DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA"

Transcript

1 DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA L AUTORITÀ NELLA riunione del Consiglio del 6 febbraio 2013; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249, concernente Istituzione dell'autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo, pubblicata nel Supplemento ordinario n. 154/L alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - serie generale - del 31 luglio 1997, n. 177, ed in particolare l articolo 1, comma 6, lett. c), n. 3); VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante Codice delle comunicazioni elettroniche, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 215 del 15 settembre 2003, n. 215, e successive modifiche e integrazioni; VISTO il decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, pubblicato nel Supplemento Ordinario n. 150 alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 7 settembre 2005 n. 208, e successive modifiche e integrazioni, recante il Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici ; VISTA la Direttiva 2010/13/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 10 marzo 2010 relativa al coordinamento di determinate disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti la fornitura di servizi di media audiovisivi (direttiva sui servizi di media audiovisivi); VISTA la Relazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato delle Regioni sull'applicazione della direttiva 2010/13/UE che riconosce l importanza di seguire attentamente gli sviluppi tecnologici della televisione connessa o ibrida in quanto il quadro normativo istituito dalla direttiva sui servizi di media audiovisivi dovrà confrontarsi con i modelli di visione e di distribuzione legati a tali sviluppi tecnologici e che, pertanto, la commissione prevede di approfondire la propria analisi anche tramite l avvio di un processo di consultazione in vista dell'elaborazione di un documento programmatico sulla televisione connessa; CONSIDERATO che la Commissione intende formulare una risposta strategica dell'europa per valorizzare al massimo le opportunità esistenti per i cittadini e per il settore audiovisivo europeo e affrontare le sfide strategiche poste dalla televisione connessa; 1

2 CONSIDERATO che alle modalità di diffusione dei contenuti attraverso reti terrestri e satellitari si aggiunge, ora, anche l offerta su protocollo IP, attraverso vari modelli di fruizione, che vedono lo sviluppo di nuovi servizi convergenti (televisione connessa) offerti da operatori del settore delle comunicazioni prima storicamente separati, quali i fornitori di contenuti tradizionali, i fornitori di servizi media, i carrier di telecomunicazioni nonché le imprese del web; CONSIDERATO che la rapida evoluzione delle modalità di accesso alle nuove forme di piattaforme televisive digitali sta riconfigurando l offerta dei contenuti, le modalità di consumo da parte dell utenza, i diversi modelli di business adottati dalle imprese; CONSIDERATO che lo sviluppo della cd. connected tv avrà conseguenze sul controllo della pubblicità e dei contenuti, sull'efficacia delle misure di promozione delle opere europee, questioni di diritti di proprietà intellettuali, la protezione dei minori, la protezione dei dati e l'alfabetizzazione mediatica dei gruppi più vulnerabili; CONSIDERATO che con l implementazione di reti a larga banda e la conseguente diffusione di velocità sempre più elevate di internet e con l'aumento di dispositivi connessi e di contenuti disponibili, la televisione connessa si espanderà ad un ritmo relativamente elevato nei prossimi anni; CONSIDERATO che è previsto il lancio da parte della Commissione di una consultazione pubblica sulla televisione connessa con l obiettivo di garantire che i cittadini europei possano pienamente utilizzare questi nuovi servizi e abbiano un accesso di qualità alle opere audiovisive anche attraverso dispositivi connessi, e nel contempo che siano adeguatamente tutelati; RILEVATA l esigenza di approfondire, attraverso apposita indagine conoscitiva, tutti gli aspetti propri delle molteplici fasi del processo di innovazione dei contenuti diffusi su reti di comunicazione elettronica, nonché gli impatti sul mercato del settore proprio di riferimento e le previsioni in termini di sviluppo culturale, economico e sociale derivanti da tale processo al fine di addivenire alla redazione di un Libro Bianco sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza ; VISTO il documento per la consultazione proposto congiuntamente dalla Direzione Servizi Media e dalla Direzione Reti e Servizi di comunicazione elettronica; UDITA la relazione del Presidente Angelo Marcello Cardani, relatore ai sensi dell art. 31 del regolamento concernente l organizzazione e il funzionamento dell Autorità; DELIBERA Articolo unico 1. È indetta una indagine conoscitiva, volta ad investigare sugli aspetti complessivi relativi ai nuovi servizi di televisione su protocollo IP nel settore delle comunicazioni elettroniche, e, in particolare, sugli aspetti concernenti la struttura del mercato e la 2

3 relativa catena del valore, i modelli di business, i possibili sviluppi della domanda e dell offerta, le modalità di accesso alle piattaforme, le problematiche di interoperabilità tra piattaforme, la competizione tra le differenti piattaforme distributive, lo sviluppo in termini di concorrenza e pluralismo, la garanzia di accesso ai contenuti, i benefici sull utente finale e le previsioni in termini di sviluppo culturale, economico e sociale, in vista della redazione di un Libro Bianco sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. 2. Le modalità di consultazione e il testo della suddetta indagine conoscitiva contenente gli elementi di interesse dell Autorità sul tema in esame sono riportati rispettivamente negli allegati A e B delle presente delibera, di cui costituiscono parte integrante. 3. Il termine di conclusione dell indagine conoscitiva è di centottanta giorni dalla data di pubblicazione della presente delibera nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Nel corso dell indagine conoscitiva l Autorità può organizzarsi in gruppi di studio ed avvalersi di ulteriori competenze ed esperienze specialistiche del settore della comunicazione elettronica e dell industria dei media. Possono essere, altresì, disposte audizioni delle parti interessate, su richiesta di queste ultime o dell Autorità stessa. I termini dell indagine conoscitiva possono essere prorogati dall Autorità con determinazione motivata. La presente delibera è pubblicata, priva degli allegati A e B, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e integralmente sul sito web dell Autorità. Roma, 6 febbraio 2013 IL PRESIDENTE Angelo Marcello Cardani per attestazione di conformità a quanto deliberato IL SEGRETARIO GENERALE ad interim Antonio Perrucci 3

4 Allegato A alla delibera n. 93/13/CONS Modalità di consultazione per l indagine conoscitiva in vista della redazione di un Libro Bianco sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Con l avvio della presente indagine, l Autorità intende acquisire commenti, elementi di informazione e documentazione relativi agli aspetti inerenti i servizi della televisione connessa nel settore delle comunicazioni elettroniche, con particolare riferimento all attuale situazione ed all evoluzione futura dei c.d. servizi e tecnologie di televisione connessa. Si comunica che la responsabilità dell indagine indetta con delibera n. 93/13/CONS recante Avvio di un indagine conoscitiva in vista della redazione di un Libro Bianco sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza è affidata congiuntamente alla Direzione Servizi Media nella persona di Maja Cappello, dirigente dell Ufficio Diritti digitali, e alla Direzione Reti e Servizi di Comunicazione elettronica nella persona di Davide Gallino, dirigente dell Ufficio Accesso alle piattaforme ed equivalence. Si invitano tutti i soggetti interessati a far pervenire all Autorità di cui all allegato oltre ad eventuali memorie scritte, documenti e pareri sulle tematiche relative all indagine conoscitiva, entro 60 giorni dalla data di pubblicazione della delibera n. 93/13/CONS nella Gazzetta Ufficiale, mediante tramite posta certificata al seguente indirizzo di posta elettronica certificata istituzionale o tramite raccomandata A/R al seguente indirizzo: Autorità per le garanzie nelle comunicazioni DISM (Ufficio Diritti Digitali) e DIR (Ufficio Accesso alle Piattaforme ed Equivalence) Via Isonzo, 21/b Roma. Le comunicazioni dovranno riportare la dicitura Indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza, nonché l indicazione della denominazione del soggetto rispondente. Si prega di non anticipare il testo via fax. I soggetti rispondenti devono allegare alla documentazione fornita la dichiarazione di cui all art. 3 del regolamento in materia di accesso ai documenti, approvato con delibera n. 217/01/CONS e successive modifiche e integrazioni, contenente l indicazione dei documenti o le parti di documento da sottrarre all accesso e gli specifici motivi di riservatezza o di segretezza che giustificano la richiesta stessa. In considerazione dell opportunità di pubblicare sul sito web dell Autorità le 1

5 comunicazioni fornite, i soggetti rispondenti dovranno altresì allegare alla documentazione inviata l indicazione dei contenuti eventualmente da sottrarre alla pubblicazione. Il termine di conclusione dell indagine conoscitiva è di 180 giorni dalla data di pubblicazione della delibera n. 93/13/CONS nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, fatte salve le sospensioni per le richieste di informazioni e documenti, calcolate sulla base delle date dei protocolli dell Autorità in partenza e in arrivo. I termini dell indagine conoscitiva possono essere prorogati dall Autorità con determinazione motivata. 2

6 Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione digitale terrestre, tutte le tradizionali piattaforme diffusive sono state convertite al formato digitale. La prossima evoluzione del mezzo televisivo riguarda l integrazione della televisione digitale lineare con i servizi offerti dal web. Tale integrazione, normalmente denominata integrazione broadcast-broadband, e a cui si fa in genere riferimento con la dizione di televisione connessa (Connected TV) o televisione ibrida (Hybrid broadband broadcast TV) si traduce nella possibilità di associare alle trasmissioni TV tradizionali (a palinsesto) una vasta gamma di servizi e contenuti provenienti sia dalle piattaforme televisivi digitali evolute sia da Internet. Tali servizi e contenuti possono essere fruiti direttamente su televisore grazie a dispositivi "ibridi" (connected television, o Internet enabled devices) che sul retro del televisore hanno oltre al normale ingresso di antenna, una porta Ethernet e/o un radiotrasmettitore WIFI per collegarsi alla rete Internet. Tipicamente, i servizi che si aggiungono ai tradizionali servizi diffusivi possono comprendere, oltre ad eventuali servizi avanzati interattivi collegati ai servizi diffusivi, prima di tutto la navigazione sul Web: Video On Demand, video web, servizi radiofonici, servizi informativi (e.g. news e previsioni meteo), comunicazioni video (e.g. Skype), social network e chat, servizi interattivi e servizi di accesso condizionato, etc. In tale quadro, i c.d. operatori over-the-top, i broadcaster, gli editori e gli operatori di tlc, i costruttori di apparati, i c.d. aggregatori, ciascuno con le proprie specificità, entrano in diretta competizione. Si tratta di una concorrenza nel mercato, nella misura in cui i diversi servizi erogati assumono carattere di fungibilità, cui si affiancano i connotati della concorrenza per il mercato. Difatti, ogni piattaforma aggrega un ampia gamma di servizi di comunicazione e informazione tale da soddisfare porzioni rilevanti dei bisogni dei consumatori. In tale contesto si possono individuare due tipi di piattaforme per le c.d. connected television : - Piattaforma orizzontale: tali piattaforme sono state sviluppate su base consortile con il concorso dei diversi operatori, e sono basate su specifiche condivise e aperte sia ai costruttori di dispositivi sia ai fornitori di contenuti e servizi; 1

7 - Piattaforme verticali: sono piattaforme che si basano su specifiche proprietarie che sono normalmente gestite da un singolo soggetto che assume una funzione di packager (aggregatore), in quanto seleziona e predispone per l utente finale un offerta di contenuti e servizi Internet-delivered (audiovisivi, social network, news etc.). In questa seconda tipologia di iniziative rientrano tra le altre le offerte OTT TV dei costruttori di televisori, degli operatori del videogame e degli operatori Tlc. Inoltre le piattaforme possono essere denominate aperte o chiuse in relazione alle modalità di accesso ai servizi Internet. Le piattaforme chiuse presentano agli spettatori solo contenuti e servizi pre-selezionati dall operatore attraverso alcune applicazioni (App) che compaiono sullo schermo ed è negato l'accesso ad Internet in generale (questo modello è chiamato talvolta walled garden ). Le piattaforme aperte comprendono non solo le applicazioni, ma anche un browser Web che consente l'accesso completo a Internet. Questionario Alla luce di tali innovazioni tecnologiche l Autorità ritiene opportuno acquisire ulteriori informazioni tramite la seguente serie di quesiti sulle principali tematiche di interesse dell Autorità. I rispondenti potranno comunque sottoporre all attenzione dell Autorità anche altre problematiche correlate al tema oggetto di indagine tramite eventuali memorie scritte, documenti e pareri sugli argomenti relativi all indagine conoscitiva. Il rispondente offra il proprio punto di vista sulle questioni di seguito riportate tenendo in conto che i primi quesiti sono di carattere generale mentre gli altri sono rivolti agli operatori/fornitori apparati ed organizzati a seconda della tipologia del rispondente: 1. Quesiti di carattere generale 1.1. Fornire informazioni e dati relativamente alle previsioni sulla struttura del mercato e la relativa catena del valore Descrivere i modelli di business che possono essere utilizzati per l offerta delle connected television da parte dei diversi soggetti presenti nella catena del valore di cui alla domanda precedente Descrivere i possibili sviluppi della domanda e dell offerta di apparati e servizi forniti dalle connected tv. 2

8 1.4. Fornire il proprio punto di vista relativamente alle possibili modifiche del quadro competitivo tra le differenti piattaforme distributive Descrivere le possibili conseguenze sull'efficacia delle misure di promozione delle opere europee, sulla protezione dei minori, la protezione dei dati e l'alfabetizzazione mediatica dei gruppi più vulnerabili Fornire le proprie previsioni in termini di sviluppo ed in termini di concorrenza e pluralismo Descrivere le eventuali problematiche in termini di garanzia di accesso ai contenuti; 1.8. Descrivere le possibili modalità di accesso alle piattaforme per i fornitori di servizi di media audiovisivi, per gli over the top e per i fornitori di servizi interattivi associati o di servizi di accesso condizionato Indicare possibili problematiche nell ambito della concorrenza, della regolamentazione o eventuali barriere all accesso alle piattaforme Fornire informazioni relativamente alle problematiche di interoperabilità tra piattaforme Fornire informazioni relativamente alle problematiche di interoperabilità tra servizi, applicazioni e widget Descrivere le eventuali criticità per la tutela dei consumatori Descrivere i benefici sull utente finale. 2. Quesiti rivolti ai broadcaster 2.1. Descrivere la piattaforma di connected television a cui si ha accesso (propria o a cui è garantito l accesso tramite accordi commerciali) Descrivere i servizi offerti mediante la piattaforma di connected television, specificando se la piattaforma utilizzata sia aperta o chiusa Descrivere i modelli di business adottati con gli altri attori (es. costruttori di apparati, over-the-top ) con particolare riferimento agli accordi di revenue sharing, e le modalità di accesso alla piattaforma Descrivere le modalità di accordi con i titolari di diritti dei contenuti per la loro trasmissione in modalità su richiesta e mediante piattaforma connected television Indicare le problematiche relative all applicazione di una regolamentazione asimmetrica tra broadcaster lineari e broadcaster che forniscono contenuti su richiesta. 3

9 3. Quesiti relativi alla fornitura di reti e infrastrutture di comunicazione elettronica 3.1. Descrivere il servizio offerto sulla propria rete o infrastruttura (es. caching, hosting, content delivery network, cloud etc) Descrivere i modelli di business adottati con gli altri attori, con particolare riferimento agli accordi di revenue sharing e le modalità di accesso al servizio Descrivere le specifiche di sistema utilizzate (es. con riferimento alla connected tv, agli over-the-top, agli aggregatori di contenuti e ai broadcaster tradizionali) e specificare se sono proprietari o aperti Descrivere le eventuali problematiche in tema di tutela della riservatezza dei dati e di profiling degli utenti finali. 4. Quesiti relativi alla fornitura e all aggregazione di contenuti audiovisivi 4.1. Descrivere il ruolo dell aggregatore, operatore terzo, partner, etc. svolto nell offerta di televisione connessa, ovvero quei soggetti che raccolgono i contenuti disponibili sul web organizzandoli e offrendoli ad una platea indifferenziata di utenti internet Descrivere la piattaforma di connected television (propria o di terzi alla quale è garantito l accesso tramite accordi commerciali) su cui vengono forniti e/o aggregati contenuti audiovisivi Descrivere in particolare le modalità di selezione e di organizzazione dei contenuti creati dagli utenti - i c.d. user generated content Descrivere i modelli di business adottati con gli altri attori, con particolare riferimento agli accordi di revenue sharing e le modalità di accesso alla piattaforma Descrivere gli standard di sistema (es. codec audio/video, DRM, sistemi di pagamento etc) utilizzati e specificare se sono proprietari o aperti Descrivere le previsioni a tutela della riservatezza degli utenti che installano ed utilizzano i diversi servizi over the top sia nelle loro versioni web che mediante applicazioni e/o widget. 4

10 5. Quesiti rivolti ai costruttori di apparati televisivi/decoder : 5.1. Fornire indicazioni relativamente alla tecnologia ed alle soluzioni offerte sui propri apparati di connected tv (es. sistema operativo, applicazioni/widget proprietari) Fornire indicazioni relativamente alla penetrazione attuale e futura dei propri apparati di connected tv Descrivere i modelli di business adottati con gli altri attori e le modalità di accesso alla piattaforma, con particolare riferimento agli accordi di revenue sharing Descrivere gli accordi commerciali con soggetti terzi over the top e fornitori di servizi di media audiovisivi lineari e su richiesta Indicare se il sistema operativo utilizzato dall apparato televisivo permette la ricezione di dati utilizzati secondo lo standard DVB per applicazioni interattive ( AIT: Application Information table ). 5

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione

Dettagli

DELIBERA n. 438/13/CONS

DELIBERA n. 438/13/CONS DELIBERA n. 438/13/CONS AVVIO DEL PROCEDIMENTO DI ANALISI SULLE CONDIZIONI E MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA CAPACITÀ TRASMISSIVA PER LA DIFFUSIONE DI CONTENUTI AUDIOVISIVI, SULLE PRINCIPALI PIATTAFORME TRASMISSIVE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 398/13/CONS REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA TENUTA DEL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE: MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA DELIBERA N. 666/08/CONS L AUTORITA NELLA sua riunione

Dettagli

DELIBERA n. 602/13/CONS

DELIBERA n. 602/13/CONS DELIBERA n. 602/13/CONS REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE SULLA COPERTURA DEL TERRITORIO ITALIANO DI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ IN BANDA LARGA WIRED-WIRELESS-MOBILE DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

DELIBERA N. 216/00/CONS. Determinazione degli standard dei decodificatori e le norme per la ricezione dei programmi televisivi ad accesso condizionato

DELIBERA N. 216/00/CONS. Determinazione degli standard dei decodificatori e le norme per la ricezione dei programmi televisivi ad accesso condizionato DELIBERA N. 216/00/CONS Determinazione degli standard dei decodificatori e le norme per la ricezione dei programmi televisivi ad accesso condizionato L'AUTORITÀ NELLA sua riunione del Consiglio del 5 aprile

Dettagli

DELIBERA N. 599/13/CONS

DELIBERA N. 599/13/CONS DELIBERA N. MODIFICHE E INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CRONACA AUDIOVISIVA APPROVATO CON DELIBERA N. 405/09/CONS DEL 17 LUGLIO 2009 L'AUTORITÀ NELLA sua riunione del Consiglio

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 136/14/CIR CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE L APPROVAZIONE DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2014 RELATIVA AL SERVIZIO WHOLESALE

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI DELIBERAZIONE 4 settembre 2012 Modifiche alla deliberazione n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008 per l'avvio del nuovo sistema informativo automatizzato del

Dettagli

15-7-2011 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 163 ALLEGATO 1 al Regolamento in materia di tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica FACSIMILE DI NOTICE

Dettagli

ConnectedTV: TV e Web imparano a convivere?

ConnectedTV: TV e Web imparano a convivere? OSSERVATORIO Nuove forme di distribuzione radiotelevisiva: piattaforme cross mediali e servizi web oriented Associazione per la convergenza nei servizi di comunicazione ConnectedTV: TV e Web imparano a

Dettagli

Robert Castrucci. Coda lunga, convergenza, gatekeepers e liberalizzazione della TV via internet. Convegno IP-TV2.0

Robert Castrucci. Coda lunga, convergenza, gatekeepers e liberalizzazione della TV via internet. Convegno IP-TV2.0 Robert Castrucci Coda lunga, convergenza, gatekeepers e liberalizzazione della TV via internet Convegno IP-TV2.0 Vincoli tecnologici ed economici al dispiegamento di dinamiche Long Tail Limite dell'offerta

Dettagli

DELIBERA N. 42/13/CIR

DELIBERA N. 42/13/CIR DELIBERA N. 42/13/CIR NORME PER LA SPERIMENTAZIONE DI INDICATORI ALFANUMERICI PER L IDENTIFICAZIONE DEL SOGGETTO CHIAMANTE NEGLI SMS/MMS IMPIEGATI PER SERVIZI DI MESSAGGISTICA AZIENDALE L AUTORITA 2013;

Dettagli

Studio di Tecnologie ed Architetture DVB e Sviluppo di un Dimostratore di una Piattaforma di Teleassistenza

Studio di Tecnologie ed Architetture DVB e Sviluppo di un Dimostratore di una Piattaforma di Teleassistenza Studio di Tecnologie ed Architetture DVB e Sviluppo di un Dimostratore di una Piattaforma di Teleassistenza Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica (LS) Tesi in Progettazione del

Dettagli

Allegato A alla Delibera n. 212/11/CONS del 13 aprile 2011 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE

Allegato A alla Delibera n. 212/11/CONS del 13 aprile 2011 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE Allegato A alla Delibera n. 212/11/CONS del 13 aprile 2011 MODALITÀ DI CONSULTAZIONE L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ai sensi della propria delibera n. 278/99 recante Procedura per lo svolgimento

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. AVVIO DELLA CONSULTAZIONE PUBBLICA PER LA MODIFICA DELLA DELIBERA N.418/07/CONS, RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLA BOLLETTA TELEFONICA, SBARRAMENTO SELETTIVO DI CHIAMATA

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI

PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI SENATO DELLA REPUBBLICA 1ª COMMISSIONE (Affari Costituzionali) AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI TESTO BASE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

Dettagli

DELIBERA N. 169/13/CONS

DELIBERA N. 169/13/CONS DELIBERA N. 169/13/CONS ORDINE AGLI OPERATORI TELECOM ITALIA S.P.A., OKCOM S.P.A., E UNIDATA S.P.A. DI CESSAZIONE DI COMPORTAMENTI LESIVI DEI DIRITTI DEGLI UTENTI, AI SENSI DELL ARTICOLO 2, COMMA 20, LETT.

Dettagli

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 Sommario 1. Chi siamo Istituzione e obiettivi Quadro comunitario (focus DDA) 2. Come

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007 Delibera n. 96/07/CONS Modalità attuative delle disposizioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7 Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della

Dettagli

Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet. Augusto Preta ITMedia Consulting

Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet. Augusto Preta ITMedia Consulting Prospettive dell emittenza locale: la sfida di internet ITMedia Consulting Roma - 27 maggio 2014 Struttura della presentazione Principali tendenze nel mondo internet Radio, televisione, internet: una prospettiva

Dettagli

POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA

POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA POLITICA AUDIOVISIVA E DEI MEDIA La politica audiovisiva nell'ue è disciplinata principalmente dagli articoli 167 e 173 del trattato sul funzionamento dell'unione europea (TFUE). L'atto normativo fondamentale

Dettagli

Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti

Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti Delibera n. 182/02/CONS Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana

Dettagli

INFOMOBILITY TELEMATIC TRENDS

INFOMOBILITY TELEMATIC TRENDS INFOMOBILITY TELEMATIC TRENDS TAVOLA ROTONDA Creare contenuti di valore per i servizi di Infomobilità Dr. PISERCHIA - PERSPECTIVE s.r.l. Torino 10-11 11 Novembre 2004 PREMESSA: IL MERCATO ICT e ITS Secondo

Dettagli

LEZIONE 2 SINTESI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA, DELIBERA N. 19/15/CONS GENNAIO 2015

LEZIONE 2 SINTESI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA, DELIBERA N. 19/15/CONS GENNAIO 2015 LEZIONE 2 SINTESI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA, DELIBERA N. 19/15/CONS GENNAIO 2015 di Antonio Martusciello 1. Quadro d insieme dell indagine conoscitiva.

Dettagli

LE SFIDE DELLA TELEVISIONE CONNESSA

LE SFIDE DELLA TELEVISIONE CONNESSA DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNE DIPARTIMENTO TEMATICO B: POLITICHE STRUTTURALI E DI COESIONE CULTURA E ISTRUZIONE LE SFIDE DELLA TELEVISIONE CONNESSA NOTA IP/B/CULT/FWC/2010_001_Lot3_C3_SC2

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre Lucca, 10 Giugno 2005 I contenuti interattivi per la nuova televisione Benedetto Habib Amministratore delegato My-tv Spa Indice -Verso il digitale - I

Dettagli

WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004. Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI

WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004. Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004 Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI Problematiche normative relative ai fornitori di contenuti

Dettagli

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

Delibera n. 404/02/CONS Modifica alla delibera n. 236/01/CONS del 30 maggio 2001 L AUTORITA

Delibera n. 404/02/CONS Modifica alla delibera n. 236/01/CONS del 30 maggio 2001 L AUTORITA Delibera n. 404/02/CONS Modifica alla delibera n. 236/01/CONS del 30 maggio 2001 Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 5 del 08/01/2003 Art. 1 (Produttori di programmi radiotelevisivi)

Dettagli

La televisione digitale: regolamentazione. 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali

La televisione digitale: regolamentazione. 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali La televisione digitale: regolamentazione 25 gennaio 2008 AGCOM Roberto de Martino Direzione contenuti audiovisivi e multimediali La televisione digitale: regolamentazione Indice: 1. Mercato televisivo

Dettagli

Linguaggi & Tecnologie Multimediali

Linguaggi & Tecnologie Multimediali Linguaggi & Tecnologie Multimediali TV interattiva e mobile TV Azienda ospitante: Il T- GOV Applicazioni Interattive su piattaforma DTT per la Pubblica Amministrazione Tesi di fine corso di: Tutor del

Dettagli

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION

CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Progetto SCREEN Servizi e contenuti per le reti di nuova generazione CINEMA, OTT E TLC al tempo della CONNECTED TELEVISION Gianni Celata, Enrico Menduni Università degli Studi Roma Tre Spazio Incontri

Dettagli

FIRM PROFILE. www.tmt-legal.com

FIRM PROFILE. www.tmt-legal.com FIRM PROFILE TMT-Legal è il primo studio legale italiano con specializzazione esclusiva nel settore delle Tecnologie informatiche, dei Media e delle Telecomunicazioni. Offre un ampia gamma di servizi legali

Dettagli

Delibera n. 481/06/CONS

Delibera n. 481/06/CONS Delibera n. 481/06/CONS Approvazione delle linee-guida sul contenuto degli ulteriori obblighi del servizio pubblico generale radiotelevisivo ai sensi dell articolo 17, comma 4, della legge 3 maggio 2004,

Dettagli

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy

Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Evoluzione dei servizi convergenti, tendenze del mercato e prospettive di policy Relazione Osservatorio ANFoV, in collaborazione con Baker & McKenzie. Integrazione e convergenza di servizi e piattaforme

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 234/15/CONS DIFFIDA ALLE SOCIETÀ NÒVERCA ITALIA S.R.L. E TELECOM ITALIA S.P.A. AL RISPETTO DEGLI ARTT. 70 E 71 DEL DECRETO LEGISLATIVO 1 AGOSTO

Dettagli

News. Digitale: la convergenza sta moltiplicando le opportunità, ma l'italia necessita dei gi...

News. Digitale: la convergenza sta moltiplicando le opportunità, ma l'italia necessita dei gi... Pagina 1 di 5 Advisory Board Home Page Presentazioni Vincitori e Vinti Figure e Tabelle RecenSiti Papers Profili Societari Reports Canale PodCast Cerca nel Sito Media Tecnologie Tv generalista Tv digitale

Dettagli

ACCORDO COMMERCIALE FASTWEB-VODAFONE

ACCORDO COMMERCIALE FASTWEB-VODAFONE Newsletter Retail Accordo commerciale FASTWEB-Vodafone Intesa commerciale FASTWEB-Sky Accordo tra FASTWEB e BBC per contenuti in Alta Definizione I risultati consolidati: III trimestre 2006 News FASTWEB

Dettagli

TV versus Digital Divide: LepidaTV, un modello federato della PA. Gianluca Mazzini Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa.

TV versus Digital Divide: LepidaTV, un modello federato della PA. Gianluca Mazzini Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa. TV versus Digital Divide: LepidaTV, un modello federato della PA Gianluca Mazzini Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa 12 giugno 2008-1- Obiettivi Un canale per la diffusione dei servizi di e-gov

Dettagli

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

Allegato B alla delibera n. 7 /13/CIR

Allegato B alla delibera n. 7 /13/CIR Allegato B alla delibera n. 7/13/CIR CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE IL PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE DI CUI ALLA DELIBERA N. 52/12/CIR NORME PER LA SPERIMENTAZIONE

Dettagli

IPTV, la ricetta dei successi e i motivi dei flop

IPTV, la ricetta dei successi e i motivi dei flop IPTV, la ricetta dei successi e i motivi dei flop Un analisi che fa emergere due differenti modelli di business per il mercato della TV su piattaforma IP: l IPTV, che stenta a decollare per via dellla

Dettagli

DELIBERA N. 497/10/CONS

DELIBERA N. 497/10/CONS DELIBERA N. 497/10/CONS PROCEDURE PER L ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE DISPONIBILI IN BANDA TELEVISIVA PER SISTEMI DI RADIODIFFUSIONE DIGITALE TERRESTRE E MISURE ATTE A GARANTIRE CONDIZIONI DI EFFETTIVA

Dettagli

Relazione annuale 2015 sull attività svolta e sui programmi di lavoro. 7 luglio 2015

Relazione annuale 2015 sull attività svolta e sui programmi di lavoro. 7 luglio 2015 Relazione annuale 2015 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 7 luglio 2015 INDICE Le attività svolte Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi media I servizi postali I

Dettagli

Lo switch over da broadcast a ultra broadband

Lo switch over da broadcast a ultra broadband Lo switch over da broadcast a ultra broadband Gli autori e i produttori audiovisivi sono stakeholder interessati al successo del Strategia italiana per la banda ultralarga e della Strategia per la crescita

Dettagli

DELIBERA N. 95/08/CONS L AUTORITA' NELLA sua riunione di Consiglio del 19 febbraio 2008;

DELIBERA N. 95/08/CONS L AUTORITA' NELLA sua riunione di Consiglio del 19 febbraio 2008; DELIBERA N. 95/08/CONS Interpretazione e integrazione dell articolo 5, comma 2, lettera a), del regolamento sulle procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche

Dettagli

Norme e Guide Tecniche

Norme e Guide Tecniche Norme e Guide Tecniche IMPIANTI DI COMUNICAZIONE Le installazioni, nel rispetto della legge C ome realizzare le installazioni a Regola d Arte, nel rispetto della Normativa vigente? L articolo passa in

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

DELIBERA N. 24/11/CONS

DELIBERA N. 24/11/CONS DELIBERA N. 24/11/CONS MERCATO DEI SERVIZI DI DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA PER LA TRASMISSIONE DI CONTENUTI AGLI UTENTI FINALI (MERCATO N. 18 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE SUI MERCATI RILEVANTI

Dettagli

Camera dei Deputati. IX Commissione Permanente Trasporti, Poste e Telecomunicazioni

Camera dei Deputati. IX Commissione Permanente Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Camera dei Deputati IX Commissione Permanente Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Audizione del Presidente Prof. Angelo Marcello Cardani Indagine conoscitiva sul sistema dei servizi di media audiovisivi

Dettagli

La TV sulle reti a larga banda

La TV sulle reti a larga banda La TV sulle reti a larga banda Roberto Iacoviello, Sabino Mantovano, Paola Sunna Rai - Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino Christian Culeddu Consulente della Società Eurix Torino 1. Introduzione

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

IpTv, WebTV, Broadcast, P2P Tv, DVB, Satellite

IpTv, WebTV, Broadcast, P2P Tv, DVB, Satellite IpTv, WebTV, Broadcast, P2P Tv, DVB, Satellite Autore: Federico Picardi Fonte: Licenza : utilizzabile e ridistribuibile gratuitamente indicando l autore e la fonte 2 grandi famiglie: 1 - Broadcast Broadcast

Dettagli

Le nostre piattaforme sono realizzate con lo stesso criterio dei mattoncini LEGO. E possibile assemblare numerosi moduli, ognuno con differenti

Le nostre piattaforme sono realizzate con lo stesso criterio dei mattoncini LEGO. E possibile assemblare numerosi moduli, ognuno con differenti Speakage è una Plat-Agency (Platforms Agency) che sviluppa piattaforme web modulari a supporto della Comunicazione e del Marketing digitale avanzato. Realizza prodotti su misura e fornisce consulenza strategica

Dettagli

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi

Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa. Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Rapporto ITMedia Consulting sulla TV Digitale in Europa Studio realizzato per la Terza Conferenza DGTVi Introduzione La diffusione della televisione digitale in Europa Negli ultimi 18 mesi il digitale

Dettagli

L'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

L'AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI DELIBERA 6 novembre 2014 Misura e modalita' di versamento del contributo dovuto all'autorita' per le garanzie nelle comunicazioni, per l'anno 2015. (Delibera

Dettagli

DELIBERA N. 126/07/CIR

DELIBERA N. 126/07/CIR DELIBERA N. 126/07/CIR AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER LA REVISIONE DELLE NORME RIGURDANTI LA PORTABILITA DEL NUMERO MOBILE E DISPOSIZIONI PER L ADEGUAMENTO DELLA CAPACITÀ GIORNALIERA DI EVASIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA Ricerca realizzata in collaborazione con Human HigWay Settembre 2011 LA METODOLOGIA DELLA RICERCA Diennea MagNews ha commissionato a Human Highway nel

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

interact opera nel settore ICT dal 1995 sviluppando sistemi e servizi avanzati per la comunicazione televisiva su Internet e sulle reti mobili.

interact opera nel settore ICT dal 1995 sviluppando sistemi e servizi avanzati per la comunicazione televisiva su Internet e sulle reti mobili. interact interact Watching television interact opera nel settore ICT dal 1995 sviluppando sistemi e servizi avanzati per la comunicazione televisiva su Internet e sulle reti mobili. Con sedi a Roma, Catanzaro

Dettagli

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE Il processo di trasformazione digitale delle aziende sta avendo profondi impatti sull offerta di servizi B2C e B2B che le stesse propongono ai propri clienti. La

Dettagli

Rai Way. Un cammino per un progetto ambizioso. Rai Way S.p.A.

Rai Way. Un cammino per un progetto ambizioso. Rai Way S.p.A. Company profile Rai Way. Un cammino per un progetto ambizioso. Rai Way S.p.A. 2 L azienda Nel gennaio 1999 RAI crea la Divisione Trasmissione e Diffusione, mentre nel luglio 1999 incorpora la società che

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 (Definizioni)

NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 (Definizioni) Allegato A alla delibera n. 353 /11/CONS del 23 giugno 2011 NUOVO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA RADIODIFFUSIONE TELEVISIVA TERRESTRE IN TECNICA DIGITALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Definizioni)

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

(delibera n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008 recante Regolamento per l organizzazione e la tenuta del Registro degli operatori di comunicazione )

(delibera n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008 recante Regolamento per l organizzazione e la tenuta del Registro degli operatori di comunicazione ) Allegato A (delibera n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008 recante Regolamento per l organizzazione e la tenuta del Registro degli operatori di comunicazione ) Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

BOLOGNA FIERE 14-17 OTTOBRE 2015 PAD. 33 INGRESSO DIRETTO DA VIA ALDO MORO. Tecnologie e servizi digitali per l edificio in rete

BOLOGNA FIERE 14-17 OTTOBRE 2015 PAD. 33 INGRESSO DIRETTO DA VIA ALDO MORO. Tecnologie e servizi digitali per l edificio in rete BOLOGNA FIERE 14-17 OTTOBRE 2015 PAD. 33 INGRESSO DIRETTO DA VIA ALDO MORO Tecnologie e servizi digitali per l edificio in rete IL LUOGO DELL INCONTRO TRA TELECOMUNICAZIONI E EDILIZIA All Digital è da

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 12 Luglio 2006, n. 131/06/CSP: Approvazione della direttiva in materia di qualita' e carte dei servizi di accesso a Internet da postazione

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli

NOTIZIARIO PARLAMENTO, GOVERNO ED AUTHORITIES agosto 2014

NOTIZIARIO PARLAMENTO, GOVERNO ED AUTHORITIES agosto 2014 NOTIZIARIO PARLAMENTO, GOVERNO ED AUTHORITIES agosto 2014 Decreto Sblocca Italia 29 agosto 2014: misure agevolate per gli operatori investenti nelle reti con banda ultralarga nelle aree a fallimento di

Dettagli

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Communications Outlook 2009. Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Communications Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive delle Comunicazioni dell OCSE 2009 Sintesi in italiano Questa decima edizione delle Prospettive biennali delle Comunicazioni dell OCSE evidenzia

Dettagli

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV

Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Lo sviluppo dell IPTV in Italia Francesco Nonno Segretario Generale Associazione Italiana Operatori IPTV Mercato IPTV Italia Dati in migliaia 1000 900 800 700 600 500 400 300 200 100 0 939 745 587 263

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

Delibera n. 664/06/cons

Delibera n. 664/06/cons Delibera n. 664/06/cons Adozione del regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza L AUTORITÀ NELLA

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

DELIBERA N. 606/10/CONS

DELIBERA N. 606/10/CONS DELIBERA N. 606/10/CONS Regolamento concernente la prestazione di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su altri mezzi di comunicazione elettronica ai sensi dell art. 21, comma 1-bis, del

Dettagli

DELIBERA n. 36/14/CONS

DELIBERA n. 36/14/CONS DELIBERA n. 36/14/CONS ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETÀ TELECOM ITALIA S.P.A. PER LA VIOLAZIONE DELL ART. 4, COMMA 1, LETT. K) DELLA DELIBERA n. 79/09/CSP IN RELAZIONE AGLI OBBLIGHI DI ASSISTENZA CLIENTI

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI

L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI Riflessioni sull evoluzione della distribuzione dei contenuti SOMMARIO Aumentano le vie di distribuzione... 3 Web e TV, il giornalismo partecipativo... 3

Dettagli

LEADING BROADCAST SOLUTIONS

LEADING BROADCAST SOLUTIONS LEADING BROADCAST SOLUTIONS BVMEDIA nasce nel marzo 2010 dall idea di due professionisti del settore con lo scopo di offrire prodotti, soluzioni e servizi per il mercato del broadcast radiofonico e televisivo.

Dettagli

Analyst Meeting. Milano, 20 Marzo 2007

Analyst Meeting. Milano, 20 Marzo 2007 Analyst Meeting Milano, 20 Marzo 2007 UNA NUOVA CORPORATE IDENTITY LE RAGIONI I cambiamenti realizzati La nuova realtà del Gruppo oggi Posizionamento e linee guide strategiche I CAMBIAMENTI REALIZZATI

Dettagli

DELIBERA N. 113/07/CIR

DELIBERA N. 113/07/CIR DELIBERA N. 113/07/CIR MISURE URGENTI IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE DI NUMERAZIONE A SEGUITO DELL INGRESSO NEL MERCATO DEI FORNITORI AVANZATI DI SERVIZI L AUTORITÁ NELLA riunione della Commissione

Dettagli

Dietro le quinte della pubblicità interattiva

Dietro le quinte della pubblicità interattiva Dietro le quinte della pubblicità interattiva AERANTI-CORALLO Contenuti e servizi per le trasmissioni televisive digitali terrestri delle TV locali 13 Maggio 2004 Cosa si intende per pubblicità interattiva

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

Il Servizio Telesoftware, dal Televideo Analogico ai Canali Digitali Terrestri

Il Servizio Telesoftware, dal Televideo Analogico ai Canali Digitali Terrestri Il Servizio Telesoftware, dal Televideo Analogico ai Canali Digitali Terrestri Gino Alberico, Mauro Rossini, Luca Vignaroli Rai - Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino Massimiliano Farrace Rai

Dettagli

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 22 febbraio 2007: Modalita' attuative delle disposizioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7. (Deliberazione

Dettagli

LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA

LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA LA BATTAGLIA DEI DIRITTI: IL CONTENT AUDIOVISIVO NEL NUOVO SCENARIO DELLA CONVERGENZA TLC+MEDIA INDICE DELLA RICERCA Obiettivi e struttura del rapporto PARTE PRIMA: IL MERCATO (I) I principali mercati

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

Il nostro obiettivo è connettervi al mondo COMUNICARE OVUNQUE

Il nostro obiettivo è connettervi al mondo COMUNICARE OVUNQUE Il nostro obiettivo è connettervi al mondo COMUNICARE OVUNQUE [ ] Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia. Arthur Charles Clarke Digitaria nel mondo Specializzata in telecomunicazioni

Dettagli

La raccolta pubblicitaria

La raccolta pubblicitaria La raccolta pubblicitaria Il settore della comunicazione pubblicitaria comprende due ambiti di attività: 1) Above the line, che corrisponde al settore della raccolta pubblicitaria realizzata attraverso

Dettagli

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer Abstract Illustrazione nuove possibilità di utilizzare la televisione digitale come uno

Dettagli

Guida Rapida all Installazione

Guida Rapida all Installazione Guida Rapida all Installazione Grazie per avere acquistato CuboVision! Con CuboVision avrai accesso al mondo multimediale on line in modo molto semplice! Bastano un antenna e una connessione ADSL per

Dettagli

Mobile Tv Gli scenari possibili

Mobile Tv Gli scenari possibili CSSlab Customer & Service Science Lab Mobile Tv Gli scenari possibili Margherita Pagani 17 Ottobre 2008 - Università Bocconi ricerca realizzata con il contributo della Fondazione Tronchetti Provera Research

Dettagli