SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 20 ottobre 2005 (*)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 20 ottobre 2005 (*)"

Transcript

1 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 20 ottobre 2005 (*) «Codice doganale comunitario Rimborso o sgravio dei dazi all importazione o all esportazione Nozione di legalmente dovuto» Nel procedimento C-247/04, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, dal College van Beroep voor het bedrijfsleven (Paesi Bassi) con decisione 28 maggio 2004, pervenuta in cancelleria l 11 giugno 2004, nella causa Transport Maatschappij Traffic BV contro Staatssecretaris van Economische Zaken, LA CORTE (Seconda Sezione), composta dai sig. C.W.A. Timmermans, presidente di sezione, dai sigg. J. Makarczyk (relatore), C. Gulmann, R. Schintgen e J. Klučka, giudici, avvocato generale: sig.ra C. Stix-Hackl cancelliere: sig.ra L. Hewlett, amministratore principale vista la fase scritta del procedimento e in seguito all udienza del 6 aprile 2005, considerate le osservazioni presentate: per la Transport Maatschappij Traffic BV, dai sigg. A. Wolkers ed E.H. Mennes, advocaten; per il governo dei Paesi Bassi, dalle sig.re H. G. Sevenster e C. M. Wissels, in qualità di agenti; per la Commissione delle Comunità europee, dal sig. X. Lewis, in qualità di agente, assistito dal sig. F. Tuytschaever, advocaat, sentite le conclusioni dell avvocato generale, presentate all udienza del 10 maggio 2005, ha pronunciato la seguente Sentenza 1 La presente domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione dell art. 236, n. 1, primo comma, del regolamento (CEE) del Consiglio 12 ottobre 1992, n. 2913, che istituisce un codice doganale comunitario (GU L 302, pag. 1; in prosieguo: il «CDC»). 2 La questione è sorta nell ambito di una controversia tra la Transport Maatschappij Traffic BV (in prosieguo: la «Traffic») e lo Staatssecretaris van Economische Zaken (Sottosegretario all economia; in prosieguo: il «Sottosegretario») in merito al diniego, da parte di quest ultimo, di accogliere la domanda di rimborso di dazi antidumping versati dalla Traffic. Contesto normativo

2 3 L art. 4 del CDC contiene le seguenti definizioni: «( ) 9) obbligazione doganale: l obbligo di una persona di corrispondere l importo dei dazi all importazione (obbligazione doganale all importazione) o l importo dei dazi all esportazione (obbligazione doganale all esportazione) applicabili in virtù delle disposizioni comunitarie in vigore ad una determinata merce; ( ) 23) disposizioni in vigore: le disposizioni comunitarie o le disposizioni nazionali; ( )]». 4 L art. 20, n. 1, del CDC, contenuto nel Titolo II, intitolato «Principi in base ai quali sono applicati i dazi all importazione o all esportazione e le altre misure previste nel quadro degli scambi di merci», prevede quanto segue: «1. I dazi doganali dovuti per legge quando sorge un obbligazione doganale sono basati sulla tariffa doganale delle Comunità europee». 5 Il Capitolo 2 del Titolo VII del CDC disciplina la nascita dell obbligazione doganale. Le disposizioni ivi contenute riguardano in particolare la fattispecie costitutiva dell obbligazione doganale, il momento nonché il luogo della sua nascita. 6 Ai fini del capitolo 3 del medesimo titolo, relativo alla riscossione dell importo dell obbligazione doganale, l art. 221 del CDC così dispone: «1. L importo dei dazi dev essere comunicato al debitore secondo modalità appropriate non appena sia stato contabilizzato. ( ) 3. La comunicazione al debitore non può più essere effettuata tre anni dopo la data in cui è sorta l obbligazione doganale ( )». 7 Il capitolo 4 del titolo VII del CDC comprende le disposizioni relative all estinzione dell obbligazione doganale. 8 L art. 236, n. 1, primo comma, di tale codice, che rientra nel capitolo 5 del citato titolo VII intitolato «Rimborso e sgravio dei dazi», così dispone: «Si procede al rimborso dei dazi all importazione o dei dazi all esportazione quando si constati che al momento del pagamento il loro importo non era legalmente dovuto o che l importo è stato contabilizzato contrariamente all articolo 220, paragrafo 2». Controversia principale e questione pregiudiziale 9 Con avviso di pagamento del 18 dicembre 1997, l ispettore dell Ufficio imposte del distretto doganale di Roosendaal (in prosieguo: l «ispettore») ha notificato alla Traffic un importo di NLG ,20 (EUR ,88) a titolo di dazi antidumping. 10 Dopo aver versato tale importo, il 19 febbraio 1998 la Traffic ha proposto reclamo contro l avviso di pagamento. 11 Il 18 maggio 1998 la Traffic ha, da un lato, ritirato tale reclamo e, dall altro, chiesto all ispettore, ai sensi dell art. 236 del CDC, il rimborso dei dazi antidumping versati affermando che questi ultimi non erano legalmente dovuti. La Traffic deduceva, in particolare, l incompetenza dell ispettore ad applicare tali dazi. A seguito del rigetto della sua domanda, la Traffic ha proposto reclamo dinanzi al Sottosegretario, respinto con decisione 9 ottobre Avverso quest ultima decisione la Traffic ha allora proposto ricorso dinanzi al College van Beroep voor het bedrijfsleven.

3 12 Il 13 febbraio 2002 tale giudice ha annullato la decisione del Sottosegretario dichiarando che quest ultimo non aveva chiarito, in applicazione dell art. 236 del CDC, se, al momento del pagamento, l importo dei dazi in parola non fosse «legalmente dovuto» oppure se fosse stato contabilizzato in contrasto con quanto previsto dall art. 220, n. 2, del CDC. 13 Il 19 novembre 2002 il Sottosegretario ha emanato una decisione con cui ancora una volta respingeva la domanda di rimborso presentata dalla Traffic. 14 La Traffic ha allora proposto ricorso di annullamento avverso tale decisione dinanzi al College van Beroep voor het bedrijfsleven. Essa deduce, in particolare, che l importo dei dazi è dovuto, ai sensi dell art. 236 del CDC, soltanto qualora sia stato comunicato al debitore secondo le modalità appropriate, conformemente all art. 221 dello stesso codice. Orbene, ciò non avverrebbe nel caso in cui sia stata un autorità incompetente a procedere alla comunicazione dell importo dei dazi. 15 Nella sua ordinanza di rinvio, il College van Beroep voor het bedrijfsleven ricorda che il capitolo 5 del titolo VII del CDC elenca una serie di motivi in virtù dei quali si può procedere al rimborso o allo sgravio di dazi all esportazione o all importazione. Esso si chiede, pertanto, se l incompetenza di un autorità amministrativa alla luce del diritto nazionale possa configurare uno di questi motivi e, in particolare, se in presenza di una siffatta incompetenza si possa concludere che, al momento del pagamento, l importo dei dazi non era «legalmente dovuto» ai sensi dell art. 236 del CDC. 16 In proposito il giudice del rinvio sottolinea che, ai sensi del diritto pubblico olandese, l avviso di pagamento del 18 dicembre 1997 inviato alla Traffic costituisce una decisione, che fa sorgere un obbligo di pagamento. A tale titolo, questo avviso di pagamento era impugnabile con un reclamo da proporsi entro sei settimane a decorrere dalla sua comunicazione all interessato, come previsto dalla normativa olandese. 17 Il College van Beroep voor het bedrijfsleven rileva altresì che, alla data del 18 dicembre 1997, l ispettore non era competente a inviare un siffatto avviso di pagamento, e che solo dal 1 gennaio 1998 gli era stata attribuita tale competenza. 18 Ciònonpertanto, il giudice del rinvio ritiene che tale incompetenza, pur potendo essere invocata a sostegno di un reclamo o di un ricorso contro l avviso di pagamento, non possa invece fondare una richiesta di rimborso o di sgravio dei dazi all importazione o all esportazione. 19 Ciò premesso, il College van Beroep voor het bedrijfsleven ha deciso di sospendere il procedimento e di sottoporre alla Corte la seguente questione pregiudiziale: «Se la nozione di legalmente dovuto contenuta nell art. 236 del [CDC] debba essere interpretata nel senso che con essa si allude esclusivamente alla questione se siano soddisfatti i presupposti per la nascita dell obbligazione doganale, come stabiliti al capitolo 2 del titolo VII del [CDC], oppure nel senso che l importo è legalmente dovuto soltanto qualora non possa essere sollevato alcun motivo, neppure in base alle disposizioni nazionali in vigore ai sensi dell art. 4, punto 23 del [CDC], per contestare la comunicazione secondo cui sono dovuti dei dazi». Sulla questione pregiudiziale 20 Per risolvere la questione sollevata, occorre accertare se il fatto che l importo dei dazi in parola non sia stato comunicato conformemente all art. 221, n. 1, del CDC, possa avere la conseguenza che, al momento del pagamento, il detto importo non era, ai sensi dell art. 236 del CDC, legalmente dovuto. 21 Si deve ricordare in proposito che, ai sensi dell art. 236, n. 1, primo comma, del CDC, si procede al rimborso dei dazi all importazione o dei dazi all esportazione, in particolare, quando si constati che «al momento del pagamento il loro importo non era legalmente dovuto». 22 Come correttamente rilevano nelle loro osservazioni scritte e orali il governo olandese e la Commissione delle Comunità europee, l art. 20, n. 1, del CDC, ricompreso nel titolo II dello stesso, dispone che «[i] dazi doganali dovuti per legge quando sorge un obbligazione doganale sono basati sulla tariffa doganale delle Comunità europee». Peraltro, le regole relative alla nascita dell obbligazione doganale sono stabilite al capitolo 2 del titolo VII del CDC. In particolare sorge un obbligazione doganale all importazione in seguito all immissione in libera pratica di una merce soggetta a dazi all importazione ai sensi dell art. 201, n. 1, lett. a), del CDC.

4 23 Per quanto riguarda l applicazione della Tariffa doganale delle Comunità europee (in prosieguo: la «Tariffa doganale comune», è sufficiente rilevare che i dazi di cui trattasi nella fattispecie, vale a dire i dazi antidumping, rientrano, conformemente all art. 20, n. 3, lett. g), del CDC, nella citata tariffa doganale in quanto «altre misure tariffarie previste da altre normative comunitarie». 24 Quanto all obbligazione doganale, si deve ricordare che essa consiste, ai sensi dell art. 4, punto 9, del CDC, nell «obbligo di una persona di corrispondere l importo dei dazi all importazione ( ) o l importo dei dazi all esportazione ( ) applicabili in virtù delle disposizioni comunitarie in vigore ad una determinata merce». 25 La riscossione dell importo dell obbligazione doganale è, per parte sua, oggetto di disposizioni distinte, che figurano al capitolo 3 del titolo VII del CDC e che prevedono, in particolare, l obbligo di comunicare l importo di tale obbligazione prima di procedere alla sua riscossione. 26 Risulta da tali disposizioni, nonché dalla distinzione delineata dal legislatore comunitario tra l esistenza stessa dell obbligazione doganale e la sua riscossione, che la nascita dell obbligazione doganale precede la comunicazione del suo importo ed è pertanto necessariamente indipendente da tale comunicazione. Quest ultima non può quindi, come rileva l avvocato generale al paragrafo 31 delle sue conclusioni, incidere sull esistenza dell obbligazione doganale. 27 Giova peraltro aggiungere che l interpretazione contraria, propugnata dalla Traffic, secondo la quale i dazi sarebbero «legalmente dovuti» ai sensi del CDC unicamente nei limiti in cui siano validamente comunicati al debitore, avrebbe per conseguenza che l applicazione dell art. 236 del CDC dipenderebbe dall osservanza del diritto nazionale vigente nei diversi Stati membri e sarebbe pertanto idonea a pregiudicare l applicazione uniforme del CDC. 28 Si deve pertanto necessariamente constatare che, anche se la violazione dell art. 221, n. 1, del CDC da parte delle autorità doganali di uno Stato membro può ostare alla riscossione dell importo dei dazi legalmente dovuti o all applicazione di interessi moratori, ciò non toglie che una tale violazione non abbia alcuna conseguenza in ordine all esistenza di tali dazi. 29 Alla luce delle considerazioni che precedono, la questione sollevata dev essere risolta dichiarando che, ai fini dell art. 236, n. 1, primo comma, del CDC, i dazi all importazione o i dazi all esportazione sono legalmente dovuti allorché un obbligazione doganale è sorta, alle condizioni previste al capitolo 2 del titolo VII di tale codice, e allorché l importo di tali dazi ha potuto essere determinato in applicazione della Tariffa doganale comune, conformemente alle disposizione del titolo II dello stesso codice. L importo dei dazi all importazione o dei dazi all esportazione rimane legalmente dovuto ai sensi dell art. 236, n. 1, primo comma, del CDC, quand anche tale importo non sia stato comunicato al debitore in conformità all art. 221, n. 1, del detto codice. Sulle spese 30 Nei confronti delle parti nella causa principale il presente procedimento costituisce un incidente sollevato dinanzi al giudice nazionale, cui spetta quindi statuire sulle spese. Le spese sostenute da altri soggetti per presentare osservazioni alla Corte non possono dar luogo a rifusione. Per questi motivi, la Corte (Seconda Sezione) dichiara: Ai fini dell art. 236, n. 1, primo comma, del regolamento del Consiglio 12 ottobre 1992, n. 2913, che istituisce un codice doganale comunitario, i dazi all importazione o i dazi all esportazione sono legalmente dovuti allorché un obbligazione doganale è sorta, alle condizioni previste dal capitolo 2 del titolo VII del detto regolamento, e allorché l importo di tali dazi ha potuto essere determinato in applicazione della Tariffa doganale delle Comunità europee, conformemente alle disposizioni del titolo II dello stesso regolamento. L importo dei dazi all importazione o dei dazi all esportazione rimane legalmente dovuto ai sensi dell art. 236, n. 1, primo comma, del regolamento n. 2913/92, quand anche tale

5 importo non sia stato comunicato al debitore in conformità all art. 221, n. 1, dello stesso regolamento. Firme * Lingua processuale: l'olandese.

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 luglio 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 luglio 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 luglio 2009 (*) «Regolamento (CEE) n. 2913/92 Codice doganale comunitario Recupero a posteriori di dazi all importazione o all esportazione Contabilizzazione dell

Dettagli

gli ufficiali giudiziari su internet

gli ufficiali giudiziari su internet SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 9 febbraio 2006 (*) «Cooperazione giudiziaria Regolamento (CE) n. 1348/2000 Artt. 4-11 e 14 Notificazioni e comunicazioni degli atti giudiziari Notificazione tramite

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 5 ottobre 2006 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 5 ottobre 2006 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 5 ottobre 2006 (*) «Codice doganale Determinazione dell obbligazione doganale Dazi all importazione dei prodotti compensatori determinati dall interessato e confermati

Dettagli

Corte di giustizia europea, Sez. VII, ordinanza 10/4/2008 n. C- 323/07

Corte di giustizia europea, Sez. VII, ordinanza 10/4/2008 n. C- 323/07 Corte di giustizia europea, Sez. VII, ordinanza 10/4/2008 n. C- 323/07 ORDINANZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 10 aprile 2008 «Appalti pubblici Appalto pubblico di forniture e di servizi Affidamento senza

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 8 novembre 2012

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 8 novembre 2012 SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 8 novembre 2012 «Obbligazione doganale Recupero dei dazi all importazione o all esportazione Contabilizzazione dei dazi Modalità pratiche» Nella causa C-351/11, avente

Dettagli

LA CORTE (Quarta Sezione),

LA CORTE (Quarta Sezione), SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 20 gennaio 2005 (1) «Transito comunitario Nascita di un'obbligazione doganale in occasione di infrazioni o di irregolarità Conseguenze della mancata indicazione all'obbligato

Dettagli

ARCHIVIO SICURAMBIENTE.IT

ARCHIVIO SICURAMBIENTE.IT ARCHIVIO SICURAMBIENTE.IT www.sicurambiente.it AVVERTENZA: I documenti sono riportati solo a titolo d'informazione e non hanno carattere di ufficialità. Fonte: Corte di giustizia dell Unione europea http://curia.europa.eu

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 7 luglio 2005 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 7 luglio 2005 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 7 luglio 2005 (*) «Tariffa doganale comune Classificazione doganale di schede sonore per computer Validità dei regolamenti (CE) nn. 2086/97 e 2261/98» Nei procedimenti

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 12 luglio 2001 *

ORDINANZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 12 luglio 2001 * WELTHGROVE ORDINANZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 12 luglio 2001 * Nel procedimento C-102/00, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma dell'art. 234 CE, dallo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 11 settembre 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 11 settembre 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 11 settembre 2008 (*) «Transazioni commerciali Direttiva 2000/35/CE Lotta contro i ritardi di pagamento Procedure di recupero di crediti non contestati» Nel procedimento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 6 dicembre 2005 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 6 dicembre 2005 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 6 dicembre 2005 (*) «Art. 234 CE Obbligo di rinvio pregiudiziale Validità di una disposizione comunitaria Zucchero Dazio addizionale all importazione Regolamento (CE)

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 settembre 2018 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 settembre 2018 (*) Edizione provvisoria SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 settembre 2018 (*) «Rinvio pregiudiziale Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Articolo 8, paragrafo 1 Rimborso del prezzo di un biglietto

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE Quinta Sezione

CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE Quinta Sezione Giurisprudenza comunitaria CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE Quinta Sezione SENTENZA Del 8 settembre 2005 (*) procedimento numero C-303/04, Parti: Lidl Italia Srl e Comune di Stradella, Massima:

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 6 settembre 2012

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 6 settembre 2012 SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 6 settembre 2012 «Codice doganale comunitario Regolamento (CEE) n. 2913/92 Articolo 204, paragrafo 1, lettera a) Regime di deposito doganale Nascita dell obbligazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 7 novembre 2018 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 7 novembre 2018 (*) Edizione provvisoria SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 7 novembre 2018 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 2003/86/CE Diritto al ricongiungimento familiare Articolo 15 Rifiuto di rilascio di un permesso

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 15 luglio 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 15 luglio 2010 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 15 luglio 2010 (*) «Codice doganale comunitario Art. 33 Valore in dogana delle merci Inclusione dei dazi doganali Condizione di consegna Delivered Duty Paid» Nel procedimento

Dettagli

*** SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 settembre 2018 (*)

*** SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 settembre 2018 (*) La Corte di Giustizia si pronuncia in tema di rimborso del prezzo di un biglietto in caso di annullamento di un volo (CGUE, Ottava Sezione, Sentenza 12 settembre 2018, C-601/17) Il regolamento (CE) n.

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE Terza Sezione

CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE Terza Sezione Giurisprudenza comunitaria CORTE DI GIUSTIZIA DELLE COMUNITÀ EUROPEE Terza Sezione SENTENZA del 13 ottobre 2005 nella causa C - 379/04 parti: Richard Dahms GmbH e Fränkischer Weinbauverband ev, Massima:

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 novembre 2001 *

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 novembre 2001 * SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 novembre 2001 * Nei procedimenti riuniti C-541/99 e C-542/99, aventi ad oggetto le domande di pronuncia pregiudiziale proposte alla Corte, a norma dell'art. 234

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 28 febbraio 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 28 febbraio 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 28 febbraio 2008 (*) «Carni bovine Organizzazione comune dei mercati Regolamento (CE) n. 1254/1999 Art. 3, lett. f) Concessione di un premio per vacca nutrice Condizioni

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 18 gennaio 2017, C-365/15

Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 18 gennaio 2017, C-365/15 Corte di Giustizia UE, sez. III, sentenza 18 gennaio 2017, C-365/15 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione dell articolo 241 del regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio,

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 29 ottobre 2015, C-319/14

Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 29 ottobre 2015, C-319/14 Corte di Giustizia UE, sez. V, sentenza 29 ottobre 2015, C-319/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 203 e 204 del regolamento (CEE) n. 2913/92 del

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 novembre 2006 (*) «Valore in dogana Computer portatili con software di sistema»

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 novembre 2006 (*) «Valore in dogana Computer portatili con software di sistema» SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 16 novembre 2006 (*) «Valore in dogana Computer portatili con software di sistema» Nel procedimento C-306/04, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 14 dicembre 2017 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 14 dicembre 2017 (*) Edizione provvisoria SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 14 dicembre 2017 (*) «Rinvio pregiudiziale Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 805/2004 Ambito di applicazione Titolo

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 21 giugno 2016 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 21 giugno 2016 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 21 giugno 2016 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Articolo 101 TFUE Autotrasporto Prezzo dei servizi di autotrasporto

Dettagli

Massime della sentenza

Massime della sentenza Causa C-339/07 Christopher Seagon, che agisce in qualità di curatore fallimentare della Frick Teppichboden Supermärkte GmbH, contro Deko Marty Belgium NV (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) del 26 ottobre 2006, causa C- 371/04

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) del 26 ottobre 2006, causa C- 371/04 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) del 26 ottobre 2006, causa C- 371/04 Nella causa C-371/04, avente ad oggetto un ricorso per inadempimento ai sensi dell art. 226 CE, proposto il 30 agosto 2004, Commissione

Dettagli

Massime della sentenza

Massime della sentenza Causa C-1/04 Susanne Staubitz-Schreiber (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Bundesgerichtshof) «Cooperazione giudiziaria in materia civile Procedure d insolvenza Regolamento (CE) n. 1346/2000

Dettagli

(Corte di Giustizia, Ottava Sezione, sentenza 11 maggio 2017, causa C-302/16)

(Corte di Giustizia, Ottava Sezione, sentenza 11 maggio 2017, causa C-302/16) (Corte di Giustizia, Ottava Sezione, sentenza 11 maggio 2017, causa C-302/16) Corte di Giustizia, Ottava Sezione, sentenza 11 maggio 2017, causa C-302/16* «Rinvio pregiudiziale Trasporti aerei Regolamento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 6 settembre 2012

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 6 settembre 2012 SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 6 settembre 2012 «Codice doganale comunitario Regolamento (CEE) n. 2913/92 Articolo 204, paragrafo 1, lettera a) Regime del perfezionamento attivo Sistema della sospensione

Dettagli

vista la decisione, adottata dopo aver sentito l avvocato generale, di giudicare la causa senza conclusioni, ha pronunciato la seguente Sentenza

vista la decisione, adottata dopo aver sentito l avvocato generale, di giudicare la causa senza conclusioni, ha pronunciato la seguente Sentenza CORTE DI GIUSTIZIA CE - PRIMA SEZIONE SENTENZA 17 GENNAIO 2008 - No alla provvigione all'agente per operazioni concluse nella propria zona geografica senza intervento del preponente - Ravvicinamento delle

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (sesta sezione) 8 febbraio 1990*

SENTENZA DELLA CORTE (sesta sezione) 8 febbraio 1990* SENTENZA 8. 2. 1990 CAUSA C-320/88 SENTENZA DELLA CORTE (sesta sezione) 8 febbraio 1990* Nel procedimento C-320/88, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 31 marzo 2011 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 31 marzo 2011 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Codice doganale Dazi doganali Obbligazione doganale all importazione Interessi di mora Periodo di riscossione degli interessi di mora Interessi

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 7 aprile 2011 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 7 aprile 2011 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 7 aprile 2011 (*) «Regolamento (CEE) n. 2913/92 Codice doganale comunitario Artt. 12, nn. 2 e 5, 217, n. 1, e 243 Regolamento (CEE) n. 2454/93 Disposizioni di applicazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 30 aprile 2002 *

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 30 aprile 2002 * CLUB-TOUR SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 30 aprile 2002 * Nel procedimento C-400/00, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma dell'art. 234 CE, dal Tribunal

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 7 aprile 2016 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 7 aprile 2016 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 7 aprile 2016 (*) «Rinvio pregiudiziale Assicurazione tutela giudiziaria Direttiva 87/344/CEE Articolo 4, paragrafo 1 Libera scelta dell avvocato da parte dell assicurato

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 19 marzo 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 19 marzo 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 19 marzo 2009 (*) «Codice doganale comunitario Rimborso di dazi doganali Art. 29, nn. 1 e 3, lett. a) Valore in dogana Regolamento (CEE) n. 2454/93 Art. 145, nn.

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 27 aprile 2006 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 27 aprile 2006 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 27 aprile 2006 (*) «Rinvio pregiudiziale Determinazione del cognome di un bambino Procedimento diretto a conferire il diritto di determinazione ad uno dei genitori

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Nona Sezione) 8 maggio 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Nona Sezione) 8 maggio 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Nona Sezione) 8 maggio 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Direttiva 2002/53/CE Catalogo comune delle varietà delle specie di piante agricole Organismi geneticamente

Dettagli

LA CORTE (Quinta Sezione),

LA CORTE (Quinta Sezione), SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 15 dicembre 2004 (1) «Codice doganale comunitario Nascita del debito doganale Regime dell'ammissione temporanea Cambiamento della motrice di un semirimorchio» Nel

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 20 ottobre 2005 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 20 ottobre 2005 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 20 ottobre 2005 (*) «Tariffa doganale comune Dazi doganali all importazione Valore in dogana dichiarato che include una commissione di acquisto Applicazione dei dazi

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 3 maggio 2011 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 3 maggio 2011 (*) Page 1 of 7 SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 3 maggio 2011 (*) «Concorrenza Regolamento (CE) n. 1/2003 Art. 5 Abuso di posizione dominante Competenza delle autorità garanti della concorrenza degli

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 3 maggio 2011 *

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 3 maggio 2011 * SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 3 maggio 2011 * Nel procedimento C-375/09, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, dal Sąd Najwyższy

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 20 maggio 2008 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 20 maggio 2008 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 20 maggio 2008 (*) «Previdenza sociale Assegni familiari Sospensione del diritto alle prestazioni Art. 13, n. 2, lett. a), del regolamento (CEE) n. 1408/71 Art. 10

Dettagli

Sentenza. Contesto normativo. Il diritto dell Unione

Sentenza. Contesto normativo. Il diritto dell Unione Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 3 settembre 2015, causa C-110/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 93/13/CEE Articolo 2, lettera b) Nozione di consumatore Contratto di credito concluso

Dettagli

La compagnia aerea è responsabile della cancellazione del volo o di ritardo prolungato (CGUE, Sez. VIII, sent. 11 maggio 2017, causa C )

La compagnia aerea è responsabile della cancellazione del volo o di ritardo prolungato (CGUE, Sez. VIII, sent. 11 maggio 2017, causa C ) La compagnia aerea è responsabile della cancellazione del volo o di ritardo prolungato (CGUE, Sez. VIII, sent. 11 maggio 2017, causa C-306-15) L articolo 5, paragrafo 1, lettera c) e l articolo 7 del regolamento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 giugno 1994 *

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 giugno 1994 * SENTENZA 16. 6. 1994 CAUSA C-132/93 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 16 giugno 1994 * Nel procedimento C-132/93, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma

Dettagli

Nozione di consumatore: il contratto stipulato dall Avvocato. Corte Giust. UE, sez. IV, sentenza 3 settembre 2015, causa C 110/14

Nozione di consumatore: il contratto stipulato dall Avvocato. Corte Giust. UE, sez. IV, sentenza 3 settembre 2015, causa C 110/14 Nozione di consumatore: il contratto stipulato dall Avvocato Corte Giust. UE, sez. IV, sentenza 3 settembre 2015, causa C 110/14 Direttiva 93/13/CEE Articolo 2, lettera b) Nozione di consumatore Contratto

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 5 febbraio 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 5 febbraio 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 5 febbraio 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Previdenza sociale Regolamento (CEE) n. 1408/71 Articolo 71 Nozione di lavoratore frontaliero in disoccupazione parziale

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 30 aprile 1998 *

SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 30 aprile 1998 * BELLONE SENTENZA DELLA CORTE (Prima Sezione) 30 aprile 1998 * Nel procedimento C-215/97, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma dell'art. 177 del Trattato

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 2 aprile 2009 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 2 aprile 2009 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 2 aprile 2009 (*) «Codice doganale comunitario Artt. 202 e 233, primo comma, lett. d) Nascita dell obbligazione doganale Introduzione irregolare di merci Sequestro

Dettagli

Pag 1 di 5

Pag 1 di 5 SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 20 maggio 2010 «Regolamento (CE) n. 44/2001 Ricorso di un assicuratore dinanzi al giudice del proprio domicilio diretto ad ottenere il pagamento del premio assicurativo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 giugno 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 giugno 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 giugno 2012(*) «Ottava direttiva IVA Modalità per il rimborso dell IVA ai soggetti passivi non residenti all interno del paese Termine per la presentazione della

Dettagli

Indennità per ferie non godute: spetta anche in caso di decesso del lavoratore

Indennità per ferie non godute: spetta anche in caso di decesso del lavoratore Indennità per ferie non godute: spetta anche in caso di decesso del lavoratore Il diritto alle ferie annuali retribuite non si estingue senza dare diritto ad un indennità finanziaria a titolo delle ferie

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 21 marzo 2019

SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 21 marzo 2019 SENTENZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 21 marzo 2019 «Rinvio pregiudiziale Servizi di pagamento nel mercato interno Direttiva 2007/64/CE Articolo 74, paragrafo 2 Ordine di pagamento mediante bonifico Identificativo

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 29 marzo 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 29 marzo 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 29 marzo 2012 (*) «Sesta direttiva IVA Articoli 6, paragrafo 2, primo comma, lettera a), e 13, parte B, lettera b) Diritto a detrazione Bene di investimento appartenente

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 dicembre 2011 *

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 dicembre 2011 * SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 dicembre 2011 * Nel procedimento C-482/10, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 267 TFUE, dalla Corte

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 25 maggio 1993 *

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 25 maggio 1993 * SENTENZA 25. 5. 1993 CAUSA C-193/91 SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 25 maggio 1993 * Nel procedimento C-193/91, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 7 ottobre 2010 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 7 ottobre 2010 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 7 ottobre 2010 (*) «Domanda di pronuncia pregiudiziale Direttiva 92/57/CEE Prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 gennaio 2016 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 gennaio 2016 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 21 gennaio 2016 (*) «Rinvio pregiudiziale Unione doganale Codice doganale comunitario Articolo 29, paragrafo 1, lettera d) Determinazione del valore in dogana Regolamento

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 20 settembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 20 settembre 2007 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 20 settembre 2007 (*) «Marchi Direttiva 89/104/CEE Art. 3, nn. 1, lett. e), terzo trattino, e 3 Segno Forma che dà un valore sostanziale al prodotto Uso Campagne pubblicitarie

Dettagli

Parole chiave. Massima. Parti

Parole chiave. Massima. Parti Sentenza della Corte (Prima Sezione) del 30 aprile 1998. - Barbara Bellone contro Yokohama SpA. - Domanda di pronuncia pregiudiziale: Tribunale di Bologna - Italia. - Direttiva 86/653/CEE - Agenti commerciali

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 novembre 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 novembre 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 22 novembre 2012 (*) «Trasporti aerei Compensazione ed assistenza ai passeggeri Negato imbarco, cancellazione del volo o ritardo prolungato Termine di ricorso» Nella

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 11 maggio 2006 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 11 maggio 2006 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 11 maggio 2006 (*) «Codice doganale comunitario Regime di trasformazione sotto controllo doganale Rigetto da parte delle autorità doganali nazionali di una domanda

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 28 febbraio 2019 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 28 febbraio 2019 (*) Edizione provvisoria SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 28 febbraio 2019 (*) «Rinvio pregiudiziale Trasporti Direttiva 2006/126/CE Riconoscimento reciproco delle patenti di guida Rifiuto di riconoscere

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 7 giugno 2016 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 7 giugno 2016 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Grande Sezione) 7 giugno 2016 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento (UE) no 604/2013 Determinazione dello Stato membro competente per l esame di una domanda di asilo presentata in

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 (*) «Trasporto Trasporto aereo Norme comuni per la gestione dei servizi aerei nell Unione Regolamento (CE) n. 1008/2008 Obbligo del venditore del viaggio

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 7 luglio 2005 *

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 7 luglio 2005 * NESTLÉ SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 7 luglio 2005 * Nel procedimento C-353/03, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell'art. 234 CE, dalla Court

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n.

SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. SENTENZA DELLA CORTE (Sesta Sezione) 2 luglio 2009 «Marchi Registrazione internazionale Protocollo relativo all Intesa di Madrid Regolamento (CE) n. 40/94 Art. 146 Identità degli effetti di una registrazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*) «Rinvio pregiudiziale Previdenza sociale Regolamento (CE) n. 883/2004 Articolo 3 Prestazioni familiari Direttiva 2011/98/UE Articolo 12 Diritto

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*) «Rinvio pregiudiziale Previdenza sociale Regolamento (CE) n. 883/2004 Articolo 3 Prestazioni familiari Direttiva 2011/98/UE Articolo 12 Diritto

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 21 giugno 2017 (*) «Rinvio pregiudiziale Previdenza sociale Regolamento (CE) n. 883/2004 Articolo 3 Prestazioni familiari Direttiva 2011/98/UE Articolo 12 Diritto

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. I, sentenza 15 maggio 2014, C-480/12

Corte di Giustizia UE, sez. I, sentenza 15 maggio 2014, C-480/12 Corte di Giustizia UE, sez. I, sentenza 15 maggio 2014, C-480/12 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 203 e 204 del regolamento (CEE) n. 2913/92 del

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 23 febbraio 2006 (*) «Libertà di stabilimento Normativa fiscale Imposte sugli utili delle società»

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 23 febbraio 2006 (*) «Libertà di stabilimento Normativa fiscale Imposte sugli utili delle società» SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 23 febbraio 2006 (*) «Libertà di stabilimento Normativa fiscale Imposte sugli utili delle società» Nel procedimento C-253/03, avente ad oggetto una domanda di pronuncia

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 27 gennaio 2005 *

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 27 gennaio 2005 * SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 27 gennaio 2005 * Nel procedimento C-125/04, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale, proposta alla Corte, ai sensi dell'art. 234 CE, dal Collège d'arbitrage

Dettagli

Corte di Giustizia CE, sez. II - 13 dicembre 2007, C-463/06 Pres Timmermans - Rel Toader - FBTO Schadeverzekeringen NV c.

Corte di Giustizia CE, sez. II - 13 dicembre 2007, C-463/06 Pres Timmermans - Rel Toader - FBTO Schadeverzekeringen NV c. GIURISPRUDENZA Corte di Giustizia CE, sez. II - 13 dicembre 2007, C-463/06 Pres Timmermans - Rel Toader - FBTO Schadeverzekeringen NV c. Jack Odenbreit Responsabilità Civile Incidente stradale transfrontaliero

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA. (Quinta Sezione) 21 giugno 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA. (Quinta Sezione) 21 giugno 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA (Quinta Sezione) 21 giugno 2012(*) «Ottava direttiva IVA Modalità per il rimborso dell IVA ai soggetti passivi non residenti all interno del paese Termine per

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 15 ottobre 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 15 ottobre 2014 (*) Page 1 of 6 SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 15 ottobre 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Politica sociale Direttiva 97/81/CE Accordo quadro sul lavoro a tempo parziale concluso dall UNICE, dal CEEP e

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE. 13 gennaio 2004 (1)

SENTENZA DELLA CORTE. 13 gennaio 2004 (1) SENTENZA DELLA CORTE 13 gennaio 2004 (1) «Carne di pollame - Restituzioni all'esportazione - Mancato rinvio pregiudiziale - Decisione amministrativa definitiva - Effetti di una sentenza pronunciata in

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE 13 gennaio 2004 *

SENTENZA DELLA CORTE 13 gennaio 2004 * SENTENZA 13. 1. 2004 CAUSA C-453/00 SENTENZA DELLA CORTE 13 gennaio 2004 * Nel procedimento C-453/00, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma dell'art. 234

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 3 febbraio 2000 *

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 3 febbraio 2000 * SENTENZA 3. 2. 2000 CAUSA C-12/98 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 3 febbraio 2000 * Nel procedimento C-12/98, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, a norma

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 settembre 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 settembre 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 settembre 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Sesta direttiva IVA Articolo 5, paragrafo 7, lettera a) Operazioni imponibili Nozione di cessione a titolo oneroso Prima

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 12 ottobre 2017

ORDINANZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 12 ottobre 2017 ORDINANZA DELLA CORTE (Decima Sezione) 12 ottobre 2017 «Rinvio pregiudiziale Fiscalità Sistema comune d imposta sul valore aggiunto (IVA) Direttiva 2006/112/CE Articolo 401 Nozione di imposta sul volume

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 6 febbraio 2014 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 6 febbraio 2014 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 6 febbraio 2014 (*) «Rinvio pregiudiziale Diritto delle imprese Direttiva 78/660/CEE Pubblicità dei conti annuali consolidati di taluni tipi di società Applicazione

Dettagli

Causa C-453/00. Kühne & Heitz NV contro Productschap voor Pluimvee en Eieren

Causa C-453/00. Kühne & Heitz NV contro Productschap voor Pluimvee en Eieren Causa C-453/00 Kühne & Heitz NV contro Productschap voor Pluimvee en Eieren (domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal College van Beroep voor het bedrijfsleven) «Carne di pollame Restituzioni all'esportazione

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 novembre 2016 «Rinvio pregiudiziale Procedimento pregiudiziale d urgenza Cooperazione di polizia e giudiziaria in materia

Dettagli

composta dal sig. M. Safjan, presidente di sezione, dal sig. E. Levits e dalla sig.ra M. Berger (relatore), giudici,

composta dal sig. M. Safjan, presidente di sezione, dal sig. E. Levits e dalla sig.ra M. Berger (relatore), giudici, SENTENZA DELLA CORTE (Quinta Sezione) 1 marzo 2012 (*) «Tutela dei consumatori Contratti negoziati fuori dei locali commerciali Direttiva 85/577/CEE Ambito di applicazione Esclusione Contratti di assicurazione

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 19 luglio 2012 «Trasporto Trasporto aereo Norme comuni per la gestione dei servizi aerei nell Unione Regolamento (CE) n. 1008/2008 Obbligo del venditore del viaggio

Dettagli

Corte di giustizia UE, Terza Sezione, 27 ottobre 2011, causa C-93/10

Corte di giustizia UE, Terza Sezione, 27 ottobre 2011, causa C-93/10 Corte di giustizia UE, Terza Sezione, 27 ottobre 2011, causa C-93/10 Nel procedimento C 93/10, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 267 TFUE,

Dettagli

Norme in materia di benessere degli animali vivi della specie bovina durante il trasporto ai fini della concessione di restituzioni all esportazione

Norme in materia di benessere degli animali vivi della specie bovina durante il trasporto ai fini della concessione di restituzioni all esportazione Norme in materia di benessere degli animali vivi della specie bovina durante il trasporto ai fini della concessione di restituzioni all esportazione Corte di giustizia UE, Sez. III 19 ottobre 2017, in

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Strumenti a sostegno degli agricoltori e dell ambiente e clausole contrattuali Sostegno alle zone rurali, alla sicurezza alimentare, alla salute animale e vegetale, al benessere degli animali, al mantenimento

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA UE

CORTE DI GIUSTIZIA UE CORTE DI GIUSTIZIA UE Sentenza 28-07-2011 nel procedimento C-106/10 Fiscalità Direttiva 2006/112/CE IVA base imponibile imposta dovuta per la fabbricazione, l assemblaggio, l ammissione o l importazione

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. IV, sentenza 15 febbraio 2017, C-592/15

Corte di Giustizia UE, sez. IV, sentenza 15 febbraio 2017, C-592/15 Corte di Giustizia UE, sez. IV, sentenza 15 febbraio 2017, C-592/15 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione dell articolo 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della

Dettagli