Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale"

Transcript

1 N. del Reg. 5 Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri della Giunta Comunale OGGETTO RECEPIMENTO DIRETTIVA REGIONALE N 16/10 DEL 18/04/ ABROGAZIONE E SOSTITUZIONE DELL'ART. 13 E MODIFICA DEGLI ALLEGATI A E B DEL REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA G.M. N 574 DEL 09/10/2002 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI. L anno duemilaquattordici addì nove del mese di aprile, dalle ore 12,30, presso la sede comunale, vista la proposta n.1478 in data 03/04/2014 di cui all oggetto, il Commissario straordinario con l'assistenza della vice Segretaria comunale Dott.ssa Teresa Soro ha adottato la seguente deliberazione. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO il decreto del Presidente della Regione n. 40 del 28 marzo 2014, con il quale è stato disposto lo scioglimento del Consiglio comunale di Sassari ed è stato nominato quale Commissario straordinario il Dott. Guido Sechi; CONSIDERATO che allo stesso competono i poteri del Consiglio comunale, della Giunta, del Sindaco; 1

2 VISTO il Regolamento del Corpo di Polizia Municipale approvato con Deliberazione della Giunta Municipale n 574 del 9 ottobre 2002 e successive modificazioni; VISTA la Legge 7 marzo 1986 n 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale ; VISTO il Regolamento comunale sull ordinamento degli Uffici e dei Servizi; VISTO lo Statuto del Comune di Sassari; VISTO il Decreto Legislativo n 267 Testo Unico sugli Enti Locali -; VISTO l art. 48 del Decreto Legislativo n 267 che riconosce alla Giunta comunale la competenza per l approvazione del Regolamento di cui trattasi; VISTO la Legge Regionale n. 9 del 2007 che, all art. 9 Potestà regolamentare degli enti locali recita: Gli enti locali disciplinano, nell esercizio della potestà regolamentare ad essi spettante ai sensi dell articolo 117, comma 6, della Costituzione, l organizzazione e lo svolgimento delle funzioni di polizia locale. I regolamenti degli enti locali si attengono ai principi dettati dal presente capo al fine di assicurare livelli adeguati del servizio e parità di trattamento per gli amministrati in tutto il territorio regionale. ATTESO che l'art. 16 c.1 della Legge Regionale n. 9/2007 prevede che: Con decreto del Presidente della Regione sono stabilite, nel rispetto del divieto di assimilazione a quelle militari, le caratteristiche delle uniformi e dei relativi simboli distintivi di grado e le caratteristiche dei mezzi e degli strumenti in dotazione alla polizia locale. Sulle divise e i mezzi sono apposti elementi identificativi dell ente di appartenenza e lo stemma della Regione Sardegna. VISTO l'allegato n. 3 Segni distintivi di grado ed accessori sull'uniforme della Polizia della Regione Sardegna della deliberazione n. 16/10 del 18/4/2012 Norme in materia di Polizia e politiche regionali per la sicurezza. Strumenti operativi, segni distintivi e uniformi. Approvazione disciplinare. RITENUTO opportuno, al fine dell'attribuzione dei segni distintivi di grado, introdurre oltre al criterio dell'anzianità un fattore collegato all'idoneità professionale ai fini della misurazione e valutazione delle professionalità acquisita nella carriera lavorativa; RITENUTO opportuno, nell'assenza di previsione della Direttiva Regionale, individuare dei segni di riconoscimento per il personale cui è attribuito l'incarico di Responsabile di Servizio e/o di Posizione Organizzativa; RITENUTO necessario abrogare e sostituire l'articolo 13 del Capo II del citato Regolamento del Corpo di Polizia Municipale, approvato con Deliberazione della Giunta Municipale n 574 del 9 ottobre 2002 e successive modificazioni, al fine dell'inserimento della norma transitoria sul godimento del grado di cui Deliberazione regionale n 16/10 precedentemente citata; RITENUTO, inoltre, necessario modificare il PROSPETTO B ('Tabella equipaggiamento e accessori') dell'allegato A del vigente Regolamento del Corpo di Polizia Municipale approvato con Deliberazione della Giunta Municipale n 574 del 9 ottobre 2002 e successive modificazioni; RITENUTO, infine, necessario sostituire l'allegato B del vigente Regolamento del Corpo di Polizia Municipale approvato con Deliberazione della Giunta Municipale n 574 del 9 ottobre 2002 e successive modificazioni; SENTITO il Dirigente del Settore Organizzazione e Gestione Risorse Umane; 2

3 VISTO il parere favorevole espresso dal responsabile del servizio sulla regolarità tecnica, ai sensi dell art. 49 del D.Lgs. n. 267/2000; D E L I B E R A 1> Di abrogare e sostituire l'articolo 13 (REQUISITI PER L'ACCESSO E PER LA PROGRESSIONE VERTICALE) del vigente Regolamento di Polizia Municipale con l'articolo di seguito riportato: ART. 13 ATTRIBUZIONE DEL GRADO 1. Per la progressione nel grado nelle categorie C e D come indicato nell'allegato B ( SEGNI DISTINTIVI DI GRADO ED ACCESSORI SULL'UNIFORME DELLA POLIZIA LOCALE ), del presente regolamento, oltre agli anni di permanenza indicati è previsto il superamento di esame di idoneità professionale. L'esame di idoneità professionale sarà espletato con le modalità del colloquio che verterà sulla professionalità acquisita nell'attività di servizio. In caso di non idoneità, l'esame potrà essere ripetuto trascorso un anno dalla precedente prova. 2. Per il personale in servizio alla data del 31/12/2009 non potrà applicarsi un trattamento peggiorativo del distintivo di grado in godimento. 2> Di sostituire al PROSPETTO B ('Tabella equipaggiamento ed accessori') dell'allegato A del vigente Regolamento del Corpo di Polizia Municipale, le voci indicate con il testo di seguito riportato: PLACCA DI RICONOSCIMENTO: da portarsi al petto, lato sinistro del corpo, all'altezza della tasca della divisa, delle dimensioni di cm. 6 di base e cm. 7 di altezza, indica: nella sua parte sovrastante la tipologia dell'organo di Polizia, nella sua parte centrale lo stemma del Comune, e nella parte sottostante il numero di matricola di inquadramento dell'addetto ai servizi di polizia di polizia locale. ALAMARI PER IL COMANDANTE DEL CORPO: da indossare sulla giacca, alamari ricamati su stoffa nera, in canutiglia dorata delle dimensioni di cm. 12,5 di altezza x cm. 3 di larghezza alla base. Nella parte inferiore, al centro, posizionato a cm. 1 dal bordo, dimensioni circonferenza massima cm. 1,5, è inserito, a ricamo, il simbolo della Regione Sardegna, dimensione circonferenza massima cm. 2, distanza dal bordo cm. 1,5. ALAMARI PICCOLI PER PERSONALE DI CATEGORIA C E D: da indossare sulla giacca, sulla camicia estiva, sulla giacca tecnica e sul cappotto, accessorio realizzato in lega metallica leggera colore oro o in materiale plastico metallizzato oro elettrosaldato, dimensione circonferenza massima cm. 3,5 riproducente il simbolo della Regione Sardegna, spessore nella parte più alta cm. 0,5. L'accessorio come sopra descritto è, altresì indossato dal comandante del corpo sulla camicia estiva e sulla giacca tecnica. STEMMA PER BERRETTO: Al centro, nel davanti del berretto, è applicato il fregio con il simbolo della Regione Sardegna. 3

4 TESSERA DI RICONOSCIMENTO: La tessera è plastificata con le seguenti dimensioni: 85,60 X 53,98 mm. La bordatura di cm. 0,5 della tessera di riconoscimento è di colore rosso per i dirigenti ed i comandanti di corpo e azzurra per il restante personale. SEGNI DISTINTIVI DI LIVELLO PER BERRETTO/SPALLINE: come descritti nell'allegato B SEGNI DISTINTIVI DI GRADO ED ACCESSORI SULL'UNIFORME DELLA POLIZIA LOCALE del presente Regolamento. 3> Di sostituire l'allegato B ( SEGNI DISTINTIVI DI LIVELLO ) del vigente Regolamento di Polizia Municipale, con l' ALLEGATO B ( SEGNI DISTINTIVI DI GRADO ED ACCESSORI SULL'UNIFORME DELLA POLIZIA LOCALE ) di cui alla deliberazione della Regione Sardegna n. 16/10 del 18/4/2012 Norme in materia di Polizia e politiche regionali per la sicurezza. Strumenti operativi, segni distintivi e uniformi. Approvazione disciplinare. e come modificato sulla base dell'organizzazione del Corpo, di seguito riportato: ALLEGATO B SEGNI DISTINTIVI DI GRADO ED ACCESSORI SULL'UNIFORME DELLA POLIZIA LOCALE Segni distintivi del grado di categoria C Categoria Giuridica Categoria Economica Anzianità nella categoria Denominazione Distintivi di Grado Funzioni di responsabilità C C1 Dalla nomina Agente di Polizia 4

5 C C2 C C3 C C4 C C5 Almeno 7 anni nella categoria C1 Dalla nomina Almeno 5 anni nella categoria C2 Dalla nomina Almeno 5 anni nella categoria C3 Dalla nomina Almeno 5 anni nella categoria C4 Dalla nomina Agente Scelto di Polizia Assistente di Polizia Assistente Scelto di Polizia Assistente Capo di Polizia Al distintivo di grado per l'agente scelto, l'assistente e l'assistente scelto è associato il soggolo lineare, lucido, piatto, estensibile, in materiale plastico di colore nero, lunghezza mm. 310/320, da apporsi sul berretto, di altezza cm.1,8. Per l'assistente Capo di Polizia il soggolo è supportato da un galloncino colore oro, bordato di nero, di dimensioni: altezza cm.2, larghezza cm. 1. I fregi da apporsi sul berretto per la categoria C sono in metallo di forma a scudo ovale ornato da una cornice cesellata di altezza cm.6 e di larghezza cm.5, suddiviso da una croce rossa in quattro cantoni, in ognuno dei quali è raffigurato una testa di moro bendato rivolta a sinistra per chi guarda. Segni identificativi del grado di categoria D e Dirigenza Categoria Anzianità nella Denominazione Distintivi di Grado categoria D/ DIRIGENTE Dalla nomina di Istruttore Direttivo e per gli specialisti di vigilanza Tenente di Polizia 5

6 Almeno 3 anni nella categoria D Capitano di Polizia Almeno 10 anni nella categoria D Maggiore di Polizia Almeno 20 anni nella categoria D Tenente Colonnello di Polizia Comandante/Dirigen te Colonnello di Polizia Al distintivo di grado è associato il soggolo da apporsi sul berretto Tenente di polizia locale, su fascia damascata, soggolo lineare, piatto, in tessuto in filo dorato, lunghezza mm.310/320, larghezza cm. 1,8 con due fascette passanti per lato dorate e bordate in nero, di rosso se con funzioni di responsabilità di altezza cm.2 e di larghezza cm.1. Capitano di polizia locale, su fascia damascata, soggolo lineare, piatto, in tessuto in filo dorato, lunghezza mm.310/320, larghezza cm. 1,8 con tre fascette passanti per lato dorate e bordate in nero, di rosso se con funzioni di responsabilità di altezza cm.2 e di larghezza cm.1. Maggiore di polizia locale, su fascia damascata, cordone ritorto in tessuto in filo dorato, lunghezza mm.310/320, larghezza cm. 1,8 con due fascette passanti laterali dorate bordate in nero, di rosso se con funzioni di responsabilità di altezza cm.2 e di larghezza cm.1. Tenente Colonnello di polizia locale, su fascia damascata, cordone ritorto in tessuto in filo dorato, lunghezza mm.310/320, larghezza cm. 1,8 con due fascette passanti laterali 6

7 dorate bordate in nero, di rosso se con funzioni di responsabilità o Comandante di altezza cm.2 e di larghezza cm.1. Colonnello di polizia locale, su fascia damascata, cordone ritorto in tessuto in filo dorato, lunghezza mm.310/320, larghezza cm. 1,8 con tre fascette passanti laterali dorate bordate in nero, di rosso se con funzioni di responsabilità o Comandante di altezza cm.2 e di larghezza cm.1. Per il Comandante del corpo, da indossare sulla giacca, alamari ricamati su stoffa nera, in canutiglia dorata delle dimensioni di cm. 12,5 di altezza x cm. 3 di larghezza alla base. Nella parte inferiore, al centro, posizionato a cm. 1 dal bordo, dimensioni circonferenza massima cm. 1,5, è inserito, a ricamo, il simbolo della Regione Sardegna, dimensione circonferenza massima cm. 2, distanza dal bordo cm. 1,5. TESSERA DI RICONOSCIMENTO Consiste nel documento in dotazione a tutti gli appartenenti alle strutture della polizia locale della Regione Sardegna, rilasciato dal comandante del corpo o dal responsabile della struttura di appartenenza. La tessera è plastificata ed ha le dimensioni della carta di credito (formato internazionale), secondo il seguente schema; La bordatura di cm. 0,5 della tessera di riconoscimento è di colore rosso per i dirigenti ed i comandanti di corpo o responsabili del servizio di polizia locale e azzurra per il restante personale 7

8 STEMMA PER BERRETTO Al centro, nel davanti del berretto, è applicato il fregio con il simbolo della Regione Sardegna. PLACCA DI RICONOSCIMENTO La placca di riconoscimento, da portarsi al petto, lato sinistro del corpo, all'altezza della tasca della divisa, delle dimensioni di cm. 6 di base e cm. 7 di altezza, indica: nella sua parte sovrastante la tipologia dell'organo di Polizia, nella sua parte centrale lo stemma del Comune, e nella parte sottostante il numero di matricola di inquadramento dell'addetto ai servizi di polizia di polizia locale. Distintivi di specialità e anzianità; al fine di garantire il soddisfacimento dei principi di funzionalità, identificazione ed equiparazione, i distintivi di specialità sono quelli attinenti: - alla conoscenza della lingua straniera, - alla conduzione di veicoli speciali, - al riconoscimento per la partecipazione a missioni esterne per soccorso in caso di calamità e disastri, - all'anzianità di servizio maturata, - alle decorazioni al valor civile e militare, - altri incarichi di servizio, - all'appartenenza ad associazioni di volontariato iscritte ai Registri Regionali o Nazionali. Il distintivo per competenza della lingua straniera è costituito da uno scudetto di metallo a fondo bianco con bordo blu, delle dimensioni di cm. 4 di lunghezza per cm. 1,5 di altezza, da portarsi sul taschino destro della divisa, indicante la bandiera dello Stato della lingua straniera parlata. Il distintivo di conduzione di veicoli speciali è costituito da un'aquila in metallo argentato delle dimensioni di cm. 4 di lunghezza per cm. 1,5 di altezza, da portarsi sul taschino destro della divisa. Il distintivo per partecipazione a missioni esterne per soccorso in caso di calamità, è costituito da una placca di metallo a fondo dorato con bordo blu, delle dimensioni di cm. 4 di lunghezza per cm. 1,5 di altezza, da portarsi sul taschino sinistro della divisa 8

9 riproducente due mani che si stringono. Il distintivo di anzianità di servizio è costituito da una placca in metallo delle dimensioni di cm. 4 di lunghezza per cm. 1,5 di altezza, con otto campi, ognuno di cm. 0,5, di cui quattro di colore rosso e quattro di colore blu, posti fra loro in alternanza, una stella dorata indica il compimento di dieci anni di servizio; due stelle dorate centrate indicano il compimento di quindici anni di servizio; tre stelle dorate centrate indicano il compimento di venti anni di servizio; quattro centrate indicano il compimento di trenta anni di servizio; torre dorata centrata indica i trentacinque anni di servizio da portarsi sul taschino sinistro della divisa. L'incarico di Posizione Organizzativa sarà evidenziato con distintivo metallico di colore blu delle dimensioni di cm. 4 di lunghezza per cm. 1,5 di altezza riportante la dicitura 'Posizione Organizzativa', in colore oro, da portarsi sul taschino sinistro della divisa. L'incarico di Responsabile di Servizio del Corpo sarà evidenziato con distintivo metallico di colore blu delle dimensioni di cm. 4 di lunghezza per cm. 1,5 di altezza riportante la dicitura 'Responsabile di Servizio', in colore oro', da portarsi sul taschino sinistro della divisa. In occasione delle cerimonie o manifestazioni ufficiali è consentito l'utilizzo delle decorazioni metalliche militari attribuite. VISTO l art. 134, comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000; dichiara la presente immediatamente eseguibile. Letto, approvato e sottoscritto. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO LA VICE SEGRETARIA GENERALE Pubblicata all'albo del Comune dal... al... 9

10 senza opposizioni. Sassari, lì LA VICE SEGRETARIA GENERALE 10

11 Del che si è redatto il presente verbale IL COMMISSARIO STRAORDINARIO F/TO SECHI LA VICE SEGRETARIA GENERALE F/TO SORO Copia conforme all originale per uso amministrativo. LA VICE SEGRETARIA GENERALE CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE LA VICE SEGRETARIA sottoscritto certifica che la presente deliberazione trovasi in corso di pubblicazione all albo del Comune per 15 giorni consecutivi dal.. al.. Sassari, lì LA VICE SEGRETARIA GENERALE 11

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili.

2) Guaine (controspalline) Da utilizzarsi unicamente con camicia, impermeabile, giaccone e giubbotti impermeabili. Allegato C Segni identificativi del grado ed accessori sull uniforme Sezione prima. Segni identificativi del grado 1) Spalline Le spalline sono realizzate nel medesimo tessuto e colore dei capi di vestiario

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri del Consiglio comunale

Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri del Consiglio comunale N. del Reg. 4 Comune di Sassari Deliberazione del Commissario Straordinario Assunta con i poteri del Consiglio comunale OGGETTO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO DEI CITTADINI AGLI ATTI,

Dettagli

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale.

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale. ALLEGATO A CARATTERISTICHE DELLE UNIFORMI, DEI DISTINTIVI DI GRADO E DI RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE, DEL MATERIALE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI NONCHÉ DEI MEZZI IN DOTAZIONE AGLI APPARTENENTI AI CORPI

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

Il Ministro dell Interno

Il Ministro dell Interno Il Ministro dell Interno Visto l'articolo 31 del decreto legislativo 8 marzo 2006 n. 139, che demanda a un decreto del Ministro dell'interno la determinazione delle caratteristiche e delle modalità di

Dettagli

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna

Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Riforma della legge regionale n. 26/85 e istituzione del Corpo forestale della Regione Sardegna Art. 1 Competenze del Corpo forestale della Regione Sardegna Le funzioni del Corpo forestale e di vigilanza

Dettagli

COMUNE DI CASTRI DI LECCE C.A.P. 73020 - PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CASTRI DI LECCE C.A.P. 73020 - PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI CASTRI DI LECCE C.A.P. 73020 - PROVINCIA DI LECCE CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Pubblicata Albo Pretorio dal 17/12/2012 al 01/01/2013 Registrata al N 581 ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343 "Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 303, sull'ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 25 del 20/12/2010 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso

L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso L Uniforme Descrizione e Regolamento sull uso CROCE ROSSA ITALIANA ISPETTORATO NAZIONALE PIONIERI COLLANA MANUALI E NORMATIVE N. 1 Edizione 2008 versione 5.1 Introduzione Il Regolamento illustra la composizione

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 10 del 07/02/2011 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

ALLEGATO B SIMBOLI DISTINTIVI DI GRADO

ALLEGATO B SIMBOLI DISTINTIVI DI GRADO ALLEGATO B SIMBOLI DISTINTIVI DI GRADO (Art. 4, comma 2) Tabella riepilogativa di simbologie e denominazioni di grado con rispettivi soggoli e alamari (tubolari e controspalline sono perimetrate con rigo

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 46 del 30 aprile 2010

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 46 del 30 aprile 2010 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 del 30 aprile 2010 OGGETTO: Articolo 55-novies del decreto legislativo n. 165/2001. Identificazione del personale dipendente

Dettagli

ASSOCIAZIONE SARDA POLIZIA LOCALE "A.S.PO.L.-ONLUS"

ASSOCIAZIONE SARDA POLIZIA LOCALE A.S.PO.L.-ONLUS ASSOCIAZIONE SARDA POLIZIA LOCALE "A.S.PO.L.-ONLUS" Via Puccinl n. 2-09023 Monastir-tel.-fax 0709168068 www.aspolsardegna.it - aspolsardegna@gmail.com Alla c.a Ass.re Reg.le EE.LL. On. Nicolò Rassu CAGLIARI

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

Comune di Bracciano Provincia di Roma

Comune di Bracciano Provincia di Roma Verbale di deliberazione COPIA del Consiglio Comunale Seduta ordinaria - Prima convocazione Comune di Bracciano Provincia di Roma REGISTRO N. 61 Data 22/12/2011 OGGETTO: MODIFICA DELL'ART. 3 COMMA 3 DEL

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - Copia 86- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 86 Del 15.07.2009 OGGETTO: ACCREDITAMENTO PER ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO NEL COMUNE DI DONORI

Dettagli

COMUNE DI PIETRACATELLA Provincia di Campobasso

COMUNE DI PIETRACATELLA Provincia di Campobasso COMUNE DI Provincia di Campobasso COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO Numero 12 del 11-08-2014 OGGETTO: Approvazione del regolamento comunale per la disciplina dell'imposta unica

Dettagli

Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D.P.C.M. 22 ottobre 2004. Istituzione di un attestato di pubblica benemerenza del Dipartimento della protezione civile. Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 dicembre 2004, n. 300. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli)

C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) C i t t à d i M a r i g l i a n o (Provincia di Napoli) COPIA DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO (Nominato con decreto del Presidente della Repubblica del 22.08.2014) N. 36 del 12/03/2015 (adottata

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 30 DEL 15/01/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 30 DEL 15/01/2014 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 30 DEL 15/01/2014 OGGETTO: Rimodulazione Convenzione per l affidamento

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 12 del 09/05/2011 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE)

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 12 del 09/05/2011 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE) COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 12 del 09/05/2011 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT COMUNE DI GRESSONEY-SAINT SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento comunale disciplinante l'uso del gonfalone e dello stemma del comune, nonché i necrologi di partecipazione al lutto Approvato

Dettagli

ALLEGATO B SIMBOLI DISTINTIVI DI GRADO (Art. 4, comma 2)

ALLEGATO B SIMBOLI DISTINTIVI DI GRADO (Art. 4, comma 2) ALLEGATO B SIMBOLI DISTINTIVI DI GRADO (Art. 4, comma 2) Tabella riepilogativa di simbologie e denominazioni di grado con rispettivi soggoli e alamari (tubolari e controspalline sono perimetrate con rigo

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Santo Stefano Ticino Prov. di Milano G.C. Numero: 25 data: 22-03-2014 OGGETTO: PRESA D ATTO VERBALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE ANNO 2013 PROVVEDIMENTI Verbale di deliberazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

N. 79 Del 08/07/2013

N. 79 Del 08/07/2013 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 79 Del 08/07/2013 OGGETTO: Modifica Tab. A Sez. A1 dell art. 66 del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) Regolamento per i Volontari in servizio sostitutivo di leva nella Polizia Municipale (Art. 46 Legge 27/12/1997, n. 449) Approvato con deliberazione

Dettagli

Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO

Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO Divisa Operativa ABBIGLIAMENTO Basco Colore Nero Giacca con 4 tasche a toppa sul davanti con pattella e chiusura tramite velcro. Spalline porta tubolari. Chiusura con bottoni automatici. Colore Verde Caccia

Dettagli

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 COPIA COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SOMMARIVA PERNO, LA ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI-SEZIONE

Dettagli

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT)

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT) Settore Funzionale 4 - Servizi di Polizia Urbana DETERMINAZIONE N. 01 DEL 03-01-2012 OGGETTO: Approvazione verbale di gara per affidamento fornitura vestiario invernale per i componenti il Corpo di P.

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 30 in data 11/03/2014 Prot. N. 4218 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CISON DI VALMARINO Provincia di TREVISO

COMUNE DI CISON DI VALMARINO Provincia di TREVISO COPIA COMUNE DI CISON DI VALMARINO Provincia di TREVISO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale n 112 del 29/12/2014 OGGETTO: Diritti di rogito da attribuire al Segretario Comunale e determinazione

Dettagli

UNIFORMERIA s.r.l. Via G.B.Cacciamali n 69 Int.3 25125 Brescia Tel 030/34.69.119 Fax 030/353-42-96 info@uniformeria.com

UNIFORMERIA s.r.l. Via G.B.Cacciamali n 69 Int.3 25125 Brescia Tel 030/34.69.119 Fax 030/353-42-96 info@uniformeria.com Sede Legale/Operativa : Via G.Battista Cacciamali n 69 int.3 25125 Brescia P.iva 03554190177 Tel-/Fax 030-353.42.96 Tel.030/34.69.119 E-mail info@uniformeria.com amministrazione@uniformeria.com www.uniformeria.com

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 39 del 30/12/2010 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 741 DEL 10/10/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 741 DEL 10/10/2014 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 741 DEL 10/10/2014 OGGETTO: pubblica Selezione per titoli e

Dettagli

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE

Comune di Eboli SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE. Il Responsabile REGISTRO GENERALE. N 1086 del 01/07/2014 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO GENERALE N 1086 del 01/07/2014 SETTORE AMBIENTE E MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE REGISTRO SETTORE N 248 DEL 01/07/2014 CORSO TEORICO-PRATICO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE DI ISPETTORI

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3101 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DIANA Lorenzo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 FEBBRAIO 1998 Disciplina

Dettagli

Allegato A Descrizione e caratteristiche dei distintivi di grado, delle mostrine, degli alamari e relative immagini

Allegato A Descrizione e caratteristiche dei distintivi di grado, delle mostrine, degli alamari e relative immagini Allegato A Descrizione e caratteristiche dei distintivi di grado, delle mostrine, degli alamari e relative immagini 1. SIMBOLI DISTINTIVI PER AGENTI omissis 1.1. Agente Distintivo di grado: nessun distintivo

Dettagli

OGGETTO: Applicazione Legge n. 190 del 23/12/2014 legge di stabilità 2015. Adeguamento indennità di esclusività Dott.ssa Daniela Soro.

OGGETTO: Applicazione Legge n. 190 del 23/12/2014 legge di stabilità 2015. Adeguamento indennità di esclusività Dott.ssa Daniela Soro. AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 386 DEL 16/09/2015 OGGETTO: Applicazione Legge n. 190

Dettagli

SETTORE TECNICO SERVIZIO LL.PP.

SETTORE TECNICO SERVIZIO LL.PP. ORIGINALE COPIA COMUNE DI ROTA D IMAGNA P R O V I N C I A D I B E R G A M O SETTORE TECNICO SERVIZIO LL.PP. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 10 DEL 16.03.2015 OGGETTO: SOSTITUZIONE LAPIDI

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 10 In data 27.02.2014 Prot. N. 3252 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE PER IL TRIENNIO 2014-2016 L anno

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA

COMUNE di RIPARBELLA COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 13 Dicembre 2013 Verbale n. 43 COPIA OGGETTO: Progetto Vigilanza scolastica anno 2014. Approvazione progetto-

Dettagli

Immediatamente eseguibile

Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 159 Del 15/06/2015 Oggetto: Autorizzazione alla spesa di cui al D.Lgs. 165/01 per la stipula dei CC.CC.II.AA. di individuazione ed utilizzo risorse del Personale

Dettagli

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT)

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT) DETERMINAZIONE N. 64 DEL 13/12/2012 OGGETTO: Servizio di tesoreria comunale. Approvazione verbale di asta deserta. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista la determinazione sindacale n. 13 del 01/10/2012 con

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

DELIBERAZIONE G.C. N. 22

DELIBERAZIONE G.C. N. 22 DELIBERAZIONE G.C. N. 22 COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Oggetto: NOMINA AGENTE CONTABILE IL DIPENDENTE TARUFFI SIMONE Addì NOVE MARZO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 38

Verbale di deliberazione n. 38 (1) COPIA COMUNITÀ DELLA VALLE DEI LAGHI PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione n. 38 del Comitato esecutivo della Comunità OGGETTO: Linee guida per determinare la spesa relativa agli incarichi di

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 103 Informativa OGGETTO: Circolazione stradale. P.U.T. Disciplina generale

Dettagli

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT)

Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia (CT) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 23 DEL 22-06-2012 triennio 2012-2014 ed elenco annuale.- L anno duemiladodici addì ventidue del mese di giugno alle ore 13,30 e segg. in Santa Maria di Licodia,

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta N. del Reg. 59 Comune di Sassari Deliberazione della Giunta OGGETTO NOMINA COMPONENTI DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE L anno duemilasedici addì otto mese di marzo in questo comune, nella sala delle adunanze,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 80 DEL 29/07/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 80 DEL 29/07/2014 COPIA COMUNE PONTE DI PIAVE Provincia di Treviso VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N. 80 DEL 29/07/2014 Oggetto: AFFIDAMENTO GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE (PALESTRE SCOLASTICHE E PALAZZETTO DELLO

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Comunicazione Prefettura ex art. 135 D.Lgs. 267/2000 COPIA WEB Deliberazione N. 6 in data 21/01/2014 Prot. N. 1595 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SINAGRA PROVINCIA DI MESSINA DETERMINAZIONE DI CONCERTO DEI RESPONSABILI

COMUNE DI SINAGRA PROVINCIA DI MESSINA DETERMINAZIONE DI CONCERTO DEI RESPONSABILI PROVINCIA DI MESSINA N. 14 del Reg. Del 08/07/2015 DETERMINAZIONE DI CONCERTO DEI RESPONSABILI DELL AREA PATRIMONIO E MANUTENZIONE E DELL AREA VIGILANZA E POLIZIA LOCALE OGGETTO PROGETTO GREEN CITY GITA

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Assunta con poteri del Consiglio Comunale

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Assunta con poteri del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Assunta con poteri del Consiglio Comunale * COPIA * ATTO n. 9 del 18/03/2014 OGGETTO: Determinazione aliquote e detrazioni componente TASI (tributo sui servizi

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente

Comune di Galatina. Provincia di Lecce. L estensore. Il responsabile del procedimento. Data. Il responsabile di servizio. Data Data Il Dirigente Provincia di Lecce REGISTRO DETERMINAZIONE Numero GENERALE 992 DELLE del DEL 08072014 DETERMINAZIONI DIRIGENTE Comune di Galatina PRATICA OREFICE del 08072014 N. DT 1028 2014 DATA 08072014 ANTONIO CLAUDIO

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione della GIUNTA COMUNALE Registro delibere di Giunta Comunale COPIA N. 119 OGGETTO: Rinnovo convenzione A.N.P.S.

Dettagli

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE

Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Consiglio di Bacino dell Ambito BACCHIGLIONE Proposta di Deliberazione dell Assemblea SEDUTA del 8.04.2014 N. di Reg. N. di Prot. Odg 3 Immediatamente eseguibile Oggetto: APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BILANCIO

Dettagli

Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 136 DEL 05-09-2011

Provincia di Catania DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 136 DEL 05-09-2011 Documento scaricato dal sito internet del Comune di Santa Maria di Licodia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 136 DEL 05-09-2011 Oggetto: Atto di indirizzo per la concessione straordinaria ed urgente

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 22 del 14/03/2011 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 78 DEL 11.11.2013 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE TRASPARENZA ED INTEGRITA ANNI 2013.2015. Prot. COPIA PROPOSTA

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del 1- Settore Affari Generali e Istituzionali Num. determina: 126 Proposta n. 910 del 03/10/2013 Determina generale num. 879

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO COMUNE DI SAN SECONDO DI PINEROLO C.A.P. 10060 Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Approvato con deliberazione Consiliare n. 46

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO DELIBERAZIONE N 113 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Rettifica programmazione fabbisogno del personale a tempo indeterminato e

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 36016 Thiene (VI VI) N. 27/2014 di reg. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Con l'assistenza dei signori: In data: 16/01/2014 Direttore Amministrativo Direttore Sanitario Direttore dei Servizi Sociali

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 304 in data 01/04/2015 OGGETTO: BONUS FAMILIA ANNO 2013 - LIQUIDAZIONE DEL SALDO DEL CONTRIBUTO A FAVORE DI 1 BENEFICIARIO

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO COMUNE DI ALTAVILLA MILICIA PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO COPIA DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CON I POTERI DI CONSIGLIO COMUNALE N. 104 DEL 30/09/2014 OGGETTO: Determinazione Aliquote

Dettagli

COMUNE DI CASTELGRANDE Provincia di Potenza

COMUNE DI CASTELGRANDE Provincia di Potenza COMUNE DI CASTELGRANDE Provincia di Potenza Prot. 128 Reg. n. 46 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: SOPPRESSIONE DALLA DOTAZIONE ORGANICA COMUNALE DI UN POSTO ISTITUITO AI SENSI DELLA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 61 DEL 18/11/2014 OGGETTO: NOMINA DATORE DI LAVORO DEL COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con Delibera Consiglio comunale n 24 del 25-06-2013 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUMERO 5 DEL 27-01-2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUMERO 5 DEL 27-01-2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A NUMERO 5 DEL 27-01-2014 Oggetto: PIANO TRIENNALE COMUNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ANNI 2013-2014 - 2015-2016. APPROVAZIONE. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per i volontari in servizio sostitutivo di leva nella Polizia Municipale. approvato

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta N. del Reg. 108 Comune di Sassari Deliberazione della Giunta OGGETTO APPROVAZIONE PEG FINANZIARIO 2016 2018 L anno duemilasedici addì ventuno mese di aprile in questo comune, nella sala delle adunanze,

Dettagli

GESTIONE COMMISSARIALE EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

GESTIONE COMMISSARIALE EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni in materia di riordino delle province Decreto P.G.R. n. 90 del 02.07.2013 Delibera n. 88 del 23.07.2014 Oggetto: Risoluzione del rapporto di lavoro con un

Dettagli

Deliberazione Giunta Com.le

Deliberazione Giunta Com.le Numero Data Comune di Caravaggio 103 25/11/2014 Deliberazione Giunta Com.le Oggetto: D.LGS. 12/04/2006 N. 163 E IL DECRETO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 11 NOVEMBRE 2011. ADOZIONE

Dettagli

N. 36 del 12 Aprile 2011

N. 36 del 12 Aprile 2011 ( ) ORIGINALE ( X ) COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE N. 36 del 12 Aprile 2011 OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMI DI CONVENZIONE CON LA SOCIETA POSTE ITALIANE

Dettagli

Verbale di deliberazione N. 69

Verbale di deliberazione N. 69 ( 1 ) COPIA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione N. 69 della Giunta della Comunità OGGETTO: Legge provinciale 22 aprile 2014, n.1 articolo 54. Deliberazione della

Dettagli

NORME IN MATERIA DI POLIZIA AMMINISTRATIVA REGIONALE E LOCALE E POLITICHE DI SICUREZZA,

NORME IN MATERIA DI POLIZIA AMMINISTRATIVA REGIONALE E LOCALE E POLITICHE DI SICUREZZA, Schema di regolamento recante Caratteristiche e criteri generali concernenti l obbligo e le modalità d uso delle uniformi e dei relativi distintivi di grado, dei mezzi e degli strumenti in dotazione alla

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 1 del 17/01/2011 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE)

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 1 del 17/01/2011 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 1 del 17/01/2011 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DOTAZIONE DEL VESTIARIO E DEGLI ACCESSORI PER C.U.P.M. 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina la tipologia e la frequenza di dotazione del vestiario

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 23 del 12/03/2015

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 23 del 12/03/2015 copia COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 23 del 12/03/2015 OGGETTO: Istituzione del diritto fisso per gli accordi di separazione personale, richiesta congiunta

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 25 del 21/03/2011 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato

Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279. Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Deliberazione della Giunta Regionale 14 febbraio 2005 n. 279 Direttiva in applicazione dell art. 8 della L.R. 24/2003: Utilizzazione del volontariato Prot. n. (SPS/05/3013) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Dettagli

PROVINCIA DI ALESSANDRIA

PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di Gabiano Copia Albo PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MATERIA DI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEI DISTINTIVI L ASSOCIAZIONE A SERVIZIO DEL PROSSIMO PER GLI IDEALI CHE HANNO COSTRUITO L ITALIA

1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEI DISTINTIVI L ASSOCIAZIONE A SERVIZIO DEL PROSSIMO PER GLI IDEALI CHE HANNO COSTRUITO L ITALIA ENGEA Gribaldini Volontari a Cavallo ODV per la protezione civile e la salvaguardia ambientale 1 ALLEGATO AL REGOLAMENTO DELLE UNIFORMI E DEI DISTINTIVI L ASSOCIAZIONE A SERVIZIO DEL PROSSIMO PER GLI IDEALI

Dettagli

LCOPIA1 VERBALE DI DELJBERAZIONE DELLA GRJN1A COMUNALE COGNOMEENOME CARICA PRESEND. ROBBIANO VINCENZO SINDACO Si. REPE1O LUCLANA VICE SINDACO Si

LCOPIA1 VERBALE DI DELJBERAZIONE DELLA GRJN1A COMUNALE COGNOMEENOME CARICA PRESEND. ROBBIANO VINCENZO SINDACO Si. REPE1O LUCLANA VICE SINDACO Si SINDACO N. Prot. N. 42 R.V. w PROVINCIA DI ALESSANDRIA LCOPIA1 VERBALE DI DELJBERAZIONE DELLA GRJN1A COMUNALE OGGETTO: MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA DISCIPLINA ORGANIZZATIVA DEL CORPO DI Sala Municipale

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

Repubblica Italiana Provincia Di Modena C O M U N E di M E D O L L A

Repubblica Italiana Provincia Di Modena C O M U N E di M E D O L L A Repubblica Italiana Provincia Di Modena C O M U N E di M E D O L L A ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Del. Nr. 16 del 30/04/2013 Oggetto: MODIFICHE REGOLAMENTO TARES Per convocazione del Sindaco,

Dettagli