TAR PUGLIA BARI, MASSIME MAGGIO 2012 Iª SEZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TAR PUGLIA BARI, MASSIME MAGGIO 2012 Iª SEZIONE"

Transcript

1 TAR PUGLIA BARI, MASSIME MAGGIO 2012 Iª SEZIONE Tar Puglia Bari, Sez. I, 4 maggio 2012, n. 882 Pres. Allegretta Est. Picone C. s.r.l. (avv. Profeta) c. Regione Puglia (avv. Bucci) e Comune di Monopoli (avv. ti Dibello e Nocera). Edilizie Ristrutturazione Urbanistica Tipizzazione Urbanistica Variante Approvazione - Piano Urbanistico Generale Valutazione Standards e Esigenze Urbanistiche della Zona. In tema di edilizia ed urbanistica, in caso di ritipizzazione urbanistica di un terreno, l approvazione della relativa variante deve confluire nel procedimento di formazione del nuovo piano urbanistico generale (P.U.G.), dal momento che l impianto del nuovo strumento urbanistico, ha lo scopo di apprezzare con maggiore consapevolezza il fabbisogno di standards e, più in generale, la situazione esistente e le prospettive di sviluppo urbanistico della zona; infatti la sede connaturale dell istruttoria sull effettivo ed attuale fabbisogno di standards è proprio il complesso procedimento di formazione del nuovo strumento urbanistico generale, che tipicamente consente una compiuta visione d insieme delle problematiche presenti sul territorio cittadino e dell eventuale deficit di attrezzature collettive ed urbanizzazioni primarie e secondarie, in una specifica zona. Tar Puglia, Bari, Sez. I. 4 maggio 2012, n. 883 Pres. Allegretta Est. Picone S. s.p.a. (avv. ti G. Mescia e A. Mescia) c. Regione Puglia (avv. Lancieri) Energie Impianti Eolici - Corte Costituzionale - Dichiarazione d Illegittimità di una Legge Regionale Delibera Regionale Rapporto di Presupposizione Illegittimità - Annullabilità. In tema di impianti eolici, deve essere annullata una delibera regionale recante la definitiva approvazione del P.R.I.E (piani regolatori degli impianti eolici), in quanto la previsione a livello regionale di tali piani regolatori è stata dichiarata illegittima dalla Corte costituzionale, di conseguenza, stante l evidente rapporto di presupposizione tra le norme regionali dichiarate incostituzionali e la delibera, quest ultima viene travolta dalla dichiarazione d incostituzionalità della normativa regionale posta a suo presupposto, dal momento che la dichiarazione di illegittimità costituzionale di una norma ha efficacia erga omnes e retroattiva ed è quindi applicabile non solo al giudizio nel corso del quale è stata sollevata la questione, ma d ufficio a tutti i giudizi non ancora definiti con sentenza passata in giudicato. 1

2 Tar Puglia, Bari, Sez. I, 4 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Picone R. F. (avv. Coda) c. Regione Puglia (avv. Altamura) Commissario straordinario- Poteri dell'amministrazione- Provvedimento di revoca dell'incarico a commissario: legittimità. E' legittimo il provvedimento con cui l'amministrazione revochi l'incarico a commissario straordinario dell'ente ove si configuri la commistione fra il ruolo di commissario e di consigliere designato da una delle organizzazioni di categoria che concorrono alla formazione dell organo elettivo. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 4 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Picone I.A. s.r.l.(avv.ti Massa e Cantobelli) c. Ferrovie Appulo Lucane s.r.l. (avv. Piselli) Tutela davanti al giudice amministrativo: ricorso giudiziale- Questioni pregiudiziali: materia di appalto-notifica ricorso introduttivo: termini; errore scusabile; rimessione- Inammissibilità del ricorso. In tema di appalti pubblici, l'impugnativa è inammissibile ove il ricorso introduttivo del giudizio venga notificato alla controparte oltre il termine decadenziale di trenta giorni previsto ex art. 120, quinto comma, cod.proc.amm.e non ricorrano i presupposti per riconoscere l'errore scusabile e consentire, quindi, la rimissione in termini. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 4 maggio 2012, n Pres. Morea Est. Adamo R. C. più altri (avv.ti De Marco, Pappalepore) c. Comune di Bari (avv.ti Lonero Baldassarri, Farnelli). Urbanistica Convenzioni di lottizzazione Competenze organi tecnici comunali. Urbanistica Convenzioni di lottizzazione Competenza giunta e consiglio comunale. Urbanistica Convenzioni di lottizzazione Viabilità di accesso Valutazione di idoneità Competenza organi comunali. Risarcimento del danno Danno da ritardo Necessità di un quid pluris. In materia urbanistica, l apparato tecnico comunale è tenuto alla verifica della conformità dell intervento lottizzatorio alla disciplina attuale del territorio ma non può esprimere alcuna valutazione di merito sull opportunità o convenienza dell intervento che si sovrapponga e annulli quella predeterminata dagli atti pianificatori. 2

3 In materia urbanistica, il compito spettante alla Giunta e al Consiglio comunale è limitato alla mera valutazione della congruità del piano di lottizzazione alle previsioni dello strumento urbanistico primario e, nell ipotesi di non congruità, alla luce del principio generale di correttezza dell azione amministrativa, le determinazioni dei suddetti organi comunali dovranno essere puntualmente motivate. Con riferimento ad una convenzione di lottizzazione, la valutazione dell idoneità della viabilità di accesso all area di lottizzazione è certamente di pertinenza degli organi comunali ma deve aver luogo esclusivamente nell ambito della redazione dello strumento pianificatorio generale. Il riconoscimento della responsabilità della P.A. per il tardivo esercizio della funzione amministrativa richiede, oltre alla constatazione della violazione dei termini del procedimento, l accertamento che l inosservanza delle cadenze procedimentali sia imputabile univocamente a dolo o colpa dell amministrazione medesima e che il danno lamentato sia conseguenza diretta ed immediata del ritardo dell amministrazione. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 11 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Amovilli E. s.r.l. (avv.ti Grassi, Sanalitro, Damone) c. Regione Puglia (avv.ti Liberti, Fornelli). Processo amministrativo Ricorso giurisdizionale Contra silentium - Improcedibilità Carenza di interesse - Provvedimento P.A. sopravvenuto Domanda incompleta. E improcedibile, per sopravvenuta carenza di interesse, il ricorso giurisdizionale contra silentium nell ipotesi in cui la P.A., nel corso del giudizio instaurato, abbia adottato un provvedimento con cui richiede all interessato di integrare la documentazione incompleta, in quanto tale atto, benché di natura meramente endoprocedimentale, ha comunque interrotto lo stato di inerzia della P.A., la quale, peraltro, ha il diritto di essere posta nella condizione di esaminare compiutamente la domanda. Tar Puglia Bari, Sez. I, 21 maggio 2012, n. 976 Pres. Allegretta Est. Amovilli M. s.r.l. (avv.ti G. Mescia e A. Mescia) c. Provincia di Foggia. Energia - Energia Elettrica da Fonti Rinnovabili Valutazione d impatto Ambientale Rigetto dell Istanza Art. 10 bis L. 241 del 1990 Provvedimento di Diniego Applicabilità. Nell ambito del procedimento unico inerente l'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, 3

4 delineato dal D.Lgs. n. 387/2003, la fase autonoma di valutazione negativa della compatibilità ambientale segna il momento conclusivo della relativa procedura, precludendo all istante l ottenimento dello specifico titolo abilitativo unico; pertanto, a conclusione dell istruttoria, va garantito il confronto dialettico in merito agli elementi che inducono l Amministrazione al rigetto dell istanza, ancorchè parziale, con conseguente ricorrenza dei presupposti tipici per l applicazione del c.d. provvedimento di diniego di cui all art. 10-bis L. 241 del 1990, istituto valevole per tutti i procedimenti ad iniziativa non ufficiosa. Tar Puglia Bari, Sez. I, 21 maggio 2012, n. 977 Pres. Allegretta Est. Cocomile - Z. M. (avv. F. G. Conte) c. Ministero della Difesa (Avvocatura Distrettuale dello Stato di Bari). Lavoro alle Dipendenze della Pubblica Amministrazione - Servizio Militare - Ministero della Difesa - Provvedimento di Rafferma - Presupposto - Atti non Definitivi - Decreto di Citazione in Giudizio Sentenza Penale di Assoluzione Irrevocabile. È illegittimo il provvedimento con cui l Amministrazione dispone la revoca della rafferma del militare ed il suo conseguente collocamento in congedo illimitato, che abbia come presupposto un atto avente natura non definitiva quale il decreto penale di citazione in giudizio, ancor più se, in un momento antecedente all adozione del provvedimento, intervengono il deposito della sentenza penale di assoluzione e l acquisizione del crisma dell irrevocabilità della stessa, circostanze che non possono non essere considerate dall Amministrazione nell istruttoria procedimentale. Tar Puglia Bari, Sez. I, 21 maggio 2012, n. 978 Pres. Allegretta Est. Picone - Fraternità Francescana di Betania (avv.ti A. Loiodice e M. Pinto) c. Comune di Terlizzi (avv. A. Clarizia). Edilizia ed Urbanistica Piano di Alienazioni Immobiliari Varianti Modifica Destinazione Urbanistica Variazioni Volumetriche Superiori al 10% - Compatibilità agli Strumenti Urbanistici di Livello Superiore Giunta Regionale Controllo. In tema di edilizia ed urbanistica, le varianti annesse al piano delle alienazioni immobiliari, laddove comportino modifiche della destinazione urbanistica del terreno posto in vendita o variazioni volumetriche superiori al dieci per cento dei volumi previsti dallo strumento urbanistico vigente, sono sottoposte a controllo di compatibilità rispetto agli atti di pianificazione sovraordinata da parte della Giunta regionale, di conseguenza sussiste l obbligo di trasmissione della delibera comunale 4

5 alla Regione, per la verifica, temporalmente ristretta in soli sessanta giorni, della conformità agli strumenti urbanistici di livello superiore. Tar Puglia Bari, Sez. I, 21 maggio 2012, n. 980 Pres. Allegretta Est. Cocomile A. C. (avv. M. V. Trombetta) c. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia (Avvocatura Distrettuale dello Stato di Bari). Istruzione Pubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (M.i.u.r.) Procedura Concorsuale per Dirigente Scolastico Requisiti di Ammissibilità - Titoli di Studio Diploma Isef Laurea Equiparazione Art. 1 L. n. 136 del Il diploma Isef, conseguito nel 1984 in base al vecchio ordinamento, non può essere considerato titolo sufficiente ai fini dell ammissione alla procedura concorsuale per dirigente scolastico, richiedendo la procedura de qua tra i requisiti di ammissione il possesso di una laurea magistrale o di un titolo equiparato ovvero una laurea conseguita in base al precedente ordinamento; infatti non è possibile sostenere l equipollenza del diploma Isef a quello di laurea, dal momento che l art. 1, L. n. 136 del 2002 riconosce per la prima volta ed in maniera esplicita, l equiparazione del diploma Isef a quello della laurea breve di I livello prevista dal nuovo ordinamento universitario, mentre la situazione antecedente era disciplinata da una norma che nulla affermava sulla presunta equipollenza del diploma Isef al diploma di laurea. Tar Puglia Bari, Sez. I, 21 maggio 2012, n. 981 Pres. Allegretta Est. Amovilli E. s.r.l. (avv. ti S. Grassi, J. Sanalitro e L. V. Damone) c. Regione Puglia (avv.ti M. Liberti e I. Fornelli) Processo Amministrativo Azione Avverso il Silenzio Interesse ad Agire Improcedibilità. Silenzio Silenzio Inadempimento Obbligo di Provvedere Insussistenza - Istanza Mancanza di Documentazione. In tema di silenzio della Pubblica Amministrazione, posto che il presupposto per l'azione contra silentium di cui all art. 117 cod. proc. amm. (e ancor prima di cui all art. 21-bis L. 1034/1971) è da individuarsi nella circostanza che al momento della pronuncia del giudice amministrativo perduri l'inerzia dell'amministrazione, l'adozione di un qualsiasi provvedimento esplicito, in risposta all'istanza dell'interessato, rende il ricorso o inammissibile per carenza originaria dell'interesse ad agire, se il provvedimento interviene prima della proposizione del ricorso, ovvero improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse, se il provvedimento interviene 5

6 nel corso del giudizio instaurato; di conseguenza la richiesta di integrazione documentale effettuata dall amministrazione, benché atto di natura endoprocedimentale e inidoneo a definire il procedimento avviato, ha comunque il potere d interrompere il suesposto stato di inerzia. In tema di silenzio, non può invocarsi l inadempimento dell obbligo di provvedere qualora l istanza non sia corredata di tutta la documentazione necessaria, dovendo l Amministrazione essere posta nella condizione di esaminare compiutamente la domanda, come integrata dall interessato. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 22 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile R.C. s.r.l.- R.s.r.l.(avv. ti A.Mescia e G.Mescia ) c. Regione Puglia (avv.ti Liberti e Gaetano) Ambiente- Valutazione di impatto ambientale- Silenzio assenso: inoperatività- Principi comunitari. Ambiente- Valutazione di impatto ambientale- Giudizio di compatibilità ambientale: discrezionalità della P.A.- Giudice amministrativo: illogicità e travisamento dei presupposti in sede di valutazione di impatto ambientale. In materia di valutazione dell impatto ambientale dei progetti pubblici e privati non opera il meccanismo del silenzio assenso in quanto, altrimenti, si determinerebbe un contrasto con i principi comunitari, che impongono l esplicitazione delle ragioni di compatibilità ambientale dell intervento sulla base di un analisi sintetico-comparativa ex se incompatibile con il modulo tacito di formazione della volontà amministrativa. Nel giudizio di valutazione di impatto ambientale, specie in sede di verifica preliminare, l Amministrazione esercita un amplissima discrezionalità tecnica sul piano dell apprezzamento degli interessi pubblici in rilievo e della loro ponderazione rispetto all interesse all esecuzione dell opera, censurabile dal giudice amministrativo solo in presenza di macroscopici vizi logici o di travisamento dei presupposti. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 24 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile L. C.- M. V.- M.A.- M. F. (avv.ti De Giosa e De Robertis) c. Comune di Bari (avv.ti Baldi e Lanza) nonché c. Provincia di Bari (avv.ti Minucci e Dipierro) Espropriazione- Dichiarazione di pubblica utilità: termine di efficacia- Decreto di esproprio: illegittimità. In tema di esproprio è illegittimo il decreto adottato dall'amministrazione dopo la scadenza del termine di efficacia della dichiarazione di pubblica utilità ovvero dopo la scadenza del termine dell occupazione d urgenza. 6

7 Tar Puglia, Bari, Sez. I, 24 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile D. A. R. P. (avv.pinto ) c. Università degli Studi di Bari (avv.ti Loizzi e Prudente) Ricostruzione della carriera ex art. 103 d.p.r. 382/1980- Provvedimento della P.A. E' legittimo il provvedimento con cui l'amministrazione neghi il riconoscimento del periodo di frequenza del corso di dottorato di ricerca ai fini della ricostruzione della carriera ex art. 103 d.p.r. n. 382/1980 (come da ultimo novellato dall art. 23 legge n. 488/1999) in quanto tale articolo deve essere interpretato in modo tassativo non essendo, quindi,suscettibile di estensione analogica. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 24 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile G.D. s.r.l. (avv.ti Zaccaria e Profeta) c. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Provveditorato Interregionale per le opere pubbliche di Puglia e Basilica (Avvocatura distrettuale dello Stato di Bari) Appalto- Aggiudicazione- Esclusione dalla gara- Difetto di legittimazione passiva. In tema di appalto, il concorrente che sia stato legittimamente escluso dalla gara non ha interesse e, di conseguenza, non è legittimato a contestare la definitiva aggiudicazione in favore dell'aggiudicatario definitivo. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 24 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile P. s.r.l. (avv.ti E. Sticchi Damiani e A.Sticchi Damiani) c. Azienda Sanitaria Locale Barletta Andria Trani (avv. Zaccaro) Appalto- Offerte: contenuto- Causa di esclusione dalla gara: difetto di sottoscrizione. In tema di appalto, ai sensi dell'art.46, comma 1 bis dlgs n. 163/2006 il difetto di sottoscrizione è legittima causa di esclusione dalla gara della concorrente, che non abbia sottoscritto la propria offerta inviata per via telematica utilizzando firma elettronica digitale. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 24 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile F. M. s.r.l. (avv. Santiapichi) c. Comune di Foggia (avv.ti Barbato e Dragonetti) Appalto- Requisiti dei partecipanti alle procedure di affidamento- Limiti alla 7

8 partecipazione alla gara- Rispetto della normativa in tema di concorrenza. In tema di appalto,l Amministrazione può introdurre nella lex specialis previsioni atte a limitare la platea dei concorrenti, onde consentire la partecipazione alla gara stessa di soggetti particolarmente qualificati, specie per ciò che attiene al possesso dei requisiti di capacità tecnica e finanziaria, tutte le volte in cui tale scelta non sia eccessivamente quanto irragionevolmente limitativa della concorrenza. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 24 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Cocomile D. L. (avv.ti Pappalepore, Derobertis) c. Comune di Noicattaro (avv. Lacoppola). Discrezionalità Discrezionalità nell ambito dell attività di dirigenza degli enti locali Revoca del Presidente del Consiglio comunale Insindacabilità in sede giurisdizionale Obbligo di motivazione. E legittimo il provvedimento di revoca del Presidente del Consiglio comunale fondato su un atteggiamento o comportamento incompatibile con il suo ruolo istituzionale super partes, in grado di compromettere il rapporto di fiducia intercorrente con l Assemblea consiliare e, inoltre, non sono sindacabili in sede giurisdizionale le ragioni della revoca, fermo restando l obbligo della P.A. di riportarle nel corpo motivazionale del provvedimento stesso. Tar Puglia, Bari, Sez. I, 29 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Picone C. C. + altri (avv.ti Di Mattia e Nardella) c. Comune di San Marco in Lamis (avv. Stilla). Ai sensi dell art. 29 della legge n del 1927 quando un privato agisce nei confronti di una Pubblica Amministrazione al fine di sentir accertare l avvenuto acquisto della proprietà di un fondo ed il convenuto eccepisca l inclusione del bene nel demanio soggetto ad uso civico, la relativa controversia, esigendo la soluzione in via principale e non meramente incidentale della questione della demanialità del bene medesimo, spetta alla cognizione del Commissario regionale per la liquidazione degli usi civici, in quanto attinente all accertamento della titolarità di diritti reali e delle rispettive posizioni soggettive, rientrando poi la disamina dei fatti e delle prove, anche in ordine alla natura demaniale civica del terreno, nella competenza istituzionale del Commissario Tar Puglia, Bari, Sez. I, 29 maggio 2012, n Pres. Allegretta Est. Picone E. P. (Avv. Paccione) c. Comune di Bari (Avv. ti Verna e Lonero Baldassarra). Motivazione del provvedimento Revoca dell assessore comunale. 8

9 Principi dell azione amministrativa Principio di semplificazione procedimentale Revoca dell assessore comunale Deroghe alla legge n. 241/1990. Motivazione del provvedimento Revoca dell assessore comunale Soggetto sottoposto a indagini preliminari Applicabilità delle garanzie del processo penale. Enti pubblici Status degli amministratori locali Obbligo di astensione Limiti. Annullabilità del provvedimento amministrativo Eccesso di potere Revoca dell assessore comunale Contraddittorietà Non sussiste. La natura ampiamente discrezionale del provvedimento di revoca dell incarico di assessore comunale consente di ritenere ammissibile una motivazione basata sulle più ampie valutazioni di opportunità politica ed amministrativa, rimesse in via esclusiva al vertice dell ente locale, in quanto aventi ad oggetto un incarico fiduciario. La revoca dell incarico assessorile soggiace alla massima semplificazione procedimentale, per consentire un immediata soluzione della crisi politica nell ambito del governo dell ente territoriale, con conseguente inapplicabilità delle regole partecipative poste dagli artt. 7 e ss. della legge n. 241 del Nel caso di revoca dell incarico di un assessore sottoposto a indagini preliminari per fatti connessi all esercizio delle sue funzioni politiche ed amministrative, restano ben distinti, da un lato, il piano della eventuale rilevanza penale della condotta addebitata al ricorrente, per la quale operano tutte le garanzie proprie del processo penale e, dall altro, il piano delle conseguenze politiche dell apertura delle indagini, che sono oggetto di valutazione discrezionale da parte del Sindaco, al quale è rimessa la decisione circa il pregiudizio per l immagine dell Amministrazione ed il conseguente venir meno del rapporto fiduciario con l Assessore. L obbligo di astensione disciplinato dall art. 78 del d.lgs. n. 267 del 2000 non opera nel caso in cui l amministratore comunale, adempiendo al dovere di denuncia dei fatti penalmente rilevanti che incombe su tutti i pubblici ufficiali, abbia segnalato una notizia di reato all Autorità giudiziaria e poi, nell esercizio dei propri poteri discrezionali (riconosciuti dalla legislazione sugli enti locali), proprio dalla notizia di reato abbia tratto elementi di fatto che giustificano la rimozione dalla carica di altro amministratore. Non c è contraddittorietà nel contegno del Sindaco, che ha legittimamente deciso di non revocare l incarico di un assessore immediatamente dopo la presentazione della denuncia penale nei suoi confronti, ma di provvedere a tale revoca solo quando la 9

10 notizia dell apertura del relativo procedimento penale è divenuta di pubblico dominio, potendo esser derivato il danno all immagine dell Amministrazione comunale solo dalla diffusione a mezzo stampa della notizia. 10

11 IIª SEZIONE Tar Puglia, Bari, Sez. II, 2 maggio 2012, n. 872 Pres. Est. Guadagno C.C. (Avv. Cassone) c. Politecnico di Bari (Avvocatura Distr.le Stato Di Bari), M.E.C. (avv. Zeni) Accesso Domanda di accesso: contenuto Accesso Domanda di accesso: legittimazione attiva Ratio In materia di accesso agli atti, la domanda di accesso, deve avere un oggetto determinato o almeno determinabile, e non può essere generica; deve riferirsi a specifici documenti senza necessità di un attività di elaborazione di dati da parte del soggetto destinatario della richiesta; deve essere finalizzata alla tutela di uno specifico interesse giuridico di cui il richiedente è portatore; non può essere uno strumento di controllo generalizzato dell operato della P.A. nei cui confronti l accesso viene esercitato; non può assumere il carattere di una indagine o un controllo ispettivo, cui sono ordinariamente preposti organi pubblici. Anche se il diritto di accesso è preordinato ad assicurare la trasparenza dell'attività amministrativa e a favorirne lo svolgimento imparziale, l accesso è consentito soltanto a coloro ai quali gli atti stessi direttamente o indirettamente si rivolgono, e a coloro che se ne possano avvalere per la tutela di una posizione soggettiva che, se non deve assumere necessariamente la consistenza di diritto soggettivo o d interesse legittimo, deve essere giuridicamente tutelata, non potendo identificarsi con il generico ed indistinto interesse di ogni cittadino al buon andamento dell' attività amministrativa. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 2 maggio 2012, n. 873 Pres. Guadagno Est. Pasca P.F. (Avv. Di Cagno) c. A.M.I.U. spa Trani (Avv. Gagliardi La Gala), M.L., C. S. srl Lavoro alle dipendenze della P.A. Reclutamento del personale Procedura selettiva -Illegittimità Lavoro alle dipendenze della P.A. Reclutamento del personale Procedura selettiva -Bando di gara Principio di integrazione legale delle norme del bando Si applica 11

12 Gli atti di approvazione della graduatoria finale di una procedura concorsuale finalizzata all assunzione di personale, a tempo indeterminato, alle dipendenze della P.A., risultano viziati per eccesso di potere, e dunque illegittimi, allorquando la P.A. stessa non faccia corretta applicazione dei criteri selettivi di preferenza previsti dal bando. Nell ipotesi in cui il bando di gara contenga un espresso richiamo a specifiche norme di legge, si applica il generale principio della integrazione legale delle norme del bando, che rende doverosa un interpretazione sistematica della normativa di riferimento e delle disposizioni del bando medesimo, idonea a salvaguardare una logica ed equa integrazione delle norme richiamate. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 2 maggio 2012, n. 874 Pres. Guadagno Est. Pasca S.C. (Avv. De Fazio) c. U.T.G. Prefettura di Bari (Avvocatura Distr.le Stato di Bari) Armi e materie esplodenti In genere Divieto di detenzione Illegittimità - Presupposti È illegittimo per violazione di legge, nonché per eccesso di potere, per difetto di istruttoria e per falsa ed erronea presupposizione in fatto, il decreto con cui venga fatto divieto, a colui che legittimamente detenga un arma, di detenere armi, munizioni e materie esplodenti in genere, nell ipotesi in cui tale provvedimento sia stato disposto a seguito di fatti del tutto eccezionali, verificatisi indipendentemente dal possesso dell arma stessa, peraltro, regolarmente detenuta. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 2 maggio 2012, n. 876 Pres. Guadagno Est. Pasca M.T. (Avv.Piancone) c. Comune di Corato (Avv. Ieva), A.M. Sovvenzioni, contributi e sussidi In genere Esclusione dalla procedura selettiva Legittimità Presupposti Sovvenzioni, contributi e sussidi In genere Esclusione dalla procedura selettiva Illegittimità derivata del provvedimento di esclusione Non sussiste - Presupposti 12

13 È legittima l esclusione da una procedura selettiva per mancata allegazione, alla relativa domanda, della documentazione richiesta a pena di esclusione. Il provvedimento con cui la P.A., a seguito di approfondito esame della pratica e, soprattutto, a seguito dell espletamento di accurata attività istruttoria, disponga l esclusione da una procedura selettiva per mancata allegazione della documentazione richiesta a pena di esclusione, non può dirsi viziato per illegittimità derivata nell ipotesi in cui la P.A. stessa, alla luce di una prima verifica formale, indotta in errore dalle reticenti dichiarazioni previamente rese dallo stesso concorrente, avesse già provveduto a comunicare, a quello, altro provvedimento attestante la regolarità e la completezza della documentazione depositata. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 2 maggio 2012, n. 877 Pres. Guadagno Est. Pasca Comune di Modugno (Avv. Carlucci) c. C.A.S.I. Bari (Avv. Binetti) Processo amministrativo Ricorso giurisdizionale Inammissibilità per omessa notifica al controinteressato. È inammissibile il ricorso che non venga notificato ad almeno uno dei controinteressati, ossia a coloro i quali vantino una posizione soggettiva qualificata di controinteresse, connessa alla conservazione degli effetti del provvedimento che si impugna. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n. 930 Pres. Guadagno Est. Pasca L.G.T. srl (Avv. Caputi Jambrenghi) c. Comune di Rodi Garganico, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, S.A. di L.G. & C. s.a.s. (avv.ti D Ambrosio, Dalfino) Demanio e beni pubblici Concessione di beni Assenza di procedura comparativa Legittimità - Presupposti Il provvedimento di rilascio di una concessione demaniale non può dirsi illegittimo per violazione del principio di concorsualità e per assenza di una regolare gara comparativa tra più aspiranti, allorquando lo stesso sia stato disposto in esecuzione delle statuizioni contenute in una decisione del G.A. - al fine di consentire il dovuto 13

14 ripristino dello status quo ante, in ragione dell effetto ex tunc proprio della sentenza del Giudice amministrativo - trattandosi, come tale, di atto dovuto. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n. 931 Pres. Guadagno Est. Pasca S.I. AC3 di C.R.M. & C. s.n.c. (Avv. Operamolla) c. Comune di Zapponeta (avv. Patano) Esecuzione delle decisione giurisdizionali (ottemperanza) Commissario ad acta Competenza. L ambito dei poteri conferiti al Commissario ad acta investe la totalità delle competenze attribuite in via ordinaria ai diversi organi dell Amministrazione inadempiente, dovendosi garantire una sostituzione idonea e sufficiente a determinare l effetto dovuto e la piena attuazione della pretesa. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n. 932 Pres. Guadagno Est. Pasca P.M. (Avv.Guelfi) c. Commissione Esami Avvocato c/o C.A. Torino; Commissione Esami Avvocato c/o C.A. Bari, Ministero della Giustizia (Avvocatura Distr.le Stato di Bari) Concorso pubblico - Esame di Stato per l abilitazione forense Esclusione Illegittimità del provvedimento per vizio di motivazione Non sussiste Discrezionalità Discrezionalità tecnica nell ambito di una procedura concorsuale - In particolare: Esame di Stato per l abilitazione forense - Motivazione del provvedimento discrezionale tecnico Sindacabilità Presupposti e limiti È infondato il ricorso con cui si lamenti un presunto vizio di motivazione nel giudizio di non ammissione espresso solo con voto alfanumerico, essendo ormai consolidato l orientamento della giurisprudenza di secondo grado, relativo alla ritenuta insussistenza dell obbligo della Commissione di apporre segni grafici e correzioni sugli elaborati volti a consentire una ricostruzione logica dell iter che ha condotto alla non ammissione, e correlativamente, alla ritenuta idoneità e sufficienza del voto numerico ad esprimere detto giudizio anche con riferimento ai profili motivazionali. Il giudizio di non ammissione, nell ambito di una procedura concorsuale per titoli ed esami, espresso con voto alfanumerico o in maniera analitica, è espressione di 14

15 discrezionalità tecnica della P.A., come tale non censurabile in sede di legittimità, salvo che per profili macroscopici. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n. 933 Pres. Guadagno Est. Pasca S.M.C. (Avv.ti Piazzolla, Nanula) c. Comune di Margherita di Savoia (Avv. Schittulli) Autotutela Annullamento d ufficio In pendenza del Giudizio - Conseguenze L annullamento in autotutela di un provvedimento previamente emesso e di quelli ad esso connessi e consequenziali, che siano oggetto di impugnazione dinanzi al G.A., comporta la cessazione della materia del contendere e l improcedibilità del ricorso, allorquando l autoannullamento sia intervenuto in corso di causa e possano dirsi integralmente soddisfatte le pretese del ricorrente per via dell autonoma revisione operata dalla P.A. stessa. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n. 935 Pres. Guadagno Est. Pasca M.V. (Avv. Cataldi) c. Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico di Bari (Avv.ti Bello, Delle Donne), F.R. Accesso Domanda di accesso : contenuto. Accesso Domanda di accesso Provvedimento della P.A. in parte favorevole Mancata impugnazione del provvedimento e reiterazione della medesima istanza di accesso - Silenzio rifiuto della P.A. Conseguenze. La richiesta di accesso ai documenti deve essere puntualmente motivata e deve presentare nel suo contenuto requisiti di logica connessione e strumentalità rispetto al fine perseguito e alla possibilità di esperimento di azione giurisdizionale a tutela di posizioni soggettive asseritamente lese. Nell ipotesi in cui la procedura di accesso documentale si sia conclusa con provvedimento espresso della P.A. che abbia soddisfatto solo parzialmente le richieste del privato, e siano inesorabilmente decorsi i termini decadenziali per procedere all impugnativa dello stesso, le ulteriori istanze di accesso proposte dal ricorrente, aventi medesimo contenuto, e rimaste inevase dalla stessa P.A., non possono essere soddisfatte in sede giurisdizionale per assoluto difetto di interesse in capo al ricorrente, in quanto trattasi di istanze prive di qualsivoglia utilità e di alcun logico 15

16 collegamento con la concreta possibilità di tutela giurisdizionale, attesa la sopravvenuta inoppugnabilità del provvedimento conclusivo della procedura. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n Pres. Guadagno Est. Pasca M.V. (avv. I.Cataldi) c. Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico di Bari (avv. F.P.Bello), C.S. (avv. L.Paccione). Accesso Domanda di accesso: contenuto. Accesso Casi di esclusione del diritto di accesso Inesistenza degli atti. Accesso- Inammissibilità del ricorso Casi. La richiesta di accesso ai documenti amministrativi deve essere puntualmente motivata e deve presentare nel suo contenuto requisiti di logica connessione e strumentalità rispetto al fine perseguito ed alla possibilità di esperimento di azione giurisdizionale a tutela di posizioni soggettive asseritamente lese. E' evidentemente inammissibile per inesistenza degli atti richiesti, una istanza di accesso volta ad ottenere la copia di provvedimenti di proroga di incarichi qualora sia intervenuta una proroga tacita degli stessi. La pronuncia di inammissibilità del ricorso teso all'annullamento del silenzio-rifiuto formatosi su istanza di accesso a documentazione amministrativa può trovare la sua ragion d'essere sia nell inesistenza della documentazione richiesta (ragion per cui la stessa istanza di accesso risulta inammissibile) che nella, eventuale, già intervenuta soddisfazione della domanda di accesso. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n Pres. Guadagno Est. Zonno A.C. (avv.ti P. Medina e M.Vitone) c. Comune di Bari (avv. R. Basile), G.B. (avv. G. Corrente). Processo amministrativo Ricorso giurisdizionale Ricorso per motivi aggiunti Violazione del principio di concentrazione dei motivi di doglianza Inammissibilità. In virtù del principio di concentrazione dei motivi di doglianza, il ricorrente ha l'onere di formulare ogni contestazione possibile avverso il provvedimento impugnato in un unica fase della vicenda contenziosa, senza che le successive vicende processuali possano costituire motivo per proporre censure che già potevano essere mosse. Tale principio altro non è che espressione della clausola generale di certezza delle situazioni giuridiche (nel predicato della stabilità degli atti dell amministrazione), nonché di correttezza e buona fede che deve improntare anche l esercizio del diritto di 16

17 agire in giudizio e che preclude che lo stesso sia esercitato in modo tale da aggravare la difesa processuale della parte resistente (o del controinteressato). Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n Pres. Guadagno Est. Zonno M.F. (avv.ti M.Vernola e M. Vernola) c. Azienda Sanitaria Locale Bari (avv. E. Trotta), Regione Puglia (avv. M. Rosato) e Azienda Ospedaliera F. Fallacara Triggiano. Giurisdizione Giurisdizione amministrativa In materia di pubblico impiego Procedura stabilizzazione personale precario Sussiste. Lavoro alle dipendenze della P.A. - Accesso - Principio del pubblico concorso - Procedura stabilizzazione personale precario Eccezione - Giustificazione - Necessità - Interpretazione restrittiva Sussiste. Lavoro alle dipendenza della P.A. - Procedura stabilizzazione personale precario Ratio. Lavoro alle dipendenza della P.A. - Accesso - Principio del pubblico concorso - Procedura stabilizzazione personale precario Eccezione - Personale titolare di rapporto di lavoro a tempo indeterminato Esclusione - Interpretazione restrittiva - Sussiste - Costituzionalità Sussiste. Procedimento amministrativo Provvedimento definitivo Annullamento in autotutela Atti endoprocedimentali Annullamento implicito. Procedimento amministrativo Provvedimento definitivo Annullamento in autotutela - Tutela dell'affidamento Responsabilità da atto lecito Azione risarcitoria - Esperibilità. Si ritiene correttamente instaurata dinanzi al G.A. una controversia inerente l'annullamento dell'esito di una procedura selettiva per la stabilizzazione del personale precario - essendosi in presenza di procedura concorsuale; (cfr. TAR Puglia sent. n. 202/2011). La procedura di stabilizzazione del personale precario, prevista dalla legge regionale, integrando un eccezione al principio del pubblico concorso come esclusivo strumento per l accesso al pubblico impiego, deve essere oggetto di una interpretazione restrittiva, sia appunto in quanto normativa eccezionale rispetto alla regola, sia al fine di garantirne la compatibilità con il principio di uguaglianza anche sostanziale di cui all art. 3 della Costituzione. È altrettanto logico ritenere non solo in conformità dei principi generali dell ordinamento, ma anche per esigenza di coerenza sul piano logico, che detta 17

18 eccezione debba essere giustificata, incorrendosi altrimenti in una incostituzionalità della normativa di che trattasi. Il concetto di stabilizzazione trova logico ed indefettibile presupposto anzitutto nella esistenza in atto di un rapporto precario da stabilizzare. L eliminazione del precariato costituisce, in presenza di determinate condizioni (ad es. rapporto precario in atto da un certo periodo di tempo ovvero non obsoleto ovvero relativo a determinate posizioni) preordinate a verificare la coincidenza della detta stabilizzazione con le esigenze organizzative della Pubblica Amministrazione, apprezzabile interesse pubblico idoneo a giustificare l eccezione alla regola della concorsualità in modo compatibile con i principi costituzionali. In riferimento al contrasto con l art 97 Cost, l eccezionalità del ricorso all istituto della stabilizzazione - quale deroga alla fondamentale regola costituzionale dell accesso mediante concorso pubblico - perderebbe ogni ragionevolezza in riferimento al principio di buon andamento se ampliata in favore di personale titolare comunque di un rapporto a tempo indeterminato, pur se quiescente, con conseguente incostituzionalità sotto questo profilo, in relazione ai consolidati parametri tracciati dalla Consulta (sent. n. 194/2002, n. 1/1999, n. 333/1993, n. 453/1990 e n. 81/1983). I provvedimenti posti a fondamento della stabilizzazione del personale precario, a seguito dell'annullamento dell'esito della procedura selettiva all'uopo espletata, vanno considerati implicitamente annullati, e cioè eliminati con efficacia retroattiva dal mondo giuridico. Il comportamento dell Amministrazione che abbia annullato l'esito di una procedura selettiva relativa alla stabilizzazione del personale precario, avendo minato le aspettative del dipendente precario escluso dal processo di stabilizzazione, potrebbe generare responsabilità da atto lecito con obbligo risarcitorio per la P.A., sempre che il danneggiato formuli tempestiva domanda in tal senso e fornisca adeguata prova dei danni subiti. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n Pres. Guadagno Est. Zonno Comune di Rutigliano (avv. E. Martucci) c. Regione Puglia (avv. M. Torrente), P.S. spa. Sovvenzioni, contributi, sussidi Bandi di gara Infrastrutture Realizzazione - Gestione Sostenibilità finanziaria Mancata dimostrazione - Provvedimento di esclusione Legittimità. Sovvenzioni, contributi, sussidi Bandi di gara Soggetto beneficiario Soggetto gestore Differenza. Sovvenzioni, contributi, sussidi Bandi di gara Provvedimento di esclusione Motivazione Sufficienza. 18

19 Sovvenzioni, contributi, sussidi Bandi di gara Provvedimento di escluzione Motivazione Sufficienza Ragionevolezza- Differenza. Sovvenzioni, contributi, sussidi Bandi di gara Criteri selettivi Conformità Assenza Inammissibilità. Nell'ambito di una selezione pubblica per la concessione di finanziamenti finalizzati alla realizzazione di infrastrutture, è legittimo il provvedimento con cui l'amministrazione procedente esclude l'ente locale candidato al finanziamento, non essendo stata dimostrata la sostenibilità finanziaria della gestione degli interventi proposti. L obbligo di dimostrare la sostenibilità finanziaria della gestione degli interventi realizzandi deriva dal canone di buona amministrazione perché mira ad assicurare che il finanziamento non sia destinato ad opere che vengano poi mal gestite o addirittura rese non fruibili per la collettività a causa dei deficit gestionali. Nell'ambito di una selezione pubblica è legittimo il provvedimento amministrativo con cui viene escluso dal finanziamento un ente locale candidato, a fronte della presentazione di un progetto che, differenziando il soggetto gestore dal soggetto beneficiario del finanziamento, ponga problemi in ordine alla garanzia della tenuta in esercizio delle opere una volta che queste siano state realizzate. Una eventuale concessione in gestione gratuita delle opere realizzande, inoltre, qualora comporti entrate nette per il gestore, potrebbe porre problemi di distorsioni del principio comunitario della libera concorrenza. Non si può eccepire l'insufficienza motivazionale del provvedimento di esclusione emesso dall'amministrazione procedente, nell'ambito di una selezione pubblica per la concessione di finanziamenti finalizzati alla realizzazione di infrastrutture, nel caso in cui (nella scheda istruttoria allegata alla graduatoria definitiva) siano state riportate espressamente - seppur sinteticamente - le ragioni e gli elementi posti a fondamento dell'esclusione. Una questione inerente la ragionevolezza motivazionale di un provvedimento amministrativo è differente da una questione riguardante la sufficienza motivazionale dello stesso. Nell'ambito di una selezione pubblica per la concessione di finanziamenti finalizzati alla realizzazione di infrastrutture, gli interventi che non rechino le caratteristiche indicate nell avviso di selezione non possono che essere considerati inammissibili (o se si preferisce, non finanziabili), cioè esclusi dal finanziamento; se così non fosse si opererebbe una sostanziale abrogazione della disciplina all'uopo prevista, il cui precipitato logico sarebbe la assenza di criteri selettivi delle opere di cui si richiede il finanziamento. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n Pres. S. Guadagno - Est. D. Zonno - F. S. (avv.ti G. Chiaia Noya e A. Garofalo) c. Regione Puglia (avv.ti L. Girone e A. Loffredo) e Asl Bari 19

20 Controlli In materia sanitaria Di qualità delle prestazioni sanitarie E sugli accordi contrattuali Revoca e trasferimento ex artt. 27 e 29, co. 4 bis L. R. Puglia n. 8/2004 Rapporto di esclusione. Unione Europea Principio di concorrenza Interpretazione conforme delle norme nazionali. Processo amministrativo Ricorso giurisdizionale Dell atto privo di autonoma lesività - Improcedibilità per originario difetto di interesse. Nessuna interferenza è ipotizzabile tra il procedimento di revoca ed il trasferimento definitivo (ipotesi disciplinate, rispettivamente, ex artt. 27 e 29, co. 4 bis L. R. Puglia n. 8/2004): difatti, le predette ipotesi di trasferimento riguardano i casi in cui, a seguito dell entrata in vigore della normativa regionale richiamata, vi sia la necessità di adeguare i requisiti per l accreditamento provvisorio - già pienamente posseduti dalla struttura sanitaria - a quelli imposti dalla nuova normativa ovvero di provvedere a forme di manutenzione della struttura per garantire il mantenimento dei requisiti stessi, laddove la revoca intende sanzionare l assenza originaria o sopravvenuta dei requisiti legislativamente richiesti ai fini dell accreditamento. Il principio comunitario della libera concorrenza comporta che le norme nazionali non possano essere interpretate in modo tale da determinare ingiustificati vantaggi in capo al soggetto privo dei requisiti legislativamente previsti per l accesso ad un determinato mercato, consentendogli di abbattere i costi derivanti dal rispetto rigoroso della normativa di settore, quegli stessi costi che, invece, gli altri concorrenti rispettosi del principio di legalità sopportano, con ciò beneficiando di condizioni più favorevoli configuranti un illegittimo privilegio. Va dichiarato improcedibile per originario difetto di interesse il ricorso per motivi aggiunti rivolto contro un atto privo di autonoma lesività che si atteggi come mera presa d atto, consequenziale rispetto al provvedimento lesivo impugnato con il ricorso principale, il quale ultimo - laddove accolto comporterebbe la caducazione di ambedue. Tar Puglia, Bari, Sez. II, 16 maggio 2012, n Pres. Guadagno Est. Zonno C.C. (avv. L. Paccione) c. Comune di Bari (avv. M. Lioce). Processo amministrativo Azione di accertamento Disapplicazione atti inoppugnati Inammissibilità. 20

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? 2. Qual è il contenuto del diritto di accesso? 3. Chi può esercitare il diritto di accesso?

1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? 2. Qual è il contenuto del diritto di accesso? 3. Chi può esercitare il diritto di accesso? 1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? L accesso alla documentazione amministrativa costituisce uno degli strumenti di attuazione del principio di trasparenza nell attività della pubblica amministrazione,

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Diritto dell'energia Conferenza di servizi ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 Natura decisoria D.M. 10/09/2012.

Diritto dell'energia Conferenza di servizi ex art. 12 d.lgs. n. 387/2003 Natura decisoria D.M. 10/09/2012. Questioni relative alla natura decisoria della Conferenza di servizi Lex 24.it T.a.r. Marche, Ancona, Sezione 1, Sentenza 9 marzo 2012, n. 182 Procedimento amministrativo Conferenza di servizi Mancato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione di Agrorinasce scrl Agenzia per l innovazione, lo sviluppo e la sicurezza del

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

C O M U N E D I CASTEL SANT ANGELO

C O M U N E D I CASTEL SANT ANGELO Approvato con deliberazione di C.C. n 19 del 29/06/2010 C O M U N E D I CASTEL SANT ANGELO P R O V I N C I A D I R I E T I REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI 2 INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000)

IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) IL PROCESSO AMMINISTRATIVO (aggiornato alla L. 205/2000) LA GIURISDIZIONE CFR. CORTE COSTITUZIONALE, 6 LUGLIO 2004, N. 204 (reperibile su www.cortecostituzionale.it ): illegittimità costituzionale dell

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

4) La violazione del principio di ragionevolezza determina: A) Violazione di legge. B) Eccesso di potere.

4) La violazione del principio di ragionevolezza determina: A) Violazione di legge. B) Eccesso di potere. Questionario n. 4 L attività della pubblica amministrazione 1) La pubblica amministrazione agisce: A) Secondo le norme di diritto privato, nella adozione di atti di natura non autoritativa e salvo che

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Originale DETERMINAZIONE N. 102 del 17/02/2015 AREA 4 - AMMINISTRAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE - SERVIZI DEMOGRAFICI Servizio amministrazione del personale Oggetto:

Dettagli

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE

CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE CAPITOLO XXVI IL RIPARTO DI GIURISDIZIONE 1. Inquadramento del problema della giurisdizione 2. Evoluzione storica dei criteri di riparto della giurisdizione e quadro normativo di riferimento 2.1 La legge

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO SEZIONE TERZA QUATER ha pronunciato la seguente SENTENZA sui ricorsi riuniti n. 9338 e n. 9505 del 2005 proposti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale (Omissis)

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il Garante. Parere n. 12 del 4 novembre 2014. Ufficio Garante dei Diritti

Il Garante. Parere n. 12 del 4 novembre 2014. Ufficio Garante dei Diritti Il Garante Parere n. 12 del 4 novembre 2014 Oggetto: Procedura comparativa per assegnazione di incarico di insegnamento in Omissis giudizio espresso meramente in punteggi - necessità di motivazione assenza

Dettagli

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l iter dei procedimenti amministrativi dell Agenzia Forestale Regionale dell Umbria. 2. In particolare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 43 del 30.06.2010 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 68 del 27.09.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l.

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 Procedure di assunzione 1- Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Parere n.69 del 14/10/2014 PREC 210/14/L Oggetto: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. n. 163/2006

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA

www.ildirittoamministrativo.it NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA NOTA A CONSIGLIO DI STATO SEZIONE TERZA SENTENZA 9 Maggio 2014, n. 2376 A cura di DARIO CARLO ROBERTO GIUNTA Sull esercizio del c.d. potere di soccorso in materia di gare pubbliche Inquadramento della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda) N. 00031/2015 REG.PROV.COLL. N. 01106/2005 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda)

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori:

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania, Sezione III, composto dai Signori: Sentenza n. 2045/05 del TAR Campania in tema di equipollenza dei titoli di studio (nella specie: laurea in Economia del commercio e dei mercati valutari rispetto a Economia e commercio). Registro sentenze:

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Non si ritiene assolto l'obbligo di dimostrazione dei requisiti di partecipazione ex art. 48 del D. Lgs. 163/2006 qualora vengano prodotti documenti aventi ad oggetto servizi difformi da quelli dichiarati

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Massimiliano Silvetti Avv. Michele Maccarone IL COLLEGIO DI ROMA Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32

TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32 TAR LAZIO, Roma, sez. III, 3 gennaio 2012, n. 32 FATTO e DIRITTO L'odierno ricorrente, magistrato amministrativo, è stato sottoposto dal CPGA a procedimento disciplinare per avere "deliberatamente offeso

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125

Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125 Al Signor Presidente On. Giorgio Napolitano Palazzo del Quirinale Fax 06/46993125 OGGETTO: Richiesta di esame e di intervento sulla proposta di modifica del d.lgs 27 ottobre 2009, n. 150, ed in particolare

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni 1 SOMMARIO Art. 1 - Principi generali... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione... 2 Art. 3 - Responsabilità

Dettagli

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizioni CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II MODALITÀ DI ACCESSO Art. 3 Responsabile del

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 05924/2013REG.PROV.COLL. N. 05490/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 04642/2012REG.PROV.COLL. N. 07602/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati.

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5 Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati Cons. St.,

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA

INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA INVITALIA AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO DI IMPRESA IL COMMISSARIO AD ACTA DELIBERAZIONE n.1 del 15.2.2013 PREMESSO CHE: Con sentenza emessa dal TAR del LAZIO sede

Dettagli

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI Dicembre 2009 TITOLO I DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829 Sulle circolari della Direzione generale della giustizia civile in materia di iscrizione e controllo sugli organismi di mediazione e sugli enti formatori. Richiesta di chiarimenti 1. In ordine alla circolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. RE02.PGAP01 Pag. 1 a 7 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U.

LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. LA DIFESA DEL CITTADINO NELL ESPROPRIAZIONE PER P.U. 1 APPOSIZIONE DEL VINCOLO PREORDINATO ALL ESPROPRIO E COMUNICAZIONE DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO La questione... 1 Analisi dello scenario... 2 Inquadramento

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio?

TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio? TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio? La conferenza di servizi ha la funzione di sintetizzare plurime espressioni di volontà ugualmente e distintamente necessarie per il corretto espletamento

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

IL POTERE DI AUTOTUTELA DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA

IL POTERE DI AUTOTUTELA DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA DEFINIZIONE L autotutela consiste nella possibilità della PA di provvedere essa stessa a risolvere conflitti, attuali o potenziali: insorgenti con altri soggetti; in relazione

Dettagli

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale

Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale Ristoro delle spese legali del dipendente coinvolto in procedimento penale di Fabio Petracci, Piergiuseppe Parisi Da Guida al Lavoro del 21.2.2014 - n. 8 Nel caso vagliato e deciso dal giudice pordenonese,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria. (Sezione Prima) SENTENZA T.A.R. Liguria, sez. I, 15 gennaio 2014, n. 96 Edilizia e urbanistica - Sanatoria edilizia - Reiezione di concessione in sanatoria per mancanza requisiti di abitabilità - Legittimità. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente N. 01730/2012 REG.PROV.COLL. N. 00698/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio

PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio ALLEGATO A PIANO ANTICORRUZIONE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLE MARCHE Mappatura dei processi e valutazione e trattamento del rischio Area A : Acquisizione e progressione del personale Reclutamento personale:

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACCESSO AGLI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSIGLIERI COMUNALI.

REGOLAMENTO PER ACCESSO AGLI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSIGLIERI COMUNALI. REGOLAMENTO PER ACCESSO AGLI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSIGLIERI COMUNALI. Approvato con delibera di C.C. n. 4 del 08/03/2012 Articolo 1 - Diritto d accesso nozioni e principi Articolo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA T.A.R. Lazio, Roma, sez. II-bis, 3 giugno 2013, n. 5538 Edilizia e urbanistica - Rilascio permesso di costruire in assenza di piano attuativo - Possibilità qualora previsto dalle norme di piano regolatore,

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, SENTENZA R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, Sezione III, composto dai Signori: Stefano Baccarini Germana Panzironi Giulia Ferrari

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Parere n.62 del 14/10/2014 PREC 95/14/S OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 presentata dalla Ecosprint

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA (in vigore dal 08/10/2011) Visto il capo V della

Dettagli

fondamento normativo Art. 2 legge n. 241 del 1990:

fondamento normativo Art. 2 legge n. 241 del 1990: Il silenzio fondamento normativo Art. 2 legge n. 241 del 1990: ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad una istanza, ovvero debba essere iniziato d'ufficio, la pubblica amministrazione ha il dovere

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del Procedimento AVVISO PUBBLICO di procedura comparativa per conferimento incarico di domiciliazione avanti il Tribunale di Roma nel procedimento di ingiunzione nei confronti del Ministero della Giustizia e successive

Dettagli

della sentenza del T.A.R. PUGLIA - BARI: SEZIONE II n. 00622/2011, resa tra le parti, concernente SILENZIO P.A. -

della sentenza del T.A.R. PUGLIA - BARI: SEZIONE II n. 00622/2011, resa tra le parti, concernente SILENZIO P.A. - N. 06995/2011REG.PROV.COLL. N. 06233/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

Dettagli

REGOLAMENTO ASSUNZIONI

REGOLAMENTO ASSUNZIONI REGOLAMENTO ASSUNZIONI CRITERI E MODALITÀ DI RECLUTAMENTO DEL PERSONALE UNIACQUE S.P.A. Sede Legale: via E. Novelli 11, 24122 Bergamo Sede Amministrativa: via Malpaga 22, 24050 Ghisalba (BG) tel. +39 0363

Dettagli