IMPOSTA DI BOLLO VIRTUALE Autorizzazione Intendenza Finanza Trieste n. 9881/729 II del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPOSTA DI BOLLO VIRTUALE Autorizzazione Intendenza Finanza Trieste n. 9881/729 II del"

Transcript

1 IMPOSTA DI BOLLO VIRTUALE Autorizzazione Intendenza Finanza Trieste n. 9881/729 II del Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Direzione Regionale Friuli Venezia Giulia Servizio Sanitario Regionale Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina ACCORDO per la realizzazione Secondo Seminario nazionale La sicurezza nel montaggio e smontaggio dei palchi per lo spettacolo. Dalla conoscenza alle azioni di prevenzione TRA l Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina, di seguito denominata A.S.S. 1 (C.F. n ), con sede legale e domicilio fiscale in Trieste, Via G. Sai nn. 1-3, nella persona del dott. Nicola Delli Quadri, domiciliato per la carica presso la sede; E l Istituto Nazionale per l Assicurazione Infortuni sul Lavoro, Direzione Regionale Friuli Venezia Giulia, di seguito denominato INAIL (C.F , P.I. n ), con sede legale a Roma, Via IV 1

2 Novembre 144, nella persona del Direttore Regionale per il Friuli Venezia Giulia, dott.ssa Carmela Sidoti, domiciliata per la carica presso la Direzione Regionale per il Friuli Venezia Giulia, in Via G. Galatti n. 1/1, Trieste; E La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, di seguito denominata Regione, con sede legale e domicilio fiscale in Trieste, Piazza Unità d Italia n. 1, nella persona del dott. Edoardo Boschin, domiciliato per la carica presso la sede; PREMESSO CHE ai sensi degli artt. 9 e 10 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m. ed i., le Regioni tramite le A.S.S. del SSN e l INAIL svolgono, anche mediante convenzioni ed in una logica di sistema, attività di informazione, assistenza, consulenza, formazione, promozione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e che l INAIL svolge in propri compiti anche attraverso la predisposizione delle linee guida, di cui all art. 2 comma 1 lett. z); l INAIL, nelle Linee di Indirizzo Operative per la Prevenzione 2012/2013, riconduce all area di intervento della promozione la realizzazione di progetti finalizzati alla diffusione della cultura della sicurezza, attraverso l utilizzo di strumenti promozionali e comunicativi quali convegni, campagne, seminari, per la diffusione della conoscenza di rischi specifici, nonché all area della consulenza ed assistenza la realizzazione di iniziative finalizzate a fornire indicazioni alle aziende su mezzi, strumenti e metodi operativi per la riduzione dei livelli di rischiosità sul lavoro, privilegiando, in una logica di rete, la collaborazione con l Ente Regione; 2

3 L INAIL e la Regione, Direzione Centrale Salute, hanno sottoscritto in data il protocollo di intesa triennale per la promozione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, per sviluppare la più ampia e intensa collaborazione al fine di contribuire, con azioni coordinate e sinergiche, all innalzamento dei livelli di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro, anche mediante iniziative di carattere promozionale; l infortunio mortale avvenuto a Trieste il 12 dicembre 2011 durante le operazioni di montaggio ed allestimento del palco per un concerto musicale, seguito da eventi luttuosi accaduti con analoghe modalità di accadimento, ha suscitato profonda indignazione e sconcerto nell opinione pubblica nazionale e cittadina; le Istituzioni locali - coinvolte a vario titolo nelle iniziative sviluppatesi a seguito dell infortunio mortale - hanno dato impulso all elaborazione di Linee Guida, dedicate all allestimento di strutture dedicate agli spettacoli, ed i risultati ottenuti dal gruppo di lavoro locale sono successivamente confluiti nelle attività di un gruppo nazionale coordinato dal Ministero del Lavoro; l incontro organizzato dall INAIL, dall A.S.S. 1 e dalla Direzione Territoriale del Lavoro il 13 dicembre 2012, per dare riscontro pubblico all elaborazione di una proposta di linee guida per la sicurezza nel montaggio e smontaggio dei palchi, ha suscitato la partecipazione e l interesse di una nutrita rappresentanza di addetti ai lavori, datori di lavoro, associazioni di categoria e professionisti del settore, tale da convincere gli Enti organizzatori a prevederne la riproposizione nel corso del 2013, anche al fine di dare riscontro dei più recenti indirizzi normativi; le recenti modifiche apportate dal c.d. Decreto del fare, all art. 3

4 88 del D.lgs. 81/2008, che prevedono l emanazione di uno specifico decreto interministeriale entro il , che conterrà la prima organica normativa finalizzata alla prevenzione nel mondo dello spettacolo; tutto ciò premesso, le Parti stipulano e convengono il seguente ACCORDO ART. 1 - Finalità dell accordo L INAIL, la Regione e l A.S.S. 1 collaborano per la realizzazione di un seminario sulla sicurezza nel montaggio e smontaggio dei palchi dello spettacolo, da svolgersi a Trieste, il 13 dicembre 2013, con orario 9-18, presso la Sala del Ridotto del Teatro Verdi. ART. 2 - Oggetto della collaborazione Le parti convengono di collaborare all organizzazione del seminario, alle attività connesse alla sua realizzazione e partecipare, a vario titolo, agli oneri economici. ART. 3 Modalità di attuazione e costi Per la realizzazione del seminario, si stima un costo complessivo di Euro 5.000,00.- (cinquemila/00), più le spese di viaggio e soggiorno dei relatori a carico della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, come declinato nel quadro economico allegato, che costituisce parte integrante del presente Accordo. La ripartizione per voce di spesa potrà essere parzialmente modificata in funzione di specifiche contingenti esigenze, senza tuttavia modifica dell impegno economico globale. L A.S.S. 1, in qualità di ente capofila, si impegna a: acquisire e comunicare il Codice Unico di Progetto (CUP), ai fini del monitoraggio dei progetti di investimento pubblico, di cui all art. 11 4

5 IMPOSTA DI BOLLO VIRTUALE Autorizzazione Intendenza Finanza Trieste n. 9881/729 II del della legge n. 3 del ; definire il programma della giornata e l incarico dei relatori; curare, congiuntamente all INAIL, la segreteria organizzativa del seminario; rendicontare, ai partner, i costi complessivamente sostenuti per la realizzazione dell iniziativa; stanziare risorse economiche, a copertura del 50% delle specifiche spese indicate nel Quadro economico A allegato, fino ad importo massimo di Euro 2.500,00.- (duemilacinquecento/00). L INAIL si impegna a: curare, congiuntamente all A.S.S. 1, la segreteria organizzativa del seminario; fornire l apporto di proprie professionalità, in qualità di relatori; stanziare risorse economiche stanziare, a copertura del 50% delle specifiche spese indicate nel Quadro economico A allegato, fino ad importo massimo di Euro 2.500,00.- (duemilacinquecento/00). Ente beneficiario del finanziamento viene individuato nell A.S.S. 1. L INAIL si impegna ad erogare l importo dovuto, a copertura delle spese effettivamente sostenute, previa puntuale rendicontazione dei costi sostenuti corredata dalla relativa documentazione giustificativa. La Regione Friuli Venezia Giulia si impegna a stanziare l importo necessario alla copertura delle spese di vitto, trasporto e alloggio dei relatori, che interverranno al convegno, ad esclusione del referente del Ministero del Lavoro, per il quale si ricorrerà alle risorse stanziate dall INAIL e dall A.S.S. 1. 5

6 ART. 4 Durata Il presente Accordo entra in vigore con la sottoscrizione e ha durata pari a quella necessaria per il completamento delle attività previste. ART. 5 Controversie Per ogni controversia relativa all interpretazione e/o esecuzione del presente atto è competente il foro di Trieste. Allegato n. 1: Quadro Economico Originale composto da n. 7 pagine, compreso l allegato Letto firmato e sottoscritto a Trieste, Per l Azienda per i Servizi Sanitari n. 1 Triestina IL DIRETTORE GENERALE - dott. Nicola Delli Quadri - - firmato elettronicamente - Per la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IL DIRETTORE DELL UFFICIO STAMPA - dott. Edoardo Boschin - - firmato elettronicamente - Per la Direzione Regionale INAIL IL DIRETTORE REGIONALE - dott.ssa Carmela Sidoti - - firmato elettronicamente - 6

7 IMPOSTA DI BOLLO VIRTUALE Autorizzazione Intendenza Finanza Trieste n. 9881/729 II del Allegato 1 Quadro economico (A) spese a carico di INAIL e ASS 1 Stampa 300 brochure evento Euro 300,00.- Affitto Sala Ridotto Teatro Verdi Euro 700,00.- Servizio guardiafuochi Euro 800,00.- Noleggio schermo e retroproiettore Euro 700,00.- Pranzo di lavoro 28 relatori Euro 800,00.- Cartelline, cancelleria, segreteria Euro 700,00.- Compenso relatore del Ministero del Lavoro Euro 1000,00.- totale Euro 5.000,00.- Quadro economico (B) - spese a esclusivo carico della Regione F.V.G. Rimborso spese vitto trasporto alloggio 28 relatori 7

CONVENZIONE TRA. l Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro,

CONVENZIONE TRA. l Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, CONVENZIONE TRA l Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, Direzione regionale per il Friuli Venezia Giulia (di seguito denominato INAIL FVG), codice fiscale 01165400589

Dettagli

ACCORDO. per la realizzazione del progetto

ACCORDO. per la realizzazione del progetto Sede di Reggio Emilia ACCORDO per la realizzazione del progetto Poster informativi multilingue (italiano, francese, inglese e rumeno) sulla salute e sicurezza in agricoltura TRA La sede INAIL di Reggio

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA. La Direzione Regionale per il Friuli Venezia Giulia dell Istituto

PROTOCOLLO DI INTESA TRA. La Direzione Regionale per il Friuli Venezia Giulia dell Istituto PROTOCOLLO DI INTESA TRA La Direzione Regionale per il Friuli Venezia Giulia dell Istituto Nazionale per l Assicurazione Infortuni sul Lavoro (di seguito denominata INAIL ), con sede a Trieste, via G.

Dettagli

Accordo attuativo tra Inail Direzione regionale per la Puglia e Regione Puglia Assessorato alla Promozione della Salute

Accordo attuativo tra Inail Direzione regionale per la Puglia e Regione Puglia Assessorato alla Promozione della Salute Direzione Regionale per la Puglia Assessorato alla Promozione della Salute Accordo attuativo tra Inail Direzione regionale per la Puglia e Regione Puglia Assessorato alla Promozione della Salute Premesso

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O CENTRO PER L IMPIEGO. Oggetto: dott. Contratto di collaborazione

PROVINCIA DI TRIESTE AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O CENTRO PER L IMPIEGO. Oggetto: dott. Contratto di collaborazione PROVINCIA DI TRIESTE AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O CENTRO PER L IMPIEGO Oggetto: dott. Contratto di collaborazione coordinata e continuativa ex artt. 7, comma 6, D.Lgs.165/2001 e 110, comma 6, D.Lgs. 267/2000

Dettagli

ALLEGATO C SCHEMA DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

ALLEGATO C SCHEMA DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 65 del 3-5-2007 7107 ALLEGATO C SCHEMA DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Il presente allegato si compone di n 6 (sei) pagine inclusa

Dettagli

Accordo di programma per la realizzazione. di attività in ambito prevenzionale SVILUPPARE LE ABILITA MOTORIE NEGLI ALLIEVI DELLA SCUOLA

Accordo di programma per la realizzazione. di attività in ambito prevenzionale SVILUPPARE LE ABILITA MOTORIE NEGLI ALLIEVI DELLA SCUOLA DIREZIONE REGIONALE VENETO SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole www.sicurscuolaveneto.it Accordo di programma per la realizzazione di attività in ambito prevenzionale SVILUPPARE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. fra. Anp Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola. Microsoft S.r.l

PROTOCOLLO DI INTESA. fra. Anp Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola. Microsoft S.r.l PROTOCOLLO DI INTESA fra Anp Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola e Microsoft S.r.l 2010/2011 Page - 1 - PROTOCOLLO DI INTESA Tra ANP, Associazione Nazionale Dirigenti e

Dettagli

Progetto SKIPASS da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della pratica sportiva tra le persone con disabilità

Progetto SKIPASS da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della pratica sportiva tra le persone con disabilità Progetto SKIPASS 2017 da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della pratica sportiva tra le persone con disabilità PREMESSA L INAIL Direzione Regionale Veneto, nell ambito

Dettagli

Accordo attuativo tra Inail Direzione regionale per la Puglia e Politecnico di Bari

Accordo attuativo tra Inail Direzione regionale per la Puglia e Politecnico di Bari Accordo attuativo tra Inail Direzione regionale per la Puglia e Politecnico di Bari Premesso che: - il D.Lgs n. 81/2008 e s. m. i. attribuisce all INAIL compiti di promozione, informazione, formazione,

Dettagli

CONVENZIONE. Fondazione e Amministrazione, quando di seguito indicate congiuntamente, potranno essere denominate anche PARTI.

CONVENZIONE. Fondazione e Amministrazione, quando di seguito indicate congiuntamente, potranno essere denominate anche PARTI. CONVENZIONE La presente convenzione è tra: Fondazione Teatro Regio di Parma, di seguito denominata FONDAZIONE, con sede legale a Parma, in via Garibaldi 16/a, 43121, C.F. e P.I 02208060349, qui rappresentata

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE, in prosieguo denominata Autorità, con sede legale in Roma (00187), Via M.

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE, in prosieguo denominata Autorità, con sede legale in Roma (00187), Via M. ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE, in prosieguo denominata Autorità, con sede legale in Roma (00187), Via M. Minghetti, 10, Codice fiscale n. 97584460584, in persona del

Dettagli

POR FSE CAMPANIA 2014/2020 AVVISO PUBBLICO BENESSERE GIOVANI- ORGANIZZIAMOCI

POR FSE CAMPANIA 2014/2020 AVVISO PUBBLICO BENESSERE GIOVANI- ORGANIZZIAMOCI POR FSE CAMPANIA 2014/2020 AVVISO PUBBLICO BENESSERE GIOVANI- ORGANIZZIAMOCI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA POLIVALENTI ( LEGGE REGIONALE 26/16- DGR N. 114 DEL 22/03/2016)

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 560 del 03 aprile 2012 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 560 del 03 aprile 2012 pag. 1/6 ALLEGATOA alla Dgr n. 560 del 03 aprile 2012 pag. 1/6 ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE Segreteria Regionale per l Ambiente Unità di Progetto Protezione Civile Leggi Regionali n. 58/84; 17/08; 11/01 CONVENZIONE

Dettagli

ACCORDO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO COL CASCO NON FACCIO UNA PIEGA. INAIL Sede di Pordenone, Via Della Vecchia Ceramica, C.F.

ACCORDO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO COL CASCO NON FACCIO UNA PIEGA. INAIL Sede di Pordenone, Via Della Vecchia Ceramica, C.F. ACCORDO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO COL CASCO NON FACCIO UNA PIEGA INAIL Sede di Pordenone, Via Della Vecchia Ceramica, C.F.01165400589 P.I.00968951004 - nella persona del Direttore dott.ssa Cristiana

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE

MANUALE DI RENDICONTAZIONE AZIONE PROVINCEGIOVANI Avviso Pubblico 2010 MANUALE DI RENDICONTAZIONE LA RENDICONTAZIONE E il processo di consuntivazione delle spese effettivamente e definitivamente sostenute per l attuazione delle

Dettagli

Progetto 3 Torneo INAIL di calcio a 5 per disabili Fisici e Ipovedenti INAIL Direzione Regionale 3-4 dicembre 2015, Padova

Progetto 3 Torneo INAIL di calcio a 5 per disabili Fisici e Ipovedenti INAIL Direzione Regionale 3-4 dicembre 2015, Padova Progetto 3 Torneo INAIL di calcio a 5 per disabili Fisici e Ipovedenti INAIL Direzione Regionale 3-4 dicembre 2015, Padova da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE. Assistenza Tecnica

MANUALE DI RENDICONTAZIONE. Assistenza Tecnica MANUALE DI RENDICONTAZIONE CRITERI DI AMMISSIBILITA I costi AMMISSIBILI devono essere: necessari, previsti, e rispondere ai principi di buona gestione generati durante il progetto effettivamente sostenuti

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL ISTITUTO SUPERIORE TRA. Comune di Cremona, codice fiscale , in seguito denominato

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL ISTITUTO SUPERIORE TRA. Comune di Cremona, codice fiscale , in seguito denominato CONVENZIONE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CLAUDIO MONTEVERDI TRA Comune di Cremona, codice fiscale 00297960197, in seguito denominato Comune, con sede a

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA INERENTI AL LABORATORIO PER L INSEGNAMENTO DELLE SCIENZE DI BASE

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA INERENTI AL LABORATORIO PER L INSEGNAMENTO DELLE SCIENZE DI BASE CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA INERENTI AL LABORATORIO PER L INSEGNAMENTO DELLE SCIENZE DI BASE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO,

Dettagli

Accordo di collaborazione per la promozione del marchio DegustiBo TRA. La Provincia di Bologna, con sede legale in Bologna Via Zamboni n.

Accordo di collaborazione per la promozione del marchio DegustiBo TRA. La Provincia di Bologna, con sede legale in Bologna Via Zamboni n. Accordo di collaborazione per la promozione del marchio DegustiBo TRA La Provincia di Bologna, con sede legale in Bologna Via Zamboni n.13, C.F. 80022230371 P.I. 03026170377, rappresentato in questa sede

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA dell ATTO di NOTORIETA (art. 47 D.P.R. 28 dicembre 200, n 445)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA dell ATTO di NOTORIETA (art. 47 D.P.R. 28 dicembre 200, n 445) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA dell ATTO di NOTORIETA (art. 47 D.P.R. 28 dicembre 200, n 445) spazio riservato al protocollo Classifica titolario: 5SP 3 (l.r. 8/2003, art.11, c. 1,2) data di arrivo Rendicontazione

Dettagli

Costituzione di Associazione Temporanea di Scopo ASIIR e mandato collettivo speciale con rappresentanza

Costituzione di Associazione Temporanea di Scopo ASIIR e mandato collettivo speciale con rappresentanza Costituzione di Associazione Temporanea di Scopo ASIIR e mandato collettivo speciale con rappresentanza Con la presente scrittura privata autenticata, redatta in un unico originale tra: I sottoscritti:

Dettagli

Progetto Squadre di Calcio Balilla Paralimpico Direzione Regionale 2016

Progetto Squadre di Calcio Balilla Paralimpico Direzione Regionale 2016 Progetto Squadre di Calcio Balilla Paralimpico Direzione Regionale 2016 da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della pratica sportiva tra le persone con disabilità PREMESSA

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI PISA E L ASSOCIAZIONE AUSER MUSICI. in Pisa, presso gli uffici della Direzione DD 11 Cultura e Turismo, TRA

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI PISA E L ASSOCIAZIONE AUSER MUSICI. in Pisa, presso gli uffici della Direzione DD 11 Cultura e Turismo, TRA CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI PISA E L ASSOCIAZIONE AUSER MUSICI L anno Duemilasedici (2016) e questo dì del mese di in Pisa, presso gli uffici della Direzione DD 11 Cultura e Turismo, Coordinamento interventi

Dettagli

Progetto Emozioni sulla neve gennaio 2017, Alleghe BL

Progetto Emozioni sulla neve gennaio 2017, Alleghe BL Progetto Emozioni sulla neve 18-19-20 gennaio 2017, Alleghe BL da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della pratica sportiva tra le persone con disabilità PREMESSA L

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 598 DEL 13 APRILE 2012 Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.5 BASSA FRIULANA CONVENZIONE concernente l affidamento all Area Welfare di Comunità

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura MANUALE DI RENDICONTAZIONE ASSOCIAZIONI

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura MANUALE DI RENDICONTAZIONE ASSOCIAZIONI Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura MANUALE DI RENDICONTAZIONE ASSOCIAZIONI per la concessione dei benefici economici per le attività culturali nella Provincia di Latina

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. - con Determinazione n. 151 del 25/11/2008 è stato individuato l Ordine degli Avvocati

Tra PREMESSO CHE. - con Determinazione n. 151 del 25/11/2008 è stato individuato l Ordine degli Avvocati CONVENZIONE TRA REGIONE PIEMONTE E CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE IN MATERIA DI PATROCINIO LEGALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA E

Dettagli

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34

L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 L.R. 11/2006, art. 18, c. 3 B.U.R. 24/8/2011, n. 34 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 10 agosto 2011, n. 0198/Pres. Regolamento di cui all articolo 18, comma 3, della legge regionale 7 luglio 2006,

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE

MANUALE DI RENDICONTAZIONE MANUALE DI RENDICONTAZIONE Il presente manuale, in linea con quanto previsto dal regolamento per l attività istituzionale, intende disciplinare le tipologie di oneri ammissibili, raggruppate per macro-voci,

Dettagli

Oppure ESENTE MARCA DA BOLLO:

Oppure ESENTE MARCA DA BOLLO: Oppure ESENTE MARCA DA BOLLO: MARCA DA BOLLO 2,00 (qualora il compenso lordo sia superiore a Euro 77,46) ai sensi del D.P.R. 26/10/1972 n. 642, allegato B, articolo 27 bis (organizzazioni non lucrative

Dettagli

Convenzione tra il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e l Unione dei. Comuni del Casentino per l esecuzione di un programma di interventi di

Convenzione tra il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e l Unione dei. Comuni del Casentino per l esecuzione di un programma di interventi di Convenzione tra il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e l Unione dei Comuni del Casentino per l esecuzione di un programma di interventi di miglioramento e razionalizzazione dell attività agricola

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il budget di progetto e le tipologie di spese ammissibili Antonella Buja Coordinatrice Giuseppe Caruso - Maria Gina Mussini Project Manager Progetto Europa - Europe Direct

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 197 / 2017 del 30/06/2017

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 197 / 2017 del 30/06/2017 DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE 197 / 2017 del 30/06/2017 Oggetto: CONVENZIONE CON LA STRUTTURA DI MISSIONE PREVENZIONE E CONTRASTO ANTIMAFIA SISMA DEL MINISTERO DELL INTERNO PER LA COLLABORAZIONE IN TEMA

Dettagli

Commissario straordinario per l area della Ferriera di Servola

Commissario straordinario per l area della Ferriera di Servola Commissario straordinario per l area della Ferriera di Servola PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L AREA DELLA FERRIERA DI SERVOLA IL COMUNE DI TRIESTE LA PROVINCIA DI TRIESTE L AZIENDA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE. L'anno duemilasedici (2016) e questo giorno ( ) del mese di in Firenze, Palazzo Canacci. Per il presente atto cui intervengono:

SCHEMA DI CONVENZIONE. L'anno duemilasedici (2016) e questo giorno ( ) del mese di in Firenze, Palazzo Canacci. Per il presente atto cui intervengono: REP. N. COMUNE DI FIRENZE SCHEMA DI CONVENZIONE L'anno duemilasedici (2016) e questo giorno ( ) del mese di in Firenze, Palazzo Canacci. Per il presente atto cui intervengono: 1) Dott.ssa Gabriella FARSI,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA L Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo

PROTOCOLLO D INTESA. TRA L Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Bollo corrisposto in modo virtuale Autorizzazione N. 0023639 del 23/03/2016 PROTOCOLLO D INTESA TRA L Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (nel seguito

Dettagli

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE

BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE BANDO DI IDEE PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE ANNO 2007 Art. 1 Obiettivi e oggetto del bando All interno delle azioni comuni dei cinque CSV della Campania, al fine di favorire il protagonismo delle esperienze

Dettagli

Lett.b) Acquisto divise e attrezzature funzionali per l esercizio dell attività

Lett.b) Acquisto divise e attrezzature funzionali per l esercizio dell attività Mod.B L.R. n.64/86, art.2 PREVENTIVO DI SPESA ENTRATE: 01 contributi o finanziamenti dallo Stato (specificare) 02 03 contributo richiesto Regione Autonoma Sardegna Assessorato P.I. BB.CC. Altri contributi

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE. Determinazione nr. 459 Trieste 14/04/2016 Proposta nr. 178 Del 08/04/2016

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE. Determinazione nr. 459 Trieste 14/04/2016 Proposta nr. 178 Del 08/04/2016 AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE Determinazione nr. 459 Trieste 14/04/2016 Proposta nr. 178 Del 08/04/2016 Oggetto: Corso "La previdenza pubblica del 2016 e il fondo PERSEO

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 836 Trieste 02/04/2015 Proposta nr. 311 Del 02/04/2015 Oggetto: TIROCINIO DI FORMAZIONE IN SITUAZIONE SVILUPPO / COMPETENZE (D.G.R.

Dettagli

Gestione tecnico-organizzativa del Teatro Pacini di Pescia anno CONVENZIONE con C O M U N E D I P E S C I A. (Provincia di Pistoia)

Gestione tecnico-organizzativa del Teatro Pacini di Pescia anno CONVENZIONE con C O M U N E D I P E S C I A. (Provincia di Pistoia) Gestione tecnico-organizzativa del Teatro Pacini di Pescia anno 2010-1011 CONVENZIONE con. C O M U N E D I P E S C I A (Provincia di Pistoia) Atto n L anno duemiladieci (2010) e questo dì del mese di in

Dettagli

Misura M19. Sostegno allo sviluppo locale LEADER (da art. 42 a 44) Interventi

Misura M19. Sostegno allo sviluppo locale LEADER (da art. 42 a 44) Interventi M19 Sostegno allo sviluppo locale LEADER (da art. 42 a 44) Interventi 19.1.1 Sostegno preparatorio 19.2.1 Sostegno all esecuzione degli interventi nell ambito della strategia di sviluppo locale di tipo

Dettagli

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. XV, N. 181

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. XV, N. 181 - 289-1.A 4 Personale 2.958.439 3.158.002 2.292.192 2.567.288 1. retribuzioni fisse 2.217.001 2.375.723 1.705.617 1.873.577 2. contributi previdenziali ed assicurativi 694.949 726.178 426.769 497.334 3.

Dettagli

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 BUDGET DI PROGETTO versione Budget: 2 Beneficiario Titolo del Progetto Programma Annuale e Azione Codice del Progetto REGIONELAZIO

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 533/AV4 DEL 31/07/2013

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 533/AV4 DEL 31/07/2013 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 533/AV4 DEL 31/07/2013 Oggetto: CONVENZIONE CON L AOU MEYER DI FIRENZE PER LA COLLABORAZIONE DOTT. G. M. APPROVATA CON DETERMINA N. 324/AV 4 DEL 13/05/13.

Dettagli

RELAZIONE FINALE SULLO SVOLGIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE E CONSUNTIVO FINANZIARIO PRIMO INTERVENTO 2016

RELAZIONE FINALE SULLO SVOLGIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE E CONSUNTIVO FINANZIARIO PRIMO INTERVENTO 2016 MODELLO R/1 L.R. 21.04.1955 n. 7, art. 1, lett. c) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RELAZIONE FINALE SULLO SVOLGIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE E CONSUNTIVO FINANZIARIO PRIMO INTERVENTO 2016 Il/la sottoscritto/a

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. CENTRO PER L'IMPIEGO Determinazione nr. 1131 Trieste 14/05/2015 Proposta nr. 413 Del 13/05/2015 Oggetto: TIROCINIO DI FORMAZIONE IN SITUAZIONE / SVILUPPO COMPETENZE (D.G.R.

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE Area Politiche Attive e Mercato del Lavoro

PROVINCIA DI TRIESTE Area Politiche Attive e Mercato del Lavoro PROVINCIA DI TRIESTE Area Politiche Attive e Mercato del Lavoro Oggetto: dott.ssa. Proroga contratto di collaborazione coordinata e continuativa ex artt. 7 comma 6 D.Lg. 165/2001 e 110 comma 6 D.Lg. 267/2000

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE. Art. 1 Principi generali Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Protocollo.

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE. Art. 1 Principi generali Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Protocollo. PROTOCOLLO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA E INAIL DIREZIONE REGIONALE UMBRIA PER LO SVOLGIMENTO DI UN MASTER DI I LIVELLO IN INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ED ANALISI DEI RISCHI IN AMBITO INDUSTRIALE"

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO Reg. Inc. n. Pordenone, lì CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO STATISTICO E METODOLOGICO ALL'OSSERVATORIO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DEL

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Dott. Nicola Delli Quadri

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Dott. Nicola Delli Quadri AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 1 TRIESTINA TRIESTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Decreto n 111 del 12/03/2015 OGGETTO Convenzione con il Comune di Trieste per la realizzazione di un'indagine

Dettagli

Progetto Festival Sportivamente settembre 2016, Motta di Livenza (TV)

Progetto Festival Sportivamente settembre 2016, Motta di Livenza (TV) Progetto Festival 2016 - Sportivamente 15-17 settembre 2016, Motta di Livenza (TV) da allegare al Protocollo d Intesa INAIL DR Veneto - CIP Veneto Promozione della pratica sportiva tra le persone con disabilità

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER ATTIVITA DI CONSULENZA SPECIALISTICA TECNICO-ESTIMATIVA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA PER ATTIVITA DI CONSULENZA SPECIALISTICA TECNICO-ESTIMATIVA TRA PROTOCOLLO DI INTESA PER ATTIVITA DI CONSULENZA SPECIALISTICA TECNICO-ESTIMATIVA TRA Agenzia delle Entrate (di seguito Agenzia ), nella persona di in qualità di, giusta delega del Direttore dell Agenzia,

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 62 del 28 settembre 2016 pag. 1/7

Allegato A al Decreto n. 62 del 28 settembre 2016 pag. 1/7 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 62 del 28 settembre 2016 pag. 1/7 LEGGE REGIONALE 9 OTTOBRE 2009, N. 25, ART. 7 FONDO REGIONALE PER IL CINEMA E L AUDIOVISIVO INTERVENTI A FAVORE DELLA PRODUZIONE

Dettagli

Settore Sviluppo Locale: Cultura e Marketing Turistico. Oggetto: Realizzazione evento Capodanno Richiesta di proposta.

Settore Sviluppo Locale: Cultura e Marketing Turistico. Oggetto: Realizzazione evento Capodanno Richiesta di proposta. Servizi Culturali e Turismo Sassari, Spett. Oggetto: Realizzazione evento Capodanno 2016-2017. Richiesta di proposta. Il Comune di Sassari, nell ambito della programmazione delle iniziative del Natale

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE. VIBRACTION 2014 La provincia di Pordenone capitale della musica

PROVINCIA DI PORDENONE. VIBRACTION 2014 La provincia di Pordenone capitale della musica PROVINCIA DI PORDENONE VIBRACTION 2014 La provincia di Pordenone capitale della musica Progetto di promozione turistica e culturale del territorio della provincia di Pordenone Soggetto proponente: Provincia

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n del 21 luglio 2009 pag. 1/6

ALLEGATOB alla Dgr n del 21 luglio 2009 pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 2219 del 21 luglio 2009 pag. 1/6 ASSESSORATO ALLA PROTEZIONE CIVILE Segreteria ai Lavori Pubblici Unità di progetto Protezione Civile L. R. 27/11/1984,

Dettagli

Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) per l erogazione delle somme del Fondo regionale ;

Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) per l erogazione delle somme del Fondo regionale ; Allegato B Schema di Protocollo d intesa per l erogazione dei contributi del Fondo di solidarietà per le famiglie dei lavoratori vittime di incidenti mortali sul lavoro. TRA la Regione Lazio (di seguito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO E LA PROVINCIA DI VICENZA PER REALIZZARE UN PIANO DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELLA SICUREZZA URBANA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO E LA PROVINCIA DI VICENZA PER REALIZZARE UN PIANO DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELLA SICUREZZA URBANA PROVINCIA DI VICENZA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO E LA PROVINCIA DI VICENZA PER REALIZZARE UN PIANO DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELLA SICUREZZA URBANA DENOMINATO PIANO PROGETTUALE DI AZIONI

Dettagli

17/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 75. Regione Lazio

17/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 75. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 9 settembre 2015, n. G10689 Attuazione della DGR 436 del 2.12.2013. Linea di credito BEI denominata

Dettagli

Linee guida per la Gestione e Rendicontazione dei Progetti Bandiera e di Interesse

Linee guida per la Gestione e Rendicontazione dei Progetti Bandiera e di Interesse Linee guida per la Gestione e Rendicontazione dei Progetti Bandiera e di Interesse Ufficio Programmazione Operativa - CNR PREMESSA Le presenti Linee Guida intendono costituire uno strumento di indirizzo

Dettagli

COMUNE DI ALBEROBELLO PROVINCIA DI BARI

COMUNE DI ALBEROBELLO PROVINCIA DI BARI COMUNE DI ALBEROBELLO PROVINCIA DI BARI Estratto del Regolamento per la determinazione dei criteri e modalità per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari e vantaggi economici

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO

GABINETTO DELLA PRESIDENZA U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO GABINETTO DELLA PRESIDENZA U.O. SERVIZI CULTURALI E VALORIZZAZIONE BENI DEL TERRITORIO Determinazione nr. 3113 Trieste 26/11/2013 Proposta nr. 1056 Del 22/11/2013 Oggetto: : Interventi ai sensi dell'art.

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 64 / 2017 del 09/03/2017

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 64 / 2017 del 09/03/2017 DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE 64 / 2017 del 09/03/2017 Oggetto: COLLABORAZIONE PER INCARICO DI CONSULENZA E STUDIO A TITOLO OGGETTO: COLLABORAZIONE PER INCARICO DI CONSULENZA E STUDIO A TITOLO vista

Dettagli

ACCORDO. Pagina 1 di 7. tra

ACCORDO. Pagina 1 di 7. tra ACCORDO PER LA REALIZZAZIONE DI UN INTERVENTO DI PREVENZIONE MIRATO A MIGLIORARE LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE AZIENDE CHE OPERANO NELL AREA PORTUALE DI TRIESTE tra l Azienda Sanitaria Universitaria Integrata

Dettagli

Del 31/03/2014 n. 192 DIP.TO II GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE RENDICONTAZIONE LAVORO AREA ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Del 31/03/2014 n. 192 DIP.TO II GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE RENDICONTAZIONE LAVORO AREA ISTRUZIONE E FORMAZIONE D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E Del 31/03/2014 n. 192 DIP.TO II GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE RENDICONTAZIONE LAVORO AREA ISTRUZIONE E FORMAZIONE Oggetto:

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13

PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 Allegato A PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 511 ASSISTENZA TECNICA DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/13 1. Obiettivi della misura Ai sensi dell art. 66 del Reg CE 1698/2005 gli interventi dell

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SEREGNO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NUOVA ACROPOLI LOMBARDIA PER L ALLESTIMENTO E LO SVOLGIMENTO

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SEREGNO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NUOVA ACROPOLI LOMBARDIA PER L ALLESTIMENTO E LO SVOLGIMENTO CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SEREGNO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NUOVA ACROPOLI LOMBARDIA PER L ALLESTIMENTO E LO SVOLGIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE IN CAMPO CON LA PROTEZIONE CIVILE 10 ANNIVERSARIO

Dettagli

COMUNE DI CORBARA - Provincia di Salerno. Repertorio n. CONVENZIONE DISCIPLINARE D INCARICO PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI

COMUNE DI CORBARA - Provincia di Salerno. Repertorio n. CONVENZIONE DISCIPLINARE D INCARICO PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI COMUNE DI CORBARA - Provincia di Salerno Repertorio n. del CONVENZIONE DISCIPLINARE D INCARICO PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER L ASSISTENZA ED IL SUPPORTO ALLA PREPARAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra PROTOCOLLO D INTESA Tra l Università degli Studi di Roma La Sapienza, con sede in Roma, P.le Aldo Moro n. 5, 00185, C.F. 80209930587, d ora in poi denominata "Università", rappresentata dal Rettore pro

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari All. B alla delibera della G. C. n. 94 dell 11/07/2013 CONVENZIONE CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO PER LA GESTIONE DI MANIFESTAZIONI NELL AMBITO DELLA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/8 PROGETTI TERRITORIALI VENETO ADOZIONI (P.T.V.A) 1. Presentazione delle progettualità Soggetto incaricato della presentazione Ciascuna Azienda

Dettagli

art. 2 soggetti beneficiari art. 3 iniziative finanziabili art. 1 finalità

art. 2 soggetti beneficiari art. 3 iniziative finanziabili art. 1 finalità Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi, da parte dell Agenzia per lo sviluppo del turismo, denominata Turismo Friuli Venezia Giulia, per l organizzazione di soggiorni

Dettagli

CONSIDERATO che le attività svolte nell ambito del Progetto CPT prevedono l utilizzo dei dati per analisi e a sostegno della policy regionale;

CONSIDERATO che le attività svolte nell ambito del Progetto CPT prevedono l utilizzo dei dati per analisi e a sostegno della policy regionale; REGIONE PIEMONTE BU46 13/11/2014 Codice DB0905 D.D. 25 luglio 2014, n. 215 Approvazione schema di convenzione tra la Regione Piemonte e l'universita' degli Studi di Torino - Dipartimento di Management

Dettagli

REGIONE EMILIA - ROMAGNA REFERENTE AZIENDALE: TELEFONO: SETTORE DI ATTIVITA PRIMARIA CODICE ATECO Tipologia di spesa Importo previsto (in )

REGIONE EMILIA - ROMAGNA REFERENTE AZIENDALE: TELEFONO: SETTORE DI ATTIVITA PRIMARIA CODICE ATECO Tipologia di spesa Importo previsto (in ) REGIONE EMILIA - ROMAGNA AZIENDA: REFERENTE AZIENDALE: TELEFONO: SETTORE DI ATTIVITA PRIMARIA CODICE ATECO 2007 DATA INIZIO ATTIVITA GG/MM/AAAA 1. Indicare quale/i target del progetto e motivazioni della

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 3 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 3 del 1360 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 3 del 10-1-2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 dicembre 2016, n. 2075 Piano 2016 delle attività ammesse a finanziamento nel settore dello Spettacolo

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con sede legale a Roma, via Ulpiano, 11-00184 Roma, qui di seguito denominato "Dipartimento", nella

Dettagli

tra la Provincia autonoma di Trento rappresentata dal Presidente Lorenzo Dellai di seguito denominati Parti PREMESSO CHE

tra la Provincia autonoma di Trento rappresentata dal Presidente Lorenzo Dellai di seguito denominati Parti PREMESSO CHE Protocollo d intesa per l individuazione delle istituzioni scolastiche della Provincia autonoma di Trento presso le quali svolgere il test di conoscenza della lingua italiana previsto dall articolo 9,

Dettagli

Codice A1001B D.D. 26 luglio 2016, n. 82 Consulente di fiducia; approvazione schema di contratto di affidamento dell'incarico.

Codice A1001B D.D. 26 luglio 2016, n. 82 Consulente di fiducia; approvazione schema di contratto di affidamento dell'incarico. REGIONE PIEMONTE BU44 03/11/2016 Codice A1001B D.D. 26 luglio 2016, n. 82 Consulente di fiducia; approvazione schema di contratto di affidamento dell'incarico. (omissis) (omissis) determina - di approvare,

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE Allegato D LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE I Rapporti periodici dovranno contenere i seguenti documenti: 1) Lettera di accompagnamento (Format 1) 2) Relazione descrittiva delle attività svolte nel periodo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. e la. LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione Reggio Calabria Sud

PROTOCOLLO D INTESA TRA. e la. LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione Reggio Calabria Sud ARPACAL Sezione REGGIO CALABRIA SUD PROTOCOLLO D INTESA TRA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE (di seguito denominato A.R.P.A.CAL.) e la LEGA NAVALE ITALIANA - Sezione Reggio Calabria Sud

Dettagli

L.R. 45/1995, art. 1 B.U.R. 24/12/2014, n. 52 L.R. 27/2012, art. 12, c. 3

L.R. 45/1995, art. 1 B.U.R. 24/12/2014, n. 52 L.R. 27/2012, art. 12, c. 3 L.R. 45/1995, art. 1 B.U.R. 24/12/2014, n. 52 L.R. 27/2012, art. 12, c. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 10 dicembre 2014, n. 0231/Pres. Regolamento per l'individuazione delle voci di spesa ammissibili

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 66 del 27 gennaio 2017 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 66 del 27 gennaio 2017 pag. 1/8 giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 66 del 27 gennaio 2017 pag. 1/8 PROGETTI TERRITORIALI VENETO ADOZIONI (P.T.V.A)- annualità 2016/2017 1. Presentazione delle progettualità Soggetto

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI..DI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DTD8-2017-83 DEL 02/03/2017 STRUTTURA PROPONENTE: DIPARTIMENTO DI STAFF -

Dettagli

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità

R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità R E G I O N E V E N E T O Segreteria Regionale per la Sanità Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO A SUPPORTO DELL AZIENDA

Dettagli

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Servizio Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Compiti e funzioni - Area D. Lgs. 81/08

Dettagli

Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Assessorato Turismo, Politiche Culturali e Promozione Sportiva

Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Assessorato Turismo, Politiche Culturali e Promozione Sportiva Provincia di Cagliari - Provincia de Casteddu Assessorato Turismo, Politiche Culturali e Promozione Sportiva AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AI SENSI DELL ART. 12

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CERIGNOLA Piano sociale di Zona UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE DI CERIGNOLA Piano sociale di Zona UFFICIO DI PIANO COPIA AMBITO TERRITORIALE DI CERIGNOLA Piano sociale di Zona 2010 2012 UFFICIO DI PIANO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL UFFICIO DI PIANO N. 23 del 23.12.2011 OGGETTO:Studio di fattibilità progetto

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI FINALIZZATI ALLA CREAZIONE O POTENZIAMENTO DI SERVIZI INNOVATIVO SPERIMENTALI NEL CAMPO DELLA DISABILITÀ FORMULARIO DI PROGETTO (ALLEGATO 2) 1 TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

La sicurezza dei lavoratori è competitività per le imprese

La sicurezza dei lavoratori è competitività per le imprese La sicurezza dei lavoratori è competitività per le imprese 25 novembre 2010 1 INFORTUNI SUL LAVORO DENUNCIATI ALL INAIL COSTRUZIONI periodo 2008-2009 Infortuni totali di cui Mortali Province 2008 2009

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO DEL PERSONALE DELL I.R.P.E.T. APPARTENENTE AL COMPARTO PER IL QUADRIENNIO 2006 2009 IPOTESI DI ACCORDO IN MATERIA DI INTEGRAZIONE DELLE RISORSE DECENTRATE PER

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Nucleo di Valutazione dell ARPA FVG. Sostituzione Presidente. IL DIRETTORE GENERALE (dott.

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Nucleo di Valutazione dell ARPA FVG. Sostituzione Presidente. IL DIRETTORE GENERALE (dott. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 134 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 27/06/2012 OGGETTO Nucleo di Valutazione dell ARPA FVG. Sostituzione Presidente. IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina) nominato

Dettagli

MINISTERIALE PERIODO DAL AL

MINISTERIALE PERIODO DAL AL Allegato B CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI RIETI ED IL CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI AMMISSIONE AL REGIME DI COMPENSAZIONE DELLA SPESA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

CHIEDE L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER REALIZZARE LE SEGUENTI ATTIVITÀ:

CHIEDE L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER REALIZZARE LE SEGUENTI ATTIVITÀ: ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI DEGLI STUDENTI Modulo richiesta erogazione fondi Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Trieste Piazzale pa, 1 34127 - Trieste Oggetto: Domanda di contributo per

Dettagli

Protocollo d intesa TRA

Protocollo d intesa TRA Protocollo d intesa TRA INAIL - DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA, con sede in Firenze, Via Bufalini n.7, rappresentata dal dott. Giovanni Asaro, nato a Trapani il 16.02.59 nella sua qualità di Direttore

Dettagli

Il giorno... del mese... dell anno 2017 presso la Regione Toscana, sono presenti:

Il giorno... del mese... dell anno 2017 presso la Regione Toscana, sono presenti: Allegato A SCHEMA DI ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER IL PERIODO 2017-2019 PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE FINALIZZATE ALLA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA DONAZIONE E AL SUPPORTO DELLE PERSONE TRAPIANTATE

Dettagli

CHIEDE L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER REALIZZARE LE SEGUENTI ATTIVITÀ:

CHIEDE L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER REALIZZARE LE SEGUENTI ATTIVITÀ: ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI DEGLI STUDENTI Modulo richiesta erogazione fondi Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Trieste Piazzale pa, 1 34127 - Trieste Oggetto: Domanda di contributo per

Dettagli

Il Direttore del servizio programmazione e gestione interventi formativi

Il Direttore del servizio programmazione e gestione interventi formativi Decreto n 5876/LAVFORU del 12/08/2016 Piano Integrato di Politiche per l Occupazione e per il Lavoro PIPOL. Approvazione progetti formativi di tirocinio presentati e valutati entro il 12 agosto 2016 e

Dettagli