REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente"

Transcript

1 N. 4286/03 Reg.Dec. N Reg.Ric. Anno: 2002 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso in appello n del 2002, proposto dal Consorzio di bonifica integrale dei fiumi Foglia, Metauro e Cesano, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Alessandro Pace e Ottavio Grandinetti, ed elettivamente domiciliato in Roma, alla piazza delle Muse n. 8, presso lo studio legale Pace-Associazione professionale; contro la Regione Marche, in persona del presidente pro tempore della giunta personale, rappresentato e difeso dall avvocato Franco Gaetano Scoca, presso il cui studio è elettivamente domiciliato in Roma, alla via G. paisiello n. 55; e nei confronti della Provincia di Pesaro-Urbino, in persona del presidente pro tempore della giunta provinciale, rappresentato e difeso dagli avvocati Guido Romanelli e Aldo Valentini, ed elettivamente domiciliato in Roma, alla via Pacuvio n. 34, presso lo studio dell avvocato Guido Romanelli; nonché nei confronti del signor Adamo Manzaroli, non costituitosi in giudizio; per la riforma della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale del TAR per le Marche, 2 settembre 2002, n. 979, e per l accoglimento del ricorso di primo grado n. 140 del 2002; Visto il ricorso in appello, con i relativi allegati; Vista la memoria di costituzione in giudizio della Regione Marche, depositata in data 25 novembre 2002, integrata con una memoria depositata in data 7 marzo 2003; Vista la memoria di costituzione in giudizio della Provincia di Pesaro-Urbino, depositata in data 26 novembre 2002, integrata con una memoria depositata in data 3 marzo 2003; Vista la memoria depositata dall'appellante in data 7 marzo 2003; Visti gli atti tutti del giudizio; Vista l ordinanza con cui la Sezione, in data 26 novembre 2002, ha respinto la domanda incidentale dell appellante, proposta ai sensi dell art. 33 della legge 6 dicembre 1971, n. 1034; Data per letta la relazione del Consigliere di Stato Luigi Maruotti all udienza del 18 marzo 2003; Uditi l avvocato Alessandro Pace per il Consorzio appellante e l avvocato Franco Gaetano Scoca per la Regione Marche e l avv. Guido Romanelli per la Provincia di Pesaro e Urbino; Considerato in fatto e in diritto quanto segue: Fatto 1. Con la deliberazione n dell 11 dicembre 2001, la giunta regionale delle Marche:

2 - ha preso atto della normativa vigente in materia di progettazione, realizzazione e gestione delle opere idrauliche di competenza regionale e delle opere e degli impianti riguardanti la difesa del suolo; - ha rilevato che, conseguentemente, i Consorzi di Bonifica non potranno più esigere il ruolo di bonifica per la manutenzione e l esercizio delle opere indicate nella medesima deliberazione. Il Consorzio appellante, col ricorso di primo grado, ha impugnato innanzi al TAR per le Marche la deliberazione n del 2001, di cui ha chiesto l annullamento. Con la sentenza impugnata, il TAR ha respinto il ricorso ed ha compensato tra le parti le spese e gli onorari del giudizio. 2. Col gravame in esame, il Consorzio ha impugnato la sentenza del TAR ed ha chiesto che, in sua riforma, il ricorso di primo grado sia accolto. Si è costituita in giudizio la Regione Marche, che ha chiesto il rigetto del gravame. Si è altresì costituita in giudizio la Provincia di Pesaro-Urbino, che ha chiesto che l appello sia dichiarato inammissibile ovvero sia respinto, perché infondato. Nel corso del giudizio, le parti hanno depositato distinte memorie, con cui hanno approfondito le questioni controverse ed hanno insistito nelle già formulate conclusioni. La Sezione, con una ordinanza resa nel corso della camera di consiglio del 26 novembre 2002, ha respinto la domanda cautelare formulata dal Consorzio appellante ai sensi dell art. 33 della legge n del All udienza del 18 marzo 2003 la causa è stata trattenuta in decisione. Diritto 1. Con i primi due punti del dispositivo della deliberazione n dell 11 dicembre 2001, la giunta regionale delle Marche - ha rilevato l entrata in vigore dell art. 52, comma 1, lettera c), della legge regionale 17 maggio 1999, n. 10, per il quale sono attribuite alle Province le funzioni amministrative concernenti... la progettazione, la realizzazione e la gestione delle opere idrauliche"e dell art. 16, comma 1, della legge regionale 25 maggio 1999, n. 13, per il quale sono conferite alle Province le funzioni amministrative di competenza regionale concernenti... la progettazione, la realizzazione e gestione delle opere idrauliche, la polizia idraulica, il pronto intervento idraulico, la polizia delle acque, il servizio idrometrico e di piena, la gestione e la manutenzione delle opere e degli impianti e la conservazione dei beni interessanti la difesa del suolo"; - ha osservato che, poiché le attività di bonifica fanno parte della più ampia azione pubblica per la difesa del suolo.. e il corretto uso delle risorse idriche, in una concezione globale degli interventi sul territorio, "conseguentemente, i Consorzi di bonifica non potranno più esigere il ruolo di bonifica per la manutenzione e l esercizio delle opere indicate nella medesima deliberazione. Con il terzo punto del medesimo dispositivo, la Regione ha invitato i medesimi Consorzi a formulare documentate proposte, che la Regione avrebbe valutato per elaborare i criteri e i limiti da tenere presente per l adozione dei nuovi piani di classifica (previsti dall art. 25 della legge regionale 17 aprile 1985, n. 13 su iniziativa dei Consorzi). Col ricorso di primo grado, proposto al TAR per le Marche, il Consorzio di bonifica ora appellante ha impugnato la delibera regionale ed ha dedotto che essa avrebbe illegittimamente inciso sulle sue competenze e sulle fonti in base alle quali queste possono essere concretamente esercitate. In questa sede, il Consorzio ha riproposto le originarie censure, respinte dal TAR con la sentenza impugnata, ed ha formulato quattro articolati motivi di gravame. 2. Per il suo carattere preliminare, va esaminata l eccezione di inammissibilità del ricorso di primo grado, formulata dalla Provincia di Pesaro-Urbino poiché l impugnato atto della Regione

3 avendo ricostruito il quadro normativo sulle competenze dei Consorzi di bonifica operanti nel territorio regionale - non avrebbe un proprio contenuto provvedimentale. L eccezione va respinta. L art. 73 del decreto legislativo 24 luglio 1977, n. 616, ha trasferito alle Regioni le funzioni esercitate dallo Stato concernenti consorzi di bonifica e di bonifica montana anche regionale". Tra tali funzioni, rientra il potere (già spettante al prefetto ed al Ministro dell agricolture e foreste) di vigilare sui Consorzi e di intervenire, anche in via surrogatoria, per assicurare il buon funzionamento degli enti e la regolare attuazione dei loro fini istituzionali" (art. 66 del testo unico 13 febbraio 1933, n. 215), e dunque anche il potere di emettere provvedimenti di indirizzo che specifichino le competenze spettanti ai Consorzi (al fine di evitare l emanazione di atti illegittimi, perché invasivi della competenza di altri enti pubblici) ed evitino che i Consorzi avanzino infondate pretese creditorie nei confronti dei proprietari consorziati. Poiché i due punti del provvedimento impugnato in primo grado costituiscono espressione del potere regionale di vigilanza e di indirizzo, va ravvisato l interesse a ricorrere del Consorzio che lamenti l incongrua ricostruzione del quadro normativo e la conseguente violazione delle leggi riguardanti le proprie competenze. Può pertanto passarsi all esame dei motivi d appello. 3. Con primo motivo, il Consorzio ha dedotto che la delibera regionale sarebbe illegittima per violazione dell art. 7 della legge n. 241 del Secondo l assunto, la Regione avrebbe dovuto comunicare l avviso dell avvio del procedimento, prima di disporre che i Consorzi di bonifica non possono esigere i ruoli di bonifica per la manutenzione e l esercizio delle opere idrauliche di scolo. La censura va respinta. Come si è esposto in precedenza, la delibera regionale n del 2001 è stata impugnata per la parte ricognitiva ma di per sé potenzialmente lesiva - in cui essa, nell esercizio dei poteri di vigilanza, ha rilevato la sussistenza di competenze delle Province, cui sono state devolute alcune delle originarie competenze dei Consorzi di bonifica. Sotto tale aspetto, tale delibera non doveva essere preceduta da alcun avviso ai Consorzi di bonifica, poiché non ha concretamente disposto alcuna misura amministrativa nei loro confronti, né ha limitato l esercizio dei loro poteri di riscossione: essendovi stata la sola ricostruzione del quadro normativo vigente, la mancanza di statuizioni incidenti sulle competenze dei Consorzi non rende neppure ravvisabile per tal parte - l esistenza di un procedimento amministrativo in senso tecnico. Ciò comporta che correttamente la Regione ha attivato uno specifico procedimento per acquisire le proposte dei Consorzi di bonifica - solo in relazione al punto 3 del dispositivo della delibera (di per sé avente natura soprassessoria), riguardante l elaborazione dei criteri per l adozione dei piani di classifica (previsti dall art. 25 della legge regionale 17 aprile 1985, n. 13). 4. Con le altre censure, il Consorzio appellante ha lamentato che la impugnata delibera regionale ha erroneamente ricostruito il quadro normativo riguardante l ambito delle proprie competenze e, in subordine, ha sollevato alcune questioni di legittimità costituzionale delle leggi regionali, ove esse dovessero essere interpretate nel senso riportato nella medesima delibera. 5. In particolare, col secondo motivo il Consorzio, dopo avere richiamato l evoluzione della normativa in materia, ha lamentato la violazione di legge sotto vari profili (in particolare, del regio decreto n. 215 del 1933, del decreto legislativo n. 152 del 1999, delle leggi regionali n. 13 del 1985, 10 e 13 del 1999), poiché nell ambito della Regione Marche le opere di bonifica risulterebbero ancora di competenza dei Consorzi di bonifica e non delle Province. Ad avviso della Sezione, tale motivo va nel suo complesso respinto, poiché la delibera n del 2001 ha correttamente interpretato la normativa statale e regionale rilevante in materia, caratterizzata

4 a) dalla originaria distinzione tra le opere idrauliche e le attività di bonifica, che è stata poi superata a seguito della attrazione delle attività di bonifica nell ambito del sistema idrico integrato; b) dalla legislazione della Regione Marche che con le riforme disposte con le leggi n. 10 e n. 13 del ha conferito alle Province le funzioni in precedenza svolte dai Consorzi quali concessionari (dapprima dello Stato e poi della Regione). 6. Passando ad esaminare partitamente tali punti, vanno preventivamente sottolineati alcuni principi caratterizzanti l evoluzione della normativa sulle opere idrauliche e quella sull attività di bonifica Le opere idrauliche e le attività di bonifica sono state a lungo disciplinate da distinte leggi in ragione della loro obiettiva diversità. Le opere idrauliche (che riguardano gli interventi di sistemazione di corsi d acqua naturali preesistenti) sono state disciplinate dalla legge 20 marzo 1865, n. 2248, allegato F sui lavori pubblici, trasfusa nel testo unico 25 giugno 1904, n. 523 (modificato, tra l altro, dalla legge 13 luglio 1911, n. 774). L attività di bonifica (che riguarda la realizzazione di strutture artificiali per eliminare l impaludamento e per raccogliere e convogliare le acque sovrabbondanti in canali artificiali di scolo, in base alle caratteristiche idrogeologiche dell area) è stata disciplinata dalla legge 25 giugno 1882, n. 869, cui hanno fatto seguito il testo unico 22 marzo 1900, n. 195, il testo unico 30 dicembre 1923, n. 3256, e il vigente testo unico 13 febbraio 1933, n In particolare, il testo unico n. 215 del 1933, all art. 1, ha definito come opere di bonifica (e di miglioramento fondiario") quelle che si compiono in base ad un piano generale di lavori e di attività coordinate, con rilevanti vantaggi igienici, demografici, economici o sociali, in comprensori in cui cadano laghi, stagni, paludi e terre paludose, o costituiti da terreni montani dissestati nei riguardi idrogeologici e forestali, ovvero da terreni, estensivamente utilizzati per gravi cause d ordine fisico e sociali, e suscettibili, rimosse queste, di una radicale trasformazione dell ordinamento produttivo". In relazione alle opere di bonifica e di miglioramento fondiario, è stata prevista (su iniziativa dei proprietari o, eccezionalmente, anche d ufficio) l istituzione di Consorzi tra i proprietari degli immobili che traggono beneficio dalla bonifica" (art. 54). Il medesimo testo unico all art. 2 ha inoltre specificamente indicato alcune categorie di opere di bonifica particolarmente rilevanti, definendole di competenza dello Stato", in quanto necessarie ai fini generali della bonifica", ed ha disposto all'art. 13 che all esecuzione delle opere di competenza statale... provvede il Ministero dell agricoltura e delle foreste, direttamente o per concessione. La concessione è accordata al consorzio dei proprietari dei beni da bonificare". Pertanto, il testo unico n. 215 del 1933 ha previsto che il Consorzio di bonifica possa eseguire (ovvero gestire): - le opere di interesse particolare" dei proprietari consorziati, cioè quelle previste anche dall art. 38 e riferibili al loro prevalente interesse (secondo i piani approvati alla legge di settore); quali concessionari, le opere di competenza dello Stato", necessarie ai fini generali della bonifica" ed elencate nell art. 2. In tal modo, il testo unico n. 215 del 1933: - similmente alle leggi precedenti, ha riferito alla attività di bonifica essenzialmente la finalità di risanamento dei terreni acquitrinosi e potenzialmente malarici, nonché quella della loro sistemazione e difesa (in ragione della particolare posizione che li rendeva inospitali o comunque poco produttivi), - nell ambito della attività di bonifica così unitariamente considerata, ha elaborato la fondamentale distinzione tra le funzioni dei Consorzi svolte nell interesse particolare" dei

5 proprietari inclusi nel comprensorio (tra i quali rileva soprattutto il diritto privato) e le funzioni pubblicistiche (finalizzate agli interessi pubblici legati alla bonifica e suscettibili di concessioni) Senonché, successivamente le leggi statali hanno superato le risalenti concezioni sulla attività di bonifica (basate sulla sua rilevanza igienico-sanitaria o di miglioramento dei fondi agricoli) e hanno espressamente inserito tale attività nell ambito della più ampia azione pubblica per la difesa del suolo, la tutela, la valorizzazione e il corretto uso delle risorse idriche, nonché per la tutela dell ambiente come ecosistema (in una concezione globale degli interventi sul territorio). L attività di bonifica è così divenuta una delle attività di uso e di valorizzazione delle risorse idriche e di tutela dell ambiente. Vanno al riguardo richiamati: - l art. 1 della legge 18 maggio 1989, n. 183 (recante norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo"), che ha attribuito ai Consorzi di bonifica anche il compito di assicurare la difesa del suolo, il risanamento delle acque, la fruizione e la gestione del patrimonio idrico per gli usi di razionale sviluppo economico e sociale, la tutela degli aspetti ambientali ad essi connessi" (in un sistema in cui i Consorzi concorrono a difendere il territorio ed a valorizzare il suolo e l uso delle risorse idriche); - l art. 27 della legge 5 gennaio 1994, n. 36 (recante disposizioni in materia di risorse idriche"), che ha attribuito ai Consorzi la facoltà di realizzare e gestire le reti a prevalente scopo irriguo, gli impianti per l utilizzazione in agricoltura di acque reflue, gli acquedotti rurali e gli altri impianti funzionali ai sistemi irrigui e di bonifica", oltre alla facoltà previa domanda alle competenti autorità, di utilizzare le acque fluenti nei canali e nei cavi consortili per usi che comportino la restituzione delle acque e siano compatibili con le successive utilizzazioni, ivi compresi la produzione di energia idroelettrica e l approvvigionamento di imprese produttive", con la conseguente applicazione delle disposizioni del testo unico n. 368 del 1904 per i rapporti tra i Consorzi ed i soggetti che praticano tali usi delle risorse idriche. Il legislatore in tal modo ha disciplinato un articolato sistema di programmazione complessiva degli interventi per la difesa del suolo, che ha luogo: - con i piani di bacino, ai quali si devono adeguare i piani generali di bonifica (art. 17, comma 4, della legge n. 183 del 1989); - con l organizzazione territoriale del servizio idrico integrato, fondata sulla delimitazione di ambiti territoriali ottimali, la cui organizzazione e gestione è stata attribuita ai Comuni e alle Province (artt. 8 e 9 della legge n. 183 del 1989). Tali riforme si sono basate su disposizioni di principio, espressamente definite quali principi fondamentali ai sensi dell'articolo 117 della Costituzione" (v. l art. 1, comma 5, della legge n. 183 del 1989 e l art. 33 della legge n. 36 del 1994). Esse sono state ribadite dal decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152 (recante disposizioni sulla tutela delle acque dall inquinamento e recepimento della direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole"), il cui art. 3, comma 6, ha previsto che i consorzi di bonifica e di irrigazione, anche attraverso accordi di programma con le competenti autorità, concorrono alla realizzazione di azioni di salvaguardia ambientale e di risanamento delle acque, anche al fine della loro utilizzazione irrigua, della rinaturalizzazione dei corsi d acqua e della fitodepurazione" Tenuto conto di tali precisazioni, ad avviso della Sezione l impugnata delibera regionale ha correttamente interpretato le leggi della Regione Marche n. 10 e n. 13 del Infatti, l art. 52, comma 1, lettera c), della legge n. 10 del 1999 e l art. 16, comma 1, della legge n. 13 del 1999 ha espressamente attribuito alle Province le funzioni amministrative concernenti la progettazione, la realizzazione e gestione delle opere idrauliche, la polizia idraulica, il

6 pronto intervento idraulico, la polizia delle acque, il servizio idrometrico e di piena, la gestione e la manutenzione delle opere e degli impianti e la conservazione dei beni interessanti la difesa del suolo"). Essi vanno interpretati sulla base delle leggi statali n. 183 del 1989 e n. 64 del 1994 e cioè nel senso che - nell ambito delle opere idrauliche oramai rientranti nell ambito delle competenze provinciali nella Regione Marche - vanno annoverate tutte le opere riguardanti la difesa del suolo, la tutela e la valorizzazione e il corretto uso delle risorse idriche, tra cui quelle in precedenza svolte dai Consorzi di bonifica, quali concessionari. Sotto tale aspetto, va rimarcato come le leggi regionali abbiano disciplinato il sistema idrico integrato sotto un profilo unitario, con l attribuzione delle competenze in materia alle Province, determinando anche un limitato ambito di competenza dei Comuni, ma senza eccettuare le funzioni in precedenza svolte o comunque consentite - dai Consorzi di bonifica, quali concessionari dapprima dello Stato e poi della Regione Marche. Quanto precede comporta che vanno respinte, perché infondate, le censure di violazione delle leggi statali e provinciali, dedotte in questa sede dal Consorzio appellante. 7. Col terzo motivo, il Consorzio ha dedotto che la delibera regionale concretando anche un eccesso di potere - non avrebbe tenuto conto dei principi enunciati dalla Corte Costituzionale, con la sentenza n. 326 del 1998 (che ha dichiarato l illegittimità costituzionale di alcuni articoli della legge regionale 9 maggio 1997, n. 30, per la parte in cui essi avevano disposto il trasferimento alle Province delle funzioni svolte dai Consorzi di bonifica e la loro conseguente soppressione); In particolare, il Consorzio appellante ha richiamato alcuni punti della motivazione di tale sentenza ed ha dedotto che: - solo il legislatore nazionale avrebbe potuto sciogliere definitivamente l intreccio di pubblico e di privato che nei Consorzi si esprime, per separare in modo netto le manifestazioni dell autonomia privata dai caratteri pubblicistici impressi a tali enti dalla legislazione precostituzionale ; - la Regione non avrebbe potuto ignorare la distinzione tra le opere idrauliche e le opere di bonifica, anche perché essa privando i Consorzi di bonifica delle risorse finanziarie derivanti dai contributi di bonifica connessi alle sue funzioni ne rende impossibile il funzionamento in ordine alle residue ed attuali funzioni. Ad avviso della Sezione anche tali doglianze vanno respinte. La invocata sentenza della Corte Costituzionale ha dichiarato l incostituzionalità degli articoli 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13 (commi 2, 3, 4 e 5) e 15 della legge della Regione Marche 9 maggio 1997, n. 30 (che avevano integralmente attribuito alle Province tutte le competenze svolte dai Consorzi di bonifica, con la conseguente estinzione dei Consorzi e la devoluzione alla Regione dei suoi beni e del suo personale), poiché ha chiarito come solo il legislatore nazionale possa incidere sulla esistenza o meno dei Consorzi di Bonifica e modificare la disciplina riguardante i rapporti tra i proprietari dei fondi inclusi nel comprensorio. Essa, invece, ha espressamente ammesso che il legislatore regionale possa dar vita ad un nuovo assetto delle funzioni in materia e attribuire funzioni pubbliche, già esercitate dai Consorzi d bonifica, ad altri enti pubblici, in ispecie territoriali, anche in attuazione e in coerenza con i principi dell ordinamento delle autonomie locali. Inoltre, neppure sono condivisibili le deduzioni (particolarmente sviluppate con gli ulteriori argomenti difensivi, svolti anche nel corso della discussione) secondo cui l attribuzione alle Province delle funzioni riferibili al servizio pubblico integrato renderebbe impossibile il funzionamento del Consorzio per quanto riguarda l attività svolta nell interesse dei proprietari inclusi nel comprensorio, poiché:

7 - le eventuali difficoltà di funzionamento del Consorzio - che si limita a svolgere la sola attività di interesse particolare" dei proprietari consorziati, in relazione alle relative opere irrigue costituiscono circostanze di fatto che non incidono sull ambito di applicazione delle leggi che hanno attribuito alla Provincia le funzioni di rilievo pubblicistico in precedenza svolte dal Consorzio; - la conseguente mancata percezione dei contributi di bonifica, da parte del Consorzio, trova la sua giustificazione sulla insussistenza degli obblighi e delle relative responsabilità riguardanti la progettazione, la realizzazione e la gestione delle opere idrauliche facenti parte del sistema idrico integrato (sicché l assenza degli introiti costituiti dai contributi si pone in correlazione con l assenza nel bilancio delle relative somme di spesa). 8. Si deve pertanto passare all esame delle censure di costituzionalità, formulate in via subordinata dal Consorzio nei confronti delle disposizioni delle leggi regionali che hanno attribuito alle Province le competenze prima attribuite ai Consorzi di bonifica e riferibili al sistema idrico integrato. In particolare, il Consorzio ha dedotto la violazione degli articoli 41, 42, 44, 117 e 118 della Costituzione, poiché: - vi è una stretta connessione finalistica tra l attività di bonifica integrale e la tutela del territorio e dell ambiente; - ai sensi dell art. 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione (come modificato con la legge costituzionale n. 3 del 2001), la tutela dell ambiente e dell ecosistema" costituisce espressione della potestà legislativa esclusiva dello Stato, sicché lo Stato può delegare le sole funzioni amministrative (e non anche quelle legislative); - anche se l attività di bonifica vada considerata riferibile alla materia del governo del territorio" (per la quale la Regione Marche ha potestà legislativa concorrente, ai sensi del novellato art. 117 Cost.), le contestate leggi regionali n. 10 e n. 13 del 1999 si sarebbero poste in contrasto con i principi fondamentali, ricavabili i materia dalla legislazione statale; - è ravvisabile una incidenza sulla liberà di iniziativa economica e sul diritto di proprietà dei partecipanti al Consorzio (che persegue fini di utilità sociale e la funzione sociale della proprietà); - la Regione non può incidere sui livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutti il territorio nazionale" (v. il novellato art. 117 Cost., secondo comma, lettera m), né sul complesso delle norme di diritto privato; - dall art. 44 Cost. si evince che la forma giuridica mista dei Consorzi di bonifica costituisce un modello per la gestione della attività di bonifica, tenuto conto anche del principio di sussidiarietà orizzontale, espresso dal novellato art. 118, quarto comma, Cost. 9. Ritiene la Sezione che tali censure (e le relative questioni di costituzionalità) vadano considerate in parte inammissibili e in parte manifestamente infondate Va al riguardo premesso che le contestate leggi regionali n. 10 e n. 13 del 1999 sono entrate in vigore prima delle modifiche del titolo V della Costituzione, disposte dalla legge costituzionale n. 3 del 2001, sicché esse in quanto tali non rilevano nel presente giudizio: per la consolidata giurisprudenza della Corte Costituzionale, l esame degli atti legislativi per questioni attinenti alla ripartizione delle competenze tra Stato e Regioni va compiuto alla stregua dei relativi parametri costituzionali vigenti alla data di approvazione degli stessi atti legislativi e, quindi, nella formulazione anteriore alla riforma di cui alla citata legge costituzionale (Corte Cost., 9 dicembre 2002, n. 524; 18 ottobre 2002, n. 422; 23 luglio 2002, n. 376).

8 9.2. Vanno pertanto dichiarate inammissibili, perché non rilevanti, le questioni riguardanti il dedotto contrasto delle contestate leggi regionali del 1999 con gli articoli 117 e 118 della Costituzione, come novellati dalla legge costituzionale n. 3 del Le questioni vanno considerate manifestamente infondate, anche ove intese come riferite alla violazione degli articoli 117 e 118 Cost., nel testo vigente al momento dell entrata in vigore delle leggi regionali n. 10 e n. 13 del Nel quadro normativo derivante dai previgenti articoli 117 e 118, va infatti ravvisata la competenza legislativa della Regione Marche in ordine alla determinazione delle competenze pubblicistiche dei Consorzi di bonifica (tranne per gli aspetti riferibili all interesse particolare" dei proprietari consorziati). Sotto tale profilo, nel richiamare le suesposte osservazioni sulla evoluzione che ha caratterizzato l attività di bonifica quale componente essenziale del sistema di difesa del suolo e di tutela del territorio e dell ambiente quale ecosistema (e salve le questioni irrilevanti in questa sede - attinenti all ambito delle materie riferibili alla tutela del territorio" e attualmente soggette alla potestà legislativa concorrente della Regione), da tempo il legislatore nazionale ha in gran parte trasferito o conferito alle Regioni le originarie competenze statali (con i decreti legislativi 15 gennaio 1972, n. 11, 24 luglio 1977, n. 616, e 31 marzo 1998, n. 112). Il decreto legislativo n. 11 del 1972: - sulla base di una ridefinizione delle materie della agricoltura e delle foreste, ha trasferito alle Regioni le funzioni amministrative statali concernenti la bonifica integrale e montana, la sistemazione di bacini montani, la classificazione dei comprensori di bonifica integrale e montana di seconda categoria, di bacini montani e delle zone depresse, nonché i compiti di redazione, approvazione e attuazione di piani generali di bonifica e dei programmi di sistemazione dei bacini montani e delle zone depresse (art. 3); - ha mantenuto le funzioni statali per i comprensori compresi nel territorio di due o più regioni ed riservato allo Stato le competenze relative alla sistemazione idrogeologica" e alla conservazione del suolo" (art. 4). Il decreto legislativo n. 616 del 1977: - all art. 66, primo comma, ha mantenuto ferma l attribuzione alla Regione delle funzioni riguardanti la bonifica integrale e montana"; - all art. 69, quarto comma, ha trasferito alle Regioni le funzioni concernenti la sistemazione idrogeologica e la conservazione del suolo"; - all art. 73, al primo ed al secondo comma, ha trasferito alle Regioni le funzioni esercitate dallo Stato concernenti i consorzi di bonifica e di bonifica montana anche interregionali", anche quando siano interessati territori di due o più Regioni (sicché esse sono succedute nelle concessioni già rilasciate dallo Stato nei confronti dei Consorzi, ai sensi dell art. 2 del testo unico n. 215 del 1933). Il decreto legislativo n. 112 del 1998, al capo IV (avente il titolo risorse idriche e difesa del suolo"), all art. 89, comma 1, ha conferito alle Regioni e agli enti locali tutte le funzioni non aventi rilievo nazionale in materia e, in particolare quelle riguardanti: - la programmazione, realizzazione e gestione delle opere idrauliche di qualsiasi natura" (lettera a); - i compiti di polizia idraulica e di pronto intervento di cui al regio decreto 25 luglio 1904, n. 523, e al regio decreto 9 dicembre 1977, n. 2669, ivi comprese l imposizione di limitazioni e divieti all esecuzione di qualsiasi opera o intervento anche al di fuori dell area demaniale idrica, qualora questi siano in grado di influire anche indirettamente sul regime dei corsi d acqua" (lettera c); - la polizia delle acque, anche con riguardo alla applicazione del testo unico approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1175" (lettera g).

9 Tale conferimento è stato disposto ai sensi dell articolo 4, comma 1, della legge 15 marzo 1997, n. 59", e cioè facendo espressamente rientrare tali compiti tra quelli riferibili all art. 117 della Costituzione (nel testo antecedente alle modifiche disposte con la legge costituzionale n. 3 del 2001) e con la previsione per cui le Regioni, in conformità ai singoli ordinamenti regionali, conferiscono alle province, ai comuni e agli altri enti locali tutte le funzioni che non richiedono l unitario esercizio a livello regionale". Tali leggi devolutive di competenze vanno interpretate nel senso che esse in coerenza con le richiamate leggi statali che hanno attratto l attività di bonifica di rilievo pubblicistico nell ambito del sistema del servizio idrico integrato - hanno anche consentito l esercizio della potestà legislativa regionale sulla attribuzione alle Province delle competenze in precedenza spettanti ai Consorzi di bonifica quali concessionari. Già con riferimento al sistema antecedente all entrata in vigore del decreto legislativo n. 112 del 1998, la Corte Costituzionale (con la sentenza n. 326 del 24 luglio 1998) ha chiarito che la materia della bonifica in quanto inclusa in quella della agricoltura e foreste" si inquadrava per diversi aspetti nelle attribuzioni regionali in tema di assetto ed utilizzazione del territorio (con la conseguente possibilità di esercitare la potestà legislativa regionale, ai sensi dell art. 117 Cost., con i limiti derivanti dai principi fondamentali della legislazione statale in materia). A seguito dell entrata in vigore del decreto legislativo n. 112 del 1998, tale affermazione va ribadita, avendo il legislatore nazionale ulteriormente disposto che (evidentemente con leggi regionali, trattandosi di incidere sulle competenze) le Regioni conferiscono le funzioni alle Province, ai Comuni e agli altri enti locali, tranne quelle che richiedano l unitario esercizio a livello regionale". Va pertanto disattesa la tesi dell appellante, secondo cui in base agli invocasti parametri costituzionali - i contestati articoli delle leggi regionali n. 10 e n. 13 del 1999 non avrebbero potuto incidere sulle competenze pubblicistiche dei Consorzi di Bonifica Va altresì respinta anche la subordinata deduzione dell appellante (desumibile dall intera impostazione del gravame), per la quale pur sussistendo in materia la potestà legislativa della Regione le leggi regionali n. 10 e n. 13 del 1999 si sarebbero poste in contrasto con i principi fondamentali, ricavabili in materia dalla legislazione statale. Ad avviso della Sezione, dall esame della normativa statale e dei principi enunciati dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 326 del 1998, si evince che tra i principi fondamentali della legislazione statale in materia vanno annoverati i seguenti: - le leggi regionali non possono sopprimere i Consorzi di bonifica, né possono alterare le regole fondamentali di diritto privato, concernenti la disciplina dei rapporti fra i proprietari consorziati; - le leggi regionali ben possono invece disciplinare le funzioni amministrative riguardanti le attività di difesa del suolo e nell ambito del sistema idrico integrato. Tali principi non sono stati violati dalla contestata normativa regionale, poiché essa: - non ha soppresso i Consorzi di bonifica e non ha inciso sulla loro dotazione del personale o sullo svolgimento delle funzioni volte a soddisfare l interesse particolare" dei proprietari consorziati; - si è limitata ad attribuire alle Province le competenze relative al sistema idrico integrato, nel cui novero rientrano le attività già svolte dai Consorzi di bonifica quali concessionari, sulla base di una reductio ad unum coerente col criterio di superamento della frammentazione delle gestioni", enunciato dall art. 8 della legge n. 36 del 1994, al comma 1, lettera b) Vanno altresì respinte in quanto manifestamente infondate le residue doglianze di incostituzionalità: - non si possono ravvisare indebite incidenze sulla libertà di iniziativa economica e sul diritto di proprietà dei partecipanti al Consorzio, né vi è stata una non consentita legislazione regionale nella materia di diritto privato o sulla natura dei Consorzi di bonifica, poiché i contestati articoli

10 delle leggi n. 10 e n. 13 del 1999 hanno riguardato unicamente l assetto delle competenze pubblicistiche dei Consorzi di bonifica e delle Province, senza alterare in alcun modo la normativa applicabile tra i proprietari e tra questi ed il Consorzio, con riferimento alle sue finalità essenziali di costituzione nell interesse privato", prese in considerazione dal testo unico n. 215 del 1933; - non è pertinente il sintetico richiamo ai livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali", avendo la normativa regionale riguardato le competenze degli enti pubblici, senza incidere sulla qualità dei servizi da svolgere in materia. 10. Per le ragioni che precedono, l appello nel suo complesso è infondato e va respinto. Considerata la qualità degli scritti delle parti, vanno compensate tra le parti le spese e gli onorari del secondo grado del giudizio. P.Q.M. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) respinge l appello n del Compensa tra le parti le spese e gli onorari del secondo grado del giudizio. Ordina che la presente decisione sia eseguita dalla Autorità amministrativa. Così deciso in Roma, nella camera di consiglio tenutasi il giorno 18 marzo 2003, presso la sede del Consiglio di Stato, Palazzo Spada, con l intervento dei signori: Giorgio Giovannini Presidente Sergio Santoro Consigliere Luigi Maruotti Consigliere estensore Carmine Volpe Consigliere Chiarenza Millemaggi Cogliani Consigliere Presidente Consigliere Est. Segretario DEPOSITATA IN SEGRETERIA il... (Art.55, L.27/4/1982, n.186) Il Direttore della Sezione CONSIGLIO DI STATO In Sede Giurisdizionale (Sezione Sesta) Addì...copia conforme alla presente è stata trasmessa al Ministero... a norma dell'art. 87 del Regolamento di Procedura 17 agosto 1907 n.642 Il Direttore della Segreteria

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario

La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario La giurisprudenza costituzionale relativa al riparto di competenze tra Stato e Regioni in materia di «ambiente» e di «beni culturali» Indice sommario a cura di M. Bellocci e P. Passaglia Parte I Le principali

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI

SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI IL CASO: La Polizia Locale rinviene su di un area privata in stato di degrado, che risulta parzialmente delimitata, rifiuti di vario genere (pezzi di auto, pneumatici, elettrodomestici e rifiuti urbani

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02291/2015REG.PROV.COLL. N. 10173/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... la Sezione ha già posto rilievo, di recente e in una controversia attinente alla medesima procedura di gara, per quanto peculiare perché relativo ad avvalimento di garanzia nell ambito di un

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... atteso che il procedimento di verifica di anomalia, essendo improntato alla massima collaborazione tra l'amministrazione appaltante e l'offerente, non ha per oggetto la ricerca di specifiche

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: Nelle gare d appalto, ciascun membro di un associazione temporanea può impugnare a titolo individuale gli atti della procedura, atteso che il fenomeno del raggruppamento di imprese non dà luogo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3;

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; Corte dei Conti N. 12/SEZAUT/2015/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza del 9 marzo 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Composta dai magistrati: Presidenti

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

I beni pubblici. Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO. Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO -

I beni pubblici. Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO. Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO - Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO - I beni pubblici Prof. ssa Francesca DI LASCIO (dilascio@uniroma3.it) SOMMARIO: 1. BENI ED INTERESSI PUBBLICI;

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08)

Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Causa Maggio e altri c. Italia Seconda Sezione sentenza 31 maggio 2011 (ricorsi nn. 46286/09, 52851/08, 53727/08, 54486/08 e 56001/08) Diritto ad un processo equo In ordine alla retroattività delle leggi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni di Filippo Lacava 1.Premessa; 2. Definizioni; 2.1 Il potere di indirizzo 2.2 Il coordinamento;

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli