RICORDATI DI GUARDARE LA LUNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICORDATI DI GUARDARE LA LUNA"

Transcript

1

2 Nicholas Sparks RICORDATI DI GUARDARE LA LUNA Titolo originale:dear John Copyright 2006 by Nicholas Sparks 2007 Edizioni Frassinelli ISBN

3 L'autore Nicholas Sparks è nato in Nebraska nel 1965 e ha studiato alla University of Notre Dame. Ha scritto numerosi best-seller tradotti in più di quaranta lingue. Dai suoi libri sono stati tratti film celebri come Le parole che non ti ho detto, con Kevin Costner, I passi dell'amore e Le pagine della nostra vita. Per Frassinelli ha pubblicato, con il fratello Micah, anche Tre settimane, un mondo, un'opera autobiografica. Vive con la moglie e i cinque figli nel North Carolina. Il suo sito è: enewsletter:

4 A Micah e Christine Ringraziamenti Scrivere questo romanzo è stato insieme una gioia e una sfida; una gioia perché mi auguro che i personaggi riflettano il senso dell'onore e l'integrità di coloro che servono in un corpo militare, e una sfida perché... ecco, se devo essere sincero, è sempre così ogni volta che scrivo un libro. Esistono, tuttavia, alcune persone che rendono molto più facile l'impresa, e che vorrei ringraziare senza ulteriore indugio. A Cathy, mia moglie, la donna che amo con tutto il cuore. Grazie per la tua pazienza, piccola. A Miles, Ryan, Landon, Lexie e Savannah, i miei figli. Grazie per il vostro infinito entusiasmo, bambini. A Theresa Park, la mia agente. Grazie di tutto. A Jamie Raab, la mia editor. Grazie per la tua gentilezza e saggezza. A David Young, il nuovo direttore generale di Hachette Book Group USA, e Maureen Egen, Jennifer Romanello, Harvey-Jane Kowal, Shannon O'Keefe, Sharon Krassney, Abby Koons, Denise DiNovi, Edna Farley, Howie Sanders, David Park, Flag, Scott Schwimer, Lynn Harris, Mark Johnson... grazie per la vostra amicizia. Agli allenatori e agli atleti della squadra di corsa della New Bern High School (che ha vinto il campionato indoor e outdoor del North Carolina): Dave Simpson, Philemon Gray, Karjuan Williams, Darryl Reynolds, Anthony Hendrix, Eddie Armstrong, Andrew Hendrix, Mike Weir, Dan Castelow, Marques Moore, Raishad Dobie, Darryl Barnes, Jayr Whitfield, Kelvin Hardesty, Julian Carter e Brett Whitney... che stagione, ragazzi!

5 Prologo Lenoir, 2006 Che cos'è il vero amore? C'è stato un tempo in cui credevo di conoscere la risposta: significava amare Savannah con tutto me stesso e che avremmo passato la vita insieme. Non sarebbe stato difficile. Una volta lei mi disse che la chiave della felicità stava nell'avere sogni realizzabili, e i suoi non erano niente di straordinario. Il matrimonio, la famiglia... le cose basilari. Un lavoro stabile da parte mia, una casa con il giardino, e una monovolume o un SUV per portare i bambini a scuola o dal dentista, oppure all'allenamento di calcio o alle lezioni di pianoforte. Due o tre figli, non si esprimeva mai con precisione in proposito, ma io avevo la sensazione che, quando fosse giunto il momento, avrebbe proposto di lasciar fare alla natura e di affidare a Dio la decisione. Era così - religiosa, intendo - e suppongo questa sia stata una delle ragioni che mi hanno fatto innamorare di lei. Ma qualunque cosa ci avesse riservato il destino, mi immaginavo sdraiato a letto al suo fianco alla fine della giornata, mentre parlavamo e ridevamo stretti tra le braccia l'uno dell'altra. Non è chiedere troppo, giusto? Quando due persone si amano davvero. Lo pensavo anch'io. E una parte di me vorrebbe ancora credere che sia possibile, anche se so che non succederà. Quando me ne andrò di nuovo da qui, non tornerò più. Per il momento, tuttavia, me ne sto seduto sulla collina che domina la fattoria, in attesa che lei compaia. Naturalmente non potrà vedermi. Nell'esercito ti insegnano a mimetizzarti con l'ambiente, e io ho imparato bene, perché non avevo nessuna intenzione di crepare in mezzo al deserto iracheno. Ma ho dovuto tornare in questa piccola cittadina di montagna del North Carolina per capire quello che è accaduto. Quando metti in moto qualcosa, provi un senso di disagio, una sorta di rimpianto, finché non scopri la verità. Comunque, di una cosa sono sicuro: Savannah non saprà mai che oggi sono stato qui. È triste il pensiero che lei sia così vicina eppure irraggiungibile, però ormai abbiamo preso strade diverse. Non è stato facile per me accettare questo semplice fatto, perché un tempo le nostre storie erano una sola, ma succedeva sei anni e due vite fa. Entrambi abbiamo i nostri ricordi, è vero, ma ho imparato che i ricordi possono assumere un aspetto fisico, quasi reale, e anche in questo Savannah e io siamo diversi. Se i suoi sono le stelle nel cielo notturno, i miei sono il vuoto spettrale tra di esse. E a differenza di lei, sono stato tormentato dagli interrogativi che mi sono posto migliaia di volte da quando ci siamo lasciati. Perché l'ho fatto? E lo rifarei? In effetti, sono stato io a scrivere la parola fine. Le foglie sugli alberi intorno a me hanno appena cominciato la loro lenta mutazione verso il colore del fuoco e ardono alla luce del sole che sta spuntando all'orizzonte. Gli uccelli hanno iniziato il loro canto mattutino e l'aria è pervasa dall'odore di resina e di terra, che non assomiglia a quello di salsedine della mia città natale. Dopo un po' la porta d'ingresso si socchiude, e allora la vedo. Nonostante la distanza che ci separa trattengo il respiro mentre la guardo uscire nell'alba. Solleva le braccia stirandosi prima di scendere i gradini e dirigersi verso il lato dell'edificio. Più in là il pascolo

6 brilla come un oceano verde e lei oltrepassa il cancello. Uno dopo l'altro i cavalli nitriscono in segno di saluto e il mio primo pensiero è che Savannah sia troppo piccola per muoversi con tanta disinvoltura in mezzo a quegli animali. Ma è sempre stata a suo agio con loro. Cinque o sei, per lo più cavalli da tiro, brucano l'erba vicino alla staccionata e Midas, il suo arabo nero con i garretti bianchi, se ne sta da solo in disparte. Una volta noi due abbiamo cavalcato insieme, fortunatamente senza gravi conseguenze, e mentre io mi aggrappavo con tutte le forze per non cadere, lei andava a cavallo con la massima scioltezza, come se fosse in poltrona a guardare la TV. Ora dedica un momento a Midas. Gli strofina il muso sussurrandogli qualcosa, gli accarezza i fianchi e, quando infine entra nella stalla, lui drizza le orecchie seguendola con lo sguardo. Riappare con due secchi di avena. Li appende ai paletti dello steccato e subito un paio di cavalli si avvicinano trotterellando. Lei si sposta per far loro spazio e i suoi capelli si agitano nella brezza. Poi prende i finimenti e, mentre Midas mangia, lo sella e pochi minuti dopo lo conduce fuori dal pascolo, verso i sentieri nel bosco. E identica a sei anni fa. So che non è vero - l'anno scorso l'ho osservata da vicino e ho notato le prime minuscole rughe intorno agli occhi - ma la lente attraverso cui la vedo me la mostra immutata. Per me avrà sempre ventun anni, e io ventitré. Allora ero di stanza in Germania, dovevo ancora andare a Falluja o Bagdad e ricevere la sua lettera che avrei letto alla stazione ferroviaria di Samawa nelle prime settimane della campagna; dovevo ancora tornare a casa e vivere gli avvenimenti che avrebbero cambiato il corso della mia vita. Ora, a ventinove anni, mi meraviglio a volte delle scelte fatte. L'esercito è diventato la mia famiglia. Non so se esserne scocciato o lusingato; in genere passo da una sensazione all'altra, a seconda dell'umore della giornata. A chi mi chiede rispondo che sono una recluta, e lo penso davvero. La mia base è sempre in Germania, ho messo via forse un migliaio di dollari e sono anni che non esco con una ragazza. Non faccio più surf, nemmeno quando sono in licenza, ma nei giorni liberi inforco la mia moto e viaggio su e giù, senza una meta. La Harley è l'unico lusso che mi sia mai concesso, anche se mi è costata un patrimonio. È adatta a me, visto che mi sono trasformato in una specie di lupo solitario. La maggior parte dei miei compagni si è congedata, ma io probabilmente sarò rispedito in Iraq entro un paio di mesi. Almeno queste sono le voci che circolano alla base. La prima volta che incontrai Savannah Lynn Curtis - per me, lei si chiamerà sempre così - non avrei mai immaginato che la mia esistenza avrebbe preso la piega che ha ora, né che avrei fatto carriera nell'esercito. Tuttavia, è proprio quell'incontro a rendere tanto strana la mia vita adesso. Mi sono innamorato di lei mentre eravamo insieme e poi ancora di più durante gli anni in cui siamo stati separati. La nostra storia si divide in tre: un inizio, una parte centrale e una fine. E sebbene sia questo il naturale svolgimento di tutte le storie, non riesco ancora a credere che la nostra non continuerà in eterno. Penso a queste cose e, come al solito, mi torna in mente il periodo che abbiamo trascorso insieme. Mi ritrovo a rammentare com'è cominciata, perché quei ricordi sono tutto ciò che mi resta.

7 1 Wilmington, 2000 Mi chiamo John Tyree. Sono nato nel 1977 e sono cresciuto a Wilmington, nel North Carolina, una città fiera del suo grande porto e della sua lunga e gloriosa storia, ma che adesso dà piuttosto l'impressione di un posto venuto su a casaccio. Tempo splendido e spiagge perfette, Wilmington non era pronta a ricevere l'ondata di pensionati provenienti da nord in cerca di un luogo economico dove trasferirsi. La città sorge su una lingua di terra relativamente esigua, delimitata da un lato dal Cape Fear River e dall'altro dall'oceano. È tagliata in due dalla statale 17, che porta a Charleston e funge da corso principale. Quando ero bambino, mio padre e io impiegavamo dieci minuti per raggiungere Wrightsville Beach partendo dal centro, mentre oggi, specie nei fine settimana, quando i turisti arrivano in massa, ci si mette anche un'ora. Wrightsville Beach si trova su un'isoletta appena al largo della costa ed è una delle spiagge più frequentate dello stato. Lì le abitazioni lungo le dune vengono affittate durante la stagione estiva a prezzi scandalosamente alti. Gli Outer Banks potranno avere anche un fascino più romantico, con la loro posizione isolata, i cavalli selvaggi e il ricordo del primo volo che rese celebri i fratelli Wright, ma credetemi, i villeggianti preferiscono andare al mare là dove possono trovare un McDonald's o un Burger King per far felici i bambini, e un'ampia scelta di locali aperti la sera. Come tutte le città, Wilmington ha zone ricche e povere, e dato che mio padre aveva uno dei lavori più stabili e sicuri al mondo - faceva il postino - noi stavamo bene. Non navigavamo nell'oro, ma ce la passavamo discretamente. Pur non essendo ricchi, abitavamo poco distante dai quartieri residenziali, e così ho potuto frequentare una buona scuola superiore. A differenza di quelle dei miei compagni, tuttavia, la nostra casa era piccola e malandata; una parte della veranda cominciava a cedere, ma il giardino era fantastico. Sul retro cresceva un'enorme quercia e, a otto anni, ci costruii sopra una casetta usando assi di legno prese da un cantiere. Mio padre non mi aiutò affatto (se fosse riuscito a colpire un chiodo con il martello, si sarebbe trattato certamente di un caso) e quella stessa estate imparai da solo a fare surf. Forse mi sarei dovuto accorgere già allora di quanto fossi diverso da papà, ma ciò dimostra come siano ingenui i bambini. Noi due eravamo letteralmente agli antipodi. Lui era calmo e introspettivo, io ero sempre in movimento e odiavo stare da solo; mentre papà dava grande importanza all'istruzione, per me la scuola era un club ricreativo dove si potevano fare vari sport. Mio padre era di corporatura esile e tendeva a camminare strisciando i piedi; io saltellavo qua e là e gli chiedevo in continuazione di cronometrare il tempo che impiegavo ad arrivare alla fine dell'isolato e ritorno. In terza media ero diventato più alto di lui, e un anno dopo lo battevo senza fatica a braccio di ferro. Non ci somigliavamo nemmeno nei tratti. Mio padre aveva capelli biondi, occhi nocciola e lentiggini, mentre io ero scuro di capelli

8 e di occhi, e la mia carnagione olivastra si abbronzava facilmente. Alcuni vicini trovavano strana la nostra diversità, cosa comprensibile, considerando che mi aveva tirato su da solo. A volte li sentivo parlottare sul fatto che mia madre fosse scappata quando io non avevo nemmeno un anno. In seguito mi venne il sospetto che avesse conosciuto un altro, ma mio padre non me lo confermò mai. Mi spiegava soltanto che la mamma si era resa conto di aver commesso un errore a sposarsi così giovane, e che non si sentiva pronta a fare la madre. Non manifestava né disprezzo né rimpianto nei suoi confronti, ma si assicurava che la includessi sempre nelle mie preghiere. «Mi ricordi lei», diceva a volte. Fino a oggi non mi sono mai messo in contatto con mia mamma, né ho desiderio di farlo. Credo che papà fosse felice, anche se non era tipo da manifestare le proprie emozioni. Abbracci e baci furono una rarità durante la mia infanzia e, quando me li offriva, mi sembravano sempre privi di slancio, come se lo facesse per dovere, e non spontaneamente. Capisco che mi voleva bene dal modo in cui si dedicava a me, ma ero nato quando lui aveva già quarantatre anni e penso che la sua indole fosse più quella di un monaco che di un padre. Era un uomo taciturno. Mi faceva pochissime domande e non si arrabbiava quasi mai, ma per contro non scherzava nemmeno. Era anche abitudinario. Tutti i santi giorni mi cucinava uova strapazzate, bacon e pane tostato per colazione, e tutte le sere ascoltava i miei racconti sulla scuola mentre serviva la cena che aveva preparato. Prenotava gli appuntamenti dal dentista con due mesi di anticipo e pagava le bollette il sabato; faceva il bucato la domenica pomeriggio e la mattina usciva sempre di casa alle 7.35 in punto. Non aveva una vita sociale e svolgeva il suo lavoro in solitudine. Non frequentava nessuna donna, non giocava a poker con gli amici nel fine settimana; il telefono poteva restare muto per giorni e giorni. Quando l'apparecchio squillava, era qualcuno che aveva sbagliato numero, oppure che cercava di venderci qualcosa. So quanto dev'essere stato difficile per lui crescermi senza nessun aiuto, ma non si lamentò mai, neppure quando lo deludevo. Trascorrevo per conto mio la maggior parte delle serate. Terminate le incombenze quotidiane, mio padre si ritirava nello studio. Le monete erano l'unica grande passione della sua vita. La sua massima aspirazione era starsene seduto a leggere la rivista di numismatica soprannominata Greysheet, alla ricerca del prossimo pezzo da aggiungere alla sua collezione. In realtà era stato mio nonno a iniziarla. Il suo eroe era un tale Louis Eliasberg, un finanziere di Baltimora che era riuscito a completare la raccolta di tutte le monete degli Stati Uniti, compresi i vari conii celebrativi e i marchi di zecca. Nel 1951, dopo la morte della moglie, il nonno si mise in testa di creare a propria volta una collezione assieme al figlio. Nel corso dell'estate lui e mio padre raggiungevano in treno le varie zecche, oppure visitavano le fiere di numismatica del Sudest. Con il passare degli anni strinsero rapporti con collezionisti di tutto il paese, e mio nonno spese un patrimonio per scambiare i pezzi e ampliare la collezione. Diversamente da Louis Eliasberg, tuttavia, non era ricco - aveva un emporio a Burgaw che fallì quando in città venne aperto un supermercato - e non ebbe mai la possibilità di eguagliarlo. Ciononostante, investiva tutti i risparmi in monete. Portava sempre la stessa giacca, non cambiò mai l'automobile e sono quasi sicuro che mio padre finì a lavorare in

9 posta invece di andare all'università perché non era rimasto un centesimo per pagare i suoi studi dopo il diploma. Anche il vecchio era un tipo strambo, questo è sicuro. Tale padre, tale figlio, si dice. Quando morì, lasciò scritto nel testamento che la casa doveva essere messa in vendita, e che bisognava usare il ricavato per comprare altre monete, cosa che probabilmente papà avrebbe comunque fatto. La collezione aveva già un discreto valore nel momento in cui lui la ereditò. Quando poi ci fu la crescita dell'inflazione, e l'oro toccò gli 850 dollari l'oncia, valeva una piccola fortuna, che avrebbe permesso al mio frugale genitore di vivere comodamente di rendita. Ma né il nonno né papà si erano dedicati al collezionismo per denaro: semplicemente amavano il gusto della caccia e il legame che quell'interesse in comune creava tra di loro. C'era qualcosa di esaltante nel cercare a lungo e con foga una certa moneta, localizzarla e poi iniziare le trattative per acquistarla al giusto prezzo. A volte era abbordabile, altre no, ma ogni singolo pezzo aggiunto alla raccolta costituiva un tesoro. Mio padre sperava di condividere anche con me questa passione e lo spirito di sacrificio che richiedeva. Per ripararmi dal freddo d'inverno dovevo dormire sotto una montagna di coperte, e ogni anno ricevevo un unico paio di scarpe nuove; quanto ai vestiti, ricorrevo all'esercito della Salvezza. Papà non possedeva neppure una macchina fotografica. L'unica foto che abbiamo venne scattata a una mostra numismatica ad Atlanta. Un mercante di monete ce la fece davanti al suo banco e ce la spedì. Per anni rimase in mostra sopra la scrivania nello studio. In quel ritratto, papà mi tiene un braccio sulla spalla ed entrambi siamo raggianti. Io ho in mano un Buffalo Nickel 1926-D in condizioni perfette, che avevamo appena acquistato. Era un pezzo abbastanza raro e finimmo per mangiare fagioli e hot dog per un mese, visto che era costato più del previsto. Ma i sacrifici non mi pesarono... almeno per un certo periodo. Avevo sei o sette anni quando papà cominciò a parlarmi di monete, trattandomi come un suo pari. Da bambino io mi beavo di quelle attenzioni, assorbendo tutte le informazioni che mi forniva. Dopo un po' ero in grado di dire quanti Saint-Gaudens doublé eagle fossero stati coniati nel 1927 rispetto al 1924 e perché un Barber Dime del 1895 battuto a New Orleans valesse dieci volte la medesima moneta coniata nello stesso anno a Filadelfia. Sono cose che non ho mai dimenticato. Ma a differenza di mio padre, in me la passione per il collezionismo si spense a poco a poco. Dopo aver passato per anni i fine settimana assieme a lui, volevo uscire con gli amici. Come tutti gli adolescenti iniziai a nutrire altri interessi: per gli sport, le ragazze, le automobili e la musica, e arrivato a quattordici anni trascorrevo ben poco tempo a casa. Anche il mio risentimento intanto cresceva. Gradualmente cominciai a notare le diversità tra il mio modo di vivere e quello dei miei coetanei. Mentre gli altri avevano i soldi per andare al cinema o comperarsi un paio di occhiali da sole alla moda, io raggranellavo degli spiccioli per prendere un hamburger da McDonald's. Molti di loro ricevettero in regalo un'auto per i sedici anni; mio padre mi diede invece un dollaro d'argento Morgan del 1883 coniato a Carson City. Nascondevamo con una coperta gli strappi nella fodera consunta del divano ed eravamo l'unica famiglia a non avere la televisione via cavo né un forno a microonde. Quando si ruppe il frigorifero, papà ne acquistò uno di seconda mano di un orripilante

10 verde, che non c'entrava niente con la nostra cucina. Io mi vergognavo a invitare gli amici a casa, e incolpavo lui di questo. So che il mio era un atteggiamento meschino -se fossi stato tanto preoccupato per il denaro, avrei potuto fare qualche lavoretto per procurarmelo - ma così era. Ero cieco e sordo, e anche se vi dicessi che rimpiango la mia immaturità di allora, non servirebbe a cambiare il passato. Papà si rendeva conto che non comunicavamo più, ma non aveva idea di come rimediare. Ci provò nell'unico modo che conoscesse, quello che aveva imparato da suo padre. Parlava di monete - era il solo argomento che affrontasse con disinvoltura - e continuava a prepararmi da mangiare, ma il nostro distacco non fece che aumentare. Nel frattempo mi allontanai pure dagli amici di sempre. Si erano divisi in gruppetti, principalmente sulla base dei film che sarebbero andati a vedere o della marca di magliette preferita, e io mi sentivo un emarginato. Al diavolo, pensai. Alle superiori c'è sempre spazio per tutti, e così mi misi a frequentare le persone sbagliate, quelle che non davano importanza a niente di niente e che mi portarono a fregarmene di tutto. Cominciai a saltare le lezioni e a fumare, e fui sospeso più volte perché avevo fatto a pugni. Alla fine del secondo anno smisi di praticare gli sport. Fino a quel momento avevo giocato a football, a basket e avevo gareggiato nella corsa, ma anche quando mio padre la sera mi chiedeva di raccontargli com'era andata, si capiva che non era veramente interessato, poiché non se ne intendeva per nulla. Non aveva mai fatto parte di nessuna squadra. In quel periodo venne a vedermi giocare a basket una volta sola. Era seduto nelle gradinate, una strana figura pelata, con la giacca lisa e i calzini spaiati. Pur non essendo obeso, i calzoni gli tiravano in vita facendolo sembrare incinto di tre mesi e io non avrei voluto avere niente a che fare con lui. La sua vista mi imbarazzava e, dopo la partita, lo evitai. Nell'ultimo anno di scuola la mia ribellione raggiunse l'apice. Il mio rendimento era andato via via peggiorando, più per pigrizia e distrazione che per mancanza di intelligenza (almeno così mi piace pensare) e più di una volta papà mi aveva scoperto a rincasare di nascosto a notte fonda con l'alito che puzzava di alcol. Quando la polizia mi riaccompagnò a casa dopo avermi beccato a una festa dove giravano droga e alcolici, lui per punizione mi vietò di uscire la sera e io mi trasferii per un paio di settimane da un amico, dopo avergli risposto in malo modo. Al mio ritorno fece finta di niente; il mattino seguente la tavola era apparecchiata con uova strapazzate, pane tostato e bacon, come al solito. Fui promosso per il rotto della cuffia e ho il sospetto che la scuola mi avesse dato il diploma perché non vedeva l'ora di sbarazzarsi di me. Papà era preoccupato e a volte, con la sua tipica timidezza, affrontava la questione dell'università, ma io ormai avevo deciso di non andarci. Volevo un lavoro, una macchina e tutti quei beni materiali di cui avevo fatto a meno per diciotto anni. Non gli dissi niente fino all'estate dopo la maturità, e quando seppe che non avevo ancora fatto domanda per nessuna università, si chiuse a chiave nello studio e la mattina dopo a colazione non mi rivolse la parola. Più tardi quella sera tentò di coinvolgermi nell'ennesima conversazione sulle monete, come per recuperare l'affiatamento perduto. «Ti ricordi di quella volta che andammo ad Atlanta e tu riuscisti a trovare il Buffalo

11 Nickel che stavamo cercando da anni?» esordì. «Quello della foto? Non mi dimenticherò mai quanto eri entusiasta. Mi facevi pensare a me con mio padre.» Scossi la testa, frustrato. «Non ne posso più di sentire parlare di monete!» gli gridai. «Basta! Dovresti vendere quella maledetta collezione e dedicarti a qualcos'altro. Qualsiasi altra cosa.» Non rispose, ma ancora oggi non ho dimenticato la sua espressione addolorata quando si voltò e si trascinò di nuovo mestamente nello studio. Lo avevo ferito e, sebbene mi ripetessi che non era stata mia intenzione, in fondo sapevo che era una bugia. Papà non accennò più alla sua collezione. Né lo feci io. Tra di noi si spalancò un baratro incolmabile che ci lasciò senza un argomento in comune. Pochi giorni dopo mi resi conto che anche l'unica nostra fotografia era sparita, come se temesse che persino il minimo accenno alle monete potesse offendermi. All'epoca, forse, sarebbe stato così, e l'eventualità che lui potesse averla buttata via non mi turbò affatto. Da ragazzo non avevo mai neppure preso in considerazione l'idea di arruolarmi. Sebbene il North Carolina orientale sia una delle zone a più elevata concentrazione militare di tutto il paese - ci sono sette basi a poca distanza da Wilmington - avevo sempre pensato che quella fosse una carriera per perdenti. Chi poteva desiderare di trascorrere la vita a farsi dare ordini da un branco di esaltati con i capelli a spazzola? Io no di certo e, a parte i tizi del programma militare scolastico, neppure i miei compagni di scuola. Molti degli studenti migliori si iscrissero alla University of North Carolina o alla North Carolina State, mentre gli altri rimasero indietro, passando da un lavoro all'altro, bevendo birra e bighellonando in giro, e facendo di tutto per evitare qualunque cosa implicasse un briciolo di responsabilità. Io appartenevo a questa seconda categoria. Nei due anni successivi feci un sacco di lavoretti, servendo ai tavoli della Outback Steakhouse, strappando biglietti nel cinema locale, caricando e scaricando scatoloni da Staples, cuocendo dolci alla Waffle House e facendo il commesso in un paio di negozi per turisti che vendevano souvenir. Spendevo fino all'ultimo centesimo, non mi illudevo di poter salire la scala gerarchica e finivo per farmi licenziare da tutti i posti. Per un po' non ci badai. Vivevo la mia vita, mi piaceva fare surf e dormire fino a tardi, e siccome abitavo ancora con mio padre, non dovevo preoccuparmi di pagare vitto, alloggio, assicurazioni o di costruirmi un futuro. E poi nessuno dei miei amici se la passava meglio. Non ricordo di essere stato particolarmente infelice, ma dopo un po' cominciai a stancarmi della situazione. A parte il surf- nel 1996 gli uragani Bertha e Fran che si abbatterono sulla costa provocarono alcune tra le onde migliori a memoria d'uomo - ero stufo di trascorrere il mio tempo libero da Leroy's. Mi rendevo conto che tutte le serate erano identiche. Bevevo un paio di birre, incontravo qualche conoscenza del liceo, mi chiedevano che cosa facessi, io rispondevo, loro mi raccontavano cosa stavano combinando, e non ci voleva un genio per capire che eravamo a bordo dell'espresso per il nulla. Anche se gli altri, a differenza di me, non abitavano più con i genitori, non credevo a una parola quando sostenevano di essere soddisfatti del loro lavoro come spazzini, o pulitori di vetri, o fattorini, perché sapevo benissimo che nessuna di quelle era l'occupazione che sognavano da ragazzi. Sarò stato svogliato a scuola, ma non ero stupido.

12 Durante quel periodo uscii con decine di ragazze. Da Leroy's non mancavano mai. In genere erano rapporti fugaci. Usavo le donne e mi lasciavo usare da loro, tenendo sempre ben nascosti i miei sentimenti. L'unica relazione che durò più di qualche mese fu con Lucy e per un breve periodo, prima dell'inevitabile separazione, credetti di essermi innamorato. Studiava alla University of North Carolina, aveva un anno più di me e dopo la laurea voleva andare a lavorare a New York. «Io ti voglio bene», mi disse l'ultima notte che passammo insieme, «però siamo troppo diversi. Potresti fare molto di più nella tua vita, ma per qualche motivo ti accontenti di galleggiare.» Esitò prima di continuare. «E soprattutto, non capisco che cosa provi veramente per me.» Sapevo che aveva ragione. Non le avevo mai detto quanto ci tenessi a lei. Poco tempo dopo partì senza nemmeno salutarmi. Un anno più tardi, dopo essermi fatto dare il suo numero di telefono dai genitori, la chiamai e parlammo un po'. Era fidanzata con un avvocato, mi spiegò, e si sarebbe sposata nel giugno seguente. Rimasi colpito da quella telefonata più di quanto volessi ammettere. Avvenne il giorno in cui ero stato licenziato - per l'ennesima volta - e per consolarmi me ne andai da Leroy's, come sempre. C'era la solita gente e di colpo compresi che non volevo passare un'altra serata inutile fingendo che andasse tutto bene. Mi comperai una confezione da sei lattine di birra e scesi in spiaggia. Per la prima volta mi misi a riflettere seriamente sul mio futuro e mi chiesi se fosse il caso di seguire il consiglio di papà e di prendere una laurea. Tuttavia, avevo abbandonato gli studi da tanto di quel tempo che l'idea mi appariva estranea e ridicola. Chiamatela fortuna o sfortuna, ma proprio in quel momento mi passarono davanti due marines che correvano. Giovani e atletici, sprigionavano sicurezza e determinazione. Se ci riescono loro, mi dissi, posso farlo anch'io. Ci rimuginai sopra per un paio di giorni e alla fine mio padre ebbe un ruolo decisivo. Naturalmente non gli parlai della mia intenzione... ormai non ci parlavamo più del tutto. Una notte, mentre mi dirigevo in cucina, lo vidi seduto alla sua scrivania come al solito. Quella volta, tuttavia, mi soffermai a esaminarlo bene. Era quasi completamente calvo e i pochi capelli che gli rimanevano sulle tempie erano ormai bianchi. Si stava avvicinando alla pensione e all'improvviso mi resi conto che non avevo il diritto di continuare a deluderlo dopo tutto quello che aveva fatto per me. Così mi arruolai. Il mio primo pensiero fu di entrare nei marines, visto che erano il corpo con cui avevo maggiore familiarità. Wrightsville Beach era sempre gremita di soldati delle basi di Camp Lejeune o Cherry Point, ma quando fu il momento scelsi l'esercito. Un fucile me l'avrebbero dato in ogni caso, pensai, anche se l'elemento determinante fu che il reclutatore dei marines era a pranzo quando passai in caserma, mentre quello dell'esercito - il cui ufficio era proprio sull'altro lato della strada - era disponibile. Al dunque, la decisione fu alquanto casuale; a ogni modo firmai sulla linea tratteggiata per la ferma di quattro anni e, quando il reclutatore mi diede una pacca sulle spalle e si congratulò per la mia scelta, mi chiesi in che guaio mi fossi cacciato. Era la fine del 1997 e avevo vent'anni. Il campo di addestramento a Fort Benning fu terribile come immaginavo. Tutto lì sembrava pensato apposta per umiliarci e farci il lavaggio del cervello in modo che arrivassimo a eseguire gli ordini senza discutere, anche se erano assurdi, ma io mi adattai molto più in fretta di tante altre reclute. Una volta superato l'addestramento,

13 optai per la fanteria. Trascorremmo i mesi successivi a fare molte simulazioni in posti come la Louisiana e il buon vecchio Fort Bragg, dove imparammo sostanzialmente qual è il modo migliore per ammazzare la gente e distruggere le cose, e dopo un po' la mia unità, che faceva parte della Prima Divisione Fanteria - alias il Grande Uno Rosso - fu spedita in Germania. Non sapevo una parola di tedesco, ma era irrilevante, visto che quasi tutte le persone con cui avevo a che fare parlavano inglese. All'inizio fu facile, poi cominciò la vita militare. Trascorsi sette luridi mesi nei Balcani: prima in Macedonia nel 1999, poi nel Kosovo, dove rimasi fino alla tarda primavera del L'esercito non paga molto bene ma, considerando che non avevo spese di mantenimento, e nessuna occasione di fare acquisti o di divertimento, per la prima volta mi ritrovai con un po' di denaro in banca. Trascorsi la mia prima licenza a casa, tediandomi a morte. Per la seconda scelsi Las Vegas. Uno dei miei compagni era cresciuto lì e così piombammo in tre dai suoi genitori. Bruciai in un colpo solo quasi tutti i risparmi. Alla terza licenza, dopo essere rientrato dal Kosovo, avevo disperato bisogno di una pausa e decisi di andare a trovare mio padre, nella speranza che la noia della visita mi calmasse la mente. A causa della distanza ci telefonavamo di rado, ma lui mi scriveva lettere che spediva regolarmente il primo del mese. Non erano come quelle che i miei compagni ricevevano da madri, sorelle o mogli. Mai niente di troppo personale, né lacrimevole, mai una parola che lasciasse trasparire la sua nostalgia per me. Non parlava nemmeno di monete. Scriveva dei cambiamenti nel quartiere, si dilungava sul tempo e quando gli raccontai della violenta sparatoria in cui ero rimasto coinvolto nei Balcani, mi rispose che era contento che io fossi sopravvissuto, ma nient'altro. Allora compresi che non voleva saperne troppo dei pericoli che correvo. Il fatto che rischiassi la vita lo spaventava, così cominciai a omettere i dettagli più inquietanti. Mi limitavo a riferire che i turni di guardia erano il lavoro più noioso del mondo e che la cosa più eccitante che mi fosse capitata in quelle settimane era stato cercare di indovinare quante sigarette si sarebbe fumato il mio compagno in una sera. Mio padre concludeva ogni volta con la promessa di scrivermi di nuovo presto. E, come sempre, non mi deludeva. Ormai da tempo mi sono persuaso che fosse un uomo migliore di quanto potrò mai diventare io. Comunque, ero maturato negli ultimi tre anni. Sì, lo so, sono un cliché vivente: entrato ragazzo, uscito uomo. Ma l'esercito ti costringe a maturare, specialmente in fanteria. Ti viene affidato un equipaggiamento che costa una fortuna, gli altri contano su di te e, se sbagli, il castigo è ben più grave dell'andare a letto senza cena. Certo, ci sono troppe scartoffie, tanta noia e tutti fumano, non riescono a finire una frase senza imprecare e hanno scatoloni pieni di riviste porno sotto il letto, e poi devi ubbidire a ufficiali riservisti freschi di laurea convinti che le reclute come te abbiano il QI dell'uomo di Neanderthal, ma sei obbligato a imparare la lezione più importante per crescere, ovvero che devi essere sempre all'altezza delle tue responsabilità. Quando ricevi un ordine, non puoi rifiutarti di eseguirlo. Non esagero se dico che ci sono in ballo delle vite umane. Un'esitazione, un errore e il tuo compagno può morire. È proprio questo che fa funzionare l'esercito. A volte la gente si chiede com'è possibile che i militari rischino la vita giorno dopo giorno combattendo per qualcosa in cui magari non credono neppure. In realtà, ho conosciuto soldati di ogni idea politica,

14 alcuni che odiavano il loro mestiere e altri che volevano diventare ufficiali di carriera. Ho incontrato geni e imbecilli, ma alla fine dei conti noi facciamo quello che facciamo l'uno per l'altro. Per amicizia. Non per patriottismo, né perché siamo macchine programmate per uccidere, ma per il compagno che ti sta accanto. Combatti per il tuo amico, per salvargli la vita, e lui combatte per te, e tutto si basa su questa semplice premessa. Come ho detto, tuttavia, ero cambiato. Quando entrai nell'esercito ero un fumatore incallito e durante l'addestramento rischiai di sputare fuori un polmone a forza di tossire, ma poi, a differenza del resto della mia unità, avevo smesso ed erano due anni che non accendevo una sigaretta. Avevo ridotto anche il bere, tanto che un paio di birre a settimana mi erano sufficienti e riuscivo a far passare anche un mese senza toccare alcol. La mia valutazione era impeccabile. Ero stato promosso da soldato semplice a caporale e, sei mesi dopo, a sergente, e avevo scoperto di possedere un'attitudine al comando. Avevo guidato gli uomini in battaglia e la mia squadra fu coinvolta nell'arresto di uno dei più famigerati criminali di guerra dei Balcani. Il mio comandante mi segnalò per la scuola allievi ufficiali, ma a volte ciò significa un lavoro sedentario e ancora più scartoffie, e io non ero sicuro di volerlo. Prima di arruolarmi, a parte il surf, non praticavo più nessuno sport; all'epoca della mia terza licenza avevo messo su dieci chili di muscoli ed eliminato la pancetta. Trascorrevo il mio tempo libero a correre, fare pugilato e sollevamento pesi con Tony, un istruttore di New York che parlava gridando, sosteneva che la tequila fosse un afrodisiaco ed era in assoluto il mio migliore amico. Mi convinse a farmi tatuare le braccia, come lui, e con il passare dei giorni il ricordo di ciò che io ero stato divenne sempre più lontano. Leggevo anche parecchio. In caserma ci scambiavamo i libri tra di noi, oppure li prendevamo in prestito dalla biblioteca del reparto finché le copertine cadevano praticamente a pezzi. Certo, nel mio caso non si trattava di Chaucer, né di Proust o Dostoevskij, o di qualche altro classico; mi piacevano soprattutto i gialli e i romanzi di Stephen King. Mi appassionai in modo particolare a Cari Hiaasen, perché aveva uno stile fluido e divertente. Pensavo che se autori del genere fossero inseriti nei programmi scolastici, ci sarebbero molti più lettori al mondo. Diversamente dai miei compagni, in genere evitavo la compagnia femminile. Buffo, vero? Nel fiore degli anni, testosterone al massimo, che cosa poteva esserci di più naturale del cercare un po' di svago con l'aiuto di una femmina? Ma non faceva per me. Anche se, durante la permanenza a Wùrzburg, alcuni tizi che conoscevo uscivano o si erano addirittura sposati con ragazze del luogo, ero convinto che quelle storie funzionassero di rado. La vita militare aveva un effetto negativo sulle relazioni sentimentali - avevo visto abbastanza divorzi da saperlo - e sebbene non mi sarebbe spiaciuto incontrare una persona speciale, non successe mai. Tony non riusciva a capacitarsene. «Devi darti una mossa», mi esortava. «Dai, vieni con noi.» «Non mi va.» «Com'è possibile? Sabine giura che la sua amica è fantastica. Alta, bionda, e adora la tequila.»

15 «Portaci Don. Sono sicuro che ne sarebbe entusiasta.» «Castelow? Niente da fare. Sabine non lo sopporta.» Rimasi in silenzio. «Ci divertiremo, vedrai.» Scossi il capo, pensando che preferivo restare solo piuttosto che tornare a essere quello di un tempo, ma intanto mi domandavo se avrei finito per condurre una vita monastica come papà. Sapendo che era inutile cercare di farmi cambiare idea, Tony non nascose la sua disapprovazione mentre usciva dalla stanza. «A volte proprio non ti capisco», dichiarò. Mio padre venne a prendermi all'aeroporto. In un primo momento non mi riconobbe, e sussultò quando gli battei un dito sulla spalla. Sembrava più piccolo di come me lo ricordassi. Invece di abbracciarmi, mi porse la mano e mi chiese com'era andato il viaggio, poi non trovammo altro da dire e uscimmo in silenzio. Mi sentivo strano, disorientato e provavo un certo nervosismo come l'ultima volta che ero stato lì in licenza. Giunti nel parcheggio, gettai la mia borsa nel portabagagli della vecchia Ford Escort nera e scorsi sul vetro posteriore un adesivo con la scritta sosteniamo le nostre truppe. Non sapevo che cosa significasse esattamente per papà, ma fui comunque contento di vederlo. Arrivati a casa, mi sistemai nella mia vecchia camera da letto. Era rimasto tutto identico, dai polverosi trofei sportivi allineati sulla mensola alla bottiglia mezza vuota di Wild Turkey nascosta in fondo al cassetto della biancheria. Lo stesso valeva per le altre stanze. C'erano ancora la vecchia coperta sul divano, il vergognoso frigorifero verde, il televisore che prendeva solo quattro canali, e pure male. Papà cucinò la pasta: il venerdì c'erano sempre spaghetti. A cena provammo a parlare. «Sono contento di essere tornato», esordii. Lui fece un breve sorriso. «Bene», rispose. Prese un sorso di latte. A cena lo bevevamo sempre. Poi si concentrò sul cibo. «Ti ricordi di Tony?» buttai lì. «Mi sembra di avertene parlato nelle mie lettere. Be', senti questa: crede di essere innamorato. Lei si chiama Sabine e ha una figlia di sei anni. Io ho cercato di avvertirlo che la sua potrebbe non essere una buona idea, ma lui non vuole ascoltarmi.» Papà cosparse la pasta di parmigiano grattugiato, distribuendolo equamente dappertutto. «Oh», disse. «Capisco.» A quel punto iniziai a mangiare in silenzio. Bevvi un sorso di latte. Buttai giù qualche boccone. L'orologio sul muro ticchettava regolare. «Scommetto che sei esaltato all'idea di andare in pensione quest'anno», riprovai. «Pensa, finalmente potrai prenderti una vacanza, vedere il mondo.» Stavo per aggiungere che sarebbe potuto venire a trovarmi in Germania, ma all'ultimo istante mi trattenni. Sapevo che non l'avrebbe fatto, e non volevo metterlo a disagio. Arrotolammo gli spaghetti sulle forchette, mentre lui sembrava riflettere su come rispondere. «Non saprei», disse alla fine. Rinunciai del tutto alla conversazione e da quel momento l'unico rumore fu il tintinnio delle posate sui piatti. Dopo cena ci ritirammo ciascuno nella propria stanza.

16 Stanco per il viaggio, mi misi a letto e mi addormentai, svegliandomi ogni ora come mi succedeva alla base. Il mattino seguente, quando mi alzai, mio padre era già uscito per andare al lavoro. Feci colazione, lessi il giornale, provai a mettermi in contatto con un amico senza riuscirci, poi tirai fuori dal garage la tavola da surf e raggiunsi la spiaggia. Il mare non era molto mosso, ma non aveva importanza. Erano anni che non salivo più su una tavola e all'inizio mi sentivo arrugginito, anche se dopo un po' persino quelle piccole scivolate sulle onde mi fecero rimpiangere di non essere stato destinato a una base vicino all'oceano. Erano i primi giorni di giugno del 2000, faceva già caldo e il contatto con l'acqua era rinfrescante. Dal mio punto di osservazione in mezzo al mare vidi della gente sulla riva che entrava con i bagagli nelle case appena dietro le dune. Come ho detto, Wrightsville Beach era frequentata da famiglie che le affittavano per le vacanze, ma a volte c'erano anche universitari di Chapel Hill o Raleigh. Notai alcune studentesse che stavano prendendo il sole in bikini sulla veranda di una costruzione nei pressi del molo. Le osservai per qualche minuto, apprezzando il panorama, poi presi un'altra onda e trascorsi il resto del pomeriggio perso nel mio piccolo mondo. Mi venne la tentazione di fare un salto da Leroy's, ma mi dissi che di sicuro lì non era cambiato niente e nessuno, a parte me. Allora comperai una birra al negozio all'angolo e andai a sedermi sul molo per godermi il tramonto. La maggior parte dei pescatori aveva già sgomberato le barche e i pochi rimasti stavano pulendo il pesce gettando gli scarti nell'acqua. A poco a poco il colore dell'oceano passò dal grigio ferro all'arancione e poi al giallo. Al di là del molo, guardavo i pellicani avanzare tra le onde sul dorso dei delfini. Sapevo che quella notte ci sarebbe stata la luna piena... la mia esperienza al campo mi rendeva quasi istintiva quella constatazione. Non pensavo a niente in particolare e lasciavo vagare la mente. Credetemi, l'idea di incontrare una ragazza in quel momento non mi sfiorava neppure la mente. Fu allora che la vidi incamminarsi lungo il molo. Anzi, per la precisione erano due ragazze. Una alta e bionda, l'altra una brunetta carina, entrambe poco più giovani di me. Quasi sicuramente studentesse universitarie. Indossavano short e reggiseno del costume, e la brunetta aveva una di quelle grandi borse a rete che si portano in spiaggia. Le sentivo ridere e parlare con la spensieratezza tipica di chi è in vacanza. «Ciao», le salutai quando furono vicine. Un approccio non troppo originale, e non posso dire che mi aspettassi di essere ricambiato. La bionda confermò la previsione. Lanciò un'occhiata fugace alla tavola da surf e alla mia birra, poi distolse lo sguardo. La brunetta, invece, mi sorprese. «Ciao, straniero», rispose con un sorriso. Poi indicò la tavola. «Scommetto che le onde oggi erano magnifiche.» Quell'osservazione mi colse impreparato; c'era un'inattesa gentilezza nelle sue parole. Lei e la sua amica continuarono a camminare fino all'estremità del molo e io le guardai mentre si sporgevano dalla balaustra. Incerto se raggiungerle o meno, decisi di restare dov'ero. Non erano il mio tipo, o meglio, probabilmente io non ero il loro. Bevvi una lunga sorsata di birra cercando di non pensarci. Per quanto mi sforzassi, tuttavia, non riuscivo a evitare che il mio sguardo fosse attratto dalla brunetta. Cercai di non ascoltare quello che si dicevano, ma la bionda aveva una di quelle voci impossibili da ignorare. Non la smetteva più di parlare di un

17 certo Brad, di quanto lo amasse, di come il suo gruppo di studentesse fosse il migliore dell'università, e della magnifica festa di fine anno che avevano organizzato e del fatto che molte sue amiche frequentassero ragazzi impossibili... una di loro era rimasta addirittura incinta, ma era colpa sua, dato che era stata messa in guardia su quel tipo. La brunetta non parlava molto -non si capiva se fosse divertita o annoiata da quella conversazione - e si limitava a ridere di tanto in tanto. Di nuovo colsi una nota amichevole e comprensiva nella sua voce, che mi sembrava familiare, il che era semplicemente assurdo. A un certo punto notai che aveva appoggiato la borsa sulla balaustra. Erano lì da una decina di minuti quando due ragazzi cominciarono a risalire il molo. Indossavano bermuda e Lacoste, uno rosa e l'altro arancio. Il mio primo pensiero fu che uno di loro doveva essere quel Brad a cui aveva accennato la bionda. Tenevano in mano delle birre e si fecero furtivi mentre si avvicinavano alle compagne, come se volessero coglierle di sorpresa. Infatti, giunti in fondo balzarono sulle ragazze con un grido; loro strillarono e gli rifilarono delle manate sulle spalle. I due protestarono e Lacoste rosa si versò la birra sulla maglietta. Poi si appoggiò alla balaustra, accanto alla borsa, le gambe accavallate, le braccia dietro la schiena. «Ehi, tra poco accenderemo il falò», annunciò Lacoste arancio, abbracciando la bionda e baciandola sul collo. «Voi siete pronte?» «Sei pronta?» chiese a sua volta lei rivolta all'amica. «Certo», rispose la brunetta. Lacoste rosa si staccò dalla balaustra, ma inavvertitamente diede una botta alla borsa, che scivolò oltre il bordo e finì in acqua con un tonfo. «Che cos'è stato?» chiese, stupito. «La mia borsa!» esclamò la brunetta. «L'hai fatta cadere in mare.» «Scusami», rispose lui senza mostrare particolare rimorso. «C'era dentro il portafoglio!» Il ragazzo si accigliò. «Ho detto che mi dispiace.» «Bisogna recuperarla prima che vada a fondo!» I due giovani sembravano paralizzati, e capii che non avevano nessuna intenzione di buttarsi in acqua. Tanto per cominciare, non l'avrebbero mai trovata e poi sarebbero dovuti tornare a riva a nuoto, il che era poco raccomandabile dopo aver bevuto come avevano fatto loro. Anche la brunetta doveva essere giunta alle mie stesse conclusioni, perché la vidi posare le mani sulla balaustra e alzarsi in punta di piedi. «Non essere stupida. Ormai è andata», dichiarò Lacoste rosa, cercando di fermarla. «È troppo pericoloso tuffarsi, potrebbero esserci degli squali. È solo un portafoglio. Te ne compero uno nuovo io.» «Ma mi serve! Ci sono dentro tutti i miei soldi!» La faccenda non mi riguardava, lo sapevo. Ma l'unica cosa che pensai mentre balzavo in piedi e correvo verso il fondo del molo fu: Oh, al diavolo...

18 2 Immagino di dover spiegare per quale ragione mi tuffai tra le onde per recuperare la borsa. Non perché volevo che lei mi considerasse un eroe, né per impressionarla con la mia prestanza fisica o perché mi preoccupassi dei soldi che aveva perso. Il mio gesto aveva piuttosto a che fare con la spontaneità del suo sorriso e il calore della sua risata. Già mentre mi buttavo, mi resi conto di quanto apparisse ridicola la mia reazione, ma ormai era troppo tardi. Colpii la superficie dell'acqua, andai sotto e riemersi. Quattro facce mi fissavano da sopra la balaustra. Lacoste rosa era decisamente stizzito. «Dov'è?» gridai nella loro direzione. «Da quella parte», mi indicò la brunetta. «Mi sembra di vederla ancora che sta andando a fondo...» Impiegai qualche istante a localizzare la borsa nella fioca luce del tramonto, mentre la corrente dell'oceano ci metteva del suo per farmi andare a sbattere contro il molo. La afferrai e poi cercai di tenerla a galla alla meno peggio. Le onde resero la nuotata verso riva meno difficile di quanto pensassi e di tanto in tanto alzavo la testa e vedevo i quattro che mi guardavano dal molo. Finalmente toccai il fondo e mi trascinai fuori. Mi scrollai l'acqua dai capelli, mi incamminai sulla sabbia e li raggiunsi a metà della spiaggia. Porsi la borsa alla brunetta. «Ecco qua.» «Grazie», rispose lei e, quando i nostri occhi si incontrarono, scattò qualcosa. Vi assicuro che non sono un romantico, e che pur avendo sentito parlare dell'amore a prima vista, non ci ho mai creduto. Ciononostante, in quel momento accadde qualcosa di innegabilmente vero, e io rimasi imbambolato a fissarla. Da vicino era ancora più bella, ma più che all'aspetto, ciò era legato al modo di essere. Al suo sorriso aperto che rivelava la fessura tra gli incisivi, al gesto casuale con cui si scostava dal volto una ciocca ribelle, al suo portamento disinvolto. «Non dovevi farlo», mi disse con una punta di ammirazione nella voce. «L'avrei recuperata io.» «Lo so», confermai annuendo. «Ho visto che ti preparavi a tuffarti.» Lei piegò la testa di lato. «Però hai provato l'incontrollabile impulso di soccorrere una dama in difficoltà?» «Qualcosa del genere.» Valutò per qualche istante la mia risposta, poi rivolse l'attenzione alla borsa. Cominciò a svuotarla: tolse il portafoglio, gli occhiali da sole e un tubetto di crema solare e li passò alla bionda. «Le tue foto si sono bagnate», osservò l'altra esaminando il contenuto del portafoglio. La brunetta non le diede retta, intenta a strizzare la borsa in un verso e nell'altro. Quando fu soddisfatta del risultato, la riempì di nuovo. «Grazie ancora», disse. Dal suo accento pensai che doveva essere cresciuta sulle montagne vicino a Boone, o nella zona al confine con il South Carolina. «Non c'è di che», borbottai senza accennare a muovermi.

19 «Ehi, forse vuole una ricompensa», intervenne Lacoste rosa. La ragazza guardò prima lui poi me. «Vuoi una ricompensa?» «No», risposi agitando una mano. «L'ho fatto volentieri.» «Lo sapevo che la cavalleria non era morta», dichiarò lei senza ombra di ironia nella voce. Lacoste arancio mi squadrò per bene e notò il mio taglio a spazzola. «Sei un marine?» chiese, tornando ad abbracciare la bionda. «No, mi sono arruolato nell'esercito.» «Io sono Savannah», si presentò la brunetta. «Savannah Lynn Curtis. E questi sono Brad, Randy e Susan.» Mi porse la mano. «John Tyree», risposi. La sua mano era calda, vellutata in alcuni punti e ispessita in altri. In quel momento mi resi conto di quanto tempo fosse passato dall'ultima volta che avevo toccato una donna. «Bene, sono in debito con te.» «Figurati, non ce n'è motivo.» «Hai mangiato?» mi chiese ignorando la mia risposta. «Stiamo preparando un barbecue, e c'è un sacco di cibo. Vuoi venire con noi?» Gli altri si scambiarono un'occhiata. Randy Lacoste rosa era evidentemente contrariato, il che mi fece sentire meglio. Ehi, forse vuole una ricompensa. Che idiota. «Sì, vieni con noi», ripetè Brad, tutt'altro che entusiasta. «Ci divertiremo. Abbiamo affittato la casa accanto al molo.» Indicò la costruzione sulla spiaggia dove cinque o sei persone erano sedute in veranda. Sebbene non avessi la minima voglia di passare il tempo con degli studenti universitari, Savannah mi sorrise con tanto calore da farmi uscire le parole di bocca prima che potessi fermarle. «D'accordo. Vado a recuperare la mia tavola e vi raggiungo tra un istante.» «Ci vediamo lì», intervenne Randy in tono petulante. Fece un passo verso Savannah, che lo ignorò. «Ti accompagno», mi disse lei, staccandosi dal gruppo. «È il minimo che possa fare.» Si mise la borsa a tracolla. «A dopo, ragazzi.» Ci avviammo insieme verso la duna e la scaletta che portava al molo. I suoi amici indugiarono qualche istante, poi si incamminarono lentamente lungo la spiaggia. Con la coda dell'occhio vidi la bionda girare la testa per guardare verso di noi oltre il braccio di Brad. Anche Randy si voltò, con aria torva. «Probabilmente Susan mi giudica pazza», osservò Savannah. «Perché?» «Per il fatto che li ho lasciati lì per seguirti. Pensa che Randy sia perfetto per me, e ha cercato di rifilarmelo da quando siamo arrivate, oggi pomeriggio. Lui non mi ha mollato un istante.» Annuii, non sapendo come rispondere. In lontananza, la luna, tonda e rossa, stava spuntando lentamente dall'oceano e vidi che anche Savannah la stava guardando. Le onde che si infrangevano sulla spiaggia creavano una miriade di scintille d'argento, quasi fossero illuminate dal flash di una macchina fotografica. Raggiungemmo il

20 molo. La balaustra era rosa dalla sabbia e dalla salsedine, il legno stagionato cominciava a creparsi. I gradini scricchiolavano sotto il nostro peso. «Dove sei di stanza?» mi chiese. «In Germania. Sono in licenza per un paio di settimane, e sono tornato a casa a trovare mio padre. Tu vieni dalla zona delle montagne, invece, giusto?» Lei mi guardò sorpresa. «Da Lenoir.» Mi studiò per un po'. «Fammi indovinare, è per via del mio accento, vero? Parlo come una montanara, eh?» «Niente affatto.» «Ebbene, sono una campagnola. Sono cresciuta in un ranch e tutto il resto. E so di avere un accento marcato, anche se alcuni sostengono di trovarlo affascinante.» «Randy, per esempio.» L'avevo detto senza pensarci e, nel silenzio imbarazzato che seguì, lei si passò una mano tra i capelli. «Mi sembra un ragazzo simpatico», osservò dopo un po', «ma non lo conosco bene. In realtà non conosco quasi nessuno di quelli presenti stasera, a parte Susan.» Scacciò una zanzara. «E Tim. Più tardi te lo presenterò. È un tipo in gamba, ti piacerà.» «Siete tutti qui in vacanza per una settimana?» «Un mese... in realtà, però, non si tratta di una vera vacanza. Facciamo volontariato. Hai mai sentito parlare di Habitat for Humanity? Noi siamo venuti qui per dare una mano a costruire delle abitazioni. La mia famiglia ha sempre dato il suo contributo all'associazione.» Alle sue spalle, la casa si animò nell'oscurità. Si erano materializzati altri ragazzi, si sentiva la musica e di tanto in tanto giungeva fino a noi l'eco delle risate. Brad, Susan e Randy ora erano circondati da coetanei che bevevano birra e assomigliavano più a studenti intenzionati a divertirsi e a rimorchiare che a dei volontari. Lei doveva avere notato la mia espressione perplessa. «Cominceremo lunedì. Si accorgeranno presto che non è una passeggiata.» «Non ho detto niente...» «Non ce n'era bisogno. Ma hai ragione. Per molti di loro questa è la prima esperienza con Habitat, e lo fanno solo per avere qualcosa di diverso da mettere nel curriculum scolastico. Non hanno idea di quanto ci sia da sgobbare. Alla fine, però, l'importante è che le case vengano costruite, e così sarà.» «Lo hai già fatto?» «Tutte le estati, da quando avevo sedici anni. Prima collaboravo con la mia parrocchia, ma poi ho cominciato a frequentare Chapel Hill, e abbiamo formato un gruppo lì. Ecco, veramente è stato Tim a crearlo. Anche lui viene da Lenoir. Si è appena laureato e inizierà la specializzazione quest'autunno. Lo conosco da una vita. Abbiamo pensato di offrire agli studenti l'opportunità di compiere un'opera socialmente utile durante le vacanze estive. Ciascuno si paga la sua parte di affitto della casa e le spese, e non chiederemo niente in cambio del lavoro che svolgeremo. Per questo era importante che recuperassi la borsa. Altrimenti non avrei potuto comprarmi da mangiare.» «Sono sicuro che gli altri non ti avrebbero lasciato morire di fame.» «Lo so, ma non sarebbe stato giusto. Si stanno già impegnando, ed è più che abbastanza.»

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c.

1. Queste mele sono. a. buonissime b. meno buonissime c. più buonissime. 2. La sua auto è mia. a. nuovissima b. più nuova della c. QUARTA MEDIA RIPASSO DI GRAMMATICA / LESSICO E FUNZIONI SCEGLI LA FORMA CORRETTA. 1. (a) Quello uomo (b) Quell'uomo (c) quel uomo è stato un famoso atleta. 2. Il mio ufficio è vicino (a) alla stazione

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Clive e Kathy Jones. Siamo Clive e Kathy Jones e abitiamo nella Contea di Cork, in Irlanda. Abbiamo 4 figli grandi e 11 nipoti, grazie a Dio.

Clive e Kathy Jones. Siamo Clive e Kathy Jones e abitiamo nella Contea di Cork, in Irlanda. Abbiamo 4 figli grandi e 11 nipoti, grazie a Dio. Clive e Jones Clive Il matrimonio passa attraverso molte fasi: Idillio, Disillusione, Infelicità e Risveglio. Noi le abbiamo passate tutte più volte nel corso dei nostri 45 anni di matrimonio! Buon pomeriggio!

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY

Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY Choose your destiny Annabel Blasi CHOOSE YOUR DESTINY racconto www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Annabel Blasi Tutti i diritti riservati Alla mia famiglia Prima parte 1 Freddo. Sentivo un freddo

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI. sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17

NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI. sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17 NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI "Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate: ecco, sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17 Testimonianze

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli