1. Sistemi di memorizzazione affidabili, efficienti e capienti. - Dischi - Raid - Memoria terziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Sistemi di memorizzazione affidabili, efficienti e capienti. - Dischi - Raid - Memoria terziaria"

Transcript

1 Corso: Gestione ed elaborazione grandi moli di dati Lezione del: aprile 2006 Argomento: Introduzione e Hard Disk Scribes: Nicola Chemello e Filippo Marchese 1 Introduzione CONTESTO Il contesto tecnologico attuale é caratterizzato da una rapida e costante evoluzione delle tecnologie informatiche. Vedremo che esiste un gap, ovvero una differenza nella velocitá, tra la potenza delle unitá di elaborazione disponibili e la velocitá (di lettura/scrittura) delle unitá di memorizzazione (dischi, nastri, cd, ecc.). Questo rende necessario uno studio particolare sulle tecniche di gestione (efficiente) di grandi moli di dati. TREND Una prima tendenza da prendere in considerazione é l aumento considerevole della quantitá di dati disponibile in formato digitale, soprattutto in contesti scientifici, commerciali e sociali. How much information? (2003) [HMI] é uno studio che cerca di misurare quanta nuova informazione viene prodotta ogni anno nel mondo su vari tipi di supporto (stampa, film, supporti magnetici, supporti ottici); questo studio afferma che nel 2002 sono stati prodotti 5.4 Exabyte (=5.4*10 18 byte) e di questi il 92% é immagazzinato su hard disk. Ogni anno l informazione prodotta aumenta di circa il 30%. Un altra misura presente in questo documento riguarda il flusso d informazione che é di circa 17 Exabyte (il 90% per via telefonica). Comunque non tutta questa informazione, una volta immagazzinata, viene successivamente letta per una elaborazione. In effetti siamo una societá Data rich - information poor, ovvero vengono prodotti tanti dati ma la maggior parte di questi non viene utilizzata per accrescere la conoscenza. Molti archivi rappresentano quindi delle data tomb, tombe dei dati. CAUSE Le principali cause di questo aumento esponenziale dei dati disponibili possono essere ricercate in: Progresso tecnologico (potenza di calcolo e capacitá di memorizzazione a basso costo) 1

2 Informatizzazione di molte attivitá prima gestite attraverso formati cartacei o trasmissione orale. Praticamente tutte le aziende sono attualmente gestite da grandi Sistemi Informativi Integrati o ERP (Enterprise Resuorce Planning). Avvento delle reti che permettono la costruzione di sistemi distribuiti per l elaborazione, memorizzazione e lo scambio di informazione. Ovvero non ci si limita alla memorizzazione ed alla elaborazione dei dati su un singolo elaboratore, ma si costruiscono degli Overlay Computer, piattaforme virtuali basate su una serie di elaboratori collegati da una rete. La differenza con le macchine parallele é che le seconde sono state appositamente costruite in maniera omogenea per applicazioni specifiche, invece un overlay computer unisce macchine diverse (un esempio é il p2p). Una ulteriore generalizzazione di Overlay Computer é il Global Computing, ovvero la creazione di una rete virtuale tra macchine qualsiasi e profondamente diverse tra loro (sensori, pc, telefoni, ecc.). PROBLEMATICHE La memorizzazione di grandi moli di dati crea una serie di problematiche sia per quanto riguarda le risorse hardware (memorizzazione fisica) che software (compressione/analisi). In particolare, nel corso tratteremo i seguenti argomenti: 1. Sistemi di memorizzazione affidabili, efficienti e capienti. - Dischi - Raid - Memoria terziaria 2. Tecniche di elaborazione ad alte prestazioni - Modelli di calcolo - Algoritmi fondamentali - Strutture dati 3. Compressione - Codifiche aritmetiche - Codifiche Burrows Wheeler - Compressione con dizionario 4. Modalitá di analisi dei dati per l elaborazione di informazione - Data mining: estrazione di informazione utile e nuova da grandi quantitá di dati, Ricerca pattern frequenti e di regole associative, Classificazione, Clustering - Data Stream: analisi di grandi quantitá di dati che non sono memorizzate ma sono consumate online 2

3 EVOLUZIONE DI PROCESSORI E MEMORIE Definizione 1 Legge di Moore : L evoluzione tecnologica cui si é assistito fin ora ha comportato un raddoppio del valore dei seguenti parametri circa ogni 18 mesi (aumento del 56% all anno): - Densitá dei transistori su chip, densitá memoria DRAM, densitá della superficie dei dischi - Numero di operazioni al secondo eseguite da un processore (non si parla del solo aumento del clock che incide per un 30% all anno) La legge di Moore originale era riferita alla densitá dei transistor su un chip, ma é stato osservato che anche altri parametri sono cresciuti con la stessa velocitá. Non tutte le componenti informatiche peró si evolvono secondo la tendenza dettata da tale legge: ad esempio il tempo di accesso alla memoria DRAM si migliora solo del 7% ogni anno cosí come il tempo di latenza dei dischi. C é stata quindi un evoluzione maggiore da parte dei dispositivi che riguardano l elaborazione ed il consumo dei dati rispetto all evoluzione dei dispositivi di memorizzazione degli stessi (GAP). La situazione in realtá é meno problematica di quanto potrebbe sembrare per il Definizione 2 Principio di localitá : programmi sensati accedono a porzioni limitate di memoria in brevi intervalli di tempo. Distinguiamo tra Localitá temporale che riguarda il riuso ravvicinato nel tempo degli stessi dati (esempio variabile contatore di un ciclo for) e Localitá spaziale che riguarda l utilizzo di dati fisicamente contigui in brevi intervalli di tempo. Questo principio suggerisce che un utilizzo parsimonioso della memoria permette una incidenza limitata del gap tra le prestazioni del processore e quelle delle memorie. In particolare é possibile organizzare la memoria di un elaboratore in maniera gerarchica, realizzando delle memorie sempre piú veloci e meno capienti man mano che ci si avvicina al processore. 3

4 Le varie memorie sono realizzate con tecnologia diverse, per questo avvicinandosi alla CPU aumentano costo e velocitá mentre contemporaneamente diminuisce la taglia. Se non avessi la localitá dei dati ogni volta dovrei prendere questi dagli strati lenti e capienti dove essi risiedono inizialmente (es. RAM o disco) e portarli nella CPU e questo causerebbe lo stato di idle del processore per la maggior parte di tempo. All aumentare del gap tra memoria e processore aumentano il numero di livelli di memoria. In pratica questo meccanismo di creazione di vari livelli di memoria serve per portare i dati il piú vicino possibile ai dispositivi che li utilizzeranno. Questo stessa principio viene utilizzato nel web dove attraverso l utilizzo dei proxy si portano le pagine piú vicine agli utenti web. 4

5 2 Gli Hard-Disk L hard disk é un dispositivo utilizzato per la memorizzazione a lungo termine dei dati in un computer. É costituito fondamentalmente da uno o piú dischi in alluminio o vetro (platter), rivestiti di materiale ferromagnetico in rapida rotazione e da due testine per ogni disco (una per lato), poste a piccolissima distanza dalla superficie del disco stesso in grado di leggere e scrivere i dati. La testina é tenuta sollevata dall aria mossa dalla rotazione stessa dei dischi che puó superare i giri al minuto. Ideato nel 1956 da IBM con il nome di Random Access Method of Accounting and Control (RAMAC) era costituito da 50 dischi del diametro di 24 pollici (circa 60 cm) e poteva immagazzinare circa 5 megabyte di dati. La denominazione originaria era fixed disk (disco fisso), il termine hard disk nacque intorno al 1970 per contrapposizione coi neonati floppy disk. 5

6 La memorizzazione dei bit avviene con la seguente modalitá: Nell induttore presente nella testina di scrittura viene prodotta una corrente che genera un campo magnetico. La corrente nella testina cambia direzione ad ogni bit pari ad 1, mentre rimane invariata se viene inviato uno 0. Per quanto riguarda il processo di lettura viene attuato il processo complementare, la magnetizzazione del supporto induce una corrente nell induttore, e tale corrente sará convertita in bit 0 oppure 1 dall elettronica presente nel disco rigido. In ogni hard disk i dati sono memorizzati in finissime bande concentriche, ognuno di questi anelli é chiamato traccia (track). Ogni traccia viene divisa in diversi settori (solitamente di 512 byte) separati da dei GAP. Ogni settore é definito da un demarcatore magnetico ed ha un proprio ID, inoltre ognuno ha 6

7 un header ed un error correction code (ECC). Un insieme di tracce su dischi diversi aventi lo stesso raggio é definito cilindro, in pratica é l insieme delle tracce che possono essere lette/scritte senza che vengano spostate le testine (in figura é l anello bianco). FUNZIONAMENTO DI UN HARD DISK Il disco contiene al suo interno una logic board che congiuntamente all interfaccia dell elaboratore svolge funzioni di controllo e di collegamento tra il disco ed il resto del sistema. I primi hard disk non avevano questo tipo di elettronica integrata e quindi il controllo era affidato alla sola interfaccia esterna che, dovendo controllare anche piú dispositivi molto eterogenei tra loro, non utilizzava al massimo le potenzialitá di ogni diverso hard disk. 7

8 L interfaccia di collegamento tra l hard disk e la scheda madre (o, piú specificatamente, il controllore) puó influenzare le prestazioni perché specifica la velocitá massima alla quale le informazioni possono essere trasferite da o verso l hard disk. Le moderne interfacce tipo ATA133, Serial ATA o SCSI possono trasferire centinaia di megabyte per secondo, molto piú di quanto qualunque singolo hard disk possa fare, e quindi l interfaccia non é in genere un fattore limitante. Il discorso puó cambiare nell utilizzo di piú dischi in configurazione RAID, nel qual caso é importante utilizzare l interfaccia piú veloce possibile, come per esempio la Fibre channel da 2 Gb/s Per quanto riguarda la lettura, le testine provvedono a recuperare dal supporto magnetico i dati e questi vengono trasferiti tramite l interfaccia sul BUS. Questo tragitto non é diretto, ma i dati vengono prima copiati su di una cache interna alla logic board, chiamata buffer o hard disk cache. Il buffer é una piccola memoria cache (in genere di alcuni megabyte) che ha il compito di memorizzare gli ultimi dati letti o scritti dal disco. Nel caso in cui un programma legga ripetutamente le stesse informazioni, queste possono essere reperite nel buffer invece che dal disco. Essendo il buffer un componente elettronico piuttosto che meccanico la velocitá di trasferimento é molto maggiore. Questo tipo di memoria, anche se prende il nome di cache, é realizzata con tecnologia DRAM ed ha una taglia tra il megabyte e la decina di MB. Questo fatto non é una penalizzazione in quanto una memoria piú veloce sarebbe sprecata data la lentezza dei dispositivi di memoria secondaria. Sono due i motivi fondamentali che spingono all utilizzo del buffer invece di una trasmissione diretta: 1. Il buffer permette il trasferimento dei dati letti dal disco anche se il bus é occupato, e mantiene i dati da scrivere sul disco ritardandone l effettivo trasferimento 2. Funzione di Prefetch: é possibile prevedere quali saranno i dati richiesti nell immediato futuro e si inizia la lettura prima dell effettiva richiesta Per quanto riguarda le interfacce, quella piú comune é la IDE (Integrated Drive Electronics), poi evolutasi in EIDE (Enhanced IDE) e ATA (Advanced Technology Attachment). Un altro tipo di interfaccia é la SCSI (acronimo di Small Computer System Interface), un interfaccia standard progettata per realizzare il trasferimento di dati fra diversi dispositivi interni di un computer collegati fra di loro tramite un bus e solitamente presenta un secondo buffer di memoria. Negli ultimi anni, con l evoluzione delle periferiche di memorizzazione, l interfaccia ATA ha mostrato i suoi limiti tecnologici e quindi é stata sostituita da una nuova versione chiamata Serial ATA. Questa nuova interfaccia ha come principale caratteristica quella di trasmettere i dati in modo seriale e quindi invece di utilizzare quaranta fili per trasmettere i dati ne utilizza solo due, uno per trasmettere i dati e uno per ricevere, oltre a due fili per le masse. In realtá il cavo é a sette fili dato che lo standard utilizza anche alcuni fili come segnali di controllo. Recentemente nei dischi SATA é stata implementata una tecnologia ereditata dai dischi SCSI: l NCQ (Native Command Queuing): ogni disco invia una richiesta tramite la CPU e, se il 8

9 dato non é presente in una delle cache, le testine dell hard disk si posizionano in modo da potere iniziare la lettura dei dati. Se occorre accedere a una serie di dati non sequenziali distribuiti in varie zone del disco, le testine dovranno saltare da un cilindro all altro, avanti e indietro. Oltre al buffering interno all hard disk esiste un altro meccanismo che consente di salvare i dati recentemente acceduti dal disco in una area di memoria piú vicina alla CPU. Questa memoria, chiamata soft disk cache, consiste in una porzione della memoria RAM riservata a tale scopo e questo meccanismo, che puó essere considerato il complementare della memoria virtuale, é quello cui di si solito ci si riferisce con il termine disk cache, e non al buffer interno al disco. L influenza della memoria cache sulle prestazioni di un disco varia a seconda delle operazioni che vengono effettuate, in particolare: - Nel caso di operazioni di lettura (READ) é sempre utile, in quanto prelevo i dati dalla memoria cache senza dover attendere il tempo di trasferimento dal disco fisico. - Nel caso di operazioni di scrittura (WRITE) la cache puó funzionare secondo due modalitá: WRITE BACK in base alla quale i dati non vengono scritti immediatamente su disco anche se al sistema viene data la conferma di avvenuta scrittura e posso incorrere in dei problemi nel caso in cui venga a mancare l alimentazione a cache non vuota (perdo i dati non scritti); WRITE THROUGH in base alla quale ogni volta che scrivo qualcosa la scrittura avviene in tempo reale e non rischio di incorrere nel problema visto precedentemente. Con la seconda modalitá é come se la cache non venisse utilizzata in scrittura. PRESTAZIONI DEI DISCHI Gli hard disk moderni hanno capacitá e prestazioni enormemente superiori a quelle dei primi modelli, ma restano comunque molto al di sotto delle prestazioni dei componenti elettronici che compongono il resto del computer. Per questo motivo, l hard disk é spesso la causa principale del rallentamento di un computer. I parametri principali da tenere in considerazione sono: la capacitá, il tempo di accesso e la velocitá di trasferimento. La capacitá puó essere aumentata incrementando la densitá con cui le informazioni vengono memorizzate sui dischi, usando dischi piú grandi, o usando un numero maggiore di dischi. La capacitá si misura indicando l AREAL DENSITY, cioé il numero di bit memorizzabili per pollice quadrato (BPSI, bip per square inch); il primo hard disk aveva una densitá di circa 2000bits/in 2, oggi in laboratorio si stanno definendo tecnologie in grado di immagazzinare fino a 35Gbit/in 2. L AREAL DENSITY é data dal prodotto di due componenti: TRACK DENSITY e LINEAR DENSITY. La Track density é il numero di tracce per pollice (attualmente dell ordine di O ( 10 5) ). La Linear density é in numero di bit per pollice su una traccia (attualmente dell ordine 9

10 di O ( 10 6) ). Facendo la moltiplicazione tra i due fattori ottengo l AREAL DENSITY (attualmente dell ordine di O ( ). Come si puó intuire le tracce in una faccia non hanno tutte la stessa lunghezza, ma nelle zone esterne sono piú lunghe. La densitá del disco é organizzata seguendo l approccio Zoned Bit Recording: raggruppamento delle tracce in zone costituite da tracce adiacenti tracce della stessa zona hanno lo stesso numero di settori per traccia il numero di settori per traccia aumenta andando verso zone esterne anche se la densitá delle zone esterne risulta minore delle zone interne Il tempo di accesso é la variabile piú importante nel determinare le prestazioni di un hard disk. Si tratta del tempo medio necessario per posizionarsi all inizio di un blocco di dati da leggere/scrivere. Il tempo impiegato dipende dal fatto che la testina deve spostarsi e contemporaneamente il disco deve girare finché il dato in questione non si trovi sotto la testina (latenza rotazionale). I produttori cercano perció di realizzare testine sempre piú leggere (che possono spostarsi piú in fretta perché dotate di minore inerzia) e dischi che girano piú velocemente. Il tempo di accesso tipico per un hard disk consumer é nell ordine dei 10 millisecondi. Per un hard disk ad alte prestazioni ( giri) é di 3 o 4 millisecondi. Il tempo d accesso é ottenuto dalla somma di diversi contributi: Command overhead: tempo trascorso per far arrivare il comando al disco Seek time: tempo di posizionamento radiale della testina sulla traccia giusta (1-10ms) Settle time: tempo d assestamento della testina una volta raggiunta la posizione voluta Latency time: tempo necessario affinché il disco ruotando porti il blocco desiderato sotto la testina; solitamente si misura la latency media che é il tempo che il disco impiega a compiere mezzo giro (1-5ms) 10

11 La velocitá di trasferimento (Transfer Rate) é la quantitá di dati che l hard disk é teoricamente in grado di leggere o scrivere sul disco in una determinata unitá di tempo (in genere si prende 1 secondo come riferimento). Usare dischi che ruotano piú velocemente o incrementare la densitá di memorizzazione porta ad un miglioramento diretto della velocitá di trasferimento. C é da dire che, a parte casi particolari, la velocitá di trasferimento teorica viene raramente raggiunta e il tempo di accesso é quello che maggiormente influenza le prestazioni di un hard disk. Esempio Velocitá di rotazione: rpm (giri al minuto) Settori per traccia: 300 Le rotazioni per secondo sono 12000/60, ovvero una ogni 5ms, quindi il tempo di latenza medio sará 2.5ms. Parlando di Transfer Rate distinguiamo diverse tipologie: INTERNAL TRANSFER RATE (ITR): tempo di trasferimento dei dati dal disco al buffer, si misura in Mbit/s con la seguente formula IT R = velocitádirotazione #settoripertraccia 512byte 8 60s 10 6 Con i valori dell esempio precedente ottengo un transfer rate di 245Mbits/s, quindi per trasferire un blocco di dati di 4kb si impega un tempo nell ordine dei 100µs, dominato dal tempo di accesso. Se invece devo trasferire grandi quantitá di dati (che non stanno cioé in una sola traccia) dovró tener presente la necessitá di cambiare traccia; introduco quindi una nuova misura: SUSTAINED INTERNAL TRANSFER RATE (STR) MByte/s: é la velocitá di trasferimento di grandi quantitá di dati (sequantial reads/writes) con l ipotesi fondamentale che i dati siano memorizzati bene sul disco, cioé utilizzo un intero cilindro prima di passare al successivo. Questo parametro é influenzato anche da due nuovi fattori: - HEAD SWITCH TIME (HST): tempo necessario per cambiare testina attiva - CYLINDER SWITCH TIME (CST): tempo necessario per posizionare le testine sul nuovo cilindro. e si misura come (di solito in MByte/s): ST R = #f acce #settoripertraccia 512 #facce temporotazione + HST (#facce 1) + CST 11

12 Oltre a questi parametri sul transfer rate interno al disco (tampo di accesso, tempo di trasmissione dei dati dal disco al buffer) dovrebbe essere considerato anche il tempo di trasmissione dei dati dal buffer alla RAM (External Transfer Rate), ma questo ultimo parametro é dominato dal precedente e quindi viene spesso trascurato. Bibliografia [HMI] How much information?, 2003 Sito web [PCG01] The PC Guide, Versione 2.2.0, Sito web [MHPC] [NTFS] [DC] [WIKIP] Micro House PC Hardware Library. Sito web NTFS.com Sito web Data Clinic Knowledgebase. Sito web Wikipedia. Sito web 12

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Esempio di Motherboard (Scheda Madre)

Esempio di Motherboard (Scheda Madre) 1:ISA slot 2:PCI slot 3:AGP slot 4:ATX power connector 5:Chipset 6:CPU socket 7:RAM slot 8:IDE connector 9:Floppy disk connector 10:Batteria 11:BIOS chip Esempio di Motherboard (Scheda Madre) La memoria

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati).

MEMORIA CENTRALE. eseguire o dei dati da elaborare) e scrittura (ad es. dei dati elaborati). MEMORIA CENTRALE Insieme di celle, ciascuna delle quali è individuata da un indirizzo espresso da n bit (n = lunghezza del registro MA). Es. Registro Indirizzi di 32 bit 2 32 celle = 4 Gcelle 4 Gbyte Il

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O)

Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Dispositivi di ingresso/uscita (I/O) Possono essere i piu svariati: mouse, tastiera, monitor, altoparlanti, stampanti, ecc. Tra essi rivestono un importanza particolare i dispositivi di memorizzazione

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Memorie secondarie o di massa Le memorie secondarie

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie

Memoria Esterna (secondaria) n Materiale usato per il disco: era in alluminio n Ora è di vetro, perché Migliora l uniformità della superficie Memoria Esterna (secondaria) Dischi magnetici RAID Rimovibili Ottica CD-ROM CD-Recordable (CD-R) CD-R/W DVD Nastri magnetici Dischi Magnetici Disco rivestito con materiale magnetico (ossido di ferro) Materiale

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE

Tecnologie Informatiche n 3 LE MEMORIE LE MEMORIE La memoria è la parte del computer destinata a conservare informazioni per un certo periodo di tempo. Le memorie si dividono in Memorie principali o centrali Sono anche dette memorie veloci

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Dispositivi di I/O Francesco Lo Presti Rielaborate da Salvatore Tucci Organizzazione di un Calcolatore I/O 1 Dispositivi di I/O!! Un dispositivo di I/O è costituito da due componenti:!!

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM)

Le Memorie. Il concetto di bit. Indirizzi di memoria. La memoria principale (RAM) Le Memorie Giuseppe Pozzi Impianti di Elaborazione Facoltà di Ingegneria dell'informazione Politecnico di Milano giuseppe.pozzi@polimi.it - versione del 3 settembre 23 - La memoria principale (RAM) Bibliografia:

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica

Le memorie secondarie. Memoria magnetica. Memoria ottica. Memoria magneto-ottica Le memorie secondarie Memoria magnetica Comprendono due elementi distinti: Il dispositivo ha la funzione di leggere e scrivere i dati Il supporto componente fisico su cui vengono immagazzinati i dati 1)

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI

SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì, 14.00-15.30. Aula opposta aula 10b Modalità esame: scritto + tesina facoltativa

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

CORSO BASE DI TECNICO RIPARATORE HARDWARE HARD DISK Docente: Dott. Ing. Antonio Pagano DEFINIZIONE Un disco rigido, anche chiamato disco fisso o hard disk drive (abbreviazioni comuni: "hard disk", "HDD

Dettagli

Le Memorie Secondarie

Le Memorie Secondarie Le Memorie Secondarie (di Massa) Prof. Vincenzo Auletta 1 Cosa sono? Tipo di memorie in grado di conservare un elevata quantità di dati. Scheda perforata primo esempio di memoria di massa ideata nella

Dettagli

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino

Materiali per il modulo 1 ECDL. Autore: M. Lanino Materiali per il modulo 1 ECDL Autore: M. Lanino RAM, l'acronimo per "random access memory", ovvero "memoria ad acceso casuale", è la memoria in cui vengono caricati i dati che devono essere utilizzati

Dettagli

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta.

Solitamente la capacità è minore di un disco magnetico, ma la velocità è molto più alta. C4. MEMORIA SECONDARIA Nel seguito verranno analizzati, oltre alla struttura dei dispositivi di memorizzazione, anche gli algoritmi di scheduling delle unità a disco, la formattazione dei dischi, la gestione

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Memoria Secondaria e Terziaria

Memoria Secondaria e Terziaria Memoria Secondaria e Terziaria Memoria secondaria e terziaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap Struttura

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

LA GESTIONE DELLA MEMORIA

LA GESTIONE DELLA MEMORIA LA GESTIONE DELLA MEMORIA Indice Introduzione La memoria virtuale La memoria centrale Memoria ROM Registri della CPU Memoria RAM Memoria Cache La memoria secondaria: i supporti magnetici Hard disk Floppy

Dettagli

Dispositivi di memorizzazione

Dispositivi di memorizzazione Dispositivi di memorizzazione Corso di Calcolatori Elettronici I Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Napoli Federico II Necessità della memoria di massa La memoria RAM»

Dettagli

Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi

Memorie secondarie. Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Memorie secondarie Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi 1 I dispositivi di memoria dei calcolatori sono organizzati secondo una gerarchia, dove al livello più alto ci sono memorie di piccola dimensione,

Dettagli

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18

I dischi ottici. Informatica di Base -- R.Gaeta 18 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID

Sistemi Operativi. Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni RAID Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Gestione della memoria secondaria: dischi, SAN e organizzazioni

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof.

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Gianluca Amato Architettura degli elaboratori Architettura Hardware Architettura

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici

Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria. Dischi magnetici. Nastri magnetici Sistemi Operativi A Parte VI - La memoria secondaria Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Dischi magnetici Proprietà principali e parametri - Velocità di rotazione

Dettagli

La memoria. La memoria

La memoria. La memoria La memoria La memoria - Supporto alla CPU: deve fornire alla CPU dati e istruzioni il più rapidamente possibile - Archivio: deve consentire di archiviare dati e programmi garantendone la conservazione

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Struttura delle memorie di massa Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 File System a strati Metadati (i FCB) + protezione e sicurezza

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu

05 Le memorie secondarie. Dott.ssa Ramona Congiu 05 Le memorie secondarie Dott.ssa Ramona Congiu 1 Come vengono memorizzati i dati Nonostante le numerose funzioni che svolge, la memoria RAM dispone di uno spazio limitato, per cui no riesce a contenere

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Memorie ad accesso seriale

Memorie ad accesso seriale Memorie ad accesso seriale Matteo Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Sonza Reorda - a.a. 2001/2002 Sommario Introduzione Memorie a Disco Magnetico Memorie a Nastro

Dettagli

Memorie di massa. Dischi magnetici

Memorie di massa. Dischi magnetici Memorie di massa Dischi magnetici Sono costituiti da piatti rigidi (hard disk) o flessibili (Floppy disk) con ciascuna superficie ricoperta da materiale magnetizzabile Sono posti in rotazione a velocità

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID

Sistemi RAID tutti i dati che contiene RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

CORSEO TECNICO RIPARATORE HARDWARE TEST DI VERIFICA FINALE

CORSEO TECNICO RIPARATORE HARDWARE TEST DI VERIFICA FINALE CORSEO TECNICO RIPARATORE HARDWARE TEST DI VERIFICA FINALE 1. Descrivi brevemente la differenza tra hardware e software: Hardware: Insieme delle sue componenti elettroniche e meccaniche; Software: Insieme

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (seconda parte) Sotto-sistema di memoria! Due necessità contrastanti: 1. Elevata velocità di accesso 2. Elevata capacità (dimensioni)!

Dettagli

Memorizzazione delle informazioni

Memorizzazione delle informazioni Memorizzazione delle informazioni Parte 1 Definizioni Linguaggio binario Gli odierni calcolatori digitali (o elaboratori, o computer) operano in linguaggio binario Un linguaggio binario è composto da simboli

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Sistemi RAID. Sistemi RAID

Sistemi RAID. Sistemi RAID Sistemi RAID 1 Sistemi RAID Dei tre elementi fondamentali di un qualsiasi sistema computerizzato: processore, memoria primaria, memoria secondaria, quest ultimo è di gran lunga il più lento. Inoltre, il

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano

Le Memorie interne: RAM, ROM, cache. Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano Le Memorie interne: RAM, ROM, cache Appunti per la cl. IV sez. D a cura del prof. Ing. Mario Catalano 1 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria veloce abbastanza grande da contenere tutti i dati e i programmi

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

I/O Dispositivi di input/output

I/O Dispositivi di input/output I/O Dispositivi di input/output Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.net Dispositivi di I/O Processor Interrupts Cache

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Corso di Informatica. Sistemi di Elaborazione. Ing Pasquale Rota

Corso di Informatica. Sistemi di Elaborazione. Ing Pasquale Rota Corso di Informatica Sistemi di Elaborazione Ing Pasquale Rota Argomenti Sistema di elaborazione Architettura di un sistema di elaborazione Componenti del sistema di elaborazione Unità I/O Unità logico/aritmetica

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

è è possibile rispondere a queste domande in molti modi, ciascuno relativo a un diverso punto di vista

è è possibile rispondere a queste domande in molti modi, ciascuno relativo a un diverso punto di vista Introduzione n Che cos è un calcolatore? n Come funziona un calcolatore? è è possibile rispondere a queste domande in molti modi, ciascuno relativo a un diverso punto di vista è in questo corso, il punto

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

La memoria secondaria

La memoria secondaria La memoria secondaria La memoria secondaria Struttura dei dispositivi di memoria Struttura dei dischi Connessione dei dischi Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dell area di swap

Dettagli

1.4e: MEMORIA DI MASSA

1.4e: MEMORIA DI MASSA 1.4e: MEMORIA DI MASSA 2 30 nov 2011 Bibliografia Curtin, Foley, Sen, Morin Informatica di base, Mc Graw Hill Ediz. Fino alla III : cap. 5.1, 5.2, 5.3, 5.4, 5.5, 5.6, 5.7 IV ediz.: cap. 4.1, 15.1, 4.2,

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Memoria Secondaria o di Massa

Memoria Secondaria o di Massa .. Pacman ha una velocità che dipende dal processore...quindi cambiando computer va più velocemente..sarà poi vero? Memoria Secondaria o di Massa dischi fissi (hard disk), floppy disk, nastri magnetici,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Memorie di massa!2 Le memorie di massa Le memorie secondarie o di massa sono utilizzate per

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Ora Consegna: N. Matricola: Corso Laurea/Diploma: Cognome: ESD I? II? Esercizi compilati ESD I: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9 10

Ora Consegna: N. Matricola: Corso Laurea/Diploma: Cognome: ESD I? II? Esercizi compilati ESD I: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9 10 Data: Ora Consegna: N. Matricola: Corso Laurea/Diploma: Nome : Anno di Corso: Cognome: ESD I? II? Esercizi compilati ESD I: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9 10 Esercizi compilati ESD II: 1? 2?3?4? 5? 6?7?8? 9? 10

Dettagli

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32

Dischi RAID. high-performance high-reliability. G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 Dischi RAID high-performance high-reliability 15/03 03/04 G.Serazzi a.a. 2003/04 Impianti Informatici RAID - 1/32 indice caratteristiche generali dei dischi parallelismo ed alte prestazioni affidabilità

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 6 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio RAM disco La RAM è basata su dispositivi elettronici, che funzionano con tempi molto rapidi, ma che necessitano di alimentazione

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione N. 4

Architettura di un sistema di elaborazione N. 4 Architettura di un sistema di elaborazione N. 4 La memoria secondaria o memoria di massa La memoria secondaria, detta anche di massa, è una memoria di supporto che contiene programmi e dati che possono

Dettagli

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI

UD 1.4h: Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Modulo 1: Le I.C.T. : Memoria di Massa COME VENGONO MEMORIZZATI I DATI Prof. Alberto Postiglione Curtin, cap. 5.1 Corso di Informatica Generale (AA 07-08) Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

LEZIONE 15 HARD DISK

LEZIONE 15 HARD DISK LEZIOE 15 HARD DIK 15.1 Descrizione generale Un hard disk (o disco magnetico) consiste di un insieme di piatti che ruotano attorno ad un asse ad una velocità compresa tra 3600 e 7200 giri al minuto (oggi

Dettagli

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Introduzione La memorizzazione dei dati è un aspetto molto importante dell informatica Oggi, mediante i computer, è possibile memorizzare e modificare

Dettagli

Gestione della memoria di massa

Gestione della memoria di massa Contenuti Gestione della memoria di massa Memoria di massa Struttura del disco Collegamento dei dischi Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Strutture RAID Implementazione

Dettagli