Anno XIV - Numero 1 Dicembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno XIV - Numero 1 Dicembre 2011"

Transcript

1 Pagina 1 II Istituto Comprensivo Ardigò - Sede G.Pascoli G.Pascoli - via G. Galilei, 36 Padova. Anno XIV - Numero 1 Dicembre 2011 La scuola termina venerdì 23 dicembre. Buone vacanze natalizie dal PASCOLIAMO.

2 Pagina 2 BENVENUTI IN ALIPASCOLI GENTILI GIOVANI NUOVI VIAGGIATORI, VI INFORMIAMO CHE L'AEREO DELLA SCUOLA MEDIA è PARTITO. DESTINAZIONE: DIPLOMA. METTETE DA PARTE I RICORDI DEL LUOGO CHE AVETE LASCIATO, NON ABBIATE NOSTALGIA E GUARDATE CON FIDUCIA ALLA META A CUI SIETE DIRETTI. IL VOLO PRESENTERà ALCUNE TURBOLENZE, MA I NOSTRI ABILI PILOTI LE SUPERERANNO SENZA MOLTI PROBLEMI. IL VIAGGIO SARà PIUTTOSTO LUNGO, PERCIò VI CONSIGLIAMO DI METTERVI COMODI E DI GUSTARE TUTTO QUANTO LA NOSTRA COMPAGNIA POTRà OFFRIRVI. RILASSATEVI (MA NON TROPPO ), SIATE PRONTI A SUPERARE OCEANI DI CONOSCENZE, ABISSI DI SCONFORTO, MONTAGNE DI SUCCESSI, SELVE DI VERIFICHE E PRATERIE DI IMPEGNI, MA TUTTO SARà ILLUMINATO DA UN CIELO AZZURRO E LIMPIDO. VI INFORMIAMO CHE, IN CASO DI PERICOLO, LE USCITE DI SICUREZZA SONO LO STUDIO, LO STUDIO, LO STUDIO. PER QUALUNQUE NECESSITA' RIVOLGETEVI A NOI, ASSISTENTI DI VOLO DI LUNGA ESPERIENZA. ARRIVEDERCI E GRAZIE PER AVER SCELTO ALIPASCOLI la 3 C Cari ragazzi di prima, è iniziato l anno di medie nella scuola che sarà la vostra seconda casa. Godetevelo come se fosse l ultimo, perché quando suonerà la campanella che segnerà la fine di questa avventura vi renderete conto di come ogni piccolo momento vi avrà fatto crescere E bello assaporare l aria frizzante della Pascoli sapendo di poterlo fare per tre anni indimenticabili. Non perdete neanche un secondo per non avere un solo rimpianto degli attimi vissuti, condividendo gioie e dolori con i vostri compagni di avventura. Le difficoltà che incontrerete non saranno poche, ma sempre superabili con impegno e l entusiasmo che vi trasmetteranno i professori. Vi divertirete in tante sorprendenti occasioni organizzate dalla scuola insieme a voi come il teatro, la festa di carnevale, la festa dell accoglienza e vi renderete utili per tante iniziative come la vendita delle piantine o la vendita della lotteria di carnevale. Insomma una scuola per imparare a studiare, ma anche a condividere e a crescere come studenti e come persone. Ma ora basta: tocca a voi. E arrivato il vostro momento!!!!! Margherita Peraccin, Maria Vittoria Basile, Ginevra Nicolai, Marianna Neri, Matilde Neri 2B Il mio primo giorno di scuola Il primo giorno di scuola media per me ha rappresentato una data importante. Il perché? Innanzitutto perché è stato l inizio di un nuovo ciclo scolastico, in secondo luogo perché iniziando a frequentare una nuova scuola ho avuto e avrò l occasione di conoscere nuovi compagni e, chissà, magari anche qualche amico. Dunque, vorrei raccontare qualche dettaglio di quel primo giorno di medie quale fu il 12 settembre Quella mattina, mi svegliai con regolarità alle 7, abbastanza teso pensando alla giornata che avrei dovuto affrontare. Ero convinto di dover andare a scuola alle 8, e che l entrata fosse alle 8.10, ma mi sbagliavo, e pure di grosso. Infatti, dopo essermi informato, constatai che l ingresso delle prime sarebbe stato alle 9.10; quindi occupai l ora che mi rimaneva andando in cartoleria a comperare qualche quaderno. Quando rientrai nel cortile della scuola, vidi alcune facce completamente sconosciute, mentre altre erano già note, quindi mi avvicinai ai miei amici per salutarli. Quando il signor Carlo, che non conoscevo ancora, chiamò la 1B, entrammo nella scuola accompagnati dalla professoressa Dell Oste, che ci guidò nella nostra futura aula. Durante il corso della giornata abbiamo conosciuto molti insegnanti con i quali, però, abbiamo principalmente conversato e ci hanno inoltre illustrato le varie regole d istituto. Per tutto il giorno, quindi, non abbiamo lavorato quasi per nulla. All ultima ora, cioè quella dopo la mensa, ci ha fatto lezione, per modo di dire, la professoressa di tecnologia, che al suono della campanella ci ha congedato in mezzo all euforia generale.si è concluso così il mio primo giorno di scuola media. Non mi sembrava vero, ma in fondo i professori non sembravano così cattivi e severi come mi avevano predetto le maestre delle elementari; talvolta, però, l apparenza inganna. Carlo Cignarella 1B

3 Pagina 3 Un ex alunno... Intervistiamo... La nostra scuola, come tutti sapete prende il nome dal celebre poeta Giovanni Pascoli. La Pascoli ha una storia molto ricca anche se non paragonabile a quella del poeta di cui prende il nome. Se avete fratelli, cugini, amici già grandi che hanno frequentato questa scuola, senza alcun dubbio vi diranno che non si dimenticano facilmente le esperienze di questi tre anni. Se non ci credete leggete quest intervista. INTERVISTA - Ciao Federico, tu sei un ex alunno della Pascoli, giusto? - Sì, esattamente. - Se ci dovessi descrivere con una parola la tua esperienza alla Pascoli quale sarebbe? - Beh sicuramente festa di Carnevale - Ah c era anche ai tuoi tempi - Sì certamente! Non sono così vecchio. - Parlando di cose serie, la Pascoli in quei tre anni cosa ti ha regalato di molto speciale? - Beh in tema di amicizie e cotte direi molto, ma penso che voi vi riferiate allo studio in quel senso certamente una preparazione generale ottima, in particolar modo nel metodo di studio. - Ma dicci la verità: eri un po secchione? - Io!!!???!? Mmhhh non direi proprio! Sono uscito dagli esami con sette. - Beh dai non male! Quali erano le tue materie preferite? - Italiano, ginnastica, e infine l intervallo. - Ma lo sai che l intervallo non è una materia? - Ah ok ma ai miei tempi lo era! - Invece il celebre collaboratore CARLO D ADDIO te lo ricordi? - Chi? Il mitico Carlo? Come si può dimenticare il suo megafono alla mattina, i suoi calorosi abbracci e le sue pacche sulla schiena. - Ti invitiamo a tornare a visitare la nostra scuola, sicuramente la troverai sempre bella e accogliente come quando la frequentavi tu. - Non mancherà occasione, vi prendo in parola! Fate conto che io sia già all entrata. - Ciao, grazie mille per la collaborazione. - Grazie a voi e fidatevi di me: ciò che la Pascoli insegna, oltre che a tante regole, date, fatti, numeri e personaggi è.. VIVERE. Noi siamo già in terza e con rammarico vediamo passati già due anni e siamo ansiosi per gli esami, pensiamo che sia già finita mentre il percorso non è ancora terminato. Possiamo augurare solo che vi divertiate e che passiate intensamente gli anni che dovete ancora frequentare. Anche se la mattina e durante le lezioni vi vorreste suicidare, non mollate e uscite trionfanti. È molto difficile pensare al futuro perché non si è mai pronti a dire addio a quella che per tre anni è stata la tua seconda casa. Vi ricordiamo che presto uscirà il film Faccia d Angelo con la partecipazione di CARLO Vittoria Masiero, Lavinia Noto, Eleonora Massaro, Benedetta Barillari 3B Indovinelli - Qual è il colmo per un bassotto?? Non essere all altezza! - Perché i carabinieri tengono sempre della cioccolata in macchina?? In caso debbano fare un inseguimento a tavoletta!

4 Pagina 4 La Prof Dell Oste... Io e le mie due compagne per scrivere un articolo per il giornalino non sapevamo proprio che tema trattare: ogni idea che ci veniva in mente sembrava sempre quella sbagliata. Ma poi, mentre cercavamo di farci venire in mente qualcosa di interessante e avvincente, ci è venuta un illuminazione: intervistare la professoressa Dell Oste che è anche la responsabile della scuola Giovanni Pascoli. Ecco l intervista: 1 ) In base a quali criteri lei giudica un tema perfetto? Contenuto, esposizione, ortografia, punteggiatura, lessico, sintassi. 2 ) Le è mai capitato di leggere un tema perfetto? Si, per fortuna. Quasi mai in prima, in seconda capita e in terza è molto frequente perché gli alunni maturano. 3 ) Le piace la sua scelta di insegnare e perché? Sì, perché mi sembra di trasmettere a qualcuno qualcosa che per me è stato importante. Ma alcune volte mi sembra di non riuscirci. 4 ) Come si sente dopo svariati anni di lavoro? Bene, più sicura di come ero all inizio, penso di sbagliare meno di quando ho iniziato. 5 ) Cosa pensa riguardo alla notizia che si andrà in pensione a 68 anni? Io non sono coinvolta. Ho visto il telegiornale stamattina e dicono che questo provvedimento verrà messo in atto nel Naturalmente mi dispiace per quelli che verranno dopo di me. Se però venisse messo in atto subito mi sentirei molto arrabbiata. Spero che a voi sia piaciuta questa intervista e vi sia utile per conoscere meglio la professoressa Dell Oste. Elisabetta, Arianna e Alberta 2 B Le massime 1) Un contadino il primo anno semina il mais, ma non viene un buon raccolto; l anno dopo semina i cardi e gli viene un buon raccolto. Proverbio: Meglio cardi che mais! 2) Lo zio Pino va al mare con la sua gatta che non sa nuotare. La gatta dopo un po si ritrova al largo. Lo zio Pino, spinto dalla voglia di salvarla, la segue, ma dopo qualche metro annega. Proverbio: tanto va la gatta al largo che ci lascia lo zio Pino! Fra pomodori -Ci sono due pomodori in frigo, uno dice all altro <<Brrrrr che freddo che fa qui!>> E l altro spaventato <<Aiuto! Un pomodoro che parla!!!>> Analisi grammaticale Senza tanta fatica Scarpa: nome comune di cosa Genere: femminile Numero: secondo chi le porta! Il maestro domanda:-leo, dimmi due pronomi.- Leo:- Chi? Io? Il maestro:- Bene, benissimo! Ora sentiamo un altro.

5 Pagina 5 La Mara... La sig.ra Mara è la bibliotecaria della scuola Pascoli e in molti la conosceranno per la sua simpatia e le sue incredibili sgommate. Quest oggi, durante la seconda ricreazione, carta e penna alla mano, l ho avvicinata per intervistarla. Anche se ci ho messo del tempo a trovarla, sono riuscito a porle le mie domande, accompagnato dalle mie compagne Beatrice e Mariavittoria. - Buongiorno, signora Mara. Buongiorno - Le dispiace se la intervisto per il giornalino della scuola? No, affatto - Bene, allora cominciamo. Come è stato il suo primo giorno di lavoro qui alla Pascoli? E stato nel 96. Mi ricordo solo che è stato molto bello. Subito Beatrice esplode: Qual è il suo colore preferito? E Mariavittoria a ruota: Qual è il suo cibo preferito? Il mio colore preferito risponde la signora Mara è il turchese Dopo qualche momento di riflessione afferma E il mio cibo preferito è il gelato al puffo! L intervista continua con: - Ha un ricordo speciale del suo primo anno di servizio come bibliotecaria? No, sono stati tutti speciali - E qual è stato il momento più bello della sua carriera? Quando sono stata in biblioteca - Per concludere, lei e Carlo siete i collaboratori più amati della scuola. Sente quest affetto degli alunni per lei? Che cosa ne pensa? Sento molto questo affetto per me e ne sono molto, molto contenta. Lo ricambio con tutta me stessa. - Bene, ho finito. La ringrazio. Buona giornata! Anche a te. Buona giornata! Enrico Foglia 2B FASI PER PREPARARE UN TESTO LIBERO Preparare un testo libero è più difficile che eseguirne uno con un titolo assegnato. Chi ha poca fantasia passa un'ora a pensare cosa scrivere, si mette a sfogliare libri per cercare un titolo o magari un' idea su un argomento da svolgere; così facendo inizia a pensare a qualcos'altro e va a finire che inizia a giocare con qualcosa che trova sulla scrivania. Alla fine trova l'idea ma non sa come stenderla sul foglio; a quel punto inizia la fase in cui scrive una frase e la cancella, questa operazione si ripete per circa dieci volte in tutto il testo, poi quando è riuscito ad arrivare a una lunghezza di testo accettabile inizia la fase e adesso come faccio per concludere?. Così chiede a chi gli è vicino se gli può prestare un momento di attenzione e leggere il testo per vedere che conclusione metterebbe; il compagno lo legge poi, o non sa che finale mettere, oppure non ha voglia di pensarci, allora dice che non ha tempo o che non lo sa. A quel punto scrive un finale un po' scontato che alla prof non andrà bene, perché o troppo sbrigativo o appunto, come ho detto prima scontato. In conclusione la composizione di un testo libero è sempre abbastanza complessa, perché non a- vendo nessun tipo di traccia bisogna costruire l'intero testo con ordine e metodo. Michele Torchio 3 B

6 Pagina 6 Posso avere una seconda occasione?.. L arrivo in prima media fa un po paura: si cambiano compagni di classe, nel mio caso tutti, si cambiano gli insegnanti, si cambia modo di studiare. I primi giorni dell anno scolastico ero davvero emozionato, le novità non finivano mai: un sacco di libri in più, il percorso di andata e ritorno verso scuola da solo e anche l edificio della nuova scuola da conoscere. Ora le cose sono già migliorate. In primo luogo, conosco meglio i miei compagni, si stanno creando le prime amicizie e questo ci aiuta ad affrontare l impegno in classe. Sul modo di studiare probabilmente ho ancora molto da imparare, ma una cosa è chiara: si studia tanto, tantissimo! Per quanto riguarda i professori, direi che si capisce subito che a loro le prime buone impressioni non bastano: vogliono le seconde, le terze, le quarte e così via, di verifica in verifica in verifica Ragazzi, in prima media la vita è proprio dura! Ernesto De Nitto 1D CHE CAOS! Che caos! Urlò la professoressa! E inaccettabile un comportamento simile, guarda che chiamo la Preside. In quell istante ci fu un silenzio di tomba. Nessuno durante quell ora si azzardò ad a- prire bocca. Purtroppo noi alunni siamo fatti così, non riusciamo a stare zitti un secondo. Ormai oggi siamo afflitti dal caos, è dappertutto, non c è più la calma di una volta. Mi ricorderò sempre quella volta quando a scuola io e i miei compagni ci riunimmo per pranzare; mentre stavamo mangiando tutti silenziosamente, entrarono i ragazzi di terza che continuavano a schiamazzare, ridere e urlare senza mai fermarsi. Questo sì che è caos pensai. Quest anno sarò in terza, sicuramente diventerò come uno di loro facendo il solito caos dei più grandi che si credono maturi e legittimati ad alzare la voce. Ecco perché per me il caos coincide con il rumore, so che oltre all inquinamento ambientale esiste anche l inquinamento acustico, probabilmente chi supera una certa soglia di decibel produce inquinamento. Oltre a questo, il caos crea confusione e disordine. Chissà perché quando la mamma mi rimprovera che in camera mia c è troppo caos io quasi involontariamente mi meraviglio dato che non attribuisco lo stesso significato alla parola che dà lei. Ecco perché è sempre soggettivo se il significato di una parola è positivo o negativo. Leonardo Zafutta, 3B IL MIO PRIMO GIORNO DI SCUOLA Lunedì 12 settembre ore 7.00; mi sveglio ed ho la sensazione che una tragedia stia per capitare nella mia vita. Mi siedo sul letto e istintivamente penso al mio amico Homer dei Simpson. Mi tocco i capelli temendo di essere diventato calvo come lui ma...sorpresa ho ancora tutti i capelli in testa. Come mai non mi vengono battute come ad Homer? Sarebbe proprio il momento! Allora prendo coraggio e vado a scuola. Perché un orario diverso rispetto a quello degli altri ragazzi? Faccio fatica a credere ai miei genitori che mi spiegano che hanno fatto un accoglienza esclusiva per noi intrepidi ragazzi. Il discorso della Direttrice De Danieli non mi rassicura per niente, perché mi fido più delle mie sensazioni di tragedia imminente. In classe mi guardo intorno e vedo molti dei miei compagni delle elementari e molti bambini nuovi dall aspetto tranquillo. Lentamente mi rilasso. Conosco durante la giornata le prof. Dell Oste, Passadore, Lazzaro. Sembrano i nomi dei giocatori di una squadra di calcio, ma a ben pensarci potrebbe essere la squadra vincente, insieme al giocatore Roberto Coin, nel campionato della Pascoli e mettere le basi per vincere la COPPA dei CAMPIONI che è la vita. E dura ma dobbiamo tutti insieme provarci. AUGURI ROBERTO! Roberto Coin 1B

7 Pagina 7 Cara Marta, mi sono dimenticato di ringraziarti in tempo, lo faccio ora con questa lettera. Ti abbiamo avuta soltanto in quarta elementare come insegnante di educazione fisica, ma ti ricordo con grande affetto e riconoscenza perché, anche se può sembrare cosa da poco, mi hai insegnato a saltare la corda. Ricordo che non ne ero capace e, quando mi hai detto che quell anno avremmo dovuto imparare, ho pensato, prendendo l argomento sotto gamba: Non sarà poi così difficile. La prima lezione ci hai chiesto di farti vedere come saltavamo la corda e quando mi hai visto ti sei stupita tantissimo, perché ero proprio un incapace! Grazie a un lungo e faticoso anno di corda, oggi la so saltare abbastanza bene. Quest anno ho iniziato la prima media alla Pascoli e come insegnante di Educazione Fisica ho il, noto a tutti, Prof.Angeli e (chi l avrebbe detto?) fin dalla prima lezione con lui saltiamo la corda, ci insegna anche nuove tecniche, corsa con corda e skip con corda: quasi quasi mi diverto. Prima o poi, forse, verrò interrogato in corda e, se non sarà un disastro, sarà anche merito tuo. Capisci perciò il motivo per cui non finirò mai di ringraziarti per i tuoi preziosissimi insegnamenti! UN GRAZIE IN RITARDO A NATALE VORREI Francesco Antonello 1C A Natale vorrei molte cose : - vorrei dei libri, ma non quelli noiosi che mi ha consigliato la maestra, dei libri tipo Diario di Gian Burrasca e Diario di una Schiappa ; - vorrei dei pupazzi, ma non quei pupazzi dagli occhietti languidi da femminucce, quelli tipo Crash Boom Bang e Dragon Ball Z ; - vorrei dei videogiochi, ma non quelli che insegnano a cucinare o a parlare bene inglese, videogiochi tipo PES 2011, Sly 3 e Super Mario ; - vorrei tanti soldini, ma non per me, soldini da dare ai bambini poveri, che non hanno niente; - vorrei degli animali domestici, ma non semplici cani o gatti, vorrei delle renne, quelle tue che volano, Babbo Natale; - vorrei un bel viaggio, ma non uno normale a Barcellona solo per una settimana, vorrei un viaggio al Polo Nord, lungo un anno, per poterti conoscere bene come un nonno; - vorrei dei CD di musica, ma non quelli di classica, troppo noiosi per me, vorrei Fabri Fibra o Katy Perry, Jon Bon Jovi o Lady Gaga.. Spero che mi arrivi tutto ciò che ho chiesto, anche se è troppa roba persino per Babbo Natale! (P.S. Per Spero intendo Voglio!) Guido Rigoni e Damiano Croce 1B

8 Pagina 8 LE FARFALLE NELLO STOMACO Il sole caldo dell estate mi accompagna mentre sto per entrare in piscina per il quinto o sesto bagno della giornata. Mi appoggio sul bordo e. DRIIIIIINNNN! Un suono assordante mi fa fare un salto! Ma dove sono? A casa, sul mio letto e sono le sette di mattina. Oh no! È già ora di alzarmi e di andar a scuola. La maestra Gabriella tiene molto alla puntualità e non posso arrivare tardi. Ma, un momento! Il sonno mi sta ancora confondendo le idee. SONO ALLE MEDIE!!! E meglio che mi alzi velocemente e che faccia subito colazione. La giornata sarà lunga e impegnativa e senza colazione temo che crollerei a terra senza forze. Bevo velocemente il latte, ingoio 4-5 biscotti senza pensarci e corro in bagno a lavarmi i denti. Intanto faccio l appello delle materie che dovevo preparare per oggi: grammatica A, antologia B, musica C, inglese D, tecnologia E.mi sembra di dover ristudiare anche l alfabeto! Comincio ad agitarmi un po.un momento! Cosa sono queste farfalle che volano nel mio stomaco? Non avevo mangiato biscotti a colazione? Mamma mia, spero che la maestra capisca come mi sento questa mattina! Oh no! Di nuovo lo stesso errore! SONO ALLE MEDIE, non ho la maestra ma professori e professoresse! E sono tanti Esco di corsa, la mamma mi aspetta in macchina con il motore acceso, brontolando perché è tardi mia sorella di 6 anni piange perché si è dimenticata a casa le figurine..io ho sempre queste farfalle che ormai si sono sistemate nel mio stomaco. La mamma mi lascia all inizio di via del Santo e mi fa le ultime raccomandazioni (sempre quelle!). Io cammino verso la scuola, le farfalle si stanno un po calmando. Per strada un pensiero va alla dolce maestra Cristina che se n è andata da poco ma che sento sempre vicina sono sicura che dal cielo mi sta guidando per affrontare questa nuova avventura. Arrivata! Suona la campanella delle Ancheoggi inizia u- na nuova giornata! E io sto diventando grande!!! oggi inizia una nuova giornata! E io sto diventando grande!!! Giulia Munari 1B L ESTINZIONE DELLA PERSONALITA INDIVI DUALE In una scuola dove tutti sono uguali e non ci si ricorda dell esistenza della personalità, chiedetevi che effetto farebbe l apparizione di una persona diversa che si veste o si comporta per piacere a sé e non, come facciamo solitamente, per piacere agli altri. Fateci caso, anche se solo alla Pascoli non c è nessuno che si differenzia veramente:tutti seguono la moda. I propri gusti sono soffocati dalle firme dei vestiti, scarpe, accessori. Il carattere sempre più simile agli idoli giovanili, il taglio di capelli ispirato alle foto delle star di Hollywood. Ormai anche solo una marca può fare la differenza: a noi non interessa la qualità di un oggetto, ma quanto è più o meno popolare. Facciamo l esempio di un nome adorato da tutti gli adolescenti del mondo: ABERCROMBIE. Pensateci un attimo; quei meravigliosi vestiti che tanto desideriamo, non sono altro che semplici magliette, felpe, pantaloni con la scritta A&F sopra. Ora immaginate che, davanti a voi, si presenti una persona originale che si senta a suo agio: non la considerereste minimamente una persona normale, questo è il nostro sbaglio, perché pur di sentirsi sé stessa, sopporta i giudizi superficiali di chi una personalità non ha più. Meglio essere assolutamente ridicoli, che assolutamente noiosi. (Marylin Monroe) A. Paglianti, A. De Stefani e E. Pavan 2A

9 Pagina 9 Non lasciare mai (riflessione) Se non puoi correre, cammina, se non puoi camminare, striscia per terra, se non puoi strisciare per terra, non importa, perché qualunque cosa farai, dovrai sempre andare avanti. Queste parole per me significano molto perché sono uno sprone a non mollare mai. Nei momenti difficili, spesso si tende a rinunciare anche alle cose a cui si tiene di più e invece non bisogna arrendersi mai e andare sempre avanti. Per me sono importanti perché io ci sono passata e mia mamma me le ha ripetute più volte, aiutandomi a superare delle difficoltà. Camilla Congedo 1C Monaco di Baviera: consigli per l uso Sono stato a Monaco di Baviera, in Germania, per una settimana. E stato un bel periodo, e ho alcuni consigli e sconsigli da dare, nel caso qualcuno di voi volesse visitare la città. 1. Alle andate a vedere il Carosello, un antico, gigantesco Carillon nella piazza centrale di Monaco, Marienplatz. 2. I musei d arte sono spesso noiosi: andate a vedere piuttosto il Museo di Scienze Naturali Mensch und Natur o il Museo della caccia e della pesca, pensati per bambini e ragazzi. 3. Ma se non vi piacciono i musei, a Monaco ci sono molti negozi o ristoranti e birrerie di cucina bavarese. Tra queste, la birreria da cui Hitler partì per tentare il colpo di stato del 1923! 4. Gli sportivi possono persino fare surf: ci sono molti surfisti d acqua dolce sulle cascatelle del fiume Isar, vicino al Giardino Inglese. 5. Ecco due sconsigli : mai, dico mai aggirarsi di sera o di notte per l Oktober Fest: è piena di u- briachi! Infine, mai attardarsi sulle piste ciclabili: rischiereste di essere falciati in un secondo da ciclisti a grandissima velocità. Monaco è la città con la più fitta rete ciclabile della Germania, e con i ciclisti più scatenati! Carlo Carraro Aventi 1C RIDI ANCHE TU Sapete come mio padre ha tenuto in piedi la famiglia? Semplice, ha venduto le sedie. La carne di cavallo fa bene perché contiene ferro, specialmente se mangi lo zoccolo.

10 Pagina 10 GRAZIE STEVE JOBS, NON SOLO PER LE TUE BELLISSIME INVENZIONI! Steve Jobs, sono uno dei tuoi tanti fan e, anche se non ti trovi più nei dintorni, vorrei scriverti questa mia dichiarazione di stima e di riconoscenza. Prima che tu ci lasciassi, non sapevo precisamente chi fossi, ma comunque sapevo che qualcuno doveva essere l inventore del mio amato ipod, con cui ascolto la musica che più mi piace. Da quando ti ho conosciuto, leggendo in particolare il tuo discorso agli studenti di Stanford, mi si è aperta la mente, ho cominciato a capire, almeno in parte, cosa fare della mia vita. Fino a poco tempo fa ero sicuro che la mia vita fosse un percorso stabilito, una strada con un unico binario; adesso invece vedo questa strada in modo diverso, ha più binari da scoprire e da percorrere, e se uno dei tanti è quello sbagliato, non mi resta che retrocedere di un po per dopo prenderne un altro di sicuro migliore. Steve Jobs, devi andare fiero della speranza e della fiducia che hai acceso nei giovani con quel tuo bellissimo discorso del 2005, quando hai raccontato della tua vita suddividendola in tre storie che mi hanno colpito moltissimo. La prima parlava del saper unire i puntini, di come cioè, solo guardandoci indietro, riusciamo a dare un senso e una logica a tutte le nostre esperienze che, nel momento in cui le viviamo, sembrano scollegate e senza significato. Nella seconda hai parlato dell amore e della perdita: sei riuscito a fondare un azienda come la Apple e in seguito sei stato licenziato dalla stessa azienda che avevi creato! È incredibile! Però, come hai detto tu, è stata la cosa più bella che ti potesse capitare: hai trovato l amore e hai fondato la Pixar (lo studio di cinema di animazione digitale più famoso al mondo) e la NeXT, la quale tuttora è il cuore della Apple. Nella terza storia parli della morte: in quel periodo ti avevano diagnosticato un cancro e ti avevano dato sì e no tre mesi di vita e hai vissuto con questa spada di Damocle con grande coraggio, traendo anche da questa terribile esperienza degli insegnamenti positivi che possono riassumersi nel tuo motto Stay hungry, stay foolish, che ci invita ad essere affamati di esperienze e di conoscenze e folli nell avere il coraggio di provare nuove strade. Questo discorso è stato per me il primo passo per fare la tua conoscenza e ne sono rimasto davvero affascinato. Addio Steve, ti ricorderemo per sempre. Leonardo Zaggia Classe III D Altre risate... Attila era terribile. Il suo motto era: Unno per tutti e tutti per Unno! Due carabinieri hanno deciso di fare un viaggio sul Sole. Uno gli domanda: Come fate per il caldo? Semplice, partiamo di notte. Se uno che si chiama Massimiliano lo chiamate Max, perché allora uno che si chiama Fabrizio non lo chiamate Fax?

11 Pagina 11 Note a margine di una vita speciale Carissimi lettori, vorrei parlarvi di un personaggio che sicuramente conoscete, avendone sentito parlare alla TV o leggendo i giornali. Vorrei dire la mia sul noto fondatore della Apple, marca di molti computer e ipod. Ecco, in sintesi, la sua vita e la sua carriera a dir poco grandiosa. La sua vita Steven Paul Jobs, noto semplicemente come Steve Jobs, è nato a San Francisco, il 24 febbraio 1955; è stato un imprenditore, informatico e inventore statunitense. Cofondatore di Apple Inc., ne è stato amministratore delegato fino al 24 agosto 2011, quando si è dimesso per motivi di salute (però assumendo la carica di Presidente del consiglio di amministrazione). È famoso per aver introdotto al grande pubblico il primo personal computer con il mouse e prodotti di successo come ipod, iphone e ipad. È stato tra i primi a intuire la potenzialità del mouse e dell'interfaccia a icone, Macintosh. La sua storia lavorativa inizia nel 1974; era alla Atari con il suo amico Steve Wozniak, dove lavorarono su una prima versione della circuiteria del videogioco Breakout. Successivamente i due decisero di mettersi in proprio, fondando la Apple Computer il 1º aprile del Per finanziarsi, Jobs vendette il suo pulmino Volkswagen e Wozniak la propria calcolatrice. Apple fu fondata insieme a Ronald Wayne, che Jobs aveva conosciuto presso Atari: Wayne lasciò però quasi subito la società, non appena Apple ricevette la prima commessa Dopo aver scoperto, nel 2004, di avere una rara forma di tumore maligno al pancreas, venne sottoposto a intervento chirurgico. Il 9 settembre 2009 Steve Jobs tornò sul palco a presentare il rinnovo dell'intera gamma di ipod, così come il 2 marzo 2011, in occasione dell'evento di presentazione dell ipad 2 comparve sul palco a sorpresa. Il 24 agosto 2011 si dimise da amministratore delegato della Apple annunciando di volere chiedere al Consiglio di Amministrazione la conferma di Tim Cook come suo successore e nuovo CEO di Apple. È morto il 5 ottobre scorso, a 56 anni; la Apple lo ha ricordato ricordandolo come brillante innovatore. Oltre ad essere stato un grande inventore e, come dicevo prima, avere avuto una carriera notevole, Steve Jobs, ha molto colpito per un suo discorso, tenuto nell anno 2005 e molto diffuso in rete. Dietro al microfono, il fondatore della Apple, si rivolge agli studenti della scuola Stanford in un discorso da ricordare e fare proprio come parabola di insegnamento della vita. Un discorso da salvare non in doc., ma nella memoria Steve, racconta la sua vita in tre episodi, ovvero come disse lui: Il mio discorso è formato da tre storie. Tre storie La prima racconta di come la vita ci possa sorprendere, come se, in un mosaico, le tessere si uniscono, da sole, magicamente. Ecco ciò che disse in proposito. Il modo in cui si dispongono le tessere dando forma al mosaico della nostra esistenza non si può prevedere, si può capire solo a posteriori. Bisogna avere fiducia, credere che in futuro ogni tessera andrà al suo posto. Bisogna credere in qualcosa - il proprio coraggio, il destino, la vita, il karma, qualunque cosa. È un atteggiamento che mi ha sempre accompagnato e che è stato decisivo nella mia vita. Nella seconda storia spiegò i problemi avuti con l azienda che aveva creato. Oltre tutto (non sto inventando niente) venne licenziato proprio da ciò che lui aveva realizzato! Infatti, questa storia riguarda l amore e la perdita. Ma lentamente un pensiero cominciò a farsi strada dentro di me - amavo ancora il mio lavoro. Quello che era successo alla Apple non aveva modificato questa realtà. Ero stato respinto, ma ero ancora innamorato. E così decisi di ricominciare. Allora non ero in grado di capirlo, ma essere stato licenziato dalla Apple fu la cosa migliore che potesse capitarmi. Alla pesantezza del successo subentrò la leggerezza di essere nuovamente un principiante, uno che non ha certezze. Grazie a questo iniziò per me uno dei periodi più creativi della mia vita.

12 Pagina 12 La terza e ultima storia riguarda la morte. Non fatevi spaventare da questo argomento, perché è proprio in questa frase che è raccolto il significato della sua vita, ma può servire anche a noi. A 17 anni mi capitò di leggere una frase che diceva più o meno: Se vivrete ogni giorno come se fosse l'ultimo, un giorno sicuramente avrete avuto ragione. Questa frase mi colpì e da allora, negli ultimi 33 anni, ogni mattina mi sono guardato allo specchio e mi sono chiesto: Se oggi fosse l'ultimo giorno della mia vita, vorrei fare quello che mi accingo a fare?. E quando la risposta è stata no per troppi giorni di seguito, ho sempre capito che dovevo cambiare qualcosa. E con queste parole, un po commoventi, vi lascio con una mia osservazione, dopo aver letto questo discorso: la vita non sempre è facile e non bisogna arrendersi di fronte alle difficoltà. Per questo le tesserine del mosaico della vita non si fermeranno mai, né di fronte alle perdite, né di fronte agli amori, per comporre, alla fine, il grande mosaico dell esistenza. Addio Sic, ci mancherai. Alice Daniele 1B Domenica 23 ottobre era una splendida giornata di sole, ma non lo era per lui, Marco Simoncelli. Poteva essere una bella giornata anche per lui, ma Simoncelli non lasciò andare quella moto che lo portò alla morte; lo fece perché lui era fatto così, non mollava mai, come gli avevano insegnato i suoi genitori. I suoi genitori erano felici, perché il loro Marco era un ragazzo semplice, che inseguiva il suo sogno; erano felici perché lui era contento di quel che faceva e loro sanno che il loro ragazzo non avrà mai rimpianti perché ha vissuto la sua vita al massimo, fino alla fine. Paolo Simoncelli, suo padre, lo ha sempre fatto gareggiare in moto perché era sempre stato il suo sogno e ognuno deve inseguire il suo sogno per passare una vita serena e senza rimpianti. Marco Simoncelli è morto con dignità e sarà sempre ricordato per la sua allegria, per la sua simpatia, per la sua cascata di riccioli, ma soprattutto per la sua semplicità. Come lui molti ragazzi muoiono sulle nostre strade con le loro moto e con le loro auto, ma a differenza di Marco muoiono per colpa dell alcol o della droga. Io penso che quei ragazzi non abbiano ancora capito il senso della vita e penso che non abbiano mai avuto una passione, perché un ragazzo non butta via la sua vita così, se ha qualcosa per cui vivere. Quei ragazzi forse non hanno persone da amare; Marco invece aveva dei genitori e una sorella che gli volevano molto bene, una fidanzata che lo amava e lo seguiva in tutte le sue corse e tanti, tanti amici e fan che gli volevano bene. Forse quei ragazzi vogliono buttare via la loro vita perché non hanno capito che la vita è un dono prezioso che ci è stato donato e non va gettato via come fosse spazzatura. Questo Marco l aveva capito, per questo viveva ogni giorno come se fosse l ultimo così che ogni giorno fosse un giorno stupendo. Sic come molti ti chiamavano, niente o nessuno potrà mai colmare il vuoto che ha lasciato la tua morte, perché tu eri un grande, una di quelle persone la cui morte è difficile da accettare e comprendere. Penso che, come me, molti altri ragazzi e fan non riescano ancora a realizzare che tu te ne sia andato per sempre. Il 23 ottobre 2011 si è spenta una stella, una stella che brillava molto più delle altre. Grazie Sic, ti ricorderemo sempre per come sei, un ragazzo d oro. Sara Carraro 3D

13 Pagina 13 Marco: un ragazzo come noi La morte di questo ragazzo ha sconvolto un po tutti in Italia e non solo. Era una domenica come tante, una gara come tante, il tempo mite e Marco era lì con i suoi colleghi a fare quello che a- mava: andare in moto. Quando, all improvviso, una caduta normale, una caduta come le altre o almeno così doveva essere: invece la moto è tornata verso il centro della pista portandosi con sé Marco. Quello che è successo dopo sono solo dei flash: Rossi e Spice che gli passano sopra, impotenti e inconsapevoli di quello che da lì a poco avrebbe cambiato la vita dei famigliari, degli a- mici e un po di tutti noi. Pensate a come la vita di un ragazzo di 23 anni può essere stroncata così facilmente, pensate a come il tuo migliore amico, il tuo fidanzato, tuo figlio possono andarsene così velocemente facendo la cosa a cui hanno dedicato gran parte della loro breve vita. Lascia sbalorditi: un attimo prima ci sei e un attimo dopo no. Noi siamo stati colpiti perché faceva le stesse cose che facciamo noi: uscire con gli amici, ascoltare la musica, adorare tutti gli sport; era così simile a noi che lo consideriamo quasi un nostro coetaneo perché SUPER SIC è uno di noi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ciao Marco Gioi, Pavan, Riparelli 3A LA MORTE DI HICKSTEAD: LA TRISTE FINE DI UN EROE Lo stallone quindicenne è collassato ed è morto dopo aver vinto il percorso con solo quattro penalità. La morte è stata causata dalla rottura del più grande vaso sanguigno: l'aorta. La perdita di ogni cavallo, ma specialmente di uno con il carattere e la storia di Hickstead, è sempre uno choc per tutti, ma il nostro pensiero va al difficile momento di Eric Lamanze.Dopo un'intervista il proprietario di Hickstead dichiara: Il cavallo ha saltato molto bene a Verona sia nel primo che nel secondo giro. Poi è letteralmente collassato, nulla è stato inusuale durante il percorso. E' difficile per me ricordare come sia avvenuto il tutto. Ero un po' distante da lui: il cavallo si è assicurato di non farmi male mentre succedeva". Lamanze faceva controllare due o tre volte a settimana dal veterinario il cavallo; dice che non l'avrebbe mai impiegato se non fosse stato in perfetta forma. Era certamente il più forte e sano tra i presenti in scuderia". "C'erano momenti in cui il cavallo era veramente imbattibile e altre volte semplicemente il più forte". Ci dispiace per questo bellissimo cavallo ma se era "il più forte e sano tra tutti i presenti in scuderia" non sarebbe bene controllare anche tutti gli altri? Se era così forte e sano come mai ha fatto un collasso? Vuol dire che non stava così bene e questo va contro le cose che ha detto il cavaliere Lamanze con sicurezza e certezza. Sta a voi credere che sia stato un incidente o no. Un cavallo da corsa sottoposto per quindici anni a sforzi notevoli avrebbe dovuto andare in "pensione"...povero animale... ha cercato di dare il meglio di sé fino all'ultimo. Poteva continuare a vivere se solo gli avessero impedito di gareggiare ancora. Fermiamoci un attimo a pensare quanto sia stato intelligente il cavallo, perché vi ricordiamo che Lamanze ha detto che il cavallo ha cercato di non fargli male, in ciò si vede l'intelligenza e l'amore di questo animale per il cavaliere. Che animale fantastico il cavallo. Era il cavallo più forte, che ha vinto tutto nel mondo. Era un cavallo molto particolare, piccolo, saltava di nervi e di grinta, ma anche di cuore. Dava sempre di più di quello che potevano dare il suo fisico e le sue gambe. Era diverso da molti cavalli che magari hanno più capacità, ma le usano meno. Lui era il GLADIA- TORE. A certi livelli molte volte i cavalieri montano più di un cavallo e non creano un rapporto con l'animale come quello che Lamanze era riuscito a creare. Non erano cavaliere e cavallo ma un binomio: cavaliere e cavallo erano riusciti a vincere le olimpiadi e avrebbero provato a vincere anche le prossime. Purtroppo questo evento improvviso ha lasciato tutti a bocca aperta per l'impossibilità di vedere questo binomio alle olimpiadi di Londra, prossima tappa per la quale si stavano preparando. Sappiamo e possiamo immaginare lo strazio del cavaliere...perché è stato un lungo viaggio insieme che ha visto gioia,amarezza,felicità e tante soddisfazioni. Un viaggio che si poteva solo fare insieme...l'uno aveva bisogno dell'altro e non altrimenti. Ilaria Testa e Bianca Tajarollo 3A

14 Pagina 14 ANNO 2097: IL PIANETA TERRA IN UN FUTURO NON TROPPO LONTANO Una crisi così non si era mai vista : questo era il titolo dei giornali nel 2097 e man mano che siamo andati avanti con gli anni, il tenore di vita degli abitanti di tutto il mondo è diminuito sempre di più. Anche l'aspetto fisico esteriore di noi tutti è ormai compromesso: ognuno ha almeno venti chili di troppo; il problema non è quanto mangiamo, ma quello che mangiamo. L'agricoltura biologica non esiste quasi più, i mercati ortofrutticoli non lavorano, l'inquinamento del suolo è aumentato, tanto da impedire sia l'allevamento che le coltivazioni. Non possiamo fidarci neanche di quello che c'è nel pane: i prodotti chimici hanno preso il sopravvento procurandoci malattie gravissime, come tumori, obesità, dolori articolari e problemi cardiaci. Numerose sono le incomprensioni tra i Paesi per decidere che fonti di energia utilizzare: l'occidente è favorevole a quelle rinnovabili, mentre l'oriente è dell'idea di prendere in considerazione solamente le fonti non rinnovabili; ad aggravare questa tensione c'è anche la scarsità d'acqua. Ognuno di noi è obbligato a portare un idrometro tascabile che segna un limite: se superato, bisogna rimborsare lo stato pagando una multa salata o fare a meno di alcuni privilegi superflui che ormai pochi possono permettersi. I conflitti tra stati per questo importantissimo oro blu sono aumentati a dismisura. Negli ultimi anni la biosociologia è riuscita a ricavare dati importantissimi e complicate relazioni tra fenomeni naturali e fenomeni sociali. Una grandissima e terribile scoperta è stata quella di sapere di avere un'impronta ecologica superiore del 99% delle risorse presenti sulla Terra. Lo smaltimento incontrollato dei rifiuti ha provocato un vertiginoso aumento dell'inquinamento del suolo, delle falde acquifere e dell atmosfera e il buco nell'ozono si è ingrandito a causa di un eccessiva emissione di clorofluorocarburi da parte dei frigoriferi che ora sono diffusi in tutto il mondo. L'aumento di anidride carbonica, che nel passato era regolato dal protocollo di Kyoto, da tempo ormai non più in vigore, ha innalzato la temperatura e ha causato lo scioglimento quasi totale dei ghiacci polari: tante zone costiere sono state sommerse dalle acque e si è attenuato l effetto mitigatore della Corrente del Golfo, provocando la morte di numerose specie viventi. La biodiversità mondiale è diminuita vertiginosamente e il lavoro dei biopirati è raddoppiato. Questa era la situazione nel 2097 e i nostri governanti non si preoccupavano neanche di pensare a come poter migliorare la nostra vita e la loro. E le cose non sono cambiate... Ultimamente ho passato delle pessime giornate: la mia città è quasi deserta e le scuole sono chiuse. Non so se riusciremo ad andare avanti così ancora per molto. Mi dispiace Terra e terrestri, ma se non farete qualcosa al più presto per migliorare la situazione, saremo destinati ad una vita infame, in cui il nostro progresso sarà il nostro regresso, tanto grande da portarci ad un nuovo Big Bang. Vittoria Boschiero 3D

15 Pagina 15 LA SCRITTURA AMATORIALE I siti di scrittura amatoriale sono quei siti in cui, registrandosi, si possono pubblicare scritti d ogni genere, in particolare fanfictions. Che cosa sono le fanfictions? Sono racconti, molto brevi da un minimo di novanta parole oppure anche a capitoli, ispirati ad anime, manga, serie TV, film, fumetti d ogni tipo, libri e anche videogiochi. Storie che prendono spunto dalla trama di queste opere, magari inserendo nuovi personaggi, modificando un avvenimento fondamentale, provando a descrivere momenti che gli autori hanno lasciato alla nostra fantasia. Insomma, tutto è concesso, anche descrivere semplicemente i sentimenti di un determinato personaggio in un determinato momento. Ovviamente in questi siti è concessa la pubblicazione anche di scritti completamente originali, frutto solo dell immaginazione dell utente. Cos ha la scrittura amatoriale di così eccezionale? Tutto. Io sono iscritta ad un paio di questi siti, ma il primo in Italia è sicuramente Efp Fanfiction. E posso dire che è un universo del tutto differente da come lo si possa immaginare. Chiaramente per poterne entrare a far parte si deve avere una certa passione anche solo per la lettura; si può infatti decidere di leggere senza pubblicare nulla. Ma anche così facendo, posso dire che si entra lo stesso in una dimensione nuova. Le storie possono essere commentate da tutti, e molto spesso tra lettori e autori si instaura un legame speciale. L autore risponde alla recensioni, il lettore risponde di nuovo, e così via. Da un semplice commento può nascere un amicizia, ed è un amicizia sincera, qualsiasi cosa si possa pensare. Perché incontri persone che hanno le tue stesse passioni, che ti danno consigli preziosi su cui migliorarti o che magari necessitano del tuo aiuto. Per la maggior parte sono ragazze, ma qualche maschio ogni tanto lo si trova, frugando fra le migliaia e migliaia di storie. Tutti hanno una passione comune, il leggere e lo scrivere, e io sono spesso arrivata a scambiarmi l amicizia su Facebook con molte di queste ragazze. No, non è pericoloso, per quanto lo possa sembrare: detto così dà l impressione che questi utenti spesso provenienti da ogni angolo d Italia possano essere brutte persone, che si fingano amichevoli mentre vogliono ingannarti. Ma se si entra a far parte di questo ambiente, non si può non capire che in realtà quelle non sono persone false, sono ragazzi e ragazze esattamente come noi, non pedofili o che altro. Lo si intuisce dal fatto che scrivono, da come parlano, da cosa ti dicono. Io una di queste ragazze l ho perfino incontrata: abita qui a Padova e siamo uscite un paio di volte a prendere il gelato insieme. Come vedete, ripeto che le amicizie vere possono nascere sul serio in un modo simile. La scrittura amatoriale è un mondo che in un certo senso ti assorbe. Non riesco più ad immaginare la mia vita senza l ansia per le recensioni, senza le lunghe chiacchierate con le mie amiche, senza la gioia di partecipare ad iniziative e concorsi, senza la possibilità di poter parlare di ciò che più mi piace. Scrivere fanfiction e commentarle è diventato quasi un bisogno fisico, qualcosa che mi riempie di gioia. Per provare una cosa simile basta andare su Google, scrivere Efp e dare un occhiata al primo risultato. Semplice, no? Ci si deve ambientare, si deve prendere la mano con le procedure, leggere il regolamento e comportarsi in modo educato, ma a poco a poco ci si immette in questa strana società, imparandone il linguaggio, scoprendone ogni lato. Ma il senso di smarrimento iniziale è ampiamente ripagato, e ciò è quasi sicuro. Virginia Scapolo 3C

16 Pagina 16 Mode giovanili: CELLULARE, CELLULARE Il cellulare tra i ragazzi è ormai sempre più diffuso, sempre più usato non solo da quelli delle medie, ma anche dai bambini delle elementari. L'altro ieri, chiedendo più o meno a venti degli alunni della Pascoli se avevano il cellulare, tutti hanno risposto di sì. Dopo aver fatto alcune ricerche sono riuscito a verificare che il tasso di ragazzi che comprano o si fanno prendere un telefonino è aumentato di un numero spropositato in un solo anno. MA QUESTO OGGETTO CI RENDERA' DIPENDENTI O E' SOLO UNA MODA? Per avere la risposta a questa domanda ho dovuto visitare vari siti di attualità, ma alla fine non ho trovato una vera risposta. Alcuni ricercatori stanno studiando il fenomeno e non hanno ancora tratto delle conclusioni; quindi si possono fare solo delle ipotesi. Certo, da quello che ho visto di persona, il cellulare è una specie di droga giovanile. Per fare un esempio, si potrebbe pensare alla sorella di un mio amico che, in un certo periodo della sua vita, era diventata schiava del cellulare. Quando uscivamo fuori a cena lei si portava il suo telefonino e spediva continuamente messaggi alle sue amiche. Per fortuna, adesso ha superato questa fase ed il cellulare lo usa sempre più di rado. Io vi do un consiglio, ragazzi: per non ridurvi come questa mia amica, per conoscere la gente uscite fuori di casa e, che ne so, fatevi una bella passeggiata con gli amici, ma non barricatevi in stanza per messaggiare! Un artista contemporaneo Luca Piccolella 2C Il 10 novembre noi di IIIC, assieme ai compagni di IIIA e di IIID, siamo andati a visitare la Biennale di Venezia. Fra le opere che abbiamo visto, mi hanno colpito moltissimo i piccioni di Maurizio Cattelan, un artista padovano, oggi tra i più famosi in Italia. Quest opera è composta da ben 2000 piccioni imbalsamati, sparsi in giro per tutta la mostra, che guardano minacciosamente i visitatori dall alto del soffitto. Come ci ha detto la nostra guida, Cattelan ha voluto rappresentare una specie animale odiata da tutti perché sporca le strade e le piazze, per far capire che in realtà questi uccelli sono un simbolo delle nostre città e che senza di loro esse sarebbero più vuote. Inoltre, l artista sembra chiedersi chi siano i veri abitanti: sono i piccioni che hanno invaso il nostro territorio oppure siamo noi ad aver occupato il loro? Io conoscevo già un poco questo artista, perché avevo visto qualche sua altra opera alla Galleria Pinot sulla Punta della Dogana, sempre a Venezia. Una di queste mi aveva inquietato, perché era composta da nove blocchi di marmo stesi per terra e scolpiti come se fossero coperti da lenzuola bianche in modo da sembrare una fila di cadaveri. Un altra mi aveva stupito e divertito: un cavallo senza testa, appeso al muro per il collo, che sembrava aver spiccato un salto ed essersi ficcato proprio là sopra! Insomma Cattelan è uno a cui piace sconvolgere, colpire le persone che guardano le sue installazioni, provocarle, ma anche allo stesso tempo divertirle e far pensare loro: guarda che matto questo qui!. Pensate che una volta si è inventato una sesta biennale ai Caraibi (anche se non ce n era mai stata una prima né ce ne furono dopo) che consisteva in due settimane di vacanza per gli artisti senza che ci fossero opere esposte, così da lasciare di stucco i critici che erano accorsi per l occasione! Oppure a Milano ha appeso a un albero dei bambini finti di cera, ma che sembravano veri e vestiti di tutto punto, in modo che tutte le persone che passavano pensavano che fossero impiccati e prendevano un colpo al cuore. Se siete interessati all arte contemporanea, andate a guardare sul suo sito org/ e rispondete a questa domanda, mettendo una crocetta al posto giusto: Cattelan è: un vero artista un burlone provocatore Agnese Sartor 3C

17 Pagina 17 Sport! CHE SPORTIVA LA 1A! PASSIONE CALCIO! Tre minuti alla fine, io solo con davanti il portiere e la palla ai miei piedi, inizio a correre e allo scadere del tempo segno un gol spettacolare che fa urlare tutta la platea, i miei compagni mi sollevano...ma piano piano tutto diventa opaco e sento la sveglia suonare, si torna alla vita reale : questo è il mio sogno continuo. Tutto è iniziato quando, a cinque anni ho visto mio zio palleggiare quell oggetto rotondo, sembrava che non facesse fatica e che lui e la palla fossero una cosa unica e forse era vero, rimasi fermo e a bocca aperta per lo stupore fino a quando lui mi disse:- Matti,vuoi provare anche tu?- io acconsentii subito pieno di speranza ma appena cercai di colpire la palla persi l equilibrio e caddi a terra, tutti si misero a ridere e dopo un attimo di spavento anch io mi unii a loro nella risata. Da quel giorno continuai ad allenarmi con i miei amici, fino a quattro anni fa quando ho deciso di iscrivermi ad una vera scuola di calcio, la società della Sacra Famiglia. All inizio non conoscevo nessuno e non ero molto bravo ma grazie all aiuto dei miei fantastici compagni di squadra e del mio allenatore che mi hanno accolto, sono migliorato e ora sono io a incoraggiare quelli nuovi. Quando sto per iniziare una partita tutti i miei pensieri si fermano all ingresso dello spogliatoio, non penso più alla scuola, ai compiti, ai miei amici... penso solo a correre verso la palla, a fare gioco di squadra e ogni tanto a fare gol. I miei genitori vengono ad ogni mia partita per incoraggiarmi come hanno sempre fatto sin dall inizio, non mi hanno mai obbligato, né fatto pressioni, non mi hanno mai detto di smettere perché non prendevo la palla o perché non mi facevano giocare, mi hanno sempre sostenuto ed è grazie a loro che non ho mai smesso di provare e riprovare in tutto ciò che non mi riesce. E ora inizia la partita!!! Mattia Mazzucato 1A COMPLIMENTI AI NOSTRI CAMPIONI!! I classificato alle gare nazionali di scherma a Verona cat. Maschietti Sciabola: ALBERTO NIGRI I classificata alle gare nazionali di Scherma e Verona cat. Giovanissime Sciabola: CAMILLA ROCCI

18 Pagina 18 PASSIONE PALLAVOLO La pallavolo è un bellissimo gioco di squadra. Ti dà la possibilità di conoscere molte persone. Ragazze con le quali passi momenti difficili, ma altri indimenticabili. Quando diventi bravo, inizi a fare le partite, senti tensione ed incertezza. Alla fine però non conta se vinci o se perdi, ma come hai giocato e se ti sei divertito. Durante queste partite ogni membro della squadra è lì per darti sostegno, per consigliarti ed aiutarti. La squadra è come una seconda famiglia: c è sempre per te. Ecco le cose belle della pallavolo, uno sport per la quale vale la pena fare dei sacrifici. Carlotta De Stefani 1A Rugby: sport per gentiluomini Tutti immaginano che il rugby sia uno sport in cui i giocatori siano ammassati uno sopra l'altro, ma non è cosi. Il rugby è uno sport in cui ci vuole coraggio, forza fisica e gioco di squadra. Per farvi capire meglio, vi spiegherò tutto dal principio. La leggenda attribuisce a William Webb Elis, uno studente della scuola Rugby (nome della scuola) l'invenzione dell'omonimo gioco: nel 1823, in occasione di una partita di football giocato con regole ancora non standardizzate, Ellis raccolse la palla con le mani ed iniziò a correre verso la linea di fondo campo avversaria. In realtà, tale gesto non era affatto innovativo, ma assolutamente usuale al tempo: i regolamenti erano ufficiosi, cambiavano da scuola a scuola, addirittura di anno in anno all'interno dello stesso istituto e molti modi di giocare a football prevedevano il poter correre con il pallone fra le mani. In ogni caso, più di vent'anni dopo (nel 1845), le regole furono fissate all'interno della Rugby School, per questo il gioco prese il nome ufficiale di Rugby Football. Oramai le partite di rugby internazionali non sono più tanto belle, perché vince sempre la Nuova Zelanda e secondo i miei compagni di squadra dovrebbe essere eliminata dai tornei!!!!! Comunque io consiglio fortemente di praticare questo sport, perché mi ha cambiato molto. Post scriptum: io consiglio questo sport ai calciatori per rinvigorirli un po' perché sono troppo femminucce (spero che dopo aver detto questo nessuno mi urli dietro parolacce!!!!!!) Marco La Raja 2A

19 Pagina 19 UNO SPORT DA PROVARE: IL CALCIO Il Calcio Italiano Sono già sette anni che pratico il calcio, uno sport molto bello ed entusiasmante. E uno sport che ti dà lezioni di vita, perché ti insegna a stare in gruppo, dove nessuno è più forte degli altri e dove conta appunto il collettivo. Gioco da alcuni anni con la Nativitas, squadra della categoria esordienti della parrocchia omonima e sono un forte centrocampista destro. Sono il più veloce della squadra e mi piace molto correre lungo le fasce laterali del campo. In questo nuovo campionato, su due partite disputate, ho già segnato un gol. Quando riesci a tirare la palla in rete, dentro di te, si apre una gioia immensa. E una attività per la quale necessita un notevole sforzo fisico da parte dell atleta. Gli allenamenti sono molto difficili perché durano due ore e mezzo e si deve correre per riscaldamento per oltre trenta minuti prima di poter toccare la palla. I miei compagni sono simpatici e scherzosi. Io amo questo sport e spero di poter continuare così, impegnandomi e continuando a vivere questa esperienza di gruppo formativa ed al tempo stesso divertente. Giorgio Belloni 1B Cari lettori del Pascoliamo, oggi voglio parlarvi di un argomento che mi sta particolarmente a cuore: il calcio. Il campionato italiano è iniziato da poco, ma ogni tifoso si fa una domanda: chi vincerà?. Naturalmente anch'io mi sono posto questa domanda premettendo che le principali candidate allo scudetto sono: l'inter, che negli ultimi anni ha giocato benissimo vincendo tanti titoli; la Juventus, che dopo tre anni di crisi ha voglia di riscattarsi, ha costruito un nuovo impianto e il suo mercato estivo è stato il più fruttuoso; la Lazio che si è rafforzata molto, comprando un bomber che faceva al caso suo e che sta già strabiliando tutti: Miroslav Klose; il Milan, campione in carica è alla ricerca del secondo scudetto consecutivo; il Napoli, che già l'anno scorso aveva giocato bene e si è potenziato ulteriormente; la Roma che ha preso dei buoni giocatori e un bravo allenatore; infine c'è l'udinese che avendo venduto uno dei suoi attaccanti migliori si è leggermente indebolita. Tra le squadre che ho nominato io vedo molto come vincitrici due squadre che mi convincono più delle altre: la Juventus e il Napoli. E non perché hanno i giocatori migliori, ma convincono nel loro gioco e se uno le osserva giocare nota cos'è cambiato in quelle squadre. Inoltre le altre candidate non mi convincono per vari motivi: il Milan punterà di più alla Champions League e inoltre ha avuto la sfortuna di essersi ritrovato senza un punto di riferimento molto grande e che ultimamente stava dando il massimo per la squadra: Antonio Cassano. L'Inter non sembra forte come gli altri anni e giocatori fortissimi stanno deludendo. La Lazio se ha tutti i giocatori in giornata buona vince se no non riesce a fare il suo gioco. Per la Roma vale lo stesso motivo dell'inter e l'udinese è meno forte fisicamente e tatticamente rispetto alle squadre già elencate. Juventus e Napoli hanno giocatori forti, producono un buon gioco, ha degli allenatori ideali per la loro situazione e quando hanno le occasioni per segnare o vincere le sfruttano meglio di altre squadre. Questi ragionamenti potrebbero essere compresi e approvati, ma anche contestati e criticati; io ci ho riflettuto e mi sembrano giusti. Pietro Maccarini 2 B

20 Pagina 20 Come si frequenta la scuola Bryant Arida e Jacopo Rubin 1A

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli