creativitoria 100% MADE IN ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 caosfera creativitoria 100% MADE IN ITALY

2 Sergio Bovero La breve estate di Giovanna Riflessioni Sergio Bovero La breve estate di Giovanna ISBN copyright 2013 Caosfera Edizioni soluzioni grafiche e realizzazione

3 DEDICATO AD OL GA Ognuno di noi si costruisce ed ha bisogno di costruirsi un mondo diverso da quello in cui vive J. Joubert 5

4 PREFAZIONE Questa è la storia, la tragica storia, di una donna di Langa, non ancora ventenne, che si suicidò per rimanere fedele e coerente a quello in cui credeva, al suo essere una donna libera. Un fatto tragico accaduto tempo fa di cui si era persa memoria. Avvenne fra i vigneti più belli della terra, una fabbrica di computer americana e le stupende donne di Langa che sanno portare avanti una vigna e costruire un computer. Ebbi, tanto tempo fa, il grande privilegio di trascorrere un po di tempo con Cesare Pavese in una bettola di Corso Francia, a Torino. Diceva, scuro in volto, che scrivere non serve a nulla, ma si scrive. Invece no, Queste righe vogliono essere un ricordo per me, ormai ottantenne, e per i mie due lettori che sono stati la mia resurrezione dopo il tremendo ictus che mi colpì, gettandomi su una sedia a rotelle, abbandonato e solo, in un limbo. Molti pensavano ad un prossimo cadavere, specie i miei figli, che fecero terra bruciata intorno a me. 7

5 Un giorno fuggii senza sapere dove andare e come vivere. Mia madre, non più su questa terra, ma vivissima in me, mi mandò una splendida sconosciuta calabrese che mi ospitò ed ebbe cura di me, e rinacque una speranza. Un giorno mi urlò: «Prendilo vecchiaccio, vorrò vederti ad usarlo.» Era un computer. Queste righe sono dedicate al suo gran cuore, alla vivissima intelligenza, all accogliente bontà ed a Silvano, un amico, un grande amico che con professionalità, pazienza, disponibilità, mi insegnò a mettere cervello e mani sul computer. E mi salvai. Ad Ol ga, a Silvano, queste righe sono per loro, e per me. S.B. INTRODUZIONE L autore, Sergio Bovero, è nato Torino il 19 ottobre Dopo pochi anni la famiglia si trasferì a Bra (prov. di Cuneo) che divenne la città della sua vita e dove si sposò. Il mare, la letteratura, le donne che amò determinarono il suo carattere, chiuso e solitario. La conoscenza fu sempre causa delle sue scelte di vita. Adolescente incontrò, per caso, Cesare Pavese all Osteria dei Francesi sulla collina Torinese. Questo incontro fu determinante ed il poeta piemontese divenne il suo vate per tutta la vita. Conseguì la maturità al liceo nautico S. Giorgio di Genova, per poi entrare all Accademia Navale di Livorno ed uscirne Guardiamarina. Il suo sogno primario era però navigare. Lasciò la marina militare per imbarcarsi sulle petroliere, le sue navi preferite, dove passò gran parte della sua vita marinaresca. Nel 1969 sua moglie si ammalò e vi erano due figli, fu costretto a lasciare il mare e trovarsi un altro lavoro a terra. Fu assunto come consulente ed aiuto all a.d. 8 9

6 dalla famiglia Marocco, di casa dagli Agnelli (patron della Fiat), che avevano sul mercato tre stabilimenti metalmeccanici. A libro paga era impiegato di settimo livello super (per conservare la tutela sindacale), ma con stipendio da dirigente e due impiegate bilingue, lavorando frequentò l Università di Torino, la scuola superiore di finanza ed amministrazione aziendale e marketing. Nel 1971 le aziende dei Marocco furono acquisite dalla multinazionale di Cleveland (Ohio), Eaton. Iniziò una feroce ristrutturazione, specialmente nei quadri dirigenti. Al sig. Bovero fu tolto ogni potere e liquidato con «Lei, Dott. Bovero, non servire più, domani non venire.» Iniziò il periodo che lo trovò solitario e non compreso neanche dalla famiglia. Fu messo a fare fotocopie e gestire una piccola cassa! Tagliato lo stipendio (48%), insieme all eliminazione di altri benefit finanziari. Il richiamo del suicidio fu sempre più grande e ci sarebbe stato se non entrò nella sua vita la giovane operaia contadina Giovanna che con il suo amore fece nascere in Sergio un altra speranza. Il padre di Giovanna si rovinò al gioco d azzardo. Perse tutto. Il creditore voleva Giovanna ed avrebbe cancellato il debito di gioco pari a 85 milioni. Per Giovanna non vi fu scelta e si suicidò incinta. Ogni anno il 30 aprile Sergio andava a Mosca alla parata del primo maggio. Vide tutti i segretari del P.C.U. da Stalin a Gorbaciov. Fu in uno di quei viaggi in C.C.C.P che conobbe la colta ed affascinante Ol ga Kustinova, figlia di un colonnello dell Armata Rossa che divenne, per oltre dieci anni, la sua amante. Il più grande amore della sua vita. Ol ga seguì il padre in Afghanistan. Presa prigioniera il 6 settembre 2001 fu uccisa dai talebani, l undici settembre saltarono in aria le Torri Gemelle a New York. Nel 1986 Sergio andò in pensione e divorziò dalla moglie. Nel 2006 un ictus lo ruppe e sfarinò, non solo la sua famiglia, ma anche i ricordi racchiusi in tre valigie scomparse dove vi era tutto il suo passato. Nel 2008 un amico gli portò un computer e per sentirsi vivo decise di scrivere. Dal 2008 scrisse una decina di libri. E continuerà. Sino alla fine. Ora vive in Sanfrè

7 1. In un tempo ormai remoto Marco T., nonno di Giovanna, ebbe l occasione di acquistare dal conte di Bra la collina alta e scura di gerbido che si ergeva dietro la cascina dove Marco e la sua famiglia vivevano da sempre. Un tempo fruttava poi, morto il contadino che ne aveva cura, lavori non ne furono più fatti ed il gerbido la fece da padrone. Il conte un tempo aveva dei beni al sole, soldi. Ultimo rampollo di una nobile casata aristocratica che aveva sfruttato terra e contadini senza pietà, accumulato terre nella pianura e diverse cascine da cento animali. Le stalle facevano da salvadanaio più che dare un reddito vero. Avevano case in Bra ed un intero quartiere di alloggi popolari in via Po, a Torino, abitati in gran parte da operai della Fiat e della Lancia. Si trattava quasi sempre di due stanze senza riscaldamento, per questo vi erano le stufe a carbone. Le due stanze venivano tramezzate facendo uscire quattro locali, un po piccoli ma adatte alle tasche degli inquilini. Non vi era bagno, solo un cesso alla turca ed un lavandino di pietra fuori, che venivano usati da cinque famiglie. Alloggi di ringhiera venivano chiamati. Erano destinati alla gente di basso reddito, gli operai quindi. A fine mese un omino nero, con i peli nello stomaco, passava e riscuotere la pigione, troppo esosa per i magri salari degli inquilini. All omino nero andava una piccola provvigione. Non erano consentite, per nessun motivo, dilazioni o saltare una mensilità, subito iniziavano le procedure di sfratto per morosità con pignoramento. Il conte non aveva mai lavorato, né studiato come avevano fatto i figli delle famiglie del suo ceto, né conseguito una laurea ed avviato la professione di notaio, avvocato. Maleducato e arrogante, batteva i salotti alti esclusivamente frequentati dalla borghesia ricca. dagli aristocratici, dalla gente che conta. Al bar di Converso, quello delle famose caramelle alla genziana, la domenica, per l aperitivo, dopo la messa dei signori alle undici, alto, magro, si presentava vestito di scuro con gilet bianco a quadretti, camicia fresca di stiro, colletto duro d amido, cravatta nera a farfalla a pois bianchi. Durante la settimana vestiva da cacciatore: stivali rigidi sino al ginocchio, giacca di stoffa pesante giallo scuro, cappello da alpino con una grande penna di fagiano maschio molto colorata

8 Le sue passioni erano le donne, per le quali viveva e spendeva patrimoni, e la caccia. Girava sempre con un bocchino lungo ricavato da un osso di lepre, e fumava sigarette fini, le serraglio, che mandavano un penetrante profumo di violette selvatiche e di buon tabacco. Il profumo si perdeva leggero ed azzurro nell aria. Durante la settimana, quando la caccia era chiusa, al mattino si recava, sul presto, era mattiniero, al bar di Lino dove l aspettava un grigio verde (menta e grappa) ed il solito: «Signor Conte come va?» «Bisogna accontentarsi.» Rispondeva senza convinzione, perché lui non si accontentava mai. Andava a sedersi al solito posto da dove poteva vedere la solita gente passare per via Cavour. Molti lo salutavano, i più anziani si toglievano il cappello per un rispetto dovuto al rampollo di una nobile casata in via di estinzione che aveva dato molti militari di alto rango fedelissimi a casa Savoia, un cardinale (che pensava di essere fatto papa, ma non lo fu), prelati in Vaticano vicini al Soglio, studiosi e altri personaggi che non mancavano mai ai ricevimenti dei Savoia. I suoi genitori erano morti ancora giovani e lui si era ritrovato solo. La servitù, molta, provvedeva ad ogni suo bisogno quotidiano ed a mandare avanti la grande casa. Un ragioniere, ereditato dal padre, si occupava dei conti, di gestire i mezzadri ed i beni. Suo padre diceva che nella vita bisognava avere sempre un prete, un bravo dottore ed un dotto ragioniere. Dei primi due ne aveva fatto a meno. Del ragioniere no. Ogni mese il ragioniere lo andava a trovare con un bel mazzetto di banconote, ed ogni sei il resoconto patrimoniale, che però andava calando. Il ragioniere, per provvedere alle spese folli del conte, era costretto a vendere. Il rampollo non si era sposato, pigro com era non voleva avere grattacapi. I figli: mostriciattoli, Esattori implacabili di sacrifici soleva dire citando Socrate. No grazie, preferisco la caccia. Si diceva che avesse una mantenuta a Torino, di quelle toste, assatanata, che si piegava a qualunque suo desiderio e capriccio sessuale e non aveva scrupoli a qualsiasi perversione, costava moltissimo e lo tradiva. Ogni giovedì (eccetto nel periodo della caccia) prendeva il treno da Bra, in prima classe, portava una piccola valigia per il ricambio intimo e due camicie fresche di stiro, un braccialetto o un anello. Rimaneva sino alla domenica. Aveva pensato di trasferirsi a Torino, ma il solo pensiero del trasloco lo gettava in depressione. Nella grande casa dei suoi antenati vi erano tutte le comodità a cui era abituato da quando era nato. Non si sarebbe mosso. Rimaneva sino alla domenica sera, poi prendeva l ultimo treno per Bra, a mezzanotte. Lei, dalla domenica al giovedì, non usciva dal lussuoso appartamento che le aveva intestato il conte, arredato con mobili d antiquariato e tappezzeria fine

9 Aveva una macchina di lusso, una Bugatti di pregio, e l autista in divisa la portava in giro per Torino, dalle sue amiche, a fare compere, e la serviva anche come portiere e uomo di fatica. L appartamento si trovava nel centro di Torino, alla Crocetta, quartiere esclusivo della borghesia ricca e dell aristocrazia torinese. Nei giorni torinesi tutto lo scibile della lussuria veniva vissuto, appagato sino all esaurimento fisico e psichico. A volte veniva una prostituta di alto rango e facevano una cosa a tre sino all alba. Si diceva che quella madama fosse bionda, alta, molto bella e sempre elegantissima. Veniva da un antica casata torinese, ora decaduta. Si serviva da sarte famose (le fatture le saldava il conte). Frequentava solo la gente che contava, gente ricca, blasonata, industriali che gravitavano attorno alla Fiat. all alto clero. Molto corteggiata e ricercata, concedeva i suoi favori, la sua arte e le sue notti, nonostante il conte di Bra, per cifre favolose. Oltre all autista aveva una cuoca e due serve che si occupavano di lei e della casa, tutto a spese del conte di Bra che quando ritornava a casa con l ultimo treno, lasciava sul trumò del salotto una busta con un assegno a sette cifre ed una rosa rossa. Sempre una rosa rossa. Un giorno, di prima mattina, il direttore della Cassa di Risparmio telefonò. Era fuori per una grossa cifra e solo per riguardo al suo nome (la sua famiglia da tempo immemorabile era fra i più redditizi clienti) aveva tenuto nel cassetto un grosso assegno a sette cifre che non poteva essere coperto. Il tono non era per nulla cordiale, mai successo, ma piuttosto freddo e professionale. Avrebbe atteso, a breve, sue notizie. Ora il conte doveva agire, era suo dovere, ma cosa fare? Innanzitutto non emettere assegni. Non avrebbe potuto onorarli. Ma come poteva coprire la vergogna del protesto? Aveva compiuto sessant anni ed attorno a lui molte cose si stavano sfarinando. Il primo a morire era stato il pene, non aveva più erezioni e le sue prestazioni sessuali erano deludenti e lo umiliavano. La madama di Torino diceva con malevolenza che lei era giovane e l amore lo voleva godere ancora per molti anni. «Vai dal dottore, fai qualcosa.» Gli disse dopo una notte passata in bianco durante la quale a nulla erano valse l arte e la paziente disponibilità di lei. Cadde in una profonda prostrazione, si sentì finito, annientato, tristi pensieri lo tormentavano. Il suo mondo stava per crollare, inesorabilmente. Qualcosa di irreparabile stava per accadere. Nella casa di Bra la silenziosa e preziosa Rina lo stava aspettando. Gli faceva da serva da quando aveva 16 17

10 quindici anni. Rina aveva cura della casa, dal vitto alle pulizie. Era feroce con le donne che prendeva a servizio a ore. A volte si infilava sotto le coperte per godere il conte. Poi tornava nella sua cameretta da serva perché il conte voleva dormire solo anche per i cattivi odori che emanava durante la notte. La madama di Torino, più accorta, si profumava prima di entrare sotto le coperte. Due gocce di Chanel n 5, quello di Marilyn Monroe. La telefonata del direttore lo aveva gettato in una profonda depressione che si volse in disperazione. Disse a Rina che non avrebbe cenato. Stanco, con un forte mal di testa, sarebbe andato a letto presto. Ma non dormì, progetti folli e quindi non praticabili: emigrare, vendere quel poco che era rimasto e sparire. Ma dove? Era tutto così complicato, la notte poi ingigantiva ogni cosa, aveva incubi terribili. Le forze lo abbandonavano, sia quelle fisiche che psichiche. L idea di mettere fine ai propri giorni divenne un ossessione ed anche l unica soluzione che gli era rimasta. L unica che potesse ancora mettere in atto. Era giunto al capolinea e doveva scendere. Pensò a suo padre, impiccatosi per aver messo incinta una serva minorenne che aveva poi parlato. Lo scandalo era stato grande. Giunse l alba, poi il mattino. All ora giusta telefonò al ragioniere che da sempre curava gli interessi della sua famiglia, voleva un incontro urgente perché la situazione era grave. Il ragioniere lo avrebbe aspettato alle quattordici e trenta, puntuale. Le parole del ragioniere erano rassicuranti, almeno dal tono gentile, e poi sapeva il fatto suo e una soluzione l avrebbe trovata. Un grosso patrimonio, o almeno lo era un tempo, accumulato in secoli dalla sua famiglia cui però suo padre aveva dato un colpo e che ora forse dissolto. Non mangiò. Prese una bottiglia di Barolo d annata e se ne versò un bicchiere colmo. Si sentì meglio ed il magone se ne andò lasciando nascere qualche speranza. La vita di sempre. Sarebbe andato dall andrologo per il pene inservibile nella sua primaria e nobile funzione. All ora stabilita il ragioniere si chiuse con lui nello studio, licenziò la segretaria e le disse di disdire tutti gli appuntamenti. Nessuna telefonata salvo la banca, quella si doveva sempre sentire. Come sua abitudine venne subito al cuore dell argomento. In primis bisognava coprire entro il giorno successivo lo scoperto sul c/c. Sistemare l assegno prima che andasse in protesto. Bisognava procedere subito ad un inventario rigoroso, vedere il capitale netto, il passivo e l attivo. Doveva entrare nell idea di vendere tutto, come risultava dall esposizione patrimoniale molto dettagliata. «Tutti i beni sono ipotecati dalla banca.» Ripeté il ragioniere, ed il conto perdite e profitti era appena 18 19

11 sufficiente a coprire gli interessi passivi. Bisognava chiudere con la madama di Torino, liquidarla e vendere l appartamento. Licenziare il personale e collocare la Bugatti, assolutamente non emettere assegni, ricorrere a prestiti con finanziarie e strozzini. Sarebbe andato l indomani mattina in banca a parlare con il direttore. C era da aspettarsi il peggio. È la bancarotta, Sig. Conte.» Disse il ragioniere. «Spero comprenda la gravità della situazione.» Vi era una cascina, anch essa ipotecata, in contrada delle vigne a Cherasco. Un gioiello, la sua preferita sia per l esposizione che per i frutti ed il reddito, e soprattutto per la famiglia di mezzadri che vi abitava da quattro generazioni. Sua madre da bambino, in fasce, lo aveva messo a balia e lo aveva lasciato anche dopo la prima infanzia. Gente semplice, buona, gran lavoratori, sapevano condurre e fare con maestria ogni cosa. Conoscevano i mestieri, se li tramandavano di padre in figlio. In primavera era uno spettacolo, un caleidoscopio di splendidi fiori esplosi al sole. Il conte si era affezionato a quella donna dal gran seno che molte volte era morbido e profumato cuscino per i suoi innocenti sonni e la chiamava mamma. Quando era morta ne aveva sofferto molto, di tanto in tanto andava alla modesta tomba al cimitero. Portava fiori di campo, puliva la pietra tombale dalle foglie, baciava la piccola foto che la ritraeva felice, bella e forte in un campo di grano appena mietuto. Pareva lo guardasse e sorridesse, il conte rimaneva un po a parlarle, a dirle che stava bene, che gli mancava tanto. Lei continuava a sorridere. Le dava un bacio e, triste, prendeva il vialetto che portava sullo stradone. Il ragioniere pensò a quella collina a gerbido, l unica libera da ipoteche, ma molto difficile da piazzare, troppe spese mettere a dimora alberi da frutto, i vitigni, poi la servitù dei Testa. Bisognava passare attraverso i loro beni. Gli unici cui poteva interessare erano soltanto loro, la cui cascina confinava con la collina. Doveva però scendere nel prezzo perché di quei soldi aveva urgente bisogno. Il conte percepì che tutto si stava complicando, il suo mondo crollava, un mondo bello nel quale aveva vissuto felice per tanti anni senza pensieri ed aveva goduto a piene mani di tutto quello che offriva ed era stato tanto. Non vedeva vie d uscita da quella rovina, andare in un isola lontana dove splendeva sempre il sole, vivere i suoi ultimi anni lontano da tutti, dalla madama di Torino, dalla banca. Voleva vivere come una rosa, vivere per essere una rosa, ma l isola non c era, non c era più nulla. Era venuto il tempo dell ultimo trasloco, avrebbe cancellato le angosce ed i pensieri che lo tormentavano e che lo facevano così tanto soffrire. Nulla era più come prima. Bisognava vendere ogni cosa, pagare la banca, i creditori, il gioielliere di Bra. Si era accorto che il ragioniere taroccava i conti e parecchi soldi erano finiti nelle sue tasche, ma che poteva fare? Solo prenderne atto, pover uomo! 20 21

12 Non aveva né arte né parte. Il miglior cacciatore della zona, grande amatore, un tempo diceva di essere uno stallone, buongustaio, sapeva tutto sulle annate del Barolo che custodiva in una cantina a parete ben sistemate secondo le annate, pulitissima, una reggia come si conveniva ad un re come il Barolo, il suo vanto, il suo prezioso gioiello. Rosso rubino, regale, austero, che nasce dal vitigno del Nebbiolo che frutta tardi (nelle nebbie autunnali di La Morra, Verduno, Barolo) e con l invecchiamento, cinque anni circa, tende al granato con riflessi aranciati ed il suo profumo caratteristico odora di rose appassite. Tutte bottiglie di gran valore destinate ai blasonati. Una volta aveva inviato una pregiatissima cassa da ventiquattro bottiglie ai Savoia di passaggio nella tenuta regale di Pollenzo. Un mondo felice, gente ricca ed arrogante, che con spensieratezza si godeva la bella vita che il destino aveva loro riservato. Il conte di Bra era tenuto un po in disparte per via della sua nobiltà un po recente, ma soprattutto per lo scandalo di suo padre che si era appeso al trave dopo aver messo incinta la servetta minorenne, cosa non tanto grave, cose che si fanno, specie fra quella gente, ma che nessuno deve sapere. Infatti non era mai stato invitato ai ricevimenti che i Savoia davano di tanto in tanto quando passavano da Pollenzo. Ora tutto quel mondo colava fra le mani. Vecchio, povero, incapace di un qualsiasi lavoro o impegno che potesse portare un reddito anche piccolo, ma che gli permettesse di sopravvivere. Si sentì perso, smarrito, si vedeva in un deserto, saliva un erta collina e rinascevano speranze folli, ma raggiunta la cima, ovunque guardasse, era tutto coperto da altre simili colline deserte, perse sino all orizzonte sotto un sole rovente. Tutta la sua vita si sciorinava in un impietoso scenario. Il cappio ben insaponato perché non facesse scherzi, salì sulla scala dopo aver bevuto due grossi bicchieri di Barolo, il migliore. Passò la testa nel foro. Sentì il ruvido della corda sul collo. Fu l ultima sensazione terrena. Un calcio alla scaletta che scivolò via ed il conte penzolò come suo padre con le ossa cervicali rotte. Gli occhi uscirono dalle orbite e si spensero, la lingua nerastra penzolò fuori dalla bocca coperta da una bava giallastra schiumosa. Mandò un rantolo e fu il suo addio al mondo. Urinò, e sotto di lui una larga chiazza bagnò il pavimento. La gamba destra si allungò in avanti come per cercare un appiglio, poi tutto il corpo cadde e si distese. Il conte senza vita penzolava dal trave. Come suo padre. Solo, sbattendo la porta alla banca, alla madama, al ragioniere, alla povertà, al bel mondo, alla bella vita. Rina chiamò il ragioniere: «Venga subito.» E i carabinieri. Venne il medico legale con il sostituto procuratore della Repubblica

13 Tutto fu fatto secondo le procedure del caso, in breve tempo Rina prosciugò il libretto alla posta dove metteva i soldi che venivano dalla cresta che faceva sulle spese di casa. Sempre poche lire perché il conte, con lei, era tirchio e taccagno. Tanto tempo prima la donna aveva letto su un giornale un detto del Macchiavelli il molto poco sovente fa il molto le era piaciuto e lo aveva adottato. Ora restituiva tutto al conte che mai le aveva dato un regolare mensile se non una modesta somma a Natale ed al suo compleanno. Provvide a metterlo nella tomba di famiglia, un funerale modesto. Il giorno dopo, sul far della sera, giaceva accanto a suo padre e a quelli del suo casato che lo avevano preceduto. Passò poco tempo e nessuno ne parlò più neanche al bar di Converso, quello delle famose caramelle alla genziana e dei signori. Rina aveva provveduto ai rosari, alla trigesima, alle settembrine azzurre colte ai bordi dello stradone che mise nel vasetto dell acqua sotto la fotografia del conte con il cappello da alpino con gran piuma dai vivaci colori di fagiano maschio, il lungo bocchino di zampa di lepre, la sigaretta serraglio che sapeva di violette selvatiche. Rina a quell uomo, che segretamente amava, aveva dedicato fedelmente e silenziosamente la sua povera esistenza, gli aveva fatto da serva, amante, senza mai chiedere nulla e non aveva più una lira. Il parroco la sistemò all ospizio dei poveri e silenziosamente come aveva vissuto, sola, l anno dopo, morì. L autunno si era inoltrato innanzi tempo portando ai boschi gli abiti da indossare: il rosso bruciato, il giallo ed il marrone delle foglie cadute. Al mattino successivo il ragioniere si portò a casa di Marco. Quando lo vide questi pensò che dovessero esserci novità. Il ragioniere non era venuto sin li per una visita. Come tutti quelli che non avevano studiato Marco si teneva sempre sulle sue, ascoltava molto e parlava solo a proposito. Sinora il ragioniere si era comportato correttamente ed onestamente per gli affari che erano intercorsi fra loro. Dopo i soliti convenevoli, il contabile incominciò: «Il conte si è impiccato l altra sera come suo padre. Domani si faranno i funerali. Non aveva più un soldo e tantomeno credito, tutte le sue terre, le cascine, tutti i suoi beni al sole, uno dopo l altro ipotecati dalle banche. Non aveva arte, mai lavorato, svolto un impiego che gli assicurasse un reddito. Donne, bella vita, caccia, viaggi all estero. Soprattutto una mantenuta a Torino di alto ceto, la rovina. Quel poco che resta andrà alle banche, rapaci come sono. Bertolt Brecht diceva che è più criminale fondare e gestite una banca che rapinarla. Vecchio, probabilmente malato, non poteva condurre la vita di prima. Neanche a pensarci. Non ne aveva i mezzi, nemmeno la salute. Non disponeva di due camere dove trovar rifugio ed aspettare la fine. Solo la Rina, che era a casa sua da quando aveva quindici anni, non l avrebbe abbandonato. Non aveva reddito, neanche una pur minima pensione

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Story of Hann. I racconti della serie incubo

Story of Hann. I racconti della serie incubo Story of Hann I racconti della serie incubo Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Robert Donovan Carro STORY OF HANN I

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli