ODDIO, COM CH L E CAMBIE E MOND!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ODDIO, COM CH L E CAMBIE E MOND!"

Transcript

1 ODDIO, COM CH L E CAMBIE E MOND! Commedia brillante in tre atti, in vernacolo Romagnolo della terra del Rubicone di Maria Teresa Pazzaglia Iscrizione SIAE N Tel: Cell:

2 Personaggi e interpreti: mamma PACIFICO: marito di Lenina figlia figlio amico di Zita amico di Gaio dottore in agraria FIORELLA: fidanzata di Olivio La scena si svolge nel giardino, dove ci sono piante e fiori, che sono la passione di Lenina. Servono un tavolo da giardino e sedie. Sulla sinistra c è l entrata dall esterno,con un cancelletto; a destra l entrata di casa; sul retro si prolunga il giardino, oltre la porta, addobbata con numerose piante. 2

3 Atto Primo ( a piacere suona la musica Filmmusik di Charlie Chaplin ) ( Sono in scena Lenina e Pacifico, seduti vicino al tavolo. Lenina pianta dei fiori nei vasi, Pacifico legge il giornale. Lenina è vestita con camicetta e gonna a tubo, sopra una giacca allacciata con cintura; ha la camminata simile al passo dell oca militare, tono della voce imperioso. Pacifico ha occhialini rotondi uguali a quelli che portava il mahatma Gandhi; parla con tono della voce pacato e lento.) PACIFICO: ( leggendo) Vè, Vè, st an e sendic e fa al robi in grand. I deis a que che la fira la durerà quatar dmenghi, ch l avnirà una gran masa ad bancheti, sa tot al robi piò boni, tot al specialità dla Rumagna. Oh. Ui sarà enca al giostri e e circo, chi starà a què fina a dop Pasqua, enca e mois ad maz. Seel? Um tucrà invidé i parint par quatar dmenghi? Na eh! Una volta e basta. Te voia te, sinò, quei is magna tot e parsot ch avem tachè so in cantoina. PACIFICO: I parint dop tri dè i fa la poza, quindi ut tucarà invidei emenc tri dmenghi. Ci mat? Pu i vò avnei enca la querta, dop sé ch avressum e pess froid in chesa. PACIFICO: Aloura a i invidem soul a magnè la zambela sl aibena. Par quatar dmenghi? Quei is n un boi una damigiena intira d aibena, i s ataca a la goma e i bè cmè la pidria. Valà che me st an a faz e zug dl ova, tot ma chesa sua, achsè hò risolt e problema. PACIFICO: Fa pu te, che me a ne so. I è i tu parint, ta t arangeré te. A proposit ad parint, avem d andè de tu fradel un dè ad stelta smena. PACIFICO: Me a panseva d andè se treno, achsè un gnè e problema dl autostreda, a s arpunsem. Se treno? No, no, me a voi andè sla machina, l è piò comod, a partem quand ch us per, senza fè al coursi, as putem farmè quand a vlem 3

4 PACIFICO: Sé, parchè ho da guidé me, te ta la vu comoda soul par te. Sel che sarà mai pr una volta andè in treno. Aloura me an gni veng. PACIFICO: T vu sempra fè com ch ut pè ma te, Lenina, t vu sempra avoi rasoun te. E te ta t cem Pacifico ad nom e ad fat; ta la vu sempra ciapè comoda par te. PACIFICO: E te t vu cmandè com e tu ba, ch ut ha ciamè se nom ad Lenin. Lasa stè e mi por ba e ste nom ch am port dri da pu quand ch a so nasouda, che tot im to in zeir. PACIFICO: E tu ba e vleiva fè la rivoluzioun e invizi l è stè bon da fè soul una fiola e u l ha ciameda se nom de su eroe. E tu ba invizi u n aveiva voia da fè nient e l ha ciamè e fiol Pacifico, parchè e dvantes praceis ch a n é lou. PACIFICO: U n è vera e mi ba u m ha ciamè achsè parchè l era fineida la guera e finalmoint us puteiva stè in pesa. Bè, mo a sem pu spusè listess nuilt dou e a sem ancoura a que. PACIFICO: Parchè me ho sempra mantnou la pesa, mo a ne so meiga sla doura ancoura. ( entra il figlio Gaio, con in mano pennelli e una tela da colorare, cappello da pittore, calzoni alla zuava; mentre parla chiude e apre di continuo gli occhi e intercala i discorsi con un no ; si dirige verso l uscita.) Du vet Gaio sa chi culour? L è una bela zurneda, na; A voi andè me fiom a culuré i elbar e l acqua,na. Proima te da met a post la tu cambra, che t é una mundezza ch u ne sa nisoun, ch la per e purzeil de bagoin. Mo se a l ho puleida la smena ch lè pas, na! 4

5 Ut pè poch? Te pu, t fé antrè e gat, e t al fe andè se let; no, no, artourna indri e va a dè l aspraporbia dimpartot e ben. Incu an n ho voia, ma, a voi andè a fè un quedar, na! T cumbiness qualcosa, ta n è la cambra pina, un gnè piò e post da meti, t an ci bon ad vend un quedar gnenca se l avnes zo Michelangelo da la Capela Sipina par det una mena. Sisitina,ma! Ha t l ho det una gran masa ad volti. Ui vo e su temp,na, mo a dvantarò famous. Eh! Um sa che t insogni al giandi e t fines in nient com e valzer ad Biloz; e ades fa quel ch a t ho det. PACIFICO: Da reta ma la tu ma, sinò t al se ch la s arabia e la s la ciapa enca sa me. A so grand,na! A i ho ancoura da fè sempra quel che lia la cmanda, na? Finchè t magn ma chesa mia, o t magn sta minestra o selt da la finestra. Marsch! ( Gaio rientra in casa mogio) S an faz achsè, te voia te i fiul, in dà meiga reta. PACIFICO: Te t an vu ch a te dega, mo ci esagereda. T an vre meiga arcminzè sa sta storia, avem za scours; l è queng an ch ai andasem dri, ormai e basta. PACIFICO: Te sempra rasoun te, tanimodi l è inotil scor sa te. Ades e basta via, me a vag a met a post sti fiour, pu ho da svasè dal pienti ch l a da vnei e dutour a vdoili e te va in chesa a stiré i pan. PACIFICO: Sempra me ho da stiré i pan? Ta ne pu fè te, emenc d ogni tent? A t ho det ch l a da vnei e dutoir, ch a i ho dal pienti ch a gli ha ciap la malati, me ho da lavurè in te zardoin. PACIFICO: Ho capei, s al doni bsogna tola persa, sinò l an s impata mai. 5

6 E pu la m ha det la mi ameiga, la presidenta, ch l è un bel ragaz, zovan, aloura al voi fè cnos ma la Zita. PACIFICO: Sel, ades t vu enca truvè i murous mi fiul? I n è bon da par sé? I sarà bon sé, mo se ai dasem una mena l è mei e pu ch in vaga pr una streda cateiva, ch in cnosa un zinzloun, un ibi. PACIFICO: Sel ch l è un ibi? Quei ch in n ha voia da fè nient, chi è tot sporch. PACIFICO: T vu dei un caploun, quei si cavel long. Propri quei. PACIFICO: Ho capei! Un hippi. Parchè sel ch ho det me, ci te che t an capes mai; ciou l è fadeiga scor sa te. PACIFICO: E chi saria ste dutour ch la da vnei? U me manda la nostra presidenta de grop Noi dal pollice verde : la i ha det ch l è un gran brev burdel, ui è mort tot dou i genitour e l è da par sè. PACIFICO: Aloura te te fat avnei la malatì m una pienta, par invidel ma chesa. Sa git mai! Ut pè ch a faza una roba achsè? PACIFICO: Sa vut che sipa quest, ci bona da fen ben ad pez te. Oh, incu t an vre meiga fem scapè di gangri; dai via, smetla, va a stirè chi pan. ( Pacifico esce verso la casa, Lenina verso il fondo, dove c è il giardino; poco dopo, dalla porta di casa, entra Zita, indossa un paio di panta, con una corta gonnellina sopra, fa alcuni passi ritmici e acrobatici, poi prende un vaso di margherite, basso e largo e se lo mette in testa, fa alcuni passi cantando e una spaccata a terra. In quel momento entra Olivio. Olivio ha in mano una lente di ingrandimento, porta occhiali a grosse lenti, ha una 6

7 giacca con le maniche troppo lunghe, i bottoni sono allacciati storti e uno manca.) Permesso? Un gnè nisoun? Sgnoura Lenina! ( subito nota il vaso di fiori in testa a Zita, ma non la ragazza e con stupore ) Oh! Che maraveia ad Leucanthemum vulgare! ( si avvicina con in mano la lente per ammirare da vicino i fiori, ma inciampa malamente nelle gambe di Zita, cadendo su una sua gamba e col viso difronte a quello di Zita. ) Bè mo, che staga atenti, sel l è zig? La m ha da scusè sgnuroina, an l aveiva vesta, a guardeva al margheriti. Mu me um pè da l es piò granda dal margheriti. L è che me quand a veg i fiour quasi a perd la testa, an veg gnent eltar. Gnenca al doni? Al ragazi zovni? Ehm, ehm An so tent pratic s al doni. Us void, mo un sareb oura ch l impares? Sa vola, me a so temid, an m areisgh. Va ben, però ades e staga so da la mi gamba, che lou e poisa, e e vaga piò da long da la mi faza. ( maldestramente si alza ) Me avria un apuntamoint sla sgnoura Lenina, la i è lia? No, l è la mi ma. ( in quel momento entra Lenina, che li guarda con aria compiaciuta, pensando già ad un loro possibile matrimonio.) U m è pers d avoi santì ciamè, l è lou e dutoru? Oh, a veg ch a v si za incuntré! Bene, a i ho propri chera! Gema ch as sem scountar, ch la i è piò giosta. 7

8 Zita t an avrè meiga za ragnè? ( rivolta a Olivio) Lou l è e dutour? Con piacere, Olivio. Un dutour ch un cnos al doni? U n è pusebil. Zita drova l educazioun, e sgnour l è un dutour in agreria, l è vnou parchè a i ho dal pienti maledi. Ades a capes parchè u n è pratic ad doni, e masum e po scapuzè in t un zoc ad tera areda. Ai dmand ancoura scousa sgnuroina, an vleiva manchei ad rispet. Bsogna che sia la mi fiola a dmandei scousa, dal volti la pè un bisinin scorbotica, mo la i è una breva burdela, una ragaza propri da mareid. Me a n ho ancoura nisona intenzioun da fem la spousa. Parchè t an ci inamureda, ta n è ancoura truvè l oman giost par te; mo basta avoi fiducia, che la provvidenza la i areiva propri quando oun un la zeirca. Vera dutour? Lou l è spusè? Me na me, a n ho gnenca la murousa. L avdirà che la provvidenza la i areiva enca par lou. Intent e venga ch a l acumpagn avdoi ch al pienti maledi. Zita vin enca te a fè cumpagni me dutour. Ho da fè i mi eserceizi, a n ho temp. Una volta o ch elta sa sta mania dagli arobazi, ta t truvarè soura e rem d una pienta e t an sarè piò bona da smuntè zo. E parchè soura una pienta? Parchè par fè l arobata la s ataca mi rem di elbar, com al scemmi. L è una nova moda? Na, a la savimi fè quand a simi ancoura dal scemmi, la i è vecia, una masa. E ma lia ui pis? La vo arturnè indri com l australopiteco? 8

9 Mo no, l è la mi ma ch la n é bona ad scor. Me a voi fè la scola d acrobata, com quei de circo. Com i zengan; me a sper soul che te trova oun cu t faza met la testa a post, e ut manda via stal fantasi. Aloura ai faz i mi auguri sgnuroina. E venga dutour ch ai faz avdoi ch al pienti. ( Lenina e Olivio escono verso il giardino; Zita si alza dalla sua posizione e mette a posto il vaso di margherite, sempre volteggiando e facendo esercizi ginnici. Poco dopo entra Fiorella. Ha un vestito a fiori a gonna larga; gesticola molto con le mani, cammina sulle punte dei piedi, ogni tanto fa dei sospiri.) FIORELLA: Permesso. Ci te Zita, ui è la tu ma? La i è in te zardoin s un dutour dal pienti. FIORELLA: L è za arivat? I è andè propri ades; parchè enca te te al pienti sla malati? FIORELLA: Me na, ma quand a simi a la riunioun dla nosta associazioun, ho santei che la presidenta la mandeva ma la tu ma un zovan dutour aloura al voi cnos. ( sospiro) Ta n é e murous te? T an vu cnos di nuv? FIORELLA: Sta zeta, valà; e mi murous u m ha las pr ona una masa piò zovna ch a ne me. L era si an ch a fasimi l amour. ( sospiro) Ho vu un guai ch u ne sa nisoun! ( sospiro) Um dispis, a ne saveiva: La i è steda una roba impruveisa? FIORELLA: U la i ha cnusouda su Fassbuk, se computer; ( sospiro) a l ho vesta tal se? Ta la i e cnusouda ad persouna o ta l è vesta in te computer? FIORELLA: Un ameiga la m la fata avdoi se computer, pensa che stal burdleti ai met la fotografi. ( sospiro) Quela la i aveiva una maia ch la riveva sota al teti, 9

10 tota la penza nouda e i jiens tent bas che quasi i cascheva zo. Par forza pu sti oman i perd la testa.( sospirone) Però se lou u n andaseiva a zarchela vera? Al savem che se computer u s atrova gnaquel; oun ch un vo un va a zarchè agli ucasioun. FIORELLA: Te rasoun enca te, mo me però ai so arvenza una masa mel. ( sospiro) E aloura ades ta t dé da fè pr incuntrern un eltar? FIORELLA: E za, ( sospiro) i deis pu chiodo schiaccia chiodo. ( sospiro) Te però ci sempra coursa dri ma di oman chi era di gran galet s al doni, stai un bisinin atenta ades. FIORELLA: E basta, a n ho vù sa, d ades in aventi soul oman seri, seressmi. Soul ch u n è meiga fezil truvei, a te deg me. ( sospiro) Vut ch a ne sepa, enca me a so ancoura zitela, un gnè un oman fat pre ben in te zeir ad zent kilometri. FIORELLA: Te rasoun, ( sospiro) tè te un fradel, mo enca lou u n è bon par noeltri doni, l è tota roba struscieda.( sospiro) L è ch ui n è una masa cme lou, tal se? FIORELLA: La tu ma l al sa ch l è un urcioun? Sta zeta, valà, se l al scrov chisà quel che suzed in sta chesa, i ven zo i mour. FIORELLA: Proima o pu ui l avrà da dei, l avrà da fè e coming aut ma la tu ma e me tu ba, ( sospiro) tanimodi l è mei ch il sapia de fiol, piotos che da elta zenta. ( sopsiro) E sarà mei piò terd ch us po e me in che mumoint a preferes a non esi. FIORELLA: Me comunque ho deceis da zachè un oman fat pre ben, ch l è oura ch am faza una fameia. (sospiro) Aloura fursi incu l è la volta bona; ad dla sla mi ma ui è che dutour ch l è imbranè com un barbazvan. Se una dona l ares a fel inamurè, sgonda me, an num sbai propri, quel l è un oman da chesa. 10

11 FIORELLA: Da bon? E l è bel? ( sospiro) Ciou, un s po meiga avoi tot in tla veita, bsogna enca cuntantes. FIORELLA: Ormai a cmeinz avoi i mi an, s an mun dag da fè a pas ad dla. ( sospiro) Bè ades al vag a cnos, pu avdirem. ( sospiro) ( esce verso il giardino, Zita rientra in casa, poco dopo esce da casa Gaio, si guarda attorno, vede che non c è nessuno e si dirige verso il cancelletto d entrata ) Oscar vin, na, la mi ma l an gnè, na. ( entra Oscar, quasi con fare furtivo. Ha modi effeminati e si mette continuamente a posto i capelli con la mano) A ciap so i culour, a proposit,na, quand i areiva chi nov da l Olanda? Sgonda me ui vrà emenc una quingiona ad dè; apena i areiva a ti port. Bene, a tog so la roba e andema sobit, na, che se l ariva la mi ma la trova dagli eltri stori par fem stè ma chesa, na. Tal se che me ormai am so stof sla tu ma? U n è oura ch ai scurema, ca mitema al robi in cer e a la fasem fineida? Ormai l è oura che tai faza e coming aut, insoma che ta ie dega. Ci mat? Na. Te t an la cnos, la ma maza ma me, la ta maza ma te e pu la sa maza lia, na. Sgonda me ci esagerè; l al putreb dei, mo la ne fa. Toti al ma al fa sempra dal gran tragedi, ma pu al s adata e al sta zeti. Eh, t fe prest te a scor, la mi ma la n è meiga praceisa a la tu, na. La tu la i è piò muderna e piò democratica, mo la mi la i è un generel, na! Enca i generel dal volti i perd la guera e i ha da stè zet e bon. La mi ma l an n ha mai persa ona, na: in chesa la cmanda lia e e mi ba l ha da stè zet e fè quel ch la vo lia, se e vò stè in pesa, na. E ven e mumoint par tot, proima o pu e mumoint dla roisa l areiva, enca e duce u s è cnu arend e enca Napoleone. 11

12 Lai fa un bafi, na, la mi ma ma Napoleone, uh! La n è una gran apasiuneda ad fiour? Sé, na, mo quest sel ch l ointra? E vo dei che sota, sota la i ha un cor, ch la i è una dona sansebila. Mo na, la i è difidenta e cateiva cmè la gramegna. E putria l es che quela la sia l aparenza, par coipa ad un trauma o par l educazioun ch la i ha avou da znina. Da quand t fe e pissicologo te? Na? Da quand a lez i leibar de dutour Esauriti. Se chi leibar i è esauriti, cum fet a lezli, na? Mo no, quel l è e nom de dutour. Us void che l ha fat furtouna sla su malati, na! E pu comunque lasa perd che tanimodi la mi ma la sta benessum, na e la ven da una fameia nurmela, na. Aloura se la n ha problemi a i e gem sobit, enzi a i e deg me, achsè a taiem la testa me tòr e un sn un scor piò. Sta zet, a m aracmand, no fa e sioc, na. Sta tranquel ch a i e girò me, a truvarò e modi, na. T am pè chi oman spusé chi ha l ameiga e i la to in zeir gendi chi scor sla moi, mo in verità i ne fa mai e i ne vo fè. Ciou, enca sla ma ui vo pazinzia, na, bsogna truvè e mumoint giost, na. T an s è pissicologo te? T an li capes s tal robi, na? Um pis enca fè e pissicologo, mo quand l è trop, l è trop, ades e basta. T am pè ch al dunini ch al fa i caprez, dai smetla so, na. A te prumet, ai scor prest, proima ad fei e coming aut a la i ho da preparè ben,na, parchè un gni venga un colp ch l arvenza seca, na. Prumetmi che t al fe prest, sinò ai scor me, a te zour. 12

13 ( Si sentono dall esterno le voci di Lenina e Fiorella) Quel l è un fiour ch um pis una gran masa. FIORELLA: Me ai n ho do pienti. L areiva, dai va via,na, no fat avdoi. Me a trov e modi da scapè, a veng sobit, na. ( sospinge fuori dal cancello Oscar) Fa prest eh! Sinò am stof dabon. Sè, sè; na, aspeta in te solit post, na. ( Oscar esce dal cancelletto, Gaio esce verso la casa. Entrano dal giardino Lenina, Olivio e Fiorella) Ai faz avnei da Amsterdam la Convallaria majalis ad culour rosa; l è una varietà nova, un incrous ch un l ha ancoura nisoun. E l è un incrous bon, o ad quei ch in fa la smointa? La i è sterile, ancoura i n ha trov e modi da fè un incrous che sipa fertile. La va ben listess, se mi pollice verde a so sicoura ch l am durerà una masa ad an. E pu ai faz avnei enca e Cuminum e e su licori e Kummel. L è tota roba ch la sa trova soul in Germania e in Olanda. L è una pienta bona da fè al tiseni pre stong, rilasenta, countra agli infiamazioun. I la drova pr una gran masa ad robi, enca pr al doni ch a gli ha da fè e lat. Me a la drov pre fardour de fen, ch a so alergic da pu quand ca sera znin. A la ringrezi, lou l è propri d una gentilezza ch l an sa trova piò e dè d incu. ( entra Gaio, dalla porta di casa, con in mano la tavolozza dei colori e la tela e si dirige verso l uscita; la madre lo blocca) Oh Gaio, vin ch at voi fè cnos la Fiorella. ( li presenta) FIORELLA: Piacere. 13

14 Piacere, Gaio. ( rivolto alla madre) Ma, ho presia, na, ch ho dal riobi da fè, bsogna ch a vaga, na. Un s un scor, avem la zenta, no fa e malduchè e sta a què in cumpagni. La Fiorella l è una ragaza bela e breva, ta la i e da cnos ben. FIORELLA: Un gnè problema, s l ha d andè e vaga pu, an voi dè dan. ( sospiro) Dan ma Gaio? T vu scarzè? Ma lou ui fa soul piasoir cnos dal doni novi, dato che a que in ste paiois un gni n é una masa, vera Gaio? Sé ma, na. ( mogio) E pu al ragazi e dè d incu agli è toti pini ad pretoisi, al n é mai cuntenti, agli è pochi seri, invizi te Fiorella ci propri una dona fata pre ben. Um dispis ma, mo incu ai ho propri d andè via, e sarà pr un eltra volta ch a farò amiceiza sla sgnuroina Fiorella, na. Av salout ma tot. ( esce verso il cancelletto) A l avì da scusè, l è un bon ragaz, us void ch incu l aveiva presia dabon, l avrà avou dal robi impurtenti da fè. Una dona com la Fiorella l è quela chi vo tot i oman. ( Fiorella lo guarda con occhi dolci, sospira, gli si avvicina e gli mette a posto i bottoni della giacca ) FIORELLA: U m ha da scusé s am so ciapa la libertà. Enzi a la ringrezi, da par me a m imbroi. FIORELLA: Ui a menca un butoun. ( sospiro) U sé scusei, a l ho ma chesa. FIORELLA: Se e vo ai e cus me, ( sospiro) su me dà al faz in zoinq minout. Grazie, a vag a chesa e a i e dag sobit. ( a parte) Duvò ch la sarà andeda la mi fiola. ( a Olivio) Aloura dutour um fa avoi prest la Com- valla maiale. U m ha da scusé sa ne deg ben e nom, mo me a n ho studié e latoin. 14

15 Lè listess, as sem capei, un gnè problema. A faz sobit l ordinazioun e in do smeni ed masumui areiva a que ma chesa. E quand l areiva l am telefona, achsè a veng enca me avdoila. FIORELLA: ( sospiro) Enca me a so curiousa d avdoi sta raza nova, chisà cum ch la i è bela. ( sospiro) A ve faro savoi sobit apena i la porta. Av salout. ( li accompagna al cancello ) ( Fiorella e Olivio escono) Sempra achsè, i mi fiul e pè ch il faza a posta. ( entra Pacifico) PACIFICO: Ho finei da stiré tot chi pan, ades pr incu e basta eh! Sperema che t an apia dagli eltri robi da fem fè, ch a so strach. ( si siede e riprende a leggere il giornale. Lenina si mette dei guanti da lavoro, prende un vaso e inizia a travasarlo, con l aiuto di una paletta) Sta zet, che tanimodi quand ui è bsogn t an gni si mai. PACIFICO: Parchè sel ch l è suzest? Un gni né ona ch la vaga dreta. PACIFICO: Sel ch ui è ancoura? Ho fat avnei e dutour e la Zita l han gni ha gneca guers; ho fat avnei la Fiorella par presentela ma Gaio e lou u s né andè via, gend ch l aveiva dal robi da fè. U n è pusebil, me am dag da fè e i fiul i ciapa via. PACIFICO: Parchè sel ch i avria da fè? I aveiva da cnos cal persouni, un sa mai ch in s ciapess pr un matrimoni. PACIFICO: Ades ta t ci mesa in testa da cumbiné i matrimoni di fiu? T vu fè l amstir de sansel? Ta ne se ch l è un amstir ch un esest piò? Ci arvenza indri. Sel che t vu dei? I avrà pu da truvè dal persouni fati pre ben? 15

16 PACIFICO: E tai li vu truvé te? Us capes, bè enca me a voi fè e ben di mi fiul. PACIFICO: E par fei de ben t vu met so l agenzia matrimoniela Matrimoni combinati per suoceri appagati. Un gnè bsogn che t am toga in zeir; me a voi dèi mena mi fiul, parchè in chesca in dal persouni ch aln va ben. PACIFICO: Agli ha da andè ben par te o par luilt? L è logic che s al va ben par me al va ben enca pri fiul. PACIFICO: U n è meiga logic par nient. Te t am dé sempra contra, com e bagoin ma la chesa; ta tla vu smet? PACIFICO: Me a voi soul fet rasunè. T an t arcord piò quanq ch a sirti zovna te? Ta t ci fidanzeta sa me parchè cirti inamureda te o la tu ma? Che scours t fe! L è logic ch a sera inamureda me. PACIFICO: E aloura lasa che i nost fiul i si trova da par sé i murous. A mo, i ni ha ancoura trov, t an void chi n è bon da par sé? PACIFICO: Te lasi fè, ch impararà, com avem imparè nuilt. T an pansarè meiga che i nost fiul i sia di bumboz? A n ho meiga det quest. PACIFICO: Aloura lasa chi faza la su veita e smetala ad pansè che e mond l apia d andè sempra com t vu te. Me a rasoun ben e a voi al robi fati pre ben. PACIFICO: E t vu al nori e i zendar cum ch i t pis ma te. Fala poca longa, ades e basta. Vin a chesa a dem una mena a preparè da magnè. Te tolt la roba da la lavapiat? PACIFICO: Parchè aveiva da fè enca quel? Us capes, mè a la I ho rampeida, te ta la svuit. Dan vin. 16

17 PACIFICO: Mi su cmandi sgnoura generela. No to meiga in zeir, t avrè pu da dè una mena enca te ma chesa, t an ste a que? ( Escono verso la cucina; poco dopo entra Zita, ha in mano un cerchio da Hula-Hop, col quale fa esercizi ginnici; subito dopo entra dal cancello Taev, vestito da clown. Ha in mano dei fogli; parla un linguaggio misto italiano-dialetto.) Si può? Parmess? E venga aventi; chi el? Ai pos lasè i bigliet e la pubblicità de circo? De circo? ( entusiasta) e venga pu aventi e faza avdoi. A sem a que par du- tri meis sgnuroina, la venga avdoi i nost spettaquali. Che chera ch a i ho! Sé ch um pis! Una gran masa! Aloura ci faccio il tornaconto. A m imazin che lou un sia rumagnol, vera? Noi italiani, ormai da una massa di anni, noi ziriamo tutta Italia, ma soprattutto la Rumagna, io scorro un bisinin e dialet. E lou e fa e clowun? Me a fazzo tutto inquello, e clowun, mo enca l equelibresta e agli acrobrazi. Dabon?? La mi passioun!! Sè ch um piasreb enca mu me fè l acrobata! Basta andè alla scola e imparè. E deis da bon? U i è la scola? Me sa putes avnirei enca in te circo. Bè mo, la venghi, lassi venga a truvè, ch ai fazzo avdoire e pu ai spieg tutto inquello. Sé, sé, avnirò tot i dè, se a pos. 17

18 Una bela ragaza come lia, l am fa soul piasoiro averla d atondo. E um dega: avì enca i animeli, i lioun, al tigri? No, nuialtri a siamo solo animeli sa due gambi, mo gnanca i polli e i pizouni, solo omani. E parchè? Parchè i animeli li avviamo messi tutti i te zoo- safari; i n ha da stare piò ciusi in talle gabbie, i ha da stare lebari: E dè d incu us fa e circo senza animeli. E la zenta la ven listess? Eccome, is diverta una gran massa: avviamo i trapezesti, i cloun, i zuguliri, i quelibrista. I basta i omini par fè divartei, sono a sa, molto più comici di animeli. Um sa ch l apia propri rasoun, sa tota la zenta mata ch la i è in te mond, un gnè bsogn di animeli par fè reid. ( Taev si avvia all uscita) Aloura a l aspetto presto, la venga ch a insegnerò una massa di robbe. A s avdem prest; ciao. ( Taev esce, Zita volteggia allegra; entra Lenina) Um pè d avoi santì scor, ui era dla zenta? L è avnou oun de circo a purté la pubblicità. Chi zengan? Ta l è mandè via? Quei de circo i n è zengan, i è clowun. I sta in tal rulette, i è sempra in zeir pre mond, i è di zengan. I fa i clowun, i trapezista, i fa un lavour che fa reid e stè ben la zenta. Eh, i sta se trapezio, e sota ui è i lioun chi aspeta chi chesca par magnesi in t un bucoun. 18

19 Na, parchè i animeli in gnè piò. Uh! Che circo ch l è s in gnè i lioun e al tigri? Di oman e dal doni, chi è piò comic di animeli. Ad zengan chi va enca in zeir a rubé. No questa la i è zenta ch la lavoura e i va enca a la scola. Di vagabond e ma te ch un t vegna l idea d andei avdoi. Ades un s pò andè gnenca piò avdoi e circo? La zenta la i è sempra andeda. Una volta quand un gnera la televisioun; ades us stà ma chesa avdoi la televisioun, e masum. Ades t an vrè meiga ch an vaga avdoi e circo? T am vu pruibei enca quest? Sa toti agli idei che t é te, un sa mai, ci za mata da par tè, ui a mancheva enca quest par fat mandè ad travers e zarvel. Ades e basta, me am so stofa, a voi fè quel ch um per; a so granda, a so maggiorenne, an n un pos piò. Verda da no arspond mel ma la tu ma, ta me da purtè rispet. Ma tot u i è un lemit; e rispet l è una roba, mo vlè cmandè sa tot al robi, sa tot al decisoun, soura la veita ad chiltar pu na. T an t vargogn d arspond achsè ma la tu ma? Ci dventa mata? U t ha dè d arvolta e zarvel? Sé, parchè sgonda te chiltar i ha da fè quel che t vu te e soul al tu idei agli è giosti. Te da capei ch an so piò una burdela znina, a so granda e a voi fè quel ch um per. Vargogna, va in tla tu cambra, svargugneda! Va in casteig e non scapa fura finchè an te deg me! ( Zita si avvia verso il cancello ) 19

20 A vag via, sé, a vag via, mo via da chesa, no in tla mi cambra! An t voi piò avdoi. ( esce dal cancello) Pacifico, du sit? Quand ho bsogn t an si mai! Boia te! ( entra Pacifico dalla casa) PACIFICO: S el te fat? S el ch u i è da rog? La tu fiola la s arvolta e la m arspond mel. Ades la i è scapa. PACIFICO: Ciou, ci sempra incarugneida, t ai de sempra countra. La i avrà pu da imparè com ch us fa in tla veita. PACIFICO: Lasla in pesa un bisinin. Ecco, ci te che t am de sempra countra. PACIFICO: E daila sa sta storia, al so che a so com e bagoin, un gnè bsogn che ta me dega dis volti e dè. No, t an ci com e bagoin, ci un sarpent sla lengua bi, bi dopia, insoma, ch la taia e la cus. PACIFICO: E te ci un rotballer chi chen cateiv chi da ad mors ma tot. Pacifico, parchè t fe achsè? U n è colpa mia se la tu fiola la i è una meza Ipi, l ha n ha meiga ciapè da me. PACIFICO: Da la mi fameia no ad sicour; invizi avreb savoi mei dal robi dla tu fameia, che ancoura al n è meiga ceri. La mi fameia la i è a post, uns po propri dì nient. PACIFICO: A ne so, a starem d avdoi; ui n è una masa chi ha i scheletri nell armeri, a ne so meiga ch ha ni apia enca te. S el ch ho me in t armeri? S a dag la porbia tot i dè. ( escono verso la casa) 20

21 Si chiude il sipario ( a piacere suona la musica Limelight music Theme di Charlie Chaplin ) FINE DEL PRIMO ATTO 21

22 SECONDO ATTO ( A piacere suona la musica La danza dei panini di Charlie Chaplin ) (La scena è vuota; entrano dal cancelletto Lenina e Pacifico ) Basta, a so straca, an n un pos piò. PACIFICO: Me a tl aveiva det d andè se treno. L è che te t an fé mai cuntrulè ben la machina de mecanic, sinò l an s rumpeiva ma la streda. PACIFICO: L è robi ch al capita; la macchina ormai la i è vecia, la s po romp, come te. Sel che vo dei quest? PACIFICO: Che la roba vecia la n è piò bona da fè nient. Me a so ancoura intira, la machina invizi parchè t an la compar nova? PACIFICO: Te ci tota macheda puroina; sé, sé, macchina nova e moi zovna. Pruvti che t am sint. PACIFICO: Sel t fe, santema. A t arvoin, at las senza un sold; valà che dop t an la pu meiga mantnei ona zovna sa tot al pretoisi ch a gli ha. PACIFICO: A n ho meiga pavoura, te e tu lavour, t guadagn piò ca ne me, ta n é d avoi nient. Valà che m al doni i giodic i dà sempra rasoun, a sem privilegiedi noeltri. PACIFICO: Quest l è vera, ades al rasoun i li ha toti mal doni, al cmanda luelti e i oman i è ardot senza chesa e senza i suld da magnè. Bsogna ch i oman in spousa piò, sinò i è arvinè. 22

23 Bè una volta l era achsè pr al doni, ades e mond u s è arvolt: un po pr oun, un fa mel ma nisoun. PACIFICO: Sa fos nasou quand i cmandeva i oman, sé, mo ades e fa mel, eccome! Dai basta, pr incu la visita de tu fradel la i è salteda, ades va avdoi du chi è i fiul, e po l es chi sia ancoura in te let. PACIFICO: Eh, quand un gnè la gata i sorg i bala. ( Pacifico esce verso la porta di casa; Lenina sta per seguirlo, quando entra dal cancello Oscar con in mano una scatola di medie dimensioni ) Permesso; me a zarcheiva lia la i è la sgnoura Lenina, l ha port e pac? Sé, l è par L è par me a l aspiteva, u me daga pu. ( glie lo prende dalle mani) Vramoint sgnoura e ven da l Olanda, l al tenga ben, la staga atenta, soura ui è scret maneggiare con cura, non rivoltare. Al so, e vo che me al faza caschè ma tera? A ne romp meiga, a stag atenta, a so pradga me. Sgnoura, za ch as sem incuntrè, a putreb scor sa lia? Um piasreb fè do ciacri de coming. Oh! Ui pis? L è passiunè? A i ho fat una passioun! Che la mi testa d una volta o ch elta l am sciopa. Achsè tent? E staga atenti, parchè us fa prest a perd la testa. Me a la i ho za persa, sgnoura e enca una masa. E faza la tisana, che la fa digerei e la i è enca rilassenta. E vaga pien invizi se licori, e Kummol Ch l ha enca l alcol. Un gnè tisana ch la posa fè, soul e comining. 23

24 L è propri ad quel ca scor, una bela tisena ad comino. Ah, se lia la la cema achsè, e va ben. Aloura la i è d acord. Com no, lou e drova e comin e l avdirà com ch e starà ben. A stag za mei; am cardeiva che fos piò fadeiga scor sa lia. A santei Gaio e pè ch un sipa pusebil. Sa vol che sapia Gaio, lou ad stal robi un s intend meiga. La i ha rasoun e la i è propri una ma muderna e cumprenseiva. Soul par quest? Un gni vo una masa, l è robi nurmeli! E l am dega, lia la n è ad queli ch al s fa di problemi su n è pusebil la riproduzioun? No! Ho scours se dutour, u m ha det che la i è sterila. Sgonda, parchè quei chi fa e comin, se i è masci i è sterili, mo se i è femni, i pò fè la fecondazioun artificiela. Dabon? Quest e dutour un m l ha meiga det. Me avrò un masci o una femna? Un masci, sgnoura, un masci. E sarà listess, tanimodi un fa una gran difarenza. Un po sé, parchè al femni al po avoi un fiol, i masci invizi i po fè soul l adozioun e quand in Italia e sarà parmes. Parchè in Italia un s po? Ancoura na. Sperema chi faza la leza enca a que. Me a saria una masa cuntent. ( entra Gaio, con meraviglia vede la madre e Oscar) Bè,na, te ma t an cirti andeda a truvè e zei, na? 24

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

2A CB_10classeB. SCUOLA primaria S. AGOSTINO INSEGNANTE CB CLASSE II A DATA MAGGIO 2011

2A CB_10classeB. SCUOLA primaria S. AGOSTINO INSEGNANTE CB CLASSE II A DATA MAGGIO 2011 2A CB_10classeB SCUOLA primaria S. AGOSTINO INSEGNANTE CB CLASSE II A DATA MAGGIO 2011 CB01_10classeB CB01: C è un bambino che è entrato e dopo c è ci sono c è un altro bambino e dopo le bambi- una bambi-

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

DIMMI COME TI VESTI. Vestiti e accessori. Dizionario per immagini

DIMMI COME TI VESTI. Vestiti e accessori. Dizionario per immagini LIVELLO A1 LIVELLO A1 5 lezioni - Lettore CD - Un dado e delle pedine - Lavagna luminosa DIMMI COME TI VESTI La moda è in ogni paese non solo modo di vestire, ma in Italia lo è in modo particolare. Infatti

Dettagli

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale

Ratto al ballo. AESS Archivio di Etnografia e Storia Sociale Ratto al ballo Esecuzione di Eva Tagliani Colleri (PV), 1984 registrazione di Aurelio Citelli e Giuliano Grasso Maggio 2005 Temi/Aspetti 3 Personaggi 5 Luoghi 7 Storia 9 Trascrizione fonetica 11 Esercizi

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino

Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino Solista Coro Ú 111 c c Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti (Introd Pianoforte Fa Do Sol Do ) Do Fa Ó Œ j Œ A Ac-qua, sa - po - ne, den - ti

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO

PROGETTO CONTINUITÀ. Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani. L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO PROGETTO CONTINUITÀ Scuola dell'infanzia Cibeno Pile Scuola Primaria don Lorenzo Milani L'ALFABETO delle fiabe si fa GIOCO I primi giorni di aprile, tornati dalle vacanze di Pasqua, il postino ci porta

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?...

Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Dialoghi. 1. Margherita: Ma...chi sei? dove siamo? da dove veniamo? cosa facciamo? perchè c è la vita? resteremo qui per sempre?... Francesco: Eh Oh... pian pian pian quante domande mariassignòre... Comisiemo

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE - sipario chiuso - ENTRA ALICE VOCE FUORI CAMPO: ALICE ALICE DOVE TI SEI NASCOSTA? DOBBIAMO FINIRE LA LEZIONE DI STORIA! ALICE: Ma come si fa ad interessarsi a un libro

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

5. Le faremo sapere. Quand il me prend dans ses bras, il me parle tout bas je vois la vie en rose!

5. Le faremo sapere. Quand il me prend dans ses bras, il me parle tout bas je vois la vie en rose! 5. Le faremo sapere Caro diario, ti presento Assunta Buonavolontà, neolaureata ufficialmente entrata nel mercato del lavoro! Oggi è un giorno importante: ho il mio primo vero colloquio ufficiale. O quasi

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

I bambini della Maestraleila oggi sono a Scuola3D. Purtroppo ho perduto i primi minuti della chat a causa di un errore solito del mio pc..

I bambini della Maestraleila oggi sono a Scuola3D. Purtroppo ho perduto i primi minuti della chat a causa di un errore solito del mio pc.. I bambini della Maestraleila oggi sono a Scuola3D. Purtroppo ho perduto i primi minuti della chat a causa di un errore solito del mio pc.. ******************************************************** * Sessione

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI Progettazione editoriale:

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

- 1 reference coded [3,04% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,04% Coverage] - 1 reference coded [3,04% Coverage] Reference 1-3,04% Coverage ok, quindi qua, secondo te, è solo il vestito che identifica beh l amicizia e il modo di vestire. Voi,

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Capitolo 1. A casa. 1. Vero o falso? 2. Completa le frasi e scrivile sulle righe, come nell esempio. V! F! 13 anni.

Capitolo 1. A casa. 1. Vero o falso? 2. Completa le frasi e scrivile sulle righe, come nell esempio. V! F! 13 anni. Capitolo. A casa. Vero o falso?. Federico ha 2 anni. 2. Federico fa i compiti. 3. Prometeus è un eroe. 4. Federico ha tanti amici. 5. Filippo è in montagna. 6. Prometeus nuota nel mare. 7. Prometeus non

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. ACACIE MAGIA MAGIE VALIGIA. VALIGIE ROCCIA ROCCE (senza la i) MANCIA MANCE PIOGGIA PIOGGE SPIAGGIA SPIAGGE

PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. ACACIE MAGIA MAGIE VALIGIA. VALIGIE ROCCIA ROCCE (senza la i) MANCIA MANCE PIOGGIA PIOGGE SPIAGGIA SPIAGGE PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. Le parole che terminano in cia e gia si comportano in maniera speciale quando diventano plurali. Eccoti degli esempi. SINGOLARE (uno) PLURALE (tanti) CAMICIA CAMICIE

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 16 Data. 05.11.2007 Ora 18.34 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain Società del Quartetto - Amici della Musica di Vicenza Scrivi che ti canto - Vicenza 00/05 Sez 1 - II remio Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola rimaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insenante:

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto.

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto. Poesia per le mamme Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

VALENCIA 3. INTERVISTA 1 Regalo per Tere. M: Mar N: Noemí

VALENCIA 3. INTERVISTA 1 Regalo per Tere. M: Mar N: Noemí VALENCIA 3 INTERVISTA 1 Regalo per Tere M: Mar N: Noemí 1 M: giugno? / no / maggio 1 maggio! / cosa 2 N: maggio // è il cumpleanno [di] 3 M: [è il] cumpleanno di Tere 4 N: sì / lo stavo pensando l a- l

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli