ODDIO, COM CH L E CAMBIE E MOND!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ODDIO, COM CH L E CAMBIE E MOND!"

Transcript

1 ODDIO, COM CH L E CAMBIE E MOND! Commedia brillante in tre atti, in vernacolo Romagnolo della terra del Rubicone di Maria Teresa Pazzaglia Iscrizione SIAE N Tel: Cell:

2 Personaggi e interpreti: mamma PACIFICO: marito di Lenina figlia figlio amico di Zita amico di Gaio dottore in agraria FIORELLA: fidanzata di Olivio La scena si svolge nel giardino, dove ci sono piante e fiori, che sono la passione di Lenina. Servono un tavolo da giardino e sedie. Sulla sinistra c è l entrata dall esterno,con un cancelletto; a destra l entrata di casa; sul retro si prolunga il giardino, oltre la porta, addobbata con numerose piante. 2

3 Atto Primo ( a piacere suona la musica Filmmusik di Charlie Chaplin ) ( Sono in scena Lenina e Pacifico, seduti vicino al tavolo. Lenina pianta dei fiori nei vasi, Pacifico legge il giornale. Lenina è vestita con camicetta e gonna a tubo, sopra una giacca allacciata con cintura; ha la camminata simile al passo dell oca militare, tono della voce imperioso. Pacifico ha occhialini rotondi uguali a quelli che portava il mahatma Gandhi; parla con tono della voce pacato e lento.) PACIFICO: ( leggendo) Vè, Vè, st an e sendic e fa al robi in grand. I deis a que che la fira la durerà quatar dmenghi, ch l avnirà una gran masa ad bancheti, sa tot al robi piò boni, tot al specialità dla Rumagna. Oh. Ui sarà enca al giostri e e circo, chi starà a què fina a dop Pasqua, enca e mois ad maz. Seel? Um tucrà invidé i parint par quatar dmenghi? Na eh! Una volta e basta. Te voia te, sinò, quei is magna tot e parsot ch avem tachè so in cantoina. PACIFICO: I parint dop tri dè i fa la poza, quindi ut tucarà invidei emenc tri dmenghi. Ci mat? Pu i vò avnei enca la querta, dop sé ch avressum e pess froid in chesa. PACIFICO: Aloura a i invidem soul a magnè la zambela sl aibena. Par quatar dmenghi? Quei is n un boi una damigiena intira d aibena, i s ataca a la goma e i bè cmè la pidria. Valà che me st an a faz e zug dl ova, tot ma chesa sua, achsè hò risolt e problema. PACIFICO: Fa pu te, che me a ne so. I è i tu parint, ta t arangeré te. A proposit ad parint, avem d andè de tu fradel un dè ad stelta smena. PACIFICO: Me a panseva d andè se treno, achsè un gnè e problema dl autostreda, a s arpunsem. Se treno? No, no, me a voi andè sla machina, l è piò comod, a partem quand ch us per, senza fè al coursi, as putem farmè quand a vlem 3

4 PACIFICO: Sé, parchè ho da guidé me, te ta la vu comoda soul par te. Sel che sarà mai pr una volta andè in treno. Aloura me an gni veng. PACIFICO: T vu sempra fè com ch ut pè ma te, Lenina, t vu sempra avoi rasoun te. E te ta t cem Pacifico ad nom e ad fat; ta la vu sempra ciapè comoda par te. PACIFICO: E te t vu cmandè com e tu ba, ch ut ha ciamè se nom ad Lenin. Lasa stè e mi por ba e ste nom ch am port dri da pu quand ch a so nasouda, che tot im to in zeir. PACIFICO: E tu ba e vleiva fè la rivoluzioun e invizi l è stè bon da fè soul una fiola e u l ha ciameda se nom de su eroe. E tu ba invizi u n aveiva voia da fè nient e l ha ciamè e fiol Pacifico, parchè e dvantes praceis ch a n é lou. PACIFICO: U n è vera e mi ba u m ha ciamè achsè parchè l era fineida la guera e finalmoint us puteiva stè in pesa. Bè, mo a sem pu spusè listess nuilt dou e a sem ancoura a que. PACIFICO: Parchè me ho sempra mantnou la pesa, mo a ne so meiga sla doura ancoura. ( entra il figlio Gaio, con in mano pennelli e una tela da colorare, cappello da pittore, calzoni alla zuava; mentre parla chiude e apre di continuo gli occhi e intercala i discorsi con un no ; si dirige verso l uscita.) Du vet Gaio sa chi culour? L è una bela zurneda, na; A voi andè me fiom a culuré i elbar e l acqua,na. Proima te da met a post la tu cambra, che t é una mundezza ch u ne sa nisoun, ch la per e purzeil de bagoin. Mo se a l ho puleida la smena ch lè pas, na! 4

5 Ut pè poch? Te pu, t fé antrè e gat, e t al fe andè se let; no, no, artourna indri e va a dè l aspraporbia dimpartot e ben. Incu an n ho voia, ma, a voi andè a fè un quedar, na! T cumbiness qualcosa, ta n è la cambra pina, un gnè piò e post da meti, t an ci bon ad vend un quedar gnenca se l avnes zo Michelangelo da la Capela Sipina par det una mena. Sisitina,ma! Ha t l ho det una gran masa ad volti. Ui vo e su temp,na, mo a dvantarò famous. Eh! Um sa che t insogni al giandi e t fines in nient com e valzer ad Biloz; e ades fa quel ch a t ho det. PACIFICO: Da reta ma la tu ma, sinò t al se ch la s arabia e la s la ciapa enca sa me. A so grand,na! A i ho ancoura da fè sempra quel che lia la cmanda, na? Finchè t magn ma chesa mia, o t magn sta minestra o selt da la finestra. Marsch! ( Gaio rientra in casa mogio) S an faz achsè, te voia te i fiul, in dà meiga reta. PACIFICO: Te t an vu ch a te dega, mo ci esagereda. T an vre meiga arcminzè sa sta storia, avem za scours; l è queng an ch ai andasem dri, ormai e basta. PACIFICO: Te sempra rasoun te, tanimodi l è inotil scor sa te. Ades e basta via, me a vag a met a post sti fiour, pu ho da svasè dal pienti ch l a da vnei e dutour a vdoili e te va in chesa a stiré i pan. PACIFICO: Sempra me ho da stiré i pan? Ta ne pu fè te, emenc d ogni tent? A t ho det ch l a da vnei e dutoir, ch a i ho dal pienti ch a gli ha ciap la malati, me ho da lavurè in te zardoin. PACIFICO: Ho capei, s al doni bsogna tola persa, sinò l an s impata mai. 5

6 E pu la m ha det la mi ameiga, la presidenta, ch l è un bel ragaz, zovan, aloura al voi fè cnos ma la Zita. PACIFICO: Sel, ades t vu enca truvè i murous mi fiul? I n è bon da par sé? I sarà bon sé, mo se ai dasem una mena l è mei e pu ch in vaga pr una streda cateiva, ch in cnosa un zinzloun, un ibi. PACIFICO: Sel ch l è un ibi? Quei ch in n ha voia da fè nient, chi è tot sporch. PACIFICO: T vu dei un caploun, quei si cavel long. Propri quei. PACIFICO: Ho capei! Un hippi. Parchè sel ch ho det me, ci te che t an capes mai; ciou l è fadeiga scor sa te. PACIFICO: E chi saria ste dutour ch la da vnei? U me manda la nostra presidenta de grop Noi dal pollice verde : la i ha det ch l è un gran brev burdel, ui è mort tot dou i genitour e l è da par sè. PACIFICO: Aloura te te fat avnei la malatì m una pienta, par invidel ma chesa. Sa git mai! Ut pè ch a faza una roba achsè? PACIFICO: Sa vut che sipa quest, ci bona da fen ben ad pez te. Oh, incu t an vre meiga fem scapè di gangri; dai via, smetla, va a stirè chi pan. ( Pacifico esce verso la casa, Lenina verso il fondo, dove c è il giardino; poco dopo, dalla porta di casa, entra Zita, indossa un paio di panta, con una corta gonnellina sopra, fa alcuni passi ritmici e acrobatici, poi prende un vaso di margherite, basso e largo e se lo mette in testa, fa alcuni passi cantando e una spaccata a terra. In quel momento entra Olivio. Olivio ha in mano una lente di ingrandimento, porta occhiali a grosse lenti, ha una 6

7 giacca con le maniche troppo lunghe, i bottoni sono allacciati storti e uno manca.) Permesso? Un gnè nisoun? Sgnoura Lenina! ( subito nota il vaso di fiori in testa a Zita, ma non la ragazza e con stupore ) Oh! Che maraveia ad Leucanthemum vulgare! ( si avvicina con in mano la lente per ammirare da vicino i fiori, ma inciampa malamente nelle gambe di Zita, cadendo su una sua gamba e col viso difronte a quello di Zita. ) Bè mo, che staga atenti, sel l è zig? La m ha da scusè sgnuroina, an l aveiva vesta, a guardeva al margheriti. Mu me um pè da l es piò granda dal margheriti. L è che me quand a veg i fiour quasi a perd la testa, an veg gnent eltar. Gnenca al doni? Al ragazi zovni? Ehm, ehm An so tent pratic s al doni. Us void, mo un sareb oura ch l impares? Sa vola, me a so temid, an m areisgh. Va ben, però ades e staga so da la mi gamba, che lou e poisa, e e vaga piò da long da la mi faza. ( maldestramente si alza ) Me avria un apuntamoint sla sgnoura Lenina, la i è lia? No, l è la mi ma. ( in quel momento entra Lenina, che li guarda con aria compiaciuta, pensando già ad un loro possibile matrimonio.) U m è pers d avoi santì ciamè, l è lou e dutoru? Oh, a veg ch a v si za incuntré! Bene, a i ho propri chera! Gema ch as sem scountar, ch la i è piò giosta. 7

8 Zita t an avrè meiga za ragnè? ( rivolta a Olivio) Lou l è e dutour? Con piacere, Olivio. Un dutour ch un cnos al doni? U n è pusebil. Zita drova l educazioun, e sgnour l è un dutour in agreria, l è vnou parchè a i ho dal pienti maledi. Ades a capes parchè u n è pratic ad doni, e masum e po scapuzè in t un zoc ad tera areda. Ai dmand ancoura scousa sgnuroina, an vleiva manchei ad rispet. Bsogna che sia la mi fiola a dmandei scousa, dal volti la pè un bisinin scorbotica, mo la i è una breva burdela, una ragaza propri da mareid. Me a n ho ancoura nisona intenzioun da fem la spousa. Parchè t an ci inamureda, ta n è ancoura truvè l oman giost par te; mo basta avoi fiducia, che la provvidenza la i areiva propri quando oun un la zeirca. Vera dutour? Lou l è spusè? Me na me, a n ho gnenca la murousa. L avdirà che la provvidenza la i areiva enca par lou. Intent e venga ch a l acumpagn avdoi ch al pienti maledi. Zita vin enca te a fè cumpagni me dutour. Ho da fè i mi eserceizi, a n ho temp. Una volta o ch elta sa sta mania dagli arobazi, ta t truvarè soura e rem d una pienta e t an sarè piò bona da smuntè zo. E parchè soura una pienta? Parchè par fè l arobata la s ataca mi rem di elbar, com al scemmi. L è una nova moda? Na, a la savimi fè quand a simi ancoura dal scemmi, la i è vecia, una masa. E ma lia ui pis? La vo arturnè indri com l australopiteco? 8

9 Mo no, l è la mi ma ch la n é bona ad scor. Me a voi fè la scola d acrobata, com quei de circo. Com i zengan; me a sper soul che te trova oun cu t faza met la testa a post, e ut manda via stal fantasi. Aloura ai faz i mi auguri sgnuroina. E venga dutour ch ai faz avdoi ch al pienti. ( Lenina e Olivio escono verso il giardino; Zita si alza dalla sua posizione e mette a posto il vaso di margherite, sempre volteggiando e facendo esercizi ginnici. Poco dopo entra Fiorella. Ha un vestito a fiori a gonna larga; gesticola molto con le mani, cammina sulle punte dei piedi, ogni tanto fa dei sospiri.) FIORELLA: Permesso. Ci te Zita, ui è la tu ma? La i è in te zardoin s un dutour dal pienti. FIORELLA: L è za arivat? I è andè propri ades; parchè enca te te al pienti sla malati? FIORELLA: Me na, ma quand a simi a la riunioun dla nosta associazioun, ho santei che la presidenta la mandeva ma la tu ma un zovan dutour aloura al voi cnos. ( sospiro) Ta n é e murous te? T an vu cnos di nuv? FIORELLA: Sta zeta, valà; e mi murous u m ha las pr ona una masa piò zovna ch a ne me. L era si an ch a fasimi l amour. ( sospiro) Ho vu un guai ch u ne sa nisoun! ( sospiro) Um dispis, a ne saveiva: La i è steda una roba impruveisa? FIORELLA: U la i ha cnusouda su Fassbuk, se computer; ( sospiro) a l ho vesta tal se? Ta la i e cnusouda ad persouna o ta l è vesta in te computer? FIORELLA: Un ameiga la m la fata avdoi se computer, pensa che stal burdleti ai met la fotografi. ( sospiro) Quela la i aveiva una maia ch la riveva sota al teti, 9

10 tota la penza nouda e i jiens tent bas che quasi i cascheva zo. Par forza pu sti oman i perd la testa.( sospirone) Però se lou u n andaseiva a zarchela vera? Al savem che se computer u s atrova gnaquel; oun ch un vo un va a zarchè agli ucasioun. FIORELLA: Te rasoun enca te, mo me però ai so arvenza una masa mel. ( sospiro) E aloura ades ta t dé da fè pr incuntrern un eltar? FIORELLA: E za, ( sospiro) i deis pu chiodo schiaccia chiodo. ( sospiro) Te però ci sempra coursa dri ma di oman chi era di gran galet s al doni, stai un bisinin atenta ades. FIORELLA: E basta, a n ho vù sa, d ades in aventi soul oman seri, seressmi. Soul ch u n è meiga fezil truvei, a te deg me. ( sospiro) Vut ch a ne sepa, enca me a so ancoura zitela, un gnè un oman fat pre ben in te zeir ad zent kilometri. FIORELLA: Te rasoun, ( sospiro) tè te un fradel, mo enca lou u n è bon par noeltri doni, l è tota roba struscieda.( sospiro) L è ch ui n è una masa cme lou, tal se? FIORELLA: La tu ma l al sa ch l è un urcioun? Sta zeta, valà, se l al scrov chisà quel che suzed in sta chesa, i ven zo i mour. FIORELLA: Proima o pu ui l avrà da dei, l avrà da fè e coming aut ma la tu ma e me tu ba, ( sospiro) tanimodi l è mei ch il sapia de fiol, piotos che da elta zenta. ( sopsiro) E sarà mei piò terd ch us po e me in che mumoint a preferes a non esi. FIORELLA: Me comunque ho deceis da zachè un oman fat pre ben, ch l è oura ch am faza una fameia. (sospiro) Aloura fursi incu l è la volta bona; ad dla sla mi ma ui è che dutour ch l è imbranè com un barbazvan. Se una dona l ares a fel inamurè, sgonda me, an num sbai propri, quel l è un oman da chesa. 10

11 FIORELLA: Da bon? E l è bel? ( sospiro) Ciou, un s po meiga avoi tot in tla veita, bsogna enca cuntantes. FIORELLA: Ormai a cmeinz avoi i mi an, s an mun dag da fè a pas ad dla. ( sospiro) Bè ades al vag a cnos, pu avdirem. ( sospiro) ( esce verso il giardino, Zita rientra in casa, poco dopo esce da casa Gaio, si guarda attorno, vede che non c è nessuno e si dirige verso il cancelletto d entrata ) Oscar vin, na, la mi ma l an gnè, na. ( entra Oscar, quasi con fare furtivo. Ha modi effeminati e si mette continuamente a posto i capelli con la mano) A ciap so i culour, a proposit,na, quand i areiva chi nov da l Olanda? Sgonda me ui vrà emenc una quingiona ad dè; apena i areiva a ti port. Bene, a tog so la roba e andema sobit, na, che se l ariva la mi ma la trova dagli eltri stori par fem stè ma chesa, na. Tal se che me ormai am so stof sla tu ma? U n è oura ch ai scurema, ca mitema al robi in cer e a la fasem fineida? Ormai l è oura che tai faza e coming aut, insoma che ta ie dega. Ci mat? Na. Te t an la cnos, la ma maza ma me, la ta maza ma te e pu la sa maza lia, na. Sgonda me ci esagerè; l al putreb dei, mo la ne fa. Toti al ma al fa sempra dal gran tragedi, ma pu al s adata e al sta zeti. Eh, t fe prest te a scor, la mi ma la n è meiga praceisa a la tu, na. La tu la i è piò muderna e piò democratica, mo la mi la i è un generel, na! Enca i generel dal volti i perd la guera e i ha da stè zet e bon. La mi ma l an n ha mai persa ona, na: in chesa la cmanda lia e e mi ba l ha da stè zet e fè quel ch la vo lia, se e vò stè in pesa, na. E ven e mumoint par tot, proima o pu e mumoint dla roisa l areiva, enca e duce u s è cnu arend e enca Napoleone. 11

12 Lai fa un bafi, na, la mi ma ma Napoleone, uh! La n è una gran apasiuneda ad fiour? Sé, na, mo quest sel ch l ointra? E vo dei che sota, sota la i ha un cor, ch la i è una dona sansebila. Mo na, la i è difidenta e cateiva cmè la gramegna. E putria l es che quela la sia l aparenza, par coipa ad un trauma o par l educazioun ch la i ha avou da znina. Da quand t fe e pissicologo te? Na? Da quand a lez i leibar de dutour Esauriti. Se chi leibar i è esauriti, cum fet a lezli, na? Mo no, quel l è e nom de dutour. Us void che l ha fat furtouna sla su malati, na! E pu comunque lasa perd che tanimodi la mi ma la sta benessum, na e la ven da una fameia nurmela, na. Aloura se la n ha problemi a i e gem sobit, enzi a i e deg me, achsè a taiem la testa me tòr e un sn un scor piò. Sta zet, a m aracmand, no fa e sioc, na. Sta tranquel ch a i e girò me, a truvarò e modi, na. T am pè chi oman spusé chi ha l ameiga e i la to in zeir gendi chi scor sla moi, mo in verità i ne fa mai e i ne vo fè. Ciou, enca sla ma ui vo pazinzia, na, bsogna truvè e mumoint giost, na. T an s è pissicologo te? T an li capes s tal robi, na? Um pis enca fè e pissicologo, mo quand l è trop, l è trop, ades e basta. T am pè ch al dunini ch al fa i caprez, dai smetla so, na. A te prumet, ai scor prest, proima ad fei e coming aut a la i ho da preparè ben,na, parchè un gni venga un colp ch l arvenza seca, na. Prumetmi che t al fe prest, sinò ai scor me, a te zour. 12

13 ( Si sentono dall esterno le voci di Lenina e Fiorella) Quel l è un fiour ch um pis una gran masa. FIORELLA: Me ai n ho do pienti. L areiva, dai va via,na, no fat avdoi. Me a trov e modi da scapè, a veng sobit, na. ( sospinge fuori dal cancello Oscar) Fa prest eh! Sinò am stof dabon. Sè, sè; na, aspeta in te solit post, na. ( Oscar esce dal cancelletto, Gaio esce verso la casa. Entrano dal giardino Lenina, Olivio e Fiorella) Ai faz avnei da Amsterdam la Convallaria majalis ad culour rosa; l è una varietà nova, un incrous ch un l ha ancoura nisoun. E l è un incrous bon, o ad quei ch in fa la smointa? La i è sterile, ancoura i n ha trov e modi da fè un incrous che sipa fertile. La va ben listess, se mi pollice verde a so sicoura ch l am durerà una masa ad an. E pu ai faz avnei enca e Cuminum e e su licori e Kummel. L è tota roba ch la sa trova soul in Germania e in Olanda. L è una pienta bona da fè al tiseni pre stong, rilasenta, countra agli infiamazioun. I la drova pr una gran masa ad robi, enca pr al doni ch a gli ha da fè e lat. Me a la drov pre fardour de fen, ch a so alergic da pu quand ca sera znin. A la ringrezi, lou l è propri d una gentilezza ch l an sa trova piò e dè d incu. ( entra Gaio, dalla porta di casa, con in mano la tavolozza dei colori e la tela e si dirige verso l uscita; la madre lo blocca) Oh Gaio, vin ch at voi fè cnos la Fiorella. ( li presenta) FIORELLA: Piacere. 13

14 Piacere, Gaio. ( rivolto alla madre) Ma, ho presia, na, ch ho dal riobi da fè, bsogna ch a vaga, na. Un s un scor, avem la zenta, no fa e malduchè e sta a què in cumpagni. La Fiorella l è una ragaza bela e breva, ta la i e da cnos ben. FIORELLA: Un gnè problema, s l ha d andè e vaga pu, an voi dè dan. ( sospiro) Dan ma Gaio? T vu scarzè? Ma lou ui fa soul piasoir cnos dal doni novi, dato che a que in ste paiois un gni n é una masa, vera Gaio? Sé ma, na. ( mogio) E pu al ragazi e dè d incu agli è toti pini ad pretoisi, al n é mai cuntenti, agli è pochi seri, invizi te Fiorella ci propri una dona fata pre ben. Um dispis ma, mo incu ai ho propri d andè via, e sarà pr un eltra volta ch a farò amiceiza sla sgnuroina Fiorella, na. Av salout ma tot. ( esce verso il cancelletto) A l avì da scusè, l è un bon ragaz, us void ch incu l aveiva presia dabon, l avrà avou dal robi impurtenti da fè. Una dona com la Fiorella l è quela chi vo tot i oman. ( Fiorella lo guarda con occhi dolci, sospira, gli si avvicina e gli mette a posto i bottoni della giacca ) FIORELLA: U m ha da scusé s am so ciapa la libertà. Enzi a la ringrezi, da par me a m imbroi. FIORELLA: Ui a menca un butoun. ( sospiro) U sé scusei, a l ho ma chesa. FIORELLA: Se e vo ai e cus me, ( sospiro) su me dà al faz in zoinq minout. Grazie, a vag a chesa e a i e dag sobit. ( a parte) Duvò ch la sarà andeda la mi fiola. ( a Olivio) Aloura dutour um fa avoi prest la Com- valla maiale. U m ha da scusé sa ne deg ben e nom, mo me a n ho studié e latoin. 14

15 Lè listess, as sem capei, un gnè problema. A faz sobit l ordinazioun e in do smeni ed masumui areiva a que ma chesa. E quand l areiva l am telefona, achsè a veng enca me avdoila. FIORELLA: ( sospiro) Enca me a so curiousa d avdoi sta raza nova, chisà cum ch la i è bela. ( sospiro) A ve faro savoi sobit apena i la porta. Av salout. ( li accompagna al cancello ) ( Fiorella e Olivio escono) Sempra achsè, i mi fiul e pè ch il faza a posta. ( entra Pacifico) PACIFICO: Ho finei da stiré tot chi pan, ades pr incu e basta eh! Sperema che t an apia dagli eltri robi da fem fè, ch a so strach. ( si siede e riprende a leggere il giornale. Lenina si mette dei guanti da lavoro, prende un vaso e inizia a travasarlo, con l aiuto di una paletta) Sta zet, che tanimodi quand ui è bsogn t an gni si mai. PACIFICO: Parchè sel ch l è suzest? Un gni né ona ch la vaga dreta. PACIFICO: Sel ch ui è ancoura? Ho fat avnei e dutour e la Zita l han gni ha gneca guers; ho fat avnei la Fiorella par presentela ma Gaio e lou u s né andè via, gend ch l aveiva dal robi da fè. U n è pusebil, me am dag da fè e i fiul i ciapa via. PACIFICO: Parchè sel ch i avria da fè? I aveiva da cnos cal persouni, un sa mai ch in s ciapess pr un matrimoni. PACIFICO: Ades ta t ci mesa in testa da cumbiné i matrimoni di fiu? T vu fè l amstir de sansel? Ta ne se ch l è un amstir ch un esest piò? Ci arvenza indri. Sel che t vu dei? I avrà pu da truvè dal persouni fati pre ben? 15

16 PACIFICO: E tai li vu truvé te? Us capes, bè enca me a voi fè e ben di mi fiul. PACIFICO: E par fei de ben t vu met so l agenzia matrimoniela Matrimoni combinati per suoceri appagati. Un gnè bsogn che t am toga in zeir; me a voi dèi mena mi fiul, parchè in chesca in dal persouni ch aln va ben. PACIFICO: Agli ha da andè ben par te o par luilt? L è logic che s al va ben par me al va ben enca pri fiul. PACIFICO: U n è meiga logic par nient. Te t am dé sempra contra, com e bagoin ma la chesa; ta tla vu smet? PACIFICO: Me a voi soul fet rasunè. T an t arcord piò quanq ch a sirti zovna te? Ta t ci fidanzeta sa me parchè cirti inamureda te o la tu ma? Che scours t fe! L è logic ch a sera inamureda me. PACIFICO: E aloura lasa che i nost fiul i si trova da par sé i murous. A mo, i ni ha ancoura trov, t an void chi n è bon da par sé? PACIFICO: Te lasi fè, ch impararà, com avem imparè nuilt. T an pansarè meiga che i nost fiul i sia di bumboz? A n ho meiga det quest. PACIFICO: Aloura lasa chi faza la su veita e smetala ad pansè che e mond l apia d andè sempra com t vu te. Me a rasoun ben e a voi al robi fati pre ben. PACIFICO: E t vu al nori e i zendar cum ch i t pis ma te. Fala poca longa, ades e basta. Vin a chesa a dem una mena a preparè da magnè. Te tolt la roba da la lavapiat? PACIFICO: Parchè aveiva da fè enca quel? Us capes, mè a la I ho rampeida, te ta la svuit. Dan vin. 16

17 PACIFICO: Mi su cmandi sgnoura generela. No to meiga in zeir, t avrè pu da dè una mena enca te ma chesa, t an ste a que? ( Escono verso la cucina; poco dopo entra Zita, ha in mano un cerchio da Hula-Hop, col quale fa esercizi ginnici; subito dopo entra dal cancello Taev, vestito da clown. Ha in mano dei fogli; parla un linguaggio misto italiano-dialetto.) Si può? Parmess? E venga aventi; chi el? Ai pos lasè i bigliet e la pubblicità de circo? De circo? ( entusiasta) e venga pu aventi e faza avdoi. A sem a que par du- tri meis sgnuroina, la venga avdoi i nost spettaquali. Che chera ch a i ho! Sé ch um pis! Una gran masa! Aloura ci faccio il tornaconto. A m imazin che lou un sia rumagnol, vera? Noi italiani, ormai da una massa di anni, noi ziriamo tutta Italia, ma soprattutto la Rumagna, io scorro un bisinin e dialet. E lou e fa e clowun? Me a fazzo tutto inquello, e clowun, mo enca l equelibresta e agli acrobrazi. Dabon?? La mi passioun!! Sè ch um piasreb enca mu me fè l acrobata! Basta andè alla scola e imparè. E deis da bon? U i è la scola? Me sa putes avnirei enca in te circo. Bè mo, la venghi, lassi venga a truvè, ch ai fazzo avdoire e pu ai spieg tutto inquello. Sé, sé, avnirò tot i dè, se a pos. 17

18 Una bela ragaza come lia, l am fa soul piasoiro averla d atondo. E um dega: avì enca i animeli, i lioun, al tigri? No, nuialtri a siamo solo animeli sa due gambi, mo gnanca i polli e i pizouni, solo omani. E parchè? Parchè i animeli li avviamo messi tutti i te zoo- safari; i n ha da stare piò ciusi in talle gabbie, i ha da stare lebari: E dè d incu us fa e circo senza animeli. E la zenta la ven listess? Eccome, is diverta una gran massa: avviamo i trapezesti, i cloun, i zuguliri, i quelibrista. I basta i omini par fè divartei, sono a sa, molto più comici di animeli. Um sa ch l apia propri rasoun, sa tota la zenta mata ch la i è in te mond, un gnè bsogn di animeli par fè reid. ( Taev si avvia all uscita) Aloura a l aspetto presto, la venga ch a insegnerò una massa di robbe. A s avdem prest; ciao. ( Taev esce, Zita volteggia allegra; entra Lenina) Um pè d avoi santì scor, ui era dla zenta? L è avnou oun de circo a purté la pubblicità. Chi zengan? Ta l è mandè via? Quei de circo i n è zengan, i è clowun. I sta in tal rulette, i è sempra in zeir pre mond, i è di zengan. I fa i clowun, i trapezista, i fa un lavour che fa reid e stè ben la zenta. Eh, i sta se trapezio, e sota ui è i lioun chi aspeta chi chesca par magnesi in t un bucoun. 18

19 Na, parchè i animeli in gnè piò. Uh! Che circo ch l è s in gnè i lioun e al tigri? Di oman e dal doni, chi è piò comic di animeli. Ad zengan chi va enca in zeir a rubé. No questa la i è zenta ch la lavoura e i va enca a la scola. Di vagabond e ma te ch un t vegna l idea d andei avdoi. Ades un s pò andè gnenca piò avdoi e circo? La zenta la i è sempra andeda. Una volta quand un gnera la televisioun; ades us stà ma chesa avdoi la televisioun, e masum. Ades t an vrè meiga ch an vaga avdoi e circo? T am vu pruibei enca quest? Sa toti agli idei che t é te, un sa mai, ci za mata da par tè, ui a mancheva enca quest par fat mandè ad travers e zarvel. Ades e basta, me am so stofa, a voi fè quel ch um per; a so granda, a so maggiorenne, an n un pos piò. Verda da no arspond mel ma la tu ma, ta me da purtè rispet. Ma tot u i è un lemit; e rispet l è una roba, mo vlè cmandè sa tot al robi, sa tot al decisoun, soura la veita ad chiltar pu na. T an t vargogn d arspond achsè ma la tu ma? Ci dventa mata? U t ha dè d arvolta e zarvel? Sé, parchè sgonda te chiltar i ha da fè quel che t vu te e soul al tu idei agli è giosti. Te da capei ch an so piò una burdela znina, a so granda e a voi fè quel ch um per. Vargogna, va in tla tu cambra, svargugneda! Va in casteig e non scapa fura finchè an te deg me! ( Zita si avvia verso il cancello ) 19

20 A vag via, sé, a vag via, mo via da chesa, no in tla mi cambra! An t voi piò avdoi. ( esce dal cancello) Pacifico, du sit? Quand ho bsogn t an si mai! Boia te! ( entra Pacifico dalla casa) PACIFICO: S el te fat? S el ch u i è da rog? La tu fiola la s arvolta e la m arspond mel. Ades la i è scapa. PACIFICO: Ciou, ci sempra incarugneida, t ai de sempra countra. La i avrà pu da imparè com ch us fa in tla veita. PACIFICO: Lasla in pesa un bisinin. Ecco, ci te che t am de sempra countra. PACIFICO: E daila sa sta storia, al so che a so com e bagoin, un gnè bsogn che ta me dega dis volti e dè. No, t an ci com e bagoin, ci un sarpent sla lengua bi, bi dopia, insoma, ch la taia e la cus. PACIFICO: E te ci un rotballer chi chen cateiv chi da ad mors ma tot. Pacifico, parchè t fe achsè? U n è colpa mia se la tu fiola la i è una meza Ipi, l ha n ha meiga ciapè da me. PACIFICO: Da la mi fameia no ad sicour; invizi avreb savoi mei dal robi dla tu fameia, che ancoura al n è meiga ceri. La mi fameia la i è a post, uns po propri dì nient. PACIFICO: A ne so, a starem d avdoi; ui n è una masa chi ha i scheletri nell armeri, a ne so meiga ch ha ni apia enca te. S el ch ho me in t armeri? S a dag la porbia tot i dè. ( escono verso la casa) 20

21 Si chiude il sipario ( a piacere suona la musica Limelight music Theme di Charlie Chaplin ) FINE DEL PRIMO ATTO 21

22 SECONDO ATTO ( A piacere suona la musica La danza dei panini di Charlie Chaplin ) (La scena è vuota; entrano dal cancelletto Lenina e Pacifico ) Basta, a so straca, an n un pos piò. PACIFICO: Me a tl aveiva det d andè se treno. L è che te t an fé mai cuntrulè ben la machina de mecanic, sinò l an s rumpeiva ma la streda. PACIFICO: L è robi ch al capita; la macchina ormai la i è vecia, la s po romp, come te. Sel che vo dei quest? PACIFICO: Che la roba vecia la n è piò bona da fè nient. Me a so ancoura intira, la machina invizi parchè t an la compar nova? PACIFICO: Te ci tota macheda puroina; sé, sé, macchina nova e moi zovna. Pruvti che t am sint. PACIFICO: Sel t fe, santema. A t arvoin, at las senza un sold; valà che dop t an la pu meiga mantnei ona zovna sa tot al pretoisi ch a gli ha. PACIFICO: A n ho meiga pavoura, te e tu lavour, t guadagn piò ca ne me, ta n é d avoi nient. Valà che m al doni i giodic i dà sempra rasoun, a sem privilegiedi noeltri. PACIFICO: Quest l è vera, ades al rasoun i li ha toti mal doni, al cmanda luelti e i oman i è ardot senza chesa e senza i suld da magnè. Bsogna ch i oman in spousa piò, sinò i è arvinè. 22

23 Bè una volta l era achsè pr al doni, ades e mond u s è arvolt: un po pr oun, un fa mel ma nisoun. PACIFICO: Sa fos nasou quand i cmandeva i oman, sé, mo ades e fa mel, eccome! Dai basta, pr incu la visita de tu fradel la i è salteda, ades va avdoi du chi è i fiul, e po l es chi sia ancoura in te let. PACIFICO: Eh, quand un gnè la gata i sorg i bala. ( Pacifico esce verso la porta di casa; Lenina sta per seguirlo, quando entra dal cancello Oscar con in mano una scatola di medie dimensioni ) Permesso; me a zarcheiva lia la i è la sgnoura Lenina, l ha port e pac? Sé, l è par L è par me a l aspiteva, u me daga pu. ( glie lo prende dalle mani) Vramoint sgnoura e ven da l Olanda, l al tenga ben, la staga atenta, soura ui è scret maneggiare con cura, non rivoltare. Al so, e vo che me al faza caschè ma tera? A ne romp meiga, a stag atenta, a so pradga me. Sgnoura, za ch as sem incuntrè, a putreb scor sa lia? Um piasreb fè do ciacri de coming. Oh! Ui pis? L è passiunè? A i ho fat una passioun! Che la mi testa d una volta o ch elta l am sciopa. Achsè tent? E staga atenti, parchè us fa prest a perd la testa. Me a la i ho za persa, sgnoura e enca una masa. E faza la tisana, che la fa digerei e la i è enca rilassenta. E vaga pien invizi se licori, e Kummol Ch l ha enca l alcol. Un gnè tisana ch la posa fè, soul e comining. 23

24 L è propri ad quel ca scor, una bela tisena ad comino. Ah, se lia la la cema achsè, e va ben. Aloura la i è d acord. Com no, lou e drova e comin e l avdirà com ch e starà ben. A stag za mei; am cardeiva che fos piò fadeiga scor sa lia. A santei Gaio e pè ch un sipa pusebil. Sa vol che sapia Gaio, lou ad stal robi un s intend meiga. La i ha rasoun e la i è propri una ma muderna e cumprenseiva. Soul par quest? Un gni vo una masa, l è robi nurmeli! E l am dega, lia la n è ad queli ch al s fa di problemi su n è pusebil la riproduzioun? No! Ho scours se dutour, u m ha det che la i è sterila. Sgonda, parchè quei chi fa e comin, se i è masci i è sterili, mo se i è femni, i pò fè la fecondazioun artificiela. Dabon? Quest e dutour un m l ha meiga det. Me avrò un masci o una femna? Un masci, sgnoura, un masci. E sarà listess, tanimodi un fa una gran difarenza. Un po sé, parchè al femni al po avoi un fiol, i masci invizi i po fè soul l adozioun e quand in Italia e sarà parmes. Parchè in Italia un s po? Ancoura na. Sperema chi faza la leza enca a que. Me a saria una masa cuntent. ( entra Gaio, con meraviglia vede la madre e Oscar) Bè,na, te ma t an cirti andeda a truvè e zei, na? 24

Premio Città di Lugo

Premio Città di Lugo Premio Città di Lugo 2007 1 CUMPAGNI DLA ZERCIA DI FORLI UNA VOLTA IN RUMAGNA 2 JARMIDIED DI RIMINI LA RODA LA ZIRA 3 E CARADOR DI FORLI LA MOJ DE SCIUPAREN 4 PICCOLO TEATRO CITTA DI RVENNA GIUVANINO 2006

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare

Canzoni popolari. Melissa Jacobacci. 3 scuola elementare. Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli. 4 a scuola elementare Canzoni popolari Melissa Jacobacci Chiara Caverzasio e Renata Verzaroli 3 scuola elementare 4 a scuola elementare ALLA MATTINA C È IL CAFFE Alla mattina c è il caffè, ma senza zucchero, ma senza zucchero;

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

L Angolo del Buonumore

L Angolo del Buonumore T L Angolo del Buonumore T- Sapete qual è il colmo per un insegnante di diritto? Abitare in Via della Costituzione. T- Sai qual è il colmo per un libro di aritmetica? Non avere problemi. T- Lo sapete qual

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname?

Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale. PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Le schede di Scheda UT30 Punti-UM / Come fare l evidenziatore personale PREMESSA Quanti di voi vorrebbero rendere più divertente ed artistico il proprio nickname? Tutti immagino. Quindi armatevi di pazienza

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO

PETROLINI E' QUELLA COSA CHE TI BURLA IN TON GARBATO POI TI DICE: TI HA PIACIATO? SE TI OFFENDI SE NE FREG. MA TUTTO QUEL CHE SONO PTROINI ' QUA COSA CH TI BURA IN TON GARBATO POI TI DIC: TI HA PIACIATO? S TI OFFNDI S N FRG. MA TUTTO QU CH SONO NON POSSO DIR A DIR NON SON BUONO MI PRORO' A CANTAR. I barzelletta NADIA Due popolane

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

QUAND A RUNA LA PALERA

QUAND A RUNA LA PALERA QUAND A RUNA LA PALERA Commedia dialettale in tre atti di PAOLO GHIDONI Commedia scritta dall autore nel 1970, rappresentata la prima volta nel 1977 dalla filodrammatica di Formigosa (MN) e, a partire

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!!

Edizione N 8 Mese GIUGNO/LUGLIO 2011. Giorni da ricordare nei mesi di APRILE e MAGGIO. 28/05/2011 Qui affianco la nostra Elide che compie 100 anni!!! 09/05/2011 e 16/05/2011 Fazzoletto Bandiera con i ragazzi del catechismo!! 12/05/2011 Uscita al mercato Paesano.. 18/04/2011 CINOTERAPIA!! 08/05/2011 FESTA DELLA MAMMA 03/04/2011 Canti e Balli con Rinaldo

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO

Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen. Programmare con LOGO Heidi Gebauer Juraj Hromkovič Lucia Keller Ivana Kosírová Giovanni Serafini Björn Steffen Programmare con LOGO 1 Istruzioni di base Un istruzione è un comando che il computer è in grado di capire e di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE

LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE LE MASCHERE E LE REGIONI ITALIANE In tutti i paesi ci sono personaggi molto particolari che rappresentano le abitudini del posto o di una certa epoca della storia. Questi personaggi a volte sono reali,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro

Nuovo Progetto italiano VIDEO 1 Sottotitoli episodi. 1 Un nuovo lavoro 1 Un nuovo lavoro Buongiorno. Buongiorno! Sei Gianna, no? La nuova collega. Sì, Gianna Terzani. Ciao, io sono Michela. Piacere. Il direttore ancora non c è, arriva verso le 10. Va bene, non c è problema.

Dettagli

Ronta 29 aprile 1944. Quand che a j arivet a capì che a n i capiva a ciacarè...

Ronta 29 aprile 1944. Quand che a j arivet a capì che a n i capiva a ciacarè... Ronta 29 aprile 1944 Quand che a j arivet a capì che a n i capiva a ciacarè... Verso la fine di aprile il grande rastrellamento diretto a distruggere l 8a. brigata Garibaldi non è ancora terminato e già

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

L Pett-L D Natoil. P L M-Ninn U Prijscij Je Asse Quann L Pett-L S avonn a Fe ; Mesc-Ch La Mamm, Jind O Quandariidd, Farein, Soil, E Tutt L Ngredijnd;

L Pett-L D Natoil. P L M-Ninn U Prijscij Je Asse Quann L Pett-L S avonn a Fe ; Mesc-Ch La Mamm, Jind O Quandariidd, Farein, Soil, E Tutt L Ngredijnd; L Pett-L D Natoil P L M-Ninn U Prijscij Je Asse Quann L Pett-L S avonn a Fe ; Mesc-Ch La Mamm, Jind O Quandariidd, Farein, Soil, E Tutt L Ngredijnd; Ecch La Pasta, Chioin Chioin Crescj, Finghe A Quann

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Alla ricerca di un lavoro

Alla ricerca di un lavoro Modulo 3 Alla ricerca di un lavoro Presentazione del modulo In questo modulo, Irina, una giovane bielorussa che vive in Italia, affronta le tipiche situazioni delle persone che vogliono trovare un posto

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli