei mesi, non riuscivo a comprenderne il valore: non avevo idea di cosa avrei fatto nella mia vita e non avevo idea di come l università mi avrebbe aiutato a scoprirlo. Inoltre, come ho detto, stavo spendendo i soldi che i miei genitori avevano risparmiato per tutta la vita, così decisi di abbandonare, avendo fiducia che tutto sarebbe andato bene lo stesso. Ok, ero piuttosto terrorizzato all epoca, ma guardandomi indietro credo sia stata una delle migliori decisioni che abbia mai preso. Nell istante in cui abbandonai potei smettere di assistere alle lezioni obbligatorie e cominciai a seguire quelle che mi sembravano interessanti. Non era tutto così romantico al tempo. Non avevo una stanza nel dormitorio, perciò dormivo sul pavimento delle camere dei miei amici; portavo indietro i vuoti delle bottiglie di coca-cola per raccogliere quei cinque cent di deposito che mi avrebbero permesso di comprarmi da mangiare ( ). Ma mi piaceva. Gran parte delle cose che trovai sulla mia strada per caso o grazie all intuizione in quel periodo si sono rivelate inestimabili più avanti. Lasciate che vi faccia un esempio: il Reed College a quel tempo offriva probabilmente i migliori corsi di calligrafia del paese. Nel campus ogni poster, ogni etichetta su ogni cassetto, erano scritti in splendida calligrafia. ( ) decisi così di seguire un corso di calligrafia. Ho imparato cosa sono i caratteri serif e sans serif, come variare la spaziatura tra differenti combinazioni di lettere ( ). Nulla di tutto questo sembrava avere speranza di applicazione pratica nella mia vita, ma dieci anni dopo, quando stavamo progettando il primo computer Macintosh, mi tornò utile. Progettammo così il Mac: era il primo computer con una bella capacità tipografica. Se non avessi abbandonato gli studi, il Mac non a- vrebbe avuto multipli caratteri e font spazialmente proporzionate. E se Windows non avesse copiato il Mac, nessun personal Ricordando Steve Jobs Siate affamati, siate folli Pubblichiamo il famoso discorso che nel 2005 ha tenuto ai giovani dell Università di Stanford Sopra i computer ora le avrebbe ( ). Certamente non era possibile all epoca «unire i puntini» e avere un quadro di cosa sarebbe successo, ma tutto diventò molto chiaro guardandosi alle spalle dieci anni dopo. Vi ripeto, non potete sperare di unire i puntini guardando avanti, potete farlo solo guardandovi alle spalle: dovete quindi avere fiducia che, nel futuro, i puntini che ora vi paiono senza senso possano in qualche modo unirsi nel futuro. Dovete credere in qualcosa: il vostro ombelico, il vostro karma, la vostra vita, il vostro destino, chiamatelo come volete questo approccio non mi ha mai lasciato a terra, e ha fatto la differenza nella mia vita. AMORE E PERDITA La mia seconda storia parla di amore e di perdita. Fui molto fortunato ho trovato cosa mi piaceva fare nella vita piuttosto in fretta. Io e Woz fondammo la Apple nel garage dei miei genitori quando avevo appena vent anni. Abbiamo lavorato duro, e in dieci anni Apple è cresciuta da noi due soli in un garage sino ad una compagnia da due miliardi di dollari con oltre quattromila dipendenti. A- vevamo appena fatto uscire la nostra migliore creazione il Macintosh un anno prima, e avevo appena compiuto trent anni quando venni licenziato. Come può una persona essere licenziata da una società che ha fondato? Beh, quando Apple si sviluppò assumemmo una persona che pensavamo fosse di grande talento per dirigere la compagnia con me, e per il primo anno le cose andarono bene. In seguito però le nostre visioni sul futuro cominciarono a divergere finché non ci scontrammo. Quando successe, il nostro Consiglio di Amministrazione si schierò con lui. Così a trent anni ero a spasso. E in maniera plateale. Ciò che era stato il centro della mia intera vita adulta non c era più, e tutto questo fu devastante. Non avevo la benché minima idea di cosa avrei fatto, per qualche mese ( ). Ma qualcosa cominciò a farsi strada dentro me: amavo ancora quello che avevo fatto ( ). Ero stato rifiutato, ma ero ancora innamorato. Così decisi di ricominciare. Non potevo accorgermene allora, ma venne fuori che essere licenziato dalla Apple era la cosa migliore che mi sarebbe potuta capitare. La pesantezza del successo fu sostituita dalla soavità di essere di nuovo un iniziatore, mi rese libero di entrare in uno dei periodi più creativi della mia vita. Nei cinque anni successivi fondai una Società chiamata NeXT, un altra chiamata Pixar, e mi innamorai di una splendida ragazza che sarebbe diventata mia moglie. La Pixar produsse il primo film di animazione interamente creato al computer, Toy Story, ed è ora lo studio di animazione di maggior successo nel mondo. In una mirabile successione di avvenimenti, Apple comprò NeXT, ritornai in Apple e la tecnologia che sviluppammo alla NeXT è nel cuore dell attuale rinascita di Apple. E io e Laurene abbiamo una splendida famiglia insieme. Sono abbastanza sicuro che niente di tutto questo mi sarebbe accaduto se non fossi stato licenziato dalla Apple ( ). Ogni tanto la vita vi colpisce sulla testa con un mattone. Non perdete la fiducia, però. Sono convinto che l unica cosa che mi ha

11 aiutato ad andare avanti sia stato l amore per ciò che facevo. Dovete trovare le vostre passioni, e questo è vero tanto per il/la vostro/a fidanzato/a che per il vostro lavoro. Il vostro lavoro occuperà una parte rilevante delle vostre vite, e l unico modo per esserne davvero soddisfatti sarà fare un gran bel lavoro. E l unico modo di fare un gran bel lavoro è amare quello che fate. Se non avete ancora trovato ciò che fa per voi, continuate a cercare, non fermatevi, come capita per le faccende di cuore, saprete di averlo trovato non appena ce l avrete davanti ( ). Non accontentatevi. MORTE La mia terza storia parla della morte. Quando avevo diciassette anni, ho letto una citazione che recitava: «Se vivi ogni giorno come se fosse l ultimo, uno di questi c avrai azzeccato». Mi fece una grande impressione, e da quel momento, per i successivi trentatré anni, mi sono guardato allo specchio ogni giorno e mi sono chiesto: «Se oggi fosse l ultimo giorno della mia vita, vorrei fare quello che sto per fare oggi?». E ogni volta che la risposta era «No» per troppi giorni consecutivi, sapevo di dover cambiare qualcosa. Ricordare che sarei morto presto è stato lo strumento più utile che abbia mai trovato per aiutarmi nel fare le scelte importanti nella vita. Perché quasi tutto tutte le aspettative esteriori, l orgoglio, la paura e l imbarazzo per il fallimento sono cose che scivolano via di fronte alla morte, lasciando solamente ciò che è davvero importante ( ). Un anno fa mi è stato diagnosticato un cancro. Effettuai una tac alle sette e trenta del mattino, e mostrava chiaramente un tumore nel mio pancreas. Fino ad allora non sapevo nemmeno cosa fosse un pancreas. I dottori mi dissero che con ogni probabilità era un tipo di cancro incurabile, e avevo un aspettativa di vita non superiore ai tre-sei mesi. Il mio dottore mi consigliò di tornare a casa «a sistemare i miei affari», che è un modo per i medici di dirti di prepararti a morire. Significa che devi cercare di dire ai tuoi figli tutto quello che avresti potuto nei successivi dieci anni in pochi mesi. Significa che devi fare in modo che tutto sia a posto, così da rendere la cosa più semplice per la tua famiglia. Significa che devi pronunciare i tuoi «addio» ( ). Questa è stata la volta in cui mi sono trovato più vicino alla morte, e spero lo sia per molti decenni ancora. Essendoci passato, posso dirvi ora qualcosa con maggiore certezza rispetto a quando la morte per me era solo un puro concetto intellettuale: nessuno vuole morire. Anche le persone che desiderano andare in paradiso non vogliono morire per andarci. E nonostante tutto la morte rappresenta l unica destinazione che noi tutti condividiamo, nessuno è mai sfuggito ad essa. Questo perché è come dovrebbe essere: la Morte è la migliore invenzione della Vita. E l agente di cambio della Vita: fa piazza pulita del vecchio per aprire la strada al nuovo. Ora come ora «il nuovo» siete voi, ma un giorno non troppo lontano da oggi, gradualmente diventerete «il vecchio» e sarete messi da parte. Mi dispiace essere così drammatico, ma è pressappoco la verità. Il vostro tempo è limitato, perciò non sprecatelo vivendo la vita di qualcun altro. Non rimanete intrappolati nei dogmi, che vi porteranno a vivere secondo il pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui zittisca la vostra voce interiore. E, ancora più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione: loro vi guideranno in qualche modo nel conoscere cosa veramente vorrete diventare. Tutto il resto è secondario. Quando ero giovane, c era una pubblicazione splendida che si chiamava The whole Earth catalog, che è stata una delle bibbie della mia generazione ( ). Era idealista, e pieno di concetti chiari e nozioni speciali ( ). Quando concluse il suo tempo, fecero uscire il numero finale. Era la metà degli anni Settanta e io avevo pressappoco la vostra età. Nella quarta di copertina del numero finale c era una fotografia di una strada di campagna nel primo mattino, del tipo che potete trovare facendo autostop se siete dei tipi così avventurosi. Sotto, le seguenti parole: «Siate affamati. Siate folli». Era il loro addio, e ho sperato sempre questo per me. Ora, nel giorno della vostra laurea, pronti nel cominciare una nuova avventura, auguro questo a voi. Siate affamati. Siate folli. The Beatles... quel vulcano di vernice colorata! Sui quattro geni della musica inglese si potrebbe dire tutto, tanto da riempire libri, tanto da creare un corso di laurea (fatto accaduto in Inghilterra). Si potrebbe dire che hanno cambiato il volto della musica, della moda e della gioventù mondiali, si potrebbe dire (per citare il film da me magistralmente descritto) che sono i più grandi geni che la musica mondiale mai potrà avere, ma non credo basterebbe anche solo per descrivere Lucy in the sky with diamonds, che noi tutti sappiamo avere dato il nome allo scheletro di un australopiteco. Potrei dire che nella storia sono quelli che hanno venduto di più, potrei dire che secondo la rivista Rolling Stones sono il più grande gruppo di tutti i tempi, ma non sarebbe abbastanza. Vi dirò cosa penso dei Beatles, che è l'unica cosa che posso fare nella mia ignoranza. Da quando sono bambina ho sentito di questi quattro ragazzi che avevano cambiato la musica, ho sentito parlare di queste leggende in pentagramma, e ora forse riesco a capire quanto fossero grandi. Riuscirono a portare un vento colorato in un'era tendente al grigio, riuscirono a imporre la musica su tutto il resto, portarono nella rigida Inghil- terra una così prorompente esuberanza da fare impazzire tutti coloro che si sentivano inespressi. Furono un vulcano di vernice colorata, un esplosione di gioia, quattro facce da schiaffi nell'europa perbenista. Per l'epoca furono la novità. Per noi cosa sono ora? Per co- loro cui il vangelo non è stato rivelato sono solo musica antica, vinili impolverati; ma per coloro cui la lieta novella è già stata annunciata i Beatles non sono solo quattro individui in giacca e cravatta. Per noi sono la dimostrazione che ci possiamo ancora divertire, che possiamo ancora ballare, che possiamo sempre scherzare, che molto spesso una pernacchia grida più di un insulto, che i giovani possono cambiare il mondo, che le armi non servono a nulla se hai una chitarra, perché le pallottole finiscono, le canzoni non muoiono mai. Questo sono per noi i Beatles, 11 o almeno lo sono per me. Lara 3BCl 11

12 SUPPLEMENTO D ANIMA Il gruppo di Amnesty Int. del Porporato Delta del Niger: regno dell oro nero Chiudete gli occhi e preparatevi a viaggiare. Non avrete bisogno di valigie: aggrappatevi semplicemente alla vostra immaginazione e spiccate il volo. Superate i maestosi picchi innevati delle Alpi, i flutti color zaffiro del mar Mediterraneo e sorvolate l Africa, lasciandovi incantare dalla bellezza mozzafiato delle dune sahariane. Proseguite, proseguite ancora. Spingetevi fin sopra la Nigeria e seguite il fiume Niger che serpeggia sotto di voi. Ecco... sul più bello, i vostri occhi si riempiono di orrore. Una distesa di infernali mostri metallici dalle fauci infuocate emerge dalla terra e dalle acque del fiume. Si tratta di pompe e di piattaforme petrolifere che succhiano avide dal sottosuolo liquido scuro, rovesciando nel nobile Niger scorie tossiche. La vegetazione, che fino a quel momento lambiva spavalda e lussureggiante le sponde del fiume, ora si ritrae timidamente, sconfitta. Non sembra anche a voi di precipitare, di cadere nel vuoto? Non avete la sensazione di soffocare, come se il nero mantello di morte dell oro nero vi avesse ghermito la gola? Siete appena giunti sul Delta del Niger, dove spadroneggia il più crudele dei tiranni, il mostruoso despota fautore di inganni e di avidità, il petrolio. Il Delta del Niger si estende per circa chilometri quadrati, coprendo il 7,5% del territorio nigeriano. È la terra, questa, del paradosso, del controsenso, dell irrazionale. È una delle regioni più ricche di petrolio al mondo e tuttavia con l indice di disoccupazione più alto della Nigeria. Il 90% delle case è privo di luce. L inquinamento atmosferico e delle acque fluviali è uno dei più elevati al mondo eppure le principali attività di sostentamento dei 20 milioni di persone che vivono nella zona (40 gruppi etnici diversi che parlano 250 dialetti) sono la pesca e l agricoltura. Il petrolio ride di noi, si burla dell umanità, la fa muovere a suo piacimento, come un inerme burattino. Di fronte al richiamo dell oro nero l uomo perde tutta la sua dignità, il suo libero arbitrio. Il governo nigeriano, dopo la scoperta a fine anni Cinquanta dei giacimenti petroliferi, si fece abbagliare dai facili guadagni e, sordo alle deboli proteste delle popolazioni locali, permise installazioni alle compagnie petrolifere. La Shell, la Chevron, l Agip arrivarono portando macchinari obsoleti e pericolosi, nonché la mano d opera di cui avevano bisogno e in breve tempo fagocitarono l economia nigeriana. Le Nazioni Unite, in un rapporto pubblicato durante lo scorso agosto, hanno accusato la compagnia petrolifera Shell e il governo della Nigeria di aver causato per 50 anni un inquinamento da petrolio nella regione, che richiederebbe un operazione di ripulitura della durata di 25/30 anni. Costo stimato (al ribasso): un miliardo di dollari. Leggete, leggete tutto questo ed indignatevi. Peter Benenson, l avvocato inglese fondatore di Amnesty International scriveva, nel 1961: Se il sentimento di disgusto di chi legge potesse unirsi in un azione comune, ne verrebbe fuori qualcosa di efficace. Ebbene, indignatevi. Ma, aggiungiamo noi, non lasciate che questa indignazione venga spazzata via dall indifferente vento della quotidianità, non lasciate che venga estirpata dall egoismo dell oggi o del domani. Perché, questo è sicuro, le fondamenta arrugginite di quelle piattaforme petrolifere non saranno divelte con tanta facilità, né l inquinamento da petrolio nel Delta del Niger diventerà tanto rapidamente solo un brutto ricordo. Andrea Bruno, 3A Cl Il convegno di Libera, Mafie al Nord Dopo il Gruppo Amnesty, nasce al Liceo anche il Gruppo Libera Sono stati numerosi i ragazzi e non che il 7 e l'8 ottobre hanno partecipato alle giornate di discussione: "Mafie al nord". Alla chiusura di queste due giornate Don Ciotti ha pronunciato un discorso molto importante sia per i vari presidi, coordinamenti provinciali e regionali che per tutti coloro che sono anco- ra speranzosi verso il futuro. "Il nuovo codice antimafia che entrerà in vigo- re è un preoccupante passo indietro.un codice, che viaggia senza tendere le orecchie nemmeno alla comissione giustizia della Camera che unanimemente ha chiesto- la revisione di alcuni pezzi di questa complessa normativa,è certamente un segnale chiaro alle mafie.tra le altre difficoltà che introduce, in questo codice c'è la furbizia di una prescrizione breve anche dei beni confiscati.ci sono norme che complicano la vita degli amministratori dei beni:1)decreta la decadenza automatica del provedimento di confisca se entro 18 mesi una sentenza d'appello non conferma il primo grado( Sappiamo che quei signori possono permettersi ottimi avvocati che sanno come far scadere il tempo).(...)chiediamo più trasparenza per i beni sottratti ai mafiosi:perchè vogliamo sapere quanti sono e per cosa vengono impiegati.questa non è un'ideologia, ma una semplice richiesta di chiarezza:fatti concreti non parole e promesse non mantenute. Siamo in presenza di una mafia sempre più civile e di una società civile sempre più mafiosa.c'è urgenza di alzare allarme sull'insediamento e non solo sulle infiltrazioni delle mafie nel tessuto economico del nord.(...)ai sindaci del nord chiediamo di attrezzarsi contro la criminalità,la corruzione e le mafie sono due facce della stessa medaglia.non venga meno la speranza". Queste sono le sue parole e questo è il pensiero di Libera-associazioni nomi e numeri contro le mafie. Chiara Perrone, IA Classico/ Per info:

13 Artisti e campioni tra noi Jessica Mugnai, IA CL, ballerina classica Ciao Jessica, da quanti anni fai danza classica e come hai iniziato? Ciao, ho iniziato quando avevo appena quattro anni. Mia madre mi aveva portato ad una scuola di danza poco lontano da casa mia esclusivamente per correggere un difetto fisico ai piedi. Nessuna delle due immaginava che alla fine mi sarei appassionata a questa splendida disciplina. Sappiamo che sei ad alti livelli, puoi spiegarci più in particolare? Adesso sto studiando a livello professionale. In poche parole, mi sto preparando per poter affrontare sia alcune audizioni per delle accademie anche all estero, sia per essere pronta, quando avrò diciotto anni, ad unirmi a una compagnia di danza. Spero di poter condurre una carriera votata alla danza, anche se sono consapevole che il mondo del balletto è pieno di insidie. Nel frattempo cerco di superare i miei limiti e di migliorare sempre di più. A quali concorsi ed eventi hai partecipato? Durante l anno partecipo a vari stage, ovvero lezioni con maestri di fama mondiale, fra tutti posso dirvi delle tante lezioni con Alessandra Celentano, Paloma Herrera, Frederic Olivieri (direttore della Scala) e molti altri. Lucrezia, IA Classico I Love Radio Rock Siamo nel 1966, l'era d'oro del rock britannico, ma le radio locali non trasmettono più di 45 minuti di musica pop al giorno. In questo clima nascono le radio pirata. Ecco l'introduzione a uno dei migliori film comici del 2009, scritto e diretto da Richard Curtis, già regista di produzioni all-british come Love Actually, e sceneggiatore di pellicole esilaranti come Quattro matrimoni e un funerale (che gli valse una nomination agli Academy Awards) e Notting Hill. Il film racconta le vicende dei dj della famosa Radio Rock (ispirata alla reale Radio Caroline), stazione pirata che trasmette da una scalcagnata nave attraccata nel mare del nord, viste e vissute dal nuovo arrivato, il giovane Carl. Si alternano quindi momenti teneri di amicizia, a delusioni d'amore, a lotte d'onore a libidinosi istinti, a lotte contro il sistema che vuole riportare il Regno Unito alla classica cercando di rendere illegali le trasmissioni, tutti descritti con simpatia senza mai cadere nella volgarità. Ci saranno quindi il giovane Carl (Tom Sturridge), il Conte che conta (il premio oscar Philip Seymour Hoffman), il leggendario Gavin (Rhys Ifans), il pingue però bellissimo Dave, il sexissimo Mark, il teneroso Simon, il granitico Dormandy (Kenneth Branagh) e altri divertentissimi personaggi, tra cui spicca il cameo di una superlativa Emma Thompson e un magistrale Bill Nighy. Ma la parte migliore di un film già di per sé grandissimo è una fenomenale colonna sonora, composta dal migliore rock'n roll anni sessanta, descritto e trattato con un amore tale da generare in chiunque un inspiegabile amore per quella musica. Se vi piace ridere, se vi piace la commedia inglese, ma soprattutto se vi piace la musica, questo è un film da vedere, perché mai il rock è stato descritto con così tanto amore e tanta ilarità. Lara 3B Cl 13

14 Ex 7 in condotta La rubrica delle news sul comportamento degli studenti e sugli insegnanti che li hanno sanzionati continua... Il filone è sempre quello di una sana risata, con le disavventure scolastiche di studenti e professori. Ecco quindi a voi cosa hanno fatto alcuni studenti modello ( non del Porporato!!) che si sono beccati un bel 7 (o giù di lì) in CONDOTTA!! D. dice di andare in bagno: va a fumare e torna con cappucino e brioches a fare colazione in classe! L alunno M.S. costruisce con impegno la sorpresa trovata dentro l ovetto kinder, che si è mangiato durante la spiegazione. Prof. M. L alunno F. viene da me visto tirare e torcere l orecchio al compagno E. dicendo che fosse uno scherzo di compleanno. E. lamenta dolore La classe dopo ripetuti richiami continua a simulare un inesistente terremoto battendo i piedi sul pavimento. In classe ci si augura il mio decesso L alunno P.E. utilizza il libro di testo come attrezzo anti mosche Alcuni (non identificati) fanno scoppiare i petardi fatti artigianalmente con carta e polvere da sparo La prorompente alunna F. viene trovata nascondere una quantità non indifferente di bigliettini di matematica tra i seni. Si sospetta fossero destinati ai compagni L alunna E. dopo aver dato fuoco al quaderno degli appunti di biologia con un accendino e aver provocato paura per la nuova di fumo formatasi, viene mandata in presidenza L alunno M.L. rientra dopo 35 minuti dal bagno affermando che il bidello l aveva sfidato a poker e che lui doveva difenderlo. La sfuriata di Bet di Cristian Frascella Bet aspetta la rivoluzione. Ogni giorno quando squilla la sveglia penso alla rivoluzione. Penso che da qualche parte in città sia scoppiata la rivoluzione dei giovani, dei cassaintegrati, degli sfruttati, di quelli che non ce la fanno più. La nostra epoca in tumulto contro quello che non va a scuola, in fabbrica, sui giornali, ovunque. Sogno di affacciarmi alla finestra e di assistere alla sommossa di intere generazioni. Gente che corre, slogan e striscioni, qualcuno che strilla nel megafono cose essenziali e vere. Una sana idea di trasformazione collettiva. Poliziotti e carabinieri che, esitanti e meravigliati, depongono le armi e lasciano sfilare migliaia e migliaia di rivoltosi. E di fronte ai militari inermi sfilano, accaniti e fieri e incazzati al punto giusto, tutti quelli hanno maturato delle giuste rivendicazioni. L aria è piena di musica, i vicoli delle strade rimbombano dei passi della Rivoluzione, le Istituzioni barcollano. Credo che questo brano più di tutti esprima il pensiero di Bet. Forse inizialmente Bet sembra solo un'adolescente arrabbiata e lunatica, ma ha delle idee, dei progetti, e un bel giorno decide che è l'ora di farli sapere al mondo, che non può tenerli per sé. E' il giorno della sfuriata di Bet: il giorno in cui è lei a dare il via alla sua rivoluzione, in realtà probabilmente irrilevante per il resto del mondo, ma fondamentale per se stessa. Libri & Letture A cura di Elisa Garis 2ACL 14 La Mennulara di Simonetta Agnello- Hornby Sicilia, La morte della serva della famiglia più importante del paese scatena conseguenze più o meno inaspettate, che porteranno alla luce la vera identità della Mennulara ('la raccoglitrice di mandorle' in siciliano) e il suo passato, nonché il suo reale potere. L'ho trovato un libro particolare: la prima parte è molto lenta, quasi noiosa, se non fosse che bisogna continuare a leggere per capire, svelare dettagli di volta in volta. Tra la moltitudine dei personaggi e dei pettegolezzi è facile perdere il filo, ma dato che tutto ruota sempre attorno alla Mennulara è anche facile ritrovarlo. Devo dire che il finale, la consapevolezza di aver capito, ripaga di tutto il resto.

15 Ipse Dixit Bresso: X se continui a parlare ti pugnalo con la matita! Studente: Prof, ma quella matita è mia!! Bresso: Eh va beh! Poi te la ricompro! Strumia: Ragazzi avete copiato? Posso scancellare la lavagna? Si?! Ok, allora scancello! Anonimo: Siamci?... che vuol dire "ci siamo". Prof di Matematica a quella di Italiano: "Ma non ci sono io in primo B a quest'ora?" Prof di Italiano: "No tu sei in primo A, c'hanno invertito le classi!" Prof di Matematica: "Visto ragazzi? Cambiando l'ordine delle classi il risultato non cambia!" Onda d Urto Humour Art 15 PORPORATO MUSIC Rubrica musicale By Francesco Maletto Un saluto a tutti! E già ottobre ed il primo numero del giornalino è uscito, ed io non ho la minima idea di cosa stia facendo, ma spero di farlo bene. Le 10 canzoni che vado a proporvi in questo primo numero sono per la maggior parte successi di gruppi più o meno conosciuti, scelte perchè stessero più o meno bene insieme. Spero che vi piacciano, buon ascolto a tutti! Blur - Song 2 Arctic Monkeys - Brianstorm Elio e le Storie Tese - John Holmes Pearl Jam - The Fixer Does it Offend You, Yeah? - The Knife Caparezza - Legalize the Premier Gorillaz - Dirty Harry Gorillaz - Feel Good, Inc. Cage the Elephant - Ain t No Rest for the Wicked Justice - Civilization A Pinerolo e nei dintorni sono presenti molti gruppi emergenti, che suonano musica molto interessante e dei quali magari non tutti hanno ancora sentito parlare, perciò ho pensato che sarebbe stato carino dedicargli due o tre righe. Per questo mese vi segnalo l uscita del primo CD delle Altre Brutte Sorprese, Il Fiero Pasto, e la presentazione del video ufficiale il Fiero Pasto il 29 Ottobre alla chiesetta italo tajo per il concorso Videotrip. Francesco Maletto

16 Enigma Test ed indovinelli seri e semiseri 1. Quali località fanno da vertici al cosiddetto Triangolo delle Bermude? A) Bermude, Puerto Rico e Miami B) Bermude, Cuba e Miami C) Bermude, Port-de-Paix e Santiago 2. Lemuria... Cos'è? A) Una malattia contagiosa B) L'altro nome di Mu, il continente scomparso nell'oceano Pacifico C) Il nome di una Dea greca 3. In che anno Jack lo Squartatore iniziò i suoi efferati delitti? A) 1888 B) 1870 C) Come si chiama la Piazza che secondo tradizione rappresenterebbe il punto più negativo di Torino? A) Piazza Gran Madre B) Piazza Massaua C) Piazza Statuto 5. Secondo tradizione qual è il luogo più infestato del Regno Unito? A) York Museum B) La Torre di Londra C) The Theatre Royal 6. Secondo il Guinnes dei Primati, il cognome più diffuso del mondo, con oltre 100 milioni di esemplari é: A) Chang B) Smith C) Rossi 7. Che cos'è la sinossi? A) una malattia cardiovascolare B) il nome di una città dell'antica Grecia C) un riassunto 8. Chi la usa non la vende, chi la vende non la usa, chi la compra non la vorrebbe usare... cos'è? 9. Grazie al cielo, ha lavoro... chi è? 10. Una ragazza è sola in una casa abbandonata e buia. In tasca ha una scatola di fiammiferi con dentro un solo fiammifero. Davanti a sé trova una candela, un caminetto e una lanterna... cosa accende per prima? Giada 2AL Soluzioni: 1A, 2B, 3A, 4C, 5B, 6A, 7C, 8- la bara, 9-l'astronomo, 10-il fiammifero Raccontarsi Il primo giorno di scuola Per tutti noi è arrivato, a chi prima a chi dopo, il primo giorno di scuola. Sin dalla materna si ha sempre avuto timore di questo momento, un po' per il nuovo ambiente, un po' per i nuovi amici, importanti compagni di vita. Ma, a mio parere, l'estate che precede la prima superiore, è quella che contiene più ansie, timori e aspettative. Devo ammettere che fino al dieci di settembre ero calma e tranquilla, anzi, non vedevo l'ora di iniziare questa tanto attesa "Scuola Superiore". Ma la domenica ho cominciato a sentire un'agitazione inaspettata, che si è mutata in un "peso nel cuore" il fatidico giorno: lunedì dodici settembre Fortunatamente conoscevo già alcune ragazze e, insieme a loro, mi sono avviata verso quella che sarà la mia scuola per cinque [spero meravigliosi) anni. Il Liceo Classico era lì che mi aspettava. Subito rimasi sbigottita: c'erano tantissimi studenti! Questo fatto mi ha un po' intimorita, provenendo da una piccola scuola media con pochi studenti chesi conoscevano tutti. Ho, però, provato anche una sensazione fulminea, ma allo stesso tempo fondamentale, ho sentito di far parte anch'io, finalmente, di quel mondo che appartiene ai ragazzi più maturi. Quando uscirò da questa scuola sarò un'adulta, ma ora che vi entro sono solo una quattordicenne piena di paure per l'inizio del periodo più bello, importante, pieno di esperienze e indimenticabile di tutta la sua vita. Mi aspettavo una scuola che avesse un ambiente confortevole e accogliente e sono rimasta soddisfatta, mi aspettavo un luogo dove sarebbe stato semplice conoscere altri studenti e le tante attività che la scuola si impegna a promuovere mi accontentano pienamente, ma soprattutto, la mia aspettativa più importante, era quella trovare una classe con cui mi sarei trovata bene per tutto il mio percorso scolastico, e ciò è accaduto. Ora che è passato poco più di un mese, sento già un legame molto forte con i miei nuovi compagni. È poco tempo che ci conosciamo, ma potrei parlare per ore e ore di ognuno di loro, perché sono fantastici, unici nel loro genere. Dal primo momento in cui ho visto la classe, i professori e i miei compagni (con visi timidi e spauriti) ho capito che quel giorno, insieme a molti altri che verranno, sarebbe rimasto un ricordo incancellabile nella mia memoria. Greta Conterò, IV A ginnasio 16

17 VignetteGallery Vignette serie e semiserie. Mandateci le vostre, le pubblichiamo: 17

18 La scuola siamo noi! Questo spazio è dedicato alle notizie della scuola che maggiormente coinvolgono agli studenti. Voi siete i diretti interessati di queste notizie, voi avete il diritto e il dovere di partecipare alla vita della nostra scuola. Quindi, scrivete. Parlateci di come vorreste vivere la scuola, come renderla non solo un noioso (?) luogo in cui studiare, ma anche un luogo di scambio e confronto. Scriveteci cosa vorreste trovare, voi e le vostre idee siete l'opportunità di migliorare al nostro liceo. ( I Rappresentanti d istituto Quest'anno alle elezioni d'istituto si è presentata solo una lista di rappresentanti. Loro sono Elena Destefanis, Omar El Hamdani, Pietro Manduca e Rocco Spezzacatena, e la loro lista si chiama Lista 33. Lista 33, come il trentatreesimo articolo della costituzione italiana, del quale il primo comma recita : L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. L'insegnamento della scienza e dell'arte libero lo è già, ma il valore aggiunto che questo quattro studenti vogliono dargli è quello dello scambio, della partecipazione, del coinvolgimento, del confronto tra gli studenti. Una grossa novità (la novità principale) prevista dal programma della Lista 33 è l'organo esecutivo. L'esecutivo è un organo interno della scuola, del quale fanno parte tra i venti e i venticinque studenti che hanno il compito di prendere le decisioni a nome degli studenti. L'innovazione sta proprio nel dare la possibilità a più studenti di essere attivamente partecipi dei progetti per la scuola e per noi studenti, senza limitare le decisioni ai solo rappresentanti. I rappresentanti si trovano a svolgere il ruolo di coordinatori dei progetti, che possono contare però su più persone. In questo modo la scena si apre a più persone che hanno voglia di partecipare, e allo stesso tempo si aprono anche le possibilità di realizzare effettivamente gli altri punti sviluppati dalla lista dei rappresentanti. Credo che l'esecutivo sia un organo molto utile, che mette in gioco attivamente più persone. Gli altri progetti proposti dai neorappresentanti sono veramente tanti. Il bello è che grazie all'esecutivo c'è la probabilità di realizzarne davvero la maggior parte, se non tutti. I rappresentanti degli studenti propongono anche di tenere aperta la scuola agli studenti anche al pomeriggio per due iniziative: prima, quella delle aule studio, seconda quella dei pomeriggi culturali. L'intenzione sarebbe quella di mettere a disposizione degli studenti due o più aule nelle quali studiare individualmente (come si fa in biblioteca, in silenzio e ognuno per sé), ma anche collettivamente, dove chi è più bravo si può mettere a disposizione di chi lo è un po' meno, o dove semplicemente ci si può riunire quando si hanno da fare lavori di gruppo. Sarebbe utile in particolare per gli studenti che abitano fuori Pinerolo e potrebbero ottimizzare i tempi fermandosi a studiare a scuola, magari in compagnia. Ulteriore obiettivo è quello di attivare un wi-fi pomeridiano su queste due aule. Per quanto riguarda i pomeriggi culturali le attività proposte sono varie: cineforum, incontri con scrittori e musicisti, dibattiti di attualità. Nel programma sono anche previste due giornate autogestite dagli studenti. Una di attualità e cultura, discussioni Il nuovo libretto scolastico? Meglio il vecchio! Il libretto scolastico: strumento fondamentale per le comunicazioni scuola/ famiglia, per annotare i voti, per giustificare le assenze. Quest'anno abbiamo visto entrare nelle nostre cartelle un libretto diverso da quello degli anni scorsi. Ciò ha suscitato molte domande tra gli studenti: qual è il motivo di questo cambiamento? Perché sostituire il libretto tradizionale con questo nuovo, molto simile all'altro nell'apparenza, ma sostanzialmente diverso nell'organizzazione? La reazione generale è stata immediatamente di stupore, poi di disapprovazione. Infatti abbiamo chiesto ad alcuni studenti la loro opinione sulle modifiche del libretto scolastico: una ragazza di quarta ci ha detto: E' un cambiamento, una novità quindi non mi dispiace, e non è male. È solo poco pratico, perchè ha pochissimi spazi per trascrivere i voti, e non ha la copertina plastificata e quindi si rovinerà tutto. Anche altri studenti sono d'accordo con questa opinione. Oltretutto, alcuni aggiungono che è troppo spesso e ogni singolo voto occupa troppo posto, così che c'è uno spreco di spazio e carta. In fondo per scrivere un voto, con firma del professore e poi del genitore, non bastava una riga come nel libretto degli anni scorsi? Ci hanno anche fatto notare che non si trova più la suddivisione preimpostata tra scritto e orale, fondamentale per le medie di fine quadrimestre. Tuttavia, ci sono anche aspetti positivi: senza la divisione in tre e le parti a soffietto è meno dispersivo e più compatto. Per i 'primini' è un'autentica novità, ma anche alcuni di loro ci hanno detto che c'è di fatto poco posto per trascrivere i voti o le giustificazioni. Per il momento, né gli studenti, né i professori hanno ancora capito bene come utilizzarlo, in particolare nelle parti delle giustificazioni d'assenza. Una studentessa ci ha fatto notare che è esagerato spendere cinque euro dal fotografo per una sola foto da applicare sul libretto. Per questo motivo, la foto si potrebbe eliminare (e se invece la pagasse la scuola?). In sostanza, molti si trovano a rimpiangere il vecchio libretto, più pratico, chiaro e sottile, e si chiedono la ragione di questo cambiamento così svantaggioso. E.G. 18 aperte tra studenti, insegnanti, relatori esterni, come già è stato fatto negli anni passati; l'altra in cui gli studenti sarebbero liberi di esprimere la loro creatività e la loro arte in laboratori, tenuti dagli studenti stessi, o da esterni. Una possibilità per tutti di mettersi in gioco, divertirsi, fare conoscenza. Notando che i costi di alcuni testi, che magari vengono usati un solo anno, sono veramente elevati un'altra proposta dei rappresentanti è quella di rendere scaricabili alcuni dei libri scolastici, creare un cd per classe, pubblicarli su un apposito sito degli studenti. In fondo, oggi, parecchi libri sono disponibili sul web gratuitamente. Come tradizione, e a grande richiesta ogni anno, si propongono anche di organizzare una festa di fine anno per gli studenti del liceo. Iniziative minori, ma pur sempre importanti, sono quelle di rendere effettiva e funzionante la raccolta differenziata che da anni viene praticata nella nostra scuola, ma con scarso successo (per colpa degli studenti come anche del personale); quella di istituire un'unica bacheca per gli annunci degli studenti (al posto delle quattro o cinque che sono nella scuola) più chiara e concentrata ; quella di utilizzare cassette della posta, o il più diretto facebook per le opinioni degli studenti, i consigli, le critiche e quant'altro ai rappresentanti. Segue a pag.21

19 TUTTI GLI STUDENTI DEL PORPORATO Anno Scolastico CLASSICO 4AGINN:Susanna, Elisea, Elisa, Marta, Arianna, Stefania, Federica, Ludovica, Benedetta, Meriam, Francesca, Enrico, Alessandra, Sara, Greta, Roberta, Lorenzo, Giulia, Luca, Giulia, Giulia, Vittoria, Martina, Cristiano, Francesco, Claudia, Gaetano, Fabio 4BGINN:Silvia, Sofia, Simona, Enrica, Eleonora, Elena, Edoardo, Marta, Elisabetta, Marta, Valentina, Delia, Ariane, Ilaria, Giorgia, Andrea, Eleonora, Marco, Enrico, Carlotta, Eugenia, Caterina, Marco, Valentina, Giulio, Stefano, Federica 5AGINN: Gabriele, Rebecca, Simone, Guido, Caterina, Lucrezia, Nicole, Irene, Erminda, Filippo, Alessia, Mikail, Chiara, Nicoletta, Caterina, Isabella, Giulia, Giulia, Gianluca, Valeria, Francesco 5BGINN: Giorgio, Giada, Alexia, Elisa, Alberto, Giorgia, Stefania, Ilaria, Nicolò, Edoardo, Maria, Gabriele, Chiara, Barbara, Mattia, Alessandro, Tea, Federico, Alessandra, Martina, Eleonora, Lorenzo, Elisa 5CGINN: Eleonora, Matteo, Paolo, Anita, Eleonora, Alice, Francesco, Andrea, Edoardo, Giulia, Cristina, Chiara, Eva, Giulia, Nevio, Beatrice, Martina, Irene, Matteo, Francesco, Francesca 1ACL: Eleonora, Sara, Federico, Stefano, Agnese, Davide, Alberto, Giorgia, Elisabetta, Selene, Elisa, Valentina, Giorgia, Alessandro, Marta, Giada, Edoardo, Jessica, Gabriele, Chiara, Alessandro, Francesca, Amedeo, Vincenzo, Gabriele, Marcello, Lucrezia, Alessia 1BCL: Nicolò, Chiara, Eleonora, Beatrice, Francesca, Tommaso, Federica, Francesca, Emanuele, Silvia, Giovanna, Rebecca, Patrizio, Beatrice, Rossana, Federica, Carlotta, Filippo, Lara, Alessandro, Valentina, Miriam, Teresa, Maria, Matilde, Marica, Stefano, Claudio, Edoardo, Anna 2ACL: Chiara, Selene, Giulia, Selene, Stefania, Diego, Francesco, Andrea, Andrea, Ludwig, Elisa, Sara, Federica, Lorenzo, Stefano, Francesca, Erica, Luca, Gabriele, Lorenzo, Benedetta, Alessandro, Mirko, Jolanda 2BCL: Debora, Serena, Camilla, Alessandro, Andrea, Annalisa, Fabio, Dennis, Gloria, Chiara, Nicla, Samuele, Alberto, Marco, Beatrice, Arianna, Francesco, Andrea, Giacomo, Francesca, Andrea, Matilde, Mattia, Irene, Lucia, Federica, Alessandra, Doralice, 3ACL: Chiara, Alice, Luca, Luigi, Serena, Andrea, Jacopo, Claudiu, Giorgio, Vittorio, Serena, Ilaria, Marta, Maria, Alessandro, Chiara, Alessia, Graziella, Valentina, Margherita, Veronica 3BCL: Laura, Chiara, Nicola, Ramona, Francesca, Cecilia, Federico, Lara, Martina, Rebecca, Zoltan, Lucio, Matteo, Martina, Carlotta, Pietro, Cecilia, Filippo, Elisa, Silvia, Edoardo, Stefano, Lorenza, Cristina, Eugenia, Lucrezia LINGUISTICO 1ALG: Carlotta, Stefania, Lara, Stefania, Nicoletta, Giulia, Desiree, Carlotta, Chiara, Chiara, Alessia, Camilla, Antonia, Eleonora, Christine, Irene, Arianna, Paola, Marianna, Chiara, Christian, Francesca, Aurelian, Mathia, Elisa, Valentina, Sara, Elisa 1BLG: Elisa, Ilaria, Giulia, Luca, Emiliano, Gabriele, Maria, Guimaraes, Giulia, Alessia, Giulia, Arianna, Sabrina, Eleonora, Tiziana, Gabriele, Arianna, Chiara, Arianna, Desiree, Sara, Giorgia, Emilia, Alessandra, Laura, Matteo, Christina, Fabrizia 1CLG: Mariagrazia, Noemi, Arianna, Alessandra, Ilaria, Maveric, Valentina, Adina, Alice, Francesco, Selma, Francesco, Sara, Elisa, Paolo, Elena, Federica, Kevin, Daniele, Debora, Valentina, Francesca, Elena, Chiara, Martina, Megi, Alessandra, Nancy 1DLG: Marco, Elisa, Emanuela, Barbara, Giulia, Elisa, Erika, Veronica, Claudia, Viluta, Vittorio, Patrizia, Giulia, Camilla, Julie, Sara, Alessia, Linda, Agnese, Viviana, Noemi, Greta, Miriam, Angelica, Ilaria, Andrea, Giulia, Giovanna 2ALG: Giada, Alessandra, Beatrice, Elisa, Eva, Antonietta, Carolina, Maria, Erich, Francesco, Stefano, Alice, Denise, Mirko, Alessia, Ilaria, Katia, Greta, Lucrezia, Michele, Gabriella, Viktoriia 2BLG: Elena, Vanessa, Lucrezia, Lorenzo, Martina, Lorenzo, Rebecca, Alessandro, Ilaria, Alessia, Stefania, Edoardo, Anna, Sabrina, Valentina, Erica, Michela, Camilla, Ilaria, Samantha, Ramona, Silvia 2CLG: Vanessa, Eleonora, Andrea, Giulia, Tecla, Ottavia, Elena, Giorgia, Martina, Margherita, Sara, Alessia, Elisa, Edoardo, Sara, Michela, Elena, Lorenzo, Sofia, Paolo, Valentina, Elisabetta 2DLG: Micaela, Victoria, Anna, Chiara, Serena, Beatrice, Francesca, Erica, Camilla, Angelica, Viviana, Federica, Ilaria, Rachele, Martina, Giulia, Alex, Morgana, Eleonora, Eleonora, Federica, Alberto 2ELG:Beatrice, Chiara, Lorenza, Alessio, Monica, Lucia, Mihaela, Daniel, Ilaria, Giorgia, Aurora, Irene, Elena, Debora, Michela, Madalina, Claudia, Veronica, Francesca, Francesca 3ALG: Emilio, Barbara, Pamela, Gerarda, Giorgia, Giulia, Elena, Federica, Silvia, Arianna, Alessia, Natasha, Alessandro, Giulio, Chiara, Alessia, Dalila, Francesca, Paola 3BLG: Alice, Davide, Beatrice, Alessandro, Irene, Francesca, Arianna, Chiara, Alice, Virginia, Alessio, Kristina, Giulia, Simona, Elena, Veronica, Jasmine, Ilaria, Federica 3CLG: Daniele, Chiara, Cristina, Davide, Selena, Stephan, Alessandra, Alberto, Viviana, Miriam, Anna, Adriana, Matteo, Francesca, Ludovica, Alessandra, Giulia, Sara, Greta, Simona, Debora, Jennifer, Marta 4ALG: Elena, Barbara, Giorgia, Stefania, Ambra, Chiara, Sabrina, Valentina, Alessia, Francesca, Eleonora, Gaja, Luca, Davide, Francesca, Mirela, Lorenzo, Stefania, Morena, Chiara, Laura, Beatrice 4BLG: Giulia, Gloria, Giulia, Alice, Francesca, Debora, Valeria, Giulia, Erika, Andrea, Mariaserena, Elisabetta, Malin, Marta, Carola, Lorenzo, Beatrice, Alessandra, Lucrezia, Mara, Elisa 4CLG: Irene, Noemi, Marta, Francesca, Jessica, Desireè, Ilenia, Federico, Sonia, Chiara, Ingrid, Magda, Valeria, Valentina, Giorgia, Martina,Arianna, Federico, Amalia, Giulia, Valentina, Sara, Chiara, Marta, Alessandro, Valentina 5ALG: Valentina, Rachele, Giulio, Alessandro, Giada, Alessandra, Cristina, Lucrezia, Sara, Cinzia, Giulia, Alessia, Angelica, Beatrice, Alice, Stefania, Cecilia, Francesca, Serena, Chiara 5BLG: Alice, Alessandra, Silvia, Fabiana, Chiara, Stefania, Alice, Martina, Chiara, Sofia, Chiara, Irene, Silvia, Debora, Francesca, Miriam, Gloria, Marta, Jessica, Marzia, Ambra, Veronica, Valentina 5CLG:Marc, Chiara, Marzia, Francesca, Ilaria, Viviana, Matteo, Elena, Fabiola, Noemi, Debora, Anna, Rita, Giulia, Elisabeth, Valeria, Myriam, Martin, Eleonora, Valentina, Sara, Alessandra SOCIOPSICOPEDAGICO 3ASPP:Serena, Sara, Sonia, Martina, Ilaria, Alice, Desiree, Sara, Giovanni, Chiara, Federica, Noemi, Giulia, Veronica, Sara, Chiara, Debora, Francesca, Gemma, Mara, Francesca, Chiara, Noemi, Paolo 3BSPP: Sara, Serena, Claudio, Francesca, Marika, Laura, Selene, Deborah, Francesca, Erica, Ilaria, Martina, Alessia, Elisa, Veronica, Veronica, Vanessa, Isabella, Marta, Luca, Denisa 19

20 3CSPP: Valeria, Claudia, Ileana, Gaia, Alice, Jessica, Francesca, Sara, Silvia, Martina, Alessandra, Sofia, Chiara, Alice, Giulio, Rachele, Valentina, Mara, Michela, Giulia, Serena, Tiziana, Luca, Christian 3DSPP: Francesca, Serena, Chiara, Jennifer, Martina, Giulia, Adelaide, Valentina, Denise, Francesca, Martina, Vanessa, Xhensila, Diana, Alessandra, Susan, Alessia, Paola, Valeria, Ilaria, Marika, Paola 4ASPP:Francesca, Alice, Giulia, Ilaria, Luana, Marta, Luana, Ilaria, Simone, Stefano, Miriana, Chiara, Chiara, Erica, Debora, Margherita, Ilaria, Rosy, Stephanie, Emanuela, Silvia, Stefania, Marianna, Simona, Elisa, Luca 4BSPP: Clarissa, Davide, Martina, Serena, Martina, Sabrina, Carola, Silvia, Antonietta, Naomi, Giulia, Noemi, Gioele, Silvia, Marianna, Sabrina, Edoardo, Angela, Erika, Greta, Alberto, Alessia 4CSPP: Elisabetta, Liliana, Noemi, Roberta, Beatrice, Anna, Samantha, Francesca, Veronica, Valentina, Erica, Eliana, Michele, A- strid, Chiara, Naomi, Alessia, Sandra, Michelle, Federica, Chiara, Sara, Erica, Camilla, Giulia 5ASPP:Serena, Irene, Alessia, Monica, Raffaella, Paola, Giulia, Greta, Veronica, Morena, Sara, Martina, Sara, Micaela, Giulia, Stefania, Francesca, Beatrice, Beatrice, Alessia, Elena, Serena, Tatiana 5BSPP: Annalisa, Chiara, Vanessa, Giada, Omar, Coraline, Noemi, Carola, Cristina, Lucrezia, Claudia, Chiara, Alessandra, Tamara, Elisa, Silvia, Francesca, Genny, Jennifer, Martina, Carlotta 5CSPP:Alice, Francesca, Valeria, Sara, Elisabetta, Sara, Stefania, Sonia, Giusi, Silvia, Erica, Federica, Emanuela, Carlotta, Vivien, Samantha, Federica, Francesca, Nadia, Elisa, Marta, Clorinda, Denisa, Martina, Annalisa SCIENZE SOCIALI 3ASOC: Giorgia, Claudia, Krizia, Veronica, Beatrice, Valentina, Nadia, Alessandra, Dayana, Jessica, Stefania, Federica, Davide, Deborah, Devis, Jessica, Francesco, Sara, Alessio, Giorgia, Miriana, Isabelle, Madalina, Samira, Valentina, Federica, Veronica 3BSOC: Emilia, Francesca, Eleonora, Gloria, Camilla, Roberta, Davide, Andrea, Alessio, Laila, Martina, Andrea, Martina, Federica, Vanessa, Maria, Giulia, Giulia, Carol, Vanessa, Jonatha, Simone, Francesca, Elisa, Silvia, Sara, Lorenzo 3CSOC:Cristina, Simona, Alessia, Chiara, Miriam, Daniele, Claudia, Mary, Vittoria, Emily, Elisa, Roberta, Cristina, Isabel, Anna Chiara, Debora, Alexandrina. Elisa, Maria Beatrice, Alessia, Andrea, Sara, Sharon, Cabrera, Nicoleta 4ASOC: Ylenia, Francesca, Irene, Sara, Maddalena, Christopher, Elena, Ilaria, Federica, Alice, Martina, Eleonora, Giulia, Elena, Pamela, Sara, Luca, Lara, Noemi, Marta, Isabella, Monia, Elisa 4BSOC: Sara, Sara, Micaela, Francesca, Alessia, Miriam, Michaela, Elisa, Veronica, Alessia, Eleonora, Isabel, Chiara, Chiara, Alessandro, Luca, Alessandra, Alessandra, Valentina, Barbara, Cristina, Noemi, Elisa, Alberto, Cassandra, Emilia 4CSOC: Alessandra, Alessia, Erika, Ilenia, Beatrice, Samanta, Federica, Aurora, Federico, Stefania, Martina, Monica, Sara, Margherita, Eleonora, Eleonora, Valeria, Arnaldo, Martina, Ilaria, Marta, Giulia, Sara 4DSOC: Federica, Chiara, Michela, Michela, Elisa, Cristina, Giulia, Federica, Maria Grazia, Margherita, Arianna, Chiara, Ambra, Giada, Chiara, Rebecca, Andreea, Silvia, Giorgia, Gianina, Roberta, Alessandra, Carola, Andrea, Alessandra, Lisa, 5ASOC: Federica, Sandra, Elisa, Giulia, Virginia, Alessia, Elisa, Alessia, Ylenia, Debora, Alessia, Marzia, Giulia, Giulia, Tiziana, Giulia, Ilaria 5BSOC: Centaine, Ilaria, Elisa, Miriana, Giulia, Tommaso, Monica, Arianna, Lucia, Cassandra, Francesca, Sonia, Chiara, Ilaria, Giulia, Deborah. Martina, Gjyljana 5CSOC: Guglielmo, Arianna, Valentina, Erika, Paola, Beatrice, Deborah, Althea, Ioana, Carlotta, Alessia, Arianna, Jessica, Valentina, Cristina, Ilaria, Rocco, Irene, Simona SCIENZE UMANE 1ASU: Giulia, Simona, Dea, Clarissa, Chiara, Sara, Eleonora, Annalisa, Asja, Noemi, Sarah, Veronica, Giulia, Beatrice, Ornella, Nicole, Silvana, Beatrice, Melissa, Stefania, Davide, Chiara, Giulia, Mara, Sonia, Cinzia 1BSU: Stefania, Luana, Giorgia, Francesca, Arlette, Giada, Davide, Francesca, Veronica, Francesca, Valentina, Martina, Miriam, Letizia, Eleonora, Valentina, Martina, Alessandra, Clizia, Nicole, Miriana, Luisa, Fabiola, Giulia 1CSU: Irene, Clarissa, Ben Haj Ali JihaneBent Mohamed, Sara, Giulia, Dario, Alessia, Irene, Anna, Claudia, Sara, Vanessa, Noemi, Valentina, Elena, Sara, Iris, Simone, Valentina. Selene, Jennifer, Claudia, Nicole, Giada 2ASU: Valeria, Martina, Samanta, Chiara, Gabriele, Marta, Annalisa, Alice, Angelica, Marco, Elettra, Maria, Beatrice, Valeria, Giulia, Giulia, Debora, Christian, Valeria 2BSU: Carolina, Alessia, Alice, Cristina, Emily, Ilaria, Nicole, Cristina, Margherita, Valentina, Francesca, Sara, Marco, Martina, Laura, Eleonora, Stephanie, Davide, Maila, Simone, Margherita, Gaia 2CSU: Martina, Nicoletta, Giulia, Giulia, Rebecca, Silvia, Chiara, Elena, Miriam, Sara, Elisa, Ilaria, Giulia, Alessia, Arianna, Fabiana, Silvia, Eleonora SCIENZE ECONOMICO SOCIALE 1AES: Sarah, Federica, Veronica, Carolina, Aurora, Stefania, Sharon, Serena, Francesca, Francesca, Sonia, Giulia, Federica, Chiara, Francesca, Selene, Priscilla, Michela, Giorgia, Elisa, Natascia, Sharon, Martina, Sarah, Ledina, Lucrezia 1BES: Manuela, Irene, Jennifer, Nikolaus, Jessica, Chiara, Letizia, Sara, Emily, Sara, Patrizia, Sharen, Matilde, Marica, Gloria, Alessia, Stefania, Ismael, Deborah, Sara, Maria Teresa, Elisa, Martina, Greta, Marco 1CES: Ermanna, Jenny, Lucia, Erika, Daniele, Clarissa, Veronica, Alexandra, Francesco, Cristina, Ilenia, Chiara, Fabjola, Fabiana, Carlotta, Alessia, Giorgia, Giulia, Marianna, Fabiana, Emma, Stephanie, Federico, Dana, Nicholas, Daysi 1DCES:Enrica, Giorgia, Sofia, Alessia, Silvia, Sabrina, Samantha, Giulia, Emanuela, Giulia, Alice, Barbara, Giada, Federica, Erika, Gabriella, Marta, Giulia, Karen, Francesca, Stefania, Chiara, Laura, Luna, Lucia, Eleonora, Alessia 2AES:Sara, Viviana, Paola, Francesca, Serena, Sanu, Veronica, Simona, Sofia, Elena, Miriana, Chiara, Alina, Jessica, Elisa, Sara, Stefania, Elisa, Cristina, Alessandro, Simona, Giulia, Mara, Matteo, Giada 2BES: Giada, Antonio, Rebecca, Gloria, Sabrina, Elisa, Gaia, Giorgia, Gregorio, Martina, Michela, Alessandro, Alessandra. Davide, Andrea, Patrizia, Martino, Alina, Riccardo, Sara, Giorgia, Giulia, Elena, 2CES: Alberto, Jessica, Francesca, Matteo, Martina, Veronica, Alice, Francesca, Desiree, Rebecca, Ilaria, Sarah, Francesca, Elisa, Sara, Giorgia, Daniele, Alessandro, Gaia, Matteo, Martina, Tea 2DES: Martina, Vittoria, Sara, Pietro, Riccardo, Elena, Alessandro, Roberta, Ciro, Noemi, Lisa, Diana, Meritxell, Jessica, Ilaria, Marco, Marta, Alice, Giorgia, Chiara, Sharon, Dumitru 20

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

LETTERA AI MIEI FIGLI...

LETTERA AI MIEI FIGLI... 26 aprile 2012 LETTERA AI MIEI FIGLI... Cari bambini Greta e Tommaso, in futuro spero di avervi come figli. Ho molti desideri per voi, uno di questi è che completiate gli studi fino all Università e che

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli