LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili"

Transcript

1 AQUASER LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili Dott.ssa Grazia Barberio 1, Ing. Laura Cutaia 1, Ing. Vincenzo Librici 2 1 ENEA, Roma; 2 AQUASER (ACEA SpA), Roma

2 Fanghi di depurazione Info Produzione Europea di fanghi ~10*10 6 t ss (al 2007, rispetto a 8*10 6 t ss nel 1998), di cui il 40% è destinato allo spandimento sui suoli agricoli (EC, 2010); Produzione Italiana: ca 1,2*10 6 t ss OBIETTIVI Valutazione di tecnologie Confronto tra sistemi di trattamento Ottica di adeguamento normativo Problematiche impatto ambientale: ingenti quantità e impatti associati allo smaltimento in discarica con produzione di percolato ed emissioni di CO 2 eq. in atmosfera; costi economici: incidenza fino al 50% del costo totale di gestione dell intero trattamento delle acque; conformità normativa: l evoluzione normativa sia per la gestione dei fanghi sia per la tutela delle acque, pone vincoli stringenti per le soluzioni tradizionali di recupero in agricoltura e lo smaltimento in discarica. Soluzione: recupero e utilizzo come risorsa

3 Recupero/smaltimento Secondo quanto sviluppato dallo studio della Commissione Europea, in Italia la produzione dei fanghi di depurazione tra il 2010 e il 2020 rimarrà invariata per quanto riguarda i quantitativi prodotti, mentre cambieranno percentualmente le destinazioni di trattamento, in forza della normativa, con drastica riduzione dello smaltimento in discarica. Anno Fanghi totali Spandimento Incenerimento Discarica( Altri tratt. sost.secca (Mt/anno) al suolo (%) (%) %) (%) , , Tabella 1: Stime dei quantitativi di fango da trattamento di reflui civili prodotti negli anni 2010 e 2020 in Italia e scenari di trattamento (EC, 2010)

4 Life Cycle Assessement «Il Life Cycle Assessment èuno strumento che permette di valutare gli impatti ambientali associati al ciclo di vita di un prodotto, processo o attività, attraverso l identificazione e la quantificazione dei consumi di materia, energia ed emissioni nell ambiente e l identificazione delle opportunità per diminuire tali impatti» SETAC - Society of Environmental Toxicology and Chemistry, 1993 Ottica di sistema: -Consente di comprendere e gestire la complessitàdella filiera, a monte e a valle del processo di produzione; -Evita slittamenti dei problemi da uno stadio all altro del ciclo di vita, tra componenti, tra categorie di impatto. -Analizza gli impatti potenzialilungo tutta la vita di un sistema: utilizzo di risorse, salute dell uomo e conseguenze ecologiche a scala regionale e globale.

5 Procedura LCA Framework dell LCA, secondo ISO Definizione obiettivo e campo di applicazione Analisi dell inventario Interpretazione Valutazione dell impatto 1. Definizione dell obiettivo e del campo di applicazione: Descrizione del sistema in virtù di obiettivo e scopo dello studio (identificazione di funzione e unità funzionale, qualità dei dati, metodo di valutazione e confini del sistema) 2. Inventario (LCI): Modellizzazione del sistema prodotto, raccolta dati per quantificare flussi in entrata e in uscita 3. Valutazione d impatto (LCIA): i risultati LCI vengono correlati agli impatti 4. Interpretazione dei risultati

6 LCA. Definizione obiettivo e campo di applicazione Obiettivi e scopo: valutazione ambientale comparativa di cinque sistemi di trattamento di fanghi di depurazione: 1. smaltimento diretto in Discarica (chiamato Sistema D); 2. smaltimento in Discarica previo Trattamento di condizionamento (Sistema Dt); 3. Spandimento diretto in agricoltura (Sistema S); 4. Spandimento in agricoltura, previo Trattamento di condizionamento (Sistema St); 5. recupero mediante Compostaggio con successivo uso come ammendante compostato misto (Sistema C);

7 Aquaser AQUASER è un gruppo industriale, all interno del Gruppo ACEA, concentrato sulle attività connesse alla gestione dei servizi idrici ambientali nelle regioni Lazio, Umbria e Toscana. AQUASER, gestendo circa l 80% del fango prodotto dal Gruppo e il 20% del fango prodotto in Italia, è uno dei principali referenti sulla scena nazionale nella gestione dei fanghi civili.

8 LCA. Definizione dell obiettivo e del campo di applicazione Funzione del sistema: smaltimento/recupero di fanghi di depurazione secondo normativa vigente. Unità funzionale(fu): 1 t fanghi di depurazione Metodo di valutazione: IMPACT Software: SimaPro 7.3.2

9 Ciclo di vita dei sistemi D e S Soluzione tecnologica : SPANDIMENTO Soluzione tecnologica : DISCARICA Fanghi di depurazione Gasolio, En.El. T Discarica Emissioni Legenda T= Truck (trasporto e/o movimentazione) = processi, = flussi Depuratore (percolato)

10 Ciclo di vita dei sistemi St Soluzione tecnologica : PRE-CONDIZIONAMENTO + SPANDIMENTO Fanghi di depurazione Gasolio Energia elettrica H 2 O Additivi (H 2 SO 4, calce) T T Mescolamento con additivi Reazione T Depuratore (percolato) Discarica (scarti di processo) Emissioni T Distribuzione/ Spandimento Fango condizionato Evitato: Produzione fertilizzanti Legenda T= Truck (trasporto e/o movimentazione) = processi, = flussi

11 Ciclo di vita dei sistemi Dt Soluzione tecnologica : PRE-CONDIZIONAMENTO + DISCARICA Fanghi di depurazione T Gasolio Energia el. Mescolamento con additivi T Depuratore (percolato) H 2 O Additivi (H 2 SO 4, calce) T Reazione T Emissioni Discarica Legenda T= Truck (trasporto e/o movimentazione) = processi, = flussi

12 Ciclo di vita del sistema C Fanghi di depurazione T 1 Pesatura e lavaggio camion Macinazione (per ligneo) T 5 Stoccaggio T 6 Scarti ligneocellulosici FORSU Gasolio En.elettrica H 2 O T 2 T 3 2 Vagliatura (80mm) >80mm <80mm T 12 Deplastificazione Plastiche >10mm T 11 Frazione recuperata 1 Vagliatura (10mm) T 13 <10mm percolato T 9 T 8 Platee (12-14 gg) Biossidazione Biocelle (8-12 gg) T 7 Miscelazione Materie ausiliarie H 2 SO 4 T 4 Maturazione (fino a 90 gg) T 10 Compost Biofiltri percolato T 15 Discarica T 14 Distribuzione e spandimento Compost Emissioni T 16 Depuratore Evitato: Produzione fertilizzanti

13 Allocazione Procedure di attribuzione Fanghi di depurazione FORSU Scarti ligno-cellulosici Quantità ponderali [t/a] t/t(fango) 1,0 3,1 0,5 % 22% 67% 11%

14 LCA fase 2. Analisi di inventario Un inventario è una lista di tutti i flussi materiali in ingresso ed uscita dalle unità di processo di cui è composto il sistema (l energia è descritta in termini di fonte primaria ed è quindi anch essa un flusso materiale). I dati sono primari, ovvero raccolti in sito tramite questionari, di Database specifici o di letteratura. I dati devono essere rapportati sia all unità di processo (flusso di riferimento) che all unità funzionale

15 LCA: Analisi di inventario- Sistema D

16 LCA: Analisi di inventario- Sistema S Tipologia Fango di depurazione Trasporto fango Operazione di spandimento su terreno Processo Spandimento diretto su terreno Autocarro scarrabile da t, diesel Solid manure loading and spreading, by hydraulic loader and spreader/ch Distanza origine-destinazione / consumi Fonte 1 t UF Depuratore-terreni per spandimento: 91,5 km, carico 16 t Dato primario 1 t Dato DB

17 LCA: Analisi di inventario- Processi evitati Ipotesi: dimezzamento della quantitàdi fertilizzanti utilizzati su suoli agricoli grazie allo spandimento del fango stabilizzato. Ipotesi: piano medio di fertirrigazione di N di 170 kg/ha, in P 2 O 5 di 65 kg/ha, in K 2 O di 420 kg/ha, Calcolo della quantità di fertilizzanti utilizzata e quella che si evita di produrre. Tipologia Processo Quantità Fonte Fertilizzante, N «Ammonium nitrate, as N, at regional storehouse/rer U» 3,88 kg Dato stimato, processodb Fertilizzante, P 2 O 5 «Triple superphosphate, as P 2 O 5, at regional storehouse/rer U» 1,48 kg Dato stimato, processodb Fertilizzante, K 2 O «Potassium nitrate, as K 2 O, at regional storehouse/rer U» 9,58 kg Dato stimato, processodb

18 LCA: Analisi di inventario- Sistema Dt Tipologia Trasporto fango Elettricità Processo Autocarro scarrabile da t; diesel mescolatore per i palabili Distanza originedestinazione / consumi Depuratore-stabilimento condizionamento: 178,3 km. Carico di 16,5 t Consumo: kwh/a, ovvero 3 kwh/t fango Provenienza fonte Dato primario AQUASER Dato primario Calce Titolo 80% 75 kg/t fango Dato primario Acido solforico Titolo 50% 120 kg/t fango Dato primario Trasporto fango stabilizzato in discarica Carburante per movimentazione biomassa Discarica Autocarro scarrabile da t, diesel Pala gommata, benna, miscelatore, Macchina trituratrice, deplastificatore, Disposal, municipal solid waste, 22.9% water, to sanitary landfill/ch Stabilimento condizionamento-discarica: 50 km, carico di 16 t Dato primario AQUASER 1,16 litri/t fango Dato di letteratura 1 t Database

19 LCA: Analisi di inventario- Sistema St Tipologia Processo Distanza origine-destinazione / consumi Fonte Trasporto fango Elettricità Autocarro scarrabile EURO 4, da t; diesel mescolatore per i fanghi palabili Depuratore-stabilimento condizionamento: 578,7 km, carico di 25,4 t Consumo: kwh/a, ovvero 3 kwh/t fango Dato primario AQUASER Dato primario AQUASER Calce Titolo 80% 75 kg/t fango Dato primario Acido solforico Titolo 50% 120 kg/t fango Dato primario Trasporto ammendante prodotto Carburante per movimentazione biomassa Spandimento ammendante Autocarro scarrabile EURO 4, da t, diesel Pala gommata, benna, miscelatore, deplastificatore Solid manure loading and spreading, by hydraulic loader and spreader/ch Impianto condizionamentoutente: 50 km Dato primario AQUASER 1,16 litri/t fango Dato di letteratura 1 t Dato DB

20 LCA-Analisi di inventario Sistema C: Flussi in ingresso Fonte dati: AQUASER

21 Tipologia LCA-Analisi di inventario Sistema C: Flussi in uscita Valore Destinazione finale di trattamento/ smaltimento Distanza Commento Prodotto Emissioni gassose Reflui Compost [t] 0,917 utente 50 km Operazione spandimento compost [t] 0,917 utente Superficie di spandimento [ha] 0,0229 utente polveri [g] 43,65 Aria ammoniaca [g] 4,75 Aria TOC [g] 50,89 Aria Percolato [litri] 183 Trasporto esterno 350 km Depuratore da DB Treatment, Trattamento sewage, to percolato 183 wastewater [litri] treatment, class 2/CH U Autocarro scarrabile da t, diesel Solid manure loading and spreading, by hydraulic loader and spreader/ch Autocarro da t, diesel Processo di DB, in litri

22 LCA fase 3. Valutazione degli impatti confronto dei sistemi - ecopunti Risultati della valutazione dei cinque sistemi analizzati. Ecopunti con dettaglio delle categorie di danno, metodo IMPACT Il sistema di compostaggio, sebbene con differenze di orizzonte temporale rispetto alle altre opzioni, offre gli impatti più bassi, eccezion fatta per lo spandimento diretto dei fanghi.

23 LCA -Interpretazione degli impatti: Dettaglio Compostaggio La categoria di danno di consumo di risorse è quella con i maggiori impatti mentre quella dei danni alla qualitàdegli ecosistemi èla meno compromessa. Le fasi maggiormente impattanti risultano essere quelle dei consumi energetici e del trasporto dell erica/materiale biofiltrante e del compost in tutte le categorie di danno. La produzione di acido solforico impatta nella categoria di danno della salute umana così come le operazioni di spandimento al suolo. Nella categoria di qualitàdegli ecosistemi si avverte l impatto della produzione di erica/materiale biofiltrante per l occupazione del territorio. Notevole è il contributo degli impatti evitati associati alla mancata produzione di fertilizzanti sostituiti dal compost, soprattutto per quelli a base azotata.

24 Conclusioni (1) Non esiste la soluzione tecnologica universalmente migliore: occorre che una strategia di gestione dei fanghi consideri aspetti locali e di sostenibilità. Il ricorso allo smaltimento in discarica è destinato a ridursi progressivamente per effetto di norme specifiche sempre più stringenti. Eterogeneità di impatti: orizzonte temporale: gli impatti generati dal sistema di compostaggio sono elevati nel breve termine, mentre gli impatti derivanti dallo smaltimento in discarica e spandimento diretto al suolo, sono relativamente bassi nel breve terminee molto rilevanti sul lungo termine cumulato. Aspetti socio-economici: non sono considerati gli effetti sociali ed economici imputabili alla presenza di una discarica sul territorio. Aspetti sito-specifici: gli impatti ambientali e sociali derivanti dalle discariche sono altamente sito-specifici e maggiori di quelli derivanti unicamente dalla stima degli impatti diretti di trattamento, a breve/lungo termine.

25 Conclusioni (2) Necessità di ridurre gli impatti associati alla produzione di percolato: Trattamento in loco Valutazioni comparative con altre tipologie di opzione di valorizzazione del rifiuto: Digestione anaerobica Incenerimento Ottimizzazione di alcune modalità di trasporto (erica; fango stesso attraverso un compostaggio a km 0) Valutazione dei costi (LIFE CYCLE COSTING) Approfondimento metodologia per valutazione effetti associati al rilascio da utilizzo sul terreno

26 Prevenzione Conclusioni (3) dalla Green Economy Chiusura dei cicli Uso e gestione efficiente delle risorse Ricerca Green jobs, > occupazione Benessere, partecipazione Innovazione Investimenti Valore del fare impresa Competitività e qualità Riduzione costi Riduzione impatti ambientali e sociali implica riduzione del debito economico futuro

27 Grazie per l attenzione per ulteriori informazioni:

28 Assunzioni (1) Assunzioni comuni a tutti i sistemi: stessa composizione chimico-fisica dei fanghi di depurazione che vengono quindi inviati a recupero/smaltimento secondo le differenti opzioni analizzate. Assunzione comuni ai sistemi S, St, C in cui vi è spandimento di fango (precondizionato e non) e/o di compost: non sono stati considerati négli effetti negativi né i benefici apportati dal rilascio totale e immediato al suolo degli elementi in essi contenuti. Unica analisi di effetto positivo considerato la riduzione di fertilizzanti conseguente allo spandimento di fango (tal quale e/o stabilizzato) e di compost al suolo. È stato scelto il kiwi come coltura media che cresce nella zona dove avviene lo spandimento (altre colture potenziali sono: cavolo rapa, pomodori, broccoli, anguria) ed èstato valutato un dimezzamentodell utilizzo dei nutrienti utilizzati al posto del compost prodotto a partire dai fanghi di depurazione da reflui civili. Dettagli relativi all apporto di nutrienti e al piano di fertilizzazione del kiwi sono stati rinvenuti in letteratura ed è stato estratto un piano medio di fertirrigazione di N di 170 kg/ha, in P 2 O 5 di 65 kg/ha, in K 2 O di 420 kg/ha.

29 Assunzioni (2) Sistema D: occupazione del suolo di 1 m 2 ricavata da stime della superficie che potrebbe occupare 1t di fango (densitàdel fango sia pari a 1 t/m 3 ). Sistema Dt e St: i dati della calcitazione sono primari (azienda che opera nel settore, i consumi di carburante invece sono di letteratura). Si assume che per ogni tonnellata di fango in input si abbia 1t di fango stabilizzato. Non sono state incluse le quantità di reflui prodotti e il loro eventuale trasporto. Sistema C: Difficoltà nel definire in termini quantitativi gli effetti, sia positivi che negativi, dell utilizzo del compost senza ricorrere a dati sito specifici, anche per la difficoltà di identificare l equivalente merceologico che viene sostituito dal compost. Per completezza dello studio, sono stati modellati gli effetti positivi derivanti dalla riduzione dell utilizzo di fertilizzanti (come già indicato) Il percolato non è stato attribuito alle singole fasi del processo, ma è valutato complessivamente e allocato proporzionalmente ai fanghi. Rifiuti (scarto di produzione da inviare in discarica): allocati sul criterio della massa alla quantità di fanghi presenti nella composizione media della miscela per produrre compost. Le emissioni sono state valutate complessivamente avvalendosi di dati forniti dai gestori dell impianto di compostaggio (allocate alla quantità di fanghi).

30 Qualitàdei dati Dati primari: consumi di materie ausiliarie, energia, acqua associati ai processi di condizionamento dei fanghi e compostaggio; tipologia dei mezzi di trasporto e alle distanze percorse. Dati di letteratura e database (secondari): processi di produzione di materie ausiliarie impiegate nei trattamenti (es. calce, acido solforico, ); produzione e l uso dei mezzi di trasporto; spandimento su terreno, smaltimento in discarica e depurazione del percolato; produzione di energia elettrica mix Italiano, come da DB Ecoinvent (vedi Tabella, anno 2007). Tipo di produzione kwh Electricity, hard coal, at power plant/it U 0,14333 Electricity, oil, at power plant/it U 0,15237 Electricity, natural gas, at power plant/it U 0,43313 Electricity, industrial gas, at power plant/it U 0, Electricity, hydropower, at power plant/it U 0,15314 Electricity, hydropower, at pumped storage power plant/it U 0,03522 Electricity, production mix photovoltaic, at plant/it U 1,38E-05 Electricity, at wind power plant/rer U 0, Electricity, at cogen ORC 1400kWth, wood, allocation exergy/ch U 0, Electricity, at cogen with biogas engine, allocation exergy/ch U 0,004152

31 LCA fase 3. Valutazione degli impatti confronto dei sistemi - caratterizzazione Risultati della caratterizzazione dei sistemi di spandimento diretto, conferimento in discarica, con e senza pre-trattamento e compostaggio. Metodo IMPACT 2002+

32 LCA fase 3. Valutazione degli impatti confronto dei sistemi - normalizzazione Risultati della normalizzazione, per categorie di impatto, dei cinque sistemi analizzati. Metodo IMPACT 2002+

33 LCA fase 3. Valutazione degli impatti confronto dei sistemi - normalizzazione Risultati della normalizzazione, per categorie di danno, dei cinque sistemi analizzati. Metodo IMPACT

34 LCA fase 3. Valutazione degli impatti. Focus sul Sistema Dt Risultati della valutazione del sistema di smaltimento in Discarica previo trattamento (D t ), in ecopunti e rispetto alle categorie di danno, metodo IMPACT Si nota che i principali impatti sono da attribuire alla gestione discarica, sia in esercizio che in post-chiusura e alla produzione di acido solforico e calce utilizzatiper il trattamento chimico. Di minore rilevanza i consumi energetici e l impatto dovuto al trasporto verso l impianto di trattamento.

35 Focus sul Sistema Dt Diagramma di flusso del sistema di smaltimento in Discarica previo trattamento (D t ), con contributo % dei vari processi rispetto all ecopunto complessivo (metodo IMPACT 2002+).

36 Valutazione degli impatti (LCIA) dettaglio del sistema C Risultati della valutazione del sistema di Compostaggio. Ecopunti, per le diverse categorie di danno, metodo IMPACT

37 Valutazione degli impatti (LCIA) dettaglio del sistema C Risultati della caratterizzazione del sistema di Compostaggio, metodo IMPACT

38 Valutazione degli impatti (LCIA) dettaglio del sistema C Risultati della valutazione del sistema di Compostaggio. Normalizzazione, per le diverse categorie di impatto, metodo IMPACT

39 Valutazione degli impatti (LCIA) dettaglio del sistema C Risultati della valutazione del sistema di Compostaggio. Normalizzazione, per le diverse categorie di danno, metodo IMPACT

40 Dettaglio sistema C Diagramma di flusso del sistema di Compostaggio (C) con contributo % dei vari processi rispetto all ecopunto complessivo (metodo IMPACT 2002+).

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna Ecomondo Rimini, 4 Novembre 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l'lca? LCA di sistemi energetici per la produzione di energia da biomasse: come affrontare il problema dell

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

Valutazione della sostenibilità ambientale della produzione di bioetanolo di II generazione

Valutazione della sostenibilità ambientale della produzione di bioetanolo di II generazione Valutazione della sostenibilità ambientale della produzione di bioetanolo di II generazione Barberio Grazia Convegno della Rete Italiana LCA Padova 22 aprile 2010 La metodologia LCA: approccio proattivo

Dettagli

Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas

Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Tecnologia Biogas da FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Il caso Agrienergia Relatore: Roberto Loschi Responsabile Cogenerazione e Fonti Rinnovabili Una Nuova Filosofia nel Ciclo dei Rifiuti I Criteri

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Da rifiuti a risorse: un progetto per Expo

Da rifiuti a risorse: un progetto per Expo Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria Da rifiuti a risorse: un progetto per Expo Silvana Castelli, Sergio Mapelli, Cesare

Dettagli

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI

TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Convegno MatER 15-16 Maggio 2013 TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Recupero di energia da fonti rinnovabili: la valorizzazione della frazione biodegradabile del rifiuto di matrice organica

Dettagli

Biogas Innovation FORSU La Nuova Frontiera del Biogas

Biogas Innovation FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Biogas Innovation FORSU La Nuova Frontiera del Biogas Il caso Agrienergia Relatore: Roberto Loschi Responsabile Cogenerazione e Fonti Rinnovabili Una Nuova Filosofia nel Ciclo dei Rifiuti I Criteri Generali

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano

Biometano. Che cos è il biometano? Produrre il Biometano Biometano Che cos è il biometano? Il termine Biometano si riferisce a un biogas che ha subito un processo di raffinazione per arrivare ad una concentrazione di metano del 95% ed è utilizzato come biocombustibile

Dettagli

DISCARICA DI CA LUCIO DI URBINO. Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA

DISCARICA DI CA LUCIO DI URBINO. Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA DISCARICA E IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO DI CA LUCIO DI URBINO Relatore: Ing. UGOLINI DANIELA 01/07/2009: CESSIONE RAMO D AZIENDA FILIERA DISCARICA E FILIERA COMPOSTAGGIO A MARCHE MULTISERVIZI S.p.a.: C.M.

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Caratteristiche dei rifiuti organici

Caratteristiche dei rifiuti organici Il trattamento della frazione organica dei rifiuti solidi urbani Caratteristiche dei rifiuti organici frazione umida: componente dei rifiuti urbani costituita dagli scarti di cucina originati sia dall

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

Mini corso: Storia ed esempi LCA (15 ) BEST UP

Mini corso: Storia ed esempi LCA (15 ) BEST UP Mini corso: Storia ed esempi LCA (15 ) BEST UP settimana milanese del design 18-23 aprile 2007 Leo Breedveld Esperto LCA Tel: 041-5947937 - breedveld@to-be.it Uno dei primi studi di LCA Life Cycle Assessment

Dettagli

Tabella 6 - Composizione del campione federambiente. Tabella 7 - Capacità di trattamento degli impianti di depurazione (1.

Tabella 6 - Composizione del campione federambiente. Tabella 7 - Capacità di trattamento degli impianti di depurazione (1. 5 L impatto ambientale del trattamento dei rifiuti 5.1 Metodologia L analisi sugli impatti ambientali delle attività di trattamento dei rifiuti delle imprese associate a federambiente è stata condotta

Dettagli

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment)

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment) Progetto SISTER Finanziamento Regione Toscana DOCUP Ob. 2 Anni 2000-2006 Azione 2.8.4. Potenziamento del sistema regionale di servizi telematici e di comunicazione per le PMI L analisi del ciclo di vita

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI Dicomano, 5 giugno 2015 IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI MATERIALI PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA? QUALE LA POSSIBILITÀ DI RIUTILIZZO E RIUSO LA GESTIONE DEL

Dettagli

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE

LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE LA FRAZIONE RESIDUA DEI RIFIUTI URBANI: CONFRONTO TRA TECNOLOGIE E MODALITÀ DI GESTIONE IL SISTEMA BEA DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI RIFIUTO URBANO RESIDUO FRAZIONI DIFFERENZIATE R E C U P E R O E

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008

Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto. Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 Forum Compostaggio La Valorizzazione energetica delle biomasse organiche da rifiuto Walter Giacetti Torino 5 Marzo 2008 I servizi di Etra per i Comuni Etra nasce il 1 gennaio 2006 dall aggregazione dei

Dettagli

Il compostaggio della frazione solida

Il compostaggio della frazione solida Gruppo Ricicla La digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti urbani 23 marzo 2010 Milano Il compostaggio della frazione solida e sua integrazione con la digestione anaerobica W. Giacetti

Dettagli

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment)

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Dr. Daniele Cespi Dr. Fabrizio Passarini Dr. Luca Ciacci Dr. Ivano Vassura Prof. Luciano Morselli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Abstract ANALISI DEL CICLO DI VITA DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI NUSCO

Dettagli

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA La gestione della frazione organica dei rifiuti con digestione anaerobica: energia e fertilizzanti rinnovabili GRUPPO RICICLA Università degli Studi di Milano via Celoria 2, 20133 Milano

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO Dipartimento di Ingegneria Idraulica Geotecnica ed Ambientale Abstract Il

Dettagli

Ing. Eugenio Bertolini Direttore Operativo di IREN EMILIA Spa. Bologna 22 Ottobre 2014

Ing. Eugenio Bertolini Direttore Operativo di IREN EMILIA Spa. Bologna 22 Ottobre 2014 Esperienze innovative in Italia sugli aspetti depurativi: un focus sui fanghi. L esperienza sulla gestione dei fanghi di depurazione del Gruppo Iren nell area emiliana Bologna 22 Ottobre 2014 Ing. Eugenio

Dettagli

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti

Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Analisi comparativa di percorsi per il recupero di Materia e di Energia da Rifiuti Dipartimento di Energia DIEM DIIAR Dipartimento Ingegneria Civile e Ambientale Istituto Economia delle Fonti di Energia

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

LCA a supporto della gestione integrata dei rifiuti: il caso dell Ente di Bacino Padova2

LCA a supporto della gestione integrata dei rifiuti: il caso dell Ente di Bacino Padova2 Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it monia.niero@cesqa.it LCA a supporto della gestione

Dettagli

Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano)

Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano) Recupero di materia e di energia: il pretrattamento della FORSU e il b: UP (upgrading a biometano) Dott.ssa Elena Andreoli Research and Development Manager AUSTEP SpA Prima delle attività specifiche parliamo

Dettagli

Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura

Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura Digestione anaerobica da biomasse, scarti agroindustriali e riduzione dell azoto dai digestati Udine, 22 settembre 2011 Digestione ed impiego di fanghi di depurazione in agricoltura Prof. Ing. Daniele

Dettagli

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu

AirClare. AirClare. www.demaeco.eu - info@demaeco.eu AirClare AirClare AirClare è un nuovo metodo per la purificazione dell aria in ambienti industriali e agricoli. Il sistema è stato ideato e brevettato per poter recuperare e riciclare le sostanze chimiche

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

Bilanci di CO2 eq in agricoltura e possibilità di miglioramento offerte dalle nuove tecnologie. Arpa Piemonte - Dipartimento Provinciale di Cuneo

Bilanci di CO2 eq in agricoltura e possibilità di miglioramento offerte dalle nuove tecnologie. Arpa Piemonte - Dipartimento Provinciale di Cuneo Bilanci di CO2 eq in agricoltura e possibilità di miglioramento offerte dalle nuove tecnologie Arpa Piemonte - Dipartimento Provinciale di Cuneo Silvio Cagliero Enrico Brizio Torino, 17 novembre 2011 Aspetti

Dettagli

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE

DIFENDERE AMBIENTE E IMPRESE Poste Italiane Spa - Sped. in a.p. - D.L. 353/2003 conv. in L. 46/2004, art.1, c.1 - CB-NO/Torino Anno 7 n. 26 DEA edizioni s.a.s. Strada del Portone, 127-10095 Grugliasco (TO) marzo 2014 anno vii numero

Dettagli

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello 1 Introduzione La co-digestione è un processo di stabilizzazione simultanea

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA La ditta Agrinord Srl gestisce un impianto di trattamento biologico di rifiuti urbani e speciali non pericolosi, mediante stabilizzazione aerobica (compostaggio) e digestione

Dettagli

Criteri per la valutazione ambientale, tecnologica, economica e legislativa. gestione dei rifiuti

Criteri per la valutazione ambientale, tecnologica, economica e legislativa. gestione dei rifiuti Criteri per la valutazione ambientale, tecnologica, economica e legislativa nel processo decisionale di gestione dei rifiuti Riunione Commissione Rifiuti Velletri 19 Maggio 2015 Sandro Bologna bolognasandro@tiscali.it

Dettagli

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici

Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici Gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici P. BALSARI, E. Dinuccio Università degli Studi di Torino D.I.S.A.F.A - Meccanica Agraria e-mail: paolo.balsari@unito.it Il patrimonio zootecnico italiano

Dettagli

L IMPATTO AMBIENTALE DEL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI CONFERITI NELL INCENERITORE DI PONTE MALNOME

L IMPATTO AMBIENTALE DEL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI CONFERITI NELL INCENERITORE DI PONTE MALNOME Analisi del ciclo di vita (LCA) applicata alla gestione dei rifiuti, ENEA 5 Ottobre 2005 Università degli Studi ROMA TRE L IMPATTO AMBIENTALE DEL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI CONFERITI NELL

Dettagli

Lo sviluppo delle bioenergie: Strumenti per l analisi di fattibilità degli impianti di conversione energetica L esperienza di ETRA S.p.A.

Lo sviluppo delle bioenergie: Strumenti per l analisi di fattibilità degli impianti di conversione energetica L esperienza di ETRA S.p.A. Lo sviluppo delle bioenergie: Strumenti per l analisi di fattibilità degli impianti di conversione energetica L esperienza di ETRA S.p.A. Divisione Servizio Idrico Integrato dott.ing. Marco Bacchin 80

Dettagli

ANALISI ECONOMICA PER L INDIVIDUAZIONE DELL IMPORTO A BASE DI GARA

ANALISI ECONOMICA PER L INDIVIDUAZIONE DELL IMPORTO A BASE DI GARA PROVINCIA DELL OGLIASTRA APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI URBANI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST DI QUALITA IN LOCALITA QUIRRA-OSINI ANALISI ECONOMICA PER L INDIVIDUAZIONE

Dettagli

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello Introduzione La co-digestione è un processo di stabilizzazione simultanea

Dettagli

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8

Piano Energetico Cantonale. Schede settoriali. Produzione di energia termica P.8. Biomassa scarti organici P.8 Biomassa scarti organici 97 Situazione attuale Con il termine «scarti organici» ci si riferisce a sostanze di origine organica, animale o vegetale. È possibile classificare tali sostanze in funzione delle

Dettagli

I numeri del compostaggio in Italia

I numeri del compostaggio in Italia I numeri del compostaggio in Italia Elab. Centemero e Zanardi, dati ISPRA 2009 I numeri del compostaggio in Italia N impianti di compostaggio in Italia 276 Impianti Operativi 220 Impianti con capacità

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

AUSTEP tra esperienza e innovazione

AUSTEP tra esperienza e innovazione biogas impianti AUSTEP tra esperienza e innovazione Dal 1995 AUSTEP progetta e realizza impianti di trattamento anaerobici per il settore industriale. In seguito ai recenti cambiamenti ambientali e alle

Dettagli

GLI INDICATORI DI ECO-EFFICIENZA

GLI INDICATORI DI ECO-EFFICIENZA GLI INDICATORI DI ECO-EFFICIENZA Percorso di sperimentazione coordinato dal gruppo di lavoro per la diffusione del bilancio ambientale e del metodo CLEAR 3 Workshop 4 Dicembre 2008 Il percorso proposto

Dettagli

Il progetto energie rinnovabili

Il progetto energie rinnovabili Il progetto energie rinnovabili Romagna Compost Soci Descrizione Attività (>51%) 4 Compostaggio frazioni organiche da Raccolta Differenziata 4 Produzione di compost per agricoltura biologica 4 Produzione

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi PREMESSA Il costante incremento dell utilizzo di materiali plastici nel settore alimentare permette innegabili vantaggi di praticità. Trascurando

Dettagli

L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner. Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate

L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner. Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate L impianto di Compostaggio di Albairate Ecoprogetto Milano Gruppo Ladurner Giovanni Pioltini Sindaco Comune di Albairate Ecosistemi Consumi Risorsa Essenziale RIFIUTI Rifiuti in Italia 32,5 Mil. Ton. Rifiuti

Dettagli

1-Piccini.ppt CREMONA 1.12. 2006

1-Piccini.ppt CREMONA 1.12. 2006 1-Piccini.ppt CREMONA 1.12. 2006 Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Aspetti economici e redditività dell impiego energetico di biomasse con digestione anaerobica A. Casula*, F. Malpei** * Dipartimento

Dettagli

IL BIOMETANO IN ITALIA l esperienza di ACEA Pinerolese

IL BIOMETANO IN ITALIA l esperienza di ACEA Pinerolese IL BIOMETANO IN ITALIA l esperienza di ACEA Pinerolese Rosario Farruggia Promozione e Sviluppo Impianti ACEA Pinerolese Industriale un ciclo virtuoso per l ambiente e per l economia Sommario ACEA Impianto

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

PARTNERS ACEA SPA. ACEA ha realizzato e gestisce l impianto di compostaggio KYKLOS, il più grande del Centro Italia. B o sque de

PARTNERS ACEA SPA. ACEA ha realizzato e gestisce l impianto di compostaggio KYKLOS, il più grande del Centro Italia. B o sque de PARTNERS ACEA SPA ACEA Spa, una delle principali multiutility italiane, è attiva nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei settori dell acqua acqua, dell energia energia e dell ambiente ambiente.

Dettagli

Monitoraggio efficacia delle azioni

Monitoraggio efficacia delle azioni GRISS Gruppo di Ricerca sullo sviluppo Sostenibile Università degli Studi di Milano Bicocca - www.disat.unimib.it/griss - Monitoraggio efficacia delle azioni Progetto Acqua senza macchia Fondazione Idra

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

Struttura del Gruppo Entsorga

Struttura del Gruppo Entsorga Maggio 2015 La valorizzazione energetica della FORSU Iimpianto di compostaggio integrato con Digestione Anaerobica della FORSU e produzione energia elettrica Comune di Santhià Dott.ssa Stefania Miranda

Dettagli

Agricoltura e Agro-energie 1

Agricoltura e Agro-energie 1 Agricoltura e Agro-energie 1 I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. Agricoltura e Agro-energie 2 L agro-ecosistema è un ecosistema

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Le raccolte differenziate dei rifiuti organici: considerazioni sui sistemi di raccolta

Le raccolte differenziate dei rifiuti organici: considerazioni sui sistemi di raccolta Le raccolte differenziate dei rifiuti organici: considerazioni sui sistemi di raccolta Walter Giacetti, ETRA S.p.a./Consorzio PD1 Riccardo Venturi, Pasquale Lepore, Sintesi S.r.l. La raccolta differenziata

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

Convegno Kyoto Club Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto

Convegno Kyoto Club Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Convegno Kyoto Club Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo - Rimini, 3 novembre 2004 I risultati ottenuti dal COBAT, Direttore Scientifico

Dettagli

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI

POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI POLLINA e BIOMETANO: IL FUTURO E OGGI Ravenna 26 settembre 2012 Austep SpA Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com AUSTEP opera dal 1995 con

Dettagli

Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici. Sana 9 settembre 2011

Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici. Sana 9 settembre 2011 Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici La politica di Coop per l ambiente e il biologico Sana 9 settembre 2011 Claudio Mazzini, Resp. Sostenibilità e Innovazione Valori Coop Italia Coop

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità

Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità Realizzazione di un impianto di digestione anerobica e compostaggio nell alta Val d Agri Quadro generale, opportunità, scelte tecniche e fattibilità 26 ottobre 2015 Attalea Indice dell intervento Trattamento

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Spinaci Cubello Foglia Più 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

T.E.V. S.p.A. Termo Energia Versilia

T.E.V. S.p.A. Termo Energia Versilia Dichiarazione Ambientale di Prodotto Raccolta, conferimento, selezione RSU e compostaggio della frazione umida dei rifiuti Dichiarazione Ambientale di Prodotto Pre-Certificata N REG.: Rev. 0 Data: 03/08/2006

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali

Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali Scenari gestionali per il digestato equiparabile ai concimi minerali 4 dicembre 2014 - Carpaneta Silvia R. Motta - ERSAF IMPIANTI DI BIOGAS IN LOMBARDIA 2014 380 impianti 290 Mwe 250 Separatori solido

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Giacomo Scarascia Mugnozza Dipartimento di Progettazione e Gestione dei Sistemi Agro-zootecnici e Forestali Università di Bari I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Bologna 12 Novembre

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE HORIZON 2020_ED.2014

SCHEDA PROGETTUALE HORIZON 2020_ED.2014 SCHEDA PROGETTUALE DENOMINAZIONE BANDO HORIZON 2020_ED.2014 DENOMINAZIONE PROGETTO FIRST FULL SCALE APPLICATION OF INNOVATIVE BIOLOGICAL PROCESSES FOR RESOURCES RECOVERY AND NUTRIENT MANAGEMENT IN THE

Dettagli

Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili.

Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili. LIFE CYCLE ASSESSMENT & HIDDEN COSTS Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili. Sergio Ulgiati Università degli Studi Parthenope Napoli DEFINIZIONE L Analisi del Ciclo di Vita

Dettagli

Indice di respirazione statico del compost prodotto presso il Polo Ecologico di Pinerolo

Indice di respirazione statico del compost prodotto presso il Polo Ecologico di Pinerolo Indice di respirazione statico del compost prodotto presso il Polo Ecologico di Pinerolo Chi siamo ACEA è una S.p.A. a completo capitale pubblico organizzata in tre aree tecnico- economiche: AREA ACQUE,

Dettagli

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE Viene utilizzata tecnologia New Generation con Know How esclusivo. L impianto si identifica nelle seguenti fasi: a) Impianto di depurazione finalizzato allo scarico in acque

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

PRESENTAZIONE. GESTIONE A FREDDO DEI RIFIUTI. Lo stato dell arte delle alternative all incenerimento per la parte residua dei rifiuti municipali

PRESENTAZIONE. GESTIONE A FREDDO DEI RIFIUTI. Lo stato dell arte delle alternative all incenerimento per la parte residua dei rifiuti municipali PRESENTAZIONE GESTIONE A FREDDO DEI RIFIUTI. Lo stato dell arte delle alternative all incenerimento per la parte residua dei rifiuti municipali Nell ambito delle iniziative legate alla Quarta Giornata

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI DEL P.O. DI PISTOIA

ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI DEL P.O. DI PISTOIA Università degli Studi di Milano MASTER IN POLITICA ED ECONOMIA DELL AMBIENTE ANALISI DEL CICLO DI VITA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI DEL P.O. DI PISTOIA di Arianna Zampini Paolo Neri In collaborazione

Dettagli

I vantaggi energetico-ambientali

I vantaggi energetico-ambientali Applicazione di una metodologia LCA (Life Cycle Assessment) per una valutazione costi/benefici di carattere ambientale nell impiego di biomasse per la produzione energetica nell Appennino tosco emiliano.

Dettagli

TERNI 8 settembre 2011. Relatore: Dr. Antonio Feola Project manager

TERNI 8 settembre 2011. Relatore: Dr. Antonio Feola Project manager TERNI 8 settembre 2011 Relatore: Dr. Antonio Feola Project manager Beneficiario: Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Partner: Provincia di Salerno Assessorato all Ambiente Università di L

Dettagli

Distretto delvetro Artistico di Murano

Distretto delvetro Artistico di Murano Nicola Favaro Distretto delvetro Artistico di Murano 260 aziende, di cui 30 industriali 1200 addetti Fatturato di 100 milioni di Euro Produzione di Oggetti artistici Lampadari Specchi Oggetti al lume Novembre

Dettagli