creativitoria 100% MADE IN ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY"

Transcript

1 caosfera creativitoria 100% MADE IN ITALY

2 Sergio Bovero La breve estate di Giovanna Riflessioni Sergio Bovero La breve estate di Giovanna ISBN copyright 2013 Caosfera Edizioni soluzioni grafiche e realizzazione

3 DEDICATO AD OL GA Ognuno di noi si costruisce ed ha bisogno di costruirsi un mondo diverso da quello in cui vive J. Joubert 5

4 PREFAZIONE Questa è la storia, la tragica storia, di una donna di Langa, non ancora ventenne, che si suicidò per rimanere fedele e coerente a quello in cui credeva, al suo essere una donna libera. Un fatto tragico accaduto tempo fa di cui si era persa memoria. Avvenne fra i vigneti più belli della terra, una fabbrica di computer americana e le stupende donne di Langa che sanno portare avanti una vigna e costruire un computer. Ebbi, tanto tempo fa, il grande privilegio di trascorrere un po di tempo con Cesare Pavese in una bettola di Corso Francia, a Torino. Diceva, scuro in volto, che scrivere non serve a nulla, ma si scrive. Invece no, Queste righe vogliono essere un ricordo per me, ormai ottantenne, e per i mie due lettori che sono stati la mia resurrezione dopo il tremendo ictus che mi colpì, gettandomi su una sedia a rotelle, abbandonato e solo, in un limbo. Molti pensavano ad un prossimo cadavere, specie i miei figli, che fecero terra bruciata intorno a me. 7

5 Un giorno fuggii senza sapere dove andare e come vivere. Mia madre, non più su questa terra, ma vivissima in me, mi mandò una splendida sconosciuta calabrese che mi ospitò ed ebbe cura di me, e rinacque una speranza. Un giorno mi urlò: «Prendilo vecchiaccio, vorrò vederti ad usarlo.» Era un computer. Queste righe sono dedicate al suo gran cuore, alla vivissima intelligenza, all accogliente bontà ed a Silvano, un amico, un grande amico che con professionalità, pazienza, disponibilità, mi insegnò a mettere cervello e mani sul computer. E mi salvai. Ad Ol ga, a Silvano, queste righe sono per loro, e per me. S.B. INTRODUZIONE L autore, Sergio Bovero, è nato Torino il 19 ottobre Dopo pochi anni la famiglia si trasferì a Bra (prov. di Cuneo) che divenne la città della sua vita e dove si sposò. Il mare, la letteratura, le donne che amò determinarono il suo carattere, chiuso e solitario. La conoscenza fu sempre causa delle sue scelte di vita. Adolescente incontrò, per caso, Cesare Pavese all Osteria dei Francesi sulla collina Torinese. Questo incontro fu determinante ed il poeta piemontese divenne il suo vate per tutta la vita. Conseguì la maturità al liceo nautico S. Giorgio di Genova, per poi entrare all Accademia Navale di Livorno ed uscirne Guardiamarina. Il suo sogno primario era però navigare. Lasciò la marina militare per imbarcarsi sulle petroliere, le sue navi preferite, dove passò gran parte della sua vita marinaresca. Nel 1969 sua moglie si ammalò e vi erano due figli, fu costretto a lasciare il mare e trovarsi un altro lavoro a terra. Fu assunto come consulente ed aiuto all a.d. 8 9

6 dalla famiglia Marocco, di casa dagli Agnelli (patron della Fiat), che avevano sul mercato tre stabilimenti metalmeccanici. A libro paga era impiegato di settimo livello super (per conservare la tutela sindacale), ma con stipendio da dirigente e due impiegate bilingue, lavorando frequentò l Università di Torino, la scuola superiore di finanza ed amministrazione aziendale e marketing. Nel 1971 le aziende dei Marocco furono acquisite dalla multinazionale di Cleveland (Ohio), Eaton. Iniziò una feroce ristrutturazione, specialmente nei quadri dirigenti. Al sig. Bovero fu tolto ogni potere e liquidato con «Lei, Dott. Bovero, non servire più, domani non venire.» Iniziò il periodo che lo trovò solitario e non compreso neanche dalla famiglia. Fu messo a fare fotocopie e gestire una piccola cassa! Tagliato lo stipendio (48%), insieme all eliminazione di altri benefit finanziari. Il richiamo del suicidio fu sempre più grande e ci sarebbe stato se non entrò nella sua vita la giovane operaia contadina Giovanna che con il suo amore fece nascere in Sergio un altra speranza. Il padre di Giovanna si rovinò al gioco d azzardo. Perse tutto. Il creditore voleva Giovanna ed avrebbe cancellato il debito di gioco pari a 85 milioni. Per Giovanna non vi fu scelta e si suicidò incinta. Ogni anno il 30 aprile Sergio andava a Mosca alla parata del primo maggio. Vide tutti i segretari del P.C.U. da Stalin a Gorbaciov. Fu in uno di quei viaggi in C.C.C.P che conobbe la colta ed affascinante Ol ga Kustinova, figlia di un colonnello dell Armata Rossa che divenne, per oltre dieci anni, la sua amante. Il più grande amore della sua vita. Ol ga seguì il padre in Afghanistan. Presa prigioniera il 6 settembre 2001 fu uccisa dai talebani, l undici settembre saltarono in aria le Torri Gemelle a New York. Nel 1986 Sergio andò in pensione e divorziò dalla moglie. Nel 2006 un ictus lo ruppe e sfarinò, non solo la sua famiglia, ma anche i ricordi racchiusi in tre valigie scomparse dove vi era tutto il suo passato. Nel 2008 un amico gli portò un computer e per sentirsi vivo decise di scrivere. Dal 2008 scrisse una decina di libri. E continuerà. Sino alla fine. Ora vive in Sanfrè

7 1. In un tempo ormai remoto Marco T., nonno di Giovanna, ebbe l occasione di acquistare dal conte di Bra la collina alta e scura di gerbido che si ergeva dietro la cascina dove Marco e la sua famiglia vivevano da sempre. Un tempo fruttava poi, morto il contadino che ne aveva cura, lavori non ne furono più fatti ed il gerbido la fece da padrone. Il conte un tempo aveva dei beni al sole, soldi. Ultimo rampollo di una nobile casata aristocratica che aveva sfruttato terra e contadini senza pietà, accumulato terre nella pianura e diverse cascine da cento animali. Le stalle facevano da salvadanaio più che dare un reddito vero. Avevano case in Bra ed un intero quartiere di alloggi popolari in via Po, a Torino, abitati in gran parte da operai della Fiat e della Lancia. Si trattava quasi sempre di due stanze senza riscaldamento, per questo vi erano le stufe a carbone. Le due stanze venivano tramezzate facendo uscire quattro locali, un po piccoli ma adatte alle tasche degli inquilini. Non vi era bagno, solo un cesso alla turca ed un lavandino di pietra fuori, che venivano usati da cinque famiglie. Alloggi di ringhiera venivano chiamati. Erano destinati alla gente di basso reddito, gli operai quindi. A fine mese un omino nero, con i peli nello stomaco, passava e riscuotere la pigione, troppo esosa per i magri salari degli inquilini. All omino nero andava una piccola provvigione. Non erano consentite, per nessun motivo, dilazioni o saltare una mensilità, subito iniziavano le procedure di sfratto per morosità con pignoramento. Il conte non aveva mai lavorato, né studiato come avevano fatto i figli delle famiglie del suo ceto, né conseguito una laurea ed avviato la professione di notaio, avvocato. Maleducato e arrogante, batteva i salotti alti esclusivamente frequentati dalla borghesia ricca. dagli aristocratici, dalla gente che conta. Al bar di Converso, quello delle famose caramelle alla genziana, la domenica, per l aperitivo, dopo la messa dei signori alle undici, alto, magro, si presentava vestito di scuro con gilet bianco a quadretti, camicia fresca di stiro, colletto duro d amido, cravatta nera a farfalla a pois bianchi. Durante la settimana vestiva da cacciatore: stivali rigidi sino al ginocchio, giacca di stoffa pesante giallo scuro, cappello da alpino con una grande penna di fagiano maschio molto colorata

8 Le sue passioni erano le donne, per le quali viveva e spendeva patrimoni, e la caccia. Girava sempre con un bocchino lungo ricavato da un osso di lepre, e fumava sigarette fini, le serraglio, che mandavano un penetrante profumo di violette selvatiche e di buon tabacco. Il profumo si perdeva leggero ed azzurro nell aria. Durante la settimana, quando la caccia era chiusa, al mattino si recava, sul presto, era mattiniero, al bar di Lino dove l aspettava un grigio verde (menta e grappa) ed il solito: «Signor Conte come va?» «Bisogna accontentarsi.» Rispondeva senza convinzione, perché lui non si accontentava mai. Andava a sedersi al solito posto da dove poteva vedere la solita gente passare per via Cavour. Molti lo salutavano, i più anziani si toglievano il cappello per un rispetto dovuto al rampollo di una nobile casata in via di estinzione che aveva dato molti militari di alto rango fedelissimi a casa Savoia, un cardinale (che pensava di essere fatto papa, ma non lo fu), prelati in Vaticano vicini al Soglio, studiosi e altri personaggi che non mancavano mai ai ricevimenti dei Savoia. I suoi genitori erano morti ancora giovani e lui si era ritrovato solo. La servitù, molta, provvedeva ad ogni suo bisogno quotidiano ed a mandare avanti la grande casa. Un ragioniere, ereditato dal padre, si occupava dei conti, di gestire i mezzadri ed i beni. Suo padre diceva che nella vita bisognava avere sempre un prete, un bravo dottore ed un dotto ragioniere. Dei primi due ne aveva fatto a meno. Del ragioniere no. Ogni mese il ragioniere lo andava a trovare con un bel mazzetto di banconote, ed ogni sei il resoconto patrimoniale, che però andava calando. Il ragioniere, per provvedere alle spese folli del conte, era costretto a vendere. Il rampollo non si era sposato, pigro com era non voleva avere grattacapi. I figli: mostriciattoli, Esattori implacabili di sacrifici soleva dire citando Socrate. No grazie, preferisco la caccia. Si diceva che avesse una mantenuta a Torino, di quelle toste, assatanata, che si piegava a qualunque suo desiderio e capriccio sessuale e non aveva scrupoli a qualsiasi perversione, costava moltissimo e lo tradiva. Ogni giovedì (eccetto nel periodo della caccia) prendeva il treno da Bra, in prima classe, portava una piccola valigia per il ricambio intimo e due camicie fresche di stiro, un braccialetto o un anello. Rimaneva sino alla domenica. Aveva pensato di trasferirsi a Torino, ma il solo pensiero del trasloco lo gettava in depressione. Nella grande casa dei suoi antenati vi erano tutte le comodità a cui era abituato da quando era nato. Non si sarebbe mosso. Rimaneva sino alla domenica sera, poi prendeva l ultimo treno per Bra, a mezzanotte. Lei, dalla domenica al giovedì, non usciva dal lussuoso appartamento che le aveva intestato il conte, arredato con mobili d antiquariato e tappezzeria fine

9 Aveva una macchina di lusso, una Bugatti di pregio, e l autista in divisa la portava in giro per Torino, dalle sue amiche, a fare compere, e la serviva anche come portiere e uomo di fatica. L appartamento si trovava nel centro di Torino, alla Crocetta, quartiere esclusivo della borghesia ricca e dell aristocrazia torinese. Nei giorni torinesi tutto lo scibile della lussuria veniva vissuto, appagato sino all esaurimento fisico e psichico. A volte veniva una prostituta di alto rango e facevano una cosa a tre sino all alba. Si diceva che quella madama fosse bionda, alta, molto bella e sempre elegantissima. Veniva da un antica casata torinese, ora decaduta. Si serviva da sarte famose (le fatture le saldava il conte). Frequentava solo la gente che contava, gente ricca, blasonata, industriali che gravitavano attorno alla Fiat. all alto clero. Molto corteggiata e ricercata, concedeva i suoi favori, la sua arte e le sue notti, nonostante il conte di Bra, per cifre favolose. Oltre all autista aveva una cuoca e due serve che si occupavano di lei e della casa, tutto a spese del conte di Bra che quando ritornava a casa con l ultimo treno, lasciava sul trumò del salotto una busta con un assegno a sette cifre ed una rosa rossa. Sempre una rosa rossa. Un giorno, di prima mattina, il direttore della Cassa di Risparmio telefonò. Era fuori per una grossa cifra e solo per riguardo al suo nome (la sua famiglia da tempo immemorabile era fra i più redditizi clienti) aveva tenuto nel cassetto un grosso assegno a sette cifre che non poteva essere coperto. Il tono non era per nulla cordiale, mai successo, ma piuttosto freddo e professionale. Avrebbe atteso, a breve, sue notizie. Ora il conte doveva agire, era suo dovere, ma cosa fare? Innanzitutto non emettere assegni. Non avrebbe potuto onorarli. Ma come poteva coprire la vergogna del protesto? Aveva compiuto sessant anni ed attorno a lui molte cose si stavano sfarinando. Il primo a morire era stato il pene, non aveva più erezioni e le sue prestazioni sessuali erano deludenti e lo umiliavano. La madama di Torino diceva con malevolenza che lei era giovane e l amore lo voleva godere ancora per molti anni. «Vai dal dottore, fai qualcosa.» Gli disse dopo una notte passata in bianco durante la quale a nulla erano valse l arte e la paziente disponibilità di lei. Cadde in una profonda prostrazione, si sentì finito, annientato, tristi pensieri lo tormentavano. Il suo mondo stava per crollare, inesorabilmente. Qualcosa di irreparabile stava per accadere. Nella casa di Bra la silenziosa e preziosa Rina lo stava aspettando. Gli faceva da serva da quando aveva 16 17

10 quindici anni. Rina aveva cura della casa, dal vitto alle pulizie. Era feroce con le donne che prendeva a servizio a ore. A volte si infilava sotto le coperte per godere il conte. Poi tornava nella sua cameretta da serva perché il conte voleva dormire solo anche per i cattivi odori che emanava durante la notte. La madama di Torino, più accorta, si profumava prima di entrare sotto le coperte. Due gocce di Chanel n 5, quello di Marilyn Monroe. La telefonata del direttore lo aveva gettato in una profonda depressione che si volse in disperazione. Disse a Rina che non avrebbe cenato. Stanco, con un forte mal di testa, sarebbe andato a letto presto. Ma non dormì, progetti folli e quindi non praticabili: emigrare, vendere quel poco che era rimasto e sparire. Ma dove? Era tutto così complicato, la notte poi ingigantiva ogni cosa, aveva incubi terribili. Le forze lo abbandonavano, sia quelle fisiche che psichiche. L idea di mettere fine ai propri giorni divenne un ossessione ed anche l unica soluzione che gli era rimasta. L unica che potesse ancora mettere in atto. Era giunto al capolinea e doveva scendere. Pensò a suo padre, impiccatosi per aver messo incinta una serva minorenne che aveva poi parlato. Lo scandalo era stato grande. Giunse l alba, poi il mattino. All ora giusta telefonò al ragioniere che da sempre curava gli interessi della sua famiglia, voleva un incontro urgente perché la situazione era grave. Il ragioniere lo avrebbe aspettato alle quattordici e trenta, puntuale. Le parole del ragioniere erano rassicuranti, almeno dal tono gentile, e poi sapeva il fatto suo e una soluzione l avrebbe trovata. Un grosso patrimonio, o almeno lo era un tempo, accumulato in secoli dalla sua famiglia cui però suo padre aveva dato un colpo e che ora forse dissolto. Non mangiò. Prese una bottiglia di Barolo d annata e se ne versò un bicchiere colmo. Si sentì meglio ed il magone se ne andò lasciando nascere qualche speranza. La vita di sempre. Sarebbe andato dall andrologo per il pene inservibile nella sua primaria e nobile funzione. All ora stabilita il ragioniere si chiuse con lui nello studio, licenziò la segretaria e le disse di disdire tutti gli appuntamenti. Nessuna telefonata salvo la banca, quella si doveva sempre sentire. Come sua abitudine venne subito al cuore dell argomento. In primis bisognava coprire entro il giorno successivo lo scoperto sul c/c. Sistemare l assegno prima che andasse in protesto. Bisognava procedere subito ad un inventario rigoroso, vedere il capitale netto, il passivo e l attivo. Doveva entrare nell idea di vendere tutto, come risultava dall esposizione patrimoniale molto dettagliata. «Tutti i beni sono ipotecati dalla banca.» Ripeté il ragioniere, ed il conto perdite e profitti era appena 18 19

11 sufficiente a coprire gli interessi passivi. Bisognava chiudere con la madama di Torino, liquidarla e vendere l appartamento. Licenziare il personale e collocare la Bugatti, assolutamente non emettere assegni, ricorrere a prestiti con finanziarie e strozzini. Sarebbe andato l indomani mattina in banca a parlare con il direttore. C era da aspettarsi il peggio. È la bancarotta, Sig. Conte.» Disse il ragioniere. «Spero comprenda la gravità della situazione.» Vi era una cascina, anch essa ipotecata, in contrada delle vigne a Cherasco. Un gioiello, la sua preferita sia per l esposizione che per i frutti ed il reddito, e soprattutto per la famiglia di mezzadri che vi abitava da quattro generazioni. Sua madre da bambino, in fasce, lo aveva messo a balia e lo aveva lasciato anche dopo la prima infanzia. Gente semplice, buona, gran lavoratori, sapevano condurre e fare con maestria ogni cosa. Conoscevano i mestieri, se li tramandavano di padre in figlio. In primavera era uno spettacolo, un caleidoscopio di splendidi fiori esplosi al sole. Il conte si era affezionato a quella donna dal gran seno che molte volte era morbido e profumato cuscino per i suoi innocenti sonni e la chiamava mamma. Quando era morta ne aveva sofferto molto, di tanto in tanto andava alla modesta tomba al cimitero. Portava fiori di campo, puliva la pietra tombale dalle foglie, baciava la piccola foto che la ritraeva felice, bella e forte in un campo di grano appena mietuto. Pareva lo guardasse e sorridesse, il conte rimaneva un po a parlarle, a dirle che stava bene, che gli mancava tanto. Lei continuava a sorridere. Le dava un bacio e, triste, prendeva il vialetto che portava sullo stradone. Il ragioniere pensò a quella collina a gerbido, l unica libera da ipoteche, ma molto difficile da piazzare, troppe spese mettere a dimora alberi da frutto, i vitigni, poi la servitù dei Testa. Bisognava passare attraverso i loro beni. Gli unici cui poteva interessare erano soltanto loro, la cui cascina confinava con la collina. Doveva però scendere nel prezzo perché di quei soldi aveva urgente bisogno. Il conte percepì che tutto si stava complicando, il suo mondo crollava, un mondo bello nel quale aveva vissuto felice per tanti anni senza pensieri ed aveva goduto a piene mani di tutto quello che offriva ed era stato tanto. Non vedeva vie d uscita da quella rovina, andare in un isola lontana dove splendeva sempre il sole, vivere i suoi ultimi anni lontano da tutti, dalla madama di Torino, dalla banca. Voleva vivere come una rosa, vivere per essere una rosa, ma l isola non c era, non c era più nulla. Era venuto il tempo dell ultimo trasloco, avrebbe cancellato le angosce ed i pensieri che lo tormentavano e che lo facevano così tanto soffrire. Nulla era più come prima. Bisognava vendere ogni cosa, pagare la banca, i creditori, il gioielliere di Bra. Si era accorto che il ragioniere taroccava i conti e parecchi soldi erano finiti nelle sue tasche, ma che poteva fare? Solo prenderne atto, pover uomo! 20 21

12 Non aveva né arte né parte. Il miglior cacciatore della zona, grande amatore, un tempo diceva di essere uno stallone, buongustaio, sapeva tutto sulle annate del Barolo che custodiva in una cantina a parete ben sistemate secondo le annate, pulitissima, una reggia come si conveniva ad un re come il Barolo, il suo vanto, il suo prezioso gioiello. Rosso rubino, regale, austero, che nasce dal vitigno del Nebbiolo che frutta tardi (nelle nebbie autunnali di La Morra, Verduno, Barolo) e con l invecchiamento, cinque anni circa, tende al granato con riflessi aranciati ed il suo profumo caratteristico odora di rose appassite. Tutte bottiglie di gran valore destinate ai blasonati. Una volta aveva inviato una pregiatissima cassa da ventiquattro bottiglie ai Savoia di passaggio nella tenuta regale di Pollenzo. Un mondo felice, gente ricca ed arrogante, che con spensieratezza si godeva la bella vita che il destino aveva loro riservato. Il conte di Bra era tenuto un po in disparte per via della sua nobiltà un po recente, ma soprattutto per lo scandalo di suo padre che si era appeso al trave dopo aver messo incinta la servetta minorenne, cosa non tanto grave, cose che si fanno, specie fra quella gente, ma che nessuno deve sapere. Infatti non era mai stato invitato ai ricevimenti che i Savoia davano di tanto in tanto quando passavano da Pollenzo. Ora tutto quel mondo colava fra le mani. Vecchio, povero, incapace di un qualsiasi lavoro o impegno che potesse portare un reddito anche piccolo, ma che gli permettesse di sopravvivere. Si sentì perso, smarrito, si vedeva in un deserto, saliva un erta collina e rinascevano speranze folli, ma raggiunta la cima, ovunque guardasse, era tutto coperto da altre simili colline deserte, perse sino all orizzonte sotto un sole rovente. Tutta la sua vita si sciorinava in un impietoso scenario. Il cappio ben insaponato perché non facesse scherzi, salì sulla scala dopo aver bevuto due grossi bicchieri di Barolo, il migliore. Passò la testa nel foro. Sentì il ruvido della corda sul collo. Fu l ultima sensazione terrena. Un calcio alla scaletta che scivolò via ed il conte penzolò come suo padre con le ossa cervicali rotte. Gli occhi uscirono dalle orbite e si spensero, la lingua nerastra penzolò fuori dalla bocca coperta da una bava giallastra schiumosa. Mandò un rantolo e fu il suo addio al mondo. Urinò, e sotto di lui una larga chiazza bagnò il pavimento. La gamba destra si allungò in avanti come per cercare un appiglio, poi tutto il corpo cadde e si distese. Il conte senza vita penzolava dal trave. Come suo padre. Solo, sbattendo la porta alla banca, alla madama, al ragioniere, alla povertà, al bel mondo, alla bella vita. Rina chiamò il ragioniere: «Venga subito.» E i carabinieri. Venne il medico legale con il sostituto procuratore della Repubblica

13 Tutto fu fatto secondo le procedure del caso, in breve tempo Rina prosciugò il libretto alla posta dove metteva i soldi che venivano dalla cresta che faceva sulle spese di casa. Sempre poche lire perché il conte, con lei, era tirchio e taccagno. Tanto tempo prima la donna aveva letto su un giornale un detto del Macchiavelli il molto poco sovente fa il molto le era piaciuto e lo aveva adottato. Ora restituiva tutto al conte che mai le aveva dato un regolare mensile se non una modesta somma a Natale ed al suo compleanno. Provvide a metterlo nella tomba di famiglia, un funerale modesto. Il giorno dopo, sul far della sera, giaceva accanto a suo padre e a quelli del suo casato che lo avevano preceduto. Passò poco tempo e nessuno ne parlò più neanche al bar di Converso, quello delle famose caramelle alla genziana e dei signori. Rina aveva provveduto ai rosari, alla trigesima, alle settembrine azzurre colte ai bordi dello stradone che mise nel vasetto dell acqua sotto la fotografia del conte con il cappello da alpino con gran piuma dai vivaci colori di fagiano maschio, il lungo bocchino di zampa di lepre, la sigaretta serraglio che sapeva di violette selvatiche. Rina a quell uomo, che segretamente amava, aveva dedicato fedelmente e silenziosamente la sua povera esistenza, gli aveva fatto da serva, amante, senza mai chiedere nulla e non aveva più una lira. Il parroco la sistemò all ospizio dei poveri e silenziosamente come aveva vissuto, sola, l anno dopo, morì. L autunno si era inoltrato innanzi tempo portando ai boschi gli abiti da indossare: il rosso bruciato, il giallo ed il marrone delle foglie cadute. Al mattino successivo il ragioniere si portò a casa di Marco. Quando lo vide questi pensò che dovessero esserci novità. Il ragioniere non era venuto sin li per una visita. Come tutti quelli che non avevano studiato Marco si teneva sempre sulle sue, ascoltava molto e parlava solo a proposito. Sinora il ragioniere si era comportato correttamente ed onestamente per gli affari che erano intercorsi fra loro. Dopo i soliti convenevoli, il contabile incominciò: «Il conte si è impiccato l altra sera come suo padre. Domani si faranno i funerali. Non aveva più un soldo e tantomeno credito, tutte le sue terre, le cascine, tutti i suoi beni al sole, uno dopo l altro ipotecati dalle banche. Non aveva arte, mai lavorato, svolto un impiego che gli assicurasse un reddito. Donne, bella vita, caccia, viaggi all estero. Soprattutto una mantenuta a Torino di alto ceto, la rovina. Quel poco che resta andrà alle banche, rapaci come sono. Bertolt Brecht diceva che è più criminale fondare e gestite una banca che rapinarla. Vecchio, probabilmente malato, non poteva condurre la vita di prima. Neanche a pensarci. Non ne aveva i mezzi, nemmeno la salute. Non disponeva di due camere dove trovar rifugio ed aspettare la fine. Solo la Rina, che era a casa sua da quando aveva quindici anni, non l avrebbe abbandonato. Non aveva reddito, neanche una pur minima pensione

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA È giunta l alba Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Sandro Fabbri Foto dell autore Tutti i diritti riservati A mia moglie Martina Introduzione È passato quasi

Dettagli

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino

Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino Pensierini Storie cliniche in forma di pensierini Alessandro Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Torino introduzione Ogni storia è storia a sé Nel mio lavoro di psicoterapeuta sono molte le storie che incontro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore

Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Bessi, la mia vita in Italia chiedo giustizia, mio Signore Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Bessi Soraya Gonzalez Garcia BESSI,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Mario Urbano Controcorrente Riflessioni Mario Urbano Controcorrente ISBN 978-88-6628-219-8 copyright 2013 Caosfera Edizioni www.caosfera.it soluzioni

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

FONDO CITTADINO DI SOLIDARIETA

FONDO CITTADINO DI SOLIDARIETA FONDO CITTADINO DI SOLIDARIETA Aggiornamento Agosto 2014 PROGETTO L INVERNO NON E PASSATO Famiglia composta da madre sola con tre figli. La donna lavora saltuariamente causa disabilità di uno dei figli.

Dettagli

Mantova, seconda infanzia

Mantova, seconda infanzia Mantova, seconda infanzia 5 10 15 20 25 30 35 A Mantova vissi l anno più bello della mia infanzia: vi compii nove anni, nessuno se ne ricordò, e a me non importò niente. Capivo che c erano cose più pressanti

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1 NOME FILE: ITA_B_Le-mie-amiche_testo CODICE DOCUMENTO: S ITA B B S 9 DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B SCUOLA: secondaria di grado

Dettagli

STEFANO PIEDIMONTE L innamoratore

STEFANO PIEDIMONTE L innamoratore STEFANO PIEDIMONTE L innamoratore Proprietà letteraria riservata 2016 Rizzoli / RCS Libri S.p.A., Milano Per accordo con Thèsis Contents S.r.l., Agenzia Letteraria, Firenze Milano ISBN 978-88-17-08685-1

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA VINCITORI SEZIONE LETTERARIA GIROTONDO DEI DIRITTI Questo è il girotondo dei diritti dei bambini per far conoscere a grandi e piccini che i bimbi, tutti quanti, hanno diritti come i grandi. Hanno diritto

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE

LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO IL GIRASOLE LA MARGHERITA CHE NON SOFFRIVA IL FREDDO IL CILCAMINO C erano una volta due sposi che si chiamavano Vincenza e Giuseppe. Una sera Giuseppe non riusciva a dormire, così andò fuori, ma fuori nevicava. Nonostante

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

È possibile vivere un sano rapporto di coppia e una buona amicizia?

È possibile vivere un sano rapporto di coppia e una buona amicizia? È possibile vivere un sano rapporto di coppia e una buona amicizia? Con amicizia, da un punto di vista oggettivo, si indica un tipo di legame sociale (privo della componente sessuale) accompagnato da un

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Traduzione di Maria Pia Secciani

Traduzione di Maria Pia Secciani Julie Sternberg si è specializzata in letteratura per l infanzia alla scuola di scrittura di New York. Per questo suo primo romanzo ha ricevuto recensioni entusiastiche per la scrittura fresca e immediata.

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE L amore nell amore Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo Rimola Tutti i diritti riservati L amore è: passione, possessione, ossessione, liberazione

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

Dai 7 anni. Le Risposte. Nei panni di...: a. Signor Bellometti; b. Desiderio; c. manichino del negozio di scarpe; d. commesso del negozio di scarpe.

Dai 7 anni. Le Risposte. Nei panni di...: a. Signor Bellometti; b. Desiderio; c. manichino del negozio di scarpe; d. commesso del negozio di scarpe. PIANO DI L ETTURA NESSUNO È PERFETTO EMANUELA NAVA Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Azzurra n 76 Pagine: 128 Codice: 978-88-384-3585-0 Anno di pubblicazione: 2005 Dai 7 anni L AUTRICE Emanuela

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

favola di Eleonora Eleonori

favola di Eleonora Eleonori LA LA STORIA STORIA DEL DEL PICCHIO PICCHIO FILIPPO FILIPPO favola di Eleonora Eleonori Questa è la storia del picchio Filippo e della sua famiglia composta di moglie e tre figlioletti: Rino, Pino e Mino.

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli